IL PROCEDIMENTO DI FUSIONE. Prof.ssa Claudia Rossi 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROCEDIMENTO DI FUSIONE. Prof.ssa Claudia Rossi 1"

Transcript

1 IL PROCEDIMENTO DI FUSIONE Prof.ssa Claudia Rossi 1

2 1.FASE PRELIMINARE 2.DELIBERAZIONE DI FUSIONE 3.ATTO DI FUSIONE E ADEMPIMENTI CONSEGUENTI Prof.ssa Claudia Rossi 2

3 FASE PRELIMINARE 1. REDAZIONE PROGETTO DI FUSIONE (ART TER c.c.) da depositare per l iscrizione nel registro delle imprese; se alla fusione partecipano società di capitali, tra la data fissata per la delibera di fusione (ART c.c.) e l iscrizione del progetto di fusione nel registro delle imprese devono intercorrere almeno 30 giorni ( questo lasso di tempo non è richiesto se la fusione coinvolge soltanto società di persone; come pure è derogabile, nel caso intervengano società di capitali, se tutti i soci sono consenzienti ). Prof.ssa Claudia Rossi 3

4 2. DOCUMENTI ILLUSTRATIVI (ARTT QUATER, 2501-QUINQUIES, 2501-SEXIES): ciascuna società partecipante alla fusione deve predisporre: - Situazione patrimoniale (art 2501-quater) (bilancio vero e proprio) riferita a data non anteriore di oltre 120 giorni dal giorno in cui il progetto di fusione è depositato presso la sede della società. La situazione patrimoniale in oggetto può essere sostituita dall ultimo bilancio se è stato chiuso non oltre 6 mesi prima del deposito del progetto nella sede della società; - Relazione degli amministratori che illustri il progetto di fusione e il rapporto di cambio (art sexies); - Relazione degli esperti sulla congruità del rapporto di cambio (art.2501-sexies); - Relazione dei sindaci sulla fusione. Prof.ssa Claudia Rossi 4

5 3. DEPOSITO DEGLI ATTI (ART SEPTIES): nei 30 giorni che precedono l assemblea straordinaria che delibera la fusione devono restare depositati presso la sede sociale: - Il progetto di fusione con la relazione degli amministratori e la relazione degli esperti; - I bilanci degli ultimi 3 esercizi delle società partecipanti alla fusione con le relazioni accompagnatorie; - Le situazioni patrimoniali delle società partecipanti alla fusione. Prof.ssa Claudia Rossi 5

6 DELIBERA DI FUSIONE La fusione deve essere deliberata da ciascuna delle società partecipanti alla fusione mediante l approvazione del relativo progetto (art. 2502). Trattasi di assemblea straordinaria. La delibera di fusione deve essere depositata per l scrizione nel registro delle imprese (art ter), insieme con il progetto di fusione, le relazioni degli amministratori, le relazioni degli esperti, i bilanci degli ultimi 3 esercizi e la situazione patrimoniale ex art quater. Dopo la delibera di fusione e prima dell atto di fusione necessita comunicazione ai sensi dell art c.c. Prof.ssa Claudia Rossi 6

7 L ATTO DI FUSIONE E I CONSEGUENTI ADEMPIMENTI (ARTT. 2504, BIS) La fusione può essere attuata solo dopo 60 giorni dall iscrizione nel registro delle imprese della delibera di fusione (art. 2503); (particolarità rilevano nel caso esistano obbligazioni); Prof.ssa Claudia Rossi 7

8 I possessori di obbligazioni possono fare opposizione ai sensi dell art c.c., salvo che la fusione sia approvata dall assemblea degli obbligazionisti. Ai possessori di obbligazioni convertibili deve essere data la facoltà, mediante avviso pubblicato sulla gazzetta ufficiale almeno 90 giorni prima della iscrizione del progetto di fusione nel registro delle imprese, di esercitare il diritto alla conversione nel termine di 30 giorni dalla pubblicazione dell atto. Prof.ssa Claudia Rossi 8

9 Momento conclusivo della procedura di fusione è l atto di fusione che può essere redatto trascorsi i 60 giorni di cui all art. 2503; tale atto va redatto sotto forma di atto pubblico. Tale atto deve essere depositato entro 30 giorni presso l ufficio del registro delle imprese; La fusione ha effetto dal momento in cui è eseguita l ultima iscrizione dell atto di fusione nel registro delle imprese, che deve essere quella relativa all atto di fusione della società risultante dalla fusione o della società incorporante (art. 2504). Gli effetti contabili e fiscali relativi alla data dalla quale le azioni/quote maturano i dividendi, possono essere sempre retrodatati, mentre nelle sole incorporazioni possono essere post-datati. Prof.ssa Claudia Rossi 9

10 PROGETTO DI FUSIONE art ter Gli amministratori delle singole società partecipanti alla fusione devono redigere il progetto di fusione, da cui deve risultare: 1.Il tipo, la denominazione o ragione sociale e la sede delle società partecipanti alla fusione; 2.L atto costitutivo della nuova società risultante dalla fusione o di quella incorporante con le eventuali modifiche derivanti dalla fusione; 3.Il rapporto di cambio delle azioni o quote, nonché l eventuale conguaglio in denaro; Prof.ssa Claudia Rossi 10

11 4.Le modalità di assegnazione delle azioni o quote della società che risulta dalla fusione o della incorporante; 5.La data dalla quale tali azioni o quote partecipano agli utili; 6.La data a decorrere dalla quale le operazioni delle società partecipanti alla fusione sono imputate al bilancio della società che risulta dalla fusione o della incorporante; 7.Il trattamento eventualmente riservato a particolari categorie di soci ed ai possessori di titoli diversi dalle azioni; 8.I vantaggi proposti per gli amministratori delle società partecipanti alla fusione; Prof.ssa Claudia Rossi 11

12 9. L eventuale conguaglio in denaro non può essere superiore al 10% del valore nominale delle azioni o delle quote assegnate; 10. Deve essere depositato per l iscrizione nel registro delle imprese del luogo ove hanno sede le società partecipanti alla fusione; 11. Se alla fusione partecipano società di capitali, tra la data fissata per la delibera di fusione e l iscrizione del progetto nel registro delle imprese devono intercorrere almeno 30 giorni. Se tutti i soci sono consenzienti il termine può essere ridotto; 12. Dopo la delibera di fusione il progetto non è modificabile. Prof.ssa Claudia Rossi 12

13 SITUAZIONE PATRIMONIALE art quater E un bilancio infrannuale ordinario (costituito da stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa); Situazione riferita ad una data non anteriore di oltre 120 giorni dal giorno in cui il progetto di fusione è stato depositato nella sede sociale; Esempio: situazione patrimoniale X; progetto di fusione da depositare presso la sede sociale entro il X. Prof.ssa Claudia Rossi 13

14 La situazione patrimoniale può essere sostituita dal bilancio d esercizio se questo è stato chiuso non oltre 6 mesi prima del giorno del deposito del progetto presso la sede sociale. Esempio: Il bilancio al X, può essere utilizzato se il progetto di fusione viene depositato entro il X+1. Prof.ssa Claudia Rossi 14

15 IL RAPPORTO DI CAMBIO Per effetto della fusione: - Le azioni o quote delle SOCIETA FUSE o INCORPORATE vengono annullate; - I soci delle SOCIETA FUSE o INCORPORATE devono ricevere in cambio azioni o quote della SOCIETA RISUTANTE DALLA FUSIONE o dell INCORPORANTE che abbiano un valore effettivo pari a quello delle azioni o quote precedentemente possedute; Prof.ssa Claudia Rossi 15

16 - Si chiama RAPPORTO DI CAMBIO la base su cui si scambiano le azioni o quote delle SOCIETA FUSE o INCORPORATE con le azioni o quote della SOCIETA RISULTANTE DALLA FUSIONE o INCORPORANTE; - IL RAPPORTO DI CAMBIO viene determinato sulla base dei valori economici effettivi del patrimonio delle varie società che partecipano alla fusione, valore risultante dal bilancio straordinario di fusione; - Sovente è il risultato di una trattativa dei gruppi interessati all operazione e viene determinato nella trattativa ante fusione. Prof.ssa Claudia Rossi 16

17 DETERMINAZIONE DEL RAPPORTO DI CAMBIO A CURA DEGLI AMMINISTRATORI 1) RAPPORTO DI CAMBIO NEL CASO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE (ovviamente per il caso in cui non vi sia controllo al 100% e nel caso in cui le società non abbiano gli stessi soci con medesime percentuali al capitale) Elementi necessari: Wa: valore effettivo società A (incorporata) Wb: valore effettivo società B (incorporante) Na: numero azioni società A Nb: numero azioni società B RDC: rapporto di cambio RDC: (wa/wb) x (Nb/Na) Prof.ssa Claudia Rossi 17

18 Moltiplicando poi il numero delle azioni oggetto di annullamento per il rapporto di cambio si ottiene l aumento di capitale che l incorporante deve deliberare. Wa: valore effettivo società incorporata A Wb: valore effettivo incorporante B Na: n azioni da nominali 2 euro cadauna della società incorporata A Nb: n azioni da nominali 1 euro cadauna della società incorporante B. Prof.ssa Claudia Rossi 18

19 Determinazione della percentuale, rispetto al nuovo capitale della incorporante, della quota di spettanza dei soci dell incorporata = = 1 = Sarà quindi necessario assegnare agli azionisti della società incorporata tante azioni che consentano loro di detenere ¼ del nuovo capitale sociale della società incorporante B (25%) Poiché le azioni della società incorporante B in circolazione sono pari al 75% del futuro capitale sociale, dovranno essere emesse nuove azioni. Infatti: (75 : 25 = : X = ) Prof.ssa Claudia Rossi 19

20 Determinazione del rapporto di cambio: RDC = ( ) = 3 2 AI POSSESORI DI AZIONI DELLA SOCIETA A (INCORPORATA) VERRANNO CONSEGNATE 3 AZIONI DI NUOVA EMISSIONI DI B (INCORPORANTE) DA NOMINALI 1 EURO CIASCUNA CONTRO 2 AZIONI DI A ( INCORPORATA) DA NOMINALI 2 EURO CIASCUNA. Infatti RDC X NA = = = (pari all aumento di capitale sociale di B incorporante) Prof.ssa Claudia Rossi 20

21 2) RAPPORTO DI CAMBIO NEL CASO DI FUSIONE PER UNIONE CON COSTITUZIONE DELLA NUOVA SOCIETA C (ovviamente per il caso in cui i soci delle società partecipanti alla fusione non siano gli stessi e nelle medesime percentuali) Elementi necessari: Soc. A valore economico ( ) Soc. B valore economico ( ) Soc. A cap. soc diviso in azioni da 2 euro cad. Soc. B cap. soc diviso in azioni da 1 euro cad. Somma dei valori economici di A+B = = 25% =75% Prof.ssa Claudia Rossi 21

22 Si ipotizzi che la nuova società C venga costituita con un capitale di con azioni da nominali 1 euro cadauna. La suddivisione della quota di capitale nella società C fra i vecchi soci della società A e B sarà cosi determinata: x 25% = azioni ai soci di A x 75% = azioni ai soci di B Prof.ssa Claudia Rossi 22

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati Seconda Parte La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati indicati nell' articolo 2501-septies. Si

Dettagli

Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni

Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni OPERAZIONI STRAORDINARIE Oggetto : RILEVANZA LEGALE DEI DOCUMENTI SUL WEB Norme e prassi : D.LGS. 123/2012; ART. 2501-TER, 2501-QUATER,

Dettagli

IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par. 4.2. 28

IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par. 4.2. 28 3.3 Il bilancio di fusione Le valutazioni del capitale economico delle società partecipanti alla fusione saranno illustrate nella relazione dell organo amministrativo e saranno oggetto del parere di congruità

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA

Dettagli

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014)

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) Prova pratica n. 18 Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) La fuzione per incorporazione di società partecipata al 100%. Il candidato

Dettagli

Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETA

Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETA Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE ai sensi e per gli effetti dell art. 2501-ter c.c. DELLA SOCIETA Società: Effelle Ricerche S.r.l. Sede legale: Milano (MI), via F. Casati 1/A Capitale sociale: 10.000

Dettagli

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento Iscrizione in apposita sezione dei soggetti che esercitano attività di direzione e coordinamento e dei soggetti che vi sono sottoposti, e relativa cessazione (2497 bis c.c.) gli amministratori della società

Dettagli

IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Anagrafe Economica registro.imprese@an.camcom.it IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Guida a cura del Registro delle Imprese di Ancona Per informazioni registro.imprese@an.camcom.it Versione 1 - ottobre 2010 RIFERIMENTI

Dettagli

RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A.

RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A. RELAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di IMMOBILIARE FINANZIARIA INDUSTRIALE PEDEMONTANA S.P.A. in SETTENTRIONALE TRASPORTI S.P.A. redatto ai sensi dell art. 2501-quinquies

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A. BANCA POPOLARE DI LANCIANO E SULMONA S.P.A. E BANCA POPOLARE DI APRILIA S.P.A, IN BANCA POPOLARE DELL EMILIA

Dettagli

Capo X - Della trasformazione, della fusione e della scissione (artt. 2498-2506quater)

Capo X - Della trasformazione, della fusione e della scissione (artt. 2498-2506quater) Capo X - Della trasformazione, della fusione e della scissione (artt. 2498-2506quater) Art. 2499. Limiti alla trasformazione. Può farsi luogo alla trasformazione anche in pendenza di procedura concorsuale,

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

Consiglio di Amministrazione

Consiglio di Amministrazione Consiglio di Amministrazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sul progetto di scissione parziale di BELVEDERE S.p.A. ai sensi del combinato disposto dell art. 2506-ter, comma 1 cod. civ. e dell

Dettagli

Scissione societaria: novità e semplificazioni. A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano

Scissione societaria: novità e semplificazioni. A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 12.02.2013 Scissione societaria: novità e semplificazioni Dallo scorso 18 agosto 2012 è entrato in vigore il D. Lgs. 123 del 22 giugno 2012

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1 REGISTRO DELLE IMPRESE STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1/2006 febbraio 2006 www.an.camcom.it 1 2 INDICE PREMESSA... 3 1. SOCIETA PER AZIONI: STRUMENTI FINANZIARI... 3 1.1

Dettagli

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI di Emanuele Rossi e Andrea Sergiacomo 1. Premessa Sia le S.P.A. che le S.A.P.A. ed in particolari casi anche le cooperative 1, hanno la facoltà di emettere prestiti

Dettagli

Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie

Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie Edizioni Simone - Vol. 35 Compendio di Diritto bancario Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie Sommario Z 1. Introduzione. - 2. La fusione delle imprese bancarie. - 3. La scissione delle

Dettagli

Fusione transfrontaliera tra società di capitali (Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 108)

Fusione transfrontaliera tra società di capitali (Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 108) Fusione transfrontaliera tra società di capitali (Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 108) Adempimenti presso il Registro delle imprese 1) Iscrizione progetto comune di fusione transfrontaliera (della

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

Relazione del Consiglio di amministrazione sulla parte straordinaria

Relazione del Consiglio di amministrazione sulla parte straordinaria Relazione del Consiglio di amministrazione sulla parte straordinaria Signori Azionisti, siete stati convocati in Assemblea straordinaria per deliberare la conversione in euro del valore nominale delle

Dettagli

Tabella delle violazioni Registro Imprese (dal 15 novembre 2011) Imprenditori individuali. Società di Persone: società semplici

Tabella delle violazioni Registro Imprese (dal 15 novembre 2011) Imprenditori individuali. Società di Persone: società semplici Tabella delle violazioni Registro Imprese (dal 15 novembre 2011) Imprenditori individuali Art. 2194 Art. 2196, art. Tardiva istanza di iscrizione di impresa individuale Imprenditore Entro 30 gg dall inizio

Dettagli

mod. 9 SEG BANCA CARIGE

mod. 9 SEG BANCA CARIGE Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede straordinaria convocata per il giorno 13 febbraio 2012 in merito all eliminazione dell indicazione del valore nominale delle azioni della

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di vendita ai sensi dell art. 2505-bis del codice civile e di esercizio del diritto di

Dettagli

LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie

LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie A cura di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Scheda riassuntiva delle scadenze. 3. Alcune osservazioni.

Dettagli

Le operazioni straordinarie come strumenti per lo sviluppo delle aziende Le Fusioni

Le operazioni straordinarie come strumenti per lo sviluppo delle aziende Le Fusioni Le operazioni straordinarie come strumenti per lo sviluppo delle aziende Le Fusioni Corso di Tecnica professionale La Fusione Ititt Istituto mediante il quale due o più aziende, prima indipendenti, si

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO XIII PREMESSA INTRODUZIONE 1 1. Gli strumenti di finanziamento dell impresa: le ragioni della riforma CAPITOLO 1 QUESTIONI LEGATE ALLA IDENTIFICAZIONE DELLA FATTISPECIE OBBLIGAZIONARIA

Dettagli

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE Approfondimenti connessi alla predisposizione delle modifiche statutarie necessarie in seguito alla riforma del Codice, introdotta dal D.Lgs. 17/1/2003

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 10 La Società per Azioni Operazioni sul Capitale sociale Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Perché un prezzo di emissione maggiore del valore nominale? Come determinare il prezzo di emissione? Funzione del sovrapprezzo 2 Funzione

Dettagli

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1 INDICE Prefazione di Giovanni Lo Cascio.......................... Presentazione...................................... Gli Autori....................................... V VII IX Art. 2498 c.c. Continuità

Dettagli

L acquisto di azioni proprie

L acquisto di azioni proprie L acquisto di azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla

Dettagli

ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI. DEL 15 e 16 MAGGIO 2002

ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI. DEL 15 e 16 MAGGIO 2002 ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 15 e 16 MAGGIO 2002 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI AI SENSI DEL D.M. GIUSTIZIA N. 437/1998 E DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971/99 (E SUCCESSIVE MODIFICHE) VEMER-SIBER

Dettagli

2.Finalità dell operazione:

2.Finalità dell operazione: COMUNICATO STAMPA I Consigli di Amministrazione delle rispettive società hanno approvato il Progetto di Fusione per incorporazione di G.I.M. Generale Industrie Metallurgiche S.p.A. in INTEK S.p.A.; Rapporti

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

1. Dopo il Capo VIII del Titolo V del Libro V del codice civile è aggiunto il seguente: "CAPO IX. DIREZIONE E COORDINAMENTO DI SOCIETA.

1. Dopo il Capo VIII del Titolo V del Libro V del codice civile è aggiunto il seguente: CAPO IX. DIREZIONE E COORDINAMENTO DI SOCIETA. 2489. (Poteri, obblighi e responsabilità dei liquidatori). Salvo diversa disposizione statutaria, ovvero adottata in sede di nomina, i liquidatori hanno il potere di compiere tutti gli atti utili per la

Dettagli

La fusione transfrontaliera

La fusione transfrontaliera La fusione transfrontaliera Avv. Pietro Cavasola CMS Adonnino Ascoli & Cavasola Scamoni Convegno su «Le operazioni di fusione» Roma, 14 maggio 2013 Auditorium Antonianum 14 maggio 2013 Indice della presentazione

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE DI CUI ALL ART. 2501-TER CODICE CIVILE

PROGETTO DI FUSIONE DI CUI ALL ART. 2501-TER CODICE CIVILE PROGETTO DI FUSIONE DI CUI ALL ART. 2501-TER CODICE CIVILE [QUESTA PAGINA È STATA LASCIATA INTENZIONALMENTE IN BIANCO] PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE IN BANCA INTESA S.P.A. DI SANPAOLO IMI S.P.A.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI CUI AL PUNTO 2) DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI CUI AL PUNTO 2) DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI CUI AL PUNTO 2) DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA Signori Azionisti, siete convocati in Assemblea per deliberare, tra l altro,

Dettagli

IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO REGISTRO DELLE IMPRESE IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO 1/2006 febbraio 2006 www.an.camcom.it Indice PREMESSA...3 1. EMISSIONE DI PRESTITO OBBLIGAZIONARIO...3 1.1 Emissione di prestito obbligazionario NON convertibile...3

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZlONE NELLA CENTROMARCA BANCA- CREDITO COOPERATIVO, SOCIETÀ COOPERATIVA

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZlONE NELLA CENTROMARCA BANCA- CREDITO COOPERATIVO, SOCIETÀ COOPERATIVA PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZlONE NELLA CENTROMARCA BANCA- CREDITO COOPERATIVO, SOCIETÀ COOPERATIVA DELLA CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI TREVISO CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA redatto ai sensi

Dettagli

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 27 febbraio 2015

Dettagli

* * * PROGETTO UNITARIO DI FUSIONE. (ai sensi dell art. 2501-ter del codice civile)

* * * PROGETTO UNITARIO DI FUSIONE. (ai sensi dell art. 2501-ter del codice civile) DAVIDE CAMPARI-MILANO S.P.A. Sede in Milano, via Turati n. 27 Reg. Imp. Di Milano e codice fiscale n. 06672120158 CAMPARI - CRODO S.P.A. Sede in Milano, via Turati n. 27 Reg. Imp. Di Milano e codice fiscale

Dettagli

LA FUSIONE Aspetti contabili

LA FUSIONE Aspetti contabili Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Economia Corso di Tecnica professionale A.A. 2010-2011 LA FUSIONE Aspetti contabili Lezione del 29 novembre 2010 1 Bilancio post fusione Bilancio di apertura

Dettagli

Dottori Commercialisti Marzo 2014 I BILANCI INTERMEDI

Dottori Commercialisti Marzo 2014 I BILANCI INTERMEDI Dottori Commercialisti Marzo 2014 I BILANCI INTERMEDI BILANCI INTERMEDI Sono riferiti a una data intermedia dell esercizio Hanno talvolta una composizione semplificata 2 BILANCI INTERMEDI Sono redatti

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.lgs. n. 58/1998 ( TUF ) FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INTEK S.P.A. IN KME GROUP S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.lgs. n. 58/1998 ( TUF ) FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INTEK S.P.A. IN KME GROUP S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.lgs. n. 58/1998 ( TUF ) FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INTEK S.P.A. IN KME GROUP S.P.A., PREVIA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI QUATTROTRETRE S.P.A.

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

Progetto di Fusione. ex art. 2501- ter cod. civ.

Progetto di Fusione. ex art. 2501- ter cod. civ. Progetto di Fusione ex art. 2501- ter cod. civ. Progetto di fusione per incorporazione di GIM - GENERALE INDUSTRIE METALLURGICHE S.p.A. in INTEK S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione di INTEK S.p.A. (di

Dettagli

Le operazioni straordinarie (1): Trasformazioni e fusioni a cura di Stefano Ricci Luca Trabattoni Alessandro Calvi

Le operazioni straordinarie (1): Trasformazioni e fusioni a cura di Stefano Ricci Luca Trabattoni Alessandro Calvi Genova, 10 Febbraio 2015 Le operazioni straordinarie (1): Trasformazioni e fusioni a cura di Stefano Ricci Luca Trabattoni Alessandro Calvi Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista

Dettagli

APPUNTI DI RAGIONERIA

APPUNTI DI RAGIONERIA Università La Sapienza sede di Latina Facoltà di Economia Cattedra di RAGIONERIA a.a. 2013-2014 APPUNTI DI RAGIONERIA Dispensa n. 12: I Debiti Il presente materiale è di ausilio alla didattica frontale

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1136-52-2015

Informazione Regolamentata n. 1136-52-2015 Informazione Regolamentata n. 1136-52-2015 Data/Ora Ricezione 24 Aprile 2015 17:12:31 MTA - Star Societa' : YOOX Identificativo Informazione Regolamentata : 56982 Nome utilizzatore : YOOXN01 - Valerio

Dettagli

PARTE TERZA 11. AUTORIZZAZIONE DI ACQUISTO DA PARTE DELLA SOCIETA DI BENI DI PROMOTORI, FONDATORI, SOCI E AMMINISTRATORI

PARTE TERZA 11. AUTORIZZAZIONE DI ACQUISTO DA PARTE DELLA SOCIETA DI BENI DI PROMOTORI, FONDATORI, SOCI E AMMINISTRATORI PARTE TERZA 10. DEPOSITO DELLO STATUTO AGGIORNATO Riferimenti legislativi: art. 2436 C.C.; Termini: nessuno; Obbligati: un componente dell organo amministrativo; S2 (quadri A, B e 20), per richiedere il

Dettagli

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 -

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A: - Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - - Progetto di fusione per incorporazione in Sviluppo Idrico S.p.A.

Dettagli

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE LIBRO V DEL LAVORO TITOLO V DELLE SOCIETA' CAPO V SOCIETÀ PER AZIONI (modificato dall'art. 1, del D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, recante

Dettagli

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100.

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100. GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100.389,26 Registro delle Imprese di Milano n. 81019220029 Iscritta al

Dettagli

PARTE SECONDA 4.1. TRASFERIMENTO DELLA SEDE LEGALE IN ALTRO COMUNE DELLA STESSA PROVINCIA

PARTE SECONDA 4.1. TRASFERIMENTO DELLA SEDE LEGALE IN ALTRO COMUNE DELLA STESSA PROVINCIA PARTE SECONDA 4. TRASFERIMENTO DELLA SEDE 4.1. TRASFERIMENTO DELLA SEDE LEGALE IN ALTRO COMUNE DELLA STESSA PROVINCIA Riferimenti legislativi: artt. 2436, 2365, 2375, 2480 C.C; Termini: entro 30 giorni

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A.

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETÀ CONTROLLATA AL 100% BREMBO PERFORMANCE S.P.A. NELLA SOCIETÀ CONTROLLANTE BREMBO S.P.A. AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2501-TER E 2505 del codice civile * *

Dettagli

COMUNCATO STAMPA CONGIUNTO

COMUNCATO STAMPA CONGIUNTO Spett. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Emittenti Ufficio OPA e Assetti Proprietari Via G.B. Martini, 3 00198 ROMA Via telefax al n. 06 84 77 519 e al n. 06 84 17 707 Spett. Borsa

Dettagli

La FUSIONE delle società. Corso di Formazione Professionale per Dottori Commercialisti

La FUSIONE delle società. Corso di Formazione Professionale per Dottori Commercialisti La FUSIONE delle società Corso di Formazione Professionale per Dottori Commercialisti Definizione La Fusione èun operazione straordinaria di aggregazione mediante la quale due o più società perdono la

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Libri sociali

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Libri sociali LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Libri sociali Novembre 2013 Indice 1. Analisi dei verbali degli organi sociali 2. Obiettivi della verifica dei libri sociali 3. Elenco dei libri sociali 2 1 Analisi dei verbali

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2015

NOTA OPERATIVA N. 8/2015 NOTA OPERATIVA N. 8/2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. - Premessa Il bilancio d esercizio delle imprese è la principale fonte di informazione

Dettagli

EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013

EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013 EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013 Relazione illustrativa degli Amministratori sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125 -

Dettagli

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione Finalità della liquidazione Trasformazione in denaro delle attività Estinzione delle passività Distribuzione tra i soci dell attivo netto residuo Cause

Dettagli

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa.

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. Le azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla base dell

Dettagli

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE VII LE AZIONI PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 NOZIONI E CARATTERI. --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CASCADES ITALIA S.r.l.

CASCADES ITALIA S.r.l. Cascades Italia S.r.l., con socio unico soggetta a direzione e coordinamento da parte di Cascades S.A. Sede Legale: Via Turati, 16/18 Capitale sociale interamente versato Euro 10.000 Codice fiscale e Partita

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. Corso di laurea in Consulenza e controllo aziendale Professioni economiche e contabili

FACOLTÀ DI ECONOMIA. Corso di laurea in Consulenza e controllo aziendale Professioni economiche e contabili FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di laurea in Consulenza e controllo aziendale Professioni economiche e contabili La Scissione : il caso Fiat Industrial spa Cattedra Economia delle operazioni straordinarie d

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 KME Group S.p.A. Intek S.p.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. FUSIONE PER INCORPORAZIONE

Dettagli

Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie

Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie Art. 1. Importo, titoli e prezzo di emissione Il prestito

Dettagli

Spett.le. In vista delle prossime scadenze relative al deposito dei bilanci, si ritiene utile fornire di seguito alcune indicazioni:

Spett.le. In vista delle prossime scadenze relative al deposito dei bilanci, si ritiene utile fornire di seguito alcune indicazioni: REGISTRO IMPRESE Tel. 049.82.08.111 - Fax 049.82.08.208 E-mail: registro.imprese@pd.camcom.it Spett.le Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova Consiglio Provinciale dell Ordine

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezioni 5 6 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

I Prestiti Obbligazionari

I Prestiti Obbligazionari I Prestiti Obbligazionari I PRESTITI OBBLIGAZIONARI I prestiti obbligazionari sono debiti di finanziamento tipici della s.p.a. che, con essi, si procura mezzi finanziari per sviluppare la propria attività

Dettagli

DEPOSITO BILANCI 2015

DEPOSITO BILANCI 2015 DEPOSITO BILANCI 2015 Integrazione al Manuale nazionale Versione 1.0 del 21.5.2015 1 INDICE Nota Integrativa XBRL Chi deposita il bilancio I documenti allegati al bilancio XBRL - copie informatiche di

Dettagli

La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES. Reggio Emila, 10 febbraio 2014

La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES. Reggio Emila, 10 febbraio 2014 La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES Reggio Emila, 10 febbraio 2014 ACCORDIAMOCI SU ALCUNI PASSAGGI FONDAMENTALI 2 Chi comanda in coop? Chi amministra? Chi controlla? 3 Assemblea dei soci Consiglio

Dettagli

Caso n. 1 diritto commerciale

Caso n. 1 diritto commerciale T izio, Caio, Sempronio e Mevio sono soci in parti uguali della società Alfa spa, con sede in Roma, via Aurelia 76, capitale sociale euro 800.000 interamente sottoscritto e versato. La società ha buone

Dettagli

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche.

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche. IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa Decreto Presidente della Repubblica n. 285/1990 Regolamento nazionale di polizia mortuaria. Circolare Ministero Sanità n. 24/1993

Dettagli

SOCIETA' DI CAPITALI SRL e Soc. Consortili a r.l.

SOCIETA' DI CAPITALI SRL e Soc. Consortili a r.l. SOCIETA' DI CAPITALI SRL e Soc. Consortili a r.l. Sommario: 1. Iscrizione dell atto costitutivo e statuto 2. Iscrizione degli atti modificativi dello statuto PARTE PRIMA 3. Nomina o riconferma delle cariche

Dettagli

Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende

Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende Edizioni Simone - Vol. 37/1 Compendio di ragioneria applicata e tecnica professionale Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende Sommario Z 1. Introduzione. - 2. Metodo reddituale. - 3. Metodo patrimoniale.

Dettagli

2 caso Presentazione da parte del legale rappresentante o da altri soggetti

2 caso Presentazione da parte del legale rappresentante o da altri soggetti PREDISPOSIZIONE BILANCI ED ELENCHI SOCI APRILE 2015 FORMATO PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO Versione tassonomia XBRL Secondo quanto previsto dal DPCM 10.12.2008 art. 5, la tassonomia da utilizzare per la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 Cobra Automotive Technologies S.p.A. Drive Rent S.p.A. (società appartenente al Gruppo KME Group S.p.A.) COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CONVERTIBILE IN AZIONI AGRONOMIA S.P.A. denominato

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CONVERTIBILE IN AZIONI AGRONOMIA S.P.A. denominato REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CONVERTIBILE IN AZIONI AGRONOMIA S.P.A. denominato AGRONOMIA CONVERTIBILE 8% 2014-2019 CON FACOLTA DI RIMBORSO 1. Importo e titoli ANTICIPATO IN AZIONI 1.1 Il prestito

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Relatore: dott. Fabio Corti Hotel Casa tra noi Roma 6 dicembre 2011 Disciplina fiscale Il D.Lgs 460/97 e la Legge 289/2002 hanno di fatto identificato

Dettagli

Fusione per incorporazione: il caso SEAT Pagine Gialle S.p.A.

Fusione per incorporazione: il caso SEAT Pagine Gialle S.p.A. Dipartimento di Economia e Impresa Corso di laurea in Consulenza e controllo aziendale A.A. 2011-2012 Fusione per incorporazione: il caso SEAT Pagine Gialle S.p.A. Relatore Michela Piccarozzi Correlatore

Dettagli

Genova, 24/02/2015 OPERAZIONI SUL CAPITALE. Aumento di capitale. Relatrice: Francesca De Gregori

Genova, 24/02/2015 OPERAZIONI SUL CAPITALE. Aumento di capitale. Relatrice: Francesca De Gregori Genova, 24/02/2015 OPERAZIONI SUL CAPITALE Aumento di capitale Relatrice: Francesca De Gregori 1 AUMENTO DI CAPITALE NORME DI RIFERIMENTO: SPA: articoli 2438-2444 SRL: articoli 2481-2481-ter PRINCIPIO

Dettagli

intek SpA Documento di informazione annuale

intek SpA Documento di informazione annuale intek SpA sede legale in Ivrea (TO) via Camillo Olivetti, 8 capitale sociale Euro 35.389.362,84 i.v. Iscrizione al Registro imprese di Torino, codice fiscale e partita IVA 00470590019 Documento di informazione

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario NORMATIVA DI RIFERIMENTO Sommario Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni... 2 Art. 127-quinquies (Maggiorazione del voto)... 2 Regolamento di attuazione del decreto legislativo

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO Il bilancio delle società di capitali - Composizione del bilancio (stato patrimoniale, conto economico,

Dettagli

I Commercialisti l informatizzazione i servizi telematici. la dematerializzazione. Forum P.A. Roma - 12 Maggio 2011

I Commercialisti l informatizzazione i servizi telematici. la dematerializzazione. Forum P.A. Roma - 12 Maggio 2011 I Commercialisti l informatizzazione i servizi telematici la dematerializzazione Forum P.A. Roma - 12 Maggio 2011 1 1 - Lo status dell Italia secondo l OCSE 2 - L evoluzione del quadro normativo Italiano

Dettagli

Fidia S.p.A. Sede in San Mauro Torinese (To), corso Lombardia, 11 Iscritta presso il Registro delle Imprese di Torino al n.

Fidia S.p.A. Sede in San Mauro Torinese (To), corso Lombardia, 11 Iscritta presso il Registro delle Imprese di Torino al n. FIDIA S.p.A. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE ai sensi dell'art. 54 del REGOLAMENTO EMITTENTI - delibera CONSOB n. 11971/1999 e s.m.i. dal 14.04.2005 all' 11.05.2006 Fidia S.p.A. Sede in San Mauro Torinese

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAPITOLO 10 - LE OPERAZIONI SUL PATRIMONIO NETTO

ESERCIZI RELATIVI AL CAPITOLO 10 - LE OPERAZIONI SUL PATRIMONIO NETTO ESERCIZI RELATIVI AL CAPITOLO 10 - LE OPERAZIONI SUL PATRIMONIO NETTO di Giuseppe Pogliani ESERCIZIO (1) Allo scopo di finanziare la propria politica di sviluppo, in data 11-10-XX la Milly Spa aumenta

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. Iscritta all albo delle Banche: 5099 Sede legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/b - 44042 CENTO (Fe) Capitale Sociale: Euro 67.498.955,88 Codice Fiscale, Partita

Dettagli

Aumenti di capitale a pagamento

Aumenti di capitale a pagamento Aumenti di capitale a pagamento Durante la vita di una spa il capitale sociale, per diversi motivi e previa modifica dell atto costitutivo, può subire variazioni sia in aumento che in diminuzione. Gli

Dettagli

FRENDY ENERGY S.P.A.

FRENDY ENERGY S.P.A. FRENDY ENERGY S.P.A. Sede legale in Firenze, Via Fiume n. 11 Capitale sociale Euro 4.225.000,00 i.v. Codice fiscale ed iscrizione nel Registro delle Imprese di Firenze n. 05415440964 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

LA FUSIONE E LA SCISSIONE DELLE SOCIETA Le novità della riforma

LA FUSIONE E LA SCISSIONE DELLE SOCIETA Le novità della riforma LA FUSIONE E LA SCISSIONE DELLE SOCIETA Le novità della riforma di Claudio Venturi Sommario: - 1. LA FUSIONE DELLE SOCIETA. 1.1. L evoluzione della normativa Premessa. 1.2. Il concetto di fusione e la

Dettagli

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 5 marzo 2015 OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC 28: Patrimonio Netto www.pirolapennutozei.it OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera www.pirolapennutozei.it

Dettagli