Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM"

Transcript

1 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Differenziarsi attraverso un efficace gestione della relazione appare per le banche piccole e medie la risposta strategica all inasprimento della competitività in atto Busacca & Associati I l vantaggio competitivo è garantito qualora si raggiunga equilibrio tra il valore erogato e percepito dal cliente e il prezzo pagato dal cliente stesso. All inasprirsi dell ambiente competitivo, tale equilibrio può essere assicurato soltanto da un efficace sistema di relazione in grado di assicurare il persistere di elevati livelli di soddisfazione e fedeltà. Un efficace sistema di Customer Relationship Management consente di gestire efficacemente la relazione e sviluppare il valore del cliente. 55

2 CARTESIO Il cliente retail, sempre più evoluto e meno fedele Negli ultimi anni il cliente retail si è evoluto ed ha maturato capacità critiche, comparative e negoziali nei confronti degli istituti finanziari. Un numero sempre crescente di clienti utilizza canali a distanza (nel 2006 il numero di clienti che ha usufruito dei servizi di banca telefonica, call center, home e internet banking è cresciuto del 32% rispetto all anno precedente) e canali fisici specializzati alternativi allo sportello (nel 2006 i contatti presso promotori, consulenti e agenti a domicilio hanno registrato una crescita pari al 67% rispetto all anno precedente). Oggi il cliente è sempre meno conosciuto dalla propria banca principale perché si reca meno presso la propria agenzia; in tal senso il patrimonio informativo complessivo inerente ciascun cliente, costruito nel tempo grazie al rapporto diretto con il proprio referente interno, si sta impoverendo. L autonomia culturale e decisionale del cliente nel gestire i propri risparmi e investimenti e la ricerca di consulenza specializzata riflettono: la maturata diffidenza verso gli istituti bancari; la crescente sensibilità al rapporto qualità/prezzo. Ciò è dovuto in parte ai recenti scandali finanziari e in parte all assottigliamento dei ceti medi sempre più attenti al prezzo dei prodotti/servizi: la variabile prezzo cresce più di ogni altra in termini di importanza al momento di decidere se cambiare o meno banca ed è la prima motivazione che induce il cliente ad abbandonare la banca. Lo stipendio medio di un italiano, considerando l incremento del costo della vita dopo il changeover del 2001, è il più basso se confrontato con gli altri sei paesi europei più industrializzati ed è al penultimo posto degli stipendi medi dei paesi dell area euro. Non a caso in Italia il livello medio di soddisfazione nei confronti degli istituti bancari è inferiore a quelli registrati negli altri paesi europei più industrializzati e di conseguenza nel nostro paese si registra un alta propensione all abbandono. 56

3 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Ogni anno circa 5,5 milioni di clienti retail si rivolgono ad istituti differenti dalla propria banca principale per avere informazioni su prodotti e servizi; ogni anno circa il 6% di clienti cambia banca. Da una recente indagine ABI-Gfk Eurisko effettuata su un campione di clienti retail si evidenzia che il cliente, a differenza di pochi anni fa, è sempre meno fidelizzato: nel 20% dei casi è anche cliente di altre banche; nel 12% dei casi è anche cliente di agenti assicurativi e società finanziarie; l 11% del campione è anche cliente di BancoPosta. Legame tra soddisfazione e loyalty nei paesi EU7 Propensione all'abbandono 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% R* = - 0,5 30% 40% 50% 60% 70% 80% Soddisfazione complessiva * R: indice di correlazione che esprime la forza del legame lineare tra Soddisfazione e rischio di abbandono Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Forrester s Consumer European Study. Base: Q Nel retail banking il business model sta cambiando profondamente: da one stop shop a one need one shop. L insoddisfazione crescente e la sempre maggiore attenzione al prezzo incrementano la domanda e quindi l offerta di prodotti e servizi a basso prezzo, che inaspriscono la competizione nell acquisire/trattenere il cliente retail. Queste azioni, spesso di grande successo, sono generalmente mutuate da altre industries dove il livello di competitività e l elasticità della domanda rispetto al prezzo sono storicamente più elevate. 57

4 CARTESIO Alcuni esempi: in 5 anni BancoPosta ha attratto 4,8 milioni di clienti acquisendo il 42% di quelli che hanno cambiato banca; a quattro mesi dal lancio di Genius Revolution Unicredit ha registrato l apertura di conti che nel 60% dei casi sono nuovi conti; Ing Direct ha acquisito circa clienti in 5 anni con una crescita del 30% negli ultimi 12 mesi ed erogato 1 miliardo di euro di mutui nel Le grandi banche, contemporaneamente al lancio di azioni low cost molto aggressive e volte ad acquisire nuovi clienti, si focalizzano sulla gestione della fidelizzazione della clientela, attraverso la creazione di programmi a punti e partnership cross-industries. Esempi di azioni di acquisizione e di loyalty BANCOPOSTA UNICREDIT ING DIRECT Low Cost Programma a punti Partnership Tuttavia le banche, in particolar modo quelle tradizionali, difficilmente possono e potranno competere con i grandi istituti nell acquisire una leadership di costo. Il comparto del credito al consumo, ad esempio, ancora in forte sviluppo nel nostro paese, è per lo più erogato da istituti finanziari specializzati, nonostante tutte le banche offrano prestiti personali e finalizzati. Il vantaggio delle grandi banche e degli istituti specializzati è di tipo strutturale e quindi, sostanzialmente, non colmabile. 58

5 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM E allora le domande a cui le banche dovrebbero dare una risposta sono: come reagire alle minacce dei competitor e acquisire un vantaggio competitivo sostenibile nel tempo? come individuare i clienti migliori da sviluppare e fidelizzare? quali modelli e strumenti adottare per sviluppare il potenziale dei clienti acquisiti? Reagire investendo nella relazione con il cliente La banca realizza un vantaggio competitivo quando riesce a creare un equilibrio tra il valore erogato e percepito dal cliente e il prezzo pagato dal cliente stesso. Il valore realmente percepito dal cliente è dato dal rapporto qualità/prezzo: a fronte di prodotti e servizi sostanzialmente indifferenziati e di un rapporto insoddisfacente con la banca, il cliente si orienta verso prodotti low cost e la multibancarizzazione. Dal momento che le banche, specialmente quelle tradizionali, difficilmente possono competere con i grandi istituti per acquisire una leadership di costo, l unica valida alternativa ad un pricing aggressivo è rappresentata dalla differenziazione attraverso la qualità del servizio/prodotto offerto ovvero, più compiutamente, attraverso la qualità della relazione banca-cliente. Il prezzo troppo alto, denunciato dal cliente nel momento dell abbandono, sottende infatti motivazioni più complesse, il più delle volte mai esplicitamente lamentate nel corso della relazione: la banca mostra disinteresse, che si manifesta sotto forma di una certa inerzia a risolvere i problemi del cliente; il cliente sente poco la presenza propositiva della banca; il referente non si accorge dell evoluzione personale e professionale del cliente e delle conseguenti variazioni dei suoi bisogni. Le banche tradizionali stanno perdendo terreno: il cliente è sempre meno disposto a pagare un sovraprezzo per una relazione (che è stata fino a poco tempo fa il punto di forza delle banche più radicate nel territorio) pressoché inesistente o comunque insoddisfacente. 59

6 CARTESIO Eppure l esperienza conferma che investire nella relazione conviene: un recente studio effettuato su 14 banche evidenzia uno stretto legame tra il livello di soddisfazione dei clienti (ICSI: Italian Customer Satisfaction Index) e i risultati aziendali, in particolare: una riduzione delle defezioni può generare ritorni più che proporzionali in termini di profitti (una riduzione del 5% delle defezioni può determinare un incremento di profitto tra il 25% e il 95%); i costi necessari per mantenere un cliente sono notevolmente minori rispetto a quelli necessari per acquisirne uno nuovo; la soddisfazione e la fedeltà generano ulteriori vantaggi, differenti rispetto a quelli di natura esclusivamente economico-finanziaria, sia per la banca sia per il cliente. Soddisfazione dei clienti e risultati aziendali ROE 20% 18% 16% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% Italian Customer Satisfaction Index e ROE (Valori da 0 a 100 e valori percentuali) R* = 0,47 Banche: BANCA ANTONVENETA BANCA DI ROMA BANCA INTESA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO BANCA POPOLARE DI BERGAMO BANCA POPOLARE DI MILANO BANCA TOSCANA BANCO DI SARDEGNA BANCO DI SICILIA CASSA DI RISARMIO DI FIRENZE MONTE DEI PASCHI DI SIENA SANPAOLO BANCO DI NAPOLI SANPAOLO IMI UNICREDIT 0% ICSI 2007 * R: indice di correlazione che esprime la forza del legame lineare tra ICSI e ROE Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Doxa e Mediobanca. Base: gennaio

7 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Una gestione efficace della relazione consente di innescare il circolo virtuoso soddisfazione - fedeltà - valore. A tale scopo è necessario che si attuino sostanziali cambiamenti nell approccio di marketing e commerciale, che deve evolversi da transazionale (basato sul prodotto) a relazionale (focalizzato sul cliente): conoscere approfonditamente il singolo cliente attraverso processi di feed- -back continui; creare una relazione con il cliente piuttosto che effettuare una vendita (la vendita è un occasione di interazione e non la misura del successo); focus nel conservare i clienti acquisiti; assenso da parte del cliente basato sulle capacità di problem solving del gestore piuttosto che sul prodotto e sul prezzo; focus sulla vendita come servizio e non come obiettivo, dialogo individuale con i clienti e processo di comunicazione continuo. Il circolo virtuoso della relazione SODDISFAZIONE Relazione conoscenza dialogo problem solving FEDELTA VALORE L approccio relazionale descritto si traduce concretamente nella creazione di campagne commerciali customer driven, ovvero non più basate sulla vendita di uno specifico prodotto: la vendita di un prodotto non è più l obiettivo della campagna, ma l atto conclusivo di un processo di relazione che ha consentito di individuare un adeguata risposta ad una specifica esigenza, direttamente manifestata o latente. 61

8 CARTESIO Test commerciali dimostrano che campagne customer driven consentono nell immediato di raddoppiare le vendite, mentre nel medio e lungo periodo permettono di innescare il circolo virtuoso soddisfazione - fedeltà - valore. Campagna product driven versus campagna customer driven Campagna product driven Banca prodotto Lista statica Contatto finalizzato Offerta standard Cliente Vendita Efficacia 10 15% Campagna customer driven Banca Lista dinamica Contatto relazionale Offerta mirata Vendita Cliente Relazione Efficacia 20 30% Affinché l approccio relazionale sia concretamente integrato nei processi commerciali della rete, è opportuno dotare i gestori di strumenti in grado di supportare quotidianamente l attività di relazione con la clientela (Customer Relationship Management). Il CRM, strumento per lo sviluppo della relazione Un efficace sistema di Customer Relationship Management è un insieme di strumenti integrati in grado di rispondere, in modo semplice ed immediato, alle tre domande principali che ciascun gestore si dovrebbe porre ogni giorno: Chi contattare? Quando? Cosa proporre? 62

9 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM La Matrice di Orientamento consente di rispondere alla prima domanda. Per gestire in maniera efficace ed efficiente la relazione è necessario dare a ciascun Cliente l attenzione che merita, investendo adeguatamente il tempo dedicato alla relazione e cioè differenziando le proposizioni commerciali e le modalità di contatto in funzione di quanto il cliente vale e potrebbe valere in futuro. La Matrice di Orientamento consente di classificare ciascun cliente in base al suo potenziale e al suo grado di fidelizzazione (calcolato come rapporto tra il patrimonio effettivamente allocato presso la banca e il potenziale commerciale per il sistema bancario): Diamanti: clienti ad elevato potere potenziale altamente fidelizzati; Sfide: clienti ad elevato potere potenziale ma poco fidelizzati; Ambasciatori: clienti che mostrano un potenziale contenuto ma una forte presenza della banca; Marginali: potenziale contenuto e scarsa presenza della banca. Il Modello consente quindi di individuare i clienti a elevata priorità di azione, sui quali vale la pena investire; infatti, sulla base della classificazione descritta, il Modello suggerisce differenti strategie relazionali: Diamanti: partnership; Sfide: sviluppo o recupero; Ambasciatori: mantenimento; Marginali: gestione selettiva. La stima del potenziale di ciascun cliente retail avviene sulla base di caratteristiche socio-demografiche quali l età, l area geografica di residenza, la professione, il numero di immobili posseduti, ecc. La Matrice di Orientamento è utilizzabile a differenti livelli decisionali: Strategico (direzione generale): definizione di offerte mirate, assegnazione di segmenti a differenti canali, modelli distributivi; Tattico (area territoriale e filiale): definizione budget, assegnazione clientigestori; Operativo (gestore): pianificazione delle visite, trasferimento dei portafogli. La classificazione dei clienti nella Matrice di Orientamento si segnala per semplicità concettuale ed efficacia operativa: risultano chiare, a tutti i livelli, le potenzialità applicative e l immediato supporto che lo strumento può dare alle attività di relazione. Il Modello, realizzato per numerose banche sia in ambito retail che corporate, ha trovato impieghi sia a supporto dei 63

10 CARTESIO canali di gestione e sviluppo, sia nella definizione dei livelli di servizio dei contact center, evidenziando i seguenti risultati: più che raddoppiati i ricavi di vendita grazie all individuazione dei clienti ad alto potenziale; dimezzati i costi di contatto, grazie a liste di clienti ordinate per priorità di intervento; drastico aumento della soddisfazione dei clienti migliori. La Matrice di Orientamento Commerciale Elevato Sviluppo Sfide Sviluppo o Recupero Diamanti Partnership Potenziale Marginali Gestione Selettiva Retention Ambasciatori Mantenimento Basso Bassa Fidelizzazione Elevata Il secondo passo per una gestione efficace della relazione è individuare esattamente quando contattare il cliente. In altre parole si tratta di individuare i momenti chiave che costituiscono opportunità o minacce nella relazione banca-cliente. Tali momenti ricadono in una delle fasi del ciclo di vita della relazione: avvio della relazione: fase di contatto iniziale finalizzata all acquisto di un prodotto/servizio; maturità: comprende tutte le fasi relative all utilizzo dei prodotti/servizi e racchiude tutte le esperienze di contatto legate alla richiesta di informazioni, all assistenza operativa e alla risoluzione di eventuali problemi che maturano nel cliente un determinato livello di soddisfazione nei confronti della banca; 64

11 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM declino della relazione: processo, di solito piuttosto rapido, che si attiva quando il cliente, a seguito di risposte non adeguate, problemi non risolti, esperienze negative e una generale insoddisfazione maturata nei confronti della banca, decide di rivolgersi ad un istituto alternativo attraverso una fase di valutazione delle alternative disponibili sul mercato. E necessario che le opportunità e le criticità siano individuate in tempo reale, possibilmente anticipando i comportamenti futuri di ciascun cliente: un analisi expost, tardiva, di certo non apporta alcun beneficio. Operativamente ciò è possibile tramite l utilizzo di indici di Profiling, ovvero indicatori e allarmi comportamentali in grado di descrivere l evoluzione dei comportamenti del cliente nella relazione con la banca al fine di individuare criticità ed opportunità commerciali. Indicatori e allarmi comportamentali nel ciclo della relazione DISDETTA STIPENDIO MUTUO IN SCADENZA PICCO DI LIQUIDITA DIRETTRICI BONIFICI/RID DROP DI ASSETT Valore ALLARMI OPPORTUNITA ALLARMI CRITICITA CROSS SELLING FIDELIZZAZIONE GIACENZA CONTABILE ANZIANITA DI RELAZIONE INDICATORI AVVIO MATURITA DECLINO tempo Affinché la conoscenza del cliente sia completa, il CRM dovrebbe inoltre essere integrato da informazioni che completano il profilo (dati socio-demografici, di redditività, eventuali anomalie con la banca, possesso di prodotti, livello di soddisfazione) e che consentono il contatto (recapiti telefonici, ). Tali informazioni consentono al gestore di rispondere alla domanda cosa proporre e quindi di intraprendere operativamente il contatto relazionale con il cliente. 65

12 CARTESIO Un caso di successo: il CRM di Intesa Casse del Centro Intesa Casse del Centro è una holding del Gruppo Intesa costituita da otto banche. Nonostante queste siano profondamente radicate nel territorio (oltre 300 filiali concentrate nel centro Italia che nel tempo hanno mantenuto il loro brand ed una certa autonomia) negli ultimi anni la holding ha assistito ad un crescente e preoccupante aumento del numero di defezioni della clientela retail. La direzione commerciale ha quindi richiesto uno strumento in grado di supportare operativamente l intera rete: nel frenare il tasso di abbandono; nello sviluppare il cross selling; nel monitorare costantemente i risultati della singola unità operativa (gestore, filiale, banca) con gli obiettivi prefissati dalla holding al fine di individuare e porre rimedio rapidamente ad eventuali disallineamenti. Si è quindi proceduto a definire uno strumento di CRM costituito da due ambienti integrati che riflettessero i due diversi livelli (unità operativa e cliente): il quadro di controllo è il livello di unità operativa (portafoglio del gestore/ filiale/banca) che consente di monitorare lo stato di salute dell unità (redditività e confronto con il budget, clientela persa e acquisita, stato di avanzamento delle campagne), pianificare azioni commerciali mirate (Matrice di Orientamento) e individuare i clienti per cui sono in atto criticità nella relazione e opportunità commerciali che richiedono un immediato intervento (allarmi comportamentali). La scheda cliente consente di classificare il singolo cliente in funzione del suo valore attuale e prospettico (fidelizzazione e potenziale) individuare le opportunità e criticità immediate (indici di Profiling), completare il profilo del cliente (caratteristiche sociodemografiche e possesso prodotti) e facilitare il contatto (recapiti). 66

13 Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Il CRM di Intesa Casse del Centro Priorità di azione (quali Clienti sviluppare) OBIETTIVI Opportunità commerciali (quando e cosa) Quadro di Controllo Scheda Cliente Matrice di Orientamento PRINCIPALI STRUMENTI Indici di Profiling Prima di effettuare il roll out sulla rete è stato effettuato un test commerciale su alcune filiali di una Cassa: alcune disponevano del CRM (filiali test) e altre no (filiali di controllo). Il test ha dimostrato che l utilizzo del CRM: aumenta l efficacia commerciale: le filiali test hanno più che raddoppiato le vendite rispetto alle filiali di controllo e inoltre hanno venduto una varietà maggiore di prodotti; incrementa l efficienza operativa: si hanno in due schermate tutte le informazioni necessarie per monitorare l operatività di filiale e gestire la relazione con il cliente; riduce i costi di contatto: grazie alla Matrice di Orientamento si individuano i clienti a priorità di azione e la visione sintetica ma completa offerta dalla scheda cliente consente di individuare proposizioni commerciali mirate alle reali esigenze del singolo cliente. 67

14 CARTESIO Risultati del test commerciale del CRM in ICC Maggiore efficacia commerciale 33% 66% 25% + 110% 42% 14% 20% con CRM3 senza CRM3 esiti positivi esiti interlocutori esiti negativi Migliore capacità propositiva Proposte vendute dalle Filiali di Test Proposte vendute Fido Scoperto C/C dalle Filiali di Controllo Carta di Credito Assicurazioni Servizio Addebito/Accredito Fondo / Titolo Previdenza Integrativa Mutuo PAC Obbligazioni CARIVIT Prestito Personale Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati forniti dalle filiali CARVIT coinvolte nel test. Base: maggio Ma altrettanto interessanti sono i risultati relativi all utilizzo del CRM da parte dei gestori e direttori di filiale registrati dal roll out effettuato sulla rete ad oggi e le previsioni per l immediato futuro: 100%: sono le filiali che utilizzano il CRM; + 300%: è la crescita del livello di utilizzo della rete (triplicati gli accessi in pochi mesi); 70%: sono i clienti che si stima ogni anno saranno contattati grazie al supporto del CRM e con i quali si intraprenderanno azioni relazionali proattive; -30%: è la riduzione attesa del tasso di abbandono. 68

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Piccole banche: c è una via locale al private banking?

Piccole banche: c è una via locale al private banking? Piccole banche: c è una via locale al private banking? Un private banking locale, attraverso un offerta di prodotti e servizi di qualità sui segmenti di clientela a più alto margine, può costituire l approccio

Dettagli

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne Roma, Palazzo Altieri 12/13 febbraio 2007 La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne (Centro Studi e Ricerche ABI - Associazione Bancaria Italiana)

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Azioni positive ed errori da evitare nell adozione di strategie di fidelizzazione in banca

Azioni positive ed errori da evitare nell adozione di strategie di fidelizzazione in banca Azioni positive ed errori da evitare nell adozione di strategie di fidelizzazione in banca Convegno ABI CRM 2003 Roma, 12 Dicembre 2003 Fabio Giardina Partner Busacca & Associati s.r.l. 20149 Milano, Via

Dettagli

Dalla relazione personale a quella industriale

Dalla relazione personale a quella industriale Dalla relazione personale a quella industriale Nuove strategie per il mass market Carlo Panella Responsabile CRM Banca Popolare di Milano Agenda Strategia di Marketing Politica CRM Esempio 2 La replicabilità

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Giovanni Andolfi giovanni.andolfi@bancalombarda.it Roma, 13 febbraio 2007 Banca Lombarda: una forte Rete in un area territoriale ricca

Dettagli

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Raul Mattaboni, Direttore Generale Prometeia Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 Febbraio 2007 Questo documento

Dettagli

Primi risultati di sintesi

Primi risultati di sintesi INDAGINE ABI-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Approcci di CRM e di gestione delle relazioni con la clientela del settore bancario Primi risultati di sintesi (Dicembre 2003) 1 2 BANCHE RISPONDENTI: 84 RAPPRESENTATIVE

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it CRM, CALL CENTER E NUOVI CANALI

LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it CRM, CALL CENTER E NUOVI CANALI LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it 1 OBIETTIVO Ottimizzare il rapporto fra cliente e banca Massimizzare la soddisfazione e Massimizzare la redditività

Dettagli

Prevedere l abbandono dei clienti e agire

Prevedere l abbandono dei clienti e agire Prevedere l abbandono dei clienti e agire Definire azioni mirate per intervenire in anticipo sul rischio di abbandono dei singoli clienti Busacca & Associati A nticipare il rischio di abbandono dei clienti

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

La percezione di valore in banca

La percezione di valore in banca La percezione di valore in banca Il valore percepito dal cliente dei servizi bancari non è strettamente legato al prezzo, ma dipende dalla relazione cliente-banca: dotarsi di un sistema di ascolto è la

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Nell attuale contesto competitivo, la conoscenza del cliente e dei suoi bisogni di servizi e prodotti bancari a 360 diventa fondamentale

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA Piergiorgio Qualizza Servizio Commerciale Milano, 9 febbraio

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center

Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center Marco Vecchiotti, Account Management Director - Experian Crm Luciano Bruccola, Manager - Experian Scorex ABI, Roma, 14 dicembre

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO

INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO pag 3 RADAR BANK: IL SUO LINGUAGGIO pag 4 I TEMI ESPLORATI LE FONTI: UN SISTEMA INTEGRATO DI INFORMAZIONI pag 5 DESCRIZIONE STRUTTURA E METODOLOGIA

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

ABI Dimensione Cliente 2010 La Rivoluzione del Dialogo Nuove regole per Ascoltare, Comprendere, Proporre. Alberto Antonietti Roma, 25 marzo 2010

ABI Dimensione Cliente 2010 La Rivoluzione del Dialogo Nuove regole per Ascoltare, Comprendere, Proporre. Alberto Antonietti Roma, 25 marzo 2010 ABI Dimensione Cliente 2010 La Rivoluzione del Dialogo Nuove regole per Ascoltare, Comprendere, Proporre Alberto Antonietti Roma, 25 marzo 2010 La crisi ha accelerato alcuni trend in essere, amplificando

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

Strumenti e strategie di CRM

Strumenti e strategie di CRM Strumenti e strategie di CRM Bologna, 11/09/2013 Simone Parrotto Responsabile CRM Gruppo CREDEM Agenda Il CRM in Credem Il CRM identifica tutti quei processi, metodi ed iniziative il cui scopo è quello

Dettagli

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software.

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. Customer Relationship Management Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. 2 CRM è una strategia competitiva,, basata sulla capacità di mantenersi costantemente

Dettagli

Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione

Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione Misurare e agire: l eccellenza nei risultati economici dipende dalla capacità di soddisfare i propri clienti meglio e più a lungo della concorrenza Busacca

Dettagli

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Workshop ABI Metriche di misurazione delle performance commerciali LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Associazione Bancaria Italiana Funzione Ricerche e Analisi Daniela

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

Customer Focus Program

Customer Focus Program Sviluppare la soddisfazione del cliente, migliorarne la redditività C lienti stabilmente soddisfatti danno luogo a risultati di bilancio e quotazioni di borsa continuativamente e sensibilmente migliori.

Dettagli

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Corrado Avesani - CRM 2001 Strumenti evoluti per il rapporto con la clientela Convegno ABI Roma, 14 dicembre 2001 Agenda Multicanalità e CRM Il concetto di multicanalità

Dettagli

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche DANIELA VITOLO d.vitolo@abi.it - CENTRO STUDI E RICERCHE - ABI CRM - RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE 1 GLI

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM Sociologia della Comunicazione A.A. 2008-2009 Logiche ed applicazioni di CRM Fulvio Fortezza Importanza delle relazioni Oggi il successo di un impresa non dipende più solo dalle competenze che si originano

Dettagli

Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie

Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie Dipartimento di Management Roma, 1 aprile 2015 Agenda Indice degli argomenti Le strategie di segmentazione nel Retail Banking (Privati, Poe

Dettagli

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti 1 FORUM HR 2015 Roma, 9/10 giugno 2015 Le nuove professioni in Banca La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti ripercussioni, oltreché a livello sociale, sulla redditività

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI

VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI Andrea Chierici Responsabile Prodotti Retail Cariparma e Piacenza S.p.A. - Gruppo Intesa ABI CRM 2003. Strategie di valorizzazione

Dettagli

Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi. Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab

Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi. Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab CARTE 2012 Roma, 15 novembre 2012 La multicanalità Fonte: Elaborazioni ABI su dati sull Osservatorio di Customer

Dettagli

La gestione del Segmento Lower Affluent

La gestione del Segmento Lower Affluent Roma, 12 Febbraio 2007 La gestione del Segmento Lower Affluent Emanuele Giustini Dir. Retail Banca Popolare Italiana GRUPPO BANCA POPOLARE ITALIANA IL PROFILO - Gruppo - - Alcuni numeri - Clienti banche:

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing Il Marketing Unità 1 La Funzione di Marketing Le Vendite e il Marketing Il Marketing si inquadra nella Funzione Vendite In passato le imprese erano product oriented (mercati statici) Oggi le imprese sono

Dettagli

Milano, Venerdì 9 Febbraio 2001 Giornata di studio su Customer Relationship Management e Customer Profitability Analysis. Torna alla prima pagina

Milano, Venerdì 9 Febbraio 2001 Giornata di studio su Customer Relationship Management e Customer Profitability Analysis. Torna alla prima pagina La soddisfazione del cliente a partire dalla gestione dinamica del suo ciclo di vita. La Customer Retention e il Progetto Valore Cliente della Banca Popolare FriulAdria Relatore: Maggiolo Ivan Servizio

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

Marketing relazionale

Marketing relazionale Marketing relazionale Introduzione Nel marketing intelligence assume particolare rilievo l applicazione di modelli predittivi rivolte a personalizzare e rafforzare il legame tra azienda e clienti. Un azienda

Dettagli

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice Divisione Banca dei Territori 3 Direzione Marketing Privati 6 Direzione Marketing Small Business 15 Direzione Marketing Imprese 23

Dettagli

Dalla Banca Retail alla Banca Digitale

Dalla Banca Retail alla Banca Digitale Dalla Banca Retail alla Banca Digitale Carlo Panella ABI - Dimensione Cliente, 9 Aprile 2014 Il Gruppo CSE: copertura dei servizi bancari Fleet Management: POS, ATM, Cash/Desktop Management, Teller Cash

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

AL evoluzione dell uso dei canali nel mercato bancario retail

AL evoluzione dell uso dei canali nel mercato bancario retail Contact center: guida al viaggio del cliente nella multicanalità Daniela Vitolo ABI I principali risultati dell Osservatorio ABI-ABI Lab sui contact center bancari evidenziano un ruolo del canale di supporto

Dettagli

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 SUMMARY Il modello di business vede un integrazione sempre più stretta fra tlc e media Fedeltà al brand

Dettagli

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza

Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza La terza edizione dell Osservatorio sulla customer satisfaction nei servizi conferma che il livello di soddisfazione dei clienti risulta

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

L EVOLUZIONE DEI CANALI NELL EXPERIENCE DEI CLIENTI

L EVOLUZIONE DEI CANALI NELL EXPERIENCE DEI CLIENTI Speciale Banca mobile e canali diretti L EVOLUZIONE DEI CANALI NELL EXPERIENCE DEI CLIENTI Le banche stanno gradualmente trasferendo l operatività di routine sui canali diretti, rispondendo a nuove strategie

Dettagli

È dimostrato, soddisfare i clienti conviene

È dimostrato, soddisfare i clienti conviene È dimostrato, soddisfare i clienti conviene Le aziende con clienti soddisfatti migliorano costantemente i risultati di bilancio e le quotazioni di borsa: una ricerca italiana lo dimostra per la prima volta

Dettagli

Marketing, Relazione, Valore, Cliente: la vision CRM di Trend

Marketing, Relazione, Valore, Cliente: la vision CRM di Trend Marketing, Relazione, Valore, Cliente: la vision CRM di Trend Livio Perugini Customer Management System Manager Roma, 15 dicembre 2000 Crm: una possibile definizione E un insieme di sistemi e strategie

Dettagli

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela ABI CRM 2005 Roma, 14 dicembre 2005 Il Gruppo Banca CR Firenze Cassa di Risparmio di Firenze Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia

Dettagli

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Sistemi di pagamento e Monetica CRM Strategico Cedacri ha sviluppato

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie

Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie Dipartimento di Management Roma, 6 maggio 2015 Agenda Indice degli argomenti Le strategie di segmentazione nel Retail Banking (Privati, Poe

Dettagli

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio DIMENSIONE CLIENTE 2012 Roma, 11 aprile 2013 Daniela Vitolo ABI Ufficio Analisi Gestionali - Direzione Strategie e Mercati

Dettagli

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 DO YOU SEPA? 2010 PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 Chiara Frigerio CeTIF in collaborazione con 1 Dinamiche evolutive del business dei pagamenti Fattori Socio-culturali SEPA Evoluzione del mercato Sistemi

Dettagli

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO Settembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DELL'OSSERVATORIO...pag. 1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 Capitolo 1 STATO ED EVOLUZIONE DEL MERCATO...7

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

La fidelizzazione del cliente bancario: l immagine come fattore competitivo Renato Mannheimer

La fidelizzazione del cliente bancario: l immagine come fattore competitivo Renato Mannheimer La fidelizzazione del cliente bancario: l immagine come fattore competitivo Renato Mannheimer Convegno CRM 2003 Roma, ABI 12 Dicembre 2003 La matrice della fedeltà :: La spesa iniziale per accedere ad

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

DIMENSIONE CLIENTE 2014. L importanza della proattività per fidelizzare e sviluppare il mercato

DIMENSIONE CLIENTE 2014. L importanza della proattività per fidelizzare e sviluppare il mercato DIMENSIONE CLIENTE 2014 L importanza della proattività per fidelizzare e sviluppare il mercato Daniela Vitolo Ufficio Analisi Gestionali Direzione Strategie e Mercati Finanziari ABI Roma, 9 aprile 2014

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Presentazione alle Organizzazioni Sindacali Milano, 4 maggio 2015 Agenda Inquadramento Progetto (contesto di riferimento

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale

L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale Ruggero Benedetto Gruppo Monte dei Paschi di Siena Responsabile Multicanalità Integrata Roma, 15 Aprile ABI Dimensione Cliente 1.

Dettagli

AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS

AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS SAI DAVVERO COSA PENSA OGNI SINGOLO CLIENTE DELLA TUA AZIENDA? STA SFRUTTANDO TUTTE LE OPPORTUNITÀ CHE POTENZIALMENTE LA TUA CUSTOMER BASE TI OFFRE? i vostri

Dettagli

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio.

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. ABILab Forum 2012 Milano 28-29 Marzo Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. Il caso Banco Desio Marcello Sala Responsabile Area Organizzazione

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

MPS: Fare Marketing, Vendere e Soddisfare il Cliente ABI Dimensione Cliente 2015

MPS: Fare Marketing, Vendere e Soddisfare il Cliente ABI Dimensione Cliente 2015 MPS: Fare Marketing, Vendere e Soddisfare il Cliente ABI Dimensione Cliente 2015 Roma, 9-10 Aprile Paolo Pellegrini Banca Monte dei Paschi di Siena Responsabile Marketing Strategico Retail Negli ultimi

Dettagli

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 I BILANCI ECCELLENTI Estratto dal Bilancio GRUPPO MPS Lo stralcio che segue è estratto da Gruppo MPS Bilancio 2005 Pagine 91-97 euro (+44%

Dettagli

"Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche".

Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche. "Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche". Convegno Credito alle Famiglie 2009 Roma, 23.6.2009 - Palazzo Altieri Luciano Ambrosone

Dettagli

Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM

Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM Alberto Cellini 8 maggio 2008 1 Indice CRM e marketing relazionale Lo sviluppo della relazione con il cliente Strumenti

Dettagli

CRM e redditività di cliente: opportunità per una revisione degli orientamenti gestionali nel retail banking

CRM e redditività di cliente: opportunità per una revisione degli orientamenti gestionali nel retail banking APB GIORNATA DI STUDIO Customer Relationship Management e Customer Profitability Analysis nelle banche europee CRM e redditività di cliente: opportunità per una revisione degli orientamenti gestionali

Dettagli

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee Il Customer e Il Customer Contenuti marketing e per le per il CRM 2 Il Customer I punti principali: L attività bancaria sta sperimentando una serie di profondi mutamenti a causa dell accentuarsi delle

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso.

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso. DOMANDE CHIUSE CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (SECONDA PARTE) LA PALESTRA 1. L attività di pianificazione, gestione e controllo dei flussi fisici dei materiali (m.p., semilavorati, e prodotti

Dettagli