Percorsi diagnostici nelle neoplasie ematologiche (WHO-2008)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi diagnostici nelle neoplasie ematologiche (WHO-2008)"

Transcript

1 11 Corso di Aggiornamento in Oncologia ed Ematologia 18 maggio 2013 Sestri Levante Percorsi diagnostici nelle neoplasie ematologiche (WHO-2008) Dott.ssa Donatella Tanca

2 Chicago, Feb. 2007

3 WHO/Clinical Advisory Meeting Chicago, Feb. 2007

4

5 WHO classification of neoplastichematologic diseases Disease entities are defined by a combination of different diagnostic parameters which include both laboratory and clinical data The relative importance of each of them varies among diseases with no predefined gold standard This is particularly true in myeloid neoplasms, a group which greatly benefits from such an integrated approach

6 PERCORSO DIAGNOSTICO PROCESSO SISTEMATICO CHE IMPONE L INTEGRAZIONE DI DATI CLINICI, MORFOLOGICI, CITOCHIMICI, IMMUNOFENOTIPICI E GENOTIPICI

7 DATI NUMERICI INTERPRETAZIONE (ANIMAZIONE) reperto PERCORSO DIAGNOSTICO IN LABORATORIO INTERPRETAZIONE (ANIMAZIONE) reperto REFERTO Il referto è l interpretazione del reperto Prof Burlina Il laboratorio deve fare diagnosi Nostri strumenti : 1. Colloquio con il clinico e medico di base 2. Dati anamnestici sintomi e segni 3. Numeri e flags strumentali 4. Osservazioni della microscopia ottica s.p., midollo 5. Citochimica 6. Citometria 7.Citogenetica Biologia molecolare

8 (Malattie linfoproliferative) neoplasie a cellule B e T/NK mature Gruppo eterogeneo di disordini, caratterizzati dalla proliferazione neoplastica di elementi linfoidi a fenotipo B o T o NK che possono interessare midollo,linfonodi, sangue periferico e altri organi con aspetti morfologici e clinici vari

9 Classificazione delle leucemie croniche B Leucemia linfatica cronica tipica atipica Leucemia prolinfocitica Leucemia ad hairy cell forma classica forma variante (linfoma/leucemia splenici a cellule B,non classificabili)

10 WHO 2008 MORFOLOGIA IMMUNOFENOTIPO (ASPIRATO MIDOLLARE) (solo in citopenie e prima di iniziare terapia) BIOPSIA OSTEO MIDOLLARE BIOPSIA LINFONODO (CITOCHIMICA) CITOGENETICA MOLECOLARE.

11 Leucemia linfatica cronica B CARATTERIZZATA DA UNA ESPANSIONE DI CELLULE B MATURE POSTCENTRO GERMINATIVO (B-MEMORIA) MUTATE O NON MUTATE DELEZIONI O TRISOMIE NO TRASLOCAZIONI

12 Leucemia linfatica cronica B ESPANSIONE DI CELLULE B MATURE CON CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE ED IMMUNOFENOTIPICHE, CHE MOLTO SPESSO SONO PRECEDUTE DA UNA LINFOCITOSI MONOCLONALE B (MBL)

13 Striscio periferico

14 Criteri diagnostici (Cheson BD et al. Blood 1996; 87:4990-7) Linfocitosi > (5 x 10 9 /L) 4 x 10 9 /L Marker B (CD19, CD23, CD5),con restrizione clonale Cellule atipiche < 55 (%) Linfociti midollari > 30 (%)? WHO 2008 LLC-B:Linfociti B: > 5x10 9 /L

15 Criteri diagnostici immunofenotipici Bassa espressione SmIg :1 CD5+ :1 CD23+ :1 FMC7- :1 CD79b- :1 Score >4 =LLC-B

16 Leucemia linfatica monoclonale B (MBL) * Linfociti B: >0.49x10 9 /L< 5x10 9 /L * Clonalità kappa o lambda * Linfocitosi persistente > tre mesi *Assenza di linfoadenomegalie, epatosplenomegalie,malattie autoimmuni infezioni,sospetti di linfomi.

17 LLC tipica CD19 + CD5 + CD23 + CD20+dim CD22 -o +dim CD38 -o + Kappa / Lambda Igs dim Anomalie forma tipica: 13q14 del(11q)

18 LLC atipica CD19 ++ CD5 ++ CD23 ++ CD20++ bright CD22 ++bright CD11c+ CD38 -o + Kappa / Lambda Igs bright Anomalie forma atipica: trisomia 12 Anomalie TP53 del(6q)

19 LEUCEMIA PROLINFOCITICA (> 55% prolinfociti) Linfociti B piu maturi di quelli della LLC

20 Linfocitosi elevate Anemia neutropenia Piastrinopenia Splenomegalia,no linfoadenomegalia LEUCEMIA PROLINFOCITICA (> 55% prolinfociti) CD19 ++ CD5 -/+ CD23 CD20++ CD22 ++ CD11c++ CD25- CD11c+ CD38 - Lambda/Kappa Igs intensa trisomia 3 monosomia 7 del(7q), del(11)(q23) del(13)(q14) Varie traslocazioni

21 LEUCEMIA AD HAIRY CELL forma classica sottopolazione di linfociti B maturi B-memoria attivati

22 Pancitopenia Leucopenia Monocitopenia Splenomegalia LEUCEMIA AD HAIRY CELL forma classica CD19 ++ CD5 - CD23 - CD22 ++ CD20++ CD38 -/+ CD25 ++ CD11c ++ (polpa rossa) CD CD123+ Kappa/Lambda Igs intensa Trisomia 5 Trisomia 6 Monosomia 10,17 Trisomia 12

23 LEUCEMIA AD HAIRY CELL forma variante (B-linfocita attivato maturo) Leucocitosi Monociti normali Anemia CD19 ++ CD5 - CD23 - CD22 ++ CD20++ CD38 -/+ CD25 - CD11c -/+ Trombocitopenia CD CD123- Kappa/Lambda Igs intensa del TP53

24 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA NON HODGKIN (> 5 x 10 9 /L cellule linfoidi anomale >4x 10 9 /L circolanti) Linfoma splenico con linfociti villosi circolanti Linfoma follicolare Linfoma mantellare Linfoma marginale Linfoma linfoplasmocitoide Linfoma a grandi cellule Linfoma di Burkitt

25 Leucociti normali o poco aumentati Lieve anemia e piastrinopenia No monocitopenia Splenomegalia (polpa bianca) LINFOMA SPLENICO CON LINFOCITI VILLOSI CIRCOLANTI Linfoma marginale splenico CD19 ++ CD22 ++ CD20++ CD23 CD5- CD10- CD38 -/+ CD25 -/+ CD11c-/ + CD103 - Kappa/Lambda Igs intensa d(7q31) t(11;14)

26 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA FOLLICOLARE

27 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA FOLLICOLARE Igs intensa; CD5 -, CD19+,CD22 +; CD43-,CD23-,CD25- CD10 +,CD38-/+,CD11c- Kappa o Lambda Leucocitosi moderata, a volte elevata Linfoadenopatie asintomatiche t(14;18) (q32;q21)

28 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA MANTELLARE B immaturi,vergini,precentro germinativo Forma classica Variante blastoide

29 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA MANTELLARE Forma classica CD19 ++ CD5 ++ CD23 - Variante blastoide CD22 ++ CD20++ CD43 -/+ Kappa/Lambda Igs moderata t(11;14) q13;q32 Linfoadeno e splenomegalia Febbre,calo ponderale,sudorazione Ciclina D1

30 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA MARGINALE (linfoma a cellule B monocitoidi) Rara invasione s.periferico Polimorfismo dei linfociti CD19+ CD5- CD10- CD25- CD11c+ CD43+

31 LINFOMA LINFOPLASMACITICO e MACROGLOBULINEMIA di WALDENSTROM Leucociti nella norma Banda monoclonale Anemia e neutropenia (nel Waldestrom) SmIg CyIg ++ CD19-/+ CD5- CD10- CD23- CD20+ CD22+, CD79a+ CD10-/+ CD25-/+ CD38+dim CD138-/+ t(9;14)

32 FASE LEUCEMICA DI LINFOMI DIFFUSI A GRANDI CELLULE Molto rara, soprattutto all esordio Cellule pleomorfe, con abbondante citoplasma basofilo, nucleo rotondo o, più spesso, irregolare o lobulato Criteri citochimici, immunologici e molecolari sono utili per la D.D. con la leucemia monoblastica immunoblasti centroblasti

33 Linfoma non Hodghin a grandi cellule B leucemizzato (B maturi con diverso grado di differenziazione) IgS+ CD19+ CD79a+ CD20+ CD5+, CD10+ CD30+ BCL6 t(3;14) Linfoadenomegalie Leucemizzazionenella fase terminale

34 IgS + CD19+ CD20++ CD22++ CD5- CD79a+ CD79b+ CD10+ FASE LEUCEMICA DI LINFOMA DI BURKITT t(8,14) MYC t(2;8) t(8;22)igi Forma endemica, africana (EBV,malaria) Forma sporadica (europa,nord america) Forma con infezione HIV+

35 LEUCEMIA A PLASMACELLULE (>20% delle cellule circolanti/>2x10 9 /L)

36 LEUCEMIA A PLASMACELLULE Mieloma leucemizzato Igs assente, Igc +,CD45 -,CD19 -,CD20 -,CD22 -, FMC7 - CD23 -,CD25 -,CD56+, CD38 ++, CD138 ++,CD10+/-,CD117+ t(11;14) t(4;14) cariotipo iper o ipodiploide delezioni 13q-,17p-,1ptrisomia 1.18,6,9,15

37 LEUCEMIA A PLASMACELLULE De novo Epato,spleno,linfoadeno megalie Leucocitosi,anemia, piastrinopenia Igs assente Igc + CD19 - CD20+ + CD38 ++ CD CD45- CD56- CD117- t(11;14) cariotipo no iperdiploide trisomia 1,trisomia 18 monosomia 1 monsomia 13 monosomia X

38 2008 WHO Classification of (LAL) B ort or NK-Precursor-Cell Neoplasms Neoplasie Linfoblastiche/LinfomiB con anomalie genetiche ricorrenti Neoplasie Linfoblastiche/Linfomi NOS ( FAB-L1 o FAB-L2) Neoplasie Linfoblastiche/Linfomi T Neoplasie Linfoblastiche/Linfomi NK NeoplasieLinfoblastiche/Linfomacorrelate a terapie

39 FAB L1 L2 L3 Esame morfologico: ancora un cardine nella diagnosi di leucemia G. Basso

40 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

41 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

42 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

43 CONTAGLOBULI di ultima generazione Dott V.Rocco Nella CONTA delle cellule gli strumenti sono estremamente più ACCURATI e PRECISI dell uomo Nell interpretazione, valutazione al M.O. e stesura del REFERTO l uomo rimane insostituibile

44 C e l l S i z e Peroxidase Activity in the Cytoplasm

45 C e l l S i z e Nuclear Shape and Density

46 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

47 P6D1 P6 P6 D1 D1 LAM-M3v LAM-M3

48 CD13+,CD33+, HLA-DR-,CD9+,CD68+ AML-M3

49 AML-M3v t(15;17)(q22;q21) PML-RARalfa

50 LAM-M4

51 Anni 4 LAM M7 NON CROMOSOMOPATIA S.P. blasti 12% LAM M7 Dott.R.Mazzone

52 Anni 90 LAM M7 S.P. blasti 27%

53 LAM M7 CD41+

54 Sangue periferico D1 P2 Aspirato midollare P2 D1 LAM-M2 P2D1

55 S.P. A.M. P0 D1 P0D1 LAM-M5

56 AML T-ALL peripheral blood

57 Aspirato midollare Blasti in pregresso SLVL

58 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

59 FLUOROCROMO ANTICORPO ANTIGENE

60 FLUOROCROMO ANTICORPO ANTIGENE

61 CITOMETRIA A FLUSSO E UN METODO DI SCELTA PER: INDIVIDUARE LA LINEA CELLULARE INDIVIDUARE LO STADIO MATURATIVO DELLA CELLULA INDIVIDUARE L EVENTUALE CLONALITA INDIVIDUARE FENOMENI DI ETEROGENEITA FENOTIPICA QUANTIFICARE LE CELLULE EMOPOIETICHE

62 SCELTA DEI MONOCLONALI DA UTILIZZARE PANELLO AD AMPIO SPETTRO PANELLO DI MINIMA SEGUITO DA UN PANELLO PIU APPROFONDITO PANELLO SELEZIONATO DOPO ESAME MORFOLOGICO E NOTIZIE CLINICHE

63 flow-cytometry in acute leukemia lineage definition specific sensitive AML B-lineage ALL T-lineage ALL cmpo CD13/CD33 ccd79a CD19 ccd3 CD7

64 LA LOGICA APPLICATA ALLA DIAGNOSI La diagnosi di leucemia acuta è una delle rare condizioni in cui il laboratorio è l attore principale della diagnosi, talora anche indipendentemente dalla clinica. Infatti non fornisce solo dei risultati da interpretare, ma anche una interpretazione degli stessi, guidando l approccio terapeutico Prof. Basso (PD)

65 Aspirato midollare patologico Normale

66

67 CD41+

68 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

69 Immunoistochimica MPO MPO MPO CD79a

70

71 L analisi citogenetica fornisce indicazioni relativamente a: - Diagnosi - Prognosi Condiziona le scelte terapeutiche Contribuisce alla verifica della risposta alla terapia - Segnala l evoluzione della patologia

72 Diagnostic Algorithms Attilio Orazi, MD, FRCPath. (Engl.) Weill Cornell Med Center, New York, NY -- USA

73 Algorithmic Approach Morphologic Review >20% Blood or Marrow Blasts <20% Blood or Marrow Blasts

74 Algorithmic Approach in AML >20% Blood or Marrow Blasts Immunophenotype Mixed? Myeloid Precursor B Precursor T

75 Algorithmic Approach in AML >20% Blood or Marrow myeloid blasts [blast cut-off not required for t(8;21), inv(16), t(16;16), t(15;17), Down syndrome, or AEL] Down syndrome History and Genetics Hx of cytotoxic therapy Therapyrelated AML Recurrent genetic abnormality None PriorMDSor MDS-related cytogenetics Morphology for multi- lineage dysplasia Present AML with myelodysplasiarelated changes Absent NPM1 or CEBPA + mutated - Myeloid proliferation of Down Syndrome AML with recurrent genetic abnormality AML, not otherwise specified

76 Nuovi marker molecolari FLT3 recettore tirosin chinasi,presente sulla superficie dei progenitori ematopoietici ed è fondamentale per la sopravvivenza e differenziazione delle cellule.nel 30% di LAM si osserva mutazione di FLT3 ITD associata a leucocitosi ed alto numero di blasti WT1 (Wilms tumor 1) è una proteina con probabile funzione di oncosoppresione,correlata a molte forme leucemiche,il suo mrna è espresso a bassi livelli nell individuo sano,iper-epresso nel pz. leucemico. Diventa quindi fondamentale,oltre che per la diagnosi,come marker prognostico, nel follow-up del pz,in tutti i casi di leucemia,anche nei pz privi di alterazioni citogenetiche e molecolari evidenti.

77 NPM1 (nucleofosmina) -60% delle LMA con cariotipo normale hanno mutazioni somatiche nell esone 12 del gene NPM1 -si localizza in maniera atipica nel citoplasma delle cellule atipiche (NPM1c+) -le mutazioni di NPM1 isolate si associano a migliore risposta alla terapia. -le mutazioni del gene NPM1 associate con mutazioni del gene FLT3-ITD hanno una prognosi sfavorevole -le mutazioni del gene NPM1 possono essere identificate attraverso metodiche diverse:sequenziamento,rt- PCR,ASO-RT-PCR,cromatografia liquida,elettroforesi capillare,immunoistochimica,westernblot, immunofluorescenza,citometria a flusso con anticorpi specifici(t26)

78 CEBPA: Gene che codifica fattore di trascrizione WHO 2008 :AML con mutazione CEBPA,in assenza di altre mutazioni E spesso associata a AML-M1,meno frequente in AML-M2.M4,M5. Coespressione CD7 Correla con una buona prognosi (di piu se è assente la mutazione FLT3-ITD) 4% delle AML con cariotipo normale hanno mutazioni di CEBPA e NPM1.

79 Le Sindromi Mielodisplastiche Un gruppo eterogeneo di malattie neoplastiche clonali della cellula staminale ematopoietica Incidenza al di sopra di 60 anni, 0.75/1000/anno Caratteristiche Displasia Emopoiesi inefficace

80 Sindromi Mielodisplastiche Caratteristiche Midollo cellularità normale o aumentata Citopenia Ci può essere un aumento nel numero dei blasti Infrequente cellularità ridotta Qualche volta conteggi aumentati

81 Sindromi Mielodisplastiche (WHO 2008) *Citopenia refrattaria con displasia unilineare (CRDU) anemia refrattaria (AR),neutropenia refrattaria (NA),piastrinopenia refrattaria (PR) (blasti s.p.<1%;blasti a.m. <5%) *Anemia refrattaria con sideroblasti ad anello (ARSA) (blasti s.p. assenti;blasti a.m. <5%,sideroblasti>15%) *Citopenia refrattaria con displasia multilineare (CDRM) (blasti s.p.<1%;blasti a.m.<5%,assenti corpi di auer) *Anemia refrattaria con eccesso di blasti 1 (AREB1) ( blasti s.p.<5%; >5%blasti a.m. <9%,assenti auer,monociti<1000 *Anemia refrattaria con eccesso di blasti 2 (AREB2) (>5%blasti s.p. <19%; >10%blasti a.m. <19%,auer presenti *Sindrome mielodisplastica non classificata (SMD-NC) (blasti<1% s.p.; blasti<5%a.m.) *Sindrome mielosisplastica associata a del (5q) isolata (SMD 5q-) blasti<1% s.p.;blasti <5% a.m.,auer assenti,megacariociti ipolobulati) *Citopenia refrattaria del bambino (CR-B) (blasti <2%s.p.;blasti<5% a.m.

82 C è stato chemioterapia/radioterapia? Sì t-smd No Ci sono 5-19% di blasti nel SP o 10-19% di blasti nel MO o corpi di Auer? Si No Yes RAEB-II No Continuate

83 Blasti nel SP sono meno di 5% e nel MO tra il 5-9%? Sì No C è 5q solo? Sindrome di 5q AREB-1 C è displasia multilineare? Sì CRDM o CRDM-S No CR o RARS

84 Neoplasie Mieloproliferative (WHO 2008) Leucemia Mieloide Cronica BCR-ABL1 positiva (CML) Leucemia Neutrofila Cronica (CNL) Policitemia Vera (PV) Mielofibrosi Primaria (PMF) Trombocitemia Essenziale (ET) Leucemia Eosinofila Cronica (CEL NOS) Mastocitosi Meoplasie Mieloproliferative Inclassificabili (MPN-U)

85 MDS/MPN (WHO 2008) Leucemia Mieloide Cronica Atipica (acml) Leucemia Mielomonocitica Cronica (CMML) Leucemia Mielomonocitica Cronica Giovanile (JMML) Neoplasie MDS/MPN non classificabili (MDS/MPN-U) Entità Provvisoria: ARSA-t

86 PRIMOCASO CLINICO: DONNA 62 ANNI PRONTO SOCCORSO 30/07/2010 (venerdi pomeriggio!) MARCATA ASTENIA FEBBRE D.Tanca

87

88 Formula al M.O. Neutrofili: 47% Linfociti: 31% Monociti: 5% Eosinofili: 2% Basofili: 0% Blasti: 15% Striscio periferico: Marcata displasia dei neutrofili; 15%blasti mieloidi di medie/grandi dimensioni,in alcuni presente unico corpo di Auer. Confermata piastrinopenia CD34+,CD117+,HLA-DR+CD33+,CD19+ LAM-M2

89 Aspirato midollare

90 Morfologico aspirato midollare Campione pervenuto ricco di piccoli frustoli;ipercellulare. Serie mieloide marcatamente displastica;presenti neutrofili ipo/agranulati. Blasti mieloidi >30% della popolazione non eritroide,alcuni con unico corpo di Auer. Ipoplasia serie eritroide. Megacariociti assenti. Orientamento diagnostico: LAM-M2.

91 CD33+,CD19+

92 Immunofenotipo: Displasia della serie mieloide Blasti>20% CD34+,CD117+,CD33+,CD13+,CD38+, HLA-DR+,CD16-,CD14-,CD66b-,CD11b- CD19+,3%CD7+ e CD56+. t (8;21)?

93 CITOGENETICA conferma t (8;21)

94 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

95 SECONDOCASO CLINICO: UOMO DI 61 ANNI AMBULATORIALE 28/02/2006 D.Tanca

96 Striscio periferico :morfologico compatibile con LMC LDH 1185 U/L Score FAL 10 No splenomegalia Fish:t(9;22) senza delezioni dei geni ABL e BCR coinvolti nella traslocazione;cromosoma Ph+ Terapia con Glivec;remissione.

97

98 56% blasti CD45low,CD34+,CD33+CD13+low,CD19+ S.P. : 40% blasti (MPO -)

99 CD45low,CD34+,CD33+, CD13+low,HLA-DR+,CD19+. Aspirato midollare

100 Aspirato midollare 80% blasti

101 Analisi molecolare del gene BCR/ABL: valore BCR-ABL/ABLx quantitativo:33.85% Analisi mutazionale del gene Abl: nessuna evidenza di mutazione puntiforme Cariotipo: 46,xy,t(9;22)(q34,q11),-7.+ring Conclusioni: Tutte le metafasi analizzate presentano oltre il cromosoma Ph,monosomia del cromosoma 7 ed un ring di probabile derivazione del 7.

102 Conclusioni diagnostiche: LMC in evoluzione blastica da probabile trasformazione di una cellula progenitrice multipotente Leucemia ibrida, ambigua,con blasti mieloidi e linfoidi, o LAL?

103 Essendo blasti cmpo -, è stato inquadrado come LMC in evoluzione LAL Ph+ con coespressione di marcatori mieloidi

104 Resistenza al dasatinib iniziata chemioterapia

105 Inviato al trapianto Remisione molecolare

106 TERZOCASO CLINICO: UOMO 80 ANNI AMBULATORIALE LUGLIO 2010 SLVL D.Tanca

107 SLVL

108

109 Ottobre 2011

110

111

112 Aspirato midollare

113

114

115

116

117

118 Sangue periferico CD 34+,CD33+,CD38+ CD117- CD13-,HLA-DRcMPO? ccd3?,ccd79a? Aspirato midollare

119 IMMUNOFENOTIPO SANGUE PERIFERICO CD 34+,CD33+,CD11b+,CD38+ CD117-,CD13-,HLA-DR-,CD14-,CD16-,CD10- CD5+,CD7+,CD2-,CD56-, TdTcMPO?, ccd3?,ccd79a? ASPIRATO MIDOLLARE CD 34+,CD33+,CD11b+,CD38+,CD11c+,CD81+ CD117+,CD13?,HLA-DR+,CD14-,CD16+,CD10- CD5+,CD7+, CD2-, CD56-, TdTcMPO+ (8%),c CD3?,cCD79a?

120 BOM FRUSTOLO MIDOLLARE RAPPRESENTATO,CON SOSTITUZIONE ADIPOSA DEL 10%, RETICOLO ARGENTAFFINE MODICAMENTE E FOCALMENTE ADDENSATO (MF2). LA SERIE NATIVA ERITROIDE E MODERATAMENTE RIDOTTA, QUELLA MEGACARIOCITARIA MARCATAMENTE RIDOTTA ED INTERPOSTI SONO PRESENTI LINFOCITI DI PICCOLA TAGLIA A FENOTIPO SIA B CHE T. IL MIDOLLO E AMPIAMENTE SOSTITUITO DALLA PROLIFERAZIONE DI ELEMENTI BLASTICI LCA+, MORFOLOGICAMENTE E FENOTIPICAMMENTE RIFERIBILI ALLA SERIE MIELOIDE, CHE ESPRIMONO MIELOPEROSSIDASI CON INTENSITA +++ NEL 30% DELLA POPOLAZIONE, CON INTENSITA + NELLA RESTANTE. CD68 FOCALMENTE POSITIVO CON ASPETTO RETICOLARE. TALI ELEMENTI BLASTICI ESPRIMONO CD34 NEL 90% DELLA POPOLAZIONE PROLIFERANTE E CD117 NEL 70%. I BLASTI RISULTANO NEGATIVI PER CD3,CD5,CD20,CD79a,CD138,CD4,CD8. IL QUADRO MIDOLLARE SUGGERISCE UNA LEUCOSI ACUTA INDIFFERENZIATA CON ELEMENTI A FENOTIPO MIELOIDE

121 MPO IMMUNOISTOCHIMICA

122 MPO MPO MPO CD79a

123 CITOGENETICA TIPO DI ESAME: CARIOTIPO DA PRELIEVO DI SANGUE MIDOLLARE NON STIMOLATO METODICA UTILIZZATA:COLTURA A 24 ORE CON METAFASI SPONTANEE.Q-BANDING RISOLUZIONE BANDE NUMERO METAFASI OSSERVATE.15 CARIOTIPO: 90,XXYY,COMPLESSO CONCLUSIONI:CARIOTIPO NEAR TETRAPLOIDE CON NUMEROSI RIARRANGIAMENTI NUMERICI E STRUTTURALI (AD ESEMPIO DUPLICAZIONE PARZIALE DEL BRACCIO LUNGO DI UN CROMOSOMA 1)

124

125 Neoplasia Acuta Mieloide altamente indifferenziata

126 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified (LAM-0) Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

127 Febbraio 2012

128 QUARTO CASO CLINICO: UOMO 64 ANNI ESTERNO 09/03/2012 (venerdi sera!) MARCATO DIMAGRIMENTO D.Tanca

129 Sangue periferico

130 Aspirato midollare:blasti>30%

131 Sangue periferico 2%BLASTI CD34+ CD33+,CD13+,CD117+,MPO+ Aspirato midollare

132 Citogenetica negativa

133 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified (LAM-M1) Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

134 QUINTO CASO CLINICO: DONNA 74 ANNI PRONTO SOCCORSO 12/03/2013 MARCATO ASTENIA,FEBBRE PANCITOPENIA D.Tanca

135 Sangue periferico

136 Striscio periferico

137

138

139 Aspirato midollare

140 Aspirato midollare

141

142

143 Sangue periferico Aspirato midollare CD45low,CD34+,CD56+,CD4+,CD123+

144 CITOGENETICA Cariotipo:43-44,XX,ipodiploide clonale complesso Le metafasi osservate presentano cariotipo ipodiploide clonale complesso. Si osserva un marker acrocentrico e Uno o due frammenti apparentemente acentrici

145 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified (LAM-M1) Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

146

147

148 Grazie per l attenzione!!!

Percorsi diagnostici e neoplasie mieloidi. Dott.ssa Donatella Tanca

Percorsi diagnostici e neoplasie mieloidi. Dott.ssa Donatella Tanca Percorsi diagnostici e neoplasie mieloidi Dott.ssa Donatella Tanca Chicago, Feb. 2007 WHO/Clinical Advisory Meeting Chicago, Feb. 2007 WHO classification of neoplastic hematologic diseases Disease entities

Dettagli

22-23 aprile Sestri Levante

22-23 aprile Sestri Levante 22-23 aprile Sestri Levante CORSO DI MORFOLOGIA DELLO STRISCIO PERIFERICO: lo striscio periferico ci può dire qualcosa? guardare con attenzione!!! ASL 4 CHIAVARESE LABORATORIO ANALISI SETTORE EMATOLOGIA,

Dettagli

A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope

A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope Leach, M. J. N Engl J Med 2002;346:6e A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea,

Dettagli

LE SINDROMI MIELODISPLASTICHE. Sono disordini acquisiti clonali delle cellule staminali emopoietiche

LE SINDROMI MIELODISPLASTICHE. Sono disordini acquisiti clonali delle cellule staminali emopoietiche LE SINDROMI MIELODISPLASTICHE Sono disordini acquisiti clonali delle cellule staminali emopoietiche EMOPOIESI INEFFICACE (midollo ipercellulare) ANEMIA e/o NEUTROPENIA e/o PIASTRINOPENIA EVOLUZIONE IN

Dettagli

Sindromi Mielodisplastiche Morfologia e Diagnosi. Barbara Bain Sestri Levante 2013

Sindromi Mielodisplastiche Morfologia e Diagnosi. Barbara Bain Sestri Levante 2013 Sindromi Mielodisplastiche Morfologia e Diagnosi Barbara Bain Sestri Levante 2013 Le Sindromi Mielodisplastiche Caratteristiche Un gruppo eterogeneo di malattie neoplastiche Incidenza al di sopra di 60

Dettagli

U. O. di Ematologia Ospedale S. Donato - Arezzo. Leucemie Acute. Alessandra Caremani

U. O. di Ematologia Ospedale S. Donato - Arezzo. Leucemie Acute. Alessandra Caremani U. O. di Ematologia Ospedale S. Donato - Arezzo Leucemie Acute Alessandra Caremani Leucemie acute Definizione Le leucemie derivano da alterazioni molecolari presenti a livello di un precursore ematopoietico

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE

EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE Fattori ambientali HSC X? Alterazione genetica progenitore mieloide/linfoide Condizioni ereditarie? altro evento trasformante cellule leucemiche Cellule mature LEUCEMIE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

Federico Frusone EMATOLOGIA. Vademecum ematologia http://schemidialastor.altervista.org 1

Federico Frusone EMATOLOGIA. Vademecum ematologia http://schemidialastor.altervista.org 1 Federico Frusone EMATOLOGIA [Il Vademecum] Vademecum ematologia http://schemidialastor.altervista.org 1 [Tratto da: Schemi di Ematologia - http://schemidialastor.altervista.org/ ] 2 Vademecum ematologia

Dettagli

Leucemie: principi generali e fisiopatologia. Paolo Avanzini

Leucemie: principi generali e fisiopatologia. Paolo Avanzini Leucemie: principi generali e fisiopatologia Paolo Avanzini Schema Definizione Incidenza Classificazione Alcune descrizioni Fisiopatologia Alcuni casi particolari LEUCEMIE: COSA SONO Gruppo eterogeneo

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

LE MALATTIE MIELOPROLIFERATIVE CRONICHE PHILADELPHIA-negative MIELOFIBROSI IDIOPATICA

LE MALATTIE MIELOPROLIFERATIVE CRONICHE PHILADELPHIA-negative MIELOFIBROSI IDIOPATICA LE MALATTIE MIELOPROLIFERATIVE CRONICHE PHILADELPHIA-negative MIELOFIBROSI IDIOPATICA Prof A.M. Vannucchi - 2005 Mielofibrosi cronica idiopatica con metaplasia splenoepatica Malattia mieloproliferativa

Dettagli

Disordini linfoproliferativi: leucemie linfoidi

Disordini linfoproliferativi: leucemie linfoidi DIAGNOSTICA CITO-ISTOLOGICA DELLE MALATTIE LINFO-EMATOPOIETICHE NEI PICCOLI ANIMALI seminario organizzato nell'ambito del corso di Diagnostica cito-istologica veterinaria a.a. 2005-2006 Udine, Venerdì

Dettagli

Neoplasie della linea mieloide

Neoplasie della linea mieloide Neoplasie della linea mieloide - Malattie mieloproliferative croniche - Sindromi mielodisplastiche - Leucemia acuta mieloide Origine quasi sempre da cellula staminale pluripotente Neoplasie della linea

Dettagli

LEUCEMIA LINFOBLASTICA ACUTA

LEUCEMIA LINFOBLASTICA ACUTA LEUCEMIA LINFOBLASTICA ACUTA F.Casale LEUCEMIE IN ETA PEDIATRICA Epidemiologia 35-40% di tutti i tumori infantili 36-42 nuovi casi/anno/milione di bambini (0-15 anni) LEUCEMIE ACUTE 95-97% linfoblastiche

Dettagli

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia INDAGINI DI CARATTERIZZAZIONE CITOFLUORIMETRICA E GENETICO- MOLECOLARE PREFAZIONE La diagnosi delle malattie linfoproliferative si basa sull integrazioni delle informazioni istomorfologiche con i dati

Dettagli

Prof. Alberto Bosi Dipartimento di Area Critica Medico-Chirurgica Unità funzionale di Ematologia Università degli studi di Firenze

Prof. Alberto Bosi Dipartimento di Area Critica Medico-Chirurgica Unità funzionale di Ematologia Università degli studi di Firenze Prof. Alberto Bosi Dipartimento di Area Critica Medico-Chirurgica Unità funzionale di Ematologia Università degli studi di Firenze Firenze, 18/11/2010 PROGETTO DI RICERCA Studio della correlazione fra

Dettagli

Le Sindromi Mielodisplastiche

Le Sindromi Mielodisplastiche Le Sindromi Mielodisplastiche Francesco Merli Ematologia, ASMN Reggio Emilia Definizione Le Sindromi Mielodisplastiche (MDS) costituiscono un gruppo eterogeneo di disordini clonali della cellula staminale

Dettagli

Corso di aggiornamento annuale per operatori dei Registri Tumori. 11 settembre 2013 I MARKER TUMORALI NELLE LEUCEMIE, LINFOMI E MIELOMI

Corso di aggiornamento annuale per operatori dei Registri Tumori. 11 settembre 2013 I MARKER TUMORALI NELLE LEUCEMIE, LINFOMI E MIELOMI Corso di aggiornamento annuale per operatori dei Registri Tumori 11 settembre 2013 I MARKER TUMORALI NELLE LEUCEMIE, LINFOMI E MIELOMI Adriano Giacomin, Stefano Luminari 1.a PREMESSA GENERALE MARKERS UTILI

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Come non perdere le tracce della diagnostica emolinfopatologica. Francesco Merli Ematologia ASMN-IRCCS Reggio Emilia

Come non perdere le tracce della diagnostica emolinfopatologica. Francesco Merli Ematologia ASMN-IRCCS Reggio Emilia Come non perdere le tracce della diagnostica emolinfopatologica Francesco Merli Ematologia ASMN-IRCCS Reggio Emilia Malattie oncoematologiche Gruppo di neoplasie che originano dalle cellule mature del

Dettagli

Rho, 17 maggio 2010 CORSO DI BASE AIRTUM LINFOMI E LEUCEMIE. Dr. Adriano Giacomin RT Piemonte, Provincia di Biella (CPO)

Rho, 17 maggio 2010 CORSO DI BASE AIRTUM LINFOMI E LEUCEMIE. Dr. Adriano Giacomin RT Piemonte, Provincia di Biella (CPO) Rho, 17 maggio 2010 CORSO DI BASE AIRTUM LINFOMI E LEUCEMIE Dr. Adriano Giacomin RT Piemonte, Provincia di Biella (CPO) Il percorso affronterà i 3 ambiti delle emolinfopatie: LINFOMI E LEUCEMIE LINFATICHE

Dettagli

leucemia linfatica cronica

leucemia linfatica cronica leucemia linfatica cronica Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati Immagini di copertina: gentile concessione Le Scienze (nov. 1995, n. 327, pag. 83; ott. 1999, n. 374, pag. 28;

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori 02 20133 milano - via venezian, 1 - tel. 02 23901 - telex 333290 tumist I - codice fiscale 80018230153 - partita i.v.a. 04376350155 Dipartimento di Patologia

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche Insegnamento di Patologia Generale e Terminologia Medica

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche Insegnamento di Patologia Generale e Terminologia Medica Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche Insegnamento di Patologia Generale e Terminologia Medica Dr. Marco Cei e Dr. Alberto Genovesi Ebert UO Medicina 1 - Cardiologia e UTIC Azienda USL

Dettagli

Oncologica. Seminari di Ematologia. Controversie NEL PROSSIMO NUMERO

Oncologica. Seminari di Ematologia. Controversie NEL PROSSIMO NUMERO ISSN 2038-2839 Editor in chief Giorgio Lambertenghi Deliliers Anno 7 Numero 2 2010 Seminari di Ematologia Oncologica NEL PROSSIMO NUMERO LEUCEMIA LINFATICA CRONICA Storia naturale Fattori prognostici Linfocitosi

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

PARTE PRIMA - EMOPOIESI E MIELOPOIESI

PARTE PRIMA - EMOPOIESI E MIELOPOIESI INDICE Prefazione... IX PARTE PRIMA - EMOPOIESI E MIELOPOIESI... 1 EMOPOIESI... 1 Cenni generali... 1 Anatomia e fisiologia del midollo osseo... 1 Organizzazione dell emopoiesi... 3 Caratteristiche immunofenotipiche

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

CITOGENETICA MOLECOLARE IN ONCOEMATOLOGIA

CITOGENETICA MOLECOLARE IN ONCOEMATOLOGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Scuola di dottorato in Scienze Biomediche Direttore Prof. Eusebio Tolu Indirizzo Genetica Medivca Malattie Metaboliche e Nutrigenomica Responsabile Prof. Francesco Cucca

Dettagli

Leucemie acute e mielodisplasie

Leucemie acute e mielodisplasie CAPITOLO 51 Massimo Bernardi Fabio Ciceri Leucemie acute e mielodisplasie 1117 Leucemie acute 2010 ELSEVIER S.R.L. Tutti i diritti riservati. Definizione Le leucemie acute sono un gruppo eterogeneo di

Dettagli

Valutazione del profilo di espressione genica nello studio della leucemia linfatica cronica

Valutazione del profilo di espressione genica nello studio della leucemia linfatica cronica Università degli studi di Roma Sapienza Dipartimento di Biotecnologie Cellulari ed Ematologia Sezione di Ematologia Dottorato di Ricerca in Scienze Ematologiche XXI ciclo TESI Valutazione del profilo di

Dettagli

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Il materiale presente in questo documento viene distribuito solamente per uso interno ed esclusivamente a scopo didattico. Anticorpo o immunoglobulina! IL legame

Dettagli

DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE

DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE UO di Oncologia Ospedale del Ceppo, Pistoia DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE NEL MIELOMA MULTIPLO Pistoia 10 Novembre 2012 Dr. ssa Carla Breschi APPROCCIO AL PAZIENTE CON SOSPETTO MIELOMA INDAGINI DI LABORATORIO

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

Oncologica. Seminari di Ematologia. Oncoematologia pediatrica NEL PROSSIMO NUMERO

Oncologica. Seminari di Ematologia. Oncoematologia pediatrica NEL PROSSIMO NUMERO ISSN 2038-2839 Editor in chief Giorgio Lambertenghi Deliliers Anno 9 Numero 3 2012 Seminari di Ematologia Oncologica NEL PROSSIMO NUMERO BIOMARKERS Per una terapia mirata Mielodisplasie Leucemie acute

Dettagli

sindromi mielodisplastiche

sindromi mielodisplastiche sindromi mielodisplastiche Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati Immagini di copertina: gentile concessione Le Scienze (nov. 1995, n. 327, pag. 83; nov. 1993, n. 303, pag. 30;

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

I marker tumorali nelle leucemie, Linfomi e mielomi

I marker tumorali nelle leucemie, Linfomi e mielomi I marker tumorali nelle leucemie, Linfomi e mielomi Camerino 11-13 Settembre 2013 Dr. Stefano Luminari Modena Dr. Adriano Giacomin Biella Classificazione dei marcatori tumorali circolanti a) Sostanze con

Dettagli

Disordini Linfoproliferativi

Disordini Linfoproliferativi Disordini Linfoproliferativi Patologiedeiglobulibianchi Disordini Linfoproliferativi Esistonodue grandicategorie dipatologiedei GB: leucopenie(riduzionedel numero) disordini proliferativi Le proliferazionipossonoesseredidue

Dettagli

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B.

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1 CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA PROGNOSTIC FACTOR PROJECT Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1-PROTOCOL Sinossi O-CLL1-sinossi,

Dettagli

10 anni di. Ematologia a Venezia. Convegno. 25 novembre 2004. 26 novembre 2004 PROGRAMMA. Venezia, Mestre, Prof. Teodoro Chisesi

10 anni di. Ematologia a Venezia. Convegno. 25 novembre 2004. 26 novembre 2004 PROGRAMMA. Venezia, Mestre, Prof. Teodoro Chisesi 25 novembre 2004 Venezia, Convegno Biblioteca S. Domenico O.C. SS. Giovanni e Paolo 10 anni di Ematologia a Venezia Prof. Teodoro Chisesi 26 novembre 2004 Mestre, Laguna Palace Hotel and Conference Center

Dettagli

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING dott.ssa Alessandra Cuccurullo EXOME SEQUENCING Anche noto come targeted exome capture. Strategia per sequenziare selettivamente

Dettagli

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011 SCUOLA REGIONALE DI DI FORMAZIONE SPECIFICA IN IN MEDICINA GENERALE -- CORSO 2008-2011 IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO Dott.ssa Laura Laura Albertazzi Dott.ssa Maria Maria Brini Brini Reggio Emilia,

Dettagli

I dati morfo-fenotipici, genotipici e clinici hanno permesso di suddividere il linfoma di Hodgkin in quattro gruppi istologici.

I dati morfo-fenotipici, genotipici e clinici hanno permesso di suddividere il linfoma di Hodgkin in quattro gruppi istologici. LINFOMA DI HODGKIN Il linfoma di Hodgkin (LH) è una neoplasia di derivazione linfoide che rappresenta circa l 1% dei tumori che annualmente insorgono de novo nel mondo. La sede di esordio del linfoma di

Dettagli

IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA

IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA Presenta:

Dettagli

Associazione Laura Coviello

Associazione Laura Coviello Associazione Laura Coviello di volontariato per la lotta contro la leucemia L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici

Dettagli

INCIDENZA DI LLA E LMA PER CLASSI DI ETA'

INCIDENZA DI LLA E LMA PER CLASSI DI ETA' MALATTIE ONCOEMATOLOGICHE 1.leucemie acute 2.leucemie croniche 3.linfomi a) di Hodgkin b) non-hodgkin 4.mielomi MALATTIE EMATOLOGICHE CLONALI NEOPLASTICHE MALATTIE LINFOPROLIFERA- TIVE FORME APLASTICHE

Dettagli

Normale morfologia del sangue midollare INCIDENZA DI LLA E LMA PER CLASSI DI ETA' LMA LLA

Normale morfologia del sangue midollare INCIDENZA DI LLA E LMA PER CLASSI DI ETA' LMA LLA MALATTIE ONCOEMATOLOGICHE 1.leucemie acute 2.leucemie croniche 3.linfomi a) di Hodgkin b) non-hodgkin 4.mielomi MALATTIE EMATOLOGICHE CLONALI NEOPLASTICHE MALATTIE LINFOPROLIFERA- TIVE PATOLOGIE MIELOIDI

Dettagli

Dr Rocco Vincenzo A.O. G. Rummo Benevento. Le Mielodisplasie: Aspetti Clinici e Strumentali

Dr Rocco Vincenzo A.O. G. Rummo Benevento. Le Mielodisplasie: Aspetti Clinici e Strumentali Dr Rocco Vincenzo A.O. G. Rummo Benevento Le Mielodisplasie: Aspetti Clinici e Strumentali Definizione Definizione WHO 2008 delle MDS Le Sindromi Mielodisplastiche (MDS) sono un gruppo di patologie clonali

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pagliarini Aura Indirizzo Strada Terza, n 16 - Asola ( MN ) Telefono 0372 405461-2 Fax 0372 431768 E-mail a.pagliarini@ospedale.cremona.it

Dettagli

XIII Congresso Nazionale SIES Società Italiana di Ematologia Sperimentale Rimini, Palacongressi, 15-17 ottobre 2014

XIII Congresso Nazionale SIES Società Italiana di Ematologia Sperimentale Rimini, Palacongressi, 15-17 ottobre 2014 XIII Congresso Nazionale SIES Società Italiana di Ematologia Sperimentale Rimini, Palacongressi, 15-17 ottobre 2014 Mercoledì 15 Ottobre 2014 PROGRAMMA ISTITUZIONALE 10:30 11:00 SALA PLENARIA Opening Lecture

Dettagli

Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce

Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce Alessandro M. Vannucchi Laboratorio Congiunto MMPC Università degli Studi e Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze In una goccia di sangue..

Dettagli

Mielofibrosi Idiopatica

Mielofibrosi Idiopatica Mielofibrosi Idiopatica Introduzione Questa malattia denominata in precedenza mielofibrosi idiopatica, dal 2007 viene definita come Mielofibrosi Primaria per distinguerla dalle forme di Mielofibrosi Secondaria,

Dettagli

Università degli Studi di Udine

Università degli Studi di Udine Università degli Studi di Udine CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE E TECNOLOGIE CLINICHE CICLO XXIV TESI DI DOTTORATO DI RICERCA MECCANISMI EPIGENETICI ALLA BASE DELL ESPRESSIONE DEL GENE BAALC NELLE

Dettagli

Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta

Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta 2 Workshop Nazionale SIES Ematologia Traslazionale Verona, 21-22 Maggio 2009 Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta Simona Salati Universita di Modena and Reggio Emilia

Dettagli

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI U. O. ANATOMIA PATOLOGICA - LEGNANO Direttore Dott.ssa Agnese Assi Telefono segreteria: 0331/449358-449266 Fax:0331/449266 e-mail: anatomopatologialegnano@ao-legnano.it Indirizzo: Via Candiani,2-20025

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

La Total Body Irradiation (T.B.I.) nel trattamento delle neoplasie emolinfopoietiche

La Total Body Irradiation (T.B.I.) nel trattamento delle neoplasie emolinfopoietiche UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Tesi di Laurea La Total Body Irradiation (T.B.I.) nel trattamento delle neoplasie emolinfopoietiche

Dettagli

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site:

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: CASI CLINICI Dr.ssa Paola Baccarini, U.O. Anatomia Patologica

Dettagli

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo.

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. IMMUNOLOGIA L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. L'IMMUNOPATOLOGIA analizza i casi in cui il sistema immunitario non funziona correttamente:

Dettagli

Linfomi indolenti. www.fisiokinesiterapia.biz

Linfomi indolenti. www.fisiokinesiterapia.biz Linfomi indolenti www.fisiokinesiterapia.biz I LINFOMI NON HODGKIN (LNH) Gruppo eterogeneo di neoplasie linfoidi caratterizzate da proliferazione ed accumulo di elementi linfoidi neoplastici (proliferazione

Dettagli

vorrei sentimenti mielofibrosi forza controllo riuscire corpo speranza cure paura giorni casa fare conosciamola meglio domani

vorrei sentimenti mielofibrosi forza controllo riuscire corpo speranza cure paura giorni casa fare conosciamola meglio domani AIL Associazione Italiana contro le Leucemielinfomi e mieloma ONLUS Via Casilina, 5 00182 - Roma tel 06 7038601 www.ail.it ail@ail.it 1217351 cure paura sentimenti fare forza corpo mielofibrosi domani

Dettagli

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias INTRODUZIONE Il mio progetto di ricerca, finanziato dall Associazione Damiano per l Ematologia, si è inserito in un più ampio studio di caratterizzazione

Dettagli

Az.Osp. San Camillo-Forlanini Roma. Guida per i pazienti. a cura del Dr. Stefano Mancini Ematologia e Trapianti di cellule staminali

Az.Osp. San Camillo-Forlanini Roma. Guida per i pazienti. a cura del Dr. Stefano Mancini Ematologia e Trapianti di cellule staminali Az.Osp. San Camillo-Forlanini Roma Le sindromi mielodisplastiche Guida per i pazienti a cura del Dr. Stefano Mancini Ematologia e Trapianti di cellule staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini

Dettagli

Mielofibrosi. Per conoscerla meglio

Mielofibrosi. Per conoscerla meglio Mielofibrosi Per conoscerla meglio Distribuito con il supporto di Mielofibrosi Per conoscerla meglio Questo manuale è frutto dell impegno di studiosi italiani particolarmente esperti in questa malattia,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca Dipartimento di Scienze della Vita XXI Ciclo di Dottorato in Patologia Sperimentale e Clinica settore scientifico disciplinare:

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo Nome ed Indirizzo Mangoni Marcellina ( Lina) Via Ruggero da Parma 3 43100 Parma Qualifica professionale Prof. Associato II Fascia Med /15 Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche Cattedra di

Dettagli

MASTOCITOSI M. Triggiani, D. Magliacane, G. Marone Cattedra di Allergologia ed Immunologia Clinica Università degli Studi di Napoli Federico II

MASTOCITOSI M. Triggiani, D. Magliacane, G. Marone Cattedra di Allergologia ed Immunologia Clinica Università degli Studi di Napoli Federico II MASTOCITOSI M. Triggiani, D. Magliacane, G. Marone Cattedra di Allergologia ed Immunologia Clinica Università degli Studi di Napoli Federico II La mastocitosi è una malattia rara caratterizzata da un abnorme

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013 Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Prof. Massimo Triggiani Presidente Società Italiana di Allergologia

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DELL EMOCROMO NELLE ANEMIE. Torino, 30 novembre 2007 Dr.ssa Maddalena Saitta

L INTERPRETAZIONE DELL EMOCROMO NELLE ANEMIE. Torino, 30 novembre 2007 Dr.ssa Maddalena Saitta L INTERPRETAZIONE DELL EMOCROMO NELLE ANEMIE Torino, 30 novembre 2007 Dr.ssa Maddalena Saitta DEFINIZIONE DI ANEMIA RIDUZIONE DEL LIVELLO DI EMOGLOBINA NEL SANGUE con o senza Riduzione del numero dei globuli

Dettagli

Anche tu puoi aiutare l Associazione Laura Coviello associandoti ad essa o con donazioni libere.

Anche tu puoi aiutare l Associazione Laura Coviello associandoti ad essa o con donazioni libere. Associazione Laura Coviello di volontariato per la lotta contro la leucemia L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici

Dettagli

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi Dr.ssa Claudia Mannu Laboratorio di Patologia Molecolare,

Dettagli

Profilo di espressione genica nelle sindromi mielodisplastiche

Profilo di espressione genica nelle sindromi mielodisplastiche Profilo di espressione genica nelle sindromi mielodisplastiche Andrea Pellagatti LRF Molecular Haematology Unit John Radcliffe Hospital Oxford Sindromi mielodisplastiche (MDS) - Gruppo eterogeneo di disordini

Dettagli

Le sindromi mielodisplastiche: guida per il paziente

Le sindromi mielodisplastiche: guida per il paziente ITALY Le sindromi mielodisplastiche: guida per il paziente Sesta edizione Dr. John M. Bennett the myelodysplastic syndromes foundation, inc. Pubblicazione a cura della The Myelodysplastic Syndromes Foundation,

Dettagli

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO Nicola Giuliani U. O. Ematologia e CTMO, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma MM-EPIDEMIOLOGIA 10% di tutti i tumori del sangue Malattia dell

Dettagli

Analisi della Malattia Minima Residua

Analisi della Malattia Minima Residua XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Analisi della Malattia Minima Residua Dr.ssa Anna Gazzola Laboratorio di Patologia Molecolare, Sezione di Emolinfopatologia,

Dettagli

IL SANGUE: BENE PREZIOSO. Come curarlo quando si ammala e nuovi risultati terapeutici.

IL SANGUE: BENE PREZIOSO. Come curarlo quando si ammala e nuovi risultati terapeutici. Martedì Salute Torino, 10 marzo 2015 IL SANGUE: BENE PREZIOSO. Come curarlo quando si ammala e nuovi risultati terapeutici. Dr Umberto Vitolo Dr.ssa Lorella Orsucci Dr.ssa Patrizia Pregno S.C. Ematologia

Dettagli

Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto.

Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto. Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto. Vincenzo Saturni Ascoli Piceno, 29 settembre 2012 Cellule staminali Cellule non specializzate,

Dettagli

LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE

LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE Le gammaglobuline o immunoglobuline (termine abbreviato Ig) sono anticorpi che servono alla difesa dell'organismo contro agenti

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz I compartimenti staminali nei tessuti: sede, meccanismi, potenzialità terapeutiche

www.fisiokinesiterapia.biz I compartimenti staminali nei tessuti: sede, meccanismi, potenzialità terapeutiche www.fisiokinesiterapia.biz I compartimenti staminali nei tessuti: sede, meccanismi, potenzialità terapeutiche Le cellule staminali dell epidermide Il follicolo pilifero contiene cellule staminali multipotenti

Dettagli

Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria

Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria Antonio Carminato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie acarminato@izsvenezie.it Percorso oncologico Mestre Diagnosi di linfoma:

Dettagli

GAMMAPATIE MONOCLONALI

GAMMAPATIE MONOCLONALI GAMMAPATIE MONOCLONALI Il termine gammapatia monoclonale fa riferimento ai disordini linfoproliferativi cronici contrassegnati dalla produzione di elevate quantità di catene immunoglobuliniche di tipo

Dettagli

Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati

Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati linfomi non Hodgkin Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati Le immagini di copertina sono state gentilmente concesse dalla rivista Le Scienze : nov. 1995, n. 327, pag. 83; nov.

Dettagli

Mononucleosi infettiva

Mononucleosi infettiva Mononucleosi infettiva Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La mononucleosi infettiva è una malattia acuta ad andamento quasi sempre spontaneamente benigno che interessa il sistema reticolo-istiocitario,

Dettagli

FORME LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE

FORME LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE FORME LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE Organi linfatici primari Organi linfatici periferici mig M.O. B Sangue RICIRCOLAZIONE Progenitore linfocitario Linfonodi Milza Tess. linfatico associato alle mucose/cute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Anno Accademico 2008/2009 Tesi di Laurea MUTAZIONI DI WT1: ANALISI DEL SIGNIFICATO

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 11 giugno 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 11 giugno 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Giovedì 11 giugno 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 4 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 9 Prime Pagine 14 Rassegna associativa

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

Prof. Maria Alessandra Santucci

Prof. Maria Alessandra Santucci La famiglia Abl consiste di due isoforme Abl (1a e 1b ) e due isoforme Arg (1a e 1b). Le isoforme di tipo b contengono un sito di miristoilazione all N-teminale che manca nelle isoforme a. c-abl è una

Dettagli

Oncologica. Seminari di Ematologia. Leucemia mieloide acuta NEL PROSSIMO NUMERO

Oncologica. Seminari di Ematologia. Leucemia mieloide acuta NEL PROSSIMO NUMERO Editor in chief Giorgio Lambertenghi Deliliers Anno 6 Numero 3 2009 Seminari di Ematologia Oncologica NEL PROSSIMO NUMERO L ANZIANO IN ONCOEMATOLOGIA Principi di trattamento Leucemia mieloide acuta Leucemia

Dettagli

SARCOMA DI EWING. Anna Marina Liberati Giorgia Desantis. Università degli Studi di Perugia A.A. 2005/2006

SARCOMA DI EWING. Anna Marina Liberati Giorgia Desantis. Università degli Studi di Perugia A.A. 2005/2006 ARCOMA DI EWING Anna Marina Liberati Giorgia Desantis Università degli tudi di Perugia A.A. 2005/2006 TUMORI DELLA CRETA Possono essere divisi in due gruppi: NEURALE Derivanti dalle cellule della guaina

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Dottorato di Ricerca in Morfologia Clinica e Patologica (XIX ciclo) Coordinatore: Prof.ssa Stefania Montagnani Tesi di Dottorato

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI A. Finalità L indagine citogenetica fetale (o cariotipo) viene

Dettagli

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale CORSO INTEGRATO DI EMATONCOLOGIA ODONTOIATRICA LEUCEMIE E PAZIENTI PEDIATRICI RUOLO DIAGNOSTICO PRECOCE DELLA MALATTIA LEUCEMICA DOCENTE: Prof.

Dettagli

Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati

Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati Immagini di copertina: gentile concessione Le Scienze (nov. 1995, n. 327, pag. 83; nov. 1993, n. 303, pag. 30; apr. 1998, n. 356, copertina);

Dettagli