APPUNTI DI GEOMETRIA SOLIDA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI DI GEOMETRIA SOLIDA"

Transcript

1 APPUNTI DI GEOMETRIA SOLIDA Geometria piana: (planimetria) studio delle figure i cui punti stanno tutti su un piano Geometria solida: (stereometria) studio delle figure i cui punti non giacciono tutti su uno stesso piano (figure solide) Spazio: insieme costituito da infiniti elementi detti punti: è dotato di sottoinsiemi propri (rette e piani) Spazio piano e retta sono gli elementi primitivi della geometria. RETTE (assiomi) A1 ogni retta è un sottoinsieme proprio infinito dello spazio, individuato da una coppia di punti distinti A ogni retta è dotata di due versi, uno opposto all altro rispetto ai quali è aperta, densa e illimitata A ogni piano è sottoinsieme proprio infinito dello spazio individuato da tre punti non allineati. Se una retta ha due punti in comune con un piano essa è inclusa nel piano Conseguenze dei tre assiomi: C1 per una retta r e per un punto P non appartenente a r passa uno e un solo piano cui entrambi appartengono C Per due rette incidenti passa uno e un solo piano A4 (assioma di partizione del piano) Ogni retta r di un piano divide l insieme degli ulteriori suoi punti in due parti non vuote, tali che: Se i punti A e B appartengono a parti diverse il segmento AB taglia la retta r in un punto Se i punti C e D appartengono alla stessa parte, allora anche il segmento CD è incluso in questa RETTE (nello spazio) RETTE INCIDENTI: hanno un solo punto in comune (giacciono sullo stesso piano) RETTE PARALLELE : o sono coincidenti o giacciono sullo stesso piano e non hanno punti in comune (individuano un piano) RETTE SGHEMBE : non giacciono sullo stesso piano (non hanno quindi alcun punto in comune e non esiste un piano che le contenga entrambe) SPAZIO (assiomi) A5 (assioma di partizione dello spazio): Ogni piano α dello spazio lo divide in due parti non vuote tali che: Se i punti A e B appartengono a parti opposte, allora il segmento AB taglia il piano α in un punto Se i punti C e D appartengono alla stessa parte, allora anche il segmento CD è tutto incluso in questa parte Definizione: si chiama semispazio la figura costituita da una di queste due parti e dal piano α che si dice bordo (o confine o frontiera) dei due semispazi PIANI (nello spazio) Nello spazio un piano è individuato da: Tre punti non allineati Due rette incidenti 1

2 Una retta e un punto che non appartiene alla retta Due rette parallele e distinte Teorema: se due piani distinti hanno in comune due punti A e B, allora hanno in comune tutta la retta AB e solo questa retta Definizione: si dicono incidenti (o secanti) due piani che hanno in comune una (sola) retta Teorema: due piani distinti aventi in comune un punto, sono incidenti lungo una retta che passa per quel punto Definizione due piani si dicono paralleli quando non hanno alcun punto in comune, oppure quando sono coincidenti. Proprietà P1 per un punto dello spazio si può condurre uno e un solo piano parallelo ad un piano dato P due piani paralleli ad un terzo piano sono paralleli tra loro P Se due piani sono paralleli ogni piano che taglia l uno taglia anche l altro e le due rette di intersezione sono parallele P4 (teorema di Talete nello spazio) Tre o più piani paralleli determinano su due trasversali qualunque due classi di segmenti direttamente proporzionali RETTE E PIANI NELLO SPAZIO Caso 1: se una retta ha in comune due punti con un piano allora giace completamente sul piano Caso : se una retta ha in comune un solo punto con un piano si dice che è incidente al piano Caso : esistono rette che non hanno alcun punto in comune con un piano. Teorema: Una retta parallela ad una retta di un piano e passante per un punto esterno ad esso non ha alcun punto in comune con il piano. Definizione: una retta si dice parallela ad un piano se giace sul piano o non ha alcun punto in comune con il piano Proprietà: P1: date due rette parallele ogni piano passante per una di esse è parallelo all altra P: dati una retta e un piano paralleli che non si appartengono, ogni piano passante per la retta e incontrante il piano dato, taglia questo secondo una retta parallela alla data P: dati una retta s e un piano α paralleli la parallela ad s condotta da un punto P del piano α giace su questo P4: se due piani sono paralleli ogni retta parallela all uno è parallela anche all altro, mentre ogni retta che ne incontra uno incontra anche l altro P5: Se ad un piano, per un punto esterno, si conducono due parallele, il piano formato da queste due rette non ha punti in comune con il piano dato Teorema: se ad una retta r per un suo punto P si conducono due perpendicolari a e b, allora risulta perpendicolare ad r anche ogni altra retta che passi per P e giaccia sul piano

3 α individuato dalle rette a e b; Inoltre le infinite perpendicolari ad una retta r, in un suo punto P, giacciono tutte in uno stesso piano. Definizione: una retta r e un piano α aventi un punto P in comune si dicono tra loro perpendicolari quando la retta r è perpendicolare a tutte le rette del piano α passanti per P; il punto P si dice piede della perpendicolare sul piano. Osservazione: dal precedente teorema discende che una retta è perpendicolare ad un piano se lo incontra e se è perpendicolare a due rette del piano passanti per loro punto comune e viceversa Teorema delle tre perpendicolari: Se dal piede di una perpendicolare ad una piano α si conduce la perpendicolare a una qualsiasi retta r del piano α, quest ultima retta risulta perpendicolare al piano individuato dalle prime due rette. Dimostrazione: sia a la perpendicolare al piano α; Dal suo piede Q si conduca la retta c perpendicolare alla retta r di α. Si vuole dimostrare che la retta r è perpendicolare al piano β individuato da a e da c. Se la retta r passa per il punto Q il teorema è dimostrato perché il piano β contenendo le rette a e c entrambe perpendicolari in Q alla retta r, è perpendicolare a questa retta. Se invece r non passa per Q sia C il punto di intersezione di r con c e prendiamo su r due punti A e B da parti opposte di C e tali che C sia il punto medio del segmento AB; si congiungano tali punti con Q e con un altro punto P qualunque della retta a. Nel piano α la retta c è asse del segmento AB perciò QA e QB sono congruenti. Allora i triangoli rettangoli PQA e PQB sono congruenti avendo i cateti rispettivamente congruenti. Allora PA è congruente a PB e nel triangolo isoscele ABP la retta PC (del piano β), che è mediana della base, è anche altezza, quindi è perpendicolare alla retta AB. Dunque la retta r, essendo perpendicolare alle rette c e CP di β è perpendicolare a β. C.v.d. Teorema: Per ogni punto P dello spazio passa: Una e una sola perpendicolare ad un dato piano α Uno e un solo piano perpendicolare a una retta data Teorema: due rette perpendicolari ad uno stesso piano sono tra loro parallele.

4 DIEDRI E PIANI PERPENDICOLARI Definizione: Si chiama diedro ciascuna delle due parti in cui lo spazio è diviso da due semipiani aventi lo stesso bordo, inclusi i due semipiani. I due semipiani si chiamano facce del diedro, le due facce costituiscono il contorno (o la superficie) del diedro; la retta comune alle due facce si chiama costola (o spigolo) del diedro. Definizione: Si chiama sezione normale di un diedro l angolo che risulta dall intersezione del diedro con un piano perpendicolare allo spigolo. Proprietà: P1: due sezioni normali di uno stesso diedro sono congruenti P: diedri congruenti hanno sezioni normali congruenti e viceversa. Definizione: un diedro si dice retto, acuto, ottuso, se tale è la sua sezione normale; un diedro si dice piatto, giro, nullo, convesso, concavo se tale è la sua sezione normale. Definizione: due piani incidenti si dicono tra loro perpendicolari quando formano quattro diedri retti. Proprietà: P1: Se una retta r e un piano α sono perpendicolari, ogni piano passante per r è perpendicolare ad α. P: Se due piani α e β sono tra loro perpendicolari, la perpendicolare condotta da un punto P di β alla retta r (intersezione tra α e β), è perpendicolare al piano α e appartiene a β P: se due piani incidenti α e β sono perpendicolari al piano γ, allora anche la retta r di intersezione tra questi due piani è perpendicolare a γ P4: Se r è una retta non perpendicolare al piano α esiste uno ed un solo piano passante per r e perpendicolare ad α Definizione: nello spazio due punti A e A si dicono simmetrici rispetto ad un piano α, quando il segmento AA è perpendicolare al piano α e il suo punto medio O sta su α Definizione: due figure dello spazio si dicono simmetriche rispetto a un piano, quando i punti dell una sono i simmetrici dei punti dell altra Definizione: si chiama similitudine dello spazio ogni corrispondenza biunivoca fra i punti dello spazio che trasforma segmenti in segmenti proporzionali. POLIEDRI Definizione: dati un poligono convesso con n lati (n ) e un punto V esterno al suo piano, si chiama angoloide (o piramide indefinita) di vertice V la figura formata da tutte le semirette di origine V che passano per i diversi punti del dato poligono Se n = l angoloide si chiama triedro 4

5 Le semirette VA, VB, VC, si dicono spigoli dell angoloide, gli angoli AVB, BVC, si chiamano facce dell angoloide L insieme di tutte le facce si chiama contorno o superficie dell angoloide Un angoloide è una figura convessa e illimitata Proprietà: P1: in un angoloide ogni faccia è minore della somma delle altre. P: In un angoloide la somma di tutte le facce è minore di una angolo giro Teorema (delle sezioni piane): Le sezioni di un angoloide con due piani parallele non passanti per il vertice sono due poligono simili che hanno i perimetri proporzionali alle distanze dai piani dal vertice e le aree proporzionali ai quadrati delle stesse distanze. Definizione: dati un poligono convesso di un numero qualsiasi di lati (n) e una retta r incidente il suo piano, si chiama prisma indefinito la figura formata da tutte le rette parallele ad r che passano per i punti del dato poligono. Le rette che passano per i vertici del poligono si dicono spigoli del prisma indefinito e sono tutte parallele tra loro Se un piano taglia uno spigolo allora taglia anche tutti gli altri e il poligono che si ottiene si chiama sezione del prisma Teorema: Due sezioni parallele qualsiasi, in particolare due sezioni normali di un medesimo prisma indefinito sono congruenti. Definizione: si dice prisma finito (o semplicemente prisma) la parte di un prisma indefinito compresa tra due sezioni parallele Le sezioni parallele si dicono basi del prisma e sono congruenti I lati delle sezioni si dicono spigoli di base e i vertici di essi si dicono vertici del prisma I parallelogrammi secondo cui i piani delle due basi tagliano le facce del prisma indefinito si dicono facce laterali del prisma; gli spigoli comuni a due facce laterali si dicono spigoli laterali del prisma L insieme di tutte le facce laterali si dice superficie laterale del prisma; la superficie laterale e le due basi si dicono superficie totale del prisma La distanza tra i piani delle due basi si dice altezza Un prisma si dice triangolare, quadrangolare, pentagonale, ecc.. a seconda che le sue basi siano triangoli, quadrilateri, pentagoni, ecc Si dice diagonale del prisma un segmento congiungente due vertici non appartenenti ad una stessa faccia Un prisma si dice retto quando gli spigoli laterali sono perpendicolari ai piani delle due basi Un prisma retto si dice regolare quando le basi sono poligoni regolari; in questo caso le facce laterali sono tutte rettangoli congruenti. 5

6 Definizione: si chiama parallelepipedo un prisma le cui basi sono parallelogrammi; si dice retto quando gli spigoli laterali sono perpendicolari ai piani delle basi, obliquo in caso contrario. Definizione: si chiama parallelepipedo rettangolo un parallelepipedo retto le cui basi sono rettangoli Teorema: in un parallelepipedo rettangolo la misura della diagonale vale dove a, b, c sono le misure delle sue dimensioni. d = a + b + c Definizione: si dice cubo (o esaedro) un parallelepipedo rettangolo nel quale siano congruenti i tre spigoli che concorrono in uno stesso vertice. In tal caso d = l dove l è la lunghezza dello spigolo. AREA DELLA SUPERFICIE DI UN PRISMA RETTO Area laterale: A = ph (dove h è l altezza e p il perimetro di base) l Area totale: A = A + A (dove A b è l area di una base) t l b AREA DELLA SUPERFICIE DI UN PARALLELEPIPEDO RETTANGOLO A = ab + ac + bc (dove a, b, c sono le dimensioni) Area totale: ( ) t AREA DELLA SUPERFICIE DI UN CUBO Area totale: A = 6l (dove l è la lunghezza dello spigolo) t VOLUME DI UN PRISMA V = Ab h VOLUME DI UN PARALLELEPIPEDO RETTANGOLO V = a b c VOLUME DI UN CUBO V = l 6

7 Definizione: si chiama piramide la parte di angoloide situata in un semispazio che ne contenga il vertice e il cui bordo incontri tutti gli spigoli. Il poligono dato si dice base della piramide e il punto V si dice vertice della piramide; i vertici e i lati della base si dicono vertici e spigoli di base. I segmenti che congiungono il vertice della piramide con i vertici della base si dicono spigoli laterali della piramide I triangoli che hanno come base uno spigolo di base e come vertice il vertice della piramide si dicono facce laterali; la loro unione si dice superficie laterale della piramide; l insieme di tutte le facce della piramide (laterali + base) si dice superficie totale. Si chiama altezza della piramide la distanza del vertice dal piano della base. Una piramide si dice triangolare, quadrangolare, pentagonale, ecc.. se la sua base è rispettivamente un triangolo, un quadrilatero, un pentagono, ecc. Definizione: una piramide si dice retta quando nella sua base si può inscrivere una circonferenza il cui centro è il piede dell altezza della piramide. Proprietà: tutte le facce laterali di una piramide hanno altezze congruenti che prendono il nome di apotema della piramide. Definizione: una piramide si dice regolare se è retta e ha per base un poligono regolare. Proprietà: P1: in una piramide regolare gli spigoli laterali sono congruenti tra loro P: in una piramide regolare le facce laterali sono triangoli isosceli fra loro congruenti P: in una piramide regolare i diedri laterali sono congruenti tra loro; anche i diedri della base sono congruenti tra loro un piano parallelo al piano della base B di una piramide che non passa per il suo vertice ne incontra tutti gli spigoli laterali e divide la piramide in due parti: la parte che contiene il vertice è una nuova piramide di base B simile alla base B (teorema delle sezioni piane); la parte che contiene la base B prende il nome di tronco di piramide di basi B e B ; la distanza tra le due basi si chiama altezza del tronco di piramide osservazione: se la piramide da cui si ottiene il tronco è retta o regolare, tale sarà anche il tronco; se il tronco è regolare le sue facce laterali sono trapezi isosceli tutti congruenti e la loro altezza si dice apotema del tronco. AREA DELLA SUPERFICIE DI UNA PIRAMIDE RETTA p a Area laterale: Al = (dove a è l apotema e p il perimetro di base) Area totale: At = Al + Ab (dove A b è l area di base) AREA DELLA SUPERFICIE DI UN TRONCO DI PIRAMIDE REGOLARE p + p ' Area laterale: Al = a (dove a è l apotema e p e p i perimetri delle basi) Area totale: A = A + A + A (dove A b e A b sono le aree delle basi) t l b b' 7

8 VOLUME DI UNA PIRAMIDE 1 V = A h b 1 VOLUME DI UN TRONCO DI PIRAMIDE V = h( Ab + Ab ' + Ab Ab ' ) Dimostrazione: Consideriamo la piramide di base A b e altezza (h+x); a distanza x dal vertice si tracci il piano parallelo al piano di base ottenendo quindi la sezione A b e pertanto il tronco di piramide di basi A b e A b e altezza h. Determiniamo il volume del tronco come differenza tra il volume della piramide di altezza (h+x) e quella di altezza x: 1 1 V = Ab ( h + x) Ab ' x 1 1 da cui : V = Ab h + ( Ab Ab ' ) x (**) Per il teorema delle sezioni piane ( ) A : A x h : x h A A + ha algebrici si ottiene x = Ab Ab ' 1 1 V = Ab h + ( h Ab Ab ' + hab ' ) b b' b' b b' = + da cui con diversi passaggi che sostituito nella (**) fornisce Da cui raccogliendo 1 h a fattor comune si ottiene la formula data. Cvd. Relazione di Eulero: tra il numero delle facce (F) quello dei vertici (V) e quello degli spigoli di un poliedro qualunque sussiste la seguente relazione : F + V = S + Definizione: un poliedro si dice regolare se le sue facce sono poligoni regolari congruenti e i suoi diedri sono tutti congruenti Osservazione: esistono soltanto cinque tipi di poliedri regolari: TETRAEDRO REGOLARE: è una piramide regolare a base triangolare le cui facce sono quattro triangoli equilateri, ha 6 spigoli e 4 vertici. ESAEDRO REGOLARE o CUBO: ha per facce 6 quadrati 8 vertici e 1 spigoli OTTAEDRO REGOLARE: è l insieme di due piramidi quadrangolari regolari con la base coincidente; ha per facce 8 tringoli equilateri, ha 6 vertici e 1 spigoli ICOSAEDRO REGOLARE: ha per facce 0 triangoli equailteri, ha 1 vertici e 0 spigoli DODECAEDRO REGOLARE: ha per facce 1 pentagoni regolari, ha 0 vertici e 0 spigoli 8

9 SOLIDI DI ROTAZIONE Definizione: si chiama superficie cilindrica indefinita l insieme dei punti dello spazio equidistanti da una retta fissa detta asse; la comune distanza si dice raggio. Si chiama generatrice ciascuna delle rette parallele all asse che dista da questo come il raggio Un piano α perpendicolare all asse taglia la superficie cilindrica secondo una circonferenza di raggio r Un piano parallelo all asse può avere in comune con la superficie due generatrici (piano secante), oppure una generatrice (piano tangente) o nessuna (piano esterno) Si chiama cilindro indefinito la figura costituita da una superficie cilindrica e dai suoi punti interni L intersezione con un piano perpendicolare all asse di un cilindro indefinito è un cerchio di raggio r e si dice sezione normale Definizione: si chiama cilindro circolare retto finito (cilindro) la parte di un cilindro indefinito compresa tra due sezioni normali. Proprietà P1: il cilindro si ottiene anche come rotazione completa (angolo giro) di un rettangolo attorno a uno dei suoi lati P: le sezioni normali si dicono basi del cilindro P: la distanza dei piani delle due basi si dice altezza del cilindro P4: un prisma retto le cui basi siano inscritte nelle basi di un cilindro si dice inscritto nel cilindro P5: un prisma retto le cui basi siano circoscritte alle basi di un cilindro si dice circoscritto al cilindro P6: un cilindro si dice equilatero se la sua altezza è congruente al diametro della base (la sezione è un quadrato) AREA DELLA SUPERFICIE DI UN CILINDRO Area laterale: = π r h (dove r è il raggio di base e h è l altezza del cilindro) A l Area totale: A t = Al + π r ( π r è l area di base) VOLUME DI UN CILINDRO V = A h (dove A b è l area di base) b Definizione: si chiama superficie conica indefinita l insieme delle semirette dello spazio che, avendo la stessa origini V di una data semiretta a, formano con essa angoli congruenti ad un dato angolo acuto. Si chiama asse la semiretta a Si chiama vertice il punto V Si chiama generatrice ciascuna delle semirette di origine V Si chiama angolo di apertura ciascuno degli angoli (fra loro congruenti) che l asse forma con ciascuna generatrice 9

10 Si chiama cono indefinito la figura costituita da una superficie conica e dai suoi punti interni L intersezione con un piano perpendicolare all asse di un cono indefinito è un cerchio di raggio r e si dice sezione normale Un piano che passa per il vertice di una superficie conica contiene due generatrici, o una sola, o nessuna, a seconda che l angolo che essa forma con l asse sia minore, uguale o maggiore dell angolo di apertura (piano secante o tangente o esterno) Definizione: si chiama cono circolare retto finito (cono) la parte di un cono indefinito che giace rispetto al piano di una sezione normale dalla parte del vertice. Proprietà P1: il cono si ottiene anche come rotazione completa (angolo giro) di un triangolo rettangolo attorno a uno dei suoi cateti P: la sezione normale si dice base del cono P: la distanza del vertice dal piano della base si dice altezza del cono P4: i segmenti delle generatrici della superficie conica compresi tra il vertice e la base sono congruenti e si dicono apotemi del cono P5: una piramide il cui vertice sia il vertice di un cono e la cui base sia inscritta nella base di un cono si dice inscritta nel cono P6: una piramide il cui vertice sia il vertice di un cono e la cui base sia circoscritta alla base di un cono si dice circoscritta al cono P7: un cono si dice equilatero se il suo apotema è congruente al diametro della base (la sezione è un triangolo equilatero) P8: vale l analogo del teorema delle sezioni piane per la piramide Definizione: si chiama tronco di cono circolare retto (tronco di cono) la parte di cono compresa tra il piano di base e un piano ad esso parallelo secante il cono e non passante per il vertice Osservazione: i segmenti di generatrici comprese tra le due basi si chiamano apotemi del tronco Osservazione: un tronco di cono può essere generato dalla rotazione completa (angolo giro) di un trapezio rettangolo attorno al lato perpendicolare alle basi AREA DELLA SUPERFICIE DI UN CONO Area laterale: = π r a (dove r è il raggio di base e a è l apotema del cono) A l Area totale: A t = Al + π r ( π r è l area di base) AREA DELLA SUPERFICIE DI UN TRONCO DI CONO A l = π a r + r' (dove r ed r sono i raggi delle basi e a è l apotema del Area laterale: ( ) tronco di cono) Area totale: VOLUME DI UN CONO A = A + π t l V π r + r' ( = 1 A b h π r e π r' sono le aree delle basi) (dove A b è l area di base) 10

11 VOLUME DI UN TRONCO DI CONO 1 V = π h( r + r' + r r' ) Osservazione: la dimostrazione è analoga a quella già vista per il volume del tronco di piramide Definizione Si chiama superficie sferica l insieme dei punti dello spazio aventi una distanza prefissata r da un punto fisso O. Osservazione: La distanza r si chiama raggio della superficie sferica e il punto O ne è il centro Definizione: Si chiama sfera la figura formata da una superficie sferica e da tutti i punti ad essa interni La superficie sferica si ottiene come rotazione completa di una semicirconferenza attorno al suo diametro; la sfera si ottiene come rotazione completa di una semicerchio attorno al suo diametro La superficie sferica si dice contorno della sfera Il centro O e il raggio r della superficie sferica sono centro e raggio della sfera Si dice corda di una superficie sferica ogni segmento che abbia gli estremi sulla superficie stessa Si chiama diametro di una superficie sferica ogni corda passante per il centro Tutti i diametri di una superficie sferica sono congruenti Se un piano ha dal centro di una superficie sferica una distanza minore del raggio esso è secante la superficie sferica Se un piano ha dal centro di una superficie sferica una distanza uguale al raggio, esso tocca la superficie sferica in un solo punto ed è perpendicolare al raggio passante per quel punto (piano tangente) Se un piano ha dal centro di una superficie sferica una distanza maggiore del raggio esso è esterno alla superficie sferica Un piano secante la superficie sferica la divide in due parti ciascuna delle quali si chiama calotta sferica; il piano secante la sfera la divide in due parti che si chiamano segmento sferico a una base Se due piani paralleli secano una superficie sferica la parte di piano compresa tra essi si chiama zona sferica, mentre la parte di sfera compresa tra gli stessi due piani si chiama segmento sferico a due basi La parte di superficie sferica compresa tra due semipiani aventi per origine comune la retta di un diametro si dice fuso sferico, mentre la parte di sfera si dice spicchio sferico Si chiama settore sferico la parte di sfera delimitata da una calotta sferica e dal cono che ha vertice nel centro della sfera e base in comune con la calotta AREA DELLA SUPERFICIE SFERICA : A = 4πr Proprietà: P1: una superficie sferica è equivalente alla superficie laterale del cilindro ad essa circoscritto P: (teorema di Archimede) Il rapporto della superficie sferica e della superficie totale del cilindro ad essa circoscritto è come il rapporto dei corrispondenti volumi 11

12 AREA DI UNA ZONA SFERICA E DI UNA CALOTTA SFERICA : A = πrh (dove h è l altezza della calotta e r è il raggio della sfera cui appartiene) πr α AREA DEL FUSO SFERICO: A = 90 (dove α è l ampiezza del diedro del fuso) VOLUME DEL SEGMENTO SFERICO A UNA BASE: V = π h r (dove h è l altezza della calotta e r è il raggio della sfera cui appartiene) h πh (dove h è La distanza tra le due basi e r 1 e r sono i raggi dei cerchi sezione) πh VOLUME DEL SEGMENTO SFERICO A DUE BASI: V = ( r + r ) πr α VOLUME DELLO SPICCHIO SFERICO: V = 70 (dove α è l ampiezza del diedro dello spicchio) PRINCIPIO DI CAVALIERI: due solidi che si possono collocare in modo che siano equivalenti le loro sezioni ottenute con un qualsiasi piano parallelo ad una piano fisso sono equivalenti VOLUME DELLA SFERA: 4 V = π r Dimostrazione: Si considerino una semisfera di raggio r, un cono e un cilindro entrambi di raggio di base r e di altezza r, disposti come in figura sullo stesso piano α. Si conduca il piano β parallelo ad α a distanza r da quest ultimo: in tale modo i tre solidi risultano compresi nella parte di spazio tra i due piani. Si consideri ora un qualunque piano γ parallelo ai precedenti, che intersechi tutti e tre i solidi, e disti x dal piano α, con x < r. Esaminiamo le sezioni dei tre solidi: la sezione del cilindro (S) è ancora un cerchio di raggio r come la base, area S1 = π r ; la sezione del cono (S) è un cerchio di raggio di raggio x (per il teorema delle sezioni piane si ha la proporzione r : r = r : x, da cui r = x), area S = π x ; la sezione della semisfera (S1) è un cerchio di raggio r x (teorema di Pitagora), area S = π ( r x ). Ora si vede facilmente che Area S = Area S1 + Area S Ciò significa, data l arbitrarietà del piano γ, che per il principio di Cavalieri il cilindro è equivalente alla somma della semisfera e del cono, ovvero che Volume cilindro = Volume semisfera + Volume cono In formula 1 π r = Volume semisfera + πr da cui Volume semisfera = π r e finalmente Volume sfera = 4 r π Cvd 1

Lezione introduttiva allo studio della GEOMETRIA SOLIDA

Lezione introduttiva allo studio della GEOMETRIA SOLIDA Lezione introduttiva allo studio della GEOMETRIA SOLIDA Geometria solida Lo spazio euclideo è un insieme infinito di elementi detti punti e contiene sottoinsiemi propri ed infiniti : le rette e i piani..

Dettagli

DIEDRI. Un diedro è convesso se è una figura convessa, concavo se non lo è.

DIEDRI. Un diedro è convesso se è una figura convessa, concavo se non lo è. DIEDRI Si definisce diedro ciascuna delle due parti di spazio delimitate da due semipiani che hanno la stessa origine, compresi i semipiani stessi. I due semipiani prendono il nome di facce del diedro

Dettagli

Geometria nello spazio

Geometria nello spazio Geometria nello spazio Def. Lo spazio è l insieme di infiniti elementi A, B, C detti punti; esso è dotato di sottoinsiemi non vuoti a, b, c detti rette e α, β, γ detti piani.. POSTULATI DI INCIDENZA. Dati

Dettagli

SOLIDI DI ROTAZIONE. Superficie cilindrica indefinita se la generatrice è una retta parallela all asse di rotazione

SOLIDI DI ROTAZIONE. Superficie cilindrica indefinita se la generatrice è una retta parallela all asse di rotazione SOLIDI DI ROTAZIONE Dato un semipiano α limitato dalla retta a, sia g una linea qualunque appartenente al semipiano α; ruotando il semipiano α di un angolo giro attorno alla retta a, la linea g genera

Dettagli

Geometria euclidea. Alessio del Vigna

Geometria euclidea. Alessio del Vigna Geometria euclidea Alessio del Vigna La geometria euclidea è una teoria fondata su quattro enti primitivi e sulle relazioni che tra essi intercorrono. I quattro enti primitivi in questione sono il punto,

Dettagli

Geometria euclidea dello spazio Presentazione n. 5 Poliedri Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia

Geometria euclidea dello spazio Presentazione n. 5 Poliedri Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia Geometria euclidea dello spazio Presentazione n. 5 Poliedri Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia Poliedri Un poliedro è un solido delimitato da una superficie formata da

Dettagli

Superfici e solidi di rotazione. Cilindri indefiniti

Superfici e solidi di rotazione. Cilindri indefiniti Superfici e solidi di rotazione Consideriamo un semipiano α, delimitato da una retta a, e sul semipiano una curva g; facendo ruotare il semipiano in un giro completo attorno alla retta a, la curva g descrive

Dettagli

Le figure solide. Due rette nello spaio si dicono sghembe se non sono complanari e non hanno alcun punto in comune.

Le figure solide. Due rette nello spaio si dicono sghembe se non sono complanari e non hanno alcun punto in comune. Le figure solide Nozioni generali Un piano nello spazio può essere individuato da: 1. tre punti A, B e C non allineati. 2. una retta r e un punto A non appartenente ad essa. 3. due rette r e s incidenti.

Dettagli

Geometria euclidea. Alessio del Vigna. Lunedì 15 settembre

Geometria euclidea. Alessio del Vigna. Lunedì 15 settembre Geometria euclidea Alessio del Vigna Lunedì 15 settembre La geometria euclidea è una teoria fondata su quattro enti primitivi e sulle relazioni che tra essi intercorrono. I quattro enti primitivi in questione

Dettagli

Geometria euclidea dello spazio Presentazione n. 6 Solidi di rotazione Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia

Geometria euclidea dello spazio Presentazione n. 6 Solidi di rotazione Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia Geometria euclidea dello spazio Presentazione n. 6 Solidi di rotazione Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia Solidi di rotazione Un solido di rotazione è generato dalla rotazione

Dettagli

LA GEOMETRIA DELLO SPAZIO: CENNI DI TEORIA ED ESERCIZI

LA GEOMETRIA DELLO SPAZIO: CENNI DI TEORIA ED ESERCIZI LA GEOMETRIA DELLO SPAZIO: CENNI DI TEORIA ED ESERCIZI SPAZIO: l insieme di tutti i punti. PUNTI ALLINEATI: punti che appartengono alla stessa retta PUNTI COMPLANARI: punti che appartengono allo stesso

Dettagli

LA GEOMETRIA DELLO SPAZIO

LA GEOMETRIA DELLO SPAZIO LA GEOMETRIA ELLO SPAZIO 1 alcola l area e il perimetro del triangolo individuato dai punti A ; 0; 4, ; 1; 5 e 0; ;. ( ) ( ) ( ) 9 ; + 6 Stabilisci se il punto A ( 1;1; ) appartiene all intersezione dei

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 12

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 12 METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Lezione n 12 PARTE SECONDA GEOMETRIA SOLIDA UNA PREMESSA Diversi esperti di Didattica della Matematica ritengono che l approccio migliore, per la

Dettagli

I solidi. Un solido è una parte di spazio delimitata da una superficie chiusa. I solidi delimitati da poligoni vengono chiamati poliedri.

I solidi. Un solido è una parte di spazio delimitata da una superficie chiusa. I solidi delimitati da poligoni vengono chiamati poliedri. I solidi Un solido è una parte di spazio delimitata da una superficie chiusa. I solidi delimitati da poligoni vengono chiamati poliedri. I solidi che hanno superfici curve vengono chiamati solidi rotondi.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO

ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO Lo spazio euclideo è un insieme infinito di elementi detti punti e contiene sottoinsiemi propri ed infiniti detti piani. In ogni piano valgono gli assiomi del piano euclideo.

Dettagli

1 I solidi a superficie curva

1 I solidi a superficie curva 1 I solidi a superficie curva PROPRIETÀ. Un punto che ruota attorno ad un asse determina una circonferenza. PROPRIETÀ. Una linea, un segmento o una retta che ruotano attorno ad un asse determinano una

Dettagli

Prontuario di geometria euclidea nello spazio. Per la scuola secondaria di I grado

Prontuario di geometria euclidea nello spazio. Per la scuola secondaria di I grado Prontuario di geometria euclidea nello spazio Per la scuola secondaria di I grado N. B. Gli argomenti presentati sono una sintesi di quelli trattati in classe e non sostituiscono ma integrano il libro

Dettagli

Precorso di Matematica

Precorso di Matematica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA Precorso di Matematica Anna Scaramuzza Anno Accademico 2005-2006 17-24 Ottobre 2005 INDICE 1. GEOMETRIA EUCLIDEA........................ 2 1.1 Triangoli...............................

Dettagli

1. conoscere i concetti fondamentali della geometria sintetica del piano (poligoni, circonferenza

1. conoscere i concetti fondamentali della geometria sintetica del piano (poligoni, circonferenza Terzo modulo: Geometria Obiettivi 1. conoscere i concetti fondamentali della geometria sintetica del piano (poligoni, circonferenza e cerchio, ecc.). calcolare perimetri e aree di figure elementari nel

Dettagli

GEOMETRIA EUCLIDEA. segno lasciato dalla punta di una matita appena appoggiata sul foglio. P

GEOMETRIA EUCLIDEA. segno lasciato dalla punta di una matita appena appoggiata sul foglio. P GEOMETRIA EUCLIDEA 1) GLI ENTI FONDAMENTALI: PUNTO, RETTA E PIANO Il punto, la retta e il piano sono gli ELEMENTI ( o ENTI ) GEOMETRICI FONDAMENTALI della geometria euclidea; come enti fondamentali non

Dettagli

Le caratteristiche dei poligoni. La relazione tra i lati e gli angoli di un poligono. Definizioni

Le caratteristiche dei poligoni. La relazione tra i lati e gli angoli di un poligono. Definizioni Le caratteristiche dei poligoni 1. Si dice poligono la parte del piano delimitata da una spezzata chiusa. 2. Il perimetro di un poligono è la somma delle misure del suoi lati, si indica cm 2p. 3. Un poligono

Dettagli

LA PERPENDICOLARITA NELLO SPAZIO. Nello spazio si definiscono la perpendicolarità sia tra una retta e un piano sia tra due piani.

LA PERPENDICOLARITA NELLO SPAZIO. Nello spazio si definiscono la perpendicolarità sia tra una retta e un piano sia tra due piani. 1 LA PERPENDICOLARITA NELLO SPAZIO Nello spazio si definiscono la perpendicolarità sia tra una retta e un piano sia tra due piani. 2.1 La perpendicolarità retta piano Nel piano la perpendicolarità tra

Dettagli

Principali Definizioni e Teoremi di Geometria

Principali Definizioni e Teoremi di Geometria Principali Definizioni e Teoremi di Geometria Segmento (definizione) Si dice segmento di estremi A e B l insieme costituito dai punti A e B e da tutti i punti della retta AB compresi tra A e B. Angolo

Dettagli

GEOMETRIA. Congruenza, angoli e segmenti

GEOMETRIA. Congruenza, angoli e segmenti GEOMETRIA Per affermare che un triangolo è isoscele o rettangolo oppure che un quadrilatero è un parallelogramma o un rettangolo o un rombo o un quadrato o un trapezio o un trapezio isoscele, c è sempre

Dettagli

LA CIRCONFERENZA DEFINIZIONI. Una circonferenza è l insieme dei punti del piano che hanno distanza assegnata da un punto, detto centro.

LA CIRCONFERENZA DEFINIZIONI. Una circonferenza è l insieme dei punti del piano che hanno distanza assegnata da un punto, detto centro. LA CIRCONFERENZA DEFINIZIONI Una circonferenza è l insieme dei punti del piano che hanno distanza assegnata da un punto, detto centro. Un cerchio è una figura piana formata dai punti di una circonferenza

Dettagli

I vertici e i lati di ogni poligono vengono detti rispettivamente vertici e spigoli del poliedro.

I vertici e i lati di ogni poligono vengono detti rispettivamente vertici e spigoli del poliedro. 1 I poliedri diagonale DEFINIZIONE. Un poliedro è la parte di spazio delimitata da poligoni posti su piani diversi in modo tale che ogni lato sia comune a due di essi. I poligoni che delimitano il poliedro

Dettagli

Teoremi di geometria piana

Teoremi di geometria piana la congruenza teoremi sugli angoli γ teorema sugli angoli complementari Se due angoli sono complementari di uno stesso angolo α β In generale: Se due angoli sono complementari di due angoli congruenti

Dettagli

Test di Matematica di base

Test di Matematica di base Test di Matematica di base Geometria Il rapporto tra la superficie di un quadrato e quella di un triangolo equilatero di eguale lato è a. 4 b. 4 d. [ ] Quali sono le ascisse dei punti della curva di equazione

Dettagli

Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO GEOMETRIA

Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO GEOMETRIA Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO GEOMETRIA TRIANGOLI Criteri di congruenza Due triangoli sono congruenti se hanno congruenti:

Dettagli

N. Domanda A B C D. circonferenza in quattro parti la base del triangolo isoscele che genera il cono

N. Domanda A B C D. circonferenza in quattro parti la base del triangolo isoscele che genera il cono 1 Se in un triangolo circocentro e incentro coincidono allora esso come è? 2 Un angolo di un triangolo misura 50 gradi. Quanto misrano gli altri due angoli? 3 In un trapezio avente l'area di 320 m^2 le

Dettagli

01. Se il raggio di un cerchio dimezza, la sua area diventa: a) 1/3 b) 1/4 c) 3/2 d) 1/5

01. Se il raggio di un cerchio dimezza, la sua area diventa: a) 1/3 b) 1/4 c) 3/2 d) 1/5 GEOMETRIA 01. Se il raggio di un cerchio dimezza, la sua area diventa: 1/ b) 1/4 c) / d) 1/5 0. Quanto misura il lato di un quadrato la cui area è equivalente a quella di un triangolo che ha la base di

Dettagli

4.1 I triedri Def triedro vertice spigoli facce triedro

4.1 I triedri Def triedro vertice spigoli facce triedro 1 FIGURE NELLO SPAZIO Rette, piani, semispazi, di cui abbiamo visto le prime proprietà, delimitano le figure solide che si sviluppano nello spazio. Introduciamo gradualmente le figure solide e le loro

Dettagli

Postulati e definizioni di geometria piana

Postulati e definizioni di geometria piana I cinque postulati di Euclide I postulato Adimandiamo che ce sia concesso, che da qualunque ponto in qualunque ponto si possi condurre una linea retta. Tra due punti qualsiasi è possibile tracciare una

Dettagli

Esercizi sulle rette nello spazio

Esercizi sulle rette nello spazio 1 Esercizi sulle rette nello spazio 1) Sono dati quattro punti non complanari, tre di essi possono essere allineati? 2) Sono dati quattro punti non complanari, quanti piani generano? 3) Quante coppie di

Dettagli

GEOMETRIA. Studio dei luoghi /relazioni tra due variabili. Studio delle figure (nel piano/spazio) Problemi algebrici sulle figure geometriche

GEOMETRIA. Studio dei luoghi /relazioni tra due variabili. Studio delle figure (nel piano/spazio) Problemi algebrici sulle figure geometriche GEOMETRIA ANALITICA EUCLIDEA Studio dei luoghi /relazioni tra due variabili Studio delle figure (nel piano/spazio) Funzioni elementari Problemi algebrici sulle figure geometriche Grafici al servizio dell

Dettagli

Problemi di geometria

Problemi di geometria 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 In un triangolo rettangolo l altezza relativa all ipotenusa è lunga 16 cm e la proiezione sull ipotenusa di un cateto è lunga 4 cm. Calcola l area del triangolo. [544 cm

Dettagli

COS È UN PRISMA. Due POLIGONI congruenti e paralleli, come basi. È UN POLIEDRO DELIMITATO DA

COS È UN PRISMA. Due POLIGONI congruenti e paralleli, come basi. È UN POLIEDRO DELIMITATO DA PRISMI E PIRAMIDI COS È UN PRISMA È UN POLIEDRO DELIMITATO DA Due POLIGONI congruenti e paralleli, come basi. Tanti PARALLELOGRAMMI quanti sono i lati del poligono di base (come facce laterali). PRISMA

Dettagli

Problemi di geometria

Problemi di geometria criteri di similitudine sui triangoli 1 Dimostra che le altezze di un triangolo sono inversamente proporzionali ai relativi lati. 2 Dimostra che due triangoli rettangoli sono simili se hanno ordinatamente

Dettagli

Indice. Parte prima Metodi. XI Gli autori

Indice. Parte prima Metodi. XI Gli autori XI Gli autori XIII Prefazione Parte prima Metodi 5 Capitolo 1 Elementi di geometria proiettiva 5 1.1 Gli enti geometrici 6 1.2 Convenzioni 7 1.3 L operazione di proiezione 9 1.4 L ampliamento proiettivo

Dettagli

C = d x π (pi greco) 3,14. d = C : π (3,14) r = C : (π x 2)

C = d x π (pi greco) 3,14. d = C : π (3,14) r = C : (π x 2) circonferenza rettificata significa messa su una retta è un segmento che ha la stessa lunghezza della circonferenza formule: C = d x π (pi greco) 3,14 d = C : π (3,14) r = C : (π x 2) area del cerchio

Dettagli

Principali Definizioni e Teoremi di Geometria

Principali Definizioni e Teoremi di Geometria Principali Definizioni e Teoremi di Geometria Segmento (definizione) Si dice segmento di estremi A e B l insieme costituito dai punti A e B e da tutti i punti della retta AB compresi tra A e B. Angolo

Dettagli

1) Sono dati quattro punti non complanari, tre di essi possono essere allineati?

1) Sono dati quattro punti non complanari, tre di essi possono essere allineati? 1 Nuovi assiomi 1) Sono dati quattro punti non complanari, tre di essi possono essere allineati? ) Sono dati quattro punti non complanari a tre a tre non allineati, quanti piani generano? ) Quante coppie

Dettagli

La circonferenza e il cerchio

La circonferenza e il cerchio La circonferenza e il cerchio Def.: Si dice circonferenza una linea piana chiusa formata dall insieme dei punti che hanno la stessa distanza da un punto detto centro. Si dice raggio di una circonferenza

Dettagli

Indice del vocabolario della Geometria euclidea

Indice del vocabolario della Geometria euclidea Indice del vocabolario della Geometria euclidea 1 Postulati di appartenenza: piano, retta e punto nello spazio Punto, retta, piano nello spazio Punto, retta nel piano Punto nella retta Punto esterno alla

Dettagli

Elementi di Euclide. Libro II. Algebra Geometrica. Proposizione 4: (x + y) 2 = x 2 + 2xy + y 2.

Elementi di Euclide. Libro II. Algebra Geometrica. Proposizione 4: (x + y) 2 = x 2 + 2xy + y 2. PAS 2014 GEOMETRIA Programma di massima: Elementi di logica elementare. La geometria degli Elementi di Euclide. De nizioni, assiomi e postulati. La geometria del triangolo. Criteri di uguaglianza. Teorema

Dettagli

La circonferenza e il cerchio

La circonferenza e il cerchio La circonferenza e il cerchio Def. Circonferenza Si dice circonferenza una linea piana chiusa formata dall insieme dei punti che hanno la stessa distanza da un punto detto centro. Si dice raggio di una

Dettagli

Elementi di Geometria euclidea

Elementi di Geometria euclidea Elementi di Geometria euclidea Proprietà dei triangoli isosceli Il triangolo isoscele ha almeno due lati congruenti, l eventuale lato non congruente si chiama base, i due lati congruenti si dicono lati

Dettagli

N. Domanda Risposta. Quinto postulato di Euclide. 30 cm. 11 dm. 14 cm. 6 cm^2

N. Domanda Risposta. Quinto postulato di Euclide. 30 cm. 11 dm. 14 cm. 6 cm^2 418 "Per un punto passa una sola retta parallela ad una retta data". Questo è l'enunciato del: 8 0,201 km corrispondono a: 201 m 199 10 dm^3 corrispondono a: 10000 cm^3 55 20 15' corrispondono a: 20,25

Dettagli

LA CIRCONFERENZA e IL CERCHIO

LA CIRCONFERENZA e IL CERCHIO LA CIRCONFERENZA e IL CERCHIO La circonferenza è un poligono regolare con un numero infinito di lati Bisogna fare innanzitutto una distinzione: la circonferenza è la misura del perimetro; C (se sono più

Dettagli

Problemi di geometria

Problemi di geometria 1 2 3 applicazioni al triangolo rettangolo Calcola il perimetro e l area di un triangolo rettangolo sapendo che l ipotenusa e l altezza ad essa relativa sono lunghe rispettivamente 3 cm e 16,8 cm. [8 cm;

Dettagli

Due rette si dicono INCIDENTI se hanno esattamente un punto in comune, altrimenti si dicono PARALLELE.

Due rette si dicono INCIDENTI se hanno esattamente un punto in comune, altrimenti si dicono PARALLELE. Riepilogo di Geometria: Assioma A1 Per tutte le coppie di punti P,Q dell insieme S è assegnato un numero reale (=)> 0, che si dice distanza di P da Q e si indica don d(p,q) 1- Se i punti P,Q sono distinti

Dettagli

I PARALLELOGRAMMI Si dice PARALLELOGRAMMA un quadrilatero avente i lati opposti paralleli a due a due.

I PARALLELOGRAMMI Si dice PARALLELOGRAMMA un quadrilatero avente i lati opposti paralleli a due a due. I PARALLELOGRAMMI Si dice PARALLELOGRAMMA un quadrilatero avente i lati opposti paralleli a due a due. A D B H C K Una particolarità del parallelogramma è che mantiene le sue caratteristiche anche quando

Dettagli

Misura dei volumi dei solidi

Misura dei volumi dei solidi Geometria euclidea dello spazio Presentazione n. 8 Misura dei volumi dei solidi Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia Richiamo di geometria piana: misura delle aree Per misurare

Dettagli

Matematica Introduzione alla geometria

Matematica Introduzione alla geometria Matematica Introduzione alla geometria prof. Vincenzo De Felice 2014 Problema. Si mostri che un triangolo con due bisettrici uguali è isoscele. La matematica è sfuggente. Ziodefe 1 2 Tutto per la gloria

Dettagli

Problemi di geometria

Problemi di geometria 1 2 6 7 9 Calcola la misura dell ipotenusa di un triangolo rettangolo i cui cateti misurano 11,2 cm e 1 cm. [1,7 cm] In un triangolo rettangolo l ipotenusa misura cm, un cateto è dell ipotenusa. Calcola

Dettagli

N. Domanda Risposta. 266 Dati due angoli acuti allora: la loro differenza è un angolo acuto

N. Domanda Risposta. 266 Dati due angoli acuti allora: la loro differenza è un angolo acuto 199 "Per un punto passa una sola retta parallela ad una retta data". Questo è l'enunciato del: 233 0,201 km corrispondono a: 201 m 139 1 m corrisponde a: 0,001 km 263 10 dm^3 corrispondono a: 10000 cm^3

Dettagli

LA CIRCONFERENZA, I POLIGONI INSCRITTI E CIRCOSCRITTI

LA CIRCONFERENZA, I POLIGONI INSCRITTI E CIRCOSCRITTI LA CIRCONFERENZA, I POLIGONI INSCRITTI E CIRCOSCRITTI 1. La circonferenza e il cerchio ESERCIZI 1 A Disegna un triangolo ABC di altezza CH relativa ad AB. Fissa un segmento ED minore di CH. Determina il

Dettagli

Dato un triangolo ABC, è il segmento che partendo dal vertice opposto al lato, incontra il lato stesso formando due angoli retti.

Dato un triangolo ABC, è il segmento che partendo dal vertice opposto al lato, incontra il lato stesso formando due angoli retti. Anno 2014 1 Sommario Altezze, mediane, bisettrici dei triangoli... 2 Altezze relativa a un vertice... 2 Mediane relative a un lato... 2 Bisettrici relativi a un lato... 2 Rette perpendicolari... 3 Teorema

Dettagli

N. Domanda Risposta. 32 cm

N. Domanda Risposta. 32 cm 1 L'area di un rombo misura 320 cm^2 e la diagonale minore 20 cm. Quanto misura la diagonale maggiore? 2 Se tagliamo una piramide con un piano parallelo alla base otteniamo: un'altra piramide e un tronco

Dettagli

PROBLEMI DI GEOMETRIA SUL CERCHIO

PROBLEMI DI GEOMETRIA SUL CERCHIO PROBLEMI DI GEOMETRIA SUL CERCHIO 1. In un cerchio che ha l'area di 625? cm², due corde AB e CD sono situate da parti opposte rispetto al centro O e le loro distanze dal centro misurano rispettivamente

Dettagli

Confronto fra angoli La dimensione dell angolo è l ampiezza in base all ampiezza gli angoli si dicono:

Confronto fra angoli La dimensione dell angolo è l ampiezza in base all ampiezza gli angoli si dicono: Confronto fra angoli La dimensione dell angolo è l ampiezza in base all ampiezza gli angoli si dicono: congruenti (uguali) maggiore minore la somma di due angoli la ottieni portandoli ad essere consecutivi

Dettagli

C7. Circonferenza e cerchio

C7. Circonferenza e cerchio 7. irconferenza e cerchio 7.1 Introduzione ai luoghi geometrici Un luogo geometrico è l insieme dei punti del piano che godono di una proprietà detta proprietà caratteristica del luogo geometrico. Esempio

Dettagli

In un triangolo qualsiasi, la semiretta che, uscendo dal vertice di un angolo, lo divide in due parti uguali prende il nome di: a) mediana

In un triangolo qualsiasi, la semiretta che, uscendo dal vertice di un angolo, lo divide in due parti uguali prende il nome di: a) mediana 66 08 09 10 11 1 13 14 In un triangolo qualsiasi, la semiretta che, uscendo dal vertice di un angolo, lo divide in due parti uguali prende il nome di: a) mediana b) bisettrice c) asse d) ortogonale Un

Dettagli

Circonferenza e cerchio

Circonferenza e cerchio Cerchio e circonferenza - 1 Circonferenza e cerchio La circonferenza è il luogo geometrico dei punti del piano equidistanti da un unico punto detto centro. Il cerchio è l insieme costituito dai punti appartenenti

Dettagli

Introduzione. Al termine della lezione sarai in grado di:

Introduzione. Al termine della lezione sarai in grado di: Anno 4 Prismi 1 Introduzione In questa lezione parleremo di un particolare poliedro detto prisma. Ne daremo una definizione generale e poi soffermeremo la nostra attenzione su alcuni prismi particolari.

Dettagli

Le sezioni piane del cubo

Le sezioni piane del cubo Le sezioni piane del cubo Versione provvisoria 11 dicembre 006 1 Simmetrie del cubo e sezioni speciali Sezioni speciali si presentano in corrispondenza di piani perpendicolari agli assi di simmetria del

Dettagli

sapendo che la sua area di base è 9 π cm 2 e l altezza del solido è 10 cm.

sapendo che la sua area di base è 9 π cm 2 e l altezza del solido è 10 cm. GA00001 Determinare la superficie laterale di un cilindro a) 60 π cm 2. b) 42 π cm 2. c) 90 π cm 2. d) 81 π cm 2. a sapendo che la sua area di base è 9 π cm 2 e l altezza del solido è 10 cm. GA00002 In

Dettagli

Problemi di geometria

Problemi di geometria 1 2 5 6 7 8 9 10 11 12 1 1 In un triangolo rettangolo l ipotenusa misura 60 cm e la proiezione del cateto maggiore sull ipotenusa misura 55,29 cm. Calcola la misura dei due cateti. [57,6 cm; 16,8 cm] In

Dettagli

Proporzioni tra grandezze

Proporzioni tra grandezze Definizione Due grandezze omogenee A e B (con B 0) e altre due grandezze omogenee C e D (con D 0) si dicono in proporzione quando il rapporto tra le prime due è uguale al rapporto tra la terza e la quarta

Dettagli

FONDAMENTI DI GEOMETRIA

FONDAMENTI DI GEOMETRIA 1 FONDAMENTI DI GEOMETRIA (Fundamental geometrical concepts) La geometria [ghè (terra) metron (misura)] è una parte della matematica che studia lo spazio, la forma, l estensione, la trasformazione delle

Dettagli

GEOMETRIA SOLIDA PIRAMIDE. Prof.ssa M. Rosa Casparriello

GEOMETRIA SOLIDA PIRAMIDE. Prof.ssa M. Rosa Casparriello GEOMETRIA SOLIDA PIRAMIDE Prof.ssa M. Rosa Casparriello Scuola media di Cervinara 2007/2008 DEFINIZIONE La piramide è un poliedro limitato da un poligono qualsiasi e da tanti triangoli quanti sono i lati

Dettagli

Alcuni Elementi di Geometria Euclidea Schemi di lezione di Margherita Motteran

Alcuni Elementi di Geometria Euclidea Schemi di lezione di Margherita Motteran Scuola Interateneo di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti della Scuola Secondaria del Veneto Indirizzo Tecnologico ANNO ACCADEMICO 2006-2007 DIDATTICA DELLA MATEMATICA Alcuni Elementi di

Dettagli

Un triangolo è un insieme di punti del piano costituito da una poligonale chiusa di tre lati e dai suoi punti interni CLASSIFICAZIONE RISPETTO AI

Un triangolo è un insieme di punti del piano costituito da una poligonale chiusa di tre lati e dai suoi punti interni CLASSIFICAZIONE RISPETTO AI Un triangolo è un insieme di punti del piano costituito da una poligonale chiusa di tre lati e dai suoi punti interni CLASSIFICAZIONE RISPETTO AI LATI: equilatero, isoscele, scaleno CLASSIFICAZIONE RISPETTO

Dettagli

Costruzioni inerenti i triangoli

Costruzioni inerenti i triangoli Costruzioni inerenti i triangoli D ora in poi indicheremo con a, b e c i tre lati del triangolo di vertici A, B e C, in modo che a sia opposto al vertice A, b al vertice B e c al vertice C Costruzione

Dettagli

CONGRUENZE TRA FIGURE DEL PIANO

CONGRUENZE TRA FIGURE DEL PIANO CONGRUENZE TRA FIGURE DEL PIANO Appunti di geometria ASSIOMI 15. La congruenza tra figure è una relazione di equivalenza 16. Tutte le rette del piano sono congruenti tra loro; così come tutti i piani,

Dettagli

Risposte ai quesiti D E H D

Risposte ai quesiti D E H D Perugia, dic. 2009/gen. 2010 Risposte ai quesiti 1. Dati i quadrati CD e C D, come in figura, provare che la perpendicolare uscente da alla retta DD passa per il punto medio del segmento quale che sia

Dettagli

I TRIANGOLI AB < AC + BC

I TRIANGOLI AB < AC + BC I TRIANGOLI Il triangolo è un poligono formato da tre angoli e da tre lati: rappresenta la figura più semplice in assoluto, in quanto 3 è il numero minimo di segmenti necessari per delimitare una superficie

Dettagli

MATEMATICA: Compiti delle vacanze Estate 2015

MATEMATICA: Compiti delle vacanze Estate 2015 MATEMATICA: Compiti delle vacanze Estate 2015 Classe II a PRIMA PARTE Ecco una raccolta degli esercizi sugli argomenti svolti quest anno: risolvili sul tuo quaderno! Per algebra ho inserito anche una piccola

Dettagli

I PARALLELOGRAMMI Si dice PARALLELOGRAMMA un quadrilatero avente i lati opposti paralleli a due a due.

I PARALLELOGRAMMI Si dice PARALLELOGRAMMA un quadrilatero avente i lati opposti paralleli a due a due. I PARALLELOGRAMMI Si dice PARALLELOGRAMMA un quadrilatero avente i lati opposti paralleli a due a due. A D B H C K Una particolarità del parallelogramma è che mantiene le sue caratteristiche anche quando

Dettagli

Gli enti geometrici fondamentali

Gli enti geometrici fondamentali capitolo 1 Gli enti geometrici fondamentali 1. Introduzione 1 2. La geometria euclidea come sistema ipotetico-deduttivo 2 Teoremi e dimostrazioni, 3 3. Postulati di appartenenza 4 4. Postulati di ordinamento

Dettagli

N. Domanda Risposta. 7 L'angolo è una figura piana delimitata da: due semirette con l'origine in comune

N. Domanda Risposta. 7 L'angolo è una figura piana delimitata da: due semirette con l'origine in comune 1 Il perimetro di un triangolo equilatero misura 36 cm. Il suo lato sarà: 12 cm 2 La somma degli angoli interni di un triangolo è: un angolo piatto 3 Conoscendo un lato e la diagonale di un rettangolo,

Dettagli

Scopri come utilizzare i nostri servizi:

Scopri come utilizzare i nostri servizi: Geometria CONCORSO AGENTI POLIZIA PENITENZIARIA 2015 Link utili Link utili Esercitati con il Simulatore Quiz Gratuito di Concorsando.it: http://www.concorsando.it/fb.php Scopri come utilizzare i nostri

Dettagli

Test su geometria. 1. una circonferenza. 2. un iperbole. 3. una coppia di iperboli. 4. una coppia di rette. 5. una coppia di circonferenze

Test su geometria. 1. una circonferenza. 2. un iperbole. 3. una coppia di iperboli. 4. una coppia di rette. 5. una coppia di circonferenze Test su geometria Domanda 1 Fissato nel piano un sistema di assi cartesiani ortogonali Oxy, il luogo dei punti le cui coordinate (x; y) soddisfano l equazione x y = 1 è costituita da una circonferenza.

Dettagli

Elementi di Euclide. Libro I. Definizioni. 1. Un punto è ciò che non ha parti. 2. Una linea è lunghezza senza larghezza.

Elementi di Euclide. Libro I. Definizioni. 1. Un punto è ciò che non ha parti. 2. Una linea è lunghezza senza larghezza. Elementi di Euclide Libro I Definizioni 1. Un punto è ciò che non ha parti. 2. Una linea è lunghezza senza larghezza. 3. Gli estremi di una linea sono punti. 4. Una retta è una linea che giace ugualmente

Dettagli

La parallela tracciata dal punto medio di un lato di un triangolo a uno degli altri due lati incontra il terzo lato nel suo punto medio.

La parallela tracciata dal punto medio di un lato di un triangolo a uno degli altri due lati incontra il terzo lato nel suo punto medio. TEOREMA DI TALETE Piccolo Teorema di Talete Dato un fascio di rette parallele tagliate da due trasversali, a segmenti congruenti su una trasversale corrispondono segmenti congruenti sull altra trasversale.

Dettagli

Problemi di geometria

Problemi di geometria 1 3 4 5 6 7 8 9 Un triangolo rettangolo ha un angolo acuto di 30, il cateto minore misura 6 m. Calcola il perimetro e l area del triangolo. [8,39 m; 31,18 m ] Un triangolo rettangolo ha un angolo acuto

Dettagli

Circonferenza e cerchio

Circonferenza e cerchio Circonferenza e cerchio Definizione Una circonferenza di centro O e raggio r è l insieme dei punti del piano che hanno da O distanza uguale a r. I segmenti che congiungono il centro O con i punti della

Dettagli

Applicazioni dei teoremi di Pitagora ed Euclide

Applicazioni dei teoremi di Pitagora ed Euclide Utilizzando le misure di segmenti e superfici si possono riscrivere i teoremi di Pitagora ed Euclide per il triangolo rettangolo: Teorema di Pitagora: 1 + c i c = 1 Teorema di Euclide: c p i 1 = 1 c =

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 10

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 10 METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Lezione n 10 In questa lezione percorriamo gli argomenti della geometria che interessano la scuola primaria, in modo essenziale, o meglio ancora

Dettagli

Corso di Matematica - Geometria. Geometria - 0. Ing. L. Balogh

Corso di Matematica - Geometria. Geometria - 0. Ing. L. Balogh Geometria - 0 Triangoli qualunque somma degli angoli interni, calcolo del perimetro e dell area Oggetti Vertici Lati Angoli Altezza Raggio Simbolo A, B, C a, b, c,, h S, r Perimetro = + + Somma angoli

Dettagli

I TRIANGOLI AB < AC + BC

I TRIANGOLI AB < AC + BC I TRIANGOLI Il triangolo è un poligono formato da tre angoli e da tre lati: rappresenta la figura più semplice in assoluto, in quanto 3 è il numero minimo di segmenti necessari per delimitare una superficie

Dettagli

N. Domanda Risposta. del teorema di Talete. Quinto postulato di Euclide

N. Domanda Risposta. del teorema di Talete. Quinto postulato di Euclide 1 «Il rapporto tra i segmenti tagliati su una trasversale da un fascio di rette parallele è uguale al rapporto tra i segmenti corrispondenti tagliati su un'altra trasversale». Questo è l'enunciato: 2 "Per

Dettagli

rettangolo attorno ad un suo cateto.

rettangolo attorno ad un suo cateto. IL CONO BM4 Teoria, pag. 51 55 ; Esercizi pag. 127 132 ; es. 47 0. Il cono circolare retto è il solido generato dalla rotazione completa (cioè di 30 ) di un triangolo V rettangolo attorno ad un suo cateto.

Dettagli

I TRIANGOLI. Esistono vari tipi di triangoli che vengono classificati in base ai lati e agli angoli.

I TRIANGOLI. Esistono vari tipi di triangoli che vengono classificati in base ai lati e agli angoli. I TRIANGOLI Il triangolo è un poligono formato da tre angoli o vertici e da tre lati. Il triangolo è la forma geometrica con il minor numero di lati perché tre è il numero minimo di lati con cui si può

Dettagli

Angoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati).

Angoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati). ppunti di geometria.s. 013-014 1 Prof. Luigi ai PPUNTI ngoli formati da due rette parallele tagliate da una trasversale (alterni interni ed esterni, corrispondenti, coniugati). In un triangolo l angolo

Dettagli

CIRCONFERENZA E CERCHIO

CIRCONFERENZA E CERCHIO CIRCONFERENZA E CERCHIO CERCHIO Perimetro (circonferenza) Area La circonferenza è circa 3 volte ( ) la lunghezza del diametro C= d oppure C=2 r A = r 2 Formule inverse d=c: r=c:(2 ) SETTORE CIRCOLARE È

Dettagli

I Triangoli e i criteri di congruenza

I Triangoli e i criteri di congruenza I Triangoli e i criteri di congruenza 1 Le caratteristiche di un triangolo Un triangolo è un insieme di punti del piano costituito da una poligonale chiusa di tre lati e dai suoi punti interni I punti

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI GEOMETRIA 2 CERCHIO SIMMETRIA GEOMETRIA SOLIDA

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI GEOMETRIA 2 CERCHIO SIMMETRIA GEOMETRIA SOLIDA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI GEOMETRIA CERCHIO SIMMETRIA GEOMETRIA SOLIDA A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni -

Dettagli

Banca Dati Finale Senza Risposte GEM da 1851 a 2500

Banca Dati Finale Senza Risposte GEM da 1851 a 2500 Banca Dati Finale Senza Risposte GEM da 1851 a 2500 1851 La vasca di un acquario, a forma di parallelepipedo, ha le seguenti dimensioni: 6 dm, 4 dm e 3 dm. Per riempire la vasca fino all orlo, quanti litri

Dettagli

FIGURE SOLIDE OSSERVANDO LE FIGURE DELLO SPAZIO CHE CI CIRCONDANO NOTIAMO CHE:

FIGURE SOLIDE OSSERVANDO LE FIGURE DELLO SPAZIO CHE CI CIRCONDANO NOTIAMO CHE: FIGURE SOLIDE OSSERVANDO LE FIGURE DELLO SPAZIO CHE CI CIRCONDANO NOTIAMO CHE: IL CUBO IL PARALLELEPIPEDO LA PIRAMIDE HANNO LA SUPERFICIE COSTITUITA DA POLIGONI (QUADRATO, RETTANGOLO, TRIANGOLO) E PRENDONO

Dettagli