TRE ROMA. Sintesi. Proprietà aritmetiche nei Pullbacks

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRE ROMA. Sintesi. Proprietà aritmetiche nei Pullbacks"

Transcript

1 ROMA TRE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Matematica Tesi di Laurea Magistrale in Matematica Sintesi Proprietà aritmetiche nei Pullbacks Candidato Claudia D'Armiento Relatore Prof.ssa Florida Girolami Anno Accademico 2012/2013 Classicazione MSC2000: 13A15 13F05 13G05 Parole chiave: Pullbacks, Domini di valutazione, Domini di Bézout, Domini di Prüfer, Domini di Prüfer v-moltiplicativi.

2 Sintesi Lo scopo di questo elaborato è di analizzare le proprietà aritmetiche nei pullbacks. Il pullback che prendiamo in considerazione nel corso della trattazione è il seguente: siano T un dominio d'integrità, I un ideale non nullo di T, ϕ : T E := T/I la proiezione canonica, e D un dominio di integrità contenuto in E. Consideriamo ora R := ϕ 1 (D), che risulta essere il pullback degli omomorsmi canonici: R T D ϕ T/I = E (1) Assumiamo che R sia propriamente contenuto in T. Faremo riferimento a (1) come pullback di tipo. In questo lavoro vogliamo in particolare studiare sotto quali condizioni su T, E e D si ha che R è un dominio di valutazione, un dominio di Prüfer, un dominio di Bézout, un v-dominio e un dominio di Prüfer v-moltiplicativo. La costruzione pullback venne per la prima volta utilizzata in alcuni esempi fatti su anelli di polinomi, nei lavori di H. Prüfer (1932) e W. Krull (1936). Successivamente, nel 1954, A. Seidenberg utilizzò questa costruzione nei suoi studi sulla dimensione di Krull di un'estensione polinomiale. Tuttavia, in questi lavori non c'era ancora una notazione esplicita per i pullbacks. Il primo autore a formalizzare il linguaggio della costruzione pullback fu R. Gilmer nel 1968, con lo studio di uno dei più noti esempi di pullback, la D + M costruzione, nella quale si suppone che T sia un dominio di valuta-

3 Sintesi 3 zione contenente il suo campo dei residui E. Successivamente, l'utilità dei pullbacks come grande fonte di esempi portò ad un loro studio piú approfondito. Nel 1973, E. Batista e R. Gilmer studiarono i sopra-anelli e gli ideali divisoriali di un dominio della forma D + M; mentre tre anni dopo, nel 1976, J. Brewer e E. Rutter generalizzarono la D + M costruzione a sopra-anelli generali, indebolendo le ipotesi su T ; cioè, non veniva piú richiesto che T fosse un dominio di valutazione o un dominio quasi locale. Inoltre nel 1978 D. Costa, J. Mott e M. Zafrullah utilizzarono i pullbacks per lo studio della costuzione D + XD S [X], e nel 1980 J. Hedstrom e E. Houston caratterizzarono i domini locali che condividono il loro ideale massimale con un sopra-anello di valutazione. Successivamente D. F. Anderson e D. Dobbs hanno provato che questi domini detti di pseudo-valutazione, si ottengono come particolari pullback. Continuando nel nostro percorso storico incontriamo M. Fontana che nel 1980 studiò l'operazione di somma amalgamata di spazi spettrali e esaminò nel dettaglio alcune proprietà algebriche degli anelli utilizzati in tale operazione; inoltre, fornì numerose applicazioni alla teoria delle D + M costruzioni e alle CPI-estensioni nel senso di Boisen-Sheldon. Un livello teorico ideale dei pullbacks venne trattato nel 1996 da S. Gabelli e M. Fontana nel loro lavoro On the class group and the local class group of a pullback in cui viene preso in esame il seguente: R T D ϕ T/M = K (2) dove M è un ideale massimale di T e K è il campo dei quozienti di D. Quest'ultimo pullback prende il nome di FG pullback. Un pò di anni più tardi, nel 2000, mentre T. Lucas si occupava di costruire degli esempi derivanti dalla costruzione pullback, S. Gabelli e E. Houston caratterizzavano alcune proprietà di tali pullbacks. Inne, nel 2001, D. F. Anderson, D. Nour e El Abidine indagarono sulle costruzioni pullbacks A + XB[X] e A + XB[[X]] mentre, nel 2003, A. Mimouni tentò di rimuovere l'ipotesi che M fosse un ideale massimale in un FG pullback e sviluppò diverse tecniche utili molte delle quali richiedevano che T fosse un dominio di

4 Sintesi 4 valutazione. Per concludere questo percorso storico temporale sulla nascita del pullback, nel 2006 E. Houston e J. Taylor studiarono le proprietà aritmetiche nei pullbacks facendo riferimento al pullback descritto in (1). Questo lavoro viene sviluppato in 4 capitoli. Nel capitolo 1 iniziamo presentando le nozioni topologiche che ci serviranno successivamente per trattare le proprietà dello spettro degli ideali primi di un pullback: prima deniamo la somma amalgamata di due spazi topologici X e Y su un terzo spazio topologico Z tramite due applicazioni continue f : Z X e g : Z Y come lo spazio quoziente X Y, dove è una relazione di equivalenza. Introduciamo poi la nozione di prodotto - brato; siano A, B, C anelli, u : A C e v : B C omomorsmi di anelli. Denotiamo con D il pullback (o prodotto brato) di A e B su C, denito come l'anello: D = A C B = {(a, b) A B u(a) = v(b)} denotiamo con u : D B e v : D A le restrizioni su D delle proiezioni canoniche di A C B su B ed A. Il seguente diagramma è commutativo: cioè u v = v u. A C B u B v v Richiamiamo la Proprietà Universale dei Pullbacks nella seguente proposizione la cui dimostrazione si riduce ad una semplice verica. Proposizione 1 (Proprietà Universale dei Pullbacks). Sia R un anello e supponiamo che f : R B e g : R A siano omomorsmi di anelli tali che v f = u g. Allora esiste un unico omomorsmo h : R A C B tale che u h = f e v h = g: A C u (3)

5 Sintesi 5 R f!h g A C B u B Nel Capitolo 2 iniziamo col dare la denizione di ideale frazionario per un dominio di integrità D, con campo dei quozienti K. Denizione. Un ideale frazionario di D è un D-sottomodulo I di K tale che di D per qualche 0 d D. Dati due D-sottomoduli I e J di K, oltre alle usuali somma I + J = {x + y : x I e y J}, intersezione I J e prodotto IJ = { n i=1 x iy i : x i I, y i J}, si denisce anche I : J = {x K : xj I}. Se denotiamo con F(D) l'insieme degli ideali frazionari non nulli di D, l'insieme F(D) rispetto al prodotto tra due ideali frazionari è un semigruppo moltiplicativo, con elemento neutro D. Un ideale frazionario non nullo I di D si dice invertibile se è invertibile come elemento del monoide moltiplicativo F(D). In altre parole, se esiste J F(D) tale che IJ = D. L'unico ideale frazionario J che soddisfa IJ = D è univocamente determinato da I, questo è chiamato l'inverso di I e viene denotato con I 1. L'insieme degli ideali frazionari invertibili di D è il più grande sottogruppo del monoide F(D); questo gruppo è indicato con I(D). Gli ideali frazionari principali non nulli formano un sottogruppo P(D) in I(D), abbiamo quindi le seguenti inclusioni: v v A C u (4) P(D) I(D) F(D) (5) Nella prossima proposizione daremo alcune delle proprietà relative all'invertibilità degli ideali. Proposizione 2. Sia I un ideale frazionario invertibile di un dominio D. Allora: 1. I 1 = D : I;

6 Sintesi 6 2. I è nitamente generato; 3. se D è semilocale, allora I è un ideale principale; inoltre, se D è locale ed S K è tale che (S) = I, allora esiste s S tale che I = sd. Notiamo che non è vero in generale che se I è un ideale frazionario nitamente generato di un dominio di integrità D allora I è un ideale invertibile di D. Un controesempio è dato da: sia K un campo, consideriamo D = K[X, Y ], e sia I = (X, Y ), allora abbiamo che D = I 1. Passiamo ora a dare la denizione di v-ideale e t-ideale, introducendo la v-operazione. Denizione. Sia D un dominio di integrità con campo dei quozienti K. Deniamo su F(D) la seguente applicazione: v : F(D) F(D) che prende il nome di v-operazione. I I v := D : (D : I) Questa applicazione soddisfa le seguenti proprietà: 1. (xd) v = xd e (xi) v = xi v, per ogni x K {0}; 2. I I v e se I J allora I v J v, per ogni I, J F(D); 3. (I v ) v = I v, per ogni I F(D). Siamo ora pronti per denire un ideale divisoriale. Denizione. Un ideale I di F(D) si dice v-ideale o anche ideale divisoriale se I = I v. Nella seguente proposizione si hanno alcune proprietà degli ideali divisoriali.

7 Sintesi 7 Proposizione 3. Sia D un dominio di integrità e I F(D). Allora: 1. I è un ideale divisoriale se e solo se I = D : J per qualche J F(D); 2. se I è un ideale frazionario invertibile allora I è un ideale frazionario divisoriale; 3. I v = {xd : x K {0}, I xd}. Deamo ora l'insieme I t per poter poi arrivare alle denizione di t-ideale. Sia I F(D), deniamo I t := {J v : J F(D) nitamente generato e J I}. È immediato vericare che I t è un ideale frazionario tale che I I t I v. Denizione. I F(D) si dice un t-ideale se I = I t. La denizione appena data ci consente di denire analogamente a quanto fatto per la v-operazione la t-opetazione: t : F(D) F(D) I I t Banalmente se I è un ideale frazionario divisoriale, allora I è un t-ideale. Non è vero il viceversa. Abbiamo poi introdotto la nozione di ideale v-nito. Denizione. Sia D un dominio di integrità e sia I F(D), I si dice un ideale v-nito se esiste H F(D) nitamente generato tale che I = H v. Si vede chiaramente che se I è un ideale v-nito, allora I è un ideale divisoriale; inoltre se I è un ideale invertibile, allora I è un ideale v-nito. Possiamo ora riprendere la catena di inclusioni che abbiamo denito in (5) e ampliarla nel seguente modo: P(D) I(D) H(D) D(D) T (D) F(D) (6) dove abbiamo indicato con H(D) l'insieme degli ideali v-niti, con D(D) l'insieme degli ideali divisoriali e con T (D) l'insieme degli t-ideali.

8 Sintesi 8 Consideriamo in D(D) la seguente applicazione: : D(D) D(D) D(D) che prende il nome di v-moltiplicazione. (I, J) (IJ) v = (I v J) v = (I v J v ) v L'insieme D(D) rispetto alla v-moltiplicazione è un monoide con elemento neutro D, (D(D), ). Inoltre (H(D), ) è un sottomonoide di (D(D), ); infatti se I = H v e J = (H ) v, allora I J = H v (H ) v = (H v H v) v = (HH ) v, con H, H ideali nitamente generati. Passiamo ora a dare la denizione di ideale v-invertibile e ideale t-invertibile. Denizione. Sia D un dominio di integrità, un ideale I F(D) si dice v-invertibile se I v è invertibile nel monoide (D(D), ), cioè esiste un ideale J F(D) tale che I v J v = (IJ) v = D; se J v esiste, esso è unico e si dice il v-inverso di I. Denizione. Sia D un dominio di integrità, I F(D) si dice t-invertibile se esiste un ideale J F(D) tale che (IJ) t = D. Avendo dato queste denizioni possiamo fare la seguente osservazione: Osservazione. 1. Sia I F(D), se I è t-invertibile, allora I è v-invertibile. Sia J F(D) tale che (IJ) t = D, allora D = (IJ) t (IJ) v D. 2. Un t-invertibile t-ideale è sempre un ideale divisoriale v-invertibile, allora (I(D : I)) t = (I(D : I)) v = D. 3. Un ideale divisoriale v-invertibile I di D è un ideale t-invertibile se e solo se I e D : I sono ideali v-niti. Nel Capitolo 3 riprendiamo le varie classi di domini che utilizzeremo; introduciamo dapprima gli anelli Noetheriani, che sono quegli anelli in cui ogni ideale è nitamente generato. Possiamo caratterizzare gli anelli Noetheriani attraverso la seguente proposizione:

9 Sintesi 9 Proposizione 4. Sia A un anello, allora le seguenti condizioni sono tra loro equivalenti: 1. A è un anello Noetheriano; 2. A verica A.C.C. (condizione della catena ascendente) sugli ideali, cioè ogni catena ascendente di ideali di A, I 1 I 2... I n... è stazionaria, esiste N tale che I N = I N+1 = I N+2 =...; 3. ogni insieme non vuoto di ideali in A possiede elementi massimali. Passiamo poi alla denizione dei domini di Bézout che sono quei domini in cui ogni ideale nitamente generato è principale. Ricordiamo inoltre che valgono le seguenti implicazioni: ED P ID UF D domini di Bézout MCD dominio Introduciamo poi la denizione di dominio di valutazione. Denizione. Sia D un dominio di integrità, K il suo campo dei quozienti. Si dice che D è un dominio di valutazione di K se, per ogni elemento x 0 in K, o x D oppure x 1 D (le due eventualità potendosi presentare simultaneamente). Diamo anche in questo caso una proposizione che caratterizza i domini di valutazione: Proposizione 5. Le seguenti proprietà sono equivalenti per un dominio di integrità D: 1. D è un dominio di valutazione;

10 Sintesi gli ideali (frazionari) principali di D sono linearmente ordinati; 3. gli ideale (frazionari) di D sono linearmente ordinati; 4. D è un dominio di Bézout locale. Vengono poi introdotti i domini di Prüfer; per denire i domini di Prüfer si utilizza il concetto di ideale frazionario invertibile che abbiamo denito prima; un dominio si dice di Prüfer se ogni suo ideale (frazionario) nitamente generato è invertibile. Inoltre possiamo caratterizzare i domini di Prüfer attraverso i domini di valutazione e le localizzazioni con la seguente proposizione: Proposizione 6. Sia D un dominio di integrità, allora le seguenti condizioni sono equivalenti: 1. D è un dominio di Prüfer; 2. D P è un dominio di valutazione, per ogni ideale primo P di D; 3. D M è un dominio di valutazione, per ogni ideale massimale M di D. Inne troviamo la classe dei domini di Prüfer v-moltiplicativi indicati con PVMD, per la denizione dei PVMD si utilizza la nozione di ideale divisoriale v-nito. Denizione. Un dominio di integrità D si dice un dominio di Prüfer v- moltiplicativo (PVMD) se l'insieme H(D) degli ideali divisoriali v-niti, di D, forma un gruppo rispetto alla v-moltiplicazione: I v J v = (IJ) v = (I v J) v = (I v J v ) v, cioè, se per ogni H v con H F(D) nitamente generato esiste H v con H F(D) nitamente generato tale che (HH ) v = (H v H v) v = D. Proposizione 7. Per un dominio di integrità D le seguenti condizioni sono equivalenti: 1. D è un PVMD; 2. ogni ideale divisoriale v-nito di D è t-invertibile ((II 1 ) t = D).

11 Sintesi 11 Introduciamo inoltre la denizione di v-dominio, che utilizzero poi nel corso della nostra trattazione. Denizione. Sia D un dominio di integrità, D si dice un v-dominio se ogni ideale frazionario non nullo I di D nitamente generato è un ideale v-invertibile. Notiamo che un PVMD è un v-dominio ma non è sempre vero il viceversa, infatti un ideale nitamente generato v-invertibile J è t-invertibile se e solo se il suo v-inverso D : J è v-nito. Diamo ora una caratterizzazione dei PVMD dovuta a M. Grin. Teorema 8. Sia D un dominio di integrità, allora le seguenti aermazioni sono equivalenti: 1. D è un PVMD; 2. D M è un dominio di valutazione per ogni M t-ideale massimale di D. Nel capitolo 4 riprendiamo l'articolo di E. Houston e J. Taylor [12] il cui scopo è quello di determinare, dato un diagramma di tipo, quali proprietà aritmetiche di D, T ed E inuenzano quelle di R e viceversa. Diamo ora i principali risultati: Teorema 9. In un diagramma di tipo, R è un dominio di valutazione se e solo se D e T sono domini di valutazione, I è un ideale primo di T, e qf(d) = qf(e). Segue immediatamente il seguente ben noto corollario: Corollario 10. Si consideri un pullback di tipo in cui I è un ideale massimale di T. Allora R è un dominio di valutazione se e solo se D e T sono domini di valutazione ed E = qf(d). Teorema 11. In un diagramma di tipo, R è un dominio di Prüfer se e solo se D e T sono domini di Prüfer, I è un ideale primo di T, e qf(d) = qf(e). Ritroviamo come caso particolare, il seguente ben noto corollario ottenuto da Fontana in [5, Teorema 2.4].

12 Sintesi 12 Corollario 12. Se consideriamo un pullback di tipo in cui I è un ideale massimale di T. Allora R è un dominio di Prüfer se e solo se D e T sono domini di Prüfer ed E = qf(d). Per vedere sotto quali condizioni R è un dominio di Bézout consideriamo il gruppo degli elementi invertibili di un dominio D, U(D). Dato un pullback di tipo, l'omomorsmo di anelli ϕ : T T/I = E rispetto al gruppo degli elementi invertibili denisce un omomorsmo di gruppi α : U(T ) U(E). Inoltre sappiamo che U(D) è un sottogruppo del gruppo abeliano U(E) e abbiamo quindi l'omomorsmo canonico β : U(E) U(E). Ora componendo U(D) α e β otteniamo ϕ = β α : U(T ) U(E) che è ancora un omomorsmo U(D) poichè composizione di omomorsmi. Teorema 13. In un pullback di tipo, R è un dominio di Bézout, se e solo se D e T sono domini di Bézout, I è un ideale primo di T, D e E hanno lo stesso campo dei quozienti e l'omomorsmo canonico ϕ : U(T ) U(E) U(D) è suriettivo. Dal teorema possiamo dedurre il seguente corollario: Corollario 14. In un pullback di tipo, se I è un ideale massimale di T. Allora R è un dominio di Bézout se e solo se E = qf(d), D e T sono domini di Bézout e l'omomorsmo canonico ϕ : U(T ) U(E) U(D) è suriettivo. Nel caso dei v-domini non si ha un vero e proprio teorema per caratterizzare R, dobbiamo fare delle ipotesi su T. I due lemmi che seguono ci dicono come la proprietà di R di essere un v-dominio si rietta sull'ideale I e sulle localizzazioni di R e T rispetto ad I. Lemma 15. In un pullback di tipo, se R è un v-dominio, allora I è un ideale t-primo di R e di T, qf(d) = qf(e), R I è un dominio di valutazione, e R I = T I. Inoltre, I : I = I 1 = I v : I v. Supponendo che T = I : I si ha che se R è un v-dominio allora T è un v-dominio. v-domini: Caretterizziamo nel lemma che segue gli ideali t-primi nei

13 Sintesi 13 Lemma 16. In un pullback di tipo, se R è un v-dominio, allora I è un t-primo ma non un t-ideale massimale di R. Vedremo ora sotto quali condizioni nel pullback R è un PVMD. Iniziamo con il dare un esempio che giustica l'introduzione di un ulteriore ipotesi su T. Sia F un campo e siano X, Y, Z tre indeterminate sul campo F e sia I = ZF (X, Y )[Z], l'ideale massimale di F (X, Y )[Z]. F (X,Y )[Z] Banalmente ZF (X,Y )[Z] F (X, Y ). Consideriamo il seguente doppio pullback: R D = F [X, Y ] T = ϕ 1 (E) E = F [X, Y, ( X Y )2 ] (7) F (X, Y )[Z] ϕ F (X, Y ) dove l'applicazione ϕ manda Z 0. Il diagramma superiore è un pullback di tipo. Inoltre è facile vedere che T non è integralmente chiuso e quindi non è un PVMD. D'altra parte, se non prendiamo in considerazione la riga centrale del diagramma il risultato è un diagramma dello stesso tipo di quelli descritti in [6, Teorema 4.1], e così R è un PVMD. Inoltre, senza fare nessuna ipotesi su T non c'è nessuna possibilità di dimostrare che T sia un PVMD ogni qual volta lo sia anche R. Il problema nell'esempio è il fatto che (I : I) T. Tuttavia, un generico diagramma pullback di tipo può essere esteso al seguente diagramma: R D = R/I T E = T/I (8) I : I ϕ (I : I)/I Nella proposizione che segue mostreremo che se R è un PVMD, allora

14 Sintesi 14 anche I : I è un PVMD (ma non c'è nessuna possibilità di dimostrare che T sia un PVMD). Quindi assumeremo spesso che in un generico diagramma T = I : I. Proposizione 17. In un pullback di tipo, se T = I : I e R è un PVMD, allora T è un PVMD. Il teorema che segue ha come ipotesi che T = I : I. Teorema 18. In un pullback di tipo, assumiamo che T = I : I. Allora R è un PVMD se e solo se T è un PVMD, I è un ideale t-primo di T, qf(d) = qf(e), e per ogni ideale primo non nullo P di D vale una delle seguenti condizioni: 1. D P e T ϕ 1 (D P ) sono domini di valutazione; 2. esiste un ideale nitamente generato A di D tale che A P, A 1 E = D, e (ϕ 1 ( P )) t = T. Se nelle ipotesi del teorema 18 si aggiunge l'ipotesi che I è un t-ideale massimale di T, si ottiene un risultato più soddisfacente ed utile. Teorema 19. In un pullback di tipo, assumiamo che T = I : I e che I è un t-ideale massimale di T. Allora R è un PVMD se e solo se T è un PVMD, qf(d) = qf(e), e per ogni t-ideale primo P di D vale una delle seguenti condizioni: 1. D P è un dominio di valutazione e E D P è un campo; 2. esiste un ideale nitamente generato A di D tale che A P e A 1 E = D.

15 Bibliograa [1] M. F. Atiyah and I. G. MacDonald, Introduction to Commutative Algebra, Addison-Wesley, Reading (1969). [2] N. Bourbaki, Commutative Algebra, Addison-Wesley, Reading, (1972). [3] J. Cahen, Couples d'anneaux partageant un idéal, Arch. Math. Vol. 51, (1988), [4] D. Dobbs, E. Houston, T. Lucas, M. Zafrullah, t-linked overrings and Prüfer v-multiplication domains, Communications in Algebra 17 (11), (1989), [5] M. Fontana, Topologically dened classes of commutative rings, Ann. Mat. Pura Appl. 123, (1980), [6] M. Fontana, S. Gabelli, On the class group and the local class group of a pullback, Journal of Algebra 181, (1996), [7] L. Fuchs and L. Salce, Modules over Non-Noetherian Domains, American Mathematical Society, (2001). [8] S. Gabelli, Characterizing integral domains by semigroups of ideals, Notes for an advanced course in idal theory (a.a ). [9] R. Gilmer, Multiplicative Ideal Theory, Dekker, New York, (1972). [10] M. Grin, Some results on v-multiplication domains, Canad. J. Math., 19, (1967),

16 Bibliograa 16 [11] E. Houston, On divisorial prime ideals in Prüfer v-multiplication domains, J. Pure Appl. Algebra 42, (1986), [12] E. Houston and J. Taylor, Arithmetic properties in pullbacks, Journal of Algebra 310, (2007), [13] B. G. Kang, Prüfer v-multiplication domains and the ring R[X] NV, Journal of Algebra 123, (1989), [14] A. Mimouni, Pullbacks and coherent-like properties, in: Advances in Commutative Ring Theory, in: Lect. Notes Pure Appl. Math., vol. 205, Dekker, New York, (1999), [15] J. Mott e M. Zafrullah, On Prüfer v-multiplication domains, Manuscripta Mathematica, Vol. 35, (1981), [16] M. Zafrullah, On nite conductor domains, Manuscripta Mathematica, Vol. 24, (1978),

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali a.a. 2011-2012 Introduzione alla Teoria delle Valutazioni Stefania Gabelli Testi di Riferimento M. F. Atiyah and I. G. Macdonald, Introduction to Commutative

Dettagli

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Stefania Gabelli Dipartimento di Matematica, Università degli Studi Roma Tre Note per i corsi di Algebra Commutativa a.a. 2010/2011 1 Indice 1 Preliminari

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

LEZIONE 17. B : kn k m.

LEZIONE 17. B : kn k m. LEZIONE 17 17.1. Isomorfismi tra spazi vettoriali finitamente generati. Applichiamo quanto visto nella lezione precedente ad isomorfismi fra spazi vettoriali di dimensione finita. Proposizione 17.1.1.

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell. Davide Penazzi

Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell. Davide Penazzi Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell Davide Penazzi 2 Funzioni tra insiemi niti: i numeri di Stirling e Bell 1 Contare il numero delle funzioni tra insiemi 1.1 Denizioni e concetti preliminari

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo

Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo Appunti al corso di Algebra Anno accademico 23-24 1 Prodotti diretti. Siano M e N due moduli sullo stesso anello A, non necessariamente

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Elementi di teoria degli insiemi

Elementi di teoria degli insiemi Elementi di teoria degli insiemi 1 Insiemi e loro elementi 11 Sottoinsiemi Insieme vuoto Abbiamo già osservato che ogni numero naturale è anche razionale assoluto o, in altre parole, che l insieme dei

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

4. Strutture algebriche. Relazioni

4. Strutture algebriche. Relazioni Relazioni Sia R una relazione definita su un insieme A (cioè R A A). R si dice riflessiva se a A : ara R si dice simmetrica se a, b A : arb = bra R si dice antisimmetrica se a, b A : arb bra = a = b R

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Algoritmi combinatori per l interpolazione polinomiale in dimensione 2.

Algoritmi combinatori per l interpolazione polinomiale in dimensione 2. Algoritmi combinatori per l interpolazione polinomiale in dimensione 2. L.Cerlienco e M.Mureddu Università di Cagliari, Italy 1 Introduzione. Sia K un campo, X := {x 1, x 2,..., x n } un insieme di indeterminate

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Spazi metrici e spazi topologici

Spazi metrici e spazi topologici Topologia 1 2007/2008 D. Dikranjan, UDINE Spazi metrici e spazi topologici D. Dikranjan L origine della topologia é dovuta a H. Poincaré, M. Fréchet e F. Hausdorff circa un secolo fa. Adesso questa disciplina

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio:

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio: Funzioni Primitive (Integrali Indefiniti) (l.v.) Pur essendo un argomento che fa parte del Calcolo Differenziale, molti autori inseriscono funzioni primitive nel capitolo sul Calcolo Integrale, in quanto

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli