ESERCITAZIONE DI ACUSTICA ARCHITETTONICA Progetto acustico di massima di una sala per conferenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCITAZIONE DI ACUSTICA ARCHITETTONICA Progetto acustico di massima di una sala per conferenze"

Transcript

1 2010/2011 Prima Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2010/2011 Corso di Fisica Tecnica Professore: Ing. Cesare Boffa Codice del Corso: 08AXYEV Studente: Eleonora Magnotta Matricola: Data di consegna: 2/11/2010 POLITECNICO DI TORINO ESERCITAZIONE DI ACUSTICA ARCHITETTONICA Progetto acustico di massima di una sala per conferenze

2 INDICE: INTRODUZIONE: pagina 3. PUNTO 1. pagina 4. PUNTO 2. pagina 9. PUNTO 3. pagina 12. CASO IN CUI LA SALA CONFERENZE SIA PIENA pagina 14. CASO IN CUI LA SALA CONFERENZE SIA SEMIPIENA pagina 16. 2

3 INTRODUZIONE: In questa esercitazione si prevede il progetto di massima di una sala per conferenze. Lo studio per tale progetto è fatto per una sala per conferenze di forma parallelepipeda avente lunghezza L, altezza H e larghezza B, come schematizzato nella figura di seguito: Adiacente alla sala si trova la centrale tecnologica che alloggia gli impianti di climatizzazione della sala stessa. Le dimensioni della centrale sono la lunghezza I, larghezza B e altezza H. Per il dimensionamento degli ambienti le relazioni fornite sono espresse dalle seguenti equazioni: L = ( x N) m; B = ( x N) m; H = ( x N) m; I = ( x C) m; dove N e C sono rispettivamente il numero della lettera in ordine alfabetico del nome e del cognome. Nel mio caso quindi avrei N = 5 e C = 13. in aggiunta si sa anche che nella centrale tecnologica è situata un Unità di Trattamento Aria (UTA) che invia una portata di aria trattata termoigrometricamente nella sala per conferenze attraverso un condotto di aereazione di sezione quadrata avente lato pari a 0.3 m. La potenza sonora emessa dall UTA all interno della centrale termica è nota. E pure nota la potenza sonora che, attraverso il condotto di aereazione, giunge nella sala conferenza. Questa potenza è espressa secondo la seguente equazione, mediante la quale è possibile calcolarne il valore numerico espresso in Watt: = ( C) W; È pure nota la potenza sonora che attraverso il condotto di aereazione giunge nella sala conferenze in assenza di apposito attenuatore acustico. L attenuatore acustico è un manufatto che permette di collocare in uno spazio abbastanza contenuto un idonea superficie assorbente, in modo tale da diminuire il livello sonoro 3

4 che potrebbe raggiungere gli ambienti circostanti, creando dei disagi oppure essere fastidioso per chi è presente nell ambiente in questione. Tutto questo deve essere inserito in un luogo facilmente raggiungibile per permettere le eventuali opere di manodopera. Abbiamo ammesso, in più, che il condotto non assorba nulla. Il valore numerico di questo è pari a: = 10-7 W. Per spiegare meglio la situazione descritta in precedenza, è introdotta un immagine dei vari ambienti oggetti di studio: Lo studio prevede: 1. La scelta dei rivestimenti della sala che realizzano il tempo di riverberazione ottimale; 2. Il calcolo dell attenuatore acustico posto sul condotto di mandata dell aria nella sala per conferenze, sapendo che il livello sonoro indotto nella sala per conferenze deve essere 28 db; 3. La scelta del materiale e il calcolo dello spessore della parete che separa la centrale tecnologica dalla sala per conferenze sapendo che il livello d intensità acustica provocata nella sala per conferenze dal rumore proveniente dalla centrale tecnologica deve essere 28 db. PUNTO 1. In questo particolare punto si richiede la scelta dei rivestimenti della sala conferenze che realizzano il tempo di riverberazione ottimale. La prima cosa che ho fatto è stata quella di cercare su internet dei coefficienti di assorbimento apparenti α dei materiali. Chiaramente poiché questi valori sono forniti da ditte specializzate, tali coefficienti sono calcolati per diverse frequenze, nel nostro caso, però destano interesse solo le frequenze di 1000 Hz. Pertanto l esercitazione è basata su valori riferiti a 1000 Hz. 4

5 Per la spiegazione di tutta l esercitazione ho preso in considerazione la sala come se fosse vuota, nel senso che le persone (eventualmente sedute sulle poltrone) non sono state considerate. Tale scelta nasce dal fatto che nel calcolo del tempo di riverberazione nel caso della sala piena (considerando tutte le poltrone occupate da una persona), e nel caso della sala semipiena (considerando solo metà delle poltrone occupate da una persona); il tempo di riverberazione era meno simile come valore al tempo di riverberazione ottimale a 1000 Hz. Chiaramente questi casi sono stati studiati tutti e tre con gli stessi coefficienti di assorbimento apparente, considerando le stesse superfici, e ipotesi semplificative. Tali calcoli saranno aggiunti alla fine della relazione in modo schematico, infatti, ci saranno solo i valori riportati dal foglio di Exel. La mia considerazione iniziale per procedere nel calcolo del tempo di riverberazione è stata quella di considerare le pareti (escluso il soffitto), le tende, le finestre e infine le poltrone. L esenzione di elementi fondamentali quali ad esempio il soffitto, le persone e le porte, ad esempio, nasce dal fatto che dal momento in cui avrei ottenuto un tempo di riverberazione troppo basso avrei aggiunto quei elementi supplementari. Pertanto i coefficienti di assorbimento α utilizzati sono riportati di seguito: α 1000 Hz MATERIALE PARETI: In muratura senza intonaco 0,04 Intonaco "acustico"poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice, argilla espansa. Spessore 15mm. 0,20 MATERIALE PAVIMENTO: In cemento battuto (magrone) 0,02 Moquette media (pelo 6 mm) 0,30 ELEMENTI VARI Tendaggio in cotone leggero (300 g/m^2) a parete non drappeggiata 0,15 Poltrona imbottita 0,54 Finestra comune vetrata 0,10 Dopodiché si è passato al calcolo delle superfici che sostituiscono la sala conferenze: 1. Calcolo della Superficie laterale della sala conferenze data dalla seguente formula: S laterale = [2 x (L x H) + 2 x (B x H)] S 2. Calcolo della Superficie del pavimento della sala conferenze data dalla seguente formula: S pavimento = (L x B) S poltrone 3. Calcolo della Superficie delle finestre della sala conferenze data dalla seguente formula: S finestre = 2 x (lunghezza finestra x altezza finestra ) 5

6 4. Calcolo della Superficie delle poltrone nella sala conferenze data dalla seguente formula: S poltrone = ( numero poltrone x Superficie singola poltrona ) 5. Calcolo della Superficie delle tende nella sala conferenze data dalla seguente formula: S finestre = (Superficie una finestra x 2) Per il calcolo delle prime due superfici (cioè la S laterale e S pavimento) non ci sono molte spiegazioni da fare giacché il calcolo è spiegato dalla semplice immagine introdotta nella pagina tre, occorre quindi calcolare solo aree di rettangoli e sommarli tra loro. A tali aree rettangolari si sono inoltre estratte la S finestre e S poltrone poiché nelle pareti sono presenti anche le finestre quindi tale parte di finestre non è composta dallo stesso materiale delle pareti perciò togliendo la S finestre si ottiene la vera superficie delle pareti. Nel caso del pavimento sono estratte le S poltrone perché le poltrone vengono considerate come poltrone chiuse, ossia, quest ultime vengono considerate come rivestite di tessuto anche lateralmente attorno ai sostegni della poltrona chiusa ; perciò è come se l area del pavimento sottostante la poltrona non ci fosse. Per capire come sono queste poltrone si prenda come esempio le poltrone utilizzate nei cinema. Per quanto riguarda invece i punti 3., 4., e infine 5. occorre dare alcune spiegazioni. Allora, iniziando, dal calcolo delle superfici delle finestre, personalmente sono partita dalla considerazione che per avere una buona aereazione nei locali, e quindi anche di luce naturale è necessaria calcolare superficie utile dell ambiente. Sapendo perciò che la superficie utile della sala conferenze è data da L x B = 90 m 2, di 90 m 2 è uguale a m 2 di finestra. Calcolato questo, ho ipotizzato quindi due finestre che avessero come valori della base e dell altezze rispettivamente 3 e 2 metri. Detto ciò avrà una S finestre = 2 x (3 x 2) =12 m 2. Questo valore rappresenta chiaramente la superficie totale delle finestre. Il discorso invece per quanto riguarda le superfici per le poltrone è più complicato. Allora per quanto riguarda le sedie ho considerato le poltrone quadrate con dimensioni pari a 0.5 x 0.5 metri. Definito questo piccolo dettaglio, la cosa difficile era capire come disporre queste poltrone nella sala conferenze, anche perché il numero delle poltrone dipendeva dalla superficie utile della sala stessa. Io ho ipotizzato, come si vedrà nella figura seguente, una zona adibita all inserimento di un tavolo e delle sedie dove chi dovrebbe proferire alla conferenza possa sedersi, ho considerato ulteriormente anche inserito in quello spazio l eventuale pannello dove il proiettore potesse mostrare le diapositive o lucidi. Questo spazio l ho ipotizzato largo 4.5 metri. Inoltre ho considerato dei corridoi che permettessero di percorrere la sala in moto circolare, ossia, tre corridoi principali trasversali alla parete di lunghezza pari a 7.5 m : due vicini alle pareti, e uno più largo centrale. Nella sala ho aggiunto altri due corridoi trasversali alla parete di lunghezza 12 m. il funzionamento dei corridoi risiede non solo nel passaggio delle persone che parteciperanno ai convegni, ma anche per gli eventuali macchinari destinati poi alle opere di manutenzione. Di seguito è riportata un immagine che spiega la disposizione in questione: della 6

7 Nella figura sovrastante le quote che si sono riportate sono in cm. Per capire quante poltrone inserire nella stanza ho pensato di togliere dalla lunghezza di 7.50 m le lunghezze dei corridoi, e quindi si sono tolti due volte le lunghezze pari a 1 m e una sola pari a 1.50 m, ottenendo così un lato pari a 4 m totali in cui poter disporre per la posizione delle poltrone. Dato che le mie previsioni progettuali consistevano nella presenza di due blocchi in cui inserire le poltrone occorre dividere ulteriormente quei 4 m in due. Ottenendo così che ogni blocco hanno come lunghezza pari a soli 2 m.dividendo questo valore per il lato della poltrona pari a 0.5 m, si ottiene che in 2 m possono risiedere solo 4 poltrone. Il calcolo successivo è stato quello di capire quante file si potessero ottenere. Questo calcolo è stato possibile considerando che dal lato totale pari a 12 m, occorreva togliere il valore pari a 4 m e lo spessore dei vari corridoi (quelli trasversali al lato di 12 m) pari a 1.30 ciascuno. Da questa differenza si ottiene dunque una lunghezza utile per l inserimento delle varie file di poltrone pari a 5.4 m. Un analisi scrupolosa però, deve tenere conto anche dell eventuale passaggio delle persone tra una fila di poltrone e l altra, non solo per permettere alle persone di essere comode e quindi di non toccare con le gambe le poltrone poste davanti ad essi, ma anche per probabile passaggio delle persone mentre altre erano sedute. Per evitare che durante questo passaggio le persone poste centralmente dovessero alzarsi tutte per far passare chi in quel momento deve passare, oltre al lato di 0.50 m delle poltrone ho considerato uno spazio di transizione di spessore pari a 0.40 m. In questo modo per calcolare il numero di file realmente possibili da realizzare si ottiene dividendo il lato pari a 5.4 m per la somma di 0.50 m e dello spazio di transizione di spessore pari a 0.40 m; e si ottiene in questo modo un numero che è pari a 6 file. Moltiplicando 6 file per 4 poltrone per ogni fila si ottiene chiaramente 24, questo numero rappresenta il numero di poltrone che si possono avere in un solo blocco. Il numero totale di poltrone perciò sarà dato moltiplicando questo valore per due, (essendo due i blocchi che s ipotizzano nella sala conferenze), ottenendo così ben 48 poltrone totali. 7

8 Sarà questo 48 a determinare la superficie totale delle poltrone nella sala; tale superficie totale si ottiene dalla seguente formula: S totale poltrone = 48 x 0.5 x 0.5 = 12 m 2 Per quanto riguarda invece le tende si è fatto un discorso diverso, e legato strettamente alle superfici di una singola finestra. Allora nel caso delle tende, ovviamente, le tende servono per oscurare le finestre, perciò dovranno avere una larghezza pari a 3 metri come la base delle finestre e una lunghezza pari 2 metri. in conclusione la superficie delle tende essendo due le finestre sarà data da: S totale tende = 2 x (3 x 2) = 12 m 2 Ricapitolando le superfici che useremo per il punto 1. sono così riassunte : S pareti = 163,50 S pavimento = 78,00 S finestre = 12,00 S tende = 12,00 S poltrone = 12,00 Tutto questo discorso sulle aree serve per calcolare il tempo di riverberazione τ60 mediante la seguente formula : V S i dove V è il volume della sala conferenze, S sono le superfici, α è il coefficiente di assorbimento apparente. Dato che ho considerato le pareti e il pavimento in particolare costituiti da: muratura senza intonaco, intonaco esterno acustico poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice e argilla espansa, cemento battuto (magrone) e moquette media (pelo 6 mm); è necessario moltiplicare le varie superfici per i rispettivi coefficienti e poi sommarle. Per spiegare meglio il concetto farò un esempio: allora siccome le pareti sono costituite dall intonaco e muratura occorre moltiplicare la S totali pareti sia per il coefficiente α per l intonaco che per quello delle murature senza intonaco, e poi sommarle. Per il calcolo delle poltrone, il coefficiente α presente nelle tabelle è già stato moltiplicato per la superficie di una poltrona, quindi occorre solo moltiplicare α per il numero delle poltrone presenti nella sala. Precisata queste varie indicazioni di seguito, sono riportati i vari prodotti tra i coefficienti di assorbimento apparente α e le rispettive aree: i α pareti x S pareti = α pavimento x S pavimento = α finestre x S finestre = α tende x S tende = 39,24 24,96 1,20 1,80 8

9 α poltrone x S poltrone = 14,40 Ottenuti questi valori, occorre sommare ogni singolo valore ottenendo la sommatoria αi Si, presente nella formula del tempo di riverberazione τ60. Tale sommatoria è pari a: α x S = 81,60 Definito anche questo valore, possiamo calcolare il τ60, essendo ora noti tutti i termini che ci sono nella formula, tale tempo di riverberazione con tutte le considerazioni fatte in precedenza sarà pari a : τ 60 = 0,794 Prima di procedere con il secondo punto occorre però verificare che questo τ60 sia uguale o almeno simile al (τ60) ottimale a 1000 Hz, quest ultimo è dato dalla seguente formula: (τ60) ottimale a 1000 Hz = k dove V è il volume della sala conferenze, k invece è pari a 0.4. Questo termine quindi avrà un valore pari a: (τ 60)ottimale = 0,78 Poiché questi tempi di riverberazione sono quasi uguali, deduciamo che i coefficienti e le superfici considerate sono sufficienti. Allora il punto 1. può essere considerato terminato. PUNTO 2. Per questo punto si prevede Il calcolo dell attenuatore acustico posto sul condotto di mandata dell aria nella sala per conferenze, sapendo che il livello sonoro indotto nella sala per conferenze deve essere 28 db; nel caso in cui questo livello sono risulta essere minore dei 28 db allora non sarà necessario l eventuale calcolo dell attenuatore acustico. La prima cosa che ho fatto in questo caso è stata quella di considerare che W COND sia data dalla seguente formula: W COND = I αi x Si Definito questo, è possibile ricavare dalla precedente formula il livello sonoro I essendo noto sia la W COND, e anche la sommatoria tra il prodotto tra i coefficienti di assorbimento e le rispettive superfici. Quest ultimi corrispondo a quelli calcolati nel punto precedente nella sala conferenza. I dati sono riferiti sono riferiti a quell ambiente in quanto il condotto acustico mette in relazione la centrale tecnologica con la sala conferenze mediante il conduttore di aereazione quindi parte del suono viene trasmessa e sentita nella sala conferenze. Quindi il calcolo del livello sonoro I sarà dato da: 9

10 I = 1.23 x 10-9 Definito questo livello sonoro, occorre calcolare a quanti db corrisponde in modo tale da capire se otteniamo un valore maggiore o minore di 28 db, che sono quelli massimi ammissibili nella sala conferenza. Tale calcolo è fatto mediante la seguente formula: db = 10 x log 10 (I/ I0) = db da questo calcolo si evince perfettamente che i db stimati sono sicuramente maggiori rispetto a quelli ammissibili. Perciò si passa al calcolo dell attenuatore acustico. Per il calcolo dell attenuatore acustico è necessario calcolare il potere fono isolante R dato dalle seguente formula: R = 10 x Log 10 = 22 db dove W COND è fornito dai dati del problema, quindi, è noto. Mentre il W Max ammissibile è quella potenza riferita ai 28 db. Quindi questo sarà calcolato nel seguente modo: W Max ammissibile = x = 6.31 x W dove non è nient altro che il W0, che ha proprio quel valore standard. Trovato questo valore, lo potremo utilizzare nella formula predente a questa del calcolo della potenza W Max ammissibile. Ora però ci rimane da calcolare la lunghezza L del condotto che ci ricaviamo dalla formula del potere fon isolante tipica degli attenuatori acustici: 1,4 pl R 0,08A Dove: = coefficiente di assorbimento apparente delle pareti; p = perimetro del condotto; L = lunghezza del condotto; A = sezione trasversale del condotto; Tra questi termini l unico a essere incognito sarà proprio la lunghezza L del condotto in quanto: I. R è pari ai 22 db calcolati in precedenza; II. III. IV. α è pari a 0.58, supponendo che il condotto sia realizzato in pannelli fonoassorbenti in fibra vegetale, forati: p essendo il perimetro di una sezione quadrata, e conoscendo il lato di tale sezione sarà data dal lato per quattro, e perciò: p = 0.3 m x 4 = 1.2 m; A essendo la sezione trasversale dal condotto sarà data dal quadrato del lato, perché ci riferiamo ad una sezione quadrata, quindi: A = m = 0.09 m 2. 10

11 Sostituendo avremo che: 22 db Facendo i diversi prodotti e rapporti, in modo analiticamente corretto, otterremo il valore finale della L, che vale: LUNGHEZZA DEL CONDOTTO L = 0,28 m Anche se non riesco esplicitamente nel testo dell esercitazione di seguito, saranno conseguiti dei calcoli in cui si andrà a calcolare la portata nel condotto in due modi diversi. Il primo metodo consiste nel trovare la portata d aria nel condotto essendo nota il numero di ricambi all ora. Tale valore dopo un appurata ricerca su internet tra le varie normative, corrisponde per una sala conferenze a ricambi all ora (n). Sapendo che la portata dell aria nel condotto (Ů) è data dal prodotto tra il numero di ricambi all ora e del volume dell ambiente da aerare (V sala conferenze), ossia il volume della sala conferenze, e prendendo come ricambi all ora 18, avremo che: Ů = n x V sala conferenze = 18 x 405 m 3 = 7290 m 3 / h Il secondo metodo consiste nel calcolare la portata nel condotto mediante la sezione nel condotto (A) e la velocità dell aria nel condotto stesso (v aria). In questo modo si andranno a calcolare il numero di ricambi necessari secondo la sezione del condotto e la velocità dell aria in un condotto. Sapendo che mediamente la v aria è tra 4-5 m/s, io userò una velocità di 5 m/s, e che la sezione del condotto è pari a 0.09 m 2, avremo che: Ů = A x v aria = 0.09 m 2 x 5 m/s = 0.45 m 3 /s Dopodiché si andranno a calcolare i numeri di ricambi al secondo in questo caso, secondo la seguente formula: = = s Per sapere poi il numero di ricambi all ora occorre moltiplicare quel valore di n per 60, trovando così i minuti, e poi ancora per 60, trovando così le ore e avremo che il numero di portata d aria all ora è pari a: n all ora = s x 60 x 60 = 3.6 Questo valore è certamente molto minore rispetto a quello descritto dalla normativa. Quindi per il calcolo della portata e del numero di ricambi all ora occorre utilizzare i valori del primo caso. Possiamo perciò ritenere finito il punto 2. Di seguito è inserita un immagine di un esempio di attenuatore acustico, in modo tale da intuire in modo schematico il suo funzionamento: 11

12 PUNTO 3. In questo punto, che tra l altro è anche l ultimo si deve scegliere il materiale ed il calcolo dello spessore della parete che separa la centrale tecnologica dalla sala per conferenze sapendo che il livello di intensità acustica provocata nella sala per conferenze dal rumore proveniente dalla centrale tecnologica deve essere 28 db. In questo caso si andrà dunque a progettare il tramezzo che avrà una superficie data da: S tramezzo = B x H =7.5 m x 4.5 m = m 2 S ipotizza inoltre che il tramezzo sia realizzato in muratura senza intonaco, ricoperta quest' ultima da due strati di intonaco "acustico"poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice, argilla espansa, usati nel punto 1. Due strati perché uno sarà realizzato nella sala tecnologica e uno nella sala conferenze. Formulata questa ipotesi, si può passare al calcolo della sommatoria del prodotto tra gli α i e S i del tramezzo: αi x Si = (33.75 m 2 x 0.04) + (33.75 m 2 x 2 x 0.2) = m 2 In questo caso occorre calcolare la I incidente e la I uscita. La prima è calcolata mediante la W UTA, ossia, sapendo che W UTA = I x αi x S tramezzo, quella I presente nella formula non è nient altro che la nostra I incidente. Quest ultima la ricaveremo mediante la seguente formula: I incidente = (W UTA / αi x S tramezzo) = (7.3 W / m 2 ) = 0.49 W / m 2 Per quanto riguarda il calcolo della I uscita questa corrisponde nella formula del potere isolante alla semplice I. la formula richiamata è la consecutiva: R = 10 x log10 (I / I0), dove R corrisponde in questo caso proprio ai 28 db che non devono essere superati, e I0 è pari a Da tale calcolo ritroviamo lo stesso valore che avevamo trovato in precedenza per il W max ammissibile, e quindi un valore di I uscita pari a 6.31 x Per calcolare lo spessore necessario per avere una parete del tramezzo necessaria per assorbire il livello sonoro prodotto dall UTA si utilizza la formula per calcolare il potere isolante ben due volte. Innanzitutto la 12

13 formula citata è questa: R = k [ 1 + log10 M ]; dove R è il potere fono isolante e M la massa frontale, necessaria come k, per il calcolo successivo dello spessore. Come detto in precedenza tale formula, si usano ben due volte: 1. Per il calcolo della costante k; 2. Per il calcolo della massa frontale M. Con lo scopo di calcolare la k si sono dovuti ipotizzare i valori, o meglio utilizzando le tabelle fornite dal professore e in base all ipotesi del materiale fatte per la realizzazione delle pareti, si sono ricavati dei valori di R, M e dello spessore dell ipotetica parete con questi dati. I dati che ho preso in considerazione dalle tabelle sono quelle riferite ai 1000 Hz sempre, una parete costituita da mattoni pieni, con intonaco su entrambi i lati. Ipotizzando ciò avrei avuto uno spessore pari a 75 mm; una massa frontale M pari a 85 kg/m 2 ; un potere fono isolante pari a 24. Determinato questo, è possibile passare al calcolo della k, presente nella formula del potere isolante, sostituendo ho che: R = k [ 1 + log10 M ] 22 = k [1+ log10 85 ] k = 8,19 Definito anche codesto valore, è possibile passare al calcolo della M che ci permetterà di calcolare lo spessore reale della parete, sapendo che il livello sonoro anche in questo caso deve essere sempre minore di 28 db, e sarà proprio questo valore a identificare il potere isolante in questo caso. Ricapitolando, useremo nuovamente la formula di prima dove: R è pari a 28 db, k è pari a 8.193, e la nostra incognita sarà la M. Sostituendo avremo che: R = k [ 1 + log10 M ] 28 = [ 1 + log10 M ] M' = 261,611 kg/m 2 Individuato questo valore, possiamo passare al calcolo dello spessore reale (s ) della parete, possiamo impostare la seguente proporzione: 13

14 Di norma però gli spessori della parete sono espressi in cm, quindi, 23.1 cm. Il calcolo però dei tre punti fondamentali è da ritenersi conclusa. CASO IN CUI LA SALA CONFERENZE SIA PIENA Con il termine piena, si intende che la sala conferenza sia totalmente occupata dalle persone che considero sedute sulle 48 poltrone presenti. Come abbiamo anticipato in precedenza verranno solo riportati i valori numerici in modo schematico. Tutti i discorsi fatti in precedenza e le ipotesi sono ancora valide: ESERCITAZIONE DI ACUSTICA CON LE TUTTE LE PERSONE SEDUTE DATI INIZIALI: N 5,00 lato cond 0,30 C 13,00 A cond 0,09 L 12,00 W uta 7,30 B 7,50 (τ60)ott 0,78 H 4,50 p cond 1,20 I 8,60 W cond 10^-7 n ricambi all' ora 18 v aria 5,00 CALCOLO SUPERFICI E VOLUMI: S tecn 64,50 S conf 90,00 V tecn 290,25 V conf 405,00 COEFFICIENTI α: α 1000 Hz MATERIALE PARETI: In muratura senza intonaco 0,04 Intonaco "acustico"poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice, argilla espansa. Spessore 15mm. 0,20 MATERIALE PAVIMENTO: In cemento battuto (magrone) 0,02 Moquette media (pelo 6 mm) 0,30 14

15 ELEMENTI VARI Tendaggio in cotone leggero (300 g/m^2) a parete non drappeggiata 0,15 Poltrona imbottita 0,54 Finesta comune vetrata 0,10 Persone in poltrone 0,48 CALCOLO SUPERFICI: S pareti 163,50 S pavimento 90,00 S persone in poltrona S finestre 12,00 S tende 12,00 S poltrone CALCOLO α x S: PARETI 39,24 PAVIMENTO 28,80 PERSONE IN POLTRONA 23,04 FINESTRE 1,20 0,30 TENDE 1,80 POLTRONE 14,40 CALCOLO Αs 108,48 τ 60 0,60 (τ 60)ottimale 0,78 CALCOLO DELL' ATTENUATORE ACUSTICO DEL CONDOTTO: I 9,22E-10 db A CUI CORRISPONDE LA I 29,65 W max ammissibile (28 db) 6,31E-10 R 22,00 L 0,28 α Pannelli fonoassorbenti in fibra vegetale, forati 0,58 15

16 CALCOLO DELLA PORTATA DEL CONDOTTO: Ů 7290,00 SCELTA DEL MATERIALE E DELLO SPESSORE DELLA PARETE: I uscita 6,31E-10 S tramezzo 33,75 α S 14,85 I incidente 0,49 CALCOLO DI k: s 0,075 M 85,00 R 24,00 k 8,19 CALCOLO M': R 28,00 k 8,19 M' 261,61 CALCOLO DELLO SPESSORE REALE s': s' 0,23 m s' 23,08 cm CASO IN CUI LA SALA CONFERENZE SIA SEMIPIENA Con il termine semipiena, si intende che la sala conferenza sia parzialmente occupata dalle persone che considero sedute su metà delle poltrone presenti, e quindi ben 24 poltrone. Come abbiamo anticipato in precedenza verranno solo riportati i valori numerici in modo schematico. Tutti i discorsi fatti in precedenza e le ipotesi sono ancora valide: 16

17 ESERCITAZIONE DI ACUSTICA CON META' DELLE PERSONE SEDUTE DATI INIZIALI: N 5,00 lato cond 0,30 C 13,00 A cond 0,09 L 12,00 W uta 7,30 B 7,50 (τ60)ott 0,78 H 4,50 p cond 1,20 I 8,60 W cond 10^-7 n ricambi all' ora 18 v aria 5,00 CALCOLO SUPERFICI E VOLUMI: S tecn 64,50 S conf 90,00 V tecn 290,25 V conf 405,00 COEFFICIENTI α: α 1000 Hz MATERIALE PARETI: In muratura senza intonaco 0,04 Intonaco "acustico"poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice, argilla espansa. Spessore 15mm. 0,20 MATERIALE PAVIMENTO: In cemento battuto (magrone) 0,02 Moquette media (pelo 6 mm) 0,30 ELEMENTI VARI: Tendaggio in cotone leggero (300 g/m^2) a parete non drappeggiata 0,15 Poltrona imbottita 0,54 Finesta comune vetrata 0,10 Persone in poltrone 0,48 CALCOLO SUPERFICI: S pareti 163,50 17

18 S pavimento 78,00 S persone in poltrona / S finestre 12,00 S tende 12,00 S poltrone 12,00 CALCOLO α x S: PARETI 39,24 PAVIMENTO 24,96 PERSONE IN POLTRONA 11,52 FINESTRE 1,20 TENDE 1,80 POLTRONE 14,40 CALCOLO α x s 93,12 τ 60 0,70 (τ 60)ottimale 0,78 CALCOLO DELL' ATTENUATORE ACUSTICO DEL CONDOTTO: I 1,07E-09 db A CUI CORRISPONDE LA I 30,31 W max ammissibile (28 db) 6,31E-10 R 22,00 L 0,28 α Pannelli fonoassorbenti in fibra vegetale, forati 0,58 CALCOLO DELLA PORTATA DEL CONDOTTO: Ů 7290,00 SCELTA DEL MATERIALE E DELLO SPESSORE DELLA PARETE: I uscita 6,31E-10 S tramezzo 33,75 α S 14,85 I incidente 0,49 18

19 CALCOLO DI k: s 0,075 M 85,00 R 24,00 k 8,19 CALCOLO M': R 28,00 k 8,19 M' 261,61 CALCOLO DELLO SPESSORE REALE s': s' 0,23 m s' 23,08 cm La relazione di acustica è terminata!! 19

20 20

21

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione Rita D Ostuni matr. 13918, Anastasia Porcu matr. 03410 Lezione del 1/05/014 ora 09:30-1:30 Acustica: La qualità del suono INDICE della lezione del 1/05/014 - Tempo di riverberazione 1 - La risposta all

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

Gli ambienti destinati a funzioni

Gli ambienti destinati a funzioni Tecnologia Stefano Baldini* Rosario Gulino** Simone Secchi*** L'uso del laterizio per la correzione acustica degli ambienti Il controllo e la correzione acustica negli spazi vengono affrontati attraverso

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 BORA Professional BORA Classic BORA Basic Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 Progettazione d avanguardia Aspirazione efficace dei vapori nel loro punto d origine BORA Professional Elementi da

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Costruire con la canapa in ITALIA

Costruire con la canapa in ITALIA Costruire con la canapa in ITALIA OLVER ZACCANTI anab architetturanaturale officinadelbuoncostruire@yahoo.it Costruire con la canapa in Italia pannelli in fibra di canapa per isolamenti Pareti divisorie

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro ElEvata sicurezza - Catenaccio laterale

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

atura è la nostra cas

atura è la nostra cas atura è la nostra cas A D FIBRIS PANNELLI IN FIBRA DI LEGNO Fibris S.A. è uno dei principali produttori in Europa della faesite, masonite e dei pannelli in fibra di legno di bassa ed alta densità. Da

Dettagli

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO PRESENTAZIONE Le malattie professionali e in particolare le ipoacusie, che costituiscono in Italia ancora una delle

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono

Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono Manuale Tecnico 08/2010 Un Sistema ad alte prestazioni di isolamento e di assorbimento acustico Knauf, da sempre sensibile alle tematiche del comfort

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli