Percorsi diagnostici nelle neoplasie ematologiche (WHO-2008)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi diagnostici nelle neoplasie ematologiche (WHO-2008)"

Transcript

1 11 Corso di Aggiornamento in Oncologia ed Ematologia 18 maggio 2013 Sestri Levante Percorsi diagnostici nelle neoplasie ematologiche (WHO-2008) Dott.ssa Donatella Tanca

2 Chicago, Feb. 2007

3 WHO/Clinical Advisory Meeting Chicago, Feb. 2007

4

5 WHO classification of neoplastichematologic diseases Disease entities are defined by a combination of different diagnostic parameters which include both laboratory and clinical data The relative importance of each of them varies among diseases with no predefined gold standard This is particularly true in myeloid neoplasms, a group which greatly benefits from such an integrated approach

6 PERCORSO DIAGNOSTICO PROCESSO SISTEMATICO CHE IMPONE L INTEGRAZIONE DI DATI CLINICI, MORFOLOGICI, CITOCHIMICI, IMMUNOFENOTIPICI E GENOTIPICI

7 DATI NUMERICI INTERPRETAZIONE (ANIMAZIONE) reperto PERCORSO DIAGNOSTICO IN LABORATORIO INTERPRETAZIONE (ANIMAZIONE) reperto REFERTO Il referto è l interpretazione del reperto Prof Burlina Il laboratorio deve fare diagnosi Nostri strumenti : 1. Colloquio con il clinico e medico di base 2. Dati anamnestici sintomi e segni 3. Numeri e flags strumentali 4. Osservazioni della microscopia ottica s.p., midollo 5. Citochimica 6. Citometria 7.Citogenetica Biologia molecolare

8 (Malattie linfoproliferative) neoplasie a cellule B e T/NK mature Gruppo eterogeneo di disordini, caratterizzati dalla proliferazione neoplastica di elementi linfoidi a fenotipo B o T o NK che possono interessare midollo,linfonodi, sangue periferico e altri organi con aspetti morfologici e clinici vari

9 Classificazione delle leucemie croniche B Leucemia linfatica cronica tipica atipica Leucemia prolinfocitica Leucemia ad hairy cell forma classica forma variante (linfoma/leucemia splenici a cellule B,non classificabili)

10 WHO 2008 MORFOLOGIA IMMUNOFENOTIPO (ASPIRATO MIDOLLARE) (solo in citopenie e prima di iniziare terapia) BIOPSIA OSTEO MIDOLLARE BIOPSIA LINFONODO (CITOCHIMICA) CITOGENETICA MOLECOLARE.

11 Leucemia linfatica cronica B CARATTERIZZATA DA UNA ESPANSIONE DI CELLULE B MATURE POSTCENTRO GERMINATIVO (B-MEMORIA) MUTATE O NON MUTATE DELEZIONI O TRISOMIE NO TRASLOCAZIONI

12 Leucemia linfatica cronica B ESPANSIONE DI CELLULE B MATURE CON CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE ED IMMUNOFENOTIPICHE, CHE MOLTO SPESSO SONO PRECEDUTE DA UNA LINFOCITOSI MONOCLONALE B (MBL)

13 Striscio periferico

14 Criteri diagnostici (Cheson BD et al. Blood 1996; 87:4990-7) Linfocitosi > (5 x 10 9 /L) 4 x 10 9 /L Marker B (CD19, CD23, CD5),con restrizione clonale Cellule atipiche < 55 (%) Linfociti midollari > 30 (%)? WHO 2008 LLC-B:Linfociti B: > 5x10 9 /L

15 Criteri diagnostici immunofenotipici Bassa espressione SmIg :1 CD5+ :1 CD23+ :1 FMC7- :1 CD79b- :1 Score >4 =LLC-B

16 Leucemia linfatica monoclonale B (MBL) * Linfociti B: >0.49x10 9 /L< 5x10 9 /L * Clonalità kappa o lambda * Linfocitosi persistente > tre mesi *Assenza di linfoadenomegalie, epatosplenomegalie,malattie autoimmuni infezioni,sospetti di linfomi.

17 LLC tipica CD19 + CD5 + CD23 + CD20+dim CD22 -o +dim CD38 -o + Kappa / Lambda Igs dim Anomalie forma tipica: 13q14 del(11q)

18 LLC atipica CD19 ++ CD5 ++ CD23 ++ CD20++ bright CD22 ++bright CD11c+ CD38 -o + Kappa / Lambda Igs bright Anomalie forma atipica: trisomia 12 Anomalie TP53 del(6q)

19 LEUCEMIA PROLINFOCITICA (> 55% prolinfociti) Linfociti B piu maturi di quelli della LLC

20 Linfocitosi elevate Anemia neutropenia Piastrinopenia Splenomegalia,no linfoadenomegalia LEUCEMIA PROLINFOCITICA (> 55% prolinfociti) CD19 ++ CD5 -/+ CD23 CD20++ CD22 ++ CD11c++ CD25- CD11c+ CD38 - Lambda/Kappa Igs intensa trisomia 3 monosomia 7 del(7q), del(11)(q23) del(13)(q14) Varie traslocazioni

21 LEUCEMIA AD HAIRY CELL forma classica sottopolazione di linfociti B maturi B-memoria attivati

22 Pancitopenia Leucopenia Monocitopenia Splenomegalia LEUCEMIA AD HAIRY CELL forma classica CD19 ++ CD5 - CD23 - CD22 ++ CD20++ CD38 -/+ CD25 ++ CD11c ++ (polpa rossa) CD CD123+ Kappa/Lambda Igs intensa Trisomia 5 Trisomia 6 Monosomia 10,17 Trisomia 12

23 LEUCEMIA AD HAIRY CELL forma variante (B-linfocita attivato maturo) Leucocitosi Monociti normali Anemia CD19 ++ CD5 - CD23 - CD22 ++ CD20++ CD38 -/+ CD25 - CD11c -/+ Trombocitopenia CD CD123- Kappa/Lambda Igs intensa del TP53

24 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA NON HODGKIN (> 5 x 10 9 /L cellule linfoidi anomale >4x 10 9 /L circolanti) Linfoma splenico con linfociti villosi circolanti Linfoma follicolare Linfoma mantellare Linfoma marginale Linfoma linfoplasmocitoide Linfoma a grandi cellule Linfoma di Burkitt

25 Leucociti normali o poco aumentati Lieve anemia e piastrinopenia No monocitopenia Splenomegalia (polpa bianca) LINFOMA SPLENICO CON LINFOCITI VILLOSI CIRCOLANTI Linfoma marginale splenico CD19 ++ CD22 ++ CD20++ CD23 CD5- CD10- CD38 -/+ CD25 -/+ CD11c-/ + CD103 - Kappa/Lambda Igs intensa d(7q31) t(11;14)

26 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA FOLLICOLARE

27 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA FOLLICOLARE Igs intensa; CD5 -, CD19+,CD22 +; CD43-,CD23-,CD25- CD10 +,CD38-/+,CD11c- Kappa o Lambda Leucocitosi moderata, a volte elevata Linfoadenopatie asintomatiche t(14;18) (q32;q21)

28 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA MANTELLARE B immaturi,vergini,precentro germinativo Forma classica Variante blastoide

29 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA MANTELLARE Forma classica CD19 ++ CD5 ++ CD23 - Variante blastoide CD22 ++ CD20++ CD43 -/+ Kappa/Lambda Igs moderata t(11;14) q13;q32 Linfoadeno e splenomegalia Febbre,calo ponderale,sudorazione Ciclina D1

30 FASE LEUCEMICA DI LINFOMA MARGINALE (linfoma a cellule B monocitoidi) Rara invasione s.periferico Polimorfismo dei linfociti CD19+ CD5- CD10- CD25- CD11c+ CD43+

31 LINFOMA LINFOPLASMACITICO e MACROGLOBULINEMIA di WALDENSTROM Leucociti nella norma Banda monoclonale Anemia e neutropenia (nel Waldestrom) SmIg CyIg ++ CD19-/+ CD5- CD10- CD23- CD20+ CD22+, CD79a+ CD10-/+ CD25-/+ CD38+dim CD138-/+ t(9;14)

32 FASE LEUCEMICA DI LINFOMI DIFFUSI A GRANDI CELLULE Molto rara, soprattutto all esordio Cellule pleomorfe, con abbondante citoplasma basofilo, nucleo rotondo o, più spesso, irregolare o lobulato Criteri citochimici, immunologici e molecolari sono utili per la D.D. con la leucemia monoblastica immunoblasti centroblasti

33 Linfoma non Hodghin a grandi cellule B leucemizzato (B maturi con diverso grado di differenziazione) IgS+ CD19+ CD79a+ CD20+ CD5+, CD10+ CD30+ BCL6 t(3;14) Linfoadenomegalie Leucemizzazionenella fase terminale

34 IgS + CD19+ CD20++ CD22++ CD5- CD79a+ CD79b+ CD10+ FASE LEUCEMICA DI LINFOMA DI BURKITT t(8,14) MYC t(2;8) t(8;22)igi Forma endemica, africana (EBV,malaria) Forma sporadica (europa,nord america) Forma con infezione HIV+

35 LEUCEMIA A PLASMACELLULE (>20% delle cellule circolanti/>2x10 9 /L)

36 LEUCEMIA A PLASMACELLULE Mieloma leucemizzato Igs assente, Igc +,CD45 -,CD19 -,CD20 -,CD22 -, FMC7 - CD23 -,CD25 -,CD56+, CD38 ++, CD138 ++,CD10+/-,CD117+ t(11;14) t(4;14) cariotipo iper o ipodiploide delezioni 13q-,17p-,1ptrisomia 1.18,6,9,15

37 LEUCEMIA A PLASMACELLULE De novo Epato,spleno,linfoadeno megalie Leucocitosi,anemia, piastrinopenia Igs assente Igc + CD19 - CD20+ + CD38 ++ CD CD45- CD56- CD117- t(11;14) cariotipo no iperdiploide trisomia 1,trisomia 18 monosomia 1 monsomia 13 monosomia X

38 2008 WHO Classification of (LAL) B ort or NK-Precursor-Cell Neoplasms Neoplasie Linfoblastiche/LinfomiB con anomalie genetiche ricorrenti Neoplasie Linfoblastiche/Linfomi NOS ( FAB-L1 o FAB-L2) Neoplasie Linfoblastiche/Linfomi T Neoplasie Linfoblastiche/Linfomi NK NeoplasieLinfoblastiche/Linfomacorrelate a terapie

39 FAB L1 L2 L3 Esame morfologico: ancora un cardine nella diagnosi di leucemia G. Basso

40 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

41 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

42 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

43 CONTAGLOBULI di ultima generazione Dott V.Rocco Nella CONTA delle cellule gli strumenti sono estremamente più ACCURATI e PRECISI dell uomo Nell interpretazione, valutazione al M.O. e stesura del REFERTO l uomo rimane insostituibile

44 C e l l S i z e Peroxidase Activity in the Cytoplasm

45 C e l l S i z e Nuclear Shape and Density

46 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

47 P6D1 P6 P6 D1 D1 LAM-M3v LAM-M3

48 CD13+,CD33+, HLA-DR-,CD9+,CD68+ AML-M3

49 AML-M3v t(15;17)(q22;q21) PML-RARalfa

50 LAM-M4

51 Anni 4 LAM M7 NON CROMOSOMOPATIA S.P. blasti 12% LAM M7 Dott.R.Mazzone

52 Anni 90 LAM M7 S.P. blasti 27%

53 LAM M7 CD41+

54 Sangue periferico D1 P2 Aspirato midollare P2 D1 LAM-M2 P2D1

55 S.P. A.M. P0 D1 P0D1 LAM-M5

56 AML T-ALL peripheral blood

57 Aspirato midollare Blasti in pregresso SLVL

58 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

59 FLUOROCROMO ANTICORPO ANTIGENE

60 FLUOROCROMO ANTICORPO ANTIGENE

61 CITOMETRIA A FLUSSO E UN METODO DI SCELTA PER: INDIVIDUARE LA LINEA CELLULARE INDIVIDUARE LO STADIO MATURATIVO DELLA CELLULA INDIVIDUARE L EVENTUALE CLONALITA INDIVIDUARE FENOMENI DI ETEROGENEITA FENOTIPICA QUANTIFICARE LE CELLULE EMOPOIETICHE

62 SCELTA DEI MONOCLONALI DA UTILIZZARE PANELLO AD AMPIO SPETTRO PANELLO DI MINIMA SEGUITO DA UN PANELLO PIU APPROFONDITO PANELLO SELEZIONATO DOPO ESAME MORFOLOGICO E NOTIZIE CLINICHE

63 flow-cytometry in acute leukemia lineage definition specific sensitive AML B-lineage ALL T-lineage ALL cmpo CD13/CD33 ccd79a CD19 ccd3 CD7

64 LA LOGICA APPLICATA ALLA DIAGNOSI La diagnosi di leucemia acuta è una delle rare condizioni in cui il laboratorio è l attore principale della diagnosi, talora anche indipendentemente dalla clinica. Infatti non fornisce solo dei risultati da interpretare, ma anche una interpretazione degli stessi, guidando l approccio terapeutico Prof. Basso (PD)

65 Aspirato midollare patologico Normale

66

67 CD41+

68 Percorso diagnostico Emocromo e citogramma Morfologia :sangue periferico, aspirato midollare,(biopsia osteomidollare) (Citochimica) Immunofenotipo :s.p,asp.mid.,liquor, liquido pleurico.. Istologia (bom) Analisi cromosomica Analisi molecolare

69 Immunoistochimica MPO MPO MPO CD79a

70

71 L analisi citogenetica fornisce indicazioni relativamente a: - Diagnosi - Prognosi Condiziona le scelte terapeutiche Contribuisce alla verifica della risposta alla terapia - Segnala l evoluzione della patologia

72 Diagnostic Algorithms Attilio Orazi, MD, FRCPath. (Engl.) Weill Cornell Med Center, New York, NY -- USA

73 Algorithmic Approach Morphologic Review >20% Blood or Marrow Blasts <20% Blood or Marrow Blasts

74 Algorithmic Approach in AML >20% Blood or Marrow Blasts Immunophenotype Mixed? Myeloid Precursor B Precursor T

75 Algorithmic Approach in AML >20% Blood or Marrow myeloid blasts [blast cut-off not required for t(8;21), inv(16), t(16;16), t(15;17), Down syndrome, or AEL] Down syndrome History and Genetics Hx of cytotoxic therapy Therapyrelated AML Recurrent genetic abnormality None PriorMDSor MDS-related cytogenetics Morphology for multi- lineage dysplasia Present AML with myelodysplasiarelated changes Absent NPM1 or CEBPA + mutated - Myeloid proliferation of Down Syndrome AML with recurrent genetic abnormality AML, not otherwise specified

76 Nuovi marker molecolari FLT3 recettore tirosin chinasi,presente sulla superficie dei progenitori ematopoietici ed è fondamentale per la sopravvivenza e differenziazione delle cellule.nel 30% di LAM si osserva mutazione di FLT3 ITD associata a leucocitosi ed alto numero di blasti WT1 (Wilms tumor 1) è una proteina con probabile funzione di oncosoppresione,correlata a molte forme leucemiche,il suo mrna è espresso a bassi livelli nell individuo sano,iper-epresso nel pz. leucemico. Diventa quindi fondamentale,oltre che per la diagnosi,come marker prognostico, nel follow-up del pz,in tutti i casi di leucemia,anche nei pz privi di alterazioni citogenetiche e molecolari evidenti.

77 NPM1 (nucleofosmina) -60% delle LMA con cariotipo normale hanno mutazioni somatiche nell esone 12 del gene NPM1 -si localizza in maniera atipica nel citoplasma delle cellule atipiche (NPM1c+) -le mutazioni di NPM1 isolate si associano a migliore risposta alla terapia. -le mutazioni del gene NPM1 associate con mutazioni del gene FLT3-ITD hanno una prognosi sfavorevole -le mutazioni del gene NPM1 possono essere identificate attraverso metodiche diverse:sequenziamento,rt- PCR,ASO-RT-PCR,cromatografia liquida,elettroforesi capillare,immunoistochimica,westernblot, immunofluorescenza,citometria a flusso con anticorpi specifici(t26)

78 CEBPA: Gene che codifica fattore di trascrizione WHO 2008 :AML con mutazione CEBPA,in assenza di altre mutazioni E spesso associata a AML-M1,meno frequente in AML-M2.M4,M5. Coespressione CD7 Correla con una buona prognosi (di piu se è assente la mutazione FLT3-ITD) 4% delle AML con cariotipo normale hanno mutazioni di CEBPA e NPM1.

79 Le Sindromi Mielodisplastiche Un gruppo eterogeneo di malattie neoplastiche clonali della cellula staminale ematopoietica Incidenza al di sopra di 60 anni, 0.75/1000/anno Caratteristiche Displasia Emopoiesi inefficace

80 Sindromi Mielodisplastiche Caratteristiche Midollo cellularità normale o aumentata Citopenia Ci può essere un aumento nel numero dei blasti Infrequente cellularità ridotta Qualche volta conteggi aumentati

81 Sindromi Mielodisplastiche (WHO 2008) *Citopenia refrattaria con displasia unilineare (CRDU) anemia refrattaria (AR),neutropenia refrattaria (NA),piastrinopenia refrattaria (PR) (blasti s.p.<1%;blasti a.m. <5%) *Anemia refrattaria con sideroblasti ad anello (ARSA) (blasti s.p. assenti;blasti a.m. <5%,sideroblasti>15%) *Citopenia refrattaria con displasia multilineare (CDRM) (blasti s.p.<1%;blasti a.m.<5%,assenti corpi di auer) *Anemia refrattaria con eccesso di blasti 1 (AREB1) ( blasti s.p.<5%; >5%blasti a.m. <9%,assenti auer,monociti<1000 *Anemia refrattaria con eccesso di blasti 2 (AREB2) (>5%blasti s.p. <19%; >10%blasti a.m. <19%,auer presenti *Sindrome mielodisplastica non classificata (SMD-NC) (blasti<1% s.p.; blasti<5%a.m.) *Sindrome mielosisplastica associata a del (5q) isolata (SMD 5q-) blasti<1% s.p.;blasti <5% a.m.,auer assenti,megacariociti ipolobulati) *Citopenia refrattaria del bambino (CR-B) (blasti <2%s.p.;blasti<5% a.m.

82 C è stato chemioterapia/radioterapia? Sì t-smd No Ci sono 5-19% di blasti nel SP o 10-19% di blasti nel MO o corpi di Auer? Si No Yes RAEB-II No Continuate

83 Blasti nel SP sono meno di 5% e nel MO tra il 5-9%? Sì No C è 5q solo? Sindrome di 5q AREB-1 C è displasia multilineare? Sì CRDM o CRDM-S No CR o RARS

84 Neoplasie Mieloproliferative (WHO 2008) Leucemia Mieloide Cronica BCR-ABL1 positiva (CML) Leucemia Neutrofila Cronica (CNL) Policitemia Vera (PV) Mielofibrosi Primaria (PMF) Trombocitemia Essenziale (ET) Leucemia Eosinofila Cronica (CEL NOS) Mastocitosi Meoplasie Mieloproliferative Inclassificabili (MPN-U)

85 MDS/MPN (WHO 2008) Leucemia Mieloide Cronica Atipica (acml) Leucemia Mielomonocitica Cronica (CMML) Leucemia Mielomonocitica Cronica Giovanile (JMML) Neoplasie MDS/MPN non classificabili (MDS/MPN-U) Entità Provvisoria: ARSA-t

86 PRIMOCASO CLINICO: DONNA 62 ANNI PRONTO SOCCORSO 30/07/2010 (venerdi pomeriggio!) MARCATA ASTENIA FEBBRE D.Tanca

87

88 Formula al M.O. Neutrofili: 47% Linfociti: 31% Monociti: 5% Eosinofili: 2% Basofili: 0% Blasti: 15% Striscio periferico: Marcata displasia dei neutrofili; 15%blasti mieloidi di medie/grandi dimensioni,in alcuni presente unico corpo di Auer. Confermata piastrinopenia CD34+,CD117+,HLA-DR+CD33+,CD19+ LAM-M2

89 Aspirato midollare

90 Morfologico aspirato midollare Campione pervenuto ricco di piccoli frustoli;ipercellulare. Serie mieloide marcatamente displastica;presenti neutrofili ipo/agranulati. Blasti mieloidi >30% della popolazione non eritroide,alcuni con unico corpo di Auer. Ipoplasia serie eritroide. Megacariociti assenti. Orientamento diagnostico: LAM-M2.

91 CD33+,CD19+

92 Immunofenotipo: Displasia della serie mieloide Blasti>20% CD34+,CD117+,CD33+,CD13+,CD38+, HLA-DR+,CD16-,CD14-,CD66b-,CD11b- CD19+,3%CD7+ e CD56+. t (8;21)?

93 CITOGENETICA conferma t (8;21)

94 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

95 SECONDOCASO CLINICO: UOMO DI 61 ANNI AMBULATORIALE 28/02/2006 D.Tanca

96 Striscio periferico :morfologico compatibile con LMC LDH 1185 U/L Score FAL 10 No splenomegalia Fish:t(9;22) senza delezioni dei geni ABL e BCR coinvolti nella traslocazione;cromosoma Ph+ Terapia con Glivec;remissione.

97

98 56% blasti CD45low,CD34+,CD33+CD13+low,CD19+ S.P. : 40% blasti (MPO -)

99 CD45low,CD34+,CD33+, CD13+low,HLA-DR+,CD19+. Aspirato midollare

100 Aspirato midollare 80% blasti

101 Analisi molecolare del gene BCR/ABL: valore BCR-ABL/ABLx quantitativo:33.85% Analisi mutazionale del gene Abl: nessuna evidenza di mutazione puntiforme Cariotipo: 46,xy,t(9;22)(q34,q11),-7.+ring Conclusioni: Tutte le metafasi analizzate presentano oltre il cromosoma Ph,monosomia del cromosoma 7 ed un ring di probabile derivazione del 7.

102 Conclusioni diagnostiche: LMC in evoluzione blastica da probabile trasformazione di una cellula progenitrice multipotente Leucemia ibrida, ambigua,con blasti mieloidi e linfoidi, o LAL?

103 Essendo blasti cmpo -, è stato inquadrado come LMC in evoluzione LAL Ph+ con coespressione di marcatori mieloidi

104 Resistenza al dasatinib iniziata chemioterapia

105 Inviato al trapianto Remisione molecolare

106 TERZOCASO CLINICO: UOMO 80 ANNI AMBULATORIALE LUGLIO 2010 SLVL D.Tanca

107 SLVL

108

109 Ottobre 2011

110

111

112 Aspirato midollare

113

114

115

116

117

118 Sangue periferico CD 34+,CD33+,CD38+ CD117- CD13-,HLA-DRcMPO? ccd3?,ccd79a? Aspirato midollare

119 IMMUNOFENOTIPO SANGUE PERIFERICO CD 34+,CD33+,CD11b+,CD38+ CD117-,CD13-,HLA-DR-,CD14-,CD16-,CD10- CD5+,CD7+,CD2-,CD56-, TdTcMPO?, ccd3?,ccd79a? ASPIRATO MIDOLLARE CD 34+,CD33+,CD11b+,CD38+,CD11c+,CD81+ CD117+,CD13?,HLA-DR+,CD14-,CD16+,CD10- CD5+,CD7+, CD2-, CD56-, TdTcMPO+ (8%),c CD3?,cCD79a?

120 BOM FRUSTOLO MIDOLLARE RAPPRESENTATO,CON SOSTITUZIONE ADIPOSA DEL 10%, RETICOLO ARGENTAFFINE MODICAMENTE E FOCALMENTE ADDENSATO (MF2). LA SERIE NATIVA ERITROIDE E MODERATAMENTE RIDOTTA, QUELLA MEGACARIOCITARIA MARCATAMENTE RIDOTTA ED INTERPOSTI SONO PRESENTI LINFOCITI DI PICCOLA TAGLIA A FENOTIPO SIA B CHE T. IL MIDOLLO E AMPIAMENTE SOSTITUITO DALLA PROLIFERAZIONE DI ELEMENTI BLASTICI LCA+, MORFOLOGICAMENTE E FENOTIPICAMMENTE RIFERIBILI ALLA SERIE MIELOIDE, CHE ESPRIMONO MIELOPEROSSIDASI CON INTENSITA +++ NEL 30% DELLA POPOLAZIONE, CON INTENSITA + NELLA RESTANTE. CD68 FOCALMENTE POSITIVO CON ASPETTO RETICOLARE. TALI ELEMENTI BLASTICI ESPRIMONO CD34 NEL 90% DELLA POPOLAZIONE PROLIFERANTE E CD117 NEL 70%. I BLASTI RISULTANO NEGATIVI PER CD3,CD5,CD20,CD79a,CD138,CD4,CD8. IL QUADRO MIDOLLARE SUGGERISCE UNA LEUCOSI ACUTA INDIFFERENZIATA CON ELEMENTI A FENOTIPO MIELOIDE

121 MPO IMMUNOISTOCHIMICA

122 MPO MPO MPO CD79a

123 CITOGENETICA TIPO DI ESAME: CARIOTIPO DA PRELIEVO DI SANGUE MIDOLLARE NON STIMOLATO METODICA UTILIZZATA:COLTURA A 24 ORE CON METAFASI SPONTANEE.Q-BANDING RISOLUZIONE BANDE NUMERO METAFASI OSSERVATE.15 CARIOTIPO: 90,XXYY,COMPLESSO CONCLUSIONI:CARIOTIPO NEAR TETRAPLOIDE CON NUMEROSI RIARRANGIAMENTI NUMERICI E STRUTTURALI (AD ESEMPIO DUPLICAZIONE PARZIALE DEL BRACCIO LUNGO DI UN CROMOSOMA 1)

124

125 Neoplasia Acuta Mieloide altamente indifferenziata

126 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified (LAM-0) Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

127 Febbraio 2012

128 QUARTO CASO CLINICO: UOMO 64 ANNI ESTERNO 09/03/2012 (venerdi sera!) MARCATO DIMAGRIMENTO D.Tanca

129 Sangue periferico

130 Aspirato midollare:blasti>30%

131 Sangue periferico 2%BLASTI CD34+ CD33+,CD13+,CD117+,MPO+ Aspirato midollare

132 Citogenetica negativa

133 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified (LAM-M1) Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

134 QUINTO CASO CLINICO: DONNA 74 ANNI PRONTO SOCCORSO 12/03/2013 MARCATO ASTENIA,FEBBRE PANCITOPENIA D.Tanca

135 Sangue periferico

136 Striscio periferico

137

138

139 Aspirato midollare

140 Aspirato midollare

141

142

143 Sangue periferico Aspirato midollare CD45low,CD34+,CD56+,CD4+,CD123+

144 CITOGENETICA Cariotipo:43-44,XX,ipodiploide clonale complesso Le metafasi osservate presentano cariotipo ipodiploide clonale complesso. Si osserva un marker acrocentrico e Uno o due frammenti apparentemente acentrici

145 2008 WHO Classification of AML Acute myeloid leukemia (AML) with recurrent genetic abnormalities AML with myelodysplasia related changes Therapy-related myeloid neoplasms AML, not otherwise specified (LAM-M1) Myeloid proliferations related to Down syndrome Myeloid sarcoma Blastic plasmocytoid dendritic cell neoplasm

146

147

148 Grazie per l attenzione!!!

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti Az.Osp.San Camillo-Forlanini-Roma IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti a cura del Dr. Luca De Rosa Ematologia e Centro Trapianti Cellule Staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Istituto

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Distribuzione codifiche anemia macrocitica PREVALENZA ANEMIA MACROCITICA Rete UNIRE 2.6 1.6 0.7 0.3 codificata folati

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

numero 3 Agire Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano

numero 3 Agire Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano Settembre / Ottobre 2010 Anno 3 - numero 3 Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale 70%-DCB Milano Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano Agire Sistema

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Cinquant anni dalla scoperta del DNA

Cinquant anni dalla scoperta del DNA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale articolo 2 comma 20/c legge 662/96 - Roma Cinquant anni dalla scoperta del DNA Alcune ricerche dell Istituto Superiore di Sanità Un contributo

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Sindrome da attivazione macrofagica in corso di artrite reumatoide

Sindrome da attivazione macrofagica in corso di artrite reumatoide Sindrome da attivazione macrofagica in corso di artrite reumatoide Dr. PAOLO ROSSI Dipartimento di Medicina A.O. Papa Giovanni XXIII Definizioni: Emofagocitosi Sindrome emofagocitica Sindrome da attivazione

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica ESMO-ASCO Task Force on Global Curriculum in Medical Oncology (Task Force ESMO-ASCO per il Curriculum Globale in Oncologia

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A cura della Commissione Terapia Antivirale dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (A.I.S.F.) Finito

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia Consiglio di Amministrazione D i re t t o re Generale SEZIONE DI RICERCA ISTITUTO SCIENTIFICO E. MEDEA RESEARCH SECTION E.MEDEA Comitato Etico P residente

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli