ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE A.A. 2007/2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE A.A. 2007/2008"

Transcript

1 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE A.A. 2007/2008 GRUPPO DI LAVORO: Elena Battaglia Roberta Boncompagni Vanessa Caputo PROFESSORESSA: Paola Olimpia Achard

2 INDICE Indice 2 I. Storia recente 3 II. Ristrutturazione del III. Società del gruppo 6 Postel Spa. 7 SDA express courier Spa. 7 Postecom Spa. 7 Poste vita Spa. 7 BancoPosta fondi Spa. SGR 7 Posteshop Spa. 8 Europa gestioni immobiliari Spa. 8 Poste tutela Spa. 8 Mistral air Srl. 8 IV. Analisi del settore 9 V. Analisi del business 11 VI. Spiegazione dell organigramma 23 VII. Politica di marketing 29 VII.1 Il direct marketing verso le aziende 29 Il Direct Marketing per il consumatore finale 33 Store Traffic - il DM per sostenere il punto vendita 31 Conoscere i clienti per creare valore 31 VII.2 Il marketing relazionale 32 Creare valore con la relazione 33 La relazione come barriera all entrata 33 VII.3 Il database marketing 34 VIII. Il Personale 35 IX. Poste Mobile 37 X. Bibliografia 39 XI. Webgrafia 39 2

3 POSTE ITALIANE I. Storia recente All inizio degli anni 90 tanto la Pubblica Amministrazione quanto il servizio postale italiano erano considerati un pezzo del Paese irrecuperabile rispetto ai principi di efficienza e redditività a causa dell inadeguatezza nell erogazione di servizi essenziali ad un sistema economico e sociale che richiedeva certezza dei tempi, qualità, sicurezza nelle transazioni. Il disavanzo di bilancio era ormai endemico così come l aumento dei costi del personale. La produttività per addetto si era ridotta a discapito della qualità dei servizi erogati: alla fine di ogni anno lo Stato interveniva finanziariamente per ripianare una situazione di deficit sempre più critica. L evidente gap nella qualità dei servizi postali erogati tra gli altri Stati europei ed il nostro Paese, si tradusse ben presto in un intervento di riforma che con il d.l. 487/93, poi convertito in legge 71/94, portò ad una radicale trasformazione di Poste Italiane da Amministrazione Autonoma ad 3

4 Ente Pubblico Economico (Ente Poste Italiane), responsabile della gestione dei servizi postali in ambito nazionale; è stato inoltre previsto un ulteriore passaggio a S.p.A. entro il 1996 (concretizzatosi poi il 28 febbraio 1998), mentre la piena liberalizzazione del settore postale è prevista in ambito UE nel Il processo di trasformazione avviato nel 94 presumeva l adozione nella gestione dell EPI (Ente Poste Italiane) del principio di efficienza produttiva, il recupero della qualità dei servizi e, infine, il risanamento economico e finanziario. Si giunse in questo modo al contenimento graduale del disavanzo, attraverso politiche di riduzione dei costi di produzione (l 80% dei quali era dovuto al personale), un aumento dei ricavi derivanti dalla vendita di servizi alla P.A., un riordino del sistema tariffario, fino a raggiungere nel 2001 un risultato netto positivo. La graduale privatizzazione di Poste permise di intraprendere un nuovo rapporto con lo Stato costruito di fatto sul Contratto di Programma (Obbligo del Servizio Universale) più prossimo a principi aziendali di maggiore autonomia tariffaria e relazioni con il personale meno politicizzato. Il Piano d Impresa dell allora amministratore delegato Corrado Passera realizzò un taglio del personale di unità ( si pensi che nel 1990 si contavano oltre dipendenti mentre attualmente la società ha un organico di circa impiegati). 4

5 II. Ristrutturazione del 2005 Ulteriore progetto di cambiamento della struttura organizzativa a cui si era approdati nel 2002 si ebbe nel giugno 2005; lo scopo era quello di implementare le strategie aziendali per conseguire obiettivi di mercato, margini e qualità tramite due passaggi fondamentali: ricerca di interrelazioni tangibili tra le funzioni aziendali; sviluppo dell integrazione e dell efficacia dei canali commerciali, per valorizzare i potenziali business dei diversi territori. Dal punto di vista della struttura organizzativa, le innovazioni introdotte nel luglio 2005 hanno puntato ai seguenti obiettivi: semplificazione organizzativa, con particolare riguardo ai processi decisionali e di governo, attraverso lo snellimento delle funzioni organizzative; creazioni di servizi condivisi (a livello di corporate) tesi a migliorare il livello di performance dei processi e delle attività di supporto al business; miglioramento del presidio del territorio, grazie ad una maggiore capacità operativa delle funzioni territoriali; innovazione del sistema di offerta, facendo leva sullo sviluppo di prodotti innovativi ad alta potenzialità di mercato. 5

6 III. Società del gruppo Oggi Poste Italiane S.p.A. è una società per azioni il cui capitale è posseduto per il 65% dal Ministero dell Economia e delle Finanze e per il restante 35% dalla Cassa Depositi e Prestiti (trasformata nel 2003 in S.p.A. e partecipata anch essa dal Tesoro per il 70% e dalle Fondazioni bancarie per il restante 30%). La holding è costituita da società con intense interdipendenze di carattere tangibile ed operativo i cui business sono integrati verticalmente in quanto i rispettivi prodotti o servizi appartengono alla medesima filiera tecnicoeconomica. La capogruppo Poste Italiane, oltre a realizzare con il supporto delle proprie strutture centrali le strategie orizzontali, gestisce direttamente più aree di business (servizi postali, finanziari e assicurativi). 6

7 Le principali società del gruppo Poste Italiane Postel S.p.A. Opera nel mercato dei servizi di outsourcing della gestione della corrispondenza destinati in particolare alle Aziende e alla Pubblica Amministrazione. SDA Express Courier S.p.A. Corriere espresso specializzato per le consegne in Italia e all'estero Postecom S.p.A. È la società dedicata all'ideazione, realizzazione e gestione dei servizi Internet e Intranet attraverso il sito di Poste Italiane. Poste Vita S.p.A. Poste Vita è la compagnia assicurativa al 100% di Poste Italiane. BancoPosta Fondi S.p.A. SGR Gestisce il patrimonio dei fondi comuni di investimento di tipo aperto, conformi alla normativa dell'unione Europea e l'amministrazione dei rapporti con i partecipanti. 7

8 PosteShop S.p.A. PosteShop è la società del gruppo che commercializza merchandising di Poste Italiane oltre a prodotti di fornitori esterni. Europa Gestioni Immobiliari S.p.A. La società opera nel settore immobiliare per la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare. Poste Tutela S.p.A. Svolge attività finalizzata a sviluppare, gestire e consolidare il sistema di sicurezza. Mistral Air s.r.l. Società attiva nel trasporto aereo. 8

9 IV. Analisi del settore L analisi del settore riguarda lo scenario/ambiente in cui si trova l azienda. Per comprendere le condizioni dell ambiente competitivo è necessario analizzare le cinque forze competitive di Porter: Intensità della concorrenza nel settore; Minaccia di nuovi entranti nel settore; Competizione indiretta esercitata dai beni e servizi sostitutivi; Potere contrattuale dei fornitori; Potere contrattuale dei acquirenti. In relazione al primo fattore abbiamo una intensità della concorrenza bassa in quanto non esiste nel settore un azienda che svolge la stessa attività; è altrettanto bassa la minaccia dei nuovi entranti date le barriere all entrata poste in essere dall importanza dell azienda stessa. Al contrario la concorrenza dei prodotti e servizi sostitutivi è medio/alta in quanto sono sempre di più le persone che usufruiscono delle potenzialità di internet per svolgere alcune delle operazioni che in passato venivano erogate esclusivamente dalle poste o al massimo dalle banche ottenendo un risparmio in termini di tempo e denaro. Le aziende fornitrici di Poste Italiane riguardano: Hardware; Software; Servizi professionali per il settore IT; Servizi di formazione; Servizi di sondaggio e ricerche di mercato; 9

10 Servizi attività di recapito prodotti postali ed espletamento servizi ausiliari; Servizi attività di consegna, ritiro e trasporto di effetti postali tra strutture di poste italiane, servizi accessori. Esse sono contenute nell albo dei fornitori che è un elenco di imprese qualificate, selezionate in base alle loro capacità potenziali di soddisfare i requisiti di qualità, di solidità economico finanziaria e di competitività richiesti da poste italiane ed hanno un potere contrattuale basso. Infine abbiamo gli acquirenti che hanno un alto potere contrattuale in quanto hanno la capacità di influenzare il comportamento di altri clienti attraverso il passaparola negativo. Possiamo fare un esempio per comprendere meglio questa alta influenza: prendiamo in considerazione il programma televisivo Mi manda Raitre, nel quale sempre più clienti di varie aziende fornitrici di servizi si lamentano su l errata erogazione di una prestazione. La conclusione di questo esempio è che il cliente, lamentandosi, fa una pubblicità negativa a danno dell azienda. Per il cliente è un grande potere. 10

11 V. Analisi del business In riferimento a due specifici business procediamo ad estrapolare i fattori più importanti dell ambiente competitivo ricorrendo alla matrice di Abell che prende in considerazione tre dimensioni: Funzione d uso: il bisogno che il prodotto o servizio intende soddisfare; Tecnologia: il modo di soddisfare il bisogno; Gruppo di clienti: portatori dei bisogni indicati. A queste dimensioni possiamo aggiungerne una quarta: Fattore geografico: il territorio di riferimento. 11

12 Business: lettere Gruppo di clienti Personale addetto Famiglie Anziani Piccole Aziende Funzione d uso Tecnologia Spedizione 12

13 Business: poste web Gruppo di clienti Internet Giovani Professionisti Grandi Aziende Funzione d uso Tecnologia Spedizione 13

14 I due precedenti business sono collegati tra loro in quanto rappresentano l uno l evoluzione dell altro. Si passa dall invio tradizionale a quello tecnologico paragonandoli e confrontando le differenze. Il primo business riguarda l attività tipica (core business) di questa azienda: la spedizione di lettere che avviene attraverso la consegna a casa da parte del persone addetto di Poste. Notiamo che i clienti che ne usufruiscono di più sono rappresentati dalle famiglie e dagli anziani in quanto c è uno scarso utilizzo delle tecnologie informatiche. Ne fanno parte, inoltre, anche le piccole aziende che si avvalgono di Poste per pubblicizzare la propria attività e interagire con i clienti (propri e potenziali). Il secondo business riguarda posteweb: l Ufficio Postale virtuale che consente di inviare via Internet raccomandate, lettere e telegrammi. Poste Italiane provvede a stampare, imbustare e recapitare al destinatario la posta in formato cartaceo che conserverà lo stesso valore della corrispondenza tradizionale. Usufruiscono di questo servizio i giovani, i professionisti e le grandi aziende che sono più propensi all utilizzo di tecnologie informatiche per lo svolgimento delle loro attività ottenendo praticità e risparmio di tempo. Inoltre consente di effettuare dei tagli del personale con conseguente risparmio di denaro legato al non dover sostenere spese di formazione, di aggiornamento e di coordinamento tra il personale Procediamo ora all analisi della catena del valore. Attraverso questa analisi cerchiamo supporti per individuare la migliore strategia (leadership di costo, differenziazione o diversificazione). 14

15 Attività primarie del primo business Logistica Attività Logistica Marketing Servizi in entrata produttive in uscita e vendite Hardware Lettere, Marchio Prodotti pacchi ecc postali Consegna, Analisi di ritiro trasporto e mercato Servizi per il settore IT Servizi formazione di Pubblicità Uffici postali Ricerche di mercato Recapito prodotti postali Attività secondarie del primo business Attività Gestione Sviluppo Approvvigionamenti infrastrutturali risorse della umane tecnologia Contabilità e Addestramento affari legali e retribuzione del personale 15

16 Attività primarie del secondo business Logistica Attività Logistica Marketing Servizi in entrata produttive in uscita e vendite Hardware Lettere, Marchio Posta pacchi ecc raccomandata on line Software Analisi di mercato Posta prioritaria on Servizi per il settore IT Servizi formazione di Ricerche di mercato Recapito prodotti postali Consegna, Pubblicità Rete territoriale line Telegramma on line Post A.R. ritiro e trasporto Attività secondarie del secondo business Attività Gestione Sviluppo Approvvigionamenti infrastrutturali risorse della umane tecnologia Contabilità e Addestramento Innovazione uffici legali e retribuzione di processo del personale 16

17 Da questa analisi abbiamo appreso che la nostra azienda ha attuato una strategia di diversificazione che sviluppa la presenza competitiva in altri business non solo correlati e segmentando la clientela. Si ha diversificazione correlata quando si resta nello stesso settore e non correlata quando ci si sposta in settori diversi. Offre sempre più servizi personalizzati partendo da: prodotti postali: Posta prioritaria; Posta raccomandata; Posta raccomandata 1; Posta assicurata; Posta celere 1 plus; Spedizioni propaganda elettorale. Prodotti banco posta: Conto banco posta; Carte di credito; Carte postepay; Trasferimento fondi; Risparmio e investimenti; Prestiti e mutui; Prodotti assicurativi. 17

18 Altri servizi: Postecert; Certitel; Servizi per gli stranieri; Rilascio e rinnovo passaporti; Notificazione al Garante per la protezione dei dati personali. Per quanto riguarda il marchio di Poste Italiane dobbiamo ricordare che ha un doppio punto di vista: 1. Marchio positivo: c è più fiducia nelle Poste che negli istituti bancari; 2. Marchio negativo: non è un marchio di qualità; quando si pensa alle Poste ci si ricollega alla lentezza e difficoltà con le quali si svolgono le operazioni. 18

19 Presidente Amministratore delegato e Direttore generale Vertice Organi di staff al vertice Direzioni centrali corporate Segreteria organi societari Amministrazione, finanza e controllo Acquisti Internal auditing Tutela aziendale Servizi Centrali Communication & advertising Immobili Pianificazione strategica ICT Risorse umane e organizzazione D I V I S I O N I Corrispondenza Direct marketing Corrispondenza Tradizionale e ibrido Servizi a valore aggiunto (SVA) Prodotti internazionale Espresso, logistica e pacchi Rete territoriale Aree territoriali Filatelia Operazioni logistiche Poli logistici territoriali Recapito BancoPosta Servizi finanziari Postevita Spa Bancoposta Fondi Spa Primo livello Secondo livello 19

20 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Amministrazione finanza e controllo Servizio Amministrazione Servizio Pian. e Contr di gestione Servizio RU Direzione imprese ed Enti Direzione Operazioni Direzione Privati SERVIZI CENTRALI Servizi Centrali Servizio legale Relazioni internazionale Relazioni istituzionali Segreteria Organi statutari 20

21 FUNZIONE ACQUISTI Acquisti Acquisti impianti Acquisti Materiali di consumo Acquisti di servizi Amministrazione e contratti Logistica degli acquisti PIANIFICAZIONE STRATEGICA Pianificazione strategica Controllo e reporting Piano e nuove iniziative Prezzi/costi di trasferimento Procedure e staff tecnico Strategie e mercati INFORMATION COMUNICATION TECNOLOGY Processi e tecnologie Reti di telecomunicazioni Sistemi direzioni centrali Sistemi rete territoriale Sistemi servizi finanziari Sistemi servizi postali 21

22 RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE Risorse Umane Amm.ne del personale Formazione Gestione del personale Relazioni industriali Sviluppo e gestione dirigenti Sviluppo organizzativo RETE TERRITORIALE Rete Territoriale Servizio Amministrativo Servizio processi operativi Servizio Pian. e Controllo Servizio Risorse Umane Direzione Commerciale Direzione recapito Direzione Sportelli Direttori Regionali 22

23 VI. Spiegazione dell organigramma Si tratta tuttora di una struttura divisionale in cui ogni Divisione è responsabile di una SBU che si configura per una gamma di prodotti e servizi omogenei, svolge attività specifiche e può controllare anche società autonome partecipate. L attuale modello organizzativo che assume la centralità del cliente come principio base è caratterizzata da : quattro business unit responsabilizzate sullo sviluppo dei prodotti/servizi di competenza e sulla gestione di parti delle operatività connesse all organizzazione degli stessi; strutture centrali di governo, controllo ed erogazione di servizi a supporto dei processi di business. L attuale presidente è Vittorio Mincato, l amministratore delegato e direttore generale è Massimo Sarmi. Insieme al consiglio di amministrazione (composto da 11 membri) costituiscono il vertice aziendale cioè quelle figure che sono responsabili del governo economico e dei risultati globali dell azienda, esercitano la rappresentanza esterna, decidono la strategia e costituiscono il punto di riferimento per i manager intermedi. Le attività che vengono sottratte all autonomia delle Divisioni vengono concentrate delle direzioni centrali (o di Corporate) e svolte in maniera accentrata per tutta l impresa nel suo complesso. Le strutture centraleìi vengono a caratterizzarsi per una responsabilità primaria rispetto agli output della propria funzione e per una responsabilità contributoria con riferimento agli obiettivi delle strutture operative. 23

24 La condivisione di attività a livello centrale produce lo snellimento delle SBU (divisioni) favorendo una loro maggiore focalizzazione su quelle attività particolarmente critiche e per la competitività. Tra gli organi di staff al vertice troviamo: o segreteria organi societari che ha il compito si svolgere tipiche operazioni di segreteria quali, per esempio, gestione degli impegni; o servizi centrali che si occupa del servizio legale, delle relazioni internazionali e istituzionale e della segreteria degli organi statutari. Tra le Direzioni centrali di Corporate, che definiscono le strategie e svolgono le attività di indirizzo e controllo, incontriamo: o amministrazione, finanza e controllo i cui compiti riguardano il servizio di amministrazione, delle risorse umane e della direzione delle imprese ed enti, delle operazioni e dei privati; o comunication & advertising che si occupa di tutte le operazioni di pubblicità e comunicazioni con i clienti (pubblici e privati); o immobili che ha il compito di gestiree e valorizzare il patrimonio immobiliare; o acquisti che è impegnato nell acquisto degli impianti, dei materiali di consumo e di servizi; o internal auditing che si occupa del controllo interno dell azienda; o pianificazione strategica le cui attività riguardano il controllo e reporting, del piano di nuove iniziative, dei prezzi e costi di trasferimento, delle strategie e dei mercati, delle procedure e dello staff tecnico; 24

25 o ICT che si occupa di tutte quelle operazioni che permettono il trasferimento di informazioni a tutto il personale dell organizzazione attraverso le reti di telecomunicazioni e i sistemi di reti territoriali, servizi finanziari e di servizi postali; o Tutela aziendale che è specializzata nei sistemi di sicurezza e di vigilanza per la protezione dei dati personali e della sicurezza aziendale; o Risorse umane e organizzazione che è impegnata nell amministrazione, formazione e gestione del personale, delle relazioni industriali, dello sviluppo organizzativo e di gestione dei dirigenti. In base all area di business le 4 Divisioni sono: 1. Corrispondenza, che si occupa di: raccolta, smistamento, trasporto e recapito della corrispondenza in aree urbane capoluogo di provincia; sviluppo, regolamentazione e marketing dei prodotti e di comunicazioni elettroniche per la gestione dei centri operativi territoriali. 2. Espresso, logistica e pacchi che si occupa di: raccolta, smistamento, trasporto dei prodotti della Divisione; sviluppo, regolamentazione e marketing dei prodotti. 3. Bancoposta che si occupa di: sviluppo e gestione dei processi amministrativi di BancoPosta; sviluppo e gestione dei sistemi informativi divisionali; sviluppo e marketing dei prodotti e dei servizi. 25

26 4. Filatelia che si occupa di: realizzazione ed emissione delle Carte Valori postali (francobolli); sviluppo delle vendite attraverso gli sportelli filatelici e gestione degli abbonamenti per i collezionisti; sviluppo e realizzazione di iniziative ed eventi promozionali (campagne, esposizioni, ecc). Le prime 3 Divisioni possono essere considerate le principali in quanto vendono i prodotti alle imprese e agli enti attraverso le proprie strutture, mentre i servizi ai privati vengono venduti attraverso la rete di uffici postali, la cui gestione è di competenza di un ulteriore Divisione: la Rete Territoriale, che eroga servizi di Sportello ( vendita e transazioni per i clienti degli uffici postali) e servizi di Recapito (raccolta, distribuzione e recapito della corrispondenza nelle aree non coperte già dalla Divisione Corrispondenza). A differenza delle precedenti questa non sviluppa, se non residualmente, un proprio business autonomo, ma si configura come un business cerniera, in quanto presenta intense interdipendenze con le catene del valore delle altre SBU, delle quali gestisce l erogazione dei servizi ai clienti finali (privati) attraverso gli Uffici territoriali. Accanto a questa nella nuova struttura organizzativa del 2005 è stata introdotta un apposita struttura dedicata alla pianificazione e gestione del processo logistico: la Divisione Operazioni Logistiche. Al secondo livello organizzativo troviamo: o Rete territoriale che si occupa delle varie aree territoriali attraverso i servizi amministrativi, di pianificazione e controllo, dei processi operativi, delle risorse umane e della direzione commerciale, recapito e sportelli regionali; 26

27 o Operazioni logistiche che è impegnata nella gestione dei poli logistici territoriali e del recapito. Ala base delle attività decisionali ed operative dell organizzazione ci sono determinati input: competenze professionali (rispetto delle procedure ed utilizzo delle tecnologie da parte delle risorse umane per rendere possibile un servizio efficiente e tempestivo); sistemi di sicurezza (per la protezione dei dati personali richiesti nell ambito dei servizi finanziari) depositi sistemi di vigilanza infrastrutture, telecomunicazioni e strumenti informatici database informativi movimentazioni finanziarie (flussi di cassa in entrata) ad esempio: Le attività proprie dell organizzazione permettono l erogazione di output specifici per ciascuna divisione: Divisione Corrispondenza: corrispondenza stampe periodiche comunicazioni commerciali comunicazioni elettroniche posta ibrida (prodotta dalla società Postel) 27

28 Divisione Espresso, logistica e pacchi : postacelere pacchi postali corriere espresso nazionale ed internazionale moto recapito urbano servizi logistici per imprese Divisione Bancoposta : incassi e pagamenti, investimento (libretti postali, buoni fruttiferi postali, vaglia nazionale e internazionale, servizio di cambiavalute, ecc) protezione (polizze di PosteVita) Divisione Filatelia : filatelia 28

29 VII. Politica di marketing La politica di marketing adottata dalla nostra azienda è improntata sul DIRECT MARKETING, lo strumento di marketing e di comunicazione che più di ogni altro consente di concentrare gli investimenti sui segmenti che apportano i maggiori profitti e perciò crea maggior valore per l'azienda attraverso la personalizzazione dell'offerta (clientecentrico). La possibilità di intervenire sul cliente giusto al momento giusto - e con il messaggio giusto - permette di allargare la propria base clienti, incrementare il valore degli acquisti per cliente e contenere il tasso di abbandono. Solo parlando in funzione delle sue esigenze individuali è possibile stabilire un solido e duraturo rapporto con il cliente. L'attività di DM offre all'azienda tre principali vantaggi rispetto alle attività di comunicazione su altri canali: o Commercializzazione a costi contenuti; o Consente di superare il trade; o Proposta al mercato personalizzata ed individuale. Il Direct Marketing è un sistema di marketing che si adatta con facilità sia alla vendita alle aziende (Business-to-Business, BtoB) che alla promozione al consumatore finale (Business-to-Consumer, BtoC). VII.1 Il Direct Marketing verso le aziende In diversi casi, il DM costituisce il canale prevalente di comunicazione e di distribuzione di una azienda. Il caso tipico è quello delle aziende di vendita per corrispondenza di prodotti per ufficio (materiali di consumo, hardware e 29

30 software, prodotti editoriali), ma anche convegni e seminari, viaggi e incentive, strumenti per l'aggiornamento professionale e la formazione. In questi ultimi casi, la distribuzione del prodotto oggetto della transazione avviene in modo tradizionale, ma l'intero processo di comunicazione è gestito tramite Direct Marketing. Spesso il Direct Marketing non rappresenta l'attività strategicamente prevalente di comunicazione e di distribuzione, ma viene invece usato per creare una relazione efficiente e profittevole con i clienti meno importanti, la cui gestione attraverso la rete di vendita diretta non sarebbe economicamente conveniente. Un caso tipico è il servizio mediante catalogo e/o call center dei punti vendita marginali, che fatturano troppo poco per rendere conveniente la visita di un agente (bar, parrucchieri, negozi al dettaglio specializzati) e possono essere più profittevolmente gestiti "a distanza" con invio di offerte per posta e raccolta di ordini via telefono. Il Direct Marketing per il consumatore finale L'azienda che usa il DM per vendere direttamente al consumatore finale attiva un canale preferenziale coi clienti che consente diversi vantaggi: controllare direttamente la distribuzione del prodotto eliminando gli altri canali di intermediazione controllare direttamente il prezzo di vendita e i margini creare un mercato più difficilmente raggiungibile dalla concorrenza 30

31 Store Traffic - il DM per sostenere il punto vendita Il Direct Marketing è un potentissimo strumento di comunicazione per generare traffico sul punto vendita, allo scopo di valorizzare iniziative promozionali valide per tutti o riservate a categorie particolari di clienti. La comunicazione personalizzata consente: di contattare soltanto i clienti o i prospect che gravitano sul punto vendita, senza disturbare quelli lontani (utilizzo di strumenti di geomarketing) di gestire in modo razionale l'afflusso all'evento nel caso in cui si prevedano degli appuntamenti con gli specialisti dei prodotti di differenziare l'evento secondo il tipo di cliente, ad esempio riservando giornate speciali ai migliori clienti con vantaggi e situazioni specifiche dedicate a loro. La proposta normalmente riporta un invito a recarsi presso il punto vendita per usufruire di un'offerta riservata, o la presentazione in anteprima di un prodotto. Conoscere i clienti per creare valore Al di là della conoscenza anagrafica, sono preziose tutte le informazioni sui clienti che permettono di analizzare i loro profili, interpretarne i comportamenti, comprenderne le esigenze, prevedere l'evoluzione dei loro bisogni, prevenire il rischio di abbandono Strumento di raccolta e analisi delle informazioni sui clienti è il Database di marketing, che organizza i dati a livello individuale per gestire la conoscenza e la relazione con i clienti su base strettamente individuale. Fare marketing con il database significa attivare un processo di segmentazione - 31

32 cioè la classificazione sintetica dei propri clienti in tipologie omogenee, detti segmenti - per tenere sotto controllo tutte le leve di gestione della base clienti per: 1) Descrivere i bisogni 2) Prevedere i comportamenti 3) Controllare i trend di sviluppo 4) Prevenire l'abbandono 5) Contattare one-to-one per segmenti omogenei VII.2 Il marketing relazionale Il marketing di relazione è una propensione, prima ancora che una tecnica di marketing, per utilizzare tutte le informazioni esistenti all'interno dell'azienda - o reperibili all'esterno - al fine di migliorare e rafforzare la relazione diretta con i propri clienti Il marketing di relazione crea valore per l'azienda attraverso la fidelizzazione dei clienti (loyalty) e l'aumento della spesa per cliente (upselling e cross selling). La relazione con i clienti rappresenta anche una importante barriera all'entrata di nuovi competitor sul proprio parco clienti. Dal punto di vista operativo, il Marketing di relazione si identifica con le procedure di CRM - Customer Relationship Management, l'insieme dei processi di gestione della relazione con i clienti da un punto di vista individuale e personalizzato, partendo dalle informazioni a disposizione per ciascun cliente. 32

33 Creare valore con la relazione Il valore economico di un'azienda è determinato dal numero di clienti, dalle prospettive di fatturato a cliente per unità di tempo, dal periodo totale per cui ci si attende che i clienti rimangano consumatori dell'azienda. Il marketing di relazione può agire su ciascuna di queste variabili che entrano nel calcolo del valore di un'azienda: allargando la base clienti incrementando la quota cliente, ossia quanto delle capacità di spesa del cliente riesco ad indirizzare verso la mia azienda contenendo il tasso di abbandono La relazione come "barriera all'entrata" L'attività di creazione nel tempo della relazione con i clienti è un asset aziendale quantificabile come l'investimento necessario alla concorrenza per sostituirsi nella relazione costruita con i propri clienti. La conoscenza di preferenze e comportamenti dei propri clienti, la possibilità di personalizzare la comunicazione e il servizio - talvolta anche del prodotto fornito -, costituiscono un importante vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti che non conoscono il cliente. Questo vantaggio - la soddisfazione - è la barriera e l'investimento necessario per sostituirsi nella relazione è il suo valore economico. 33

34 VII.3 Il Database Marketing All'interno del marketing relazionale, il Database Marketing si è orientato sempre più verso l'individuazione di segmenti di mercato cui "adattare" in modo personalizzato la proposta di prodotto o servizio (differenziazione), piuttosto che limitarsi alla selezione dei clienti migliori cui proporre un'offerta "data" Il Database Marketing è il marketing database driven, cioè guidato dal possesso di informazioni puntuali e personali sui propri clienti o prospects con i seguenti obiettivi: Selezione dei target Previsione del comportamento Segmentazione/Micromarketing Il Database Marketing è normalmente finalizzato ad azioni di Direct Marketing, che ne rappresenta la modalità operativa più naturale per le sue caratteristiche di approccio personalizzato (one-to-one) e quindi idoneo a sfruttarne tutte le potenzialità. 34

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Il Profilo del Gruppo Poste Italiane Il Gruppo Poste Italiane è una

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1 00Pr_pag_CAROLI_2012 16/07/12 06.44 Pagina VII Prefazione alla quarta edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XVII XXI XXIII XXV Parte I La strategia nel sistema impresa 1 Il sistema

Dettagli

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari Allegato al documento tecnico IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari ELENCO delle FIGURE PROFESSIONALI di RIFERIMENTO N 1 - Tecnico superiore per le operazioni di sportello nel settore dei servizi

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Scenario 1/4. Mercato Privati Area Centro Filiale Cagliari

Scenario 1/4. Mercato Privati Area Centro Filiale Cagliari febbraio 2013 Scenario 1/4 Poste Italiane ha realizzato, nell arco di poco più di un decennio, un profondo processo di rinnovamento innalzando la qualità dei servizi e ampliando la gamma dell offerta.

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Poste Italiane fra innovazione e tradizione

Poste Italiane fra innovazione e tradizione Poste Italiane fra innovazione e tradizione Poste Italiane negli ultimi anni ha avviato un profondo processo di rinnovamento con l obiettivo di innalzare la qualità dei servizi e di ampliare la gamma dell

Dettagli

L automazione dei servizi in Poste Italiane. Roma, aprile 07

L automazione dei servizi in Poste Italiane. Roma, aprile 07 L automazione dei servizi in Poste Italiane Roma, aprile 07 L automazione è diffusa tra i principali player dei servizi finanziari e postali Posizionamento iniziative di automazione Banche e Poste Estere

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione Chi siamo Rete Value è una società di Marketing, Vendite e Rappresentanza, che opera sul Mercato Italiano a supporto di tutte le aziende, imprese, grossi gruppi, banche ed holding commerciali. Nasce dall

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello consolidato

Questionario Costi 2012 a livello consolidato Gruppo in outsourcing (gestione informatica presso una società strumentale interno o esterna al gruppo) - in caso affermativo inserire un SI nella cella Gruppo non in outsourcing (gestione informatica

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Bilancio 2006. Presentazione alla Stampa. Roma, 26 Marzo 2007

Bilancio 2006. Presentazione alla Stampa. Roma, 26 Marzo 2007 Bilancio 2006 Presentazione alla Stampa Roma, 26 Marzo 2007 Agenda Highlights Gruppo Posteitaliane Strategia di Sviluppo 2 Highlights Ricavi totali di Gruppo oltre i 17 miliardi di euro Ricavi delle vendite

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

dossier franchising 2012

dossier franchising 2012 dossier franchising 2012 pag 2 Semplifichiamo il tuo futuro Invoice è l innovativo franchising italiano di call center chiavi in mano. Ogni struttura è dotata di 30 posti operatore per erogare servizi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Presentazione Poste Mobile. giugno 2009

Presentazione Poste Mobile. giugno 2009 Presentazione Poste Mobile giugno 2009 Perché PosteMobile? 2 CERTEZZA Il mercato dei servizi di telefonia mobile in Italia è grande e profittevole INTUIZIONE Esiste la possibilità di creare un nuovo mercato

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

L azienda di fronte all e-business

L azienda di fronte all e-business L azienda di fronte all e-business Opportunità per le imprese Il cambiamento portato dalla Rete produce opportunità e benefici: ma l ottenimento dei risultati positivi è frutto di una revisione degli stili

Dettagli

Piano di sviluppo 2003-2005 Piano di Sviluppo 2003-2005

Piano di sviluppo 2003-2005 Piano di Sviluppo 2003-2005 Piano di Sviluppo 2003-2005 Incontro A.D. con OO. SS. 8 aprile 2003 CONTENUTI DEL DOCUMENTO Piano di sviluppo 2003-2005 - A. Impostazione Strategica - B. Conto economico A.1 Principali obiettivi B.1 Ricavi

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello individuale

Questionario Costi 2012 a livello individuale Attività prevalenti / Linee di business (evidenziare il peso relativo: totale = 100) trading asset management finanza personale banca commerciale e-banking, e-finance banca d'investimento credito al consumo

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

GENIAL OFFICE. srl. ... a supporto delle aziende per migliorare le performance... servizi di business process outsourcing www.genialoffice.

GENIAL OFFICE. srl. ... a supporto delle aziende per migliorare le performance... servizi di business process outsourcing www.genialoffice. ... a supporto delle aziende per migliorare le performance... servizi di business process outsourcing www.genialoffice.eu la società Genial Office ha come mission l erogazione di servizi a supporto dei

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

1 M.E. Porter, Il vantaggio competitivo, Edizioni di Comunità, Milano 1987, pp. 43 e segg.

1 M.E. Porter, Il vantaggio competitivo, Edizioni di Comunità, Milano 1987, pp. 43 e segg. Prof. Carlo Dal Bo Coordinatore Dipartimento di Economia aziendale ISIS Città della Vittoria, Vittorio Veneto (TV) L evoluzione della contabilità industriale Direct costing, full costing e abc Nelle moderne

Dettagli

L unione di più competenze per essere concreti: Il nostro slogan è Esperti di Processi, Non informatici. Il nostro approccio alle aziende:

L unione di più competenze per essere concreti: Il nostro slogan è Esperti di Processi, Non informatici. Il nostro approccio alle aziende: Servizi e Soluzioni Software per le PMI Soluzioni IT Aiutiamo a concretizzare le Vostre idee di Business. Nella mia esperienza oramai ventennale ho compreso come i processi delle imprese spesso non siano

Dettagli

Poste Italiane sceglie Vodafone. E lancia il nuovo sito.

Poste Italiane sceglie Vodafone. E lancia il nuovo sito. Poste Italiane sceglie Vodafone. E lancia il nuovo sito. Di Francesco De Carlo Messo online il: 06/04/2007 (h: 15:04:14) da: admin (2) commenti Aggiungi un tuo commento Questo articolo è stato letto: 477

Dettagli

Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center

Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center Marco Vecchiotti, Account Management Director - Experian Crm Luciano Bruccola, Manager - Experian Scorex ABI, Roma, 14 dicembre

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA. Presentazione Piano Strategico "Poste 2020"

UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA. Presentazione Piano Strategico Poste 2020 UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Presentazione Piano Strategico "Poste 2020" Roma, 16 dicembre 2014 Il piano 2015-2019 Una nuova fase di sviluppo per il Gruppo in un nuovo contesto di mercato e tecnologico

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO PROFESSIONALE E CONTROLLO DI GESTIONE 10 / 04 / 2012 Relatore: Dott. Alberto Manzo

ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO PROFESSIONALE E CONTROLLO DI GESTIONE 10 / 04 / 2012 Relatore: Dott. Alberto Manzo ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO PROFESSIONALE E CONTROLLO DI GESTIONE 10 / 04 / 2012 Relatore: Dott. Alberto Manzo ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO PROFESSIONALE COSA VUOLE DIRE ORGANIZZARE? SI PUO ORGANIZZARE

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Introduzione al Marketing II. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1

Introduzione al Marketing II. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Introduzione al Marketing II Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Livelli di Marketing Marketing Strategico Analisi strategica Segmentazione, Targeting, Posizionamento Marketing Tattico

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Parte Quinta Le Strategie Cliente

Parte Quinta Le Strategie Cliente Parte Quinta Le Strategie Cliente Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà

Dettagli

Impresa: sistema sociale aperto e dinamico. Impiega risorse differenziate (scarse) per

Impresa: sistema sociale aperto e dinamico. Impiega risorse differenziate (scarse) per Impresa: sistema sociale aperto e dinamico Organizzazione economica (Contenuto economico Attività e Obiettivi) Impiega risorse differenziate (scarse) per svolgere processi di acquisizione, produzione di

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE del Mercato Postale Incontro con OO.SS. 6 febbraio 2007

LIBERALIZZAZIONE del Mercato Postale Incontro con OO.SS. 6 febbraio 2007 LIBERALIZZAZIONE del Mercato Postale Incontro con OO.SS. 6 febbraio 2007 Incontro con OO.SS. 6 febbraio 2007 LO SCENARIO di RIFERIMENTO Il Piano di Impresa (2007-2009) Il nuovo CCNL (2007-2010) La piena

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

CARTA QUALITA PLUSERVICE SRL

CARTA QUALITA PLUSERVICE SRL CARTA QUALITA PLUSERVICE SRL MISSION La nostra storia è nel futuro che stiamo costruendo! L obbiettivo di PluService infatti è quella di consolidare una rete di affiliati che si occupino di offrire alla

Dettagli

L approccio modulare al cliente

L approccio modulare al cliente Q A fronte dei bisogni sempre più sofisticati e variegati dei clienti, le banche usano la tecnologia per instaurare, migliorare e creare una relazione più stabile e duratura che tenga conto della necessità

Dettagli

SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE Nell attuale mercato, è sempre più difficile soddisfare i clienti ed instaurare con loro una relazione di lungo periodo. L utilizzo delle tecniche di promozione

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

POSTATARGET CARD POSTEIMPRESA

POSTATARGET CARD POSTEIMPRESA POSTATARGET CARD POSTEIMPRESA EDIZIONE NOVEMBRE 2010 1 INDICE 1 PRODOTTI DI DIRECT MARKETING PER LE IMPRESE... 3 2 POSTA TARGET CARD... 3 3 COSA SPEDIRE... 3 4 COSA NON SPEDIRE... 4 5 VANTAGGI ED APPLICAZIONI...

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

L evoluzione del Canale PMI

L evoluzione del Canale PMI Ente Bilaterale 15 maggio 2007 L evoluzione del Canale PMI Programma formativo per Responsabili Sviluppo PMI Specialisti Sviluppo PMI Premessa A seguito del cambiamento organizzativo che ha interessato

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

L esperienza di Banca Popolare di Milano. Massimo Debidda

L esperienza di Banca Popolare di Milano. Massimo Debidda L esperienza di Banca Popolare di Milano Massimo Debidda Il contesto di riferimento Il Gruppo Bipiemme Linee guida del business Le attese nei confronti dell IT Bipiemme La nostra sfida La chiave per il

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Innovare per competere

Innovare per competere Innovare per competere il ruolo del CRM come elemento di crescita nelle vendite workshop a cura di: Giulia Zaia Veneto Ricerche Customer Relationship Management CRM ovvero gestione delle relazioni con

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli