Benchmark Supply-chain in collaborazione con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Benchmark Supply-chain 2005. in collaborazione con"

Transcript

1 Benchmark Supply-chain 2005 in collaborazione con 1

2 Il problema della supply-chain DEVERTICALIZZAZIONE CONCENTRAZIONI GLOBALIZZAZIONE NUOVE TECNOLOGIE IT LOGISTICA EFFICIENTE UN PROBLEMA DI COMPLESSITA DI SISTEMA 2

3 Definizione Per supply-chain si intende la globalità di quanto avviene nel produrre e rendere disponibile un prodotto finito o un servizio per assecondare la domanda del mercato, lungo un asse ideale che va dai fornitori dei fornitori ai clienti dei clienti CRITERI di prodotto geografici organizzativi (es. ricambi) 3

4 Il nuovo paradigma velocità informazioni scorte rapidità affidabilità flessibilità bassi costi 4

5 Supply-chain Management Il Supply-chain Management è una filosofia di business orientata a costruire Visibilità Fiducia Integrazione Velocità lungo la filiera con lo scopo ultimo di creare valore per il cliente finale 5

6 Il modello evolutivo della Supply-chain Integrazione si In prog Stadi 6

7 Il modello evolutivo della Supply-chain 1) Livello funzionale Le funzioni dell organizzazione sono focalizzate sul miglioramento dei propri processi e dell utilizzo delle proprie risorse. I manager hanno tipicamente attenzione per i costi e le prestazioni delle funzioni. Le interdipendenze tra funzioni e/o divisioni non sono chiaramente comprese, con il risultato di limitata efficacia della supply-chain 2) Livello dell integrazione interna Sono stati definiti i processi in ottica di azienda o di divisione; le funzioni comprendono i loro ruoli nel contesto dei processi della supply-chain. Ci sono chiare misure della prestazione complessiva (cross-funzionale), e le singole funzioni rispondono di come contribuiscono alla performance complessiva. I fabbisogni di risorse sono individuati attraverso un analisi dei processi dell intera organizzazione. C è un processo strutturato di bilanciamento di domanda e offerta, che include forecasting, pianificazione della produzione e degli approvvigionamenti 7

8 Il modello evolutivo della Supply-chain 3) Livello dell integrazione esterna Le pratiche definite al livello 2) sono estese alle aree di interfaccia con clienti e fornitori. L azienda ha identificato clienti e fornitori strategici, e le informazioni chiave di cui ha bisogno da loro per gestire bene i suoi processi di business. Sono in essere Joint Service Agreements e scorecard; quando la prestazione discende sotto i livelli previsti sono intraprese azioni correttive. 4) Livello dell integrazione strategica Clienti e fornitori lavorano insieme per definire una strategia mutuamente benefica e obiettivi di prestazione monitorati in real-time. L information technology è usata per automatizzare l integrazione dei processi di business attraverso le imprese della filiera, a supporto di una esplicita strategia di supply-chain. 8

9 Profilo evolutivo ottimale 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 4% 90% 3% 80% 4% 35% 10% 2% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 In Programma Si 9

10 Che cosa è un modello di riferimento dei processi? Il modello di riferimento dei processi integra i ben noti concetti di business process reengineering, benchmarking, e misurazione in un unica struttura di riferimento Business Process Reengineering Cattura Cattura lo lo stato stato corrente corrente as as is is e e restituisce restituisce lo lo stato stato desiderato desiderato futuro futuro to to be be Benchmarking Quantifica Quantifica le le prestazioni prestazioni operative operative di di aziende aziende simili simili e e fissa fissa target target interni interni basati basati sui sui risutati risutati dei dei best-in-class best-in-class Best Practices Analysis Caratterizza Caratterizza le le pratiche pratiche gestionali gestionali e e le le migliori migliori soluzioni soluzioni informatuche informatuche che che generano generano le le performance performance dei dei best-in-class best-in-class Process Reference Model Cattura lo stato corrente as is e restituisce lo stato desiderato futuro to be Quantifica le prestazioni operative di aziende simili e fissa target interni basati sui risutati dei best-in-class Caratterizza le pratiche gestionali e le migliori soluzioni informatuche che generano le performance dei bestin-class 10

11 SCOR Model Plan Deliver Source Make Deliver Source Make Deliver Source Make Deliver Source Return Return Return Return Return Return Return Return Suppliers Supplier Supplier Your Company Customer Customer s Customer Internal or External Internal or External SCOR Model Caratteristiche dei mattoncini Processi Best Practice Metrics Information Technolgy 11

12 Supply-Chain Council Il Supply-Chain Council è un organizzazione indipendente, no-profit, globale con associazione aperta a tutte le aziende e organizzazioni interessate ad applicare e migliorare lo stato dell arte dei sistemi e delle metodologie di supply-chain management circa 1000 aziende associate rappresentanze in Australia/Nuova zelanda, Brasile, Europa, Giappone, Nord America, Sud Africa, Sud Est Asia, Cina Il Supply-Chain Council ha sviluppato e sponsorizzato il Supply-Chain Operations Referencemodel (SCOR) come standard per il supply-chain management in ogni settore industriale SCC Member Composition SCC Membership by Region Practitioners Softw are Vendors Consultants Universities/Gov. Orgs/Assns. North America Europe Japan Other 12

13 SCOR Model Definire gli obiettivi di business e misurarne coerentemente le prestazioni; Attivare benchmark; Configurare la supply-chain; Analizzare e misurare i processi chiave della supply-chain; Riprogettare la supply-chain nel rispetto degli obiettivi di business avendo come riferimento le best practice che confluiscono nel modello; Promuovere visibilità, fiducia e collaborazione tra gli attori della supplychain; Creare un linguaggio comune; Costruire tra i vari attori della supply-chain una visione condivisa sulla creazione di valore all interno e all esterno dell impresa; 13

14 I confini dello SCOR Model Il modello SCOR comprende: tutte le interazioni con clienti e fornitori: - dall order-entry al pagamento delle fatture; tutte le transazioni fisiche del materiale: - dai fornitori dei fornitori ai clienti dei clienti, incluso attrezzature, materiali in ingresso, ricambi, prodotti bulk, ecc.; tutte le interazioni con il mercato: - dalla domanda aggregata all evasione di ogni ordine; resi fornitore resi cliente; 14

15 I confini dello SCOR Model Il modello SCOR non comprende: processi amministrativi; sviluppo della tecnologia; processi di progettazione e sviluppo prodotto; alcuni processi di post-vendita; Il modello SCOR assume ma non include esplicitamente: Training; Qualità; Information Technology (se non processi di SCM); 15

16 La SCOR Card - Metrics - Dimensione della prestazione RELIABILITY (Affidabilità di consegna della Supply-chain) RESPONSIVENESS Rapidità della SC FLEXIBILITY Flessibilità della Supply-chain COST OF MGMT Costi di gestione della Supply-chain Definizione La performance della Supply-chain nelle consegne: il prodotto giusto, al posto giusto, nelle giuste, condizioni e imballi, nelle giuste quantità, con la documentazione giusta al cliente giusto. La rapidità con la quale la Supply-chain rende disponibili i prodotti ai clienti L agilità della Supply-chain nel rispondere alle variazioni imposte dal mercato per conseguire o mantenere il vantaggio competitivo Costi associati alla gestione operativa della Supply chain (costi di trasformazione, di trasporto, produttività, scarti, ecc). Livello 1 - Metrics Perfect order fullfillment Order fullfillment Cycle Time Upside SC flexibility Upside SC adaptability Downside SC adaptability Cost of goods sold SC Management Costs ASSETS Efficienza nella gestione degli asset L efficienza di un impresa nella gestione degli asset capitale fisso e circolante finalizzata al raggiungimento della soddisfazione del cliente. Include tutti gli asset: fissi e circolante. Cash-to-cash cycle time Return on SC Fixed Assets 16

17 SCOR Model Livello # Descrizione Schema Note Supply Chain Operations Reference model Top Level (Process Types) Configuration Level (Process Categories) Process Element Level P3.1 Identify, Prioritize, and Aggregate Production Requirements P3.2 Identify, Assess, and Aggregate Production Resources Source Return Balance Production Resources with Production Requirements Plan Make P3.3 P3.4 Establish Detailed Production Plans Deliver Return Il livello 1 definisce l obiettivo della supply-chain dell impresa. Lo SCOR model definisce gli indicatori di performance che misurano le prestazioni della supply chain Il livello 2 è la configurazione delle supply-chain dell impresa attraverso i process categories Il livello 3 è il dettaglio dell analisi dei singoli processi individuati nella supply-chain. Sono quindi definiti per ciascun processo: informazioni di input e output metrics di riferimento Lo SCOR model definisce le best practice di riferimento per ciascun process element che compone il singolo processo. Not in Scope 4 Implementation Level (Decompose Process Elements) Riprogettazione della supply-chain implementando le best practice di riferimento coerenti con strategie e obiettivi dell impresa 17

18 SCOR Project Roadmap Analisi Analisi delle delle basi basi della della competizione competizione Strategia delle Operations Definizione delle supply-chain e delle proposte di valore Misure di performance Supply chain SCORcard Le performance di riferimento, benchmarking, gap analisys Configurazione Configurazione della della supply Supply-chain supply chain Flusso dei materiali AS -IS dei flussi dei materiali (logici e geografici) Analisi delle interruzioni e delle opportunità Strategia della supply-chain e analisi delle best practice TO-BE dei flussi dei materiali (logici e geografici) Coerenza Coerenza tra tra Performance, Performance, Pratiche, Pratiche, sistemi sistemi Informazioni e work flow AS-IS mappa del flusso di lavoro/informazioni Analisi delle transazioni TO-BE mappa del flusso di lavoro/informazioni Lista delle priorità di cambiamento Implementazione Implementazione implementazione Implementazione Organizzazione Tecnologia Processi Persone 18

19 Best Practice nello SCOR Model Process Element: Receive, Enter & Validate Order Process Element Number: D1.2 Process Element Definition Receive orders from the customer and enter them into a company s order processing system. Orders can be received through phone, fax, or electronic media. Technically examine orders to ensure an orderable configuration and provide accurate price. Check the customer s credit. Optionally accept payment. Performance Attributes Metric Reliability None Identified Responsiveness Flexibility Cost Assets Best Practices Electronic Commerce (customer visibility of stock availability, use of hand-held terminals for direct order entry, confirmation, credit approval), On-line stock check and reservation of inventory Enable real-time visibility into backlog, order status, shipments, scheduled material receipts, customer credit history, and current inventory positions Continuous Replenishment Programs; Vendor Managed Inventory, Telemetry to automatically communicate replenishment of chemicals Remote (sales, customers) order entry capability Automatic Multi-level Credit Checking: Dollar Limits; Days Sales Outstanding; Margin Testing Value Pricing based on Cost to Serve ; EDLP; Cost Plus Pricing Receive, Enter and Validate Order Cycle Time Upside Deliver Flexibility Downside Deliver Adaptability Upside Deliver Adaptability Order cost / type of order Order Entry and Maintenance Costs as % of (S+M+D) cost Return on Supply Chain Assets Features EDI applications and integrated order management None Identified Integrated demand/deployment planning to customer location driven by POS; Customer movement data None Identified Integrated Order/Financial Management Activity Based Costing; Integrated Order Management by Customer by Line Item Inputs Plan Source Make Deliver Return (Customer) Customer Order (Customer) Deliver Contract Terms (Customer) Customer Replenish Signal Outputs Plan Source Make Deliver Return 19

20 Perché la ricerca Definire un quadro di riferimento dell applicazione e delle tendenze di sviluppo del Supply-chain management nel contesto industriale italiano; Rispondere all esigenza dei nostri clienti di avere un punto di riferimento oggettivo per misurare i propri gap rispetto ai trend nel Supply-chain management; Offrire un servizio ad alto valore aggiunto alle aziende italiane, definendo lo stato dell arte, individuando le best practice di riferimento, costruendo una base statistica rispetto alla quale misurare lo stadio evolutivo e lo stato di eccellenza della supply-chain; 20

21 Obiettivi della ricerca Individuare lo stadio evolutivo della supply-chain in Italia; Fotografare la realtà della supply-chain, indagando - in termini di trend - l applicazione delle best practice nei processi: Plan Source Make Deliver Stimolare il miglioramento attraverso la restituzione personalizzata ed individuale alle aziende; 21

22 Metodologia della ricerca Messa a punto di un questionario a domande chiuse strutturato in cinque sezioni: anagrafica azienda anagrafica intervistato configurazione supply-chain indicatori di misura delle performance applicazione delle best practice nei processi Caratterizzazione di ogni domanda come appartenente ad un livello evolutivo; Ogni risposta affermativa aumenta il punteggio conseguito dall impresa in quel livello evolutivo; 22

23 Metodologia della ricerca Integrazione 4 4 riferimento 1 si In prog 1 Si In prog Stadi 23

24 Risultati

25 Chi ha risposto Manifatturiere 13% 3% Processo Servizi 83% 15% Fino a 50 M da 51 M a 100 M da 101 M a 250 M Oltre 250 M 30% 26% 25% 21% 26% 36% 6% 12% alta direzione altro area acquisti area logistica area produzione 25

26 Composizione del campione per fatturato 14% Manifatturiere Fino a 50 M da 51 M a 100 M da 101 M a 250 M Oltre 250 M 30% Processo Fino a 50 M da 51 M a 100 M da 101 M a 250 M Oltre 250 M 26% 23% 15% 25% 31% 23% Servizi Fino a 50 M da 101 M a 250 M 33% 6 26

27 Composizione del campione per dipendenti 16% Generale 10% fino a 100 da 101 a 250 da 251 a 1000 oltre % 1 Manifatturiere 8% fino a 100 da 101 a 250 da 251 a 1000 oltre % 30% 45% Processo fino a 100 da 101 a 250 da 251 a % 8% oltre % 38% 27

28 Stato evolutivo generale 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 8% 6% 61% 65% 46% 38% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 In Programma Si 28

29 Stato evolutivo aziende manifatturiere 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 6% 61% 65% 48% 39% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 In Programma Si 29

30 Stato evolutivo aziende di processo 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 8% 62% 63% 8% 38% 25% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 In Programma Si 30

31 Stati evolutivi per fatturato Aziende con fatturato fino a 50 M Aziende con fatturato da 51 M a 100 M 100% 100% 80% 60% 40% 20% 55% 8% 61% 6% 43% 5% 3 80% 60% 40% 20% 10% 62% 8% 64% 8% 4 8% 39% 0% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 0% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Aziende con fatturato da 101 M a 250 M Aziende con fatturato oltre 250 M 100% 100% 80% 60% 40% 20% 59% 6% 63% 48% 8% 40% 80% 60% 40% 20% 5% 73% 4% 78% 5% 4 8% 39% 0% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 0% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Risposte Si ; Risposte In Programma ; 31

32 Stato evolutivo per SCOR Process 100% 90% 80% 70% In Programma Si 60% 50% 8% 9% 40% 30% 20% 54% 52% 69% 49% 10% 0% Processi PLAN Processi SOURCE Processi MAKE Processi DELIVER 32

33 Stato evolutivo per SCOR Process - aziende manifatturiere - 100% 90% 80% 70% 6% In Programma Si 60% 50% 8% 9% 40% 30% 20% 55% 52% 70% 50% 10% 0% Processi PLAN Processi SOURCE Processi MAKE Processi DELIVER 33

34 Stato evolutivo per SCOR Process - aziende di processo - 100% 90% 80% In Programma Si 70% 60% 50% 40% 30% 20% 9% 49% 51% 9% 65% 44% 10% 0% Processi PLAN Processi SOURCE Processi MAKE Processi DELIVER 34

35 Trend dei processi PLAN 1/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Le attività di manutenzione sono concordate con la pianificazione della produzione 85% 5% La progettazione e il sistematico monitoraggio e controllo del livello delle scorte sono uno strumento di gestione aziendale 76% 6% Esistono procedure formalizzate di rimozione dello stock obsoleto 6 8% Si utilizza un modulo di pianificazione MPS 69% 2% La g estio ne d el MPS (Master Pro d uctio n Sched ule) co ns id era i vinco li d i cap acità e d i fornitura a fronte della domanda 62% 8% Esiste un processo integrato di pianificazione di medio-lungo periodo delle attività e delle risorse di progettazione, approvvigionamento, produzione e vendita (Sales & Operations Plan) 59% 9% L'inventario è eseguito con modalità di cycle counting (inventario ciclico) 56% 8% SI Esiste un rapporto di supply-chain collaboration con i fornitori con i quali sono state definite regole integrate di pianificazione, riapprovvigionamento materiali, cambiamento dei piani delle attività 53% 9% In Programma 35

36 Trend dei processi PLAN 2/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Esiste visibilità on-line della domanda e della disponibilità di materiali e di capacità produttiva lungo la sup ply-chain 48% Esiste un software di Demand Planning per analisi dello storico della domanda e generazione delle previsioni d i vendita 45% 9% Il processo di aggregazione della domanda e di generazione delle previsioni è alimentato anche dalla rete distributiva e/o dai clienti 45% 5% Esiste un software di pianificazione avanzata (APS) integrato con il sistema gestionale 30% 16% Il processo di pianificazione ha visibilità sui fornitori per quanto riguarda scorte, piani di produzione e di consegna 35% 9% Esiste un rapporto di supply-chain collaboration con i clienti con i quali sono state definite regole integrate di pianificazione, riapprovvigionamento materiali, cambiamento dei piani delle attività 34% 8% Esiste un software di pianificazione e gestione delle attività della supply chain (es: I2, Manugistic, SAP-APO) che integra l'impresa con gli attori esterni (fornitori, clienti, canali distributivi) 29% 10% SI I fornitori strategici sono coinvolti nell'elaborazione del master plan di progetto (ETO) 26% In Programma 36

37 Trend dei processi SOURCE 1/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% I fornitori vengono selezionati incrociando criteri di competitività con i bisogni del vostro business (affidabilità, flessibilità, reattività, integrabilità ) 84% Esiste un programma di certificazione della qualità dei fornitori 85% 5% Si formulano contratti quadro basati su relazioni di partnership a medio lungo termine 81% 6% Esiste un sistema strutturato di criteri per la valutazione delle performance dei fornitori 75% 11% I piani di consegna delle materie prime e/o dei semilavorati sono definiti in collaborazione con i fornitori 85% 1% L'analisi comparativa delle performance dei fornitori è utilizata per la loro scelta 71% 9% I contratti stipulati con i fornitori comprendono una sezione dedicata alle condizioni del livello di servizio, della flessibilità e della reattività necessaria al business 66% 10% E' tendenza dell'impresa affidare il controllo quantitativo e qualitativo ai fornitori consentendo che le merci entrino in azienda in free pass 60% La disponibilità dei materiali presso i fornitori non è governata da previsioni ma da chiamate di replenishment con logica pull 53% 8% SI Le co nseg ne d ei fo rnito ri s o no b ilanciate nella g io rnata e nei g io rni d ella s ettimana 51% 10% In Programma 37

38 Trend dei processi SOURCE 2/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Sono in uso sistemi di identificazione automatica quali bar-code, RFID (radio-frequency identification) per il materiale in ingresso 33% 21% Esistono dei programmi di sviluppo con i fornitori per incentivarli a investire in nuove tecnologie 39% 10% So no in essere pratiche di consignement stock con i fornito ri 38% 5% Viene utilizzato l'e-procurement per la ricerca e la negoziazione con i fornitori 32% 10% Il sistema di pianificazione dei materiali prendere in conto la disponibilità dei materiali dei fornitori 31% Usate sistemi di comunicazione WEB o EDI con i fornitori (trasmissione e stato di avanzamento degli ordini) 26% 12% I fornitori consegnano il materiale direttamente nel luogo in cui verrà utilizzato 28% 3% Sono in essere pratiche di Vendor Management Inventory con alcuni fornitori 19% 12% SI Sono disponibili sistemi di comunicazione WEB o EDI per il tracking della spedizione da parte dei fornitori 1 In Programma 38

39 Trend dei processi MAKE 1/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100 % I dati dinamici di produzione (giacenze, stato di avanzamento degli ordini, ecc.) sono accurati e aggiornati 91% 4% I dati tecnici (anagarfiche, disegni, distinte base o formule, cicli e tempi di produzione di produzione, ecc.) sono accurati e aggiornati 89% 5% La produzione dispone delle informazioni che le occorrono per operare (piani di produzione, informazioni tecniche) e queste sono adeguatamente standardizzate e strutturate 84% 10% Il coinvolgimento del personale di produzione e il training continuo sono una leva strategica di gestione aziendale 81% 9% Sono in essere programmi di manutenzione preventiva degli impianti 84% 6% Sono in essere programmi di miglioramento continuo del processo per l'individuazione e la riduzione degli sprechi, quali rilavorazioni, scarti, movimentazioni, spostamenti degli operatori, soste del materiale, scorte non giustificate 78% 11% I magazzini sono gestiti con logica FIFO 80% 4% Le performance di produzione sono rapidamente rese visibili a tutto il personale 74% 10% Esistono una mappa delle competenze necessarie per il funzionamento della produzione e un piano strutturato per l'acquisizione e il mantenimento d i tali competenze 6 16% C'è un sistema di raccolta dati di produzione in tempo reale 70% 12% L'uso delle scorte di sicurezza è ben controllato e protegge dalla variabilità delle consegne dei processi a monte e dei consumi 73% 8% La qualità viene controllata dagli stessi operatori che eseguono il processo 7 3% Il lay-out degli impianti produttivi è concepito per minimizzare i percorsi e le movimentazioni dei materiali durante la trasformazione da materia prima a prodotto finito 69% 6% La produzione ha un'organizzazione basata su team a cui sono assegnati espliciti obiettivi di prestazione a livello di sistema 63% 9% 39

40 Trend dei processi MAKE 2/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Sono utilizzate metodologie di riduzione dei tempi di attrezzaggio (SMED - Quick changeover) La progettazione e la produzione si avvalgono di strumenti di integrazione (es. CAD/CAM) Viene utilizzata la progettazione collaborativa con i fornitori La produzione è tirata dalla domanda reale (demand driven production) e non dalle previsioni (in presenza di produzione per magazzino si usano logiche di replenishment) La progettazione del prodotto tiene in considerazione anche gli impatti sul packaging Le non conformità sono misurabili con l'ordine di grandezza delle parti per milione E' utilizzata la tecnica del backflashing per scaricare il materiale al versamento a magazzino del prodottto finito Il prodotto è spedito al cliente direttamente dalla fabbrica, senza soste in magazzini esterni Viene utilizzata la progettazione collaborativa con i clienti 58% 64% 61% 59% 61% 58% 54% 56% 51% 10% 1% 3% 4% 2% 2% 4% 2% 4% Sono in essere programmi di manutenzione predittiva degli impianti All'interno della fabbrica si usa un sistema di tracciatura elettronica dei materiali 40% 35% 9% 11% La progettazione utilizza un Product Data Management La produzione non opera in condizioni di costante e generalizzata sovrasaturazione della capacità produttiva 34% 33% 0% SI In Programma Nel caso di prodotto configurabile si utilizza un configuratore elettronico 26% 0% 40

41 Trend dei processi DELIVER 1/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Il riferimento per tutte le esigenza del cliente è chiaro e univoco 80% 3% La gestione della disponibilità dei materiali è definita da regole ed è condivisa tra manufacturing e commerciale 73% 5% Usate sistemi di comunicazione WEB o EDI con i clienti o con la rete di distribuzione (inserimento ordini e stato di avanzamento) Sono in uso sistemi di identificazione automatica quali bar-code, RFID (radio-frequency identification) per il materiale in uscita Il processo di order-entry prevede il controllo dello stato del credito del cliente 60% 59% 69% 15% 15% 1% E' disponibile in tempo reale la storia del rapporto con il cliente (ordini, reclami, problemi,offerte, pagamenti ) Sono in uso sistemi di comunicazione WEB o EDI con i clienti o con la rete di distribuzione per la d iffusione dei cataloghi e/o dei configuratori co mmerciali Sono utilizzate strutture organizzative quali il customer team che seguono interamente il processo di evasione dell'ordine e qualsiasi forma di relazione con il cliente I processi di offerta e generazione dell'ordine sono integrati 55% 54% 52% 46% 10% 6% 5% La disponibilità dei prodotti presso i clienti non è governata da previsioni ma da chiamate di replenishment 42% Nel caso di prodotto progettato e costruito sulle specifiche del cliente (ETO) sono utilizzate metodologie di project management La rete di vendita utilizza sistemi di mobile sales (palmari, computer connessi al gestionale via web) per l'eventuale configurazione del prodotto, la raccolta e la trasmissione degli ordini 40% 36% 5% SI In Programma 41

42 Trend dei processi DELIVER 2/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Viene utilizzata la funzionalità di Available To Promise (ATP) nella definizione della data di consegna promessa al cliente 38% 5% Le note di spedizione (Advanced Shipping Notices) sono inviate via WEB o EDI per consentire il ricevimento automatico del materiale da parte del cliente 24% 15% Sono in essere pratiche di Consignement Stock con i clienti 32% 6% Esiste un processo di schedulazione delle rotte dei trasporti relativi alle consegne ai clienti 35% 3% Sono disponibili per i clienti e/o per la rete di distribuzione sistemi di comunicazione WEB o EDI per il tracking d ella spedizione 23% 14% Sono in essere pratiche di Vendor Management Inventory (VMI) con alcuni clienti 28% La rete di distribuzione e/o i clienti hanno visibilità sulla disponibilità delle scorte di prodotto 29% 5% Sono in essere partnership (joint service agreement) tra gli attori della supply-chain per fornire un servizio integrato all'utilizzatore del prodotto (es: nell'installazione di software e hardware, il tecnico software è in grado di fornire assistenza sul Viene utilizzata la funzionalità di Capable To Promise (CTP) nella definizione della data di consegna promessa al cliente 25% 26% 6% 5% SI In Programma E' utilizzato un pacchetto di Transportation Management System (TMS) 10% 5% 42

43 Restituzione individuale alle aziende partecipanti Modelli evolutivi a confronto 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 61% 20% 10% 0% Livello 1 2% 81% 65% Livello 2 3% 70% 6% 48% Livello 3 1% 50% 39% Livello 4 2% 30% Stato evolutivo medio (stesso comparto); Stato evolutivo individuale; 43

44 Conclusio ni 44

45 Conclusioni consapevolezza cultura AS IS strategia di SC nuovi processi strumenti percorso implementazione 45

Supply Chain. L assessment della supply-chain delle aziende industriali in Italia. Bruno Carm i n a t i, Federico Borra, G i o rgio Tu rconi

Supply Chain. L assessment della supply-chain delle aziende industriali in Italia. Bruno Carm i n a t i, Federico Borra, G i o rgio Tu rconi S i n t e s i Nel 2005 Festo Consulenza e F o rmazione ha svolto una ricerc a per compre n d e re lo stato evolutivo della gestione della supply-chain nelle aziende industriali in Italia. L analisi dei

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement

Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement Management and System Integration La nostra offerta Smart Media offre il necessario supporto ORGANIZZATIVO, METODOLOGICO ed APPLICATIVO alle aziende che intendono intraprendere un percorso di continuo

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice

Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice Sommario Una catena di fornitura è un network di strutture che acquistano materie

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Sistemi avanzati per la gestione della supply chain: i sistemi advanced planning

Dettagli

Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi

Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi I. Colella Garofalo, G. Rossitti, C. Sirotti, M. Tadini Osservatorio per la Logistica Novarese Novara, 31 Marzo 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) via Rombon,11-20134

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

illustrare il nostro approccio alla realizzazione di processi rapidi, affidabili e produttivi

illustrare il nostro approccio alla realizzazione di processi rapidi, affidabili e produttivi SCHEDA CARMINATI Obiettivi: Inquadrare l importanza dei processi di supply_chain management in un contesto di strategie di crescita sostenibile sul mercato internazionale illustrare il nostro approccio

Dettagli

Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi

Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi ERP: UN MALE NECESSARIO O UN VANTAGGIO PER IL BUSINESS? Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi Roberto Panizzolo Università di Padova Dipartimento di Innovazione Meccanica e Gestionale

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling. JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni Food Processing

JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling. JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni Food Processing JBT Corporation è un gruppo americano, organizzato in due business unit: JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni

Dettagli

Introduzione al Corso

Introduzione al Corso Introduzione al Corso Corso di Gestione delle Operations (modulo del Corso Integrato di Gestione delle Operations e Sistemi Integrati di Produzione) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain Articolo n. 6 - Ottobre 2013 Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain GIUSEPPE LOVECCHIO PREMESSA Oggi si parla tanto di Supply Chain, come se fosse l ultima frontiera per rendere

Dettagli

LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management

LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management IX edizione LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management Workshop a GENNAIO Forum esclusivi Perché formare in logistica Nel giro di 10 anni il comparto varrà dal 15% al

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

4 Servizi e soluzioni

4 Servizi e soluzioni Servizi e soluzioni 4 Ogni azienda, nel senso etimologico del termine, è concepita come un sistema complesso composto da processi interdipendenti e correlati tra loro teso al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM 1 Organizzazione Commerciale Una organizzazione commerciale è responsabile per negoziare le condizioni di vendita e distribuzione di beni e servizi. Rappresenta

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

La configurazione dell offerta commerciale

La configurazione dell offerta commerciale #cloudcpq Torino, 11 giugno 2014 La configurazione dell offerta commerciale Presentazione di Enigen #WhyEnigen Un gruppo di consulenza internazionale, focalizzata sui processi di CRM e front end aziendali

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Sistemi informativi per il track & trace della produzione: dalla generazione degli ordini di produzione alla loro costificazione

Sistemi informativi per il track & trace della produzione: dalla generazione degli ordini di produzione alla loro costificazione MES Manufacturing Execution Systems Definizione Il MES secondo la definizione del MESA International: MES deliver information that enables the optimization of production activities from order launch to

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

1 Marco Bettucci Progettazione e Gestione della Supply Chain - LIUC

1 Marco Bettucci Progettazione e Gestione della Supply Chain - LIUC I sistemi per la gestione della Supply Chain 1 I.T. trend in Logistica Le architetture tt di riferimento i Adattabilità nel tempo e livello di copertura dei fabbisogni rispetto al tempo di progetto ERP

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Esperienza e Innovazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per il miglioramento degli Acquisti e per l integrazione dei Fornitori Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi 1 SISTEMI INFORMATIVI DI INTEGRAZIONE (CENNI)...2 1.1 ERP - ENTERPRISE RESOURCE PLANNING...2 1.2 SCM - SUPPLY-CHAIN MANAGEMENT...4 1.3 KW - KNOWLEDGE MANAGEMENT...5 Pagina 1 di 5 1 Sistemi Informativi

Dettagli

La gestione del magazzino per l e-commerce

La gestione del magazzino per l e-commerce La gestione del magazzino per l e-commerce 1 PRESENTAZIONE 2 IL GRUPPO FRANCESCHELLI GROUP S.P.A. 3 IDENTITA Due Torri è un azienda italiana fondata nel 1974 e che da più 40 anni opera nel business della

Dettagli

SCM Academy Logistica & Supply Chain Management. I contenuti dei corsi Executive

SCM Academy Logistica & Supply Chain Management. I contenuti dei corsi Executive SCM Academy Logistica & Supply Chain Management Le basi della logistica e della gestione della Supply Chain Dalla logistica al supply chain management. La catena logistica e le sue componenti- Logistica

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

La logistica e il commercio elettronico (e-business)

La logistica e il commercio elettronico (e-business) La logistica e il commercio elettronico (e-business) Webbit 2003, Padova andrea.payaro@unipd.it 1 Agenda La logistica Il commercio elettronico e il business elettronico Opportunità e vincoli dei modelli

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

Master SCM Academy Logistica & Supply Chain Management. Programma

Master SCM Academy Logistica & Supply Chain Management. Programma Il programma Master SCM Academy Programma 1. Le basi della logistica e della gestione della Supply Chain 2. Modelli avanzati di Supply Chain Management 3. ABC dell Economia e delle Finanze per il Compratore

Dettagli

L assessment della Supply-Chain

L assessment della Supply-Chain Federico Borra L assessment della Supply-Chain (*) F. Borra, consulente Festo. (1) Definizione del Supply Chain Council. Introduzione Uno dei temi che sta appassionando il dibattito manageriale nella business

Dettagli

Il tuo partner perfetto

Il tuo partner perfetto tecnologico Partner Il tuo partner perfetto Le soluzioni per la supply chain di Avnet I nostri partner 2 Le soluzioni per la supply chain di Avnet Il tuo partner perfetto La tua logistica è in buone mani,

Dettagli

Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale

Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale Andrea Sianesi 17 maggio 2010 L innovazione ICT, una leva strategica per la competitività del sistema Italia I benefici della banda

Dettagli

INDICE. Prefazione... XIII

INDICE. Prefazione... XIII INDICE VII INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO PRIMO IL NUOVO MERCATO (THE NEW MARKET)...1 1. I cambiamenti del mercato...1 2. La concentrazione del potere d acquisto...4 3. La frammentazione dei

Dettagli

INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO

INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO Una logistica di successo Esperienza e competenza nate per garantire l implementazione di una efficiente Supply Chain Execution in mercati competitivi,

Dettagli

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione.

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di un azienda manifatturiera (definizione

Dettagli

CONTESTO AZIENDALE DATI GENERALI. 2 RECEPIMENTO NORMA. 4 TIPOLOGIA DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA. 7 PERFORMANCE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA.

CONTESTO AZIENDALE DATI GENERALI. 2 RECEPIMENTO NORMA. 4 TIPOLOGIA DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA. 7 PERFORMANCE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA. CONTESTO AZIENDALE DATI GENERALI... 2 RECEPIMENTO NORMA... 4 TIPOLOGIA DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA... 7 PERFORMANCE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA... 10 DIMENSIONI AZIENDALI... 12 CONTESTO AZIENDALE DATI

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN EXECUTIVE OPEN PROGRAMS La Divisione Executive Open Programs di MIP disegna ed eroga Programmi a catalogo, ovvero percorsi

Dettagli

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Industriale 1 Capitolo 1 Livelli decisionali nei processi produttivi Simona Sacone - DIST 2 Introduzione Marketing Livello strategico Design Ufficio commerciale

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Information Management Riepilogo 19 marzo 2012

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Information Management Riepilogo 19 marzo 2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Information Management Riepilogo 19 marzo 2012 Forrester Effect Trappole Mancanza di indicatori Definizione

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Dall'ottimizzazione della produzione alla gestione integratadellasupplychain Ing. Giulio Cavitelli Ing. Stefano Garisto Sintesi 2 La gestione della produzione

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Distribution NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Distribution NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Distribution Funzionalità Controllo Magazzino Controllo Acquisti Richieste di Acquisto Contratti di Acquisto Controllo Offerte di Vendita Contratti di Vendita

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... pag. XV ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO

INDICE SOMMARIO. Introduzione... pag. XV ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO Introduzione... pag. XV CAPITOLO I LOGISTICA ED ICT: CONCETTI INTRODUTTIVI ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO 1.1 La definizione ed il ruolo della logistica... pag. 1 1.2 L evoluzione del concetto di logistica...»

Dettagli

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione INNOVAZIONE ED EFFICIENZA DEI PROCESSI DI BUSINESS DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA MANIFATTURIERA Efrem Frigeni ERP Division Manager Brain System Srl

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Un mercato potenziale per le aziende Italiane Giornata RFID tecnologie per l Innovazione

Un mercato potenziale per le aziende Italiane Giornata RFID tecnologie per l Innovazione Un mercato potenziale per le aziende Italiane Agenda RFID Lab potenzialità dell RFID e dell EPC Network nel largo consumo RFID Lab (www.rfidlab.unipr.it) Premessa Attività pluriennali di ricerca nell applicazione

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali KaiZen La cornice per partire: i trend attuali FORZE ESTERNE GLOBALIZZAZIONE Quantità vendute La coda lunga Prodotti Competitività per crescere Modello di business Se funziona è vecchio Prodotto Processi

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica. Bologna, 19/03/2015

DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica. Bologna, 19/03/2015 DIGITAL INDUSTRY 4.0 Le leve per ottimizzare la produttività di fabbrica Bologna, 19/03/2015 Indice La quarta evoluzione industriale Internet of things sul mondo Manufacturing Le leve per ottimizzare la

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DELLE SCORTE

L OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DELLE SCORTE L OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DELLE SCORTE Case study INQUADRAMENTO METODOLOGICO... 2 INQUADRAMENTO TEORICO... 2 OBIETTIVI ED AMBITO DELL ANALISI... 3 RILEVAZIONE DATI... 4 ANALISI DEI DATI... 5 PROPOSTA

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

Premio Innovazione ICT nelle funzioni

Premio Innovazione ICT nelle funzioni Premio Innovazione ICT nelle funzioni Logistica, Operations e Supply Chain Alessandro Perego Ordinario di Logistica e Supply Chain Management School of Management Politecnico di Milano Milano, 21 Ottobre

Dettagli

Un unico modello di Governance per un gruppo industriale all avanguardia. Dott. Riccardo Fava

Un unico modello di Governance per un gruppo industriale all avanguardia. Dott. Riccardo Fava Un unico modello di Governance per un gruppo industriale all avanguardia e Dott. Riccardo Fava Agenda About Altea About Baltur e Fava La Scelta di un ERP internazionale Il Futuro 2 About Altea OLTRE 14

Dettagli

Revisione dei processi in chiave ITIL

Revisione dei processi in chiave ITIL Il Sole 24 Ore S.p.A. pag. 1 Milano, Perché la revisione dei processi in chiave ITIL Esigenza: necessità di interagire in modo strutturato con un fornitore di servizi (Outsourcer) Creazione e gestione

Dettagli

MANUFACTURING MANUFACTURING

MANUFACTURING MANUFACTURING MANUFACTURING MANUFACTURING 1 CRM Produzione Pianificazione EDI /RADIO Business Intelligence Demand Forecasting Ottimizzazione Approvvigionamento CMMS Finanza GESTIONE PROGETTO Assistenza Post-Vendita

Dettagli

Master universitario di I livello in LEAN MANUFACTURING (MULM) (con Corso di Aggiornamento Professionale integrato)

Master universitario di I livello in LEAN MANUFACTURING (MULM) (con Corso di Aggiornamento Professionale integrato) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2008/2009 Master universitario di I livello in LEAN MANUFACTURING (MULM)

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Marco Raimondo WebSphere Business Development, IBM Italia. Tenere sotto costante controllo i processi di business con cruscotti real-time

Marco Raimondo WebSphere Business Development, IBM Italia. Tenere sotto costante controllo i processi di business con cruscotti real-time Marco Raimondo WebSphere Business Development, IBM Italia Tenere sotto costante controllo i processi di business con cruscotti real-time Agenda BAM : una vista sul processo BAM : l inizio del Business

Dettagli

Indice. XIII Introduzione XXI Breve biografia degli autori. 3 Prima parte Le operations come variabili competitive

Indice. XIII Introduzione XXI Breve biografia degli autori. 3 Prima parte Le operations come variabili competitive Indice XIII Introduzione XXI Breve biografia degli autori 3 Prima parte Le operations come variabili competitive 5 Capitolo 1 Strategia e modelli di produzione di Alberto F. De Toni 5 Obiettivi del capitolo

Dettagli

a management consulting company

a management consulting company a management consulting company a management consulting company La società BF Partners S.r.l., fondata dall Ing. Alessandro Bosio e dall Ing. Federico Franchelli, è specializzata nella gestione di progetti

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan Logisan Buyers Rd. Sellers Ln. Non riuscivo a trovare l'auto sportiva dei miei sogni, così l'ho costruita da solo... Ferdinand Porsche Mission Ottimizziamo i processi aziendali che da sempre affliggono

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

L integrazione della Supply Chain tra tecnologia e organizzazione. Matteo de Angelis mda@fischeritalia.it

L integrazione della Supply Chain tra tecnologia e organizzazione. Matteo de Angelis mda@fischeritalia.it Convegno TramagTRAMAG Padova 27 settembre 27 settembre 2002 Fischer 2002 Italia s.r.l. L integrazione della Supply Chain tra tecnologia e organizzazione Matteo de Angelis mda@fischeritalia.it www.fischeritalia.it

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Processi gestionali 1 Informatizzazione per Sistemi Informativi 1. Elaborazione Dati, Automazione Industriale supporto EDP

Dettagli

Alleanze strategiche nelle SC

Alleanze strategiche nelle SC Alleanze strategiche nelle SC Modalità operative per una funzione logistica Attività interne (Gerarchia) Transazioni arm s lenght (Mercato) Forme intermedie Alleanze strategiche nella logistica Third-party

Dettagli