METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO"

Transcript

1 METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1

2 INDICE DEGLI ARGOMENTI DEFINIZIONE DEL CONTROLLO DI PROGETTO SISTEMA DI CONTROLLO DEL PROGETTO CONTROLLO DELL AVANZAMENTO ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI ANALISI DI PERFORMANCE & STIMA A FINIRE CONTROLLO COSTI METODO TRADIZIONALE METODO DELL EARNED VALUE GESTIONE DELLE CONTINGENCIES CONTROLLO DEL CASH FLOW AZIONI CORRETTIVE CONTROLLO DELLO SCOPO DEL LAVORO REPORTS 2

3 Definizione-Il controllo del progetto Il Controllo di Progetto comprende la definizione degli obiettivi e dei piani operativi di progetto, la rilevazione dello stato del progetto ad una certa data (cut off date o time now), la valutazione di performance attraverso il confronto con la pianificazione iniziale (baseline),la valutazione del forecast e infine l attuazione tempestiva di tutte le necessarie azioni correttive. Il Controllo di Progetto riunisce le funzioni di pianificazione, di monitoraggio e di decisione delle azioni correttive circa tutte le attività di progetto, per garantire il raggiungimento degli obiettivi in termini di tempi, costi e prestazioni tecniche. Questo assicura che il lavoro, eseguito in organizzazioni e luoghi diversi, risulti integrato in termini di contenuto, tempo e costo, per raggiungere efficacemente gli obiettivi del progetto. Sono quindi parte integrante del Controllo di Progetto anche la misura della performance e la gestione di varianti. 3

4 Un efficace controllo di progetto principalmente deve : stabilire un sistema di informazione (reporting) efficace monitorare le prestazioni in date specifiche (time-now analysis) analizzare le effettive deviazioni del programma di progetto predisporre un sistema di autorizzazione del lavoro effettuare stime a finire attraverso l analisi delle tendenze identificare alternative e fare simulazioni ( What-if analysis) sviluppare ed applicare azioni correttive affinare o modificare gli obiettivi di progetto (revisione del programma). Più alta è la frequenza di reporting e più tempestivamente vengono prese le misure correttive appropriate. 4

5 Il Controllo di Progetto non va visto come un intervento meramente fiscale,teso ad individuare il colpevole di ritardi quanto piuttosto come un azione rivolta a quanto si può fare nel periodo di tempo che resta ancora prima della definitiva conclusione dell iter organizzativo al fine di fare rientrare il Progetto entro i limiti temporali ed economici prefissati. 5

6 Il sistema di controllo del progetto Deve essere finalizzato alla gestione anticipata (controllo attivo) delle varianze previste, al fine di intraprendere le opportune azioni correttive Deve permettere un controllo integrato di Tempi e Costi Deve identificare delle metriche, ovvero dei metodi di misura dell avanzamento e delle tendenze al completamento 6

7 Controllo integrato del progetto PIANIFICAZIONE CASH FLOW CONTROLLO COSTI PIANO OPERATIVO PIANO INCASSI/ESBORSI BUDGET OPERATIVO AVANZAMENTO INCASSI / PAGAM. IMPEGNATO RIPROGRAMMAZIONE A FINIRE STIMA A FINIRE STIMA A FINIRE ANALISI INTEGRATA & AZIONI CORRETTIVE 7

8 Il controllo dell avanzamento La valutazione dell avanzamento fotografa lo status del progetto e costituisce lo strumento fondamentale per il calcolo delle previsioni a finire per tutte le fasi di esecuzione del progetto. E calcolato in diversi modi: per le attività di ingegneria per le attività di Approvvigionamento Materiali per le attività di Costruzione e Montaggio per le attività di Commissioning 8

9 Avanzamento fisico E il rapporto tra la quantità di lavoro eseguito e la quantità omogenea di lavoro totale, valutata quest ultima, secondo la miglior stima possibile alla data del controllo(time-now,cut-off date). I valori omogenei possono essere : Quantità fisiche (No. di documenti, Kg. di tubazioni, metri cubi di calcestruzzo, metri di cavi, numero strumenti di linea ecc.) Ore equivalenti di lavoro 9

10 Avanzamento economico Costi: utilizzando questo parametro, l avanzamento prende il nome di economico 10

11 Il controllo di avanzamento dell ingegneria Nella fase d ingegneria le metodologie di pianificazione e controllo fanno riferimento alla produzione di documentazione tecnica, perché quest'ultima costituisce il prodotto fondamentale dell'attività di progettazione. La pianificazione della fase d ingegneria prevede innanzitutto, sulla base degli impegni contrattuali, della struttura dell'impianto da realizzare, delle caratteristiche organizzative dell'azienda, la definizione dell'elenco degli elaborati tecnici da produrre per l'intero progetto ("document list"). La classificazione degli elaborati con riferimento alla struttura dell'impianto e del progetto favorisce una "rappresentazione tecnica" il più possibile completa del prodotto finale. La codifica degli elaborati, comprensiva degli attributi tecnici e della gestione, nella banca dati di progetto, costituisce la base per le successive attività di pianificazione e controllo. 11

12 Il controllo di avanzamento dell ingegneria Gli elaborati tecnici aventi caratteristiche d omogeneità e relativi alla stessa disciplina possono essere raggruppati in Work Package, assegnati ad un unità organizzativa responsabile del loro completamento entro date prefissate. Come già accennato, a ciascun tipo di documento è possibile associare una serie di parametri della gestione standard, quali: articolazione in attività, unità organizzative coinvolte, fabbisogno d ore/uomo, milestones intermedi e relativi valori d avanzamento. Rispetto alla fase di montaggio per la quale è scontato che le diverse attività non richiedano rifacimenti ulteriori ma vengano eseguite in modo definitivo la prima volta la valutazione di avanzamento per la fase di ingegneria risulta in generale più problematica in quanto i singoli elaborati tecnici, soprattutto se caratterizzati da una certa complessità, raggiungono la loro versione definitiva per approssimazioni successive, corrispondenti ad una serie di emissioni progressive. Nel valutare l'avanzamento del singolo documento tecnico è quindi indispensabile fare riferimento alle milestones intermedie raggiunte.( smorfie ) 12

13 Il controllo di avanzamento dell ingegneria Il peso relativo tra diversi gruppi o discipline potrà essere valutato sul totale delle ore equivalenti di lavoro necessario per la produzione di un documento o gruppo di documenti. 13

14 Il controllo di avanzamento dell ingegneria ingegneria- un esempio Documento Peso Relativo di Gruppo % (ore standard) Prima emissione Seconda emissione emissione finale emissione "as built" Totale Avanzamen to Raggiunto % Milestone Gruppo Gruppo Gruppo TOTALE

15 Il controllo di avanzamento dell ingegneria ingegneria- Engineering report Pos. DESCRIPTION Oct. Nov. Dec. Jan. Febr. March April May June R.W Equipment Layouts P 10,0 40,0 80,0 90,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 A P&ID's P 40,0 40,0 80,0 80,0 100,0 100,0 100,0 100,0 A 40 Material requisitions P 50,0 80,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 A 40 P A P A - - TOTAL ENGINEERING P A P A P A P 3,0 28,0 55,0 83,0 92,0 100,0 100,0 100,0 100,0 A 3,0 9,0 50, ,0 40,0 30,0 15

16 Controllo avanzamento approvvigionamenti-procurement - Stato avanzamento RdO e tabulazioni tecniche fornitori - Stato avanzamento Ordini 16

17 Controllo avanzamento approvvigionamenti-procurement L'avanzamento sia della fase d approvvigionamento che d expediting può essere valutato in termini di quantità di materiali rispettivamente ordinati e messi a disposizione del cantiere. Data la difficoltà a trovare in taluni casi un'unica unità di misura fisica atta a considerare materiali con caratteristiche molto eterogenee (si può ad esempio pensare di ricorrere a misure di tipo pondo volumetrico) si possono utilizzare i valori monetari per quanto riguarda gli approvvigionamenti (ad esempio il valore degli ordini emessi fino a una certa data sul valore totale dei materiali da acquistare) e all'equivalente in ore di montaggio per i materiali destinati al cantiere. Quest'ultima misura consente in particolare di stabilire un a correlazione diretta tra l'avanzamento del processo di consegna dei materiali in cantiere e l'avanzamento del processo di montaggio.(attenzione comunque che con l aumentare della quantità ordinata aumentano le ore) 17

18 Controllo avanzamento materiali -Materials Management - Controllo programmi fornitori / expediting (Material Status Report rt ) - Avanzamento Documentazione fornitori - Feed-back su Tempi/Costi 18

19 Controllo di avanzamento dei lavori di Costruzione e Montaggio Per Fasi : come per l ingegneria, si assegna un valore convenzionale di avanzamento ad ogni fase intermedia di esecuzione dei lavori, effettuando sommatorie ponderali Per Quantità Fisiche : dividendo le quantità fisiche installate per il totale Per Ore-uomo equivalenti : considera le Ore-uomo equivalenti alle quantità di lavoro eseguito Ad eventi o (o milestones ): sulla base di un programma concordato, si assegnano delle percentuali ad eventi incontrovertibili, proporzionali al costo relativo 19

20 Controllo avanzamento della Costruzione e Montaggio : Construction and Erection Report Pos. DESCRIPTION Oct. Nov. Dec. Jan. Febr. March April May June R.W Piping Erection P 10,0 30,0 60,0 80,0 100,0 100,0 A 6 Civil Construction Equipment Installation Electrical/Instr. Installatio P Painting Insulation Fire Proofing P P 10,0 P P P 10,0 10,0 30,0 10,0 10,0 20,0 20,0 30,0 50,0 40,0 70,0 100,0 30,0 50,0 80,0 90,0 100,0 40,0 80,0 100,0 100,0 50,0 100,0 70,0 100,0 85,0 100,0 90,0 100,0 A A A A A A ,0 20,0 30,0 10,0 5,0 3,0 2,0 TOTAL CONSTRUCTION P A P 3,0 6,0 11,0 21,0 35,0 58,5 76,8 92,0 100,0 A 3,0 4,5 9,5 14,

21 Il controllo dell avanzamento Totale di Progetto RCE no.: Project Name : Site : Pos. DESCRIPTION Oct. Nov. Dec. Jan. Febr. March April May June R.W ENGINEERING P 3,0 28,0 55,0 83,0 92,0 100,0 100,0 100,0 100,0 A 3,0 9,0 50,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 PROCUREMENT P 4,0 8,0 18,0 34,0 50,0 76,0 94,0 96,0 100,0 A 4,0 6,0 16,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 CONSTRUCTION / INSTALL. P 3,0 6,0 11,0 21,0 36,0 61,0 79,5 93,0 100,0 A 3,0 4,5 11,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 COMMISSIONING P 5,0 10,0 20,0 35,0 50,0 75,0 92,5 95,0 100,0 A 5,0 7,5 17,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 VALIDATION P 8,0 16,0 26,0 38,0 50,0 72,0 88,0 92,0 100,0 A 8,0 12,0 22,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 P 3,7 18,3 36,1 56,9 68,9 85,5 94,4 97,3 100,0 A 3,7 7,7 33, ,0 TOTAL PROJECT 100 ### ### ### ### 21

22 Le curve di avanzamento OVERALL S-Curves & Histograms 12,00 100,00 10,00 80,00 8,00 60,00 6,00 40,00 4,00 2,00 20,00 0,00 ago-06 set-06 ott-06 nov dic gen-07 f eb-07 mar -07 apr -07 mag-07 giu-07 lug-07 ago-07 set-07 ott-07 nov-07 dic-07 gen-08 f eb-08 mar -08 0,00 Month Ear ly 0,00 0,02 0,23 0,55 1,03 4,07 5,17 6,08 6,41 8,50 7,23 8,05 4,68 8,49 9,14 8,31 6,89 6,70 4,56 2,86 Month Actual 0,00 0,02 0,23 0,55 1,19 3,23 5,07 5,92 6,68 7,53 8,67 6,39 2,73 7,27 5,99 Cumm Ear l y 0,00 0,02 0,25 0,79 1,82 5,89 11,07 17,14 23,55 32,06 39,29 47,34 52,02 60,51 69,65 77,96 84,86 91,56 96,12 98,98 Cumm Actual 0,00 0,02 0,25 0,79 1,99 5,22 10,29 16,22 22,89 30,42 39,09 45,48 48,21 55,48 61,47 22

23 Le curve di avanzamento OVERALL ENGINEERING S-Curves & Histograms 20,00 18,00 100,00 16,00 80,00 14,00 12,00 60,00 10,00 8,00 40,00 6,00 4,00 20,00 2,00 0,00 ago-06 set-06 ott-06 nov dic gen-07 f eb-07 mar -07 apr -07 mag-07 giu-07 lug-07 ago-07 set-07 ott-07 nov-07 dic-07 gen-08 f eb-08 mar -08 0,00 Month Ear ly 0,00 0,15 1,18 1,98 3,37 12,98 10,60 13,22 13,55 13,83 8,35 8,01 7,09 4,05 0,88 0,34 0,30 0,13 0,00 0,00 Month Actual 0,00 0,15 1,18 1,98 3,98 10,16 12,20 16,17 12,30 12,26 9,44 6,33 6,10 2,12 1,39 Cumm Ear l y 0,00 0,15 1,33 3,31 6,68 19,66 30,26 43,48 57,03 70,86 79,21 87,21 94,30 98,35 99,23 99,57 99,88 100,00 100,00 100,00 Cumm Actual 0,00 0,15 1,33 3,31 7,30 17,45 29,66 45,83 58,13 70,39 79,83 86,16 92,26 94,38 95,78 23

24 Le curve di avanzamento PROCUREM ENT S-Curves & Histograms 16,00 100,00 14,00 12,00 80,00 10,00 60,00 8,00 6,00 40,00 4,00 20,00 2,00 0,00 ago-06 set-06 ott-06 nov dic gen-07 f eb-07 mar -07 apr -07 mag-07 giu-07 lug-07 ago-07 set-07 ott-07 nov-07 dic-07 gen-08 f eb-08 mar -08 0,00 Month Ear ly 0,00 0,00 0,10 0,50 1,05 4,24 7,17 8,19 8,75 12,40 11,68 12,14 3,99 9,25 9,13 5,91 2,78 2,04 0,65 0,01 Month Actual 0,00 0,00 0,10 0,50 1,19 3,42 6,49 6,99 9,67 11,06 14,17 9,01 2,65 9,41 9,75 Cumm Ear l y 0,00 0,00 0,10 0,60 1,65 5,89 13,05 21,24 30,00 42,40 54,09 66,23 70,22 79,48 88,61 94,52 97,30 99,34 99,99 100,00 Cumm Actual 0,00 0,00 0,10 0,60 1,79 5,20 11,69 18,68 28,35 39,41 53,58 62,60 65,24 74,66 84,41 24

25 Le curve di avanzamento CONSTRUCTION S-Curves & Histograms 18,00 100,00 16,00 14,00 80,00 12,00 10,00 60,00 8,00 40,00 6,00 4,00 20,00 2,00 0,00 mar -07 apr -07 mag-07 giu-07 lug-07 ago-07 set-07 ott-07 nov-07 dic-07 gen-08 f eb-08 mar -08 apr -08 0,00 Month Ear ly 0,00 0,00 0,65 0,39 2,23 4,63 9,31 12,69 15,17 15,59 16,18 12,09 8,16 2,92 Month Actual 0,00 0,00 0,45 0,48 2,67 1,40 6,40 2,60 Cumm Ear l y 0,00 0,00 0,65 1,04 3,27 7,89 17,20 29,89 45,06 60,65 76,83 88,92 97,08 100,00 Cumm Actual 0,00 0,00 0,45 0,93 3,6 5,00 11,40 14,00 25

26 Avanzamento fisico 26

27 Istogramma delle Risorse 27

28 Analisi degli scostamenti & forecast Identificazione delle varianze misurabili (derivate da differenza Actual Vs. Pianificato) Le varianze misurate alla data del controllo (Timenow) e i relativi indici, sia in termini di tempi che di costi, devono essere utilizzate principalmente per l elaborazione dei forecast e le analisi di trend necessarie per l identificazione delle varianze finali previste. 28

29 Il controllo della performance Performance delle Discipline di ingegneria Performance Acquisti ( Pre-Order ) & Materiali (Post Order) Performance dei Lavori di costruzione e montaggio 29

30 Performance dell ingegneria : indici di produttività 30

31 Performance dell Ingegneria : stime a finire Avanzamento fisico effettivo : 51.2 % Avanzamento Ore spese rispetto al Budget : 49.6 % Confrontando i due valori di avanzamento effettivi (Actual) si ottiene l indice di Performance : Avanzamento Ore / Avanzamento fisico : 49.6 / 51.2 = 0.97 che esprime la % di ore spese per ogni punto % di avanzamento fisico. Moltiplicando questo indice x le Ore di preventivo, si ottengono le Ore Finali Previste. Da queste, sottraendo le Ore spese, si ottengono le Ore previste a finire, da utilizzare come base per la ri-programmazione a finire. 31

32 Performance dei Lavori di Costruzione indici di produttività 32

33 Analisi di Performance e stima a finire Esempio : Budget Ore = 800, Ore effettive spese = 378 Produttività cum. = Ore effettive / Ore std. guadagnate = 0,89 da cui si deduce che Ore standard guadagnate = 424 Ore std. a finire = = 376 Essendo la produttività stimata per le ore a finire = 1 Anche le Ore stimate a finire sono 376 Ore Finali Previste = Ore effettive Spese + Stimate a finire = = 754 Varianza Finale Attesa = =

34 Controllo Costi 34

35 Rapporto Costi : esempio aziendale vedi alla fine della presentazione maggiori dettagli sulle definizioni izioni 35

36 Rapporto Costi : metodo dell Earned Value b) BCWS : Costo a budget del lavoro programmato c) BCWP : Costo a budget del lavoro eseguito (earned) d) ACWP : Costo effettivo del lavoro eseguito e) SV = BCWP BCWS : variazione tempi (misurata in costi) f) CV = BCWP ACWP : variazione costi g) BAC : Costo finale di budget h) EAC : Costo finale aggiornato (da ultima stima) i) VAC : BAC-EAC : varianza finale 36

37 Earned Value : curve di controllo 120 Scostamento finale previsto costo in M$ Stima a finire BCWS ACWP ritardo alla data Time now BCWP numero mesi Scostamento alla data Ritardo finale previsto 37

38 Earned Value : indici di performance Cost Performance Index = CPI = BCWP / ACWP Schedule Performance Index = SPI = BCWP / BCWS BC WS AC WP BC WP 38

39 ETC = Stima a finire (Estimate To Complete) EAC = ACWP + (BAC BCWP) / CPI Esempio : Earned Value : stime a finire Dati : BAC = 100, BCWP = 40, ACWP = 50 CPIp = 40/50 = 0.8 EAC = 50 + (100-40) / 0.8 = / 0.8 = 135, VAC = = -35 Se si pensa di eliminare l inefficienza e quindi di lavorare sulla parte rimanente del progetto con un CPIf (futuro) = 1 : EAC = = 110, VAC = =

40 Gestione delle Contingencies di progetto La Contingency è una riserva gestionale che serve per cautelarsi da eventuali imprevisti di costo Ogni utilizzo deve essere registrato e motivato Come per le altre voci di costo, viene continuamente aggiornata la sua previsione a finire La parte non utilizzata, entra a far parte dell utile di progetto : Es : + RICAVI TOTALI (Valore contrattuale del progetto) - COSTI TOTALI (da ultima stima) - CONTINGENCIES = Margine di Contribuzione (Mark-up) 40

41 Controllo del Cash Flow E finalizzato al mantenimento delle condizioni di autofinanziamento del progetto Attenzione alle tendenze di scostamento più che ai valori assoluti E possibile solo in presenza di un reale controllo, sia sui COSTI che sull AVANZAMENTO : INCASSI : da ri-programmazione a finire e da pagamenti contrattuali da Cliente ESBORSI : da ri-programmazione a finire, stima dei costi a finire e pagamenti contrattuali a fornitori e appaltatori 41

42 Le azioni correttive Le azioni correttive sono intraprese sulla parte mancante al completamento del progetto, poiché è su questa che è ancora possibile intervenire (controllo attivo) Le azioni correttive sono finalizzate all assorbimento delle varianze Le stime a finire devono già tener conto delle eventuali azioni correttive che il Project Manager intende intraprendere 42

43 Controllo dello scopo del lavoro La WBS come guida per il controllo della configurazione del progetto Limiti di batteria ( Battery Limits ) di ogni Work Package devono essere ben chiari e definiti In mancanza di un Controllo, lo scope of Work tende naturalmente a espandersi, a causa di : Aspetti non previsti in fase di offerta e preventivazioni Modifiche, miglioramenti tecnologici o nice to have Richieste esplicite da parte del Cliente ( Cambi contrattuali ) 43

44 Gestione di revisioni e modifiche Varianze interne non assorbibili : avvio del processo di revisione e ri-programmazione Varianze esterne : richieste di modifica dello Scope of Work da parte del cliente. In questo caso, è necessario : Valutare tempestivamente l impatto su COSTI e TEMPI Ottenere l approvazione formale e rinegoziare eventuali clausole contrattuali (milestones) Registrare ogni variante 44

45 Reports e frequenza di controllo Definizione dei report che debbono essere utilizzati Monthly Progress Report (MPR) Daily Report Work Progress Report Cost Report Raccolta delle informazioni di avanzamento : curve ad S Distribuzione dei report ad uso interno Distribuzione dei report verso il Cliente 45

46 Progress Summary Report PROJECT EXECUTION PLAN (come riferimento) MONTHLY PROGRESS REPORT PROGRESS CONTROL REPORT COST CONTROL REPORT NARRATIVE : - STATUS INGEGNERIA/ MATERIALI/ COSTRUZIONE - AZIONI FATTE / DA FARE NEL MESE SEGUENTE - PUNTI CRITICI 46

47 ORIGINAL BUDGET-Preventivo Iniziale di Progetto Viene stilato in fase iniziale e si mantiene inalterato lungo tutto l arco di tempo necessario al completamento dello scopo dell opera. Costituisce il termine di raffronto costante rispetto al quale vengono determinati gli scostamenti. In esso sono previsti i ricavi,i costi,e i margini del progetto. Il budget oltre che riepilogativo deve essere ripartito in anni di Esercizio (mensilizzato)-vedi Costo Standard 47

48 TRANSFERS-Trasferimenti Trasferimenti di costo tra una voce di costo all altra che avvengono in fase operativa VARIATION ORDERS-Varianti contrattuali Varianti approvate dal Cliente rispetto allo scopo del lavoro originale,possono essere negative o positive REVISED BUDGET-Preventivo aggiornato di Progetto E il preventivo iniziale modificato a seguito di varianti approvate dal cliente. 48

49 BOOKED/ACCRUED-Consuntivo alla data originato dalla Contabilità industriale Dati a consuntivo originati dalla contabilità suddivisi per voce di spesa COMMITTED- Impegnato alla data Ordini di acquisto materiali di progetto,materiali di consumo,ordini di Subappalto,Consulenza indicano un impegno ESTIMATE TO COMPLETE-Stima a finire Stima dei costi a finire valutati in funzione dell avanzamento e situazioni specifiche di progetto 49

50 PRESENT FORECAST o PROJECTED FINAL COST-Preventivo attuale/aggiornato o Preventivo Operativo Risultante dei costi impegnati più le stime a finire,e la previsione reale dei costi stimati,e cioè il risultato delle azioni correttive del P.M. intraprese durante il ciclo del progetto. OVER/UNDER RUN-Scostamenti Differenza/e tra il Preventivo Operativo ed il Preventivo aggiornato 50

51 BIBLIOGRAFIA IPMA Competence Baseline Edizione 2006 ANIMP (autori vari), "Lezioni di Project Management. Tecniche organizzative, o amministrative e legali", Etaslibri 1992 (*) Archibald R.D., "Project Management - La gestione di progetti e programmi complessi", F.Angeli 1994 Amato R., Chiappi R., "Tecniche di Project Management. Pianificazione azione e controllo dei progetti", F. Angeli Caron F., Gestione dei Progetti d Impiantod Impianto,, CUSL 1997 Cremonesi C., Il controllo di gestione nella produzione su commessa e nelle organizzazioni per progetto,, F. Angeli 1989 Patrone P.D., Piras V., Construction Management Alinea Ed Rossi G., "Project Management. Le tecniche di gestione dei progetti etti - ISEDI Harrison F.L., Advanced Project Management,, Gower 1990 Nepi A. Introduzione al Project Management Guerini & Associati

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Rischi, requisiti e stima di un progetto software

Rischi, requisiti e stima di un progetto software Rischi, requisiti e stima di un progetto software Roberto Meli Abstract Lo scopo di questo lavoro è quello di fornire un contributo pratico a coloro che sono interessati a perseguire il successo di un

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI ANNO ACCADEMICO 2007/2008 MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Brescia MASTER

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Introduzione La complessità e la moltitudine delle realtà competitive che caratterizzano oggi le aziende industriali hanno progressivamente condotto alla ricerca di soluzioni

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Allegato B: modello di presentazione

Allegato B: modello di presentazione Allegato B: modello di presentazione ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Manutenzione TITOLO DELLA SOLUZIONE Gestione integrata della manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE Fores Engineering S.r.l. NR. DI LAVORATORI

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli