Le cardiopatie nell anziano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le cardiopatie nell anziano"

Transcript

1 Le cardiopatie nell anziano Le aritmie. Aspetti terapeutici Dott. Domenico Pecora Responsabile Elettrofisiologia Fondazione Poliambulanza Brescia

2 Agenda Sincope Cardiopalmo Extrasistolia ventricolare L ablazione transcatetere Il trattamento della fibrillazione atriale Le indicazioni al pacemaker Le indicazioni al defibrillatore automatico Le indicazioni alla resincronizzazione

3 La sincope

4 SINCOPE: definizione e fisiopatologia Improvvisa, transitoria, breve perdita di coscienza accompagnata da perdita del tono posturale, seguita da ripresa spontanea e completa. Presincope: sensazione soggettiva di svenimento imminente, senza perdita di coscienza, con difficoltà a mantenere la stazione eretta; da preferire al termine lipotimia. Fisiopatologia: improvvisa diminuzione o cessazione del flusso ematico cerebrale, di durata pari ad almeno 6-10 sec; oltre i 15 sec. compaiono contrazioni miocloniche.

5 SINCOPI VERE A) Neurologicamente mediata (la più frequente): s. vasovagale; s. situazionale (durante o dopo minzione, defecazione, tosse, deglutizione); s. da ipersensibilità del seno carotideo. B) Ipotensione ortostatica: deplezione di volume; farmaci; disfunzione autonomica; m. di Addison. C) Malattie cardiache e polmonari: aritmie; cardiopatie organiche; IMA; embolia polmonare; ipertensione polmonare; dissecazione aortica; tamponamento pericardico. D) Sindromi da furto vascolare.

6 NON-SINCOPI Con compromissione della coscienza: Malattie neurologiche: epilessia; ESA; TIA vertebrobasilare. Intossicazioni. Disturbi metabolici: ipossia; ipoglicemia; ipocapnia da iperventilazione. Con solo apparente compromissione della coscienza: Disturbi psichiatrici: isteria; attacchi di panico; somatizzazione d ansia; depressione maggiore. Cataplessia; drop attacks.

7 SINCOPE: perché è un problema Sintomo transitorio, non malattia Diagnosi causale spesso presuntiva Più meccanismi fisiopatologici possono interagire Ampia variabilità del processo diagnostico

8 Sincope: valutazione iniziale (1) Anamnesi accurata Esame obiettivo generale e neurologico PA in clino- e ortostatismo da entrambe le aa. Omerali SpO 2 e temperatura corporea Rilevazione dei polsi ai 4 arti Esplorazione rettale (se ortostatismo) ECG a 12 derivazioni e monitoraggio ECG continuo se sospetta causa cardiaca MSC (nei pazienti > 40 anni, se non controindicato) Esami ematici: emocromo, Na, K, azotemia, creatinina, glicemia

9 Sincope: valutazione iniziale (2) Altri eventuali esami ematochimici: EGA arteriosa, enzimi cardiaci, Ca, Mg, D-dimero, digossinemia, teofillinemia, alcoolemia, sostanze d abuso. Sosp. embolia polmonare: scintigr. polmonare o TC torace Sospetta dissecazione aortica: TC toraco/addominale Sospetta emorragia GE: posizionamento di sondino NG Trauma cranico minore > grado 0: TC cranio Visita neurologica se sospetta comizialità o accidente cerebrovascolare; eventuali EEG, Ecodoppler TSA, TC cranio, puntura lombare Visita cardiologica se sospetta cardiopatia o aritmia; ev. ecocardiogramma Visita psichiatrica se probabile psicopatologia

10 VALUTAZIONE INIZIALE:DIAGNOSI CERTA Sincope vasovagale: evento precipitante e tipici sintomi prodromici Sincope situazionale: durante o subito dopo evento causale Sincope ortostatica: sincope o presincope ed ipotensione in ortostasi ( PAS 20 opp < 90 mmhg) Sincope da ischemia miocardica: sintomi ed alterazioni ECGrafiche di ischemia acuta, con o senza IMA Sincope aritmica: se all ecg di base sono presenti bradicardia sinusale < 40 bpm o BSA ripetitivi o pause sinusali > 3 sec, BAV di II grado Mobitz 2 o di III grado, BBDx e BBSx alternanti, TPSV rapida o TV, malfunzionamento di PM con asistolie.

11 VALUTAZIONE INIZIALE: DIAGNOSI SOSPETTA O INDETERMINATA Quando l anamnesi accurata, l esame obiettivo e le altre valutazioni effettuate in DEA non consentono di formulare una diagnosi certa, ma solo sospetta o indeterminata, può essere utile inserire il paziente in una determinata classe di rischio (basso, intermedio, elevato) relativamente all esistenza o meno di una cardiopatia, per decidere sulla sua destinazione.

12 Basso rischio di cardiopatia Età<40-45 aa Non storia di cardiopatia né reperti obiettivi suggestivi di cardiopatia ECG normale Non lesioni traumatiche Non fattori di rischio coronarico Dimissione 1 episodio Rari episodi: Non rischio occupazionale Tilt test Non altri accertamenti Valutazione psichiatrica Holter (forte sospetto di aritmia con precedenti esami negativi)

13 Rischio intermedio di cardiopatia Almeno uno dei seguenti: Età aa Presenza di diabete, oppure 2 fattori di FRC Presenza di PM normofunzionante ECG: BAV 1 grado, bradicardia sinusale >40< 50/min, BBDx, FA a frequenza controllata, blocchi monofascicolari Lieve trauma Episodi ricorrenti Uso di farmaci (non antiaritmici) associati a allungamenti QT Abuso di sostanze Rischio occupazionale Osservazione Breve Dimissione Ricovero

14 Rischio intermedio di cardiopatia: iter diagnostico in osservazione breve In tali pazienti, al fine di evidenziare o escludere una cardiopatia, si effettuano: Monitoraggio ECG (solo se età > 65 aa, oppure alterazioni ECG) Ecocardiogramma Positivo per cardiopatia Negativo per cardiopatie Holter ECG 1 episodio : non altri accertamenti Piu episodi :Tilt test Diagnostico Non diagnostico Valutazione psichiatrica (non sintomi durante la registrazione) Eventuale monitoraggio ECG ambulatoriale (Holter, loop recorder, Considerare studio elettrofisiologico reg. impiantabile) pos neg: loop rec Follow up e rivalutazione tilt test se recidive

15 Rischio elevato di cardiopatia Almeno uno dei seguenti: Trauma importante Età >70 aa Storia di cardiopatie e/o aritmie ventricolari Familiarità per morte improvvisa Reperti fisici suggestivi di cardiopatia non nota Sincope associata a: sforzo, dolore toracico, palpitazioni All ECG : ondeq, IVSx, ectopie ventricolari frequenti, BAV II grado tipo Mobitz 1, BAV 2:1, QT>0.5 sec, s.di Brugada ( sopralivellamento del tratto ST in V1-V3 con QRS tipo BBDx ), BBSx, BB+BAV I grado, blocchi bifascicolari, vie accessorie, onde epsilon nelle precordiali (suggestive di displasia aritmogena del VD): Ricovero

16 Rischio elevato di cardiopatia: iter diagnostico Nei pazienti con storia di cardiopatia o con dati suggestivi di sincope cardiogena: ricovero in letto monitorizzato possibilmente di cardiologia monitoraggio ECG continuo per almeno 24 h con eventuale attivazione monitoraggio di ST ed eventuale curva enzimatica ecocardiogramma (più test da sforzo se sincope associata a dolore o sotto sforzo) ev.studio elettrofisiologico eventuale coronarografia (preceduto da Holter) se sosp. ischemia miocardica positivo negativo loop recorder o registratore impiantabile

17 INDICAZIONI PER L ECOCARDIOGRAFIA IN PAZIENTI CON SINCOPE 1. Sincope in un paziente con sospetta malattia cardiaca. I 2. Sincope in corrispondenza di esercizio fisico. I 3. Sincope in un paziente con attività ad alto rischio (es. pilota). 4. Sincope di eziologia ignota senza riscontro di alterazioni cardiache all anamnesi o all esame obiettivo. 5. Sincopi ricorrenti in cui una precedente ecocardiografia, o altre indagini, hanno dimostrato la causa delle sincopi. 6. Sincope in un paziente in cui non vi sia sospetto clinico di cardiopatia. IIa IIb III III 7. Classica sincope neurogenica. III

18 Cardiopalmo: inquadramento iniziale Insorgente durante sforzo fisico TPSV nel WPW FA TV idiopatiche TV polimorfa nella sindrome del QT lungo Associato ad ortostasi Tachicardia da rientro nodale Tachicardia sinusale inappropriata POTS Associato a sincope o presincope Tachicardia ventricolare associata a cardiopatia TPSV FA

19 Cardiopalmo: ECG basale Riscontri ECG PR corto, onda delta IAS, IVS, BESV BEV morfologia BBS asse verticale BEV morfologia BBD deviazione assiale sinistra Onde Q BAV completo QT lungo T negativa in V1-V3 con o senza onde epsilon Cause possibili TRAV Fibrillazione atriale TV idiopatica dal RVOT TV idiopatica dal VS BEV, TVNS o TV sostenuta BEV, torsioni di pnta TV polimorfa Displasia aritmogena del ventricolo destro

20 Cardiopalmo: esami diagnostici ECG dinamico sec. Holter Registratore di eventi (ambulatoriale o impiantabile) Ecocardiogramma Test ergometrico Studio elettrofisiologico endocavitario

21 Cardiopalmo: extrasistolia ventricolare Pazienti basso rischio (non cardiopatia) Rassicurazione Attività fisica aerobica Terapia AA solo in casi selezionati Pazienti alto rischio (cardiopatia organica) Approccio diagnostico aggressivo Terapia AA non incide sulla sopravvivenza Stratificazione per AICD

22 L ablazione transcatetere

23 L ablazione TC mediante RF Considerazioni tecniche: Sedazione conscia (respiro spontaneo) 3-5 cateteri per via venosa In alcune situazioni può essere necessario un approccio arterioso o per via transettale Applicazione di RF attraverso un catetere Generalmente si esegue in una unica procedura: studio diagnostico ed ablazione

24 L ablazione TC mediante RF Considerazioni tecniche: Efficace e sicura per indicazioni selezionate Cateteri inseriti per via percutanea in vena femorale, giugulare interna destra e succlavia Stimolazione, registrazione ed applicazione di energia da RF in punti determinati del cuore Lesioni limitate a livello endocardico possono eliminare molti tipi di aritmie

25 L ablazione TC mediante RF Indicazioni: Tachicardie parossistiche sopraventricolari Rientro AV nodale Rientro AV attraverso via anomala Tachicardia atriale focale Flutter atrale tipico Tachicardia atriale da macrorientro Fibrillazione atriale (primaria o controllo FC) Adapted from Morady F. N Engl J Med. 1999;340:

26 L ablazione TC mediante RF Indicazioni: Tachicardia ventricolare Alta percentuale di successo Rientro branca-branca Idiopatica (tratto d efflusso del VD e emifascicoli VS) Soppressione substrato- Cardiopatia organica Pz. Con AICD e multipli shochs non controllati da riprogrammazione e/o terapia medica Refrattaria a terapia medica ACC/AHA Guidelines for Clinical Intracardiac Electrophysiological and Catheter Ablation Procedures. Circ 1995;92:

27 L ablazione TC mediante RF Altre indicazioni: Flutter atriale atipico Tachicardia sinusale inappropriata Tachicardia giunzionale automatica Extrasistolia ventricolare idiopatica Adapted from Morady F. N Engl J Med. 1999;340:

28 L ablazione TC mediante RF Risultati: Tipo di aritmia % di successo WPW o TRAV (via anomala occulta) Tachicardia da rientro AV nodale > 95 Fibrillazione atriale Flutter atriale tipico Tachicardia atriale Tachicardia ventricolare 90 (Assenza di cardiopatia) 95 Tachicardia ventricolare 60 (Cardiopatia organica) Adapted from Gallik DM. Radio-frequency Catheter Ablation for the Treatment of Cardiac Arrhythmias. Cardiology Special Edition. 1997;59-61.

29 L ablazione TC mediante RF Complicanze: Complicanze Prevalenza (%) Morte 0.1 Complicanze non fatali: Tamponamento 0.5 Blocco AV 0.5 Pericardite 0.1 Complicanze arteria femorale: Occlusione trombotica 0.2 Ematoma 0.2 Fistola AV 0.1 ACC/AHA Circ. 1995;92: Morady F. N Engl J Med. 1999;340:

30 L ablazione TC mediante RF Distribuzione per età: Calkins H. Circ 1999;99:

31 L ablazione TC mediante RF Conclusioni: Vantaggi dell ablazione TC mediante RF Risoluzione dei sintomi Miglioramento capacità funzionale e QOL Elimina la necessità di terapia AA profilattica a lungo termine Costo-efficace a lungo termine Svantaggi Rischio di complicanze L ablazione TC mediante RF ha rivoluzionato la cura di molte aritmie I pazienti possono essere attualmente curati in maniera definitiva da aritmie organizzate

32 Il trattamento della fibrillazione atriale

33 La Fibrillazione Atriale: definizione tachiaritmia sopraventricolare attivita atriale non coordinata caotica perdita della funzione contrattile atriale progressivo deterioramento della meccanica scomparsa delle onde p sull ecg onde fibrillatorie di variabile voltaggio e morfologia irregolare risposta ventricolare irregolari intervalli r-r

34 La Fibrillazione Atriale: epidemiologia È l aritmia di più comune riscontro nella pratica clinica È la causa di circa 1/3 di tutti i ricoveri per aritmie Negli U.S.A. la prevalenza è stimata in circa 2.2 milioni di individui (affetti sia dalla forma persistente che parossistica)

35 Prevalenza ed incidenza di fibrillazione atriale nel Framingham Heart Study Prevalenza 9 % Incidenza 0.5% La prevalenza raddoppia ogni decade successiva di età L incidenza raddoppia ogni decade successiva di età indipendentemente dalla prevalenza dei fattori di rischio I maschi hanno un rischio di sviluppare FA 1.5 volte superiore alle donne, aggiustato per età e fattori predisponenti Am J Cardiol 1998; 82: 2N-9N

36 Dati statistici e popolazione con FA* Popolazione Italiana x 1000 Popolazione con FA x ,000 8,000 Popolazione FA ,000 4,000 2,000 Popolazione Italiana >90 Età (anni) 0 * Studio Framingham e Istituto Italiano di Statistica

37 JAMA 2001; 285: Studio trasversale di una coorte di adulti > 20 anni con diagnosi di FA arruolati tra 1 luglio 1996 e 31 dicembre 1997

38 Heart 2004; 90:

39 La Fibrillazione Atriale prognosi FA Non Reumatica Incidenza annua di ictus ischemico : 5% (aumento da 2 a 7 rispetto ai Pz senza FA) Un ictus ogni 6 avviene in un Pz con FA FA Reumatica Framingham: rischio di ictus aumentato di 17 volte rispetto a Pz senza FA Aumentato di 5 volte rispetto a Pz con FA non reumatica

40 Ictus associati a FA stratificati per età: Framingham Study Stroke 1991; 22:

41 Impatto della FA sulla mortalità The Framingham Heart Study La fibrillazione atriale rappresenta un fattore di rischio indipendente per mortalità (OR 1.5 maschi 1.9 femmine) Negli uomini è correlata alla mortalità a 30 giorni mentre nelle donne il rischio permane anche successivamente E associata inoltre ad un sostanziale rischio di morbilità legata allo stoke con un rischio aggiuntivo da 2.6 a 4.5 volte. Circ 1998; 98:

42 Classificazione della FA FA parossistica: episodi di durata < 48 h a risoluzione spontanea FA persistente: episodi di durata > 48 h che richiedono cardioversione elettr./farmacologica FA permanente: cardioversione non indicata o inefficace

43

44 Trattamento della Fibrillazione Atriale Controllo della FC Controllo del ritmo

45 La Fibrillazione Atriale trattamento: controllo della FC Quando la FC si considera ben controllata? FC a riposo FC durante moderata attività fisica Il controllo avviene con farmaci che riducono la conduzione del nodo atrioventricolare

46 FA: Controllo frequenza cardiaca Farmaci Digitale (controllo FC solo a riposo) Verapamil, Diltiazem (controllo FC sia a riposo che sotto sforzo con incremento della tolleranza allo sforzo) Beta-bloccanti (controllo FC sia a riposo che sotto sforzo senza incremento della tolleranza allo sforzo) Amiodarone in caso di disfunzione ventricolare severa (considerare il rischio di cardioversione) Associazioni

47 Classe III Amiodarone Antiaritmico universale (TPSV, WPW, FA, TV, FV) Ha sostituito la lidocaina nei protocolli ACLS Dosaggio iniziale 3-5 mg/kg in 5-10 ; mantenimento 15 mg/kg/24h (usualmente 8 fiale 150 mg in 500 ml gluc 5%) Può causare torsioni di punta (usualmente solo se associato a farmaci con azione analoga) e l infusione rapida può causare ipotensione marcata. L infusione di mantenimento va necessariamente eseguita tramite CVC (alta incidenza di flebiti)

48 Classe IV Diltiazem Indicazioni Controllo FVM in caso di flutter o FA. Interruzione di TPSV che coinvolgono nodo AV Dosaggio iniziale mg (0.25 mg/kg) EV in 2 Ripetere mg (0.35 mg/kg) in 2 dopo 15 Mantenimento 5-15 mg/h, aggiustati in base all effetto sulla FC (usualmente 6 fiale 50 mg in 500 ml gluc 5%)

49 Classe IV Verapamil Indicazioni Controllo FVM in caso di flutter o FA. Interruzione di TPSV che coinvolgono nodo AV Dosaggio iniziale Da 2.5 a 5 mg EV in 2 Ripetere 5 mg ogni 15 minuti fino a massimo 30 mg

50 Classe IV Diltiazem Verapamil Precauzioni Non utilizzarli per Tachicardie QRS largo Controindicati in pz. Con WPW e FA a rapida risposta, bradicardia sinusale, blocco AV Prevedibile ipotensione arteriosa da vasodilatazione periferica L associazione concomitante con betabloccanti ev può causare ipotensione severa

51 Classe II Beta Bloccanti Indicazioni Utilizzati per cardiovertire a ritmo sinusale o ridurre la risposta ventricolare in caso di aritmie sopraventricolari (TPSV, fibrillazione atriale, flutter atriale) Sono farmaci di seconda scelta nella aritmie SV in generale, ma divengono di prima scelta in caso di IMA per l azione antiischemica (riduzione di estensione dell area infartuale) e di prevenzione di aritmie ventricolari maligne.

52 Classe II Metoprololo Dose EV iniziale: 5 mg lentamente ogni 5 minuti fino a 15 mg. Dosaggio orale di mantenimento: 50 mg x 2 per ore, quindi è possibile incrementare fino a 100 mg x2.

53 Classe II Beta Bloccanti Precauzioni la somministrazione concomitante EV di Ca 2+ antagonisti (diltiazem, verapamil) può provocare ipotensione arteriosa severa. Da evitare in caso di BPCO, disfunzione VS severa, bradicadia sinusale e/o disturbi di conduzione AV maggiori, (arteriopatia obliterante arti inferiori). Necessario monitoraggio parametri cardiaci (FC, PA) e respiratori durante somministrazione.

54 Razionale per il controllo del ritmo per migliorare la funzione cardiaca per ridurre i sintomi attribuibili all elevata FC per aumentare la tolleranza allo sforzo per migliorare la qualità di vita per ridurre il rischio tromboembolico o di stroke per ridurre il ricorso a terapia anticoagulante per aumentare la sopravvivenza

55 La Fibrillazione Atriale trattamento: mantenimento del ritmo Rimuovere i Fattori Precipitanti Coronaropatie Valvulopatie Ipertensione Scompenso Abuso di alcool Distiroidismo

56 La Fibrillazione Atriale trattamento: controllo del ritmo CARDIOVERSIONE ELETTRICA Maggiore efficacia Richiede ospedalizzazione Efficacia aumentata se concomitante preparazione con antiaritmici

57 La Fibrillazione Atriale trattamento: controllo del ritmo CARDIOVERSIONE FARMACOLOGICA Minore efficacia Non richiede anestesia Rischio di aritmie iatrogene

58 Cardioversione farmacologica della fibrillazione atriale

59 La Fibrillazione Atriale trattamento: controllo del ritmo CARDIOVERSIONE Per entrambe le metodiche non vi è evidenza di differente rischio tromboembolico Si applicano le medesime raccomandazioni per la scoagulazione pre e post CV

60 Efficacia della profilassi farmacologica delle recidive Complessivamente l efficacia della profilassi farmacologica ad 1 anno, in termini di mantenimento di ritmo sinusale stabile è del 50% e supera di poco il placebo (30%) L amiodarone presenta una efficacia maggiore in cronico (65-70%) ed assicura miglior controllo della FC in corso di recidiva come pure il sotalolo

61 Incidenza di effetti collaterali < 10% Propafenone Flecainide Sotalolo 15% - 22% Amiodarone > 20-30% Chinidina Procainamide Disopiramide

62 La Fibrillazione Atriale trattamento ambulatoriale L effetto più temibile è la proaritmia Esempi tipici: Torsione di punta da chinidina Sincronizzazione della FA in flutter lento ma condotto ai ventricoli 1:1 con rapido deterioramentodell emodinamica

63 La Fibrillazione Atriale trattamento ambulatoriale No scompenso Normale FE basale Normale intervallo QT Non bradicardia né disfunzione NSA o NAV la proaritmia è molto rara!!

64 La Fibrillazione Atriale trattamento ambulatoriale Propafenone e Flecainide controindicati in presenza di blocchi di branca e Sindrome di Brugada

65

66 La Fibrillazione Atriale trattamento: mantenimento del ritmo Alcune associazioni consentite β-bloccante Propafenone Sotalolo Amiodarone Flecainide

67 Il trattamento con antiaritmici è differente nell anziano? L invecchiamento è associato a modificazioni elettriche e strutturali del miocardio La risposta alle catecolamine è ridotta ed è inoltre smorzata l attività del riflesso barocettore La variazione di questi ed altri parametri fisiologici può alterare la farmacocinetica e la farmacodinamica dei farmaci (esistono pochi studi al riguardo) L insufficienza renale, la ridotta funzione epatica, l insufficienza cardiaca nell anziano possono alterare la farmacocinetica in misura maggiore rispetto al giovane Con l incremento dell età aumenta il numero dei farmaci prescritto, rendendo interazioni tra i farmaci più probabili oltre alla probabilità di errori nell assunzione

68 Il trattamento con antiaritmici è differente nell anziano? Come regola generale è prudente iniziare con il 50% della dose corrispondente ad un giovane di pari peso Questa regola non si applica per dofetilide e dronedarone (studiati in popolazioni molto anziane) La selezione del farmaco antiaritmico nell anziano è determinata principalmente dall obiettivo del trattamento, considerando la compliance del paziente, possibili interazioni con altri farmaci, comorbilità e la funzione renale ed epatica Il monitoraggio di efficacia e sicurezza dovrebbe prendere in considerazione i sintomi, reperti ECG, registrazioni Holter, parametri di laboratorio (creatininemia, elettroliti) e in alcuni casi le concentrazioni plasmatiche del farmaco

69 Trattamento non farmacologico della fibrillazione atriale Pacing Auricola destra Siti alternativi Biatriale o multisito Defibrillatore automatico atriale Terapia ibrida Farmaci + pacing Ablazione lineare a dx + farmaci Ablazione TC mediante RF Ablate and pace Ablazione del substrato

70 INDICAZIONI: La Fibrillazione Atriale trattamento: pacing 1) Pazienti con fibrillazione atriale e disturbi dell eccito-conduzione 2) Forma bradicardia-tachicardia Pace-maker antitachicardici con algoritmi di prevenzione e di pacing atriale Possibile indicazione futura in pazienti senza disturbi dell eccito-conduzione di base, ma indotti da farmaci (terapia ibrida) Sede di stimolazione

71 VANTAGGI La Fibrillazione Atriale trattamento: Ablate & Pace Utile nella FA intrattabile (persistente o permanente) Miglioramento funzione di pompa e qualità di vita Non più necessari farmaci antiaritmici SVANTAGGI Pz pacemaker-dipendente Persiste FA (anticoagulante)

72 La Fibrillazione Atriale ablazione: background elettrofisiologico Il tessuto atriale all interno delle vene polmonari è oggi considerato il primo responsabile dell innesco della FA

73 La Fibrillazione Atriale ablazione: background elettrofisiologico RF Dimonstrazione che l FA cronica può essere innescata da focus ectopici (TRIGGER) a partenza da ogni VP L ablazione di questi foci elimina la FA nel 66% senza farmaci

74 Ablazione della fibrillazione atriale

75 Ablazione della fibrillazione atriale

76

77

78 Linee guida 2010 Raccomandazioni Classe Livello L ablazione del flutter atriale comune è raccomandata come parte di una procedura di ablazione della fibrillazione atriale se documentato prima della procedura o se si verifica durante la procedura stessa. I B L ablazione della fibrillazione atriale parossistica dovrebbe essere considerata in pazienti sintomatici che hanno fallito un precedente tentativo di terapia antiaritmica. IIa A L ablazione della fibrillazione atriale persistente che è refrattaria alla terapia antiaritmica dovrebbe essere considerata un opzione di trattamento IIa B

79 Linee guida 2010 Raccomandazioni Classe Livello L ablazione della fibrillazione atriale in pazienti con insufficienza cardiaca può essere considerata quando la terapia antiaritmica, incluso l amiodarone, fallisca nel controllo dei sintomi. IIb B L ablazione della fibrillazione atriale parossistica può essere considerata prima della terapia antiaritmica in pazienti sintomatici, nonostante un controllo adeguato della fibrillazione, con fibrillazione atriale parossistica e nessuna cardiopatia significativa sottostante. IIb B L ablazione della fibrillazione atriale può essere considerata in pazienti con fibrillazione atriale persistente di lunga durata sintomatica e refrattaria alla terapia antiaritmica. IIb C

80 Linee guida 2010 Raccomandazioni Classe Livello In pazienti post-ablazione, eparina bpm o ev dovrebbe essere considerata come terapia ponte prima della ripresa della TAO, che dovrebbe essere continuata per almeno 3 mesi. Successivamente i fattori di rischio individuali per stroke dovrebbero essere considerati quando nella decisione di proseguire TAO. IIa C La prosecuzione della TAO post-ablazione è raccomandata in pazienti con 1 fattore di rischio maggiore o 2 fattori clinicamente rilevanti non maggiori (CHA 2 DS 2 -VASc score 2). IIa B

81 FA: Mantenimento del RS Ablazione transcatetere Ablazione in atrio sinistro a livello delle vene polmonari Buona percentuale di mantenimento del RS Possibili complicanze della procedura Non praticabile su un elevato numero di pazienti per costi ed impegno di tempo

82 Le indicazioni al pacemaker

83 Indicazioni all impianto di un pacemaker 1. Disfunzione del nodo del seno Bradicardia Sinusale Il nodo del seno funziona troppo lentamente Bradicardia Sinusale (35 min -1 )

84 Indicazioni all impianto di un pacemaker 1. Disfunzione del nodo del seno Arresto Sinusale Il nodo del seno cessa di depolarizzare

85 Indicazioni all impianto di un pacemaker 1. Disfunzione del nodo del seno Incompetenza Cronotropa

86 Indicazioni all impianto di un pacemaker 2. Disfunzione del nodo AV Blocco AV di 1 grado - Intervallo P-R > 200ms Blocco AV di 1 grado

87 Indicazioni all impianto di un pacemaker 2. Disfunzione del nodo AV Blocco AV di 2 grado - Mobitz 1 (Wenckebach) progressivo allungamento del P-R fino a quando un impulso atriale è bloccato - Mobitz 2 (es: 2:1, 3:1) intermittente Blocco conduzione AV di 2 grado degli Mobitz impulsi I atriali attraverso il Nodo A-V Blocco AV di 2 grado Mobitz II

88 Indicazioni all impianto di un pacemaker 2. Disfunzione del nodo AV Blocco AV di 3 grado o completo - impossibilità degli impulsi di esser condotti dagli atrii ai ventricoli Blocco AV di 3 grado

89 Indicazioni all impianto di un pacemaker CLASSE 1: Condizioni che devono essere trattate con il pacemaker: Blocco AV completo Blocco AV 2 grado Mobitz II avanzato Malattia nodo del seno sintomatica Sindrome seno carotideo sintomatica

90 Indicazioni all impianto di un pacemaker CLASSE 2: Condizioni che possono essere trattate con il pacemaker: BAV congenito asintomatico con FC > 40 bpm Mobitz I (Wenckebach) sintomatico Mobitz II (2:1) asintomatico Blocco sopra-hissiano Malattia nodo del seno con sintomi minori

91 Indicazioni all impianto di un pacemaker CLASSE 3: Condizioni che non devono essere trattate con il pacemaker Malattia nodo del seno asintomatica BAV 1 grado Mobitz I (Wenckebach) durante la notte in pz. per il resto asintomatici

92 Lo scompenso cardiaco e la morte improvvisa

93 Scompenso cardiaco: disfunzione ventricolare sinistra

94 Morte cardiaca improvvisa nello scompenso cardiaco Nonostante i recenti miglioramenti della terapia farmacologica, lo scompenso cardiaco sintomatico determina tuttora un 20-25% di rischio di morte prematura nei primi 2.5 anni dopo la diagnosi % di queste morti premature sono morti improvvise (TV/FV) SOLVD Investigators. N Engl J Med 1992;327: SOLVD Investigators. N Engl J Med 1991;325: Goldman S. Circulation 1993;87:V124-V Sweeney MO. PACE. 2001;24:

95 Fibrillazione e tachicardia ventricolare

96 Defibrillatore automatico impiantabile

97 Le indicazioni al defibrillatore automatico

98 Morte cardiaca improvvisa: dimensione del problema negli USA Stroke 1 Lung Cancer 2 Breast Cancer 2 AIDS 3 163, ,200 40,000 18,000 SCA claims more lives each year than these other causes of mortality. 335,000 SCA 3 #1 Killer in the US 1 American Heart Association. Heart Disease and Stroke Statistics 2005 Update. 2 Jemel A. CA Cancer J Clin. 2003;53: U.S. HIV & AIDS Statistic Summary. Avert.org.

99 8 Incidenza di morte improvvisa in rapporto alla FE del VS 7.5% 7 % Vittime MI % 2.8% FEVS 1.4% 0-30% 31-40% 41-50% >50% Gorgels PMA. European Heart Journal. 2003;24:

100 Mortalità post IMA: ruolo della FE NEJM 1983 JACC 1996

101 Insufficienza cardiaca Modalità di morte NYHA II CHF NYHA III 64% 12% 24% Other Sudden Death (N = 103) 59% 26% 15% CHF Other Sudden Death (N = 103) NYHA IV CHF 33% 11% 56% Other Sudden Death (N = 27) 1 MERIT-HF Study Group. LANCET. 1999;353:

102 Selezione dei candidati all impianto di AICD 1 Principali indicazioni in prevenzione primaria 2 (non precedenti TV/FV) Classe di raccommandazione ISCHEMICI 3 NYHA I LVEF % NYHA II LVEF % NYHA III ICD ICD IIa I NON - ISCHEMICI NYHA I NYHA II NYHA III LVEF % LVEF % ICD ICD IIb I 1. Pazienti in terapia ottimale, ragionevole aspettativa di vita con buon stato funzionale > 1 anno 2. Escluse ARVD, QT lungo, cardiomiopatia ipetrofica etc. 3. IMA > 40 giorni

103 AICD: in quali popolazioni? Source: R Myerberg, J CV EP, March, 2001

104 J Am Coll Cadiol 2007; 49:

105 J Am Coll Cadiol 2007; 49:

106 Le indicazioni alla resincronizzazione

107 Scompenso cardiaco: dissincronia di contrazione

108 Scompenso cardiaco: dissincronia PR : 184 ms; QRS : 190 ms

109 Il posizionamento dei cateteri ventricolari 1. Lateral (marginal) cardiac vein 2. Postero-lateral cardiac vein Posterior cardiac vein 4. Middle cardiac vein 5. Great cardiac vein 4

110 ECG post-impianto QRS post-crt : 152 ms

111 Scompenso cardiaco: effetto della terapia elettrica

112 Raccomandazioni per CRT Pacemaker biventricolare: CRT-P Pacemaker biventricolare + AICD: CRT-D Pazienti con insufficienza cardiaca Sintomatici (NYHA III-IV) nonostante terapia ottimizzata LVED > 55 mm FE 35% Ritmo sinusale QRS 120 ms CRT- P CRT- D* I Livello di evidenza A I Livello di evidenza B *Pazienti con ragionevole aspettativa di vita in buon stato funzionale > 1 anno

113 Raccomandazioni per CRT: il paziente in fibrillazione atriale? Pazienti con insufficienza cardiaca Sintomatici (NYHA III-IV) nonostante terapia ottimizzata LVED > 55 mm FE 35% QRS 120 ms Indicazione ad ablazione del nodo AV CRT- P CRT- D* I Livello di evidenza A I Livello di evidenza B *Pazienti con ragionevole aspettativa di vita in buon stato funzionale > 1 anno

114 CONCLUSIONI Criteri di esclusione Studi clinici Criteri di inclusione Selezione del paziente Linee guida Comorbilità Aspettativa di vita Esperienza clinica

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE I.P. FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DENTISTI ITALIANI Edizioni Promoass FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

EDEMA POLMONARE ACUTO

EDEMA POLMONARE ACUTO EDEMA POLMONARE ACUTO Giuseppe Giancaspro, DEU Policlinico Umberto I, Università " La Sapienza ", Roma I. DEFINIZIONE Gravissima sindrome clinica caratterizzata da un aumento dell' acqua extravascolare

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli