lascia libere le idee... Proposte formative 2011 Catalogo corsi Personae

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "lascia libere le idee... Proposte formative 2011 Catalogo corsi 2011 - Personae"

Transcript

1 lascia libere le idee... Proposte formative 2011 Catalogo corsi Personae

2 Sommario Introduzione...4 Comunicazione...5 La comunicazione consapevole...5 La comunicazione nelle situazioni difficili...5 La gestione del conflitto...5 Public speaking...6 L assertività...6 Curare le relazioni...7 L accoglienza...7 La qualità del servizio...7 La gestione del cliente...7 La responsabilità...7 La gestione dei servizi e la customer relationship management...8 L approccio positivo con il cliente...8 Leadership...9 Leadership al femminile...9 La leadership affettiva...9 La leadership del benessere...10 Sviluppare il team...11 Teambuilding...11 Formazione formatori...11 La valorizzazione del personale over Trappeur, la cucina fai da te...12 Enigma...12 Attori per un giorno...12 Change Management...13 Flessibilità e gestione del cambiamento...13 Gestire le sfide. Il cambiamento continuo...13 Diversity management e cambiamenti culturale...13 Problem solving creativo...14 Differenze di genere...14 Organizzazione Aziendale...15 Time Management: la gestione del tempo...15 Relazioni interne...15 Proposte Formative - Catalogo corsi Personae

3 Le riunioni efficaci...15 La negoziazione...16 La gestione e motivazione dei collaboratori...16 La valorizzazione delle differenze professionali nelle organizzazioni...16 La gestione del centralino...16 Area commerciale...17 La negoziazione di vendita...17 La comunicazione nel rapporto commerciale...17 Nuovi canali nella comunicazione con il cliente...17 Web Marketing e comunicazione La vendita telefonica...18 Sviluppare la professionalità in azienda...19 Assistente di Direzione...19 Addetto al Front Office...20 Addetto al Call Center...20 Crescita personale...21 Intelligenza emotiva...21 Accrescere la motivazione...21 Autostima...21 La creatvità e i laboratori creativi...22 Getione delle stress...23 La gestione dello stress...23 Stress, mobbing, burn out...23 Zen&Mindfulness...24 Oltre l autostima...24 Zen e Management...24 Il protocollo Mindfulness...25 La qualità:competitività e rinnovamento...26 Percorso Sensoriale...27 Percorso Dirigenti...28 Individuazione e gestione dei Talenti...30 PSO - Progetto Sviluppo Organizzativo...31 Le mappe per orientarsi e progettare...31 Proposte Formative - Catalogo corsi Personae

4 ... lascia libere le idee Il lavoro è amore reso visibile. E cos è lavorare con amore? È sprigionare in tutto ciò che fate l alito del vostro spirito. da Il Profeta Khalil Gibran Abbiamo un sogno...portare il benessere nelle aziende! Ogni nostro intervento parte dal confronto diretto e dall ascolto profondo del nostro interlocutore : in questo modo possiamo co-progettare e realizzare un progetto ad hoc che risponda alle reali esigenze dell azienda. Immaginiamo e pianifichiamo i nostri interventi formativi partendo sempre dalla Persona. Siamo fermamente convinti che per raggiungere il benessere globale dell azienda si debba partire dall individuo,lavorare insieme per migliorare le attività in cui è coinvolto così da renderlo protagonista attivo del suo lavoro. Le nostre attività sono molto di più di un semplice passaggio di nozioni, contenuti o conoscenze : la formazione per noi è la possibilità di vivere veri e propri percorsi di crescita. Se la persona, cellula fondamentale di ogni organizzazione, trarrà dall esperienza formativa gli spunti per poter crescere, migliorando, allora, sarà un successo per l intera azienda. Le nostre metodologie formative sono non convenzionali, esperienziali, emozionali e creative. Anche quando parliamo di formazione tradizionale, ovvero la formazione d aula, in realtà di tradizionale, nel senso più comune del termine, c è ben poco. Anche in questo caso si parte sempre dalla persona, stimolandola a guardarsi dentro e a mettersi in discussione. PERSONÆ Via G. Boccaccio 89/R, Firenze - tel fax

5 Comunicazione La comunicazione consapevole Facilitare la relazione interpersonale: l empatia e l ascolto profondo Tecniche di ascolto attivo: l empatia Comunicare in modo efficace: il feedback Il linguaggio del corpo La gestualità Le mappe mentali La comunicazione nelle situazioni difficili L importanza dello sguardo Le abilità: interesse, calore, ascolto, attenzione, sostegno Il prendersi cura di La gestione dell ansia La consapevolezza La relazione interpersonale La gestione del conflitto La negoziazione Abbattere le resistenze al cambiamento Uscire dagli schemi: trovare nuove soluzioni Trasformare il conflitto in opportunità Instaurare un clima di apertura Incoraggiare nuove idee Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 5 di 33

6 Public speaking Dimenticarsi della platea: trucchi per parlare in pubblico Il bagaglio degli strumenti: dall ideazione alla creazione degli strumenti tecnici Reagire in modo costruttivo agli imprevisti Conoscersi e controllarsi Emozioni e reazioni L assertività Stili: aggressivo, passivo, assertivo L entusiasmo L ottimismo: imparare a pensare positivo La fiducia in sé stessi La chiave dell efficienza Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 6 di 33

7 Curare le relazioni L accoglienza Il cliente al centro delle relazioni Le relazioni interpersonali La flessibilità nella relazione La disponibilità Le 3 A: Accoglienza, Assistenza, Affidabilità Essere un punto di riferimento per il cliente La qualità nel servizio Il significato della qualità e la sua evoluzione Qualità, Qualità Totale e Customer Satisfaction Vendere valore La gestione del cliente L ascolto del cliente Il monitoraggio della soddisfazione Le azioni di miglioramento Individuare i veri bisogni del cliente La responsabilità La relazione sono io Il concetto di responsabilità individuale La responsabilità nella relazione Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 7 di 33

8 La gestione dei servizi e la customer relationship management Strategia, cultura e persone: definire il crm Il servizio e la soddisfazione del cliente Le 3 A: Accoglienza, Assistenza,Affidabilità L accoglienza come fidelizzazione e il follow up: la cura del cliente L importanza del ricalco per migliorare la capacità di relazione I tipi di interlocutori Come ascoltare : l esplorazione dei bisogni del cliente Individuare i bisogni del cliente La raccolta delle informazioni Definizione delle priorità Il monitoraggio della soddisfazione : i feedback e azioni di miglioramento La gestione delle obiezioni L importanza dell ascolto nella relazione Creare qualità nel servizio L approccio positivo con il cliente Il pensiero positivo Il sorriso Il concetto di gioco: giocare con sé stessi Superare i comportamenti limitanti Convogliare le energie negative in energie positive L entusiasmo come motore Il concetto di qui ed ora Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 8 di 33

9 Leadership Leadership al Femminile L evoluzione del ruolo di Leader L Assertività al femminile Le donne e la gestione dei collaboratori La leadership al femminile La consapevolezza del proprio ruolo La chiave del successo Individuazione del proprio stile di leadership La leadership affettiva Autoritario o autorevole? Modi diversi di essere capo La relazione affettiva: instaurare nuovi rapporti con i collaboratori Delega e empowerment: allevare collaboratori d eccellenza Trasmettere i saperi: come diffondere conoscenze e competenze La leadership del benessere Rafforzare la motivazione Prevenire e ridurre lo stress nei collaboratori Abbattere le barriere Trasmettere la passione e l entusiasmo ai collaboratori Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 9 di 33

10 La leadership condivisa La pluralità nelle organizzazioni Essere leader Le relazioni tra collaboratori La circolazione delle informazioni La condivisione La fiducia Oneri e onori La responsabilità individuale, la responsabilità di gruppo Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 10 di 33

11 Sviluppare il team Teambuilding Il gruppo Da gruppo a squadra Le fasi di costruzione di un gruppo Cosa vuol dire far parte di una squadra Il senso di appartenenza I sentimenti aggreganti Il benessere relazionale Il segreto di un team di successo Il flusso comunicativo La fiducia in sé stesso e negli altri Come fare gioco di squadra La soddisfazione condivisa Formazione formatori La comunicazione e l ascolto L importanza di ascoltare veramente L arte del parlare in pubblico La gestione delle aspettative Gestione dell aula Tenere viva l attenzione mediante domande Il clima d aula La relazione con le persone La metodologia d insegnamento Come trasmettere i propri valori La gestione degli strumenti multimediali: presentazioni, immagini, filmati e musica Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 11 di 33

12 La valorizzazione del personale over 45 I processi di cambiamento dell organizzazione Valorizzare le differenze generazionali Tecniche di gestione del conflitto L ascolto attivo e l assertività Ritrovare la motivazione Porsi nuovi obiettivi Ripensare al proprio percorso di carriera Trappeur, la cucina fai da te* Stimolare la creatività e l ingegno Imparare a lavorare con le risorse a dispozione Fare squadra cooperando per il raggiungimento degli obiettivi comuni e sviluppare la voglia di stare insieme Gestire il tempo e il lavoro di gruppo Sviluppare la capacità di gestire gli imprevisti Enigma* Sviluppare il pensiero laterale Rafforzare il senso di appartenenza alla squadra Trovare soluzioni innovative Creare sistemi di autorganizzazione interna e suddivisione del lavoro Sperimentare la leadership condivisa Misurare il raggiungimento di obiettivi prefissati Attori per un giorno* Sviluppare una comunicazione efficace Favorire la circolazione delle informazioni Rinforzare il senso di appartenenza alla squadra Stimolare la creatività nella relazione Rinsaldare la fiducia nella squadra Facilitare il cambiamento organizzativo Risolvere la gestione dei conflitto *attività esperienziale Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 12 di 33

13 Change Management Flessibilità e gestione del cambiamento L uomo, l animale con maggiore adattabilità Krisis:la crisi, la scelta Il passato che tiene in ostaggio il futuro La ricerca di nuovi equilibri Come ridurre le resistenze al cambiamento La difficoltà a lasciare la zona di comfort La perdita dei tradizionali modi di agire Gestire le sfide. Il cambiamento continuo La cultura ed i valori dell impresa e delle persone : capire che cosa sta cambiando Saper cambiare opinione sulle cose I pregiudizi e la resistenza al cambiamento Il pensiero laterale, non focalizzarsi sullo stesso punto di vista La leadership e proattività individuale Relationship building : sviluppare la capacità di costruire e creare relazioni Diversity management e cambiamento culturale La pluralità nelle organizzazioni Strategie e processi di comunicazione del Diversity Management Il personale multiculturale e la valorizzazione delle diversità Conflitti generazionali e divario tecnologico Donne, leadership e integrazione La pianificazione delle carriere nel rispetto delle diversità Gli espatriate Conciliazione vita- lavoro Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 13 di 33

14 Problem solving creativo La struttura del processo creativo Il metodo Solution making Sviluppare canali percettivi La corretta definizione del problema Creative Thinking: come trovare soluzioni alternative I cantieri di creatività: tecniche per produrre le idee Differenze di genere La cultura ed i valori dell impresa e delle persone : capire che cosa sta cambiando La diversità come valore Relationship building : sviluppare la capacità di costruire e creare relazioni Conoscenza e consapevolezza di sé Pensare alle differenze Differenze di genere : età, sesso, cultura, etnia Disagio di Genere Costruire nuovi modelli di cultura organizzativa La comunicazione di genere Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 14 di 33

15 Organizzazione Aziendale Time Management: la gestione del tempo Tempo e produttività personale Concetto di efficacia e efficienza Il tempo negoziabile Differenza tra urgenza e importanza Superare le perdite di tempo Definire le priorità Metodi e strumenti per organizzare il tempo La consapevolezza degli usi e abusi della risorsa tempo Relazioni Interne La comunicazione efficace L ascolto Il lavoro di gruppo e la condivisione La valorizzazione delle persone La customer satisfaction interna Le Riunioni Efficaci Gli strumenti per organizzare e gestire le riunioni La gestione degli imprevisti I metodi per incrementare l efficacia delle riunioni Prendere decisioni condivise La gestione del tempo e il lavoro per obiettivi Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 15 di 33

16 La Negoziazione La comunicazione e l ascolto attivo Separare la persona dal problema Le posizioni contrapposte Il confronto: individuare interessi comuni Coinvolgere le persone nella discussione Trovare soluzioni condivise Metodi e tecniche di negoziazione La Gestione e Motivazione dei collaboratori La gestione dei collaboratori L importanza delle risorse umane per il successo dell impresa Le abilità e competenze per la gestione dei collaboratori La relazione capo collaboratore I comportamenti per migliorare la qualità della relazione con il collaboratore L ascolto attivo del collaboratore Gli stile di direzione dei collaboratori La leadership situazionale La valorizzazione delle differenze professionali nelle organizzazioni I processi di trasformazione dell organizzazione Il diversity management Le competenze in azienda Individuare le peculiarità: il bilancio delle competenze Valorizzare le persone e le loro diversità La Consapevolezza: di sé, dell organizzazione, dei cambiamenti La gestione delle aspettative La responsabilità personale nell affrontare i cambiamenti Tecniche per l auto motivazione La gestione del centralino La comunicazione non verbale e il linguaggio del corpo (anche a telefono!) Le fasi della telefonata Accoglienza telefonica e filtro telefonico Gestire la comunicazione con il cliente interno ed esterno I tipi di interlocutori Come ascoltare : l esplorazione dei bisogni del cliente La raccolta delle informazioni Definizione delle priorità Il feedback Le parole da evitare nel rapporto telefonico L uso delle domande La chiusura efficace Archiviazione e gestione delle informazioni Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 16 di 33

17 Area Commerciale La Negoziazione di Vendita Individuare il cliente potenziale La comunicazione vincente e persuasiva Comprendere le aspettative del cliente Le tecniche di chiusura per concludere con successo le trattative Trasformare i conflitti in negoziati Gestione delle obiezioni trasformandole in opportunità Instaurare un rapporto empatico La Comunicazione nel rapporto commerciale La comunicazione interpersonale Comprendere le aspettative del cliente I bisogni del cliente Le soluzioni personalizzate L ascolto empatico Nuovi canali nella comunicazione col cliente Esplorazione e individuazione delle esigenze del cliente Il sorriso a telefono L ascolto attivo: ottenere le informazioni utili Metodologie per migliorare la comunicazione fredda (che avviene attraverso i mezzi tecnologici) I punti chiave di una telefonata Tecniche telefoniche di sviluppo commerciale Controllare lo stress della telefonata La comunicazione via mail La mail di qualità Cosa evitare nella comunicazione scritta Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 17 di 33

18 Web Marketing e Comunicazione 2.0 L Azienda sul web: come differenziare la comunicazione e la strategia commerciale Pianificare la strategia di marketing Posizionamento sui motori di ricerca Parole chiave, link popularity, tracciamento degli accessi Analisi e piano di web marketing Trend del Mercato e Benchmarking Viral, Ninja, Guerrilla, Tribal, Social Marketing nuove strategie per gestire il marketing Social Network, campagne marketing e personal branding: nuovi modi per relazionarsi con il mercato e con i clienti Gli strumenti per promuovere la propria azienda: Portali, Newsletter, Mailinglist, Newsgroup,Forum Web Tracking (strategie di accesso al proprio sito) Presidiare la comunicazione online La vendita telefonica Il cliente al centro delle relazioni La dimensione emotiva nella relazione commerciale Come creare sintonia a distanza I tre canali sensoriali teorizzati in PNL Il nuovo ruolo del venditore I principi della customer satisfaction e monitoraggio della soddisfazione Orientamento al prodotto e orientamento al servizio Tecniche di vendita : il colloquio di vendita Il post vendita e la continuità del rapporto Il venditore come consulente La negoziazione La gestione del conflitto : trasformare le obiezioni in opportunità La gestione strategica del cliente difficile, dei reclami e delle lamentale Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 18 di 33

19 Sviluppare la professionalità in azienda Assistente di Direzione La comunicazione efficace con interlocutori diversi Il cliente esterno, il cliente interno La comunicazione scritta Phone skills: la comunicazione non verbale e il linguaggio del corpo a telefono Accoglienza telefonica e filtro telefonico Le 3 A : accoglienza, assistenza, affidabilità L Intelligenza emotiva e l empatia L autocontrollo, assertività ed entusiasmo La Leadership e la gestione dei collaboratori La customer satisfaction Essere il supporto attivo per il proprio responsabile Tempo e produttività personale Project management : la pianificazione e l organizzazione del tempo L organizzazione delle riunioni La raccolta delle informazioni Archiviazione e gestione delle informazioni La gestione del conflitto : trasformare le obiezioni in opportunità La gestione strategica delle criticità e degli imprevisti Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 19 di 33

20 Addetto al Front Office Noi siamo il biglietto da visita dell azienda! La comunicazione efficace La comunicazione verbale e non verbale La gestione del centralino Comporre mail efficaci Metodologie di ascolto : ascolto passivo, ascolto attivo L accoglienza La prima impressione Visione d insieme Il rapporto con gli altri Le relazioni interpersonali L empatia Capacità di capire sentimenti ed emozioni L entusiasmo Addetto al Call Center Vendere valore Il monitoraggio della soddisfazione La responsabilità della relazione La qualità nella relazione Il nuovo ruolo del venditore I principi della customer satisfaction Orientamento al prodotto e orientamento al servizio Tecniche di vendita : il colloquio di vendita Il post vendita e la continuità del rapporto Il venditore come consulente La negoziazione La gestione del conflitto : trasformare le obiezioni in opportunità La gestione strategica del cliente difficile, dei reclami e delle lamentale Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 20 di 33

21 Crescita personale Intelligenza emotiva Le 5 abilità La mente razionale e la mente emozionale La gestione delle emozioni Conoscere se stessi L equilibrio interiore Accrescere la motivazione Il significato soggettivo del lavoro La motivazione personalizzata I fattori di motivazione e demotivazione nel lavoro Il senso di appartenenza alla squadra Le leve su cui agire per motivare i collaboratori La condivisione di successi e insuccessi Essere imprenditori di sé stessi Come ritrovare coinvolgimento, impegno, orgoglio Autostima La conoscenza di sé Il superamento della convinzioni limitanti Scoprire le proprie potenzialità Accettare i propri limiti Avere un buon dialogo con sé stessi La consapevolezza di sé e dei propri atteggiamenti Le resistenze al cambiamento L empowerment individuale Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 21 di 33

22 La creatività e i laboratori creativi La comunicazione intelligente Il pensiero laterale, non focalizzarsi sullo stesso punto di vista La ricerca di nuove soluzioni (creative problem solving) Ridurre le resistenze al cambiamento Gli ostacoli: è sempre un problema di comunicazione La leadership e proattività individuale I laboratori creativi sono un ottimo strumento per sperimentare nuove dinamiche di interazione con i propri collaboratori. Attraverso le varie prove che vengono proposte le persone sono chiamate a mettersi in gioco, per sé e per il gruppo. Attraverso i laboratori si possono imparare delle modalità alternative per affrontare il quotidiano e per gestire al meglio le persone che lavorano per noi. Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 22 di 33

23 Gestire lo stress La gestione dello stress Origine dello stress: cause e risoluzione Differenza tra distress e eustress I fattori stressogeni Gestione delle emozioni e responsabilizzazione del lavoro Comunicazione e cambiamento organizzativo L autocontrollo Il concetto di benessere Dallo stress al benessere Stress, mobbing, burn out Cos è lo stress Lo squilibrio tra l individuo e il suo contesto ambientale La percezione della realtà Il mobbing Riconoscere i segnali Mettersi in ascolto Il burn out La gestione dell eccesivo coinvolgimento La relazione d aiuto La capacità reattiva La prevenzione Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 23 di 33

24 Zen&Mindfulness Oltre l autostima Zen e Meditazione: istruzioni base Autostima ed opinioni Lo specchio degli altri La sospensione del giudizio Giù la maschera: consapevolezza e accettazione di sé Il peso del passato: i condizionamenti L orientamento al presente Diventare l artefice del proprio mondo Strumenti e metodi pratici per acquisire la consapevolezza di sé Zen e Management Introduzione allo Zen e alla consapevolezza attiva Il presente, tempo della realtà Lo straordinario potere della non-azione Gestire e modificare le emozioni negative Tecniche per imparare ad abbassare il livello di stress negativo Vivere nel cambiamento e flessibilità Libertà e responsabilità Tendere alla qualità totale e al miglioramento continuo Nuove risorse, nuovi stili di direzione Gestione dello stress e delle risorse personali Essere un vero leader La consapevolezza che aiuta la comunicazione Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 24 di 33

25 Il protocollo Mindfulness per la riduzione dello stress Cause e danni dello stress: i sintomi Lo zen e il mindfulness La meditazione vigile La mente e il benessere La consapevolezza e la lucidità Tecniche di mindfulness (o presenza mentale attiva) Strumenti per attenuare gli effetti psicofisici dello stress negativo Atteggiamenti proattivi verso lo stress Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 25 di 33

26 La qualità: competitività e rinnovamento La qualità per consolidare l azienda Definire mission, vision e obiettivi aziendale Razionalizzare le procedure e le istruzioni operative Stabilire attività, funzioni e responsabilità operative per rendere le persone più consapevoli del proprio ruolo Strutturare nel processo di misurazione delle performance Qualità ed elimazione degli sprechi Individuare le attività che non aggiungono valore e/o servizi Cliente interno, cliente esterno: differenze ed approcci Strutturare i passaggi della filiera fornitore-cliente Tecniche di organizzazione snella : il valore aggiunto nei processi aziendali L utilizzo dei dati e delle informazioni per migliorare il lavoro Qualità e miglioramento continuo Cambia il modo d essere e di lavorare delle persone La persona e la sua percezione del lavoro Il focus sui risultati La prevenzione degli errori e le opportunità di miglioramento Customer satisfaction: implementare i sistemi di aiuto valutazione/ eterovaluatzione Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 26 di 33

27 Percorso sensoriale Il percorso al Buio è un esperienza coinvolgente e totalizzante, che si pone lo scopo di migliorare la conoscenza di sè e degli altri. Il setting formativo è completamente oscurato e i partecipanti si muovono nella stanza in assoluto silenzio dove l unico suono è la voce-guida del trainer. E una sfida che ogni partecipante accetta di intraprendere, poichè interdetto dalla vista, deve trovare risorse alternative a cui affidarsi. L obiettivo è quello di acquisire maggiore consapevolezza di sé stessi, migliorare le capacità relazionali e di gestione degli imprevisti, affinare la capacità di utilizzare quei sensi che nella quotidianità sono sopiti. Senza l aiuto della vista ci si deve inventare nuove modalità per comunicare ed entrare in relazione con gli altri, si devono trovare nuovi equilibri e si devono intraprendere nuove strade sconosciute. Essere in condizione di temporanea cecità aumenta la sensibilità del corpo che diventa un vero e proprio strumento di comunicazione con gli altri e fa sperimentare nuove fore di relazione orive dei condizionamenti che la vista comporta. Dopo una fase iniziale di disorientamento, si raggiunge una sorta di armonia con se e con gli altri, diventando più consapevoli delle proprie capacità. La sessione si conclude con un debriefing - non più al buio - dove si condividono e si analizzano le impressioni,le criticità, le sensazioni, le emozioni sull intera attività. Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 27 di 33

28 Percorso Dirigenti Il dirigente di oggi è una figura professionale con abilità e capacità manageriali particolarmente elevate, in grado di innescare un cambiamento culturale nelle persone, facendosi carico della capacità dei propri collaboratori e gestendo con flessibilità le difficoltà di un mercato in costante evoluzione. Un leader quindi, che guida ed incoraggia le persone a diventare imprenditori di sè stessi, spingendoli ad assumersi la responsabilità del lavoro e contribuire al pieno sviluppo dell organizzazione. Il corso affronterà temi legati alla comunicazione interpersonale, alla creazione della squadra, all empowerment e motivazione. Ma anche analisi del mercato, del contesto economico e del territorio. Area sviluppo personale La fiducia in sé Entusiasmo Creare relazione interpersonali La motivazione e l ambizione Lo spirito di iniziativa Leadership e Autorevolezza Area sviluppo organizzativo La squadra e il senso di appartenenza La delega come strumento di valorizzazione delle persone Capacità di sviluppo e valorizzazione dei collaboratori Il bilancio delle competenze Il Diversity management La visione d insieme Il Change Management Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 28 di 33

29 Area sviluppo professional Costruzione e realizzazione di piani di Sviluppo del Territorio L approccio al mercato Lo sviluppo commerciale attraverso le persone Gestione efficace delle risorse disponibili Il Budgeting e il reporting La negoziazione La gestione conflitti Area sviluppo collaboratori La relazione capo-collaboratore : la percezione reciproca Le abilità e le competenze per la gestione dei collaboratori Gli elementi critici del processo di comunicazione : la condivisione delle informazioni L ascolto attivo del collaboratore Gli stili di direzione dei collaboratori : la leadership del benessere Le caratteristiche e il funzionamento del gruppo di lavoro La gestione dei conflitti interpersonali Il processo della delega e la trasmissione efficace dei compiti La formulazione delle critiche costruttive Le modalità di valutazione dei collaboratori e controllo sull operato La gestione delle priorità e delle urgenze La previsione e gestione degli errori Il coinvolgimento nella soluzione dei problemi La motivazione e lo sviluppo dei collaboratori Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 29 di 33

30 Individuazione e gestione talenti In una situazione contingente di forte cambiamento economico e sociale ogni azienda, per stare al passo con i tempi, ha dovuto, o dovrà, dotarsi di un adeguato modello organizzativo, caratterizzato da una serie di figure chiave dotate di un forte senso di responsabilità, capacità imprenditoriale e flessibilità. È necessario quindi formare dei talenti, ovvero delle persone in grado di gestire risorse, gestire il mercato con una forte carica emotiva e senso di appartenenza, per motivare, condurre e far crescere sia sé stessi che il gruppo a loro affidato. L obiettivo è quindi quello di creare un pool di persone particolarmente capaci con skills, conoscenze e competenze sia tecniche che manageriali, in grado di concretizzare e sviluppare le competenze di altre persone, diventando quindi punti di riferimento nei confronti degli altri colleghi. Il percorso si articola di quattro moduli: Individuazione dei talenti - Questionerio da sottoporre ai responsabili/ Direttori di reparto Bilancio delle competenze Formazione tecnica e comportamentale Mentoring Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 30 di 33

31 PSO - Progetto di Sviluppo Organizzativo Il PSO è un progetto di consulenza che parte dalla individuazione e dalla mappatura dei ruoli in azienda attraverso l analisi delle Job Description. Il secondo step prevede la rilevazione delle competenze possedute attraverso diverse ed articolate metodologie, così da arrivare alla redazione del funzionigramma che sarà poi trasformato in organigramma (apportando eventuali modifiche o revisione a quello presente in azienda). Attraverso i dati raccolti in questa fase sarà possibile elaborare il disegno strutturale di governance, nonchè il programma di sviluppo delle competenze individuali attraverso dei percorsi mirati di crescita. Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 31 di 33

32 Le mappe per orientarsi e progettare Quella delle mappe del pensiero è metodologia per sviluppare, descrivere e condividere graficamente le idee, sia a livello individuale, sia nel lavoro di gruppo. Tra gli strumenti che rientrano in questo ambito figurano le mappe mentali, le mappe concettuali e le solution map. Una mappa è uno strumento di impostazione mentale estremamente efficace, perché aiuta ad acquisire consapevolezza e metodo: la visualizzazione consente di percepire l articolazione di idee e concetti, di comprendere le strategie mentali adottate semplicemente osservando il modo in cui gli elementi fanno la loro comparsa, vengono modificati e progressivamente combinati. In questo modo diventa più facile seguire il filo dei propri pensieri, svilupparli e condividerli con colleghi, collaboratori e committenti. Avendo queste caratteristiche il mapping facilita la collaborazione nell analisi di situazioni ed opportunità, aiuta nella definizione e la condivisione di obiettivi, migliora la pianificazione delle attività nei progetti e nelle soluzioni, snellisce e consolida i processi di delega, supporta il trasferimento di conoscenze ed esperienze, stimola la creatività e la proattività tra i collaboratori, consente di creare un clima positivo impostato sul dialogo. La proposta si configura come un percorso di apprendimento nel quale, oltre a ricevere nozioni su tecniche e strumenti, vengono individuate situazioni tipiche e discusse opzioni realizzative su specifiche necessità. Proposte Formative - Catalogo corsi Personae 32 di 33

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli