Sistemi e modelli matematici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi e modelli matematici"

Transcript

1 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante capitolo della scienza dell automazione o automatica è costituito dalla disciplina denominata controlli automatici. Tale disciplina studia i dispositivi (detti regolatori, controllori o dispositivi di controllo), mediante i quali si fanno variare automaticamente le grandezze liberamente manipolabili di un sistema (detto sistema controllato) Un sistema è un complesso, normalmente costituito di più elementi interconnessi, in cui si possono distinguere grandezze soggette a variare nel tempo (indicate semplicemente con il nome di variabili). Segnali: sono le funzioni che rappresentano l andamento delle variabili nel tempo. Variabili di ingresso: sono le variabili indipendenti o cause. Variabili di uscita: sono le variabili dipendenti o effetti. Sistema orientato: è un sistema in le cui variabili siano state suddivise in variabili di ingresso e variabili di uscita. Variabili manipolabili: variabili di ingresso il cui andamento nel tempo può essere arbitrariamente imposto. Variabili non manipolabili o disturbi: variabili sul cui andamento nel tempo non si può influire, in quanto casuale o assegnabile ad arbitrio solo da parte di altro operatore. R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

2 .. SISTEMI E MODELLI. 2 Esempio: motore in corrente continua Il modello semplificato di un motore in corrente continua con eccitazione indipendente è il seguente: Variabili di interesse: la tensione e la corrente di armatura v a e i a, la tensione e la corrente di campo v e e i e, la coppia resistente all albero c r, la velocità e la posizione angolare del rotore ω e ϑ. Orientamento del sistema: Cause: v a, v e e c r ; Effetti: i a, i e, ω e ϑ; Variabili manipolabili: v a e v e ; Variabile non manipolabile: c r ; Rappresentazione mediante schemi a blocchi: R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

3 .. SISTEMI E MODELLI. 3 Modello matematico di un sistema: è l insieme di equazioni e di parametri Diagramma che permettono di determinare gli andamenti nel tempo delle uscite, noti quelli degli ingressi. Il modello matematico è sempre un compromesso fra precisione e semplicità: è inutile infatti ricorrere a modelli sofisticati quando i valori dei parametri che in essi compaiono si conoscono solo approssimativamente. Modello statico o puramente algebrico: descrive il legame fra i valori degli ingressi, supposti costanti, e i valori delle uscite una volta che il sistema abbia raggiunto la condizione di regime stazionario, cioè la condizione di funzionamento in cui tutti i segnali siano costanti. Caratteristica statica del motore elettrico in corrente continua: Caratteristica statica ingresso-uscita: ω = f(v a ) Approssimazione lineare nell intorno dell origine: ω = Kv a ; Linearizzazione nell intorno del punto di lavoro: ω Ω = K (v a V ) R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

4 .. SISTEMI E MODELLI. 4 Modello statico di un sistema MIMO (Multi Input Multi Output): consiste in più funzioni (tante quante sono le uscite) di più variabili (tante quanti sono gli ingressi), cioè Rappresentazione grafica: y =f (x,...,x n ),..., y m =f m (x,...,x n ) Punto di lavoro: (X,...,X n ),(Y,...,Y m ). Linearizzazione nell intorno del punto di lavoro: y = a x +...+a n x n,... y m = a m x +...+a mn x n in cui è a ij := f i x j (i =,...,m;j =,...,n) xk =X k (k=,...,n) y i := y i Y i = y i f i (X,...,X n ) (i =,...,m) x j := x j X j (j =,...,n) I modelli matematici statici non danno alcuna informazione sul regime transitorio, cioè sull andamento nel tempo delle uscite durante il passaggio da uno stato di regime stazionario ad un altro. R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

5 .. SISTEMI E MODELLI. 5 Modello dinamico: è costituito da una o più equazioni differenziali esprimenti legami statici fra le variabili di ingresso, di uscita e le loro derivate rispetto al tempo. Il modello dinamico di un sistema permette di determinare l andamento del segnale di uscita corrispondente a un dato segnale di ingresso, cioè permette di determinare la risposta del sistema a una data eccitazione. Un modello matematico (o un sistema) si dice lineare quando soddisfa la proprietà di sovrapposizione degli effetti. In caso contrario il sistema si dice non lineare. Molti sistemi ammettono modelli matematici lineari purché i valori delle variabili non escano da determinati campi. Esempio: Modello matematico in forma integrale: z(t) = Z 0 + A t 0 ( q (τ) q 2 (τ) ) dτ = Z 0 + A t ( Kx(τ) q2 (τ) ) dτ Modello matematico in forma differenziale: dz dt = ( q (t) q 2 (t) ), z(0) = Z 0 A Tale modello è valido entro i limiti: X x(t) X 2, Z z(t) Z 2 0 R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

6 .. SISTEMI E MODELLI. 6 Esempi di modelli fisici ) Dinamica del rotore di un motore elettrico. Si consideri un elemento meccanico con inerzia J, coefficiente di attrito lineare b che ruota alla velocità angolare ω al quale venga applicata una coppia esterna c(t). c(t) 0 t c(t) ω(t) J b ω(t) 0 t? L equazione differenziale che caratterizza il sistema è quella che si ricava dalla legge di conservazione della quantità di moto angolare: d[jω(t)] dt = c(t) bω(t) J ω(t)+bω(t) = c(t) Partendo da condizioni iniziali nulle e applicando Laplace si ottiene: J sω(s)+bω(s) = C(s) ω(s) = b+j s C(s) per cui il sistema fisico può essere descritto nel modo seguente: C(s) c(t) G(s) b+j s ω(s) ω(t) dove G(s) è la funzione di trasferimento che descrive il sistema fisico: G(s) = b+j s R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

7 .. SISTEMI E MODELLI. 7 2) Sistema massa-molla-smorzatore. K x m b F Variabili e parametri del sistema fisico: x(t) : posizione ẋ(t) : velocità ẍ(t) : accelerazione F(t) : forza applicata m : massa K : rigidità della molla b : Coefficiente di attrito lineare P(t) : Quantità di moto Legge di conservazione della quantità di moto P(t) = mẋ(t): d dt [P(t)] = i F i (t) m d dt [ẋ(t)] = i Si ottiene quindi la seguente equazione differenziale: d [mẋ(t)] = F bẋ(t) Kx(t) dt che può essere riscritta nel seguente modo: mẍ(t)+bẋ(t)+kx(t) = F(t) Utilizzando le trasformate di Laplace (x(0) = ẋ(0) = 0) si ha: ms 2 X(s)+bsX(s)+KX(s) = F(s) X(s) = Il sistema può quindi essere rappresentato nel modo seguente: F i (t) F(s) ms 2 +bs+k F(s) G(s) ms 2 +bs+k X(s) R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

8 .. SISTEMI E MODELLI. 8 3) Sistema elettrico RL. I i R I u = 0 V i L V u Legge fisica: la variazione del flusso concatenato φ c (t) = LI i (t) è uguale alla tensione V u (t) applicata ai capi dell induttanza. d dt [φ c(t)] = V u (t) L d dt [I i(t)] = V i (t) RI i (t) Applicando la trasformata di Laplace, con condizioni iniziali nulle, si ha: LsI i (s)+ri i (s) = V i (s) I i (s) = Ls+R } {{ } G(s) Il sistema può quindi essere rappresentato nel modo seguente: V i (s) V i (s) G(s) Ls+R I i (s) Il legame tra la tensione di ingresso V i (t) e la tensione di uscita V u (t) è descritto dalla seguente funzione di trasferimento (si utilizza la regola del partitore di tensione su impedenze complesse): G (s) = V u(s) V i (s) = Ls Ls+R e quindi dalle seguente equazione differenziale: L V u (t)+rv u (t) = L V i (t) R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

9 .. SISTEMI E MODELLI. 9 4) Motore elettrico in corrente continua. I a V L R ω m + E J b C m C e θ m Schema a blocchi POG del motore: V E ω m K e R+Ls b+js I a K e C m C e Il sistema è descritto dalle seguenti 2 equazioni differenziali: { L Ia = RI a K e ω m +V J ω m = K e I a bω m C e Perilprincipiodiconservazionedell energia, lacostantek e èsialacostantediproporzionalitàchelegalacorrentediarmaturai a allacoppiamotrice C m, sia la costante di proporzionalità che lega la forza contromotrice E alla velocità angolare ω m : C m = K e I a E = K e ω m R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

10 .. SISTEMI E MODELLI. 0 Riducendo in forma minima il sistema (vedi Formula di Mason ) si ottiene il seguente legame tra la variabile di uscita ω m (t) e le variabili di ingresso V(t) e C e (t): ω m (s) = G (s)v(s)+g 2 (s)c e (s) dove G (s) lega l ingresso di controllo V(t) all uscita ω m (t) G (s) = K e (R+Ls)(b+J s)+k 2 e mentre G 2 (s) lega l ingresso di disturbo C e (t) all uscita ω m (t): G 2 (s) = (R+Ls) (R+Ls)(b+J s)+k 2 e La precedente relazione può essere riscritta come [ ] LJ s 2 +(RJ +Lb)s+Rb+Ke 2 ωm (s) = K e V(s) (R+Ls)C e (s) che corrisponde alla seguente equazione differenziale del secondo ordine: LJ ω m +(RJ +Lb) ω m +(Rb+K 2 e)ω m = K e V RC e LĊe R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

11 .. SISTEMI E MODELLI. 5) Frizione idraulica. Si consideri il seguente modello idraulico semplificato di una frizione: P Pressione di alimentazione Q Portata volumetrica nella valvola K v Costante di prop. della valvola C m Capacità idraulica del cilindro P Pressione all interno del cilindro A Sezione del pistone x Posizione del pistone ẋ Velocità del pistone m p Massa del pistone b Attrito lineare del pistone K m Rigidità della molla F m Forza della molla sul pistone x K m m p b, A Q x Q Valvola (K v ) C m P P R = 0 Uno schema a blocchi che descrive la dinamica del sistema è il seguente: P P A F x F m Q K v C m s Q x A b+m p s ẋ K m s x 0 Riducendo il sistema in forma minima si ottiene la seguente f.d.t. G(s): G(s) = F m(s) P(s) = AK m K v C m m p s 3 +(C m b+k v m p )s 2 +(A 2 +C m K m +K v b)s+k m K v a cui corrisponde la seguente equazione differenziale del terzo ordine: C m m p... Fm+(C m b+k v m p ) F m +(A 2 +C m K m +K v b) F m +K m K v F m = AK m K v P(t) R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

12 .. SISTEMI E MODELLI. 2 6) Sistema meccanico di trasmissione. Si consideri il sistema meccanico mostrato in figura, costituito da un albero di inerzia J, che ruota a velocità ω, a cui è applicata la coppia esterna τ. Tramite un rullo elastico avente rigidità torsionale K e raggio costante R, l albero spinge una massa M che comprime una molla lineare con coefficiente di rigidità K 2. x J b K 2 M K R b 2 Un possibile schema a blocchi che descrive la dinamica del sistema è il seguente: τ τ R F 2 F 2 b +J s K s b 2 +M s K 2 s ω ω R ẋ 0 La funzione di trasferimento G(s) che lega l ingresso τ all uscita F 2 si calcola facilmente utilizzando la formula di Mason : K K 2 R G(s) = a 4 s 4 +a 3 s 3 +a 2 s 2 +a s+a 0 dove: a 4 = J M R 2 a 3 = (b 2 J +b M)R 2 a 2 = J K +b b 2 R 2 +J K 2 R 2 +K M R 2 a = b K +b 2 K R 2 +b K 2 R 2 a 0 = K K 2 R 2 R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

13 .. SISTEMI E MODELLI. 3 Rete elettrica a T Sia data la seguente rete elettrica a T: SupponendochelacorrenteI u assorbitainuscitasianulla, I u = 0, sidetermini la funzione di trasferimento G(s) che lega la tensione di ingresso V i (s) alla tensione di uscita V u (s). Un possibile schema a blocchi (non utilizzabile in simulazione) che descrive la dinamica del sistema è il seguente: v i v a v u C s R 2 C 2 s R I I La funzione di trasferimento di determina facilmente utilizzando Mason: G(s) = V u(s) V i (s) = +R 2 (C +C 2 )s+c C 2 R R 2 s 2 +C R 2 s+c 2 R 2 s+c 2 R s+c C 2 R R 2 s 2 I 2 R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

14 .. SISTEMI E MODELLI. 4 Invertendo due dei tre anelli del sistema si ottiene uno schema a blocchi utilizzabile anche in simulazione: v i I V C s v a R 2 V 2 C 2 s v u Una corrispondente descrizione nello spazio degli stati è la seguente: [ V V 2 ] = { }} A [ { R C R 2 C R C R C 2 R C 2 ] v u = [ ] [ V } {{ } V 2 C ][ V V 2 + [ ] v i }{{} D R I 2 ] { B [ }} { ] R + 2 C 0 Il determinante del grafo è proporzionale al determinante della matrice(si A): det(si A) = +C R 2 s+c 2 R 2 s+c 2 R s+c C 2 R R 2 s 2 C C 2 R R 2 Si noti che la funzione di trasferimento G(s) può essere calcolata anche utilizzando la seguente formula: G(s) = C(sI A) B+D v i R. Zanasi - Controlli Automatici - 20/2. SISTEMI, MODELLI E SCHEMI A BLOCCHI

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Sistemi e modelli (ver. 1.2)

Sistemi e modelli (ver. 1.2) Sistemi e modelli (ver..2). Elementi introduttivi L Automatica studia l analisi dei sistemi dinamici ed il progetto dei controlli automatici, ovvero la realizzazione di dispositivi utilizzati per imporre

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi

FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi FONDAMENTI DI AUTOMATICA Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi 3 novembre 2006 2 Indice 1 Modellistica 7 1.1 Introduzione............................. 7 1.2 Sistemi elettrici...........................

Dettagli

La funzione di trasferimento

La funzione di trasferimento Sommario La funzione di trasferimento La funzione di trasferimento Poli e zeri della funzione di trasferimento I sistemi del primo ordine Esempi La risposta a sollecitazioni La funzione di trasferimento

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Laboratorio di Automazione Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Prof. Claudio Bonivento DEIS - Università degli Studi di Bologna E-Mail: cbonivento@deis.unibo.it Indice Definizione Struttura Modello

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

Accuratezza di un modello matematico: precisione semplicità. Modelli ottenuti dalle leggi della fisica, chimica, etc...

Accuratezza di un modello matematico: precisione semplicità. Modelli ottenuti dalle leggi della fisica, chimica, etc... SISTEMA REALE MODELLO MATEMATIO Definizione di modello matematico. Accuratezza di un modello matematico: precisione semplicità. Modelli ottenuti dalle leggi della fisica, chimica, etc... Modelli ottenuti

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Strumentazione Biomedica

Strumentazione Biomedica Sensori induttivi, capacitivi, piezoelettrici Univ. degli studi Federico II di Napoli ing. Paolo Bifulco Sensori induttivi Sensori induttivi di spostamento basati su variazioni di autoinduttanza e mutua

Dettagli

Principi di Automazione e Controllo

Principi di Automazione e Controllo Principi di Automazione e Controllo Ing. Fabio Piedimonte Corso IFTS per Tecnico Superiore di Produzione Ver 1.0 Indice 1 Introduzione al problema dell automazione 4 1.1 I processi..................................

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Attilio Piana, Andrea Ziggioto 1 egime variabile in un circuito elettrico. Circuito C. 1.1 Carica del condensatore

Dettagli

ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1. Indice

ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1. Indice ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1 Indice 1 I SISTEMI LINEARI E CONTINUI NEL DOMINIO DEL TEMPO 2 1.1 Introduzione........................................ 2 1.2 La funzione di trasferimento...............................

Dettagli

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2 Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013

Dettagli

Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta. La trasformata di Laplace

Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta. La trasformata di Laplace Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta La trasformata di Laplace ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE QUINTA A INFORMATICA INDICE Segnali canonici Trasformata di Laplace Teoremi sulla trasformata

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BARTOLO. A cura del Prof S. Giannitto

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BARTOLO. A cura del Prof S. Giannitto Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BATOLO PACHINO (S) APPUNTI DI SISTEMI AUTOMATICI 3 ANNO MODELLIZZAZIONE A cura del Prof S. Giannitto MODELLI MATEMATICI di SISTEMI ELEMENTAI LINEAI, L, C ivediamo

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

Analisi della risposta dinamica

Analisi della risposta dinamica Analisi della risposta dinamica Risposta dinamica del trasduttore: descrive, in termini di un modello matematico basato su equazioni differenziali alle derivate parziali, le relazioni, basate su opportune

Dettagli

Sistemi e modelli. Sistemi e modelli

Sistemi e modelli. Sistemi e modelli Sistemi e modelli Sistemi e modelli Sistema (processo): insieme di più parti legate da qualche forma di relazione. Sistema: oggetto, dispositivo o fenomeno la cui interazione con l ambiente circostante

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Relatore: Prof. Roberto Zanasi Correlatori:

Dettagli

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi.

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Il motore brushless (senza spazzole) è costituito da un rotore, su cui sono alloggiati i magneti

Dettagli

Fondamenti di Automatica. Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI

Fondamenti di Automatica. Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Fondamenti di Automatica Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Soluzione delle equazioni di stato per sistemi dinamici LTI a tempo continuo

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

Modello fisico. Capitolo 1. 1.1 Descrizione del sistema

Modello fisico. Capitolo 1. 1.1 Descrizione del sistema Introduzione Lo scopo di questa trattazione è quello di analizzare un sistema fisico (veicolo a trazione elettrica) e progettare un adeguato sistema di controllo. Per cercare di ottenere risultati simili

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Segnali e Sistemi. Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici. Gianni Borghesan e Giovanni Marro

Segnali e Sistemi. Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici. Gianni Borghesan e Giovanni Marro Segnali e Sistemi Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici Gianni Borghesan e Giovanni Marro Indice Introduzione 2. Notazione............................. 2 2 Classificazione

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE MACCHINA ASINCRONA TRIFASE E una macchina elettrica rotante. Si chiama asincrona perché il rotore ruota ad una velocità diversa dal campo rotante. STRUTTURA. La struttura è la stessa di quella analizzata

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 1

Indice. 1 Introduzione 1 Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 2 Elementi di modellistica 9 2.1 Introduzione... 9 2.2 Equazioni di conservazione per processi a fluido... 9 2.2.1 Portata massica e volumetrica... 9 2.2.2 Principio

Dettagli

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma Circuiti Elettrici Un introduzione per studenti di Fisica Giulio D Agostini Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma 6 marzo 2015 ii Indice 1 Forze gravitazionali e forze elettriche 1 1.1 Forze

Dettagli

Brevi appunti di Fondamenti di Automatica 1. prof. Stefano Panzieri Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA TRE

Brevi appunti di Fondamenti di Automatica 1. prof. Stefano Panzieri Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA TRE Brevi appunti di Fondamenti di Automatica prof. Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA RE ROMA RE UNIVERSIÀ DEGLI SUDI 4 marzo 05 Rev. 0. INDICE Indice La rasfomata di Laplace.0.

Dettagli

6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento

6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento 6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento 6.3 Richiami sulla Trasformata di Laplace Definizione La trasformata di Laplace di f(t) è la funzione di variabile complessa s C, (s = σ + jω), F (s) = e st f(t)dt

Dettagli

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente I Capitoli 3 e 4 sono stati dedicati, ad eccezione del paragrafo sugli induttori accoppiati, esclusivamente all analisi

Dettagli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Controllo di motori in corrente continua A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Sistema di Controllo d rif - C(s) P(s) y T(s) n C(s) P(s) Controllore Sistema d n Disturbo Rumore T(s) Trasduttore

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE E DELL APPROCCIO CLASSICO : a) Fa riferimento essenzialmente al dominio

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Fondamenti di Controlli Automatici - A.A. 7/8 4 Dicembre 7 - Esercizi Compito A Nr. Nome: Nr. Mat. Firma: a) Determinare la trasformata di Laplace X i (s) dei seguenti segnali temporali x i (t): x (t)

Dettagli

Esercizi in MATLAB-SIMULINK

Esercizi in MATLAB-SIMULINK Appendice A Esercizi in MATLAB-SIMULINK A.1 Implementazione del modello e del controllo di un motore elettrico a corrente continua A.1.1 Equazioni del modello Equazioni nel dominio del tempo descrittive

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

SENSORI e TRASDUTTORI. Corso di Sistemi Automatici

SENSORI e TRASDUTTORI. Corso di Sistemi Automatici SENSORI e TRASDUTTORI Sensore Si definisce sensore un elemento sensibile in grado di rilevare le variazioni di una grandezza fisica ( temperatura, umidità, pressione, posizione, luminosità, velocità di

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Indice Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana VII IX Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Generalità 1 1.1 Dimensioni, unità di misura e notazione 2 1.2 La natura dell elettromagnetismo

Dettagli

Sistemi Meccatronici

Sistemi Meccatronici Sistemi Meccatronici Introduzione alla Dinamica e al Controllo dei Sistemi Meccanici rev. 0.9 prof. Paolo Righettini Università di Bergamo 20 novembre 2009 2 Indice 1 Modelli di sistemi meccanici 5 1.1

Dettagli

Complementi di Controllo Digitale

Complementi di Controllo Digitale Complementi di Controllo Digitale Alberto Bemporad Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena bemporad@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~bemporad Corso di Laurea in

Dettagli

PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO

PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO Introduzione [1] Richard C. Dorf, Robert H. Bishop, «Controlli Automatici», Edizione Pearson. [2] http://it.wikipedia.org/wiki/disco_rigido

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO Introduzione 3 1. Stabilità a ciclo chiuso e teorema del valore

Dettagli

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI Ing. e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

Proprieta` dei sistemi in retroazione

Proprieta` dei sistemi in retroazione Proprieta` dei sistemi in retroazione Specifiche di controllo: errore a regime in risposta a disturbi costanti errore di inseguimento a regime quando il segnale di riferimento e` di tipo polinomiale sensibilita`

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo:

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo: .5 Stabilità dei sistemi dinamici 9 Risulta: 3 ( s(s + 4).5 Stabilità dei sistemi dinamici Si è visto come un sistema fisico può essere descritto tramite equazioni differenziali o attraverso una funzione

Dettagli

Il motore elettrico: un integratore perfetto?

Il motore elettrico: un integratore perfetto? Il motore elettrico: un integratore perfetto? G. Romeo e G. Di Stefano Premessa Uno dei modi per orientare un pallone stratosferico in volo diurno in zone polari è quello di utilizzare la posizione del

Dettagli

Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana. Dipartimento di informatica ed elettronica. Automazione I e II. Ing.

Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana. Dipartimento di informatica ed elettronica. Automazione I e II. Ing. Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana Dipartimento di informatica ed elettronica Automazione I e II Ing. Roberto Bucher 7 aprile 23 Automazione I e II 2 Copyright 23 Roberto Bucher

Dettagli

Lezione 4 24 Gennaio

Lezione 4 24 Gennaio LabCont1: Laboratorio di Controlli 1 II Trim. 2007 Docente: Luca Schenato Lezione 4 24 Gennaio Stesori: Simone Valmorbida, Stefano Meloni, Matteo Marzilli 4.1 Il motore in corrente continua Il motore in

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO Teoria dei Sistemi Ingegneria Elettronica, Informatica e TLC Prof. Roberto Zanasi, Dott. Giovanni Azzone DII - Università di Modena e Reggio Emilia AUTOLAB: Laboratorio

Dettagli

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Corso di Robotica 1 Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Prof. Alessandro De Luca Robotica 1 1 Robot come sistema programma di lavoro comandi Robot azioni ambiente di lavoro organi meccanici

Dettagli

Modellistica delle linee di trasmissione

Modellistica delle linee di trasmissione Modellistica delle linee di trasmissione PARTE I Modelli equivalenti nel dominio del tempo e della frequenza prof. Antonio Maffucci A. Maffucci, Modellistica delle linee di trasmissione parte 1 [pag. 1/81]

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura La dinamica degli edifici e le prove sperimentali La Norma UNI 9916 prende in considerazione in modo esplicito il caso della misura delle vibrazioni finalizzata allo: Studio del comportamento dinamico

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Il motore in corrente continua

Il motore in corrente continua Capitolo 4 Il motore in corrente continua 4.1 Introduzione Lo scopo di questa dispensa è quello di mettere in rilievo i principi fondamentali di funzionamento dei motori DC con particolare interesse alle

Dettagli

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A 21 Marzo 27 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare quali sono le affermazioni vere. 1. Si consideri

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree Specialistiche D.M. 509/99 - Lauree Magistrali D.M. 270/04 - Lauree Vecchio Ordinamento)

Dettagli

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID ONTROLLORI STANDARD PID Guido Vagliasindi ontrolli Automatici A.A. 6/7 ontrollori Standard PID MODELLO DEI REGOLATORI PID Tra le ragioni del vastissimo utilizzo dei regolatori PID nella pratica dell automazione

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: Elettrotecnica Disciplina: Sistemi Automatici Classe: 4aE Ore settimanali previste: 5 ( 2 di teoria, 3 di laboratorio) Prerequisiti per l'accesso al modulo 1: Risoluzione

Dettagli

Esercizi di Fondamenti di Automatica

Esercizi di Fondamenti di Automatica Esercizi di Fondamenti di Automatica Bruno Picasso Riferimento bibliografico In questi esercizi useremo la scrittura [FdA per riferirci al libro di testo adottato nel corso, ossia: P. Bolzern, R. Scattolini

Dettagli

analisi di sistemi retroazionati (2)

analisi di sistemi retroazionati (2) : analisi di sistemi retroazionati (2) Marco Lovera Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano lovera@elet.polimi.it Indice Piccolo guadagno Stabilita ingresso-uscita Guadagno L 2

Dettagli

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Si consideri un convoglio ferroviario per la trazione leggera costituito da un unità di trazione, la quale è formata

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Controlli Automatici Introduzione al corso Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Federica Ferraguti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia E-mail: {nome.cognome}@unimore.it

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automaticih PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Capitolo 4. Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza

Capitolo 4. Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza Capitolo 4 Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza 1. Introduzione In questo capitolo ci occuperemo dell analisi nel dominio della frequenza di sistemi dinamici lineari tempo-invarianti.

Dettagli