RELAZIONE FINALE DOCENTE DI MATEMATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE DOCENTE DI MATEMATICA"

Transcript

1 RELAZIONE FINALE DOCENTE DI MATEMATICA Prof. ssa ZANETTI ADRIANA A.S.2014/15 Classe QUINTA Sez A SIA SITUAZIONE FINALE DELLA CLASSE Nel corso dell anno scolastico la classe ha tenuto un comportamento corretto. La frequenza alle lezioni, tranne che per un ristretto numero di alunni, è stata regolare e la partecipazione alla vita scolastica attiva. L impegno nello studio é risultato buono per gran parte della classe. Solo pochi studenti si sono impegnati saltuariamente. Il profitto risulta piuttosto eterogeneo. Un piccolo gruppo ha acquisito un valido metodo di studio ed ha lavorato in modo produttivo conseguendo risultati ottimi. Un gruppo piú numeroso ha partecipato all attivitá didattica con discreto interesse e si é impegnato adeguatamente e costantemente raggiungendo gli obiettivi prefissati in modo sicuramente soddisfacente Infine un terzo gruppo, con un metodo di studio spesso ripetitivo-mnemonico e un impegno saltuario, ha raggiunto risultati appena sufficienti. TEMPI E MODALITA PER IL RECUPERO La classe si presenta numericamente molto ridotta e questo ha permesso il recupero in itinere durante l anno scolastico. Inoltre si è proceduto ad una costante correzione dei compiti per casa con l analisi degli errori e sono state svolte verifiche formative. CRITERI DI VALUTAZIONE Le valutazioni delle singole prove di verifica scritte e orali, sono state effettuate secondo un criterio assoluto; per l assegnazione del voto é stata utilizzata la tabella riportata nel POF. La valutazione finale ha tenuto conto anche dell impegno in classe e nel lavoro domestico, del metodo di studio e della partecipazione alle lezioni.

2 PROGRAMMA SVOLTO DI MATEMATICA APPLICATA FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI Rappresentazione di un punto in coordinate cartesiane nello spazio. Equazione cartesiana di un piano. Equazione cartesiana di una retta nello spazio come intersezione di due piani. Definizione di funzione reale di due variabili reali. Dominio. Linee di livello. Derivate parziali delle funzioni di due variabili. Ricerca di massimi e minimi relativi con le derivate. Massimi e minimi vincolati e assoluti. Qualche applicazione dell analisi a problemi di economia: funzioni marginali, ricerca del massimo utile, massima utilità del consumatore con vincolo di bilancio. ELEMENTI DI STATISTICA MATEMATICA Metodo dei minimi quadrati (funzione lineare). Indice di scostamento quadratico relativo. Interpolazione per punti noti e fra punti noti. Perequazione analitica e per medie mobili. Regressione lineare tra due variabili statistiche. Coefficiente di correlazione lineare di Bravais-Pearson. RICERCA OPERATIVA E PROGRAMMAZIONE LINEARE Scopi e metodi della ricerca operativa. Modelli matematici. Scelte in condizioni di certezza con effetti immediati. Punto di pareggio. Scelte tra due o più alternative. Problema delle scorte. Scelte in condizioni di certezza con effetti differiti: REA e TIR Scelte in condizioni di incertezza con effetti immediati: criterio del valore medio e criterio del pessimista. Problemi di P.L. in due variabili: metodo grafico. Pordenone, li Firma

3 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Docente: Sabrina Parutta Materia: Inglese Anno scolastico: 2013/2014 Classe: 5A SIA Libro di testo: M. Cumino P. Bowen, Business Globe, Petrini SITUAZIONE DELLA CLASSE IN USCITA La classe risulta composta da 12 allievi (8 maschi e 4 femmine) e presenta un livello di competenza comunicativa discreto anche se non vi sono picchi di eccellenza. Solo per uno studente permangono incertezze nella produzione scritta e orale, che talvolta rendono difficoltosa la comprensione del messaggio. Il comportamento è stato corretto, anche se non sempre rispettoso delle consegne nell arco dell intero anno scolastico. Il gruppo classe ha manifestato un buon interesse per la lingua inglese, con un atteggiamento sostanzialmente attivo e partecipativo, talvolta anche con spunti propositivi. Buona parte degli allievi dimostra di aver messo a punto un metodo di studio efficace che ha consentito di raggiungere gli obiettivi previsti; tutti gli allievi hanno migliorato le proprie competenze comunicative nel corso dell anno, consolidando e ampliando le proprie conoscenze e abilità linguistiche. METODOLOGIE E STRUMENTI DIDATTICI Le metodologie didattiche utilizzate hanno privilegiato l analisi degli argomenti presenti nel libro di testo, integrandoli con argomenti di attualità o di interesse proposti dagli allievi, facendo ricorso alla lezione frontale ma per lo più utilizzando la discussione guidata, il lavoro a coppie o in piccoli gruppi. Considerata anche la presenza in classe di una LIM, il ricorso alle risorse presenti in Internet è stato costante. Ci si è avvalsi dell uso di Internet anche per attività di webquest su argomenti predefiniti oltre che per reperire materiale autentico ad integrazione dei libri di testo (articoli, filmati, conferenze,..) per garantire un esposizione alla lingua effettivamente in uso. L approccio adottato è stato prevalentemente di tipo comunicativo-funzionale anche se non sono mancati momenti di approfondimento ed analisi delle strutture grammaticali e sintattiche. Come risorse didattiche sono stati utilizzati inoltre il sito dell insegnante: e quello del lettore madrelingua (Progetto lettore) L approccio adottato è stato prevalentemente di tipo comunicativo-funzionale anche se non sono mancati momenti di approfondimento ed analisi delle strutture grammaticali e sintattiche. Accanto alla competenza chiave comunicazione in lingua straniera sono state coinvolte le seguenti competenze riferite all asse de i linguaggi: - Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l'interazione comunicativa verbale in vari contesti - Leggere comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo - Produrre testi orali e scritti di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi. - Utilizzare e produrre testi multimediali - altri linguaggi Le attività che si sono svolte nel corso dell anno sono state improntate a sviluppare:

4 - la competenza digitale attraverso un approccio critico alle tecnologie della società dell informazione (TSI) e alla produzione di elaborati in cui è previsto l impiego di tecnologie dell informazione e della comunicazione (Prezi, Powtoon, Easel.ly, strumenti Google, Tiki-Toki, Storyboardthat, ); - la metariflessione sull apprendimento, puntando in particolare all abilità di organizzare il proprio apprendimento sia a livello individuale che in gruppo, a seconda delle proprie necessità, e alla consapevolezza relativa a metodi e opportunità (Flipped learning); - le competenze sociali e civiche in particolare attraverso la promozione del benessere personale e sociale e attraverso attività che consentano agli studenti di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa;(business Angels: GCV; progetto Educhange ) - il senso di iniziativa e di imprenditorialità stimolando negli studenti la creatività, l'innovazione e l'assunzione di rischi, come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi (presentazioni individuali); - la consapevolezza ed espressione culturali, favorendo l espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni attraverso un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive (Spettacolo teatrale The Merchant of Venice ) Per quanto riguarda lezioni in modalità capovolta (flipped learning), queste hanno previsto l acquisizione di contenuti attraverso il lavoro domestico e la loro rielaborazione in classe attraverso il lavoro in piccoli gruppi, assecondando interessi e predisposizioni individuali. Tale modalità ha di fatto consentito di personalizzare l attività didattica e l apprendimento e di sostenere gli studenti durante la produzione dei loro elaborati. Alcuni studenti hanno partecipato al progetto Business Angels mirato all acquisizione di competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro e hanno approfondito in particolare aspetti legati al Customer care (approaching customers, selling strategies, effective communication). Tutta la classe ha partecipato al progetto Lettore che ha coinvolto le classi quinte dell istituto e ha previsto nove interventi corrispondenti a nove lezioni che si sono svolte nei mesi di aprile e maggio con un docente madrelingua, volte ad approfondire aspetti legati a: - Fair Trade - Globalization - Marketing and Social media marketing - Cloud computing La modalità di conduzione delle lezioni del lettore è stata improntata a favorire l espressione orale attraverso attività di conversazione, cooperative learning e flipped learning. La classe ha inoltre partecipato al progetto Educhange - Global citizen che ha visto la presenza nel nostro istituto di tre studentesse Universitarie straniere che hanno tenuto alcune lezioni in lingua inglese nella classe. VALUTAZIONE La verifica degli apprendimenti e della competenza comunicativa è avvenuta mediante monitoraggio sistematico e continuo delle attività svolte dagli studenti in classe ed a

5 casa, in riferimento sia ad abilità isolate che integrate. Tale monitoraggio è stato affiancato da momenti più formali (compito in classe/ interrogazione) che sono avvenuti attraverso le seguenti modalità: Comprensione scritta / orale: - Test oggettivi strutturati e semistrutturati Produzione scritta: - redazione di brevi testi descrittivi/ quesiti a risposta aperta/ riassunti Produzione orale: conversazioni / descrizioni / reporting / discussioni Pordenone, 13/05/2015 La docente Sabrina Parutta

6 Docente: Sabrina Parutta Materia: Inglese Anno scolastico: 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO Classe: 5 A SIA Libro di testo: M. Cumino P. Bowen, Business Globe, Petrini TITOLO MODULO ARGOMENTI GRAMMATICA ABILITÀ The business world Marketing Enquiring Ordering Logistics Business organizations Jobs Tasks Applying for a job Europass CV Marketing Media Advertising Web marketing Advert analysis Social Media Marketing Opening /closing formulas for business transactions Useful phrases Ordering Useful phrases for replying to orders Transport modes Containerization (Ted video) Past tenses: contrastive use Mixed conditionals Reported speech Causative verbs: have- let- getmake want Linking words: thus, therefore, although, whereas, on the contrary, similarly, moreover, in addition, finally, Rephrasing Descrivere strutture aziendali e professioni Confrontare punti di forza e di debolezza di diverse organizzazioni aziendali Riassumere in forma scritta e orale brevi testi con lessico specifico del settore tecnologico e aziendale Saper argomentare e sostenere in forma scritta e orale il proprio punto di vista Esprimere e chiedere opinioni in forma scritta e orale Descrivere e commentare immagini, tabelle e grafici in forma scritta e orale Redigere un CV Sostenere un colloquio di lavoro Culture Cloud computing: Changes to computer thinking (Video) Globalization Fair Trade The Beat Generation Victorian Age: contradictions (cenni) The Merchant of Venice Slave Trade (TED video) US Political System Common Law vs Civil Law The History of Tattoos From declaration of independence to the declaration of human rights Phrasal and prepositional verbs Modal Verbs Scrivere brevi testi di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Analizzare una pubblicità (messaggio, target, contesto) Parlare dei propri piani futuri

7 PROGRAMMA DI ECONOMA DI AZIENDALE Moduli didattici Classe 5ASIA 1.la gestione delle imprese industriali Contenuti o Aspetti generali delle aziende industriali o CO.GE Lezione: Le caratteristiche delle imprese industriali La contabilità generale: Le immobilizzazioni, il personale dipendente, Acquisti,vendite e loro regolamento Outsourcing e subfornitura Il sostegno pubblico alle imprese Scritture di assestamento e le valutazioni di fine esercizio Valutazioni dei lavori in corso su ordinazione La situazione contabile finale, le scritture di epilogo e di chiusura. Conoscenze o Le caratteristiche, le funzioni e le classificazioni delle aziende industriali o La composizioni del patrimonio, le aree della gestione e il processo di formazione del risultato economico o Il sistema informativo e la sua articolazione o La CO.GE o Riconoscere le aziende industriali e individuare le problematiche connesse o Saper redigere le scritture d esercizio relative ad un azienda industriale o Saper redigere le scritture di chiusura Competenze o Esprimere un giudizio sul processo di formazione economico del risultato economico o Distinguere le aree dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico o Classificare i componenti del patrimonio e del reddito o Correlare le voci tipiche di un azienda industriale nei documenti di bilancio Non sono state effettuate le valutazioni e le registrazioni delle immobilizzazioni finanziarie. 2. Il sistema informativo di bilancio Contenuti o Redazione dei contenuti dei documenti che compongono il Bilancio di esercizio o Analisi di bilancio Lezione: Il bilancio di esercizio e la sua funzione, le componenti del bilancio La normativa sul bilancio Il controllo contabile e la revisione contabile del bilancio L interpretazione del bilancio Le analisi di bilancio Stato Patrimoniale riclassificato I margini della struttura patrimoniale IL Conto economica riclassificato Gli indici di bilancio Analisi finanziaria,patrimoniale Analisi economica Analisi della produttività Schema di coordinamento degli indici di bilancio Analisi per flussi : Rendiconto finanziario delle variazioni del Patrimonio Circolante Netto, Rendiconto finanziario delle variazioni della disponibilità netta Conoscenze o Poste tipiche del bilancio d esercizio della imprese industriali o Criteri di valutazione e principi contabili nazionali o La rielaborazione dei documenti di bilancio

8 o Le tecniche di analisi per indici e per flussi Abilità o Redigere il bilancio d esercizio secondo la normativa civilistica o Riclassificare la situazione patrimoniale secondo i criteri finanziari o Riclassificare la situazione economica, redigere il conto economico al valore aggiunto e al costo del venduto. o Calcolare ed interpretare gli indici di bilancio per effettuare l analisi prospettica della situazione economica,finanziaria e patrimoniale d impresa o Calcolare ed interpretare i flussi finanziari di Patrimonio Circolante Netto e di liquidità o Compilare il rendiconto finanziario di PCN o Redigere un Bilancio con i dati a scelta Competenze o Saper cogliere le relazioni tra documenti di bilancio o Saper scegliere e interpretare, in semplici contesti, gli indici più significativi per esprimere un giudizio sulla situazione o economica, finanziaria e patrimoniale dell impresa. 4 Pianificazione,.Strategie, programmazione e controllo di gestione Contenuti o Strategie, programmazione controllo di gestione Lezione : Il sistema informativo e il sistema informativo direzionale La contabilità gestionale L oggetto e la sua misurazione La classificazione dei costi La contabilità gestionale a costi diretti e a costi pieni Imputazione dei costi indiretti su base unica e su base multipla Localizzazione dei costi per centri di produzione i costi standard L activity based costing La contabilità e le decisioni aziendali: accettazione di un nuovo ordine( costo suppletivo), eliminazione del prodotto in perdita (margine di contribuzione), Make or but. Diagramma di redditività o Pianificazione, programmazione e controllo ( concetti generali) Lezione: La pianificazione aziendale Il budget e sua redazione I budget settoriali Il budget economico e patrimoniale Budgetary control e analisi degli scostamenti Il reporting Business Plan Contenuti o il concetto di pianificazione o Le scelte operative aziendali e la gestione dei costi o Oggetto e funzioni e requisiti della COA o Metodologie di calcolo e imputazione dei costi o Le caratteristiche dei valori standard o Le caratteristiche del controllo di gestione o Il budget di esercizio o Il sistema di reporting e controllo degli scostamenti Abilità o Classificare i costi secondo i vari criteri o Rappresentare graficamente i costi in relazione alla loro variabilità o Calcolare le configurazioni di costo, determinare i risultati parziali o Determinare i risultati analitici con il direct / full costing o Redigere semplici budget settoriali o Eseguire l analisi degli scostamenti

9 Competenze o Rispetto ad una data informativa saper individuare la configurazione di costo più adeguata o Saper effettuare scelte corrette rispetto ad un problema di make or buy o In presenza di scostamenti di costi variabili e ricavi saper individuarle cause e proporre soluzioni ARGOMENTI DA SVOLGERE NEL PERIODO DI FINE MAGGIO 5.L imposizione fiscale in ambito aziendale Contenuti o L imposizione fiscale Lezione: Le imposte dirette e indirette I principi su cui si fonda il reddito fiscale La svalutazione fiscale dei crediti Gli ammortamenti fiscali Le spese di manutenzione e riparazione Il trattamento fiscale delle plusvalenze La base imponibile IRES Conoscenze o Le imposte che gravano sul reddito d impresa o I principi su cui si fonda il reddito fiscale o Costi deducibili e ricavi imponibili o Imponibile IRES o Abilità o Passare dal reddito di bilancio al reddito fiscale e determinare le basi imponibili su cui applicare le imposte Competenze o Individuare le divergenze tra le valutazioni civilistiche e le valutazioni fiscali o Saper riconoscere i costi deducibili e i ricavi imponibili o Saper determinare il reddito imponibile 6.Economia delle imprese di credito Contenuti L attività bancaria Le operazioni di raccolta e di impiego Il fido e le operazione d impiego La gestione del c/c di corrispondenza Le operazioni di smobilizzo dei crediti commerciali : gli anticipi su fatture, portafoglio s.b.f. Conoscenze o L attività bancaria, la funzione delle banche o le principali problematiche delle aziende di credito o Le autorità creditizie o Aspetti gestionali delle aziende di credito o Il fido e le sue fasi o Le operazioni di smobilizzo dei crediti Abilità o Saper gestire un rapporto di c/c o Saper gestire le operazioni di smobilizzo dei crediti Competenze o Individuare Compilare e gestire il flusso di documentazioni connessa al rapporto di c/c Docente Pordenone 13/5/2015 prof.ssa Rita Biancifiori

10 Situazione finale della classe La classe è formata attualmente da 12 allievi ( 8 maschi e 4 femmine). Durante l anno scolastico ci sono stati due alunni che, per motivi familiari, hanno dovuto trasferirsi in altre sedi. La classe non ha avuto una continuità didattica nella disciplina, ogni anno scolastico si sono succedute insegnanti diverse. Il livello di preparazione degli allievi è molto diversificato così pure l interesse, l impegno e la partecipazione al dialogo educativo in classe. Si è faticato molto a trovare un metodo di lavoro che assicurasse una continuità di apprendimento e che stimolasse l interesse e l impegno. Agli alunni è sempre stata evidenziata l importanza e l esigenza della costanza nel lavoro per un processo di apprendimento proficuo, contro la tendenza emersa di loro impegno solo in prossimità di verifiche. Per cui per alcuni di loro la preparazione è rimasta a livelli meramente sufficienti ; altri hanno comunque raggiunto risultati soddisfacenti, pur non avendo assicurato continuità e precisione nello studio. Il comportamento in classe è stato complessivamente corretto. Recupero attuato L attività di recupero sono state effettuate in itinere con ripasso degli argomenti e con esercitazioni prese da altri testi. Commenti E stato necessario operare tagli sul modulo relativo alle aziende di credito e dedicare minore tempo all imposizione fiscale sia per riduzioni delle ore (2ore) sia per esigenze di recupero dei contenuti sui nuclei portanti delle aziende industriali. Tipologie delle verifiche svolte o Compiti scritti o o o o Risoluzioni di problemi Esercizi strutturati di comprensione scritta Interrogazione Domante aperte Strumenti usati o Libro di testo entriamo in azienda 3 di Astolfi, Barale & Ricci Casa editrice Tramontana o o o Fotocopie Laboratorio informatico Tuir, Codice Civile. Docente Pordenone 13 /05/2015 prof.ssa Rita Biancifiori

11 Istituto Tecnico Statale del Settore Economico Odorico Mattiussi via Fontane, Pordenone Tel. 0434/241885/ Fax Cod.Fisc RELAZIONE FINALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa MOLARO LUCIA Disciplina diritto Classe 5 Sez. A Indirizzo sistemi informativi aziendali Situazione finale della classe Nel corso del triennio la classe ha maturato consapevolezza e senso di responsabilità del contesto di studio, interesse verso la disciplina e una partecipazione attiva alle attività didattiche. La gran parte degli allievi ha espresso un impegno costante e un metodo di lavoro efficace raggiungendo risultati buoni e, in alcuni casi, ottimi. Permangono alcune situazioni di fragilità dovute a un metodo di studio limitato e/o inefficace e all utilizzo, ancora stentato, del linguaggio specifico. Per questi allievi le prestazioni risultano piuttosto scolastiche. Programma svolto fino alla 15 maggio Nozione e caratteristiche dello stato. Gli elementi costitutivi. Il popolo e popolazione. La cittadinanza europea. Il trattamento giuridico in generale di stranieri e apolidi. Acquisto e perdita della cittadinanza: criteri e modalità. Estradizione ed espulsione. Cittadinanza e nazionalità. Nazione e nazionalismi. Il territorio: composizione, extraterritorialità e immunità territoriale. La sovranità: nozione e caratteristiche. Funzioni, organi e atti con cui si esprime la sovranità. La costituzione italiana: struttura, funzione, caratteristiche. L assemblea costituente e le sue radici ideologiche. Il parlamento: struttura, composizione, funzioni. La legislatura. Bicameralismo perfetto. Le modalità di organizzazione: presidenza, gruppi parlamentari, commissioni permanenti, bicamerali, d inchiesta. Il funzionamento delle camere: in particolare quorum costitutivo e deliberativo. La condizione giuridica di membro del parlamento. Le fasi del procedimento legislativo. Procedura ordinaria, abbreviata, intermedia per le leggi ordinarie. Il controllo sull indirizzo politico: mozione di fiducia e sfiducia, interrogazioni, interpellanze e mozioni. Le altre funzioni del Parlamento. Il presidente della repubblica: ruolo, elezione, requisiti, durata in carica, supplenza. Le prerogative del presidente della repubblica: assegno e dotazione, irresponsabilità politica e la controfirma ministeriale. Il ruolo e funzioni del presidente della repubblica. Atti formalmente e sostanzialmente presidenziali. Il governo: composizione, funzioni, procedimento di formazione. Presidenza del consiglio, ministri con e senza portafoglio. Ministri politici e tecnici, ad interim. Rapporti tra presidente del consiglio e ministri. Le crisi di governo parlamentari ed extraparlamentari. La questione di fiducia. La funzione normativa del governo: procedure per l adozione dei decreti legislativi, decreti legge. In generale l adozione di regolamenti amministrativi.

12 La magistratura: composizione e principi costituzionali di imparzialità e indipendenza. Il diritto di azione e di difesa. I gradi di giudizio. La giurisdizione civile, penale ed amministrativa: soggetti, tutela e sanzioni. Il Consiglio superiore della Magistratura: composizione e funzioni. La volontaria giurisdizione. La corte costituzionale: composizione, nomina, durata. Insindacabilità e inviolabilità dei giudici costituzionale. Le funzioni: il giudizio di legittimità costituzionale, conflitto di attribuzione, giudizio sulle accuse al presidente della repubblica, giudizio di ammissibilità del referendum abrogativo. L attività amministrativa: nozione e caratteristiche. Amministrazione attiva, consultiva e di controllo. Tipologie e finalità dei pareri. Tipologie e finalità dei controlli. I principi dell attività amministrativa: decentramento, legalità, riserva di legge, imparzialità, economicità, trasparenza. La riforma Brunetta e il codice dell amministrazione digitale. L organizzazione della pubblica amministrazione: amministrazione diretta centrale e periferica, amministrazione indiretta: enti istituzionali nazionali e locali, gli enti territoriali. Autonomia e autarchia. Il decentramento burocratico e istituzionale. La circoscrizione amministrativa. Compiti amministrativi propri e delegati. Gli organi attivi della amministrazione centrale: Presidente del consiglio, i ministri, il Prefetto e il Sindaco (nozione e competenze in generale). Altri organi periferici in generale. Gli organi consultivi della amministrazione centrale: Consiglio di Stato e Avvocatura dello Stato (nozione e competenze in generale). Gli organi di controllo della amministrazione centrale: Corte dei Conti e Ragioneria dello Stato(nozione e competenze in generale). Il processo federalista in Italia. Tappe normative sul federalismo: le leggi Bassanini e la riforma costituzionale del Autonomie degli enti locali: politica, finanziaria, normativa, amministrativa, statutaria. In particolare la potestà normativa delle regioni (esclusiva e concorrente). Il federalismo fiscale e demaniale. L organizzazione delle Regioni: organi politici e amministrativi. Consiglio regionale: nozione, funzioni, scioglimento. La giunta regionale e il Presidente: nozione, funzioni. L organizzazione del comune: organi politici e amministrativi. Il consiglio comunale: nozione, funzioni, scioglimento. La giunta regionale e il Sindaco: nozione, funzioni. Cenni sulla legge Delrio. Gli atti e fatti amministrativi; atti amministrativi in senso stretto e provvedimenti amministrativi. Elementi essenziali del provvedimento amministrativo. Schema tipico del provvedimento amministrativo. Caratteri dei provvedimenti amministrativi. I provvedimenti amministrativi ampliativi: autorizzazioni e concessioni. I provvedimenti amministrativi restrittivi: ordini, punizioni e provvedimenti ablativi. Il procedimento amministrativo:fasi dell iniziativa, dell istruttoria, della decisione. Libri di testo Capiluppi, La norma e la pratica 3, moduli di diritto pubblico e diritto internazionale, Tramontana, Tempi e modalità per il recupero Il recupero a classe intera è stato svolto durante l intero arco dell a.s. con schematizzazioni e nuove spiegazioni degli argomenti non particolarmente acquisiti; per gli allievi in situazione di insufficienza non è stato attivato alcun corso di recupero, ma sono stati svolti sportelli specifici. Pordenone, Firma del docente

13 Istituto Tecnico Statale del Settore Economico Odorico Mattiussi via Fontane, Pordenone Tel. 0434/241885/ Fax Cod.Fisc RELAZIONE FINALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa MOLARO LUCIA Disciplina economia politica Classe 5 Sez. A Indirizzo sistemi informativi aziendali Situazione finale della classe Nel corso del triennio la classe ha maturato consapevolezza e senso di responsabilità del contesto di studio, interesse verso la disciplina e una partecipazione attiva alle attività didattiche. La gran parte degli allievi ha espresso un impegno costante e un metodo di lavoro efficace raggiungendo risultati buoni e, in alcuni casi, ottimi. Permangono alcune situazioni di fragilità dovute a un metodo di studio limitato e/o inefficace e all utilizzo, ancora stentato, del linguaggio specifico. Per questi allievi le prestazioni risultano piuttosto scolastiche. Programma svolto fino al 15 maggio Nozione, caratteri e soggetti dell economia pubblica e della attività finanziaria pubblica. I compiti dello stato e le dimensioni dell intervento pubblico. Evoluzione storica: dalla finanza neutrale a quella funzionale, le politiche liberiste. Le imperfezioni del mercato e le ragioni, difficoltà e limiti dell intervento pubblico. Gli strumenti della politica economica. I fallimenti del mercato. Beni pubblici e beni di merito. Le esternalità. I soggetti dell attività economica e finanziaria pubblica. Le amministrazioni pubbliche e il conto consolidato. Nozione e variazioni quantitative della spesa pubblica. Classificazione delle spese e loro effetti economici. Gli effetti economici dell incremento della spesa pubblica e le politiche di contenimento. Il sistema delle entrate pubbliche. Classificazione delle entrate. I prezzi: nozione e tipologie. La politica dei prezzi multipli. L attività imprenditoriale pubblica: motivazioni storiche dell intervento dello stato nell economia e storia delle imprese pubbliche in Italia. I monopoli fiscali e sociali. Le forme organizzative delle imprese pubbliche: le aziende autonome, gli enti pubblici economici e le partecipazioni statali: nozione e caratteristiche. Le cause della crisi delle imprese pubbliche e le modalità delle privatizzazioni. Modalità di privatizzazione: azionariato diffuso, nocciolo duro, dalla golden share al golden power. I beni dello stato: demanio; i beni del patrimonio disponibile e indisponibile. I beni patrimoniali come fonte di entrate. Il federalismo demaniale e il trasferimento dei beni statali agli enti territoriali. I tributi in generale: nozione e caratteristiche. Pressione tributaria e fiscale. Gli effetti economici del prelievo tributario. La curva di Laffer e la scuola dell economia dell offerta. Il bilancio dello stato: nozione, caratteri e funzioni. La normativa sul bilancio in generale. Anno ed esercizio finanziario. Bilancio di previsione e rendiconto. Bilancio di competenza e bilancio di cassa. Bilancio annuale e pluriennale. I principi del bilancio. La struttura del bilancio: classificazione in generale di entrate e spese, le unità di voto, i centri di responsabilità amministrativa, gli stati di previsione, i macroaggregati. I risultati differenziali. Il problema del

14 pareggio in generale. Indebitamento e debito pubblico in rapporto al reddito nazionale. I vincoli europei e i limiti alla creazione dei disavanzi: dal patto di stabilità e crescita al fiscal compact ( quest ultimo in generale). Il principio del pareggio in bilancio e commento all art. 81 Cost. It.. Gli strumenti della programmazione: nozione, contenuti in generale, funzioni e tempo della presentazione al Parlamento. La legge di stabilità e i collegati. La legge di approvazione del bilancio e l esercizio provvisorio. La flessibilità e l assestamento del bilancio. La gestione del bilancio e il sistema dei controlli. Il rendiconto generale dello stato. L imposta: caratteri e funzioni. Struttura del rapporto giuridico d imposta: presupposto, soggetto attivo e passivo, oggetto e base imponibile, aliquota, fonte. Imposte dirette e indirette: nozione, oggetto, caratteri e funzioni. Il reddito come prodotto e come entrata. Imposte generali e speciali. Imposte personali e reali. Imposte fisse, proporzionali, progressive, regressive: nozione, caratteristiche e modalità di applicazione. Tecniche per l applicazione della progressività. Effetti dell imposta progressiva. I principi giuridici dell imposta: universalità e uniformità. La capacità contributiva: nozione e indicatori: la discriminazione qualitativa e quantitativa del reddito, il patrimonio, le situazioni personali e familiari. Le agevolazioni fiscali. I principi amministrativi delle imposte. Le fasi del processo impositivo. L accertamento: metodi e tipologia di procedimenti. Tassazione e liquidazione dell imposta. I metodi e la gestione della riscossione e del versamento dell imposta. Effetti macroeconomici e microeconomici delle imposte. Nozione, tecniche e conseguenze economiche di evasione fiscale, elusione, rimozione positiva e negativa. La traslazione: nozione, tipi e presupposti. Libri di testo Vinci Orlando, Scienza delle finanze e diritto tributario, Tramontana, Tempi e modalità per il recupero Il recupero a classe intera è stato svolto durante l intero arco dell a.s. con schematizzazioni e nuove spiegazioni degli argomenti non particolarmente acquisiti; poiché non è stato svolto un corso di recupero per gli allievi in situazione di insufficienza, il docente si è reso disponibile per sportelli specifici. Pordenone, Firma del docente

15 RELAZIONE FINALE Anno scolastico 2014/15 Docente: Prof. Marco Giacomini Materia: Informatica gestionale Classe: 5ASIA Data: 12/05/2015

16 Situazione finale della classe Descrizione della situazione della classe alla fine dell'anno scolastico Il grado di apprendimento risulta sufficiente o discreto per circa metà della classe. Per la restante metà invece, a causa di una scarsa o talvolta assente rielaborazione domestica, risulta non del tutto sufficiente e in taluni casi gravemente insufficiente. Recupero attuato Tempi e modalità adottate per il recupero Sono state effettuate pause didattiche durante le quali è stato dato ampio spazio alle domande ed ai dubbi manifestati dagli allievi

17 Moduli didattici 1. Basi di dati Contenuti Definizioni Diagrammi E/R Modello relazionale Linguaggio SQL Conoscenze Definizione di DB e DBMS Componenti di un DBMS: DDL, DML e QL Livelli di astrazione di un DBMS: fisico, concettuale, esterno Motivazioni all uso di un database Indipendenza logica e fisica Vincoli di integrità Entità Relazioni, entità, attributi ed associazioni il modello gerarchico e il modello reticolare Il concetto matematico di relazione Definizione di tuple, attributi, e chiavi Proprietà del modello relazionale Operatori relazionali Forme normali Il linguaggio SQL: istruzioni DDL, DML e QL Integrazione DB con Web (cenni) Abilità Gestire una semplice base di dati nei suoi aspetti funzionali e organizzativi Competenze Rilevare i limiti delle organizzazioni tradizionali degli archivi e la loro evoluzione Descrivere l'architettura di un sistema di gestione di basi di dati Stendere relazioni comparative, con riferimento al trattamento di algoritmi, alle strutture dati e alle caratteristiche del sistema di elaborazione

18 2. Utilizzo del programma Microsoft Access Contenuti Introduzione Funzionalità del prodotto Database Interfaccia utente Reports Programmazione Conoscenze Progetto di tabelle, tipi di dati, definizione di chiavi e indici Interfaccia utente di tipo grafico, controlli e principali proprietà Autocomposizione di report, controlli e principali proprietà, tipologie di report, sezioni. La griglia QBE e relazioni con SQL Oggetti DAO utilità e campi di applicazione, proprietà SQL e metodo Execute Abilità Saper utilizzare Microsoft Access per gestire semplici basi di dati Competenze Saper utilizzare DBMS di moderna concezione con interfaccia grafica Windows Utilizzare VB all'interno di un database Definire routine Sub e routine Function in Access Basic in risposta agli eventi

19 3. Utilizzo di DBMS client/server Contenuti Il modello client/server Microsoft SQL Server mysql Conoscenze Funzionalità del prodotto, tabelle, viste, stored procedure Progetto di tabelle, tipi di dati, definizione di chiavi e indici Abilità Saper utilizzare Microsoft SQLServer e mysql per gestire semplici basi di dati Competenze Saper utilizzare DBMS client/server

20 4. Sistemi Operativi Contenuti Introduzione Cenni storici Tipologie di sistemi operativi Esempi di sistemi operativi Conoscenze Tipi di elaborazione: batch, multiprogrammazione, interattività Tipi di calcolatori Funzionalità di un sistema operativo, schema a buccia di cipolla, macchine virtuali, nucleo, file system ed interprete dei comandi Assegnazione delle risorse, risorse consumabili, interrompibili e divisibili Processi: programma e processo, modo supervisore e modo utente, process control block (PCB), scheduler a breve termine (dispatcher), scheduler a medio e lungo termine Gestione della CPU: struttura di una cpu, parte operativa e parte di controllo, ALU, registri, program counter (PC), gestione delle interruzioni, eventi sincroni e asincroni, stato di avanzamento di un processo (ready, running e waiting), multiutenza, politiche event-driven, criteri FIFO, SJF e SPTF, interattività e time sharing, politiche timedriven, round robin, preemption, stallo Gestione della memoria centrale: schema logico-funzionale, spazio di indirizzamento, rilocazione assoluta, statica e dinamica, frammentazione della memoria e compattamento, partizioni fisse, dinamiche e rilocabili, paginazione, pagine fisiche e pagine logiche, mapping degli indirizzi, segmentazione, segmentazione paginata, memoria virtuale, overlay, processi sospesi, page fault, page swapping, metodo LRU, protezione della memoria, gerarchie di memoria, la memoria cache, ram statiche e ram dinamiche Gestione delle periferiche: tipi di periferiche (dedicate, condivise e virtuali); principi di funzionamento Abilità Utilizzare i principali comandi di Windows e Linux Creare scripts in Windows e Linux (shell) Competenze Sapere valutare le differenze dei sistemi operativi attualmente in commercio Utilizzare le funzioni complesse di un sistema operativo

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli