Valori e Individuazione: rappresentazione sociale del leader

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valori e Individuazione: rappresentazione sociale del leader"

Transcript

1 Valori e Individuazione: rappresentazione sociale del leader Manuela Franco & Laura Tappatà Università Cattolica, Dipartimento di Psicologia, Milano, Italia Congresso della Società Svizzera di Ricerca in Educazione (SSRE 2005) Università della Svizzera italiana Lugano, settembre 2005

2 ABSTRACT Attualmente alla leadership è riconosciuta una duplice funzione: adattiva e trasformativa rispetto al contesto in cui si esprime (Caprara, 1996). Emerge come tratto distintivo del leader la capacità di comunicare una visione della realtà che risulta strettamente legata ai valori che caratterizzano il contesto sociale in cui interagisce. Lo scopo di questa ricerca è indagare la relazione tra il modello strutturale dei Valori di Schwartz (1992), e il costrutto del Processo di Individuazione (Maslach e coll., 1985; Caprara e coll., 1994). Da un lato, i valori risultano cruciali per la ricerca-sviluppo della propria identità sociale e dall altro il costrutto dell individuazione, nel suo continuum con il conformismo, è considerato importante per il processo di costruzione della personalità. Questa ricerca è stata condotta su un campione di 414 soggetti, (adulti, divisi equamente per genere, età, titolo di studio e professione): sono stati somministrati il questionario "Processo di Individuazione" (Franco, 2003; Tappatà, 2004) e il Value Survey questionnaire di Schwartz (1992). Le analisi statistiche hanno indagato le differenze socio-demografiche e lavorative del campione. Questa ricerca si pone come spunto di riflessione riguardo l'influenza dei processi socio culturali nel delineare un profilo di leadership.

3 LEADERSHIP La Leadership si identifica con l esercizio del potere, e la qualità della leadership (buona, inadeguata o controproducente), dipende dalla capacità di un individuo di esercitarlo. L origine del potere di un leader sta in larga misura nell autorità gerarchica conferitagli dall organizzazione e, da parte del leader stesso, dalla competenza professionale, capacità intellettuale, attitudine a creare relazioni interpersonali e riconoscere l importanza di scopi e valori condivisi (Kets de Vries, 1998; Quaglino e Ghislieri, 2004). Nell esercizio della leadership è importante gestire, dirigere, realizzare la propria visione creare dei sistemi e condurre degli uomini alla conquista di un obiettivo: tutte queste attività richiedono quindi un certo livello di coscienza del proprio potere (Lapierre, 1989).

4 INDIVIDUAZIONE L individuazione, secondo Jung (1921), è un processo che nasce dal bisogno psicologico degli individui di differenziarsi dall inconscio collettivo e dagli stereotipi sociali, e consiste nella meta ultima dello sviluppo di una personalità individuale unica e creativa. Quindi, indica la ricerca del proprio vero Io, dell autenticità e dell autorealizzazione. L individuazione prende forma dal processo di differenziazione e dal processo d integrazione. L uomo può acquisire la vera libertà solo ricercando la propria autenticità e spontaneità, mediante un processo di individuazione (Fromm, 1941). Anche Erikson (1964), considera l identità come un fenomeno psicosociale e pone un importante differenziazione tra identità personale e identità dell Io. L identità personale è basata sulla percezione di essere se stessi nella continuità spazio-temporale e sulla percezione che gli altri riconoscano il nostro essere noi stessi; mentre l identità dell Io ha un accezione più soggettiva e si riferisce alla consapevolezza della propria individualità e dal suo riconoscimento esterno.

5 CONFORMISMO Mucchi Faina (1998), identifica nel conformismo il soddisfacimento di tre bisogni: 1. il bisogno di approvazione sociale: fornire agli altri una buona immagine di se stessi, 2. il bisogno di proteggere e potenziare il Sé: preservarsi da conflitti interiori o esterni, 3. il bisogno di accuratezza: constatare che le proprie opinioni ed azioni siano giuste ed appropriate. Un eccessivo conformismo sarebbe però alla base di quella che potrebbe essere definita una personalità estremamente dipendente, che porterebbe a sviluppare nell individuo un Sé distorto. Winnicott (1965), designa con il Falsò Sé, una condizione psicopatologica dell individuo che deriverebbe da un eccessiva sottomissione e compiacenza al mondo esterno pur di essere accettati dagli altri. E possibile che la creazione di un Falso Sé, sia un meccanismo di difesa per proteggere il Vero Sé. Il conformismo è definibile come la tendenza all adesione acritica a idee, valori, atteggiamenti, bisogni e aspirazioni dominanti nel gruppo sociale di riferimento; si esprime nelle mode e negli stili di vita collettivi che possono essere assunti spontaneamente, scelti consapevolmente, o indotti da condizionamenti più o meno espliciti (Galimberti, 2000)

6 VALORI Per il forte influsso che esercitano sulle scelte e gli stili di vita dei singoli, i Valori hanno un ruolo centrale tra le determinanti culturali della personalità (Dogana, 2002). Schwartz (1992, 1996) afferma che i valori sono credenze che definiscono mete o comportamenti desiderabili e che possiedono le seguenti proprietà e funzioni: guidano la valutazione degli eventi e la selezione dei comportamenti; hanno validità generale, cioè trascendono le specifiche situazioni; sono ordinabili secondo una scala d importanza; possiedono una specifica meta motivazionale corrispondente ai principali bisogni umani. Nel costrutto di Schwartz si individuano dieci principali mete motivazionali: Potere, Successo, Edonismo, Stimolazione, Autodirezione/Autonomia, Universalismo, Benevolenza, Tradizione, Conformismo, Sicurezza. Le dieci categorie valoriali si dispongono lungo un continuum motivazionale, in una struttura circolare e i valori adiacenti sono compatibili tra loro, ad esempio: POTERE > Successo > Edonismo > Stimolazione > Autodirezione UNIVERSALISMO > Benevolenza > Tradizione > Conformismo > Sicurezza

7 Struttura delle 10 categorie valoriali (Schwartz e Sagie, 2000, p. 470) I valori sono espressione di due più ampie dimensioni soggiacenti: APERTURA AL CAMBIAMENTO (Stimolazione, Autodirezione) VS CONSERVAZIONE (Sicurezza, Conformismo, Tradizione) TRASCENDENZA DELL IO (Universalismo, Benevolenza) VS CENTRATURA SULL IO (Potere, Successo, Edonismo)

8 OBIETTIVI L obiettivo di questo lavoro è, in primo luogo, indagare le differenze socio-demografiche e lavorative del campione in relazione al Processo di Individuazione. In seguito determinare le relazioni esistenti tra il Processo di Individuazione e i Valori. STRUMENTI Nella presente ricerca sono stati utilizzati i seguenti questionari self-report: Processo di Individuazione (Franco, 2003; Tappatà, 2004), composto da 51 items con scala Likert di risposta a 5 passi, validato su un campione di 1665 soggetti (adulti equamente suddivisi per genere ed età). I fattori misurati spiegano il 36,26% della varianza totale e sono: Narcisista (% varianza 15,20), Ricercatore di Sé (% varianza 8, 26) Leader (% varianza 8,03) e Anticonformista (% varianza 4,77). Alpha di Cronbach pari a Value Survey Inventory (SVI) di Schwartz (1992) composto da 57 valori (ciascuno accompagnato da una sintetica definizione), suddivisi in due liste. Il soggetto deve esprimere la propria adesione a ciascuno su una scala graduata da 1 (opposto ai miei valori) a 7 (della massima importanza).

9 CAMPIONE I questionari sono stati somministrati ad un campione di 414 soggetti, 204 maschi (49,7%) e 210 femmine (50,3%). Il campione è stato suddiviso nelle seguenti fasce d età: (19,8%) (19,8%), (19,8%), (20,03%) e over 53 (20,3%) Percentuali Età maschi femmine over 53 Genere Frequenze Genere x Età (segue)

10 Titolo di Studio Il campione è risultato distribuito per il titolo di studio come segue: 20,3% Media Inferiore, 62,6% Media Superiore, 17,1% Università. Professione Il campione è risultato distribuito per la professione come segue: 21,3% Studente, 7,2% Operaio, 28,0% Impiegato, 4,3% Artigiano, 8,7% Pensionato, 5,3% Casalinga, 8,7% Libero Professionista, 5,3% Insegnante, 4,6% Imprenditore, 3,4% Dirigente Funzionario e 3,1% Altro. ANALISI STATISTICHE Per identificare la relazione tra le dimensioni del Processo di Individuazione e le variabili indipendenti genere, età e professione, è stata condotta l analisi della varianza, con procedura One way Anova. Successivamente è stata indagata la relazione tra Processo di Individuazione e Valori, attraverso l analisi delle Correlazioni di Pearson.

11 PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE Medie Genere - Età 5,0 5,0 4,5 4,5 Medie 4,0 3,5 3,0 Narcisista Ricercatore di Sé Medie 4,0 3,5 3,0 Narcisista Ricercatore di Sé Leader 2,5 maschi femmine Leader Anticonformista 2, over Anticonformista Genere Età Narcisista (F=0,99 P=.753); Ricercatore di Sé (F=16,43 P=.000); Leader (F=2,21 P=.137); Anticonformista (F=3,66 P=.056). Narcisista (F=9,78 P=.000); Ricercatore di Sé (F=2,27 P=.061); Leader (F=1,92 P=.106); Anticonformista (F=2,30 P=.058).

12 PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE Medie Professione 5,0 4,5 4,0 Medie 3,5 Narcisista 3,0 Ricercatore di Sé impiegato operaio studente 2,5 2,0 altro dirigentefunzionario imprenditore insegnante liberoprofessionista casalinga pensionato artigiano Leader Anticonform is ta professione Narcisista (F=3,85 P=.000); Ricercatore di Sé (F=2,37 P=.010); Leader (F=2,41 P=.008); Anticonformista (F=2,50 P=.006).

13 CORRELAZIONI Processo Individuazione - Valori Narcisista Ricercatore di Sé Leader Anticonformista Correlazione Pearson Sig. (2-code) N Correlazione Pearson Sig. (2-code) N Correlazione Pearson Sig. (2-code) N Correlazione Pearson Sig. (2-code) N Potere Stimolazione Edonismo Realizzazione **. La correlazione è significativa a livello 0.01 (2-code). *. La correlazione è significativa a livello 0.05 (2-code). Correlazioni Autodirezione / Autonomia Benevolenza Universalismo Conformismo Sicurezza Tradizionalismo,334**,382**,321**,137** -,009,020 -,084 -,105* -,020 -,090,000,000,000,005,848,684,089,032,690, ,115*,012,063,194**,279**,202**,255**,093,099* -,058,019,806,203,000,000,000,000,060,044, ,150**,185**,239**,170**,137**,053 -,005,071,039 -,087,002,000,000,001,005,286,922,152,425, ,021,202**,204**,096,120*,080,034 -,087 -,118* -,072,669,000,000,051,014,104,491,079,016,

14 ANALISI DEI DATI Le analisi statistiche condotte hanno evidenziato differenze significative in relazione al Processo di Individuazione e le variabili indipendenti genere, età e professione. In particolare è risultato che le donne sono più orientate alla Ricerca di Sé rispetto agli uomini, mentre una tendenza (p=.056) all anticonformismo caratterizzerebbe più questi ultimi rispetto alle donne. Per la variabile età emerge che la fascia è orientata al Narcisismo e all Anticonformismo (p=.058), entrambe le dimensioni decrescono all aumentare dell età. Particolarmente interessanti sono i risultati relativi alla professione, che possono essere così sintetizzati: Narcisismo e Ricerca di Sé caratterizzano Studenti ed Insegnanti che hanno medie più elevate rispetto alle altre professioni; la prima dimensione risulta bassa per le categorie Pensionato e Casalinga mentre la seconda ha medie inferiori per le categorie Pensionato e Imprenditore. Leader caratterizza le categorie Imprenditore, Dirigente-Funzionario e Libero Professionista e ha medie inferiori per Pensionato e Casalinga. Anticonformista caratterizza Dirigente-Funzionario, Libero Professionista e Studente e ritroviamo medie inferiori per le categorie Pensionato e Casalinga. Le correlazioni hanno fatto emergere le seguenti relazioni tra le dimensioni del Processo di Individuazione e le dieci mete motivazionali: Narcisista è correlato positivamente con: Potere, Stimolazione, Edonismo, Realizzazione e negativamente con il Conformismo. Ricercatore di Sé è correlato positivamente con: Realizzazione, Autodirezione/Autonomia, Benevolenza, Universalismo, Sicurezza e negativamente con il Potere. Leader è correlato positivamente con: Potere, Stimolazione, Edonismo, Realizzazione e Autodirezione/Autonomia. Anticonformista è correlato positivamente con Stimolazione, Edonismo, Autodirezione/Autonomia e negativamente con la Sicurezza.

15 CONCLUSIONI Un forte potere di prescrizione sul comportamento degli individui è quello esercitato dai compiti di vita, gli obiettivi che ciascuna cultura associa alle varie età, condizioni, generi, professioni. E la società, infatti, che assegna agli individui differenti fini e percorsi di esistenza, tracciando una specie di agenda o di copione che essi sono tenuti a seguire nelle varie fasi della vita (es. quando andare a scuola, quando entrare nel mondo del lavoro, ecc.). Un altra fonte di condizionamenti è il ruolo. Come sostenuto da autorevoli psicosociologi (Harré, 1979; Goffman, 1972) il ruolo sociale e lavorativo che la persona ricopre finisce spesso con l imprimere su di essa specifici tratti o attitudini. Nella ricerca svolta emerge come la predisposizione alla leadership sia più presente in chi svolge lavori come: imprenditore, dirigente-funzionario e libero professionista. Lavori che richiedono un alto livello di autonomia, consapevolezza di sé, capacità gestionali e decisionali; caratteristiche alla base di una leadership efficace. Inoltre, i valori, definendo le mete motivazionali e le regole comportamentali che gli individui sono sollecitati a seguire, costituiscono una potente forza organizzatrice della personalità (Dogana, 2002). I valori associati alla leadeship sono risultati: Potere, Stimolazione, Edonismo, Realizzazione e Autodirezione/Autonomia. Emerge quindi una forte tendenza alla Centratura sull Io, che privilegia un attenzione maggiore ai problemi individuali rispetto a quelli del gruppo e della società, tipica della nostra cultura occidentale. Alla cultura è affidata una funzione fondamentale: quella di motivare gli individui, indicando loro chiaramente gli obiettivi cui vale la pena di tendere (Mantovani, 1998)

16 BIBLIOGRAFIA Caprara G. V. (1996), Le ragioni del successo, Bologna, Il Mulino. Caprara G.V, Barbaranelli C., Conrado M.R. Maslach C. (1994), Individuazione: validazione e correlati personologici: indagine su un campione italiano, Ricerche di Psicologia, 4, Dogana F. (2002), Uguali e diversi, Firenze, Giunti. Erikson E.H. (1959), Identity and the life cycle, Psychological Issues, New York, International University Press. Erikson E.H. (1995), Gioventù e crisi di identità, Roma, Armando, (ed. orig. 1964). Franco M. Individuation and Conformism: An Empirical Study on the processes of individuation and conformism in adolescence. In Abstract Book, 11 th European Conference on Developmental Psychology, August 27-31, 2003, Milan, Italy. Fromm E. (1963), Fuga dalla libertà, Milano, Edizioni di Comunità, (ed. orig. 1941). Fromm E. (1977), Avere o Essere, Milano, Mondadori (ed. orig. 1976) Galimberti U., (2000), Dizionario di Psicologia, Torino, UTET. Goffman E. (1981), Relazioni in pubblico, Milano, Bompiani (ed. orig. 1972) Harré R. (1979), Social Being, Oxford, Basil Blackwell. Jung C.G. (1969), Tipi psicologici, in Opere vol.vi, Torino, Boringhieri, (ed. orig. 1921). Jung C.G. (1980), Gli archetipi dell inconscio collettivo, in Opere, vol.ix, Torino, Boringhieri, (ed. orig ). Kets de Vries M. F. R. (1998), Leader, giullari e impostori, Milano, Cortina. Lapierre L. (1989), Mourning, potency and power in management, Humane Resource Management, 28, Mantovani G. (1998), Orgoglio e Dignità, Psicologia contemporanea, 146, pp Maslach C. (1974), Social and Personal Bases of Individuation, Journal of Personality and Social Psychology, 29, Maslach C., Stapp J., Santee R.T. (1985), Individuation: Conceptual Analysis and Assessment, Journal of Personality and Social Psychology, 49, Maslow A. H., (1973), Motivazione e personalità, Roma, Armando, (ed. orig. 1954). Mucchi Faina A., (1998), Il conformismo, Bologna, Il Mulino. Quaglino G. P., (1999), Leadership: nuovi profili di leader per nuovi scenari organizzativi, Milano, Cortina. Quaglino G. P., Ghislieri C. (2004), Avere leadership, Milano, Cortina. Snyder C.R., Fromkin H.L. (1977), Abnormality as a Positive Characteristic: The Development and Validation of a Scale Measuring Need for Uniqueness, Journal of Abnormal Psychology, 86, Schwartz S. H. (1992), Universals in the Content and Structure of Values: Theoretical Advances and Empirical Test in 20 Countries. In Zanna M. P. (Ed.), Advances in experimental social psychology, San Diego, Academic Press, pp Schwartz S. H. (1996), Value Priorities and Behaviour: Applying a Theory of Integrated Value System. In Seligman C., Olson J., Zanna M. P. (a cura di), The Psychology of Values: The Ontario Symposium, Mahvah, Erlbaum, pp Tappatà L., Individuation Process, Conformism and Choice of a Hero in a sample of adolescents. In Abstract Book, 12 th European Conference on Personality, July 18-22, 2004, University of Gronigen,The Netherland. Winnicott D.W. (1981), Sviluppo affettivo e ambiente: studi sulla teoria dello sviluppo affettivo, Roma, Armando, (ed. orig. 1965).

17 Per ulteriori informazioni, contattare: Manuela Franco, Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica, Milano, Italia, tel , Laura Tappatà, Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica, Milano, Italia, tel ,

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Obiettivi La seguente ricerca si inserisce nell ambito di uno studio più ampio

Dettagli

LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA. Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna

LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA. Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA Obiettivi e metodo Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna Il presente lavoro illustra i risultati

Dettagli

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO PATRIZIA MILESI, ISABELLA ALBERICI Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica di Milano Introduzione Varie ricerche hanno dimostrato

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE Prof. Marta Ghini ESERCITAZIONE Ripasso dell altra volta non condotto dal docente. UNA DISTINZIONE DI TERMINI STEREOTIPO: rappresentazione cognitiva o impressione

Dettagli

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Comportamento manageriale A.A. 2012/2013 Dott.ssa Monia La Verghetta Obiettivo Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Valori

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Come vedono i new media i bambini? E quanto i genitori sono in grado di capire e normare il rapporto, spesso caldissimo dei loro figli

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

Il questionario «Io e la mia mente»: standardizzazione di uno strumento per la valutazione delle abilità metacognitive

Il questionario «Io e la mia mente»: standardizzazione di uno strumento per la valutazione delle abilità metacognitive RICERCHE E PROPOSTE ITALIANE Il questionario «Io e la mia mente»: standardizzazione di uno strumento per la valutazione delle abilità metacognitive GIANNA FRISO SILVIA DRUSI CESARE CORNOLDI Dipartimento

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE Prof. Marta Ghini LEADERSHIP RIPASSO... Qual è il mio stile di leadership utilizzato solitamente? (come genitore, come insegnante, come catechista... È sempre

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTA DI PSICOLOGIA 1 LA RAPPRESENTAZIONE NELLA PUBBLICITA

UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTA DI PSICOLOGIA 1 LA RAPPRESENTAZIONE NELLA PUBBLICITA UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTA DI PSICOLOGIA LA RAPPRESENTAZIONE NELLA PUBBLICITA Responsabile di ricerca: Prof.ssa Maria D Alessio GRUPPO DI RICERCA: M. Cacioppo, S.De Stasio, G.Esposito,

Dettagli

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team Lezione 7 Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team 1 COS E UN GRUPPO Si definisce gruppo: un insieme di individui con caratteristiche o interessi comuni, legati

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING Modulo Modelli organizzativi e dinamiche di gruppo nelle organizzazioni complesse Rita Palidda Qualche dato.. Spesa pubblica per il sistema

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Il comportamento di consumo

Il comportamento di consumo Il comportamento di consumo Obiettivi della lezione Comprendere ed identificare le determinanti del comportamento di consumo Definire il concetto di bisogno Definire le caratteristiche ed i tratti psicologici,

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. TESTING SERVICE Presentazione per le Aziende S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze

Dettagli

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa - I risultati della ricerca - Maria Borcsa Quadro generale 1. Storia della ricerca sul burn-out 2. Definizione del costrutto: Cos è il burn-out? 3. Aspetti diagnostici 4. Quando sopraggiunge il burn-out?

Dettagli

Indice. Introduzione Perché si parla di clima organizzativo? Quando si inizia a parlare di clima?

Indice. Introduzione Perché si parla di clima organizzativo? Quando si inizia a parlare di clima? Domenico Iodice Indice Introduzione Perché si parla di clima organizzativo? Quando si inizia a parlare di clima? I Un po di storia. Origine del concetto Nozione Approcci : strutturale, percettivo, interazionista,

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana, ha sedi a Bologna e Firenze.

La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana, ha sedi a Bologna e Firenze. La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana, ha sedi a Bologna e Firenze. Siamo caratterizzati da una forte specializzazione

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

PER LA GESTIONE E LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

PER LA GESTIONE E LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE PER LA GESTIONE E LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Dal 1979 SUCCESS INSIGHTS LEADER AL MONDO PER: - Consul>ng Tools for results - Over 10 different Assessment - Hire Superior Performers - Unique training

Dettagli

Studia con gli specialisti della leadership e del coaching

Studia con gli specialisti della leadership e del coaching Studia con gli specialisti della leadership e del coaching Che cosa è il Coaching? 2 Il coaching può essere definito come l arte di facilitare lo sviluppo, l apprendimento e la performance di un altra

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere

MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE GAETANO FILANGIERI - FORMIA In collaborazione con Coop. Spazio Incontro Onlus Progetto A scuola..tutti presenti!

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI VITA DEGLI STUDENTI INTALIANI: L ESPERIENZA DI PAVIA

VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI VITA DEGLI STUDENTI INTALIANI: L ESPERIENZA DI PAVIA Firenze, 9-10 Settembre 2010 Qualità di vita in età evolutiva VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI VITA DEGLI STUDENTI INTALIANI: L ESPERIENZA DI PAVIA Verri A 1., Cremante A 1., Clerici F 1., Vernice M 2., Chester

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

La cultura finanziaria dei minori

La cultura finanziaria dei minori La cultura finanziaria dei minori Emanuela E. Rinaldi, PhD Università degli Studi di Udine Presentazione al convegno interdisciplinare organizzato da PattiChiari, Università di Milano Bicocca, Università

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN  PSICOLOGIA  MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO FINALITA : il corso propone di fornire agli studenti le nozioni di base della Medicina del lavoro al fine di

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento I I modelli d eccellenza d applicati al benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento Dott. Vincenzo Mazzaro Presidente AICQ NAZIONALE Spinea 3 giugno 2010 Presentazione di AICQ La AICQ è

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi Lezione 9 Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento I gruppi 1 LE TIPOLOGIE DI BARRIERE ORGANIZZATIVE AL CAMBIAMENTO: UNA POSSIBILE CLASSIFICAZIONE mancata percezione dei benefici

Dettagli

Autorevolezza personale e leader nella professione

Autorevolezza personale e leader nella professione Autorevolezza personale e leader nella professione Adolfo Maria Comari Autorevolezza personale e leader nella professione Psicologia della leadership McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Secondo le indicazioni della Commissione consultiva 17/11/2010 Associata ECO-CONSULT S.r.l., fondata nel 1991, opera nel campo dell

Dettagli

Presentazione dei risultati Gli indici statistici

Presentazione dei risultati Gli indici statistici Le competenze economicofinanziarie degli italiani Presentazione dei risultati Gli indici statistici Carlo Di Chiacchio - INVALSI I comportamenti finanziari Il possesso di una competenza in campo economico

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE. di Gabriella Ciampi

DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE. di Gabriella Ciampi DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE di Gabriella Ciampi Premessa Una squadra sportiva si può considerare un gruppo secondo la definizione di K. LEWIN (1935) ossia come un sistema

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile CRESCERE PER AIUTARE A CRESCERE Un percorso in sostegno alla genitorialità

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

UMANE RISORSE. Oggi si afferma che l Azienda, sia essa manifatturiera che di servizi, non è composta

UMANE RISORSE. Oggi si afferma che l Azienda, sia essa manifatturiera che di servizi, non è composta RISORSE UMANE Ricerca e selezione del personale: il colloquio e l uso dei test Francesca Carpani, Piera Ciampi, Jessica Conti, Laureanda in Scienze della Comunicazione Natalie D Alessandro, Rossella Gattone,

Dettagli

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc.

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc. Qual è il destino professionale dei diplomati in psicoterapia della scuola della Associazione di Psicologia Cognitiva e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva srl? Francesca Baietta, Michela Carreri, Daniele

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi Catania

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi Catania Psicologia sociale Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi Catania Corso di laurea in Scienze dell Amministrazione Curriculum di base e curriculum P.S. PSICOLOGIA SOCIALE Anno Accademico 2007\08

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa?

Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa? Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa? Rapporto quantitativo Milano, Maggio 2011 (Rif. 1412v111) Indice 2 Pag. La ricerca 3 Principali evidenze 4 Cap. 1 Gli italiani

Dettagli

> Team Types / Leadership Styles Report. Nome: Peter Sample

> Team Types / Leadership Styles Report. Nome: Peter Sample > Team Types / Leadership Styles Report Nome: Peter Sample Data: 14 aprile 2009 Stile di Gruppo Introduzione Questo report riassume gli stili preferiti nel gruppo dal Sig. Sample sulla base del suo profilo

Dettagli

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Rosa Angela Fabio, Patrizia Oliva Università degli Studi di Messina Nei processi di scelta, le conseguenze, positive o negative, immediatamente

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

LA LEADERSHIP di Massimo FRANCO Università degli Studi del Molise

LA LEADERSHIP di Massimo FRANCO Università degli Studi del Molise LA LEADERSHIP di Massimo FRANCO Università degli Studi del Molise Aprile 2007 1 La leadership nelle organizzazioni Il termine leadership è ampiamente utilizzato nel linguaggio corrente tanto da assumere

Dettagli

Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico

Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico Una ricerca su un campione del Nord Italia Salvatore Iovine, Germano Rossi iovine34@interfree.it germano.rossi@unimib.it Dip.

Dettagli

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE 1 Un organizzazione è l insieme di attività che hanno bisogno di essere gestite in modo coordinato per essere finalizzate e dirette in funzione del perseguimento dei

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti nelle indagini nazionali ed internazionali

La valutazione degli apprendimenti nelle indagini nazionali ed internazionali La valutazione degli apprendimenti nelle indagini nazionali ed internazionali Workshop AIV Organizzato dal Dottorato in Valutazione dei sistemi e dei processi educativi a cura di Emanuela Bonini e Sara

Dettagli

Programma Master Domino 2012

Programma Master Domino 2012 Programma Master Domino 2012 MASTER DOMINO Il Master Domino, uno dei classici della formazione cooperativa Nazionale, è pensato per persone che hanno maturato una significativa esperienza gestionale o

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Psicologia del lavoro e delle organizzazioni nuove opportunità per futuri psicologi

Psicologia del lavoro e delle organizzazioni nuove opportunità per futuri psicologi Psicologia del lavoro e delle organizzazioni nuove opportunità per futuri psicologi A cura di Monica Fiorentino Agenzia Liguria Lavoro A settembre, l Ordine degli Psicologi della Liguria ha riproposto

Dettagli

PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA MEDICOACHING

PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA MEDICOACHING PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA MEDICOACHING Il COACHING E Il coaching è un metodo di formazione personale,

Dettagli

COMPORTAMENTO DI CONSUMO E COMPORTAMENTO TURISTICO. Roberta Maeran Dipartimento di Psicologia Applicata Università degli Studi di Padova

COMPORTAMENTO DI CONSUMO E COMPORTAMENTO TURISTICO. Roberta Maeran Dipartimento di Psicologia Applicata Università degli Studi di Padova COMPORTAMENTO DI CONSUMO E COMPORTAMENTO TURISTICO Roberta Maeran Dipartimento di Psicologia Applicata Università degli Studi di Padova Mirco Fontana Psicologo del lavoro Mariella Ricagni Laurea in Psicologia

Dettagli

Proposte educative e modelli di leadership. Émiliane Rubat du Mérac

Proposte educative e modelli di leadership. Émiliane Rubat du Mérac Proposte educative e modelli di leadership Émiliane Rubat du Mérac Scopo della ricerca: Studio dell impatto del contesto educativo sullo sviluppo di valori e capacità di leadership. Perché gli adolescenti?

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

LA PSICOLOGIA SOCIALE Il Gruppo

LA PSICOLOGIA SOCIALE Il Gruppo Universita per gli stranieri DANTE ALIGHIERI LA PSICOLOGIA SOCIALE Il Gruppo Prof. Vincenzo Maria ROMEO ETNOCENTRISMO Il proprio gruppo (ingroup) è considerato il centro di ogni cosa e tutti gli altri

Dettagli

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida a cura di Renato Pocaterra, Responsabile scientifico di Fondazione IARD Sonia Colombo, Ricercatore di Fondazione

Dettagli

ACCADEMIA TAONUOVAVITA www.medicoaching.it

ACCADEMIA TAONUOVAVITA www.medicoaching.it PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORAMENTI, CAMBIAMENTI, NELLA TUA VITA E NELLA TUA PROFESSIONE PER OTTENERE IL MEGLIO DA TE E DAGLI ALTRI ACCADEMIA

Dettagli

La cultura della sicurezza nell industria di processo

La cultura della sicurezza nell industria di processo La cultura della sicurezza Corsi avanzati Human Factor Root Cause Analysis Progetto Human Factor per l industria l di La valorizzazione della risorse umane come strumento di miglioramento delle prestazioni

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

Le relazioni consulente cliente e medico paziente a confronto: l evidenza empirica di un innovativo progetto di ricerca internazionale

Le relazioni consulente cliente e medico paziente a confronto: l evidenza empirica di un innovativo progetto di ricerca internazionale Le relazioni consulente cliente e medico paziente a confronto: l evidenza empirica di un innovativo progetto di ricerca internazionale Marco Monti Max Planck Institute for Human Development CRESA UniversitàVita

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

G I A N L U C A C A S S E S E

G I A N L U C A C A S S E S E G I A N L U C A C A S S E S E DIPARTIMENTO DI STATISTICA Università Milano Bicocca U7-2081, via Bicocca degli Arcimboldi, 8, 20126 Milano - Italy DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI GENERALI: Luogo e data di

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi L intelligenza Cos è l intelligenza? Non è un abilità cognitiva unitaria Non è un abilità cognitiva generale Non è innata Non

Dettagli

GLOSSARIO. Studiare sicurezza

GLOSSARIO. Studiare sicurezza 59 Studiare sicurezza In che modo le Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati relative alla scuola primaria e a quella secondaria di primo grado possono aiutare a formulare percorsi di

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

Fulvio Giardina Fabio Lucidi Giulio Vidotto Presidente CNOP Presidente AIP Presidente CPA

Fulvio Giardina Fabio Lucidi Giulio Vidotto Presidente CNOP Presidente AIP Presidente CPA Executive Summary: L attività quotidiana nella Scuola è intessuta di eventi e interventi a forte implicanza psicologica. Eppure, la presenza della Psicologia a Scuola è relativamente modesta. L Associazione

Dettagli

MARKETING PARTE 1 INTRODUZIONE AL MARKETING. Appunti Wikieconomia.Unifg. - Marketing 2010-11

MARKETING PARTE 1 INTRODUZIONE AL MARKETING. Appunti Wikieconomia.Unifg. - Marketing 2010-11 MARKETING PARTE 1 INTRODUZIONE AL MARKETING Appunti Wikieconomia.Unifg 1 Cos è il MARKETING? Beni e servizi Informazioni 2 Il Marketing Insieme di attività (ricerca, analisi, decisione, azione, controllo)

Dettagli

Skillmapping. Managerial assessment centre on-the-fly

Skillmapping. Managerial assessment centre on-the-fly Skillmapping Managerial assessment centre on-the-fly Cos'è Skillmapping una foto istantanea sulle 4 principali aree delle competenze trasversali un kit online che può essere utilizzato da un numero illimitato

Dettagli

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota M. Gugliotta, L. Garini,, C. Sassi, R. Scullino & S. Bernasconi Modelli Psicologici Obesogenic Binge Eating Disorder.

Dettagli