Osservatorio sul risk management nelle medie imprese manifatturiere. Gabriele Barbaresco Area Studi Mediobanca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio sul risk management nelle medie imprese manifatturiere. Gabriele Barbaresco Area Studi Mediobanca"

Transcript

1 Osservatorio sul risk management nelle medie imprese manifatturiere Gabriele Barbaresco Area Studi Mediobanca Milano, 9 giugno 2015

2 Il metodo dell indagine: campione selezionato e sue caratteristiche Caratteristiche ed esito del campionamento Inviati questionari nel II semestre 2014 Target di medie imprese manifatturiere con: -Fatturato: mil. -Forza lavoro: unità -Proprietà: familiare italiana Ricevuti 257 questionari Tasso di adesione: -9,7% in termini di unità -13,2% in termini di fatturato Il questionario: -6 macro-rischi: operativi, sui mercati esteri, reputazionali, legali, finanziari, informatici; -22 singoli profili di rischio, ognuno esaminato sotto sei aspetti relativi a percezione, tipo di presidio attuato, figure professionali dedicate, concorso della copertura assicurativa; - un set di domande dedicato alla struttura dei costi e alle previsioni di spesa. Universo Campione Incidenze % Meccanico 36,1 33,8 Beni P&C 21,1 21,4 Alimentare 16,0 17,1 Chi&Pha 13,4 11,7 Carta e stampa 5,6 5,4 Metallurgico 5,4 7,8 Altri 2,4 2,7 Nord Ovest 41,1 39,3 Nord Est 38,5 39,3 Centro NEC 11,1 12,5 Centro Sud e Isole 9,2 8, mil 69,3 44, mil 23,3 40, mil 7,4 15,1 2

3 La classifica dei 22 profili di rischio Punteggio normalizzato tra zero e cento mediante la trasformazione: (punteggio-1) / (4-1) *100 73,1 70,7 69,0 66,9 66,7 Top 11 Bottom 11 63,7 62,9 62,4 61,2 59,5 58,7 58,3 57,7 57,5 56,1 54,6 54,4 52,7 51,5 46,9 46,4 45,6 Rischi legali Rischi finanziari Rischi informatici Rischi operativi Rischi sui mercati esteri Rischi reputazionali 3

4 Una chiave di lettura ai 22 profili di rischio Rischi più e meno rilevanti I rischi maggiormente percepiti e presidiati. 1. Quelli regolati ex lege: la sicurezza sul lavoro e gli adempimenti fiscali. L impegno profuso dalle imprese deriva dalla minaccia sanzionatoria, ma anche dalla proliferazione e complessità normativa. 2. Il processo produttivo è centrale nel presidio del rischio. Ciò riguarda le fasi a monte (regolarità della fornitura), quelle a valle (diversificazione e solvibilità dei clienti) e quella di trasformazione (prevenzione di fermi produttivo per eventi catastrofici, crash informatico, perdita di informazioni). 3. L attenzione al processo è finalizzata alla realizzazione di un prodotto di qualità, privo di difettosità. Esso si impone sul mercato anche a prescindere dalle garanzie brevettuali e legali e consente di agire in posizione oligopolistica. I rischi meno percepiti e presidiati. 1. I rischi legati alla definizione dei rapporti gerarchici e alla ritenzione delle competenze chiave, data la struttura verticistica delle medie imprese e la presenza di membri familiari nelle posizioni strategiche. 2. Quelli relativi ai rapporti con le banche, poiché circa il 60% delle medie imprese è investment grade. 3. Quelli afferenti il presidio dei mercati esteri, poiché essi sono per lo più di prossimità, stabili politicamente, privi di rischio valutario (Eurozona) e serviti in nicchie ove la media impresa è di norma oligopolista. 4. Quelli reputazionali (social network e ambiente), di cui si coglie la probabilità remota ma non la gravità delle conseguenze. 4

5 Il fisco: più rischioso delle banche Rischio finanziario e fiscale Rischio: variazione delle condizioni di erogazione del credito (tassi, volumi e garanzie). Esito: 13-esimo su ventidue Rischio: infrazioni o irregolarità fiscali Esito: terzo su ventidue 63% 84,9 32% 101,7 171,2 117,8 Inv. grade Intermedie Fragili Totale medie imprese N. indice scoring (base 2004=100) 5% 84,7 89,4 Le priorità per rilanciare la competitività secondo le medie imprese? 44%: alleggerimento fiscale 5,1 3,7 Obbligazioni in % del debito finanziario Banche in % del debito finanziario 21%: migliori condizioni di credito Fonte: Mediobanca, Le medie imprese italiane ( ), Milano,

6 I mercati esteri? Più rischioso quello domestico Il macro-rischio sui mercati esteri Rischio: presidio delle quote di mercato all estero. Esito: 17-esimo su ventidue Rischio: rapporti in valuta diversa dall euro. Esito: 20-esimo su ventidue Mai delocalizzato + re-in-shoring: 79% Esportazione diretta: 66% Market seeking: 56%; cost saving: 15% Rischio instabilità geopolitica. Esito: 22-esimo su ventidue Più competitività: sostegno consumi interni per il 10% delle medie imprese Fonte: Uniocamere, Il modello di sviluppo delle medie imprese, Milano,

7 Gerarchia e ritenzione delle skills: non è ancora un rischio Struttura verticistica e presenza familiare nelle medie imprese 66,3 Rischio: codifica di funzioni e rapporti gerarchici. Esito: 14-esimo su ventidue Rischio: reperimento e ritenzione delle skills. Esito: 19-esimo su ventidue 16,4 28,0 48,9 35,5 24,8 10,4 47,3 45,0 25,8 Italia Germania Spagna UK Francia Quota % con management di famiglia Quota (%) con remunerazione basata su performance Fonte: Mediobanca su dati Banca d Italia relativi alle imprese industriali Nelle medie imprese: 79%: proprietà e gestione coincidono 21%: gestione affidata a terzi 89%: non intende cedere la gestione Fonte: Uniocamere, Il modello di sviluppo delle medie imprese, Milano,

8 Centralità della produzione, del prodotto e del cliente Rischi afferenti il processo produttivo (trasformazione) e fasi a monte (fornitori) e a valle (clienti) Rischio: continuità e conformità della fornitura. Esito: settimo su ventidue Rischio: diversificazione della clientela. Esito: sesto su ventidue Rischio: solvibilità del cliente. Esito: secondo su ventidue Rischio : non difettosità del prodotto. Esito: quinto su ventidue Rischio: continuità produttiva (protezione dati, crash informatico, calamità). Esito: quarto, ottavo, nono su ventidue Fonte: Uniocamere, Il modello di sviluppo delle medie imprese, Milano, ,2 46,8 Attivo immobilizzato Attivo circolante netto 51,3 23,8 24,9 Debiti fin. a breve Dediti fin. a ml e fondi Capitale netto tangibile Fonte: Mediobanca, Le medie imprese italiane ( ), Milano,

9 Rischio e geografia: il gap del Mezzogiorno Alto : differenza tra percezione del rischio ed efficacia del suo presidio; tre macro-aree geografiche Basso: creazione e distruzione di ricchezza; tre macro-aree geografiche 100,0 1,8 17,3 Nord Ovest Nord Est Centro Sud e Isole Differenziale Rilevanza - Affidabilità 106,4 100,0 98,9 89, Nord Ovest Nord Est Centro Sud e Isole 9

10 Rischio e settori merceologici Alto : punteggio normalizzato con la media dei punteggi dei settori diversi da quello considerato Basso: percentuale dei punteggi normalizzati con valore superiore a ,1 101,4 100,9 98,2 97,0 Chimico e farmaceutico 72,7 Alimentare Meccanico Metallurgico Beni persona e casa 68,2 63,6 50,0 27,3 Alimentare Chimico e farmaceutico Metallurgico Meccanico Beni persona e casa 10

11 Profili di rischio coerenti con le caratteristiche settoriali Due settori a titolo esemplificativo Settore Rank Rischio Motivazione Alimentare Top 3 Bottom 3 Immagine aziendale Vantaggi competitivi: qualità (46%), marchio (15%) Crash informatico Lavorazione di prodotti deperibili Solvibilità clienti Ciclo produttivo breve, rapporti con la GDO Rischio Paese Export contenuto (24%), mercati di prossimità Rischi valutari Export contenuto (24%), Eurozona Superamento tecn. prodotto Prodotto a basso contenuto tecnologico (Pavitt) Chimico&Pharma Top 3 Bottom 3 Dati sensibili (privacy) Dati diagnostici, ospedalieri, sperimentali Superamento tecn. prodotto Prodotto a elevato contenuto tecnologico (Pavitt) Marchi e bervetti Proteggono i costosi cicli di ricerca Rischi valutari Clienti del big pharma dell Eurozona e PA Presidio mercati esteri La distribuzione è in capo ai big pharma e PA Fisco Clienti di grandi dimensione e PA 11

12 Profili professionali coinvolti: ma il Risk Manager dov è? Qualifica delle principali categorie di risk owner e natura del rapporto di lavoro (in % del totale) Outsourcin g 14,2 Altro 27,4 CFO 19,3 Dir. Comm 13,5 Dir. HR 7,9 Dir. IT 8,3 P, AD, CDA 10,5 DG 13,1 Interni 85,8 Ricorrenza della figura del Risk Manager: 0,2% dei casi 12

13 Incidenza e struttura dei costi per Risk Management Incidenza dei costi di RM sul fatturato e loro composizione percentuale 1,2 Incidenza sul fatturato: 3,5% 0,6 0,6 0,5 0,4 0, Rischi operativi Rischi legali Rischi finanziari Mercati esteri Rischi informatici Rischi reputazionali In % del totale In % del fatturato Per le 2658 medie imprese target è possibile stimare un mercato della gestione per il rischio pari 4,4 miliardi di euro. Una copertura ottimale del rischio comporterebbe maggiori investimenti pari a circa 2 miliardi. Considerando che per il prossimo triennio una media impresa su quattro dichiara di volere accrescere la propria spesa, si potrebbe attivare una volume di investimenti nell ordine dei 500 milioni di euro. La riduzione dell imponibile Irap (L. di Stabilità 2015) libera risorse. 13

14 Risk Mngmt: condizione necessaria (sufficiente?) per il profitto Alto: Roi; società con elevato e basso presidio del rischio e vantaggio % delle prime Basso: colletti bianchi in %; società con elevato e basso presidio del rischio e vantaggio % delle prime 7,9 7,5 7,4 32,8 7,4 7,3 7,3 34,3 5,9 6,0 6,3 6,1 6,1 5,5 26,0 16,2 20,6 19,2 Reputazionale Mercati esteri Legale Finanziario Informatico Operativo Presidio alto Presidio basso Vantaggio (%) 36,3 15,3 34,5 34,1 33,7 33,6 33,2 11,0 31,8 31,5 31,1 31,5 31,3 33,1 8,5 6,1 7,4 0,5 Reputazionale Legale Mercati esteri Operativo Informatico Finanziario Presidio alto Presidio basso Vantaggio (%) 14

15 Le aspettative di spesa in RM e la performance economica Attese di spesa in RM per il prossimo triennio e Roi 7,7 69,5 24,4 6,7 6,1 6,2 In aumento Stabile In riduzione Quota (%) Roi 15

16 Il questionario: esaustivo o esauriente? Valutazione delle medie imprese sul livello di esaustività del questionario Non esaustivo 2,4 Esaustivo 97,6 Un doveroso ringraziamento alle 257 medie imprese che hanno inteso dedicarci il proprio tempo, scarso e prezioso. 16

17 Grazie per l attenzione Milano, 9 giugno 2015

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione

Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione Il risk manager per le imprese: dall aula all azienda nel percorso formativo Cineas La 18 edizione del master Cineas in Risk engineering

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Le medie imprese italiane crescono e sono ottimiste per il futuro

Le medie imprese italiane crescono e sono ottimiste per il futuro Le medie imprese italiane crescono e sono ottimiste per il futuro Mediobanca e Unioncamere pubblicano la quattordicesima edizione dell indagine annuale sulle medie imprese italiane nel periodo 2004-2013

Dettagli

I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend

I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend Marco Preti Economic Outlook L Europa è l area geografica che crescerà meno nei prossimi anni. Allo stesso tempo nel 2013 l Europa

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

L impresa e le strategie internazionali

L impresa e le strategie internazionali L impresa e le strategie internazionali Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) fabio.musso@uniurb.it Premessa Il confronto internazionale

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

European Payment Report 2015

European Payment Report 2015 European Payment Report 2015 Il Gruppo Intrum Justitia Leader europeo nel settore dei servizi di Credit Management con uffici in 20 paesi europei Fondato nel 1923 Quotato al mercato NASDAQ OMX Stockholm

Dettagli

Area Studi Mediobanca Top Moda Italia e Aziende Moda Italia 2009-2013

Area Studi Mediobanca Top Moda Italia e Aziende Moda Italia 2009-2013 Area Studi Mediobanca Top Moda e Aziende Moda 2009-2013 Quadro del settore Il giro d affari mondiale della moda (beni di lusso per la persona) è stimato nel 2013 in circa 218 mld. di euro. 1 Il 2013 ha

Dettagli

INDAGINE SUI GIOVANI E IL LAVORO

INDAGINE SUI GIOVANI E IL LAVORO Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine INDAGINE SUI GIOVANI E IL LAVORO I giovani inattivi in un mercato a forte disoccupazione 2012 Dalle recenti indagini pubblicate dalla Banca d Italia

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca 4 aprile 2014 i 100 anni Maserati Da dove veniamo? Declino & trasformazione 1974 1975

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie

Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie Paolo Chiaverini Amministratore Delegato i-faber S.p.A. MAGGIORE CENTRALITÀ DEGLI ACQUISTI NELLE AZIENDE:

Dettagli

L'importanza del Fattore Umano:

L'importanza del Fattore Umano: L'importanza del Fattore Umano: Tendenze e testimonianze dalle Eccellenti 2015 7 a Edizione Palazzo Mezzanotte 15 giugno 2015 Agenda 1 Osservatorio PMI Global Strategy PMI Italiane: competitività e eccellenza

Dettagli

Le politiche retributive in azienda : offering e case histories

Le politiche retributive in azienda : offering e case histories Le politiche retributive in azienda : offering e case histories Bologna, 22 giugno 2011 Indice Contesto di riferimento Definizione di Sistema Incentivante La soluzione proposta Analisi esterna Progettazione

Dettagli

Innovazione tecnologica e performance finanziaria nel settore agro-alimentare M. Baussola SIES Universita Cattolica

Innovazione tecnologica e performance finanziaria nel settore agro-alimentare M. Baussola SIES Universita Cattolica Innovazione tecnologica e performance finanziaria nel settore agro-alimentare M. Baussola SIES Universita Cattolica I fatti macroeconomici stilizzati del settore Perché l innovazione tecnologica Minacce

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA

ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA Le medie imprese industriali del Nord-Est: ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Reggio Emilia, 27 gennaio 2006 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI E GLI ORIENTAMENTI

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

La gestione della clientela, soprattutto quando questa è numerosa, è un attività delicata e complessa che normalmente porta via molto tempo.

La gestione della clientela, soprattutto quando questa è numerosa, è un attività delicata e complessa che normalmente porta via molto tempo. B-B CUSTOMER FOCUS La gestione della clientela, soprattutto quando questa è numerosa, è un attività delicata e complessa che normalmente porta via molto tempo. Il credit manager, o comunque la persona

Dettagli

Soluzioni energetiche dedicate. A contatto con le vostre attività

Soluzioni energetiche dedicate. A contatto con le vostre attività Soluzioni energetiche dedicate A contatto con le vostre attività A contatto con le vostre attività Il successo dei nostri clienti è da sempre al centro dei nostri interessi. Li consideriamo, infatti, come

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE:

LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE: MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA : L ANALISI QUANTITATIVA DEL SISTEMA

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

Medie imprese italiane: quando e come crescono

Medie imprese italiane: quando e come crescono Medie imprese italiane: quando e come crescono Una strada per la crescita della media impresa italiana Fulvio Coltorti (Area Studi Mediobanca) 11 Novembre 2013 Quarto capitalismo: peso in termini di VA

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI M.FANNO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE TESI DI LAUREA I MODELLI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE 81 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO ACRI Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 29 ottobre 2005

Dettagli

TechPremier. Informazioni per il broker

TechPremier. Informazioni per il broker Informazioni per il broker TechPremier Le società informatiche operano in un ambiente potenzialmente molto rischioso. Tecnologie in rapida e costante evoluzione sono alla base del controllo di molte funzioni

Dettagli

Il Risk Management nelle Piccole e Medie Imprese

Il Risk Management nelle Piccole e Medie Imprese Il Risk Management nelle Piccole e Medie Imprese Stato dell arte delle pratiche di gestione del rischio adottate dalle Piccole e Medie Imprese in Italia Risultati dell Osservatorio sul Risk Management

Dettagli

Start up & PMI Report 2013

Start up & PMI Report 2013 & PMI Report 2013 Introduzione alla terza edizione Start Up & PMI Report 2013 è la terza edizione dell analisi effettuata su un campione di 150.000 imprese iscritte a H2biz: 20.000 start up con meno di

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Milano 15 Novembre 2010 Le principali p tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

In contatto con la tua energia. Soluzioni e servizi dedicati

In contatto con la tua energia. Soluzioni e servizi dedicati In contatto con la tua energia Soluzioni e servizi dedicati In contatto con la tua energia Il successo dei nostri clienti è da sempre al centro dei nostri interessi. Li consideriamo, infatti, come veri

Dettagli

Incidenza % sui ricavi 3,00% 5,60% Incidenza % sui ricavi -0,30% 3,70% Incidenza % sui ricavi -1,10% 3,40%

Incidenza % sui ricavi 3,00% 5,60% Incidenza % sui ricavi -0,30% 3,70% Incidenza % sui ricavi -1,10% 3,40% Valori espressi in migliaia di Euro 31/08/2002 31/08/2001 Var. % RICAVI DELLA GESTIONE 161.398 198.486-18,7% INCREMENTO IMM.NI PER LAVORI INTERNI 11.221 5.473 105,0% ALTRI RICAVI 2.341 1.147 104,0% TOTALE

Dettagli

TechPremier. Informazioni per il broker

TechPremier. Informazioni per il broker Informazioni per il broker TechPremier Le società informatiche operano in un ambiente potenzialmente molto rischioso. Tecnologie in rapida e costante evoluzione sono alla base del controllo di molte funzioni

Dettagli

Il Quarto Capitalismo Passato e Futuro

Il Quarto Capitalismo Passato e Futuro Master per Imprenditori di Piccole e Medie Imprese 3^ Edizione Prolusione Il Quarto Capitalismo Passato e Futuro Fulvio Coltorti (Responsabile Area Studi di Mediobanca) fulvio.coltorti@mediobanca.it 13

Dettagli

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Perché la crisi non diventi declino Idee e proposte per Veneto 2015 Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Vicenza, 6 luglio 2013 Giancarlo Corò Sommario 1. Tendenze di lungo periodo dell

Dettagli

LA NORMATIVA ISO 9000 E I CONSORZI

LA NORMATIVA ISO 9000 E I CONSORZI LA NORMATIVA ISO 9000 E I CONSORZI Applicazione ad un Consorzio per gli Approvvigionamenti Collettivi di Dino Bogazzi Direttore Settore Consulenza di Direzione - STS S.p.A. Direttore Qualità e Organizzazione

Dettagli

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 Massimo G. Colombo Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Le gazzelle high-tech Le gazzelle

Dettagli

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca., Tassi

Dettagli

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com IL VALORE DELLA SINERGIA di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management Sommario Le fonti di sinergia...3 La valutazione delle sinergie operative...4 La valutazione delle sinergie

Dettagli

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014 Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Roma, 10 aprile 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani RAPPORTO 2014 7,3 6,3 4,7 5,5 4,3 27,0 33,6 21,0 32,0 31,7 23,3 46,4 34,2 27,0 26,6 37,6 12,3

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

I numeri del 2014. Investimenti. Raccolta

I numeri del 2014. Investimenti. Raccolta I numeri del 2014 Raccolta Totale: 1.477 mln Euro (-64% rispetto al 2013) Indipendente: 1.348 mln Euro (+116% rispetto al 2013) 15 operatori Investimenti 3.528 mln Euro (+3% rispetto al 2013) 311 operazioni

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia 9 maggio 2005 Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale

Dettagli

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 UBI Factor, da trent anni il protagonista del Factoring in Italia e in Europa Offriamo servizi di Factoring

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV Resoconto degli interventi Sessione Plenaria IV 1 Sessione plenaria IV La centralità delle risorse umane nella gestione del rischio di compliance 11 nov. 2011 ore 9.30 11.00 Chairman: Giancarlo Durante,

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

Scuole statali e non statali: i risultati italiani di PISA 2009

Scuole statali e non statali: i risultati italiani di PISA 2009 Qualità della scuola Pubblica e Privata in Italia: criteri per un confronto Possibile Milano, 28 aprile 2011 INVALSI Scuole statali e non statali: i risultati italiani di PISA 2009 Laura Palmerio Responsabile

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

Valutazione del rischio

Valutazione del rischio CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE A.A.2012-2013 Valutazione del rischio Prof. Alberto Nobolo 1 RISCHIOSITA DELL AZIENDA Obiettivo: Mantenere l economicità della gestione in un ambiente mutevole. attraverso

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE Dal manifatturiero ai prodotti in metallo: l'andamento del settore nell'ultimo decennio. RELATORE:

Dettagli

Il nuovo accertamento sintetico

Il nuovo accertamento sintetico Il nuovo accertamento sintetico 1 Lo strumento di accertamento 2 La nuova norma Articolo 38, commi 4 e 5, del DPR n. 600/1973 come modificato dal Dl n. 78/2010. L ufficio può sempre determinare sinteticamente

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto Sodalitas Social Solution www.sodalitas.socialsolution.it Sodalitas Social Solution è l Osservatorio on line sulla Responsabilità e la Sostenibilità delle Aziende,

Dettagli

I destinatari della comunicazione

I destinatari della comunicazione Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale I destinatari della comunicazione Lezione 3 Il processo di comunicazione Rumore Codifica Messaggio Rumore Emittente Decodifica Rumore Feedback Destinatario

Dettagli

Rapporto Unioncamere 2006. L'economia reale dal punto di osservazione delle Camere di commercio

Rapporto Unioncamere 2006. L'economia reale dal punto di osservazione delle Camere di commercio Rapporto Unioncamere 2006 L'economia reale dal punto di osservazione delle Camere di commercio Sezione I: Scheda 3 Il modello di scoring R&S-Unioncamere: alcune applicazioni 1 Premessa Questa scheda dà

Dettagli

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 1 1 Euler Hermes: Overview del Gruppo 2 Lo scenario economico: le insolvenze aziendali 3 La Partnership Euler Hermes Crédit Agricole 4 Le nostre offerte di prodotti

Dettagli

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 3 marzo 202 OBIETTIVI Ai fini del corretto assolvimento delle funzioni

Dettagli

La Green Economy in Brasile: opportunità di investimento. SACE SpA Maria Luisa Miccolis Sede Territoriale Milano Milano, 10 Giugno 2013

La Green Economy in Brasile: opportunità di investimento. SACE SpA Maria Luisa Miccolis Sede Territoriale Milano Milano, 10 Giugno 2013 La Green Economy in Brasile: opportunità di investimento SACE SpA Maria Luisa Miccolis Sede Territoriale Milano Milano, 10 Giugno 2013 IL GRUPPO Il gruppo SACE Corporate, project & structured finance,

Dettagli

Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia

Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale 1.1.1 Imprese registrate

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION

GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION Giuseppe Cicconi IL MODELLO DI GENERAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION Caratteristica dell'offerta Funzionalita' "Immagine - esperienze passate con l azienda Valore

Dettagli

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali SCHEDA CASOTTI Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali Il commercio internazionale 15,0 10,0 Scambi manifatturieri e PIL mondiale (var. annua a prezzi costanti) var.

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma gennaio 211 2 1 1 1 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese:

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: Come scegliere la soluzione ottimale per il service desk e migliorare il ROI Sommario

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli