ELEMENTI PER LO SVILUPPO DI UN PIANO DI MARKETING TERRITORIALE NEI TERRITORI DEL GAL BMGS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI PER LO SVILUPPO DI UN PIANO DI MARKETING TERRITORIALE NEI TERRITORI DEL GAL BMGS"

Transcript

1 ELEMENTI PER LO SVILUPPO DI UN PIANO DI MARKETING TERRITORIALE NEI TERRITORI DEL GAL BMGS Definizione target, prodotto, prezzo, distribuzione e promozione Questo studio è stato realizzato nell ambito del progetto di cooperazione transnazionale ABBAS SPORT FISHING TOURISM, coordinato dal Gruppo di Azione Locale Distretto Rurale Barbagia-Mandrolisai- Gennargentu-Supramonte

2 Introduzione La prima parte della nostra ricerca ha analizzato i dati sui flussi turistici per definire quantitativamente il mercato cui rivolgere una qualsiasi strategia di marketing territoriale, ponendo l accento sulla nicchia del turismo rurale e legato alla pesca. Nella seconda fase abbiamo esaminato le buone prassi di un turismo legato alla pesca nei GAL svedesi e finlandesi partner del progetto ABBAS-Sport Fishing Tourism, vedendo gli strumenti messi a disposizione dagli stakeholder pubblici e privati per valorizzare il territorio e promuovere, di conseguenza, il turismo. L indagine è stata completata dallo studio sul campo che ci ha permesso di verificare l efficienza del sistema turistico e intervistare gli operatori (in Finlandia) per conoscere i prodotti ei servizi, il target audience e le strategie di vendita utilizzate. In questa sezione del nostro lavoro le informazioni e i dati raccolti sono messi a disposizione di un marketing di piano territoriale che sia rivolto a un pubblico europeo, si avvantaggi del benchmarking sviluppato dal confronto con le realtà scandinave e possa fornire elementi utili a suggerire e indirizzare futuri progetti di sviluppo rurale. Il presente capitolo, infatti, definirà le caratteristiche dei territori coinvolti nel progetto ABBAS, in termini di attrattori turistici (ambiente, cultura, enogastronomia, eventi e così via), con una particolare attenzione alle risorse (naturali e infrastrutturali) che potrebbero supportare il turismo legato alla pesca nelle acque interne. I paragrafi a seguire saranno, pertanto, dedicati a definire lo stato dell arte e il marketing mix territoriale, ponendo l accento su: Definizione del target Offerta di prodotti e servizi legati al turismo e alla pesca turismo (analisi del prodotto attraverso l identificazione di punti di forza/opportunità) Posizionamento sul mercato in base alla strategia del prezzo Modalità di vendita e promozione Possibili iniziative private e istituzionali che possono contribuire all incremento della pesca turismo e del turismo rurale nelle nostre zone 1

3 Il network territoriale Dagli studi effettuati, e analizzando le realtà scandinave dei territori lacustri e fluviali, abbiamo concluso che la nicchia della pesca sportiva non è un mercato che può bastare da solo allo sviluppo turistico più ampio (considerazione fra l altro condivisa con i nostri partner) anche se il fishing tourism rappresenta una risorsa che adeguatamente incrementata, come vedremo, contribuisce strategicamente ad arricchire il nostro vantaggio competitivo, con buone prospettive di rilancio dell economia delle zone interne. Le zone interne e i territori del GAL BMGS Sardegna come meta turistica organica Sebbene l ambito in cui opera il GAL BMGS includa territori che possono differire in piccola parte fra di loro, il nostro studio e la nostra proposta progettuale che ne scaturisce si rivolgono a essi come un unica entità. Nello specifico, le motivazioni per le quali abbiamo sviluppato un analisi con conseguente presentazione di un azione unitaria, sono le seguenti: - La continuità con la premessa aggregativa di questo progetto porterebbe a ottimizzare i risultati del lavoro svolto (essendo il progetto ABBAS una risorsa condivisa, dovrebbero esserne capitalizzati nella condivisione anche i risultati, per evitare la parcellizzazione e quindi l indebolimento delle risorse) - Pur considerando le differenze o specificità di ciascun territorio o comune, possiamo vedere che le regioni storiche della Sardegna partecipanti al progetto ABBAS, oltre a essere territori contigui, possiedono soprattutto elementi comuni che possono rappresentare e determinare la unique selling proposition, ovvero la considerazione presentata da un venditore, come la ragione per cui il nostro prodotto o servizio turistico sia diverso e preferibile a quello offerto dalla concorrenza. Questa USP può essere individuata nella comune ricchezza naturalistica e quindi paesaggistica, archeologica, culturale e (secondo gli obiettivi del nostro progetto) e nella valorizzazione di laghi e fiumi grazie alla pesca sportiva. Laddove esistono differenze nello sviluppo dell offerta, queste possono essere compensate da strategie di benchmarking interno (aziendale) che possono essere utili al pari del benchmarking nato dal confronto con Svezia e Finlandia 2

4 - Come sottolineato da tutta la letteratura sul turismo in generale e sulle nicchie prese in considerazione (ecoturismo e pesca turismo), non possiamo frammentare l offerta attraverso la competizione interna, pena la crescita del settore. Occorrerebbe piuttosto unire le forze (umane ed economiche) verso uno scopo comune. Il networking, lo ribadiamo ancora, è l elemento sine qua non qualsiasi iniziativa commerciale comprometterebbe le sue possibilità di successo (i nostri partner scandinavi considerano anch essi le reti di imprenditori indispensabili allo sviluppo turistico locale). Qualsiasi resistenza culturale verso la cooperazione va quindi affrontata e risolta per non compromettere il successo che il progetto ABBAS mira ad avere a breve, medio e lungo termine. Fatta questa doverosa premessa, provvediamo a definire i nostri territori come unico circuito turistico rurale dove vogliamo sviluppare la nicchia della pesca sportiva e ricreativa. Le informazioni che supportano questa sezione sono state principalmente raccolte sui siti istituzionali dei GAL e della Regione Sardegna, e sono analizzate in relazione al mercato turistico europeo e in comparazione col mercato turistico dei GAL partner finlandesi e svedesi. Le voci che abbiamo preso in considerazione per quanto riguarda punti di forza/debolezza riguardano soprattutto gli elementi che possono essere identificati come attrattori, con una particolare attenzione all idrografia e alla pesca, nonché i servizi e le infrastrutture che ne consentono la fruibilità turistica. Per quanto riguarda i rischi e le opportunità, abbiamo invece visto quali fattori possono dirsi competitivi/pregiudicanti rispetto ai mercati di riferimento (considerato il panorama turistico ragionale, nazionale ed Europa) e alla concorrenza Il target di riferimento Il target al quale l offerta delle nicchie turistiche rurali (e ancora di più della pesca sportiva) deve rivolgersi fa riferimento all Europa. Dagli studi sulla pesca sportiva e ricreativa, è emerso che anche nei paesi (Svezia e Finlandia) dove questo sport è particolarmente popolare fra tutte le fasce della popolazione, il 75% dei pescatori è generalmente di sesso maschile ed ha un età 3

5 compresa per lo più fra i 30 e i 65 anni. In linea di massima chi acquista servizi per la pesca appartiene a una fascia di reddito più alta (liberi professionisti, manager), categorie delle quali dovremmo tener conto solo pensando a una clientela di turisti stranieri, perché se prendiamo il solo dato degli amanti della pesca (pensando ad esempio a un turismo interno di giornata) il quadro sociale è piuttosto eterogeneo. Ulteriori indicazioni sulla potenziale clientela emergono dallo studio Preferences of Europeans towards tourism (Eurostat 2014), in base al quale il turista maggiormente interessato alla patrimonio naturalistico, e al turismo culturale, ha più di 55 anni, e possiede almeno il diploma. Nell Europa meridionale le difficoltà finanziarie riducono l investimento dei viaggi che invece non risente della crisi nell Europa del Nord, zona dove rintracciamo il nostro core target, sia per capacità di spesa che per propensione all acquisto di prodotti turistici delle nicchie che interessano la nostra offerta. Per quanto riguarda la modalità di selezione del prodotto, il target europeo sceglie le mete turistiche guidato da consigli e opinioni di amici/familiari e attraverso internet, strumento privilegiato anche per l acquisto di prodotti e servizi, e tende sempre di più a viaggiare oltre i confini del proprio paese (+5% dal 2013 al 2014, anche se la tendenza a varcare il confine è più diffusa fra gli under 30). Per quanto riguarda le motivazioni che guidano la soddisfazioni dei clienti, per quanto riguarda il turismo rurale la scelta è determinata dal tipo di accoglienza, mentre per quanto riguarda la pesca è relativa al contesto naturale e alle risorse ittiche soprattutto in termini di sfida sportiva (le specie che appassionano di più sono quelle che più resistono alla cattura, sfidando in qualche modo l abilità del pescatore). Questo quadro di massima serve per indirizzare in un secondo tempo lo sviluppo di una strategia commerciale che tenga conto dei vari aspetti facenti parte del marketing mix. 4

6 Informazioni sui territori rurali del GAL BMGS I territori del Gal BMGS appartengono tutti al distretto provinciale di Nuoro, sono circoscritti nel cuore della Sardegna e occupano una superficie di 1.476,85. La popolazione di abitanti segue da diversi anni un trend negativo a causa dello spopolamento dovuto allo scarso rinnovo generazionale con conseguente emigrazione. L attuale densità demografica (30 ab/kmq) è destinata anch essa a decrescere. Il territorio comprende 25 i comuni di Aritzo, Atzara, Austis, Belvì, Desulo, Fonni, Gadoni, Gavoi, Lodine, Mamoiada, Meana Sardo, Ollolai, Olzai, Oniferi, Orani, Orgosolo, Orotelli, Ortueri, Ottana, Ovodda, Sarule, Sorgono, Teti, Tiana, Tonara. 1 Tradizionalmente l economia dei nostri territori è stata caratterizzata dalla pastorizia, dall agricoltura, dall artigianato e dall edilizia, anche se negli ultimi trent anni l attività agropastorale (come altri mestieri tradizionalmente svolti da buona parte della popolazione attiva) ha ceduto il posto al lavoro impiegatizio nell industria prima e nel pubblico impiego poi. Solo in tempi più recenti una crescente consapevolezza identitaria ha riavvicinato alcuni giovani ai lavori della tradizione. Infine, seppure non in maniera determinante, abbiamo visto crescere un certo interesse verso il settore turistico ricettivo che ha comportato la diversificazione di alcune imprese agricole (convertite in agriturismi e/o fattorie didattiche), il moltiplicarsi di servizi B&B e la nascita di nuove figure professionali quali la guida turistica e ambientale. Come menzionato nel sito del GAL, il territorio è rappresentato per il 99% da agro e boschi questi ultimi caratterizzati da querce, sughere, lecci, roverelle, castagneti, e arricchiti da una fitta macchia mediterranea. Se propriamente valorizzate un possibile motivo di attrazione turistica (riferito al turismo enogastronomico) potrebbe essere determinato dalla biodiversità relativa alle specie ortofrutticole endemiche. Esistono, inoltre, delle aree potette: Supramone, Su Sercone, Mone Gonare, Su Maccioni Texile, e il Gennargentu, un parco geominerario. Oltre alle risorse naturalistiche e paesaggistiche, costituiscono un vanto per il territorio anche il patrimonio archeologico (dolmen, domus de janas, tombe dei giganti e nuraghi), quello architettonico (caratterizzato soprattutto da chiese, molte delle quali in stile romanico) e quello artistico che raccoglie le opere di pittori e scultori locali (Nivola, Floris) 1 5

7 Un ruolo particolarmente importante è svolto dal folclore, ossia tutto il patrimonio materiale e immateriale che fa parte della tradizione e segna in maniera distintiva l identità della zona, e dagli eventi (Autunno in Barbagia, Carnevali tipici, Palii, Festival, feste tradizionali) che registrano un buon numero di presenze (soprattutto turismo di giornata o week end, con un target principalmente regionale) Infine, per quanto riguarda le risorse idriche, sul territorio scorrono il Tirso, il Cedrino e il Flumendosa, e sono presenti alcuni laghi artificiali (Gusana, Cucchinadorza, Benzone, Govossai, Torrei e Olai). Le specie che è possibile pescare sono principalmente trote fario, trota iridea, tinche, persici reali, persici trota e carpe. Queste specie sono distribuite in modo non uniforme, soggette a pratiche di ripopolamento e ad un divieto di pesca, come vediamo dal calendario qua a seguire 2 : Specie...Taglia minima *...Periodo di divieto di pesca Trota iridea...cm 20...Dal 30/10 al 28/02 Trota europea...cm 20...Dal 30/10 al 31/01 Persico reale...cm 20...Dal 01/04 al 31/05 Persico trota...cm 20...Dal 01/04 al 31/05 Tinca...Cm 20...Dal 01/04 al 30/06 Carpa...Cm 30...Dal 01/04 al 31/05 Agone-Alosa...Cm 25...Dal 01/04 al 30/05 Anguilla...Cm 28 Infrastrutture per il turismo nel GAL BMGS (trasporti, strutture ricettive) Per semplificare la valutazione delle distanze rispetto a porti e aeroporti, abbiamo preso in considerazione come nodo di collegamento Nuoro, essendo anche l unico centro che è direttamente connesso tramite trasporto pubblico regionale ai centri marittimi e aeroportuali. Il capoluogo dista dall aeroporto e porto più vicino (Olbia) circa un centinaio di km, percorso servito sia della autolinee regionali (ARST) che da quelle private (Deplano). Più o meno con 4 corse nell arco delle 24 ore, i mezzi di trasporto collettivi non sono sufficienti a soddisfare le coincidenze con arrivi e partenze di voli e traghetti, Essendo la carenza di trasporto pubblico una criticità che riguarda l Isola in generale, la regione è al primo posto per l acquisto di servizi di autonoleggio. Nelle nostre zone piccole attività di autonoleggio collegano i centri periferici alle città universitarie di Sassari e Cagliari consentendo così anche il collegamento ai porti di Cagliari e Porto Torres e agli 2 6

8 Aritzo Atzara Austis Belvì Desulo Fonni Gadoni Gavoi Lodine Mamoiada Meana Sardo Olzai Oniferi Orgosolo Orotelli Ortueri Ottana Ovodda Sarule Sorgono Teti Tonara aeroporti di Elmas e di Alghero. Gli unici dati esaustivi circa le strutture ricettive fanno riferimento alla Guida Ospitalità 2013, pubblicata dalla Provincia di Nuoro. Malgrado i dati siano incompleti 3, possiamo dire con buona approssimazione che nel territorio ci sono un centinaio di strutture ricettive che offrono complessivamente oltre 1400 posti letto distribuiti in maniera non uniforme nei diversi comuni (V.Grafico 1). Ovviamente questi numeri non includono molti altri tipi di alloggio (subaffitti occasionali di camere, appartamenti/case in affitto) che tuttavia contribuiscono in modo sostanziale a soddisfare l offerta ricettiva, soprattutto in occasione degli eventi (sagre, carnevali, festival) quando si registra il tutto esaurito. La maggior parte delle strutture sono Agriturismi, seguiti da B&B a segnare un settore dell ospitalità caratterizzato dalla multifunzionalità dell azienda agricola, e dall offerta di alloggi informali (v.grafico 2). Malgrado ciò la maggior parte dei posti letto sono in realtà offerti dalle strutture alberghiere tradizionali, le uniche che possono soddisfare la richiesta di gruppi organizzati ascrivibile al turismo scolastico e/o ai pacchetti turistici. Un altra riflessione sull offerta è che tanto il B&B quanto l agriturismo, rappresentando il primo un integrazione del reddito e l altro uno sviluppo multifunzionale dell attività agropastorale 4, non esistono certificazioni circa la categoria della struttura e la professionalità del servizio. Con riferimento alla sostenibilità, un aspetto positivo per l economia del territorio è che la proprietà delle attività turistico ricettive è locale, così come la forza lavoro. Grafico 1: distribuzione strutture ricettive e posti letto sul territorio numero strutture ricettive posti letto Manca nel dépliant il numero dei posti letto offerti dagli agriturismi che abbiamo approssimativamente calcolato con una media di 6 posti letto a struttura agrituristica che offre oltre al servizio di ristorazione anche il pernottamento (circa l 80% delle strutture) 4 Fra i servizi offerti dagli Agriturismo abbiamo registrato anche 2 fattorie didattiche e due agricamper 7

9 Grafico 2 Suddivisione (in percentuale) delle strutture alla tipologia delle strutture ricettive Strutture ricettive suddivise per categoria 2% 1% 7% 7% 9% 30% 44% Agriturismo B&B Hotel 2 stelle Affittacamere Hotel 3 stelle Hotel 1 stella Hotel 4 stelle Grafico 3: disponibilità posti letto (in percentuale) in base Disponibilità posti letto per categoria ricettiva 2% 11% 8% 5% 39% Hotel 3 stelle Hotel 2 stelle Agriturismo B&B 14% Hotel 4 stelle Affittacamere 21% Hotel 1 stella 8

10 I prezzi si aggirano su una media di 30 a persona per il solo pernottamento e colazione e 70 per la pensione completa. Fatta eccezione dell unico hotel 4 stelle censito, i prezzi sono trasversali a tutte le categorie e a tutte le stagioni, visto che la maggior parte delle strutture (B&B e Agriturismo) non applica sconti stagionali. In base alle recensioni (booking.com e tripadvisor) le strutture ricettive del GAL registrano un punteggio medio di gradimento del 7.5/10. Fra i servizi accessori sono censite sul territorio 22 guide turistiche e 6 guide ambientali ed escursionistiche. Nessuna di queste ultime pubblicizza ancora servizi per la pesca, ma sono più o meno tutte specializzate nel trekking e nell hiking, pacchetti mare e montagna (Supramonte- Ogliastra), lavorano molto con le agenzie e i tour operator che consentono di raggiungere una clientela straniera. Sia le guide turistiche che quelle ambientali nella maggior parte dei casi parlano almeno una lingua straniera, e tendono a lavorare in territori diversi dai luoghi di residenza (fatta eccezione per le guide museali di Teti, Orani e Mamoiada). Swot Anlysis Quando abbiamo iniziato questo lavoro di ricerca si pensava di fare un analisi comparativa rispetto ai nostri partner. In realtà, alla luce di tutte le informazioni raccolte, emergono alcune riflessioni: Benché possiedano tutte le infrastrutture utili a incrementare il turismo, i GAL svedesi e finlandesi non sono mete affermate nel turismo rurale, forse perché diversamente dai nostri territori, anche nelle zone dove abbiamo svolto la nostra ricerca le attività produttive storiche soddisfano il bisogno occupazionale. Analizzando i contesti scandinavi, ciò che dovrebbe essere da modello per noi è l efficienza delle infrastrutture; la varietà di servizi dedicati alla pesca e non; le professionalità che ruotano intorno a questo sport (esiste un percorso formativo apposito per fare la guida); la cura dell ambiente sia per tutelare laghi, fiumi e foreste, che per rendere questo patrimonio naturale accessibile a tutti; la gestione privata delle risorse naturali è caratterizzata dalla sostenibilità (l utilizzo economico non ha impoverito l ambiente); le regole sull interazione con l ambiente, sono numerose e molto severe, benché l impianto burocratico sia snello ed efficiente. Le istituzioni contribuiscono al sistema virtuoso promuovendo (Svezia) gli sport all aperto e il contatto con la natura. Detto ciò passiamo a vedere quali punti di forza e quali di debolezza abbiamo rintracciato: 9

11 Punti di forza Patrimonio paesaggistico e naturalistico e archeologico Clima temperato per la maggior parte dell'anno non particolarmente piovoso Forte cultura dell'ospitalità Tradizioni vive caratterizzanti suggestive Ottimo rapporto qualità prezzo soprattutto nella ristorazione Tradizioni produttive importanti (settore agropastorale viticultura, artigianato) Scarsa antropizzazione del territorio Buoni standard di pulizia nelle strutture Possibilità di pescare diverse specie ittiche Possibilità di pescare tutto l'anno Presenza specie ittiche particolarmente popolari fra i pescatori sportivi trota iridea (rainbow trout), persico trota (black bass) e la carpa Eventi che si stanno affermando verso un pubblico sempre più ampio Libero accesso alle acque interne Punti di debolezza Scarse infrastrutture di collegamenti interni scarso o assente trasporto pubblico Opportunità Crescente interesse per il turismo rurale Immagine positiva dell'isola Sardegna come meta turistica Crescita delle presenze straniere Trend positivo del turismo in Europa Buona reputazione delle strutture sui motori di ricerca Nuovi strumenti di promozione a costo ridotto su internet Ricambio generazionale Crescente interesse da parte degli abitanti nell'investire nell'ospitalità Numerose abitazioni vuote che possono essere destinate all'offerta ricettiva sostenibile (case in affitto, albergo diffuso) Divulgazione della narrazione suggestiva di luoghi e miti popolari Aumento delle tratte low cost che collegano l'isola alle capitali europee nella media e nell'alta stagione Minacce Affermazione in Europa ( e nel mediterraneo in particolare) di mete simili per geomorfologia ma sostanzialmente più economiche Scarsa o assente collaborazione fra gli operatori dei diversi settori Scarsi collegamenti con l'estero (voli low cost interrotti per molte tratte da novembre a maggio) Mancanza di pulizia nei siti naturalistici, abbandono rifiuti nella campagna mancanza di georeferenziazione percorsi mancanza di sentieristica No limitato di specie pescabili mancanza di professionalità per i servizi di animazione del territorio (eg. Sport all'aperto) scarsa accessibilità dei siti mancanza di servizi per la pesca sportiva ripetitività dell'offerta vs diversificazione e complementarità (ogni paese può e deve essere caratterizzato in modo da consentire un percorso a tappe, piuttosto che insediare in ogni paese una casa-museo della cultural agropastorale) Burocrazia rende impossibile il rilascio della licenza di pesca nelle acque interne da parte degli stranieri Brand Sardegna costruito solo sul turismo balneare difficoltà socio economiche (aumento della povertà, della criminalità diminuzione della sicurezza) Scarsa o inefficiente azione amministrativa sul territorio blocco investimenti causa patto di stabilità Spopolamento Emigrazione generazione che ha sviluppato una professionalità Scarsa digitalizzazione dei processi (quasi impossibile acquistare un servizio on line, salvo passare da booking) i 10

12 Considerazioni finali sulle strategie di sviluppo del mercato Definizione prodotto Dai dati acquisiti, il nostro territorio presenta un potenziale alto, anche se non adeguatamente sfruttato. Ciò dipende dal fatto che il prodotto è frammentato sia in termini di destinazioni che di offerta servizi. Non esiste un brand, né una strategia unitaria per il territorio, ma ogni singolo comune tende all autopromozione il che è controproducente in termini di allungamento del soggiorno. Se a livello regionale (e vale lo stesso per il target Europeo) la durata media di un soggiorno supera i 4 giorni, la permanenza dei turisti nei nostri territori va dalla gita giornaliera a un massimo di due notti, perché non vengono offerte occasioni di scoperta allargata delle diverse località che potrebbero motivare l allungamento della vacanza generando un indotto maggiore. Da questo punto di vista potrebbe essere utile individuare e promuovere i diversi percorsi tematici come già fa il nostro partner del Logudoro Goceano, e aggregare l offerta come nel caso del Consorzio dei Laghi, per arricchire la proposta di attività e intrattenimento. Sebbene l obbiettivo di tutte le istituzioni (regionali, nazionali ed europee) sia quello di sviluppare il turismo rurale sostenibile, non esiste una strategia univoca a breve, medio e lungo termine che attragga investimenti nel settore, o meglio si registrano iniziative parcellizzate di cui spesso non si valuta l effettivo processo di realizzazione (implementation) e valutazione/consolidamento obbiettivi raggiunti (follow up). Questo discorso vale per progetti come le ippovie, le vie del gusto o del vino, le vie della transumanza di cui è difficile avere un riscontro concreto. A tal fine prendendo a modello il GAL Svedese, sarebbe opportuno investire sulla formazione degli operatori sia allo sviluppo d impresa che sull attività consortile. Sebbene in questa congiuntura economica è impossibile sviluppare le infrastrutture dei trasporti, con un investimento minore si potrebbero sviluppare degli strumenti (application) di georeferenziazione delle destinazioni e dei percorsi turistici per orientare la maggior parte dei visitatori che si muovono col proprio autoveicolo, anche in considerazione della scarsa segnaletica per raggiungere le mete turistiche e muoversi all interno di esse. Anche se in termini generali la mancanza di collegamenti pubblici è uno svantaggio, apre comunque opportunità di impresa nel 11

13 settore trasporti, opportunità che potrebbe avere successo se si finanziasse (con un investimento condiviso dagli stakeholder) un servizio di navetta che colleghi il territorio ai porti e agli aeroporti, e le singole destinazioni fra di loro. Nel promuovere il nostro territorio, dovremmo inoltre capitalizzare di più e meglio la cultura dell ospitalità, che sopperisce spesso alla mancanza di professionalità formate nel settore turistico ricettivo e ci fa registrare un buon risultato nel gradimento degli ospiti. Rispetto ad altri sport all aperto, i servizi essenziali che caratterizzano nei territori scandinavi la pesca turistica (guida locale, attrezzature a noleggio, pranzo al sacco) in realtà non richiedono investimenti particolarmente ingenti. Anche qui esiste un problema di professionalità, perché da un lato esistono delle figure competenti in materia che potrebbero fungere da guida, dall altro però l unica certificazione professionale che abilità all accompagnamento/guida sul territorio è quella per guide ambientali naturalistiche, che fra l altro non include competenze specifiche e avanzate in questo settore. Si potrebbe quindi integrare la pesca nei moduli dei corsi esistenti piuttosto che creare una qualifica singola. Abbiamo visto anche in altri contesti che perché la pesca turismo realizzi il massimo del potenziale deve essere arricchita da un offerta di servizi quanto più varia possibile. Fra le criticità che compromettono attualmente lo sviluppo della pesca turistica c è certamente la burocrazia che rende il processo di acquisizione dei permessi lento, farraginoso e inefficace, nonché la gestione delle acque per la produzione dell energia elettrica che non tiene minimamente conto dell impatto negativo sul turismo che si ha con le variazioni incontrollate del livello dell acqua (cosa abbiamo visto impensabile nei paesi scandinavi dove tutti i bacini idrici sono comunque soggetti alla gestione privata). Per quanto riguarda il turismo rurale i percorsi di turismo attivo che potrebbero essere attivati parallelamente a quello della pesca includono le ippovie, i percorsi per mountain bike, hiking, trekking e canottaggio. Anche qui le difficoltà di accesso ai percorsi naturalistici variano da comune a comune (siti o sentieri che attraversano terreni privati e, quindi, inaccessibilità, scarsa manutenzione della sentieristica e, quindi, impraticabilità e scarso controllo sull abbandono rifuti). In parte si può sopperire a questi problemi coinvolgendo i proprietari di quei siti che hanno un interesse turistico, laddove ci siano aziende agricole, spronandoli alla multifunzionalità come in alcune realtà già avviene (pranzo coi pastori, fattoria didattica, workshop sul tema del pastoralismo). Per quanto riguarda la sentieristica, le risorse dell Ente foreste potrebbero essere mirate in modo più continuo e sistematico a quelle operazioni di manutenzione e pulizia 12

14 indispensabili alla fruizione di boschi e campagne (anche qui questo tipo di impiego delle risorse umane esiste già, ma non è diffuso in maniera uniforme). Possono essere inoltre sviluppate le nicchie per ora completamente ignorate come il turismo fotografico, antropologico, il geocatching e il bird watching, coerentemente col voler attrarre un pubblico nord europeo, interessato ai percorsi naturalistici e quindi al turismo rurale. Prezzo e posizionamento Per quanto abbiamo visto la fascia di prezzo dei servizi turistici è in posizione intermedia rispetto all offerta nazionale ed europea (e certamente molto più bassa rispetto all offerta nei paesi scandinavi). Senza un adeguata strategia si rischia di subire molto di più la concorrenza di altre mete turistiche del Mediterraneo. Senza svalutare economicamente i servizi, occorrerebbe incrementare delle politiche di sconto mirate all incremento delle presenze, alla destagionalizzazione e all allungamento dei soggiorni (es. sconti per la bassa stagione, per i gruppi o per le lunghe permanenze, oppure integrare dei servizi nel prezzo base). Considerato che l acquisto di servizi ricettivi avviene soprattutto su internet, molti operatori si servono di booking.com, cedendo il 20% di commissioni sul prezzo finale. Per quanto questo strumento garantisca un ottima visibilità, una vendita organizzata su una piattaforma condivisa consentirebbe certamente una maggiore efficienza economica, nonché la creazione progressiva di un brand per le attività del territorio. In questa direzione occorre valutare (tramite appositi questionari) la qualità dell offerta in modo che diventi parte dell identità del turismo locale. Promozione Il messaggio con cui si comunicano i punti di forza del nostro territorio deve mettere in luce gli stessi aspetti che sappiamo fondamentali per il nostro target (natura, atmosfera ospitale, qualità del cibo e per la pesca mettere in evidenza la possibilità di pescare le specie più popolari). In realtà lavorare su un turismo di nicchia consente di focalizzare meglio le risorse sui canali specializzati piuttosto che disperderle nei media generalisti che è conveniente per la legge dei grandi numeri solo nel turismo di massa. Occorre quindi individuare associazioni, forum, profili social che riuniscono gli appassionati della pesca o delle altre nicchie del turismo rurale in modo da costruire dei messaggi ad hoc, in base al profilo del singolo target audience. Anche qui la rete gioca un ruolo fondamentale nella promozione del prodotto, visto che è il canale dove maggiormente si ricercano informazioni di viaggio. A un possibile sito di promozione del territorio potrebbe essere affiancato 13

15 un blog con racconti di viaggio, perché come abbiamo menzionato prima la narrazione suggestiva di una meta turistica è fondamentale a catturare l attenzione e veicolare l interesse dei viaggiatori. Anche le attività di promozione e vendita (marketing) dovrebbero essere incluse in un progetto di formazione aziendale mirato alla creazione di reti d impresa, affinché gli operatori abbiano maggiore consapevolezza degli strumenti a disposizione per raggiungere la clientela. Nella pesca turismo, in particolare, ai fini della promozione ha un ruolo centrale la pubblicazione di filmati su youtube, che riguardano esperienze di pesca particolarmente avvincenti. Anche qui l investimento è minimo, e il risultato garantito dalla viralità del messaggio. Infine un investimento utile è quello della promozione fieristica, che offre buoni risultati se si portano in loco dei prodotti quanto più articolati possibili (definizione commerciale dell offerta) per eventuale distribuzione da parte dei tour operator/agenzie di viaggio e se si intercettano attivamente stakeholder utili ad eventuali partnership (es. associazioni di settore e reti d impresa). Le azioni finora esposte necessitano soprattutto del coordinamento dell iniziativa privata e istituzionale verso lo stesso scopo (sviluppo del turismo per l incremento economico e occupazionale). Tutte le azioni esposte circa lo sviluppo del mercato del turismo rurale sono coerenti con le finalità dei PSR, e si stanno aprendo nuove opportunità con la prossima programmazione per il 2020; il piano d azione deve essere articolato quanto prima in base ad obiettivi a breve medio e lungo termine, per ottimizzare le risorse presenti nel territorio. 14

16 Misura Cooperazione Inter-territoriale e Transnazionale ABBAS SPORT FISHING TOURISM CUP: E49B Gal Distretto Rurale BMGS Via Bulgaria sn Sorgono Web: Tel: 0784/ Fax: 0784/

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Esame di Stato 2015 Istituto Professionale - Settore servizi Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Articolazione

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED 2007-2013 e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA (art. 4 legge regionale n. 15/2007 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PARTE A DOCUMENTO STRATEGICO 1 AGENZIA TERRITORIALE PER IL TURISMO : Redazione a cura di: dott.ssa Lia Guinta

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN)

GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN) GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN) PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI BUSACHI 2) Codice di accreditamento: NZ04071 3) Albo e classe di iscrizione: R 20

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli