Programmazione lineare

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programmazione lineare"

Transcript

1 Programmazione lineare Dualitá: definizione, teoremi ed interpretazione economica Raffaele Pesenti 1 Dualità 1.1 Definizione e teoremi Definizione 1 Dato un problema di LP in forma canonica max x = ct x (1a) Ax b (1b) x 0 (1c) si definisce duale di (1) il seguente problema min λ G = b T λ (2a) A T λ c (2b) λ 0 (2c) Il problema originale è detto primale. È generalmente accettato il seguente fatto: Fatto 1 (Interpretazione economica) Ogni problema duale ha un significato economico che permette di vedere il problema reale che ha originato il modello lineare sotto una diversa luce e può suggerire strategie di comportamento differenti. Ad esempio il duale, di un problema di definizione del mix di prodotti ottimi da produrre a risorse limitate volendo ottimizzare il profitto, può essere interpretato come il problema di determinazione del minimo prezzo a cui conviene vendere le risorse disponibili piuttosto che produrre. La relazione primale duale è caratterizzata dall esistenza dei seguenti teoremi: Teorema 1 Il duale del duale è il primale. Teorema 2 (Dualità debole) Data una coppia primale/duale (e.g., (1) e (2)), se x è soluzione ammissibile per il primale e λ è soluzione ammissibile per il duale, allora valgono le seguenti relazioni tra i costi associati a tali soluzioni: se il primale è un problema di massimo e il duale di minimo, altrimenti, se il primale è un problema di minimo e il duale di massimo. c T x b T λ (3a) c T x b T λ (3b) 1

2 Il teorema di dualità debole permette di eseguire stime sul valore della soluzione ottima del problema primale senza la necessità di risolvere lo stesso. Infatti il teorema di dualità debole afferma che il valore della funzione obiettivo duale, calcolato rispetto a qualunque soluzione duale ammissibile, è certamente non peggiore del valore ottimo del problema primale. Il teorema di dualità debole ha anche interessanti conseguenze economiche. Dovendo affrontare un problema di produzione, se si trova qualcuno disposto a pagare le risorse disponibili a dei prezzi che soddisfano i vincoli del duale, allora si può decidere certamente di vendere anche senza determinare il profitto associato al mix ottimale, Infatti il teorema di dualità debole garantisce che in questo caso il profitto proveniente dalla vendita considerata non può essere minore di quello massimo ottenibile dalla lavorazione delle risorse. Corollario Se il primale non è limitato il duale non è ammissibile. Non vale il corollario inverso. Se il primale non è ammissibile, il duale certamente non ha soluzione ottima limitata, ma può sia essere illimitato che non ammissibile. Teorema 3 (Dualità forte) Data una coppia primale/duale (e.g., (1) e (2)), se esiste x soluzione ottima per il primale, allora esiste λ soluzione ottima per il duale, inoltre i costi ottimali sono uguali c T x = b T λ (4) Il teorema di dualità forte permette di definire una patente che garantisce l ottimalità delle soluzioni ottenute. Infatti attraverso di esso è immediatamente verificabile se una coppia di soluzioni, rispettivamente ammissibili per il primale e per il duale, è ottima. L esistenza di una qualche patente di ottimalità, verificabile in tempo polinomiale, è una caratteristica dei problemi che hanno facile soluzione. Nei problemi difficili tipicamente non è possibile dimostrare l ottimalità della soluzione se non confrontandola con tutte le altre, spesso numerosissime. Teorema 4 (Slackness complementarity) Data una coppia primale/duale (e.g., (1) e (2)) e una coppia di soluzioni ammissibili x e λ, allora tali soluzioni sono anche ottime se e solo se: 1.2 Trasformazione primale duale λ i (A i. x b i ) = 0 i (5) x j (A Ṭ jλ c j ) = 0 j (6) Tutti i problemi di LP possono essere facilmente ricondotti alla forma canonica (1). Per fare ciò può essere necessario cambiare il verso a disuguaglianze e segni a coefficienti, nonchè trasformare i vincoli di uguaglianza in una coppia di vincoli di disuguaglianza e le variabili non limitate in segno in una coppia di variabili non negative. min c T x max x x ct x (7a) A i. x b i A i. x b i (7b) { Ai. x b A i. x = b i i (7c) A i. x b i x j > < 0 x + j 0, x j 0 (x j = x + j x j ) (7d) Per facilitare sia le trasformazioni da primale a duale che l interpretazione economica del duale, può comunque essere utile partizionare inizialmente i problemi di programmazione lineare in due grandi classi: problemi in cui viene massimizzato un profitto avendo a disposizione risorse limitate, e.g., problema produzione; problemi in cui viene minimizzato un costo dovendo soddisfare delle esigenze prefissate, e.g., problema dieta; 2

3 Un problema appartenente alla prima classe ha tipicamente la seguente struttura, o può ad essa essere banalmente ricondotto: max x F = ct 1 x 1 + c T 2 x 2 (8a) A 11 x 1 + A 12 x 2 b 1 : λ 1 (8b) A 21 x 1 + A 22 x 2 = b 2 : λ 2 (8c) x 1 0 (8d) x 2 > < 0 (8e) dove λ 1, λ 2 a fianco delle condizioni (8b) e (8c) servono a ricordare quali variabili duali sono associate a tali vincoli. Il duale di (8) è min λ G = b T 1 λ 1 + b T 2 λ 2 (9a) A T 11λ 1 + A T 21λ 2 c 1 : x 1 (9b) A T 12λ 1 + A T 22λ 2 = c 2 : x 2 (9c) λ 1 0 (9d) λ 2 > < 0 (9e) come può essere verificato riconducendosi prima alla forma canonica (1) attraverso le trasformazioni (7), deducendo quindi il duale ed applicando infine le trasformazioni inverse sulle variabili duali. Un problema appartenente alla seconda classe ha tipicamente la struttura (9), o può ad essa essere banalmente ricondotto, e quindi il suo duale è (8). 1.3 Interpretazione economica del duale In questa sezione vengono considerati i due problemi paradigmatici delle due classi definite in precedenza. In particolare viene presentata la loro struttura generale, vengono formalizzati i duali ed è data a questi ultimi una interpretazione economica Il problema di definizione del mix di prodotti Enunciato 1 (problema di definizione del mix di prodotti) Avendo a disposizione una certa quantità di materie prime, determinare il mix ottimale di prodotti che deve andare in produzione per massimizzare il profitto di una data azienda. Per potere formalizzare matematicamente e quindi risolvere il problema si devono individuare: variabili decisionali, obiettivi e vincoli. Si possono certamente definire variabili decisionali le quantità dei diversi prodotti che dovranno essere presenti nel mix ottimale. È necessario definire una variabile per ogni tipo di prodotto. Devono essere considerati di tipo diverso anche prodotti uguali che però sono caratterizzati da differenti modalità di produzione o da differenti profitti. Può essere anche opportuno introdurre dei prodotti nulli, la cui produzione non è altro che il consumo di risorse senza profitto o addirittura con perdite (profitti negativi). Al fine di formalizzare matematicamente l obiettivo, per ogni tipo di prodotto bisogna individuare il valore del profitto unitario legato alla sua vendita. Per le considerazioni fatte riguardo alle variabili, alcuni dei profitti possono essere negativi, inoltre ad alcuni prodotti identici tra loro possono essere associati profitti diversi. Nella individuazione dei profitti bisogna fare estrema attenzione in quanto si assume che ogni bene prodotto sia venduto, il che non è sempre vero nella realtà. Per quanto riguarda i vincoli, essi generalmente sono riconducibili alle seguenti classi: vincoli relativi alla limitata disponibilità di risorse. In tali vincoli la disuguaglianza è del tipo minore o uguale, il termine noto esprime la quantità di risorsa disponibile, mentre i coefficienti delle variabili esprimono il consumo di risorsa dovuto alla lavorazione di un unità del tipo di prodotto associato alla variabile a cui fanno riferimento. Vi possono essere coefficienti negativi nel caso in cui la lavorazione di un prodotto fornisca come materiale di scarto qualcosa di utilizzabile per altri prodotti, e.g., il truciolato nell industria del legno o gli scarti nell industria alimentare; 3

4 vincoli relativi alla quantità minima di risorsa che deve essere consumata. Tali vincoli sono tipicamente legati ad imposizioni di legge o contrattuali. Ad esempio nell industria del vetro o della carta parte delle materie prime utilizzate devono per legge provenire dalla raccolta differenziata. La disuguaglianza in questo caso è del tipo maggiore o uguale o semplicemente uguale. Le caratteristiche delle rimanenti componenti dei vincoli non cambiano dal caso precedente; vincoli relativi alla massima capacità o di produzione dell azienda o di assorbimento del mercato dei vari tipi di prodotto; vincoli relativi alla produzione minima dei vari tipi di prodotto. Questo tipo di vincolo può essere necessario perchè l azienda è obbligata a produrre certi prodotti ad esempio per motivi legislativi, oppure per essere presente sul mercato Il problema di definizione del mix di prodotti: esempio Enunciato 2 Si consideri una cartiera che può produrre 3 tipi di carta, A, B e C. Per la produzione utilizza 2 tipi di risorse, 1 e 2. In particolare la seconda risorsa è una pasta di cellulosa che può provenire dal legno oppure dalla carta ricliclata. In questo ultimo caso tale pasta è più costosa, ma l azienda è obbligata per legge ad utilizzarne almeno una certa quantità ai fini della produzione. Il mercato ha delle capacità limitate di assorbimento dei prodotti A, inoltre richiede che l azienda, per motivi di immagine, produca almeno una quantità minima di carta di tipo C. Determinare il mix ottimale di prodotti che deve andare in produzione per massimizzare il profitto. L enunciato del problema è volutamente un po ambiguo. Infatti, dall analisi dello stesso si deduce che è opportuno distinguere 3 tipi di risorse, la risorsa di tipo 1, la risorsa di tipo 2n (pasta proveniente dal legno) e la risorsa di tipo 2r (pasta proveniente dalla carta riciclata). Di conseguenza esistono sei tipi di carta, almeno dal punto di vista dei profitti, i tipi An, Bn e Cn provenienti da produzioni che utilizzano la risorsa di tipo 2n e i tipi Ar, Br e Cr provenienti da produzioni che utilizzano la risorsa di tipo 2r. Le variabili decisionali corrispondono, quindi, alle quantità da produrre per ognuno dei tipi di carta. Siano, per ogni tipo di carta, x jn e x jr le variabili decisionali, c jn e c jr i profitti corrispondenti. Per la carta A, indipendentemente dal profitto raggiunto, sia u A la massima quota di mercato copribile, viceversa sia l c la minima quota che si vuole coprire con la carta di tipo C. Siano b 1, b 2n e b 2r la disponibilità delle risorse e, per la risorsa 2r, sia m 2r la quantità minima di cui è imposto il consumo. Infine sia a ij la quantità di risorsa i usata nella produzione di un unità di prodotto j. Si noti che questi coefficienti non sono caratterizzati da pedici n e r in quanto i consumi sono indipendenti dalla provenienza della pasta di cellulosa. Il problema primale risulta essere: max Anx An + c Ar x Ar + c Bn x Bn + c Br x Br + c Cn x Cn + c Cr x Cr x (10a) a 1A x An + a 1A x Ar + a 1B x Bn + a 1B x Br + a 1C x Cn + a 1C x Cr b 1 (10b) a 2A x An + a 2B x Bn + a 2C x Cn b 2n (10c) a 2A x Ar + a 2B x Br + a 2C x Cr b 2r (10d) a 2A x Ar + a 2B x Br + a 2C x Cr m 2r (10e) x An + x Ar u A (10f) x Cn + x Cr l C (10g) x An, x Ar, x Bn, x Br, x Cn, x Cr 0 (10h) dove i vincoli (10b), (10c) e (10d) impongono di non consumare più risorse di quelle disponibili; il vincolo (10e) impone di consumare almeno una quantità m 2r di risorsa 2r; il vincolo (10f) impone di non produrre più carta di tipo A di quella che può assorbire il mercato; il vincolo (10g) impone di produrre almeno una certa quantità di carta di tipo C. Prima di formulare il duale conviene riportarsi ad una forma tipo (8): max Anx An + c Ar x Ar + c Bn x Bn + c Br x Br + c Cn x Cn + c Cr x Cr x (11a) a 1A x An + a 1A x Ar + a 1B x Bn + a 1B x Br + a 1C x Cn + a 1C x Cr b 1 : λ 1 (11b) a 2A x An + a 2B x Bn + a 2C x Cn b 2n : λ 2n (11c) 4

5 a 2A x Ar + a 2B x Br + a 2C x Cr b 2r : λ 2r (11d) a 2A x Ar a 2B x Br a 2C x Cr m 2r : ν 2r (11e) x An + x Ar u A : µ A (11f) x Cn x Cr l C : ν C (11g) x An, x Ar, x Bn, x Br, x Cn, x Cr 0 (11h) dove a fianco di ogni vincolo sono indicati i nomi delle variabili duali corrispondenti. Il duale risulta essere: min λ,µ,ν G = b 1λ 1 + b 2n λ 2n + b 2r λ 2r m 2r ν 2r + u A µ A l C ν C (12a) a 1A λ 1 + a 2A λ 2n + µ A c An : x An (12b) a 1A λ 1 + a 2A λ 2r a 2A ν 2r + µ A c Ar : x Ar (12c) a 1B λ 1 + a 2B λ 2n c Bn : x Bn (12d) a 1B λ 1 + a 2B λ 2r a 2B ν 2r c Br : x Br (12e) a 1C λ 1 + a 2C λ 2n ν C c Cn : x Cn (12f) a 1C λ 1 + a 2C λ 2r a 2C ν 2r ν C c Cr : x Cr (12g) λ 1, λ 2n, λ 2r, ν 2r, µ A, ν C 0 (12h) che con ovvi passaggi può essere riscritto come segue min G = b 1λ 1 + b 2n λ 2n + b 2r λ 2r + ( m 2r ν 2r + u A µ A l C ν C ) (13a) λ,µ,ν a 1A λ 1 + a 2A λ 2n c An + ( µ A ) (13b) a 1A λ 1 + a 2A λ 2r c Ar + (+a 2A ν 2r µ A ) (13c) a 1B λ 1 + a 2B λ 2n c Bn (13d) a 1B λ 1 + a 2B λ 2r c Br + (+a 2B ν 2r ) (13e) a 1C λ 1 + a 2C λ 2n c Cn + (+ν C ) (13f) a 1C λ 1 + a 2C λ 2r c Cr + (+a 2C ν 2r + ν C ) (13g) λ 1, λ 2n, λ 2r, ν 2r, µ A, ν C 0 (13h) I termini λ 1, λ 2n, λ 2r sono dimensionalmente dei valori per unità di risorsa. Quindi, ad esempio, b 1 λ 1 potrebbe indicare il valore totale delle risorse disponibili di tipo 1, mentre a 1A λ 1 potrebbe indicare il valore delle risorse di tipo 1 consumate per produrre un unità di prodotto A. In quest ottica la formulazione (13) suggerisce la seguente interpretazione economica del problema duale: Interpretazione duale 1 (problema di definizione del mix di prodotti) Determinare il minimo valore a cui conviene vendere in blocco l attività, cioè le risorse disponibili e le condizioni di contorno che influenzano la produzione, piuttosto che produrre. Nel duale (13), la prima parte della funzione obiettivo, esprime il valore delle risorse mentre la rimanente parte, indicata tra parentesi, esprime il valore delle condizioni di contorno; i vincoli impongono che il prezzo di vendita delle risorse necessarie a produrre ogni unità di prodotto sia non inferiore al profitto unitario (corretto, tenendo conto delle condizioni al contorno) che l azienda otterrebbe producendo quel tipo di carta. È ovvio che se vengono offerti dei prezzi di acquisto delle risorse che non soddisfano questi vincoli, conviene produrre piuttosto che vendere l attività. Viceversa, come già anticipato, il teorema della dualità debole permette di affermare che se si trova un compratore che offre di acquistare le risorse disponibili a dei prezzi che soddisfano i vincoli del duale, allora conviene certamente vendere l attività. Per potere dare una interpretazione economica alle variabili duali ν 2r, µ A, ν C, e quindi ai termini correttivi presenti in (13) è opportuno comprendere il significato, dal punto di vista del mercato, dei vincoli del primale non riguardanti la limitata disponibilità delle materie prime. In particolare il vincolo (10f) evidenzia la difficoltà di assorbimento da parte del mercato della carta di tipo A (in un altro contesto tale vincolo potrebbe indicare la difficoltà di produrre quel tipo di carta). La corrispondente variabile duale, che si noti è dimensionalmente un 5

6 valore per unità di prodotto, si può quindi interpretare come il costo da sostenere (in pubblicità ad esempio) per riuscire a vendere (o in altro contesto produrre) la carta A. Viceversa il vincolo (10g) indica che vi può essere un incentivo a produrre carta di tipo C. Analogamente il vincolo (10e) indica che vi può essere un incentivo a consumare risorse di tipo 2r. Le corrispondenti variabili duali si possono quindi interpretare come il valore degli incentivi che il mercato è disposto a pagare per unità di prodotto lavorato o di risorsa consumata, qualora la produzione della carta C e il consumo della risorsa 2r non fossero già di per se stessi convenienti. Per quanto detto in precedenza, il vincolo duale (13c), relativo alla carta di tipo A prodotta con materiale riciclato, impone che nella definizione del prezzo delle risorse si tenga conto che per un unità di tale carta, il mercato: dovrebbe fornire un profitto legato alla sola vendita uguale a c Ar ; inoltre dovrebbe essere disposto a pagare un incentivo uguale a a 2A ν 2r per il consumo della carta riciclata; infine però dovrebbe richiedere una spesa di µ A per essere convinto ad acquistare. Discorsi analoghi si possono fare sui rimanenti vincoli duali. Nella attività di produzione descritta dal primale (10) alcuni vincoli definiscono la posizione nel mercato della azienda coinvolta. In particolare, essa ha conquistato alcune fette di mercato (o ha investito in una certa capacità di produzione) per quanto riguarda la carta di tipo A; si è già impegnata a produrre una certa quantità di carta C; infine si è anche impegnata a consumare una certa quantità di risorsa 2r. Ne consegue che tale azienda ha già affrontato alcune spese e ricevuto alcuni incentivi, quindi il prezzo minimo di vendita della sua attività deve essere calcolato al netto di questi flussi monetari. Tali flussi sono infatti considerati nel termine correttivo presente nella funzione obiettivo della formulazione duale (13). In esso vengono sottratti gli incentivi per il consumo della risorsa 2r e per la produzione della carta di tipo C, mentre vengono aggiunte le spese sostenute per garantirsi la quota di mercato per A. Si osservi che nella funzione obiettivo del duale vengono sottratti gli incentivi solo per le quantità minime di risorsa 2r o di prodotto C che l azienda si è impegnata a consumare o produrre. Ciò è dovuto al fatto che se per produrre il mix ottimo vi fosse un consumo maggiore di tale risorsa o una produzione maggiore di tale tipo di carta, allora esisterebbe una convenienza economica di tali comportamenti, indipendentemente dal valore degli incentivi, Conseguentemente questi ultimi si ridurrebbero a zero (come garantito dal teorema di slackness complementarity). Analogamente le spese che l azienda ha sostenuto per garantirsi una certa quota di mercato per A avrebbero valore di mercato nullo se la sua produzione non è poi stata capace di coprire tutta la quota conquistata. Si osservi infine che il teorema di slackness complementarity afferma che, vendendo in blocco le risorse, l azienda può essere costretta a regalarne alcune per strappare un prezzo maggiore per le altre, quelle di maggiore valore di mercato. Queste ultime sono evidentemente quelle che avrebbero permesso ulteriori profitti se fossero state disponibili in maggiore quantità in azienda Il problema della dieta Enunciato 3 (problema della dieta) Determinare il mix ottimale di alimenti che una persona deve acquisire per minimizzare il costo di soddisfazione di date esigenze alimentari. Nel caso in questione sono variabili decisionali le quantità di alimenti che devono essere presenti nel mix ottimale. È necessario definire una variabile per ogni tipo di alimento. Devono essere considerati di tipo diverso anche alimenti identici ma che siano cucinati in maniere diverse e quindi possano fornire sia contenuti nutritivi e che costi diversi. Al fine di formalizzare matematicamente l obiettivo, per ogni tipo di alimento bisogna individuare il costo unitario legato all acquisto. Per le considerazioni fatte riguardo alle variabili, ad alcuni alimenti possono essere associati costi diversi. Alcuni dei costi possono essere negativi. Per quanto riguarda i vincoli, essi generalmente sono riconducibili alle seguenti classi: vincoli relativi alla quantità minima di elementi nutritivi che devono essere assimilati (e.g, quantità minima di calorie), In tali vincoli la disuguaglianza è del tipo maggiore o uguale, il termine noto esprime la quantità di esigenza, mentre i coefficienti delle variabili esprimono quanti elementi nutritivi sono assimilati consumando un unità dell alimento associato alla variabile a cui fa riferimento. Vi possono essere coefficienti negativi nel caso in cui l assimilazione di un alimento richieda il consumo di elementi nutritivi forniti da altri alimenti; vincoli relativi alla quantità massima di elementi nutritivi che possono essere assimilati, (e.g., per evitare ipervitaminosi o obesità). La disuguaglianza in questo caso è del tipo minore o uguale o semplicemente uguale, il resto è come nei vincoli del caso precedente; vincoli relativi alla massima capacità o di consumo o di disponibilità del mercato degli alimenti; vincoli relativi alla minima quantità che si desidera acquisire (per piacere, per vizio, per necessità) degli alimenti. 6

7 1.3.4 Il problema della dieta: esempio Enunciato 4 Si considerino 3 tipi di alimento, A, B e C. Si devono assimilare 3 tipi di elementi nutritivi, 1, 2, e 3. Per il terzo elemento non si devono superare delle quantità massime. Il mercato ha delle capacità limitate di fornire alimenti di tipo A (oppure non si desidera mangiare più di una certa quantità dello stesso alimento); inoltre si desidera una quantità minima di alimento di tipo C. Determinare il mix ottimale di alimenti che una persona deve consumare per minimizzare i costi. Le variabili decisionali sono le quantità da acquistare per ognuno degli alimenti. Siano, per ogni tipo di alimento j, x j le variabili decisionali, e c j i costi corrispondenti. Sia u A la massima quantità di cibo A reperibile sul mercato (o consumabile), viceversa sia l c la minima quantità dell alimento C che si vuole acquistare. Siano b i le quantità di elementi nutrizionali da raggiungere, sia m 3 la quantità massima di elemento nutrizionale 3 assimilabile. Infine sia a ij la quantità di elemento nutrizionale i assimilato mangiando un unità dell alimento j. La formulazione primale risulta essere: min F = c A x A + c B x B + c C x C x (14a) a 1A x A + a 1B x B + a 1C x C b 1 (14b) a 2A x A + a 2B x B + a 2C x C b 2 (14c) a 3A x A + a 3B x B + a 3C x C b 3 (14d) a 3A x A + a 3B x B + a 3C x C m 3 (14e) x A u A (14f) x C l C (14g) x A, x B, x C 0 (14h) dove i vincoli (14b), (14c) e (14d) impongono di assimilare almeno una certa quantità di elementi nutrizionali; il vincolo (14e) impone di assimilare non più della quantità m 3 dell elemento nutrizionale 3; il vincolo (14f) impone di non acquistare più quantità di alimento A di quella disponibile sul mercato (o che si vuole mangiare); il vincolo (14g) impone di acquistare almeno una certa quantità di alimento di tipo C. Prima di formulare il duale conviene riportarsi ad una forma tipo (9): min F = c A x A + c B x B + c C x C x (15a) a 1A x A + a 1B x B + a 1C x C b 1 : λ 1 (15b) a 2A x A + a 2B x B + a 2C x C b 2 : λ 2 (15c) a 3A x A + a 3B x B + a 3C x C b 3 : λ 3 (15d) a 3A x A a 3B x B a 3C x C m 3 : ν 3 (15e) x A u A : ν A (15f) x C l C : µ C (15g) x A, x B, x C 0 (15h) dove a fianco di ogni vincolo sono indicati i nomi delle variabili duali corrispondenti. Il duale risulta essere: max λ,µ,ν G = b 1λ 1 + b 2 λ 2 + b 3 λ 3 m 3 ν 3 u A ν A + l C µ C (16a) a 1A λ 1 + a 2A λ 2 + a 3A λ 3 a 3A ν 3 ν A c A : x A (16b) a 1B λ 1 + a 2B λ 2 + a 3B λ 3 a 3B ν 3 c B : x B (16c) a 1C λ 1 + a 2C λ 2 + a 3C λ 3 a 3C ν 3 + µ C c C : x C (16d) λ 1, λ 2, λ 3, ν 3, ν A, µ C 0 (16e) che con ovvi passaggi può essere riscritto come segue 7

8 max G = b 1λ 1 + b 2 λ 2 + b 3 λ 3 + ( m 3 ν 3 u A ν A + l C µ C ) (17a) λ,µ,ν a 1A λ 1 + a 2A λ 2 + a 3C λ 3 c A + (+a 3A ν 3 + ν A ) (17b) a 1B λ 1 + a 2B λ 2 + a 3B λ 3 c B + (+a 3B ν 3 ) (17c) a 1C λ 1 + a 2C λ 2 + a 3C λ 3 c C + (+a 3C ν 3 µ C ) (17d) λ 1, λ 2, λ 3, ν 3, ν A, µ C 0 (17e) I termini λ 1, λ 2, λ 3 sono dimensionalmente dei valori per unità di elemento nutrizionale. Quindi, ad esempio b 1 λ 1 potrebbe indicare il valore totale degli elementi nutrizionali di tipo 1 necessari; mentre a 1A λ 1 potrebbe indicare il valore degli elementi nutrizionali di tipo 1 assimilati mangiando un unità di alimento A. In quest ottica la formulazione (17) suggerisce la seguente interpretazione economica del problema duale: Interpretazione duale 2 (problema della dieta) Determinare il massimo prezzo a cui conviene comprare in blocco delle pillole, che forniscano esattamente tutti gli elementi nutrizionali, piuttosto che acquistare alimenti. Nel duale (17), la prima parte della funzione obiettivo, esprime il valore degli elementi nutrizionali mentre la rimanente parte, indicata tra parentesi esprime il valore delle condizioni di contorno; i vincoli impongono che il prezzo complessivo degli elementi nutrizionali necessari a costituire ogni unitá di alimento sia non superiore al prezzo unitario (corretto, tenendo conto delle condizioni al contorno) del cibo in questione. È ovvio che se vengono offerti dei prezzi di vendita delle pillole che non soddisfano questi vincoli, conviene acquistare cibo piuttosto che i singoli elementi nutrizionali. Viceversa, il teorema della dualità debole permette di affermare che se si trovano delle pillole che forniscono gli elementi nutrizionali necessari a dei prezzi che soddisfano i vincoli del duale, allora conviene certamente comprare tali pillole. Infatti il costo del mix ottimale dei cibi non può essere minore di quello pagato per l acquisto di tali pillole. Per potere dare una interpretazione economica alle variabili duali ν 3, ν A e µ C, e quindi ai termini correttivi presenti in (17) è opportuno comprendere il significato, dal punto di vista del mercato, dei vincoli del primale non riguardanti la necessità di soddisfare delle esigenze nutrizionali. In particolare il vincolo (14g) evidenzia il desiderio che sia acquistato comunque l alimento di tipo C. La corrispondente variabile duale, che si noti è dimensionalmente un valore per unità di alimento, si può quindi interpretare come lo sconto che si deve attuare per convincere comunque una persona ad utilizzare tale alimento, se il vincolo è stato imposto dal mercato, oppure come la diminuzione apparente del costo reale dovuto al desiderio o la necessità del cibo, se il vincolo è imposto da chi subisce la dieta (quanto del costo si è disposti a far finta di non vedere pur di mangiare l alimento C). Viceversa il vincolo (14f) indica che vi può essere scarsa disponibilità di alimenti di tipo A oppure scarsa attrazione verso gli stessi. Analogamente il vincolo (14e) indica che vi può essere scarsa attrazione ad assimilare elementi nutrizionali di tipo 3. Le corrispondenti variabili duali si possono quindi interpretare come la spesa aggiuntiva che si deve pagare per procurarsi l alimento di tipo A, se il vincolo è stato imposto dal mercato, oppure come l aumento di costo apparente dovuto allo scarso desiderio o alla necessità di rifiuto dell alimento A o dell elemento nutrizionale 3 se il vincolo è imposto da chi subisce la dieta (quanto si è disposti a pagare in più pur di non mangiare l alimento A o non assimilare elementi nutrizionali di tipo 3). Per quanto detto in precedenza il vincolo duale (17d), relativo al cibo di tipo C, impone che nella definizione del prezzo degli elementi nutrizionali si tenga conto che il costo di un unità di tale alimento dovrebbe essere considerato il costo legato al solo acquisto uguale a c C ; inoltre l incremento di costo che una persona è disposta a pagare in più pur di non mangiare tale cibo data la presenza degli elementi nutrizionali di tipo 3, cioè a 3C ν 3 ; l incentivo all acquisto di tale alimento µ C o, se il vincolo corrispondente a tale variabile duale è stato imposto da chi subisce la dieta, la diminuzione apparente del prezzo dovuta al desiderio. Nella dieta descritta dal primale (14) alcuni vincoli affermano che si è già scelto di acquistare una certa quantità di alimento C e che comunque si ritengono accettabili certi livelli di alimento A o di elementi nutrizionali 3. Ne consegue che chi subisce i costi della dieta ritiene come già rifiutate alcune spese e incentivi, oppure dà per scontate alcune dimenticanze sui prezzi. Ne consegue che il prezzo massimo di vendita della pillole deve essere calcolato al netto di questi flussi monetari. Tali flussi sono infatti considerati nel termine correttivo presente nella funzione obiettivo della formulazione duale (17) in cui vengono aggiunti i costi che si è disposti comunque a sopportare per l alimento C, mentre vengono sottratte le spese che si dovrebbero sostenere per non acquistare nemmeno una quantità u A dell alimento A (in quanto fino a tale quantità tale alimento è facilmente reperibile sul mercato o comunque si è disponibili a mangiarlo); analogamente vengono sottratte le spese che si dovrebbero sostenere per non assimilare nemmeno una quantità m 3 di elemento nutrizionale 3. Anche in questo caso il teorema di slackness complementarity garantisce che gli incentivi e le spese diventano nulli se i vincoli corrispondenti non sono attivi. Per cui, ad esempio, non si è disposti a dimenticare parte del 8

9 prezzo di C (o viceversa il mercato non è disposto a fare uno sconto) se, per soddisfare al costo minimo le esigenze nutrizionali, si deve acquistare una quantità di alimento C superiore a m C. Analogamente non si è disposti a pagare nulla per rifiutare A se comunque non converrebbe acquistarlo. Si osservi infine che può accadere, ed in generale succede, che il mix ottimo di alimenti soddisfa al minimo alcune esigenze nutrizionali, ma fornisce in aggiunta la soddisfazione di altre, anche eventualmente non richieste. Il teorema di slackness complementarity afferma che in questo caso è ottimo per il produttore di pillole fare pagare il più possibile le pillole che forniscono gli elementi nutrizionali soddisfatti al minimo dal mix ottimo di alimenti, ma che di conseguenza si devono regalare le pillole per gli altri elementi. 9

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008. 10. Dualità in Programmazione Lineare

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008. 10. Dualità in Programmazione Lineare Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 10. Dualità in Programmazione Lineare Luigi De Giovanni - Ricerca Operativa - 10. Dualità in Programmazione Lineare 10.1 Soluzione di un problema di PL: punti di vista

Dettagli

La dualità nella Programmazione Lineare

La dualità nella Programmazione Lineare Capitolo 5 La dualità nella Programmazione Lineare In questo capitolo verrà introdotto un concetto di fondamentale importanza sia per l analisi dei problemi di Programmazione Lineare, sia per lo sviluppo

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi risolti sulle condizioni di complementarietà primale-duale. L. De Giovanni, V. Dal Sasso

Ricerca Operativa Esercizi risolti sulle condizioni di complementarietà primale-duale. L. De Giovanni, V. Dal Sasso Ricerca Operativa Esercizi risolti sulle condizioni di complementarietà primale-duale L. De Giovanni, V. Dal Sasso 1 Esercizio 1. Dato il problema min 2x 1 x 2 s.t. x 1 + 2x 2 7 2x 1 x 2 6 3x 1 + 2x 2

Dettagli

Ricerca Operativa (Compito A) Appello del 16/06/2014 Andrea Scozzari

Ricerca Operativa (Compito A) Appello del 16/06/2014 Andrea Scozzari Ricerca Operativa (Compito A) Appello del 16/06/2014 Andrea Scozzari Esercizio n.1 Un agenzia finanziaria deve investire 1000000 di euro di un suo cliente in fondi di investimento. Il mercato offre cinque

Dettagli

Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare

Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi alle spiegazioni del

Dettagli

Ricerca Operativa (Compito A) Appello del 18/06/2013 Andrea Scozzari

Ricerca Operativa (Compito A) Appello del 18/06/2013 Andrea Scozzari Ricerca Operativa (Compito A) Appello del 18/06/2013 Andrea Scozzari Esercizio n.1 Un azienda intende incrementare il proprio organico per ricoprire alcuni compiti scoperti. I dati relativi ai compiti

Dettagli

Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 9. Docente: Laura Palagi

Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 9. Docente: Laura Palagi Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 9 Docente: Laura Palagi LA DIETA A COSTO MINIMO AL MCDONALD S Realizzata da: Erasmo Percoco Simone

Dettagli

Programmazione lineare

Programmazione lineare Programmazione lineare Un modello matematico per un problema di programmazione lineare Problema 1. Un reparto di un azienda di elettrodomestici può produrre giornalmente non più di 6 lavatrici, delle quali

Dettagli

SIMULAZIONE ESAME di OTTIMIZZAZIONE Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale 2 o anno

SIMULAZIONE ESAME di OTTIMIZZAZIONE Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale 2 o anno SIMULAZIONE ESAME di OTTIMIZZAZIONE 28 novembre 2005 SIMULAZIONE ESAME di OTTIMIZZAZIONE Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale 2 o anno Cognome : XXXXXXXXXXXXXXXXX Nome : XXXXXXXXXXXXXX VALUTAZIONE

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ

190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ 190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ [Questo paragrafo non fa parte del programma di esame] Nei modelli reali le variabili (primali) possono rappresentare, ad esempio,

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Ottimizzazione Multi Obiettivo

Ottimizzazione Multi Obiettivo Ottimizzazione Multi Obiettivo 1 Ottimizzazione Multi Obiettivo I problemi affrontati fino ad ora erano caratterizzati da una unica (e ben definita) funzione obiettivo. I problemi di ottimizzazione reali

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Lezioni di Ricerca Operativa. Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno. Lezione n 4

Lezioni di Ricerca Operativa. Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno. Lezione n 4 Lezioni di Ricerca Operativa Lezione n 4 - Problemi di Programmazione Matematica - Problemi Lineari e Problemi Lineari Interi - Forma Canonica. Forma Standard Corso di Laurea in Informatica Università

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica

Ricerca Operativa e Logistica Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili A.A. 2011/2012 Lezione 10: Variabili e vincoli logici Variabili logiche Spesso nei problemi reali che dobbiamo affrontare ci sono dei

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

METODI MATEMATICI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E AZIENDALI 12 CANDIDATO.. VOTO

METODI MATEMATICI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E AZIENDALI 12 CANDIDATO.. VOTO METODI MATEMATICI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E AZIENDALI 12 1) In un problema multiattributo i pesi assegnati ai vari obiettivi ed i risultati che essi assumono in corrispondenza alle varie alternative

Dettagli

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 1) Combinando risorse Una ditta produce due tipi di prodotto, A e B, combinando e lavorando opportunamente tre risorse, R, S e T. In dettaglio:

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 1.7 Servizi informatici. Un negozio di servizi informatici stima la richiesta di ore di manutenzione/consulenza per i prossimi cinque mesi: mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 All inizio

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Problemi di Programmazione Lineare Intera

Problemi di Programmazione Lineare Intera Capitolo 4 Problemi di Programmazione Lineare Intera La Programmazione Lineare Intera (PLI) tratta il problema della massimizzazione (minimizzazione) di una funzione di più variabili, soggetta a vincoli

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare

Modelli di Programmazione Lineare Capitolo 2 Modelli di Programmazione Lineare 2.1 Modelli di allocazione ottima di risorse Esercizio 2.1.1 Un industria manifatturiera può fabbricare 5 tipi di prodotti che indichiamo genericamente con

Dettagli

ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI

ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI PROBLEMA: un azienda deve scegliere fra due possibili investimenti al fine di massimizzare il profitto netto nel rispetto delle condizioni interne e di mercato

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizio 1

Ricerca Operativa Esercizio 1 E1 Esercizio 1 La fonderia ESSELLE deve produrre esattamente 1000 pezzi del peso di un chilogrammo ciascuno. Il ferro con cui questi pezzi saranno fatti deve contenere manganese e silicio nelle seguenti

Dettagli

Dato il Mercato, è possibile individuare il valore e la duration del portafoglio:

Dato il Mercato, è possibile individuare il valore e la duration del portafoglio: TEORIA DELL IMMUNIZZAZIONE FINANZIARIA Con il termine immunizzazione finanziaria si intende una metodologia matematica finalizzata a neutralizzare gli effetti della variazione del tasso di valutazione

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare Intera

Modelli di Programmazione Lineare Intera 8 Modelli di Programmazione Lineare Intera 8.1 MODELLI DI PROGRAMMAZIONE LINEARE INTERA Esercizio 8.1.1 Una compagnia petrolifera dispone di 5 pozzi (P1, P2, P3, P4, P5) dai quali può estrarre petrolio.

Dettagli

Modello matematico PROGRAMMAZIONE LINEARE PROGRAMMAZIONE LINEARE

Modello matematico PROGRAMMAZIONE LINEARE PROGRAMMAZIONE LINEARE PRGRMMZIN LINR Problemi di P.L. in due variabili metodo grafico efinizione: la programmazione lineare serve per determinare l allocazione ottimale di risorse disponibili in quantità limitata, per ottimizzare

Dettagli

Logistica - Il problema del trasporto

Logistica - Il problema del trasporto Logistica - Il problema del trasporto Federico Di Palma December 17, 2009 Il problema del trasporto sorge ogniqualvolta si debba movimentare della merce da una o più sorgenti verso una o più destinazioni

Dettagli

I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl

I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl Corso di Economia Aziendale (esercitazioni) Università degli Studi di Palermo Agenda Caratteristiche delle aziende che

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Università del Salento Dipartimento di Matematica DAI SISTEMI DI DISEQUAZIONI LINEARI.. ALLA PROGRAMMAZIONE LINEARE Chefi Triki La Ricerca Operativa Fornisce strumenti matematici di supporto alle attività

Dettagli

1 Breve introduzione ad AMPL

1 Breve introduzione ad AMPL 1 Breve introduzione ad AMPL Il primo passo per risolvere un problema reale attraverso strumenti matematici consiste nel passare dalla descrizione a parole del problema al modello matematico dello stesso.

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera

Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera 1 Azienda Dolciaria Un azienda di cioccolatini deve pianificare la produzione per i prossimi m mesi. In ogni mese l azienda ha a disposizione

Dettagli

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito:

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito: RICERCA OPERATIVA Prerequisiti Rappresentazione retta Rappresentazione parabola Equazioni e disequazioni Ricerca Operativa Studio dei metodi e delle strategie al fine di operare scelte e prendere decisioni

Dettagli

Esercizio 1: Automobili

Esercizio 1: Automobili Esercizio 1: Automobili Le variabili decisionali sono i quattro pesi da attribuire alle quattro caratteristiche. Si tratta di variabili intere maggiori o uguali a 1, minori o uguali a 5, che sommate devono

Dettagli

Esercizio 1. Esercizio 2

Esercizio 1. Esercizio 2 A Ricerca Operativa Primo appello 4 novembre 005 Esercizio Incontrate una ragazza con il suo cane Fido e vi chiedete che età possa avere. Lei sembra leggervi nel pensiero e vi dice: Non si chiede l età

Dettagli

Luigi De Giovanni Esercizi di modellazione matematica Ricerca Operativa

Luigi De Giovanni Esercizi di modellazione matematica Ricerca Operativa Piani di investimento Un finanziere ha due piani di investimento A e B disponibili all inizio di ciascuno dei prossimi cinque anni. Ogni euro investito in A all inizio di ogni anno garantisce, due anni

Dettagli

Metodi matematici II 15 luglio 2003

Metodi matematici II 15 luglio 2003 MM.II Prova Generale - Test Vecchio Ordinamento, 5 luglio Metodi matematici II 5 luglio TEST (Vecchio ordinamento) Cognome Nome Matricola Rispondere alle dodici domande sbarrando la casella che si ritiene

Dettagli

Modelli LP (complementi)

Modelli LP (complementi) Modelli LP (complementi) Daniele Vigo D.E.I.S. - Università di Bologna dvigo@deis.unibo.it rev. 1.0 - ottobre 2003 1. Comprare o fabbricare? Electro-Poly è un produttore leader di lavatrici Ha ricevuto

Dettagli

Modelli con vincoli di tipo logico

Modelli con vincoli di tipo logico Modelli con vincoli di tipo logico Le variabili decisionali possono essere soggette a vincoli di tipo logico, più o meno espliciti. Ad esempio: vincoli di incompatibilità tra varie alternative: se localizziamo

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO L analisi del punto di pareggio esprime, sia per via grafica che in termini matematici la relazione COSTI - VOLUME PROFITTO e dà un quadro immediato degli elementi

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare Luigi De Giovanni 1 Modelli di programmazione lineare I modelli di programmazione lineare sono una

Dettagli

Analisi e contabilità dei costi

Analisi e contabilità dei costi Analisi e contabilità dei costi Il franchising 1 Il franchising Concessione di un privilegio (franchigia) Il privilegio viene accordato da un franchisor a dei franchesee Le due figure rappresentano: A)

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

Ricerca Operativa A.A. 2008/2009

Ricerca Operativa A.A. 2008/2009 Ricerca Operativa A.A. 08/09 2. Modelli di Programmazione Lineare Modelli di programmazione lineare Il metodo grafico è basato su linearità della funzione obiettivo linearità dei vincoli Sotto queste ipotesi

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Modelli di PL: allocazione ottima di risorse. Un esempio Modelli a risorse condivise Modelli a risorse alternative Modelli multi-periodo

Modelli di PL: allocazione ottima di risorse. Un esempio Modelli a risorse condivise Modelli a risorse alternative Modelli multi-periodo Modelli di PL: allocazione ottima di risorse Un esempio Modelli a risorse condivise Modelli a risorse alternative Modelli multi-periodo Allocazione ottima di robot Un azienda automobilistica produce tre

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Esempi di sensitivity analisys

Esempi di sensitivity analisys Esempi di sensitivity analisys SELEZIONE DI INVESTIMENTI: Un modello multiperiodale Prendiamo ora in esame un esempio di problema di selezione di investimenti che ci permette di evidenziare alcune possibilità

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Le decisioni di finanziamento dell impresa. Stefano Lucarelli. Bergamo a.a. 2007-08

Le decisioni di finanziamento dell impresa. Stefano Lucarelli. Bergamo a.a. 2007-08 Bergamo a.a. 2007-08 08 lezione nell ambito del corso di Imposte, Incentivi fiscali, Appalti Le decisioni di finanziamento dell impresa Stefano Lucarelli Testo di riferimento Giorgio Ragazzi, Lezioni di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE:

PROGRAMMAZIONE LINEARE: PROGRAMMAZIONE LINEARE: Definizione:la programmazione lineare serve per determinare l'allocazione ottimale di risorse disponibili in quantità limitata, per ottimizzare il raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSIT DEGLI STUDI DI SSSRI DIPRTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E ZIENDLI MCROECONOMI - nno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 11122015 PRTE ) 1) Si

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 13. Docente: Laura Palagi

Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 13. Docente: Laura Palagi Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 13 Docente: Laura Palagi A.A. 2012/2013 Laboratorio di Ricerca Operativa BGER Leonardo Mastrantoni

Dettagli

Misure finanziarie del rendimento: il Van

Misure finanziarie del rendimento: il Van Misure finanziarie del rendimento: il Van 6.XI.2013 Il valore attuale netto Il valore attuale netto di un progetto si calcola per mezzo di un modello finanziario basato su stime circa i ricavi i costi

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare Intera

Modelli di Programmazione Lineare Intera 8 Modelli di Programmazione Lineare Intera Come è stato già osservato in precedenza, quando tutte le variabili di un problema di Programmazione Lineare sono vincolate ad assumere valori interi, si parla

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4 V o Appello // RICERCA OPERATIVA - Corso A (a.a. 9/) Nome Cognome: Corso di Laurea: L C6 LS LM Matricola: ) Si consideri il problema di flusso di costo minimo in figura. Si verifichi se il flusso ammissibile

Dettagli

Appello di Ricerca Operativa A.A. 2006-2007 (29/3/2007)

Appello di Ricerca Operativa A.A. 2006-2007 (29/3/2007) Nome... Cognome... 1 Appello di Ricerca Operativa A.A. 2006-2007 (29/3/2007) Si consideri la funzione f(x) = 4x 2 1 + 6x 4 2 2x 2 1x 2. Si applichi per un iterazione il metodo del gradiente a partire dai

Dettagli

Risparmiare sulla bolletta del telefono

Risparmiare sulla bolletta del telefono Livello scolare: 1 biennio Risparmiare sulla bolletta del telefono Abilità interessate In situazioni problematiche, individuare relazioni significative tra grandezze di varia natura (per esempio variazione

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Misure finanziarie del rendimento: il Van

Misure finanziarie del rendimento: il Van Misure finanziarie del rendimento: il Van 12.XI.2014 Il valore attuale netto Il valore attuale netto di un progetto si calcola l per mezzo di un modello finanziario basato su stime circa i ricavi i costi

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

1. Sia dato un poliedro. Dire quali delle seguenti affermazioni sono corrette.

1. Sia dato un poliedro. Dire quali delle seguenti affermazioni sono corrette. . Sia dato un poliedro. (a) Un vettore x R n è un vertice di P se soddisfa alla seguenti condizioni: x P e comunque presi due punti distinti x, x 2 P tali che x x e x x 2 si ha x = ( β)x + βx 2 con β [0,

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli