Ricettario. Cuocipappa Multifunzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricettario. Cuocipappa Multifunzione"

Transcript

1 Ricettario Cuocipappa Multifunzione

2 La pappa non è mai stata così facile! LA NUOVA LINEA COMPLETA PER LO SVEZZAMENTO 4 IL RICETTARIO Introduzione 10 LO SVEZZAMENTO: LE TAPPE FONDAMENTALI 12 L età giusta per iniziare 13 Parola d ordine: gradualità mesi: i primi assaggi mesi: arrivano i cereali mesi: carne e formaggio mesi: è il momento del pesce e delle uova 12 REGOLE DA NON DIMENTICARE 18 LE RICETTE 19 E ORA... A TAVOLA! 20 Le prime pappe (dai 5-6 mesi) 21 Pappa base di verdura 22 Purè di mela e patate 23 Pappa di pera 24 Crema bianca di finocchio 25 Crema arancione di carota 26 Crema ricca di ortaggi Arriva anche la carne! (dai 7 mesi) 27 Crema di petto di pollo 28 Delizia di fagiolini e prosciutto Merendina di banana e yogurt 29 Semolino con crema di vitello 30 Passata di tacchino, tapioca e zucchine Pappa marinara Le pappe da grandi (dai 9-10 mesi) 31 Mousse di pere e formaggio 32 Semolino con ragù di tacchino 33 Crema di verdure all uovo 34 Zuppetta di riso e piselli

3 LA NUOVA LINEA COMPLETA PER LO SVEZZAMENTO Con Vivalapappa, gli oggetti di uso quotidiano scoprono nuova gioia e bellezza. Una linea di prodotti che unisce personalità e sostanza, design e tecnologia, nel segno di un assoluta semplicità d uso. Scaldabiberon casa Cuocipappa Multifunzione Sterilizzatore universale a vapore Progettata in collaborazione con medici pediatri e nutrizionisti, Vivalapappa è un nuovo modo di vivere lo svezzamento del tuo bambino. 4 5

4 Cuocipappa Multifunzione Caldaia per la cottura Più facile, più veloce, più pratico Il Cuocipappa Brevi è facile e intuitivo. È sufficiente chiudere il coperchio e premere il pulsante di accensione per iniziare la cottura. Così si riducono notevolmente i tempi di preparazione della pappa. Mixer Cuoce a vapore La cottura degli alimenti avviene direttamente nella caldaia-cuocipappa. Il vapore diretto sugli alimenti garantisce la massima igiene, rapidità ed efficienza nella cottura. Grazie al suo progetto innovativo, il Cuocipappa Brevi non ha bisogno di una particolare manutenzione, poiché la caldaia è accessibile e facilmente lavabile, quindi si evita la formazione di calcare. Trita e omogeneizza È semplice e pratico tritare la pappa e omogeneizzarla. Il mixer è separato dalla caldaia-cuocipappa e può essere usato in modo indipendente, per la massima versatilità di funzionamento. Il Mixer ha il gruppo lame già incorporato, per una completa sicurezza. Riscalda e scongela Grazie al pratico accessorio porta vasetti è possibile scongelare o riscaldare a vapore omogeneizzati e altre pappe, mantenendo intatti i sapori e i principi nutritivi degli alimenti. Il Cuocipappa Brevi è protetto contro il surriscaldamento e ha un sistema di spegnimento automatico. Cestello di cottura e cestello per la raccolta del liquido di cottura Cucchiaino Cestello per riscaldare i vasetti della pappa Vasetto per conservare la pappa DOTAZIONI Con il Cuocipappa Brevi, oltre al ricettario, trovi un set completo di accessori, utili per preparare la pappa in modo sicuro e veloce. 6 7

5 Scaldabiberon casa Per il riscaldamento di biberon e omogeneizzati Sterilizzatore universale a vapore Per la sanitizzazione di biberon, succhietti e accessori Caratteristiche Grande praticità di utilizzo grazie alla sua forma salvaspazio. Design innovativo. Vantaggi Pratico alloggiamento degli accessori da sterilizzare. Cestello asportabile per sterilizzare solo gli accessori necessari. Rapidità di funzionamento: 6-8 minuti. Pinza Cestello porta vasetto per omogeneizzati Caratteristiche Il concept estetico sottolinea l innovazione nel design di prodotto per la prima infanzia. Vantaggi Riscaldamento facile e rapido di biberon e omogeneizzati grazie alla tecnologia PTC, che preserva al meglio l apporto nutritivo del latte ed evita che il dispositivo si surriscaldi. Biberon 150 ml: 5 minuti. Omogeneizzati: 7 minuti. Compatibilità con tutte le forme di biberon. Termostato per una chiara regolazione della temperatura. Vassoio porta accessori 8 9

6 IL RICETTARIO Introduzione Non sono difficoltà da poco, e per superarle il tuo bimbo ha bisogno di te: con un po di pazienza e l attenzione ad alcune semplici regole, non sarà difficile aiutarlo a crescere bene e trasformare l appuntamento con la pappa in un momento di intimità piacevole per entrambi. Ma, al di là delle sue difficoltà, è normale e comprensibile che la nuova avventura dello svezzamento produca anche in te qualche dubbio e qualche timore: Mangerà abbastanza?, Andrà bene quello che gli dò?, Crescerà in modo sano? Sono domande importanti, ed è proprio per questo che vogliamo offrirti quei consigli e quelle ricette che ti aiuteranno da subito a trovare la strada giusta. Regole, suggerimenti, indicazioni In queste pagine troverai la risposta ai tuoi dubbi e tante idee per realizzare pappe sane, nutrienti e gustose con il tuo nuovo Cuocipappa Multifunzione Brevi. Cara mamma Il momento è arrivato: con le prime pappe comincia un avventura che, con dolcezza e serenità, in pochi mesi porterà il tuo piccolo a un diverso rapporto con il cibo e con l intera sua realtà. Non abbatterti se all inizio non si dimostrerà proprio entusiasta. Prova a metterti per un attimo nei suoi panni: dopo mesi di tranquille e rassicuranti Non dimenticare, però, che durante tutto lo svezzamento ogni bimbo mostra ritmi e atteggiamenti diversi, e il tuo compito sarà proprio quello di filtrare le regole generali attraverso la tua sensibilità di mamma, per adattarle alle particolari esigenze del tuo bambino e vivere serenamente, insieme a lui, questa importante fase di cambiamento. abitudini, ecco la proposta di sapori nuovi e sconosciuti, di una consistenza strana e mai provata Invece che con il tuo seno o con il morbido biberon, si trova a fare i conti con un oggetto mai visto, il cucchiaino, e deve imparare a mangiare in modo diverso Dott. Giorgio Donegani - Specialista nella nutrizione infantile 10 11

7 LO SVEZZAMENTO Le tappe fondamentali L età giusta per iniziare Partiamo da qui. Se lo allatti al seno, il tuo bimbo è pronto per la prima pappa intorno al 6 mese; se invece gli dai il latte artificiale, allora puoi iniziare lo svezzamento già dal 4 mese compiuto. Non è prudente cominciare prima del quarto mese perché l apparato digerente del piccolo è ancora impreparato a ricevere cibi diversi dal latte; inoltre, un assunzione troppo precoce di alimenti solidi può più facilmente scatenare allergie. Un altro motivo per cui non conviene anticipare troppo lo svezzamento è che, in genere, il bimbo prima dei 4 mesi non riesce ancora a coordinare bene i movimenti della bocca e della lingua e potrebbe incontrare difficoltà nel deglutire i cibi solidi. UN DUBBIO: mi hanno detto tutti che è meglio iniziare prima possibile lo svezzamento, è vero? No, non è vero. Molte mamme e papà non vedono l ora di cominciare, convinti che un alimentazione solida sia più nutriente e sostanziosa. In realtà il latte materno è un alimento molto ricco e l Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda l allattamento esclusivo al seno fino al 6 mese, dopodiché il latte rimane comunque il componente essenziale della dieta ancora per diversi mesi. UN CONSIGLIO UTILE: l uso del cucchiaino Nei primi periodi, più che come nutrimento le pappe servono come allenamento, per imparare a mangiare e deglutire in un modo nuovo. Per il piccolo è una fatica e il tuo aiuto è prezioso: non infilargli il cucchiaino pieno di pappa in fondo alla bocca, ma non limitarti nemmeno ad appoggiarglielo sulla punta della lingua; il modo giusto per porgere la pappa col cucchiaino è quello di inserirlo con delicatezza fra le labbra del piccolo, lasciando che assuma da solo la pappa nella giusta quantità per deglutirla senza problemi. Parola d ordine: gradualità Che inizi lo svezzamento a 4, 5, 6 mesi o più tardi, ricorda che l introduzione di nuovi cibi richiede sempre una grande gradualità. La proposta di un nuovo alimento va sempre fatta in piccole dosi, ed è necessario lasciare un intervallo sufficiente (almeno qualche giorno) prima di procedere alla somministrazione di un altro alimento nuovo. I motivi di questo comportamento sono diversi: è più facile individuare la causa di eventuali reazioni allergiche; una giusta gradualità permette al tuo piccolo di conoscere e accettare i nuovi sapori senza inutili forzature; lasci al tuo bambino anche il tempo di abituarsi alla diversa consistenza dei cibi e di imparare a deglutirli. UN DUBBIO: come faccio a capire se il mio bambino ha un allergia? Non ti devi preoccupare troppo se, dopo aver assaggiato un nuovo alimento, il bimbo ha conati di vomito. Sicuramente non devi insistere con il pasto, ma non è detto che si tratti per forza di allergia. Il vomito può essere dovuto ad altre cause, anche solo al fatto che, magari, hai forzato il piccolo a mangiare qualcosa che in quel momento non gradiva. Perché si parli di allergia, la cosa si deve ripetere a un nuovo assaggio e di norma devono comparire contemporaneamente alcuni di questi sintomi evidenti: vomito, diarrea quasi immediata, reazioni cutanee tipo orticaria su varie parti del corpo (la pelle appare leggermente sollevata, punteggiata di chiazze rosa pallido al centro, che provocano prurito). UN CONSIGLIO UTILE: piace e non piace Se il piccolo accetta volentieri un nuovo cibo e se non si manifestano reazioni allergiche, allora puoi offrirgliene in quantità crescenti, lasciando che siano le sue reazioni a dettare i ritmi della somministrazione. È importante, infatti, assecondarlo e sospendere il pasto non appena mostra di essere sazio, girandosi e chiudendo la bocca di fronte al cucchiaino, così come è bene accontentarlo nell eventuale richiesta di un biberon di latte, anche soltanto mezz ora o un ora dopo il pasto. Se il tuo bimbo, invece, rifiuta il nuovo cibo, serrando la bocca o facendo smorfie di disgusto, allora è bene non insistere: smetti immediatamente di proporglielo e ritenta dopo qualche giorno. In ogni caso, non devi mai cedere alla tentazione di aggiungere zucchero o miele per indurre il piccolo a mangiarlo comunque

8 LO SVEZZAMENTO Le tappe fondamentali 4-6 mesi: i primi assaggi Stabilite le regole generali, eccoci a una domanda cruciale: con cosa conviene iniziare lo svezzamento? Normalmente, si parte con la frutta (in purea oppure omogeneizzata) semplicemente perché, grazie al suo gusto naturalmente dolce, è più facile che venga accettata dal bambino. In realtà, nulla impedisce di iniziare con le verdure, altrettanto digeribili e leggere, partendo da quelle con il gusto più dolce, come le carote, le patate e le zucchine. Poi la pappa si può arricchire di altre verdure, come la lattuga e i fagiolini, per arrivare a comporre un piccolo minestrone nel giro di 2-3 settimane. In questo ricettario puoi trovare diverse idee, sia per la pappa di frutta, sia per quella di verdure. A questo proposito, tieni presente che la cottura a vapore è quella che mantiene meglio le qualità nutritive dei vegetali. UN DUBBIO: si parla tanto di verdura, frutta e omogeneizzati biologici. Ma sono davvero utili nell alimentazione dei bambini? Sono utilissimi perché i bambini sono più sensibili degli adulti agli effetti nocivi di sostanze chimiche estranee, come i residui dei pesticidi usati in agricoltura. La particolare sensibilità dei bambini è dovuta sia al veloce ritmo di accrescimento delle cellule, che caratterizza l infanzia, sia al fatto che nei neonati l organismo, ancora immaturo, incontra maggiori difficoltà a eliminare le sostanze tossiche. UN CONSIGLIO UTILE: quanto, cosa, come Durante i primi tempi dello svezzamento, per il tuo bimbo è sufficiente una pappa al giorno (in genere sostituisce il pasto di mezzogiorno), mantenendo gli altri pasti a base di latte. La pappa di sola verdura, però, non è molto nutriente e se, poco dopo averla assunta, ti chiede comunque del latte non c è motivo per rifiutarglielo. Trascorso circa un mese dall inizio dello svezzamento, potrai passare a somministrare due pappe. Nella scelta della frutta e della verdura, evita di somministrargli quei vegetali che più facilmente producono allergie, come i pomodori, le fragole e i kiwi. Cerca di non mettere pappe e minestrine nel biberon per invogliarlo a mangiarle più volentieri e fare più in fretta. Il tuo piccolo è già bravissimo a succhiare, ma deve imparare a mangiare in modo diverso, piano piano e con tutta la calma di cui ha bisogno. 5-6 mesi: arrivano i cereali Una volta che il tuo piccolo dimostra di accettare senza problemi la pappa di vegetali, puoi aggiungervi i cereali. Per iniziare, andranno benissimo un paio di cucchiaini di crema di riso, mais e tapioca; dopo i primi assaggi, potrai aumentare gradatamente la quantità, introducendo il semolino e anche la pastina, nelle misure più piccole. Con l aggiunta dei cereali, la pappa diventa più sostanziosa. Si arricchisce di amido e di proteine ed è probabile che riesca a soddisfare interamente l apporto nutritivo del pasto. È normale quindi che, soddisfatto di quello che ha mangiato, il bimbo non chieda di integrarlo poco dopo con del latte. UN DUBBIO: che noia fare il brodo tutti i giorni. Non si può congelarlo? Certo che si può, ed è molto comodo. Sotto il profilo igienico è senz altro meglio congelare il brodo piuttosto che conservarlo liquido in frigo per un paio di giorni. Ricordati solo di porzionarlo prima di congelarlo (per esempio in piccoli contenitori come i vasetti di yogurt), in modo da scongelarne di volta in volta solo la quantità necessaria. UN DUBBIO: non finisce mai il piatto, cosa devo fare? Niente: i bambini si sanno regolare meglio di noi adulti. Se il tuo piccolo mostra di essere sazio, voltando la testa e chiudendo la bocca di fronte al cucchiaino, non devi insistere per fargli comunque svuotare il piatto. Il rischio è che, così facendo, lo abitui a mangiare di più di quanto gli serve. UN CONSIGLIO UTILE: attenta al glutine e scegli i condimenti giusti Prima dei 6 mesi compiuti non è il caso di proporre alimenti che contengano glutine, per evitare di indurre una possibile intolleranza. No, quindi, al grano e ai suoi derivati, mentre puoi utilizzare senza problemi crema di riso, mais e tapioca, che sono naturalmente privi di glutine. Come condimento scegli sempre olio extravergine d oliva e non il semplice olio d oliva. La differenza non è di poco conto: non avendo subito nessun trattamento chimico di raffinazione, l olio extravergine contiene inalterate le sostanze aromatiche (che facilitano la digestione) e, soprattutto, la vitamina E, un utilissimo antiossidante naturale. Per dare più sapore alla pappa, piuttosto che salarla, usa un pochino di parmigiano o di grana. In quantità non eccessiva, questi formaggi sono ideali fin dai primi mesi: sono molto digeribili, non danno troppi grassi e sono ricchissimi di calcio

9 LO SVEZZAMENTO Le tappe fondamentali 7-8 mesi: carne e formaggio Al pasto di vegetali e cereali ora puoi aggiungere la carne, alimento prezioso per la crescita, anche se non indispensabile. È un ottima fonte di proteine nobili (ricche di particolari sostanze, gli aminoacidi essenziali, che l organismo non è in grado di produrre da solo) e fornisce un buon apporto di ferro; ma se il tuo bambino non la gradisce non è il caso di farne un dramma: gliela riproporrai più avanti. Dal 7 mese, oltre al parmigiano e al grana, puoi anche iniziare a somministrare qualche altro formaggio, partendo da quelli confezionati in vetro e formulati per i più piccoli, per poi passare alla ricotta o ad altri formaggi freschi come la crescenza e lo stracchino. UN DUBBIO: com è insipida questa pappa! Come fa a piacergli? Assaggia la minestrina prima di somministrarla per controllarne la temperatura, ma non farti impressionare se il suo sapore ti dice poco. L importante è che piaccia a tuo figlio. I suoi gusti non sono così difficili come sembra, anche perché non ha ancora avuto modo di sperimentarli. Via via che proverà nuovi sapori, imparerà a distinguerli e si definiranno anche le sue preferenze. UN CONSIGLIO UTILE: pastina, prosciutto e acqua Ora puoi tranquillamente somministrare le prime pastine. Nella scelta è meglio che ti orienti su quelle speciali per la prima infanzia che, rispetto alle paste normali, sono più piccole e arricchite con specifici fattori nutritivi. Verso i sette mesi, puoi anche inserire nella dieta il prosciutto cotto omogeneizzato, senza polifosfati. Ricordati poi che il tuo piccolo deve bere in abbondanza. Con le pappe, infatti, aumenta il carico di scorie che il rene si trova a smaltire e l acqua lo aiuta in questo lavoro. Scegli di preferenza acqua oligominerale, con un basso contenuto salino. 8-9 mesi: è il momento del pesce e delle uova Alimento tra i più salutari, il pesce è però tra quelli a maggior rischio di allergia per i bambini. È questo il motivo per cui è meglio ritardarne l introduzione dopo i sette mesi. All inizio, dopo l omogeneizzato, sono perfetti i pesci più magri e più facili da pulire, come la sogliola, la trota o il nasello, cotti al vapore, diliscati con cura e omogeneizzati, in modo da ridurre al minimo il rischio che qualche spina possa andare di traverso. Per l uovo, altro alimento a rischio d allergia, puoi partire con il tuorlo, che dà meno problemi rispetto all albume. Per cominciare, prova ad aggiungere un cucchiaino di tuorlo alla minestrina: se non si evidenziano problemi, cresci lentamente con le dosi per arrivare, verso la fine del primo anno, a somministrare anche l albume, sempre ben cotto perché il calore ne attenua le proprietà allergizzanti e ne facilita la digestione. UN DUBBIO: il pesce è buono anche surgelato? Assolutamente sì. Il pesce surgelato non ha niente da invidiare al pesce fresco sotto il profilo nutritivo e offre maggiori garanzie di sicurezza igienica. E poi, è così comodo da utilizzare, con il tuo nuovo Cuocipappa Multifunzione Brevi. UN CONSIGLIO UTILE: uova freschissime e ancora niente latte vaccino La giornata alimentare ormai si assesta su quattro pasti: due a base di latte e due pappe, alternando come fonti proteiche carne, formaggio, prosciutto, pesce o tuorlo d uovo. Per il latte non è ancora il momento di quello vaccino. Per introdurlo aspetta che il tuo bimbo compia un anno. Quanto alle uova, poi, la freschezza è d obbligo. Verifica sempre la data di scadenza sulle confezioni: per legge, le uova durano 4 settimane, ma per i bambini durante lo svezzamento è meglio scegliere quelle freschissime, di categoria A extra, deposte da non più di 9 giorni

10 LO SVEZZAMENTO Le tappe fondamentali REGOLE da NON dimenticare Le Ricette 1 Non iniziare lo svezzamento prima dei 4 mesi. 2 Cerca di non aggiungere sale e zucchero alle minestrine. 3 Minestrina in brodo vegetale come prima pappa. 4 Due pasti solidi e due lattei a un mese dall inizio dello svezzamento. 5 Parmigiano o grana grattugiati per insaporire, sin dalle prime pappe. 6 Olio extravergine d oliva come condimento di base. 7 Glutine non prima del 6 mese. 8 Carne e latticini dal 6-7 mese. 9 Pesce e prosciutto a partire dal 7-8 mese. 10 Tuorlo d uovo a partire dal 8-9 mese. 11 Latte vaccino non prima dell anno. 12 Albume dopo l anno

11 E ORA... A TAVOLA! Le prime pappe (dai 5-6 mesi) È arrivato il momento di passare dalla teoria alla pratica e il tuo nuovo Cuocipappa Multifunzione Brevi si rivelerà da subito un amico davvero prezioso. Per partire, ecco una serie di ricettine che rispettano perfettamente le esigenze dello svezzamento. Naturalmente non esauriscono certo tutte le possibilità del Cuocipappa Multifunzione Brevi, ma vogliono essere dei validi esempi per indirizzare la tua creatività in cucina e stimolarti a realizzare per il tuo piccino 100 altre ricette, tanto buone quanto sane e nutrienti. La p pa ap no nè m ai s tata così faci le 20 1 PAPPA BASE DI VERDURA Ingredienti: una patata, una carota, un quarto di zucchina, 2-3 foglie di lattuga, un cucchiaino di olio extravergine d oliva, un cucchiaino di parmigiano grattugiato. Versa 60 ml di acqua nella caldaia. Pela la patata, lava gli altri ingredienti e riduci tutto a pezzettini, quindi inserisci le verdure nel cestello per la cottura degli alimenti e accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata, trasferisci le verdure nel frullatore insieme al liquido di cottura e frulla il tutto per 10 secondi, quindi lascia riposare brevemente e frulla per altri 10. Trasferisci la pappa in un piatto (eventualmente aggiungi acqua calda o brodo di verdura per renderla più fluida) e condisci con un cucchiaino di olio extravergine e uno di parmigiano grattugiato. UN CONSIGLIO UTILE: frullare in due tempi Soprattutto per le prime pappe, frullare gli alimenti in due tempi, azionando per qualche secondo il frullatore poi interrompendo e azionandolo di nuovo, permette di avere una consistenza più omogenea ed evita che si inglobi una quantità di aria eccessiva. 21

12 E ORA... A TAVOLA! 2 PURÈ DI MELA E PATATE 3 PAPPA DI PERA Ingredienti: una patata, una mela, brodo di verdura, olio extravergine d oliva. Versa 60 ml di acqua nella caldaia. Sbuccia la mela, pela la patata, tagliale a pezzettini, inseriscile nel cestello per la cottura degli alimenti e accendi il Cuocipappa Brevi. A fine cottura, trasferisci mela e patata nel frullatore e aggiungi il liquido di cottura formatosi. Frulla per 10 secondi, poi ancora per 6. Versa in un piatto e aggiungi del brodo di verdura tiepido per diluire il tutto. Condisci con un cucchiaino di olio extravergine. Ingredienti: una pera matura, un biscottino solubile. Versa 60 ml di acqua nella caldaia. Sbuccia la pera (in alternativa puoi anche utilizzare una mela), elimina il torsolo e riducila a pezzetti. Inseriscili nel cestello cuoci alimenti e accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata trasferisci la pera con il liquido di cottura nel frullatore, unisci un biscottino solubile sbriciolato, frulla per 6 secondi e poi per altri 6. UN CONSIGLIO UTILE: la giusta consistenza È bene che le prime pappe siano molto fluide, in modo da facilitarne la deglutizione. Nel caso, puoi regolare la loro consistenza aggiungendo acqua o brodo di verdura caldi. Poi, mano a mano che il tuo piccolo crescerà, dovrai abituarlo a pappe via via più dense

13 E ORA... A TAVOLA! 4 CREMA BIANCA DI FINOCCHIO 5 CREMA ARANCIONE DI CAROTA Ingredienti: un quarto di finocchio, 1-2 cucchiai di crema mais e tapioca, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Versa 60 ml di acqua nella caldaia. Lava il finocchio e riducilo a tocchettini, quindi inseriscilo nel recipiente per la cottura e accendi il Cuocipappa Brevi. Una volta cotto, trasferisci il finocchio e la sua acqua di cottura nel frullatore, frulla per 8 secondi e poi per altri 8. Versa il frullato in un piatto, aggiungi la crema di mais e tapioca, mescola bene e condisci con un cucchiaino di olio extravergine e uno di parmigiano o grana grattugiati. Ingredienti: 2 carote, 2 cucchiai di crema di riso, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Versa 60 ml di acqua nella caldaia. Pela le carote, lavale e tagliale a piccoli pezzi. Inseriscile nel cestello per la cottura e aziona il Cuocipappa Brevi. A fine cottura trasferisci nel frullatore le carote e il liquido formatosi, frulla per 10 secondi e poi per altri 10. Trasferisci il frullato in un piatto, aggiungi la crema di riso mescolando bene e condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati

14 E ORA... A TAVOLA! 6 CREMA RICCA DI ORTAGGI Ingredienti: 100 g di zucca senza la scorza, 2-3 cucchiai di crema di cereali, una patata pelata, un quarto di zucchina, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Versa 125 ml di acqua nella caldaia. Lava e taglia a piccoli pezzi gli ortaggi, inseriscili nel cestello di cottura, e fai cuocere. A fine cottura frulla gli ortaggi insieme al loro liquido di cottura e un po di acqua per diluire ulteriormente. Trasferisci il frullato in un piatto e stemperaci dentro la crema di cereali, condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati. 7 Arriva anche la carne! (dai 7 mesi) CREMA DI PETTO DI POLLO Ingredienti: 60 gr di petto di pollo, una patata, brodo vegetale, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Versa 125 ml di acqua nella caldaia. Pela la patata e tagliala a piccoli pezzi. Taglia a piccoli cubetti anche il pollo e inserisci insieme pollo e patata nel cestello cuocivivande. Accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata trasferisci il tutto (anche il liquido di cottura) nel frullatore e azionalo per 10 secondi poi ancora per 10. Aggiungi brodo vegetale fino ad ottenere la consistenza desiderata, mescola, condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati. UN CONSIGLIO UTILE: la cottura a vapore Tra le varie tecniche di cottura, quella a vapore è senza dubbio la più indicata per le esigenze dei piccoli. Oltre a evitare la dispersione dei principi nutritivi, permette di cuocere senza grassi, a tutto vantaggio della digeribilità

15 E ORA... A TAVOLA! 8 DELIZIA DI FAGIOLINI E PROSCIUTTO 10 SEMOLINO CON CREMA DI VITELLO Ingredienti: 80 gr di fagiolini, una fetta di prosciutto cotto sgrassata, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Ingredienti: 60 g di carne magra di vitello, 1-2 cucchiai di semolino precotto, brodo vegetale, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Versa 60 ml di acqua nella caldaia. Lava i fagiolini, riducili a tocchetti e mettili nel cestello di cottura. Accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata trasferisci i fagiolini nel frullatore con la loro acqua di cottura. Unisci la fetta di prosciutto ridotta a pezzetti. Aziona il frullatore per 10 secondi e poi ancora per 6. Trasferisci tutto in un piatto e condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati. Versa 125 ml di acqua nella caldaia. Taglia la carne di vitello a pezzetti (molto piccoli) e inseriscili nel cestello di cottura. Accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata trasferisci la carne di vitello nel frullatore, diluisci con brodo vegetale, frulla prima per 10 secondi e poi per altri 10, e trasferisci il tutto in un piatto. Aggiungi il semolino precotto, mescola bene e condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati. 9 MERENDINA DI BANANA E YOGURT Ingredienti: una piccola banana ben matura, una mela renetta, mezzo vasetto di yogurt bianco, succo di limone. Versa 60 ml di acqua nella caldaia. Sbuccia la mela, tagliala a tocchetti, inseriscila nel cestello per la cottura. Accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata, trasferisci la mela e il suo liquido nel frullatore. Aggiungi la banana sbucciata e tagliata a tocchetti, diluisci un po con acqua tiepida acidulata con qualche goccia di succo di limone e frulla in due tempi di circa 8 secondi. Versa in una scodellina e amalgama bene con lo yogurt. UN CONSIGLIO UTILE: omogeneizzare nel modo giusto All inizio, quando si introducono le prime pappe con carne fresca, è importante che questa venga frullata a lungo, in modo da frammentarla in particelle molto piccole che praticamente non si avvertono in bocca e si digeriscono molto facilmente. Più avanti, però, conviene frullarla in modo meno fine, riducendo il tempo di frullatura, così da abituare progressivamente il piccolo al contatto con particelle solide e stimolarlo alla masticazione

16 E ORA... A TAVOLA! 11 PASSATA DI TACCHINO, TAPIOCA E ZUCCHINE Ingredienti: 60 g di fesa di tacchino, 1 zucchina, 2 cucchiai di crema tapioca, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Versa 125 ml di acqua nella caldaia. Lava le zucchine e tagliale a dadini, riduci a pezzetti molto piccoli il petto di pollo e inserisci pollo e zucchine nel cestello di cottura. Accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura terminata trasferisci tutto nel frullatore, con l acqua di cottura e altra acqua fino a ottenere la diluizione voluta. Aziona per 10 secondi, poi per altri 10. Trasferisci in un piatto, stemperaci i 2 cucchiai di crema tapioca e condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati. Le pappe da grandi (dai 9-10 mesi) 13 MOUSSE DI PERE E FORMAGGIO Ingredienti: una pera Williams ben matura, 40 g di ricotta vaccina, un cucchiaino di miele. Sbuccia la pera, elimina il torsolo, tagliala a piccoli pezzi e trasferiscila nel frullatore. Azionalo per 10 secondi, poi per altri 10. Versa il frullato in una ciotola e aggiungi il miele e la ricotta. Mescola bene con una forchetta fino ad amalgamare perfettamente il tutto. 12 PAPPA MARINARA Ingredienti: una patata, un quarto di zucchina, una carota, 2-3 foglie di biete, un filetto di sogliola spellato e diliscato, 1-2 cucchiai di crema di riso precotta, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Prepara la pappa base secondo le indicazioni della ricetta n 1. Versa nella caldaia 125 ml di acqua. Lava il filetto e taglialo a pezzetti, quindi inseriscilo nel cestello di cottura e accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata trasferisci la sogliola nel frullatore e frulla per 10 secondi e poi per altri 5. Aggiungi la sogliola alla pappa base, diluisci se necessario con ulteriore brodo vegetale e stemperaci dentro 1-2 cucchiai di crema di riso. Condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati

17 E ORA... A TAVOLA! 14 SEMOLINO CON RAGÙ DI TACCHINO 15 CREMA DI VERDURE ALL UOVO Ingredienti: 2 pomodori maturi, 1 carota, un pezzetto di sedano, 50 g di petto di tacchino, 30 g di semolino precotto, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Ingredienti: 2 patate, 1 carota, 25 g di spinaci, mezzo tuorlo sodo, 20 g di ricotta, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Versa 125 ml di acqua nella caldaia. Sbuccia i pomodori, tagliali a metà e togli i semi; lava e riduci a pezzettini la carota e il sedano; taglia a pezzettini molto piccoli anche il petto di tacchino. Trasferisci il tutto nel cestello di cottura e accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata, frulla il tutto insieme con il liquido di cottura e, se è il caso, aggiungi acqua per diluire. Trasferisci in un piatto, amalgama con il semolino precotto e condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati. Versa 125 ml di acqua nella caldaia. Monda le verdure, tagliale a pezzettini e inseriscile nel cestello di cottura. Accendi il Cuocipappa Brevi. A fine cottura trasferisci le verdure nel frullatore insieme all acqua di cottura (se vuoi diluire ulteriormente, aggiungi altra acqua). Aziona il frullatore per 10 secondi, poi per altri 6. Versa il tutto in un piatto e aggiungi il mezzo tuorlo e la ricotta, schiacciandoli con la forchetta. Mescola fino ad amalgamare per bene gli ingredienti, condisci con olio extravergine d oliva e parmigiano o grana grattugiati. UN CONSIGLIO UTILE: un po di fantasia Dopo i 10 mesi, puoi diversificare maggiormente gusti e consistenze, inserendo nel menù anche le prime pastasciuttine e i primi risottini. Il tuo nuovo Cuocipappa Multifunzione Brevi sarà perfetto per preparare sughi di carne, pesce e verdura delicatissimi e superdigeribili

18 E ORA... A TAVOLA! 16 ZUPPETTA DI RISO E PISELLI Ingredienti: 120 g di pisellini sgranati (vanno bene anche quelli surgelati), un piccolo pezzetto di cipolla, un pezzetto di sedano, 50 g di riso comune per minestre, olio extravergine d oliva, parmigiano o grana grattugiati. Lessa il riso in acqua, in modo che si rigonfi e si ammorbidisca bene (deve sembrare scotto ). Versa 125 ml di acqua nella caldaia. Metti i pisellini nel cestello di cottura insieme alla cipolla e al sedano lavato e tagliato a tocchetti. Accendi il Cuocipappa Brevi. A cottura ultimata trasferisci le verdure nel frullatore insieme all acqua di cottura (eventualmente diluisci con altra acqua) e frulla prima per 10 secondi e poi per altri 5. Trasferisci il frullato in un piatto, unisci il riso scolato, mescola bene e condisci con olio extravergine e parmigiano o grana grattugiati. Un particolare ringraziamento al Dott. Giorgio Donegani, specialista nella nutrizione infantile, per la preziosa collaborazione. 34

19 La nuova linea completa per lo svezzamento STERILIZZATORE UNIVERSALE A VAPORE SCALDABIBERON CASA CUOCIPAPPA MULTIFUNZIONE È un omaggio Brevi a tutte le mamme e i papà via Lombardia, 15/ Telgate (Bg) - tel fax

Ricettario. Cuocipappa Multifunzione

Ricettario. Cuocipappa Multifunzione Ricettario Cuocipappa Multifunzione La pappa non è mai stata così facile! LA NUOVA LINEA COMPLETA PER LO SVEZZAMENTO 4 IL RICETTARIO Introduzione 10 LO SVEZZAMENTO: LE TAPPE FONDAMENTALI 12 L età giusta

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

SVEZZAMENTO. Ideale iniziare lo svezzamento tra i 4 e i 6 mesi (non prima del 120 giorno di vita)

SVEZZAMENTO. Ideale iniziare lo svezzamento tra i 4 e i 6 mesi (non prima del 120 giorno di vita) SVEZZAMENTO Lo svezzamento rappresenta il momento in cui si introducono gradualmente nell'alimentazione del bambino alimenti di tipo solido diversi dal latte. È consigliabile iniziare lo svezzamento in

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge

Dettagli

Lo svezzamento. Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati

Lo svezzamento. Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati Lo svezzamento Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati Come introdurre i cibi nello svezzamento per evitare allergie Vedere il proprio bimbo sorridere e giocare è una delle cose

Dettagli

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI OBIETTIVI E FINALITA NUTRIZIONALI: Soddisfare i fabbisogni nutrizionali del lattante (densità calorica,fe

Dettagli

La dieta al nido nel. primo anno di vita

La dieta al nido nel. primo anno di vita La dieta al nido nel primo anno di vita PREMESSA L alimentazione è basata su regole scientifiche dalle quali non si può prescindere se si vuole mantenere lo stato di buona salute e di piena efficienza.

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

Menù 6-12 mesi. 6-12 mesi 1ª settimana. Giovedì. Lunedì. Martedì. Venerdì. Mercoledì. Sabato

Menù 6-12 mesi. 6-12 mesi 1ª settimana. Giovedì. Lunedì. Martedì. Venerdì. Mercoledì. Sabato Menù 6-12 mesi 6-12 mesi 1ª settimana ASUR - ZT 13 - SIAN - U.O. Igiene della Nutrizione Pastina () in brodo vegetale con verdura passata Formaggio grana 15g / mozzarella 20g / caciotta dolce 20g / ricotta

Dettagli

RICETTARIO PER LE MAMME

RICETTARIO PER LE MAMME RICETTARIO PER LE MAMME TANTE RICETTE SEMPLICI, GUSTOSE E NUTRIENTI PER SBIZZARRIRSI E CREARE DELIZIOSE PAPPE PER IL TUO BAMBINO Scopri come variare ogni giorno il menù del tuo piccolo, in base alle sue

Dettagli

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA DIVEZZAMENTO Dal 5-6 mese è consigliabile introdurre alimenti diversi dal latte nella dieta del bambino (divezzamento). Tuttavia il latte, resta il cardine dell'alimentazione del bambino fino a tutto il

Dettagli

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti:

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti: DIETA SEMILIQUIDA A Questo tipo di dieta è proposto per pazienti incapaci di masticare, deglutire o far giungere allo stomaco cibi solidi e liquidi. E una dieta fluida, omogenea, frullata e setacciata

Dettagli

CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche Sociali Unità operativa Asili Nido. Pappa al nido

CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche Sociali Unità operativa Asili Nido. Pappa al nido CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche Sociali Unità operativa Asili Nido Pappa al nido M e n ù i n v i g o r e n e i n i d i d e l l a c i t t à d i V e r c e l l i Pappa al nido B a m b i n i, c i b o e

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

LO SVEZZAMENTO. (a cura del Dr. Giorgio Donegani)

LO SVEZZAMENTO. (a cura del Dr. Giorgio Donegani) LO SVEZZAMENTO (a cura del Dr. Giorgio Donegani) 2 Lo svezzamento Introduzione allo svezzamento: la sua importanza sotto il profilo psicologico e nutrizionale Tra il quarto e il sesto mese di vita, bimbo

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DEL COMUNE DI SASSARI Tabelle dietetiche e Menù La nutrizionista La pediatra dell'azienda

Dettagli

DIETA PER SVEZZAMENTO

DIETA PER SVEZZAMENTO SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE DIETA PER SVEZZAMENTO Lo svezzamento è il passaggio graduale dal nutrimento liquido al nutrimento solido e dall'alimento esclusivo (latte) a una vasta gamma di alimenti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge in modo particolare agli

Dettagli

Problemi legati all'alimentazione:

Problemi legati all'alimentazione: Problemi legati all'alimentazione: Il rigurgito: si associa spesso al ruttino ed è solitamente fisiologico. PREVENZIONE DEL RIGURGITO: Mantenere il bambino in posizione seduta o semiseduta dopo il pasto;

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU

Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU INDICAZIONI NUTRIZIONALI Nella formulazione delle tabelle dietetiche per la popolazione infantile si è perseguito l obiettivo di fornire una alimentazione

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MENU E TABELLA DIETETICA CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Le tabelle dietetiche e menù devono essere

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DISFAGIA Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di disfagia Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò significa

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

il sapore...insieme a te ed al tuo bambino dall inizio dello svezzamento in poi!

il sapore...insieme a te ed al tuo bambino dall inizio dello svezzamento in poi! co Chic a p p a P inea a r u s i A m bino... m a b di L G u s insieme tiamo il sapore della fe licità...insieme a te ed al tuo bambino dall inizio dello svezzamento in poi! Prepariamo e mangiamo insieme

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

Mangio bene con voi!

Mangio bene con voi! Mangio bene con voi! Informazioni per mamma e papà (a partire dai 6 mesi di vita del proprio bambino) Inizia a introdurre gli alimenti solidi intorno ai 6 mesi Segnali per capire se il tuo bambino è pronto

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

CONSIGLI DIETETICI PER LO SVEZZAMENTO

CONSIGLI DIETETICI PER LO SVEZZAMENTO CONSIGLI DIETETICI PER LO SVEZZAMENTO Fino a 4 5 mesi compiuti non somministrare alimenti diversi dal latte. Non prima perché il latte materno o artificiale è alimento completo e digeribile, non dopo perché

Dettagli

LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia

LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia Ricette ipercaloriche e iperproteiche Primi piatti Pasta al forno 300 g maccheroncini 25 g parmigiano stagionato, grattugiato Salsa bianca: 50

Dettagli

nei normo-nutritinutriti

nei normo-nutritinutriti DISFAGIA screening,valutazione e gestione nei reparti per acuti NUTRIZIONE E/O ALIMENTAZIONE PER LA PERSONA DISFAGICA dietista Elena Giuliani NUTRIZIONE E/O ALIMENTAZIONE PER LA PERSONA DISFAGICA OBIETTIVI

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

Servizio di refezione Scolastica. Sezione Primavera Scuola dell Infanzia

Servizio di refezione Scolastica. Sezione Primavera Scuola dell Infanzia Servizio di refezione Scolastica Sezione Primavera Scuola dell Infanzia A.S. 2014-2015 Le novità di quest anno Il menù per il nido e la scuola dell infanzia è predisposto dalla nostra pediatra, la Dott.ssa

Dettagli

LE SCHEDE SANITARIE. Alcune buone ricette

LE SCHEDE SANITARIE. Alcune buone ricette PRIMI PIATTI Pancotto, panada, panata Pane raffermo (o fette biscottate) fatto bollire in acqua o brodo vegetale o brodo di carne o di pesce (eventualmente con alloro e aglio) fino a quando si spappola.

Dettagli

PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0

PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0 PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0 Scuola dell Infanzia SAN GIUSEPPE Nido integrato Via Roma 293 - ARSEGO 35010 SAN GIORGIO DELLE PERTICHE - PD Tel/fax. 049.5742061 E-mail:materna-arsego@libero.it

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, MENU E RICETTARIO PER ASILI NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, MENU E RICETTARIO PER ASILI NIDO ALLEGATO B LINEE GUIDA, MENU E RICETTARIO PER ASILI NIDO Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 18 pagine pag.1di pag totali.18 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI MENU Per i bambini

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali)

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) ALLEGATO TECNICO N. 7 (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) I menù di seguito riportati sono quelli attualmente in vigore ed approvati dal Servizio di Igiene e Nutrizione dell ASL

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Alimenti Lattei. Latte Bio 1 in polvere per Lattanti. Latte Bio 2 in polvere di Proseguimento

Alimenti Lattei. Latte Bio 1 in polvere per Lattanti. Latte Bio 2 in polvere di Proseguimento Catalogo Generale Alimenti Lattei Latti HiPP. Salute e nutrimento in tutta sicurezza. La gamma di alimenti lattei HiPP comprende latti biologici per ogni età, in particolare latti di proseguimento, dedicati

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto SALSA KETCHUP Il libretto è la raccolta di alcune ricette cucinate dalla cuoca della nostra mensa, Letizia Bambagioni, per i bambini delle scuole di Scandicci. Le ricette, inserite nel menù stagionale

Dettagli

Ricette. IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero

Ricette. IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero Ricette del menù proposto nella cena promozionale di Star bene a tavola di Venerdì 04 aprile 2014 ore 20,00 Insalatina

Dettagli

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERV. IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE TABELLE GRAMMATURE E RICETTE SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA RICETTE PRIMI PIATTI GRAMMATURE Scuole dell Infanzia(g) GRAMMATURE Scuole Primarie

Dettagli

MENÙ, MERENDE. TABELLE DIETETICHE PER GLI UTENTI DELL ASILO NIDO

MENÙ, MERENDE. TABELLE DIETETICHE PER GLI UTENTI DELL ASILO NIDO ALLEGATO 8 MENÙ, MERENDE. TABELLE DIETETICHE PER GLI UTENTI DELL ASILO NIDO SCALETTA DI INSERIMENTO DEGLI ALIMENTI Mesi Alimenti 4-5 mesi Frutta: mela, pera, Crema di riso, mais, tapioca, pastina aglutinata

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

NOTIZIE E CONSIGLI CONSIGLI L'ALIMENTAZIONE VALORI CALORICI E NUTRIZIONALI LA LA COTTURA RICETTARIO GRAMMATURE DELLE RICETTE RICETTE PROPOSTE

NOTIZIE E CONSIGLI CONSIGLI L'ALIMENTAZIONE VALORI CALORICI E NUTRIZIONALI LA LA COTTURA RICETTARIO GRAMMATURE DELLE RICETTE RICETTE PROPOSTE IL RICETTARIO PREMESSA Strumento utile per chi si occupa di alimentazione all'interno di strutture residenziali per anziani. Contiene ricette proposte ed elaborate da cuochi che lavorano in alcune case

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 2 Zucchine trifolate ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 6 zucchine 1 cipolla 1 spicchio di aglio 50 g di scalogno 20 g di pinoli 50 g di prezzemolo 50 g di aceto di vino bianco 50 g di zucchero Olio extra

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

Asili Nido Comunali Madre Teresa di Calcutta, Salvo d'acquisto, Aldo Moro. menù lattanti fino a 6 mesi

Asili Nido Comunali Madre Teresa di Calcutta, Salvo d'acquisto, Aldo Moro. menù lattanti fino a 6 mesi Anno Educativo 2015-2016 menù lattanti fino a 6 mesi di metà crema crema di tapioca liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato di liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT - 1 - RICETTARIO - 2 - RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT La pentola Slow Cooker è lo strumento ideale per chi vuole cucinare con facilità. Bastano pochi passi e il risultato sarà sempre perfetto!

Dettagli

stracchino light Sformatino di melanzane e Prepara questa ricetta con Consigli e curiosità Ingredienti Preparazione Stracchino Light Granarolo

stracchino light Sformatino di melanzane e Prepara questa ricetta con Consigli e curiosità Ingredienti Preparazione Stracchino Light Granarolo Sformatino di melanzane e stracchino Antipasto Facile min. 0/ min. kcal 00 g di Stracchino 0 g di melanzane lunghe pulite timo 0 g di olio extravergine di oliva sale Per decorare: x 0 g di pomodorini /0

Dettagli

LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI. Obiettivi e aspetti pratico-applicativi

LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI. Obiettivi e aspetti pratico-applicativi LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI Obiettivi e aspetti pratico-applicativi SERVIZIO DI DIETETICA ASL TO 4 Dietiste Liliana Vianello Daniela Rolfo Sonia Zarlottin Amalia Narracci

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

RICETTARIO PER COTTURA A VAPORE

RICETTARIO PER COTTURA A VAPORE RICETTARIO PER COTTURA A VAPORE LA COTTURA AL VAPORE È UN METODO DI COTTURA OTTIMALE PER PRESERVARE VITAMINE, MINERALI E SAPORE DEGLI ALIMENTI, RENDENDO SEMPLICISSIMA LA PREPARAZIONE DI PIETANZE GUSTOSE!

Dettagli

VERDURA CREMA DI ZUCCA CON COUS-COUS PAG. 3 VERDURE IN AGRODOLCE CON VERDURE SURGELATE INSALATA DI AVOCADO E PISELLI

VERDURA CREMA DI ZUCCA CON COUS-COUS PAG. 3 VERDURE IN AGRODOLCE CON VERDURE SURGELATE INSALATA DI AVOCADO E PISELLI LA COTTURA AL VAPORE È UN METODO DI COTTURA OTTIMALE PER PRESERVARE VITAMINE, MINERALI E SAPORE DEGLI ALIMENTI, RENDENDO SEMPLICISSIMA LA PREPARAZIONE DI PIETANZE GUSTOSE! UN NUMERO SEMPRE MAGGIORE DI

Dettagli

le nostre ricette ristorazione scolastica asili nido comunali

le nostre ricette ristorazione scolastica asili nido comunali le nostre ricette ristorazione scolastica asili nido comunali Il presente volume raccoglie le Ricette utilizzate negli Asili Nido comunali, gentilmente fornite dalle cuoche del Comune di Siena ed integrate

Dettagli

...dal latte ai tairin (passando dalla pizza)...

...dal latte ai tairin (passando dalla pizza)... ...dal latte ai tairin (passando dalla pizza)... Il passaggio dall allattamento alla nostra alimentazione è sempre stato oggetto di studi, ma anche di tradizioni e consuetudini. Accando alla tradizionale

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015

Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015 Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015 Piatti svezzamento Ingredienti 4/12 mesi Brodo vegetale multicereali - semolino e carne Petto di pollo/fesa

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Il Concorrente Pagina 1 Il Responsabile del Procedimento

Il Concorrente Pagina 1 Il Responsabile del Procedimento UNITA DI PRODOTTI CON IVA AL 4% 1 AGLIO Kg. 30 2 ALBICOCCHE Kg. 105 3 ARANCE DA SPREMUTA Kg. 735 4 ASPARAGI Kg. 300 5 BANANE Kg. 3150 6 BASILICO Kg. 60 7 BIETA Kg. 2100 8 BROCCOLI Kg. 60 9 CACIOTTA DI

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014/2015 TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica

Dettagli

7 MODI PER AMARSI DI PIÙ

7 MODI PER AMARSI DI PIÙ 7 MODI PER AMARSI DI PIÙ Napoletana verace con due grandi passioni: i viaggi e il cibo. Dell amore per la buona e sana cucina ne ha fatto un lavoro, quello di nutrizionista, e uno stile di vita. Facili

Dettagli

CITTÀ DI CASELLE TORINESE Servizio di refezione scolastica MENU ESTIVO. * la preparazione può contenere ingredienti surgelati 1

CITTÀ DI CASELLE TORINESE Servizio di refezione scolastica MENU ESTIVO. * la preparazione può contenere ingredienti surgelati 1 CITTÀ DI CASELLE TORINESE Servizio di refezione scolastica MENU ESTIVO * la preparazione può contenere ingredienti surgelati COMUNE DI CASELLE TORINESE SCUOLE PRIMARIE DI SECONDO GRADO MENU ESTIVO Risotto

Dettagli

30 (e più) Ricette per bambini

30 (e più) Ricette per bambini 30 (e più) Ricette per bambini Risottino al pomodoro fresco (dai 10 mesi) Lavare un pomodoro da sugo (tipo butalina), tuffarlo in acqua bollente per 2 minuti, scolarlo e spelarlo. Tagliarlo a pezzetti

Dettagli

30 (e più) Ricette per bambini

30 (e più) Ricette per bambini 30 (e più) Ricette per bambini Risottino al pomodoro fresco (dai 10 mesi) Lavare un pomodoro da sugo (tipo butalina), tuffarlo in acqua bollente per 2 minuti, scolarlo e spelarlo. Tagliarlo a pezzetti

Dettagli

cucinare per la linea

cucinare per la linea Cocktail dell orto 100 g di cetriolo 8 foglie di lattuga 4 gambi di sedano con foglie 1/2 finocchio 1 fettina di limone senza scorza 400 ml di acqua cubetti di ghiaccio Lavare le verdure, tagliarle a pezzi

Dettagli

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione Ricettario tabella dietetica Asilo Nido Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana,

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIVERTICOLOSI Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di diverticolosi Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia SEZIONI SPERIMENTALI VIA BARBAGIA E NIDO D'INFANZIA AZIENDALE VIA SATTA: Menù, composizione degli alimenti

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi

COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi ALLEGATO 2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi SERVIZIO ATTIVITA EDUCATIVE PER L INFANZIA CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICO- SANITARIE DI ALCUNI PRODOTTI ALIMENTARI DIETETICI PER LA PRIMA

Dettagli

L alimentazione dell infante

L alimentazione dell infante L alimentazione dell infante allattamento svezzamento IL LATTE MATERNO L alimento principe dei primi sei mesi Colostro: il primo latte Molto ricco di proteine Contiene molti fattori ad azione immunologica

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( )

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( ) INDOVINA COSA MANGIO Ciao! La Commissione Mensa, composta dai genitori di alcuni ragazzi che frequentano la tua stessa scuola, si occupa di ciò che mangi in mensa. Il suo obiettivo è quello di migliorare

Dettagli

Comune di Borgo San Lorenzo

Comune di Borgo San Lorenzo Comune di Borgo San Lorenzo nidi d infanzia del comune di Borgo San Lorenzo accolgono i bambini dai tre mesi di età fino ai tre anni che, all interno delle strutture possono consumare oltre al pranzo anche

Dettagli

Focus sullo Svezzamento

Focus sullo Svezzamento Focus sullo Svezzamento a cura di Massimo Grimaldi, pediatra di famiglia, ASL Napoli 1 Perché parlarne? Perché c è un po di movimento al riguardo, svezzare rapido, svezzare lento, triturare il padre e

Dettagli