La Triplice terapia in un paziente HCV+ con Relapse : un caso complicato Antonio Davì U.O.C. Malattie Infettive Modica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Triplice terapia in un paziente HCV+ con Relapse : un caso complicato Antonio Davì U.O.C. Malattie Infettive Modica"

Transcript

1 La Triplice terapia in un paziente HCV+ con Relapse : un caso complicato Antonio Davì U.O.C. Malattie Infettive Modica ROMA 14 MARZO 2014

2

3

4

5 Anamnesi B.S.,maschio, di anni 67, affetto da HCV da circa 18 anni. Genotipo 1b Polimorfismo IL 28B CT Fibroscan = 7,6 KPa Crioglobuline = assenti - IgE Tot. = 202 UI/ml Omocisteina = 34,9 micromoli/lt Vit.D =30,7 ng/ml HCVRNA quant. = UI/mL Peso kg. 75 BMI = 26

6 Tre anni epatobiopsia Metavir A2F2 EPATITE CRONICA A MODERATA ATTIVITA CON SETTI Eterozigosi per le mutazioni legate all emocromatosi- H63D Ipertensione arteriosa in terapia con sartanici Gozzo nodulare con tiroidite autoimmune in terapia con Eutirox 75 mg/die Probabile TIA nel 2002

7 Inizia la lead-in con PEG-INTRON 100 mcg + Ribavirina 1000 mg AST = 134 U/l - ALT = 191 U/l G.R. = G.B. = PLT = Bilirubina tot. = 0,62 mgr/dl Hb = 15,1 HCV-RNA quant. = UI/mL AFP = 31,9 ngr/ml Ferritina = 787 ngr/ml HCVRNA quant. = ui/ml G.R. = HB = 10,1 gr/dl G.B. = PLT = Ferritina = 1299 ngr/ml RIDUCE LA RIBAVIRINA A 600 MG/ DIE

8 Ricovero ospedaliero per sincope vaso-vagale G.R. = G.B. = Hb = 8,3 Plt = Il pz. Viene sottoposto a emotrasfusione con 2 U di GRC T.C. encefalo : infarto lacunare stabilizzato nella sede dei nuclei della base, dal lato sn.sistema ventricolare normoconformato ed in asse. Terzo e quarto entricolo sulla linea mediana. Normorappresentati gli spazi subaracnoidei della convessità e della base. ECOCARDIO :..buona funzione biventricolare. Lieve ipertrofia settale.atrio sn. dilatato. Sezioni dx nei limiti. App. valvolare e pericardio nei limiti Sospende la triplice terapia

9 Sommario Report HOLTER ECG Ritmo sinusale a f.c. media di 57 bpm ( min. 42 e max 145 ). Tachicardia sinusale dalle ore 7,00 allle ore 8,00 circa. Conduzione AV regolare. Assenza di pause. Battiti ventricolari 16, isolati, monoformi. Battiti sopraventricolari 31, con 2 coppie e 1 tripletta. ECO ADDOME SUPERIORE : fegato lievemente aumentato di volume, ad ecostruttura finemente addensata per steatosi, a margini regolari.v.porta di calibro regolare. Colecisti normodistesa, a apreti regolari, ecopriva per immagini riferibili a calcoli e/o polipi.

10 Criteri di eleggibilità AIFA alla triplice terapia PAZIENTE FIBROSI (Metavir) CRITERI DI ELEGIBILITA Paziente Naïve F0, F1, F2 Test di sensibilità con PegIFN/R per 4 ws RVR + RVR - Continua con duplice terapia Inizia la triplice terapia F3, F4 Eleggibile alla triplice terapia Paziente prior relapser F0, F1, F2, F3, F4 Eleggibile alla triplice terapia Paziente prior partial responder Pazient prior null responder Paziente di cui non è nota la risposta al precedente trattamento F0, F1, F2, F3, F4 Eleggibile alla triplice terapia F0, F1, F2 Test di sensibilità con PegIFN/R per 4 ws Diminuzione HCV RNA 1log Diminuzione HCV RNA <1log F3, F4 Eleggibile alla triplice terapia TVR F0, F1, F2 Test di sensibilità con PegIFN/R per 4 ws Diminuzione HCV RNA 1log Diminuzione HCV RNA <1log F3, F4 Eleggibile alla triplice terapia TVR Inizia la triplice terapia Stop tutta la terapia Inizia la triplice terapia Stop tutta la terapia

11 PAZIENTI EXPERIENCED: CHI TRATTARE (1) Indicazioni dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (AISF) sull uso della triplice terapia (Interferone-peghilato alfa + Ribavirina + inibitore delle proteasi di prima generazione) per il trattamento dei pazienti con epatite cronica da HCV genotipo 1 1. La triplice terapia con BOC o TVR è attualmente il trattamento di riferimento nei pazienti con un precedente fallimento terapeutico della duplice terapia con Peg IFN + RBV (A1). Analogamente ai pazienti naive, l indicazione alla terapia deve essere posta valutando il rischio di progressione della malatt epatic e quindi l urgenza terapeutic, la probabilità di risposta, i potenziali effet collaterali del trattament, la motivazion del paziente e le possibilità terapeutiche future (A1). 2. Nei pazienti relapser, la triplice terapia è fortemente indicata in presenza di una fibrosi severa (F3) o cirrosi (F4) compensata in classe A di Child-Pugh, è indicata per i pazienti con una fibrosi moderata (F2), mentre deve essere discussa caso per caso nei pazienti con fibrosi assente o lieve (F0 F1) (A1). 3. Nei pazienti partial responder, la triplice terapia è fortemente indicata in presenza di una fibrosi severa (F3) o cirrosi (F4) compensata in classe A di Child-Pugh, è indicata per i pazienti con una fibrosi moderata (F2), mentre deve essere discussa caso per caso nei pazienti con fibrosi assente o lieve (F0 F1) (B1). Una valutazione della riduzione della viremia nelle prime 4 settima con duplice terapia contribuisce a definire le probabilità di raggiungimento della SVR nei pazienti in triplice con BOC (B1). 24 Aprile 2013

12 TOPICS I pazienti F3-F4 sono fortemente raccomandati al trattamento (Racc.2) BOC e TVR sono considerati con efficacia simile (Racc.1) PegINF 2a e PegINF 2b sono entrambi da tenere in considerazione (Racc.5) Raccomandano Lead In anche con TEV Le stopping rules per entrambi BOC e TVR sono quelle da RCP Safety: entrambi BOC e TVR aumentano il rischio di anemia Maggior numero di Eventi Avversi dermatologici riferiti con TVR BOC e TVR non vanno mai utilizzati da soli se la SOC viene interrotta per gestire EA Pts EXPERIENCED: BOC e TVR hanno simile SVR Pazienti che falliscono triplice con BOC non possono essere ritrattati con triplice con TVR e viceversa Pts CIRROTICI: dati Studio CUPIC Pts HIV/HCV: per HCV trattare con triplice (BOC oppure TVR) pazienti G1 ( Sulkowsky)

13

14 Conclusioni La frequenza degli eventi avversi gravi aumenta nella real life anche nei pazienti con malattia epatica non severa Da valutare l eventuale segnalazione della sincope fra gli eventi avversi gravi E necessaria una più attenta gestione dell anemia con EPO appena si evidenzia un calo dell HB di 2 gr. o ricorrere all emotrasfusione se HB<8 gr.; in altri casi riducendo la posologia della ribavirina inizialmente a 600 mg per poi ridurla ulteriormente in rapporto all aggravarsi dell anemia. Attenzionare il problema dell iperomocisteinemia attivando terapie specifiche con acido folico e complesso vitaminico B per i noti rischi cardiovascolari e/o cerebrali ( anche in rapporto con steatosi indotta). Forse è il caso di rivedere l approccio iniziale della terapia con la ribavirina durante la lead-in o subito dopo l inserimento degli inibitori?

15 Come gestire questo paziente? Nel nostro paziente si è deciso di ricominciare la duplice terapia prolungandola fino a 72 mesi. L altra opzione era sospendere la terapia in attesa delle nuove terapie interferon-free.

16

17 IPEROMOCISTEINEMIA COS E? L'iperomocisteinemia consiste in una eccessiva concentrazione di omocisteina nel sangue. L'omocisteina è un aminoacido il cui metabolismo viene regolato, all'interno del nostro organismo dall'azione di enzimi e vitamine come acido folico e vitamine B6 e B12. Una carenza di queste vitamine può fare sì che l'omocisteina si accumuli danneggiando le pareti dei vasi sanguigni. Quando i livelli plasmatici dell'omocisteina arrivano a concentrazioni troppo elevate, ovvero superano il valore di 12 µmol/l, si parla di iperomocisteinemia. Elevati livelli di questo aminoacido influenzano negativamente le funzioni del sistema nervoso, cardiovascolare ed osseo, in particolar modo attraverso un incremento della produzione di radicali liberi e lo stress ossidavo che a questo consegue. Per questa ragione l'iperomocisteinemia è considerata un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari, cerebrali (è stata associata a un maggior rischio di sviluppare demenza di Alzheimer) e per fratture ossee di natura osteoporotica.

18 IPEROMOCISTEINEMIA: COS E? L'omocisteina è un aminoacido non proteico prodotto dal metabolismo della metionina un aminoacido solforato essenziale che viene introdotto nel nostro organismo con la dieta (proteine). L'omocisteina si forma dalla S-adenosilmetionina (SAM) e dalla S-adenosilomocisteina (SAH). Il rapporto SAM/SAH è alla base della regolazione del metabolismo metionina-omocisteina. In un organismo ben funzionante l'omocisteina è poi nuovamente trasformata in metionina, oppure in semplici amminoacidi, che vengono facilmente eliminati dall'organismo attraverso le urine. Circa l'80% dell'omocisteina nel sangue è legata alle proteine, soprattutto all'albumina. Il restante 20%, non complessato, viene chiamato omocisteina libera. Questa comprende quindi sia la forma ridotta (SH) che quella ossidata (S-S). La forma ridotta (SH) è fortemente endotelio-tossica e rappresenta circa il 2% dell'omocisteina totale. L'omocisteina prodotta viene riversata nel sangue ed eliminata principalmente per via urinaria, in genere come omocistina. L'omocistina è scarsamente solubile in ambiente acido e se in eccesso può dare luogo a calcoli radio-opachi nelle vie urinarie o a cristalli esagonali rosso-scuro che si ritrovano nel sedimento urinario. Qualora si verifichi una riduzione funzionale dei reni si avrà una riduzione dell'escrezione urinaria di omocisteina-omocistina con conseguente aumento dei valori plasmatici. Il metabolismo dell'omocisteina può seguire anche altre 2 vie di smaltimento quali: la rimetilazione dove l'omocisteina può essere rimetilata a metionina mediante due processi in cui sono coinvolti l'acido folico, le vitamine B2 e B12, la betaina e lo zinco; la transulfurazione dove l'omocisteina viene degradata in cisteina mediante una serie di reazioni dove è coinvolta la vitamina B6.

19 PARAMETRI DI RIFERIMENTO Livelli Normali di Omocisteina sono considerati tra 5 e 9 μmol/l (= micromoli per litro). L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) considera fino a 13 µmoli/l un valore ematico normale pertanto si parla di omocisteina alta quando si misurano nel sangue concentrazioni: superiori a 13 µmoli/l negli uomini adulti, superiori a 10,1 µmoli/l per le donne, superiori a 11,3 µmoli/l nei ragazzi di età inferiore ai 14 anni. Le raccomandazioni della Task Force Internazionale per la Prevenzione della Malattia Cardiovascolare dicono che: secondo la prassi corrente quindi i livelli di omocisteina > 12 µmoli/l meritano attenzione. Si parla di iperomocisteinemia cioè elevati livelli di Omocisteina nel sangue di tipo: Borderline quando il valore plasmatico di omocisteina è di µmoli/l Moderata* quando è di µmoli/l Intermedia* quando è di µmoli/l Severa se il valore plasmatico di omocisteina è superiore a 100 µmoli/l; i casi più severi sono dovuti a difetti allo stato omozigote dei geni che codificano per gli enzimi del metabolismo dell'omocisteina in particolare il CBS (omocistenuria) o di particolari carenze della Vitamina B6.

20 LE CAUSE La concentrazione plasmatica di omocisteina è il risultato di una stretta relazione tra le abitudini dietetiche e i fattori genetici predisponenti. Le cause genetiche stanno a quelle dietetico/comportamentali in rapporto 1:10; infatti la maggior parte delle persone ha elevati livelli di omocisteina nel sangue a causa di una dieta non sufficientemente ricca di acido folico e delle altre vitamine del gruppo B. Vedi NUTRIZIONE E STILE DI VITA NELL'IPEROMOCISTEINEMIA Le alterazioni genetiche causano invece deficit degli enzimi coinvolti nel ciclo di smaltimento dell'omocisteina. Uno è il deficit dell'enzima cistationina-beta-sintetasi, dovuto a una mutazione genetica molto rara (Omocistinuria*); l altro è il polimorfismo genetico T833C relativo sempre a questo enzima che provoca anch esso un aumento dei livelli di omocisteina. Recenti studi hanno dimostrato una associazione significative tra questo polimorfismo e il rischio di ictus. Livelli elevati di omocisteina possono essere dovuti anche alla mutazione del gene responsabile della produzione dell'enzima metilenetetraidrofolato-reduttasi (MTHFR). È inoltre stato identificato un polimorfismo genetico, abbastanza frequente nella popolazione generale, come responsabile dell'aumento dei livelli Omocisteina e caratterizzato dalle mutazioni C677T e 1298A/C; di queste, la prima sembrerebbe essere la più importante sotto il profilo del rischio trombotico, comportando una riduzione dell'attività enzimatica della MTHFR pari al 50%. Altre anomalie congenite da ricordare come possibili cause di iperomocisteinemia, anche se molto rare, sono i deficit di metionina sintasi, di cobalamina reduttasi, di metiltransferasi associata alla cobalamina reduttasi, di γ-cistationinasi.

21 IPEROMOCISTEINEMIA COME FATTORE DI RISCHIO E PATOLOGIE CORRELATE L'omocisteina in eccesso provoca un danno vascolare coinvolgendo sia la struttura della parte vascolare che il sistema di coagulazione del sangue. Danno alla parete vascolare Il deposito di omocisteina sulla parete vasale è istolesivo attraverso diverse modalità. I vasi arteriosi sono fondamentalmente costituiti da due parti funzionali: le cellule muscolari lisce e l'endotelio. Le cellule muscolari lisce possono contrarsi a seguito di un impulso nervoso, o tramite influenze dirette di varie sostanze o indirettamente attraverso un meccanismo di reattività vasale endotelio-dipendente. In quest'ultimo caso l'endotelio rilascia alcune sostanze vasoattive. Tra i vasodilatatori, l'ossido nitrico (NO) è il più importante e viene prodotto dall'endotelio attraverso il metabolismo dell'arginina grazie ad una NO-sintetasi (NOS). Mediante un'influenza diretta si ha invece la formazione della placca aterosclerotica e la proliferazione delle cellule muscolari lisce con conseguente danno endoteliale e ridotta elasticità del vaso. Questo perché l'omocisteina in eccesso forma il complesso omocisteina-tiolattone che reagendo con le LDL (lipoproteine a bassa densità) forma un complesso insolubile LDL-Tiolattone che viene fagocitato dai macrofagi che, incapaci di scinderlo, si trasformano in cellule schiumose costituendo il "core" dell'ateroma. L'omocisteina in eccesso può anche comportarsi da radicale libero dell'ossigeno provocando: disfunzione endoteliale e poi necrosi delle cellule endoteliali con loro distacco dalla parete vasale; proliferazione delle cellule muscolari lisce con successiva fibrosi e fibrocalcificazione della parte vasale, ossidazione dei lipidi di membrana con perdita della funzionalità di queste strutture; ossidazione delle LDL che diventano fortemente aterogene. Azione sulle piastrine: l'omocisteina in eccesso aumenta l'adesività e l'aggregazione piastrinica. Azione sui fattori della coagulazione: l'omocisteina in eccesso influenza i fattori che regolano la coagulazione del sangue. È per questi motivi che da alcuni anni l'iperomocisteinemia, è considerata un importante fattore di rischio per lo sviluppo di alcune patologie molto gravi.

22 Adinolfi LE et al, Hepatology 2005; 41: Il polimorfismo MTHFR C677T e l iperomocisteinemia promuovono la steatosi e la fibrosi nei pazienti con epatite C cronica I fattori ed i meccanismi coinvolti nello sviluppo della steatosi correlata all infezione da virus dell epatite C ( HCV ) non sono noti. L iperomocisteinemia causa steatosi ed il polimorfismo metilentetraidrofolato reduttasi ( MTHFR ) C667T induce iperomocisteinemia. Ricercatori della Seconda Università di Napoli hanno studiato 116 pazienti con epatite C cronica. L iperomocisteinemia è risultata associata al genotipo TT di MTHFR. La steatosi era associata al polimorfismo MTHFR, all omocisteinemia, all indice HAI ( histological activity index ), e alla fibrosi. La steatosi superiore al 20% era associata in modo significativo alla fibrosi. Il rischio relativo di sviluppare alti livelli di steatosi era 20 volte maggiore nei genotipi TT che CC. All analisi multivariata, la steatosi è risultata associata in modo indipendente all iperomocisteinemia ( OR = 7,1 ), all indice HAI ( OR = 3,8 ), alla fibrosi epatica ( OR = 4 ) e all HCV genotipo 3 ( OR = 4,6 ). All analisi univariata, la fibrosi era associata all età, alla steatosi, a MTHFR, all omocisteinemia e all indice HAI. Tuttavia all analisi multivariata la fibrosi epatica era indipendentemente associata all età, all indice HAI e alla steatosi. I dati di questo studio indicano che il polimorfismo MTHFR C677T, responsabile dell iperomocisteinemia, svolge un ruolo nello sviluppo della steatosi a più alto grado, favorendo la progressione della fibrosi epatica nei pazienti con epatite C cronica.( Xagena2005 )

23

24

25

26

27 RESPOND-2: Pazienti Experienced SVR Overall Δ vs. SoC 38-45% SVR Relapser Δ vs. SoC 40-46% SVR Partial Responder Δ vs. SoC 33-45% 21% 59% 66% 29% 69% 75% 40% 23/57 52% 7% 2/29 PR48 BOC RGT BOC/PR48 Bacon B. Et al. N ENGL J MED 364; 13 NEJM.ORG MARCH 31,2011

28 SVR according to IFN α responsiveness in treatment experienced G1 pts (RESPOND-2) at 4 wks HVC-RNA decline > 1log 10 IU/ml at week 4 HVC-RNA decline < 1log 10 IU/ml at week 4 Bacon, BR et al, N Engl J Med 2011;364:

29 Highest SVR rates in patients who experienced a 1 log10 decline in HCV RNA after 4-wk lead-in phase 100 SPRINT-2 and RESPOND-2 Combined PR48 BOC RGT BOC/PR SVR (%) n/n= 0 0/ 2 2/ / 4 56/ 75 83/ / / 27 19/ / 45 37/ / / 133 1/ 20 6/ 25 < 1 log 1 log < 1 log 1 log < 1 log 1 log 32 CC CT TT Poordad F, et al. EASL Abstract / / 26 23/ 28 26/ 34

30

31 Stopping rules during BOC dosing period Stop all drugs If 100 IU/mL at Week 12 If detectable at Week Weeks Boceprevir EU SmPC

32 Stopping rules during TVR dosing period If >1000 IU/mL at Week 4 or 12: stop all drugs* Weeks *In prior null responders, consideration should be given to conduct an additional HCV RNA test between Weeks 4 and 12. If the HCV RNA concentration is >1000 IU/mL, telaprevir and PR should be discontinued Telaprevir EU SmPC

33

34

35

36

37

38

39 Management of anemia during treatment with BOC+PR EPO vs RBV dose reduction Poordad et al, EASL 2012 Abstract 366 (poster)

40 Gestione dell anemia: eritropoietina vs riduzione della dose di ribavirina Elaborato graficamente da [1] Abbreviazioni: BOC, boceprevir; DR, riduzione della dose; EPO, eritropoietina; HCV, virus dell'epatite C; RBV, ribavirina; SC, via sottocutanea; sett., settimane; SVR, risposta virologica sostenuta; TW, settimana di trattamento. 1. Poordad F et al. Effects of ribavirin dose reduction vs erithropoietin for boceprevir-related anemia in patients with chronic HCV G1 infection-a randomized trial, GASTROENTEROLOGY 2013;145:

41

42 Risposta a fine trattamento, numero di relapse e percentuale di SVR paragonabili tra i gruppi RBV DR ed EPO. 1 Risultati Obiettivi primari e obiettivi chiave per l efficacia Elaborato graficamente da [1] *La stratum-adjusted difference (EPO vs RBV DR) nelle percentuali di SVR, adattata in base ai fattori di stratificazione e al protocollo della coorte. Abbreviazioni: DR, riduzione della dose; IC, intervallo di confidenza; EOT, fine del trattamento; EPO, eritropoietina; RBV, ribavirina; SVR, risposta virologica sostenuta. 1. Poordad F et al. Effects of ribavirin dose reduction vs erithropoietin for boceprevir-related anemia in patients with chronic HCV G1 infection-a randomized trial, GASTROENTEROLOGY 2013;145:

43 SVR sovrapponibili indipendentemente dal momento di inizio della gestione dell'anemia o dalla dose di RBV utilizzata 1 SVR in base al momento e alla strategia di gestione dell anemia Le percentuali di SVR erano sovrapponibili indipendentemente da quando la dose di RBV fosse stata ridotta. 1 Abbreviazioni: DR, riduzione della dose; EPO, eritropoietina; RBV, ribavirina; sett., settimane; SVR, risposta virologica sostenuta. 1. Poordad F et al. Effects of ribavirin dose reduction vs erithropoietin for boceprevir-related anemia in patients with chronic HCV G1 infection-a randomized trial, GASTROENTEROLOGY 2013;145:

44 SVR sovrapponibili indipendentemente dalla dose media giornaliera di RBV 1 Le percentuali di SVR erano sovrapponibili indipendentemente dalla dose media giornaliera di RBV o dalla dose più bassa di RBV ricevuta per la gestione dell anemia. 1 Abbreviazioni: RBV, ribavirina; SVR, risposta virologica sostenuta. 1. Poordad F et al. Effects of ribavirin dose reduction vs erithropoietin for boceprevir-related anemia in patients with chronic HCV G1 infection-a randomized trial, GASTROENTEROLOGY 2013;145:

45 1. Poordad F et al. Effects of ribavirin dose reduction vs erithropoietin for boceprevir-related anemia in patients with chronic HCV G1 infection-a randomized trial, GASTROENTEROLOGY 2013;145: Algoritmo per la gestione dell anemia 1

46 Studio EPO: sintesi dei risultati chiave 1 Le percentuali di SVR sono risultate simili (~71%) per le due strategie di gestione dell anemia (riduzione della dose di ribavirina o impiego di EPO). 1 La RBV DR non ha impatto sulla SVR e dovrebbe essere la strategia iniziale più appropriata per la gestione dell'anemia. 1 I profili di sicurezza sono risultati simili, indipendentemente dalla strategia di gestione dell anemia adottata. 1 Abbreviazioni: EPO, eritropoietina; SVR, risposta virologica sostenuta. 1. Poordad F et al. Effects of ribavirin dose reduction vs erithropoietin for boceprevir-related anemia in patients with chronic HCV G1 infection-a randomized trial, GASTROENTEROLOGY 2013;145:

47

48

49

50 Effective Antiviral Therapy: Key Concepts Viral inhibition Viral replication Viral inhibition Drug plasma concentrations IC 50 Decrease IC 50 Increase C trough Partial viral suppression determines the selection of resistant strains Drug plasma concentration is associated with response Manual of Pharmacology and Therapeutics, Goodman & Gillman, 2007

51 Ribavirin Plasma AUC

52 Ribavirin RBC Concentrations Over Course of Treatment

53 Ribavirin plasma concentration and egfr during triple therapy containing telaprevir (grey window) and subsequent dual therapy. Page 4 of 5 Hepatology Increased plasma concentration of Ribavirin as a result of renal dysfunction in HCV patients, treated with telaprevir. Massimo Tempestilli, M.Sc.1, Gianpiero D Offizi, M.D.1, Raffaella Lionetti, M.D.1, Marzia Montalbano, M.D.1, Andrea Giaffreda, M.Sc1, Simone Fazio, M.Sc1. and Leopoldo P. Pucillo, M.D.1 1 National Institute for Infectious Diseases L. Spallanzani I.R.C.C.S., Via Portuense 292, Rome, Italy. In Press

54

55

56 Inizia terapia con RBV 800 mg./die + IFN alfa 2b peghilato 100 mcg. HCV-Rna = UI/Ml Crioglobuline = assenti AST = 115 U/l - ALT = 170 U/l - Bil T. = 0,69 mgr./dl- PLT= Bilirubina tot. = 0,69 mgr/dl Hb = 14.9 gr./dl Ferritina = 1484 ngr./ml - AFP = 27 UI/ml - CEA = 0,89 ngr./ml - TSH = 0,51 IU/ml Anti-tpo = 65 IU/ml Anti TG = 81 IU/ml FT3 = 3,19 pgr./ml FT4 = 0,85 ngr./dl

57 AST = 108 /Ul ALT = 147 U/l Bilirub.tot.= 0,76 PLT = G.R. = G.B. = Hb = 14,1 Amilasi = 109 U/l HCV/RNA quant. = UI/mL Inizia Boceprevir 4 cp. x tre volte / die

58 Inizia Boceprevir 4 cp. x tre volte / die G.R. = G.B. = PLT = Hb = 11,9 AST= 68 U/l ALT = 86 U/l Bilirubina tot. = 0,96 mgr/dl Creatinina = 0,98 mgr./- Gglicemia = 88 mgr./ dl Ferritina = ngr./ml TSH = 2 IU/ml AntiTpo= 236 IU/ml AntiTG = 113 UI/ml HCV/RNA quant. = UI/ml AST = 57 U/l ALT = 74 U/I Bilirubina Tot. = 1.02 Bil. D.= 0,39 G.R Hb = 11 gr./dl G.B. = PLT =

59 Riduce la Ribavirina 600 mg / die Crisi lipotimica G.B. = G.R. = PLT = Hb = 9,9 g/dl ALT= 45 U/l AST = 38 U/l Bilirubina tot. = 1,1 mg/dl Bil.Ind. = 0,8 mg/dl PLT = Fibrinogeno == 403 mg/dl INR = 1,22 a PTT = 1.14 Amilasi = 80 U/L Troponina = < 0.02 ng/ml Na = 138 meq/l - K = 3.7 meq/l - Ca 4,3 meq/l

60 AST = 38 U/I - ALT = 47 U/l Bilirubin tot. = 1.05 mg/dl Ferritina = 1695 ngr./ml AFP = 9,18 UI/ml G.R. = Hb = 10,3 G.B. = PLT =

61 Riduce la Ribavirina 600 mg / die Crisi lipotimica G.B. = G.R. = PLT = Hb = 9,9 g/dl ALT= 45 U/l AST = 38 U/l Bilirubina tot. = 1,1 mg/dl Bil.Ind. = 0,8 mg/dl PLT = Fibrinogeno == 403 mg/dl INR = 1,22 a PTT = 1.14 Amilasi = 80 U/L Troponina = < 0.02 ng/ml Na = 138 meq/l - K = 3.7 meq/l - Ca 4,3 meq/l

62 M.V. aspro diffuso, lieve iperemia del faringe. Riferisce febbricola serotina con faringodinia da due giorni senza assunzione di alcuna terapia. RX Torace : non lesioni parenchimali a focolaio in atto. Modico ispessimento della trama peribroncovasale. Cavità pleuriche libere da versamenti in atto.nei limiti la morfologia cardiomediastinica

63 Esame ecocardiografico : ventricolo sn. di normali dimensioni cavitarie e funzione contrattile, con lieve ipertrofia del setto interventricolare. Segni iniziali di alterata funzione di rilasciamento ventricolare. T.C. Encefalo : non evidenti segni di emorragia endocranica. Terzo e quarto ventricolo in asse. Ventricoli laterali nei limiti. Spazi subaracnoidei piu ampi che di norma. Areola lacunare da esiti vascolari in sede lenticolare sinistra. Segni di vasculopatia cronica. Si segnala ispessimento mucosale parietale concentrico del seno mascellare di sinistra riferibile a flogosi cronicizzata

64 Esame ecocolordoppler TSA..Assi succlaveari di calibro regolare. Ispessimento medio intimale dffuso. Assenza di placche stenosanti il lume vasale. Lieve tortuosità di decorso della carotide interna dx. Normodirette le vertebrali. Conclusioni : Apparato vascolare esaminato in buon compenso emodinamico

65 Si concorda con gli ematologi di non sottoporre il paziente a emotrasfusione considerato ancora il valore elevato dell Hb. Sospende la triplice terapia Inizia EPREX fl U.I. una fl. Tre volte settimana G.B. = G.R. = Hb = 10,6 PLT = AST = 40 U/l ALT = 37 U/l Bilirubina Tot. = 0,79 mgr/dl AntiTG = 253 UI/ml AntiTPO = 259 UI/ml

66 AST = 65 U/l - ALT = 83 U/l G.R. = G.B. = Hb = 13.0 gr./dl Ferritina = ngr/ ml PLT =

67 Conclusioni La frequenza degli eventi avversi gravi aumenta nella real life anche nei pazienti con malattia epatica non severa Da valutare l eventuale segnalazione della sincope fra gli eventi avversi gravi E necessaria una più attenta gestione dell anemia con EPO appena si evidenzia un calo dell HB di 2 gr. o ricorrere all emotrasfusione se HB<8 gr.; in altri casi riducendo la posologia della ribavirina inizialmente a 600 mg per poi ridurla ulteriormente in rapporto all aggravarsi dell anemia. Attenzionare il problema dell iperomocisteinemia attivando terapie specifiche con acido folico e complesso vitaminico B per i noti rischi cardiovascolari e/o cerebrali ( anche in rapporto con steatosi indotta). Forse è il caso di rivedere l approccio iniziale della terapia con la ribavirina durante la lead-in o subito dopo l inserimento degli inibitori?

68 Come gestire questo paziente? Nel nostro paziente si è deciso di ricominciare la duplice terapia prolungandola fino a 72 mesi. L altra opzione era sospendere la terapia in attesa delle nuove terapie interferon-free.

69 INFC VIC-W-04/2016

ACT Appropriate Hepatitis C Treatment Il paziente relapser Roberto Carbone Ambulatorio di Epatologia ASO di Alessandria Milano. 29.01.

ACT Appropriate Hepatitis C Treatment Il paziente relapser Roberto Carbone Ambulatorio di Epatologia ASO di Alessandria Milano. 29.01. ACT Appropriate Hepatitis C Treatment Il paziente relapser Roberto Carbone Ambulatorio di Epatologia ASO di Alessandria Milano. 29.01.2014 Caso Clinico Pz. maschio, caucasico di 21 anni. Accede per la

Dettagli

Nutraceutici ad alto razionale scientifico

Nutraceutici ad alto razionale scientifico Nutraceutici ad alto razionale scientifico Patologie Iperomocisteinemia Che cos'è? L'iperomocisteinemia consiste in una eccessiva concentrazione di omocisteina nel sangue. L'omocisteina è un aminoacido

Dettagli

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena R.T., maschio, di anni 51, giunto alla nostra osservazione per epatite cronica

Dettagli

Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1. Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como

Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1. Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1 Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Milano 5 febbraio 2014 Milano 5 febbraio 2014 Caso clinico epatite cronica HCV genotipo

Dettagli

IL PAZIENTE CIRROTICO: TO TREAT OR NOT TO TREAT, THAT IS THE QUESTION

IL PAZIENTE CIRROTICO: TO TREAT OR NOT TO TREAT, THAT IS THE QUESTION Paolo Maria Brunori U.O.S. Endoscopia Digestiva Cinque pazienti cirrotici trattati da Giugno 2013 a Gennaio 2014 Shock settico Neutropenia febbrile Fallimento terapeutico ...the experience in the use

Dettagli

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Alessia Giorgini, Ospedale San Paolo Milano

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Alessia Giorgini, Ospedale San Paolo Milano Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione Alessia Giorgini, Ospedale San Paolo Milano O.R. Maschio, insegnante 13/3/1952 Sovrappeso (BMI= 29 Kg/m2) Ipertransaminasemia 1.5 N dal 1992;

Dettagli

HCV e crioglobulinemia Dott. Olivia Morelli

HCV e crioglobulinemia Dott. Olivia Morelli HCV e crioglobulinemia Dott. Olivia Morelli S.C. GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI PERUGIA A.O. S.M. DELLA MISERICORDIA Caso clinico: Prima visita Febbraio 2011: Donna, 65 anni, italiana,

Dettagli

Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG -

Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG - Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG - Donna, anni 61 - Familiarità per epatite/cirrosi HCV correlata (Madre, fratello..) - Non fuma,

Dettagli

A I S F ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO

A I S F ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO A I S F ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO Riconosciuta con D.M. del 7.5.1998, G.U. del 20.6.1998 Iscritta nell Elenco di cui all'art. 1, comma 353, della Legge 23.12.2005 n. 266, D.P.C.M.

Dettagli

HCV: Iniziative e Sostenibilità della Regione

HCV: Iniziative e Sostenibilità della Regione HCV: Iniziative e Sostenibilità della Regione Lorella Lombardozzi Varia da Nord a Sud. Valore medio 5,2%. Genotipo più frequente 1,6% 6,1% 1B (30,7-60%) 2 ( 21,3-34,8%) 7,3% A sistematic review of hepatitis

Dettagli

Esperienze condivise: la terapia anti-hcv nel paziente coinfetto

Esperienze condivise: la terapia anti-hcv nel paziente coinfetto Esperienze condivise: la terapia anti-hcv nel paziente coinfetto Dott. Mondino Vincenzo SOC Malattie Infettive e Tropicali ASL VCO Ospedale Castelli - Verbania Coinfezione HIV&HCV HIV HCV 25% HIV 35 milioni

Dettagli

PD Dr. med. Enos Bernasconi

PD Dr. med. Enos Bernasconi PD Dr. med. Enos Bernasconi Servizio di malattie infettive Dipartimento di medicina Ospedale Regionale Lugano Bellinzona, 27 novembre 2008 Introduzione Epatite C: un infezione curabile? Novità terapeutiche

Dettagli

La gestione clinica del paziente con epatite cronica C

La gestione clinica del paziente con epatite cronica C La gestione clinica del paziente con epatite cronica C Linee Guida EASL 2011 Gruppo interdisciplinare epatiti virali Anastasio Grilli UO Universitaria Malattie Infettive Dipartimento Medico -15 Marzo 2012-

Dettagli

Epatite C e transaminasi normali

Epatite C e transaminasi normali Giornata di aggiornamento in tema di Epatologia Situazioni cliniche controverse in epatologia Savona 29 ottobre 2005 Epatite C e transaminasi normali U.O.C. di Medicina Interna (Dir. G. Menardo) U.O.S.

Dettagli

Paziente HCV, uomo 35 anni, G1a IL28 C/T, tossicodipendente con disturbo della personalità, breakthrough a seguito di trattamento con triplice terapia

Paziente HCV, uomo 35 anni, G1a IL28 C/T, tossicodipendente con disturbo della personalità, breakthrough a seguito di trattamento con triplice terapia Paziente HCV, uomo 35 anni, G1a IL28 C/T, tossicodipendente con disturbo della personalità, breakthrough a seguito di trattamento con triplice terapia Giorgio Barbarini DATI ANAMNESTICI(1) Paziente di

Dettagli

LE EPATITI B e C. Verso una terapia personalizzata

LE EPATITI B e C. Verso una terapia personalizzata LE EPATITI B e C Verso una terapia personalizzata 3 L EPATITE B LE EPATITI B e C Le epatiti B e C rappresentano un campo molto complesso della Clinica Medica. La Medicina di Laboratorio propone nuove analisi

Dettagli

ATEROSCLEROSI LESIONI FORMATIVE: a) strie lipidiche - sono un evento precoce, che compare nell adolescenza (15 aorta - 20-30 anni coronarie e

ATEROSCLEROSI LESIONI FORMATIVE: a) strie lipidiche - sono un evento precoce, che compare nell adolescenza (15 aorta - 20-30 anni coronarie e ATEROSCLEROSI LESIONI FORMATIVE: a) strie lipidiche - sono un evento precoce, che compare nell adolescenza (15 aorta - 20-30 anni coronarie e carotidi). Possono sia evolvere in ateroma che regredire. Sono

Dettagli

CASE REPORT DIFFICILE DA INGOIARE. Dott. VINCENZO SANGIOVANNI A.O.C. «D. COTUGNO» III DIVISIONE

CASE REPORT DIFFICILE DA INGOIARE. Dott. VINCENZO SANGIOVANNI A.O.C. «D. COTUGNO» III DIVISIONE CASE REPORT DIFFICILE DA INGOIARE Dott. VINCENZO SANGIOVANNI A.O.C. «D. COTUGNO» III DIVISIONE Abbiamo strumenti clinici per stabilire Quando iniziare una terapia? Quando interromperla? SVR12 (%) Genotype

Dettagli

MTHFR. Metionina. CH 3 metilazione DNA, RNA, proteine, lipidi MTR. Omocisteina THF (B 12 ) 5-metil-THF. Purine. S-adenosil-metionina (SAM)

MTHFR. Metionina. CH 3 metilazione DNA, RNA, proteine, lipidi MTR. Omocisteina THF (B 12 ) 5-metil-THF. Purine. S-adenosil-metionina (SAM) Poliformismo genetico, l importanza dell assunzione dell acido folico in gravidanza e relative patologie AOGOI, MODENA 2012 L acido folico (a. pteroilglutammico) è una vitamina del gruppo B biologicamente

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Test genetici per evidenziare il rischio di trombolfilia Il Fattore V della coagulazione è un cofattore essenziale per l attivazione della protrombina a trombina. La variante G1691A, definita variante

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio Programmazione Assistenza Territoriale

Dettagli

L interferone in un algoritmo terapeutico in evoluzione. Roberto Ganga

L interferone in un algoritmo terapeutico in evoluzione. Roberto Ganga L interferone in un algoritmo terapeutico in evoluzione Roberto Ganga Le persone infette dal virus dell Epatite C nel mondo sono oltre 150 milioni. In Italia, paese a discreta endemia (3%), i portatori

Dettagli

Iperomocisteinemia e demenza cerebrale.

Iperomocisteinemia e demenza cerebrale. Iperomocisteinemia e demenza cerebrale. L omocisteina è un aminonoacido solforato tossico derivato dalla metionina, aminoacido essenziale introdotto nell organismo con il cibo, che nel momento in cui viene

Dettagli

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV Relazione scientifica finale (13/10/2014) Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV INTRODUZIONE: L'epatite C è una malattia infettiva, causata

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DELLA TRIPLICE TERAPIA NEL TRATTAMENTO DELL EPATITE CRONICA HCV RELATA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DELLA TRIPLICE TERAPIA NEL TRATTAMENTO DELL EPATITE CRONICA HCV RELATA IN FRIULI VENEZIA GIULIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DELLA TRIPLICE TERAPIA NEL TRATTAMENTO DELL EPATITE CRONICA HCV RELATA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Il presente documento ha la finalità di individuare criteri condivisi

Dettagli

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini TITOLO EVENTO: Nuove prospettive terapeutiche per epatite C Ambulatorio piede diabetico: punto della situazione Diabete Mellito II: le regole

Dettagli

SOVALDI (sofosbuvir) - Epatite C cronica

SOVALDI (sofosbuvir) - Epatite C cronica E Campo obbligatorio ai fini dell'eleggibilità Campo obbligatorio SVALDI (sofosbuvir) - Epatite C cronica Sovaldi è indicato in associazione ad altri medicinali per il trattamento dell epatite C cronica

Dettagli

Presente e Futuro. Cosimo Colletta. Medicina Interna, Epatologia COQ ASL VCO

Presente e Futuro. Cosimo Colletta. Medicina Interna, Epatologia COQ ASL VCO Presente e Futuro Cosimo Colletta Medicina Interna, Epatologia COQ ASL VCO Riduzione mortalità fegato correlata da 27.4 a 1.9% Riduzione HCC da 21.8 a 5.1% Riduzione mortalità per ogni causa da 26 a 8.9%

Dettagli

Trattamento della epatite cronica C nell adulto

Trattamento della epatite cronica C nell adulto Linee guida terapeutiche /6 Trattamento della epatite cronica C nell adulto con particolare riferimento alle indicazioni di Boceprevir e Telaprevir A cura del Gruppo multidisciplinare sui Farmaci per l

Dettagli

Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott.

Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott. CASO CLINICO Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott.Fabrizio Magnolfi ANAMNESI PATOLOGICA RECENTE maschio, 26 anni inviato

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti?

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti? Question 1 1) In un paziente HIV di 50 anni con osteoporosi e in terapia antiretrovirale con TDF/FTC/DRV/r con successo virologico quale intervento adotteresti? 2) In una paziente in post menopausa, naive

Dettagli

CASO CLINICO 2. Presenter: R. Bicocchi. Discussant: P. Bassi

CASO CLINICO 2. Presenter: R. Bicocchi. Discussant: P. Bassi CASO CLINICO 2 Presenter: R. Bicocchi Discussant: P. Bassi Caso clinico Paziente maschio di 35 anni, nazionalità algerina. In data 10/03/11 viene trasferito presso il nostro reparto dalla Ematologia con

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Principi generali Razionale La carenza di donatori d organo rappresenta

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Lega Friulana per il Cuore CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per l epatite cronica C

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per l epatite cronica C Allegato 1 Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per l epatite cronica C Aggiornamento del 20.Luglio.2015, comprensivo dell uso dei farmaci: sofosbuvir; simeprevir; daclatasvir; sofosbuvir

Dettagli

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Bologna 21 Marzo 2009 Dr.ssa G.Cenni Laboratorio Analisi Caravelli srl .e infine il laboratorio Quali sono i test di laboratorio che possono routinariamente

Dettagli

DISLIPIDEMIE. Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA

DISLIPIDEMIE. Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA HOME DISLIPIDEMIE DISLIPIDEMIE Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA Rispetto al termine iperlipidemia, è più appropriato utilizzare dislipidemia,, che comprende sia livelli anormalmente elevati di lipoproteine

Dettagli

OMOCISTEINA PLASMATICA in LC/MS Codice LC09010 H H COO - H H H

OMOCISTEINA PLASMATICA in LC/MS Codice LC09010 H H COO - H H H OMOCISTEINA PLASMATICA in LC/MS Codice LC09010 INTRODUZIONE L Omocisteina ( HCY ) è un aminoacido solforato prodotto dalla demetilazione della Metionina ( fig. 1 ). OMOCISTEINA H H COO - + HS C C C NH

Dettagli

CHECK UP ASSETTO LIPIDICO (Valutazione dell assetto lipidico) I LIPIDI NEL SANGUE COLESTEROLO TRIGLICERIDI CONSIGLI UTILI LA RIPETIZIONE DEL TEST

CHECK UP ASSETTO LIPIDICO (Valutazione dell assetto lipidico) I LIPIDI NEL SANGUE COLESTEROLO TRIGLICERIDI CONSIGLI UTILI LA RIPETIZIONE DEL TEST Paziente: Cod. Prodotto: 00000 Codice Accettazione: 00000 CCV: 000 Data: 24/12/2015 CHECK UP ASSETTO LIPIDICO (Valutazione dell assetto lipidico) I LIPIDI NEL SANGUE COLESTEROLO TRIGLICERIDI CONSIGLI UTILI

Dettagli

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013 HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV Firenze 21 ottobre 2014 Maria Grazia Colao VEQ 2013 2 7 54 4 1 1 2 17 5 3 2 4 1 2 4 3 112 partecipanti Metodi utilizzati Gruppi

Dettagli

AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE

AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE Centro Cardiovascolare Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina Area Vascolare AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE Processo patologico L aterosclerosi è una malattia lenta e progressiva delle arterie

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Principi generali La carenza di donatori

Dettagli

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009 L EPATITE C Infezione da HCV e fattori di rischio L Epatite C è un infiammazione del fegato causata da un virus della famiglia Flaviviridae appartenente al genere hepacavirus (HCV) che attacca l organo,

Dettagli

TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici. Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO)

TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici. Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO) TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO) Talassemia intermedia: definizione Anemia a esordio tardivo (sopra i 2 anni di

Dettagli

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Allegato I Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Vista la relazione di valutazione del comitato di valutazione

Dettagli

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Genova, 9 aprile 2014 Dott.ssa M.S. Rivetti Normativa Determinazioni AIFA 26.11.2012 (G.U. n. 287 del 10.12.2012) Regime

Dettagli

Lesione focale 4 s ( b) Lesione focale 4 s ( a) Lesione focale 5 s. Lesione focale 6 s

Lesione focale 4 s ( b) Lesione focale 4 s ( a) Lesione focale 5 s. Lesione focale 6 s HCC IN CIRROSI? Gianpaolo Vidili Ricercatore in Medicina Interna Ambulatorio di ecografia internistica, Clinica Medica Azienda Ospedaliera Universitaria Sassari Novembre 2010 Paziente di sesso maschile

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

20-2-2015 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 59

20-2-2015 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 59 20-2-2015 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 59 organismo... ore sett.... comune... tipo di attività... tipo di lavoro... dal...; 9) operare/non operare a qualsiasi titolo in presidi,

Dettagli

NUOVI FARMACI PER L EPATITE C LA VALUTAZIONE DEL NICE

NUOVI FARMACI PER L EPATITE C LA VALUTAZIONE DEL NICE NUOVI FARMACI PER L EPATITE C LA VALUTAZIONE DEL NICE Dossier Pazienti Boceprevir Costo per QALY Alla fine del mese di marzo di quest anno il National Institute for Health and Clinical Excellence (NICE)

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO Principi generali Razionale La carenza

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 16/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 66

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 16/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 66 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 7 agosto 2013, n. U00388 Razionalizzazione dell'uso dei nuovi farmaci per la triplice terapia nella cura dell'epatite cronica

Dettagli

Tabella riassuntiva sulle schede di monitoraggio VICTRELIS

Tabella riassuntiva sulle schede di monitoraggio VICTRELIS Tabella riassuntiva sulle schede di monitoraggio VCTRELS Ricerca e Sperimentazione Clinica Unita dei Registri per il monitoraggio protocolli dei farmaci - gestione dati esperti AFA Caso 1: Naive non cirrotico

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

FUNZIONI DEI LIPIDI. Energetica Strutturale Precursori di biomolecole

FUNZIONI DEI LIPIDI. Energetica Strutturale Precursori di biomolecole I LIPIDI I parte FUNZIONI DEI LIPIDI Energetica Strutturale Precursori di biomolecole CLASSIFICAZIONE E STRUTTURA DEI LIPIDI a) Lipidi di deposito: a) trigliceridi o triacilgliceroli (TAG) b) Lipidi strutturali:

Dettagli

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM 10 MAGGIO 2014, ore 08:30 Centro Analisi Monza MONZA (MB) STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM Specialista in Medicina Interna Numero pazienti esaminati 340 15,88 84,12 Maschi Femmine Analisi

Dettagli

Anemia dell infiammazione

Anemia dell infiammazione Anemia dell infiammazione Sant Angelo Lodigiano Novembre 2012 Contesto clinico Anemia dell infiammazione o anche anemia della malattia cronica Può insorgere in corso di infezioni di ogni tipo In corso

Dettagli

Caso clinico: un dilemma diagnostico

Caso clinico: un dilemma diagnostico APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE ALL'ITTERO OSTRUTTIVO Verona, 1 ottobre 2010 Caso clinico: un dilemma diagnostico M Bortul 1, S Scomersi 1, F Vassallo 2, T Stocca 3 1 S.C.Clinica Chirurgica-Azienda Ospedaliero

Dettagli

LINEE GUIDA EUROPEE (EASL) PER IL TRATTAMENTO DELL EPATITE C

LINEE GUIDA EUROPEE (EASL) PER IL TRATTAMENTO DELL EPATITE C LINEE GUIDA EUROPEE (EASL) PER IL TRATTAMENTO DELL EPATITE C SOMMARIO INTRODUZIONE 1 1 Diagnosi dell Epatite C Acuta e Cronica 1 2 Obiettivi e Punti di Arrivo della Terapia HCV 2 3 Accertamento Pre-Terapia

Dettagli

In sintesi il trattamento di cui stiamo parlando è continuativo (6-12 mesi), salvavita e non facile da gestire lavorando.

In sintesi il trattamento di cui stiamo parlando è continuativo (6-12 mesi), salvavita e non facile da gestire lavorando. Anomalie e criticità nella concessione dei diritti per una migliore qualità di vita e compliance terapeutica nel malato di epatite, cirrosi e trapiantato di fegato Premessa L Associazione EPAC onlus intende

Dettagli

La diagnosi microbiologica per HCV e proposta di una flow-chart diagnostica

La diagnosi microbiologica per HCV e proposta di una flow-chart diagnostica La diagnosi microbiologica per HCV e proposta di una flow-chart diagnostica Danila Bassetti, MD Microbiologia e Virologia Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità Ospedale S.Chiara Trento Trento, 14

Dettagli

CASE REPORT: L'efficacia della SAT Terapia nella cura dell'epatite C

CASE REPORT: L'efficacia della SAT Terapia nella cura dell'epatite C CASE REPORT: L'efficacia della SAT Terapia nella cura dell'epatite C L agente infettivo che causa l epatite C è il virus HCV, un Hepacivirus che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae L HCV, assieme

Dettagli

Utilizzo della triplice terapia: commenti e osservazioni della Associazione di pazienti EpaC onlus

Utilizzo della triplice terapia: commenti e osservazioni della Associazione di pazienti EpaC onlus Utilizzo della triplice terapia: commenti e osservazioni della Associazione di pazienti EpaC onlus Con questo nostro documento intendiamo portare alla attenzione della Associazione Italiana Studio Fegato

Dettagli

10MRG.2Q13. REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute Settore 3 "Area LEA " Servizio 8 "Politica del Farmaco "

10MRG.2Q13. REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute Settore 3 Area LEA  Servizio 8 Politica del Farmaco i REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute Settore 3 "Area LEA " Servizio 8 "Politica del Farmaco " Referente per quanto comunicato Dott.ssa Susanna Valentini Tei. 0961.856562 - Fax 0961.856542

Dettagli

Gymnasium Ecografia Società Italiana di Medicina Interna

Gymnasium Ecografia Società Italiana di Medicina Interna Gymnasium Ecografia Società Italiana di Medicina Interna Lorenzo Loffredo I Clinica Medica, Sapienza University, Rome, Italy. Sapienza University - Rome A. M., uomo di 53 anni, fumatore, affetto da ipertensione

Dettagli

Claudio Paternoster Malattie Infettive - Trento

Claudio Paternoster Malattie Infettive - Trento Network di Microbiologia e Virologia del Nord Est LE INFEZIONI DA VIRUS DELL EPATITE C (HCV) Trento, 14 ottobre 2011 Stato dell arte, prospettive future delle terapia antivirali e caratteristiche del paziente

Dettagli

TROMBOFILIA EREDITARIA

TROMBOFILIA EREDITARIA TROMBOFILIA EREDITARIA Le trombofilie ereditarie (predisposizione genetica alla trombosi) sono un gruppo di patologie caratterizzate dalla tendenza a soffrire di episodi trombotici. Si ha un evento trombotico,

Dettagli

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco STENOSI CAROTIDEA Influenza del controllo glicemico Este, 29 novembre 2013 giuseppe panebianco Difficoltà di determinare una correlazione tra correzione terapeutica dell iperglicemia e riduzione delle

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

4. Bilancio nutrizionale

4. Bilancio nutrizionale 4.1 Stato Magnesio 4.2 Alimentazione e infiammazione 4.3 Metabolismo ferro BILANCIO NUTRIZIONALE Affaticamento, stress, sports, studio alimenti industriali Gravi problemi di alimentazione, persone anziane

Dettagli

Terapia della epatite HBV: chi trattare, quando trattare

Terapia della epatite HBV: chi trattare, quando trattare Terapia della epatite HBV: chi trattare, quando trattare 10 Maggio 2008 Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Az.G.Salvini Ospedale di Rho Prevalenza di HBsAg + Problema sanitario mondiale 350 milioni di

Dettagli

scaricato da sunhope.it

scaricato da sunhope.it Test di secondo livello per la valutazione della coagulazione I test di cui vi parlo oggi sono test di secondo livello, che si fanno quando i test di primo livello sono risultati negativi ma il paziente

Dettagli

Dati aggiornati al 13 aprile 2015

Dati aggiornati al 13 aprile 2015 Riflessioni sui dati raccolti sui pazienti in trattamento con farmaci antivirali diretti (DAA) in lista per trapianto di fegato o trapiantati. Roma CNT 20 Maggio 2015 Dati aggiornati al 13 aprile 2015

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) Febbraio 2010 IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL Nuove informazioni di sicurezza relative ai medicinali contenenti

Dettagli

2014 Motore Sanità. Focus su Epatiti. G. Spinzi UOC Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como. Milano Sala Pirelli 11 Dicembre 2014

2014 Motore Sanità. Focus su Epatiti. G. Spinzi UOC Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como. Milano Sala Pirelli 11 Dicembre 2014 2014 Motore Sanità Focus su Epatiti G. Spinzi UOC Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Milano Sala Pirelli 11 Dicembre 2014 Focus su epatite C in Italia - Stime pazienti infetti: 1.500.000 persone

Dettagli

INFORMAZIONE RECORDATI ACQUISISCE ORPHAN EUROPE, GRUPPO EUROPEO SPECIALIZZATO NELLE MALATTIE RARE

INFORMAZIONE RECORDATI ACQUISISCE ORPHAN EUROPE, GRUPPO EUROPEO SPECIALIZZATO NELLE MALATTIE RARE INFORMAZIONE RECORDATI ACQUISISCE ORPHAN EUROPE, GRUPPO EUROPEO SPECIALIZZATO NELLE MALATTIE RARE ORPHAN EUROPE, UNA SOCIETA CHE CRESCE IN UN MERCATO IN CRESCITA Una primaria società farmaceutica europea

Dettagli

Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto

Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto Il caso Sofosbuvir è considerato il paradigma attuale e futuro di riferimento su cui basare la politica nazionale del farmaco per i farmaci ad alto costo. AIFA

Dettagli

Atto 13AB.2015/D.00018 5/2/2015 UFFICIO PIANIFICAZIONE SANITARIA E VERIFICA DEGLI OBIETTIVI 13AB. Elio Manti 13/02/2015

Atto 13AB.2015/D.00018 5/2/2015 UFFICIO PIANIFICAZIONE SANITARIA E VERIFICA DEGLI OBIETTIVI 13AB. Elio Manti 13/02/2015 DIPARTIMENT PLITICHE DELLA PERSNA UFFICI PIANIFICAZINE SANITARIA E VERIFICA DEGLI BIETTIVI 13AB 13AB.2015/D.00018 5/2/2015 MDIFICHE AL PDTA PER LA GESTINE DELL EPATITE C CRNICA INSERIMENT IN TERAPIA DEL

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Una celiachia barcollante. Dott.ssa Ersilia Rossi UOC Pediatria UOS Gastroenterologia Pediatrica Ospedale Sant Anna e San Sebastiano Caserta

Una celiachia barcollante. Dott.ssa Ersilia Rossi UOC Pediatria UOS Gastroenterologia Pediatrica Ospedale Sant Anna e San Sebastiano Caserta Una celiachia barcollante Dott.ssa Ersilia Rossi UOC Pediatria UOS Gastroenterologia Pediatrica Ospedale Sant Anna e San Sebastiano Caserta Francesca ha 7 anni e 2 mesi quando giunge presso il nostro PS

Dettagli

NOVITA IN EPATOLOGIA Caso clinico Dott.ssa E. Bongini Arezzo, 17 Marzo 2012 Caso clinico Ragazzo di 25 anni Familiarità per ipertrigliceridemia, malattie cardiovascolari, DM di tipo 2 Non fumatore Alcol

Dettagli

Analisi costo/efficacia e impatto clinico dei nuovi farmaci sulla richiesta di cure. Laura Poggi

Analisi costo/efficacia e impatto clinico dei nuovi farmaci sulla richiesta di cure. Laura Poggi Analisi costo/efficacia e impatto clinico dei nuovi farmaci sulla richiesta di cure Laura Poggi HCV: epidemiologia in Italia - 2012 1.700.000 portatori cronici 330.000 cirrotici 86.000 decessi / anno da

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Omocisteina. Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo. Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

Omocisteina. Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo. Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano Omocisteina Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano Vincent du Vigneaud, un biochimico americano, vincitoredel premionobel per la chimicanel1955,

Dettagli

Antonio Craxì Gastroenterologia, i.bi.m.i.s., Università di Palermo

Antonio Craxì Gastroenterologia, i.bi.m.i.s., Università di Palermo Antonio Craxì Gastroenterologia, i.bi.m.i.s., Università di Palermo Esistono alimenti buoni ed alimenti cattivi? Esistono alimenti buoni ed alimenti cattivi? Falso mito! Ogni nutriente, a parte l acqua,

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

CASI CLINICI. Appropriatezza nella prescrizione dell ecocardiogramma 11 Novembre 2008

CASI CLINICI. Appropriatezza nella prescrizione dell ecocardiogramma 11 Novembre 2008 CASI CLINICI Dott. Enzo Guglielmetto U. O. Cardiologia Ospedale S. Paolo Savona Appropriatezza nella prescrizione dell ecocardiogramma 11 Novembre 2008 CASO CLINICO 1 Paziente di sesso maschile, di anni

Dettagli

l aggiornamento continuo in considerazione della rapida evoluzione nella immissione in commercio di farmaci specifici per tale patologia.

l aggiornamento continuo in considerazione della rapida evoluzione nella immissione in commercio di farmaci specifici per tale patologia. Regione Campania Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 33 del 07.04.2015 Oggetto: Determina AIFA

Dettagli