Metodi Quantitativi per la Finanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodi Quantitativi per la Finanza"

Transcript

1 Metodi Quantitativi per la Finanza Metodi Quantitativi per la Finanza S.M. Iacus Ricevimento: Gio 9:00-12:00, III Piano DEAS

2 Programma del corso il mondo dei derivati le dinamiche dei prezzi (moto browiano, equazioni differenziali stocastiche e formula di Ito) opzioni europee e americane modelli in tempo continuo modelli in tempo discreto forward, futures, opzioni esotiche Il tutto corredato da lezioni in laboratorio con e lavorare su dati reali per simulare

3 Programma del corso il mondo dei derivati le dinamiche dei prezzi (moto browiano, equazioni differenziali stocastiche e formula di Ito) opzioni europee e americane modelli in tempo continuo modelli in tempo discreto forward, futures, opzioni esotiche Il tutto corredato da lezioni in laboratorio con e lavorare su dati reali per simulare

4 Programma del corso il mondo dei derivati le dinamiche dei prezzi (moto browiano, equazioni differenziali stocastiche e formula di Ito) opzioni europee e americane modelli in tempo continuo modelli in tempo discreto forward, futures, opzioni esotiche Il tutto corredato da lezioni in laboratorio con e lavorare su dati reali per simulare

5 Programma del corso il mondo dei derivati le dinamiche dei prezzi (moto browiano, equazioni differenziali stocastiche e formula di Ito) opzioni europee e americane modelli in tempo continuo modelli in tempo discreto forward, futures, opzioni esotiche Il tutto corredato da lezioni in laboratorio con e lavorare su dati reali per simulare

6 Programma del corso il mondo dei derivati le dinamiche dei prezzi (moto browiano, equazioni differenziali stocastiche e formula di Ito) opzioni europee e americane modelli in tempo continuo modelli in tempo discreto forward, futures, opzioni esotiche Il tutto corredato da lezioni in laboratorio con e lavorare su dati reali per simulare

7 Programma del corso il mondo dei derivati le dinamiche dei prezzi (moto browiano, equazioni differenziali stocastiche e formula di Ito) opzioni europee e americane modelli in tempo continuo modelli in tempo discreto forward, futures, opzioni esotiche Il tutto corredato da lezioni in laboratorio con e lavorare su dati reali per simulare

8 Programma del corso il mondo dei derivati le dinamiche dei prezzi (moto browiano, equazioni differenziali stocastiche e formula di Ito) opzioni europee e americane modelli in tempo continuo modelli in tempo discreto forward, futures, opzioni esotiche Il tutto corredato da lezioni in laboratorio con e lavorare su dati reali per simulare

9 Materiale didattico Wilmott, Howison e Dewynne The Mathematics of Financial Derivatives. Cambridge University Press, R Foundation for Statistical Computing R Statistical Environment [ ] Iacus, Masarotto (opzionale) Laboratorio di Statistica con R. McGraw-Hill Italia, 2003.

10 Materiale didattico Wilmott, Howison e Dewynne The Mathematics of Financial Derivatives. Cambridge University Press, R Foundation for Statistical Computing R Statistical Environment [ ] Iacus, Masarotto (opzionale) Laboratorio di Statistica con R. McGraw-Hill Italia, 2003.

11 Materiale didattico Wilmott, Howison e Dewynne The Mathematics of Financial Derivatives. Cambridge University Press, R Foundation for Statistical Computing R Statistical Environment [ ] Iacus, Masarotto (opzionale) Laboratorio di Statistica con R. McGraw-Hill Italia, 2003.

12 Outline

13 Tipologie di mercati (non necessariamente luoghi fisici) stock markets (mercati azionari) : le borse nella nozione comune del termine, ad esempio, New York, Londra, Tokyo, Milano etc bond markets (mercati obbligazionari) : scambio di titoli di stato o simili currency markets or foreign exchange markets (mercati di cambio) : viene scambiata valuta e quindi di fatto fissato il prezzo dei cambi commodity markets (?) : vengono fissati i prezzi dei beni quali petrolio, oro, rame, frumento, elettricità futures and options markets (mercati dei prodotti derivati) : vengono acquistati e venduti titoli derivati come le opzioni

14 Outline

15 Opzione : è il diritto ad acquistare o vendere un prodotto finanziario, a un prezzo stabilito e ad una scadenza prefissata. Forward e Futures : contratti che impegnano una delle due parti ad acquistare o vendere un prodotto finanziario, ad un prezzo definito ad una scadenza prefissata. I Futures e i contratti Forward sono quindi simili alle opzioni con la sostanziale differenza che vi è un obbligo di acquisto o vendita. La differenza tra Futures e contratti Forward è tecnica (nei futures ad esempio, il pagamento è dilazionato lungo tutta la lunghezza del contratto). Noi ci concentreremo principalmente sulle opzioni.

16 Opzione : è il diritto ad acquistare o vendere un prodotto finanziario, a un prezzo stabilito e ad una scadenza prefissata. Forward e Futures : contratti che impegnano una delle due parti ad acquistare o vendere un prodotto finanziario, ad un prezzo definito ad una scadenza prefissata. I Futures e i contratti Forward sono quindi simili alle opzioni con la sostanziale differenza che vi è un obbligo di acquisto o vendita. La differenza tra Futures e contratti Forward è tecnica (nei futures ad esempio, il pagamento è dilazionato lungo tutta la lunghezza del contratto). Noi ci concentreremo principalmente sulle opzioni.

17 Opzione : è il diritto ad acquistare o vendere un prodotto finanziario, a un prezzo stabilito e ad una scadenza prefissata. Forward e Futures : contratti che impegnano una delle due parti ad acquistare o vendere un prodotto finanziario, ad un prezzo definito ad una scadenza prefissata. I Futures e i contratti Forward sono quindi simili alle opzioni con la sostanziale differenza che vi è un obbligo di acquisto o vendita. La differenza tra Futures e contratti Forward è tecnica (nei futures ad esempio, il pagamento è dilazionato lungo tutta la lunghezza del contratto). Noi ci concentreremo principalmente sulle opzioni.

18 Outline

19 Vanilla Options Vanilla : (Default flavour of ice cream in the US) Ordinary flavour, standard. When used of food, very often does not mean that the food is flavoured with vanilla extract! For example, vanilla wonton soup means ordinary wonton soup, as opposed to hot-and-sour wonton soup. This word differs from canonical in that the latter means default, whereas vanilla simply means ordinary. For example, when hackers go to a chinese restaurant, hot-and-sour wonton soup is the canonical wonton soup to get (because that is what most of them usually order) even though it isn t the vanilla wonton soup. [Free On-Line Dictionary of Computing,

20 European call option Ad una data prefissata futura (expiry date) il possessore dell opzione (holder) può decidere se acquistare un prodotto finanziario (asset o underlying asset) a un predeterminato prezzo di esercizio (exercise price). Quindi il possessore dell opzione acquisisce un diritto e non un obbligo. La controparte (writer) ha invece l obbligo di vendere l asset se il possessore dell opzione lo richiede. Il diritto alla scelta ha un valore (economico) e deve inoltre essere onorato in anticipo. Al contrario, chi proporne il contratto (writer) deve essere compensato dall obbligazione cui si vincola.

21 European call option Quindi ci sono due domande cui si deve rispondere quanto si deve pagare questo diritto di scelta? Cioè come deve essere fissato il valore di un opzione? come può essere minimizzato il rischio associato all obbligazione del writer?

22 Esempio di opzione: fra 8 mesi un certo asset può essere acquistato al prezzo di 25. Se tra 8 mesi il prezzo dell asset fosse di 27, il possessore dell opzione potrebbe acquistare al prezzo stabilito (25 ) l asset (esercitare l opzione), rivederlo subito sul mercato e realizzare il guadagno = 2 Viceversa, se il prezzo tra 8 mesi fosse di 23, sicuramente l opzione non verrà esercitata. Se, per ipotesi, i due soli valori possibili dell asset tra 8 mesi fossero 27 e 23 con eguale probabilità, allora il guadagno atteso sarebbe pari a = 1 2

23 Sembrerebbe quindi (trascurando i tassi di interesse) che il valore equo di questa opzione sia di 1. Ammesso che sia veramente questo il valore equo: se il prezzo dell asset fosse di 27 alla scadenza, il profitto di chi ha acquistato l opzione sarebbe pari a 2 1 = 1, cioè il 100% del capitale investito! Se al contrario, il prezzo del opzione fosse di 23, la perdita netta sarebbe del 100%. D altro canto, se il prezzo dell asset oggi fosse di 25 e lo si acquistasse al posto dell opzione, fra 8 mesi la perdita o il guadagno di capitale sarebbe stata/o solo di ±8% (± 2/25).

24 Determinanti del valore di un opzione Dunque, il valore delle opzioni risponde repentinamente alle variazioni di prezzo del valore dell asset sottostante. Il profitto sarà tanto maggiore tanto più alto sarà il prezzo finale dell asset. D altro canto, se oggi il valore di un asset è elevato, si può pensare che lo sia anche in futuro, quindi il valore dell opzione oggi dipende dal prezzo odierno dell asset. Ovviamente il valore dell opzione dipende anche dal prezzo d esercizio: più basso è il prezzo di esercizio, meno si pagherà all esercizio, e quindi maggiore è il valore dell opzione (per il writer).

25 Determinanti del valore di un opzione Dunque, il valore delle opzioni risponde repentinamente alle variazioni di prezzo del valore dell asset sottostante. Il profitto sarà tanto maggiore tanto più alto sarà il prezzo finale dell asset. D altro canto, se oggi il valore di un asset è elevato, si può pensare che lo sia anche in futuro, quindi il valore dell opzione oggi dipende dal prezzo odierno dell asset. Ovviamente il valore dell opzione dipende anche dal prezzo d esercizio: più basso è il prezzo di esercizio, meno si pagherà all esercizio, e quindi maggiore è il valore dell opzione (per il writer).

26 Determinanti del valore di un opzione Dunque, il valore delle opzioni risponde repentinamente alle variazioni di prezzo del valore dell asset sottostante. Il profitto sarà tanto maggiore tanto più alto sarà il prezzo finale dell asset. D altro canto, se oggi il valore di un asset è elevato, si può pensare che lo sia anche in futuro, quindi il valore dell opzione oggi dipende dal prezzo odierno dell asset. Ovviamente il valore dell opzione dipende anche dal prezzo d esercizio: più basso è il prezzo di esercizio, meno si pagherà all esercizio, e quindi maggiore è il valore dell opzione (per il writer).

27 Determinanti del valore di un opzione Dunque, il valore delle opzioni risponde repentinamente alle variazioni di prezzo del valore dell asset sottostante. Il profitto sarà tanto maggiore tanto più alto sarà il prezzo finale dell asset. D altro canto, se oggi il valore di un asset è elevato, si può pensare che lo sia anche in futuro, quindi il valore dell opzione oggi dipende dal prezzo odierno dell asset. Ovviamente il valore dell opzione dipende anche dal prezzo d esercizio: più basso è il prezzo di esercizio, meno si pagherà all esercizio, e quindi maggiore è il valore dell opzione (per il writer).

28 Determinanti del valore di un opzione È anche ovvio, che la durata del contratto è rilevante nel determinare il valore dell opzione: più siamo vicini alla scadenza, meno rischio ci aspettiamo. Se l asset di riferimento ha un alta volatilità (variazione repentina di quotazione) questo influisce sulla determinazione del valore finale dell asset e quindi sul profitto atteso derivante dall opzione. Inoltre, si deve far fronte ai tassi di interesse: poiché un opzione viene pagata in anticipo e il guadagno (eventuale) si ha solo a fine contratto, il profitto atteso deve essere conveniente rispetto ad un investimento in titoli di stato o simili.

29 Determinanti del valore di un opzione È anche ovvio, che la durata del contratto è rilevante nel determinare il valore dell opzione: più siamo vicini alla scadenza, meno rischio ci aspettiamo. Se l asset di riferimento ha un alta volatilità (variazione repentina di quotazione) questo influisce sulla determinazione del valore finale dell asset e quindi sul profitto atteso derivante dall opzione. Inoltre, si deve far fronte ai tassi di interesse: poiché un opzione viene pagata in anticipo e il guadagno (eventuale) si ha solo a fine contratto, il profitto atteso deve essere conveniente rispetto ad un investimento in titoli di stato o simili.

30 Determinanti del valore di un opzione È anche ovvio, che la durata del contratto è rilevante nel determinare il valore dell opzione: più siamo vicini alla scadenza, meno rischio ci aspettiamo. Se l asset di riferimento ha un alta volatilità (variazione repentina di quotazione) questo influisce sulla determinazione del valore finale dell asset e quindi sul profitto atteso derivante dall opzione. Inoltre, si deve far fronte ai tassi di interesse: poiché un opzione viene pagata in anticipo e il guadagno (eventuale) si ha solo a fine contratto, il profitto atteso deve essere conveniente rispetto ad un investimento in titoli di stato o simili.

31 Valore di un opzione In definitiva si ha che VALORE OPZIONE = f (Valore attuale asset, prezzo di esercizio, valore finale dell asset, durata contratto, tassi di interesse) dove valore finale dell asset implica la modellazione della dinamica dei prezzi di un asset e, in particolare, lo studio della distribuzione dei valori finali dell asset e la volatilità dei prezzi dell asset.

32 Valore di un opzione In definitiva si ha che VALORE OPZIONE = f (Valore attuale asset, prezzo di esercizio, valore finale dell asset, durata contratto, tassi di interesse) dove valore finale dell asset implica la modellazione della dinamica dei prezzi di un asset e, in particolare, lo studio della distribuzione dei valori finali dell asset e la volatilità dei prezzi dell asset.

33 Valore di un opzione In definitiva si ha che VALORE OPZIONE = f (Valore attuale asset, prezzo di esercizio, valore finale dell asset, durata contratto, tassi di interesse) dove valore finale dell asset implica la modellazione della dinamica dei prezzi di un asset e, in particolare, lo studio della distribuzione dei valori finali dell asset e la volatilità dei prezzi dell asset.

34 Valore di un opzione In definitiva si ha che VALORE OPZIONE = f (Valore attuale asset, prezzo di esercizio, valore finale dell asset, durata contratto, tassi di interesse) dove valore finale dell asset implica la modellazione della dinamica dei prezzi di un asset e, in particolare, lo studio della distribuzione dei valori finali dell asset e la volatilità dei prezzi dell asset.

35 Valore di un opzione In definitiva si ha che VALORE OPZIONE = f (Valore attuale asset, prezzo di esercizio, valore finale dell asset, durata contratto, tassi di interesse) dove valore finale dell asset implica la modellazione della dinamica dei prezzi di un asset e, in particolare, lo studio della distribuzione dei valori finali dell asset e la volatilità dei prezzi dell asset.

36 Valore di un opzione In definitiva si ha che VALORE OPZIONE = f (Valore attuale asset, prezzo di esercizio, valore finale dell asset, durata contratto, tassi di interesse) dove valore finale dell asset implica la modellazione della dinamica dei prezzi di un asset e, in particolare, lo studio della distribuzione dei valori finali dell asset e la volatilità dei prezzi dell asset.

37 Opzioni di tipo put Mentre in un opzione call si acquisisce il diritto di comperare ad un prezzo prestabilito, in un opzione di tipo put si acquisisce il diritto a vendere un asset ad un prezzo prestabilito e il writer è obbligato ad acquistare a tale prezzo. La struttura dei payoff è analoga a quanto visto per un opzione di tipo call. Ovviamente, mentre il possessore di un opzione call spera in un aumento del prezzo del titolo sottostante, il possessore di un opzione put preferirà una quotazione finale molto bassa.

38 Come leggere la stampa di settore Calls Puts Option Ex. Price Mar Jun Sep Mar Jun Sep R.Royce (134) Financial Times, Feb 4th 1993 (134) : prezzo dell asset alla chiusura della borsa il giorno 3 Feb 1993 Mar, Jun, Sep : expiry date, il terzo mercoledi del mese alle 18:00 L holder di una opzione Call paga di più se il prezzo di esercizio è 130 invece di 140 perché può acquistare ad un prezzo più basso; viceversa per l opzione put: si paga di più per opzioni con prezzo di esercizio più elevato potendo infatti scegliere di vendere ad un prezzo più elevato che non 130.

39 Come leggere la stampa di settore Calls Puts Option Ex. Price Mar Jun Sep Mar Jun Sep R.Royce (134) Financial Times, Feb 4th 1993 (134) : prezzo dell asset alla chiusura della borsa il giorno 3 Feb 1993 Mar, Jun, Sep : expiry date, il terzo mercoledi del mese alle 18:00 L holder di una opzione Call paga di più se il prezzo di esercizio è 130 invece di 140 perché può acquistare ad un prezzo più basso; viceversa per l opzione put: si paga di più per opzioni con prezzo di esercizio più elevato potendo infatti scegliere di vendere ad un prezzo più elevato che non 130.

40 Cosa c è dietro? Le opzioni molto spesso sono molto più liquide dell asset sottostante, cioè ci sono maggiori scambi di opzioni su un titolo che scambi del titolo stesso! Ma a cosa servono le opzioni? Un investitore tradizionale acquista azioni di una certa azienda pensando che il valore di queste azioni possa crescere. Se ha intuito correttamente il mercato, a tempo debito può vendere e realizzare un guadagno. Se si è sbagliato, può decidere di vendere limitando le perdite. Se avesse acquistato un opzione come quella dell esempio, avrebbe potuto guadagnare o perdere il 100% del capitale investito.

41 Cosa c è dietro? Le opzioni molto spesso sono molto più liquide dell asset sottostante, cioè ci sono maggiori scambi di opzioni su un titolo che scambi del titolo stesso! Ma a cosa servono le opzioni? Un investitore tradizionale acquista azioni di una certa azienda pensando che il valore di queste azioni possa crescere. Se ha intuito correttamente il mercato, a tempo debito può vendere e realizzare un guadagno. Se si è sbagliato, può decidere di vendere limitando le perdite. Se avesse acquistato un opzione come quella dell esempio, avrebbe potuto guadagnare o perdere il 100% del capitale investito.

42 Cosa c è dietro? Integrare una tale opzione in un certo portafoglio è un modo molto economico di aggiungere alto rischio al portafoglio stesso (anziché pagare 250 ora, provo a investire 1 ) Oppure, anche possedendo azioni, in una strategia di lungo periodo, si possono comperare opzioni legate a questi asset anziché vendere le azioni stesse se durante il periodo accade che le azioni subiscano una temporanea perdita di valore. In sostanza, con un limitato investimento iniziale si può realizzare un forte guadagno.

43 Cosa c è dietro? Integrare una tale opzione in un certo portafoglio è un modo molto economico di aggiungere alto rischio al portafoglio stesso (anziché pagare 250 ora, provo a investire 1 ) Oppure, anche possedendo azioni, in una strategia di lungo periodo, si possono comperare opzioni legate a questi asset anziché vendere le azioni stesse se durante il periodo accade che le azioni subiscano una temporanea perdita di valore. In sostanza, con un limitato investimento iniziale si può realizzare un forte guadagno.

44 Cosa c è dietro? Integrare una tale opzione in un certo portafoglio è un modo molto economico di aggiungere alto rischio al portafoglio stesso (anziché pagare 250 ora, provo a investire 1 ) Oppure, anche possedendo azioni, in una strategia di lungo periodo, si possono comperare opzioni legate a questi asset anziché vendere le azioni stesse se durante il periodo accade che le azioni subiscano una temporanea perdita di valore. In sostanza, con un limitato investimento iniziale si può realizzare un forte guadagno.

45 L altro lato della medaglia: il writer Simmetricamente, il writer si espone a grosse perdite a fronte di un piccolo premio iniziale pagato alla stipula del contratto. Ma chi mai stipulerebbe un opzione dunque? Cioè, chi mai farebbe il writer (piccolo guadagno/alto rischio)? Sicuramente i writer sono addentro al mercato e se propongono una opzione call è perché si aspettano un crollo del valore dell asset. Viceversa per le opzioni put. In realtà il writer campa sul guadagno che realizza vendendo le opzioni ad un prezzo leggermente maggiore del loro valore reale e comprandole ad un valore leggermente inferiore. In tal modo minimizza il rischio: si parla in questo caso di hedging

46 L altro lato della medaglia: il writer Simmetricamente, il writer si espone a grosse perdite a fronte di un piccolo premio iniziale pagato alla stipula del contratto. Ma chi mai stipulerebbe un opzione dunque? Cioè, chi mai farebbe il writer (piccolo guadagno/alto rischio)? Sicuramente i writer sono addentro al mercato e se propongono una opzione call è perché si aspettano un crollo del valore dell asset. Viceversa per le opzioni put. In realtà il writer campa sul guadagno che realizza vendendo le opzioni ad un prezzo leggermente maggiore del loro valore reale e comprandole ad un valore leggermente inferiore. In tal modo minimizza il rischio: si parla in questo caso di hedging

47 L altro lato della medaglia: il writer Simmetricamente, il writer si espone a grosse perdite a fronte di un piccolo premio iniziale pagato alla stipula del contratto. Ma chi mai stipulerebbe un opzione dunque? Cioè, chi mai farebbe il writer (piccolo guadagno/alto rischio)? Sicuramente i writer sono addentro al mercato e se propongono una opzione call è perché si aspettano un crollo del valore dell asset. Viceversa per le opzioni put. In realtà il writer campa sul guadagno che realizza vendendo le opzioni ad un prezzo leggermente maggiore del loro valore reale e comprandole ad un valore leggermente inferiore. In tal modo minimizza il rischio: si parla in questo caso di hedging

48 Hedging Si supponga di avere un asset con valore in decremento. Se il mio portafoglio contiene solo asset di questo tipo, il suo valore calerà. Se contiene solo put su questo asset, il valore del portafoglio aumenterà. Un portafoglio che contenga sia asset che opzioni put su questo asset in proporzione adeguata permetterà di ridurre il rischio. Se esistesse un rapporto ottimale tra quantità di asset e opzioni sull asset allora il portafoglio sarebbe risk free. In generale, la strategia di riduzione del rischio basata sulla correlazione tra assets e opzioni viene chiamata hedging (copertura).

49 Un market maker in grado di vendere un opzione ad un prezzo maggiore del suo valore in modo da coprire (eliminare) il rischio relativo al restante tempo di vita dell opzione si è procurato un profitto risk-free. Questo è ciò che sta dietro all option pricing.

50 Altri tipi di opzioni Il tipo di opzioni viste sin qui sono dette di tipo Europeo. Quelle che possono essere esercitate anche prima della data di esercizio sono dette Americane anche se questa classificazione non ha a che vedere con i mercati in cui vengono scambiate ne sulla loro origine. Quasi tutte le opzioni oggi sono di tipo americano e sono più intriganti da studiare perché oltre a doverne fissare il prezzo (option pricing) è anche necessario valutare il tempo ottimale di esercizio

51 Outline

52 Altri tipi di opzioni Le opzioni esotiche o path-dependent sono opzioni il cui valore finale dipende dall andamento dell asset sottostante durante tutto il periodo. Ad esempio, una opzione call in cui il prezzo di acquisto è fissato pari alla media dei prezzi del periodo (vero molto spesso per le commodities) o il massimo, il minimo, o altre medie come quella geometrica, etc. Parlando di medie però il problema è capire su cosa esattamente viene calcolata. Su tutte le quotazioni del periodo? (alcuni titoli vengono quotati ogni 30 secondi: dati ad alta frequenza) O sulle quotazioni alla chiusura? (dati in tempo discreto). C è differenza nel calcolo del valore dell opzione in tempo continuo o discreto?

53 Classificazione matematica delle opzioni Dal punto di vista analitico le opzioni si dividono in tre grandi categorie: barrier options (quelle esercitate solo se il valore dell asset sottostante raggiunge un certo livello) Asian options (il prezzo finale è calcolato attraverso qualche forma di media) lookback options (il prezzo dell opzione dipende dal minimo o dal massimo dell asset nel periodo)

54 Classificazione matematica delle opzioni Dal punto di vista analitico le opzioni si dividono in tre grandi categorie: barrier options (quelle esercitate solo se il valore dell asset sottostante raggiunge un certo livello) Asian options (il prezzo finale è calcolato attraverso qualche forma di media) lookback options (il prezzo dell opzione dipende dal minimo o dal massimo dell asset nel periodo)

55 Classificazione matematica delle opzioni Dal punto di vista analitico le opzioni si dividono in tre grandi categorie: barrier options (quelle esercitate solo se il valore dell asset sottostante raggiunge un certo livello) Asian options (il prezzo finale è calcolato attraverso qualche forma di media) lookback options (il prezzo dell opzione dipende dal minimo o dal massimo dell asset nel periodo)

56 Classificazione matematica delle opzioni Dal punto di vista analitico le opzioni si dividono in tre grandi categorie: barrier options (quelle esercitate solo se il valore dell asset sottostante raggiunge un certo livello) Asian options (il prezzo finale è calcolato attraverso qualche forma di media) lookback options (il prezzo dell opzione dipende dal minimo o dal massimo dell asset nel periodo)

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

ETFS Commodity Securities Limited

ETFS Commodity Securities Limited ETFS Commodity Securities Limited (Costituita e registrata in Jersey ai sensi della Companies (Jersey) Law 1991 (e successivi emendamenti) con numero di registrazione 90959. Sottoposta alla regolamentazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2 a EDIZIONE MILANO NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 In collaborazione con Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 orso

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti.

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti. Sintesi Professionale Consolidata esperienza nella gestione di progetti complessi volti all introduzione di nuove attività e simmetricamente alla razionalizzazione ed efficientamento di strutture e reti

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

FINANZA & MERCATI OPZIONI, FUTURES E ALTRI DERIVATI

FINANZA & MERCATI OPZIONI, FUTURES E ALTRI DERIVATI FINANZA & MERCATI OPZIONI, FUTURES E ALTRI DERIVATI JOHN C. HULL Joseph L. Rotman School of Management University of Toronto OPZIONI FUTURES E ALTRI DERIVATI SECONDA EDIZIONE ITALIANA QUARTA EDIZIONE AMERICANA

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati CAPIRE LA FINANZA I Derivati Indice Introduzione 1. Cosa sono i derivati 1.1 Tipi di strumenti derivati 2. Il mercato dei derivati 2.1 Le dimensioni e i trend internazionali 2.2 I derivati scambiati nei

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

AMP Global Clearing, LLC Documentazione per conto future

AMP Global Clearing, LLC Documentazione per conto future AMP Global Clearing, LLC Documentazione per conto future INDIVIDUALE Nome del conto Numero del conto AMP: SOLO PER USO INTERNO Approvazioni (inserire data e firma) F.A. Data Responsabile agenzia Data 1

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Asian option (Opzione asiatica) E una opzione cash regolata sul prezzo medio di un metallo specificato in una media di periodo specificato.

Asian option (Opzione asiatica) E una opzione cash regolata sul prezzo medio di un metallo specificato in una media di periodo specificato. Abandon (Rinuncia) Se una opzione non è dichiarata ed esercitata, si intende rinunciata. American Option (Opzione americana) E una opzione, normalmente una opzione sul fisico, che può essere dichiarata

Dettagli