DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE 5 H a.s. 2014/15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE 5 H a.s. 2014/15"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE 5 H a.s. 2014/15 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO "Blaise Pascal" P.le Macrelli, Cesena (FC) Tel Cod.fisc Cod.Mecc. FOTF Il presente documento, redatto in coerenza con l Art. 6 O.M. n. 37/2014 relativamente alle modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli Esami di Stato, è composto dai seguenti elementi: INDICE a) Presente prospetto, relativo alla composizione del Consigli di classe. b) Presentazione dell istituto e del curricolo relativo all indirizzo, così come presente nel P.O.F. c) Criteri di valutazione didattico-formativi. d) Presentazione della classe e delle attività aggiuntive, integrative e di recupero. e) Contenuti e metodi disciplinari (Programmi disciplinari). f) Attività svolte in preparazione all Esame di Stato e griglie di valutazione simulazione prove scritte. g) Testi delle simulazioni di prove.

2 a) Composizione del consiglio di classe INDIRIZZO: Informatica e Telecomunicazioni Disciplina del piano di studio Informatica e Telecomunicazioni Ore svolte al Docente Lingua e letteratura italiana 113 Gasperoni Paola Storia 57 Lingua straniera (Inglese) 75 Alecci Erminia Firma di approvazione Matematica 76 Bazzocchi Marco Informatica 183 Molara Federico Tinelli Donato G. Gestione progetto, organizzazione d impresa 98 Serri Mauro Silimbani Brigida Sistemi e reti 110 Serri Mauro Tinelli Donato G. Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di 110 Sintuzzi Maurizio Tinelli Donato G. telecomunicazioni Scienze motorie e sportive 61 Bazzocchi Elisabetta Religione 25 Pacchioni Daniele

3 b) Presentazione generale dell'istituto Nell'anno in corso l Istituto è costituito da 37 classi composte da 10 prime, 7 seconde, 8 terze (di cui 3 di Automazione e 5 di Informatica, 5 quarte ( 2 di Automazione e 3 di Informatica), 6 quinte (2 di Elettronica e 4 di Informatica) oltre ad una classe quinta del corso serale di Informatica SIRIO. Gli indirizzi attuali per le classi quinte (nuovo ordinamento) sono: Elettronica e Elettrotecnica, articolazione Elettronica, Informatica e Telecomunicazioni articolazione Informatica, Informatica serale (progetto SIRIO ). Il nostro Istituto vanta oltre cinquant anni di tradizione nell'insegnamento nell'ambito degli indirizzi elettronici ed informatici, e raccoglie allievi da un ampia area di Comuni delle province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. Le strutture dell Istituto sono utilizzate al massimo grado, sia per quanto riguarda le aule ordinarie che per i laboratori, anche attraverso l utilizzo di alcuni locali presso l adiacente Scuola Media di Via Plauto. L Istituto è sede inoltre di un corso serale per periti Informatici (Sirio) di corsi post-diploma IFTS e ITS. A completamento del riordino degli Istituti Tecnici, la riorganizzazione dei contenuti disciplinari e delle cattedre dei docenti conseguenti all unificazione dell orario scolastico pari a 32 ore settimanali, ha determinato un evoluzione dell orario obbligatorio degli insegnanti con l assegnazione di cattedre interne non più ordinarie, nella ricerca della massima efficienza nel salvaguardare l equilibrio dei corsi e la continuità didattico-professionale dei docenti. Il dibattito che si è svolto nel presente anno, in coerenza con il P.O.F, ha riguardato numerose attività progettuali realizzate sia nel tempo aggiuntivo pomeridiano, che in ore di flessibilità mattutine, con una varietà di iniziative per il recupero e il sostegno in itinere degli allievi e commissioni di lavoro impegnate per la realizzazione di alcune prospettive di innovazione individuate dalle recenti normative sull Istruzione Tecnica. Si sono sperimentati gruppi di lavoro interni di tipo gestionale/organizzativo (Aree diversificate e strategiche per l Istituto assegnate a cinque funzioni strumentali, dipartimenti disciplinari organizzati in modo autonomo e flessibile, commissioni di lavoro, attività di orientamento in ingresso e per gli studenti delle classi quinte, commissione interna per la gestione delle prove di valutazione Invalsi con relativo monitoraggio delle stesse, progetti europei), progetti sulla dispersione e la prevenzione del disagio scolastico, integrazione degli alunni stranieri, organizzazione di corsi di recupero e sostegno disciplinare pomeridiani, progetti pomeridiani di ampliamento ed arricchimento dell offerta formativa rivolti a studenti, varie iniziative interne di autoaggiornamento per docenti, olimpiadi di Informatica e Matematica ), con risultati certamente positivi, sia per la competenza dimostrata dai docenti designati, che per lo spirito di collaborazione dimostrato dal corpo insegnante nel suo complesso. Sono state realizzate significative collaborazioni e nuovi rapporti con varie aziende e Università locali, sia per le attività connesse all orientamento scolastico e professionale (stages estivi, alternanza scuola-lavoro e corsi IFTS), sia in merito alle prospettive individuate dalle recenti disposizioni sull Istruzione Tecnica Superiore (ITS), con l avvio di uno specifico corso che vede il nostro istituto scuola-pilota nell ambito della prevista fondazione di partecipazione. L avvio di tale corso post-diploma contemporaneamente al riordino dell istruzione tecnica ha poi dato vita a numerose iniziative, con particolare riferimento al dibattito sulla valorizzazione dell istruzione e della cultura tecnica. Sul piano organizzativo-didattico, si è proceduto ad un costante confronto disciplinare attraverso la revisione e l aggiornamento dei contenuti disciplinari e delle strutture laboratoriali verso il modello dell acquisizione delle competenze, come previsto dalla normativa sull obbligo scolastico e dalle norme sul riordino dell istruzione secondaria.

4 Per il recupero di eventuali carenze emerse nel profitto degli allievi e per il rafforzamento dei contenuti, si sono realizzate durante l intero anno scolastico varie attività pomeridiane di recupero e sostegno in numerose discipline, potenziate particolarmente durante il secondo quadrimestre anche in relazione ai criteri normativi previsti per l ammissione agli esami di stato. All interno dei singoli Consigli di Classe, redatto dai Docenti Coordinatori, si è proceduto alla realizzazione di un POF di Classe quale strumento condiviso per l individuazione di tutta una serie di strategie (organizzative, complementari, didattiche, di recupero e di arricchimento ) per un efficace ed operativa azione di progettazione didattica. Locali d uso generale. - Biblioteca d Istituto, con oltre volumi, PC, numerose riviste in abbonamento, supporti multimediali e materiale informativo per l orientamento scolastico e professionale; - Sei aule (ad uso di alcune classi del triennio) collocate presso l adiacente scuola media Plauto - Due aule docenti e una Sala Riunioni con accesso remoto ADSL, videoproiettore, TV-DVD. - Aule di ricevimento docenti, aula riservata per le Funzioni strumentali e Aula Blu (Staff, RSU); - Uffici per il personale amministrativo, Ufficio tecnico, Uffici per il Dirigente e D.S.G.A., Vicepresidenza, Seg. Didattica, locali adibiti a piccole riunioni (Giunta e Consiglio di Istituto, commissioni di lavoro, incontri di rappresentanza con esterni, gestione degli scrutini...); - Aula multimediale per attività didattiche e progetti (aula 10) - Magazzino per materiale tecnico e di segreteria - Bar d Istituto (attivo in orario scolastico), palestra - Museo delle apparecchiature elettroniche ed informatiche Laboratori per l'indirizzo di Elettronica ed Elettrotecnica - Laboratorio di Elettronica ed Elettrotecnica (Lab. 51) - Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici ( lab. 23) - Laboratorio di Sistemi Automatici (lab. 12) Laboratori per l'indirizzo di Informatica e Telecomunicazioni. - Laboratorio di Telecomunicazioni (Lab. 38) - Laboratorio di sistemi e reti ( lab. 39) - Laboratorio di Informatica e Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni (lab. 13) - Laboratorio di informatica e tecnologie informatiche ( lab.2 e lab.38) Profilo culturale del Perito in Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo integra competenze di analisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici e di telecomunicazioni. Affronta i temi delle basi di dati, delle reti di sistemi di elaborazione, di sistemi multimediali e apparati di trasmissione e ricezione dei segnali, delle applicazioni e tecnologie Web, di software gestionale e orientato ai servizi. Profilo professionale Il diplomato nell indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha le seguenti competenze:

5 a. scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; b. descrivere e comparare il funzionamento di dispositivi e strumenti elettronici e di telecomunicazione; c. gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza; d. gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali; e. installare, configurare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti; f. sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza. Piano di Studi (2 biennio e 5 anno di Informatica e Telecomunicazioni Articolazione Informatica 32 ore settimanali) Materia 2 biennio V Prove III IV Religione / Attività Alternative Scienze motorie e sportive OP Lingua e lettere italiane SO Storia O Lingua straniera (Inglese) O Matematica SO Complementi di matematica SO Telecomunicazioni 1+2 lab 1+2 lab - SOP Informatica 3+3 lab 3+3 lab 3+3 lab SOP Sistemi e reti 2+2 lab 2+2 lab 1+3 lab SOP Tecnologie e progettazione di 2+1 lab 1+2 lab 1+3 lab SOP sistemi informatici e di telecomunicazioni Gestione progetto, lab SOP organizzazione d impresa Totale ore settimanali 32 (8) 32 (9) 32 (10) Prove: S. prova scritta, G. prova grafica, O. prova orale, P. prova pratica (tra parentesi sono indicate le ore di lezione da effettuarsi in laboratorio)

6 c) Modalità di valutazione del Consiglio di Classe Il consiglio di classe si è attenuto alle indicazioni fornite dalla tabella A allegata al DM 99/09 che qui si riporta: TABELLA A allegato dm 99 (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) Media dei voti Credito scolastico (Punti) CREDITO SCOLASTICO Candidati interni CREDITO SCOLASTICO (PUNTI) I anno II anno III anno M = < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Al fini dell ammissione alla classe successiva e dell ammissione all esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento vigente. Sempre ai fini dell ammissione alla classe successiva e dell ammissione all esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l attribuzione di un unico voto secondo l ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti. I criteri tenuti in considerazione per l attribuzione del voto di condotta e per l attribuzione dei punteggi all interno della fascia di appartenenza sono stati considerati in relazione a quanto indicato nel POF di istituto ovvero: Rispetto dell art. 3 (Doveri) dello statuto delle studentesse e degli studenti con successive modificazioni e integrazioni (DPR 235 del ); Osservazione e rispetto delle norme contenute nel Regolamento interno d Istituto; Assiduità nella frequenza scolastica, puntualità alle lezioni e nelle consegne assegnate; Interesse e capacità relazionali manifestati; Partecipazione attiva alle iniziative didattiche della scuola.

7 In generale, valutazioni positive nella condotta corrispondono ai voti otto e nove; il dieci evidenzia una condotta esemplare; il sette rappresenta un comportamento comunque discreto. Nella assegnazione del punteggio il Consiglio di classe tiene conto: del profitto; della assiduità della frequenza; dell interesse ed impegno nella partecipazione al dialogo educativo; di eventuali crediti formativi. Il credito formativo può essere riconosciuto dal Consiglio di Classe sulla base delle esperienze maturate dall alunno al di fuori della scuola, coerenti con l indirizzo di studi e debitamente documentate. Le esperienze formative, ai fini dell attribuzione del credito, devono: essere debitamente documentate; riferirsi principalmente ad attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione ed allo sport; consistere in qualificate esperienze coerenti con gli obiettivi educativi e formativi del tipo di corso che si frequenta. Ciascun C.d.C. in piena autonomia valuterà la coerenza dell esperienza formativa svolta non solo in relazione ai criteri generali sopra indicati, ma anche agli obiettivi formativi e specifici indicati nella programmazione di classe. Modalità di valutazione del consiglio di classe: CRITERI di VALUTAZIONE La valutazione è stata continua e personalizzata ed ha verificato in particolare la situazione in itinere. La tipologia delle prove è stata diversificata: elaborati scritti, questionari a risposta chiusa e aperta secondo la tipologia delle terze prove dell esame di stato ( solitamente tipologia b), test di comprensione, relazioni. Per la VALUTAZIONE FORMATIVA si è tenuto conto della riflessione sull errore, di simulazioni e prove inerenti l Esame di Stato, di verifiche intermedie all interno di moduli e / o unità didattiche, di verifiche connesse all attività di Laboratorio, di contributi personali offerti nell Area di progetto. La VALUTAZIONE SOMMATIVA, oltre che dei risultati delle singole prove, ha tenuto conto dell impegno, della partecipazione, dei progressi degli allievi rispetto ai livelli di partenza, dell autonomia operativa, del contributo fornito nella realizzazione dell area di progetto. I risultati tengono conto delle indicazioni emerse dal Collegio Docenti e sono così articolati: voto 10 Eccellente capacità espositive e di rielaborazione; ricche conoscenze; autonomia operativa voto 9 Ottimo solide conoscenze; capacità di esprimere in modo logico, corretto e con proprietà le proprie conoscenze voto 8 Buono applicazioni corrette, conoscenze sicure; articolazione espositiva chiara e corretta voto 7 Discreto comprensione delle relazioni; conoscenze precise; esposizione chiara ed appropriata voto 6 Sufficiente comprensione degli aspetti fondamentali; conoscenze essenziali ; esposizione semplice e lineare

8 voto 5 Insufficiente comprensione parziale delle relazioni; conoscenze imprecise, esposizione incerta e non appropriata voto 4 Gravemente insufficiente comprensione difficoltosa; conoscenze lacunose, esposizione stentata e scorretta voto 1 3 Nettamente insufficiente mancata comprensione ed applicazione; conoscenze pressoché inesistenti; esposizione non chiara e gravemente scorretta

9 d) Presentazione della classe e delle attività aggiuntive, integrative e di recupero. CLASSE 5^ H A.S. 2014/ /13 3^H 2013/14 4^ H 2014/15 5^ H ISCRITTI RITIRATI PROMOSSI RESPINTI La classe ha iniziato il percorso del triennio nell anno con la presenza di 23 alunni; al termine del 5 anno risulta composta da 23 studenti, poiché durante il percorso dell intero triennio ci sono stati 2 respinti e 2 ritirati, ma nel corso del triennio vi sono state 3 nuove iscrizioni. Continuità dei docenti La titolarità dei docenti delle singole materie di corso, nell arco dei tre anni, si riassume come segue. Disciplina del piano di studio Italiano Inglese Matematica telecomunicazioni Informatica T.P.S.I.T Sistemi e Reti Classe Periodo Docente 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 Gasperoni paola Gasperoni Paola Gasperoni Paola Castagnoli Roberta Alecci Erminia Alecci Erminia Bazzocchi Marco Bazzocchi Marco Bazzocchi Marco Fomentelli Vanni Mazzoni Giovanni Lucchi Matteo Molara Federico Molara Federico Lucchi Matteo Lucchi Matteo Sintuzzi Maurizio Serri Mauro Serri Mauro Serri Mauro

10 Scienze motorie e sportive Religione Lab.di telecomunicazioni Lab. di informatica Lab. di sistemi e reti 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 Tonti Enrico Tonti Enrico Bazzocchi Elisabetta Pacchioni Daniele Pacchioni Daniele Pacchioni Daniele Zoffoli Paolo Zoffoli Paolo Tinelli Donato Tinelli Donato Tinelli Donato Lab T.P.S.I.T Gestione progetto, organizzazione d impresa (GPOI) 3 a 4 a 5 a 3 a 4 a 5 a a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 Tinelli Donato Silmbani Brigida Tinelli Donato Serri Mauro Lab GPOI 3 a 4 a 5 a a. s. 2012/2013 a. s. 2013/2014 a. s. 2014/2015 Silimbani Brigida VALUTAZIONE COMPLESSIVA DELLA CLASSE All interno della classe, dal punto di vista della frequenza, non vi sono mai state particolari problematiche; i ragazzi hanno sempre dimostrato regolarità nelle presenze, non eccedendo con i permessi di entrata ed uscita; in un solo caso vi sono state assenze notevoli concentrate nel primo quadrimestre, ma sono state regolarmente giustificate con certificato medico. Per quanto riguarda, invece, la partecipazione al dialogo didattico educativo, non sempre si può sostenere che la classe sia stata all altezza delle aspettative, in quanto spesso un nutrito gruppo di allievi si è dimostrato poco costante e partecipe alle attività proposte. Lo stesso discorso vale per l impegno con il quale gli alunni hanno affrontato il triennio conclusivo: all interno della classe vi è un gruppetto di alunni dalle buone potenzialità, motivati allo studio e costantemente impegnati nel percorso didattico; questi allievi, tuttavia, non sono stati un esempio trainante per la maggior parte dei compagni che hanno mantenuto un atteggiamento di sopravvivenza scolastica, limitando al minimo il proprio impegno. E stato quindi spesso necessario intervenire per spronare i ragazzi ad un lavoro più serio e maturo. Nel corso del triennio l intero CdC si è inoltre impegnato a trasmettere agli allievi un corretto metodo di studio, ma non in tutti casi è stato possibile sviluppare la consapevolezza della necessità di un impegno costante, non finalizzato alle verifiche, ma all acquisizione di reali competenze e conoscenze. Pertanto il profitto della classe appare disomogeneo; abbiamo, infatti, assistito alla progressiva maturazione dei ragazzi più motivati che hanno ovviamente raggiunto ottimi risultati; alcuni alunni, al contrario, si sono accontentati di risultati, frutto di un impegno non sempre costante e approfondito.

11 PATTO FORMATIVO L attività didattica di tutto il triennio si è svolta seguendo le indicazioni contenute nel POF di classe, redatto nel primo Consiglio di classe di ogni A.S. Studenti, docenti e famiglie hanno concordato la programmazione delle verifiche, i criteri di trasparenza dei voti assegnati, i tempi di consegna delle prove scritte corrette, i criteri di organizzazione degli impegni di lavoro degli allievi a casa, i criteri disciplinari, le modalità di comunicazione dei docenti con le famiglie. Circa il rapporto scuola- famiglia, oltre alle tradizionali udienze, ogni docente ha stabilito ore personali di ricevimento genitori. Il coordinatore ha svolto azioni di tutoraggio, secondo le modalità del dialogo pedagogico, con gli alunni in maggiore difficoltà. ATTIVITA OPZIONALI, AREE PROGETTI, CORSI DI POTENZIAMENTO, ATTIVITA AGGIUNTIVE POMERIDIANE PREVISTE DAL POF DI ISTITUTO E PROGETTI PREVISTI DAL POF DI CLASSE Area di progetto : I.T.T. B. PASCAL - CESENA Anno Scolastico : 2014/15 Scheda di Progetto Titolo Classi interessate Coordinatore Videosorveglianza area GARDEN 5H Molara 1. Descrizione del Progetto Titolo Videosorveglianza area GARDEN Finalità (cosa si intende realizzare) Un server di videosorveglianza sul campo, cioè direttamente connesso in rete locale ad una o più IP-Camera. Il server memorizza i flussi video proveniente dalle telecamere su harddisk e offre, sia in rete locale che in remoto (attraverso opportuna connettività verso Internet/Intranet), la visualizzazione degli stessi in tempo reale o come consultazione degli archivi pregressi Descrizione (descrivere il problema, le motivazioni, le metodologie, il percorso) 1. Questo progetto è un sottosistema del Progetto Pascal : Sistema di Acquisizione e Consultazione remota di Temperatura, Umidità e Luminosità da realizzare al mattino coinvolgendo le classi quinte. 2. Questo progetto coinvolge le conoscenze acquisite dalla classe durante il 4 anno: reti locali, protocolli IP, TCP, UDP. 3. Permette l approfondimento di protocolli specifici per i flussi multimediali in tempo reali RTSP, RTP.

12 4. Permette di esaminare le problematiche di installazione e amministrazione di un server e la esposizione di un suo servizio su una rete pubblica Prodotti (indicare quali saranno i prodotti del lavoro; ad es. disegni, relazioni, prototipi, software, ipertesti, manuali, ecc.) Installazione di un server Windows. Installazione e configurazione delle IP-Camera. Installazione e configurazione di un prodotto per la videosorveglianza (Arteco Next) Risorse utilizzate o previste ( materiali e finanziarie) Rack con infrastruttura di rete locale cablata, dispositivi attivi e computer server. Documentazione di Arteco Server e Arteco Client (sito Internet del prodotto). PC portatile per prove di consultazione. Videocamere IP.

13 Attività aggiuntive pomeridiane previste dal pof d istituto e progetti previsti dal pof di classe: E stato affrontato il percorso di educazione alla salute dedicato alle donazioni di cui è referente la prof.ssa Bazzocchi. Sono stati inoltre organizzati vari incontri (4) di orientamento post diploma ed autonomamente i ragazzi hanno partecipato agli orientamenti proposti dall Università di Bologna. L intera classe ha partecipato alla visione dei seguenti film: Il giovane Favoloso ; Torneranno i Prati e the imitation game, quest ultimo in lingua originale con sottotitoli in italiano; le visioni sono state proposte ed organizzate dalla referente Gasperoni Paola, nel caso del film in lingua, dalla Prof.ssa Alecci Erminia. Gli allievi hanno inoltre assistito allo spettacolo Dio è qui sulla guerra civile in Rwanda presentato dal teatro civile di Marco Cortesi e Mara moschini. Un allievo ha partecipato alle olimpiadi di matematica. Per quanto riguarda le attività d eccellenza è da sottolineare l importante contributo che tre allievi della classe (Barbieri, Pancisi e Mondani) hanno dato partecipando agli incontri pomeridiani legati al progetto video sorveglianza area garden, per la realizzazione di un sistema di monitoraggio per la serra dell Istituto Garibaldi di Cesena. Percorso cittadinanza e Costituzione per un totale di 25 ore così suddivise: 15 ore di italiano; 5 di educazione fisica e 5 di informatica; per quanto riguarda tale percorso si è scelto di affrontare l approfondimento del periodo degli anni settanta prendendo spunto dal libro dedicato all omicidio del commissario Calabresi. Si allega il programma svolto di Cittadinanza e Costituzione Conoscenze: Competenze cittadinanza e costituzione: VH Collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell ambiente; Orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio Evoluzione del sistema elettorale italiano Non-violenza e obiezione di coscienza al servizio militare Stato e Chiesa in Italia: dal Risorgimento ai patti Lateranensi Gli anni settanta: la contestazione giovanile e le lotte armate Competenze di Cittadinanza A: imparare ad imparare; D: collaborare e partecipare; E: agire in modo autonomo e responsabile; G: individuare collegamenti e relazioni; H: acquisire ed interpretare l informazione Abilità: Comprendere le caratteristiche fondamentali dei principi e delle regole della Costituzione italiana. Identificare i diversi modelli istituzionali e di organizzazione sociale e le principali relazioni tra persona-famiglia- società- Stato Adottare nella vita quotidiana comportamenti responsabili per la tutela e il rispetto dell ambiente e delle risorse naturali Identificare il ruolo dei principali organismi di cooperazione internazionale e riconoscere le opportunità offerte a persone e scuola Strumenti: lettura documenti di carattere storiografico. Visione di film. Discussione in classe. Lettura di quotidiani Lettura di testi espositivi e descrittivi Lettura di testi letterari

14 VERIFICHE IN PREPARAZIONE DELL ESAME In accordo col Regolamento interno delle attività di preparazione all esame di Stato, discusso ed approvato dal Collegio dei docenti che ha recepito il Decreto Ministeriale del 20 novembre 2000, sono state programmate le seguenti attività: Simulazione delle seguenti prove d esame scritte : Prima prova scritta il giorno Seconda prova scritta il giorno Terza prova scritta : prima e seconda simulazione rispettivamente nei giorni / Inoltre ciascun docente nelle discipline pertinenti ha provveduto alla somministrazione di terze prove durante l anno scolastico in numero specificato dalla presentazione per materia privilegiando la tipologia B con quesiti a risposta breve.

15 e) Contenuti e metodi disciplinari (Programmi disciplinari). CLASSE 5H, AS 2014/15, Relazione finale del docente di INFORMATICA La maggioranza degli studenti che compongono la classe 5H proviene dalla classe quarta dell'anno precedente dove, pur avendo seguito lo stesso programma, avevano raggiunto risultati non omogenei. La classe ha mantenuto negli ultimi due anni gli stessi docenti di INFORMATICA. La classe è composta sia da studenti di ottime e buone capacità, che da studenti che mostrano difficoltà nell'approccio alla materia. Va dato atto alla maggior parte di questi ultimi di aver mantenuto sempre un discreto livello di interesse durante tutto l'arco dell'anno, consentendo il raggiungimento di obiettivi minimi di sufficienza per tutti gli studenti e al docente di svolgere le attività didattiche previste, coinvolgendo sempre la classe nella sua interezza. Gli studenti che hanno partecipato con impegno e costanza alle lezioni, nell'acquisire le competenze e conoscenze preventivate nella programmazione disciplinare, hanno anche sviluppato un metodo autonomo di studio e di approccio alla disciplina. Gli altri si sono impegnati prevalentemente in prossimità delle verifiche, attuando uno studio meno sistematico e quindi meno efficace, e le loro competenze e conoscenze non sono sempre adeguate alle capacità individuali. L'insegnamento si è basato sia su lezioni teoriche frontali, che su attività di laboratorio che hanno affiancato e talora anche anticipato gli argomenti svolti in teoria. Per le verifiche e le valutazioni sono state utilizzate le modalità indicate nel programma preventivo, condiviso con i docenti di Informatica delle altre classi dell'istituto. Pur con le suddette caratteristiche di non omogeneità dei risultati raggiunti, il sottoscritto giudica la partecipazione della classe al dialogo educativo e i risultati raggiunti mediamente buoni. Non ci sono stati tagli sui contenuti preventivati. Cesena, 12/05/2015 (prof. Federico Molara)

16 PROGRAMMA SVOLTO A.S , al 12/05/2015 Disciplina: INFORMATICA Classe: 5H (ore settimanali complessive 6 di cui 3 in laboratorio) prof. MOLARA Federico, prof. TINELLI Donato La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo studente al termine del percorso quinquennale i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale dello studente: utilizzare, in contesti di ricerca applicata, procedure e tecniche per trovare soluzioni innovative e migliorative, in relazione ai campi di propria competenza; cogliere l importanza dell orientamento al risultato, del lavoro per obiettivi e della necessità di assumere responsabilità nel rispetto dell etica e della deontologia professionale; orientarsi nella normativa che disciplina i processi produttivi del settore di riferimento, con particolare attenzione sia alla sicurezza sui luoghi di vita e di lavoro sia alla tutela dell ambiente e del territorio; intervenire nelle diverse fasi e livelli del processo produttivo,dall ideazione alla realizzazione del prodotto, per la parte di propria competenza, utilizzando gli strumenti di progettazione, documentazione e controllo; riconoscere gli aspetti di efficacia, efficienza e qualità nella propria attività lavorativa; utilizzare modelli appropriati per investigare su fenomeni e interpretare dati sperimentali; utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca ed approfondimento disciplinare. Secondo biennio e quinto anno I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attività didattiche della disciplina nel secondo biennio e quinto anno. La disciplina, nell ambito della programmazione del Consiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi all indirizzo, in termini di competenza: a) utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche elaborando opportune soluzioni; b) sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza; c) scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; d) gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza; e) redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. L articolazione dell insegnamento di Informatica in conoscenze e abilità è di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nell ambito della programmazione collegiale del Consiglio di classe. Conoscenze Quinto anno Abilità Modello concettuale, logico e fisico di una base di dati. Linguaggi e tecniche per l'interrogazione e la manipolazione delle basi di dati. Linguaggi per la programmazione lato server a livello applicativo. Tecniche per la realizzazione di pagine web dinamiche. Progettare e realizzare applicazioni informatiche con basi di dati. Sviluppare applicazioni web-based integrando anche basi di dati. In base alle linee guida ministeriali vengono individuati i seguenti moduli: N. Modulo Periodo 1 Basi di dati Settembre - Ottobre 2 Progettare una base di dati: modello concettuale Ottobre 3 Basi di dati relazionali Novembre 4 Il linguaggio SQL Dicembre - Febbraio 16

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli