TRE ROMA. Sintesi. Proprietà aritmetiche nei Pullbacks

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRE ROMA. Sintesi. Proprietà aritmetiche nei Pullbacks"

Transcript

1 ROMA TRE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Matematica Tesi di Laurea Magistrale in Matematica Sintesi Proprietà aritmetiche nei Pullbacks Candidato Claudia D'Armiento Relatore Prof.ssa Florida Girolami Anno Accademico 2012/2013 Classicazione MSC2000: 13A15 13F05 13G05 Parole chiave: Pullbacks, Domini di valutazione, Domini di Bézout, Domini di Prüfer, Domini di Prüfer v-moltiplicativi.

2 Sintesi Lo scopo di questo elaborato è di analizzare le proprietà aritmetiche nei pullbacks. Il pullback che prendiamo in considerazione nel corso della trattazione è il seguente: siano T un dominio d'integrità, I un ideale non nullo di T, ϕ : T E := T/I la proiezione canonica, e D un dominio di integrità contenuto in E. Consideriamo ora R := ϕ 1 (D), che risulta essere il pullback degli omomorsmi canonici: R T D ϕ T/I = E (1) Assumiamo che R sia propriamente contenuto in T. Faremo riferimento a (1) come pullback di tipo. In questo lavoro vogliamo in particolare studiare sotto quali condizioni su T, E e D si ha che R è un dominio di valutazione, un dominio di Prüfer, un dominio di Bézout, un v-dominio e un dominio di Prüfer v-moltiplicativo. La costruzione pullback venne per la prima volta utilizzata in alcuni esempi fatti su anelli di polinomi, nei lavori di H. Prüfer (1932) e W. Krull (1936). Successivamente, nel 1954, A. Seidenberg utilizzò questa costruzione nei suoi studi sulla dimensione di Krull di un'estensione polinomiale. Tuttavia, in questi lavori non c'era ancora una notazione esplicita per i pullbacks. Il primo autore a formalizzare il linguaggio della costruzione pullback fu R. Gilmer nel 1968, con lo studio di uno dei più noti esempi di pullback, la D + M costruzione, nella quale si suppone che T sia un dominio di valuta-

3 Sintesi 3 zione contenente il suo campo dei residui E. Successivamente, l'utilità dei pullbacks come grande fonte di esempi portò ad un loro studio piú approfondito. Nel 1973, E. Batista e R. Gilmer studiarono i sopra-anelli e gli ideali divisoriali di un dominio della forma D + M; mentre tre anni dopo, nel 1976, J. Brewer e E. Rutter generalizzarono la D + M costruzione a sopra-anelli generali, indebolendo le ipotesi su T ; cioè, non veniva piú richiesto che T fosse un dominio di valutazione o un dominio quasi locale. Inoltre nel 1978 D. Costa, J. Mott e M. Zafrullah utilizzarono i pullbacks per lo studio della costuzione D + XD S [X], e nel 1980 J. Hedstrom e E. Houston caratterizzarono i domini locali che condividono il loro ideale massimale con un sopra-anello di valutazione. Successivamente D. F. Anderson e D. Dobbs hanno provato che questi domini detti di pseudo-valutazione, si ottengono come particolari pullback. Continuando nel nostro percorso storico incontriamo M. Fontana che nel 1980 studiò l'operazione di somma amalgamata di spazi spettrali e esaminò nel dettaglio alcune proprietà algebriche degli anelli utilizzati in tale operazione; inoltre, fornì numerose applicazioni alla teoria delle D + M costruzioni e alle CPI-estensioni nel senso di Boisen-Sheldon. Un livello teorico ideale dei pullbacks venne trattato nel 1996 da S. Gabelli e M. Fontana nel loro lavoro On the class group and the local class group of a pullback in cui viene preso in esame il seguente: R T D ϕ T/M = K (2) dove M è un ideale massimale di T e K è il campo dei quozienti di D. Quest'ultimo pullback prende il nome di FG pullback. Un pò di anni più tardi, nel 2000, mentre T. Lucas si occupava di costruire degli esempi derivanti dalla costruzione pullback, S. Gabelli e E. Houston caratterizzavano alcune proprietà di tali pullbacks. Inne, nel 2001, D. F. Anderson, D. Nour e El Abidine indagarono sulle costruzioni pullbacks A + XB[X] e A + XB[[X]] mentre, nel 2003, A. Mimouni tentò di rimuovere l'ipotesi che M fosse un ideale massimale in un FG pullback e sviluppò diverse tecniche utili molte delle quali richiedevano che T fosse un dominio di

4 Sintesi 4 valutazione. Per concludere questo percorso storico temporale sulla nascita del pullback, nel 2006 E. Houston e J. Taylor studiarono le proprietà aritmetiche nei pullbacks facendo riferimento al pullback descritto in (1). Questo lavoro viene sviluppato in 4 capitoli. Nel capitolo 1 iniziamo presentando le nozioni topologiche che ci serviranno successivamente per trattare le proprietà dello spettro degli ideali primi di un pullback: prima deniamo la somma amalgamata di due spazi topologici X e Y su un terzo spazio topologico Z tramite due applicazioni continue f : Z X e g : Z Y come lo spazio quoziente X Y, dove è una relazione di equivalenza. Introduciamo poi la nozione di prodotto - brato; siano A, B, C anelli, u : A C e v : B C omomorsmi di anelli. Denotiamo con D il pullback (o prodotto brato) di A e B su C, denito come l'anello: D = A C B = {(a, b) A B u(a) = v(b)} denotiamo con u : D B e v : D A le restrizioni su D delle proiezioni canoniche di A C B su B ed A. Il seguente diagramma è commutativo: cioè u v = v u. A C B u B v v Richiamiamo la Proprietà Universale dei Pullbacks nella seguente proposizione la cui dimostrazione si riduce ad una semplice verica. Proposizione 1 (Proprietà Universale dei Pullbacks). Sia R un anello e supponiamo che f : R B e g : R A siano omomorsmi di anelli tali che v f = u g. Allora esiste un unico omomorsmo h : R A C B tale che u h = f e v h = g: A C u (3)

5 Sintesi 5 R f!h g A C B u B Nel Capitolo 2 iniziamo col dare la denizione di ideale frazionario per un dominio di integrità D, con campo dei quozienti K. Denizione. Un ideale frazionario di D è un D-sottomodulo I di K tale che di D per qualche 0 d D. Dati due D-sottomoduli I e J di K, oltre alle usuali somma I + J = {x + y : x I e y J}, intersezione I J e prodotto IJ = { n i=1 x iy i : x i I, y i J}, si denisce anche I : J = {x K : xj I}. Se denotiamo con F(D) l'insieme degli ideali frazionari non nulli di D, l'insieme F(D) rispetto al prodotto tra due ideali frazionari è un semigruppo moltiplicativo, con elemento neutro D. Un ideale frazionario non nullo I di D si dice invertibile se è invertibile come elemento del monoide moltiplicativo F(D). In altre parole, se esiste J F(D) tale che IJ = D. L'unico ideale frazionario J che soddisfa IJ = D è univocamente determinato da I, questo è chiamato l'inverso di I e viene denotato con I 1. L'insieme degli ideali frazionari invertibili di D è il più grande sottogruppo del monoide F(D); questo gruppo è indicato con I(D). Gli ideali frazionari principali non nulli formano un sottogruppo P(D) in I(D), abbiamo quindi le seguenti inclusioni: v v A C u (4) P(D) I(D) F(D) (5) Nella prossima proposizione daremo alcune delle proprietà relative all'invertibilità degli ideali. Proposizione 2. Sia I un ideale frazionario invertibile di un dominio D. Allora: 1. I 1 = D : I;

6 Sintesi 6 2. I è nitamente generato; 3. se D è semilocale, allora I è un ideale principale; inoltre, se D è locale ed S K è tale che (S) = I, allora esiste s S tale che I = sd. Notiamo che non è vero in generale che se I è un ideale frazionario nitamente generato di un dominio di integrità D allora I è un ideale invertibile di D. Un controesempio è dato da: sia K un campo, consideriamo D = K[X, Y ], e sia I = (X, Y ), allora abbiamo che D = I 1. Passiamo ora a dare la denizione di v-ideale e t-ideale, introducendo la v-operazione. Denizione. Sia D un dominio di integrità con campo dei quozienti K. Deniamo su F(D) la seguente applicazione: v : F(D) F(D) che prende il nome di v-operazione. I I v := D : (D : I) Questa applicazione soddisfa le seguenti proprietà: 1. (xd) v = xd e (xi) v = xi v, per ogni x K {0}; 2. I I v e se I J allora I v J v, per ogni I, J F(D); 3. (I v ) v = I v, per ogni I F(D). Siamo ora pronti per denire un ideale divisoriale. Denizione. Un ideale I di F(D) si dice v-ideale o anche ideale divisoriale se I = I v. Nella seguente proposizione si hanno alcune proprietà degli ideali divisoriali.

7 Sintesi 7 Proposizione 3. Sia D un dominio di integrità e I F(D). Allora: 1. I è un ideale divisoriale se e solo se I = D : J per qualche J F(D); 2. se I è un ideale frazionario invertibile allora I è un ideale frazionario divisoriale; 3. I v = {xd : x K {0}, I xd}. Deamo ora l'insieme I t per poter poi arrivare alle denizione di t-ideale. Sia I F(D), deniamo I t := {J v : J F(D) nitamente generato e J I}. È immediato vericare che I t è un ideale frazionario tale che I I t I v. Denizione. I F(D) si dice un t-ideale se I = I t. La denizione appena data ci consente di denire analogamente a quanto fatto per la v-operazione la t-opetazione: t : F(D) F(D) I I t Banalmente se I è un ideale frazionario divisoriale, allora I è un t-ideale. Non è vero il viceversa. Abbiamo poi introdotto la nozione di ideale v-nito. Denizione. Sia D un dominio di integrità e sia I F(D), I si dice un ideale v-nito se esiste H F(D) nitamente generato tale che I = H v. Si vede chiaramente che se I è un ideale v-nito, allora I è un ideale divisoriale; inoltre se I è un ideale invertibile, allora I è un ideale v-nito. Possiamo ora riprendere la catena di inclusioni che abbiamo denito in (5) e ampliarla nel seguente modo: P(D) I(D) H(D) D(D) T (D) F(D) (6) dove abbiamo indicato con H(D) l'insieme degli ideali v-niti, con D(D) l'insieme degli ideali divisoriali e con T (D) l'insieme degli t-ideali.

8 Sintesi 8 Consideriamo in D(D) la seguente applicazione: : D(D) D(D) D(D) che prende il nome di v-moltiplicazione. (I, J) (IJ) v = (I v J) v = (I v J v ) v L'insieme D(D) rispetto alla v-moltiplicazione è un monoide con elemento neutro D, (D(D), ). Inoltre (H(D), ) è un sottomonoide di (D(D), ); infatti se I = H v e J = (H ) v, allora I J = H v (H ) v = (H v H v) v = (HH ) v, con H, H ideali nitamente generati. Passiamo ora a dare la denizione di ideale v-invertibile e ideale t-invertibile. Denizione. Sia D un dominio di integrità, un ideale I F(D) si dice v-invertibile se I v è invertibile nel monoide (D(D), ), cioè esiste un ideale J F(D) tale che I v J v = (IJ) v = D; se J v esiste, esso è unico e si dice il v-inverso di I. Denizione. Sia D un dominio di integrità, I F(D) si dice t-invertibile se esiste un ideale J F(D) tale che (IJ) t = D. Avendo dato queste denizioni possiamo fare la seguente osservazione: Osservazione. 1. Sia I F(D), se I è t-invertibile, allora I è v-invertibile. Sia J F(D) tale che (IJ) t = D, allora D = (IJ) t (IJ) v D. 2. Un t-invertibile t-ideale è sempre un ideale divisoriale v-invertibile, allora (I(D : I)) t = (I(D : I)) v = D. 3. Un ideale divisoriale v-invertibile I di D è un ideale t-invertibile se e solo se I e D : I sono ideali v-niti. Nel Capitolo 3 riprendiamo le varie classi di domini che utilizzeremo; introduciamo dapprima gli anelli Noetheriani, che sono quegli anelli in cui ogni ideale è nitamente generato. Possiamo caratterizzare gli anelli Noetheriani attraverso la seguente proposizione:

9 Sintesi 9 Proposizione 4. Sia A un anello, allora le seguenti condizioni sono tra loro equivalenti: 1. A è un anello Noetheriano; 2. A verica A.C.C. (condizione della catena ascendente) sugli ideali, cioè ogni catena ascendente di ideali di A, I 1 I 2... I n... è stazionaria, esiste N tale che I N = I N+1 = I N+2 =...; 3. ogni insieme non vuoto di ideali in A possiede elementi massimali. Passiamo poi alla denizione dei domini di Bézout che sono quei domini in cui ogni ideale nitamente generato è principale. Ricordiamo inoltre che valgono le seguenti implicazioni: ED P ID UF D domini di Bézout MCD dominio Introduciamo poi la denizione di dominio di valutazione. Denizione. Sia D un dominio di integrità, K il suo campo dei quozienti. Si dice che D è un dominio di valutazione di K se, per ogni elemento x 0 in K, o x D oppure x 1 D (le due eventualità potendosi presentare simultaneamente). Diamo anche in questo caso una proposizione che caratterizza i domini di valutazione: Proposizione 5. Le seguenti proprietà sono equivalenti per un dominio di integrità D: 1. D è un dominio di valutazione;

10 Sintesi gli ideali (frazionari) principali di D sono linearmente ordinati; 3. gli ideale (frazionari) di D sono linearmente ordinati; 4. D è un dominio di Bézout locale. Vengono poi introdotti i domini di Prüfer; per denire i domini di Prüfer si utilizza il concetto di ideale frazionario invertibile che abbiamo denito prima; un dominio si dice di Prüfer se ogni suo ideale (frazionario) nitamente generato è invertibile. Inoltre possiamo caratterizzare i domini di Prüfer attraverso i domini di valutazione e le localizzazioni con la seguente proposizione: Proposizione 6. Sia D un dominio di integrità, allora le seguenti condizioni sono equivalenti: 1. D è un dominio di Prüfer; 2. D P è un dominio di valutazione, per ogni ideale primo P di D; 3. D M è un dominio di valutazione, per ogni ideale massimale M di D. Inne troviamo la classe dei domini di Prüfer v-moltiplicativi indicati con PVMD, per la denizione dei PVMD si utilizza la nozione di ideale divisoriale v-nito. Denizione. Un dominio di integrità D si dice un dominio di Prüfer v- moltiplicativo (PVMD) se l'insieme H(D) degli ideali divisoriali v-niti, di D, forma un gruppo rispetto alla v-moltiplicazione: I v J v = (IJ) v = (I v J) v = (I v J v ) v, cioè, se per ogni H v con H F(D) nitamente generato esiste H v con H F(D) nitamente generato tale che (HH ) v = (H v H v) v = D. Proposizione 7. Per un dominio di integrità D le seguenti condizioni sono equivalenti: 1. D è un PVMD; 2. ogni ideale divisoriale v-nito di D è t-invertibile ((II 1 ) t = D).

11 Sintesi 11 Introduciamo inoltre la denizione di v-dominio, che utilizzero poi nel corso della nostra trattazione. Denizione. Sia D un dominio di integrità, D si dice un v-dominio se ogni ideale frazionario non nullo I di D nitamente generato è un ideale v-invertibile. Notiamo che un PVMD è un v-dominio ma non è sempre vero il viceversa, infatti un ideale nitamente generato v-invertibile J è t-invertibile se e solo se il suo v-inverso D : J è v-nito. Diamo ora una caratterizzazione dei PVMD dovuta a M. Grin. Teorema 8. Sia D un dominio di integrità, allora le seguenti aermazioni sono equivalenti: 1. D è un PVMD; 2. D M è un dominio di valutazione per ogni M t-ideale massimale di D. Nel capitolo 4 riprendiamo l'articolo di E. Houston e J. Taylor [12] il cui scopo è quello di determinare, dato un diagramma di tipo, quali proprietà aritmetiche di D, T ed E inuenzano quelle di R e viceversa. Diamo ora i principali risultati: Teorema 9. In un diagramma di tipo, R è un dominio di valutazione se e solo se D e T sono domini di valutazione, I è un ideale primo di T, e qf(d) = qf(e). Segue immediatamente il seguente ben noto corollario: Corollario 10. Si consideri un pullback di tipo in cui I è un ideale massimale di T. Allora R è un dominio di valutazione se e solo se D e T sono domini di valutazione ed E = qf(d). Teorema 11. In un diagramma di tipo, R è un dominio di Prüfer se e solo se D e T sono domini di Prüfer, I è un ideale primo di T, e qf(d) = qf(e). Ritroviamo come caso particolare, il seguente ben noto corollario ottenuto da Fontana in [5, Teorema 2.4].

12 Sintesi 12 Corollario 12. Se consideriamo un pullback di tipo in cui I è un ideale massimale di T. Allora R è un dominio di Prüfer se e solo se D e T sono domini di Prüfer ed E = qf(d). Per vedere sotto quali condizioni R è un dominio di Bézout consideriamo il gruppo degli elementi invertibili di un dominio D, U(D). Dato un pullback di tipo, l'omomorsmo di anelli ϕ : T T/I = E rispetto al gruppo degli elementi invertibili denisce un omomorsmo di gruppi α : U(T ) U(E). Inoltre sappiamo che U(D) è un sottogruppo del gruppo abeliano U(E) e abbiamo quindi l'omomorsmo canonico β : U(E) U(E). Ora componendo U(D) α e β otteniamo ϕ = β α : U(T ) U(E) che è ancora un omomorsmo U(D) poichè composizione di omomorsmi. Teorema 13. In un pullback di tipo, R è un dominio di Bézout, se e solo se D e T sono domini di Bézout, I è un ideale primo di T, D e E hanno lo stesso campo dei quozienti e l'omomorsmo canonico ϕ : U(T ) U(E) U(D) è suriettivo. Dal teorema possiamo dedurre il seguente corollario: Corollario 14. In un pullback di tipo, se I è un ideale massimale di T. Allora R è un dominio di Bézout se e solo se E = qf(d), D e T sono domini di Bézout e l'omomorsmo canonico ϕ : U(T ) U(E) U(D) è suriettivo. Nel caso dei v-domini non si ha un vero e proprio teorema per caratterizzare R, dobbiamo fare delle ipotesi su T. I due lemmi che seguono ci dicono come la proprietà di R di essere un v-dominio si rietta sull'ideale I e sulle localizzazioni di R e T rispetto ad I. Lemma 15. In un pullback di tipo, se R è un v-dominio, allora I è un ideale t-primo di R e di T, qf(d) = qf(e), R I è un dominio di valutazione, e R I = T I. Inoltre, I : I = I 1 = I v : I v. Supponendo che T = I : I si ha che se R è un v-dominio allora T è un v-dominio. v-domini: Caretterizziamo nel lemma che segue gli ideali t-primi nei

13 Sintesi 13 Lemma 16. In un pullback di tipo, se R è un v-dominio, allora I è un t-primo ma non un t-ideale massimale di R. Vedremo ora sotto quali condizioni nel pullback R è un PVMD. Iniziamo con il dare un esempio che giustica l'introduzione di un ulteriore ipotesi su T. Sia F un campo e siano X, Y, Z tre indeterminate sul campo F e sia I = ZF (X, Y )[Z], l'ideale massimale di F (X, Y )[Z]. F (X,Y )[Z] Banalmente ZF (X,Y )[Z] F (X, Y ). Consideriamo il seguente doppio pullback: R D = F [X, Y ] T = ϕ 1 (E) E = F [X, Y, ( X Y )2 ] (7) F (X, Y )[Z] ϕ F (X, Y ) dove l'applicazione ϕ manda Z 0. Il diagramma superiore è un pullback di tipo. Inoltre è facile vedere che T non è integralmente chiuso e quindi non è un PVMD. D'altra parte, se non prendiamo in considerazione la riga centrale del diagramma il risultato è un diagramma dello stesso tipo di quelli descritti in [6, Teorema 4.1], e così R è un PVMD. Inoltre, senza fare nessuna ipotesi su T non c'è nessuna possibilità di dimostrare che T sia un PVMD ogni qual volta lo sia anche R. Il problema nell'esempio è il fatto che (I : I) T. Tuttavia, un generico diagramma pullback di tipo può essere esteso al seguente diagramma: R D = R/I T E = T/I (8) I : I ϕ (I : I)/I Nella proposizione che segue mostreremo che se R è un PVMD, allora

14 Sintesi 14 anche I : I è un PVMD (ma non c'è nessuna possibilità di dimostrare che T sia un PVMD). Quindi assumeremo spesso che in un generico diagramma T = I : I. Proposizione 17. In un pullback di tipo, se T = I : I e R è un PVMD, allora T è un PVMD. Il teorema che segue ha come ipotesi che T = I : I. Teorema 18. In un pullback di tipo, assumiamo che T = I : I. Allora R è un PVMD se e solo se T è un PVMD, I è un ideale t-primo di T, qf(d) = qf(e), e per ogni ideale primo non nullo P di D vale una delle seguenti condizioni: 1. D P e T ϕ 1 (D P ) sono domini di valutazione; 2. esiste un ideale nitamente generato A di D tale che A P, A 1 E = D, e (ϕ 1 ( P )) t = T. Se nelle ipotesi del teorema 18 si aggiunge l'ipotesi che I è un t-ideale massimale di T, si ottiene un risultato più soddisfacente ed utile. Teorema 19. In un pullback di tipo, assumiamo che T = I : I e che I è un t-ideale massimale di T. Allora R è un PVMD se e solo se T è un PVMD, qf(d) = qf(e), e per ogni t-ideale primo P di D vale una delle seguenti condizioni: 1. D P è un dominio di valutazione e E D P è un campo; 2. esiste un ideale nitamente generato A di D tale che A P e A 1 E = D.

15 Bibliograa [1] M. F. Atiyah and I. G. MacDonald, Introduction to Commutative Algebra, Addison-Wesley, Reading (1969). [2] N. Bourbaki, Commutative Algebra, Addison-Wesley, Reading, (1972). [3] J. Cahen, Couples d'anneaux partageant un idéal, Arch. Math. Vol. 51, (1988), [4] D. Dobbs, E. Houston, T. Lucas, M. Zafrullah, t-linked overrings and Prüfer v-multiplication domains, Communications in Algebra 17 (11), (1989), [5] M. Fontana, Topologically dened classes of commutative rings, Ann. Mat. Pura Appl. 123, (1980), [6] M. Fontana, S. Gabelli, On the class group and the local class group of a pullback, Journal of Algebra 181, (1996), [7] L. Fuchs and L. Salce, Modules over Non-Noetherian Domains, American Mathematical Society, (2001). [8] S. Gabelli, Characterizing integral domains by semigroups of ideals, Notes for an advanced course in idal theory (a.a ). [9] R. Gilmer, Multiplicative Ideal Theory, Dekker, New York, (1972). [10] M. Grin, Some results on v-multiplication domains, Canad. J. Math., 19, (1967),

16 Bibliograa 16 [11] E. Houston, On divisorial prime ideals in Prüfer v-multiplication domains, J. Pure Appl. Algebra 42, (1986), [12] E. Houston and J. Taylor, Arithmetic properties in pullbacks, Journal of Algebra 310, (2007), [13] B. G. Kang, Prüfer v-multiplication domains and the ring R[X] NV, Journal of Algebra 123, (1989), [14] A. Mimouni, Pullbacks and coherent-like properties, in: Advances in Commutative Ring Theory, in: Lect. Notes Pure Appl. Math., vol. 205, Dekker, New York, (1999), [15] J. Mott e M. Zafrullah, On Prüfer v-multiplication domains, Manuscripta Mathematica, Vol. 35, (1981), [16] M. Zafrullah, On nite conductor domains, Manuscripta Mathematica, Vol. 24, (1978),

Geometria Superiore. A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno. March 2, 2015

Geometria Superiore. A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno. March 2, 2015 Geometria Superiore A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno Luca Vitagliano March 2, 2015 Programma Prerequisiti. Spazi affini. Anelli commutativi con unità. Ideali. Anelli quoziente.

Dettagli

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali a.a. 2011-2012 Introduzione alla Teoria delle Valutazioni Stefania Gabelli Testi di Riferimento M. F. Atiyah and I. G. Macdonald, Introduction to Commutative

Dettagli

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Stefania Gabelli Dipartimento di Matematica, Università degli Studi Roma Tre Note per i corsi di Algebra Commutativa a.a. 2010/2011 1 Indice 1 Preliminari

Dettagli

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI 1. CLASSI DI RESTO E DIVISIBILITÀ In questa parte sarò asciuttissimo, e scriverò solo le cose essenziali. I commenti avete potuto ascoltarli a lezione.

Dettagli

Domini euclidei e domini ad ideali principali

Domini euclidei e domini ad ideali principali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Sintesi della Tesi di Laurea in Matematica presentata da Cristina Cuomo Domini euclidei e domini ad ideali principali Relatore

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Stato della Ricerca e Sviluppi Futuri

Stato della Ricerca e Sviluppi Futuri Stato della Ricerca e Sviluppi Futuri UN INTRODUZIONE STORICA ALLA TEORIA DELLA DIVISIBILITÀ NEI DOMINI INTEGRI Stefania Gabelli Dipartimento di Matematica Il gruppo di ricerca in Algebra dell Università

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S Relazioni binarie Una relazione binaria può essere rappresentata con un grafo o con una matrice di incidenza. Date due relazioni R, S A 1 A 2, la matrice di incidenza a seguito di varie operazioni si può

Dettagli

Anelli. dispense provvisorie del corso di Algebra 1 2010-2011 Alessio Del Vigna - Giovanni Gaiffi

Anelli. dispense provvisorie del corso di Algebra 1 2010-2011 Alessio Del Vigna - Giovanni Gaiffi Anelli dispense provvisorie del corso di Algebra 1 2010-2011 Alessio Del Vigna - Giovanni Gaiffi 16 febbraio 2011 1 Prime definizioni Abbiamo già dato in precedenza la definizione di anello associativo,

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA CORSO DI ALGEBRA, A.A. 2012-2013 Nel seguito D indicherà sempre un dominio d integrità cioè un anello commutativo con unità privo di divisori dello zero. Indicheremo con

Dettagli

1. Operazioni binarie e loro proprietà.

1. Operazioni binarie e loro proprietà. INTRODUZIONE ALLE STRUTTURE ALGEBRICHE Lo studio delle strutture algebriche astratte innanzitutto consente economia di pensiero, mediante l'unificazione in teorie generali degli esempi particolari già

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto PRODOTTO CARTESIANO Dati due insiemi non vuoti X e Y si definisce prodotto cartesiano: X Y ={ x, y x X, y Y } attenzione che (x,y) è diverso da (y,x) perchè (x,y)={x,{y}} e (y,x)={y,{x}} invece sono uguali

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 17 settembre 2011 (1 ora) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 052631578947368421,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) [# Aii [10 pagine]] Algebre di Boole Un algebra di Boole è una struttura 1. Definizione e proprietá B =< B,,, ν, 0, 1 > in cui B è un insieme non

Dettagli

Domini di Bézout e gruppi di divisibilità

Domini di Bézout e gruppi di divisibilità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Sintesi della tesi di Laurea in Matematica presentata da Moreno Perugini Domini di Bézout e gruppi di divisibilità relatore

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE 1. Operazioni algebriche binarie Dato un insieme M, chiamiamo operazione algebrica binaria definita su M una qualunque applicazione f che associa ad ogni coppia ordinata (a, b) di

Dettagli

Dispense di Algebra 1 - Gruppi

Dispense di Algebra 1 - Gruppi Dispense di Algebra 1 - Gruppi Dikran Dikranjan e Maria Silvia Lucido Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine via delle Scienze 200, I-33100 Udine gennaio 2005 L algébre est généreuse,

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

LEZIONE 17. B : kn k m.

LEZIONE 17. B : kn k m. LEZIONE 17 17.1. Isomorfismi tra spazi vettoriali finitamente generati. Applichiamo quanto visto nella lezione precedente ad isomorfismi fra spazi vettoriali di dimensione finita. Proposizione 17.1.1.

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 16 settembre 2013 (2 ore) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 142857,

Dettagli

Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella

Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella CAPITOLO 1 Introduzione Per poter seguire un corso universitario di matematica, uno studente,

Dettagli

Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey

Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey 28 Marzo 2007 Introduzione Teoria di Ramsey: sezione della matematica a metà tra la combinatoria e la teoria degli insiemi. La questione tipica è quella

Dettagli

Cenni di teoria dei campi finiti

Cenni di teoria dei campi finiti Cenni di teoria dei campi finiti Luca Giuzzi 31 ottobre 2011 In queste note vengono richiamati alcuni risultati di algebra relativi la teoria dei campi finiti. 1 Anelli Definizione 1. Un anello (R, +,

Dettagli

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se.

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se. I Polinomi Michele Buizza 1 Insiemi In questa prima sezione ricordiamo la simbologia che useremo in questa breve dispensa. Iniziamo innanzitutto a ricordare i simboli usati per i principali insiemi numerici.

Dettagli

Lezione 9: Cambio di base

Lezione 9: Cambio di base Lezione 9: Cambio di base In questa lezione vogliamo affrontare uno degli argomenti piu ostici per lo studente e cioè il cambio di base all interno di uno spazio vettoriale, inoltre cercheremo di capire

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali APPROFONDIMENTI DI ALGEBRA M. Chiara Tamburini Anno Accademico 2013/2014 Indice Prefazione iii I Moduli su un anello

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

APPUNTI DI ALGEBRA B

APPUNTI DI ALGEBRA B APPUNTI DI ALGEBRA B Prof. Gloria Rinaldi dal testo Algebra autori P.Quattrocchi, G.Rinaldi, ed. Zanichelli Dipartimento di Scienze e Metodi dell Ingegneria Università di Modena e Reggio Emilia, Via Amendola

Dettagli

Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI

Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI Premessa lessicale Anche se il suono è simile, la parola inglese factoring non significa calcolare la fattorizzazione (vedi sotto), bensì passare al quoziente,

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE

ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE 1. DIVISIBILITÀ IN DOMINI A IDEALI PRINCIPALI 1.1. Ideali e divisibilità. Il nostro obiettivo è quello di preparare il terreno prima di affrontare la dimostrazione del Teorema

Dettagli

Serie di Fourier 1. Serie di Fourier. f(t + T )=f(t) t R.

Serie di Fourier 1. Serie di Fourier. f(t + T )=f(t) t R. Serie di Fourier 1 Serie di Fourier In questo capitolo introduciamo le funzioni periodiche, la serie di Fourier in forma trigonometrica per le funzioni di periodo π, e ne identifichiamo i coefficienti.

Dettagli

Tutorato di GE110. Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica

Tutorato di GE110. Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica Tutorato di GE110 A.A. 2014-2015 - Docente: Prof. Angelo Felice Lopez Tutori: Federico Campanini e Giulia Salustri Soluzioni Tutorato 13

Dettagli

Appunti del corso di Matematica Discreta Corso di Laurea di base in Matematica. Norberto Gavioli

Appunti del corso di Matematica Discreta Corso di Laurea di base in Matematica. Norberto Gavioli Appunti del corso di Matematica Discreta Corso di Laurea di base in Matematica Norberto Gavioli A.A. 2002/2003 Capitolo 1 Classi di resto e loro aritmetica Prerequisiti: numeri interi, relazioni di equivalenza.

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali ALGEBRA II UNITÀ. M. Chiara Tamburini

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali ALGEBRA II UNITÀ. M. Chiara Tamburini UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali ALGEBRA II UNITÀ M Chiara Tamburini Anno Accademico 2009/2010 Indice I Omomorfismi fra anelli 1 1 Ideali 1 2 Anelli

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

ALGEBRA 2 CAMPI E TEORIA DI GALOIS

ALGEBRA 2 CAMPI E TEORIA DI GALOIS ALGEBRA 2 CAMPI E TEORIA DI GALOIS ALESSANDRO D ANDREA INDICE 1. Richiami sugli anelli 1 1.1. Anelli, sottoanelli, ideali 1 1.2. Omomorfismi di anelli ed anelli quoziente 2 1.3. Ideali primi e massimali.

Dettagli

I Insiemi e funzioni

I Insiemi e funzioni I Insiemi e funzioni 1. INSIEMI ED OPERAZIONI SU DI ESSI 1.1. Insiemi Dal punto di vista intuitivo, il concetto di insieme può essere fatto corrispondere all atto mentale mediante il quale associamo alcuni

Dettagli

ALGEBRA COMPUTAZIONALE

ALGEBRA COMPUTAZIONALE ALGEBRA COMPUTAZIONALE Capitolo I. TERMINOLOGIA Lo scopo di queste pagine è di richiamare le nozioni algebriche che verranno usate nel corso, illustrandole con qualche esempio di riferimento. Le dimostrazioni,

Dettagli

Corso introduttivo pluridisciplinare Strutture algebriche

Corso introduttivo pluridisciplinare Strutture algebriche Corso introduttivo pluridisciplinare Strutture algebriche anno acc. 2013/2014 Univ. degli Studi di Milano Cristina Turrini (Univ. degli Studi di Milano) Corso introduttivo pluridisciplinare 1 / 17 index

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Strutture Algebriche Le Sottostrutture Strutture degli Insiemi Quoziente

Strutture Algebriche Le Sottostrutture Strutture degli Insiemi Quoziente ALGEBRA RELAZIONI Operazioni tra relazioni: Unione (somma logica delle matrici) Intersezione (prodotto elemento per elemento delle matrici) Prodotto (prodotto righe per colonne delle matrici) prop. Associativa,

Dettagli

Esame di Matematica Discreta Laurea Triennale in Informatica e Comunicazione Digitale Sede di Taranto 28/9/2005

Esame di Matematica Discreta Laurea Triennale in Informatica e Comunicazione Digitale Sede di Taranto 28/9/2005 Sede di Taranto 28/9/2005 1. Dati gli insiemi A = {1, 2, 3, 4, 5} e B = {a, b, c}, determinare tutte le applicazioni surgettive f : A B tali che f(2) = f(3) = a f(x) a per x {2, 3}. 2. Risolvere il sistema

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esame di Geometria (Prof. F. Tovena) Argomenti: Proprietà di nucleo e immagine di una applicazione lineare. dim V = dim

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A.

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A. APPLICAZIONI LINEARI Siano V e W due spazi vettoriali, di dimensione m ed n sullo stesso campo di scalari R. Una APPLICAZIONE ƒ : V W viene definita APPLICAZIONE LINEARE od OMOMORFISMO se risulta, per

Dettagli

Lezioni del corso di Geometria e Algebra. prof. Michele Mulazzani dott. Alessia Cattabriga

Lezioni del corso di Geometria e Algebra. prof. Michele Mulazzani dott. Alessia Cattabriga Lezioni del corso di Geometria e Algebra prof Michele Mulazzani dott Alessia Cattabriga AA 20001/2002 Indice 1 Equazioni e sistemi lineari 4 11 Alcune strutture algebriche 4 12 Operazioni standard su K

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

ossia fornire algoritmi, formule di calcolo e concetti di carattere generale, applicabili

ossia fornire algoritmi, formule di calcolo e concetti di carattere generale, applicabili Cap. 1 - Introduzione: l Algebra e la sua didattica Che cos è l algebra? Mi pare indubbio che gli scopi dell Algebra siano generalizzare ed unificare, ossia fornire algoritmi, formule di calcolo e concetti

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica. Dispense del corso di ALGEBRA II

Corso di Laurea in Matematica. Dispense del corso di ALGEBRA II Corso di Laurea in Matematica Dispense del corso di ALGEBRA II a.a. 2012 2013 2 Indice I GRUPPI 5 1 Operazioni 7 1.1 Operazioni associative............................ 7 1.2 Matrici.....................................

Dettagli

Appunti del corso: Elementi di algebra superiore 2 Prof. Giovanni Gaiffi

Appunti del corso: Elementi di algebra superiore 2 Prof. Giovanni Gaiffi Appunti del corso: Elementi di algebra superiore 2 Prof. Giovanni Gaiffi Stefano Maggiolo http://poisson.phc.unipi.it/~maggiolo/ maggiolo@mail.dm.unipi.it 27 28 Indice 1 Moduli 3 1.1 Il gruppo degli omomorfismi.....................

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Lezione 6 Nucleo, Immagine e Teorema della Dimensione. 1 Definizione di Nucleo e Immagine

Lezione 6 Nucleo, Immagine e Teorema della Dimensione. 1 Definizione di Nucleo e Immagine Lezione 6 Nucleo, Immagine e Teorema della Dimensione In questa lezione entriamo nel vivo della teoria delle applicazioni lineari. Per una applicazione lineare L : V W definiamo e impariamo a calcolare

Dettagli

MODULI INIETTIVI. Definizione: Un inclusione di A-moduli ι : M N si dice estensione essenziale di M se per ogni sottomodulo non nullo P N, P ι(m) 0.

MODULI INIETTIVI. Definizione: Un inclusione di A-moduli ι : M N si dice estensione essenziale di M se per ogni sottomodulo non nullo P N, P ι(m) 0. MODULI INIETTIVI Definizione: Un inclusione di A-moduli ι : M N si dice estensione essenziale di M se per ogni sottomodulo non nullo P N, P ι(m) 0. Esempio: Supponiamo che A sia un dominio e chiamiamo

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. Definizione 1. La funzione L : V W si dice una applicazione

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Geometria I A. Algebra lineare

Geometria I A. Algebra lineare UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Geometria I A. Algebra lineare Prof.ssa Silvia Pianta Anno Accademico 22/23 Indice Spazi vettoriali 7 Definizione

Dettagli

UN INTRODUZIONE A QUASIGRUPPI E LOOPS

UN INTRODUZIONE A QUASIGRUPPI E LOOPS Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Matematica UN INTRODUZIONE A QUASIGRUPPI E LOOPS Tesi di Laurea in Algebra Relatore: Chiar.mo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

Su alcune proprietà aritmetiche degli ideali dei domini di Prüfer

Su alcune proprietà aritmetiche degli ideali dei domini di Prüfer UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI S.M.F.N. Tesi di Laurea in Matematica Francesca Moruzzi Su alcune proprietà aritmetiche degli ideali dei domini di Prüfer Relatore Prof. Marco Fontana Il Candidato

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

Criteri di stabilità (ver. 1.2)

Criteri di stabilità (ver. 1.2) Criteri di stabilità (ver. 1.2) 1 1.1 Il concetto di stabilità Il concetto di stabilità è piuttosto generale e può essere definito in diversi contesti. Per i problemi di interesse nell area dei controlli

Dettagli

LEZIONE 16. Proposizione 16.1.2. Siano V e W spazi vettoriali su k = R, C. Se f: V W

LEZIONE 16. Proposizione 16.1.2. Siano V e W spazi vettoriali su k = R, C. Se f: V W LEZIONE 16 16.1. Applicazioni lineari iniettive e suriettive. Ricordo le seguenti due definizioni valide per applicazioni di qualsiasi tipo ϕ: X Y fra due insiemi. L applicazione ϕ si dice iniettiva se

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Parte 2. Metodi Matematici per la Meccanica Quantistica. Spazi di pre-hilbert e spazi di Hilbert. Gianpiero CATTANEO

Parte 2. Metodi Matematici per la Meccanica Quantistica. Spazi di pre-hilbert e spazi di Hilbert. Gianpiero CATTANEO Parte Metodi Matematici per la Meccanica Quantistica Spazi di pre-hilbert e spazi di Hilbert Gianpiero CATTANEO 10 giugno 008 Indice I - Spazi con Prodotto Interno e Spazi di Hilbert 5 1 Spazi con Prodotto

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi Dispense di Matematica Analisi Matematica Riccarda Rossi Corso di Laurea in Disegno Industriale Università degli Studi di Brescia Anno Accademico 2009/2010 2 Capitolo 1 Nozioni preliminari 4 Riccarda Rossi

Dettagli

C. Borelli - C. Invernizzi

C. Borelli - C. Invernizzi Rend. Sem. Mat. Univ. Pol. Torino Vol. 57, 3 (999) C. Borelli - C. Invernizzi SULLA STABILITÀ DELL EQUAZIONE FUNZIONALE DEI POLINOMI Sommario. In this paper we obtain some stability results generalizing

Dettagli

Aritmetica modulare. Aritmetica modulare. Benvenuto nel wikibook: Autore: Dr Zimbu

Aritmetica modulare. Aritmetica modulare. Benvenuto nel wikibook: Autore: Dr Zimbu Aritmetica modulare Benvenuto nel wikibook: Aritmetica modulare Autore: Dr Zimbu PDF generato attraverso il toolkit opensource ''mwlib''. Per maggiori informazioni, vedi [[http://code.pediapress.com/ http://code.pediapress.com/]].

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA/SECONDA PROFESSIONALE CORSO SERALE DOCENTE: LUBRANO LOBIANCO ANIELLO Legenda: In

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 Appunti di Analisi Matematica Docente: Klaus Engel Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. / http://univaq.it/~engel ( = %7E) (Versione del 4 dicembre ) Note scritte in collaborazione

Dettagli