Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit"

Transcript

1 ASSET CLASS GLOBALI Riduciamo l esposizione azionaria a livello neutrale e aumentiamo il peso della liquidità poiché i nostri indicatori suggeriscono possibili pressioni sugli asset rischiosi. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Aumentiamo l allocazione all azionario europeo in ragione delle politiche monetarie ancora espansive in essere nella regione; per contro, riduciamo al sottopeso l esposizione all area del Pacifico. AZIONARIO: SETTORI Alla luce dei segnali di debolezza della produzione industriale globale, riduciamo il peso dei titoli industriali e confermiamo un assetto neutrale su energia e materiali; aumentiamo invece l allocazione alle società telecom per motivi di valutazione. REDDITO FISSO Dopo la recente flessione dei rendimenti abbiamo deciso di tagliare l esposizione ai titoli di Stato; rafforziamo per contro l investimento nel segmento high yield in EUR sino alla neutralità e confermiamo il sovrappeso del debito emergente in USD. SOTTOPESO NEUTRALE SOVRAPPESO + VARIAZIONE MENSILE Variazione massima Azioni Liquidità Obbligazioni Oro Petrolio USD Giappone USA Paesi Europa Paesi Pacifico Paesi emergenti Mid & Small Cap Value Energia Materiali Industria Beni voluttuari Beni di prima necessità Sanità Finanza Informatica Telecomunicazioni Utilities Obbligazioni governative EUR Obbligazioni Corp. Invest. Grade EUR Obbligazioni Corp. High Yield EUR Debito Emerg. Hard Curr. (USD) Debito Emerg. Local Currency EM Corporate Fed e Cina pesano sul futuro delle borse Pictet Asset Management Strategy Unit Aggiornamento mensile per gli investitori in euro: prospettive a tre mesi Agosto 2015

2 Aggiornamento mensile Pictet Asset Management Strategy Unit Pubblicato il 3 agosto 2015 Il mercato globale La flessione dei mercati emergenti In luglio il rialzo delle piazze azionarie dei Paesi avanzati (dovuto in parte ai progressi dell economia USA) ha fatto da contraltare alla persistente debolezza delle borse nelle aree in via di sviluppo. L MSCI World ha chiuso con un modesto guadagno, mentre l indice relativo ai mercati emergenti si è attestato in territorio negativo. Nel corso del mese il mercato azionario della Cina continentale ha subito forti oscillazioni, amplificate dai massicci interventi del governo centrale che non sono riusciti ad evitare pesanti perdite. Nel quadro dei timori per la salute dell economia cinese, azioni, obbligazioni e valute delle aree emergenti hanno segnato il passo, soprattutto nei Paesi esportatori di commodity. Le divise più colpite, fra cui peso colombiano, real brasiliano e rublo russo, hanno perso parecchio terreno rispetto al dollaro USA. Le apprensioni per la crescita della Cina hanno inoltre contribuito al ribasso delle materie prime. Il prezzo del petrolio è sceso a 50 USD/barile mentre il Bloomberg Commodity Index ha ceduto il 10%, segnando la peggior flessione FLESSIONE DELLE VALUTE DEI PAESI EMERGENTI JP Morgan Emerging Markets Currency Index mensile in quasi quattro anni. Il calo delle commodity ha influito in particolare sui rendimenti di alcuni settori dell MSCI World. Materiali, energia e industria hanno accumulato un forte ritardo rispetto ad aree più difensive come beni di prima necessità e utility, rafforzando un trend in atto già da diversi mesi. Da inizio anno, gli unici settori in perdita in valuta locale sono energia, utility, materiali e industria. Sulle piazze obbligazionarie, si è registrata una diminuzione dei rendimenti di Treasury statunitensi e Bund tedeschi per effetto del maggior ricorso a investimenti sicuri in risposta ai timori suscitati da Grecia, Cina e altri mercati emergenti. I titoli di Stato USA hanno sfiorato il guadagno mensile più elevato del 2015, mentre i rendimenti dei Bund decennali sono scesi al di sotto dello 0,7%. Le emissioni italiane sono andate vicino ai massimi mensili in quasi due anni in seguito alla cancellazione delle aste di titoli di debito programmate dal Tesoro, che ha motivato la decisione dichiarando la non necessità di raccogliere altri finanziamenti Fonte: JP Morgan Asset allocation Esposizione azionaria ridotta a livello neutrale Anche se nel mondo sviluppato prosegue la ripresa economica, riteniamo sia giunto il momento di diminuire l allocazione alle azioni. L investimento nell asset class è stato infatti ridotto a neutrale. Il prossimo inasprimento dei tassi USA, per quanto graduale, potrebbe infatti esercitare un impatto negativo sulla liquidità globale e limitare i corsi azionari. Contestualmente, aumentiamo la quota di cash e manteniamo un assetto neutrale sul reddito fisso, dove il recente rally dei titoli di Stato sembra destinato a svanire. Gli indicatori del ciclo economico segnalano una modesta ripresa dell economia globale in giugno, il secondo mese consecutivo di espansione. Tali dati riflettono i progressi della congiuntura statunitense, ancora sostenuta dal solido trend di crescita del mercato del lavoro, senza contare la forza relativa del settore immobiliare. D altro canto, nel secondo trimestre si è registrata una contrazione della produzione industriale, in linea con quanto accade in diversi altri Paesi. Mentre la fiducia dei consumatori e gli stipendi aumentano, la produzione industriale è debole o in flessione. Forse i produttori stanno mettendo mano alle scorte per far fronte alla domanda: in tal caso, una volta esaurite le scorte, la produzione riprenderebbe. In Europa, la ripresa prosegue anche se l attività è in rallentamento rispetto ai mesi scorsi, essenzialmente a causa delle incertezze suscitate dalla questione greca. Lo slancio economico, dopo il picco di febbraio, è stato frenato dalla debolezza della Germania. Una decelerazione in parte compensata dalle principali economie della periferia europea, come la Spagna. Tuttavia, mentre i consumi crescono in tutta la regione, sinora non si è visto un incremento significativo degli investimenti. In Giappone la spesa al consumo è sostenuta dall aumento degli stipendi, mentre la produzione industriale e gli investimenti in c/c languono a 2 BAROMETER AGOSTO 2015

3 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream / JPM and BoA Merrill Lynch PRINCIPALI ASSET CLASS PERFORMANCE: ASSET CLASS OBBLIGAZIONI: SPREAD ASSET CLASS MSCI Global Equities equities JPM Global Bonds bonds Indice GSCI Index GSCI USD In percentage punti percentuali points 5 Mercati EM Hard emergenti Currency vs in US valuta Treasuries forte vs Treasury USA Obbligazioni Euro Investment investment Grade vs grade Bunds in euro vs. Bund Obbligazioni Euro High Yield high vs yield Bunds in euro vs. Bund ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI E PERFORMANCE VALUTARIA ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI GLOBALI: PERFORMANCE TITOLI CICLICI E DIFENSIVI PERFORMANCE: VALUTE VS USD USA UEM EMU MERCATI EM EMERGENTI GIAPPONE JP EUR GBP CHF JPY BAROMETER AGOSTO

4 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream INDICATORI PROPENSIONE AL RISCHIO VARIAZIONE MENSILE Variazione massima AVVERSIONE AL RISCHIO ASSETTO NEUTRALE PROPENSIONE AL RISCHIO + Ciclo economico Liquidità Valutazione Sentiment Strategia PAM CICLO ECONOMICO: BUONA ACCELERAZIONE DELL ECONOMIA MONDIALE INDICE DELL ATTIVITÀ MONDIALE E CRESCITA DEL PIL REALE % 2 15 Indice Leading tendenza index (Q/Q (Q/Q annualised) an.) Indice Leading tendenza index (Y/Y) (Y/Y) Crescita World GDP PIL growth mondiale (Y/Y) CRESCITA SEQUENZIALE DELL ATTIVITÀ MONDIALE (M/M) %m/m Indicatore World leading tendenza indicator mondiale Media Average (dal (since 1999) 99) L ACCELERAZIONE ECONOMICA NELLE AREE INDUSTRIALIZZATE SUPERA QUELLA DEI MERCATI EMERGENTI INDICATORE DI TENDENZA G10: CRESCITA M/M %m/m G10 Indicatore leading indicator tendenza G10 Average Media (dal (since 1999) 99) INDICATORE DI TENDENZA MERCATI EMERGENTI: CRESCITA M/M %m/m 0.8 Indicatore EM leading di indicator tendenza mercati emergenti Media Average (dal (since 1999) 99) BAROMETER AGOSTO 2015

5 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream VALUTAZIONE: MERCATI E SETTORI AZIONARI PAESI E SETTORI REGIONI MSCI CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/BV P/FATTURATO DY E 2015E 2015E USA 1% 11% -3% 6% % Europa 1% 11% -1% 5% % UEM 13% 12% 4% 4% % Svizzera -4% 8% -1% 4% % Regno Unito -12% 11% -9% 6% % Giappone 18% 9% 3% 3% % Mercati Emergenti 3% 13% 0% 8% % Asia ex Giappone 8% 10% 1% 8% % Globale 2% 12% -1% 6% % SETTORI GLOBALI MSCI CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/BV P/FATTURATO DY E 2015E 2015E Materiali -8% 17% -4% 4% % Industria 6% 11% 3% 4% % Beni voluttuari 15% 15% 5% 6% % Beni di prima necessità 1% 9% 3% 5% % Sanità 8% 13% 8% 7% % Finanza 11% 9% 6% 5% % Informatica 7% 11% 5% 5% % Telecomunicazioni 7% 9% 3% 3% % Utility 6% 0% 0% 2% % Mercati 2% 12% -1% 6% % LIQUIDITÀ: LA FED PONE FINE AL QE MA GLI STIMOLI MONETARI CONTINUANO NEL RESTO DEL MONDO INDICATORE DEL SENTIMENT NEUTRALE DIMENSIONI DEI BILANCI DELLE BANCHE CENTRALI INDICE DEL CICLO DEL SENTIMENT PICTET Indexed Fed ECB BoE BoJ SNB Pictet Indice Sentiment del sentiment Index Pictet (LHS) (sx.) S&P 500 COMPOSITE - PRICE INDEX (RHS) +/- 1 STD SEGNALE DI ACQUISTO SEGNALE DI VENDITA BAROMETER AGOSTO

6 causa della scarsa domanda delle economie asiatiche (in rallentamento) e in particolare della Cina; di qui la flessione di alcuni indicatori prospettici. L andamento della crescita nipponica non è ancora motivo di preoccupazione, dal momento che la domanda interna resta solida, come dimostrano le vendite al dettaglio e l irrobustimento del mercato residenziale. Preoccupa invece il rallentamento della Cina, importante motore dell economia che negli ultimi cinque anni ha rappresentato il 35% della crescita globale. Vi sono però segnali di un imminente inversione di tendenza. Gli ultimi dati sono risultati superiori alle attese e la maggiore robustezza del settore dei servizi cinese sembra compensare in parte la scarsa performance di quello manifatturiero. La recente volatilità del mercato azionario costituisce un rischio politico. I frequenti interventi delle autorità non sono serviti ad arginare la flessione delle piazze azionarie interne, sollevando IL RALLY DEL MERCATO MOSTRA SEGNALI DI CEDIMENTO Porzione dei titoli dell S&P scambiati al di sopra della media mobile a 50 giorni S&P 500 (dx) dubbi sulla validità delle decisioni e sull efficacia del processo di riforma del mercato. Molti altri Paesi emergenti appaiono ancora relativamente deboli rispetto alle economie avanzate, con alcune eccezioni, l India ad esempio. Quanto alla liquidità, i nostri indicatori suggeriscono che la crescita della massa monetaria ha raggiunto il livello massimo nel primo trimestre per poi rallentare, probabilmente a causa della minore offerta negli USA in vista del primo rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve, previsto per la fine dell anno. Tali sviluppi potrebbero preannunciare l arrivo di un periodo volatile, poiché i nostri modelli indicano che le correzioni del mercato si verificano circa uno o due trimestri dopo il picco minimo della liquidità. Al contempo, la flessione dei nostri indicatori del ricorso al credito (che si basano sulle variazioni dei flussi di credito per prevedere cambiamenti nell attività di prestito) sia negli USA che in Giappone segnala un possibile rischio per la crescita. FINE QE Molto dipenderà dalle tempistiche e dalla portata dell inasprimento della Fed. A nostro avviso, il primo rialzo avverrà quasi certamente entro fine anno, ma, date la continua debolezza dell economia mondiale e le pressioni deflazionistiche legate ai bassi prezzi di energia e commodity, il ritmo dell inasprimento sarà probabilmente molto più lento che nei cicli precedenti. Passando al sentiment, all inizio del secondo semestre il rally dell S&P 500 è rappresentato da un numero sempre inferiore di società, data la costante flessione della percentuale di titoli che scambiano sopra i massimi a 50 giorni (si veda il grafico). La situazione attuale ricorda quella che ha preceduto la bolla azionaria di fine anni 90. Altri indicatori del sentiment sono nel complesso neutrali, anche se i flussi suggeriscono un posizionamento nel complesso cauto. Quest anno, gli investimenti retail su fondi azionari hanno totalizzato 40 miliardi di dollari contro i 110 miliardi di dollari investiti in fondi obbligazionari. Guardando alle valutazioni relative delle varie asset class, riteniamo che il rally azionario possa essere prossimo ad una fase di assestamento. I P/E si attestano tuttora decisamente al di sopra degli standard di lungo periodo, soprattutto negli USA dove le azioni sono scambiate quasi a 18 volte gli utili del Gli scarsi rendimenti obbligazionari hanno sostenuto le valutazioni azionarie, ma affinché i corsi salgano dai livelli attuali, occorre un accelerazione degli utili di cui ancora non v è traccia. I risultati del secondo trimestre sono stati sinora eterogenei. Nel complesso, le società hanno battuto le stime di consensus sugli utili sia negli Stati Uniti che in Europa, ma non hanno fornito indicazioni soddisfacenti circa i volumi di affari. Fonte: Thomson Reuters Datastream, Pictet Asset Management 6 BAROMETER AGOSTO 2015

7 Allocazione azionaria regionale e settoriale Aumento dell allocazione all Europa Confermiamo la preferenza per le azioni giapponesi ed europee, ma passiamo a un pieno sovrappeso solo su queste ultime. Rivediamo invece al ribasso il giudizio sulla regione Pacifico ex- Giappone escluso, poiché la recente decelerazione della Cina potrebbe penalizzare i Paesi asiatici suoi partner commerciali. Il fascino delle borse europee è aumentato ora che la Grecia e i suoi creditori sono al lavoro su un nuovo pacchetto di salvataggio che dovrebbe consentire al Paese di restare nell area euro. Con l attenuarsi delle incertezze legate alla questione greca, le prospettive per la regione sono migliorate e le valutazioni appaiono più ragionevoli dopo la correzione degli ultimi mesi. La crescita economica tiene, grazie alla ripresa in Spagna e Italia che compensa la debolezza della Germania. Le attese sugli utili aziendali prospettici dell area euro dovrebbero aumentare del 7,7% nel corso dell anno, anche se i nostri modelli suggeriscono un accelerazione ancora più marcata. Gran parte della ripresa è riconducibile alla robusta ripresa dei consumi delle famiglie. Gli investimenti aziendali restano invece invariati, ma l ultimo sondaggio della Banca Centrale Europea sui prestiti bancari è incoraggiante: le condizioni di accesso al credito per le imprese sono sempre meno severe, il 13% degli istituti ha registrato un aumento della domanda di finanziamenti rispetto all 1% del trimestre precedente. Il nostro indicatore proprietario della situazione monetaria mostra che le condizioni del credito nell area euro sono le più convenienti degli ultimi 20 anni almeno (si veda il grafico), segno che le misure accomodanti della BCE hanno una ricaduta positiva sull economia reale. Per l azionario nipponico le previsioni a breve termine non sono più così chiare. L effetto delle iniezioni di liquidità della Banca del Giappone sembra CONDIZIONI MONETARIE ANCORA FAVOREVOLI NELL AREA EURO Indice delle condizioni monetarie nell area euro* *Basato su: deviazione standard dei tassi di interesse attuali, crescita dell offerta monetaria e tasso di cambio EUR/USD rispetto alla media di lungo periodo svanire, mentre le esportazioni perdono slancio. Tuttavia, i trend strutturali favorevoli continuano a dipingere un quadro positivo per gli utili aziendali. Le riforme volute dal premier Shinzo Abe, volte a migliorare la corporate governance e a promuovere politiche aziendali più favorevoli agli investitori, potrebbero aumentare il ROE nazionale. Sottopesiamo le azioni della regione Pacifico Giappone escluso in quanto i grandi esportatori asiatici risentono del rallentamento della Cina. Per il resto, le valutazioni dei mercati emergenti sono interessanti ma la decelerazione degli utili (che il mese scorso ci ha portato a sottopesare l asset class) continua a destare preoccupazione. Il probabile rialzo dei tassi USA a settembre od ottobre lascia inoltre presagire una maggiore volatilità sulle piazze azionarie emergenti. Al contempo, la ripresa USA crea condizioni favorevoli per le aziende (soprattutto PMI). Oltre il 70% delle società che hanno già pubblicato i bilanci del secondo trimestre ha superato le attese. Tuttavia, le previsioni sugli utili rilasciate dai management aziendali sono meno incoraggianti. Le stime ESPANSIVE RESTRITTIVE -4 Fonte: Pictet Asset Management di consensus sulla crescita degli utili per l intero esercizio restano invariate all 1% per quest anno e al 17% per il Un accelerazione che sembra già scontata: in base ai nostri punteggi gli Stati Uniti risultano la regione più onerosa, con azioni scambiate a 17,9 volte gli utili a 12 mesi o a un PBV di 2,7. Inoltre, in presenza di margini di profitto storicamente elevati e di un dollaro forte, le società USA faticheranno ad aumentare gli utili nel medio periodo. Confermiamo pertanto il sottopeso degli Stati Uniti. Quanto all allocazione settoriale, tagliamo la sovraponderazione di lunga data sui settori più esposti al ciclo economico alla luce della recente debolezza della produzione a livello globale. Riduciamo a neutrale l allocazione ai titoli industriali, secondi nella nostra classifica dei settori più onerosi. Per contro, promuoviamo le telecomunicazioni, che presentano valutazioni allettanti e ci sembrano trascurate dagli investitori. Nel lungo periodo confidiamo che i titoli ciclici offrano un maggior potenziale di guadagno. BAROMETER AGOSTO

8 Succursale Italiana Via della Moscova Milano Reddito fisso Preferenza per il debito emergente in USD a scapito dei titoli di Stato A seguito del rally obbligazionario innescato nelle scorse settimane dai timori per il futuro di Cina e Grecia, abbiamo deciso di ridurre l esposizione al debito sovrano europeo, passando da un sovrappeso a una posizione neutrale in base alle valutazioni. Contestualmente, abbiamo rafforzato l investimento nelle emissioni europee high yield a livello neutrale. Confermiamo inoltre la sovraponderazione del debito emergente denominato in dollari USA. Ora che i rendimenti dei Bund decennali sono scesi al di sotto dello 0,7%, i titoli di Stato offrono un potenziale di rivalutazione limitato, soprattutto perché la Federal Reserve sta preparando il terreno per il prossimo inasprimento dei tassi USA, atteso entro la fine dell anno. E se, come prevediamo, il mercato inizierà ad acquistare nell ottica di un giro di vite della politica monetaria statunitense nei prossimi mesi, i titoli con duration più bassa faranno meglio rispetto a quelli con duration più elevata. Ciò spiega in parte il passaggio ai titoli high yield a scapito delle emissioni governative. La duration media dei titoli HY, di appena 3 anni e mezzo, non è solo meno della metà di quella dei Bund, ma è anche inferiore alla duration della maggior parte delle principali asset class a reddito fisso. L appeal dell high yield non dipende solo dalle caratteristiche tecniche del segmento. Il profilo creditizio delle società HY si conferma complessivamente solido, e diverse aziende hanno rafforzato i propri bilanci allungando la scadenza delle passività. Stando a parametri come il Liquidity Stress Index di Moody s, che misura la liquidità degli emittenti di qualità inferiore, il numero delle società sotto pressione è modesto rispetto ai dati storici. Sotto questa luce, gli spread dei titoli HY europei di poco superiori a 400 punti base offrono una ricompensa più che sufficiente rispetto a un rischio di default di appena il 2,4% annuo. Sul debito emergente in USD manteniamo il sovrappeso. L asset class ha dato prova di tenuta anche quando i timori per la crescita dei mercati emergenti si sono intensificati; merito, nostro avviso, della dinamica favorevole di domanda e offerta. Per il resto del 2015 prevediamo un offerta netta di titoli di debito emergente in USD inferiore a 1 miliardo di dollari, anche se gli investimenti netti nel settore sono rimasti in territorio positivo. Tali trend tecnici favorevoli dovrebbero confermarsi nel breve-medio periodo. Non ci attendiamo un ulteriore marcato apprezzamento del dollaro USA rispetto alle principali valute dei Paesi avanzati. Olivier Ginguené, Chairman Pictet Asset Management Strategy Unit Luca Paolini, Chief strategist Pictet Asset Management MERCATI PRONTI PER IL RIALZO DEI TASSI USA Numero di mesi mancanti al primo rialzo dei tassi USA, scontati dai futures USA Fonte: Thomson Reuters Datastream PICTET STRATEGY UNIT Pictet Asset Management Strategy Unit (PSU) è il gruppo di investimento responsabile delle linee guida di asset allocation in ambito azionario e obbligazionario, nonché in materia di valute e commodity. Ogni mese, la PSU definisce una politica generale in base all analisi dei seguenti fattori: ciclo economico: indicatori di tendenza proprietari, inflazione liquidità: politica monetaria, variabili creditizie/ monetarie valutazioni: premio di rischio azionario, divario di rendimento, multipli e dati storici aspettative: indice del sentiment Pictet (indagini fra gli investitori, indicatori tattici) Disclaimer Il presente materiale è destinato esclusivamente agli investitori professionali. Esso non è comunque concepito per la distribuzione a persone o entità aventi cittadinanza o residenza in una località, Stato, paese o altra giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo sono in contrasto con norme di legge o regolamentari. Le informazioni utilizzate per la preparazione del presente documento sono basate su fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o completezza. Tutte le opinioni, stime e previsioni sono suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza preavviso. Si invitano gli investitori a leggere il prospetto informativo o il memorandum d offerta prima di effettuare sottoscrizioni nei fondi gestiti da Pictet. Il trattamento fiscale dipende dalla situazione individuale di ciascun investitore e può essere soggetto a cambiamenti in futuro. Le performance del passato non sono indicative dei rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e il reddito che ne deriva possono tanto aumentare quanto diminuire, e non sono garantiti. Potete non ottenere in restituzione l importo originariamente investito. Il presente documento è stato emesso in Svizzera da Pictet Asset Management SA, e nel resto del mondo da Pictet Asset Management Limited, società autorizzata e soggetta alla regolamentazione della Financial Conduct Authority, e non può essere riprodotto o distribuito, in tutto o in parte, senza la loro preventiva autorizzazione. Per gli investitori britannici, le SICAV multicomparto Pictet e Pictet Total Return domiciliate in Lussemburgo sono considerate «recognized collective investment schemes» ai sensi della section 264 del Financial Services and Markets Act I fondi svizzeri di Pictet, autorizzati per la distribuzione unicamente in Svizzera ai sensi della Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale, sono considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Il Gruppo Pictet gestisce hedge funds, fondi di hedge funds e fondi di fondi di private equity non autorizzati per la distribuzione al pubblico nell ambito dell Unione Europea e considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Per gli investitori australiani, Pictet Asset Management Limited (ARBN ) è esonerata dall obbligo di possedere una licenza per i servizi finanziari australiani ai sensi del Corporate Act Per gli investitori statunitensi, la vendita di azioni negli Stati Uniti o a US Persons avverrà unicamente tramite collocamento privato ad «accredited investors» in base all esenzione dalla registrazione presso la SEC ai sensi della section 4(2) e della Regulation D Private placement exemptions della legge del 1933 nonché ai clienti qualificati secondo la definizione della legge del Le azioni dei fondi Pictet non sono state registrate ai sensi della legge del 1933 e pertanto, ad eccezione delle transazioni non in contrasto con la legislazione statunitense in materia di titoli, esse non possono essere offerte o vendute direttamente o indirettamente negli Stati Uniti o a US Persons. Le società di gestione di fondi d investimento del Gruppo Pictet non saranno registrate ai sensi della legge del Copyright 2015 Pictet - Emesso a Agosto BAROMETER AGOSTO 2015

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sull azionario in vista del primo rialzo dei tassi di interesse statunitensi e riduciamo l esposizione obbligazionaria a un sottopeso in ragione

Dettagli

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo una posizione di sovrappeso sul mercato azionario alla luce dell accelerazione congiunturale e degli ingenti stimoli monetari; aumentiamo la ponderazione dei titoli obbligazionari

Dettagli

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo la posizione di sovrappeso sull azionario, contando sul proseguimento della ripresa economica alimentata dagli stimoli monetari. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO

Dettagli

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Nonostante il rimbalzo dei mercati dopo il difficile periodo estivo, per ora abbiamo evitato di aumentare il rischio, in attesa di segnali di migliori prospettive per gli utili aziendali.

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica.

AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica. ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il sovrappeso del mercato azionario alla luce di una ripresa economica sempre più solida in tutti i Paesi avanzati, con effetti positivi per gli utili delle aziende. AZIONARIO:

Dettagli

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti.

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti. ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un posizionamento neutrale nelle asset class rischiose; confermiamo il sottopeso dei bond, poiché il calo dei rendimenti obbligazionari appare insostenibile. AZIONARIO: REGIONI

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Dopo il crollo subito in agosto e settembre, le valutazioni ci sembrano allettanti, ma aspettiamo un segnale di acquisto più forte sul mercato azionario. AZIONARIO: REGIONI E STILI

Dettagli

Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit

Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un giudizio positivo sulle azioni per via dell accelerazione congiunturale e delle prospettive di un ulteriore sostegno monetario da parte delle banche centrali; abbiamo

Dettagli

Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit

Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit SOTTOPESARE NEUTRALE SOVRAPPESARE + CAMBIAMENTO MENSILE Massimo cambiamento ASSET CLASS GLOBALI Ridimensioniamo l esposizione azionaria, passando al sottopeso, e aumentiamo la liquidità. Ci attendiamo

Dettagli

Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit

Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sulle asset class rischiose; nonostante le previsioni di una ripresa economica, la crescita non è ancora così forte da far decollare gli utili

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Nel breve termine manteniamo un allocazione neutrale ad azioni e obbligazioni, in attesa della conferma di un graduale rialzo dei tassi di interesse USA e di una ripresa degli utili.

Dettagli

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo un giudizio positivo sul mercato azionario dato il continuo miglioramento delle condizioni economiche; i titoli obbligazionari restano sottopesati per motivi di valutazione.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Operazione salvataggio internazionale.

Operazione salvataggio internazionale. Operazione salvataggio internazionale. Gli interventi messi in atto per evitare la recessione Keith Wade Capo Economista L economia americana oggi Revisione del rischio Diminuzione del debito Settore finanziario

Dettagli

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Marco Piersimoni Roma 30 Settembre 2014 Indice 1. Problema di investimento del risparmiatore italiano 2. Una possibile soluzione: Pictet Multi Asset Global

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI Luglio 2015 ECONOMIC RESEARCH AND MARKETS STRATEGY Salvo diversa specificazione, Thomson Reuters è la fonte per i dati ed i grafici riportati. CONGIUNTURA

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Asset Allocation Mensile Febbraio 2015 CLIMA DI MERCATO IN SINTESI QE della BCE al momento giusto, economia in miglioramento La crescita USA non è così debole da ritardare il rialzo dei tassi della Fed

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Per consulenti e investitori qualificati. Economia e Mercati. Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016

Per consulenti e investitori qualificati. Economia e Mercati. Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016 Per consulenti e investitori qualificati Economia e Mercati Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016 Introduzione Per gli asset rischiosi l ultimo trimestre del 2015 è iniziato con

Dettagli

Investire in bond: quando il gioco si fa duro

Investire in bond: quando il gioco si fa duro Investire in bond: quando il gioco si fa duro No. 3 - Maggio 2013 Investire in bond: quando il gioco si fa duro Dopo la corsa agli elevati rendimenti generalizzati degli ultimi anni, il mercato obbligazionario

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Luglio 2015 Calure estive Quest estate potrebbe essere rovente e non solo in senso meteorologico. Probabilmente

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Aprile 2015 Quo vadis, FED? Ancora una volta un trimestre è stato fortemente influenzato dalle banche centrali.

Dettagli

1 MESE IN 10 IMMAGINI

1 MESE IN 10 IMMAGINI 1 MESE IN 10 IMMAGINI Con 1 mese in 10 immagini SYZ Wealth Management presenta una panoramica mensile dell attività economica mondiale. Visto che un immagine può valere più di mille parole, selezioniamo

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Giugno 2015 Il ritorno della volatilità Nelle ultime settimane, agli investitori è stato ricordato che

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE Comunicato stampa Bank of America Merrill Lynch Financial Centre 2 King Edward Street London EC1A 1HQ Per ulteriori informazioni: Ana Iris Reece Gonzalez Donatella Cifarelli Brunswick tel: 02 9288 6200

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 9 giugno 2015 View Fideuram Investimenti Scenario macroeconomico Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 I dati diffusi nelle ultime settimane mostrano che

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Market Focus Outlook 2015 Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Indice Outlook 2015 05 Scenario 10 Asset Allocation 13 Azioni 19 Obbligazioni 25 Materie Prime 27 Real Estate e Alternativi 28

Dettagli

La crescita accelera nella seconda metà del 2013

La crescita accelera nella seconda metà del 2013 Approfondimento mensile sulla situazione attuale e sui probabili sviluppi dei mercati globali 21 agosto 2013 Analisi dei Mercati L outlook di mercato è positivo, grazie ai solidi indicatori economici e

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Settembre 2015 La volatilità torna alla ribalta Nel 2015 l indice azionario S&P 500 non solo ha fatto registrare

Dettagli

Allianz Flexible Bond Strategy

Allianz Flexible Bond Strategy Allianz Flexible Bond Strategy In un mondo che cambia rapidamente è importante essere flessibili Ottobre 2012 Documento con finalità promozionali destinato al cliente al dettaglio e al potenziale cliente

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 Febbraio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Le prime settimane dell anno sono state caratterizzate

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie)

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2011 A cura dell ufficio Ricerca e

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Riservato agli investitori professionali Asset Allocation Mensile Aprile 2016 ASSET ALLOCATION IN SINTESI Joost van Leenders, CFA, Chief economist, Multi Asset Solutions joost.vanleenders@bnpparibas.com

Dettagli

Investire nell azionario europeo e statunitense

Investire nell azionario europeo e statunitense HALF IMAGE PLACEMENT HOLDER (HORIZONTAL) Resize image to cover grey box Investire nell azionario europeo e statunitense 27 maggio Milano Investire nell azionario ha ancora senso, ma la necessità di diversificazione

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

scenario 2010 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2010 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2010 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 2 TRIMESTRE piccole e medie imprese Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Investment Insight Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Il segmento High Yield in Europa nel 2016 I mercati continuano ad essere nervosi a fine 2015, a causa di una serie di eventi risk-off.

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 23 agosto 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2009 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 1 semestre piccole e medie imprese Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE

COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE AD USO ESCLUSIVO DI INTERMEDIARI AUTORIZZATI E INVESTITORI QUALIFICATI COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE BLACKROCK GLOBAL FUNDS (BGF) GLOBAL MULTI-ASSET INCOME FUND Offri ai tuoi clienti

Dettagli

Relazione semestrale. al 29.06.2012 FONDO APERTO NON ARMONIZZATO SPECIALIZZATO NELL INVESTIMENTO IN PARTI DI OICR. Profilo Best Funds

Relazione semestrale. al 29.06.2012 FONDO APERTO NON ARMONIZZATO SPECIALIZZATO NELL INVESTIMENTO IN PARTI DI OICR. Profilo Best Funds Relazione semestrale al 29.06.2012 FONDO APERTO NON ARMONIZZATO SPECIALIZZATO NELL INVESTIMENTO IN PARTI DI OICR Profilo Best Funds Profilo Asset Management SGR S.p.A. società con unico socio, Corso Italia

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli