ESERCITAZIONE DI ACUSTICA ARCHITETTONICA Progetto acustico di massima di una sala per conferenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCITAZIONE DI ACUSTICA ARCHITETTONICA Progetto acustico di massima di una sala per conferenze"

Transcript

1 2010/2011 Prima Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2010/2011 Corso di Fisica Tecnica Professore: Ing. Cesare Boffa Codice del Corso: 08AXYEV Studente: Eleonora Magnotta Matricola: Data di consegna: 2/11/2010 POLITECNICO DI TORINO ESERCITAZIONE DI ACUSTICA ARCHITETTONICA Progetto acustico di massima di una sala per conferenze

2 INDICE: INTRODUZIONE: pagina 3. PUNTO 1. pagina 4. PUNTO 2. pagina 9. PUNTO 3. pagina 12. CASO IN CUI LA SALA CONFERENZE SIA PIENA pagina 14. CASO IN CUI LA SALA CONFERENZE SIA SEMIPIENA pagina 16. 2

3 INTRODUZIONE: In questa esercitazione si prevede il progetto di massima di una sala per conferenze. Lo studio per tale progetto è fatto per una sala per conferenze di forma parallelepipeda avente lunghezza L, altezza H e larghezza B, come schematizzato nella figura di seguito: Adiacente alla sala si trova la centrale tecnologica che alloggia gli impianti di climatizzazione della sala stessa. Le dimensioni della centrale sono la lunghezza I, larghezza B e altezza H. Per il dimensionamento degli ambienti le relazioni fornite sono espresse dalle seguenti equazioni: L = ( x N) m; B = ( x N) m; H = ( x N) m; I = ( x C) m; dove N e C sono rispettivamente il numero della lettera in ordine alfabetico del nome e del cognome. Nel mio caso quindi avrei N = 5 e C = 13. in aggiunta si sa anche che nella centrale tecnologica è situata un Unità di Trattamento Aria (UTA) che invia una portata di aria trattata termoigrometricamente nella sala per conferenze attraverso un condotto di aereazione di sezione quadrata avente lato pari a 0.3 m. La potenza sonora emessa dall UTA all interno della centrale termica è nota. E pure nota la potenza sonora che, attraverso il condotto di aereazione, giunge nella sala conferenza. Questa potenza è espressa secondo la seguente equazione, mediante la quale è possibile calcolarne il valore numerico espresso in Watt: = ( C) W; È pure nota la potenza sonora che attraverso il condotto di aereazione giunge nella sala conferenze in assenza di apposito attenuatore acustico. L attenuatore acustico è un manufatto che permette di collocare in uno spazio abbastanza contenuto un idonea superficie assorbente, in modo tale da diminuire il livello sonoro 3

4 che potrebbe raggiungere gli ambienti circostanti, creando dei disagi oppure essere fastidioso per chi è presente nell ambiente in questione. Tutto questo deve essere inserito in un luogo facilmente raggiungibile per permettere le eventuali opere di manodopera. Abbiamo ammesso, in più, che il condotto non assorba nulla. Il valore numerico di questo è pari a: = 10-7 W. Per spiegare meglio la situazione descritta in precedenza, è introdotta un immagine dei vari ambienti oggetti di studio: Lo studio prevede: 1. La scelta dei rivestimenti della sala che realizzano il tempo di riverberazione ottimale; 2. Il calcolo dell attenuatore acustico posto sul condotto di mandata dell aria nella sala per conferenze, sapendo che il livello sonoro indotto nella sala per conferenze deve essere 28 db; 3. La scelta del materiale e il calcolo dello spessore della parete che separa la centrale tecnologica dalla sala per conferenze sapendo che il livello d intensità acustica provocata nella sala per conferenze dal rumore proveniente dalla centrale tecnologica deve essere 28 db. PUNTO 1. In questo particolare punto si richiede la scelta dei rivestimenti della sala conferenze che realizzano il tempo di riverberazione ottimale. La prima cosa che ho fatto è stata quella di cercare su internet dei coefficienti di assorbimento apparenti α dei materiali. Chiaramente poiché questi valori sono forniti da ditte specializzate, tali coefficienti sono calcolati per diverse frequenze, nel nostro caso, però destano interesse solo le frequenze di 1000 Hz. Pertanto l esercitazione è basata su valori riferiti a 1000 Hz. 4

5 Per la spiegazione di tutta l esercitazione ho preso in considerazione la sala come se fosse vuota, nel senso che le persone (eventualmente sedute sulle poltrone) non sono state considerate. Tale scelta nasce dal fatto che nel calcolo del tempo di riverberazione nel caso della sala piena (considerando tutte le poltrone occupate da una persona), e nel caso della sala semipiena (considerando solo metà delle poltrone occupate da una persona); il tempo di riverberazione era meno simile come valore al tempo di riverberazione ottimale a 1000 Hz. Chiaramente questi casi sono stati studiati tutti e tre con gli stessi coefficienti di assorbimento apparente, considerando le stesse superfici, e ipotesi semplificative. Tali calcoli saranno aggiunti alla fine della relazione in modo schematico, infatti, ci saranno solo i valori riportati dal foglio di Exel. La mia considerazione iniziale per procedere nel calcolo del tempo di riverberazione è stata quella di considerare le pareti (escluso il soffitto), le tende, le finestre e infine le poltrone. L esenzione di elementi fondamentali quali ad esempio il soffitto, le persone e le porte, ad esempio, nasce dal fatto che dal momento in cui avrei ottenuto un tempo di riverberazione troppo basso avrei aggiunto quei elementi supplementari. Pertanto i coefficienti di assorbimento α utilizzati sono riportati di seguito: α 1000 Hz MATERIALE PARETI: In muratura senza intonaco 0,04 Intonaco "acustico"poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice, argilla espansa. Spessore 15mm. 0,20 MATERIALE PAVIMENTO: In cemento battuto (magrone) 0,02 Moquette media (pelo 6 mm) 0,30 ELEMENTI VARI Tendaggio in cotone leggero (300 g/m^2) a parete non drappeggiata 0,15 Poltrona imbottita 0,54 Finestra comune vetrata 0,10 Dopodiché si è passato al calcolo delle superfici che sostituiscono la sala conferenze: 1. Calcolo della Superficie laterale della sala conferenze data dalla seguente formula: S laterale = [2 x (L x H) + 2 x (B x H)] S 2. Calcolo della Superficie del pavimento della sala conferenze data dalla seguente formula: S pavimento = (L x B) S poltrone 3. Calcolo della Superficie delle finestre della sala conferenze data dalla seguente formula: S finestre = 2 x (lunghezza finestra x altezza finestra ) 5

6 4. Calcolo della Superficie delle poltrone nella sala conferenze data dalla seguente formula: S poltrone = ( numero poltrone x Superficie singola poltrona ) 5. Calcolo della Superficie delle tende nella sala conferenze data dalla seguente formula: S finestre = (Superficie una finestra x 2) Per il calcolo delle prime due superfici (cioè la S laterale e S pavimento) non ci sono molte spiegazioni da fare giacché il calcolo è spiegato dalla semplice immagine introdotta nella pagina tre, occorre quindi calcolare solo aree di rettangoli e sommarli tra loro. A tali aree rettangolari si sono inoltre estratte la S finestre e S poltrone poiché nelle pareti sono presenti anche le finestre quindi tale parte di finestre non è composta dallo stesso materiale delle pareti perciò togliendo la S finestre si ottiene la vera superficie delle pareti. Nel caso del pavimento sono estratte le S poltrone perché le poltrone vengono considerate come poltrone chiuse, ossia, quest ultime vengono considerate come rivestite di tessuto anche lateralmente attorno ai sostegni della poltrona chiusa ; perciò è come se l area del pavimento sottostante la poltrona non ci fosse. Per capire come sono queste poltrone si prenda come esempio le poltrone utilizzate nei cinema. Per quanto riguarda invece i punti 3., 4., e infine 5. occorre dare alcune spiegazioni. Allora, iniziando, dal calcolo delle superfici delle finestre, personalmente sono partita dalla considerazione che per avere una buona aereazione nei locali, e quindi anche di luce naturale è necessaria calcolare superficie utile dell ambiente. Sapendo perciò che la superficie utile della sala conferenze è data da L x B = 90 m 2, di 90 m 2 è uguale a m 2 di finestra. Calcolato questo, ho ipotizzato quindi due finestre che avessero come valori della base e dell altezze rispettivamente 3 e 2 metri. Detto ciò avrà una S finestre = 2 x (3 x 2) =12 m 2. Questo valore rappresenta chiaramente la superficie totale delle finestre. Il discorso invece per quanto riguarda le superfici per le poltrone è più complicato. Allora per quanto riguarda le sedie ho considerato le poltrone quadrate con dimensioni pari a 0.5 x 0.5 metri. Definito questo piccolo dettaglio, la cosa difficile era capire come disporre queste poltrone nella sala conferenze, anche perché il numero delle poltrone dipendeva dalla superficie utile della sala stessa. Io ho ipotizzato, come si vedrà nella figura seguente, una zona adibita all inserimento di un tavolo e delle sedie dove chi dovrebbe proferire alla conferenza possa sedersi, ho considerato ulteriormente anche inserito in quello spazio l eventuale pannello dove il proiettore potesse mostrare le diapositive o lucidi. Questo spazio l ho ipotizzato largo 4.5 metri. Inoltre ho considerato dei corridoi che permettessero di percorrere la sala in moto circolare, ossia, tre corridoi principali trasversali alla parete di lunghezza pari a 7.5 m : due vicini alle pareti, e uno più largo centrale. Nella sala ho aggiunto altri due corridoi trasversali alla parete di lunghezza 12 m. il funzionamento dei corridoi risiede non solo nel passaggio delle persone che parteciperanno ai convegni, ma anche per gli eventuali macchinari destinati poi alle opere di manutenzione. Di seguito è riportata un immagine che spiega la disposizione in questione: della 6

7 Nella figura sovrastante le quote che si sono riportate sono in cm. Per capire quante poltrone inserire nella stanza ho pensato di togliere dalla lunghezza di 7.50 m le lunghezze dei corridoi, e quindi si sono tolti due volte le lunghezze pari a 1 m e una sola pari a 1.50 m, ottenendo così un lato pari a 4 m totali in cui poter disporre per la posizione delle poltrone. Dato che le mie previsioni progettuali consistevano nella presenza di due blocchi in cui inserire le poltrone occorre dividere ulteriormente quei 4 m in due. Ottenendo così che ogni blocco hanno come lunghezza pari a soli 2 m.dividendo questo valore per il lato della poltrona pari a 0.5 m, si ottiene che in 2 m possono risiedere solo 4 poltrone. Il calcolo successivo è stato quello di capire quante file si potessero ottenere. Questo calcolo è stato possibile considerando che dal lato totale pari a 12 m, occorreva togliere il valore pari a 4 m e lo spessore dei vari corridoi (quelli trasversali al lato di 12 m) pari a 1.30 ciascuno. Da questa differenza si ottiene dunque una lunghezza utile per l inserimento delle varie file di poltrone pari a 5.4 m. Un analisi scrupolosa però, deve tenere conto anche dell eventuale passaggio delle persone tra una fila di poltrone e l altra, non solo per permettere alle persone di essere comode e quindi di non toccare con le gambe le poltrone poste davanti ad essi, ma anche per probabile passaggio delle persone mentre altre erano sedute. Per evitare che durante questo passaggio le persone poste centralmente dovessero alzarsi tutte per far passare chi in quel momento deve passare, oltre al lato di 0.50 m delle poltrone ho considerato uno spazio di transizione di spessore pari a 0.40 m. In questo modo per calcolare il numero di file realmente possibili da realizzare si ottiene dividendo il lato pari a 5.4 m per la somma di 0.50 m e dello spazio di transizione di spessore pari a 0.40 m; e si ottiene in questo modo un numero che è pari a 6 file. Moltiplicando 6 file per 4 poltrone per ogni fila si ottiene chiaramente 24, questo numero rappresenta il numero di poltrone che si possono avere in un solo blocco. Il numero totale di poltrone perciò sarà dato moltiplicando questo valore per due, (essendo due i blocchi che s ipotizzano nella sala conferenze), ottenendo così ben 48 poltrone totali. 7

8 Sarà questo 48 a determinare la superficie totale delle poltrone nella sala; tale superficie totale si ottiene dalla seguente formula: S totale poltrone = 48 x 0.5 x 0.5 = 12 m 2 Per quanto riguarda invece le tende si è fatto un discorso diverso, e legato strettamente alle superfici di una singola finestra. Allora nel caso delle tende, ovviamente, le tende servono per oscurare le finestre, perciò dovranno avere una larghezza pari a 3 metri come la base delle finestre e una lunghezza pari 2 metri. in conclusione la superficie delle tende essendo due le finestre sarà data da: S totale tende = 2 x (3 x 2) = 12 m 2 Ricapitolando le superfici che useremo per il punto 1. sono così riassunte : S pareti = 163,50 S pavimento = 78,00 S finestre = 12,00 S tende = 12,00 S poltrone = 12,00 Tutto questo discorso sulle aree serve per calcolare il tempo di riverberazione τ60 mediante la seguente formula : V S i dove V è il volume della sala conferenze, S sono le superfici, α è il coefficiente di assorbimento apparente. Dato che ho considerato le pareti e il pavimento in particolare costituiti da: muratura senza intonaco, intonaco esterno acustico poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice e argilla espansa, cemento battuto (magrone) e moquette media (pelo 6 mm); è necessario moltiplicare le varie superfici per i rispettivi coefficienti e poi sommarle. Per spiegare meglio il concetto farò un esempio: allora siccome le pareti sono costituite dall intonaco e muratura occorre moltiplicare la S totali pareti sia per il coefficiente α per l intonaco che per quello delle murature senza intonaco, e poi sommarle. Per il calcolo delle poltrone, il coefficiente α presente nelle tabelle è già stato moltiplicato per la superficie di una poltrona, quindi occorre solo moltiplicare α per il numero delle poltrone presenti nella sala. Precisata queste varie indicazioni di seguito, sono riportati i vari prodotti tra i coefficienti di assorbimento apparente α e le rispettive aree: i α pareti x S pareti = α pavimento x S pavimento = α finestre x S finestre = α tende x S tende = 39,24 24,96 1,20 1,80 8

9 α poltrone x S poltrone = 14,40 Ottenuti questi valori, occorre sommare ogni singolo valore ottenendo la sommatoria αi Si, presente nella formula del tempo di riverberazione τ60. Tale sommatoria è pari a: α x S = 81,60 Definito anche questo valore, possiamo calcolare il τ60, essendo ora noti tutti i termini che ci sono nella formula, tale tempo di riverberazione con tutte le considerazioni fatte in precedenza sarà pari a : τ 60 = 0,794 Prima di procedere con il secondo punto occorre però verificare che questo τ60 sia uguale o almeno simile al (τ60) ottimale a 1000 Hz, quest ultimo è dato dalla seguente formula: (τ60) ottimale a 1000 Hz = k dove V è il volume della sala conferenze, k invece è pari a 0.4. Questo termine quindi avrà un valore pari a: (τ 60)ottimale = 0,78 Poiché questi tempi di riverberazione sono quasi uguali, deduciamo che i coefficienti e le superfici considerate sono sufficienti. Allora il punto 1. può essere considerato terminato. PUNTO 2. Per questo punto si prevede Il calcolo dell attenuatore acustico posto sul condotto di mandata dell aria nella sala per conferenze, sapendo che il livello sonoro indotto nella sala per conferenze deve essere 28 db; nel caso in cui questo livello sono risulta essere minore dei 28 db allora non sarà necessario l eventuale calcolo dell attenuatore acustico. La prima cosa che ho fatto in questo caso è stata quella di considerare che W COND sia data dalla seguente formula: W COND = I αi x Si Definito questo, è possibile ricavare dalla precedente formula il livello sonoro I essendo noto sia la W COND, e anche la sommatoria tra il prodotto tra i coefficienti di assorbimento e le rispettive superfici. Quest ultimi corrispondo a quelli calcolati nel punto precedente nella sala conferenza. I dati sono riferiti sono riferiti a quell ambiente in quanto il condotto acustico mette in relazione la centrale tecnologica con la sala conferenze mediante il conduttore di aereazione quindi parte del suono viene trasmessa e sentita nella sala conferenze. Quindi il calcolo del livello sonoro I sarà dato da: 9

10 I = 1.23 x 10-9 Definito questo livello sonoro, occorre calcolare a quanti db corrisponde in modo tale da capire se otteniamo un valore maggiore o minore di 28 db, che sono quelli massimi ammissibili nella sala conferenza. Tale calcolo è fatto mediante la seguente formula: db = 10 x log 10 (I/ I0) = db da questo calcolo si evince perfettamente che i db stimati sono sicuramente maggiori rispetto a quelli ammissibili. Perciò si passa al calcolo dell attenuatore acustico. Per il calcolo dell attenuatore acustico è necessario calcolare il potere fono isolante R dato dalle seguente formula: R = 10 x Log 10 = 22 db dove W COND è fornito dai dati del problema, quindi, è noto. Mentre il W Max ammissibile è quella potenza riferita ai 28 db. Quindi questo sarà calcolato nel seguente modo: W Max ammissibile = x = 6.31 x W dove non è nient altro che il W0, che ha proprio quel valore standard. Trovato questo valore, lo potremo utilizzare nella formula predente a questa del calcolo della potenza W Max ammissibile. Ora però ci rimane da calcolare la lunghezza L del condotto che ci ricaviamo dalla formula del potere fon isolante tipica degli attenuatori acustici: 1,4 pl R 0,08A Dove: = coefficiente di assorbimento apparente delle pareti; p = perimetro del condotto; L = lunghezza del condotto; A = sezione trasversale del condotto; Tra questi termini l unico a essere incognito sarà proprio la lunghezza L del condotto in quanto: I. R è pari ai 22 db calcolati in precedenza; II. III. IV. α è pari a 0.58, supponendo che il condotto sia realizzato in pannelli fonoassorbenti in fibra vegetale, forati: p essendo il perimetro di una sezione quadrata, e conoscendo il lato di tale sezione sarà data dal lato per quattro, e perciò: p = 0.3 m x 4 = 1.2 m; A essendo la sezione trasversale dal condotto sarà data dal quadrato del lato, perché ci riferiamo ad una sezione quadrata, quindi: A = m = 0.09 m 2. 10

11 Sostituendo avremo che: 22 db Facendo i diversi prodotti e rapporti, in modo analiticamente corretto, otterremo il valore finale della L, che vale: LUNGHEZZA DEL CONDOTTO L = 0,28 m Anche se non riesco esplicitamente nel testo dell esercitazione di seguito, saranno conseguiti dei calcoli in cui si andrà a calcolare la portata nel condotto in due modi diversi. Il primo metodo consiste nel trovare la portata d aria nel condotto essendo nota il numero di ricambi all ora. Tale valore dopo un appurata ricerca su internet tra le varie normative, corrisponde per una sala conferenze a ricambi all ora (n). Sapendo che la portata dell aria nel condotto (Ů) è data dal prodotto tra il numero di ricambi all ora e del volume dell ambiente da aerare (V sala conferenze), ossia il volume della sala conferenze, e prendendo come ricambi all ora 18, avremo che: Ů = n x V sala conferenze = 18 x 405 m 3 = 7290 m 3 / h Il secondo metodo consiste nel calcolare la portata nel condotto mediante la sezione nel condotto (A) e la velocità dell aria nel condotto stesso (v aria). In questo modo si andranno a calcolare il numero di ricambi necessari secondo la sezione del condotto e la velocità dell aria in un condotto. Sapendo che mediamente la v aria è tra 4-5 m/s, io userò una velocità di 5 m/s, e che la sezione del condotto è pari a 0.09 m 2, avremo che: Ů = A x v aria = 0.09 m 2 x 5 m/s = 0.45 m 3 /s Dopodiché si andranno a calcolare i numeri di ricambi al secondo in questo caso, secondo la seguente formula: = = s Per sapere poi il numero di ricambi all ora occorre moltiplicare quel valore di n per 60, trovando così i minuti, e poi ancora per 60, trovando così le ore e avremo che il numero di portata d aria all ora è pari a: n all ora = s x 60 x 60 = 3.6 Questo valore è certamente molto minore rispetto a quello descritto dalla normativa. Quindi per il calcolo della portata e del numero di ricambi all ora occorre utilizzare i valori del primo caso. Possiamo perciò ritenere finito il punto 2. Di seguito è inserita un immagine di un esempio di attenuatore acustico, in modo tale da intuire in modo schematico il suo funzionamento: 11

12 PUNTO 3. In questo punto, che tra l altro è anche l ultimo si deve scegliere il materiale ed il calcolo dello spessore della parete che separa la centrale tecnologica dalla sala per conferenze sapendo che il livello di intensità acustica provocata nella sala per conferenze dal rumore proveniente dalla centrale tecnologica deve essere 28 db. In questo caso si andrà dunque a progettare il tramezzo che avrà una superficie data da: S tramezzo = B x H =7.5 m x 4.5 m = m 2 S ipotizza inoltre che il tramezzo sia realizzato in muratura senza intonaco, ricoperta quest' ultima da due strati di intonaco "acustico"poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice, argilla espansa, usati nel punto 1. Due strati perché uno sarà realizzato nella sala tecnologica e uno nella sala conferenze. Formulata questa ipotesi, si può passare al calcolo della sommatoria del prodotto tra gli α i e S i del tramezzo: αi x Si = (33.75 m 2 x 0.04) + (33.75 m 2 x 2 x 0.2) = m 2 In questo caso occorre calcolare la I incidente e la I uscita. La prima è calcolata mediante la W UTA, ossia, sapendo che W UTA = I x αi x S tramezzo, quella I presente nella formula non è nient altro che la nostra I incidente. Quest ultima la ricaveremo mediante la seguente formula: I incidente = (W UTA / αi x S tramezzo) = (7.3 W / m 2 ) = 0.49 W / m 2 Per quanto riguarda il calcolo della I uscita questa corrisponde nella formula del potere isolante alla semplice I. la formula richiamata è la consecutiva: R = 10 x log10 (I / I0), dove R corrisponde in questo caso proprio ai 28 db che non devono essere superati, e I0 è pari a Da tale calcolo ritroviamo lo stesso valore che avevamo trovato in precedenza per il W max ammissibile, e quindi un valore di I uscita pari a 6.31 x Per calcolare lo spessore necessario per avere una parete del tramezzo necessaria per assorbire il livello sonoro prodotto dall UTA si utilizza la formula per calcolare il potere isolante ben due volte. Innanzitutto la 12

13 formula citata è questa: R = k [ 1 + log10 M ]; dove R è il potere fono isolante e M la massa frontale, necessaria come k, per il calcolo successivo dello spessore. Come detto in precedenza tale formula, si usano ben due volte: 1. Per il calcolo della costante k; 2. Per il calcolo della massa frontale M. Con lo scopo di calcolare la k si sono dovuti ipotizzare i valori, o meglio utilizzando le tabelle fornite dal professore e in base all ipotesi del materiale fatte per la realizzazione delle pareti, si sono ricavati dei valori di R, M e dello spessore dell ipotetica parete con questi dati. I dati che ho preso in considerazione dalle tabelle sono quelle riferite ai 1000 Hz sempre, una parete costituita da mattoni pieni, con intonaco su entrambi i lati. Ipotizzando ciò avrei avuto uno spessore pari a 75 mm; una massa frontale M pari a 85 kg/m 2 ; un potere fono isolante pari a 24. Determinato questo, è possibile passare al calcolo della k, presente nella formula del potere isolante, sostituendo ho che: R = k [ 1 + log10 M ] 22 = k [1+ log10 85 ] k = 8,19 Definito anche codesto valore, è possibile passare al calcolo della M che ci permetterà di calcolare lo spessore reale della parete, sapendo che il livello sonoro anche in questo caso deve essere sempre minore di 28 db, e sarà proprio questo valore a identificare il potere isolante in questo caso. Ricapitolando, useremo nuovamente la formula di prima dove: R è pari a 28 db, k è pari a 8.193, e la nostra incognita sarà la M. Sostituendo avremo che: R = k [ 1 + log10 M ] 28 = [ 1 + log10 M ] M' = 261,611 kg/m 2 Individuato questo valore, possiamo passare al calcolo dello spessore reale (s ) della parete, possiamo impostare la seguente proporzione: 13

14 Di norma però gli spessori della parete sono espressi in cm, quindi, 23.1 cm. Il calcolo però dei tre punti fondamentali è da ritenersi conclusa. CASO IN CUI LA SALA CONFERENZE SIA PIENA Con il termine piena, si intende che la sala conferenza sia totalmente occupata dalle persone che considero sedute sulle 48 poltrone presenti. Come abbiamo anticipato in precedenza verranno solo riportati i valori numerici in modo schematico. Tutti i discorsi fatti in precedenza e le ipotesi sono ancora valide: ESERCITAZIONE DI ACUSTICA CON LE TUTTE LE PERSONE SEDUTE DATI INIZIALI: N 5,00 lato cond 0,30 C 13,00 A cond 0,09 L 12,00 W uta 7,30 B 7,50 (τ60)ott 0,78 H 4,50 p cond 1,20 I 8,60 W cond 10^-7 n ricambi all' ora 18 v aria 5,00 CALCOLO SUPERFICI E VOLUMI: S tecn 64,50 S conf 90,00 V tecn 290,25 V conf 405,00 COEFFICIENTI α: α 1000 Hz MATERIALE PARETI: In muratura senza intonaco 0,04 Intonaco "acustico"poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice, argilla espansa. Spessore 15mm. 0,20 MATERIALE PAVIMENTO: In cemento battuto (magrone) 0,02 Moquette media (pelo 6 mm) 0,30 14

15 ELEMENTI VARI Tendaggio in cotone leggero (300 g/m^2) a parete non drappeggiata 0,15 Poltrona imbottita 0,54 Finesta comune vetrata 0,10 Persone in poltrone 0,48 CALCOLO SUPERFICI: S pareti 163,50 S pavimento 90,00 S persone in poltrona S finestre 12,00 S tende 12,00 S poltrone CALCOLO α x S: PARETI 39,24 PAVIMENTO 28,80 PERSONE IN POLTRONA 23,04 FINESTRE 1,20 0,30 TENDE 1,80 POLTRONE 14,40 CALCOLO Αs 108,48 τ 60 0,60 (τ 60)ottimale 0,78 CALCOLO DELL' ATTENUATORE ACUSTICO DEL CONDOTTO: I 9,22E-10 db A CUI CORRISPONDE LA I 29,65 W max ammissibile (28 db) 6,31E-10 R 22,00 L 0,28 α Pannelli fonoassorbenti in fibra vegetale, forati 0,58 15

16 CALCOLO DELLA PORTATA DEL CONDOTTO: Ů 7290,00 SCELTA DEL MATERIALE E DELLO SPESSORE DELLA PARETE: I uscita 6,31E-10 S tramezzo 33,75 α S 14,85 I incidente 0,49 CALCOLO DI k: s 0,075 M 85,00 R 24,00 k 8,19 CALCOLO M': R 28,00 k 8,19 M' 261,61 CALCOLO DELLO SPESSORE REALE s': s' 0,23 m s' 23,08 cm CASO IN CUI LA SALA CONFERENZE SIA SEMIPIENA Con il termine semipiena, si intende che la sala conferenza sia parzialmente occupata dalle persone che considero sedute su metà delle poltrone presenti, e quindi ben 24 poltrone. Come abbiamo anticipato in precedenza verranno solo riportati i valori numerici in modo schematico. Tutti i discorsi fatti in precedenza e le ipotesi sono ancora valide: 16

17 ESERCITAZIONE DI ACUSTICA CON META' DELLE PERSONE SEDUTE DATI INIZIALI: N 5,00 lato cond 0,30 C 13,00 A cond 0,09 L 12,00 W uta 7,30 B 7,50 (τ60)ott 0,78 H 4,50 p cond 1,20 I 8,60 W cond 10^-7 n ricambi all' ora 18 v aria 5,00 CALCOLO SUPERFICI E VOLUMI: S tecn 64,50 S conf 90,00 V tecn 290,25 V conf 405,00 COEFFICIENTI α: α 1000 Hz MATERIALE PARETI: In muratura senza intonaco 0,04 Intonaco "acustico"poroso non verniciato a base di vermiculite, pomice, argilla espansa. Spessore 15mm. 0,20 MATERIALE PAVIMENTO: In cemento battuto (magrone) 0,02 Moquette media (pelo 6 mm) 0,30 ELEMENTI VARI: Tendaggio in cotone leggero (300 g/m^2) a parete non drappeggiata 0,15 Poltrona imbottita 0,54 Finesta comune vetrata 0,10 Persone in poltrone 0,48 CALCOLO SUPERFICI: S pareti 163,50 17

18 S pavimento 78,00 S persone in poltrona / S finestre 12,00 S tende 12,00 S poltrone 12,00 CALCOLO α x S: PARETI 39,24 PAVIMENTO 24,96 PERSONE IN POLTRONA 11,52 FINESTRE 1,20 TENDE 1,80 POLTRONE 14,40 CALCOLO α x s 93,12 τ 60 0,70 (τ 60)ottimale 0,78 CALCOLO DELL' ATTENUATORE ACUSTICO DEL CONDOTTO: I 1,07E-09 db A CUI CORRISPONDE LA I 30,31 W max ammissibile (28 db) 6,31E-10 R 22,00 L 0,28 α Pannelli fonoassorbenti in fibra vegetale, forati 0,58 CALCOLO DELLA PORTATA DEL CONDOTTO: Ů 7290,00 SCELTA DEL MATERIALE E DELLO SPESSORE DELLA PARETE: I uscita 6,31E-10 S tramezzo 33,75 α S 14,85 I incidente 0,49 18

19 CALCOLO DI k: s 0,075 M 85,00 R 24,00 k 8,19 CALCOLO M': R 28,00 k 8,19 M' 261,61 CALCOLO DELLO SPESSORE REALE s': s' 0,23 m s' 23,08 cm La relazione di acustica è terminata!! 19

20 20

21

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA. Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA. Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti Ing. Oreste Boccia 1 Interazione del suono con la materia

Dettagli

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante:

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: ACUSTICA EDILIZIA Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: a) definizione dei limiti di benessere; b) individuazione e caratterizzazione delle fonti di

Dettagli

Acustica ambientale e architettonica

Acustica ambientale e architettonica Acustica ambientale e architettonica Esercitazione Ing. Ubaldo Carlini Dati geometrici dell'ambiente Grandezza Larghezza [m] 22 Lunghezza [m] 45 Altezza [m] 10 Volume totale [m 3 ] 9900 Supeficie pavimento

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

PROGETTAZIONE ACUSTICA DELLE SALE E INDICI DI CARATTERIZZAZIONE

PROGETTAZIONE ACUSTICA DELLE SALE E INDICI DI CARATTERIZZAZIONE PROGETTAZIONE ACUSTICA DELLE SALE E INDICI DI CARATTERIZZAZIONE &#$! " #$% Destinazione duso d dellambiente Aula scolastica piccola Aula scolastica grande/ Sala conferenza Cinema/Studio di registrazione

Dettagli

Principali parti di un fabbricato

Principali parti di un fabbricato Principali parti di un fabbricato Un fabbricato industriale risulta essenzialmente costituito dalle seguenti parti: Fondazioni (del fabbricato e dei macchinari) Struttura portante; Copertura e pareti (complete

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO Immobile Alloggi E.R.P.S. INDIRIZZO Via Cerruti BIOGLIO ( BI ) COMMITTENTE INDIRIZZO Comune di Bioglio Via Cerruti

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

coscienza ecologica caring for the environment

coscienza ecologica caring for the environment Nella figura vediamo l installazione in esame, in cui sono state previste 10 unità GAHP-AR in configurazione silenziata, distribuite su tre gruppi preassemblati. Le unità sono state installate sulla terrazza

Dettagli

SOUND STATION CABINE MODULARI INSONORIZZATE

SOUND STATION CABINE MODULARI INSONORIZZATE Settimo Milanese, 05 Ottobre 2009 Oggetto: preventivo. SOUND STATION CABINE MODULARI INSONORIZZATE La soluzione immediata per chi vuole fare musica, registrazioni audio, produzioni musicali e post produzioni,

Dettagli

Tipo XSA200 e XSA300. Tipo XKA200 e XKA300. Coulisse a risparmio energetico in versione igienica

Tipo XSA200 e XSA300. Tipo XKA200 e XKA300. Coulisse a risparmio energetico in versione igienica Silenziatori con coulisse interne Tipo XSA200 e XSA Coulisse Tipo XKA200 e XKA Coulisse a risparmio energetico in versione igienica 6/10/I/2 IGIENICAMENTE TESTATO V D I 6 0 2 2 TROX Italia S.p. A. Telefono

Dettagli

CALPESTIO. PARETE DEL SILENZIO HABITAT I e HABITAT II. FORMATO mm 1.200 x 2.800/3.000 o su richiesta 1.400/1.500. SPESSORE 33-43-53 mm

CALPESTIO. PARETE DEL SILENZIO HABITAT I e HABITAT II. FORMATO mm 1.200 x 2.800/3.000 o su richiesta 1.400/1.500. SPESSORE 33-43-53 mm / Data 01/08/2015 FORMATO mm 1.200 x 2.800/3.000 o su richiesta 1.400/1.500 SPESSORE 33-43-53 mm PESO 12-13-14 kg/mq CONDUCIBILITA TERMICA W/mK 0,035 10 C POTERE FONOISOLANTE Rw = 32 db FONOISOLAMENTO

Dettagli

BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI. SCUOLA SUPERIORE DI INGEGNERIA The post-graduate School of Advanced Engineering Studies. SpA

BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI. SCUOLA SUPERIORE DI INGEGNERIA The post-graduate School of Advanced Engineering Studies. SpA BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI Silenziamento lungo i condotti o tramite silenziatori dissipativi I canali rettangolari costruiti con lamiera metallica presentano una bassa attenuazione sonora dell ordine

Dettagli

La tabella 3 riporta i valori delle pressioni di saturazione del vapore acqueo P s (kpa) in funzione della temperatura.

La tabella 3 riporta i valori delle pressioni di saturazione del vapore acqueo P s (kpa) in funzione della temperatura. PERMEABILITÀ AL VAPORE TERMODINAMICA DELL'ARIA UMIDA L'aria può contenere in sospensione una certa quantità di vapore acqueo. Tale quantità dipende dalla temperatura e dalla pressione. A pressione costante,

Dettagli

Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse

Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse Dott. Edoardo Piana, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia, via Branze 38,

Dettagli

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT System pag. 2 INTRODUZIONE pag. 4 Mapesilent system pag. 4 PRESTAZIONI E POSA IN OPERA pag. 6 ESEMPIO DI CALCOLO ACUSTICO pag. 7 ESEMPIO DI CALCOLO TERMICO pag. 8 COMPONENTI

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Arpa Umbria Agosto 2009 Indice Linea Guida per la redazione del Progetto Acustico.3 Contenuti del Progetto Acustico. 7 Esempio di calcolo..8 Calcolo dell

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

RELAZIONE DI IDRAULICA

RELAZIONE DI IDRAULICA Politecnico di Torino RELAZIONE DI IDRAULICA Relazione esercitazioni. Anno Accademico 2011/2012 Corso di Idraulica Professore: L. Ridolfi Studente: Eleonora Magnotta Matricola: 162010 1 INDICE ESERCITAZIONE

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI

LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI Stop a rumore e muffe Via al risparmio LINEA RISANAMENTO RISANAMENTO > APPLICAZIONI A PARETE >LINEA CARTONGESSO RISANAMENTO

Dettagli

Propagazione dell onda sonora

Propagazione dell onda sonora Propagazione dell onda sonora Diffrazione Rifrazione Riflessione Assorbimento Trasmissione Principio di Huygens Fresnel E stato sviluppato inizialmente da Huygens: Ogni punto colpito da una perturbazione

Dettagli

PARETI E DIVISORIE PERIMETRALI IN MURATURA. Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco EDILIZIA

PARETI E DIVISORIE PERIMETRALI IN MURATURA. Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco EDILIZIA COMFORT TERMICO ED ACUSTICO NELL EDILIZIA PARETI PERIMETRALI E DIVISORIE IN MURATURA Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco 2 Isolanti minerali

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO SOMMARIO DATI DI PROGETTO... 3 VERIFICA POTENZA EDIFICIO ESISTENTE... 9 CARICHI TERMICI INVERNALI MANICA LUNGA... 12 CARICHI TERMICI ESTIVI MANICA LUNGA... 32 Pagina 2 DATI DI PROGETTO INTRODUZIONE La

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Traspirazione/permeabilità vapore

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Traspirazione/permeabilità vapore UN ANEDDOTO: Prima di inoltrarci nella spiegazione della TRASPIRAZIONE 1 dei materiali ritengo doveroso iniziare con un aneddoto 2 che riunisce in sè le molteplici incomprensioni e i malintesi che sono

Dettagli

1. Modalità di assorbimento del suono 2. Grandezze caratteristiche dei materiali fonoassorbenti 3. Materiali fibrosi 4. Materiali porosi 5.

1. Modalità di assorbimento del suono 2. Grandezze caratteristiche dei materiali fonoassorbenti 3. Materiali fibrosi 4. Materiali porosi 5. I materiali fonoassorbenti 1. Modalità di assorbimento del suono 2. Grandezze caratteristiche dei materiali fonoassorbenti 3. Materiali fibrosi 4. Materiali porosi 5. Risonatori 1 Modalità di assorbimento

Dettagli

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE)

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) 10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) Per la determinazione delle portate massime contemporanee, necessarie per il dimensionamento delle reti

Dettagli

2 Alcune semplici relazioni di previsione degli indici di valutazione dell'isolamento acustico al rumore aereo

2 Alcune semplici relazioni di previsione degli indici di valutazione dell'isolamento acustico al rumore aereo ISOLAMENTO ACUSTICO DI DIVISORI IN LATERIZIO Roberto Pompoli, Patrizio Fausti Istituto di Ingegneria - Università di Ferrara - Via G. Saragat - 44100 Ferrara 1 - INTRODUZIONE Negli anni 1991-1992 l'andil

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam Pregyver sistema lastre- Pregyroche PANNELLI ACCOPPIATI I PANNELLI ACCOPPIATI SINIAT I pannelli preaccoppiati Siniat

Dettagli

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO Roberto Malatesta. William Marcone Ufficio Tecnico (giugno 2008) LA PROTEZIONE DAL RUMORE DEGLI EDIFICI, LA NORMATIVA NAZIONALE La maggior sensibilità delle persone

Dettagli

Sistema radiante Zehnder NIC

Sistema radiante Zehnder NIC Sistema radiante Zehnder NIC Il sistema di climatizzazione radiante Zehnder NIC è adatto sia per il riscaldamento che per il raffrescamento degli ambienti, ed è applicabile a soffitto o a parete. Altro

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE E TERMOFLUIDODINAMICHE DI UNA CALDAIA MURALE A GAS

OTTIMIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE E TERMOFLUIDODINAMICHE DI UNA CALDAIA MURALE A GAS OTTIMIZZZIONE DELLE PRESTZIONI CUSTICHE E TERMOFLUIDODINMICHE DI UN CLDI MURLE GS Franco Cotana*, Federico Rossi**, ndrea Nicolini*** Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università degli Studi di Perugia,

Dettagli

DIFFUSORI ACUSTICI WE CAN Proposta per autocostruzione. DI BELLINO ALBERTO audiojam@libero.it

DIFFUSORI ACUSTICI WE CAN Proposta per autocostruzione. DI BELLINO ALBERTO audiojam@libero.it DIFFUSORI ACUSTICI WE CAN Proposta per autocostruzione. DI BELLINO ALBERTO audiojam@libero.it A seguito del test effettuato ( da me medesimo ) qualche tempo addietro su una serie di crossover commerciali

Dettagli

ST1 Un serbatoio contenente azoto liquido saturo a pressione ambiente (temperatura di saturazione -196 C) ha forma sferica ed è realizzato con due gusci metallici concentrici di spessore trascurabile e

Dettagli

PUNZONATURA E STAMPAGGIO

PUNZONATURA E STAMPAGGIO TAGLIO PUNZONATURA E STAMPAGGIO Come confrontare il costo della produzione Fig. 1 Prodotti in lamiera ottenuti per punzonatura da foglio, punzonatura da coil e stampaggio con pressa (casse per corpi illuminanti).

Dettagli

DOCUMENTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART.

DOCUMENTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. Ing. Alessandro Placci Corso R. Emaldi, 103 48010 Fusignano (RA) Tel: 0545-52081 Fax: 0545-53461 www.studiumprogetti.it s t u d i u m Comune di Pontremoli (MS) DOCUMENTAZIONE D IMPATTO ACUSTICO AI SENSI

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 8 INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano 1. L inquinamento acustico Tra i problemi che riguardano la salubrità degli spazi confinati e

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

L acustica architettonica Parametri di progetto e scelta dei materiali

L acustica architettonica Parametri di progetto e scelta dei materiali Che cosa è, come funziona L acustica architettonica Parametri di progetto e scelta dei materiali Parte II Leonardo Scopece, lberto Ciprian 1. Elementi pratici di progettazione Quando si parla di progettazione

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Rumore virtuale. Andrea Cerniglia hilbert@venus.it. (Estratto da RCI, anno XXVI N. 7, luglio 1999, Tecniche Nuove)

Rumore virtuale. Andrea Cerniglia hilbert@venus.it. (Estratto da RCI, anno XXVI N. 7, luglio 1999, Tecniche Nuove) Rumore virtuale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXVI N. 7, luglio 1999, Tecniche Nuove) Una semplice descrizione del processo di auralizzazione, ossia di quanto viene offerto da

Dettagli

Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010

Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010 Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010 Nome Cognome Matricola Quesito n 1 - CICLO DI CONDIZIONAMENTO PER IMPIANTO MISTO In un locale adibito a biblioteca di

Dettagli

Stima dei carichi termici estivi

Stima dei carichi termici estivi Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Stima dei carichi termici estivi Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Carichi termici: Flussi termici sensibili

Dettagli

SERVIZI A FUNZIONAMENTO

SERVIZI A FUNZIONAMENTO REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI Il rumore prodotto dagli impianti tecnologici Corso di Acustica Protezione acustica delle costruzioni SERVIZI A FUNZIONAMENTO CONTINUO Imp. riscaldamento Imp. aerazione

Dettagli

SCHEDE TECNICHE MATERIALI POTERE FONOISOLANTE Continua...

SCHEDE TECNICHE MATERIALI POTERE FONOISOLANTE Continua... Suono Rumore Vibrazioni Aprile n 4-2004 Chartered 1991 Anno 2004 Notiziario mensile ASSOACUSTICI a cura di Barbara Uggè CONSIGLIO DIRETTIVO Presidente Paolo Giacomin Vice Presidente Michele Fumagalli Segretario

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO DI ELEMENTI EDILIZI PREFABBRICATI: STIMA TEORICA E ANALISI SPERIMENTALE

ISOLAMENTO ACUSTICO DI ELEMENTI EDILIZI PREFABBRICATI: STIMA TEORICA E ANALISI SPERIMENTALE Associazione Italiana di Acustica 38 Convegno Nazionale Rimini, 08-10giugno 2011 ISOLAMENTO ACUSTICO DI ELEMENTI EDILIZI PREFABBRICATI: STIMA TEORICA E ANALISI SPERIMENTALE F. Cotana (1), E. Moretti (1),

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI E VOCI DI CAPITOLATO

CATALOGO PRODOTTI E VOCI DI CAPITOLATO Catalogo prodotti. Il mattone. Il futuro da secoli. CATALOGO PRODOTTI E VOCI DI CAPITOLATO Interlocutori CENTRALINO Generale Centralino 0043 83 33 / 92 22-0 Telefax 0043 83 33 / 44 05 Mail info@zwk.de

Dettagli

Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni

Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni Patrizio Fausti, Simone Secchi Ricerca Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni Una ricerca, condotta in collaborazione tra Andil Assolaterizi e Università di Ferrara, Padova e Trento,

Dettagli

Correttore acustico d ambiente a superficie personalizzabile

Correttore acustico d ambiente a superficie personalizzabile Correttore acustico d ambiente a superficie personalizzabile Pannelli fonoassorbenti per la correzione acustica di locali, liberamente personalizzabili nel formato, nel colore e nell immagine riprodotta.

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

file://c:\programmi\nis\report\4_facciata_semplice.html

file://c:\programmi\nis\report\4_facciata_semplice.html REL AZI ONETECNI CA-I SOL AMENTOACUSTI CO PE. RT. 09 file://c:\programmi\nis\report\4_facciata_semplice.html Piano Terra - Sala Riunioni parete nord Volume ambiente ricevente: 452,70 (m 3 ) 42 (db) Indice

Dettagli

L isolamento termico degli edifici

L isolamento termico degli edifici Oliviero Tronconi Politecnico di Milano Dipartimento BEST L isolamento termico degli edifici 2262 Una delle principali prestazioni tecnologiche di un edificio è l isolamento termico. La realizzazione di

Dettagli

Isolamento acustico: pubblicazione protetta da copyright Lafarge Gessi.

Isolamento acustico: pubblicazione protetta da copyright Lafarge Gessi. I s o l a m e n t o a c u s t i c o Isolamento acustico: pubblicazione protetta da copyright Lafarge Gessi. Introduzione L inquinamento acustico ambientale ha ormai raggiunto soglie elevate, che hanno

Dettagli

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA Descrizione prodotto L architrave prefabbricato tralicciato in laterocemento della serie AR, prodotto dalla LPM S.p.A., è un elemento strutturale

Dettagli

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C ALLEGATO C Audit energetico del corpo C OSPEDALE DI MANZONI DI LECCO Via Dell Eremo, 9/11 Redatto da: Revisione Data 1 INDICE A1. ANAGRAFICA E DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 3 A1.1 GENERALITÀ... 3 A1.2 DESCRIZIONE

Dettagli

SISTEMI RADIANTI A SOFFITTO

SISTEMI RADIANTI A SOFFITTO SISTEMI RADIANTI A SOFFITTO SISTEMA A CARTONGESSO I RADIANTI_OK 17-10-2007 12:39 Pagina 5 Riscaldamento a soffitto 18 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 31 33 I NOSTRI IMPIANTI Riscaldamento a soffitto 18 20

Dettagli

Comune di Casalmorano

Comune di Casalmorano Comune di Casalmorano Provincia di Cremona 26020 CASALMORANO (CR) Via Roma, 13 Tel.0374/374080 Fax.0374/374037 Cod. Fisc. 00314350190 Email: commune.casalmorano@pec.regione.lombardia.it CAPPELLA CIMITERIALE

Dettagli

8.3 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. EDIFICIO R - Scandicci (FI)

8.3 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. EDIFICIO R - Scandicci (FI) 2 INDICE 1. Natura e descrizione dell incarico 5 1.1 Descrizione dell intervento edilizio 5 1.1.1 Edificio R 6 2. Quadro di riferimento normativo 8 2.1 Legislazione nazionale 8 2.2 Norme tecniche 8 2.3

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Polistirene espanso macinato a granulometria variabile. Polistirene espanso macinato a granulometria variabile,

Polistirene espanso macinato a granulometria variabile. Polistirene espanso macinato a granulometria variabile, Massetti leggeri Perliking : Polistirene macinato e perla vergine per massetti in CLS leggero Tipo PKM Polistirene espanso macinato a granulometria variabile PKM/ADD Polistirene espanso macinato a granulometria

Dettagli

Fabio Scamoni RISANAMENTO ACUSTICO. Istituto per le Tecnologie della Costruzione, ITC CNR, Milano Responsabile del Laboratorio di Acustica

Fabio Scamoni RISANAMENTO ACUSTICO. Istituto per le Tecnologie della Costruzione, ITC CNR, Milano Responsabile del Laboratorio di Acustica CRITERI E BUONE PRATICHE PER LA PROGETTAZIONE ED IL RISANAMENTO ACUSTICO Fabio Scamoni Istituto per le Tecnologie della Costruzione, ITC CNR, Milano Responsabile del Laboratorio di Acustica La pianificazione

Dettagli

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA SOMMARIO - PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA 4 5 6 8 GENERALITà IL PRODOTTO Vital LE APPLICAZIONI Assorbimento

Dettagli

FONDAMENTI DI ACUSTICA IN EDILIZIA

FONDAMENTI DI ACUSTICA IN EDILIZIA FONDAMENTI DI ACUSTICA IN EDILIZIA Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia Ing. Edoardo Piana Sorgente Mezzo Ricevitore Meccanismo di eccitazione Elemento oscillante

Dettagli

Prova le nuove lastre accoppiate Habito Activ Air

Prova le nuove lastre accoppiate Habito Activ Air Isolamento acustico Isolamento termico Qualità dell aria interna Idrorepellenza Elevata resistenza meccanica Carta bianca: verniciatura facilitata Habito Silence Activ Air & Habito Clima Activ Air Massimo

Dettagli

APPLICAZIONE DI CARTONGESSI

APPLICAZIONE DI CARTONGESSI APPLICAZIONE DI CARTONGESSI Il cartongesso è uno dei materiale da costruzione più usati nell'edilizia leggera, in particolar modo per le partizioni verticali interne, data la sua velocità di applicazione

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE

SISTEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE PARETI CATALOGO GENERALE ITEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE G E N N A I O 2 0 1 3 I T A L I A P A R E T E UNI EN 149:2006 Monowall Pannello metallico autoportante coibentato con schiuma poliuretanica

Dettagli

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing.

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Francesco Cocco DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI PER UN EDIFICIO RESIDENZIALE A PATIO

Dettagli

Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli

Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli Edilizia 2007 Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli A cura di BibLus-net: Alfredo Mennonna Prima edizione - ottobre 2006 ACCA ACCA software S.p.A. Via Michelangelo Cianciulli 83048 MONTELLA (AV)

Dettagli

Prodotti. Spessore parete esterna S e > 10 mm Spessore setti interni S i > 7,2 mm

Prodotti. Spessore parete esterna S e > 10 mm Spessore setti interni S i > 7,2 mm POROTON Risponde all esigenza di migliorare il livello delle prestazioni termiche senza ridurre quelli della statica, acustica e resistenza al fuoco. Il principio su cui si basa è quello di alleggerire

Dettagli

soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico

soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico IL DECRETO LEGISLATIVO 311/06 Decreto Legislativo 29 Dicembre, n. 311 Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 19 Agosto

Dettagli

ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate)

ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate) ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate) Profilo policarbonato Profilo fermavetro Carter di copertura Piede di regolazione Profilo fisso PARETE MONOLITICA:

Dettagli

Spazi e Servizi per le Aziende

Spazi e Servizi per le Aziende Spazi e Servizi per le Aziende Auditorium Giovanni_Arvedi La cultura dell eccellenza che fin dai suoi primi passi guida il percorso di realizzazione del Museo del violino trova sintesi perfetta nell Auditorium

Dettagli

ImpIantI radianti a pavimento posa e progettazione 09-07

ImpIantI radianti a pavimento posa e progettazione 09-07 Impianti radianti a Pavimento Posa e progettazione 09-07 IMPIANTI GEOTERMICI - GEOTHERMAL PLANTS INDICE Impianti radianti a Pavimento Posa e progettazione Impianti ad uso civile pg. 5 Impianti ad uso

Dettagli

Murature In blocchi a Faccia Vista Listino Prezzi

Murature In blocchi a Faccia Vista Listino Prezzi Murature In blocchi a Faccia Vista Listino Prezzi 2013 Offerta per l esecuzione in opera di Blocchi FV Di seguito siamo lieti di sottoporvi ns. miglior offerta per l esecuzione in opera di Blocchi FV alle

Dettagli

UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA

UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA Ing. Roberto Zecchin, Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università di Padova Ing. Viliam Stefanutti, Studio Manens-Tifs, Padova

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE. il pannello del silenzio FAI DA TE

MANUALE DI INSTALLAZIONE. il pannello del silenzio FAI DA TE MANUALE DI INSTALLAZIONE 30.07.14 rev 1 AcustiKit il pannello del silenzio FAI DA TE disponibile in tre versioni 30dB - 40dB - 50dB VICINI RUMOROSI? L innovativo sistema di isolamento acustico a MEMBRANA

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

Estratto del Capitolato Tecnico

Estratto del Capitolato Tecnico Estratto del Capitolato Tecnico STRUTTURA PORTANTE Tutte le strutture sono progettate per rispondere ai più recenti dettami in materia di costruzione in zona sismica, esse prevedono l utilizzo di calcestruzzi

Dettagli

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing.

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Sara Domini Venezia, 29 Aprile 2010 Norme di misurazione Definizione Sono delle convenzioni

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

a cura di Giuliana Dima e Daniele Marini

a cura di Giuliana Dima e Daniele Marini Il recupero abitativo 27-08-1956 16:05 Pagina 15 PROGETTARE RECUPERO Compatibilità Reversibilità Rispetto dell autenticità Come e dove è possibile, Normativa Regionale, soluzione, costi Il Recupero abitativo

Dettagli

ELETTROSMOG-TEX(R) Ordini: 06 3340092 333 2620086 elettrosmog@mclink.it md2382@mclink.it Roma - Italia

ELETTROSMOG-TEX(R) Ordini: 06 3340092 333 2620086 elettrosmog@mclink.it md2382@mclink.it Roma - Italia ELETTROSMOG-TEX(R) Ordini: 06 3340092 333 2620086 elettrosmog@mclink.it md2382@mclink.it Roma - Italia Il tessuto che protegge dall inquinamento elettromagnetico Invenzione di Francesco de Cavi (brevetto

Dettagli

NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI

NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI Il programma carta-nastri adesivi che viene incontro alle vostre necessità. A seconda delle vostre richieste di qualità, capacità collante, resistenza all

Dettagli

isolante acustico sottopavimento

isolante acustico sottopavimento isolante acustico sottopavimento GENERALITÀ Fra gli imperativi ormai inderogabili, per evadere dalle forme di nevrosi cui la dinamica della vita quotidiana sembra volerci costringere in ogni momento, c

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO

La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda Dott. Ing. Mauro CAPPELLO 1 Unità didattica: 4 La trasmittanza termica 2 La trasmittanza termica: introduzione La prestazione termica dei materiali,

Dettagli

13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è

13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è 1 RISOLUZIONI cap.13 13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è (b) Il flusso termico è 13.2 (a) Il flusso termico sulla superficie del cocomero è (b) La

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine)

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine) Chiusure verticali (Chiusure con intercapedine) generalità tamponamenti perimetrali infissi esterni attrezzature di completamento Sistemi in grado di regolare il rapporto tra le situazioni ambientali,

Dettagli

Applicazioni fotovoltaiche

Applicazioni fotovoltaiche Applicazioni fotovoltaiche Frangisole I serramenti e le facciate continue negli edifici rappresentano un canale di passaggio per l apporto energetico gratuito proveniente dal sole. I frangisole si utilizzano

Dettagli

LECABLOCCO TRAMEZZA. semplice, sicuro e vantaggioso

LECABLOCCO TRAMEZZA. semplice, sicuro e vantaggioso LECABLOCCO TRAMEZZA semplice, sicuro e vantaggioso Il Lecablocco Tramezza è un manufatto in calcestruzzo alleggerito con argilla espansa Leca studiato dall ANPEL con sistema di collegamento ad incastri

Dettagli

APPLICAZIONI ACUSTICA

APPLICAZIONI ACUSTICA METODI E STRUMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLA POTENZA SONORA INTRODUZIONE Quanto rumore fa questa macchina? A questa domanda spesso in passato non si ricevevano delle risposte complete e di facile interpretazione.

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix

4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix 4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix 4.1 Geberit Sanbloc................................... 158 4.1.1 Sistema.............................................. 158 4.1.2 Progettazione........................................

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Santa Fiora-Teatr o della Compagnia-FI

Santa Fiora-Teatr o della Compagnia-FI Corso Probios-Carrara settembre 2006 PARETI E COPERTURE VENTILATE Gli argomenti che saranno trattati riguardano i benefici apportati alla parte esterna dell edifico usufruendo di una ventilazione naturale,

Dettagli