LA LITTORINA DELL ETNA: LA CIRCUMETNEA COME PRODOTTO TURISTICO ENOGASTRONOMICO 1. Salvatore Cannizzaro 2, Gian Luigi Corinto 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA LITTORINA DELL ETNA: LA CIRCUMETNEA COME PRODOTTO TURISTICO ENOGASTRONOMICO 1. Salvatore Cannizzaro 2, Gian Luigi Corinto 3"

Transcript

1 Annali del turismo, 1, 2012 Geoprogress Edizioni, Novara LA LITTORINA DELL ETNA: LA CIRCUMETNEA COME PRODOTTO TURISTICO ENOGASTRONOMICO 1 Salvatore Cannizzaro 2, Gian Luigi Corinto 3 Abstract This work reports results of an exploratory research about the potential development of the railway Circumetnea as a cultural and gastronomic tourist product in Sicily. Currently the railway is one of the routes related to the Etna Wine Route (founded in 2003) under the name of La Littorina dell Etna, along with other routes, La Via della Zagara, La Maremonti and La via dei Castelli. The research question concerns the willingness of local entrepreneurs to set up a tourism product gathering cultural, environmental and food and wine assets of the area. For describing the stakeholders network of Littorina Etna as a tourism product a dozen of interviews has been performed, investigating whether local entrepreneurs identify possible benefits and actual implementation, what characters should have the product and who are local agents acting in favor or against the initiative. Results state a largely positive perception by local society on economic potentialities of Littorina for the development of wine tourism, but also a big lack of social cohesion and capability to effectively link private initiatives with public policies. Results obtained are good for public choices and suggest a greater participation and involvement of individuals in the formulation of public intervention. 1. Premessa: il caso studio, il metodo e l articolazione del lavoro Questo lavoro costituisce un primo rapporto su un indagine a carattere esplorativo sulle possibilità di sviluppo della linea ferroviaria Circumetnea come prodotto turistico culturale ed enogastronomico. Attualmente, il percorso è indicato come uno degli itinerari della Strada del Vino dell Etna con il nome La Littorina dell Etna, insieme ad altri, 1 Entrambi gli autori hanno contribuito alla concezione, al progetto di ricerca e al rilievo dei dati, condividendo l analisi e la discussione dei risultati. S. Cannizzaro ha provveduto alla stesura dei paragrafi 1, 2, 4 e 8. G. L. Corinto ha provveduto alla stesura dei paragrafi 3, 5, 6 e 7. 2 Dipartimento di Scienze Umanistiche. Piazza Dante, Catania. 3 Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni culturali e del Turismo. Piazzale L. Bertelli, Macerata.

2 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto denominati La Via della Zagara, La Maremonti e La Via dei Castelli, ma all evidenza empirica non appare un prodotto identificato e definito nei contenuti gestionali e di fruizione. Il turismo enogastronomico appare di particolare interesse per lo sviluppo della regione Etnea (Regione Sicilia, 2005a; Regione Sicilia, 2005b) perché i suoi modi di svolgimento incontrano le tendenze moderne del turismo (Taiti, 2011) perché si posiziona nel segmento di mercato in ascesa (short break); sviluppa consumi irrinunciabili; propone sempre nuove destinazioni, magari facendo flettere i flussi di quelle tradizionali o già note; si àncora con forza nel palinsesto dei turismi di nicchia che ormai compongono una quota rilevante dell intero settore; si articola in sotto-segmenti di domanda (dal collezionismo delle mete all esplorazione del nuovo). Sul turismo del vino esiste una consolidata normativa europea e nazionale che ha dato ordine alle molte iniziative regionali di valorizzazione turistica delle risorse agroalimentari, molti comuni della zona hanno aderito all Associazione Nazionale Città del Vino, da cui è successivamente nata la Strada del Vino dell Etna, costituita nel 2003 su iniziativa della Provincia Regionale di Catania, come associazione volontaria tra privati, con il sostegno di enti pubblici, in attuazione della legge regionale n. 5 del 2 agosto Già nel 2004, solo dopo due anni dalla nascita aveva quasi triplicato il numero dei propri associati, passati da 24 a 64 (Purpura et al., 2007). La strada sarebbe un fortissimo strumento di promozione del territorio, quando tutti i soggetti interessati e non solo le aziende vinicole intendono fare sistema (Romeo, Schillaci, 2004, 89-90). Tuttavia, sebbene lo statuto dell associazione preveda l adesione di soci privati e pubblici, provenienti da diversi settori produttivi, il numero dei soci resta quasi invariato, giacché risultano aderenti alla Strada del Vino dell Etna 65 soci, a fronte di centinaia di aziende private (Camera di Commercio di Catania, 2008) e diverse decine di associazioni ed enti pubblici e privati presenti nell area Etnea. L organizzazione di un percorso enogastronomico lungo la ferrovia Circumetnea è quindi un tema degno di approfondimento per comprendere i motivi di successo o di insuccesso delle iniziative locali. A tale scopo, il metodo scelto nell indagine è quello dell analisi qualitativa applicata a un caso studio, condotta mediante lo svolgimento di due fasi successive. Nella prima, si descrive la rete degli stakeholder (Donaldson, 1995), con la sistematica raccolta di dati e informazioni su persone e gruppi portatori di interessi rispetto al funzionamento della Littorina come prodotto turistico enogastronomico. La seconda consiste nell esecuzione di una dozzina di interviste face-to-face, fatte ad alcuni 284

3 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico satkeholer identificati come interlocutori privilegiati, perché coinvolti direttamente nella costituzione della Strada del Vino dell Etna o perché titolari di attività di produzione enogastronomica e/o di ospitalità turistica molto vicina al percorso della littorina. Il metodo nel suo complesso ci consente di individuare con sufficiente attendibilità gli interessi coinvolti e di raccogliere dati significativi da interlocutori privilegiati (keyinformant) con risparmio di tempo e di costi di indagine (Kvale, 1996; Marshall, 1996; Berry, 1999). Il lavoro è organizzato nel seguente modo. Il paragrafo 2 è dedicato alla descrizione dei caratteri generali della zona allo scopo di mettere in evidenza le dotazioni che appaiono suscettibili di valorizzazione attraverso la crescita delle diverse attività collegate al turismo, in particolare quello enogastronimico. Il paragrafo 3 descrive il background dottrinario relativo ai recenti mutamenti del modo di fare turismo e come questi possano fornire nuove opportunità di sviluppo a territori caratterizzati sia da stratificazioni culturali importanti sia da tradizioni agricole altrettanto importanti che si manifestano con la produzione di ben identificati prodotti enogastronomici. Il paragrafo 4 affronta sempre mediante una breve rassegna di letteratura il rapporto tra enogastronomia, tipicità e turismo. Il paragrafo 5 tenta una prima descrizione del complesso degli stakeholder della Littorina dell Etna, intesa come specifico prodotto di turismo enogastronomico, con l avvertenza che la rete di stakeholder appare molto più ampia di quella qui descritta. Il paragrafo 6 è dedicato all individuazione dei quesiti di ricerca, all esposizione dei dati raccolti e dei risultati di analisi, il paragrafo 7 alla discussione critica del risultati e ai possibili effetti per il territorio. Il paragrafo 8 contiene alcune riflessioni conclusive. 2. I caratteri generali della regione Etnea La regione dell Etna è sempre stata un ambita destinazione turistica, la cui popolarità risale ai tempi del Grand Tour 4 ed è dovuta a motivi di attrazione paesaggistici, naturalistici e culturali, tanto che ancora oggi la promozione di nuove forme di turismo rientra nei piani strategici della Provincia Regionale di Catania e della Regione Sicilia 4 Numerosi sono stati i viaggiatori del Grand Tour che tra il Settecento e l Ottocento hanno visitato la Sicilia senza mancare di fare l ascesa dell Etna (il Barone Von Riedesel, Patrick Brydone, Deodat de Dolomieu, Jean Houel, Henry Swinburne, Dominique Vivan Denon, Friedrich Muenter, Johann Wolfgang von Goethe, Alexis de Tocqueville, Ralph Waldo Emerson, Alessandro Dumas padre, ecc.) e che resero la destinazione celebre nei salotti intellettuali europei del loro tempo, descrivendone, entusiasti, le asprezze, ma pure la maestosità e la sublime bellezza naturale. Brydone, in una poetica sintesi, rappresenta il vulcano come uno dei luoghi più incantevoli della terra e (...) se di dentro somiglia all inferno, di fuori somiglia al paradiso; riunisce in se tutte le bellezze e tutti gli orrori (Portelli, 1999, 103). 285

4 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto (Regione Sicilia, 2009). Nella zona ricadono due Sistemi Locali del Lavoro Turistici (SLLT) 5, sistemi socioeconomici locali all interno dei quali la densità di imprese e addetti al settore turistico è maggiore rispetto alla media (Istat, 1997; Sforzi, 1997). Inoltre, la maggior parte dei comuni, delle imprese, degli enti e degli operatori della ricettività della regione Etnea, ha aderito o comunque ricade nell ambito territoriale del distretto turistico Taormina-Etna, consorzio pubblico-privato costituito nel 2007 (Ruggiero, Scrofani, 2009) per la valorizzazione a fini turistici delle ingenti risorse locali culturali, archeologiche, architettoniche, agroalimentari, turistico-ricettive e per lo svago presenti nell area 6. L Etna è anche la terra di miti classici, giacché nel cuore del vulcano viene collocata l officina del dio-fabbro Efesto, che costruisce i fulmini di Zeus, e dove secondo Omero, viveva il ciclope Polifemo, che reso inoffensivo grazie al vino, venne accecato da Ulisse, l astuto re di Itaca. È luogo pure della leggenda del tragico amore tra la ninfa Galatea e il pastorello Aci e della Torre del filosofo, così denominata in ricordo di Empedocle (492 a. C. 430 a. C. circa), il filosofo di Agrigento che salì sul vulcano per studiarne i fenomeni e porvi la propria dimora e dove morì precipitando nella bocca infuocata. È luogo, ancora, di grande valore ambientale per la particolare natura del sistema vegetale, vario ed estremamente ricco, a causa dell origine vulcanica dei suoli, del variare delle temperature e delle precipitazioni in funzione dell altimetria. Nel 1987 è stato istituito un esteso parco naturale regionale l atto istitutivo porta la data del 17 marzo 1987 e lo stesso anno è stato costituito l Ente di diritto pubblico per la gestione dell area protetta, denominato Ente Parco dell Etna, con sede nel comune di Nicolosi. Attualmente, 5 Uno è costituito dal sistema dei comuni di Motta Camastra, Castigione di Sicilia, Linguaglossa e Piedimonte Etneo ed ha come comune di attrazione centrale Francavilla di Sicilia; l altro dal sistema dei comuni di Aci Catena, Aci Sant Antonio, Santa Venerina, Zafferana Etnea ed ha come comune centrale Acireale (Cannizzaro e Corinto 2012a, 2012b) 6 Oltre a Taormina e Naxos, che insieme vantano la maggiore dotazione di strutture ricettive e pararicettive dell Isola, altri centri etnei ne sono ben dotati in specie di strutture agrituristiche, Bed and Breakfast e Country House. Inoltre, l Etna è fornita di infrastrutture e strutture complementari per lo svago e l attività sportiva di montagna. Oltre ad annoverare la presenza di numerosi castelli e ville monumentali, chiese e palazzi nobiliari il castello Normanno e il monastero di Santa Lucia ad Adrano, il Castello di Nelson ed il real collegio Capizzi a Bronte, il castello di Castiglione di Sicilia, le ville dei Vespri Siciliani e quella Milana a Linguaglossa e il duomo di Giarre, solo per citarne alcune l area Etnea del distretto turistico è sede del Museo dell Antica Civiltà locale nella settecentesca masseria Lombardo in contrada Piana Cuntarati di Bronte, comune nel quale territorio, in contrada Cantera, si trova il Museo del carretto siciliano; è pure sede, nella località Macchia di Giarre, del Museo usi e costumi delle Genti dell Etna, dove, nella città, si trovano anche il Museo del Presepio ed il Teatro-Museo dei Pupi Siciliani. A Linguaglossa ha sede il Museo Etnografico delle Genti dell Etna, a Maniace un altro Museo Etnografico che raccoglie arnesi, attrezzi, utensili e arredamenti costruiti ed utilizzati dalla popolazione del luogo. A Randazzo si trovano la Collezione dei Pupi Siciliani, il Museo Archeologico-Vagliasindi, il Museo di Scienze Naturali, il Museo dell Etna, la Raccolta di utensili della civiltà contadina. A Sant Alfio il Museo Comunale della Vite e del Vino, a Santa Venerina il Museo del Palmento, a Nicolosi il Museo Siciliano di Arte e Tradizioni Popolari, la Mostra dell Artigianato e Museo della Civiltà Contadina, il Museo Vulcanologico, a Viagrande il Museo della Lava (MuLa). 286

5 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico l area protetta si estende per complessivi ettari e comprende gran parte dei territori di 20 comuni della provincia di Catania 7. I caratteri del paesaggio dell Etna, oltre che dalla particolare natura geomorfologica, sono stati determinati anche dalla millenaria attività umana di coltivazione dei suoli, orientata da secoli all allevamento della vite da vino. L insediamento nella zona Etnea delle produzioni vitivinicole risale a periodi antecedenti a quello Greco e Romano, ma è soprattutto dagli inizi del XVIII secolo che l attività si sviluppa in modo significativo, ( ) grazie all affrancamento di vaste aree demaniali, che permisero la messa a coltura di nuovi impianti anche alle quote più elevate e che scaturì dall attività di commercio dei vini locali finanche coi Paesi dell Europa settentrionale grazie al porto di Riposto (Scammacca del Murgo, 1997, 192). Oltre alle contrade più rinomate dei vini etnei del XIX secolo, considerate, secondo Girolamo Caruso 8, quelle della Contea di Mascali (Mascali, Giarre, Riposto) nel versante orientale della montagna, quasi la totalità del territorio etneo vantava la presenza di aziende storiche e prestigiose 9. E se ancora nel XX secolo la viticoltura puntava su una produzione vinicola di massa 10, di elevato grado alcolico e di qualità scadente, utilizzata principalmente per i taglio di deboli vini del nord Italia e stranieri, recentemente si è assistito ad una inversione di 7 Centri insediativi che, ( ) disposti circolarmente su tutti i lati della montagna, oltre a condividere la presenza del vulcano, nel corso dei secoli hanno sviluppato un apparato architettonico tipico e riconoscibile come modello etneo ; i particolari elementi edilizi, come le strade, gli stretti vicoli, le scalinate caratterizzate da forti inclinazioni e dislivelli, assieme al materiale edilizio utilizzato, che deriva dalle stesse cave di origine lavica, rappresentano una peculiarità esclusiva del territorio. La rete viaria, che collega fra loro i centri abitati, considerando quelli ubicati ad una altezza superiore ai 500 metri sul livello del mare, è quasi tutta articolata sugli antichi tracciati delle strade conventuali, feudali e delle regie trazzere, e sembra rappresentare una spettacolare muraglia difensiva del cuore dell Etna (Cannizzaro, 2011). 8 Professore di agraria presso la scuola provinciale agraria di Corleone (Palermo) dal 1864, di cui ebbe anche la direzione fino al 1867, quando passò a insegnare economia rurale ed estimo presso l istituto tecnico di Messina e successivamente (1871) alla cattedra di agronomia, agricoltura ed economia rurale nell università di Pisa. Autore di ricerche sulla agricoltura siciliana. 9 La più antica, l Azienda Barone di Villagrande (nata nel 1727) nel territorio di Milo; l altra azienda storica, la Scammacca del Murgo del 1870, che ha prodotto, nel territorio di Santa Venerina, con uve esclusivamente autoctone, uno spumante metodo classico; la quasi bicentenaria Azienda Scilio (1817) nel territorio di Linguaglossa, anche se la nuova maison da cui discende è registrata nel 1982 con il nuovo nome Valle Galfina; l ottocentesca azienda del Barone Spitaleri di Muglia nelle campagne della contrada Solicchiata di Adrano, dove venivano coltivati, anche ad un altitudine superiore ai 1000 metri, vitigni francesi di Pinot bianco, Pinot nero e Cabernet Sauvignon, e prodotti vini di pregevole qualità (Scammacca del Murgo, 1997, 192); l azienda Antichi Vinai (1887) della contrada Passopisciaro di Castiglione di Sicilia, l azienda Cosentini (1825) di Santa Venerina, l azienda Nicosia di Trecastagni, l azienda Tente Mazza (1898) di Zafferana Etnea, l azienda agricola La Rubino (1890) nella contrada Rizzo- Schiaccianoce di Biancavilla, ecc.. 10 Basti pensare che nel 1983 la produzione in Sicilia era di ettolitri, che si riduce a nel 2003 e ad appena nel

6 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto rotta, che punta alle produzioni di qualità ed all esportazione del vino imbottigliato verso i mercati nazionali ed esteri (Bacarella, Nicoletti 2010; Romeo Del Castello, 2005). Le risorse gastronomiche che è possibile rinvenire nell intera zona dell Etna sono altrettanto ingenti. Si menzionano, tra le molte, i funghi di Nicolosi, le mele a Pedara, il miele a Zafferana Etnea, le salsicce di Linguaglossa, le fragole di Maletto, il pistacchio di Bronte, le insalate e le ciliegie di Adrano, i torroncini di Belpasso, l olio di Ragalna. La zona annovera la Doc Etna del vino Bianco, Rosso, Rosato e Bianco Superiore, la DOP Monte Etna dell olio d oliva extravergine, la DOP del Ficodindia dell Etna, l IGP del Ciliegio dell Etna e la DOP del Pecorino Siciliano e quella del Pistacchio di Bronte. Non mancano alcuni presidi Slow Food, come la pesca tabacchiera dell Etna. Tali risorse fanno parte della cucina quotidiana ma costituiscono una particolare attrazione enogastronomica delle strutture di ristorazione e del turismo rurale. 3. Il contesto culturale di riferimento: il turismo alternativo per nuovi viaggiatori Da tempo, si segnala come la domanda sia in grado sempre più di mostrare capacità autopropulsiva e di interlocuzione diretta con il sistema produttivo, spinta senza dubbio dall esplosione di bisogni immateriali, creatività e iniziativa individuale che i consumatori esprimono (Lunghini, Vaccà, 1986). La massa dei consumatori appare atomizzata e disarticolata in singolarità individuali, foggiate da prodotti di massa, ma di fronte ai quali mostra un atteggiamento solistico proprio nel consumare cose che tutti gli altri consumano (Galimberti, 2008). La massa non è più una concentrazione di molti, ma la concentrazione della qualità singola di molti che costituiscono quello che, è definito immaginario collettivo (Abruzzese, 2001). Il consumatore è un agente innovatore, giacché dilata le possibili alternative di consumo, dando ai canali di comunicazione tra impresa e consumo non più solo il carattere di promozione della domanda, ma quello molto più interessante e flessibile di progettazione congiunta tra consumo e offerta del prodotto finale. L interattività tra funzione di produzione e funzione di consumo diviene, oltre che un problema da tempo presente nella teoria economica (Lancaster, 1971), anche un pressante problema di strategie d impresa (Kotler, 2004; Fabris, 2008). Questo appare vero a maggior ragione per il settore turismo, all interno del quale, anche se l epoca del turismo di massa non sembra del tutto tramontata, sempre più spesso emergono nuove forme di turismo che richiamano il modello dell antico viaggiatore, distinto dal turista indifferenziato. La domanda dei turisti di massa è esaudita da un offerta di prodotti quasi 288

7 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico del tutto standardizzati, che riducono il turismo a una forma di svago generico, purché lontano dalla routine quotidiana, decontestualizzato dal territorio e dalla società locale, piuttosto che il modo per avere una conoscenza approfondita di luoghi e persone incontrati durante il viaggio. Nel prossimo futuro le forme di turismo standard tenderanno a non essere più dominanti, messe in crisi dal diffondersi di nuovi modelli di comportamento dal lato della domanda, agevolati dall aumento del reddito pro capite, dalla diffusione sempre più larga dell uso individuale di web-tool, dal diffondersi di fattori culturali ed istituzionali che affrancano il turista dai tour operator e dalle vacanze all-inclusive. La conseguenza è che imprese e territori non avranno bisogno di costruire grandi strutture per attrarre molti turisti, ma dovranno puntare all integrazione di risorse e competenze per comporre dei panieri di offerta variati e variabili in grado di mantenere e migliorare le performance competitive. I nuovi tipi di turismo sono solitamente indicati con il termine di turismo alternativo, anche secondo la WTO (World Tourism Organization), che non intende tanto riferirsi ad un turismo di élite quanto piuttosto a motivazioni di viaggio molto diverse dalle solite, non per pochi, ma per un grande numero di persone (Mowforth, Munt, 2003). In sostanza, il turista nuovo è caratterizzato dall essere non più un consumatore che acquista un pacchetto preconfezionato, ma che si inventa una propria esperienza di viaggio (Pine, Gilmore, 2000), combinando gli ingredienti nel proprio particolare menu, identificando con molta precisione il prodotto turistico che intende consumare, attingendo dal territorio le esperienze che questo può dargli con il proprio patrimonio di risorse tangibili, intangibili e soprattutto relazionali (Purpura et al., 2007). L interlocutore migliore di questo crescente numero di turisti, che solitamente e impropriamente vengono denominati fai-da-te, non può essere quindi la singola impresa (grande o piccola che sia) ma può esserlo il sistema territoriale che è il solo in grado di esaudire la differenziabilità di prodotto (Caroli, 2011) richiesta dalla massa di consumatori individuali. Il turista-consumatore tende al massimo grado di differenziazione personale all interno della domanda complessiva, con la conseguenza che al limite potrebbe essere identificato un prodotto turistico per ciascun consumatore. Fin qui non ci sarebbe nulla di nuovo sotto il sole: ognuno di noi formula un desiderio ideale di consumo, ma non è detto che nel mercato trovi un prodotto perfettamente rispondente. Alle imprese turistiche, ma molto meglio ai territori turistici, si apre il grande spazio delle possibilità/opportunità di mettere in grado il cosiddetto turista fai-da-te di confezionare il 289

8 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto proprio prodotto di consumo turistico. Il territorio offre alle imprese e ai consumatori (viaggiatori) lo spazio della differenziazione del prodotto finale (il viaggio), che risulta dalla combinazione di sedimentazioni storiche, sociali, culturali, produttive e di relazione intima con la società locale. I modelli teorici industriali di Lunghini e Vaccà (1986) appaiono del tutto adatti per interpretare anche nel settore turismo i nuovi rapporti tra domanda e offerta, in quanto il modello di vacanza, che qui abbiamo definito come turismo alternativo, è confezionato contemporaneamente dal turista (domanda) e dal territorio (offerta). Questo ruolo attivo del turista che si fa viaggiatore si manifesta anche con la voglia di conoscere la storia del territorio e di avviare relazioni con i suoi abitanti, con chi produce beni e servizi che servono a soddisfarne la domanda e in definitiva con l intera comunità locale, con la quale egli interagisce durante il viaggio, intessendo non solo scambi economici ma vere e proprie relazioni (Purpura et al., 2007). 4. Enogastronomia, tipicità e turismo Il rapporto tra enogastronomia e turismo si va facendo sempre più intenso (Carlsen, Charters, 2006), con la nascita di una nicchia turistica specializzata, che tende ad assumere la dimensione di segmento, frequentata da una frazione di consumatori dal carattere peculiare (Asero, Patti, 2009). Le preferenze alimentari sono strettamente connesse con meccanismi di autoidentificazione sociale (Lanternari, 1987) anche nella società attuale e si possono mettere in relazione con luoghi ben distinti, annotabili in una carta geografica, e spesso definiti come caratteristici e tipici 11. Non ci è possibile qui riportare le necessarie distinzioni, per le quali si rimanda agli autori citati in nota, ma ci limitiamo a prendere atto che le produzioni agroalimentari di qualità e le specialità enogastronomiche hanno dato a molti territori l opportunità di proporre un offerta turistica specifica e al contempo differenziata e differenziabile (Becheri, 2009). L enogastronomia, se considerata come l insieme dei prodotti che concorrono a caratterizzare esclusivamente l offerta di un territorio, diventa essa stessa una componente essenziale del carattere dell offerta turistica di una determinata destinazione (Asero, Patti, 2009), espressione della cultura della 11 Tipicità è un espressione ormai invalsa nel linguaggio comune per richiamare il concetto di qualità, usata abbondantemente da mezzi di comunicazione e da imprese e territori per qualificare i propri prodotti agroalimentari ed enogastronomici. È tuttavia vero che il termine assume contorni sfumati e imprecisi in quanto, secondo la stessa definizione manualistica della lingua italiana, non è possibile né utile utilizzare come sinonimi espressioni quali prodotto tipico, prodotto tradizionale, prodotto locale (Pencarelli, Forlani, 2006). 290

9 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico comunità locale, delle tradizioni, dei meccanismi di trasmissione della cultura tra generazioni, della capacità di innovazione posseduta dal tessuto delle relazioni sociali ed economiche, infine dello spirito del luogo (Eyles, Williams, 2008). Risulta quindi possibile individuare differenze geografiche causate dal differente distribuirsi nello spazio di produzioni agricole, qualità delle preparazioni alimentari, livello di competenze del tessuto produttivo e sociale nel gusto del cibo. Le differenze enogastronomiche, che si identificano con i luoghi, possono essere la base di una consapevole strategia di promozione dell offerta turistica di un determinato territorio orientata ad intercettare i nuovi orientamenti dei turisti (UNWTO, 2011). In Italia, da almeno una trentina d anni si è andata sviluppando un mercato turistico almeno come nicchia in grado di diventare segmento che tende a valorizzare le risorse culturali/alimentari di molte destinazioni turistiche localizzate in diverse aree agricole e rurali italiane. Nel quadro generale della crisi ancora in atto (ETC, 2011), si vanno consolidando trend di comportamento da parte del turista che riguardano la scelta di vacanze durante i weekend, la crescita dei turismi di nicchia, l aggiustamento stagionale, la maggiore consapevolezza ambientale, la domanda di esperienza in nuovi luoghi e contesti, la costruzione attiva di un proprio menu turistico, fatto di eventi e incontri a carattere sociale (Taiti, 2011). La reale dimensione del turismo enogastronomico italiano non è di facile valutazione per mancanza di rilevazioni ufficiali specifiche. Anche i dati riguardanti il solo turismo del vino sono incerti e discutibili, perché le fonti sono diverse e in polemica tra di loro per la determinazione della dimensione del fenomeno (Brancaccio, 2011). Tuttavia, si ritiene accettabile quanto dichiarato dal Movimento del turismo del vino (MTV, 2011) che, per il 2010 stima un fatturato di circa 2,3 miliardi di Euro, con una proiezione di crescita dell 8% di presenze e del 10% del fatturato per il Il vino è un importante attrattore di turisti stranieri, appartenenti alla fascia di consumatori medio-alta, particolarmente attenta alle buone bottiglie, al paesaggio, alla gastronomia e alla fruizione di beni culturali. La stessa fonte stima che almeno il 6% degli Italiani abbia vissuto un esperienza turistica collegata all enogastronomia e che tale numero sia destinato a crescere fino a circa 5,5 milioni di persone nei prossimi anni (Taiti, 2011). 5. Gli stakeholder della Littorina dell Etna Il presente studio si è concentrato sulla descrizione degli stakehoder (cfr Appendice 1) del prodotto turistico La littorina dell Etna, che è uno degli itinerari ipotizzati dall associazione della Strada del vino dell Etna (cfr 291

10 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto La rete di relazioni presenti nel territorio è molto complessa, in quanto le stesse istituzioni e imprese appartengono a più reti di interessi, formalizzate in molte associazioni e iniziative, sia informali che formalizzate, riconducibili a più settori economici e a diverse istituzioni. Si è proceduto alla scelta dei criteri di classificazione degli stakeholder secondo il metodo adottato da Schmeer (1999) ovvero settore di appartenenza, posizione interna/esterna alla Strada del Vino dell Etna e motivi di tale scelta. I settori di classificazione sono Istituzione; Enti e consorzi; Agricoltura; Agroindustria; Agriturismo; Associazioni; Sindacati di categoria; Imprese del settore ospitalità. Per ogni stakeholder è stata individuata la posizione di interesse (Interno/) rispetto all Associazione Strada del Vino dell Etna e il motivo della scelta (relazione con la Strada del Vino dell Etna, come socio/non socio dell Associazione). Si deve notare che i comuni elencati come stakeholder esterni sono quelli nel cui territorio esiste una fermata della ferrovia Circumetnea. Dei complessivi 12 testimoni privilegiati scelti e intervistati, 4 rappresentano l agricoltura, 2 l agriturismo, 2 le associazioni volontarie, 1 l associazione della Strada del Vino dell Etna, 1 le imprese di ospitalità e 2 le istituzioni. 6. Quesiti di ricerca, risultati e analisi Il quesito di ricerca, a cui il lavoro si propone di rispondere, riguarda la possibilità/disponibilità della rete di imprese che ruotano intorno al percorso toccato dalla ferrovia Circumetnea di allestire un prodotto turistico che metta insieme le attrattive culturali, ambientali ed enogastronomiche e possa contribuire al complessivo sviluppo delle attività economiche della regione Etnea. Il quesito di ricerca si origina dall evidenza empirica di una fattuale mancata organizzazione del prodotto, che nel sito della Strada del Vino è indicato come presto online (cfr Il quesito generale è stato quindi esplicitato nelle seguenti cinque domande: - La Littorina dell Etna può essere una componente utile al funzionamento della Strada del Vino dell Etna? - Quali sono i possibili benefici che può portare alle imprese turistiche e a quelle agroalimentari? - Qual è il suo livello di interesse al funzionamento della Littorina dell Etna come prodotto turistico e quanto è disposto ad investire in capitale umano e finanziario? - Quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere la Littorina dell Etna per contribuire allo sviluppo del turismo e in particolare del turismo enogastronomico? 292

11 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico - Quali sono gli attori che agiscono in favore o contro la completa realizzazione del percorso enogastronomico tramite la Littorina dell Etna? Dall analisi delle interviste si delineano alcuni risultati fondamentali. Il percorso ferroviario denominato Littorina dell Etna è ritenuto da tutti una componente utile al funzionamento della Strada del Vino dell Etna, anche perché particolarmente appetibile per segmenti selezionati di consumatori (turisti stranieri) che cercano mezzi di trasporto alternativi e a minore impatto ambientale. Rispetto all automobile, il percorso ferroviario consente di praticare il turismo come viaggiatori, rallentando i tempi, risparmiando sui costi ma aumentando i benefici di fruizione del paesaggio. Il tratto da Riposto a Randazzo collega mare e montagna e, nei versanti orientale e settentrionale, tra i Comuni di Riposto, Giarre, Piedimonte Etneo, Linguaglossa, Castiglione di Sicilia e Randazzo, è presente il maggior numero di agriturismi, alberghi rurali e aziende vitivinicole. Un imprenditore agricolo dichiara: Da Riposto a Giarre, sono presenti almeno 50 strutture turistiche extra alberghiere per non meno di 1000 posti letto. Promuovere questo itinerario (soprattutto nel fine settimana) per offrire alloggio (aziende zona bassa) e degustazioni e prodotti tipici (aziende a monte) è una potenzialità non ancora sfruttata. La littorina attrae turisti alternativi rispetto ai tradizionali, allargando il mercato dell ospitalità e contribuendo alla destagionalizzazione delle presenze, con benefici sia dal lato dell offerta che da quello della domanda, con minore congestione nelle destinazioni. Segmenti di particolare interesse sono ritenuti quello dei cicloturisti e dei diversamente abili, per i quali per ora non ci sono servizi dedicati. Per le imprese agroalimentari il vantaggio è quello di rivolgersi a consumatori non casuali e preparati, quindi titolari di una maggiore disponibilità a spendere in beni di particolare pregio. La littorina è un ottimo mezzo di penetrazione nel territorio vitivinicolo, che offre proposte tematiche diverse per ogni stazione di fermata, non necessariamente legate al comprato agro-alimentare. Un amministratore locale afferma: Veicolare i turisti attraverso il mezzo di locomozione su rotaie, non solo dà una caratterista unica, ma differenzia le ormai classiche offerte ripetitive già viste e riviste. Rendere un tour dell Etna interessante culturalmente e unico per il mezzo di locomozione non fa altro che invogliare il turista a ritornare anche più volte in loco, riscoprendo in diverse sfaccettature l Isola, l Etna e il territorio. La Direzione della Strada del Vino dell Etna ha molto interesse a considerare la Littorina dell Etna come componente effettiva dei diversi percorsi turistici collegati. Disporre di percorsi articolati e alternativi è considerato molto funzionale alla promozione complessiva dell intera regione Etnea come destinazione turistica, anche in circuiti di 293

12 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto livello europeo, che comprendono percorsi culturali specializzati e che costituiscono nicchie di mercato da coltivare con maggiore convinzione: La Strada del Vino è molto interessata e potrebbe inserire il prodotto Littorina nel suo circuito di promozione e nella vendita di prodotti turistici e andrebbe inserita anche nelle reti, già presenti in Europa, di percorsi culturali legati alle vecchie tratte ferroviarie. Gli intervistati ritengono che, per il suo migliore funzionamento a fini turistici, sia necessario che le corse ordinarie siano più frequenti ed integrate da corse della vettura storica, collegate a eventi di animazione sulle vetture, a giornate dedicate e soprattutto a forme di promozione negli hotel di Catania e Taormina, anche con la creazione di sistemi di collegamento tra la città e le località del litorale con le stazioni della Circumetnea. Il livello di interesse è molto alto presso tutti gli intervistati, che però subordinano la propria disponibilità ad investire al maggiore impegno degli enti pubblici di ogni livello o alla costituzione di un ente di aggregazione delle volontà degli interessati in grado di rapportarsi convenientemente con le amministrazioni locali e con quella regionale. Un imprenditore vitivinicolo testimonia il rapporto tra iniziativa privata e amministrazione pubblica, secondo un sentimento che appare molto diffuso nella zona: La Littorina e la Strada del Vino dell Etna sono quasi sovrapponibili [...] la Littorina è di proprietà pubblica e per questo l interesse non può che essere marginale, se non nullo. Se funziona bene... diversamente pazienza! [... invece dovrebbe] essere gestita da un ente che ne abbia a cuore funzionalità, economicità, fruizione, valorizzazione del territorio e in grado di stringere alleanze con soggetti attivi che possano promuoverla. Un altro imprenditore vitivinicolo ipotizza un uso migliore delle carrozze d epoca: [Occorre] restaurare le carrozze vintage, restaurare le stazioni rendendole punti di interesse con possibili escursioni che da esse partano, con servizio hop-on hop-off. Un sommelier propone l integrazione dei servizi della Littorina con quelli di accompagnamento e di educazione al gusto:...dovrebbe essere opportunamente attrezzata per offrire, durante il tragitto, degustazioni di vini e/o prodotti tipici del luogo, con possibilità di accompagnare i visitatori presso cantine e aziende agroalimentari o di artigianato, con automezzi, convenzioni con cantine, ristoranti, alberghi e produttori di prodotti tipici e dell artigianato. A riguardo degli elementi di fatto e degli attori socioeconomici che giocano a favore o contro una concreta implementazione del percorso enogastronomico via ferrovia, gli intervistati attribuiscono alle istituzioni pubbliche le responsabilità di malfunzionamento. La maggiore forza contraria risiede nella scarsa capacità di aggregare iniziative private 294

13 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico con l intervento pubblico. Infatti, imprenditori del settore ospitalità e del turismo rurale intervistati non condividono quanto sostenuto da un vice-sindaco che dichiara: Non risulta che ci possano essere attori che non siano a favore dell iniziativa, ma piuttosto ci sono forti interessi a che sia potenziato il percorso della littorina dell Etna, coinvolgendo gli operatori della ristorazione presenti nel territorio per la valorizzazione e la promozione dell eccellenza dei prodotti enogastronomici tipici. In tal senso significativa è la considerazione di un imprenditore agricolo: Una gestione veramente vecchia del marketing e delle potenzialità in generale di questa risorsa. Basti pensare che la domenica non ci sono corse. Assurdo!!!. Dello stesso tenore il parere di un sommelier: A favore non ne conosco; contro, l atavica inerzia degli amministratori e imprenditori locali (molti, non tutti). Di primaria importanza sono le guide, qualificate con conoscenza delle lingue straniere. 7. Discussione, effetti per il territorio Il caso studio preso in esame appare rilevante non solo in sede strettamente locale perché presenta alcuni caratteri generalizzabili: si inserisce nella strategia regionale di promozione di territori particolarmente vocati al turismo e alla produzione agroalimentare di qualità; si inserisce in un azione di promozione dell enoturismo già avviato da tempo dagli attori locali privati e pubblici in tutte le zone vitivinicole siciliane; non è un caso di completo successo, in quanto come prodotto turistico appare poco sfruttato dal lato dell offerta territoriale e preferito in modo sporadico dal lato della domanda. I dati raccolti si riferiscono a un territorio piuttosto ampio della Provincia Regionale di Catania e riguardano una zona geografica di rilevante interesse sia per motivi storici e socioeconomici sia per evidenti motivi geomorfologici e ambientali. Come evidenziato in tabella, al momento, si sono considerati come stakeholder esterni alla Littorina dell Etna quei Comuni (cfr carta dei Comuni della Regione Etnea) che hanno nel proprio territorio una fermata della Circumetnea pur non partecipando all Associazione delle Strada del Vino dell Etna. Non si sono considerati invece gli altri Comuni della regione Etnea, rimandando ad approfondimenti futuri la loro eventuale collocazione tra gli stakeholder del progetto. Il caso studio affrontato può dare valide indicazioni su un piano più ampio, soprattutto per quanto riguarda l organizzazione dei rapporti interni alle imprese private e tra queste e l intervento pubblico. L indagine può costituire un punto di riferimento e confronto anche per possibili studi comparativi con altri territori nazionali e internazionali. Un 295

14 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto risultato della ricerca che ci appare più degno di nota riguarda la capacità imprenditoriale rilevabile presso gli imprenditori locali e il modo di rapportarsi tra questi e i policy maker, gli amministratori che detengono potere politico, decisionale e finanziario. Per certo, le politiche regionali di sostegno alle iniziative imprenditoriali sia nel settore del turismo che in quello dell agroindustria, comprese le produzioni enogastronomiche di pregio, sono ampie e numerose e in sostanza organizzate con un certo grado di organicità. Non pare un caso che la legge regionale che detta norme per lo sviluppo turistico e la legge sulla competitività del sistema produttivo, che consente l istituzione dei distretti rurali e di qualità agroalimentare, siano state adottate a pochi mesi una dall altra nel Ma, soprattutto, non a caso la legge sui distretti fa riferimento esplicito alla legge di promozione del turismo, conferendo alle produzioni agro-alimentari (ed enogastronomiche) un ruolo strategico per definire l identità regionale e servire alla strategia complessive di promozione turistica. Se dunque il quadro normativo delineato dagli amministratori regionali appare una cornice favorevole al dispiegamento delle energie locali, chiamate all implementazione di modelli di sviluppo integrati a partecipazione democratica (contemporaneamente topdown e bottom-up), la coesione sociale necessaria alla realizzazione effettiva delle iniziative sembra scarseggiare. Gli imprenditori facilmente comprendono l importanza della modernizzazione delle iniziative di promozione turistica e della loro condivisione, sia in senso orizzontale (tra imprese e settori) sia verticale (tra imprese, settori e livelli amministrativi e/o sindacali di categoria). La partecipazione, tuttavia, sembra essere piuttosto individuale invece che collettiva e condivisa. Lo stesso fiorire di iniziative multiple intorno alle stesse idee progettuali, all interno di uno stesso territorio, da parte di enti e 296

15 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico imprese di settori diversi ma contigui (agricoltura, turismo rurale, turismo, enti di promozione e sindacati di categoria) non fa che confermare l evidenza empirica di una difficoltà di tradurre le buone intenzioni (private) in azioni (pubbliche e/o collettive) concrete e pianificate. Le molte peculiarità geomorfologiche e i limiti di accessibilità del territorio richiedono nuovi modelli di pianificazione che Carta dei Comuni della Regione Etnea Fonte: nostra elaborazione pongano sullo stesso piano elementi naturali e ambientali con quelli culturali connessi con le tradizioni, i saperi i sapori, il cibo, il vino che in questo specifico contesto assumono aspetti sociali e socializzanti (Erbicella, 2004) 8. Considerazioni conclusive Pur nella sua essenza locale, la Littorina dell Etna (come prodotto turistico enogastronomico) si è rivelato un argomento degno di approfondimento per la particolare complessità dei problemi rinvenuti durante l indagine di campo e per la possibilità di estendere alcune considerazioni su un piano territoriale più ampio. La società locale organizzata, come si configura nella zona Etnea, ha antiche e peculiari tradizioni che la differenziano dal resto della Sicilia, così come esclusiva è la presenza di una ferrovia a scartamento ridotto, rimasta ancora in funzione come normale linea di collegamento giornaliero. Le dotazioni culturali (in senso esteso) ed enogastronomiche prodotte dalla storia locale sono percepite dagli attori socioeconomici come importanti vantaggi da usare per la promozione complessiva del territorio e in particolare delle attività collegate al turismo, come del resto è ormai percepito in molte altre zone geografiche della stessa Sicilia e del resto d Italia. La partecipazione degli interessi socioeconomici locali alla determinazione delle scelte di politiche di sviluppo è però determinante per la riuscita di ogni programmazione degli interventi di sviluppo e di sostegno dell economia, secondo una ormai riconosciuta necessità di adottare modelli di sviluppo endogeno, essendo risultata di molto minore efficacia la proposizione di modelli di sviluppo esogeni. Il riconoscimento dell importanza del genius loci nell effettiva capacità di sviluppo mostrata da un ben determinato luogo socioeconomico geograficamente localizzato (un territorio) è ormai pieno, con il riconoscimento che ogni programma di intervento pubblico sia inefficace, e quanto meno indebolito, senza il contributo attivo della società locale alla definizione delle policy di sviluppo da perseguire. In tal senso, il mancato raccordo tra iniziative private e pubbliche appare un punto evidente di debolezza rinvenuto nel caso 297

16 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto studio, almeno nella percezione degli operatori. La littorina della ferrovia Circumetnea, dotazione infrastrutturale ma allo stesso tempo culturale, potrebbe rappresentare un elemento portante non solo per superare l ostacolo all accessibilità dei luoghi ma anche, proprio perché si tratta di una linea a scartamento ridotto, giocare il ruolo di mezzo di accesso slow al territorio, collegando sia importanti centri pedemontani sia zone di grande rilevanza vitivinicola. Siccome le fermate lungo il percorso della ferrovia interessano circa venti centri etnei, con corse sufficientemente assidue, la littorina può essere opportunamente configurata come prodotto turistico per la valorizzazione della zona, sia con l uso dei treni di linea sia con l eventuale allestimento di corse speciali della vecchia automotrice del 1937, che già ora può essere noleggiata per il tratto che dalla stazione della città di Bronte porta a quella di Linguaglossa e da dove è possibile, attraverso l utilizzo di autobus aziendali, raggiungere le località di interesse artistico, culturale o enogastronomico e le aziende vitivinicole e le cantine della strada del Vino dell Etna, situate in luoghi distanti dal tracciato ferroviario. Un futuro interesse per l argomento si configura sia come ulteriore approfondimento della stakeholder analysis, estendendo l indagine ad un territorio più ampio, sia come necessità di effettuazione di una vera e propria progettazione del prodotto Littorina dell Etna come mezzo di valorizzazione delle risorse enogastronomiche, collegate alla Strada del Vino dell Etna, e in senso più ampio delle risorse culturali e ambientali dell intera regione Etnea. Bibliografia ABRUZZESE A., L intelligenza del mondo. Fondamenti di storia e teoria dell immaginario. Meltemi, editore, Roma, ASERO V., PATTI S., From Wine Production to Wine Tourism Experience: the Case of Italy, AAWE working paper No. 52, Retrieved at BACARELLA A., NICOLETTI G., Nuovi scenari della vitivinicoltura siciliana, XXXI Conferenza Italiana di Scienze Regionali, Coreras, Palermo, BERRY R. S. Y., Collecting data by in-depth interviewing Presenter, Paper presented at the British Educational Research Association Annual Conference, University of Sussex at Brighton, September 2-5, BRANCACCIO V., Turismo enogastronomico 2010 boom inesistente cifre incredibili. Comunicato stampa su

17 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico BECHERI E., Rapporto sul turismo italiano : pensare turisticamente, Franco Angeli, Milano, CAMERA DI COMMERCIO DI CATANIA, Guida alle cantine dell Etna, CCIA, Catania, CANNIZZARO S. a c., Per una geografia del turismo. Ricerche e casi studio in Italia, Patron editore, CANNIZZARO S., CORINTO G., L. Tourist Local labor Systems, Agriculture and Integrated Zone Coastal Management in Sicily, in Monitoring of Mediterranean coastal areas: problems and measurement techniques Livorno (Italy) June 2012, CANNIZZARO S., CORINTO, G. L., Models for Territorial Re-equilibrium in the Tourism Sector in Sicily (Italy), in Environment and Ecology in Mediterranean Region, Cambridge Scholars Publishing, London UK, CAROLI M., Il marketing territoriale: idee ed esperienze nelle regioni italiane. Franco Angeli, Milano, CARLSEN J., CHARTERS S. eds, Global Wine Tourism. Research, Management and Marketing, CABI Publishing, Wallingford, DONALSON T., PRESTON L. E., The Stakeholder Theory of the Corporation: Concepts, Evidence, and Implication. The Academy of Management Review, vol. 20, No. 1, AOM, NY, 1995, pp ERBICELLA M., Dal vino al territorio: genius loci e sviluppo locale, in Romeo del Castello R., Schillaci E., a c., La sfida del vino made in Siciliy: strategie di crescita del settore e del Territorio, Giappichelli, Torino, EYLES J., WILLIAMSON A., Sense of place, health and quality of life, Ashgate, Aldershot, ETC, European tourism Trends and Prospects, Quarterly Report, Q4/2011, Commissione Europea del Turismo, Bruxelles, FABRIS G. P., Societing, Egea, Milano, GALIMBERTI U., Psiche e techne: l uomo nell età della tecnica, Feltrinelli, Milano, ISTAT, I Sistemi Locali del Lavoro 1991, Roma, HALL, C.M. & SHARPLES, L., eds, Food and Wine Festivals and Events Around the World: Development, Management and Markets, Butterworth Heinemann, Oxford, KOTLER, P., Marketing management, a cura di Scott, W., G., Pearson, Milano,

18 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto KVALE, S., Interviews: An Introduction to Qualitative Research Interviewing, Sage Publications, London, LANCASTER K., Consumer Demand: A New Approach, Columbia University Press, New York, LANTERNARI V., Festa, carisma, apocalisse, Sellerio, Palermo, MARSHALL M.N., The key informant technique, Family Practice, 13, 1996, pp MOWFORTH M., MUNT I., Tourism and Sustainability. New tourism in the Third World, Routledge, London, LUNGHINI G., VACCÀ S., Cambiamento tecnologico e teorie dell impresa, Franco Angeli, Milano, MTV, I dati del movimento turismo del vino, 2011, accesso gennaio PINE J.B., GILMORE J.H., L economia delle esperienze. Oltre il servizio. Hoepli, Milano, PENCARELLI T., FORLANI F., Il marketing dei prodotti tipici nella prospettiva dell economia delle esperienze, Congresso Internazionale Le tendenze del Marketing, Università Ca Foscari, Venezia, PORTELLI A., Un pioniere del viaggio in Sicilia: Patricick Brydone, in Famoso N. a c., Il paesaggio siciliano nella rappresentazione dei viaggiatori stranieri, Cuecm, Catania, PURPURA A., NASELLI F., RUGGIERI G., a c., La componente relazionale nell analisi sistemica del turismo, Palumbo, Palermo, (2007). REGIONE SICILIA, L. R. n. 10 del 15 settembre Norme per lo sviluppo turistico della Sicilia e norme finanziarie urgenti, BURS n. 39 del 16 settembre 2005, Regione Sicilia, Palermo, 2005a. REGIONE SICILIA, L. R. n. 20 del 22 dicembre Misure per la competitività del sistema produttivo. Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 23 dicembre 2000, n. 32, BURS n. 56 del 23 dicembre 2005 s. o., Regione Sicilia, Palermo, 2005b. REGIONE SICILIA, Piano di Sviluppo Locale, Itaca, GAL Etna, Adrano, ROMEO DEL CASTELLO R., Il business del vino in Sicilia: caratteri del settore, processi di crescita e strategie competitive. In Romeo del Castello R., Schillaci E., a c.. La sfida del vino made in Siciliy: strategie di crescita del settore e del Territorio, Giappichelli, Torino,

19 La littorina dell Etna: la circumetnea come prodotto turistico enogastronomico RUGGIERO V., SCROFANI L., Turismo nautico e distretti turistici siciliani, Franco Angeli, Milano SCAMMACCA DEL MURGO M., Alcune considerazioni sulla realtà vitivinicola etnea. In AAVV. Etna mito d Europa, Maimone editore, Catania, SFORZI F., a c., I sistemi locali del lavoro 1991, Argomenti n. 10. ISTAT, Roma, SCHMEER, K., Guidelines for Conducting a Stakeholder Analysis, a Partnerships for Health Reform, Abt Associates Inc, Bethesda, MD, TAITI F., a c., I nuovi dinamismi di un turismo di tendenza, IX Rapporto annuale, Osservatorio sul Turismo del Vino, Associazione Nazionale Città del Vino - Censis Servizi, Roma, UNWTO, Travel & Tourism Visibile su site_media/ uploads/downloads/traveltourism2011.pdf, Accesso, gennaio

20 Salvatore Canizzaro, Gian Luigi Corinto Appendice 1. Matrice degli Stakeholder della Littorina dell Etna Istituzioni Enti e Consorzi Agricoltura Agroindustria Agriturismo Nome Interno/ Relazione con la Strada del Vino dell Etna Provincia Regionale di Catania Interno Socio Comune di Aci S.Antonio Interno Socio Comune di Belpasso Interno Socio Comune di Castiglione di Sicilia Interno Socio Comune di Giarre Interno Socio Comune di Linguaglossa Interno Socio Comune di Milo Interno Socio Comune di Piedimonte Etneo Interno Socio Comune di Ragalna Interno Socio Comune di Riposto Interno Socio Comune di Sant Alfio Interno Socio Comune di Santa Maria di Licodia Interno Socio Comune di Santa Venerina Interno Socio Comune di Trecastagni Interno Socio Comune di Viagrande Interno Socio Comune di Zafferana Etnea Interno Socio Comune di Adrano Comune di Biancavilla Comune di Bronte Comune di Catania Comune di Maletto Comune di Mascali Comune di Misterbianco Comune di Moialcantara (Me) Comune di Paternò Comune di Randazzo Consorzio di tutela ETNA D.O.C. Distretto Taormina-Etna Ente Parco dell Etna Interno Socio Ferrovia Circumetnea (F.C.E.) Interno Socio Servizio Turistico Regionale n. 1 Azienda agricola L Agricola Interno Socio Azienda agricola Cottanera Interno Socio Azienda Agricola Perrotta Interno Socio Azienda Agricola F.lli Grasso Interno Socio Azienda Agricola Gambino Interno Socio Azienda Tenute Chiuse del Signore Interno Socio Azienda Vincola Benanti Interno Socio Azienda Vinicola Barone di Interno Socio Villagrande Azienda vinicola Etna Rocca d Api Interno Socio Azienda Vinicola Al-Cantara Interno Socio Azienda Vinicola Antichi Vinai Interno Socio Azienda Vinicola Firriato Interno Socio Azienda Vinicola Vivera Interno Socio Azienda Vitivinicola Aitala Interno Socio Cantine Nicosia Interno Socio La Pietra Antica O Munti Interno Socio Patria Soc. Cooperativa Interno Socio Tenuta Calamoni di Favignana Interno Socio Tenuta Scilio di Valle Galfina Interno Socio Arabicaffè Torrefazione Interno Socio Distillerie F.lli Russo Interno Socio Sicilfrutti Interno Socio Azienda agrituristica dell Etna Interno Socio Agriturismo Calabretta Interno Socio Agriturismo Case Galea Interno Socio Agriturismo Donna Carmela Interno Socio 302

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA LEADER + SICILIA 2000-2006 PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA 1 1. Dati di base del GAL Terre dell Etna e dell Alcantara TERRITORIO Il territorio in cui ricade

Dettagli

Provincia di Pordenone

Provincia di Pordenone Provincia di Pordenone Iniziativa di promozione turistica del territorio provinciale SERVIZIO TURISMO E POLITICHE EUROPEE 11/06/2013 Il progetto Pordenone Wine & Food Love nasce nel 2011 con l intento

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ

IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ San Severo, 30 Settembre 2006 Convegno Vino & Marketing: proposte per un distretto spumantistico della Capitanata D Araprì case history 1

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Paolo Grigolli Chiara Bille Caprino Veronese 16 ottobre 2014 PROGETTO DI PROMOZIONE DEL TURISMO RURALE: I

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA Premesso che la Sezione Operativa Assistenza Tecnica n 84 di Alcamo si è fatta promotrice di un Progetto

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

I]ngapejc Pannepkne]ha Accademia delle Imprese Europea YbcU[f]Ufh

I]ngapejc Pannepkne]ha Accademia delle Imprese Europea YbcU[f]Ufh Partner Patrocinato dal INDICE 1) Premessa 2) Accademia delle Imprese Europea 3) Tipicità delle produzioni calabresi 4) Artigianato 5) Turismo 6) Sociale 7) Presentazione PROGETTO EnoAgriArt Calabria 8)

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia

Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia UN SICILIA PROGETTO DI PROMOZIONE TERRITORIALE A SUPPORTO CLUSTER BIOMEDITERRANEO I TERRITORI SICILIANI DEL PATRIMONIO UNESCO E LE ECCELLENZE AGRO-ALIMENTARI E ARTIGIANALI Villino Florio, viale Regina

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE TURISMO E IMPRESE TURISTICHE 1 Alcune definizioni secondo le statistiche internazionali Escursionisti (same day visitors) Turisti (da minimo una notte a massimo un anno lontano dal luogo usuale dove vivono)

Dettagli

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ V E R S O BENVENUTI DA NOI - RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO - 16 comuni + 120 realtà ristorative + 2000 imprese + 4000 posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ RISTORANTI E AGRITURISMI AZIENDE & ARTIGIANI

Dettagli

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE 735 736 738Università degli Studi di Torino MASTER IN ECONOMIA, MANAGEMENT, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TURISMO MASTER MINT www.mastermint.unito.it MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE Comportamento del

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE PROGETTO. Promuovere uno sviluppo economico basato sul territorio

Dettagli

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori Un villaggio di idee llll percorso IInFormatiivo dii sviilluppo llocalle SIICIILIIA 2015 Processo Informale di Concertazione verso la creazione della Rete delle Comunità per lo sviluppo sostenibile e integrato

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA #################### Art. 1 Caratteri generali della Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara Art. 2 Standard di

Dettagli

local marketing progetti di rete

local marketing progetti di rete local marketing progetti di rete local marketing e progetti di rete I territori sono da sempre al centro del nostro interesse. Da sempre CoopCulture è impegnata nella scoperta del territorio e della sua

Dettagli

PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche

PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche OBIETTIVI FORMATIVI Il Master, ideato dal Centro Studi CTS, ha l obiettivo di sviluppare le competenze

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A.

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. 2015-2016 Presentazione Il percorso formativo è strutturato, attraverso un approccio

Dettagli

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti IL PROGETTO PArC Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti PREMESSA L incontro tra produttori e consumatori sta acquisendo

Dettagli

Spazio polifunzionale delle antiche tradizioni siciliane

Spazio polifunzionale delle antiche tradizioni siciliane Spazio polifunzionale delle antiche tradizioni siciliane RELAZIONE DI PROGETTO 1. Obiettivi, finalità, spazio dedicato Il Comune di Catania intende realizzare uno Spazio polifunzionale delle antiche tradizioni

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 9ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 27 ottobre / 6 dicembre 2014 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana"

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana" e Le Strade dei Tesori e del Gusto MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA PER LE IMPRESE

Dettagli

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA: introduzione La ricerca nasce da una proposta condivisa con il Dipartimento Agricoltura,

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

DALLA CULTURA DEL TERRITORIO AL TURISMO ENOGASTRONOMICO

DALLA CULTURA DEL TERRITORIO AL TURISMO ENOGASTRONOMICO Ministero Sviluppo Economico DPS Regione Siciliana Assessorato al turismo APQ Azioni di sistema per il turismo E Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia Federazione Strade del Vino e dei Sapori di Sicilia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

L incidenza dei flussi turistici dei diversamente abili in Sicilia

L incidenza dei flussi turistici dei diversamente abili in Sicilia L incidenza dei flussi turistici dei diversamente abili in Sicilia Testo dell intervento Dott.ssa Maria Musumeci svolto nella giornata di studio Sicilia Accessibile l offerta turistica per i diversamente

Dettagli

L America viene scelta come destinazione enogastronomica, oltre che dagli stessi americani, dai canadesi per motivi di vicinanza

L America viene scelta come destinazione enogastronomica, oltre che dagli stessi americani, dai canadesi per motivi di vicinanza Lancio del turismo in Piemonte Sviluppare il turismo in Piemonte: studio di ricerca sul potenziale di sviluppo del segmento turistico Enogastronomia Sintesi dello studio L enogastronomia indica tutto ciò

Dettagli

LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary

LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary - Tutti i campi sotto riportati sono obbligatori - INFORMAZIONI GENERALI: (Titolo del Progetto, dati del Capo Progetto; segnalare se impresa già esistente oppure ancora

Dettagli

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva Rimini Bike Hotels 2013 A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva aprile 2012 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Oggi il turismo e le motivazioni che lo alimentano sono profondamente cambiate Ci

Dettagli

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Allegato B alla deliberazione consiliare n. 43 del 28 luglio 2010 Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Premessa: La montagna friulana

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

PROGRAMMA TELEVISIVO BUON VENTO NELLE TERRE DEL SUD

PROGRAMMA TELEVISIVO BUON VENTO NELLE TERRE DEL SUD PROGRAMMA TELEVISIVO BUON VENTO NELLE TERRE DEL SUD SINOSSI Dal mare alle terre del Sud. Il programma nasce come naturale evoluzione di BUON VENTO NEL MARE DEL SUD, dedicato alla promozione e alla valorizzazione

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 6ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 17 ottobre / 19 novembre 2011 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo

Dettagli

ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE

ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE A 25 anni dall istituzione del Parco e 10 dalla Legge Regionale sulle Aree Protette, Legambiente propone al Parco e agli enti locali alcune di iniziative per rafforzare

Dettagli

Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013

Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013 Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013 PREMESSA L Associazione Maestro Martino ha lo scopo di promuovere il territorio lombardo e le sue eccellenze attraverso la Cucina d Autore. L

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO 29-30 NOVEMBRE - 1 DICEMBRE 2014 CENTRO LE CIMINIERE - CATANIA www.expofoodandwine.com LE STRADE LA STRADA DEL VINO Area dedicata alle aziende vitivinicole,

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4:

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4: SCHEDA PROGETTUALE Titolo del progetto Le terroir rural pour un tourisme durable Tipologia progettuale Modalità di attuazione Misure di riferimento Beneficia ri Descrizione qualitativa del progetto Aziende

Dettagli

La ricettività extralberghiera nell area di Firenze le colline. Il mercato, i bisogni di servizi e di formazione

La ricettività extralberghiera nell area di Firenze le colline. Il mercato, i bisogni di servizi e di formazione La ricettività extralberghiera nell area di Firenze le colline Il mercato, i bisogni di servizi e di formazione le ragioni dell indagine La ricettività extra alberghiera in provincia di Firenze Agriturismo:

Dettagli

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE Rappresentanza italiana PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE La ricorrenza del 50 anniversario dell O.I.T.S. (Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale), ex B.I.T.S., ci

Dettagli

inprogress 8.9.10.11 NOVEMBRE 2015 STAZIONE LEOPOLDA FIRENZE CUOCO 3.0 Visioni - Valori - Vantaggi L ECCELLENZA DI TOSCANA MIXOLOGY

inprogress 8.9.10.11 NOVEMBRE 2015 STAZIONE LEOPOLDA FIRENZE CUOCO 3.0 Visioni - Valori - Vantaggi L ECCELLENZA DI TOSCANA MIXOLOGY L ECCELLENZA DI TOSCANA 15 EDIZIONE DEGUSTAZIONE DELLE ECCELLENZE VITIVINICOLE TOSCANE CUOCO 3.0 Visioni - Valori - Vantaggi 28 CONGRESSO NAZIONALE FEDERAZIONE ITALIANA CUOCHI MIXOLOGY Cocktail in the

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 MISURA

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

L evoluzione del turismo fra impatti sociali e sviluppo locale

L evoluzione del turismo fra impatti sociali e sviluppo locale MESSINA, Emanuele. L Evoluzione del turismo fra impatti sociali e sviluppo locale. Laturbe: Revista euromediterránea de ciencias de la ciudad, del territorio y del medio ambiente [En línea]. Valencia,

Dettagli

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO PAESI D IRPINIA PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione

Dettagli

Europe s historic mansion and hotel show

Europe s historic mansion and hotel show Europe s historic mansion and hotel show Firenze,9 >10 Novembre 2012 www.historia-europe.com Ideazione e organizzazione: NEBE S.n.c. Castello, 5313 30122 Venezia (Italy) Tel. +39 041 5229825 - Fax +39

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

PERIODO DI RIFERIMENTO: GENNAIO 2011 OTTOBRE 2014

PERIODO DI RIFERIMENTO: GENNAIO 2011 OTTOBRE 2014 MONITORAGGIO E ANALISI DELLA REPUTAZIONE ONLINE DEI COMUNI DI BARGA, BORGO A MOZZANO, CAPANNORI, FORTE DEI MARMI, LUCCA, PIETRASANTA E VIAREGGIO E DELLE AREE DELLA GARFAGNANA, LUCCHESIA, MEDIAVALLE E VERSILIA.

Dettagli

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA Bando senza scadenza BREZZA: piste cicloturistiche connesse a VENTO Il problema Dorsali e piste cicloturistiche sono infrastrutture leggere di lunga e media percorrenza che permettono, con un impatto ambientale

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 4 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 4 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 4 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton La marca del territorio: definizione La marca, quando riferita all impresa,

Dettagli

TEMATICA : IL BIOLOGICO

TEMATICA : IL BIOLOGICO TEMATICA : IL BIOLOGICO Titolo del pacchetto : WEEKEND DEL BIO - TREKKING Ricettività : Agriturismo, B&B, Casa vacanze, Albergo Servizio principale : Trekking (con o senza accompagnatore/guida) sosta e

Dettagli

Dal tracciato alla fruizione turistica.

Dal tracciato alla fruizione turistica. Progetto Turismo Equestre Ippovie del Veneto Dal tracciato alla fruizione turistica. Franco Norido Settore Divulgazione Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica. Cos è una Ippovia

Dettagli

PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE. 22.01.2013 Manuela de Carlo

PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE. 22.01.2013 Manuela de Carlo PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE SESSIONE 3: STRATEGIA DI MARKETING TERRITORIALE "Attori e politiche per lo sviluppo della destinazione Lombardia nel contesto internazionale" 22.01.2013

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione n. 2 25 novembre 2010 PREMESSA La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre

Dettagli

EplorAzioni inedite dei territori Metodi ed esperienze di conoscenza partecipata del territorio

EplorAzioni inedite dei territori Metodi ed esperienze di conoscenza partecipata del territorio EplorAzioni inedite dei territori Metodi ed esperienze di conoscenza partecipata del territorio Spunti di riflessione sulla social network analysis a partire da un esperienza montana di coinvolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Sede, dominio internet, marchio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II CARATTERISTICHE IDENTITARIE DELL ECOMUSEO, MISSIONE, SCOPI E FINAILITA Art. 3 Caratteristiche identitarie

Dettagli

Nuove forme di interazione fra domanda ed offerta turistica *

Nuove forme di interazione fra domanda ed offerta turistica * Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare e turismo rurale (A.A 2010-2011) Prof. Gervasio Antonelli Nuove forme di interazione fra domanda ed offerta

Dettagli

IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER

IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER INDICE 1. Il primo Leader p. 3 2. Il Leader II 3 2 1. Il primo Leader L iniziativa Leader (Liaison Entre Actions de Développement de l Economie Rurale ovvero

Dettagli

STUDIO PRELIMINARE DEL PROGETTO DI SVILUPPO TURISTICO E TERRITORIALE FIEMME ACCESSIBILE

STUDIO PRELIMINARE DEL PROGETTO DI SVILUPPO TURISTICO E TERRITORIALE FIEMME ACCESSIBILE STUDIOPRELIMINAREDELPROGETTO DISVILUPPOTURISTICOETERRITORIALE FIEMMEACCESSIBILE FiemmeAccessibile 1 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo INDICE pag. 1.PREMESSA 3 2.ILTURISMOACCESSIBILE

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006 I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI Claudio Cipollini Direttore Generale Retecamere (Unioncamere) 24 Novembre 26 IL PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

7 giorni in Piemonte dedicati ai buongustai

7 giorni in Piemonte dedicati ai buongustai 7 giorni in Piemonte dedicati ai buongustai Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

Progetto di promozione turistica territoriale 2012

Progetto di promozione turistica territoriale 2012 Progetto di promozione turistica territoriale 2012 Disciplina delle Strade del Vino l obiettivo principale consiste nella valorizzazione dei territori a vocazione agricola e vinicola, con particolare riferimento

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-20132013 Antonino Drago Dirigente Area Studi e Programmazione DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Al via il progetto SOUTH-EAST ARCHERITAGE - Roman Empire Common Heritage in Southern and Eastern ENPI Countries

Al via il progetto SOUTH-EAST ARCHERITAGE - Roman Empire Common Heritage in Southern and Eastern ENPI Countries CARTELLA STAMPA Al via il progetto SOUTH-EAST ARCHERITAGE - Roman Empire Common Heritage in Southern and Eastern ENPI Countries Turismo culturale e valorizzazione del patrimonio archeologico nel Mediterraneo

Dettagli

Franchising opportunity

Franchising opportunity Franchising opportunity 1 SELEZIONE DEI MIGLIORI PRODOTTI ITALIANI Ogni vino ha la sua storia, raccontarla è la nostra passione CHI NON AMA IL VINO LE DONNE E IL CANTO E UN PAZZO NON UN SANTO 3 L ECCELLENZA

Dettagli

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB)

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB) Nutrire il pianeta, energia per la vita Expo 2015 Sarà l'occasione anche per ripensare e riacquistare i vecchi saperi e sapori legati ai mestieri del cibo e dell'accoglienza. Includerà tutto ciò che riguarda

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli