Valori e Individuazione: rappresentazione sociale del leader

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valori e Individuazione: rappresentazione sociale del leader"

Transcript

1 Valori e Individuazione: rappresentazione sociale del leader Manuela Franco & Laura Tappatà Università Cattolica, Dipartimento di Psicologia, Milano, Italia Congresso della Società Svizzera di Ricerca in Educazione (SSRE 2005) Università della Svizzera italiana Lugano, settembre 2005

2 ABSTRACT Attualmente alla leadership è riconosciuta una duplice funzione: adattiva e trasformativa rispetto al contesto in cui si esprime (Caprara, 1996). Emerge come tratto distintivo del leader la capacità di comunicare una visione della realtà che risulta strettamente legata ai valori che caratterizzano il contesto sociale in cui interagisce. Lo scopo di questa ricerca è indagare la relazione tra il modello strutturale dei Valori di Schwartz (1992), e il costrutto del Processo di Individuazione (Maslach e coll., 1985; Caprara e coll., 1994). Da un lato, i valori risultano cruciali per la ricerca-sviluppo della propria identità sociale e dall altro il costrutto dell individuazione, nel suo continuum con il conformismo, è considerato importante per il processo di costruzione della personalità. Questa ricerca è stata condotta su un campione di 414 soggetti, (adulti, divisi equamente per genere, età, titolo di studio e professione): sono stati somministrati il questionario "Processo di Individuazione" (Franco, 2003; Tappatà, 2004) e il Value Survey questionnaire di Schwartz (1992). Le analisi statistiche hanno indagato le differenze socio-demografiche e lavorative del campione. Questa ricerca si pone come spunto di riflessione riguardo l'influenza dei processi socio culturali nel delineare un profilo di leadership.

3 LEADERSHIP La Leadership si identifica con l esercizio del potere, e la qualità della leadership (buona, inadeguata o controproducente), dipende dalla capacità di un individuo di esercitarlo. L origine del potere di un leader sta in larga misura nell autorità gerarchica conferitagli dall organizzazione e, da parte del leader stesso, dalla competenza professionale, capacità intellettuale, attitudine a creare relazioni interpersonali e riconoscere l importanza di scopi e valori condivisi (Kets de Vries, 1998; Quaglino e Ghislieri, 2004). Nell esercizio della leadership è importante gestire, dirigere, realizzare la propria visione creare dei sistemi e condurre degli uomini alla conquista di un obiettivo: tutte queste attività richiedono quindi un certo livello di coscienza del proprio potere (Lapierre, 1989).

4 INDIVIDUAZIONE L individuazione, secondo Jung (1921), è un processo che nasce dal bisogno psicologico degli individui di differenziarsi dall inconscio collettivo e dagli stereotipi sociali, e consiste nella meta ultima dello sviluppo di una personalità individuale unica e creativa. Quindi, indica la ricerca del proprio vero Io, dell autenticità e dell autorealizzazione. L individuazione prende forma dal processo di differenziazione e dal processo d integrazione. L uomo può acquisire la vera libertà solo ricercando la propria autenticità e spontaneità, mediante un processo di individuazione (Fromm, 1941). Anche Erikson (1964), considera l identità come un fenomeno psicosociale e pone un importante differenziazione tra identità personale e identità dell Io. L identità personale è basata sulla percezione di essere se stessi nella continuità spazio-temporale e sulla percezione che gli altri riconoscano il nostro essere noi stessi; mentre l identità dell Io ha un accezione più soggettiva e si riferisce alla consapevolezza della propria individualità e dal suo riconoscimento esterno.

5 CONFORMISMO Mucchi Faina (1998), identifica nel conformismo il soddisfacimento di tre bisogni: 1. il bisogno di approvazione sociale: fornire agli altri una buona immagine di se stessi, 2. il bisogno di proteggere e potenziare il Sé: preservarsi da conflitti interiori o esterni, 3. il bisogno di accuratezza: constatare che le proprie opinioni ed azioni siano giuste ed appropriate. Un eccessivo conformismo sarebbe però alla base di quella che potrebbe essere definita una personalità estremamente dipendente, che porterebbe a sviluppare nell individuo un Sé distorto. Winnicott (1965), designa con il Falsò Sé, una condizione psicopatologica dell individuo che deriverebbe da un eccessiva sottomissione e compiacenza al mondo esterno pur di essere accettati dagli altri. E possibile che la creazione di un Falso Sé, sia un meccanismo di difesa per proteggere il Vero Sé. Il conformismo è definibile come la tendenza all adesione acritica a idee, valori, atteggiamenti, bisogni e aspirazioni dominanti nel gruppo sociale di riferimento; si esprime nelle mode e negli stili di vita collettivi che possono essere assunti spontaneamente, scelti consapevolmente, o indotti da condizionamenti più o meno espliciti (Galimberti, 2000)

6 VALORI Per il forte influsso che esercitano sulle scelte e gli stili di vita dei singoli, i Valori hanno un ruolo centrale tra le determinanti culturali della personalità (Dogana, 2002). Schwartz (1992, 1996) afferma che i valori sono credenze che definiscono mete o comportamenti desiderabili e che possiedono le seguenti proprietà e funzioni: guidano la valutazione degli eventi e la selezione dei comportamenti; hanno validità generale, cioè trascendono le specifiche situazioni; sono ordinabili secondo una scala d importanza; possiedono una specifica meta motivazionale corrispondente ai principali bisogni umani. Nel costrutto di Schwartz si individuano dieci principali mete motivazionali: Potere, Successo, Edonismo, Stimolazione, Autodirezione/Autonomia, Universalismo, Benevolenza, Tradizione, Conformismo, Sicurezza. Le dieci categorie valoriali si dispongono lungo un continuum motivazionale, in una struttura circolare e i valori adiacenti sono compatibili tra loro, ad esempio: POTERE > Successo > Edonismo > Stimolazione > Autodirezione UNIVERSALISMO > Benevolenza > Tradizione > Conformismo > Sicurezza

7 Struttura delle 10 categorie valoriali (Schwartz e Sagie, 2000, p. 470) I valori sono espressione di due più ampie dimensioni soggiacenti: APERTURA AL CAMBIAMENTO (Stimolazione, Autodirezione) VS CONSERVAZIONE (Sicurezza, Conformismo, Tradizione) TRASCENDENZA DELL IO (Universalismo, Benevolenza) VS CENTRATURA SULL IO (Potere, Successo, Edonismo)

8 OBIETTIVI L obiettivo di questo lavoro è, in primo luogo, indagare le differenze socio-demografiche e lavorative del campione in relazione al Processo di Individuazione. In seguito determinare le relazioni esistenti tra il Processo di Individuazione e i Valori. STRUMENTI Nella presente ricerca sono stati utilizzati i seguenti questionari self-report: Processo di Individuazione (Franco, 2003; Tappatà, 2004), composto da 51 items con scala Likert di risposta a 5 passi, validato su un campione di 1665 soggetti (adulti equamente suddivisi per genere ed età). I fattori misurati spiegano il 36,26% della varianza totale e sono: Narcisista (% varianza 15,20), Ricercatore di Sé (% varianza 8, 26) Leader (% varianza 8,03) e Anticonformista (% varianza 4,77). Alpha di Cronbach pari a Value Survey Inventory (SVI) di Schwartz (1992) composto da 57 valori (ciascuno accompagnato da una sintetica definizione), suddivisi in due liste. Il soggetto deve esprimere la propria adesione a ciascuno su una scala graduata da 1 (opposto ai miei valori) a 7 (della massima importanza).

9 CAMPIONE I questionari sono stati somministrati ad un campione di 414 soggetti, 204 maschi (49,7%) e 210 femmine (50,3%). Il campione è stato suddiviso nelle seguenti fasce d età: (19,8%) (19,8%), (19,8%), (20,03%) e over 53 (20,3%) Percentuali Età maschi femmine over 53 Genere Frequenze Genere x Età (segue)

10 Titolo di Studio Il campione è risultato distribuito per il titolo di studio come segue: 20,3% Media Inferiore, 62,6% Media Superiore, 17,1% Università. Professione Il campione è risultato distribuito per la professione come segue: 21,3% Studente, 7,2% Operaio, 28,0% Impiegato, 4,3% Artigiano, 8,7% Pensionato, 5,3% Casalinga, 8,7% Libero Professionista, 5,3% Insegnante, 4,6% Imprenditore, 3,4% Dirigente Funzionario e 3,1% Altro. ANALISI STATISTICHE Per identificare la relazione tra le dimensioni del Processo di Individuazione e le variabili indipendenti genere, età e professione, è stata condotta l analisi della varianza, con procedura One way Anova. Successivamente è stata indagata la relazione tra Processo di Individuazione e Valori, attraverso l analisi delle Correlazioni di Pearson.

11 PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE Medie Genere - Età 5,0 5,0 4,5 4,5 Medie 4,0 3,5 3,0 Narcisista Ricercatore di Sé Medie 4,0 3,5 3,0 Narcisista Ricercatore di Sé Leader 2,5 maschi femmine Leader Anticonformista 2, over Anticonformista Genere Età Narcisista (F=0,99 P=.753); Ricercatore di Sé (F=16,43 P=.000); Leader (F=2,21 P=.137); Anticonformista (F=3,66 P=.056). Narcisista (F=9,78 P=.000); Ricercatore di Sé (F=2,27 P=.061); Leader (F=1,92 P=.106); Anticonformista (F=2,30 P=.058).

12 PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE Medie Professione 5,0 4,5 4,0 Medie 3,5 Narcisista 3,0 Ricercatore di Sé impiegato operaio studente 2,5 2,0 altro dirigentefunzionario imprenditore insegnante liberoprofessionista casalinga pensionato artigiano Leader Anticonform is ta professione Narcisista (F=3,85 P=.000); Ricercatore di Sé (F=2,37 P=.010); Leader (F=2,41 P=.008); Anticonformista (F=2,50 P=.006).

13 CORRELAZIONI Processo Individuazione - Valori Narcisista Ricercatore di Sé Leader Anticonformista Correlazione Pearson Sig. (2-code) N Correlazione Pearson Sig. (2-code) N Correlazione Pearson Sig. (2-code) N Correlazione Pearson Sig. (2-code) N Potere Stimolazione Edonismo Realizzazione **. La correlazione è significativa a livello 0.01 (2-code). *. La correlazione è significativa a livello 0.05 (2-code). Correlazioni Autodirezione / Autonomia Benevolenza Universalismo Conformismo Sicurezza Tradizionalismo,334**,382**,321**,137** -,009,020 -,084 -,105* -,020 -,090,000,000,000,005,848,684,089,032,690, ,115*,012,063,194**,279**,202**,255**,093,099* -,058,019,806,203,000,000,000,000,060,044, ,150**,185**,239**,170**,137**,053 -,005,071,039 -,087,002,000,000,001,005,286,922,152,425, ,021,202**,204**,096,120*,080,034 -,087 -,118* -,072,669,000,000,051,014,104,491,079,016,

14 ANALISI DEI DATI Le analisi statistiche condotte hanno evidenziato differenze significative in relazione al Processo di Individuazione e le variabili indipendenti genere, età e professione. In particolare è risultato che le donne sono più orientate alla Ricerca di Sé rispetto agli uomini, mentre una tendenza (p=.056) all anticonformismo caratterizzerebbe più questi ultimi rispetto alle donne. Per la variabile età emerge che la fascia è orientata al Narcisismo e all Anticonformismo (p=.058), entrambe le dimensioni decrescono all aumentare dell età. Particolarmente interessanti sono i risultati relativi alla professione, che possono essere così sintetizzati: Narcisismo e Ricerca di Sé caratterizzano Studenti ed Insegnanti che hanno medie più elevate rispetto alle altre professioni; la prima dimensione risulta bassa per le categorie Pensionato e Casalinga mentre la seconda ha medie inferiori per le categorie Pensionato e Imprenditore. Leader caratterizza le categorie Imprenditore, Dirigente-Funzionario e Libero Professionista e ha medie inferiori per Pensionato e Casalinga. Anticonformista caratterizza Dirigente-Funzionario, Libero Professionista e Studente e ritroviamo medie inferiori per le categorie Pensionato e Casalinga. Le correlazioni hanno fatto emergere le seguenti relazioni tra le dimensioni del Processo di Individuazione e le dieci mete motivazionali: Narcisista è correlato positivamente con: Potere, Stimolazione, Edonismo, Realizzazione e negativamente con il Conformismo. Ricercatore di Sé è correlato positivamente con: Realizzazione, Autodirezione/Autonomia, Benevolenza, Universalismo, Sicurezza e negativamente con il Potere. Leader è correlato positivamente con: Potere, Stimolazione, Edonismo, Realizzazione e Autodirezione/Autonomia. Anticonformista è correlato positivamente con Stimolazione, Edonismo, Autodirezione/Autonomia e negativamente con la Sicurezza.

15 CONCLUSIONI Un forte potere di prescrizione sul comportamento degli individui è quello esercitato dai compiti di vita, gli obiettivi che ciascuna cultura associa alle varie età, condizioni, generi, professioni. E la società, infatti, che assegna agli individui differenti fini e percorsi di esistenza, tracciando una specie di agenda o di copione che essi sono tenuti a seguire nelle varie fasi della vita (es. quando andare a scuola, quando entrare nel mondo del lavoro, ecc.). Un altra fonte di condizionamenti è il ruolo. Come sostenuto da autorevoli psicosociologi (Harré, 1979; Goffman, 1972) il ruolo sociale e lavorativo che la persona ricopre finisce spesso con l imprimere su di essa specifici tratti o attitudini. Nella ricerca svolta emerge come la predisposizione alla leadership sia più presente in chi svolge lavori come: imprenditore, dirigente-funzionario e libero professionista. Lavori che richiedono un alto livello di autonomia, consapevolezza di sé, capacità gestionali e decisionali; caratteristiche alla base di una leadership efficace. Inoltre, i valori, definendo le mete motivazionali e le regole comportamentali che gli individui sono sollecitati a seguire, costituiscono una potente forza organizzatrice della personalità (Dogana, 2002). I valori associati alla leadeship sono risultati: Potere, Stimolazione, Edonismo, Realizzazione e Autodirezione/Autonomia. Emerge quindi una forte tendenza alla Centratura sull Io, che privilegia un attenzione maggiore ai problemi individuali rispetto a quelli del gruppo e della società, tipica della nostra cultura occidentale. Alla cultura è affidata una funzione fondamentale: quella di motivare gli individui, indicando loro chiaramente gli obiettivi cui vale la pena di tendere (Mantovani, 1998)

16 BIBLIOGRAFIA Caprara G. V. (1996), Le ragioni del successo, Bologna, Il Mulino. Caprara G.V, Barbaranelli C., Conrado M.R. Maslach C. (1994), Individuazione: validazione e correlati personologici: indagine su un campione italiano, Ricerche di Psicologia, 4, Dogana F. (2002), Uguali e diversi, Firenze, Giunti. Erikson E.H. (1959), Identity and the life cycle, Psychological Issues, New York, International University Press. Erikson E.H. (1995), Gioventù e crisi di identità, Roma, Armando, (ed. orig. 1964). Franco M. Individuation and Conformism: An Empirical Study on the processes of individuation and conformism in adolescence. In Abstract Book, 11 th European Conference on Developmental Psychology, August 27-31, 2003, Milan, Italy. Fromm E. (1963), Fuga dalla libertà, Milano, Edizioni di Comunità, (ed. orig. 1941). Fromm E. (1977), Avere o Essere, Milano, Mondadori (ed. orig. 1976) Galimberti U., (2000), Dizionario di Psicologia, Torino, UTET. Goffman E. (1981), Relazioni in pubblico, Milano, Bompiani (ed. orig. 1972) Harré R. (1979), Social Being, Oxford, Basil Blackwell. Jung C.G. (1969), Tipi psicologici, in Opere vol.vi, Torino, Boringhieri, (ed. orig. 1921). Jung C.G. (1980), Gli archetipi dell inconscio collettivo, in Opere, vol.ix, Torino, Boringhieri, (ed. orig ). Kets de Vries M. F. R. (1998), Leader, giullari e impostori, Milano, Cortina. Lapierre L. (1989), Mourning, potency and power in management, Humane Resource Management, 28, Mantovani G. (1998), Orgoglio e Dignità, Psicologia contemporanea, 146, pp Maslach C. (1974), Social and Personal Bases of Individuation, Journal of Personality and Social Psychology, 29, Maslach C., Stapp J., Santee R.T. (1985), Individuation: Conceptual Analysis and Assessment, Journal of Personality and Social Psychology, 49, Maslow A. H., (1973), Motivazione e personalità, Roma, Armando, (ed. orig. 1954). Mucchi Faina A., (1998), Il conformismo, Bologna, Il Mulino. Quaglino G. P., (1999), Leadership: nuovi profili di leader per nuovi scenari organizzativi, Milano, Cortina. Quaglino G. P., Ghislieri C. (2004), Avere leadership, Milano, Cortina. Snyder C.R., Fromkin H.L. (1977), Abnormality as a Positive Characteristic: The Development and Validation of a Scale Measuring Need for Uniqueness, Journal of Abnormal Psychology, 86, Schwartz S. H. (1992), Universals in the Content and Structure of Values: Theoretical Advances and Empirical Test in 20 Countries. In Zanna M. P. (Ed.), Advances in experimental social psychology, San Diego, Academic Press, pp Schwartz S. H. (1996), Value Priorities and Behaviour: Applying a Theory of Integrated Value System. In Seligman C., Olson J., Zanna M. P. (a cura di), The Psychology of Values: The Ontario Symposium, Mahvah, Erlbaum, pp Tappatà L., Individuation Process, Conformism and Choice of a Hero in a sample of adolescents. In Abstract Book, 12 th European Conference on Personality, July 18-22, 2004, University of Gronigen,The Netherland. Winnicott D.W. (1981), Sviluppo affettivo e ambiente: studi sulla teoria dello sviluppo affettivo, Roma, Armando, (ed. orig. 1965).

17 Per ulteriori informazioni, contattare: Manuela Franco, Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica, Milano, Italia, tel , Laura Tappatà, Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica, Milano, Italia, tel ,

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE METODI. Vincenzo Lumia SCHEDA N 2

LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE METODI. Vincenzo Lumia SCHEDA N 2 METODI Vincenzo Lumia LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE SCHEDA N 2 Conoscere ed approfondire i meccanismi e le dinamiche che determinano la conflittualità e le

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Area di pratica professionale PSICOLOGIA PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE RISORSE UMANE Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Classificazione EUROPSY Work

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita. Grande Mappa e Nuovi Stili di Vita

La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita. Grande Mappa e Nuovi Stili di Vita SINOTTICA-E U R I S K O La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita 1 Sinottica-Eurisko 2004 Premessa Nel presente documento Eurisko propone una nuova segmentazione della popolazione italiana

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione

Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione 1 Premessa La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM del Ministero dello Sviluppo Economico ha realizzato, tra

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale

Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale Università degli Studi di Ferrara Psicologia di Comunità (modulo) a.a. 2011/2012 Comunicazione interculturale Comunicazione interculturale Prof. Marcella Ravenna Cap. 4 Le relazioni tra i comunicanti La

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0 Second Opinion Business reliability and values creation November 2013 Second Opinion. rel 2.0 A differenza e di altri documenti, ou i,pepaaii preparati in precedenza, pee e questo va inteso esclusivamente

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari

Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari Erik de Haan, Silvana Dini Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari In questo articolo gli autori presentano quello che ritengono il più grande studio quantitativo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Ritardo digitale, come ne usciamo? Politica, Amministrazione e Tecnologie

Ritardo digitale, come ne usciamo? Politica, Amministrazione e Tecnologie Ritardo digitale, come ne usciamo? Politica, Amministrazione e Tecnologie 1 Flavia Marzano Ogni nuova tecnologia comporta un adattamento comportamentale, una diversa forma mentis 2 Flavia Marzano Non basta

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli