Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it"

Transcript

1 Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele

2 Trasmettitore digitale RF Le componenti I e Q che trasportano l informazione binaria, proveniente dalla conversione A/D del segnale di ingresso e successive codifiche di sorgente e di canale, modulano due portanti in quadratura a frequenza intermedia (IF). Lo stadio finale garantisce al segnale in uscita allocazione appropriata nello spettro a radiofrequenza (RF) e potenza adeguata per la comunicazione.

3 Modulazione IF analogica Una volta convertite in analogico da un DAC, le componenti I e Q modulano le due portanti IF in quadratura, anch esse analogiche. Sono necessari due DAC.

4 Modulazione IF digitale La modulazione IF avviene in forma numerica. E necessario un solo DAC, che funge da elemento di separazione tra la sezione IF, completamente numerica, e quella RF, analogica.

5 Trasmettitore digitale RF Il filtraggio nel trasmettitore riduce le radiazioni nei canali adiacenti. Il filtraggio nel ricevitore riduce il rumore a banda larga e l interferenza dai trasmettitori vicini. Problemi legati alle differenti implementazioni dei costruttori.

6 Misurazioni sul trasmettitore Le misurazioni sul trasmettitore sono tipicamente effettuate alla porta dell antenna. In questo caso la strumentazione di misura è utilizzata come ricevitore ideale. Spesso, però, può essere necessario esaminare il trasmettitore in punti intermedi fra i vari stadi che lo costituiscono.

7 Caratterizzazione del trasmettitore L analisi delle prestazioni di un trasmettitore digitale RF e/o la verifica della sua conformità a normative e/o raccomandazioni in essere prevedono l esecuzione di misurazioni sul segnale trasmesso per poter: stabilire il valore di alcuni parametri sintetici, ed, eventualmente, confrontare lo stesso con limiti imposti; valutare l andamento temporale o la composizione spettrale di alcune grandezze legate al segnale, ed eseguire un confronto con maschere opportunamente prediposte.

8 Domini delle misurazioni Per eseguire le misurazioni necessarie alla caratterizzazione di un trasmettitore digitale RF, occorre disporre di strumentazione di misura capace di operare sul segnale trasmesso in uno dei seguenti domini: dominio del tempo: valutazione dell andamento temporale di una data grandezza; dominio della frequenza: valutazione della composizione spettrale di una data grandezza; dominio della modulazione: valutazione della qualità delle componenti in banda base del segnale trasmesso.

9 Dominio della modulazione Confronto La strumentazione che opera nel dominio della modulazione esegue un confronto tra le componenti in banda base misurate e quelle ideali. Strumento nel dominio della modulazione Trasmettitore sotto Test Demodulatore Componente I misurata Componente Q misurata Recupero simboli Ricostruzione I e Q ideali Il confronto si particolarizza in differenza e/o, correlazione tra le traiettorie nel tempo.

10 Strumentazione disponibile Sistemi di Acquisizione Dati Sono caratterizzati da: estesa banda passante (oltre 10 GHz); elevata frequenza di campionamento in tempo reale (oltre 40 GS/s); grande profondità di memoria; measurement personality per ciascun sistema di comunicazione su cui occorre specializzarsi. Operano essenzialmente nel dominio del tempo.

11 Strumentazione disponibile Analizzatori di Spettro Sono caratterizzati da: ampia regolazione della resolution bandwidth (1Hz-20MHz); modalità zero-span; RMS detector; modalità time-gated; measurement personality per ciascun sistema di comunicazione su cui occorre specializzarsi. Operano essenzialmente nel dominio della frequenza. Possono essere utilizzati come down-converter.

12 Strumentazione disponibile Wattmetri a Radiofrequenza (Power Meter) Eseguono solo misurazioni di potenza media e di picco. Sono dotati di banda (in frequenza) di analisi regolabile, in relazione ai differenti sistemi di comunicazione. Operano nel dominio del tempo.

13 Strumentazione disponibile Analizzatori di segnale vettoriali (VSA) Di recente introduzione. Applicano algoritmi di elaborazione numerica ai campioni del segnale in analisi, preliminarmente convertito a frequenza intermedia. Operano nel dominio del tempo, della frequenza e della modulazione. Coprono in maniera quasi esaustiva tutte le misurazioni necessarie nelle fasi di progettazione, produzione, manutenzione e diagnostica.

14 Limiti strumentazione senza analisi vettoriale Essere spesso vincolata ad un particolare tipo di modulazione e/o tecnologia. Data una modulazione e/o tecnologia, misura, talvolta, un numero limitato di grandezze. Banda in tempo-reale ridotta. Numero di strumenti e/o measurement personalities crescente in relazione al grado di esaustività del processo di qualificazione. Difficoltà nell eseguire misurazioni in presenza di tipologie di modulazione non-standard.

15 Classificazione delle misurazioni Misurazioni in banda Nel canale obiettivo: verificare le prestazioni del trasmettitore in relazione al canale che sta impegnando. Fuori canale obiettivo: verificare l entità dell interferenza prodotta sui canali adiacenti. Misurazione fuori banda obiettivo: evidenziare prodotti di intermodulazione e non linearità del trasmettitore.

16 Misurazioni in banda / nel canale Misurazioni nel dominio del tempo Potenza di inviluppo Potenza di picco (peak envelope power) Potenza media Rapporto potenza di picco-potenza media (PAR) Curve CCDF Frequenza della portante (intrusiva) Misure di temporizzazione

17 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) Potenza di inviluppo definizione: potenza, P(t), del segnale complesso in banda base: P( t) I 2 ( t) Q ( t) strumentazione: VSA, SAD con post-elaborazione (demodulazione inclusa), analizzatori di spettro in modalità zero-span. 2 Tipica potenza di inviluppo di un segnale WCDMA.

18 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) Potenza di picco (peak envelope power) definizione: picco della potenza di inviluppo del segnale RF trasmesso in un prefissato intervallo di tempo; strumentazione: power meter, SAD con post-elaborazione, analizzatore di spettro (zero-span). Potenza media (average envelope power) definizione: media della potenza di inviluppo del segnale RF trasmesso in un prefissato intervallo di tempo; strumentazione: power meter, SAD con post-elaborazione, analizzatore di spettro (zero-span).

19 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) PAR (Peak Average Ratio) definizione: è valutato in senso statistico. È definito come il rapporto tra un valore di potenza del segnale e la sua potenza media in cui il segnale è confinato con un certo intervallo di confidenza; strumentazione: power meter, SAD con post-elaborazione, analizzatore di spettro (zero-span) con post elaborazione.

20 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) Curve CCDF (Complementary Cumulative Distribution Functions) definizione: è la probabilità che la potenza del segnale sia uguale o superiore ad uno specifico PAR, per differenti valori di probabilità e PAR; obiettivo: fornire una descrizione statistica dei livelli di potenza del segnale RF trasmesso; strumentazione: VSA, SAD con post-elaborazione (demodulazione inclusa), analizzatore di spettro in modalità zero-span con post-elaborazione.

21 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) Curve CCDF (Complementary Cumulative Distribution Functions) Più è alto il PAR, più bassa è la probabilità di raggiungerlo. Sono estremamente utili nella progettazione degli amplificatori di potenza del trasmettitore e di altri componenti del sistema di comunicazione.

22 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) Curve CCDF (Complementary Cumulative Distribution Functions) Tipica procedura di valutazione della curva CCDF, nota la potenza di inviluppo del segnale RF trasmesso su un dato intervallo temporale.

23 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) Frequenza della portante definizione: frequenza centrale dello spettro di potenza del segnale RF trasmesso; obiettivo: verificare che il trasmettitore operi alla frequenza nominale; strumentazione: contatore numerico; procedura: misurare la frequenza di una portante non modulata (assenza di informazione, misurazione intrusiva).

24 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) Misure di temporizzazione si riferiscono alla potenza di inviluppo del segnale RF trasmesso ed includono: tempo di salita; tempo di discesa; tempo durante il quale il segnale di potenza è al livello logico alto; tempo durante il quale il segnale di potenza è al livello logico basso; valore di picco; valore medio nello stato logico alto; valore medio nello stato logico basso; duty cycle.

25 Misurazioni in banda / nel canale (dominio del tempo) Misure di temporizzazione obiettivo: verificare il rispetto dei valori limite, necessari a minimizzare le interferenze fra i canali in frequenza e i timeslot quando il segnale passa dal livello logico alto a quello basso e viceversa. strumentazione: VSA, SAD con post-elaborazione (demodulazione inclusa), analizzatore di spettro in modalità zerospan e time-gated con post-elaborazione.

26 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Misurazioni nel dominio della frequenza Larghezza di banda del canale Potenza nel canale Banda occupata Frequenza della portante (non intrusiva)

27 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Larghezza di banda del canale definizione: banda a 3dB dello spettro di potenza del segnale RF trasmesso; obiettivo: rilevare la presenza di uno scostamento significativo della frequenza di simbolo dal suo valore nominale; strumentazione: VSA, analizzatore di spettro.

28 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Larghezza di banda del canale

29 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Larghezza di banda del canale L uso di un filtro formatore con risposta impulsiva di tipo radice di coseno rialzato (root raised cosine) determina una larghezza di banda a -3dB del segnale trasmesso pari circa alla metà della frequenza di simbolo.

30 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Potenza nel canale definizione: potenza media nella banda d interesse (ampiezza nominale del canale) del segnale RF esaminato; integrale della densità spettrale di potenza del segnale RF trasmesso sull intervallo di frequenze coincidente con la banda d interesse; obiettivo: determinare la potenza utile nella trasmissione; strumentazione: VSA, analizzatore di spettro con postelaborazione.

31 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Potenza nel canale

32 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Potenza nel canale La potenza nel canale è un parametro di fondamentale importanza in ogni sistema di comunicazione. Nel caso dei sistemi wireless occorre perseguire la minimizzazione della potenza nel canale nella realizzazione di ciascun collegamento. In questo modo si hanno due benefici fondamentali: l interferenza complessiva del sistema è mantenuta ai valori minimi e la vita delle batterie si allunga. Nei sistemi CDMA, dove l interferenza complessiva è un fattore di limitazione della capacità, il controllo della potenza emessa nel canale dai trasmettitori è un punto critico nella definizione della capacità del sistema, della copertura e della qualità del segnale.

33 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Banda occupata definizione: intervallo di frequenze che contiene una prefissata percentuale (spesso il 99%) della potenza complessiva associata al segnale RF trasmesso; obiettivo: verificare la capacità del trasmettitore di confinare la potenza complessiva del segnale RF trasmesso nella banda di interesse (ampiezza nominale del canale); strumentazione: VSA, analizzatore di spettro con postelaborazione.

34 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Banda occupata

35 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Frequenza della portante definizione: frequenza centrale dello spettro di potenza del segnale RF trasmesso; obiettivo: verificare che il trasmettitore operi alla frequenza nominale; strumentazione: VSA, analizzatore di spettro con postelaborazione; procedura: individuare il valore di soglia f* che divide al 50% la potenza nella banda occupata (presenza di informazione, misurazione non intrusiva).

36 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della frequenza) Frequenza della portante

37 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Vettore errore EVM (Error Vector Magnitude) Ampiezza del vettore errore Fase del vettore errore Errore di ampiezza Errore di fase Offset sui rami I e Q Errori di fase e di frequenza Rho Potenza nel dominio dei codici

38 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Vettore errore importanza: parametro di qualità della modulazione largamente applicato nei sistemi di comunicazione che fanno uso di schemi di modulazione numerica lineare; definizione: differenza in banda base tra segnale misurato e segnale di riferimento (ideale) in un determinato istante di tempo (generalmente un istante di simbolo); entrambi i segnali sono in formato numerico. Il segnale di riferimento è ottenuto estraendo l informazione binaria dal segnale misurato, e ricostruendo, a partire da essa, l andamento che caratterizza, in condizioni ideali, il segnale in banda base dello specifico schema di modulazione adottato dal trasmettitore.

39 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Vettore errore Il vettore errore è una grandezza complessa caratterizzata, quindi, da ampiezza e fase. E importante non creare confusione tra l ampiezza del vettore errore e l errore di ampiezza, oppure tra la fase del vettore errore e l errore di fase. strumentazione: VSA, analizzatore di spettro dotato di specifica measurement personality.

40 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Vettore errore L EVM (Error Vector Magnitude) è, tra le grandezze associate al vettore errore, quella più adottata per descrivere sinteticamente la qualità di uno schema di modulazione numerica lineare. Formalmente l EVM può essere definito nel modo seguente: EVM % P P e ref 100 dove: P e è la potenza media del vettore errore; P ref è la potenza media del segnale di riferimento.

41 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Vettore errore Il vettore errore e le grandezze ad esso associate sono molto sensibili alle alterazioni che può subire il segnale generato dal trasmettitore e che possono condizionare la traiettoria di fase e di ampiezza del segnale stesso. L analisi del vettore errore e delle grandezze ad esso associate, unita a specifiche strategie di test, è un valido strumento diagnostico. Vettori errore di una certa entità, sia in corrispondenza di un simbolo sia della transizione fra due simboli successivi, possono, infatti, derivare da problemi localizzati nella sezione in banda base (generatore I/Q, filtri formatori, modulatore) e/o nelle sezioni IF o RF del trasmettitore (amplificatori intermedi e finali).

42 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Vettore errore Diagramma polare Spettro del vettore errore Ampiezza del vettore errore nel tempo Descrizione sintetica

43 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Offset sui rami I e Q obiettivo: verificare la presenza di carrier feedthrough; definizione: traslazione rigida del diagramma di costellazione di una modulazione numerica lineare rispetto alla sua tipica posizione sul piano I/Q (slittamento del diagramma di costellazione rispetto all origine del piano I/Q); strumentazione: VSA, analizzatore di spettro dotato di specifica measurement personality.

44 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Offset sui rami I e Q

45 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Errori di fase e di frequenza obiettivo: valutare la qualità di modulazioni numeriche non lineari (quali, ad esempio, la modulazione GMSK peculiare del sistema GSM); è generalmente adottata un unica procedura per la valutazione di entrambi gli errori. Errore di fase: fornisce indicazioni su quanto accuratamente l informazione binaria modula la portante RF. Errore di frequenza: fornisce indicazioni su quanto diversa sia la frequenza effettiva della portante RF dal suo valore nominale.

46 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Errore di fase Cause Sezione in banda base Generatore I/Q Filtro formatore Modulatore Sezione a radiofrequenza Amplificatori intermedi e finali Effetti Demodulazione non corretta al ricevitore

47 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Errore di frequenza Cause Effetti Errore costante Frequenza portante diversa da quella nominale Errore non costante Instabilità a breve termine nell oscillatore locale Conversione AM-PM nell amplificatore Indice di modulazione non appropriato (nel caso di modulazioni analogiche) Perdita capacità di aggancio al ricevitore Interferenza con altri utenti

48 Misurazioni in banda / nel canale (dominio della modulazione) Errori di fase e di frequenza Traiettoria di fase misurata Retta ai minimi quadrati Demodulazione Traiettoria di fase ideale Errore di frequenza: Df DT D T D f GSM900 < 90Hz DCS1800 < 180Hz Differenza tra la traiettoria ideale e quella misurata Errore di fase Picco < 20 RMS < 5

49 Misurazioni in banda / fuori canale Misurazioni nel dominio della frequenza ACPR (Adjacent Channel Power Ratio) Segnali spuri

50 Misurazioni in banda / fuori canale (dominio della frequenza) ACPR obiettivo: verificare che durante la trasmissione non occorrano interferenze con i canali adiacenti; definizione: rapporto tra la potenza nel canale adiacente e la potenza nel canale di trasmissione (in frequenza); dove: ACPR P P P AC è la potenza nel canale adiacente; P è la potenza nel canale di trasmissione. AC

51 Misurazioni in banda / fuori canale (dominio della frequenza) ACPR L ACPR può essere misurato con riferimento all upper channel o al lower channel, a seconda se ci si riferisca all intervallo di frequenze rispettivamente superiore o inferiore a quello definito dalla banda di trasmissione. La ricrescita spettrale (spectral regrowth) è un indice di quanto aumenta la potenza nei canali adiacenti (i.e. di quanto maggiore è la fuga di potenza nei canali adiacenti) per uno specifico incremento della potenza nel canale di trasmissione.

52 Misurazioni in banda / fuori canale (dominio della frequenza) Segnali spuri obiettivo: verificare che fenomeni interferenti che interessano la banda del sistema di comunicazione e dovuti a differenti combinazioni dei segnali presenti nel trasmettitore siano al di sotto dei livelli indicati dalla normativa; definizione: ampiezza e posizione in frequenza di emissioni spurie che si manifestano all interno della banda del sistema; strumentazione: analizzatore di spettro.

53 Misurazioni fuori banda Misurazioni nel dominio della frequenza Armoniche Segnali spuri

54 Misurazioni fuori banda (dominio della frequenza) Armoniche obiettivo: verificare l eventuale comportamento non-lineare del trasmettitore e l assenza di interferenza con altri sistemi di comunicazione; definizione: ampiezza di fenomeni interferenti centrati a multipli della frequenza portante del segnale RF trasmesso; strumentazione: analizzatore di spettro.

55 Misurazioni fuori banda (dominio della frequenza) Segnali spuri obiettivo: verificare che fenomeni interferenti che cadono all esterno della banda del sistema di comunicazione e dovuti a differenti combinazioni dei segnali presenti nel trasmettitore siano al di sotto dei livelli indicati dalla normativa; definizione: ampiezza e posizione in frequenza di emissioni spurie che si manifestano all esterno della banda del sistema; strumentazione: analizzatore di spettro.

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI Daniele Andreuccetti Alessandro Gandolfo Mario Monti Nicola Zoppetti Dicembre 2013 NOTA

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca (Ivan Corazza) INDICE Misura intervalli RR battito-a-battito (Giorgio Barletta) Misura della variabilità

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts M. Bigi, M. Jacchia, D. Ponteggia Metodi di misura e di elaborazione del segnale nella riproduzione elettroacustica del suono Rimini, 38

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione.

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione. IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione Cenni storici Filtro di Kalman e filtro di Wiener Formulazione del problema Struttura ricorsiva della soluzione

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO

REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO ATTENZIONE : le operazioni di regolazione dei parametri di funzionamento richiedono molta attenzione. L'autore di queste note non deve essere ritenuto responsabile

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Dispensa per il Corso di Controlli Automatici I Uso del software di calcolo Matlab 4. per lo studio delle risposte nel tempo dei sistemi lineari tempoinvarianti

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775

MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775 MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775 Giancarlo Moda, I7SWX & Nicola Milillo, IZ7ANL Carissimi amici, non so se l esempio d ingresso e in linea con la storiella che intendo

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 (Fonte Ministero Dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Linee guida, relative alla definizione delle modalità con cui gli operatori

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

QUADERNI CORECOM PIEMONTE

QUADERNI CORECOM PIEMONTE ESPOSIZIONE UMANA A RADIOFREQUENZE. STUDIO SULL IMPATTO DELLA TELEFONIA CELLULARE E SULLE MODALITÀ DI UTILIZZO DEL TELEFONINO PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI QUADERNI CORECOM PIEMONTE ESPOSIZIONE UMANA A RADIOFREQUENZE.

Dettagli

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G P

Dettagli