Modulo. Muri di sostegno

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo. Muri di sostegno"

Transcript

1 odulo uri di sosegno. - Generalià sui muri di sosegno pag.. Azioni saice sul muro pag. 5. Azioni provocae dal sisma pag Verifice pag Verifice del complesso muro + fondazione pag Verifica a scorrimeno rispeo al erreno di fondazione pag Verifica a ribalameno del complesso muro + fondazione pag Verifica a sciacciameno del erreno di fondazione pag Verifica del solo muro pag Verifica a scorrimeno del solo muro pag Verifica a ribalameno del solo muro pag. 8.5 Verifice alle ensioni ammissibili pag. 9 Esercizio - Verifica di un muro di sosegno in zona non sismica pag. 4 Esercizi modulo pag. 5

2 . Genui muri di sosegno. - Generalià sui muri di sosegno I muri di sosegno sono opere ce si uilizzano per impedire il verificarsi di frane di erreni. ono molo usai nelle cosruzioni sradali per limiare la lungezza delle scarpae sia in serro ce in riporo. Possiamo dividerli in muri di sosegno a gravià e in muri di sosegno in cemeno armao. I primi devono la loro resisenza principalmene grazie al loro peso, e possono essere realizzai sia in calcesruzzo semplice ce in muraura, generalmene di pierame, i secondi devono la propria resisenza, principalmene alla loro forma, essendo più leggeri di quelli a gravià. La forma dei muri di sosegno in calcesruzzo semplice può essere reangolare, per muri di modesa alezza, rapezoidale con enrambe le facce inclinae o solo una inclinaa e l alra vericale, o a parallelogramma, inclinao verso il erreno. Ecco alcune delle più comuni sezioni dei muri in cls.:

3 I muri in calcesruzzo armao, anno in genere forma a T rovesciaa. Gli spessori di ali muri sono modesi se paragonai a quelli in cls, la fondazione è solidale con il muro grazie all effeo di collegameno delle armaure, menre nei muri in cls, la fondazione ed il muro vanno consederae separai. uro in c.a. con suola di mone e di valle di lungezza paragonabili. uro con suola a mone molo larga e suola a valle quasi assene. Può essere adoaa nel caso in cui non è possibile invadere con l opera il erreno a valle. In alri casi può essere necessaria la siuazione opposa, ossia suola a valle esesa e suola a mone quasi assene. In queso ipo di muro il conribuo più imporane per la sabilià viene fornia dal erreno ce insise sulla suola di mone.

4 uro con dene di fondazione. i usa ale soluzione nel caso in cui non si riesca a soddisfare la verifica a scorrimeno. uri a conraffori i usano per alezze imporani. I conraffori possono essere enro erra, come l esempio in figura, o fuori erra, ossia all eserno.

5 . - Azioni saice sul muro Consideriamo il muro di sosegno in calcesruzzo semplice in figura. Le azioni saice ce agiscono su di esso, in assenza di erremoo sono quelle mosrae, e sono: Peso proprio del muro, diviso, per comodià, nelle componeni P, P, P f pina del erreno, scomposa nelle sue componeni orizzonali e vericali, rispeivamene o ed v. Peso del erreno sulla fondazione P Calcolo delle azioni saice Le azioni saice si calcolano, per l esempio in figura, nel modo seguene: Pesi del muro: P H m c ; Dove c è il peso specifico del calcesruzzo, assuno, in genere pari a 400 dan/mc; P H m c P f H ; f f c dove f è la base della fondazione, pari a D D; Peso del erreno insisene sul dene di fondazione: P D ; H m dove è il peso specifico del erreno; pina saica del erreno: K a

6 Dove: K a = Hm + Hf nel caso di verifica del complesso muro + fondazione = Hm nel caso di verifica del solo muro. È il coefficiene di spina aiva in condizioni saice, cioè calcolao in assenza di erremoo: Cos en en Cos ( ) Cos Cos Cos Le componeni orizzonali e vericali della spina, saranno: o = *Cos(δ) ; v = *en(δ) Dove è l angolo di ario erra muro ce può assumersi pari a. Nel caso di erreno orizzonale (ω=0), parameno inerno del muro vericale (β=0), e rascurando l ario ra erreno e muro di sosegno (δ=0), per Ka si può uilizzare la formula seguene: 90 K an a In queso caso la spina sarà orizzonale.

7 . - Verifice oo l azione della spina del erreno il muro può ribalarsi o sposarsi orizzonalmene. A ali movimeni si oppongono le forze peso del muro insieme alla componene vericale della spina ed al peso del erreno ce grava direamene sulla fondazione. Nei muri in calcesruzzo semplice, inolre, il muro in elevazione e la fondazione, non sono un unico corpo, sia percé i gei del calcesruzzo non vengono eseguii nello sesso empo, sia percé il calcesruzzo non resise a razione, è possibile quindi, ce il muro si ribali o si muova, indipendenemene dalla fondazione, come mosrao nelle segueni figure. 4 ) uro e fondazione scivolano insieme ) Il muro scivola sulla fondazione ) Il muro e la fondazione si ribalano insieme 4) Il muro in elevazione si ribala sulla fondazione. Le verifice di sabilià da eseguire allora sono: - verifica a scorrimeno del complesso muro fondazione rispeo al erreno di fondazione; - verifica a scorrimeno del solo muro rispeo alla fondazione; - verifica a ribalameno del complesso muro fondazione, come se fossero un unico corpo; - verifica a ribalameno del solo muro. Olre a ali verifice, va eseguia la verifica a sciacciameno del erreno di fondazione e la verifica di sabilià globale del complesso erreno muro di sosegno. Quando si esegue la verifica, sia a scorrimeno ce a ribalameno, del solo muro, la spina va calcolaa enendo cono della sola alezza del muro. Quando invece, si devono eseguire le verifice a scorrimeno, a ribalameno del muro insieme alla fondazione, e quella a sciacciameno, la spina va calcolaa, sommando all alezza del muro l alezza della fondazione. Le verifice dovranno essere eseguie col meodo degli sai limie. i possono uilizzare in alernaiva, i due approcci: Approccio :

8 Combinazione : Combinazione : (A++R) (A++R) Approccio : (A++R).. - Verifica a scorrimeno del complesso muro+fondazione La forza ce ende a fare scivolare l insieme muro + fondazione rispeo al erreno sono le forze orizzonali, cosiuie, in queso caso, solo dalla componene orizzonale della spina. La forza ce si oppone a ale scorrimeno, è la forza di ario ce nasce ra fondazione e erreno. Tale forza di ario è proporzionale alla forza normale agene sul erreno e ad un coefficiene di ario ce dipende dalla naura delle superfici a conao, in queso caso calcesruzzo con erreno, ale coefficiene di ario può calcolarsi con la formula: f a = ang φ * con φ* si è indicao l angolo di ario ra erreno e fondazione, φ* può essere assuno pari:. Calcolo della spina saica: * Ka H T Le componeni orizzonali e vericali della spina saranno: o v Cos - componene orizzonale della spina; en - componene vericale della spina. Ance per l angolo δ si può assumere omma delle forze vericali: * Fv P P P f P v omma delle forze orizzonali: Fo o o W W W f W F A Fv fa; F F o

9 La formula di verifica è: R F A F Poicé, di solio, la verifica a scorrimeno è la più gravosa, si può uilizzare, per il dimensionameno di massima di un muro di sosegno in calcesruzzo semplice, la seguene formula, ce iene cono appuno, del soddisfacimeno della verifica a scorrimeno. La formula, da valori approssimai. Dove si sono indicai con: 0,64 0,6 p H fa m ', H lo spessore in sommià del muro; fa il coefficiene di ario ra erreno e fondazione; l alezza del erreno equivalene al sovraccarico; H m l alezza del solo muro; p pendenza del parameno eserno. m

10 Esercizio Dimensionare un muro di sosegno in calcesruzzo semplice, per il errapieno avene le segueni caraerisice: alezza Hm = m,00; angolo di ario inerno del erreno =0 ; peso specifico del erreno =800 dn/mc; superficie del erreno orizzonale (=0); parameno inerno del muro vericale ( =0); sovraccarico Q=900 dn/mq. Calcolo dell alezza di erreno equivalene al sovraccarico: ' Q ,50m Per il predimensionameno del muro, con parameno inerno vericale, parameno eserno avene scarpa pari a p, uilizziamo la seguene formula : 0,64 0,6 p H fa m ', H Assumendo una scarpa p=0% e come angolo di ario fondazione-erreno φ/, si a: 0,64 0,50 0,6 0,,00,9 m,40 m; 0,64,,00 La base del riangolo di valle sarà: = 0,0*H=0,*,00 = 0,60 m. Definiamo le alre dimensioni: Hf = 0,60 m; D= D=0,0 m; f = D D = 0,0 +,40 + 0,60 + 0,0 =,40 m. m

11 Esercizio Verificare a scorrimeno rispeo al erreno di fondazione, il muro dell esercizio precedene. La forza ce ende a fare scivolare l insieme muro + fondazione rispeo al erreno sono le forze orizzonali, cosiuie, in queso caso, solo dalla componene orizzonale della spina. La forza ce si oppone a ale scorrimeno, è la forza di ario ce nasce ra fondazione e erreno. Tale forza di ario è proporzionale alla forza normale agene sul erreno e ad un coefficiene di ario ce dipende dalla naura delle superfici a conao, in queso caso calcesruzzo - erreno, ale coefficiene di ario può calcolarsi con la formula: f a = ang φ * ; con φ* si è indicao l angolo di ario ra erreno e fondazione. Per la verifica uilizziamo l approccio (A++R) Vediamo come modificare i parameri di carico e di resisenza, in base ai coefficieni fornii dalla normaiva e riporai nelle abelle precedeni. TAELLA COEFFICIENTI A Carici Effeo Coefficiene parziale γ Peso proprio del muro Peso proprio erreno sul dene di fondazione Carico accidenale sul dene di fondazione Carico accidenale ai fini del calcolo della spina Valore Valore modificao (valore*γ) favorevole.400 dn/mc.400 dn/mc favorevole.800 dn/mc.800 dn/mc favorevole dn/mq 0 sfavorevole.5 0,50 m 0,75 m

12 Grandezza Peso specifico erreno Valore Tanφ an(0) = TAELLA COEFFICIENTI Coefficiene parziale an Formula Valore correo.800 dn/mc γ γ =.800 dn/mc γ φ = 0.577; φ=0 Calcolo del peso proprio del muro P Hm c,40, dan ; P Hm c 0, dan Pf f * H f * c,400, dan ; Calcolo del peso del erreno insisene sul dene di fondazione P D Hm dan ; Calcolo dell angolo di ario erra-muro: 0 K a o 0 Calcolo del coefficiene di spina aiva: an an 0. Calcolo dell alezza di erreno equivalene al sovraccarico. ',5 Q, , m ' 0,75 Ka.800,60 0, 5. 50,60 dn Poicé non si è enuo cono dell ario erra-muro, ale spina sarà orizzonale, quindi v =0.

13 F A Fv P P Pf P an0 F an 6.05 dn; V v dan F dn Verifica: FA F R 6.05,0, 5.50 La verifica è soddisfaa.

14 .. - Verifica a scorrimeno rispeo alla fondazione. Quesa verifica va eseguia solo per i muri di sosegno in muraura e per quelli in calcesruzzo semplice, poicé il muro in elevazione e la sua fondazione sono corpi separai. Non va eseguia per i muri in calcesruzzo armao per i quali la fondazione ed il muro in elevazione sono collegai e resi un unico corpo solido, dalle armaure meallice. La verifica si esegue considerando ce sia il solo muro in elevazione a scivolare sulla fondazione, le due superfici a conao, quindi, quesa vola sono calcesruzzo-calcesruzzo, il coefficiene di ario si può assumere pari a 0,75. Ovviamene la spina da considerare è solo quella agene sul muro in elevazione: Ka H m La formula di verifica è la seguene: FA F R dove: F A Fv fa; F F o P P v F o o Fv

15 Esercizio Verificare, il muro dell esercizio precedene, a scorrimeno rispeo alla fondazione. Calcolo della spina ' 0,75 m K a.800,00 0, m,00 dn Poicé non si è enuo cono dell ario erra-muro, ale spina sarà orizzonale, quindi v =0. Fv P P v dan F A F 0,75.400, dn; V F dn Verifica: F A R F 9.80,08, 4.00 La verifica è soddisfaa.

16 Rib ab.. - Verifica a ribalameno del complesso muro + fondazione. Il ribalameno ende ad avvenire inorno al puno o, il momeno ce provoca il ribalameno, viene deo momeno ribalane ed è dovuo alla componene orizzonale della spina, menre il momeno ce si oppone al ribalameno, è deo momeno sabilizzane ed è dovuo alle forze vericali. Il momeno sabilizzane si calcola così: D D P D P D P D P v f f sab Il momeno ribalane si calcola così: Y o rib dove Y è la disanza del puno di applicazione della spina. Y si calcola con: H T Y in assenza di sovraccarico; e con : ' ' H H H H H Y T T T in presenza di sovraccarico, con H alezza di erreno equivalene al sovraccarico Q: Q H '. La formula di verifica è la seguene:

17 Esercizio 4 Eseguire la verifica a ribalameno del complesso muro-fondazione, del muro dell esercizio precedene. Per ale verifica si deve usare la combinazione (EQU + +R), i parameri da uilizzare sono quelli mosrai nelle abelle segueni: Carici Peso proprio del muro Peso proprio erreno sul dene di fondazione Carico accidenale sul dene di fondazione Carico accidenale ai fini del calcolo della spina Effeo (EQU) Coefficiene parziale γ Valore Valore modificao (valore*γ) favorevole 0,9.400 dn/mc.60 dn/mc favorevole 0,9.800 dn/mc.60 dn/mc favorevole 0 (0,9 assimilandolo a carico sruurale) sfavorevole dn/mq dn/mq = 0,50 m.50 dn/mq = 0,75 m Grandezza Valore Coefficiene parziale () Formula Valore correo Peso specifico erreno Tanφ an(0) = dn/mc γ γ =.800 dn/mc γ φ =,5 an 0.466; φ=4,78 γ R = P Hm c,40, dan ; P Hm c 0, dan Pf f * H f * c,400, dan ; Calcolo del peso del erreno insisene sul dene di fondazione P D Hm dan ;

18 Calcolo del coefficiene di spina aiva: K a ,78 an an 0,4 poso =m + f =,00 + 0,60 =,60 m, si a: ' 0,75 K a.800,60 0, ,60 dn Calcolo del momeno sabilizzane: sab F D P D P D PF P D,40,40 0, ,60 0, ,60 0, ,40 0,60 0, Calcolo del momeno ribalane: Y ' H',60 0,75,60,60 0,75,0 m; rib o Y 6.775, ,5 dn m; Verifica: R ab Rib 0.74, ,5 La verifica è soddisfaa.

19 Rib R ab..4 - Verifica a ribalameno del solo muro. Così come per la verifica a scorrimeno, ance quesa verifica a ribalameno del solo muro va eseguia solo per i muri in calcesruzzo semplice e per i muri in muraura. Essa considera la possibilià ce sia il solo muro in elevazione a ribalarsi, come mosrao in figura. La spina agene va calcolaa considerando la sola alezza del muro. a m K ' Il ribalameno ende ad avvenire inorno al puno O. Il momeno sabilizzane si calcola così: P P v sab Il momeno ribalane si calcola così: Y o rib dove Y si calcola: H m Y in assenza di sovraccarico ' ' H H H H H Y m m m in presenza di sovraccarico. La formula di verifica è la seguene:

20 Esercizio 5 Eseguire la verifica a ribalameno del solo muro dell esercizio precedene. Calcolo della spina ' 0,75 m K a.800,00 0, ,00 dn Calcolo del momeno sabilizzane: sab,40 P P , ,60.57 dan; Calcolo del momeno ribalane: Y H m H H m m H' H',00 0,75,00,00 0,75,7 m; rib o Y 4.98, dn m; Verifica: ab Rib.57, La verifica è soddisfaa.

21 ..5 - Verifica a sciacciameno del erreno di fondazione Con quesa verifica andiamo a vedere se il erreno di fondazione soppora il peso del muro e le azioni ce agiscono su di esso. Ossia ce il erreno di fondazione non sprofondi, cioè non si rompa. Il calcolo della ensione limie del complesso fondazione-erreno viene eseguia mediane la formula di Terzagi, modificaa per enere cono della eccenricià del carico e della sua inclinazione. Nel caso di erreno con coesione nulla, e con i simboli della figura, sarà: dove: N * i Nq H i lim f q ; lim è la ensione di roura del erreno; N ed N q, sono coefficieni ce si rovano abellai in funzione dell angolo di ario del erreno; i q i sono coefficieni ce dipendono dalla inclinazione del carico e possono venire calcolai mediane: H H i ; i q dove H e V sono le componeni orizzonali e vericali dell azione V V complessiva agene sul erreno ce si possono calcolare, rispeivamene: H Fo ; V F v * è la largezza ridoa della fondazione, essa è la largezza ce corrisponde ad una fondazione equivalene rispeo alla quale il carico vericale è cenrao. Per calcolare la disanza della * e risulane delle forze vericali dal bordo della fondazione, procediamo nel modo seguene:

22 V Fv P P P f P v u ab. V Rib Il carico limie per un mero di fondazione si calcola: Q lim lim * La verifica si esegue così: Qlim R V

23 Esercizio 6 Eseguire la verifica a sciacciameno del erreno del muro dell esercizio precedene. Per quesa verifica usiamo l approccio : (A++R) Vediamo come modificare i parameri di carico e di resisenza, in base ai coefficieni fornii dalla normaiva e riporai nelle abelle precedeni. Carici Effeo Coefficiene parziale γ (A) Valore Valore modificao (valore*γ) Peso proprio del muro Peso proprio erreno sul dene di fondazione Carico accidenale sul dene di fondazione sfavorevole,.400 dn/mc.0 dn/mc sfavorevole,.800 dn/mc.40 dn/mc sfavorevole,5 900 dn/mq.50 dn/mq Carico accidenale ai fini del calcolo della spina sfavorevole dn/mq = 0,50 m.50 dn/mq = 0,75 m Grandezza Valore Coefficiene parziale () Formula Valore correo Peso specifico erreno.800 dn/mc γ γ =.800 dn/mc Tanφ an(0) = γ φ = an 0.577; φ=0 γ R =,4

24 Calcolo pesi del muro P Hm c,40, dan ; P Hm c 0, dan Pf f * H f * c,400, dan ; Calcolo del peso del erreno insisene sul dene di fondazione P D Hm dan ; Calcolo del sovraccarico agene sul dene di fondazione: P D Q 0, dn; Fv P P Pf P P dan Per calcolare la disanza della risulane dal bordo della fondaione, dobbiamo ricalcolare i momeni ribalane e sabilizzane. Calcolo del momeno sabilizzane: sab F D P D P D PF P D,40, ,60 0, ,60 0, , ,40 0,60 0, dn m Calcolo del momeno ribalane: rib o Y 5.50,0 7.5,6 dn m; Calcolo della disanza u della risulane dal bordo più compresso: u ab. F V Rib ,6 0,96.4 m

25 e u,40 0,96 0,4; * e,40 0,4,9 m; Calcolo del carico limie: N * i Nq H i lim f q ; I coefficieni N, N q, secondo la abella valgono: N =,40, N q =8,40; Calcolo dei coefficieni i q i : H i ; V H i q ; V H Fo =5.50 dan; V F v =.4 dan; i 0,566 ; i q 0, lim,9, ,566 8, ,60 0, dan / m ; Q * lim lim dan / m Verifica: La verifica è soddisfaa. Qlim V R 58.7,87,4.4

26 .4 - Azioni provocae dal sisma Il erremoo provoca un brusco movimeno del erreno, movimeno ce in generale avviene sia in senso orizzonale ce in senso vericale, si è in presenza quindi di accelerazioni prodoe dal erremoo, per effeo di ali accelerazioni, le masse ce si rovano sul erreno, ed ance il erreno sesso, subiscono delle forze di inerzia dae dalla relazione: F ma dove abbiamo indicao con a l accelerazione dovua al sisma. Nauralmene se l accelerazione è orizzonale, la forza provocaa dal sisma sarà orizzonale, menre se l accelerazione è vericale, la forza ce nasce sarà vericale. Tali forze avranno verso alerno: sinisra - desra; basso alo. olipliciamo e dividiamo ale relazione per g accelerazione di gravià. F m a g g F m g a g P K Dove con P abbiamo indicao il peso del corpo soggeo all accelerazione sismica e con K il rapporo ra l accelerazione sismica e l accelerazione di gravià. La normaiva indica con K il rapporo ra accelerazioni orizzonali e accelerazione di gravià, per le accelerazioni orizzonali, e K v il rapporo ra accelerazioni sismica vericali e accelerazione di gravià. Tali coefficieni sono fissai dalla normaiva nel modo seguene: K amax m g K 0, 5 V K

27 dove: a max = accelerazione orizzonale massima aesa al sio; g = accelerazione di gravià. L accelerazione massima a max può essere valuaa con la relazione: dove: a ma x = a g = T a g ; è il coefficiene ce comprende l effeo dell amplificazione sraigrafica ( ) e dell amplificazione opografica ( T ), a g = rapporo ra l accelerazione orizzonale massima aesa su sio di riferimeno rigido e l accelerazione di gravià. Nella precedene espressione, il coefficiene β m assume i valori riporai nella abella seguene: Caegoria di soosuolo A β m, C, D, E β m 0, < a g (g) 0,4 0, 0, 0, < a g (g) 0, 0,9 0,4 a g (g) 0, 0,0 0,8 Valori massimi del coefficiene di amplificazione opografica T Caegoria opografica Ubicazione dell opera o dell inerveno T T uperficie pianeggiane, pendii e rilievi isolai con inclinazione media i 5 T Pendii con inclinazione media i > 5 T Rilievi con largezza in cresa molo minore ce alla base -,0 In corrispondenza della sommià del pendio In corrispondenza della cresa del rilievo, e inclinazione media 5 i 0 T4 Rilievi con largezza in cresa molo minore ce alla base e inclinazione media i > 0 In corrispondenza della cresa del rilievo,4 Il valore di a g varia in base al luogo in cui si rova la sruura da progeare. A al fine su uo il erriorio nazionale è sao creao un reicolo a maglia quadraa di puni, a ciascun nodo del reicolo è sao aribuio un valore di a g. I Il calcolo del valore di a g del sio ineressao, si fa facendo l inerpolazione lineare dei quaro puni della maglia denro cui ricade. Per eseguire ale calcolo, si può uilizzare il programma peri. NTC, scaricabile ance dal sio cosruzioni5.xoom.i, inserendo le coordinae geografice del sio (laiudine e longiudine) oppure il nome del comune.,

28 Alle azioni saice, vise precedenemene, si aggiungono delle forze di inerzia orizzonali, W, W, W e un incremeno di spina del erreno, indicao con. Essa sarà applicaa, per muri liberi di ruoare inorno al piede, nello sesso puno di quella saica, alrimeni sarà applicaa a meà alezza del muro. Non si considerano spine idrosaice, poicé siamo esaminando il caso di muro di sosegno al disopra della falda acquifera. Le forze di inerzia W, W, Wf, W, dipendono dal coefficiene sismico orizzonale K, definio in precedenza: W P K ; W P K; Wf Pf K ; Le forze di inerzia vericali, saranno applicae nel baricenro dei pesi e poranno essere diree sia verso il basso, (+K v ) ce verso l alo (-K v ). Tali forze non sono rappresenae in figura. Invece di essere considerae separaamene possono essere considerae come incremeno delle forze vericali, ce così diveneranno: P ; P K v ; P K v ; P K v ; Pf K v K v L'accelerazione sismica sul cuneo di spina provoca un incremeno della spina del erreno. Per calcolare ale spina, enendo cono ance della variazione di peso del cuneo di spina, dovua all'accelerazione vericale, si usa la formula seguene: ' K K v a Il coefficiene di spina aivo,, si può calcolare con la formula di ononobe ed Okabe: K a Cos Cos en Cos en ( ) Cos Cos Inroducendo l'angolo ϑ ce dipende dall'accelerazione sismica:

29 Tue le azioni sono applicae nel baricenro pesi. Le azioni sismice orizzonali sono mosrae figura seguene. dei nella.4 - Verifice Le verifice da eseguire sono le sesse vise in precedenza, e cioè: - verifica a scorrimeno del complesso muro fondazione sul erreno di fondazione; - verifica a ribalameno del complesso muro fondazione, come se fossero un unico corpo; - verifica a scorrimeno del solo muro rispeo alla fondazione; - verifica a ribalameno del solo muro. - verifica a sciacciameno del erreno di fondazione - verifica di sabilià globale del complesso erreno muro di sosegno. E da enere presene ce vanno eseguie due serie di verifice: una con +K v e l alra con K v. Quando si esegue la verifica, sia a scorrimeno ce a ribalameno, del solo muro, la spina va calcolaa enendo cono della sola alezza del muro. Quando invece, si devono eseguire le verifice a scorrimeno, a ribalameno del muro insieme alla fondazione, e quella a sciacciameno, la spina va calcolaa, sommando all alezza del muro l alezza della fondazione.

30 Le azioni ce agiscono sul muro sono quelle mosrae nella figura soosane. Ance in queso caso le verifice dovranno essere eseguie col meodo degli sai limie. i può uilizzare uno dei due approcci visi in precedenza. I parameri da uilizzare sono gli sessi ranne quelli relaivi ai carici ce sono i segueni: CARICHI Permaneni Permaneni non sruurali Varabili Coefficiene (A) (A) EFFETTO EQU parziale TR GEO Favorevole 0,9 γ favorevole G Favorevole γ favorevole G Favorevole γ favorevole G () Nel caso in cui i carici permaneni non sruurali (ad es. i carici permaneni porai) siano compiuamene definii, si poranno adoare gli sessi coefficieni validi per le azioni permaneni..5 - predimensionameno Una formula approssimaa, per dimensionare lo spessore in sommià di un muro di sosegno in calcesruzzo semplice, è la seguene: ' 0.7 K p f a. K

31 Esercizio 7 Dimensionare un muro di sosegno in calcesruzzo semplice, in zona sismica, in paricolare, il muro sia da realizzare a Caanzaro, su suolo di ipo e erreno con coefficiene opografico pari a. Il errapieno a le segueni caraerisice: alezza Hm = m,00; angolo di ario inerno del erreno =0 ; peso specifico del erreno =800 dn/mc; superficie del erreno orizzonale (=0); parameno inerno del muro vericale ( =0); sovraccarico Q=900 dn/mq. Calcolo dell alezza di erreno equivalene al sovraccarico: ' Q ,50m Procediamo all individuazione di a g, uilizzando l apposio programma di calcolo. i ricavano i segueni dai: a g = 0,7 g; coefficiene sraigrafico =,4. Perano si a : *a g = * T *a g =,4**0,7 g = 0,9 g; K a g max 0,8 0,9 0, K V K 0, 0,055; Per il predimensionameno del muro, con parameno inerno vericale, parameno eserno avene scarpa pari a p, si può uilizzare la seguene formula approssimaa, ce iene cono dell effeo del sisma: ' 0.7 K p f a. K ' 0,50 0,7,67 0,8 0,, ,0,00,75 m 0,6, 0, La base del riangolo di valle sarà: 0,0 H 0,,00 0,60 m; Definiamo le alre dimensioni: Hf = 0,60 m; D= D=0,0 m; f = D D = 0,0 +,75 + 0,60 + 0,0 =,75 m.

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Tecnica dll delle Costruzioni i I Modulo A/A 2007-0808

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Tecnica dll delle Costruzioni i I Modulo A/A 2007-0808 LEZIONE N 4 STATO LIITE ULTIO DI TORSIONE Posizione del problema La orsione di ravi in c.a - I sadio: il comporameno elasico la orsione nelle sezioni monoconnesse La orsione nelle sezioni biconnesse La

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007 POLIECNICO DI ILNO IV FCOLÀ Ingegneria erospaziale Fisica Sperimenale + - I ppello 6 Luglio 007 Giusificare le rispose e scriere in modo chiaro e leggibile. Sosiuire i alori numerici solo alla fine, dopo

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

Nome..Cognome. classe 3D 26 Gennaio 2013. Verifica: Parabola e circonferenza

Nome..Cognome. classe 3D 26 Gennaio 2013. Verifica: Parabola e circonferenza Nome..Cognome. classe D Gennaio 0 erifica: Parabola e circonferenza. Dai la definizione di parabola. Considera la parabola di fuoco F(,) e direrice r:, deermina: a) l equazione dell asse b) le coordinae

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 2014-15 Esercitazione 7 CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE

Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 2014-15 Esercitazione 7 CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 4-5 Eserciazione 7 CICUII IN EGIME SINUSOIDALE Fa. Un generaore di correne alernaa con volaggio massimo di 4 e frequenza di 5 Hz è collegao a una resisenza 65 Ω.

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Trasformazioni di Galileo

Trasformazioni di Galileo Principio di Relaivià Risrea (peciale) e si sceglie un dr rispeo al uale le leggi della fisica sono scrie nella forma più semplice (dr ineriale) allora le sesse leggi valgono in ualunue alro dr in moo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

Corso in moduli Per le V classi degli Istituti Tecnici per Geometri indirizzi Liceo Tecnico Edile Territoriale e Progetto Cinque.

Corso in moduli Per le V classi degli Istituti Tecnici per Geometri indirizzi Liceo Tecnico Edile Territoriale e Progetto Cinque. Corso in moduli Per le V classi degli Istituti Tecnici per Geometri indirizzi Liceo Tecnico Edile Territoriale e Progetto Cinque Giacomo Sacco Aprile 013 1 Indice Modulo 1 Geotecnica pag. 5 1.1 - Natura

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Campo rotante. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a.

MACCHINE ELETTRICHE. Campo rotante. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a. MACCINE ELETTRICE Campo roane Sefano Pasore Diparimeno di Ingegneria e Archieura Corso di Eleroecnica (IN 043) a.a. 01-13 Inroduzione campo magneico con inensià ane che ruoa aorno ad un asse con velocià

Dettagli

Giorgio Porcu. Appunti di SISTEMI. ITI Elettronica Classe QUINTA

Giorgio Porcu. Appunti di SISTEMI. ITI Elettronica Classe QUINTA Giorgio Porcu Appuni di SSTEM T Eleronica lasse QUNTA Appuni di SSTEM T Eleronica - lasse QUNTA 1. TEORA DE SSTEM SSTEMA ollezione di elemeni che ineragiscono per realizzare un obieivo. l ermine è applicabile

Dettagli

Adottando il metodo più corretto (in riferimento al Manuale di Meccanica, Hoepli) verificare la resistenza strutturale del dente.

Adottando il metodo più corretto (in riferimento al Manuale di Meccanica, Hoepli) verificare la resistenza strutturale del dente. 1) Risolvere i segueni due esercizi (empo assegnao 2h) a) Un riduore cosiuio da una coppia di ruoe nae a ni drii a proporzionameno normale ve rasmeere una poenza di 5kW. Inolre si hanno i segueni dai:

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni 3 La orsione Sommario Inroduzione Alberi saiamene indeerminai Carihi orsionali su alberi irolari Momeno dovuo a ensioni inerne Deformazioni angenziali parallele all asse Progeo di alberi di rasmissione

Dettagli

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Prof. Ing. R. M. Poro A cura della TELECOMUNICAZIONI Con il ermine elecomunicazioni

Dettagli

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la legge di Taylor:

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la legge di Taylor: Esercizio D2.1 Torniura cilindrica eserna Un ornio parallelo è arezzao con uensili in carburo e viene uilizzao per la sgrossaura di barre in C40 da Φ 32 a Φ 28. Con un rapporo di velocià corrispondene

Dettagli

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca WS EN Spinoo auoforane Acciaio al caronio con zincaura galvanica ianca 14592 SUPPORTO TECNICO Documenazione complea e consulenza personalizzaa RAPIDITA E PRECISIONE fissaggio rapido senza preforo con possiilià

Dettagli

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1 Cara di Urbanisica I Pro.ssa Arch. Fabiola Fraini Cara di Urbanisica I --- a.a. 2003/2004 PROGETTO PER UN AMBITO URBANO NEL QUARTIERE DI CENTOCELLE Laboraorio progeuale annuale INDICAZIONI RIGUARDO LE

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE Isruzioni e manuenzione nuovo grado +, con poraa maggioraa del 5% rispeo al radizionale grado ; allungameno minimo a roura

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

GIUNTI, INNESTI, FRIZIONI, FRENI

GIUNTI, INNESTI, FRIZIONI, FRENI pro. Ing. Nazzareno Corigliano PAG. 1 GIUNTI, INNESTI, FRIZIONI, FRENI GENERALITÀ Il collegeno e quindi la rasmissione del moo ra due alberi può essere realizzao in modo permanene con i GIUNTI o in modo

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

USO DELL OSCILLOSCOPIO

USO DELL OSCILLOSCOPIO Con la collaborazione dell alunno Carlo Federico della classe IV sez. A Indirizzo Informaica Sperimenazione ABACUS Dell Isiuo Tecnico Indusriale Saele A. Monaco di Cosenza Anno scolasico 009-010 Prof.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVRSITÀ DGLI STUDI DI ROMA "TOR VRGATA" FACOLTÀ DI INGGNRIA Corso di Tecnica delle Cosruzioni Meccaniche Richiami di Teoria dei Laminai Modelli di calcolo applicai allo sudio di Imballaggi in Carone

Dettagli

Terminologia relativa agli aggregati

Terminologia relativa agli aggregati N. 17 I/10 Terminologia relaiva agli aggregai Schede ecniche Edilizia Genio civile 1 Presupposi Con l'inroduzione delle Norme europee (EN) riguardani gli aggregai, la erminologia finora uilizzaa è saa

Dettagli

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI Al ecnico si presenano moli casi in cui non è sufficiene la deerminazione delle massime porae ramie i crieri di similiudine idrologica, precedenemene esposi. Si ciano, a iolo

Dettagli

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano Corso di Proezione Idraulica del Terriorio Sisemi di drenaggio urbano Prof. Anonino Cancelliere Diparimeno di Ingegneria Civile e Ambienale Universià di Caania acance@dica.unic.i 095 7382718 I sisemi di

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

Pianificazione di traiettorie nello spazio cartesiano

Pianificazione di traiettorie nello spazio cartesiano Corso di Roboica 1 Pianificazione di raieorie nello spazio caresiano Prof. Alessandro De Luca Roboica 1 1 Traieorie nello spazio caresiano le ecniche di pianificazione nello spazio dei giuni si possono

Dettagli

I confronti alla base della conoscenza

I confronti alla base della conoscenza I confroni alla ase della conoscenza Un dao uaniaivo rae significao dal confrono con alri dai Il confrono è la prima e più immediaa forma di analisi dei dai I confroni Daa una grandezza G, due suoi valori

Dettagli

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO 27 nrouzione Per i pali si può fare un iscorso analogo a quello viso per le fonazioni superficiali. Si è viso che nel caso elle fonazioni superficiali l analisi ella eformabilià ella sruura non poeva essere

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Azionamenti Elettrici

Azionamenti Elettrici Azionameni Elerici 2.4. CONVERTITORI DC/DC... 33 2.4.1. Conrollo dei converiori DC/DC... 33 2.4.2. FullBridge converer (DC/DC)... 34 2.4.2.1. PWM con commuazione di ensione bipolare...35 2.4.2.2. PWM con

Dettagli

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III FCOLT DI INGEGNERI Laurea Specialisica in Ingegneria Civile N.O. Giuseppe T. ronica CORSO DI IDROLOGI TECNIC PRTE III Idrologia delle piene Lezione XVII: I meodi indirei per la valuazione delle porae al

Dettagli

ELENCO FILTRI DI USCITA INVERTER. Prodotti considerati:

ELENCO FILTRI DI USCITA INVERTER. Prodotti considerati: Moori, azionameni, accessori e servizi per l'auomazione EENCO FITRI DI USCITA INVERTER PER A RIDUZIONE DE dv/dt della ensione di uscia ( riduzione della ensione di modo comune e differenziale) Prodoi considerai:

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio Moori elerici per la razione veicolare Vincenzo Di Dio Tipologie di moori elerici uilizzai per la razione veicolare Moori a correne coninua Moori a correne alernaa Sincroni Asincroni Correni eleriche e

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

Regolatori switching

Regolatori switching 2 A4 Regolaori swiching I regolaori di ensione lineari hanno il grave difeo di non consenire il raggiungimeno di valori di efficienza paricolarmene elevai. Infai, in quese archieure gli elemeni di regolazione

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

funzione: trasformare un segnale ottico in un segnale elettrico;

funzione: trasformare un segnale ottico in un segnale elettrico; Foorivelaori (a semiconduore) funzione: rasformare un segnale oico in un segnale elerico; ipi: fooconduori; foodiodi (pn, pin, a valanga...) caraerisiche: modo di funzionameno; larghezza di banda; sensibilià;

Dettagli

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto Verifica elle Deformazioni Verifica ella Velocià al Conao Ing. Piero Bongio Lezione 4 Borghi Azio S.p.A. Via Papa Giovanni XXIII, 15 400 San Polo Enza RE Tel 05.873193 Fax 05.87367 E-Mail info@borghiazio.com

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiamento a motori brushless, cc e standard IEC/NEMA

RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiamento a motori brushless, cc e standard IEC/NEMA RG RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiameno a moori brushless, cc e sandard IEC/NEMA Riduori epicicloidali RG Descrizione Carcassa monoliica in acciaio bonificao con predisposizione modulare

Dettagli

per la connessione di travi di grandi dimensioni ad una struttura in acciaio.

per la connessione di travi di grandi dimensioni ad una struttura in acciaio. Schöck Isokorb ipo modulo per la connessione di ravi di grandi dimensioni ad una sruura in acciaio. 110 Schöck Isokorb ipo per la connessione di ravi a sbalzo ad una sruura in acciaio. Schöck Isokorb ipo

Dettagli

CONOSCENZE RICHIESTE

CONOSCENZE RICHIESTE CONOSCENZE RICHIESTE MATEMATICA: algebra e calcolo differenziale elemenare. FISICA: ariabili scalari e eoriali. Spazio, elocià ed accelerazione. Moo uniforme. Moo uniformemene accelerao. r r r = ds d r

Dettagli

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI CAPITOLO FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI Sono le funzioni aveni come dominio e codominio dei sooinsiemi dei numeri reali; esse sono alla base dei modelli maemaici preseni in ogni campo

Dettagli

P suolo in P; 2. la distanza d, dall uscita dello

P suolo in P; 2. la distanza d, dall uscita dello acolà di Ingegneria Prova Generale di isica I 1.07.004 Compio A Esercizio n.1 Uno sciaore di massa m = 60 Kg pare da fermo da un alezza h = 8 m rispeo al suolo lungo uno scivolo inclinao di un angolo α

Dettagli

6 Profili in parete sottile

6 Profili in parete sottile 6 Profili in paree soile 6. Inroduzione Una percenuale non rascuraile in peso della produzione di componeni sruurali di acciaio riguarda i profili in paree soile, ossia profili in classe (profili snelli)

Dettagli

Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a.

Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a. Nuovo Software Muri NTC Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a. Muri NTC è un software completo, ma semplicissimo da usare per il calcolo dei muri di sostegno e di cantina secondo le NTC 2008. Parametri

Dettagli

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP La casa è il bene rifugio per eccellenza, la sicurezza, l eredià da lasciare ai figli. Cosruzioni civili ed indusriali La casa, nuova da cosruire o vecchia da risruurare... La sruura indusriale, prefabbricaa

Dettagli

GENERALITA SULLE MACCHINE ELETTRICHE

GENERALITA SULLE MACCHINE ELETTRICHE GENERALITA SULLE MACCHINE ELETTRICHE Una macchina è un organo che assorbe energia di un deerminao ipo e la rasforma in energia di un alro ipo. Energia in Energia in MACCHINA ingresso uscia Energia dispersa

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

CI/SfB Xt6. Lugli 2013 (Versione 3) Sistema di tiranti e compressione per l Industria delle Costruzioni ETA-06/0146 EN 1090-1

CI/SfB Xt6. Lugli 2013 (Versione 3) Sistema di tiranti e compressione per l Industria delle Costruzioni ETA-06/0146 EN 1090-1 CI/SfB X6 Lugli 2013 (Versione 3) Sisema di irani e compressione per l Indusria delle Cosruzioni ETA-06/0146 EN 1090-1 2 Ancon progea e fabbrica prodoi in acciaio per l indusria edile. Araverso coninui

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

Analisi dei guasti a terra nei sistemi MT a neutro isolato e neutro compensato

Analisi dei guasti a terra nei sistemi MT a neutro isolato e neutro compensato Analisi dei uasi a erra nei sisemi MT a neuro isolao e neuro compensao - Problemaiche inereni alle proezioni 5N e 67N - A cura di: n. laudio iucciarelli n. Marco iucciarelli . nroduzione Di seuio viene

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI INDUSTRIALI

TRATTAMENTI TERMICI INDUSTRIALI RAAMENI ERMICI INDUSRIALI I principali raameni ermici degli acciai possono essere suddivisi in:.. per i quali si esegue un riscaldameno dell acciaio a > A 3 (ricoura, normalizzazione, empra).. per i quali

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

VERIFICHE DI STABILITA DI UN PENDIO

VERIFICHE DI STABILITA DI UN PENDIO VERIFICHE DI STABILITA DI UN PENDIO 52 Secondo le NTC 2008, il livello di sicurezza di un versante è espresso, in generale, come rapporto tra resistenza al taglio disponibile, presa con il suo valore caratteristico

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

3 CORRENTE ELETTRICA E CIRCUITI

3 CORRENTE ELETTRICA E CIRCUITI 3 ONT LTT UT lessandro ola Descrizione dell esperienza di Galvani Nel 79 il medico bolognese Luigi Galvani nell ambio dello sudio delle azioni eleriche sugli organi animali osservò che occando con uno

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI UNIVERIÀ DEGLI UDI DI RENO FACOLÀ DI CIENZE MAEMAICHE, FIICHE E NAURALI CORO DI LAUREA IN FIICA APPLICAA DAVIDE BAI APPUNI DI ANALII DEI EGNALI Indice Risposa impulsionale dei sisemi lineari -. isemi lineari

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli

CI/SfB. Xt6. Lugli 2013. Ancon-TS 500 Sistema di Tiranti per il settore della costruzione ETA-06/0146 EN 1090-1

CI/SfB. Xt6. Lugli 2013. Ancon-TS 500 Sistema di Tiranti per il settore della costruzione ETA-06/0146 EN 1090-1 CI/SfB Lugli 2013 X6 Ancon-TS 500 Sisema di Tirani per il seore della cosruzione ETA-06/0146 EN 1090-1 2 Ancon sviluppa e realizza prodoi in acciaio di ala affidabilià per il seore della cosruzione. La

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

Regime dinamico nel dominio del tempo

Regime dinamico nel dominio del tempo egime dinamico nel dominio del empo Appuni a cura dell Ingg. Basoccu Gian Piero e Marras Luca Tuors del corso di LTTOTNIA per meccanici e chimici A. A 3/4 e 4/5 Ulimo aggiornameno // Appuni a cura degli

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Inserti grip di precisione. con effetto staffante. penetrazione controllata. t= profondità di. Quota teorica da spigolo a spigolo

Inserti grip di precisione. con effetto staffante. penetrazione controllata. t= profondità di. Quota teorica da spigolo a spigolo Ialienisch Englisch G14 + G25 G14 + G25 Inseri grip di precisione con effeo saffane Caraerisiche degli inseri serie G Gli inseri di presa serie G sono doai di una superficie di arreso in grado di limiare

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

Provincia di Treviso

Provincia di Treviso Treviso, 21 dicembre 2004 OGGETTO: Gesione rifiui urbani e assimilai Servizio pubblico inegraivo di gesione rifiui speciali Adempimeni relaivi alla compilazione di formulari di idenificazione, regisri

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti Obieivi della pubblicià Creare la conoscenza di un prodoo Analisi di Mercao Facolà di Economia francesco mola La pubblicià Creare l'immagine di marca Influenzare gli aeggiameni Rafforzare la fedelà alla

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

Collegamenti Albero-mozzo

Collegamenti Albero-mozzo Collegameni Albero-mozzo /11/01 Obieivo: Collegare assialmene ue organi (in moo fisso o mobile) al fine i rasmeere coia orcene e quini eviare che vi sia un moo roaorio relaivo Accoiameno i forma Faore

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA

CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA 1. Inroduzione Il rasferimeno dell energia elerica dai luoghi in cui viene prodoa a quelli in cui viene uilizzaa avviene, salvo casi paricolari,

Dettagli