Benchmark Supply-chain in collaborazione con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Benchmark Supply-chain 2005. in collaborazione con"

Transcript

1 Benchmark Supply-chain 2005 in collaborazione con 1

2 Il problema della supply-chain DEVERTICALIZZAZIONE CONCENTRAZIONI GLOBALIZZAZIONE NUOVE TECNOLOGIE IT LOGISTICA EFFICIENTE UN PROBLEMA DI COMPLESSITA DI SISTEMA 2

3 Definizione Per supply-chain si intende la globalità di quanto avviene nel produrre e rendere disponibile un prodotto finito o un servizio per assecondare la domanda del mercato, lungo un asse ideale che va dai fornitori dei fornitori ai clienti dei clienti CRITERI di prodotto geografici organizzativi (es. ricambi) 3

4 Il nuovo paradigma velocità informazioni scorte rapidità affidabilità flessibilità bassi costi 4

5 Supply-chain Management Il Supply-chain Management è una filosofia di business orientata a costruire Visibilità Fiducia Integrazione Velocità lungo la filiera con lo scopo ultimo di creare valore per il cliente finale 5

6 Il modello evolutivo della Supply-chain Integrazione si In prog Stadi 6

7 Il modello evolutivo della Supply-chain 1) Livello funzionale Le funzioni dell organizzazione sono focalizzate sul miglioramento dei propri processi e dell utilizzo delle proprie risorse. I manager hanno tipicamente attenzione per i costi e le prestazioni delle funzioni. Le interdipendenze tra funzioni e/o divisioni non sono chiaramente comprese, con il risultato di limitata efficacia della supply-chain 2) Livello dell integrazione interna Sono stati definiti i processi in ottica di azienda o di divisione; le funzioni comprendono i loro ruoli nel contesto dei processi della supply-chain. Ci sono chiare misure della prestazione complessiva (cross-funzionale), e le singole funzioni rispondono di come contribuiscono alla performance complessiva. I fabbisogni di risorse sono individuati attraverso un analisi dei processi dell intera organizzazione. C è un processo strutturato di bilanciamento di domanda e offerta, che include forecasting, pianificazione della produzione e degli approvvigionamenti 7

8 Il modello evolutivo della Supply-chain 3) Livello dell integrazione esterna Le pratiche definite al livello 2) sono estese alle aree di interfaccia con clienti e fornitori. L azienda ha identificato clienti e fornitori strategici, e le informazioni chiave di cui ha bisogno da loro per gestire bene i suoi processi di business. Sono in essere Joint Service Agreements e scorecard; quando la prestazione discende sotto i livelli previsti sono intraprese azioni correttive. 4) Livello dell integrazione strategica Clienti e fornitori lavorano insieme per definire una strategia mutuamente benefica e obiettivi di prestazione monitorati in real-time. L information technology è usata per automatizzare l integrazione dei processi di business attraverso le imprese della filiera, a supporto di una esplicita strategia di supply-chain. 8

9 Profilo evolutivo ottimale 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 4% 90% 3% 80% 4% 35% 10% 2% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 In Programma Si 9

10 Che cosa è un modello di riferimento dei processi? Il modello di riferimento dei processi integra i ben noti concetti di business process reengineering, benchmarking, e misurazione in un unica struttura di riferimento Business Process Reengineering Cattura Cattura lo lo stato stato corrente corrente as as is is e e restituisce restituisce lo lo stato stato desiderato desiderato futuro futuro to to be be Benchmarking Quantifica Quantifica le le prestazioni prestazioni operative operative di di aziende aziende simili simili e e fissa fissa target target interni interni basati basati sui sui risutati risutati dei dei best-in-class best-in-class Best Practices Analysis Caratterizza Caratterizza le le pratiche pratiche gestionali gestionali e e le le migliori migliori soluzioni soluzioni informatuche informatuche che che generano generano le le performance performance dei dei best-in-class best-in-class Process Reference Model Cattura lo stato corrente as is e restituisce lo stato desiderato futuro to be Quantifica le prestazioni operative di aziende simili e fissa target interni basati sui risutati dei best-in-class Caratterizza le pratiche gestionali e le migliori soluzioni informatuche che generano le performance dei bestin-class 10

11 SCOR Model Plan Deliver Source Make Deliver Source Make Deliver Source Make Deliver Source Return Return Return Return Return Return Return Return Suppliers Supplier Supplier Your Company Customer Customer s Customer Internal or External Internal or External SCOR Model Caratteristiche dei mattoncini Processi Best Practice Metrics Information Technolgy 11

12 Supply-Chain Council Il Supply-Chain Council è un organizzazione indipendente, no-profit, globale con associazione aperta a tutte le aziende e organizzazioni interessate ad applicare e migliorare lo stato dell arte dei sistemi e delle metodologie di supply-chain management circa 1000 aziende associate rappresentanze in Australia/Nuova zelanda, Brasile, Europa, Giappone, Nord America, Sud Africa, Sud Est Asia, Cina Il Supply-Chain Council ha sviluppato e sponsorizzato il Supply-Chain Operations Referencemodel (SCOR) come standard per il supply-chain management in ogni settore industriale SCC Member Composition SCC Membership by Region Practitioners Softw are Vendors Consultants Universities/Gov. Orgs/Assns. North America Europe Japan Other 12

13 SCOR Model Definire gli obiettivi di business e misurarne coerentemente le prestazioni; Attivare benchmark; Configurare la supply-chain; Analizzare e misurare i processi chiave della supply-chain; Riprogettare la supply-chain nel rispetto degli obiettivi di business avendo come riferimento le best practice che confluiscono nel modello; Promuovere visibilità, fiducia e collaborazione tra gli attori della supplychain; Creare un linguaggio comune; Costruire tra i vari attori della supply-chain una visione condivisa sulla creazione di valore all interno e all esterno dell impresa; 13

14 I confini dello SCOR Model Il modello SCOR comprende: tutte le interazioni con clienti e fornitori: - dall order-entry al pagamento delle fatture; tutte le transazioni fisiche del materiale: - dai fornitori dei fornitori ai clienti dei clienti, incluso attrezzature, materiali in ingresso, ricambi, prodotti bulk, ecc.; tutte le interazioni con il mercato: - dalla domanda aggregata all evasione di ogni ordine; resi fornitore resi cliente; 14

15 I confini dello SCOR Model Il modello SCOR non comprende: processi amministrativi; sviluppo della tecnologia; processi di progettazione e sviluppo prodotto; alcuni processi di post-vendita; Il modello SCOR assume ma non include esplicitamente: Training; Qualità; Information Technology (se non processi di SCM); 15

16 La SCOR Card - Metrics - Dimensione della prestazione RELIABILITY (Affidabilità di consegna della Supply-chain) RESPONSIVENESS Rapidità della SC FLEXIBILITY Flessibilità della Supply-chain COST OF MGMT Costi di gestione della Supply-chain Definizione La performance della Supply-chain nelle consegne: il prodotto giusto, al posto giusto, nelle giuste, condizioni e imballi, nelle giuste quantità, con la documentazione giusta al cliente giusto. La rapidità con la quale la Supply-chain rende disponibili i prodotti ai clienti L agilità della Supply-chain nel rispondere alle variazioni imposte dal mercato per conseguire o mantenere il vantaggio competitivo Costi associati alla gestione operativa della Supply chain (costi di trasformazione, di trasporto, produttività, scarti, ecc). Livello 1 - Metrics Perfect order fullfillment Order fullfillment Cycle Time Upside SC flexibility Upside SC adaptability Downside SC adaptability Cost of goods sold SC Management Costs ASSETS Efficienza nella gestione degli asset L efficienza di un impresa nella gestione degli asset capitale fisso e circolante finalizzata al raggiungimento della soddisfazione del cliente. Include tutti gli asset: fissi e circolante. Cash-to-cash cycle time Return on SC Fixed Assets 16

17 SCOR Model Livello # Descrizione Schema Note Supply Chain Operations Reference model Top Level (Process Types) Configuration Level (Process Categories) Process Element Level P3.1 Identify, Prioritize, and Aggregate Production Requirements P3.2 Identify, Assess, and Aggregate Production Resources Source Return Balance Production Resources with Production Requirements Plan Make P3.3 P3.4 Establish Detailed Production Plans Deliver Return Il livello 1 definisce l obiettivo della supply-chain dell impresa. Lo SCOR model definisce gli indicatori di performance che misurano le prestazioni della supply chain Il livello 2 è la configurazione delle supply-chain dell impresa attraverso i process categories Il livello 3 è il dettaglio dell analisi dei singoli processi individuati nella supply-chain. Sono quindi definiti per ciascun processo: informazioni di input e output metrics di riferimento Lo SCOR model definisce le best practice di riferimento per ciascun process element che compone il singolo processo. Not in Scope 4 Implementation Level (Decompose Process Elements) Riprogettazione della supply-chain implementando le best practice di riferimento coerenti con strategie e obiettivi dell impresa 17

18 SCOR Project Roadmap Analisi Analisi delle delle basi basi della della competizione competizione Strategia delle Operations Definizione delle supply-chain e delle proposte di valore Misure di performance Supply chain SCORcard Le performance di riferimento, benchmarking, gap analisys Configurazione Configurazione della della supply Supply-chain supply chain Flusso dei materiali AS -IS dei flussi dei materiali (logici e geografici) Analisi delle interruzioni e delle opportunità Strategia della supply-chain e analisi delle best practice TO-BE dei flussi dei materiali (logici e geografici) Coerenza Coerenza tra tra Performance, Performance, Pratiche, Pratiche, sistemi sistemi Informazioni e work flow AS-IS mappa del flusso di lavoro/informazioni Analisi delle transazioni TO-BE mappa del flusso di lavoro/informazioni Lista delle priorità di cambiamento Implementazione Implementazione implementazione Implementazione Organizzazione Tecnologia Processi Persone 18

19 Best Practice nello SCOR Model Process Element: Receive, Enter & Validate Order Process Element Number: D1.2 Process Element Definition Receive orders from the customer and enter them into a company s order processing system. Orders can be received through phone, fax, or electronic media. Technically examine orders to ensure an orderable configuration and provide accurate price. Check the customer s credit. Optionally accept payment. Performance Attributes Metric Reliability None Identified Responsiveness Flexibility Cost Assets Best Practices Electronic Commerce (customer visibility of stock availability, use of hand-held terminals for direct order entry, confirmation, credit approval), On-line stock check and reservation of inventory Enable real-time visibility into backlog, order status, shipments, scheduled material receipts, customer credit history, and current inventory positions Continuous Replenishment Programs; Vendor Managed Inventory, Telemetry to automatically communicate replenishment of chemicals Remote (sales, customers) order entry capability Automatic Multi-level Credit Checking: Dollar Limits; Days Sales Outstanding; Margin Testing Value Pricing based on Cost to Serve ; EDLP; Cost Plus Pricing Receive, Enter and Validate Order Cycle Time Upside Deliver Flexibility Downside Deliver Adaptability Upside Deliver Adaptability Order cost / type of order Order Entry and Maintenance Costs as % of (S+M+D) cost Return on Supply Chain Assets Features EDI applications and integrated order management None Identified Integrated demand/deployment planning to customer location driven by POS; Customer movement data None Identified Integrated Order/Financial Management Activity Based Costing; Integrated Order Management by Customer by Line Item Inputs Plan Source Make Deliver Return (Customer) Customer Order (Customer) Deliver Contract Terms (Customer) Customer Replenish Signal Outputs Plan Source Make Deliver Return 19

20 Perché la ricerca Definire un quadro di riferimento dell applicazione e delle tendenze di sviluppo del Supply-chain management nel contesto industriale italiano; Rispondere all esigenza dei nostri clienti di avere un punto di riferimento oggettivo per misurare i propri gap rispetto ai trend nel Supply-chain management; Offrire un servizio ad alto valore aggiunto alle aziende italiane, definendo lo stato dell arte, individuando le best practice di riferimento, costruendo una base statistica rispetto alla quale misurare lo stadio evolutivo e lo stato di eccellenza della supply-chain; 20

21 Obiettivi della ricerca Individuare lo stadio evolutivo della supply-chain in Italia; Fotografare la realtà della supply-chain, indagando - in termini di trend - l applicazione delle best practice nei processi: Plan Source Make Deliver Stimolare il miglioramento attraverso la restituzione personalizzata ed individuale alle aziende; 21

22 Metodologia della ricerca Messa a punto di un questionario a domande chiuse strutturato in cinque sezioni: anagrafica azienda anagrafica intervistato configurazione supply-chain indicatori di misura delle performance applicazione delle best practice nei processi Caratterizzazione di ogni domanda come appartenente ad un livello evolutivo; Ogni risposta affermativa aumenta il punteggio conseguito dall impresa in quel livello evolutivo; 22

23 Metodologia della ricerca Integrazione 4 4 riferimento 1 si In prog 1 Si In prog Stadi 23

24 Risultati

25 Chi ha risposto Manifatturiere 13% 3% Processo Servizi 83% 15% Fino a 50 M da 51 M a 100 M da 101 M a 250 M Oltre 250 M 30% 26% 25% 21% 26% 36% 6% 12% alta direzione altro area acquisti area logistica area produzione 25

26 Composizione del campione per fatturato 14% Manifatturiere Fino a 50 M da 51 M a 100 M da 101 M a 250 M Oltre 250 M 30% Processo Fino a 50 M da 51 M a 100 M da 101 M a 250 M Oltre 250 M 26% 23% 15% 25% 31% 23% Servizi Fino a 50 M da 101 M a 250 M 33% 6 26

27 Composizione del campione per dipendenti 16% Generale 10% fino a 100 da 101 a 250 da 251 a 1000 oltre % 1 Manifatturiere 8% fino a 100 da 101 a 250 da 251 a 1000 oltre % 30% 45% Processo fino a 100 da 101 a 250 da 251 a % 8% oltre % 38% 27

28 Stato evolutivo generale 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 8% 6% 61% 65% 46% 38% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 In Programma Si 28

29 Stato evolutivo aziende manifatturiere 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 6% 61% 65% 48% 39% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 In Programma Si 29

30 Stato evolutivo aziende di processo 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 8% 62% 63% 8% 38% 25% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 In Programma Si 30

31 Stati evolutivi per fatturato Aziende con fatturato fino a 50 M Aziende con fatturato da 51 M a 100 M 100% 100% 80% 60% 40% 20% 55% 8% 61% 6% 43% 5% 3 80% 60% 40% 20% 10% 62% 8% 64% 8% 4 8% 39% 0% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 0% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Aziende con fatturato da 101 M a 250 M Aziende con fatturato oltre 250 M 100% 100% 80% 60% 40% 20% 59% 6% 63% 48% 8% 40% 80% 60% 40% 20% 5% 73% 4% 78% 5% 4 8% 39% 0% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 0% Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Risposte Si ; Risposte In Programma ; 31

32 Stato evolutivo per SCOR Process 100% 90% 80% 70% In Programma Si 60% 50% 8% 9% 40% 30% 20% 54% 52% 69% 49% 10% 0% Processi PLAN Processi SOURCE Processi MAKE Processi DELIVER 32

33 Stato evolutivo per SCOR Process - aziende manifatturiere - 100% 90% 80% 70% 6% In Programma Si 60% 50% 8% 9% 40% 30% 20% 55% 52% 70% 50% 10% 0% Processi PLAN Processi SOURCE Processi MAKE Processi DELIVER 33

34 Stato evolutivo per SCOR Process - aziende di processo - 100% 90% 80% In Programma Si 70% 60% 50% 40% 30% 20% 9% 49% 51% 9% 65% 44% 10% 0% Processi PLAN Processi SOURCE Processi MAKE Processi DELIVER 34

35 Trend dei processi PLAN 1/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Le attività di manutenzione sono concordate con la pianificazione della produzione 85% 5% La progettazione e il sistematico monitoraggio e controllo del livello delle scorte sono uno strumento di gestione aziendale 76% 6% Esistono procedure formalizzate di rimozione dello stock obsoleto 6 8% Si utilizza un modulo di pianificazione MPS 69% 2% La g estio ne d el MPS (Master Pro d uctio n Sched ule) co ns id era i vinco li d i cap acità e d i fornitura a fronte della domanda 62% 8% Esiste un processo integrato di pianificazione di medio-lungo periodo delle attività e delle risorse di progettazione, approvvigionamento, produzione e vendita (Sales & Operations Plan) 59% 9% L'inventario è eseguito con modalità di cycle counting (inventario ciclico) 56% 8% SI Esiste un rapporto di supply-chain collaboration con i fornitori con i quali sono state definite regole integrate di pianificazione, riapprovvigionamento materiali, cambiamento dei piani delle attività 53% 9% In Programma 35

36 Trend dei processi PLAN 2/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Esiste visibilità on-line della domanda e della disponibilità di materiali e di capacità produttiva lungo la sup ply-chain 48% Esiste un software di Demand Planning per analisi dello storico della domanda e generazione delle previsioni d i vendita 45% 9% Il processo di aggregazione della domanda e di generazione delle previsioni è alimentato anche dalla rete distributiva e/o dai clienti 45% 5% Esiste un software di pianificazione avanzata (APS) integrato con il sistema gestionale 30% 16% Il processo di pianificazione ha visibilità sui fornitori per quanto riguarda scorte, piani di produzione e di consegna 35% 9% Esiste un rapporto di supply-chain collaboration con i clienti con i quali sono state definite regole integrate di pianificazione, riapprovvigionamento materiali, cambiamento dei piani delle attività 34% 8% Esiste un software di pianificazione e gestione delle attività della supply chain (es: I2, Manugistic, SAP-APO) che integra l'impresa con gli attori esterni (fornitori, clienti, canali distributivi) 29% 10% SI I fornitori strategici sono coinvolti nell'elaborazione del master plan di progetto (ETO) 26% In Programma 36

37 Trend dei processi SOURCE 1/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% I fornitori vengono selezionati incrociando criteri di competitività con i bisogni del vostro business (affidabilità, flessibilità, reattività, integrabilità ) 84% Esiste un programma di certificazione della qualità dei fornitori 85% 5% Si formulano contratti quadro basati su relazioni di partnership a medio lungo termine 81% 6% Esiste un sistema strutturato di criteri per la valutazione delle performance dei fornitori 75% 11% I piani di consegna delle materie prime e/o dei semilavorati sono definiti in collaborazione con i fornitori 85% 1% L'analisi comparativa delle performance dei fornitori è utilizata per la loro scelta 71% 9% I contratti stipulati con i fornitori comprendono una sezione dedicata alle condizioni del livello di servizio, della flessibilità e della reattività necessaria al business 66% 10% E' tendenza dell'impresa affidare il controllo quantitativo e qualitativo ai fornitori consentendo che le merci entrino in azienda in free pass 60% La disponibilità dei materiali presso i fornitori non è governata da previsioni ma da chiamate di replenishment con logica pull 53% 8% SI Le co nseg ne d ei fo rnito ri s o no b ilanciate nella g io rnata e nei g io rni d ella s ettimana 51% 10% In Programma 37

38 Trend dei processi SOURCE 2/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Sono in uso sistemi di identificazione automatica quali bar-code, RFID (radio-frequency identification) per il materiale in ingresso 33% 21% Esistono dei programmi di sviluppo con i fornitori per incentivarli a investire in nuove tecnologie 39% 10% So no in essere pratiche di consignement stock con i fornito ri 38% 5% Viene utilizzato l'e-procurement per la ricerca e la negoziazione con i fornitori 32% 10% Il sistema di pianificazione dei materiali prendere in conto la disponibilità dei materiali dei fornitori 31% Usate sistemi di comunicazione WEB o EDI con i fornitori (trasmissione e stato di avanzamento degli ordini) 26% 12% I fornitori consegnano il materiale direttamente nel luogo in cui verrà utilizzato 28% 3% Sono in essere pratiche di Vendor Management Inventory con alcuni fornitori 19% 12% SI Sono disponibili sistemi di comunicazione WEB o EDI per il tracking della spedizione da parte dei fornitori 1 In Programma 38

39 Trend dei processi MAKE 1/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100 % I dati dinamici di produzione (giacenze, stato di avanzamento degli ordini, ecc.) sono accurati e aggiornati 91% 4% I dati tecnici (anagarfiche, disegni, distinte base o formule, cicli e tempi di produzione di produzione, ecc.) sono accurati e aggiornati 89% 5% La produzione dispone delle informazioni che le occorrono per operare (piani di produzione, informazioni tecniche) e queste sono adeguatamente standardizzate e strutturate 84% 10% Il coinvolgimento del personale di produzione e il training continuo sono una leva strategica di gestione aziendale 81% 9% Sono in essere programmi di manutenzione preventiva degli impianti 84% 6% Sono in essere programmi di miglioramento continuo del processo per l'individuazione e la riduzione degli sprechi, quali rilavorazioni, scarti, movimentazioni, spostamenti degli operatori, soste del materiale, scorte non giustificate 78% 11% I magazzini sono gestiti con logica FIFO 80% 4% Le performance di produzione sono rapidamente rese visibili a tutto il personale 74% 10% Esistono una mappa delle competenze necessarie per il funzionamento della produzione e un piano strutturato per l'acquisizione e il mantenimento d i tali competenze 6 16% C'è un sistema di raccolta dati di produzione in tempo reale 70% 12% L'uso delle scorte di sicurezza è ben controllato e protegge dalla variabilità delle consegne dei processi a monte e dei consumi 73% 8% La qualità viene controllata dagli stessi operatori che eseguono il processo 7 3% Il lay-out degli impianti produttivi è concepito per minimizzare i percorsi e le movimentazioni dei materiali durante la trasformazione da materia prima a prodotto finito 69% 6% La produzione ha un'organizzazione basata su team a cui sono assegnati espliciti obiettivi di prestazione a livello di sistema 63% 9% 39

40 Trend dei processi MAKE 2/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Sono utilizzate metodologie di riduzione dei tempi di attrezzaggio (SMED - Quick changeover) La progettazione e la produzione si avvalgono di strumenti di integrazione (es. CAD/CAM) Viene utilizzata la progettazione collaborativa con i fornitori La produzione è tirata dalla domanda reale (demand driven production) e non dalle previsioni (in presenza di produzione per magazzino si usano logiche di replenishment) La progettazione del prodotto tiene in considerazione anche gli impatti sul packaging Le non conformità sono misurabili con l'ordine di grandezza delle parti per milione E' utilizzata la tecnica del backflashing per scaricare il materiale al versamento a magazzino del prodottto finito Il prodotto è spedito al cliente direttamente dalla fabbrica, senza soste in magazzini esterni Viene utilizzata la progettazione collaborativa con i clienti 58% 64% 61% 59% 61% 58% 54% 56% 51% 10% 1% 3% 4% 2% 2% 4% 2% 4% Sono in essere programmi di manutenzione predittiva degli impianti All'interno della fabbrica si usa un sistema di tracciatura elettronica dei materiali 40% 35% 9% 11% La progettazione utilizza un Product Data Management La produzione non opera in condizioni di costante e generalizzata sovrasaturazione della capacità produttiva 34% 33% 0% SI In Programma Nel caso di prodotto configurabile si utilizza un configuratore elettronico 26% 0% 40

41 Trend dei processi DELIVER 1/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Il riferimento per tutte le esigenza del cliente è chiaro e univoco 80% 3% La gestione della disponibilità dei materiali è definita da regole ed è condivisa tra manufacturing e commerciale 73% 5% Usate sistemi di comunicazione WEB o EDI con i clienti o con la rete di distribuzione (inserimento ordini e stato di avanzamento) Sono in uso sistemi di identificazione automatica quali bar-code, RFID (radio-frequency identification) per il materiale in uscita Il processo di order-entry prevede il controllo dello stato del credito del cliente 60% 59% 69% 15% 15% 1% E' disponibile in tempo reale la storia del rapporto con il cliente (ordini, reclami, problemi,offerte, pagamenti ) Sono in uso sistemi di comunicazione WEB o EDI con i clienti o con la rete di distribuzione per la d iffusione dei cataloghi e/o dei configuratori co mmerciali Sono utilizzate strutture organizzative quali il customer team che seguono interamente il processo di evasione dell'ordine e qualsiasi forma di relazione con il cliente I processi di offerta e generazione dell'ordine sono integrati 55% 54% 52% 46% 10% 6% 5% La disponibilità dei prodotti presso i clienti non è governata da previsioni ma da chiamate di replenishment 42% Nel caso di prodotto progettato e costruito sulle specifiche del cliente (ETO) sono utilizzate metodologie di project management La rete di vendita utilizza sistemi di mobile sales (palmari, computer connessi al gestionale via web) per l'eventuale configurazione del prodotto, la raccolta e la trasmissione degli ordini 40% 36% 5% SI In Programma 41

42 Trend dei processi DELIVER 2/2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Viene utilizzata la funzionalità di Available To Promise (ATP) nella definizione della data di consegna promessa al cliente 38% 5% Le note di spedizione (Advanced Shipping Notices) sono inviate via WEB o EDI per consentire il ricevimento automatico del materiale da parte del cliente 24% 15% Sono in essere pratiche di Consignement Stock con i clienti 32% 6% Esiste un processo di schedulazione delle rotte dei trasporti relativi alle consegne ai clienti 35% 3% Sono disponibili per i clienti e/o per la rete di distribuzione sistemi di comunicazione WEB o EDI per il tracking d ella spedizione 23% 14% Sono in essere pratiche di Vendor Management Inventory (VMI) con alcuni clienti 28% La rete di distribuzione e/o i clienti hanno visibilità sulla disponibilità delle scorte di prodotto 29% 5% Sono in essere partnership (joint service agreement) tra gli attori della supply-chain per fornire un servizio integrato all'utilizzatore del prodotto (es: nell'installazione di software e hardware, il tecnico software è in grado di fornire assistenza sul Viene utilizzata la funzionalità di Capable To Promise (CTP) nella definizione della data di consegna promessa al cliente 25% 26% 6% 5% SI In Programma E' utilizzato un pacchetto di Transportation Management System (TMS) 10% 5% 42

43 Restituzione individuale alle aziende partecipanti Modelli evolutivi a confronto 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 61% 20% 10% 0% Livello 1 2% 81% 65% Livello 2 3% 70% 6% 48% Livello 3 1% 50% 39% Livello 4 2% 30% Stato evolutivo medio (stesso comparto); Stato evolutivo individuale; 43

44 Conclusio ni 44

45 Conclusioni consapevolezza cultura AS IS strategia di SC nuovi processi strumenti percorso implementazione 45

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit Protiviti s High Value Audits are a series of audits programs that provide you with better information for decision-making regarding the systems and processes that drive technology, compliance or operational

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli