La Teoria dei Giochi. I do not believe in luck, but I do believe in assigning value to things (J. Nash)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Teoria dei Giochi. I do not believe in luck, but I do believe in assigning value to things (J. Nash)"

Transcript

1 La Teoria dei Giochi I do not believe in luck, but I do believe in assigning value to things (J. Nash)

2 Di cosa si occupa la TdG 1944 Theory of Games and Economic Behavior di John von Neumann (matematico) e Oskar Morgenstern (economista) La teoria dei giochi analizza matematicamente l interazione tra individui che perseguono scopi convergenti, oppure in parziale o totale conflitto. I giochi in senso proprio, come gli scacchi o il poker, sono stati utilizzati come esempi illustrativi e a essi sono dedicati i primi studi sulla teoria. Da ciò deriva il nome un po frivolo di questa disciplina, che però non deve trarre in inganno: con essa si possono studiare concorrenza e collusione tra imprese (ad esempio imprese che competono per conquistare il mercato (oligopolio)), contrattazioni, aste, scelte di politica economica e internazionale, scelte di piattaforme elettorali, candidati politici che competono per ottenere dei voti, membri di una giuria che decidono su un verdetto, conflitti militari e molti altri fenomeni.

3 Che cos è un gioco? Esistono molti tipi di giochi, giochi a carte, videogiochi, giochi sportivi (p.e. calcio), ecc.. In questo corso prenderemo in considerazione i giochi in cui: partecipano 2 o più giocatori; ci sono decisioni dove conta la strategia, cioè l insieme delle mosse che un giocatore intende fare; il gioco può avere uno o più risultati; il risultato o vincita finale di ciascun giocatore dipende dalle strategie scelte da tutti i giocatori; esiste una interazione strategica.

4 Essendo coinvolti più decisori, l esito finale dipende dalle scelte operate da tutti i giocatori. Si ipotizza che i giocatori siano intelligenti, cioè in grado di fare ragionamenti logici, anche molto complessi. Si suppone che i giocatori siano razionali, cioè hanno preferenze coerenti sugli esiti finali del processo decisionale e che hanno l obiettivo di massimizzare queste preferenze. La razionalità è difficilmente definibile: diciamo che nessun giocatore sceglie di compiere un azione se ne ha a disposizione una migliore, a prescindere dal comportamento degli avversari. Ogni partecipante ha una sua funzione di utilità sull insieme dei beni o esiti del gioco. Cioè il giocatore è sostanzialmente un egoista che vuole trarre vantaggi per sé dalla interazione con gli altri giocatori.

5 Quali Giochi rimangono fuori? Giochi contro il caso, per esempio le lotterie, le slot machines dove c è un solo giocatore che sfida la sorte, la strategia non è importante. Giochi senza interazione strategica tra giocatori, per esempio il solitario. Gioco del pari o dispari Primo gioco. Due giocatori, Piero e Silvia, hanno un urna ciascuno contenente 5 palline numerate da 1 a 5. Ciascuno dei due giocatori estrae una pallina dall urna. Se la somma dei due numeri è pari, vince Piero, se è dispari vince Silvia. E un gioco contro il caso. Vi sono 25 possibilità, di cui 13 a favore del primo e 12 a favore del secondo, il gioco non è equo ma i due giocatori non hanno né scelte né decisioni da prendere. Secondo gioco. Piero e Silvia scelgono contemporaneamente un numero da 1 a 5 e lo indicano con la mano. Se la somma dei numeri è pari, vince Piero, se è dispari vince Silvia. In questo gioco i giocatori scelgono il numero da indicare

6 Esempio 1 : Tris Vi sarà sicuramente capitato (durante le ore di matematica?) di giocare a tris con il compagno di banco. Sappiate che nessun matematico che si rispetti giocherebbe mai a tris, perché è un gioco già giocato!

7 Esempio 2: prego, prima tu Si gioca in due. Quattro file di fiammiferi disposte a piramide: una con sette, una con cinque, una con tre e l'ultima con un solo fiammifero. A turno si possono togliere quanti cerini si vogliono, ma solo da una fila alla volta. Perde quello a cui resta l'ultimo elemento.

8 Esempio 3: Sul valore e l utilità dell informazione Tre fratelli Simone, Francesco e Sofia indossano un cappello, che può essere rosso o nero. Ognuno vede il cappello degli altri, ma non il suo. Entra un quarto fratello, Fabrizio, vede che tutti e tre hanno un cappello rosso ed esclama: almeno uno di voi ha un cappello rosso. Fabrizio chiede quindi a Simone: Sai di che colore è il tuo cappello? Simone risponde di no. Stessa domanda e stessa risposta per Francesco. Infine, Fabrizio chiede a Sofia: Sai di che colore è il tuo cappello?, e lei risponde Ovviamente si! e dice il colore giusto. Come ha fatto?

9 Esempio 4: lavori in giardino Il papà ha bisogno di fare alcuni lavori in giardino, propone ai figli Andrea ed Emanuele di aiutarlo in cambio di un gioco per PlayStation. I ragazzi stimano che il gioco valga 3 ore di lavoro, inoltre hanno al massimo 5 ore disponibili. Il padre propone il seguente meccanismo di decisione: 1. Andrea, se vuole, può offrire un ora di lavoro; 2. poi viene il turno di Emanuele che può aggiungere un'altra ora di lavoro o rinunciare; 3. se Emanuele rilancia, tocca ad Andrea decidere se aggiungere ancora un ora o rinunciare. 4. Chi rinuncia perde il premio ma deve comunque pagare la sua ultima offerta. Questo metodo permetterà al padre di ottenere di più di quanto vale il gioco in premio?

10 Esempio 4: In TV Partecipate ad una nota trasmissione televisiva e dovete scegliere tra tre buste delle quali due sono vuote e la terza contiene un super premio da Voi scegliete a priori una busta. Il conduttore, che sa qual è la busta giusta, toglie dal gioco una delle due rimaste, che non è quella vincente. A questo punto vi annuncia che avete tre possibilità: tenere la vostra busta scambiarla con quella rimasta sul tavolo accettare un offerta di 2000 per la vostra busta. Cosa fate?

11 Le componenti di un gioco 1. I giocatori Quanti giocatori ci sono? Conta l intelligenza, la fortuna? 2. Una descrizione completa su cosa i giocatori possono scegliere, cioè l insieme delle mosse possibili. 3. L informazione che i giocatori hanno a disposizione quando prendono una decisione. 4. Una descrizione delle possibili vincite (pay off) di ogni giocatore, per ogni possibile combinazione delle mosse scelte da tutti i giocatori che partecipano al gioco. 5. Una descrizione di tutte le preferenze dei giocatori sugli esiti.

12 Pay off (vincita finale) In dipendenza dalle strategie adottate da tutti i giocatori (o agenti), ognuno riceve un "pay-off" (vincita finale) secondo un'adeguata unità di misura, che può essere positivo, negativo o nullo. Un gioco si dice "a somma costante" se per ogni vincita di un giocatore vi è una corrispondente perdita per altri. In particolare, un gioco "a somma zero" fra due giocatori rappresenta la situazione in cui il pagamento viene corrisposto da un giocatore all'altro. Per trovare la giusta strategia, è talvolta necessario calcolare e rendere massima la speranza matematica del giocatore, che si ottiene moltiplicando i compensi possibili (sia positivi sia negativi) per le loro probabilità.

13 Giochi cooperativi e non Un gioco si dice cooperativo se c e la possibilità per i giocatori di sottoscrivere accordi vincolanti, che possono essere di vantaggio ai singoli giocatori (von Neumann). Si definiscono giochi non cooperativi quei giochi in cui giocatori, che possono anche essere più di due, non perseguono dei fini comuni ma non sono neanche in competizione diretta tra loro. Quindi la vittoria di un giocatore non corrisponde alla sconfitta degli altri, ma ognuno punta ad ottenere il massimo punteggio per sé, considerando però che la possibilità di guadagno di ognuno dipenderà comunque dalle scelte di tutti. Tale tipologia di giochi è particolarmente adatta per lo studio dei problemi di economia. Secondo le teorie economiche di Adam Smith, considerato uno dei padri dell economia moderna, l'ambizione individuale serve al bene comune e di conseguenza un gruppo di persone ottiene il massimo risultato quando ogni componente del gruppo fa ciò che è meglio per sé stesso.

14 Beautiful mind John Nash (nel 1949) formulò però un risultato diverso e più completo dimostrando un celebre teorema (che gli fece vincere il premio Nobel per l economia): TEOREMA DI NASH: il risultato migliore si ottiene quando ogni componente del gruppo fa ciò che è meglio per sé e per il gruppo. Quindi nei giochi non cooperativi è possibile raggiungere una situazione nella quale tutti ottengono il miglior risultato possibile a condizione che si instauri una cooperazione tra i giocatori, vale a dire che tutti agiscano non col fine di ottenere il miglior risultato solo per se, ma di ottenere il miglior risultato per il gruppo, e quindi, indirettamente, ottenendo un risultato migliore anche per sé.

15 Informazione completa e incompleta In un gioco a informazione completa ogni giocatore conosce le strategie dell'altro o degli altri, i corrispondenti guadagni suoi e altrui, a che punto del gioco è se il gioco ha più mosse e infine sa che l'altro ha le stesse informazioni; non sa necessariamente cosa l'altro sta facendo nella mossa in questione. Scacchi, per esempio, è un gioco a informazione completa; poker non lo è. In un gioco a informazione incompleta le regole del gioco e la funzione di utilità di tutti i giocatori non sono conoscenza comune.

16 Informazione perfetta e imperfetta Un gioco si dice avere informazione perfetta se i giocatori conoscono con certezza la storia delle giocate precedenti, altrimenti l informazione è imperfetta Nel gioco degli scacchi ciascun giocatore, nel momento in cui deve fare una mossa, conosce esattamente la situazione attuale e tutte le mosse che hanno portato a quella situazione. Nel gioco del poker, invece, un giocatore conosce le carte che ha in mano e quelle scartate, ma non sa nulla delle carte possedute dagli altri giocatori.

17 Giochi simultanei e sequenziali I giochi sono simultanei se i giocatori scelgono le azioni simultaneamente, cioè le mosse vengono effettuate senza che si sappia cosa stanno facendo gli altri giocatori Esempi: Dilemma del Prigioniero, aste, morra cinese. In un'asta a busta chiusa le offerte non sono necessariamente contemporanee, ma vengono fatte dai vari giocatori senza sapere cosa fanno gli altri. I giochi sono sequenziali se i giocatori scelgono le azioni secondo una successione particolare. Esempi: Gioco degli scacchi, contrattazioni. Molte strategie comprendono sia la simultaneità che la sequenzialità.

18 Giochi one-shot e ripetuti Un gioco può essere disputato una sola volta oppure può essere ripetuto più volte. Un meccanico d auto si può comportare diversamente se ha a che fare con un automobilista di passaggio o un cliente abituale. In una corsa sui cento metri non c è possibilità di collaborazione tra i corridori ma in una maratona o una gara di ciclismo i corridori possono ritenere utile collaborare tra di loro.

19 Interessi dei giocatori Gli interessi dei giocatori possono essere completamente o parzialmente contrapposti Nel gioco degli scacchi gli interessi sono completamente contrapposti: se un giocatore vince, l altro perde, oppure possono pareggiare entrambi. Nei giochi di carte, solitamente, la vittoria di un giocatore è pari alla perdita dell altro. I giochi economici e sociali non sono quasi mai a somma zero: due imprese possono collaborare insieme per produrre di più di quanto riuscirebbero a produrre separatamente. In una guerra ci possono essere solo perdenti. Vi sono poi giochi di pura coordinazione nei quali i giocatori hanno esattamente gli stessi obiettivi e, senza poter collaborare, cercano di arrivare alla stessa scelta. E il caso del dilemma dello studente bugiardo.

20 Forma estesa e normale Un gioco è in forma estesa se può essere descritto con un albero : si tratta di costruire un grafo che, partendo dalla radice, descriva il gioco mossa per mossa, fino ad arrivare a presentare tutte le situazioni finali, ciascun esito univoco di una serie di mosse (introdotta da von Neumann e Morgenstern(1944) e formalizzata da Kuhn (1953)). Un gioco è in forma normale (o strategica) se il numero dei giocatori è prefissato, come lo spazio delle loro strategie, e la funzione di utilità di ciascuno di loro.

21 Strategie Una strategia è un piano di azione, una mossa o insieme delle mosse che un giocatore intende fare seguendo tutte le possibilità del gioco. Le strategie dipendono dal tipo di gioco, nel gioco ad una sola scelta le strategie sono fisse. Nel gioco ripetuto, è possibile adottare strategie che dipendono dalle mosse fatte nelle partite precedenti del gioco.

22 Equilibrio L interazione di tutte le strategie dei giocatori razionali portano all equilibrio. In stato di equilibrio ciascun giocatore sta giocando la strategia che risulta la migliore risposta alle strategie degli altri giocatori. Nessuno è disposto a cambiare tale strategia date le scelte strategiche degli altri. L equilibrio non è il risultato migliore: l equilibrio per il Dilemma del Prigioniero è per entrambi i prigionieri di confessare. quando i giocatori scelgono la stessa azione. Talvolta l equilibrio comporta un cambiamento di mossa (equilibrio nella strategia mista).

23 Un gioco storico Il Dilemma del Prigioniero Due criminali vengono accusati con prove indiziarie di aver compiuto una rapina. Gli investigatori li arrestano entrambi per il reato di favoreggiamento e li chiudono in due celle diverse impedendo loro di comunicare. A ognuno di loro vengono date due scelte: confessare l'accaduto, oppure non confessare. Viene inoltre spiegato loro che: se solo uno dei due confessa, chi ha confessato evita la pena; l'altro viene però condannato a 15 anni di carcere. se entrambi confessano, vengono entrambi condannati a 5 anni. se nessuno dei due confessa, entrambi vengono condannati a 1 anno.

24 Due giocatori, i prigionieri 1 e 2. Ogni prigioniero ha due possibili scelte. Prigioniero 1: Non confessare, Confessare Prigioniero 2: Non confessare, Confessare I giocatori scelgono le loro azioni simultaneamente senza conoscere l azione scelta dall avversario. La vincita è quantificata in anni di prigione.

25 Dilemma del Prigioniero: descrizione ad albero Dilemma del Prigioniero Prigioniero 1 Non Confessa Confessa Prigioniero 2 Prigioniero 2 Mentre il Prigioniero 2 sceglie non conosce la scelta che ha fatto il suo avversario. Non Confessa Confessa Non Confessa Confessa 1,1 15,0 0,15 5,5

26 Strategie dominanti Definizione: per un giocatore, una strategia è strettamente dominante se gli assicura un pay off più elevato di quello ottenibile con ogni altra strategia, qualunque sia la strategia adottata dagli altri giocatori.

27 Strategie debolmente dominate ed eliminazione iterata Definizione: per un giocatore, una strategia è debolmente dominata se esiste un altra strategia che gli assicura un pay off non-minore, qualunque sia la strategia adottata dagli altri giocatori (e un pay off strettamente maggiore per almeno una delle strategie degli altri giocatori) La soluzione può dipendere dall ordine di eliminazione!

28 Dilemma del Prigioniero in forma normale o strategica Prigioniero 1 Non Confessa Confessa Prigioniero 2 Non confessa 1,1 15,0 Confessa 0,15 5,5

29 Esempio di gioco 1 1 A B C 2 x 5;7 4;7 3;7 y 6;8 5;8 2;8 z 7;9 9;9 10;9 Se 2 sceglie x, a 1 conviene scegliere A; se 2 sceglie y, a 1 conviene scegliere A; se 2 sceglie z, a 1 conviene scegliere C. In nessun caso gli conviene scegliere B, che quindi è dominata.

30 Esempio di gioco 2 1 A B C 2 x 5;7 4;7 3;7 y 6;8 5;8 8;8 z 7;9 9;9 9;9 Se 2 sceglie x, a 1 conviene scegliere A; se 2 sceglie y, a 1 conviene scegliere C; se 2 sceglie z, per 1 è indifferente scegliere B o scegliere C. In nessun caso gli conviene scegliere B, però in un caso B è indifferente rispetto a un'altra strategia: B quindi è dominata debolmente. Se una strategia è sempre migliore di un'altra, è detta naturalmente dominante rispetto a questa, e se in qualche caso -ma non in tutti- è indifferente e negli altri migliore, debolmente dominante

31 Esempio di gioco 3 1 A B C 2 x 2;2 1;0 1;0 y 4;1 3;3 3;2 z 4;0 7;2 1;4 1 esclude C, 2 nessuna. Ma una volta che 1 esclude C, 2 esclude z. Allora 1 esclude B e 2 sceglie x. L equilibrio del gioco è dato dalle scelte (A,x) e ciascuno dei due guadagna 2

32 Scegliere strategie dominate significa garantirsi payoff sicuramente non superiori, e talvolta inferiori, a quelli che si potrebbero ottenere scegliendo un altra strategia. Per questa ragione, un principio di scelta largamente accettato, noto come principio di dominanza (D), afferma che: (i) Un giocatore non dovrebbe mai scegliere una strategia dominata da qualche altra sua strategia. (ii) Quindi, se un giocatore ha una strategia dominante, questa è la sua strategia ottimale. In base a (D) (ii), se un giocatore dispone di una strategia dominante allora dovrebbe adottarla, indipendentemente dalle sue opinioni su quello che farà l altro giocatore. Nel caso, molto frequente, in cui nessun giocatore disponga di una strategia dominante, non è immediatamente chiaro come determinare la soluzione del gioco. Per analizzare questo problema si ricorre al concetto di equilibrio di Nash, detto anche, semplicemente, equilibrio.

33 Equilibrio di Nash In un gioco a due giocatori, la strategia x di 1 e la strategia y di 2 costituiscono un equilibrio di Nash, o, equivalentemente, sono in equilibrio, quando l una rappresenta la risposta ottimale all altra. Se x e y sono in equilibrio, nessuno dei giocatori, dopo essere venuto a conoscenza della strategia adottata dall altro, avrà motivo di pentirsi della propria scelta. In altre parole, se anche i giocatori avessero la possibilità di cambiare unilateralmente la propria scelta dopo aver visto quella dell altro giocatore, nessuno dei due avrebbe interesse a farlo. Per questo motivo, appare piuttosto naturale accettare il seguente principio, che potremmo chiamare principio di Nash (N): (i) La soluzione di un gioco deve essere un equilibrio di Nash; in altri termini, la strategia ottimale di ciascuno dei giocatori deve essere la risposta ottimale alla strategia dell altro. (ii) Quindi, se un gioco ha un unico equilibrio, tale equilibrio è la soluzione del gioco, e le strategie che contribuiscono a formare tale equilibrio sono le strategie ottimali dei giocatori.

34 Come trovare l equilibrio di un gioco: induzione a ritroso Supponiamo di avere due giocatori A e B e che A decide per primo e B per secondo Consideriamo le vincite del giocatore B nei nodi finali e assumiamo che il giocatore B sceglierà sempre l azione che gli darà la vincita massima Indichiamo con delle frecce questi rami dell albero, mentre gli altri sono potati Consideriamo il penultimo nodo. Data la decisione di B, quale mossa farà A? Assumiamo che anche il giocatore A sceglierà sempre l azione che gli darà la vincita massima. Mettiamo una freccia su questi rami dell albero. Continuiamo così ad andare a ritroso fino alla radice del primo nodo dell albero. Il cammino indicato da queste frecce è il cammino che porta all equilibrio.

35 Soluzione giochi Esempio 1 : Tris Se si gioca con attenzione, la partita è sempre patta.

36 Esempio 2: prego, prima tu Funziona sfruttando il sistema binario, ovvero il sistema di numerazione utilizzato dai computer. E' necessario quindi far corrispondere 1 a 1, 2 a 10, 3 a 11, 4 a 100, 5 a 101, 6 a 110, 7 a 111 e così via. Si sommano poi i numeri binari così trovati. Se le cifre della somma sono tutte uguali a zero oppure pari, la configurazione è vincente altrimenti, se c'è anche una sola cifra dispari, è perdente. In quest'ultimo caso, si procederà con una sottrazione di fiammiferi, in modo da trasformare la configurazione in vincente. In linea di massima, chi inizia il gioco perde.

37 Esempio 3: Sul valore e l utilità dell informazione Anche se l osservazione di Fabrizio sembra irrilevante, è quella che permetterà a Sofia di ricavare la soluzione. Affermando che non sa il colore del suo cappello, Simone è come se avesse detto non vedo due cappelli neri : se li vedesse, data la frase di Fabrizio, potrebbe dedurre che il suo è rosso e così indovinerebbe. Simone a questo punto esce di scena, lasciando agli altri l informazione che almeno uno dei fratelli ha un cappello rosso. Supponiamo ora che Sofia abbia il cappello nero. Francesco dedurrebbe, ancora per la frase di Fabrizio, che il suo cappello è rosso e indovinerebbe. Invece dice di non conoscere il colore del suo cappello. Sofia dunque non può avere il cappello nero e dichiara soddisfatta l esatto colore del suo cappello! Mai sottovalutare le osservazioni di Fabrizio, ovvero come da una informazione apparentemente irrilevante si arrivi alla soluzione di un gioco!

38 Esempio 4: lavori in giardino Partiamo dalla fine del gioco, secondo il metodo della INDUZIONE A RITROSO Quando Andrea si trova nell ultimo nodo e deve scegliere se rilanciare o rinunciare è ovvio che deciderà di rilanciare, in questo modo perderà 2 invece di perdere 3. Per cui, quando Emanuele si trova al penultimo nodo dovrà decidere tra le alternative (0,-2) e (-2,-4), ossia deve decidere se perdere 2 o perdere 4, quindi sceglierà di perdere 2. Ma quindi al nodo precedente Andrea deve scegliere tra la soluzione (-1,1) e (0,-2) perciò sceglierà (0,-2). Allora, al nodo precedente Emanuele dovrà scegliere tra (0,0), (0,2), se Andrea rinuncia e tra (2,0) e (0,-2) se Andrea offre 1 ora. Nel primo caso Emanuele sceglie (0,2), nel secondo sceglie (2,0). Al primo nodo Andrea sa che se rinuncia la soluzione sarà (0,2) se offre 1 ora la soluzione sarà (2,0). Quindi sceglie di offrire 1 ora ed Emanuele sceglie di ritirarsi dal gioco. Il padre quindi avrà un ora di lavoro, in cambio di un premio del valore di 3!!

39 Esempio 5: In TV La busta scelta per prima avrà sempre 1/3 di probabilità di contenere il premio. Le altre due insieme hanno probabilità 2/3. La cosa interessante è che, dopo la scelta da parte del presentatore l altra, da sola, continuerà ad avere 2/3 di probabilità di contenere il premio. Anche se decisamente poco intuitivo, la strategia migliore è quella di cambiare sempre perché il cambio fa aumentare la probabilità da 1/3 a 2/3. Se non ci credete, ecco l albero del gioco:

40 Applicazione del Dilemma del Prigioniero Corsa alle armi nucleari. Risoluzione di controversia e la decisione di assumere un avvocato. Contributi politici (o di corruzione) tra imprenditori e politici.

41 Altri esempi 1. La Battaglia dei sessi. Due fidanzati devono scegliere tra andare a teatro (T) o alla partita (P). Lei preferisce il teatro, mentre lui preferisce la partita, ma entrambi non hanno interesse a restare da soli. In termini di soddisfazione stare soli dà 0 a entrambi, il teatro dà 2 alla ragazza e 1 al ragazzo, mentre la partita dà 2 al ragazzo e 1 alla ragazza. 2. Morra cinese. Due giocatori contemporaneamente devono scegliere tra sasso, forbice e carta. Se i due giocatori scelgono lo stesso la partita è pari. Sasso vince su forbice, forbice vince su carta e carta vince su sasso.

42 Interessi individuali contro coordinazione efficiente: Il dilemma del ciclista. Due ciclisti avversari che si trovano da soli in testa hanno la possibilità di iniziare una fuga decidendo di cooperare tirando e segnalando così di volersi assumere l onere di porsi a turno in posizione di testa, oppure di defezionare cercando di mandare avanti l altro per sfruttarne lo sforzo. La situazione è tale che ciascuno dei due preferirebbe, nell ordine, sfruttare l altro, cooperare, non cooperare, venire sfruttato. Coordinazione pura: il (doppio) dilemma dello studente bugiardo. Alla vigilia dell ultimo appello di Istituzioni di Economia dell anno accademico due studenti, capaci ma poco motivati, decidono di passare la notte ad una festa studentesca. Il giorno seguente, stanchi, arrivano tardi all esame ma vanno dal docente per chiedergli un rinvio, raccontando di essere stati attardati dalla foratura di una ruota dell auto, di ritorno dalla campagna dove avevano assistito il nonno malato di uno dei due. Il docente, dopo un attimo di perplessità, decide di concedere il rinvio al giorno successivo. L indomani i due studenti vengono fatti accomodare a cellulari spenti in due aule separate, dove viene loro consegnato il testo della prova scritta, identico per entrambi. La prova consiste nella risposta a due domande, da 5 e 25 punti rispettivamente e cioè: 1) domanda da 5 punti: rappresentare il dilemma del ciclista come un gioco e risolverlo 2) domanda da 25 punti: quale ruota?

43 Perché gli economisti studiano la TdG? La teoria dei Giochi rappresenta un buon modello per descrivere le interazioni strategiche tra agenti economici. La teoria microeconomica è basata sulla teoria delle scelte individuali. Molti risultati economici coinvolgono l interazione strategica. Andamento di mercati non perfettamente competitivi, p.e. Coca-Cola contro la Pepsi. Andamento nelle aste, p.e. offerta della Banca di Investimento sui Buoni Ordinari del Tesoro. Andamento nelle negoziazioni economiche, p.e. il commercio. La teoria dei giochi è ampiamente utilizzata in Economia Industriale, p.e. nelle imprese dove gli agenti hanno interessi contrastanti. Teoria dei giochi non ha applicazioni solo nell economia e nella finanza, ma anche nel campo strategico-militare, nella politica, nella sociologia, nella psicologia, nell'informatica, nella biologia, nello sport.

44 Premio Nobel 2005 per le Scienze Economiche Robert Aumann, matematico ed economista teorico, è famoso per i suoi contributi alla teoria formale della concorrenza perfetta. All inizio degli anni Cinquanta si guardava con molto interesse alle applicazioni della teoria, non solo all economia, ma anche alla strategia militare e alla politica internazionale, e in particolare al tema della corsa agli armamenti. Ha formulato una teoria delle interazioni continuative (come quella tra Usa e Urss), rappresentate come giochi indefinitamente ripetuti. In tali giochi i vantaggi immediati di certe azioni opportunistiche o aggressive vanno confrontati con i possibili svantaggi futuri dovuti all impatto sul comportamento della controparte. Un discorso analogo vale per l informazione: sfruttare oggi un informazione superiore (una nuova arma, o la decifrazione del codice usato dal nemico) dà un vantaggio immediato, ma rivela informazione all avversario che in futuro ne potrà approfittare. Ad Aumann si deve la prima dimostrazione di un fondamentale teorema secondo cui la ripetizione di un gioco (non "a somma zero") amplia in modo imprevisto gli esiti sostenibili in equilibrio, rendendo possibili, tra l altro, esiti estremamente cooperativi (o collusivi). Lo studio dei giochi ripetuti evidenzia la possibilità di coordinare in modo tacito le azioni dei giocatori basandosi sulla storia passata del gioco. Così facendo, le azioni di diversi individui appaiono correlate, anche se le scelte sono fatte dai singoli.

45 Premio Nobel 2005 per le Scienze Economiche Thomas Schelling è uno studioso interdisciplinare di scienze sociali, influenzato durante gli anni Cinquanta dai problemi della guerra fredda. Economista di formazione, applica la teoria dei giochi alla politica internazionale, all analisi del conflitto e alla teoria della deterrenza, individuando il limite fondamentale della teoria dei giochi degli anni Quaranta-Cinquanta, che analizza solo le situazioni di conflitto puro. Schelling dimostra (non nel senso matematico del termine) che perfino in guerra il conflitto puro non esiste; questo impone modalità diverse di ragionamento strategico, con implicazioni inaspettate. Per esempio, se vi è una parziale comunanza di interessi, limitare pubblicamente le proprie opzioni (o rinunciare a utilizzare le proprie informazioni) può indurre la controparte a fare una scelta a noi più favorevole. Un altra differenza rispetto alle situazioni di conflitto puro è data dall esistenza di molteplici esiti stabili (cioè di equilibrio) non equivalenti e non intercambiabili. I giocatori hanno un mutuo interesse a coordinarsi, ma interessi divergenti sul come coordinarsi. Schelling affronta in modo originale problemi di economia, strategia politica e militare, di vita quotidiana e sociologia.

Teoria dei giochi. 1. Introduzione ed esempi. Slides di Teoria dei Giochi, Vincenzo Cutello 1

Teoria dei giochi. 1. Introduzione ed esempi. Slides di Teoria dei Giochi, Vincenzo Cutello 1 Teoria dei giochi 1. Introduzione ed esempi Vincenzo Cutello 1 Cos è la teoria dei giochi? Da Wikipedia: La teoria dei giochi è la scienza matematica che analizza situazioni di conflitto e ne ricerca soluzioni

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 8 marzo 2012 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2012.html DECISORI RAZIONALI INTERAGENTI di Fioravante Patrone,

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 5 marzo 25 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo25.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 10: Introduzione alla Teoria dei Giochi David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Note sulla teoria dei giochi 1

Note sulla teoria dei giochi 1 Note sulla teoria dei giochi 1 1. Le caratteristiche di un gioco La teoria dei giochi è usata per lo studio delle situazioni di interazione strategica, vale a dire le situazioni in cui l'utilità di un

Dettagli

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi Teoria dei Giochi E uno strumento decisionale, utile per operare previsioni sul risultato quando un decisore deve operare in concorrenza con altri decisori. L ipotesi principale su cui si basa la TdG è

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line

Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line Vincenzo Bonifaci Istituto di Analisi dei Sistemi ed Informatica Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma Cos è la Teoria dei

Dettagli

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA!

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! MADD-SPOT, 1, 2015 DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! DI LUCIA PUSILLO La Teoria dei Giochi si occupa in generale delle tecniche matematiche per analizzare situazioni in cui due o più individui

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 3 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Teoria dei giochi Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Situazione strategica Sette persone si recano insieme al ristorante

Dettagli

CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI (Cap. 13 del libro di testo di micro)

CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI (Cap. 13 del libro di testo di micro) CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI (Cap. 13 del libro di testo di micro) CHI NE E' IL PADRE FONDATORE? J. Von Neumann COSA STUDIA? La Teoria dei giochi analizza matematicamente l interazione tra individui che

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 9 marzo 2010 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2010.html TEOREMI DI ESISTENZA TEOREMI DI ESISTENZA Teorema

Dettagli

Teoria dei giochi. a.a. 2009/2010. Dott. Laura Vici

Teoria dei giochi. a.a. 2009/2010. Dott. Laura Vici Teoria dei giochi a.a. 2009/2010 Dott. Laura Vici Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna E-mail: laura.vici@unibo.it Home page: http://www2.dse.unibo.it/lvici Esercitazione per il corso

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Teoria dei giochi Cos è un gioco? Si definisce come gioco una situazione in cui ciascuno dei

Dettagli

Multiagent systems. Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi

Multiagent systems. Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi Multiagent systems Sistemi i di Agenti Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi Christian Schunck,Ph.D. Multiagent Systems Sistemi di Agenti UD 1.1 30/03/2010 Dia 2 TIPOLOGIE DI GIOCHI SOMMA COSTANTE/NON

Dettagli

La teoria dei giochi non cooperativi

La teoria dei giochi non cooperativi La teoria dei giochi non cooperativi Kreps: "Microeconomia per manager" 1 Ci occuperemo soltanto di giochi non cooperativi: l unità d analisi è il singolo giocatore che cerca di compiere le scelte per

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni Università degli Studidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Scienze Politiche, Sociali e Internazionali Microeconomia(A-E) Matteo Alvisi Parte 6 (b) TEORIA DEI GIOCHI E DECISIONI STRATEGICHE

Dettagli

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre. Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012

Teoria dei Giochi. Anna Torre. Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012 Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012 UN PO DI STORIA UN PO DI STORIA Von Neumann, Morgenstern Theory of Games and Economic Behavior (Princeton, 1944); UN PO DI STORIA Von Neumann,

Dettagli

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4)

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Economia Industriale (teoria dei giochi) Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Valerio Sterzi Università di Bergamo Facoltà di ingegneria 1 Cosa

Dettagli

Teoria dei giochi cap.13

Teoria dei giochi cap.13 Teoria dei giochi cap.13 Argomenti trattati Decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash Giochi ripetuti F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Un pò di storia Economisti e matematici studiosi

Dettagli

Imprese e reti d impresa

Imprese e reti d impresa Imprese e reti d impresa 6. Elementi di teoria dei giochi non cooperativi Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea triennale in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi

Dettagli

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10 Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio Cap. 10 Fino a ora abbiamo considerato le variabili che potevano influenzare il comportamento degli individui dati loro obiettivi (max utilità

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 17 Dicembre 2010 Giochi in forma estesa, fino a Zermelo Un modo matematico per descrivere

Dettagli

MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI

MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI Anna TORRE 1 1 INTRODUZIONE La teoria dei giochi è una disciplina matematica molto recente. La sua nascita viene convenzionalmente

Dettagli

Come si analizza un gioco

Come si analizza un gioco Come si analizza un gioco Parte III Giochi strategici a somma qualsiasi Alberto Abbondandolo Filippo Giuliani Alessandro Montagnani Università di Pisa Settimana di orientamento in Matematica 2010 Il dilemma

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi

TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi Esempio. La maggiore produttrice di autovetture italiane (Fiat) nel prendere le decisioni di quando introdurre un nuovo modello sul mercato, con quali accessori, con quali

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Lezione IV: Giochi e Strategie

Lezione IV: Giochi e Strategie Lezione IV: Giochi e Strategie Una decisione può essere definita strategica se è basata su di un ipotesi relativa al comportamento di altri soggetti e/o mira ad influenzarlo. Ex: la scelta dei titoli di

Dettagli

Docente referente: prof.ssa Rosa Marincola. Introduzione

Docente referente: prof.ssa Rosa Marincola. Introduzione Alunni: Classe III A Sistemi Informativi Aziendali, Disciplina: Informatica, Istituto d Istruzione Superiore "A. Guarasci" di Rogliano (CS) Indirizzo Tecnico Economico Docente referente: prof.ssa Rosa

Dettagli

Teoria dei Giochi. Vito Fragnelli A.A. 2010-11

Teoria dei Giochi. Vito Fragnelli A.A. 2010-11 Teoria dei Giochi Vito Fragnelli A.A. 2010-11 Capitolo 1 Teoria dei giochi e utilità 1.1 Esempio preliminare (da Young, 1994) Due paesi A e B, aventi rispettivamente 3.600 e 1.200 abitanti, vogliono costruire

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

Cooperazione di Agenti Informatici Corso di Laurea Specialistica in Informatica A.A. 2008/09 Prof. Alberto Postiglione

Cooperazione di Agenti Informatici Corso di Laurea Specialistica in Informatica A.A. 2008/09 Prof. Alberto Postiglione ooperazione di genti Informatici orso di Laurea Specialistica in Informatica.. 2008/09 Prof. lberto Postiglione UD.2: Esempi di Giochi Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2

Dettagli

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Dario Bauso Esempio Svolto Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P 1 0-3 3 1. il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di

Dettagli

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi Una breve introduzione alla Teoria Stefano GAGLIARDO Dipartimento di Matematica - Università degli studi di Genova Stage DIMA - 19/04/2011 (DIMA, UNIGE) 19/04/2011 1 / 74 Outline 1 Un po di storia 2 La

Dettagli

La Matematica dei Giochi

La Matematica dei Giochi Capitolo 1 La Matematica dei Giochi 1.1 Introduzione Che cosa fanno i bambini non appena cominciano a interagire col mondo esterno? Cominciano a giocare. Che cosa accomuna l umanità da sempre, gli antichi

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI: I GIOCHI SIMMETRICI

TEORIA DEI GIOCHI: I GIOCHI SIMMETRICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Scienze e Tecnologia dell Informazione Metodi e Modelli per il Supporto alle Decisioni

Dettagli

Decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali

Decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali LA MEDIAZIONE Decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali La mediazione conciliazione nell assicurazione: opportunità

Dettagli

Incentivi alla cooperazione Introduzione

Incentivi alla cooperazione Introduzione Incentivi alla cooperazione dellamico@disi.unige.it Sistemi Distribuiti P2P A.A. 2007-08 6-7 dicembre 2007 Outline 1 Cooperazione e free riding Free riding Reciprocità 2 Eliminazione iterata 3 Forma iterata

Dettagli

Finora è stata adottata una prospettiva semplificata della concorrenza e del settore perché: non sono stati considerati i rapporti di complementarità

Finora è stata adottata una prospettiva semplificata della concorrenza e del settore perché: non sono stati considerati i rapporti di complementarità Finora è stata adottata una prospettiva semplificata della concorrenza e del settore perché: non sono stati considerati i rapporti di complementarità tra i prodotti ma solo i rapporti di sostituzione;

Dettagli

Come si analizza un gioco

Come si analizza un gioco Come si analizza un gioco Parte II Giochi strategici a somma zero Alberto Abbondandolo Filippo Giuliani Alessandro Montagnani Università di Pisa Settimana di orientamento in Matematica 2010 Alice e Bruno

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano TEORIA DEI GIOCHI Parte 1 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 10 Dicembre 2010 Che significa teoria dei giochi? Gioco: Due o più individui partono da una

Dettagli

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali:

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali: Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 1 1 Nozioni introduttive La teoria

Dettagli

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014 In Action with Math Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti 5 novembre 2014 1 / 16 Roulette russa Altri esempi Teorema di Zermelo Descrizione del gioco Due giocatori

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio e probabilità Svolgimento a cura di Mattia Puddu

Esercizi di calcolo combinatorio e probabilità Svolgimento a cura di Mattia Puddu Esercizi di calcolo combinatorio e probabilità Svolgimento a cura di Mattia Puddu 1. Gli interi da 1 a 9 sono scritti nelle 9 caselle di una scacchiera 3x3, ogni intero in ogni casella diversa, in modo

Dettagli

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco www.xos.it : 2008 Osvaldo Duilio Rossi : SEQUESTRO DI PERSONA A SCOPO DI : 1 OSVALDO DUILIO ROSSI Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco Ho integrato con ulteriori riflessioni

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Capitolo 10. Pensare in maniera strategica: l oligopolio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 10. Pensare in maniera strategica: l oligopolio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 10 Pensare in maniera strategica: l oligopolio La teoria dei giochi La teoria dei giochi non cooperativi offre gli strumenti matematici per analizzare situazioni in cui l utilità dei vari individui

Dettagli

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Appunti a cura di Stefano Moretti, Silvia VILLA e Fioravante PATRONE versione del 26 maggio 2006 Indice 1 Equilibrio bayesiano perfetto 2 2 Giochi

Dettagli

Esercizi di teoria dei giochi. Luca Correani

Esercizi di teoria dei giochi. Luca Correani Esercizi di teoria dei giochi Luca Correani Settembre 2006 Indice 1 Giochi Statici con informazione completa 2 1.1 Analisi formale dei giochi e calcolo dell equilibrio di Nash.... 2 2 Giochi Bayesiani

Dettagli

Introduzione al pensiero probabilistico Il problema delle parti

Introduzione al pensiero probabilistico Il problema delle parti Introduzione al pensiero probabilistico Il problema delle parti Problema (in piccoli gruppi di lavoro) Due giocatori di pari abilità disputano una serie di partite; vince il gioco chi, per primo, raggiunge

Dettagli

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 1 Concetti risolutivi per i giochi in forma normale I

Dettagli

2.1.1 Giochi di coordiamento 3 2.1.2 Giochi competitivi 4 2.1.3 Giochi di coesistenza 4

2.1.1 Giochi di coordiamento 3 2.1.2 Giochi competitivi 4 2.1.3 Giochi di coesistenza 4 Università degli studi di Padova DIPARTIMENTO DELL INGEGNRIA DELL INFORMAZIONE Corso di laurea in Ingegneria dell Informazione TESI DI LAUREA TRIENNALE Fondamenti di Teoria dei Giochi e Applicazioni nell

Dettagli

Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa

Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa Mauro Sylos Labini Scuola Superiore Sant Anna, Pisa. Gennaio 2004 1 Introduzione Il Capitolo di Teoria dei Giochi ha ormai conquistato un posto

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Esercizi TdG per PoliMI

Esercizi TdG per PoliMI Esercizi TdG per PoliMI c Fioravante Patrone Esercizi TdG per PoliMI Esercizio Trovare gli equilibri di Nash (in strategie pure) dei giochi seguenti. I II L R T,, B,, I II L R T 99, 99, B, 98, 98 Quale

Dettagli

Prendere decisioni in condizioni di incertezza

Prendere decisioni in condizioni di incertezza Prendere decisioni in condizioni di incertezza S. Bonaccorsi Corso di Mathematical model for the Physical, Natural and Social Sciences Outline Indice 1 Prendere decisioni in condizioni di incertezza 1

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di laurea in Ingegneria Informatica COMPUTAZIONE DI EQUILIBRI PERFETTI NEI GIOCHI IN FORMA ESTESA A SOMMA ZERO CON DUE GIOCATORI: ALGORITMI

Dettagli

Che cos è la politica?

Che cos è la politica? Che cos è la politica? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Che cosa è la politica? Potere (sociale): capacità di un

Dettagli

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Strategie d Impresa R.M. Grant L analisi strategica per le decisioni aziendali Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dettagli

1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero

1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero 1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero Nel gioco del Nim, se semplificato all estremo, ci sono due giocatori I, II e una pila di 6 pedine identiche In ogni turno di gioco I rimuove una

Dettagli

CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI

CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI CHI NE E' IL PADRE FONDATORE? Von Neumann. COSA SI STUDIA? La teoria dei giochi analizza matematicamente l interazione tra individui che perseguono scopi convergenti, oppure

Dettagli

MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI

MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI Anna TORRE 1 1 INTRODUZIONE La teoria dei giochi è una disciplina matematica molto recente. La sua nascita viene convenzionalmente

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GIOCHI PER PROBLEMI DI DECISIONE

INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GIOCHI PER PROBLEMI DI DECISIONE INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GIOCHI PER PROBLEMI DI DECISIONE Vito Fragnelli Dipartimento di Scienze e Tecnologie Avanzate Università del Piemonte Orientale vito.fragnelli@mfn.unipmn.it Teoria dei Giochi

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Esercizio 1. Supponiamo di avere un rettangolo di cartone di dimensioni intere n e m e di tagliarlo successivamente secondo la seguente regola: togliamo

Dettagli

k n Calcolo delle probabilità e calcolo combinatorio (di Paolo Urbani maggio 2011)

k n Calcolo delle probabilità e calcolo combinatorio (di Paolo Urbani maggio 2011) b) (vedi grafo di lato) 7 0 9 0 0 0 ( E ) + + 0, ) Calcolare, riguardo al gioco del totocalcio, la probabilità dei seguenti eventi utilizzando il calcolo combinatorio a) E : fare b) E : fare 0 c) E : fare

Dettagli

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Si tratta di problemi elementari, formulati nel linguaggio ordinario Quindi, per ogni problema la suluzione proposta è sempre

Dettagli

Il dilemma della cooperazione

Il dilemma della cooperazione Il dilemma della cooperazione Matteo Ploner 16 luglio 2015 Cooperazione Di seguito viene fornita una breve introduzione al concetto di cooperazione in un ottica di ragionamento strategico. Cosa si intende

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

2 RAFFINAMENTI DELL EQUILIBRIO DI NASH

2 RAFFINAMENTI DELL EQUILIBRIO DI NASH MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI Anna TORRE 1 1 INDUZIONE A RITROSO Se un gioco è dato in forma estesa ed è finito e a informazione perfetta, un modo per trovare

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Economia Pubblica Rischio e Incertezza

Economia Pubblica Rischio e Incertezza Economia Pubblica Rischio e Incertezza Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Seconda parte del corso di Economia Pubblica I problemi dell

Dettagli

Teoria dei giochi. Di Andrea Venturini 1

Teoria dei giochi. Di Andrea Venturini 1 Teoria dei giochi Di Andrea Venturini 1 1. Un semplice esempio Durante la nostra esistenza siamo chiamati a prendere molte decisioni, buona parte delle quali devono tenere conto del comportamento altrui.

Dettagli

Introduzione alla Teoria dei Giochi

Introduzione alla Teoria dei Giochi Introduzione alla Teoria dei Giochi Giochi dinamici a informazione completa Lorenzo Rocco Scuola Galileiana - Università di Padova 01 aprile 2010 Rocco (Padova) Giochi 01 aprile 2010 1 / 24 Giochi in forma

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Appunti di Teoria dei Giochi per il corso di. Modelli Matematici per le Scienze Sociali. Antonio BERNARDO

Appunti di Teoria dei Giochi per il corso di. Modelli Matematici per le Scienze Sociali. Antonio BERNARDO 1 Appunti di Teoria dei Giochi per il corso di Antonio BERNARDO 1. Premessa La teoria dei giochi si occupa di situazioni di interazione strategica fra decisori che si assume siano intelligenti e razionali.

Dettagli

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE Vincenzo Auletta Università di Salerno ASTE Le aste (auctions) sono un altro importante ambito in cui possiamo applicare il framework della teoria dei giochi Come devo

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

REGOLAMENTO MONOPOLY QUALIFICAZIONI REGIONALI 2014

REGOLAMENTO MONOPOLY QUALIFICAZIONI REGIONALI 2014 REGOLAMENTO MONOPOLY QUALIFICAZIONI REGIONALI 2014 SCOPO DEL GIOCO Essere il giocatore più ricco al termine di una partita a tempo o l ultimo concorrente in gioco dopo che tutti gli altri sono finiti in

Dettagli

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO Prevenire la corruzione

Dettagli

Teoria dei giochi. Una breve vintesi

Teoria dei giochi. Una breve vintesi www.xos.it : 2007 Osvaldo Duilio Rossi : TEORIA DEI GIOCHI. UNA BREVE SINTESI : 1 OSVALDO DUILIO ROSSI Teoria dei giochi. Una breve vintesi Un gioco è una situazione di interdipendenza strategica in cui

Dettagli

La matematica del gioco. Il gioco della matematica

La matematica del gioco. Il gioco della matematica . Il gioco della matematica Viterbo 2 Maggio 2015 May 16, 2015 Sommario Giochi matematici Il gioco dell intelligenza Il gioco della matematica La matematica è un gioco Giochi matematici Teoria matematica

Dettagli

Introduzione alla Teoria dei Giochi

Introduzione alla Teoria dei Giochi Introduzione alla Teoria dei Giochi A. Agnetis Questi appunti presentano alcuni concetti introduttivi fondamentali di Teoria dei Giochi. Si tratta di appunti pensati per studenti di Ingegneria Gestionale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE RISIKO

REGOLAMENTO GENERALE RISIKO REGOLAMENTO GENERALE RISIKO SCOPO DEL GIOCO Raggiungere per primi il proprio obiettivo segreto oppure ottenere il punteggio più alto al termine della partita. PREPARAZIONE All inizio della partita ogni

Dettagli

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete.

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete. Parliamo di probabilità. Supponiamo di avere un sacchetto con dentro una pallina rossa; posso aggiungere tante palline bianche quante voglio, per ogni pallina bianca che aggiungo devo pagare però un prezzo

Dettagli

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta Capitolo 8 Il monopolio e la concorrenza imperfetta In alcuni casi, è ragionevole pensare che le imprese possano influenzare il prezzo Oppure, in alcuni casi è ragionevole aspettarsi che le imprese prendano

Dettagli