Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM"

Transcript

1 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Differenziarsi attraverso un efficace gestione della relazione appare per le banche piccole e medie la risposta strategica all inasprimento della competitività in atto Busacca & Associati I l vantaggio competitivo è garantito qualora si raggiunga equilibrio tra il valore erogato e percepito dal cliente e il prezzo pagato dal cliente stesso. All inasprirsi dell ambiente competitivo, tale equilibrio può essere assicurato soltanto da un efficace sistema di relazione in grado di assicurare il persistere di elevati livelli di soddisfazione e fedeltà. Un efficace sistema di Customer Relationship Management consente di gestire efficacemente la relazione e sviluppare il valore del cliente. 55

2 CARTESIO Il cliente retail, sempre più evoluto e meno fedele Negli ultimi anni il cliente retail si è evoluto ed ha maturato capacità critiche, comparative e negoziali nei confronti degli istituti finanziari. Un numero sempre crescente di clienti utilizza canali a distanza (nel 2006 il numero di clienti che ha usufruito dei servizi di banca telefonica, call center, home e internet banking è cresciuto del 32% rispetto all anno precedente) e canali fisici specializzati alternativi allo sportello (nel 2006 i contatti presso promotori, consulenti e agenti a domicilio hanno registrato una crescita pari al 67% rispetto all anno precedente). Oggi il cliente è sempre meno conosciuto dalla propria banca principale perché si reca meno presso la propria agenzia; in tal senso il patrimonio informativo complessivo inerente ciascun cliente, costruito nel tempo grazie al rapporto diretto con il proprio referente interno, si sta impoverendo. L autonomia culturale e decisionale del cliente nel gestire i propri risparmi e investimenti e la ricerca di consulenza specializzata riflettono: la maturata diffidenza verso gli istituti bancari; la crescente sensibilità al rapporto qualità/prezzo. Ciò è dovuto in parte ai recenti scandali finanziari e in parte all assottigliamento dei ceti medi sempre più attenti al prezzo dei prodotti/servizi: la variabile prezzo cresce più di ogni altra in termini di importanza al momento di decidere se cambiare o meno banca ed è la prima motivazione che induce il cliente ad abbandonare la banca. Lo stipendio medio di un italiano, considerando l incremento del costo della vita dopo il changeover del 2001, è il più basso se confrontato con gli altri sei paesi europei più industrializzati ed è al penultimo posto degli stipendi medi dei paesi dell area euro. Non a caso in Italia il livello medio di soddisfazione nei confronti degli istituti bancari è inferiore a quelli registrati negli altri paesi europei più industrializzati e di conseguenza nel nostro paese si registra un alta propensione all abbandono. 56

3 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Ogni anno circa 5,5 milioni di clienti retail si rivolgono ad istituti differenti dalla propria banca principale per avere informazioni su prodotti e servizi; ogni anno circa il 6% di clienti cambia banca. Da una recente indagine ABI-Gfk Eurisko effettuata su un campione di clienti retail si evidenzia che il cliente, a differenza di pochi anni fa, è sempre meno fidelizzato: nel 20% dei casi è anche cliente di altre banche; nel 12% dei casi è anche cliente di agenti assicurativi e società finanziarie; l 11% del campione è anche cliente di BancoPosta. Legame tra soddisfazione e loyalty nei paesi EU7 Propensione all'abbandono 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% R* = - 0,5 30% 40% 50% 60% 70% 80% Soddisfazione complessiva * R: indice di correlazione che esprime la forza del legame lineare tra Soddisfazione e rischio di abbandono Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Forrester s Consumer European Study. Base: Q Nel retail banking il business model sta cambiando profondamente: da one stop shop a one need one shop. L insoddisfazione crescente e la sempre maggiore attenzione al prezzo incrementano la domanda e quindi l offerta di prodotti e servizi a basso prezzo, che inaspriscono la competizione nell acquisire/trattenere il cliente retail. Queste azioni, spesso di grande successo, sono generalmente mutuate da altre industries dove il livello di competitività e l elasticità della domanda rispetto al prezzo sono storicamente più elevate. 57

4 CARTESIO Alcuni esempi: in 5 anni BancoPosta ha attratto 4,8 milioni di clienti acquisendo il 42% di quelli che hanno cambiato banca; a quattro mesi dal lancio di Genius Revolution Unicredit ha registrato l apertura di conti che nel 60% dei casi sono nuovi conti; Ing Direct ha acquisito circa clienti in 5 anni con una crescita del 30% negli ultimi 12 mesi ed erogato 1 miliardo di euro di mutui nel Le grandi banche, contemporaneamente al lancio di azioni low cost molto aggressive e volte ad acquisire nuovi clienti, si focalizzano sulla gestione della fidelizzazione della clientela, attraverso la creazione di programmi a punti e partnership cross-industries. Esempi di azioni di acquisizione e di loyalty BANCOPOSTA UNICREDIT ING DIRECT Low Cost Programma a punti Partnership Tuttavia le banche, in particolar modo quelle tradizionali, difficilmente possono e potranno competere con i grandi istituti nell acquisire una leadership di costo. Il comparto del credito al consumo, ad esempio, ancora in forte sviluppo nel nostro paese, è per lo più erogato da istituti finanziari specializzati, nonostante tutte le banche offrano prestiti personali e finalizzati. Il vantaggio delle grandi banche e degli istituti specializzati è di tipo strutturale e quindi, sostanzialmente, non colmabile. 58

5 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM E allora le domande a cui le banche dovrebbero dare una risposta sono: come reagire alle minacce dei competitor e acquisire un vantaggio competitivo sostenibile nel tempo? come individuare i clienti migliori da sviluppare e fidelizzare? quali modelli e strumenti adottare per sviluppare il potenziale dei clienti acquisiti? Reagire investendo nella relazione con il cliente La banca realizza un vantaggio competitivo quando riesce a creare un equilibrio tra il valore erogato e percepito dal cliente e il prezzo pagato dal cliente stesso. Il valore realmente percepito dal cliente è dato dal rapporto qualità/prezzo: a fronte di prodotti e servizi sostanzialmente indifferenziati e di un rapporto insoddisfacente con la banca, il cliente si orienta verso prodotti low cost e la multibancarizzazione. Dal momento che le banche, specialmente quelle tradizionali, difficilmente possono competere con i grandi istituti per acquisire una leadership di costo, l unica valida alternativa ad un pricing aggressivo è rappresentata dalla differenziazione attraverso la qualità del servizio/prodotto offerto ovvero, più compiutamente, attraverso la qualità della relazione banca-cliente. Il prezzo troppo alto, denunciato dal cliente nel momento dell abbandono, sottende infatti motivazioni più complesse, il più delle volte mai esplicitamente lamentate nel corso della relazione: la banca mostra disinteresse, che si manifesta sotto forma di una certa inerzia a risolvere i problemi del cliente; il cliente sente poco la presenza propositiva della banca; il referente non si accorge dell evoluzione personale e professionale del cliente e delle conseguenti variazioni dei suoi bisogni. Le banche tradizionali stanno perdendo terreno: il cliente è sempre meno disposto a pagare un sovraprezzo per una relazione (che è stata fino a poco tempo fa il punto di forza delle banche più radicate nel territorio) pressoché inesistente o comunque insoddisfacente. 59

6 CARTESIO Eppure l esperienza conferma che investire nella relazione conviene: un recente studio effettuato su 14 banche evidenzia uno stretto legame tra il livello di soddisfazione dei clienti (ICSI: Italian Customer Satisfaction Index) e i risultati aziendali, in particolare: una riduzione delle defezioni può generare ritorni più che proporzionali in termini di profitti (una riduzione del 5% delle defezioni può determinare un incremento di profitto tra il 25% e il 95%); i costi necessari per mantenere un cliente sono notevolmente minori rispetto a quelli necessari per acquisirne uno nuovo; la soddisfazione e la fedeltà generano ulteriori vantaggi, differenti rispetto a quelli di natura esclusivamente economico-finanziaria, sia per la banca sia per il cliente. Soddisfazione dei clienti e risultati aziendali ROE 20% 18% 16% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% Italian Customer Satisfaction Index e ROE (Valori da 0 a 100 e valori percentuali) R* = 0,47 Banche: BANCA ANTONVENETA BANCA DI ROMA BANCA INTESA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO BANCA POPOLARE DI BERGAMO BANCA POPOLARE DI MILANO BANCA TOSCANA BANCO DI SARDEGNA BANCO DI SICILIA CASSA DI RISARMIO DI FIRENZE MONTE DEI PASCHI DI SIENA SANPAOLO BANCO DI NAPOLI SANPAOLO IMI UNICREDIT 0% ICSI 2007 * R: indice di correlazione che esprime la forza del legame lineare tra ICSI e ROE Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Doxa e Mediobanca. Base: gennaio

7 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Una gestione efficace della relazione consente di innescare il circolo virtuoso soddisfazione - fedeltà - valore. A tale scopo è necessario che si attuino sostanziali cambiamenti nell approccio di marketing e commerciale, che deve evolversi da transazionale (basato sul prodotto) a relazionale (focalizzato sul cliente): conoscere approfonditamente il singolo cliente attraverso processi di feed- -back continui; creare una relazione con il cliente piuttosto che effettuare una vendita (la vendita è un occasione di interazione e non la misura del successo); focus nel conservare i clienti acquisiti; assenso da parte del cliente basato sulle capacità di problem solving del gestore piuttosto che sul prodotto e sul prezzo; focus sulla vendita come servizio e non come obiettivo, dialogo individuale con i clienti e processo di comunicazione continuo. Il circolo virtuoso della relazione SODDISFAZIONE Relazione conoscenza dialogo problem solving FEDELTA VALORE L approccio relazionale descritto si traduce concretamente nella creazione di campagne commerciali customer driven, ovvero non più basate sulla vendita di uno specifico prodotto: la vendita di un prodotto non è più l obiettivo della campagna, ma l atto conclusivo di un processo di relazione che ha consentito di individuare un adeguata risposta ad una specifica esigenza, direttamente manifestata o latente. 61

8 CARTESIO Test commerciali dimostrano che campagne customer driven consentono nell immediato di raddoppiare le vendite, mentre nel medio e lungo periodo permettono di innescare il circolo virtuoso soddisfazione - fedeltà - valore. Campagna product driven versus campagna customer driven Campagna product driven Banca prodotto Lista statica Contatto finalizzato Offerta standard Cliente Vendita Efficacia 10 15% Campagna customer driven Banca Lista dinamica Contatto relazionale Offerta mirata Vendita Cliente Relazione Efficacia 20 30% Affinché l approccio relazionale sia concretamente integrato nei processi commerciali della rete, è opportuno dotare i gestori di strumenti in grado di supportare quotidianamente l attività di relazione con la clientela (Customer Relationship Management). Il CRM, strumento per lo sviluppo della relazione Un efficace sistema di Customer Relationship Management è un insieme di strumenti integrati in grado di rispondere, in modo semplice ed immediato, alle tre domande principali che ciascun gestore si dovrebbe porre ogni giorno: Chi contattare? Quando? Cosa proporre? 62

9 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM La Matrice di Orientamento consente di rispondere alla prima domanda. Per gestire in maniera efficace ed efficiente la relazione è necessario dare a ciascun Cliente l attenzione che merita, investendo adeguatamente il tempo dedicato alla relazione e cioè differenziando le proposizioni commerciali e le modalità di contatto in funzione di quanto il cliente vale e potrebbe valere in futuro. La Matrice di Orientamento consente di classificare ciascun cliente in base al suo potenziale e al suo grado di fidelizzazione (calcolato come rapporto tra il patrimonio effettivamente allocato presso la banca e il potenziale commerciale per il sistema bancario): Diamanti: clienti ad elevato potere potenziale altamente fidelizzati; Sfide: clienti ad elevato potere potenziale ma poco fidelizzati; Ambasciatori: clienti che mostrano un potenziale contenuto ma una forte presenza della banca; Marginali: potenziale contenuto e scarsa presenza della banca. Il Modello consente quindi di individuare i clienti a elevata priorità di azione, sui quali vale la pena investire; infatti, sulla base della classificazione descritta, il Modello suggerisce differenti strategie relazionali: Diamanti: partnership; Sfide: sviluppo o recupero; Ambasciatori: mantenimento; Marginali: gestione selettiva. La stima del potenziale di ciascun cliente retail avviene sulla base di caratteristiche socio-demografiche quali l età, l area geografica di residenza, la professione, il numero di immobili posseduti, ecc. La Matrice di Orientamento è utilizzabile a differenti livelli decisionali: Strategico (direzione generale): definizione di offerte mirate, assegnazione di segmenti a differenti canali, modelli distributivi; Tattico (area territoriale e filiale): definizione budget, assegnazione clientigestori; Operativo (gestore): pianificazione delle visite, trasferimento dei portafogli. La classificazione dei clienti nella Matrice di Orientamento si segnala per semplicità concettuale ed efficacia operativa: risultano chiare, a tutti i livelli, le potenzialità applicative e l immediato supporto che lo strumento può dare alle attività di relazione. Il Modello, realizzato per numerose banche sia in ambito retail che corporate, ha trovato impieghi sia a supporto dei 63

10 CARTESIO canali di gestione e sviluppo, sia nella definizione dei livelli di servizio dei contact center, evidenziando i seguenti risultati: più che raddoppiati i ricavi di vendita grazie all individuazione dei clienti ad alto potenziale; dimezzati i costi di contatto, grazie a liste di clienti ordinate per priorità di intervento; drastico aumento della soddisfazione dei clienti migliori. La Matrice di Orientamento Commerciale Elevato Sviluppo Sfide Sviluppo o Recupero Diamanti Partnership Potenziale Marginali Gestione Selettiva Retention Ambasciatori Mantenimento Basso Bassa Fidelizzazione Elevata Il secondo passo per una gestione efficace della relazione è individuare esattamente quando contattare il cliente. In altre parole si tratta di individuare i momenti chiave che costituiscono opportunità o minacce nella relazione banca-cliente. Tali momenti ricadono in una delle fasi del ciclo di vita della relazione: avvio della relazione: fase di contatto iniziale finalizzata all acquisto di un prodotto/servizio; maturità: comprende tutte le fasi relative all utilizzo dei prodotti/servizi e racchiude tutte le esperienze di contatto legate alla richiesta di informazioni, all assistenza operativa e alla risoluzione di eventuali problemi che maturano nel cliente un determinato livello di soddisfazione nei confronti della banca; 64

11 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM declino della relazione: processo, di solito piuttosto rapido, che si attiva quando il cliente, a seguito di risposte non adeguate, problemi non risolti, esperienze negative e una generale insoddisfazione maturata nei confronti della banca, decide di rivolgersi ad un istituto alternativo attraverso una fase di valutazione delle alternative disponibili sul mercato. E necessario che le opportunità e le criticità siano individuate in tempo reale, possibilmente anticipando i comportamenti futuri di ciascun cliente: un analisi expost, tardiva, di certo non apporta alcun beneficio. Operativamente ciò è possibile tramite l utilizzo di indici di Profiling, ovvero indicatori e allarmi comportamentali in grado di descrivere l evoluzione dei comportamenti del cliente nella relazione con la banca al fine di individuare criticità ed opportunità commerciali. Indicatori e allarmi comportamentali nel ciclo della relazione DISDETTA STIPENDIO MUTUO IN SCADENZA PICCO DI LIQUIDITA DIRETTRICI BONIFICI/RID DROP DI ASSETT Valore ALLARMI OPPORTUNITA ALLARMI CRITICITA CROSS SELLING FIDELIZZAZIONE GIACENZA CONTABILE ANZIANITA DI RELAZIONE INDICATORI AVVIO MATURITA DECLINO tempo Affinché la conoscenza del cliente sia completa, il CRM dovrebbe inoltre essere integrato da informazioni che completano il profilo (dati socio-demografici, di redditività, eventuali anomalie con la banca, possesso di prodotti, livello di soddisfazione) e che consentono il contatto (recapiti telefonici, ). Tali informazioni consentono al gestore di rispondere alla domanda cosa proporre e quindi di intraprendere operativamente il contatto relazionale con il cliente. 65

12 CARTESIO Un caso di successo: il CRM di Intesa Casse del Centro Intesa Casse del Centro è una holding del Gruppo Intesa costituita da otto banche. Nonostante queste siano profondamente radicate nel territorio (oltre 300 filiali concentrate nel centro Italia che nel tempo hanno mantenuto il loro brand ed una certa autonomia) negli ultimi anni la holding ha assistito ad un crescente e preoccupante aumento del numero di defezioni della clientela retail. La direzione commerciale ha quindi richiesto uno strumento in grado di supportare operativamente l intera rete: nel frenare il tasso di abbandono; nello sviluppare il cross selling; nel monitorare costantemente i risultati della singola unità operativa (gestore, filiale, banca) con gli obiettivi prefissati dalla holding al fine di individuare e porre rimedio rapidamente ad eventuali disallineamenti. Si è quindi proceduto a definire uno strumento di CRM costituito da due ambienti integrati che riflettessero i due diversi livelli (unità operativa e cliente): il quadro di controllo è il livello di unità operativa (portafoglio del gestore/ filiale/banca) che consente di monitorare lo stato di salute dell unità (redditività e confronto con il budget, clientela persa e acquisita, stato di avanzamento delle campagne), pianificare azioni commerciali mirate (Matrice di Orientamento) e individuare i clienti per cui sono in atto criticità nella relazione e opportunità commerciali che richiedono un immediato intervento (allarmi comportamentali). La scheda cliente consente di classificare il singolo cliente in funzione del suo valore attuale e prospettico (fidelizzazione e potenziale) individuare le opportunità e criticità immediate (indici di Profiling), completare il profilo del cliente (caratteristiche sociodemografiche e possesso prodotti) e facilitare il contatto (recapiti). 66

13 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Il CRM di Intesa Casse del Centro Priorità di azione (quali Clienti sviluppare) OBIETTIVI Opportunità commerciali (quando e cosa) Quadro di Controllo Scheda Cliente Matrice di Orientamento PRINCIPALI STRUMENTI Indici di Profiling Prima di effettuare il roll out sulla rete è stato effettuato un test commerciale su alcune filiali di una Cassa: alcune disponevano del CRM (filiali test) e altre no (filiali di controllo). Il test ha dimostrato che l utilizzo del CRM: aumenta l efficacia commerciale: le filiali test hanno più che raddoppiato le vendite rispetto alle filiali di controllo e inoltre hanno venduto una varietà maggiore di prodotti; incrementa l efficienza operativa: si hanno in due schermate tutte le informazioni necessarie per monitorare l operatività di filiale e gestire la relazione con il cliente; riduce i costi di contatto: grazie alla Matrice di Orientamento si individuano i clienti a priorità di azione e la visione sintetica ma completa offerta dalla scheda cliente consente di individuare proposizioni commerciali mirate alle reali esigenze del singolo cliente. 67

14 CARTESIO Risultati del test commerciale del CRM in ICC Maggiore efficacia commerciale 33% 66% 25% + 110% 42% 14% 20% con CRM3 senza CRM3 esiti positivi esiti interlocutori esiti negativi Migliore capacità propositiva Proposte vendute dalle Filiali di Test Proposte vendute Fido Scoperto C/C dalle Filiali di Controllo Carta di Credito Assicurazioni Servizio Addebito/Accredito Fondo / Titolo Previdenza Integrativa Mutuo PAC Obbligazioni CARIVIT Prestito Personale Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati forniti dalle filiali CARVIT coinvolte nel test. Base: maggio Ma altrettanto interessanti sono i risultati relativi all utilizzo del CRM da parte dei gestori e direttori di filiale registrati dal roll out effettuato sulla rete ad oggi e le previsioni per l immediato futuro: 100%: sono le filiali che utilizzano il CRM; + 300%: è la crescita del livello di utilizzo della rete (triplicati gli accessi in pochi mesi); 70%: sono i clienti che si stima ogni anno saranno contattati grazie al supporto del CRM e con i quali si intraprenderanno azioni relazionali proattive; -30%: è la riduzione attesa del tasso di abbandono. 68

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli Cap. 21 del testo, Marketing. Il Management orientato al mercato, A. Mattiacci & A. Pastore, HOEPLI, 2013 G. Iasevoli Indice

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Fidelizzazione e sviluppo del valore del Cliente

Fidelizzazione e sviluppo del valore del Cliente Fidelizzazione e sviluppo del valore del Cliente Azioni in Europa ed USA: lezioni apprese ed errori da evitare Ernesto Ciorra La fedeltà è un comportamento, la soddisfazione è la causa! Fedeltà (i clienti

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION INDICE La semplicità nell era dei Big Data 05 01. Data Visualization:

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time NOVITÀ 2013! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM 7 Aziende: Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time > Nicola Aliperti Global It Project Manager Marketing

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli