BILANCIO SOCIALE 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO SOCIALE 2011"

Transcript

1

2

3 BILANCIO SOCIALE 2011

4

5 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 3 RELAZIONE METODOLOGICA 5 1. IDENTITÀ AZIENDALE Storia Attività svolta dalla Società Scenario di riferimento Servizi offerti dall Azienda Infrastruttura tecnologica Il Sistema Informativo Evoluzione della Gestione Assetto istituzionale e organizzativo Assetto istituzionale Assetto proprietario Assetto organizzativo: organigramma Vision, Mission e Valori I RISULTATI ECONOMICI E IL VALORE AGGIUNTO Formazione del Valore Aggiunto Distribuzione del Valore Aggiunto RELAZIONE SOCIALE Risorse Umane Formazione Sistemi di remunerazione, incentivazione del personale dipendente Iniziative di comunicazione interna Relazioni industriali Pari opportunità Sicurezza e salute sul luogo di lavoro Composizione e consistenza del Personale Turnover Assenze Clienti Relazione con i Clienti Contratti e Service Level Agreement Ascolto dei clienti: Customer Satisfaction Iniziative di comunicazione Fornitori Collettività 48 GLOSSARIO 50

6

7 Lettera del Presidente Essere socialmente responsabile, significa integrare motivazioni di natura etica all interno della visione strategica, con la volontà di gestire efficacemente aspetti etico / sociali nell ambito delle attività aziendali quotidiane. SEC SERVIZI è impegnata da anni nella promozione dello sviluppo sostenibile, nell affermazione e nel rafforzamento dei valori di fiducia, e trasparenza tra gli stakeholders, al fine di farne convergere gli interessi e conseguire il miglioramento della performance economica. Tale affermazione risulta ancora più pregnante per una realtà consortile dove il cliente è anche socio e il servizio offerto è integrazione delle realtà consociate. SEC Servizi è impegnata nella valorizzazione del tessuto sociale attraverso il proprio servizio prestato prevalentemente a Banche Popolari e cercando di valorizzare il territorio di origine. L esercizio appena concluso è stato ancora una volta segnato da una congiuntura economica negativa per la gran parte dell anno. In un tale contesto le Banche del Consorzio non solo hanno mantenuto, ma ha anzi ulteriormente valorizzato il proprio impegno nei confronti della clientela, dei soci, dei collaboratori e dei territori di insediamento. E forte infatti la convinzione che proprio in momenti di crisi, agire in maniera socialmente responsabile possa rappresentare l elemento distintivo che consente di superarla individuando nuovi ambiti di successo. SEC Servizi è in questo senso partecipe delle iniziative intraprese ed è chiamato ad un concreto aiuto nell efficientamento dell attività bancaria. Una forte attenzione è stata posta, in particolare nel corso di quest ultimo anno, a migliorare la qualità del servizio, monitorandone in modo sempre più accurato i risultati e l andamento complessivo in un contesto di continua crescita dei volumi erogati. Siamo certi che essere best performer, voglia dire porre in essere azioni mirate a promuovere la qualità del servizio e dell offerta complessiva. Ciò che ne deriva non si limita alla generazione di un profitto economico, ma alla creazione di un valore aggiunto reale e duraturo, valore che contribuisce ad accrescere gli investimenti aziendali in linea con le strategie di sviluppo attuate. La Responsabilità Sociale si colloca tra i nostri valori aziendali di riferimento, e l adozione del Codice Etico e la redazione del Bilancio Sociale, sono gli strumenti con cui ogni anno riaffermiamo i principi che sono alla base della nostra identità e alla base della natura consortile della nostra società. Credere nei valori crea valore. Samuele Sorato

8

9 SEC SERVIZI Bilancio Sociale 2011 RELAZIONE METODOLOGICA Per il decimo anno consecutivo SEC SERVIZI pubblica il proprio Bilancio Sociale. L esperienza pluriennale ha consentito il miglioramento continuo del modello e del sistema di raccolta dati, tanto che lo sviluppo di tale strumento di rendicontazione ha ottenuto alcuni significativi risultati, ed in particolare: l individuazione di indicatori qualitativi e quantitativi adeguati, confrontati in serie storica per documentare gli andamenti temporali delle performance; la misurazione di attività strategiche legate alla natura consortile della società; l evidenziazione della natura territoriale di SEC SERVIZI e del rapporto privilegiato che essa intrattiene con l ambito locale nel quale è collocata e agisce, pur senza perderne di vista la dimensione nazionale e internazionale; l introduzione del confronto puntuale tra obiettivi di gestione, finalizzati a massimizzare la qualità dei servizi erogati e le azioni realizzate per conseguirli; l introduzione di tabelle sinottiche azioni-stakeholder per riepilogare quanto SEC SERVIZI attua nei confronti delle diverse categorie di interlocutori oggetto di rendicontazione nel Bilancio Sociale. Il report è uno strumento utilizzato dall azienda per costruire un dialogo continuo e costruttivo con tutti i suoi Stakeholder (Personale, Clienti/Soci, Fornitori, Collettività) attraverso quello che è il suo principale scopo: la rappresentazione veritiera e corretta di una serie di dettagliate informazioni su linee guida, attività, azioni, iniziative intraprese dall azienda allo scopo di creare valore, non soltanto in termini di utile, in coerenza con Vision, Mission e Valori aziendali. Attraverso il Bilancio Sociale infatti l azienda intende perseguire un duplice obiettivo: monitorare le politiche realizzate per migliorare la relazione con ogni singolo interlocutore sociale di riferimento (Stakeholder) e comunicarle con trasparenza in modo da fornire un quadro complessivo della performance dell azienda, nell ottica del dialogo e del confronto finalizzato al costante miglioramento; fornire informazioni quali/quantitative sull impegno sociale profuso, per ampliare e migliorare, sotto il profilo etico-sociale, le conoscenze e le possibilità di valutazione e di scelta degli Stakeholder ed eventualmente programmare interventi di miglioramento. Nel Bilancio Sociale il lettore troverà informazioni sui seguenti argomenti: Identità aziendale Nella prima sezione viene delineata l identità dell azienda attraverso la sua storia, la sua infrastruttura tecnologica, gli assetti istituzionali e organizzativi, e il sistema di governance della Responsabilità Sociale d Impresa. Relazione economica I Risultati economici ed il Valore Aggiunto contengono tutte le informazioni economiche e la ripartizione di quest ultimo tra i diversi Stakeholder. 5

10 Bilancio Sociale 2011 SEC SERVIZI Relazione sociale L ultima sezione è dedicata alla descrizione dei tratti salienti della relazione tra SEC SERVIZI e i suoi Stakeholder, con l identificazione delle aree di interesse, le politiche e le iniziative intraprese in attuazione dei valori dell azienda. La definizione dei contenuti e l impostazione della struttura del documento hanno tenuto conto degli standard e delle best practice nazionali ed internazionali nel campo della rendicontazione eticosociale, ambientale e di sostenibilità. Anche quest anno la redazione si è basata in particolare sui seguenti modelli: Modello GBS Il documento contenente i principi e le indicazioni procedurali ritenuti essenziali e necessari per la redazione del bilancio sociale dal gruppo Bilancio Sociale, un gruppo di studio costituitosi nel Modello ABI/IBS Il modello di redazione del bilancio sociale, redatto dall ABI in collaborazione con l Istituto Europeo per il bilancio sociale (IBS) e SEAN/KPMG, per il settore del credito. I punti in cui le informazioni richieste dai modello non sono presenti sono dovuti alla scarsa rilevanza del tema nella specifica realtà di SEC SERVIZI. I dati esposti si riferiscono all esercizio L andamento dell azienda e la sua relazione con gli Stakeholder di riferimento sono studiati attraverso una serie di Key Performance Indicators (KPI), confrontati nel triennio , e si riferiscono al 31 dicembre di ogni anno considerato, salvo deroghe espressamente indicate. Nel corso del 2005 SEC SERVIZI, pur non essendo tra le aziende obbligate ad utilizzare gli standard contabili internazionali (IAS), ha deciso di adottarli in via facoltativa, come previsto dalla normativa vigente in quel momento. Per quel che riguarda i dati relativi ai Fornitori si considerano tutte le fatture emesse da questi nell anno di riferimento comprensive di IVA. 6

11 SEC SERVIZI Bilancio Sociale 2011 IDENTITÀ AZIENDALE 1.1 Storia SEC SERVIZI, Società Consortile per Azioni con un Capitale Sociale di 25 milioni di euro, è un azienda di outsourcing per il Credito e la Finanza. Offre servizi altamente innovativi di Application e Facility Management e soluzioni evolute di Multicanalità, Consulenza, Formazione e Assistenza. La storia di SEC SERVIZI è caratterizzata da un percorso di sviluppo costante che ha saputo coniugare la progressiva crescita economica al continuo miglioramento della cultura aziendale. Nel corso degli ultimi anni SEC SERVIZI si è posta infatti come obiettivo principale il miglioramento costante della qualità dei servizi erogati, perché solo in questo modo ritiene si possa perseguire la piena soddisfazione dei propri clienti. In questo senso ha avviato molteplici azioni ed interventi, sia dal punto di vista infrastrutturale che formativo, volti all acquisizione, all allargamento ed allo sviluppo delle competenze non solo in ambito tecnologico. Le tappe fondamentali della Storia di SEC SERVIZI: 1972 Viene costituito il Consorzio per i Servizi Elettrocontabili fra Banche Popolari (CSE) Il consorzio è un appendice delle banche consorziate ed in maniera particolare di quella di riferimento (la Banca Popolare Veneta, dalla quale proviene parte dei dipendenti e la Banca di Asolo e Montebelluna, ora Veneto Banca SpA) che ne cura anche la contabilità e la gestione del personale Cambia la ragione sociale, il consorzio viene trasformato in Servizi Elettrocontabili fra Banche Popolari, Società Consortile per Azioni (SEC), inizia ad assumere una propria identità e inizia a confrontarsi con il mercato attraverso l offerta su base concorrenziale a banche non socie Banca Popolare di Vicenza entra a far parte della società, le 33 persone che in banca si occupano di informatica sono assunte da SEC Banca Popolare Veneta esce dalla società per fusione con la Banca Antoniana; il volume di attività si riduce notevolmente e 37 persone ritornano in banca Viene realizzato e avviato il nuovo sistema informativo (SECNew): l azienda ha un prodotto innovativo da offrire alle banche socie Viene stabilizzato il nuovo sistema, viene stipulato un accordo con Accenture per l Application Management di SECnew; vengono potenziate l area finanza e il web banking e le attività commerciali. Nel 2000 la ragione sociale 2001 viene modificata in SEC SERVIZI S.C.p.A Viene predisposto il primo Piano Industriale: l azienda si apre al mercato, vengono create nuove aree Pianificazione Strategica, Marketing e Comunicazione e la Direzione Commerciale e sono inseriti 40 neolaureati provenienti da tutto il territorio nazionale Vengono acquisiti nuovi soci - Banca Meridiana, Rasbank e UBAE ARAB Italian Bank e nuovi clienti a rilevanza nazionale; BNLInvestimenti e così l azienda inizia ad erogare i propri servizi a banche per promotori finanziari. Viene organizzata la Convention aziendale Gli investimenti crescono di oltre il 43% nell ultimo anno; il fatturato di oltre il 34%. Vengono acquisiti due rami d azienda (Supernet di Ospitaletto e il Data Center di Getronics di Milano) e parte il progetto Rendere SEC SERVIZI azienda leader nella Responsabilità Etico - Sociale e nella gestione della qualità : viene pubblicato il Codice Etico, è redatto il primo Bilancio Sociale e tutti i dipendenti sono coinvolti in un piano di sensibilizzazione etica Banca della Ciociaria, Banca MB, Banca di Credito Popolare di Torre del Greco e Banca della Nuova Terra entrano a far parte della compagine sociale. E attivato e completato il piano di internalizzazione dell Application Mantenence di SECnew. Si registra un nuovo aumento del Capitale Sociale Banca del Garda entra a far parte della compagine sociale. Si registra un nuovo aumento del capitale sociale che passa da euro a euro interamente versati. Vengono completati i lavori di ristrutturazione dello stabile aziendale, inaugurato in occasione dell Open Day a settembre. 7

12 Bilancio Sociale 2011 SEC SERVIZI 2006 Banca Popolare Italiana entra a far parte della compagine sociale. Viene esternalizzata la gestione del sistema mainframe. Viene organizzata la Convention aziendale rivolta a tutti i dipendenti A fine ottobre si registra l ingresso di Farbanca appartenente al Gruppo Banca Popolare di Vicenza Si registra l ingresso di Micos Banca SpA (oggi Che Banca!). Viene organizzata la Convention aziendale rivolta a tutti i dipendenti e al personale in quiescenza per festeggiare i 35 anni di attività aziendale. Viene pubblicato il libro 35 anni in un sec A maggio si registrano gli ingressi di Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana e di Prestinuova, facente parte del Gruppo Banca Popolare di Vicenza. Si segnala inoltre la variazione di denominazione sociale di Intra Private Bank SpA, in Banca IPIBI Financial Advisory SpA Banca Apulia e Cattolica Service sono i principali clienti acquisiti nell anno. Negli ultimi mesi del 2010 si registrano due importanti operazioni di fusione all interno del Gruppo Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza Si registra l entrata nel consorzio di BIM (Banca Inter Mobiliare di Investimento e Gestioni) Figura 1. SEC SERVIZI: origini e storia 1.2 Attività svolta dalla Società VISION Essere un leader riconosciuto nell erogazione di servizi al settore finanziario e non, che sostiene, sviluppa e promuove la conoscenza tecnologica e finanziaria nell ambito della comunità economica, scientifica e sociale Gli obiettivi di business sono sfidanti: l azienda non si accontenta di essere economicamente efficiente, il suo impegno è finalizzato infatti all assunzione di un ruolo di leadership nel panorama degli outsourcer bancari. Nel perseguire questo ambizioso traguardo SEC SERVIZI non perde mai di vista gli interessi dei propri Stakeholder, e in maniera particolare della comunità di riferimento. MISSION SEC SERVIZI vuole essere un azienda partner dei propri clienti che si avvale di competenze qualificate e opera in stretta collaborazione con la comunità, al fine di offrire: una gamma completa di servizi di elevato standard qualitativo, tempestivi, adeguabili al contesto e all occorrenza modulabili; servizi eccellenti, sicuri e affidabili, capaci di garantire ai propri clienti uno stabile vantaggio competitivo sulle aree critiche del business; competitività sui costi in un ottica di massimizzazione del rapporto qualità/prezzo; un sistema azienda di elevata qualità e dimostrata responsabilità etico/sociale, in grado di promuovere e diffondere la conoscenza tecnologica, organizzativa e finanziaria; la massima valorizzazione del capitale umano, al fine di favorire lo sviluppo delle competenze chiave, individuali e aziendali. L azienda intende perseguire la propria visione attraverso un servizio sempre più competitivo e di qualità, erogato in maniera socialmente responsabile. La Mission aziendale è perseguita attraverso un costante impegno per mantenere sotto tutti gli aspetti un profilo socialmente responsabile. 8

13 SEC SERVIZI Bilancio Sociale 2011 Figura 2. La carta dei valori di SEC SERVIZI 1.3 Scenario di riferimento Il 2011 è stato caratterizzato da un andamento economico poco stabile e piuttosto incerto. L attesa per una ripresa che ancora non si vede chiaramente ha lasciato spazio all attenzione sulle conseguenze ancora evidenti della crisi finanziaria del 2008 che, pur nell ambito di un parziale rallentamento, sta lentamente manifestando i suoi effetti sull economia reale, in un contesto economico e finanziario che comunque permane estremamente incerto e difficile soprattutto nei suoi elementi prospettici. Nel secondo semestre dell anno si è manifestata una certa sfiducia sul rischio sovrano e gli interventi delle banche centrali e dei governi non sono riusciti a mitigare gli effetti sugli spread della zona euro, con particolari situazioni di rischio per il debito dei paesi PIGS (Portogallo, Irlanda, Grecia, Spagna) e dell Italia stessa, producendo una notevolmente tensione sui mercati interbancari. Le risposte dei governi sono state soprattutto incentrate su misure di austerità al fine di soddisfare subito le preoccupazioni degli investitori internazionali con effetti però depressivi dell economia. Gli obiettivi dei governi per la fase successiva mirano a gettare le basi per la ripresa economica. Ad oggi destano però preoccupazione gli effetti negativi della crisi sul mercato del lavoro, con le conseguenti ricadute sui consumi e sul livello di fiducia dei consumatori. Il sistema finanziario, dopo aver subito le conseguenze della crisi, sta affrontando un periodo di recessione economica confrontandosi anche con un momento in cui la percezione da parte dell opinione pubblica del mercato bancario appare piuttosto negativa con azioni che in genere non favoriscono l attività degli istituti di credito. Le banche si confrontano con i problemi relativi alle sofferenze e alla generale rischiosità degli attivi. I tassi rimangono ancora su livelli minimi con l impossibilità di agire sulla forbice bancaria. Il settore bancario si concentra quindi nello sforzo per la riduzione dei costi ma necessita di strumenti ICT sempre più evoluti che si rendono necessari per attenuare il rischio operativo e garantire e produrre nuovo business. Le attese di efficienza economica si tramutano in opportunità per il mercato dell outsourcing con apertura a nuove prospettive in precedenza non valutate. Il mercato dell outsourcing in realtà 9

14 Bilancio Sociale 2011 SEC SERVIZI rappresenta una dicotomia nel contesto economico generale in quanto beneficia dell impegno sul ridimensionamento dei vari attori economici che trovano nell outsourcer un partner per i propri sforzi di rallentamento dei costi. Se il valore dell outsourcing è riconosciuto e il costo condiviso, il rapporto di partnership favorisce la crescita del cliente e il processo genera valore aggiunto. Riteniamo che SEC SERVIZI per la sua forma consortile, garantisca in maniera appropriata il raggiungimento di tale obiettivo con il concretizzarsi di un incremento significativo del fatturato riscontrato. La spesa IT in Italia è in trend negativo dal 2009 con decrementi dei livelli di spesa IT per le banche di grandi dimensioni che iniziano a ridurre il costo della componente informatica dopo un periodo di aggregazioni consistenti. Le banche medie e piccole hanno mantenuto costante il livello di spesa IT con performance migliori per le banche in outsourcing rispetto alle banche medie con IT interno. SEC SERVIZI si è impegnata nello sviluppo dei prodotti e servizi, al fine di integrare le esigenze organizzative dei clienti e coglierne le migliori possibilità in un contesto come quello attuale ove le possibilità di budget risultano in contrizione. A tal fine anche il 2011 ha visto lo sviluppo di iniziative volte al contenimento dei costi operativi e di progetti con il miglior ritorno dell investimento. Ciò evidenzia dunque come il valore della relazione banca - IT service possa essere sempre più determinante nel migliorare la gestione e, quindi, la redditività delle banche. Dal lato dei ricavi, se escludiamo le operazioni straordinarie che hanno coinvolto due importanti gruppi clienti, è verificabile una forte contrazione delle iniziative progettuali non consortili e un approfondito controllo dei consumi di listino. Nel corso del 2011 i volumi di business sono cresciuti in modo sensibile nonostante rimanga stabile il numero di sportelli. Il numero di conti correnti, i movimenti registrati negli stessi, come anche i rapporti di internet banking, evidenziano un dato medio di incremento oltre il 10% rispetto al Questi elementi positivi derivano dall aumento in termini di clienti e raccolta sul territorio delle banche socie del consorzio e dall arricchimento del parco clienti delle banche SEC SERVIZI. SPORTELLI SERVITI RAPPORTI INTERNET BANKING , , ,00 100, ,00 migiaia CONTI CORRENTI MOVIMENTI MENSILI IN CC , , , ,0 5,0 14,8 17,6 20,2 0 migliaia 0,0 milioni 10

15 SEC SERVIZI Bilancio Sociale 2011 SEC SERVIZI nel corso degli ultimi 4 anni ha più che raddoppiato la potenza elaborativa e lo storage utilizzato sia per l aumento dei clienti che per l estensione del parco applicativo. La componente dipartimentale è divenuta sempre più importante aumentando le funzionalità operative fornite agli utenti (es. processi documentali), ma anche aumentando la complessità del sistema. SEC SERVIZI ha attuato un aggressivo piano di evoluzione applicativa basato sulle seguenti aree: riduzione costi operativi e ottimizzazione processi delle banche clienti, aumento produttività ed efficacia del personale di filiale focalizzandolo su attività commerciali e innovazione di prodotto, completa revisione e potenziamento dei sistemi del credito, potenziamento sistemi di monitoraggio. In questo contesto SEC SERVIZI ha adottato per il 2011 una strategia di consolidamento su tre assi: Revisione dei processi di gestione dei servizi erogati; Parco applicativo rollout su tutto il parco clienti degli applicativi introdotti negli ultimi anni; Architettura tecnica irrobustimento di tutte le componenti tecniche (sistemi mainframe, dipartimentali, rete, internal IT, processi di gestione) per ottimizzare le performance del sistema. 1.4 Servizi offerti dall Azienda Infrastruttura tecnologica L infrastruttura tecnologica di SEC SERVIZI poggia su vari e differenti ambienti: mainframe, dipartimentale, distribuito che rispondono tutti ai seguenti requisiti tecnici minimali: allineamento alla tecnologia più recente; alta disponibilità; sicurezza e continuità. La piattaforma hardware e software è basata su standard di mercato consolidati. I dati e i sistemi sono protetti da processi consolidati di Backup e Business Continuity. Per quanto riguarda i volumi, dal punto di vista tecnologico, al 31 dicembre 2011 si possono rilevare i seguenti valori principali di dimensionamento: il valore complessivo della potenza elaborativa dei sistemi mainframe ha raggiunto il totale di Mips con la possibilità di aggiungere oltre Mips flessibili, utilizzati on demand per far fronte ai picchi di carico elaborativo rilevabile in occasione delle scadenze di elaborazioni mensili; le transazioni utente giornaliere sul mainframe sono circa 36,9 milioni e registrano un tasso di crescita del 10% negli ultimi 3 anni; la capacità complessiva di memorizzazione ha raggiunto i 460 Terabyte di cui 223 per garantire l High Availability ed il Disaster Recovery; 11

16 Bilancio Sociale 2011 SEC SERVIZI i server complessivamente gestiti sono circa di cui 650 virtualizzati e 692 server fisici, di questi ultimi, oltre 200 sono di clienti in housing/hosting presso SEC SERVIZI. POTENZA ELABORATIVA (MIPS) TREND ATTIVITA' ONLINE , , ,0 10,0 29,0 34,9 36, ,0 500 SPAZIO DISCO SERVER FARM DR + HA Primario - SERVER FISICI SERVER VIRTUALI In merito all infrastruttura tecnologica, SEC SERVIZI ha attivato un capillare piano di interventi per aumentare la ridondanza dei sistemi al fine di gestire eventuali problematiche tecniche senza disservizi e per aumentarne le performance. Il piano coinvolge tutte le componenti infrastrutturali: Sistema Mainframe Sono stati completati vari interventi per l eliminazione di single point of failure per garantire la continuità operativa anche in caso di interventi pianificati e per migliorare l affidabilità delle soluzioni applicative. Sono state potenziate in modo significativo le risorse disponibili in termini di CPU, memoria e storage. Il sito di disaster recovery è stato spostato aumentando la distanza tra i due centri e allineando hardware e risorse al sito di produzione. E stata avviata nel secondo semestre 2011 l attivazione della tecnologia Gdps sul sistema Mainframe che permette di gestire il disaster recovery secondo le best practice di mercato. Sono stati realizzati vari interventi di ottimizzazione sul database DB2 ed è stato completato nel secondo semestre il passaggio alla nuova release. Sistemi dipartimentali Sono stati potenziati i sistemi dedicati alle applicazioni core sia come hardware che come risorse macchina dedicate. Sono state irrobustite tutte le filiere infrastrutturali e applicative per la comunicazione con il sistema mainframe e relative alle nuove componenti per la gestione documentale e il workflow dei processi. E in corso la completa revisione della tecnologia usata per lo storage aumentando in modo significativo performance, alta affidabilità e risorse disponibili. Prosegue il piano per la progressiva virtualizzazione dei servizi midrange SEC SERVIZI secondo la logica del cloud computing che permette di semplificare ed ottimizzare la gestione di tali servizi. 12

17 SEC SERVIZI Bilancio Sociale 2011 Rete Sono stati effettuati vari interventi per ottimizzare e migliorare la rete telematica. E previsto per inizio 2012 il potenziamento dei sistemi di monitaggio. Infrastruttura a servizio del Data Center di Padova Sono stati effettuati vari interventi per potenziare gli apparati elettrici e di condizionamento del Data Center. Miglioramento dei processi di gestione Sono stati attivati nuovi strumenti per automatizzare le fasi di change management e di deploy delle applicazioni con importanti benefici di riduzione degli errori e dell impegno organizzativo. E stato infine avviato un progetto di revisione del piano per la Business Continuity di SEC SERVIZI SERVIZI in modo da integrarlo con quello delle banche clienti. In merito all infrastruttura impiantistica a supporto dell immobile e del data centre, sono continuati una serie di interventi volti alla razionalizzazione dei consumi di energia elettrica e frigorifera con un miglioramento dei sistemi di monitoraggio sulle fonti di energia e relativa ottimizzazione. Sul fronte del risparmio energetico il rinnovamento tecnologico propone macchinari a maggior efficienza energetica, sia in riferimento agli impianti veri e propri ma anche server ed elaboratori con livelli di performance di calcolo superiore per unità di consumo. Il consolidamento delle apparecchiature e la virtualizzazione delle stesse contribuiscono a sostenere l obiettivo di riduzione dei consumi energetici. Sull impiantistica le scelte aziendali si tendono a soddisfare i bisogni di rinnovamento con l evoluzione dei prodotti sempre più mirati al risparmio energetico come elemento importante di analisi dell investimento. Tale azione è allineata alla normale sostituzione/manutenzione degli impianti anche se sono stati avviati importanti progetti di analisi per l utilizzo e l implementazione di fonti rinnovabili in azienda: è stato completato nel 2011 uno studio di fattibilità per l utilizzo di impianti di trigenerazione ed è stata istallato un impianto fotovoltaico su parte della copertura dell edificio Il Sistema Informativo Il sistema informativo di SEC SERVIZI è frutto di un importante e continuo programma di rinnovamento, basato su un progressivo aggiornamento tecnologico e funzionale finalizzato a migliorare costantemente la gamma di servizi offerti alle Banche Socie e Clienti. Il sistema attualmente in esercizio rappresenta una soluzione modulare e flessibile, adatta a diversi modelli operativi finanziari, di riferimento per il mercato bancario italiano. La figura seguente ne illustra il disegno macro-architetturale: Figura 3. Sistema informativo: disegno macro-architetturale. 13

18 Bilancio Sociale 2011 SEC SERVIZI Il cuore della piattaforma è costituito dalle componenti di Business: Sistemi di gestione della clientela, Sistemi di erogazione del credito, Sistemi di pagamento, Finanza ed estero. Le funzioni vengono tutte erogate in modo uniforme attraverso l architettura multicanale. La classificazione delle informazioni viene gestita in modo centralizzato per tutte le procedure del sistema informativo tramite lo strato superiore (navigatore), che rende disponibili le funzioni di gestione di tutti i prodotti relativi al Business bancario, la gestione delle controparti, l intero ciclo di vita degli accordi di prodotto/servizio e la profilazione dell utenza bancaria. Nel modulo Governo e Controllo viene invece gestita trasversalmente, attraverso il modulo integratore, la classificazione delle informazioni elementari contenute nel sistema per l alimentazione dei sistemi di governo, di sintesi e di customer insight. La distribuzione degli output del sistema informativo viene garantita attraverso la connessione alla rete interbancaria e ai sistemi di regolamento e compensazione tramite uno strato applicativo dedicato denominato Distributore, che si occupa anche della gestione delle comunicazioni alla clientela e degli output indirizzati ai clienti della banca. Il sistema informativo SEC SERVIZI si posiziona ai massimi livelli di evoluzione nel panorama bancario grazie ad alcune caratteristiche peculiari: la piattaforma è nativamente multibanca e multilingua; è disegnata attorno al principio fondamentale della centralità del cliente; le funzioni operative, le funzioni di supporto alla vendita e le funzioni per la valutazione redditivitàrischio sono perfettamente integrate; uno strumento gestionale accentrato che gestisce nella loro interezza tutti i prodotti bancari per quanto riguarda le caratteristiche di ammissibilità, commerciali, amministrative e di funzionamento; il processo gestionale accentrato è integrato con la gestione degli accordi dei clienti della banca, ovvero della relazione di vendita dei prodotti/servizi della banca, realizzata con un desktop unificato utilizzato per collocare tutti i prodotti e per gestire in continuo la relazione con il cliente in modo despecializzato, fortemente orientato al workflow ed integrato con gli strumenti di supporto commerciale; il sistema - grazie ad un architettura modulare che prevede un netto disaccoppiamento fra partitari e sistemi di sintesi e fra partitari e canali di distribuzione - è fortemente orientato ai canali distributivi innovativi. Riesce così a garantire la massima rispondenza alle esigenze di molteplici banche con modelli di business molto diversi tra loro e in costante evoluzione. Per quanto riguarda l evoluzione applicativa del Sistema Informativo, SEC SERVIZI ha operato nei seguenti ambiti: Aumento produttività ed efficacia del personale di filiale focalizzandolo su attività commerciali e innovazione di prodotto E stato effettuato il rollout della Nuova Piattaforma Commerciale che consente la vendita dei principali prodotti bancari a carrello riducendo significativamente i tempi di apertura dei rapporti allo sportello. E stata completata la piattaforma di consulenza finanziaria alla clientela. E stato completato il rollout della nuova interfaccia grafica dei siti di internet banking utilizzando le moderne tecnologie web. Infine si è completato l aggiornamento della soluzione Murex per la finanza integrata. Riduzione costi operativi e ottimizzazione processi delle banche clienti - Nell ambito dei processi direzionali è stato avviato un progetto per ottimizzare le procedure e i processi correlati alle chiusure contabili mensili sia per quanto riguarda le tempistiche che per la qualità dei dati, in primis relativamente all area del credito. Sono stati introdotti vari interventi di miglioramento nei processi di gestione paghe e contributi oltre ad una nuova piattaforma per la gestione dei regolamenti in ambito finanza. Infine sono stati ridotti in modo significativo i costi per la postalizzazione a carico delle banche clienti. Completa revisione e potenziamento dei sistemi del credito Prosegue la migrazione della piattaforma Elise per la gestione dei finanziamenti e della soluzione per il monitoraggio dei crediti, basata su un motore di gestione dei processi che verrà utilizzato in modo trasversale 14

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015 Organismo Indipendente di Valutazione Sede, 03.04.2015 Pr. 88 PRESIDENTE Dott. Riccardo Maria Monti DIRETTORE GENERALE Dott. Roberto Luongo E,p.c.: Presidenza Direzione Generale Dott. Gianpaolo Bruno Dott.

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006 Piano di Impresa 2006 2009 Marzo 2006 Ferservizi: Portafoglio servizi e volumi gestiti Consuntivo 2005 Acquisti di Gruppo Volume transato Ristorazione 214 M 12,7 milioni di pasti Servizi Amministrativi

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 De Longhi S.p.A. Organi societari * Consiglio di amministrazione GIUSEPPE DE'LONGHI FABIO DE'LONGHI ALBERTO CLÒ ** RENATO CORRADA ** SILVIA DE'LONGHI CARLO GARAVAGLIA DARIO MELO GIORGIO SANDRI SILVIO SARTORI

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE Brindisi Multiservizi S.r.l. Pagina 1 INDICE Introduzione... 3 1 - Principi generali... 3 2 - Regole generali

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: Premessa Supporto normativo

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Fondo Interbancario: IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Indice Gli impegni normativi Gli impatti L approccio Banksiel Le soluzioni Banksiel Case study 2 Gli impegni normativi 3 Gli impegni normativi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2005

BILANCIO SOCIALE 2005 BILANCIO SOCIALE 2005 BILANCIO SOCIALE 2005 SOMMARIO Lettera del Presidente 5 Nota Metodologica 7 1 Identità Aziendale 9 1.1 Storia 11 1.2 Vision, Mission e Valori 12 1.3 Scenario di riferimento 13 1.4

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

CREDITI CORPORATE LENDING

CREDITI CORPORATE LENDING CREDITI partner affidabili CORPORATE LENDING PERCHÉ UN FINANZIAMENTO IN POOL? Come noto, i motivi per cui una banca può essere indotta a sindacare un operazione di finanziamento possono essere molteplici:

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

CMDBuilDAY. La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

CMDBuilDAY. La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader CMDBuilDAY La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader 15 Aprile 2010 La ripresa nelle economie dei Paesi avanzati Valori % del PIL Mondo USA Giappone

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi BILANCIO DI PREVISIONE 2016 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Antonio Catricalà

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Consulente per l Organizzazione degli Studi professionali 1

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES In un contesto in rapida evoluzione e sempre più marcata competitività a livello globale per le aziende la focalizzazione sul core

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Le competenze IT in ambito bancario Università LUISS Guido Carli 8 NOVEMBRE 2010 La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Matteo Lucchetti, Senior Research Analyst, ABI Lab Roma,

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia:

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia: COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE IL SEGNO PIANO STRATEGICO 2009-2012 INDICE Premessa 1) BASE SOCIALE Partecipazione Capitalizzazione 2) SEDE 3) BILANCIO SOCIALE 4) COMUNICAZIONE 5) SOSTENIBILITA E SVILUPPO PIANO STRATEGICO

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione

Dettagli

Partnership con il Committente

Partnership con il Committente PRESENTAZIONE AZIENDALE N.T.A. Srl costituisce un unicum in grado di realizzare e gestire i servizi richiesti, con piena delega operativa e completa responsabilizzazione sui processi. Le referenze maturate

Dettagli

-business partner COMPANY PROFILE

-business partner COMPANY PROFILE your -business partner COMPANY PROFILE CHI SIAMO Pc Planet nasce nel 1997 per volontà di un gruppo di professionisti provenienti ognuno da esperienze specifiche nel mondo dell Information Technology. Avvia

Dettagli

S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M.

S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M. S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M. I C o n s u l e n z a S e t t o r e I T - C o n s u l e n z a

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

A passo sicuro nel mondo IT

A passo sicuro nel mondo IT A passo sicuro nel mondo IT A passo sicuro nel mondo IT Le scelte effettuate, le esperienze acquisite e la capacità di applicarle nella realizzazione dei progetti hanno fatto sì che, nel corso degli anni,

Dettagli

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight CUSTOMER SUCCESS STORY April 2014 Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight PROFILO DEL CLIENTE: Azienda: S.p.A. Settore: logistica e trasporti Fatturato: 8,2

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli