1.9 Definizione di Leadership

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.9 Definizione di Leadership"

Transcript

1 1.9 Definizione di Leadership Per definire il leader e la leadership è necessario rintracciare quella che secondo L'enciclopedia della filosofia della GARZANTI suggerisce e precisamente: La leadership è un'autorità che deriva a un individuo da doti naturali o dalla sua posizione sociale; l'individuo assume il ruolo di capo di un'organizzazione, di un'associazione, di un gruppo, grazie al fatto che le sue decisioni e idee, i suoi comportamenti ed atteggiamenti, influenzano in modo notevole i componenti della collettività considerata. Già da questa prima parte della definizione ci troviamo di fronte ad un concetto chiave che buona parte dei testi di management tralasciano. Il leader influenza in modo notevole i componenti della collettività considerata. In questo senso il leader non può più essere soltanto un officiante della tecnica, in quanto, proprio in quanto agente che influenza i componenti del gruppo deve essere consapevole che è l'etica che dovrebbe guidarlo nelle sue decisioni. Proprio le scelte provocano conseguenze non determinabili e controllabili esclusivamente dalla tecnica. Pensare perciò, secondo questa definizione, che il manager in azienda possa essere solo un soggetto che controlla l'operato di un'attività, escludendo tutte le implicazioni morali relative al suo operato è inconcepibile. Se poi si pensa che, molte volte, gli stessi manager sono chiamati a scelte importanti che riguardano la gestione non soltanto di beni materiali ma addirittura delle persone, l'importanza di possedere una formazione etica diventa imprescindibile se vogliamo parlare di vera leadership. Tentare perciò di adattare degli stili di condotta aziendali travestendoli da Leadership ha creato una forte ambiguità. Le diversità culturali implicano inoltre diversi stili di leadership ed è impossibile inserirsi o governare un organizzazione senza capire il 45

2 significato di comportamenti, parole e riti della cultura di riferimento, i diversi modi di intendere il potere, lo status, la gerarchia, il controllo ed il concetto di autorità. Ciò che diventa importante capire è il motivo per cui tutti cercano un leader è la motivazione viene direttamente dal concetto di gruppo. Di solito infatti il gruppo, di qualunque natura si tratti, riconosce un ruolo di guida rispetto a due scale, quella relativa alle capacità tecniche ed una relativa alla capacità di essere accettati. 24 Il leader in un gruppo si manifesta più o meno naturalmente, come un bisogno o come una necessità. Diventa perciò una figura di riferimento. Gli approcci più comuni definiscono la leadership come un particolare batteria di competenze ed abilità che vanno dalla capacità di pensiero strategico e di visione a lungo termine alla capacità di comunicare chiaramente e soprattutto in modo efficace, per giungere a capacità specifiche di analisi e risoluzione di problemi. Molte sono poi le scuole che nei loro corsi preparano i leader aziendali, poche hanno il coraggio di adottare linguaggi riflessivi, di chiedersi il perché dei comportamenti, di ridefinire il leader come persona che spesso non sà o non può sapere (concetto di Trial and Error). Quello che viene richiesto dalla aziende ai propri leader è la razionalità, la gestione dei sentimenti ed emozioni è considerata d impaccio come una sorta di fastidio in grado di creare dissesto nel mondo formale. La gestione delle emozioni e l empatia, lo spazio per i sentimenti, la pratica dell ascolto vengono considerati si come talenti individuali, ma nulla 24 Dalla voce Gruppo punto 6 Istituzione del Leader della Enciclopedia della psicologia, GARZANTI, MILANO 46

3 viene fatto per coltivarli a livello collettivo. Le emozioni devono essere sempre costrette entro i confini della sfera personale e non devono emergere, in quanto ritenute elemento di disturbo oltre che segno di debolezza. E interessante notare come ci sia poca letteratura applicata ad un approccio psicanalitico al mondo manageriale. Potrebbe essere utile, analizzare come determinati comportamenti, più o meno utili e funzionali, trovano una ragione d essere nel leader. Per esempio, molti manager con il loro comportamenti aggressivi o comunque autoritari forse compensano delle ferite di autostima che sono state a loro inflitte dall infanzia, dall adolescenza. Leader che hanno costruito il loro stile di condotta nella costruzione della stima di sé e hanno una grande voglia di riscatto ricercata attraverso il riconoscimento da parte degli altri. La tendenza probabilmente è di trovarsi sempre di più di fronte a forme di leadership dove il manager ha sempre e continuamente bisogno di ottenere riscontri sulla propria intelligenza o sul personale acume intellettuale. Questo ovviamente, se parte da un analisi psicanalitica non vuole in nessun modo giustificare i comportamenti, molto spesso perversi, che vengono attuati in molti ambiti. Potrebbe essere interessante indagare su questo aspetto con una ricerca approfondita in altri corsi di studio. Proseguendo comunque con la definizione di Leadership vengono di seguito indicate le due tipologie di leadership più importanti. 47

4 1.9.1 La Leadership Carismatica la leadership carismatica, si ricollega alla figura dell'eroe carismatico di M. Weber e che fa riferimento ad un potere fondato su presunte facoltà straordinarie del soggetto, in una prospettiva che supera e si contrappone a quella della vita quotidiana. E' fuori dubbio che leader carismatici abbiano influenzato in maniera profonda la nostra società. Si tratta pur sempre di uomini che sono stati capaci di elaborare un'idea nuova che oltre ad essere stata accettata è stata anche seguita. Tra i vari leader storici troviamo, ad esempio Alessandro Magno che è riuscito ad imporre uno stile di governo basato sulla multiculturalità, analizzata ancora adesso a distanza di secoli. In tredici anni infatti, il giovane principe macedone distrugge l'impero persiano, assoggetta l'egitto, la Siria e la Mesopotamia, è acclamato re dell'asia e diventa il monarca più potente del mondo. Quest'uomo anche se morto a trentatre anni sognò un impero non basato, né sulla razza, né sul dominio di una civiltà su un'altra, ma sulla mescolanza delle culture e delle fedi. Purtroppo i leader carismatici vengono ricordati in accezione anche negativa se parliamo dei regimi totalitari e dittatoriali che si sono avvicendati nel continente europeo. In Italia, la figura di Benito Mussolini, in Russia Stalin ed in Germania Adolf Hitler sono considerati oggi come leader nella loro forma più atroce. E' imprescindibile il fatto che siano stati capaci di indottrinare tre popolazioni intere durante il loro governo. Non si può in questo senso estrarre questi soggetti dal loro contesto storico, che ha aiutato senza ombra di dubbio la proliferazione delle loro idee. E' innegabile che siano stati dei leader carismatici nella versione più crudele e violenta ma anche in quella più riuscita in relazione alla forza dimostrata nel coinvolgere un'intera popolazione. Se si pensa ai gulag potremmo assimilarli a progetti di efficienza tecnica efferata o se pensiamo al regime dittatoriale di Adolf Hitler, che ha gestito con una logica molto simile a quella imprenditoriale, 48

5 l'olocausto ebraico. A questo proposito è utile collegare questa forma totalitaria a livello politico con il pensiero manageriale: In una delle settanta interviste fatte a Franz Stangl, direttore generale del campo di sterminio di Treblinka si intuisce come il campo venisse gestito secondo un esempio di quello che oggi chiameremo pensiero manageriale, dove Treblinka non è dissimile da un complesso industriale su vasta scala, e dove il personaggio chiamato Stangl non è dissimile da un qualsiasi direttore generale che opera in base ad un solo criterio, l'efficienza. Quest'ultima è quella che l'apparato tecnico assume come unico e assoluto valore, mettendo in ombra lo scopo delle azioni, la loro direzione, il loro senso, per attestarsi sul principio della pura funzionalità priva di riferimento. In questo senso partendo da una forma di leadership carismatica si è giunti ad una forma di controllo a livello industriale dove il fine diventava l'eliminazione del nemico su larga scala utilizzando un apparato strumentale e tecnico. Celandosi così dietro la maschera dell'efficienza, il potere carismatico ottiene l'ubbidienza dei subordinati, inducendo in loro da un lato un pensiero a breve distanza 25, per cui non si guarda più intorno e in avanti e a lungo termine sui valori di fondo della vita, con conseguente paralisi dei sentimenti, e dall'altro quella diffusa insensatezza per cui il fine raggiunto diventa mezzo per fini ulteriori. Perciò se anche un leader dotato di un forte carisma non viene guidato da principi etici riguardanti l'unicità dell'essere umano ci troveremo i latori degli istinti più bestiali dell'uomo. La leadership carismatica perciò anche se scaturisce da capacità straordinarie del soggetto deve essere guidata da virtù etiche perché non rischi di diventare tecnica al servizio degli impulsi umani di prevaricamento di alcuni soggetti a danno di altri. 25 Galimberti U., La casa di psiche, FELTRINELLI, MILANO,

6 1.9.2 La Leadership Istituzionale La leadership istituzionale, quella che in questo lavoro ci interessa maggiormente si riferisce sempre secondo la definizione dell'enciclopedia della filosofia come al rapporto che si stabilisce, a diversi livelli tra dirigenti e subalterni in un sistema sociale o anche in un piccolo gruppo formale. Con questa definizione, ci troviamo di fronte ad un aspetto particolarmente importante della concezione di leadership. Se infatti consideriamo che la leadership è un rapporto che si stabilisce tra diversi soggetti, è indubbio che in ogni caso è necessario fare riferimento alla cultura dove questi soggetti sono inseriti. E' impensabile che un leader possa pensare di governare o gestire un'organizzazione senza tenere conto di tutti questi comportamenti derivanti dalla particolare collocazione culturale in cui viene chiamato ad operare. Se infatti prendiamo due diverse concezioni di leader, quella americana e quella olandese la differenza è notevole. Per i primi infatti, il leader viene messo su un piedistallo e considerato come mentore mentre per gli olandesi il leader è un soggetto martire, che non solo non fa mostra di sé ma addirittura deve in qualche modo impegnare tutto se stesso per cercare di essere guida. A livello psicanalitico, il leader è colui sul quale i membri del gruppo di riferimento proiettano il loro ideale di Io. Se perciò pensiamo ai manager come i soggetti che incarnano le virtù dei leader in azienda siamo obiettivamente fuori strada. Il manager infatti, ha la funzione di collegamento tra la proprietà e i soggetti lavoratori e in alcuni casi proprietà e management coincidono. Scopo del manager, come abbiamo già visto, è il profitto. Il suo operare non deve necessariamente verificare ogni implicazione sociale in quanto, non viene ritenuto indispensabile all'economia dell'organizzazione 50

7 produttiva. Evitare di considerare la portata sociale che i leader possono avere non soltanto come esecutori di indicazioni economiche è uno sbaglio. Se infatti si parte dall'idea del leader come traino e come esempio sul quale basarsi, gli obiettivi economici possono essere raggiunti allo stesso modo ma con una base sociale trainante che garantisce maggiore stabilità. Anche partendo da questa osservazione è necessario considerare che il leader molto spesso è una persona che non sa o non può sapere tutto riguardo all'organizzazione di cui è il riferimento. Partire dal presupposto che il leader non può essere onnisciente costituisce un primo passo. Il leader deve essere capace di pensiero strategico condiviso. Se infatti un soggetto pensa di poter guidare da solo, senza l'aiuto e la condivisione di competenze tecniche e di esperienze umane da parte dei soggetti lavoratori, non riuscirà a definire nulla degli obiettivi aziendali se non operando scelte sbagliate. Il leader deve avere una visione a lungo termine. Non basta però avere un obiettivo da raggiungere. Diventa indispensabile cercare di continuo la collaborazione vera dei soggetti che lavorano con lui, trovare il punto di incontro tra le differenti visioni dei lavoratori. Comunicare in modo chiaro e trasparente costituisce inoltre la modalità che permette di definire e condividere chiaramente ogni passaggio per arrivare all'obiettivo. Il leader deve diventare individuo in grado di mettere assieme le varie alternative proposte, deve comunicare i suoi obiettivi e realizzarli insieme ai soggetti lavoratori. 51

8 1.10 Il coaching Le aziende si sono sviluppate secondo il culto della razionalità, la gestione dei sentimenti e delle emozioni costituiscono un impaccio da evitare in quanto non permettono di raggiungere obiettivi pratici. Nelle organizzazioni produttive si è consolidata nel tempo l'idea secondo la quale l'empatia risulta essere un segno di debolezza che non si coniuga con le esigenze del profitto aziendale. La sfera delle emozioni deve rimanere nell'ambito personale e non deve entrare nelle scelte o influenzare le decisioni societarie. Per far fronte a questa necessità di umanizzazione dell'azienda si è fatto ricorso negli anni alle teorie di coaching. Queste rappresentano la risposta alle problematiche legate alla necessità di mantenere alta la motivazione dei lavoratori, utilizzare un finto approccio empatico aumentando i profitti e riducendo le spese. Tutto questo intraprendendo un cammino di scoperta della propria individualità, aprendosi alla scoperta di sé per adattarsi al cambiamento. Questa forma di intervento che secondo i suoi sostenitori prende origine dalla maieutica socratica del conosci te stesso presuppongono che esistano delle teorie che permettono di guidare in modo produttivo un soggetto verso il cambiamento partendo dalla sue capacità. Il coaching ha radici profonde nella psicologia. In particolare l'approccio umanistico di Carl Rogers 26 che ha permesso di mettere al centro del processo di sviluppo la persona e la sua naturale propensione al progresso. Dall'America degli anni Ottanta arriva come una nuova professione che inizialmente trovava posto solo nell'ambito sportivo. Successivamente ha coinvolto anche quello lavorativo, come processo di guida e di 26 Tassarotti S., Varini M., Coaching: come sviluppare i talenti e potenziare la performance del Leader e strategie, GRUPPO 24 ORE, MILANO,

9 affiancamento, quale presa di coscienza dell'importanza delle dinamiche psicologiche in ambito aziendale. Attualmente il coaching è riconosciuto a livello internazionale come il metodo migliore è il più personalizzato per assicurare che il pieno potenziale e la performance dei singoli individui e del team vengano sviluppati e mantenuti nel tempo. 27. Il coaching in sintesi è in grado di ottimizzare il cambiamento del singolo e dell'organizzazione. L'evoluzione, in termini di resa, dell'atleta come del manager o dell'impiegato, si misura grazie alle continue sfide cui vengono sottoposti. 28 Quello che in realtà non viene comunque espresso riguardo a questo metodo di intervento è che il coaching non è altro che l'ennesima ultima frontiera del management coadiuvato di una retorica di origine americana che assimila performance sportiva al successo aziendale. In realtà oggi, lo scopo dei coach è apparentemente diverso, anche se si tratta ancora di operare in azienda mantenendo alta sicurezza e velocità 29. L'obiettivo è seguire la persona nell'organizzazione delle sue risorse e nello sviluppo della sua autonomia. Un coach diventa perciò una sorta di catalizzatore del cambiamento; un individuo capace, per realizzare il suo scopo, di far leva sulle potenzialità del soggetto. I problemi che il coaching sembra poter risolvere sono diversi: affrontare una nuova tappa del percorso professionale; realizzare un cambiamento o una transizione nella propria vita; acquisire fiducia in se stessi. Il problema che non viene considerato è che con il coaching si ammette che un individuo sia in grado di modificare le proprie credenze riguardo se stesso ed il mondo per mezzo di un training ed in qualche modo viene considerato come possibile riprogrammare la propria mente. Questo metodo di sviluppo personale solleva un certo 27 Tassarotti S., Varini M., Coaching: come sviluppare i talenti e potenziare la performance del Leader e strategie, GRUPPO 24 ORE, MILANO, Idem. 29 Marzano M., Estensione del dominio della manipolazione, MONDADORI, MILANO,

10 numero di dubbi. In particolare il problema della manipolazione a cui l'individuo sembra in qualche modo sottoporsi volontariamente o sotto la pressione più o meno esplicita degli altri. Il leader così deve legarsi alla figura del coach come coadiutore di tutte le strategie volte a migliorare il rendimento dei lavoratori intervenendo anche nell'ambito emotivo e psicologico. Ma se lo scopo di un coach è favorire la strutturazione del sé e lo sviluppo individuale, ci si potrebbe domandare quale tipo di sviluppo personale sia in questione nel momento in cui a promuoverlo è l'azienda. Tanto più che esistono circostanze di coaching obbligato in cui la direzione comunica a un dipendente che, senza il coaching, non esistono possibilità di rimanere in azienda, cosa che appare paradossale. Per dimostrare l'ambiguità di questo metodo che parte dal proposito di migliorare la performance individuale del soggetto facendo leva sulla motivazione prendiamo spunto da un discorso pronunciato nel 2005 da Dominique Jaillon, presidente della Società francese di coaching: intendo promuovere, in seno all'associazione, un'attività di riflessione e di capitalizzazione sulle pratiche dei coach, sui loro riferimenti teorici e sull'aspetto etico della loro professione...in quanto coach, infatti, accompagnamo delle persone nella riflessione su problematiche legate al potere, all'autorità, alla motivazione, al ruolo. Tutto questo nell'ambito di organismi che devono affrontare problemi di produttività, rendimento, gestione e strategie di conquista del mercato 30. In queste parole si coglie l'ambiguità relativa al fatto che anziché dichiarare apertamente che il coaching è utile all'impresa si sostiene che sia funzionale allo sviluppo e al benessere del lavoratore. Benessere inteso come maggiore efficienza non come salute dei dipendenti. La pratica del coaching è sintomatica del fondamentale cambiamento in atto nella nostra 30 Jaillon D.: discorso di apertura al primo convegno nazionale della SFcoach, Parigi

11 società. L'invididuo ormai ragiona in termini di strategie comportamentali e di capitale da far fruttare. Il successo del coaching deriva in sostanza dall'illusione che si possa volontariamente realizzare il proprio essere mentre si realizza l'interesse della proprietà. In questo senso il ruolo del coaching è quello di permettere al leader o al dipendente di trovare il suo posto in azienda. Se però alla fine il suo posto è fuori è interesse dell'impresa accompagnarlo nella sua uscita 31. Il coaching indubbiamente ha riscosso numerosi consensi anche nei settori della ricerca e del sapere. L'efficienza ora deve fare rima con velocità. Per far uscire il coaching dalla sua ambiguità è necessario cambiare il modo in cui quest'ultimo pone le domande ai suoi interlocutori. Se il coach prende in considerazione le parole che cosa e come nella sua pratica lavorativa nei confronti delle persone, per riuscire a dare un senso etico al suo operato è indispensabile che il coach tenga presente anche la parola perché. Questo rischia di metterlo in seria difficoltà in quanto trovandosi ad indagare troppo in profondità potrebbe non avere risposte valide per coloro i quali sono sottoposti alla sua pratica. Lavorare in modo etico è in un certo senso lavorare secondo verità, senza celare il reale obiettivo con frasi ad effetto per dare l'idea di una volontà di cambiamento radicale. Nel momento in cui viene comunicata a tutti i lavoratori la reale motivazione di un intervento, allora è possibile intervenire con strategie di coaching. Ogni strategia che voglia migliorare le performance aziendali tramite l'intervento sulla motivazione delle persone presuppone che ci sia alla base la verità sugli scopi per i quali una determinata azione viene compiuta. Solo in questo senso si può parlare di Coaching secondo principi etici. 31 Marzano M., Estensione del dominio della manipolazione, MONDADORI, MILANO,

12 1.11 Stili di Leadership Il Leader Narciso Anche se risulta evidente è importante affermare che ogni soggetto che si trovi ad occupare il ruolo di leader di un gruppo necessità di una certa quantità di assertività da parte dei componenti del gruppo stesso. Il leader narciso non è poi così scontato. I soggetti che ricoprono incarichi di responsabilità e che necessitano della collaborazione di soggetti sotto le loro direttive hanno bisogno di un alto tasso di assertività da parte dei colleghi e di sentirsi sostenuti. In questo modo l'ego di un individuo molto spesso prende il sopravvento rispetto alla necessaria obiettività che dovrebbe invece guidare le scelte aziendali. I leader, hanno bisogno di una dose di narcisismo per svolgere meglio il proprio ruolo. La fiducia in sé, la tenacia coniugata con la creatività, sono caratteristiche di questi leader e anche di una personalità narcisista. Il narcisismo del leader può essere in questo senso molto pericoloso. Molti degli scandali scoppiati nelle aziende negli ultimi dieci anni sono stati in parte provocati da forme deviate di narcisismo. Molto spesso per ambizione ma anche solo per vanità i leader animati dall illusione dell invulnerabilità si sono sentiti autorizzati a compiere atti che, alimentando il loro ego e il loro senso di gloria, hanno portato a disastri e bancarotte finanziarie. Gli aspetti e gli atteggiamenti narcisistici di un leader si rispecchiano principalmente in quell aura particolare che circonda la sua figura che va sotto il nome di carisma. Molti collaboratori di leader carismatici proiettano su di lui le loro fantasie, le loro aspirazioni, i loro sogni di grandezza, creando un principio di santificazione del leader stesso, al quale tutto viene concesso. Il suo carisma, in questo senso, può consentirgli di fare qualunque cosa. 56

13 Molti leader narcisi attivano, in modo inconsapevole, il narcisismo latente dei dipendenti che, molto spesso, si rivelano loro stesse persone affamate di un ideale. Questa è una prima contraddizione dell'età della tecnica. Se infatti da una parte si cerca di continuo di stabilire modalità tecniche per operare delle scelte e per ottenere risultati, dall'altra ci troviamo di fronte a situazioni dove l'ego del leader o del manager prende il sopravvento. Quest'ultimi nel tentativo di realizzare le proprie idee si trovano a compiere scelte pericolose e rischiose anche a livello finanziario per ottenere una gratificazione non soltanto economica. Jeff Skilling di ENRON ne è un chiaro esempio. Anche se guidato da un preciso piano di aumento della propria ricchezza personale, Skilling è riuscito a mandare in bancarotta una società a causa delle scelte economiche che potremmo considerare al limite della follia. Di fronte ad un simile dato di fatto è innegabile che il principio che ha guidato questi leader non è solo la competenza tecnica ma anche la ricerca della realizzazione individuale del proprio narcisismo. Intervenire in questi ambiti dove la componente personale ed emotiva distorce gli obiettivi in favore di una soddisfazione esclusivamente personale diventa necessario. Quello che infatti dovrebbe emergere è una nuova idea di leader e di manager che siano in grado di mancare di rispetto nei confronti di scelte aziendali che vengono proposte dagli organi sociali in quanto eticamente inaccettabili. L'unico modo per permettere ad un leader di essere tale è che i soggetti che si trovano ai suoi comandi possano garantire dei feedback onesti e veritieri. Persone che non coltivino ed alimentino il leader narciso ma che abbiano la possibilità di esprimere sia le proprie emozioni che i propri dubbi sulle modalità con le quali il lavoro viene svolto e sulle implicazioni morali, ove ve ne fossero, riguardo le scelte aziendali. Un vero leader dovrebbe chiedersi 57

14 sempre se è riuscito a creare nel tempo un organizzazione in cui c è posto per un po di sana follia. Solo di fronte alla possibilità di esprimersi liberamente ci può essere crescita. Come il buffone saggio del Re Lear che offre degli spunti ironici senza per questo rinunciare a rivelare frammenti di verità. Che lo si chiami buffone o folle in ogni caso rappresenta un autentico guardiano della realtà che richiamava il Re, in questo caso, alla sua verità e cioè alla natura terrena e provvisoria del suo potere. Lo stesso dovrebbero essere i collaboratori nei confronti dei loro leader. Significa a livello pratico, non rinunciare alla propria indipendenza, che invece deve essere sempre alimentata e rinnovata. Questa coscienza permette di circoscrivere il narcisismo di certi leader in quanto consente ai lavoratori e collaboratori anche la possibilità di dissentire, di esprimere un parere negativo. Abbiamo visto, nell esempio di McKinsey come i soggetti non adatti alla assertività in realtà siano visti come deboli e incapaci di essere parte dell universo del business. I leader narcisi preferiscono circondarsi di yes man. Soggetti che assecondano pedissequamente gli ordini in conformità con quello che viene indicato dal responsabile a cui sono sottoposti, per l'unico scopo di mantenere una posizione lavorativa. In questo senso, mantenere la collegialità in molti consigli di amministrazione risulta essere molto più importante rispetto agli obiettivi aziendali e perciò conformarsi risulta essere più conveniente nel breve periodo ma diventa fonte di tensioni e di problematiche nel lungo. In sintesi si preferisce il pensiero facile, la parola che non costa niente e non mette in crisi nulla del pensare automatico, del pensare in ultima istanza tecnico. 58

15 Il Leader Tossico Un'altra caratteristica del leader nella società della tecnica è la tossicità provocata da e per i suoi comportamenti. In questo senso il termine tossico viene definito da Peter J. Frost 32. Secondo Frost le organizzazioni sono piene di Leader che con il loro comportamento, con le loro dinamiche disfunzionali rendono invivibile il clima organizzativo. La fusione di aziende, i responsabili che fanno di continuo richieste irrealistiche, persone che perdono il lavoro subiscono delle sofferenze emotive notevoli che vengono appunto definite tossiche. Gallup 33 nel 2000 ha condotto uno studio su 700 dipendenti di aziende americane dove emerge che i lavoratori preferiscono avere un capo che presta loro attenzione, che si preoccupa di loro, che in modo empatico si relaziona con loro nel tentativo di condividere i sentimenti provati da una persona. Questa dinamica di leadership viene preferita rispetto a ogni tipo di gratificazione economica. Constatare che un soggetto preferisca lavorare bene quando e inserito in un ambiente sano anche se economicamente non riceve un compenso maggiore degli altri potrebbe sembrare in realtà scontato. In questi ultimi anni però, quando la crisi economica ha messo i lavoratori nella situazione di dover lavorare per sopravvivere, queste dinamiche sono profondamente cambiate. Se infatti contestualizziamo la ricerca di Gallup a undici anni fa possiamo chiaramente percepire come fosse in qualche modo prioritario in situazione di relativo benessere economico un ambito di lavoro sereno. La crisi economica e l'elevata precarietà lavorativa ha consentito a molti manager di alzare il grado di tossicità in azienda. Le motivazioni sono sempre quelle di impossibilità di mantenere tutti i lavoratori per i costi troppo alti ma molto spesso sono le scelte del passato che determinano le conseguenze del 32 Peter J. Frost: Toxic Emotions at Works: how compassionate manager hadle pain and conflict. HARVARD BUSINESS SCHOOL PRESS, BOSTON, Ivi p

16 futuro. In ambito lavorativo non si può colpevolizzare sempre e solo il mercato. Questi comportamenti, trovano proprio nell'ambito lavorativo un terreno fertile in virtù delle dinamiche che si creano tra proprietà e dipendente. Diventa, di conseguenza indispensabile rendersi conto degli effetti negativi che vengono provocati a livello non solo economico, ma anche psicologico sulle persone, considerando in modo approppriato gli effetti provocati da comportamenti di questo tipo nel lungo periodo. Si genera un effetto a catena che coinvolge ogni soggetto all'interno dell'ambito lavorativo. Per effetto di questi comportamenti il lavoro con il suo elevato grado di tossicità coinvolge la vita di tutti i giorni andando oltre il suo ambito con conseguenze negative anche nell'ambito familiare. L'ipotesi perciò che solo undici anni fa era stata elaborata una figura di leader empatico deve far riflettere sull'attuale stato delle cose. Non bisogna però dimenticare che proprio undici anni fa le premesse per un miglioramento ci sarebbero anche potute essere in quanto il mercato, relativamente stabile, lo avrebbe permesso, salvo poi, con il primo devastante crack finanziario, (ENRON) capire che le cose sarebbero cambiate radicalmente. Se il leader è una figura che con il suo modo di agire può diventare tossico, è anche possibile che le conseguenze di questi comportamenti si rivolgano anche contro di lui. L'interesse da parte di Ron Heifetz sul tema delle conseguenze della leadership sui leader stessi è rappresentativa. Heifetz ha osservato gli importi versati ai top manager dello stato di New York a titolo di rimborsi per spese mediche. I top manager soffrono spesso di gravi stati di depressione solitamente legati al raggiungimento della posizione di senior management Ron Heifetz e Marty Linsky, A survival Guide for Leaders, HARVARD BUSINESS SCHOLL 60

17 Di norma i manager che hanno dedicato buona parte della loro vita al raggiungimento di obiettivi aziendali e di realizzazione personale si rendono conto che diventa sempre più difficile mantenere una certa posizione di prestigio. Questa situazione di disagio, avvertita da persone che hanno dedicato così tanto tempo al lavoro sottraendo consapevolmente tempo alla loro vita personale e familiare e una ulteriore fonte di tensione. Heifetz analizza il comportamento di adattamento che deriva dalla posizione del leader. Non è previsto un principio secondo il quale il leader procede secondo pratiche di sperimentazione ed eventuale aggiustamento in merito alle decisioni assunte. L'adattamento inteso come accettazione di pratiche consolidate sembra essere l'unico modo in cui affrontare qualunque problema. Il lavoro del leader si riflette sulla sua vita. Quest'ultimo però non è più controllato dalla persona ma dalle esigenze e dai tempi del ruolo professionale. Come infatti l'adattamento nel lavoro è necessario per sopravvivere, così nella vita non si riescono più a gestire situazioni di cambiamento creando inevitabilmente delle tensioni. L ossessione del lavoro, e spesso del denaro, priva non solo di salute e di sonno, ma crea dipendenza. Le vite manageriali e professionali non sono più controllate e pilotate dalla persona, ma dalle esigenze e dai tempi del ruolo professionale. Il rischio di tossicità in questo senso rischia di trasformare questi individui in analfabeti dal punto di vista emotivo e relazionale. La sola cosa che conoscono e di cui parlano è il lavoro. Di fronte ad uno studio di questo tipo viene minacciata la figura del manager rampante senza scrupoli e in grado di prendere decisioni senza risentirne a livello psicologico e morale. Se in realtà, molti manager devono sottoporsi a sedute per curare la depressione provocata dal lavoro diventa ancora più necessario non limitare il ruolo del leader e del manager esclusivamente al ruolo di tecnico. Heifetz nel suo PRESS BOSTON,

18 studio ha analizzato anche un caso concreto ed alla portata di tutti. Il caso è quello relativo alla decisione del Presidente degli Stati Uniti George Bush all indomani dell attentato alle torri gemelle di intraprendere un azione militare. Optando in questo senso, secondo Heifetz, Bush ha scelto di dare una risposta tecnica ad un problema che avrebbe richiesto invece una soluzione di tipo adattivo, ma questo crea sempre un certo grado di perdita che non viene vista come un fattore di crescita ma alimenta ancora di più l idea di tossicità che certi leader portano con sé. Non è neanche concepibile ad ogni modo, che una persona che dovrebbe rappresentare un punto di riferimento, viva delle situazioni di disagio come quelle analizzate da Heifetz. Non tenere conto perciò dei risultati ottenuti da ricerche come queste, oltre a nascondere il reale problema, ovvero la mancanza di un'etica del lavoro, impedisce ad ogni persona, sia essa leader o collaboratore, di sviluppare le proprie idee per migliorare non solo l'attività produttiva ma anche la qualità della vita. In questi termini l'etica quale guida può fornire una visione diversa del problema che consenta di andare incontro anche a coloro i quali, ricoprendo incarichi di responsabilità non riescono a far fronte al peso di determinate decisioni che provengono dagli organi volitivi e che indubbiamente minano tutti i soggetti lavoratori, qualunque ruolo ricoprano. 62

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEI COMPORTAMENTI PROFESSIONALI

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEI COMPORTAMENTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEI COMPORTAMENTI PROFESSIONALI LA VALUTAZIONE CHE GENERA BENESSERE a. Valutazione come servizio b. Valutazione come servizio e sviluppo

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli