Marketing e Direzione d Impresa Lezione 24 Il processo d acquisto del consumatore Ing. Marco Greco Tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing e Direzione d Impresa Lezione 24 Il processo d acquisto del consumatore Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299."

Transcript

1 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 24 Il processo d acquisto del consumatore Ing. Marco Greco Tel Stanza 1S-28

2 Il processo di acquisto razionale Processo di acquisto suddiviso in fasi distinte, legato ad approccio EPS (Extended Problem Solving) Modello normativo, più che descrittivo Aiuta ad individuare le scelte di marketing più adatte a ciascuna fase 2

3 1. Percezione del problema Deriva dalla sensazione di uno scarto tra situazione attuale e situazione desiderata Ruolo di fattori motivazionali: - interni: spinta all azione generata da un bisogno con un intensità che supera un dato livello di soglia - esterni: spinta all azione generata da uno stimolo esterno che aiuta a riconoscere un bisogno, prima non percepito Ricerche di marketing orientate a rilevare: - diverse tipologie di bisogni o problemi - cause di tali bisogni o problemi - legami con dati beni/servizi, oggetto di esame 3

4 2. Ricerca di informazioni Se il bisogno non è soddisfatto immediatamente, ci si può attivare nella ricerca di informazioni: 1. Intensificando l attenzione 2. Ricercando attivamente informazioni, tramite fonti: personali (famiglia, amici, colleghi): molto efficace in termini di legittimazione e valutazione commerciali (pubblicità, venditori, esposizioni): molto efficace sul piano informativo pubbliche (media, associazioni dei consumatori) empiriche (prova diretta del prodotto) Migliore conoscenza dei prodotti alternativi presenti sul mercato Insieme totale Insieme noto Insieme evocato Insieme delle scelte Decisione

5 3. Valutazione delle alternative Individuare l algoritmo che permette, a partire dalle informazioni ottenute, di giungere ad un giudizio di preferenza Varia al variare del consumatore e della situazione di acquisto In via preliminare è necessario definire: - L insieme di attributi del prodotto, che contribuiscono a soddisfare il bisogno e ad aumentare l utilità attesa del consumatore - Il livello di importanza di ciascun attributo, ossia il peso dell attributo nella definizione della decisione di acquisto - Il livello di preminenza di ciascun attributo, ossia l ordine nel quale l attributo viene richiamato alla mente dal consumatore 5

6 Modelli di valutazione Modello del valore atteso Modello della marca ideale Modello congiuntivo Modello disgiuntivo Modello lessicografico 6

7 Modello del valore atteso A jk = n i=1 W ik B ijk A jk : utilità del consumatore k ottenibile dal prodotto j W ik : peso relativo assegnato dal consumatore k all attributo i B ijk : performance dell attributo i all interno del prodotto j secondo l opinione del consumatore k n: numero totale degli attributi ritenuti importanti per la scelta di un dato bene Il consumatore k sceglie j con A jk massimo Le imprese che non vengono prescelte possono puntare su: - modifica delle caratteristiche del prodotto riposizionamento reale - modifica delle opinioni sul prodotto/marca rip. psicologico - modifica delle opinioni sui prodotti concorrenti deposizionamento della concorrenza - modifica del peso relativo degli attributi - richiamo dell attenzione sugli attributi scarsamente considerati - Modificare il modello ideale del consumatore 7

8 Modello della marca ideale Il consumatore possiede un immagine della prodotto ideale e compara ad esso le diverse alternative di offerta a sua disposizione D jk = n i=1 W ik B ijk I ik D jk : disutilità del consumatore k ottenibile dall acquisto del prodotto j, piuttosto che dall acquisto del prodotto ideale I ik : livello ideale assegnato all attributo i dal consumatore k (stimato attraverso interviste ai potenziali acquirenti) B ijk e W ik hanno lo stesso significato visto nel modello del valore atteso Il consumatore k sceglie j con D jk minimo 8

9 Modelli non compensatori In un modello compensatorio pro e contro possono bilanciarsi a vicenda, I modelli non compensatori sono più sbrigativi Modello congiuntivo / Scelte euristiche combinatorie Si definiscono dei livelli minimi di soglia S ijk che ogni prodotto deve raggiungere su alcuni, o tutti, gli attributi, pena la sua esclusione già nella fase iniziale di valutazione Modello disgiuntivo La valutazione discrimina i prodotti che hanno uno o più attributi con punteggi superiori a certi livelli, senza curarsi della posizione ottenuta sugli altri attributi Modello lessicografico Gli attributi vengono ordinati per importanza (in modo deterministico o probabilistico) e si discrimina sul primo attributo, poi sul secondo, e via via sugli altri, oppure si basa esclusivamente sul primo attributo I metodi possono essere utilizzati congiuntamente, anche nell ambito dello stesso processo di acquisto, per esempio prima facendo una scrematura e poi entrando nel dettaglio 9

10 4. Decisione di acquisto La definizione della preferenza per un prodotto si traduce in intenzione di acquisto, a meno di: - opinioni e atteggiamenti degli altri: dipende da ostilità verso la nostra scelta, e da quanto ci interessa l opinione altrui - Opinione: pensiero che descrive come una persona giudica un dato oggetto, in un dato momento - Atteggiamento: valutazione relativamente stabile di un individuo riguardo ad un prodotto, una categoria, una marca Comprende aspetti cognitivi e emotivi. Determina l apprezzamento o meno circa un prodotto. Gli atteggiamenti consentono di economizzare in termini di pensiero ed energia (comportamenti simili rispetto a prodotti simili) e sono perciò complessi da modificare - fattori situazionali non previsti (es. perdita del lavoro) 10

11 4. Decisione di acquisto Ruolo del rischio percepito nella decisione di modificare, posporre o annullare una decisione di acquisto. Esso è dato da: rischio funzionale prestazioni al di sotto delle aspettative rischio fisico minaccia all incolumità rischio finanziario non vale il prezzo rischio sociale genera disagio da parte degli altri rischio psicologico intacca il benessere psichico dell utilizzatore rischio temporale se devo cambiarlo perdo tempo Decisione di acquisto consiste in: quale prodotto acquistare quanto acquistare quando acquistare in che modo pagare 11

12 5. Comportamento del dopo-acquisto In tale fase, si determina il livello di soddisfazione del consumatore S = f (E, P) S = livello di soddisfazione E = livello delle aspettative iniziali (valore atteso) P = livello delle prestazioni ottenute (valore percepito) E dipende dalle informazioni ottenute nella fase 2 In particolare, va prestata attenzione alle informazioni fornite dai venditori, che possono alimentare aspettative che vengono disattese, generando dissonanza e quindi insoddisfazione 12

13 Comportamento e soddisfazione Consumatore soddisfatto aumenta la probabilità di riacquisto e genera passaparola positivo Azioni post-acquisto dell impresa - Spedire lettere di congratulazioni per l acquisto effettuato - Sollecitare suggerimenti da parte del cliente per migliorare il prodotto - Fornire servizi accessori - Libretti di istruzioni curati e rassicuranti 13

14 Misurare la Customer Satisfaction American Customer Satisfaction Index (ACSI) Rileva soddisfazione a livello di singola impresa, di settore e di intera nazione 14

15 American Customer Satisfaction Index (ACSI) 15

16 American Customer Satisfaction Index (ACSI) Termometro del livello di soddisfazione dei mercati afferenti ad un intero sistema economico nazionale Utile benchmark per le imprese afferenti ad un determinato settore industriale Utile strumento di feedback delle strategie di marketing implementate da tali imprese Strumento di controllo e validazione del legame tra strategie di marketing e valore d impresa sui mercati azionari 16

17 Gli effetti dell insoddisfazione Modello di Babich A, B, C = numero di consumatori di a, b e c x, y, z, = livello di insoddisfazione per a, b e c m a, m b, m c = quote di mercato per a, b e c D = domanda totale (costante al tempo t) ] ) ( [ ] ) ( [ ] ) ( [ C B A C D m D C C B A B D m D B C B A A D m D A C B A C B A 17

18 Gli effetti dell insoddisfazione Modello di Babich Ipotesi di base i consumatori cambiano sempre marca al primo segno di insoddisfazione i consumatori insoddisfatti di una marca si distribuiscono tra le altre due marche in modo proporzionale alle loro quote di mercato ] ) ( [ ] ) ( [ ) (1 ] ) ( [ ] ) ( [ ) (1 ] ) ( [ ] ) ( [ ) ( t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t C A C y B C B C x A z C C A B B z C C B B x A y B B B A A z C C A A y B x A A 18

19 Modello di Babich Livello di insoddisfazione x y z 0,01 0,02 0,10 Livello di insoddisfazione x y z 0,10 0,18 0,20 19

20 Gli effetti dell insoddisfazione Modello di Reicheld t: frazione media di transazioni non soddisfacenti, che portano il cliente a cambiare fornitore (tasso di difettosità) n: numero di transazioni per cliente P n : percentuale di clienti persa dopo n transazioni P n 100[1 (1 t) n ] 20

21 Soddisfazione e fedeltà Fedeltà = (Customer satisfaction, Costi del cambiamento) 21

22 Limiti del processo di acquisto razionale Difficoltà di individuare e analizzare le singole fasi Vale specialmente nel caso di comportamento di acquisto complesso e nel caso di primo acquisto Negli altri casi, specie per i beni a basso livello di coinvolgimento, alcuni stadi possono essere saltati o invertiti Spesso il processo di acquisto non è razionale, ma viene razionalizzato successivamente 22

23 Modelli alternativi di processo di acquisto Processo di acquisto non basato su un approccio massimizzante, ma su quello soddisfacente: scelgo il primo prodotto che garantisce almeno un livello soglia di utilità Processo di acquisto basato su meccanismi di rinforzo, ottenuti attraverso un adeguato invio di stimoli e feedback, in maniera intermittente o continua, al consumatore Problema della desensibilizzazione Processo di acquisto basato sull abitudine, specie quando gli stimoli provenienti dall ambiente tendono ad essere stabili nel tempo o sono di bassa intensità e efficacia 23

24 Razionalità limitata Il Premio Nobel Herbert Simon ha dimostrato come il processo decisionale umano sia molto diverso da quello «razionale» - Raccolta incompleta delle informazioni - Incapacità di elaborare tutte le informazioni raccolte - Ricerca di una soluzione soddisfacente piuttosto che massimizzante - Evoluzione del processo decisionale attraverso l apprendimento Ruolo fondamentale delle euristiche: regole empiriche e scorciatoie mentali che velocizzano e economizzano il processo decisionale, causando però anche errori 24

25 Risparmio nell elaborazione Euristica della disponibilità: le persone tendono ad attribuire una frequenza maggiore agli eventi che vengono in mente più facilmente Euristica della rappresentatività: le persone tendono ad attribuire una caratteristica a un certo oggetto più sulla base della somiglianza rispetto a casi analoghi, che sull analisi dei dati oggettivi Euristica dell ancoraggio: le persone tendono ad attribuire una caratteristica ad un certo oggetto sulla base di un valore di riferimento non oggettivo (àncora), come la prima impressione e ad adeguarsi ad esso 25

26 Riduzione delle dissonanze Euristica della disconferma: le persone tendono a valutare con maggiore tempo e impegno le informazioni che contraddicono le loro conoscenze e valori pre-esistenti, piuttosto che quelle in linea con essi Euristica del senno di poi: le persone tendono retrospettivamente a modificare la probabilità di accadimento di un evento dopo che esso si è effettivamente verificato Illusione del controllo: le persone tendono a sopravvalutare le proprie capacità di gestire le situazioni e di portarle a termine in maniera migliore rispetto agli altri 26

27 La scelta in condizioni di incertezza Per valutare un evento incerto A in maniera razionale occorre tener conto degli n possibili esiti dell evento, valutati sulla base: - del risultato connesso a ciascun esito, espresso in termini di valore monetario (ra j ) - della probabilità di accadimento di ciascun esito (pa j ) In questo modo, è possibile calcolare il valore atteso dell evento n EV(A) = j=1 ra j pa j Non sempre il consumatore sceglierà l evento che garantisce il massimo valore atteso. Ad esempio, quale tra questi giochi testa o croce scegliereste A (100; -0.50), B (200; -100), C (20000; )? 27

28 Teoria dell utilità attesa Il consumatore sceglierà l evento caratterizzato dalla massima utilità attesa, espressa come valore atteso delle utilità associate a ciascun esito dell evento Dato M 0 il patrimonio di partenza del consumatore n EU A = j=1 U(M 0 + ra j )pa j Solo se EU A > U(M 0 ) allora il consumatore sceglierà l evento A, altrimenti manterrà lo status quo 28

29 Avversione e propensione al rischio La funzione di utilità degli agenti avversi, neutrali o propensi al rischio risulta rispettivamente concava, lineare o convessa Disuguaglianza di Jensen data una funzione f(x) dove x è una variabile casuale, f(e(x))>e[f(x)] se e solo se f(x) è una funzione concava La somma che una persona è disposta a pagare per ottenere il reddito certo al posto di quello stocastico di pari valore atteso è il premio per il rischio () associato al reddito incerto. Una volta pagato, l ammontare residuo del reddito è chiamato equivalente certo (EC) del reddito stocastico, ovvero il valore monetario certo che l individuo considera equivalente al reddito incerto. U EC U E R E U R Marco Greco 5/11/2013

30 Paradosso di Allais Scegliete tra le due alternative A. Vincita sicura di 30 B. Vincita di 45 con l 80% di probabilità Scegliete poi tra le due alternative C. Vincita di 30 con il 25% di probabilità D. Vincita di 40 con il 20% di probabilità Tra A e B in genere la gente sceglie A. Tra C e D sceglie D Ma secondo l utilità attesa A B U(M0+30) > 0.8U(M0+45) + 0.2U(M0) D C 0.2U(M0+40) + 0.8U(M0) > 0.25U(M0+30) U(M0) Riordinando la seconda e dividendola per 0.25, si trova una disequazione in contraddizione con la prima! 31

31 Paradosso di Kahneman e Tversky Scegliete tra le due alternative A. Vincita sicura di 240 B. Vincita di 1000 con il 25% di probabilità, vincita di 0 con il 75% di probabilità Scegliete poi tra le due alternative C. Perdita sicura di 750 D. Perdita di 1000 con il 75% di probabilità, perdita di 0 con il 25% di probabilità Scegliete poi tra le due alternative E. Vincita di 240 con il 25% di probabilità, perdita di 760 con il 75% di probabilità F. Vincita di 250 con il 25% di probabilità, perdita di 750 con il 75% di probabilità Tra A e B in genere la gente sceglie prevalentemente A. Tra C e D sceglie prevalentemente D. Tra E e F, tutti scelgono F. Eppure E non è altro che la combinazione di A e D, mentre F è la combinazione di B e C! 32

32 Possibili spiegazioni Le persone tendono a preferire le alternative che danno guadagni certi rispetto a quelli incerti (effetto certezza) Le persone valutano molto più le perdite rispetto ai guadagni (avversione alla perdita) Nel caso in cui entrambi gli eventi sono incerti e le possibili perdite sono di modesta entità, la scelta verrà fatta verso l alternativa con il maggior valore atteso In generale, le persone sembrano avverse al rischio di fronte a un guadagno sicuro, mentre sono propense al rischio di fronte a una perdita sicura 33

33 Prospect theory 34

34 Contabilità mentale A partire dalla funzione del valore precedente, si scopre che: 1. I consumatori tendono a sopravvalutare una serie di piccoli guadagni espressi singolarmente, piuttosto che un singolo guadagno complessivo 2. I consumatori tendono a sottovalutare una singola perdita complessiva piuttosto che una serie di piccole perdite espresse singolarmente (specie se l acquisto principale è di grande entità) 3. I consumatori tendono a sottovalutare le perdite connesse con guadagni più grandi piuttosto che i medesimi guadagni netti 4. I consumatori tendono a sopravvalutare i guadagni connessi con perdite più grandi piuttosto che le medesime perdite nette 35

35 Le intuizioni di Gustave Le Bon Le Bon, G. (1895) «Psicologia delle Folle» «Se un legislatore, ad esempio, vuole imporre una nuova tassa, dovrà forse scegliere quella che è teoricamente più giusta? Nient affatto. La più ingiusta risulterà praticamente la migliore per le folle purché sia la meno appariscente e a prima vista la meno gravosa. Ecco perché un imposta indiretta, anche se esorbitante, sarà sempre accettata dalla folla. Dato che viene prelevata quotidianamente su genere di consumo nella misura di frazioni di centesimo, non incide sulle abitudini e fa poca impressione. Sostituitela con un imposta proporzionale sui salari o sui redditi, da pagarsi in un solo versamento, sia pure dieci volte meno gravoso dell altro e solleverà unanimi proteste» (p. 39) 36

36 Le intuizioni di Gustave Le Bon Le Bon, G. (1895) «Psicologia delle Folle» «Cento piccoli delitti [ ] non colpiranno affatto l immaginazione delle folle, mentre un grosso delitto [ ] la colpirà profondamente anche se le conseguenze saranno infinitamente meno gravi di quelle dei cento piccoli delitti presi assieme» (p. 97) 37

37 Descrizione delle alternative Un paese isolato di 600 abitanti è affetto da un terribile morbo. Siete il Ministro della Sanità, quale alternativa scegliete? A: 200 persone salve al 100% B: 600 persone salve al 33,3%, 0 persone salve al 66,6% C: 400 persone morte al 100% D: 0 persone morte al 33,3%, 600 persone morte al 66,6% A B D C Importanza del modo in cui sono descritte le alternative (effetto framing), che porta a una diversa associazione con i guadagni e le perdite certe In generale, le persone tendono a svalutare le alternative parzialmente descritte rispetto a quelle meglio formalizzate 38

38 L abbonamento dell Economist A. Abbonamento Internet 59$ B. Abbonamento cartaceo 125$ C. Abbonamento cartaceo + Internet 125$ L alternativa «B» è un esca, perché nelle nostre scelte cerchiamo sempre di confrontarne un alternativa con un altra 39

39 Ruolo delle alternative irrilevanti Ammontare affitto A C B Distanza dall università Se le alternative presenti sono solo A e B, le persone si ripartiscono in maniera simile tra le due alternative. Se aggiungo C, aumentano enormemente le persone che scelgono B - In genere, la scelta viene facilitata dalla presenza di alternative che fungono da punto di riferimento per la valutazione di guadagni e perdite - Spesso prevalgono le alternative che appaiono intermedie 40

40 Bias connessi alla prospect theory - Effetto dotazione: si tende a dare un maggior valore a un oggetto solo perché è di nostra proprietà - Status quo bias: le persone tendono a preferire il mantenimento dello status quo, piuttosto che rischiare di modificare la propria situazione - Omission bias: le persone tendono a evitare di intraprendere azioni con esiti negativi, anche quando rappresentano la migliore alternativa possibile - Effetto dei costi affondati: la perdita connessa ai costi affondati è percepita solo nel momento in cui non si riescono a ricevere i benefici connessi nell investimento Escalation dell impegno 41

41 Bias nelle scelte intertemporali In generale, le persone preferiscono un guadagno oggi piuttosto che un guadagno domani, anche se quest ultimo è di entità maggiore Il Discounted Utility Model predice che l indifferenza tra i due guadagni si trova attraverso l applicazione di un tasso soggettivo di sconto costante In realtà, alcuni esperimenti hanno mostrato come le persone richiedano un tasso di sconto maggiore nei primi periodi In generale, le persone preferiscono i guadagni più vicini perché le emozioni connesse con il consumo immediato sono più forti di quelle connesse al consumo ritardato 42

42 Il costo del costo zero Siamo irresistibilmente attratti da qualsiasi cosa sia gratis, anche se non ci serve o non ci interessa affatto La differenza tra 20cent e 0 è abissale (Es. Amazon France) Quando dobbiamo scegliere tra un articolo a pagamento ed uno gratuito perdiamo la ragione (Es. +20% GRATIS) 43

43 Il potere del prezzo Un aspirina da 50 centesimi può fare quello che un aspirina da 1 centesimo non fa Effetto placebo, molto più che un bias! 44

44 Fiat: «Chi compra una nostra auto pagherà benzina e gasolio 1 euro al litro per tre anni»

45 Risultato Meno sconto: gli sconti in concessionaria arrivano fino a 3000 Sconto dilazionato nel tempo: fosse anche stata la stessa cifra, 3000 oggi non sono come 3000 in tre anni Percezione di sconto maggiore! Esternalità sul consumo di carburante IP

46 Il brand 47

47 La Coca Cola silura Ronaldinho: si presenta con la Pepsi

48 Che cos è un brand? Nome, termine, simbolo, design o una combinazione di questi, che mira a identificare beni/servizi di un impresa e a differenziarli dalla concorrenza Tale differenziazione avviene su due piani: - Piano funzionale, razionale o tangibile, legato alle effettive prestazioni dei prodotti della data marca - Piano simbolico, emotivo o intangibile, legato a ciò che la marca rappresenta Il brand consente ai clienti di attribuire un prodotto alla singola impresa Elemento centrale dell identità dell impresa 49

49 Benefici del brand Aiuto il cliente a semplificare il processo decisionale e a ridurre il rischio Aumento i miei margini creando barriera all entrata: difficile modificare impressioni consolidate nella mente dei clienti! Proteggo aspetti esclusivi del mio prodotto 50

50 Definire l identità dell impresa Data dall interazione di tre aspetti strettamente correlati: Corporate personality = Come l impresa vuole essere e vuole essere percepita dal pubblico. Strettamente collegata alla vision e ai valori dell impresa ed al modo in cui questi vengono tradotti dall impresa nel corso del tempo Brand identity = L insieme di tutti gli elementi percepibili che l impresa trasmette al pubblico e che conferiscono all impresa un profilo estetico definito e riconoscibile. E la parte visibile della corporate personality Corporate image = Il modo in cui il cliente percepisce la brand identity, ossia il modo in cui immagina che sia il brand e l impresa che esso rappresenta 51

51 Il ruolo del branding Azienda Clienti Corporate personality Brand identity Corporate image L impresa deve sviluppare e gestire la propria brand identity (branding) in modo che la corporate image sia definita, differente rispetto a quella dei concorrenti e, soprattutto, accattivante per i clienti 52

52 Brand equity Un branding efficace permette di sviluppare un brand equity, ossia il valore aggiunto che la marca conferisce a un prodotto Esso misura la differente reazione, in termini di percezioni, di preferenze e di comportamenti, che i clienti sviluppano in seguito alle azioni di marketing collegate alla marca, rispetto alla reazione che essi sviluppano in seguito alle azioni di marketing collegate alle altre marche Il brand equity è un vero e proprio asset aziendale, che influisce sulla redditività presente e futura dell impresa 53

53 Test Quale marca vi viene in mente se parliamo di? Quale marca di consigliereste a un vostro amico? Qual è la marca di più famosa? Quale marca di conoscete meglio? Quale marca di considerate più vicina al vostro modo di essere? 54

54 Modelli di brand equity Esistono diversi modelli per la valutazione del brand equity, tra cui: Modello BAV Modello Aaker Modello BRANDZ Modello della risonanza della marca 55

55 Modello BAV - Brand Asset Valuator DIFFERENZIAZIONE Misura quanto la marca viene percepita come diversa dalle altre marche RILEVANZA Misura quanto la marca è in grado di attrarre il consumatore STIMA Misura quanto la marca gode del rispetto dei consumatori La valutazione della marca si sviluppa a partire da quattro indicatori, che evidenziano la successione di percezioni del consumatore nel suo rapporto con la marca CONOSCENZA Misura quanto la marca è conosciuta intimamente dai consumatori 56

56 Modello BAV - Brand Asset Valuator Si procede con la loro combinazione in due dimensioni: Forza della marca, che misura la vitalità attuale e il potenziale di crescita futura della marca Statura della marca, che misura la situazione attuale della marca, frutto delle scelte compiute nel passato In tal modo è possibile evidenziare la situazione della marca e il suo possibile percorso di sviluppo Potenziale non realizzato/nicchia Nuova Mancata focalizzazione Crescita potenziale Leadership Erosione del potenziale Declino STATURA DELLA MARCA (Stima e Conoscenza) 57

57 Modello Aaker Il brand equity è dato dai seguenti componenti Fedeltà dei clienti alla marca Consapevolezza (notorietà) della marca Qualità percepita in relazione alla marca Associazioni di marca Diritti di proprietà legati alla marca (brevetti, marchi, ecc ) 58

58 Modello BRANDZ Legame: Mi rappresenta? Vantaggio: E la migliore? Performance: Sarà buona? Rilevanza: Cosa mi offre? Presenza: Conosco questa marca? 59

59 Modello della risonanza della marca 4. Rapporto: Che cosa condividiamo? Percorso razionale Risonanza Percorso emotivo Fedeltà intensa e attiva 3. Risposta: Che cosa mi offri? Giudizi Senti menti Reazioni aperte e favorevoli 2. Significato: Che cosa sei? Prestazioni Immagine Associazioni di marca forti, positive e uniche 1. Identità: Chi sei? Importanza Profonda e diffusa consapevolezza della marca

60 Il brand equity in concreto L utilizzo e la corretta gestione di una marca: - facilita la tracciabilità e la gestione del prodotto - garantisce la protezione legale ad alcune caratteristiche distintive del prodotto - facilita l associazione del prodotto ad un certo livello di qualità da parte dei clienti (promessa di marca) - facilita la comunicazione dell impresa con i clienti - favorisce la fedeltà dei clienti, che diventano più anelastici agli aumenti di prezzo, più elastici rispetto alle diminuzioni di prezzo, meno vulnerabili alle azioni di marketing dei concorrenti - favorisce la creazione di barriere all entrata per i concorrenti, con una stabilizzazione della quota di mercato e dei margini - favorisce la relazione con i fornitori e i distributori - sviluppa un asset che può essere esteso, concesso in licenza o venduto 61

61 Brand o non brand? 1. Marca del produttore: l impresa pone in vendita i propri prodotti con la propria marca (Apple) 2. Marca del licenziante: l impresa pone in vendita i propri prodotti con la marca di altre imprese sulla base di contratti di licenza (Sweppes) 3. Marca terzista: l impresa pone in vendita sotto la propria marca prodotti realizzati da uno o più imprese esterne non controllate (Marlboro) 3.1 Marca commerciale: l impresa commerciale (in genere, una catena di supermercati o grandi magazzini) pone in vendita sotto la propria marca prodotti realizzati da imprese fornitrici (Selex) Permettono alle imprese fornitrici di coprire gli eccessi di capacità produttiva Permettono all impresa commerciale di avere profitti, dovuti a prezzi bassi grazie alla riduzione dei costi di promozione e distribuzione Necessitano di controlli rigorosi sulle imprese fornitrici per non rovinare la marca commerciale 62

62 Costruire il valore della marca Stimoli del brand equity: 1. Scelta degli elementi e delle identità che compongono la marca (nomi, URL, loghi, simboli, personaggi, portavoce, slogan, motivi musicali, confezionamento e segni distintivi) 2. Il prodotto e servizio, tutte le relative attività di mkt e programmi di supporto 3. Altre associazioni trasmesse indirettamente alla marca che la collegano ad altre entità (persona, luogo, cosa) 63

63 Creazione del brand Occorre anzitutto definire tutti gli elementi di marca, ossia tutti gli strumenti che contribuiscono a definire la brand identity e che possono essere tutelati tramite una registrazione avente valore legale I principali sono: - Nome - Logo - Icona e simbolo - Slogan - Indirizzo URL 64

64 Caratteristiche degli elementi di marca Affinché abbiano successo, un elemento di marca deve essere: - Facile da ricordare: Viene in mente facilmente? E facilmente riconoscibile? E valido sia all atto di acquisto che di consumo? - Significativo: E credibile e indicativo della categoria di prodotto? E legato ad un ingrediente del prodotto o al tipo di cliente obiettivo? - Gradevole: E attraente per i consumatori? Piace in termini visivi e verbali? - Trasferibile: E utilizzabile per nuovi prodotti della stessa o di altre categorie? Fino a che punto aggiunge valore in altri mercati? - Adattabile: E modificabile e aggiornabile? - Tutelabile: E proteggibile a termini di legge? Può essere facilmente riprodotto dai concorrenti? 65

65 Scelta del nome Brainstorming interno Brainstorming da parte di società specializzate Database dove parole sono classificate per associazione, suoni, ecc Test di associazione (cosa ti viene in mente) Test di apprendimento (nome facile da pronunciare) Test di memoria (nome facile da ricordare) Test di preferenza (quale nome è maggiormente preferito) 66

66 Logo (logotipo) Rappresentazione del nome della marca con un particolare carattere 67

67 Logotipo IBM 68

68 Simbolo Spesso il logo è accompagnato da simboli, che sintetizzano alcune caratteristiche del brand 69

69 Icona O da vere e proprie icone, personaggi che incarnano il brand 70

70 71

71 Slogan Strumento di sintesi e di traduzione del programma di marketing. Aiuta a cogliere l essenza della marca e a renderla speciale 72

72 Branding olistico Affinché il brand equity venga massimizzato occorre che l impresa: - moltiplichi le occasioni di contatto con la marca (senza esagerare!) - favorisca le associazioni secondarie tra la marca ad elementi esterni ad essa, come luoghi, persone ed eventi - integri i diversi elementi di marca e tutte le attività di marketing dell impresa, in modo da aumentare la coerenza della corporate image Ciò ha effetti non solo sui clienti, ma anche sui dipendenti (branding interno), i quali possono sviluppare un maggiore senso di appartenenza e di affiatamento 73

73 Contatti di marca Club Fiere Eventi Sponsorizzazioni Visite agli stabilimenti Relazioni pubbliche Comunicati stampa Iniziative benefiche Pubblicità Contatti telefonici. 74

74 Esempio di branding olistico Il 1 ottobre 1907 Peter Behrens assume la direzione artistica dell AEG. In soli sette anni progetta le nuove fabbriche, i cataloghi, i manifesti pubblicitari e nuovi prodotti 75

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 26 Il brand. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 26 Il brand. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 26 Il brand Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Fiat: «Chi compra una nostra auto pagherà benzina e gasolio 1 euro al litro per tre

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 PUBBLICITA MARCA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 LA PUBBLICITA Parlare di comunicazione persuasiva oggi significa evocare

Dettagli

Brand Leadership e Identità di Marca

Brand Leadership e Identità di Marca Brand Leadership e Identità di Marca Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Marketing - 2010 LE DOMANDE DI OGGI COSA E UNA MARCA (BRAND)? QUALI FUNZIONI SVOLGE? IN COSA CONSISTE IL VALORE DI MARCA

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DI ACQUISTO DEL CONSUMATORE

IL COMPORTAMENTO DI ACQUISTO DEL CONSUMATORE IL COMPORTAMENTO DI ACQUISTO DEL CONSUMATORE Il comportamento di acquisto del consumatore fa riferimento agli acquisti effettuati dai consumatori finali, individui e nuclei famigliari, che acquistano beni

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Marketing Introduzione al marketing strategico

Marketing Introduzione al marketing strategico http://www.dimeg.poliba.it/kmlab Marketing Introduzione al marketing strategico Prof. Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Sommario Quattro definizioni di marketing 1. Concetti di base dal bisogno

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Politica Economica Istituzioni e Efficienza

Politica Economica Istituzioni e Efficienza Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015 Cognitive biases and heuristics Lumsa 18 maggio 2015 Homo oeconomicus Razionalità delle decisioni: massimizzazione dell utilità attesa, updating bayesiano, aspettative razionali. Psicologi (ed economisti

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il comportamento d acquisto nei servizi

Il marketing dei servizi. Il comportamento d acquisto nei servizi Il marketing dei servizi Il comportamento d acquisto nei servizi Il comportamento d acquisto È sempre rivolto a qualche obiettivo Comporta sempre più attività È un processo a più stadi (pre acquisto, acquisto,

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

Tutti i contenuti sono di proprietà letteraria riservata di Roberta Cocco e protetti dal diritto d autore. Si ricorda che il materiale didattico è

Tutti i contenuti sono di proprietà letteraria riservata di Roberta Cocco e protetti dal diritto d autore. Si ricorda che il materiale didattico è Il potere del brand risiede nella mente dei consumatori Il modello CBBE affronta la brand equity dal punto di vista del consumatore. Esso parte dal presupposto che per avere successo l impresa deve conoscere

Dettagli

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia BRAND MANAGEMENT Prodotto vs. Brand Un prodotto si fabbrica Un brand si compra (fiducia) Un prodotto si copia Un brand (se ben costruito) è unico Un prodotto diventa obsoleto Un brand di successo vive

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 4 Il di Acquisto del Consumatore e delle Imprese Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE LE FASI DEL PROCESSO DECISIONALE

Dettagli

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori 1 Definizioni Comportamento di acquisto = l insieme delle

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali Seconda Università di Napoli Facoltà di Economia - Dipartimento di Diritto ed Economia Facoltà di Psicologia - Dipartimento di Psicologia 20 e 21 maggio 2010 Economia cognitiva e sperimentale: decisioni

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com IL RUOLO DEL BRAND di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management Sommario Introduzione...3 Definizione di marchio...4 Che cosa rende un marchio forte...4 Marchio e pubblicità...5 Monitoraggio...6

Dettagli

La gestione della marca sui mercati esteri: brand globali e brand locali

La gestione della marca sui mercati esteri: brand globali e brand locali IL BRAND MANAGEMENT Il brand Un nome, una parola, un simbolo, un disegno o una combinazione di questi aventi lo scopo di identificare un prodotto o un servizio di un venditore o di un gruppo di venditori

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 23 Il cliente. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 23 Il cliente. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 23 Il cliente Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Lavoro di gruppo Creare un piano di marketing relativo ad una nuova applicazione

Dettagli

Lezione 3: Il Brand. Stella Romagnoli

Lezione 3: Il Brand. Stella Romagnoli Lezione 3: Il Brand Stella Romagnoli Dal Brand al Brand Identification System La marca verbale La marca Iconica Case Study: la nascita del nome e del logo dell alleanza internazionale TIM Valutazione della

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Ricavi Prof. Daniele Gervasio

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Il comportamento del consumatore turista

Il comportamento del consumatore turista Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di marketing agroalimentare e turismo rurale a.a. 2010/2011 Prof. Gervasio Antonelli Il comportamento del consumatore turista Lavoro

Dettagli

4. IL BRAND MANAGEMENT DEL TERRITORIO

4. IL BRAND MANAGEMENT DEL TERRITORIO 4. IL BRAND MANAGEMENT DEL TERRITORIO 4.1 La marca del territorio: definizione La marca, quando riferita all impresa, viene definita, nella prospettiva dei consumatori-acquirenti, come: aggregazione, intorno

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio)

IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio) IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio) Università di Urbino Corso di marketing progredito Progetto di: Andrisani Michela Galasso Donato Grifoni Giorgia Maiolini Federica Maldoni Serena

Dettagli

Marketing internazionale

Marketing internazionale A.A. 2007-2008 Marketing internazionale Dott.ssa Vania Vigolo Lezione 5 1 Comportamento del consumatore? STIMOLI - Ambientali - Di marketing RISPOSTE: - Prodotto -Brand -Distributore - Prezzo - Tempo d

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5)

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Che cos è il rischio? Come possiamo indicare le preferenze del consumatore riguardo al rischio? C è chi acquista assicurazione (non ama il

Dettagli

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE A cura di: Fausto Chironi, Andrea Panichi Cap. 5, Thompson A., Strickland

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Marketing Avanzato anno accademico 2015-2016 Costanza Nosi APPRENDIMENTO

Marketing Avanzato anno accademico 2015-2016 Costanza Nosi APPRENDIMENTO Marketing Avanzato anno accademico 2015-2016 Costanza Nosi APPRENDIMENTO APPRENDIMENTO: UNA DEFINIZIONE Modificazione permanente del comportamento dovuta all esperienza Esperienza passata Apprendimento

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Definizione di prodotto

Definizione di prodotto Capitolo 8 La strategia del prodotto, dei servizi e della marca Capitolo 8 - slide 1 Definizione di prodotto Prodotto qualunque cosa che possa essere offerta al mercato per l attenzione, l acquisizione,

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE Per prodotto s intende tutto ciò che può essere offerto ai consumatori per soddisfare un loro bisogno IN BASE ALLE ABITUDINI DEL CONSUMATORE I PRODOTTI

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti

Il marketing dei servizi. Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti Il marketing dei servizi Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti Gap del fornitore n.1 gap di ascolto Per minimizzare il gap di ascolto è utile: Capire le aspettative dei clienti usando le ricerche

Dettagli

I COMPORTAMENTI DI ACQUISTO

I COMPORTAMENTI DI ACQUISTO I COMPORTAMENTI DI ACQUISTO G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Analisi del comportamento del consumatore Marketing Stimoli

Dettagli

Piano di marketing & ricerche di mercato

Piano di marketing & ricerche di mercato Piano di marketing & ricerche di mercato Roma, giugno 2004 Piano di marketing (1/6) ANALITICO STRATEGICO ANALISI DI SETTORE E DELLA CONCORRENZA ANALISI DEL SETTORE E DELL IMPRESA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Brand management e brand equity

Brand management e brand equity Brand management e brand equity Obiettivi conoscitivi Comprendere l importanza della marca per il cliente e per l impresa e le funzioni che essa assolve Inserire la marca nella prospettiva delle risorse

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Introduzione al concetto di Istituzioni. Politica Economica Istituzioni e Efficienza. Enforcement

Introduzione al concetto di Istituzioni. Politica Economica Istituzioni e Efficienza. Enforcement Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

Comunicazione commerciale

Comunicazione commerciale Comunicazione commerciale Università di Urbino La comunicazione commerciale Definizione Marca Pubblicità Direct marketing Promozione delle vendite Sponsorizzazioni Fiere e mostre Relazioni pubbliche di

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La pianificazione finanziaria globale della Banca Coop vi aiuta a realizzare i vostri obiettivi. Servizi in tutta lealtà, ritagliati sulle vostre esigenze Ideare nuovi progetti,

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Pricing & Costing: La percezione di valore per il cliente e il ruolo del prezzo

Pricing & Costing: La percezione di valore per il cliente e il ruolo del prezzo Pricing & Costing: La percezione di valore per il cliente e il ruolo del prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 VALORE PER CHI?

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

Piano Marketing Operativo esempio

Piano Marketing Operativo esempio Piano Marketing Operativo esempio Il Piano Marketing Operativo è la parte conclusiva del Piano di Marketing: nel Piano Marketing Operativo vengono attuate le Strategie studiate nel Piano Marketing Strategico.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE (Dott. Paolo Cardoso, Dott.ssa Roberta De Florio, Dott.ssa Eliana Lavilla) 1.1 Caratteristiche generali Comunicare all interno di un organizzazione non è più un atto

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici.

Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici. Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici... Come il design interno è parte dell esperienza in un negozio, la musica è diventata un importante strumento competitivo

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE STRATEGIE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING SOMMARIO ANALISI SCELTE STRATEGICHE PROGRAMMI OPERATIVI CONTO ECONOMICO CONTROLLI Prof. Giancarlo Ferrero 2 LA SEGMENTAZIONE

Dettagli