L outsourcing di servizi nell Integrated Facility Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L outsourcing di servizi nell Integrated Facility Management"

Transcript

1 L outsourcing di servizi nell Integrated Facility Management Roberto Cigolini (*) Inizialmente la linea guida per implementare l'outsourcing prevedeva di esternalizzare tutto il non-core per concentrare al massimo le risorse sul core. Nel tempo molti processi sono cresciuti d'importanza e ciò ha favorito l'introduzione di nuovi strumenti gestionali tanto efficaci da estendere l'outsourcing a processi inerenti tutti i servizi. L'outsourcing è un tema molto dibattuto con contrasti vivaci tra chi lo considera una forma di sfruttamento e chi lo ritiene un valido strumento per creare valore.tuttavia, mentre il modello teorico incentiva la focalizzazione delle imprese sulle competenze distintive e l'acquisizione dal mercato di professionalità qualificate, l'applicazione pratica è non priva di insidie. Per difendersi si è fatto largo uso del l Integrated Facility Management, che comunque richiede di (1) identificare preliminarmente i processi oggetto di potenziale outsourcing, (2) mettere a fuoco le competenze necessarie per la gestione del rapporto col fornitore, (3) definire gli obiettivi di costo e qualità che l'outsourcer dovrà conseguire, (4) predisporre il meccanismo di modifica nel tempo dei livelli di servizio richiesti.al di là della metodologia d'implementazione dell'outsourcing, infine, il principale vincolo al suo utilizzo sul campo risiede nell'effettiva disponibilità di un fornitore. In Italia esistono tre categorie di operatori: (1) fornitori mono o multi servizio, (2) gestori di servizi specifici, (3) società di facility management, ciascuno con le proprie caratteristiche e il proprio ambito di clientela privilegiato. In particolare, i tratti distintivi di una vera società di facility management sono: abilità manageriale, gamma di servizi offerti, capacità di presidio contrattuale, presidio della gestione delle informazioni e capacità 1. L'outsourcing di servizi L'outsourcing - in italiano esternalizzazione, terziarizzazione ecc. è la forma contratta dell'espressione outside resourcing (prendere risorse dall'esterno) ed è un tema di gestione d'impresa molto dibattuto negli ultimi anni, con contrasti talora assai vivaci: alcune organizzazioni sindacali lo osteg- giano con forza, considerandolo una forma di sfruttamento legalizzato, mentre altri soggetti economici sia pubblici sia pri- vati [Ciaramella et al. 2009] lo ritengono un valido strumento per fare efficienza e, in definitiva, creare valore [Pala e Priste-rà 2004]. Negli anni Ottanta e Novanta del secolo scorso la linea guida per implementare l'outsourcing nelle organizzazioni è stata relativamente semplice [Quinn e Hilmer 1995, Greaver 1998]: esternalizzare tutto ciò che è non core per concentrare al massimo le risorse sul core. Più recentemente, tuttavia, si è acquisita maggiore consapevolezza dalla labile differenza tra core e non core, anche perché molti processi prima ritenuti del tutto non strategici sono cresciuti d'importanza, creando di fatto una nuova categoria intermedia [James e Mona 2004]: ad esempio, la gestione del call center difficilmente può essere ritenuta un'attività core, però operatori impreparati, sgarbati e svogliati possono ledere la competitività di un'impresa facendole perdere molti clienti, tra l'altro, in un tempo molto breve [Cigolini et al. 2005]. Questa circostanza ha favorito l'introduzione di nuovi strumenti gestionali, contrattuali e di Information and Communication Technology (ICT) che hanno un impatto importante sulle prestazioni sia interne sia esterne delle imprese: questi strumenti, se usati correttamente, si sono rivelati tanto efficaci da estendere l'outsourcing a processi inerenti il marketing, la finanza e più in generale a tutti i servizi [De Toni 2007]. Va riconosciuto comunque che, mentre il modello teorico incentiva la focalizzazione delle imprese sulle competenze distintive e l'acquisizione dal mercato di professionalità qualificate, l'anello debole del modello è spesso la sua applicazione pratica [Cigolini 2009], a cui è dedicato questo scritto. 2. Pregi e difetti dell'outsourcing di servizi Prima di ulteriori approfondimenti, è il caso di soffermarsi sui vantaggi che l'outsourcing di servizi può portare rispetto all'esecuzione in house (interna). 1. Come indicano tutti i manuali sull'argomento, si possono concentrare le risorse interne sui servizi core, tipicamente più profittevoli e strategici. 2. Si è più flessibili, poiché si trasformano costi fissi in variabili e si ritiene in generale che si possa creare o interrompere un legame con un fornitore più velocemente e facilmente rispetto all'apertura (o chiusura) di una funzione o reparto, a tutto vantaggio della snellezza organizzativa. 3. Si possono sfruttare le economie di scala del fornitore su acquisti e investimenti in competenze e tecnologie ecc. Ciò comporta: una riduzione dei costi d'acquisto per effetto sia del maggiore volume sia del maggiore potere contrattuale del fornitore, fatto che traina risparmi anche per quanto riguarda i servizi non caratterizzati da economie di scala produttive in senso proprio; l'accesso a competenze più avanzate, per effetto della maggiore capacità del fornitore di investire nei servizi offerti.

2 Accanto a questi pregi di carattere generale, se ne possono aggiungere ulteriori, solitamente considerati complementari, ma che non vanno sottovalutati, in particolare nel comparto dei servizi: 1. grazie alla più rapida acquisizione di conoscenze (indotta dal fornitore) si può ridurre il tempo di sviluppo di nuovi servizi, a vantaggio del time to market (il tempo che intercorre tra l'idea del nuovo servizio e la prima vendita) cosa che consente a sua volta un ampliamento di gamma riducendo gli investimenti; 2. poiché il fornitore fa dei servizi il suo core business, è lecito attendersi una maggiore attenzione e qualità degli stessi; 3. diventa molto facile fare benchmarking,ovvero confrontare le prestazioni di un servizio esternalizzato rispetto agli standard di riferimento; 4. qualora si utilizzi un solo fornitore per più servizi, si possono attivare sinergie tra servizi, suscettibili di ulteriori efficienze [Ciaramella e Tronconi 2006]. A fronte delle opportunità evidenziate, vi sono purtroppo - però anche insidie [Cigolini e Villa 2004], che giustamente motivano la preoccupazione e diffidenza dei responsabili aziendali (il management) di fronte ad un progetto di outsourcing. Si tratta in particolare di due situazioni tipiche. 1. Quando l'outsourcing è vissuto come la liberazione da un problema, risulta difficile mantenere il controllo servizi: in questi casi il fornitore diventa solo un reparto esterno all'azienda che svolge non sempre in modo più efficiente le attività di un processo sostanzialmente identico a quello svolto in precedenza all'interno; logicamente, controllare un fornitore di servizi che ha l'obiettivo di fare margine sulla fornitura dei servizi stessi è cosa ben diversa dal controllare una parte spesso percepita come periferica della propria organizzazione [Arrunada e Vasques 2006]. 2. Quando il rapporto che si instaura nell'ambito dei processi di outsourcing è meramente di tipo cliente - fornitore, entrambi tendono a ragionare con logiche negoziali di posizione, mentre solo con un certo grado di partnership (ovvero ragionando con logiche negoziali di principio) si possono sfruttare appieno le opportunità, con il chiaro obiettivo di costruire insieme una relazione al tempo stesso flessibile, efficiente, efficace e duratura [Auguste et al. 2002]. Per difendersi da queste insidie si è fatto largo uso del contratto a risultato (global service) che si propone di spostare l'obiettivo del servizio dalla fornitura di una prestazione alla garanzia di un risultato [Curcio 2005]: ad esempio, il global service per il servizio di condizionamento stabilisce di solito le condizioni termo igrometriche (temperatura e umidità) all'interno dei locali anziché la periodicità delle regolazioni e degli interventi di manutenzione. Proprio quest'ultimo aspetto fornisce lo spunto per distinguere termini diversi, utilizzati talora un po' maldestramente come sinonimi: l'outsourcing è la delega dell'organizzazione, erogazione e gestione di uno o più servizi funzionali all'attività dell'impresa ad un soggetto esterno ad essa; il facility management (www.ifma.org) è la disciplina che integra i principi della gestione aziendale, dell'architettura, della tecnica e delle scienze comportamentali; il global service (norma UNI 10685) è una modalità contrattuale basata sulla piena responsabilità sui risultati da parte dell'assuntore. Parlando di servizi, infine, è meno frequente il ricorso all'offshoring, una sorta di outsourcing con la presenza di una distanza logistica rilevante, di solito messo in pratica a supporto di delocalizzazioni produttive in Paesi a minor costo del lavoro o fiscalmente privilegiati [Ritter e Sternfels 2004, Pandit e Srinivasaraghavan 2008, Daub et al. 2009]. 3. I progetti di outsourcing di servizi Il primo passo di un buon progetto di outsourcing di servizi [Valentini 2004, Bravard e Morgan 2006] consiste nell'identificare i processi potenzialmente oggetto di outsourcing. Prima ancora di pensare ai potenziali fornitori, si devono mettere in luce le seguenti proprietà caratteristiche: 1. i confini del servizio in termini di input, output e attività da svolgere: è impensabile affidare all'esterno un servizio senza prima averne definito gli obiettivi e le fasi, così da poterli richiedere e trasmettere al potenziale fornitore; 2. la strategicità del servizio: è chiaramente consigliabile gestire all'interno un servizio strategicamente importante, ma non sempre è vero il contrario, ovvero esternalizzare i servizi percepiti come non core unicamente in base a questo criterio può rivelarsi un errore; 3. la possibilità di monitoraggio: non è comunque praticabile l'outsourcing di servizi di cui non sia possibile controllare in qualche modo i risultati; 4. il responsabile interno del processo (process owner): egli non solo deve rispondere dei risultati, ma anche gestire il rapporto con il fornitore nell'ottica del miglioramento continuo; 5. la stima di risparmio: sebbene sia genericamente riconosciuta all'outsourcing una capacità di riduzione dei costi tangibili (quelli iscritti a bilancio) del 15% circa [Fumagalli e Di Cioccio 2002], bisogna analizzare attentamente anche eventuali costi latenti o

3 collaterali (sia interni sia esterni). A proposito dell'ultimo punto, si pensi al riscaldamento degli uffici e che il fornitore per ridurre i costi diminuisca di 1 2 gradi la temperatura effettiva rispetto al valore di contratto: molti addetti si doteranno di piccoli apparecchi elettrici e la temperatura dei locali raggiungerà valori maggiori di quelli richiesti al fornitore. In questo caso bisogna tenere conto sia della fattura emessa dal fornitore di riscaldamento sia del maggior consumo di energia elettrica sia dell'eventuale acquisto degli apparecchi (magari spesati impropriamente come forniture di materiali generici) sia infine del ridotto confort termico comunque percepito dagli addetti. Una volta condotta questa analisi per tutti i servizi candidati, è consigliabile costruire una matrice che riporti (ad esempio sulle righe) i servizi e (ad esempio sulle colonne) le proprietà sopra elencate: ogni incrocio riga colonna ospiterà un punteggio alfanu- merico o un giudizio qualitativo. Nell'esempio riportato in figura1, è stato possibile definire la gestione documentale come servizio [Lagutaine e Martinotti 2009], definirne gli obiettivi e identificare il responsabile. È stato anche ritenuto un servizio non- core con possibilità di monitoraggio, tuttavia, la terziarizzazione creerebbe sempre nell'esempio un incremento dei costi del 5%, ritenuto eccessivo, dal che l'esito di erogare il servizio stesso in house. Il secondo passo di un buon progetto di outsourcing di servizi consiste nel mettere a fuoco le competenze necessarie per la gestione del rapporto con il fornitore. Le competenze presenti all'interno dell'azienda, infatti, cambieranno sensibilmente per effetto del progetto stesso. 1. Non saranno più necessarie tutte le risorse operative che costituivano il cuore del servizio prodotto internamente; occorre, quindi, trovare una soluzione alternativa tramite: la riallocazione all'interno dell'impresa in altri reparti, funzioni o processi; la promozione a figure gestionali nel nuovo rapporto che si andrà a creare con il fornitore; il passaggio al fornitore esterno o in casi estremi il licenziamento. 2. Cambieranno le competenze organizzative richieste, poiché dal coordinamento di un'unità interna si passerà alla gestione di una relazione esterna: è molto più efficace, efficiente e flessibile un rapporto basato sulla misura dei risultati piuttosto che sulla determinazione quantitativa di input e output fisici forniti; sia per la definizione dei risultati da raggiungere in termini di livelli di servizio e costi sia soprattutto per il miglioramento continuo è necessario un rappor to di partnership in qualche misura più evoluta della semplice relazione cliente-fornitore [Barret 2000]. 3. Nella più parte dei casi, invece, non presentano problemi le competenze gestionali che riguardano i meccanismi di funzionamento dei contratti e la gestione del transitorio nell'esternalizzazione, purché all'occorrenza si possa fare ricorso a qualificati consulenti esterni. 4. Infine, non bisogna sottovalutare le delicatezze di gestione del cambiamento organizzativo (change management), ovvero molto semplificando i meccanismi politici e di potere che si potrebbero innescare per contrastare un eventuale cambiamento percepito come troppo radicale [Lee 2002]. Il terzo passo di un buon progetto di outsourcing di servizi consiste nel definire gli obiettivi di costo e qualità che il futuro fornitore (outsourcer) dovrà conseguire in base ai fabbisogni dei clienti finali (i fruitori effettivi del servizio reso): nei loro confronti, infatti, l'outsourcer non si assumerà mai alcuna responsabilità.

4 Occorre allora mantenere il controllo per prendere o sollecitare le dovute azioni correttive e per spingere a migliorare il servizio: in un'organizzazione ben strutturata, ciascuna area ha propri obiettivi di produttività, budget, percentuale di errori, ecc. così come ciascuna attività all'interno dell'area, ha propri obiettivi individuali. L'outsourcer deve essere un tassello del mosaico, in cui gli obiettivi di tutti outsourcer incluso sono polarizzati nella direzione di quelli strategici dell'impresa. Una buona metodologia di progettazione del sistema di controllo è basata con opportuni adattamenti [Cigolini et al. 2008] sul DMAIC (1), un approccio tipico della gestione della qualità [Pyzdek 2003] e introdotto nell'ambito del cosiddetto six sigma (sei sigma, 6σ). Il controllo di costi e qualità del servizio, inoltre, va mantenuto dinamicamente nel tempo [Pitt e Tucker 2008]: occorre, quindi, definire un set di indicatori che monitorino le prestazioni e non gli input. In una battuta: le imprese non acquistano il servizio di pulizia degli uffici per vedere gli operatori tutti i giorni all'interno dei locali, ma per avere gli uffici puliti. In questo modo si lascia libertà al fornitore di sfruttare competenze e sinergie con altri servizi, senza introdurre inutili vincoli e rigidità nel rapporto sulle modalità di raggiungimento dei risultati. Gli indicatori di pre-stazione (key performance indicator - KPI), che vanno condivisi col fornitore e dichiarati in un allegato del contratto, appartengono essenzialmente a due categorie. 1. Indicatori di costo: al riguardo, per cogliere tutti gli aspetti di ogni servizio, è molto importante individuare il costo globale d'acquisto, cioè comprensivo dei costi latenti, sia interni sia esterni. 2. Indicatori del livello di servizio: misurano la qualità del servizio; maggiore l'impatto dei servizi sulle prestazioni complessive dell'impresa, maggiore dovrà essere l'accuratezza degli indicatori di servizio. Questi buoni propositi, naturalmente, si scontrano col fatto che non è affatto banale misurare la qualità di un servizio, soprattutto per via della soggettività del cliente finale [Harmon et al. 2006]: si pensi, ad esempio, al servizio di sorveglianza rispetto alla percezione di sicurezza e il servizio di pulizia rispetto alla percezione d'igiene. È consigliabile allora fare ricorso a due sottocategorie di indicatori: livello di servizio erogato (dal fornitore), con lo scopo di controllare lo scostamento della qualità erogata rispetto a quella richiesta in sede contrattuale; si tratta di indicatori quantitativi, costantemente monitorati, con un impegno il più possibile esiguo; livello di servizio percepito (dal cliente finale), che può discostarsi anche sostanzialmente da quello erogato; si tratta di indicatori che richiedono un impegno di monitoraggio anche significativo per il reperimento dei dati, spesso basati su interviste o questionari; per contro, la frequenza di monitoraggio può essere relativamente bassa, poiché un riscontro semestrale è sufficiente per la maggior parte dei servizi.

5 A proposito del livello di servizio percepito, monitorare la soddisfazione del cliente significa anche incrociare la qualità percepita con l'importanza attribuita al singolo servizio e con la qualità erogata dal fornitore: talvolta, infatti, si verificano pericolose incoerenze tra il servizio erogato e le aspettative di chi ne fruisce, ovvero una prestazione considerata non critica viene fornita con uno standard di qualità eccellente mentre un servizio ritenuto fondamentale non soddisfa completamente il desiderio del cliente. Questa circostanza permette di costruire una matrice esemplificata in figura 2, in cui si è utilizzata la simbologia della matrice strategica del Boston Consulting Group assai utile per individuare sia le aree che richiedono investimenti per sostenere il miglioramento sia quelle da cui eventualmente attingere le risorse necessarie. Nell'ambito di un contratto di global service, i requisiti di un buon indicatore sono: sinteticità, univocità, facile reperibilità dei dati (a sistema informativo), semplicità di calcolo e semplicità d'interpretazione. Si può, quindi, identificare un primo insieme di indicatori basilari, a cui corrispondono altrettanti aspetti il cui monitoraggio è di fondamentale importanza: la tempestività con cui si interviene; la frequenza degli eventuali ritardi e la loro entità; la continuità nell'erogazione dei servizi; la capacità di implementare praticamente pianificazione; la verifica della qualità erogata (nell'immediatezza della prestazione fornita al cliente finale, ovvero customer satisfaction "a caldo"); la soddisfazione complessiva del cliente (customer satisfaction "a freddo"). Il quarto e ultimo passo di un buon progetto di outsourcing di servizi consiste nella predisposizione del meccanismo di modifica dei livelli di servizio richiesti al fornitore: è una parte essenziale del rapporto di partnership e permette di continuare a migliorare la qualità del servizio, riducendone progressivamente i costi. Il rapporto con l'outsourcer richiede una flessibilità che deve essere prevista anche in sede contrattuale [Aiello et al. 2007, Marti- nez 2007]: molti progetti di outsourcing, infatti, falliscono per la presenza di strumenti contrattuali troppo rigidi, laddove sarebbe indicato prevedere esplicitamente l'accordo sul livello di servizio (Service Level Agreement - SLA). Lo SLA [Hiles 2003] è il documento allegato al contratto (di cui è parte integrante) che riporta la descrizione sommaria del processo, gli indicatori, la loro modalità e frequenza di misurazione, e i valori obiettivo. In questo modo, il

6 contratto diventa una sorta di accordo quadro, nel quale sono definiti tutti gli aspetti che regolano il rapporto con il fornitore e lo SLA gioca il ruolo delle istruzioni operative diverse per ogni servizio in cui è riportato tutto quanto necessario ad una corretta gestione delle attività quotidiane. Grazie alla flessibilità degli obiettivi da raggiungere, si potrà anche indicizzare il contratto secondo una curva di apprendimento: è presumibile, infatti, che il fornitore aumenti la sua produttività con il passare del tempo, a mano a mano che la sua conoscenza delle specificità del servizio aumenta e, quindi appunto attraverso la curva di apprendimento si potranno condividere i miglioramenti specifici. Nell'ambito dello SLA, infine, può essere previsto anche un sistema di premi e di penali: i primi sono il naturale legante nei confronti dell'outsourcer attraverso un rapporto di tipo win-win (in cui entrambe le parti traggono vantaggio dai comportamenti reciproci), mentre le seconde sono teoricamente utili per bilanciare eventuali danni causati dal fornitore. A proposito delle penali, però, due riflessioni si impongono. 1. L'ammontare che è possibile assegnare alle penali in sede contrattuale è in ogni caso esiguo rispetto all'impatto di alcuni servizi sulle prestazioni dell'impresa (soprattutto in caso di mancato servizio per un certo lasso di tempo): è opportuno, quindi, che le penali pongano l'accento su obiettivi minimi e irrinunciabili, piuttosto che essere usate come deterrente o minaccia nei confronti del fornitore. 2. Incassare una penale non rappresenta una vittoria o un'affermazione del proprio potere contrattuale, ma un fallimento per il gestore del progetto che non è stato capace di far apportare all'outsourcer le giuste correzioni prima che il servizio degenerasse. 4. Il mercato dei fornitori in Italia Al di là di pregi e difetti dell'outsourcing, come pure della metodologia di implementazione, il principale vincolo in ordine al suo utilizzo sul campo risiede nell'effettiva disponibilità di un outsourcer: è opportuno allora dare uno sguardo al mercato dei fornitori in Italia. Per ragionare in concreto, si può fare riferimento alla tassonomia di IFMA Italia [Pala e Pristerà 2004, Cigolini e Pala 2008], che individua tre categorie di operatori. 1. Fornitori multi servizio (e, come caso particolare, quelli mono servizio). Sono i più numerosi sia come fornitori di servizi ad alto contenuto di manodopera (come le pulizie) sia di quelli a elevata specificità tecnologica (come la manutenzione degli impianti). Hanno maturato nel tempo una competenza su alcuni servizi, dei quali forniscono esclusivamente la parte operativa e il loro rapporto col cliente di solito imprese di piccole dimensioni nel raggio di qualche decina di chilometri è basato sulla singola presta- zione. Alcuni di loro sono diventati interlocutori privilegiati di operatori più grandi, ritagliandosi il ruolo di subfornitori in una filiera più articolata, mentre in qualche altro caso hanno subito (o promosso) operazioni di fusione e acquisizione, arrivando a competere con operatori più grandi. 2. Gestori di servizi specifici. Sono specialisti nella gestione di un determinato servizio, con una fortissima integrazione verticale che li spinge a rispondere alle esigenze del cliente globalmente, cioè garantendo dalla progettazione e sviluppo del servizio fino all'erogazione e al controllo. Sono imprese molto competitive in una de terminata gamma di attività, per le quali hanno maturato un solido presidio gestionale, tecnologico e operativo e sono in grado di attivare molto velocemente sinergie interne e risorse qualificate. Questi fornitori spesso si identificano con i servizi erogati: progettazione e gestione degli spazi (space planning), gestione documentale, gestione delle flotte auto ecc. 3. Società di facility management. Sono soggetti economici in grado di proporsi come gestori di più servizi e di instaurare con il cliente una partnership orientata alla garanzia sul risultato e alla piena condivisione degli obiettivi. Si tratta di imprese dinamiche, che offrono al cliente anche managerialità, occupandosi in prima per- sona dell'erogazione, dell'eventuale acquisto (in subfornitura o a loro volta in outsourcing) e del controllo dei servizi a loro affidati. I loro interlocutori privilegiati sono aziende di medie e grandi dimensioni, alle quali offrono un'elevata capacità di spesa e le più evolute tecnologie per la gestione delle informazioni. Quest'ultimo aspetto, in particolare, è utile per garantire al cliente la necessaria trasparenza (open book): il fornitore effettua la contabilità delle attività e degli interventi e mette a disposizione, ove richiesto, un call center per una prima risposta ai problemi quotidiani e per rilevare puntualmente la customer satisfaction. Le principali società di facility management che operano in Italia hanno provenienze diverse. In estrema sintesi, si tratta di: imprese nate come fornitori mono e multi servizio che, grazie alla loro posizione e competenza tecnica, hanno ampliato la gamma e acquisito managerialità; imprese nate come spin off di grandi gruppi industriali che inizialmente hanno operato solo a favore di clienti interni al gruppo (mercato captive) e si sono successivamente rivolte all'esterno, facendo della gestione integrata dei servizi il loro core business;

7 filiali di multinazionali estere che, forti del know-how acquisito, hanno colto le opportunità del mercato italiano, di solito tramite acquisizioni mirate di fornitori multi servizio. In definitiva, i tratti distintivi di una vera società di facility management sono: abilità manageriale, comprovata dalla composizione del personale dipendente (dirigenti, tecnici, impiegati ecc.) e dalla presenza di personale distaccato presso clienti (site manager, building manager ecc.); gamma ampia di servizi offerti, sia tramite la capacità di erogarli con personale proprio, sia grazie alle competenze necessarie per la progettazione, gestione e controllo dei servizi; capacità di presidio contrattuale, ovvero capacità di onorare contratti che richiedano l'impegno a raggiungere i risultati concordati, indipendentemente dalle risorse impiegate; presidio della gestione delle informazioni e abilità nell'integrazione con i sistemi informativi dei clienti; capacità di monitoraggio e controllo, attraverso un sistema di qualifica dei fornitori e di analisi dei risultati che comprenda il rilievo della customer satisfaction presso i clienti finali dei servizi. 5. Conclusioni L'outsourcing è un tema molto dibattuto con contrasti vivaci tra chi lo osteggia con forza considerandolo una forma di sfruttamento e chi lo ritiene un valido strumento per creare valore. Inizialmente la linea guida per implementare l'outsourcing prevedeva di esternalizzare tutto il non core per concentrare al massimo le risorse sul core. Nel tempo molti processi sono cresciuti d'importanza e ciò ha favorito l'introduzione di nuovi strumenti gestionali tanto efficaci da estendere l'outsourcing a processi inerenti tutti i servizi. Tuttavia, mentre il modello teorico incentiva la focalizzazione delle imprese sulle competenze distintive e l'acquisizione dal mercato di professionalità qualificate, l'applicazione pratica è non priva di insidie. Per difendersi si è fatto largo uso del global service, che comunque richiede di: 1. identificare preliminarmente i processi oggetto di potenziale outsourcing; 2. mettere a fuoco le competenze necessarie per la gestione del rapporto col fornitore; 3. definire gli obiettivi di costo e qualità che l'outsourcer dovrà conseguire; 4. predisporre il meccanismo di modifica nel tempo dei livelli di servizio richiesti Questi buoni propositi si scontrano, poi, col fatto che non è affatto banale misurare la qualità di un servizio, soprattutto per via della soggettività del cliente finale; inoltre il rapporto con l'outsourcer richiede una flessibilità che deve essere prevista anche in sede contrattuale: per queste ragioni è indispensabile dotarsi di SLA e KPI assai atten- tamente progettati. Al di là della metodologia d'implementazione dell'outsourcing, infine, il principale vincolo al suo utilizzo sul campo risiede nell'effettiva disponibilità di un fornitore. In Italia esistono tre categorie di operatori: fornitori mono o multi servizio, gestori di servizi specifici e società di facility management, ciascuno con le proprie caratteristiche e il proprio ambito di clientela privilegiato. In particolare, i tratti distintivi di una vera so- cietà di facility management sono: abilità manageriale, gamma di servizi offerti, capacità di presidio contrattuale, presidio della gestione delle informazioni e capacità di monitoraggio e controllo. Ringraziamenti L'autore desidera ringraziare il Prof.Arman- do Brandolese (Preside della Facoltà di In- gegneria dei Sistemi del Politecnico di Mila- no), l'ing. Lorenzo Fedele (Segretario Gene- rale del Comitato Italiano Nazionale di Ma- nutenzione - CNIM), la Dott.ssa Fabiana Pala (Responsabile Strategia, Ricerca e For- mazione di IFMA Italia), l'ing. Stefano Valen tini (Amministratore Delegato di Novigos Spa) e l'ing. Angelo N. Villa (Senior Consul- tant di EveryWhere). ISS Facility Services S.r.l., Via Ettore Bugatti 12, Milano Tel: Sito:

8 Bibliografia AIELLO, G., MAZZIOTTA, V., MICALE, R. (2007) "The design of effective maintenance outsourcing contracts"; in: CIGOLINI, R. et al.: "Recent advances in maintenance and infra- structure management", Springer, London (UK), pp ARRUNADA, B., VAZQUES, X.H. (2006) "When your contract manufacturer becomes your competitor", Harvard Business Review, Sep- tember, pp AUGUSTE, B., HAO, Y., SINGER, M., WIEGAND, M. (2002) "The other side of outsourcing", The McKinsey Quarterly,Vol. 10, No. 1, pp BARRET, P. (2000) "Achieving strategic facilities management trough strong relation- ships", Facilities, Vol. 18, No. 1012, pp BRAVARD, J.L., MORGAN, R. (2006) "Smarter outsourcing: an executive guide to managing successful relationships", PrenticeHall, Har- low, United Kingdom. CIARAMELLA, A., CIGOLINI, R., DEL GATTO, M.L. (2009) "Facility management in the Italian public administration: preparation methods and characteristics of the tenders", Procee- dings of the 4th International Conference on Maintenance and Facility Management, Rome, Italy, April, 22nd - 24th, pp CIARAMELLA, A., TRONCONI, O. (2006) "Ma- nuale del facility management. Metodi e pratiche", Il Sole 24 ore, Milano, Italia. CIGOLINI, R. (2009) "Facility management outsourcing and contracting overview"; in: CIGOLINI, R. et al.: "Recent advances in maintenance and infrastructure manage- ment", Springer, London (UK), pp CIGOLINI, R., FEDELE, L., VILLA A.N. (2008) "Managing facilities under the result orien- ted multiservice approach: some insights coming from the field in Italy", Production Planning and Control, Vol. 19, N. 4, pp CIGOLINI, R., PALA, F. (2008) "Acquistare servizi di facility management: opportunità e rischi nel mercato italiano", L'ufficio Ac- quisti, Vol. 5, N. 35, pp CIGOLINI, R., VALENTINI, S., VILLA A.N. (2005) "Facility management e global service inte- grato", Manutenzione, Vol. 12, N. 12, pp CIGOLINI, R., VILLA, A.N. (2004) "Oppor- tunità e insidie nell'outsourcing di servizi", Soluzioni, Vol. 7, N. 11, pp CURCIO, S. (2005) "Global service", Il Sole 24 Ore, Milano, Italia. DAUB, M., MAITRA, B., MESOY, T. (2009) "Rethinking the model for offshoring ser- vices", The McKinsey Quarterly, Vol. 17, N. 16, pp DE TONI, A. (2007) "Open facility manage- ment. Modelli innovativi e strumenti appli- cativi per l'organizzazione e la gestione dei servizi esternalizzati", Il Sole 24 ore, Mila- no, Italia. FUMAGALLI L., DI CIOCCIO P. (2002) "L'out- sourcing e i nuovi scenari della terziarizzazio- ne", Franco Angeli, Milano, Italia. GREAVER M.F. (1998) "Strategic outsourcing: a structured approach to outsourcing decision and initiatives", Amacom, New York. HARMON, E., HENSEL, S.C., LUKES, T.E., (2006) "Measuring performance in services", The McKinsey Quarterly, Vol. 14, N. 1, pp HILES, A. (2003) "Service level agreement framework for business service", Rothstein Press, Brookfield, Connecticut. JAMES, A., MONA, J., 2004, "Service manage- ment: operations, strategy and information technology" McGrawHill, New York, NY. LAGUTAINE F., MARTINOTTI S. (2009) "Docu- ment management: a hidden source of va- lue", McKinsey on Business Technology, No. 15, pp LEE, W. (2002) "The role of support ser- vices and FM in the introduction of chan- ge management", in REUVID, J. and HINKS, J. (Eds), Managing Business Support Servi- ces, 2nd edition, Kogan Page Ltd Publisher, London, UK. MARTINEZ, D. (2007) "Managing maintenan- ce contracts to control facility manage- ment services within a PFI project"; in: CI- GOLINI, R. et al.: "Recent advances in main- tenance and infrastructure management", Springer, London (UK), pp PALA, F., PRISTERÀ, P. (2004) "Facility mana- gement e creazione del valore", IFMA Italia, Milano, Italia. PANDIT, V., SRINIVASARAGHAVAN, R. (2008) "A fresh wind for offshoring infrastructu- re management", The McKinsey Quarterly, Vol. 16, October, pp. 14. PITT, M., TUCKER, M. (2008) "Performance measurement in facilities management: dri- ving innovation", Property Management, Vol. 6, N. 4, pp PYZDEK, T. (2003) "The six sigma project planner: a stepbystep guide to leading a six sigma project through DMAIC", Mc- GrawHill (New York). QUINN, J. B., HILMER, F. G. (1995) "Strate- gic outsourcing", The McKinsey Quarterly, Vol. 3, N. 1, pp

9 RITTER, R.C., STERNFELS, R.A. (2004) "When offshore manufacturing does not make sen- se", The McKinsey Quarterly, N. 4, pp VALENTINI, S. (2004) "Gestire l'outsourcing", Franco Angeli, Milano, Italia.

Facility management e global service integrato

Facility management e global service integrato Facility management e global service integrato Come cogliere le oppurtunità dell outsourcing attraverso un efficace controllo dei risultati FACILITIES MANAGEMENT Roberto CIGOLINI (α), Stefano VALENTINI

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Il nostro obiettivo è il vostro

Il nostro obiettivo è il vostro Il nostro obiettivo è il vostro L Azienda L'incremento della competitività dei mercati, la necessità di aumentare la pressione quantitativa e qualitativa ed il conseguente bisogno di focalizzazione sulle

Dettagli

Facility Management PERFEZIONE E INTEGRAZIONE AL VOSTRO SERVIZIO

Facility Management PERFEZIONE E INTEGRAZIONE AL VOSTRO SERVIZIO Facility Management PERFEZIONE E INTEGRAZIONE AL VOSTRO SERVIZIO FACILITY MANAGEMENT COFELY È Migliorare i servizi Ottimizzare l organizzazione no-core Ridurre i costi PER AIUTARVI A CONCENTRARE LE RISORSE

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA

IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA La rapida crescita della domanda di servizi di Facility Management nel nostro Paese ha innescato solo in parte un processo di crescita qualitativa

Dettagli

Komputa s.p.a. Esternalizzare le attività Amministrative contabili. Riservato Komputa - 2010

Komputa s.p.a. Esternalizzare le attività Amministrative contabili. Riservato Komputa - 2010 Komputa s.p.a. Esternalizzare le attività Amministrative contabili Premessa Ogni soggetto che svolge una qualche attività è tenuto ad osservare alcune regole generali e molti adempimenti. Nello stipulare

Dettagli

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.)

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) Il gestore unico della sicurezza in azienda Quando la sicurezza va in rete IVU Global Service S.r.l. (gruppoivu S.p.A.) Via RinaMonti, 15 00155 Roma Tel +39

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION COMPANY PROFILE 2014 PROFILO AZIENDALE Posytron è una società di consulenza tecnologica e gestionale certificata ISO 9001:2008 fondata nel 1999 da Alberto Muritano, attuale CEO, per supportare l'innovazione

Dettagli

IL PROGETTO E LA GESTIONE DELLA QUALITA' NEI PROCESSI DI GLOBAL SERVICE

IL PROGETTO E LA GESTIONE DELLA QUALITA' NEI PROCESSI DI GLOBAL SERVICE IL PROGETTO E LA GESTIONE DELLA QUALITA' NEI PROCESSI DI GLOBAL SERVICE. PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO TEROTEC QUALITY PLANNING AND CONTROL IN GLOBAL SERVICE PROCESSES PRESENTATION OF TEROTEC REPORT Autori

Dettagli

Contract Management. Flessibilità, Trasparenza e Partnership: elementi chiave per un Accordo di successo

Contract Management. Flessibilità, Trasparenza e Partnership: elementi chiave per un Accordo di successo Contract Management Flessibilità, Trasparenza e Partnership: elementi chiave per un Accordo di successo Paola Pristerà Strategia, Ricerca & Formazione IFMA Italia Un progetto vincente? Conoscenza e competenza

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

La certificazione del processo/prodotto in outsourcing

La certificazione del processo/prodotto in outsourcing La certificazione del processo/prodotto in outsourcing Maurizio Capelli Responsabile Qualità Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi outsourcing Obiettivo L obiettivo

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

Dematerializzazione e prospettive tecnologiche :

Dematerializzazione e prospettive tecnologiche : FORUM P.A. Roma, 15 maggio 2008 Dematerializzazione e prospettive tecnologiche : l opportunità cedere in outsourcing i processi documentali Océ-Italia SpA Enzo Capilli Sales Manager - Business Il Gruppo

Dettagli

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 Corsi a Milano Contatto: Manuela Meletti Tel. 02-58370605 e-mail: formazione@assolombarda.it Percorso base in materia di sicurezza per dirigenti Fornire una panoramica

Dettagli

L outsourcing della logistica: scelta strategica per la competitività dell impresa? Marco Melacini

L outsourcing della logistica: scelta strategica per la competitività dell impresa? Marco Melacini L outsourcing della logistica: scelta strategica per la competitività dell impresa? marco.melacini@polimi.itmelacini@polimi it Contesto di riferimento 2 La conoscenza di quale sarà il futuro dell economia

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 03/02/2008 (materiale da: Manuali e lucidi su sito CNIPA, in particolare di M. Gentili)

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE di Francesco Scriva Responsabile contratto Global Service Provincia di Genova 1. PRINCIPI E DEFINIZIONI Per poter affrontare la materia

Dettagli

SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman

SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman Consulenza organizzativa e formazione www.consulman.it www.e-formazione.net SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman Esperienze e Competenze Offerta di consulenza Tratto distintivo Criteri di lavoro

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

MOTIVAZIONI ALLA BASE DELL'OUTSOURCING

MOTIVAZIONI ALLA BASE DELL'OUTSOURCING MOTIVAZIONI ALLA BASE DELL'OUTSOURCING L'outsourcing emerge come uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto la maggiore espansione nel corso dell'ultimo decennio

Dettagli

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA STRATEGIA 1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione Balanced Scorecard 1 giorno Significato

Dettagli

Your mission, our passion

Your mission, our passion Your mission, our passion Corporate Profile Reggio Emilia, marzo 2014 Il Gruppo Il Gruppo Movi finance Accounting & Lean Six Sigma Consulting (prossima attivazione) Movin log scarl Logistics & Recruitment

Dettagli

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca Creating Your Future PROJECT MANAGEMENT IN BANCA La governance dell innovazione in banca 1 Ambito di applicazione 2 Attività formativa 3 Competenze 4 Project Management Framework 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

Con RICOH è più facile

Con RICOH è più facile Con RICOH è più facile RICOH aiuta le aziende ad aumentare l efficienza e l efficacia della gestione documentale, dei processi informativi e dei flussi di lavoro. RICOH si propone come unico partner di

Dettagli

Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare

Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare CONDOTTEIMMOBILIARESOCIETÀPERAZIONICONDOTTEIMMOBILIARESOCIETAPERAZIONICONDOTTEIMMOBILIARESOCIETAPERAZIONICONDO Mission & Vision Mission & Vision Nel

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELATORE Prof. Lorenzo Fedele Innovazione nei modelli di impresa per l erogazione di servizi di manutenzione avanzati Anno Accademico 2012/2013

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL FACILITY MANAGEMENT:

L EVOLUZIONE DEL FACILITY MANAGEMENT: L VOLUZION DL FACILITY : VRSO L INTGRAZION DI SRVIZI NON COR DGLI ATTORI COINVOLTI Andrea Fornasier e Fabio Nonino Negli ultimi decenni il Facility Management (FM) ha subito una continua evoluzione sia

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Nell attuale economia globalizzata e altamente competitiva l impresa customer oriented è chiamata a fornire prodotti/servizi atti a soddisfare

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242 PREMESSA. L'esigenza di una gestione più attenta e razionale dell'energia ha spinto diverse nazioni ad elaborare standard nazionali volontari, tra le quali anche gli Stati Uniti con MSE 2000:2005, introducendo

Dettagli

DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE

DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE Grazie alla sinergia delle sue business unit, GGF Group accorcia la distanza tra il presente che hai costruito e il futuro che sogni per

Dettagli

Realizziamo il pieno potenziale della manutenzione

Realizziamo il pieno potenziale della manutenzione Realizziamo il pieno potenziale della manutenzione Presentazione dell'azienda CONTENUTI 04 06 08 10 14 20 22 Potenziale Valore Servizi Professionisti Clienti Persone Contatti Quant è leader mondiale nella

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management

Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management Luca Fiorucci, Direttore Divisione FM, Cofely Italia Piergiorgio Marini, Direttore Purchaising Italia, Philip Morris Il CLIENTE: Philip

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia Contratto FM Il Bollino Blu di IFMA Italia AGENDA Premessa Obiettivi Contenuti/Requisiti Conclusioni 2. PREMESSA Introduzione IFMA Italia, interlocutore privilegiato per tutte le tematiche relative al

Dettagli

PR3 International S.r.l. Formazione Consulenza Coaching

PR3 International S.r.l. Formazione Consulenza Coaching PR3 International S.r.l. Formazione Consulenza Coaching Profilo Aziendale Presentazione Istituzionale 2013 Vers. 1.0 Indice Premessa pag. 03 Mission pag. 04 Valori pag. 05 Aree di intervento pag. 05 Settori

Dettagli

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight CUSTOMER SUCCESS STORY April 2014 Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight PROFILO DEL CLIENTE: Azienda: S.p.A. Settore: logistica e trasporti Fatturato: 8,2

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

POLICY NKW: Requisiti d ingresso richiesti per accedere al Network.

POLICY NKW: Requisiti d ingresso richiesti per accedere al Network. POLICY NKW: Requisiti d ingresso richiesti per accedere al Network. Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità ed i requisiti richiesti nel rispetto delle quali vengono ammessi gli

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Azienda, Banca, Assicurazione, Pubblica Amministrazione GESTIONE DEL PERSONALE IN OUTSOURCING VIA WEB

Azienda, Banca, Assicurazione, Pubblica Amministrazione GESTIONE DEL PERSONALE IN OUTSOURCING VIA WEB Azienda, Banca, Assicurazione, Pubblica Amministrazione GESTIONE DEL PERSONALE IN OUTSOURCING VIA WEB o u t s o u r c i n g HR OUTSOURCING ZUCCHETTI: SERVIZI DI OUTSOURCING A 360 GRADI PER L'AMMINISTRAZIONE

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

GOVERNANCE TOTAL INFRASTRUCTURE

GOVERNANCE TOTAL INFRASTRUCTURE TOTAL INFRASTRUCTURE GOVERNANCE Modulo ECSM OVERVIEW IT, ver. 4.0 Pag. - 1 - APPROCCIO AL SERVIZIO Pensare all ICT come ad una materia prima acquistabile e consumabile a piacere, è oggi possibile. ECSM

Dettagli

di servizi complessi Roma, 10 Maggio 2012

di servizi complessi Roma, 10 Maggio 2012 La gestione in outsourcing di servizi complessi Roma, 10 Maggio 2012 Divisione Mercato complessità in numeri Contact Center 50 milioni Chiamate ricevute Punti fisici Oltre 1.300 diretti e indiretti Web

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 9 dicembre 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

Un unico grande gruppo al tuo servizio

Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Cerved Group nasce dall unione di otto marchi, ognuno dei quali leader di presidio, che grazie alla loro competenza ed esperienza

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO?

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE Domanda di beni che l azienda utilizza a scopo interno oppure

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing SALARY SURVEY 2015 Sales & Marketing Sales & Marketing Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it Sales & Marketing Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12.

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12. LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI Trasferiamo valore economico nella catena di fornitura acquistando volumi consistenti di beni e servizi. Promuoviamo la collaborazione e l efficienza nella catena della fornitura;

Dettagli

COMPANY PROFILE. Adecco better work, better life

COMPANY PROFILE. Adecco better work, better life COMPANY PROFILE Adecco better work, better life Adecco è il leader in Italia e nel mondo nei servizi per la gestione delle risorse umane. Nato nel 1996 in seguito alla fusione tra Adia (Svizzera) ed Ecco

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il Property Management che crea Valore

Il Property Management che crea Valore Il Property Management che crea Valore Beni Stabili Property Service affianca le aziende offrendo servizi integrati di advisoring immobiliare ad elevato contenuto professionale e tecnologico. Indice Il

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing 0 La qualificazione dei Fornitori e degli Appalti Valutare attraverso la raccolta e l analisi

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

Corso di Logistica dei Trasporti e della Distribuzione

Corso di Logistica dei Trasporti e della Distribuzione Corso di Logistica dei Trasporti e della Distribuzione La logistica e la sua evoluzione Modulo II Lezione 1 Data 05/06/2013 Cosa vedremo? 1. Dal trasporto alla Supply Chain 1. Trasporto 2. Distribuzione

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

Una partnership che garantisce saving, qualità e sicurezza

Una partnership che garantisce saving, qualità e sicurezza Una partnership che garantisce saving, qualità e sicurezza Olivier Di Vito, Cluster Manager EMEA P&G Global Account, Sodexo International Large Accounts Realtà produttive P&G Across borders = Sviluppo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO

LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO Congresso AICQ - Settore Autoveicoli - Torino C. La Torre - Iveco S.p.A. 1 / 35 Argomenti Sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità Iveco Processi aziendali

Dettagli

Un futuro eterogeneo:

Un futuro eterogeneo: Un futuro eterogeneo: come sta cambiando la combinazione dei modelli di erogazione e consumo dei servizi IT Sponsorizzato da Un futuro eterogeneo: come sta cambiando la combinazione dei modelli di erogazione

Dettagli

GLOBAL IN REACH, LOCAL IN TOUCH. Servizi contabili ed amministrativi in outsourcing

GLOBAL IN REACH, LOCAL IN TOUCH. Servizi contabili ed amministrativi in outsourcing GLOBAL IN REACH, LOCAL IN TOUCH Servizi contabili ed amministrativi in outsourcing 1 Competenza, flessibilita, innovazione Conoscenze diversificate e concrete. Sensibilità alle esigenze delle Aziende.

Dettagli

MASTER IN SCADENZA FINO AL 26/11/2012 DAL SITO www.guidamaster.it

MASTER IN SCADENZA FINO AL 26/11/2012 DAL SITO www.guidamaster.it MASTER IN SCADENZA FINO AL 26/11/2012 DAL SITO www.guidamaster.it Master in Bioetica e Formazione Master in Didattica dell'italiano L2 Master in Interior Design - edizione di Torino Il Master ha come obiettivo

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

Il Facility Management nelle banche italiane

Il Facility Management nelle banche italiane Il Facility Management nelle banche italiane Roma, 29 maggio 2012 Dott. Gabriele Zito Consulente OSSIF - docente di Gestione dell innovazione Politecnico di Bari 1 Banche: il mercato Concorrenza internazionale

Dettagli

Tecnologia, competenza e innovazione. per soddisfare anche le esigenze piu complesse. ed evolute di gestione del personale

Tecnologia, competenza e innovazione. per soddisfare anche le esigenze piu complesse. ed evolute di gestione del personale OFFERTA ECONOMIICA Tecnologia, competenza e innovazione per soddisfare anche le esigenze piu complesse ed evolute di gestione del personale 1 SOMMARIIO IL GRUPPO ZUCCHETTI pag. 3 Il gruppo Zucchetti oggi

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

NEL BUSINESS, ACCANTO A VOI

NEL BUSINESS, ACCANTO A VOI NEL BUSINESS, ACCANTO A VOI Una nuova azienda che, grazie all'esperienza ventennale delle sue Persone, è in grado di presentare soluzioni operative, funzionali e semplici, oltre ad un'alta qualità del

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli