Business Impact Analysis Applicazione della metodologia nel Gruppo Carraro. Giugno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Impact Analysis Applicazione della metodologia nel Gruppo Carraro. Giugno 2012 1"

Transcript

1 Business Impact Analysis Applicazione della metodologia nel Gruppo Carraro Giugno

2 Agenda n Il Gruppo Carraro n L esigenza di una Business Impact Analysis e di un piano di Business Con3nuity n L esperienza del progebo BIA in Carraro n Fasi del progebo BIA 2

3 L esigenza di un piano di con:nuità La distruzione del centro o della rete DP può apparire come un evento poco probabile, ma rimane sempre il rischio di un danno di enormi proporzioni. Benché non ci siano sta3s3che abendibili al riguardo, perché mol3 inciden3 non vengono resi no3, non è accebabile la mancanza di un analisi e di un piano d azione: è necessario affrontare questo problema come una qualsiasi altra decisione aziendale, in termini di rapporto cos: / benefici Il calcolo dei danni lega3 a ciascuna area funzionale, in relazione ai diversi possibili 3pi di disastro, e i criteri di allocazione delle risorse vanno affronta3 con opportune metodologie: chi esegue l analisi per la prima volta può affidarsi a società di consulenza specializzate in materia. Questo è un 3po di analisi che va condoba con rigore, pesando opportunamente sia la dimensione del disastro ipo:zzato sia la probabilità che si verifichi 3

4 OBIETTIVO Garan3re la con3nuità delle operazioni aziendali Business Impact Analysis Business Con3nuity Plan 4

5 Cos è un Business Con:nuity Plan 1. Con3ene l evidenziazione di tube le auvità da svolgere per garan:re la con:nuità della missione d impresa, e, quanto più possibile, la reddi:vità nelle condizioni di crisi 2. Parte dall analisi dei processi aziendali e delle risorse necessarie al loro svolgimento 3. Agisce sulle risorse avendo il compito di pianificare e rendere disponibili, in caso di disastro, quelle essenziali per garan3re la con3nuità dello svolgimento dei processi vitali 5

6 ObieJvi del Business Con:nuity Plan limitare le perdite finanziare e le altre conseguenze economiche; minimizzare l'estensione del danno e i rischi; definire le alterna:ve per l'esecuzione delle funzioni cri:che di business; individuare ed addestrare il personale in grado di ges3re le situazioni di emergenza e le procedure di ripris3no per tornare alla normalità 6

7 Business Con:nuity Plan Il Business Con3nuity Plan conterrà anche le procedure di comunicazione per l auvazione del piano di Disaster Recovery/ Business Con3nuity del Sistema Informa3vo. Disaster Recovery Plan Business Continuity plan finanze software hardware collegamenti documentazione organizzazione basi dati logistica personale edp site alternativo Strumenti informatici documenti comunicazioni infrastrutture persone impianti norme 7

8 BIA come fondamento del BCP 8

9 Esperienza di progemo BIA - Agenda n ObieUvi del progebo BIA n Impostazione progebo: mo3vazioni aziendali, metodologia RFI RFP n BIA: metodologia e fasi del progebo n BIA: Interviste n BIA: Determinazione risorse processi cri3ci 9

10 ObieJvi della BIA La Business Impact Assessment (BIA) deve: omenere una comprensione approfondita dei processi di business per individuare i più cri3ci iden:ficare l'impamo potenziale di un disastro, effebuando un'analisi sui processi sia quan3ta3va che qualita3va individuare le priorità di ripris:no e i tempi basandosi sulle dipendenze fra i sistemi necessari per lo svolgimento dei processi cri3ci di business 10

11 La BIA individua il dominio del BCP Processo x Risorse (Processi critici) Sedi Aziendali Processo y Processo t Processo z Processo j Processo k Processo w Risorse 11

12 Mo:vazioni Deve esistere uno studio BIA e il conseguente BCP BIA e BCP sono richies3 dal mercato stesso e dagli en3 di controllo: Audi3ng da parte dei Clien: Audi3ng Cer:ficatori Bilancio Audit interni secondo norma:ve su Governance e controlli interni per Public Companies (legge 262, mod 231) Audit da parte di altri en3 (cer3f. Qualità ISO9000, Agenzia doganale, ) Con la BIA si introducono nella cultura aziendale prassi di analisi e prevenzione del rischio I risulta3 della BIA aiutano anche ad allineare le priorità degli inves:men: IT con le esigenze di business (obieuvo della IT Governance Cobit); ad es. per rendere oggeuve le priorità nello user support quo3diano 12

13 Mo:vazioni: priorità user support 1 Tipologia Non assegnati Assegnati Chiusi totale HARDWARE Problema al Login SAD Richieste agli Operatori HDA CPN Fornitori EDI QUARTA INFRASTRUTTURA (HW e SW) Richiesta dotazione HW / SW INTRANET Nuovo Utente UTENZE e autorizzazioni Autorizzazioni Utente MATRIX e R&D POSTA elettronica e area di lavoro PC - Interventi HW e SW Applicazioni CICS Totali La segnalazione dei problemi è legata alla specifica applicazione, mentre la priorità d intervento andrebbe legata alla criticità del processo sottostante: oggi non è semplice definire in modo efficiente quali interventi su PC o sulle Applicazioni CICS perseguire in modo prioritario e su quali siti. Interventi periodo Febbraio/ Settembre 2011 (non evidenziate le tipologie con meno di 50 richieste) 13

14 Mo:vazioni: priorità user support 2 Tipologia 2h 4h 8h 16h 24h 40h > 40h Aperti Sospesi Totale HARDWARE Problema al Login SAD Richieste agli Operatori HDA CPN Fornitori EDI QUARTA INFRASTRUTTURA (HW e SW) Richiesta dotazione HW / SW INTRANET Nuovo Utente UTENZE e autorizzazioni Autorizzazioni Utente MATRIX e R&D POSTA elettronica e area di lavoro PC - Interventi HW e SW Applicazioni CICS TOTALI I tempi di chiusura sono da 2 ore (immediato) a 40 ore nel caso di nuove utenze. La possibilità di assegnare priorità riduce la discrezionalità e il disservizio sui processi critici, anche nel caso di ricorso a risorse esterne che non conoscono le logiche Carraro. 14

15 Studio progemo e selezione partner Stesura RFI (Request for Informa3on) con specifiche e obieuvi Invio RFI ai potenziali partner Studio delle risposte obenute e stesura RFP (Request For Proposal) Invio RFP ai partner, con allegato schema di risposte Studio offerte ricevute, negoziazione e selezione 15

16 Impegno richiesto Le risorse da impegnare sono: Economiche per le prestazioni consulenziali Interne sistemi: per collaborazione all auvità di analisi, per acquisizione di competenze e per impostazione iniziale di metodologie Uten:: principalmente livelli direzionali responsabili di ajvita mission cri:cal che verranno intervista3 alfine di condividere e definire: I processi cri3ci per la salvaguarddia e lo sviluppo del business I cos3 lega3 alla mancata disponibilità delle risorse necessarie ai processi (fermo o degrado re3/servers, mancanza di competenze per il supporto, fornitori «cri3ci») I criteri di accebazione del rischio che guideranno le valutazioni economiche nella selezione e implementazione della strategia di business con3nuity 16

17 Fasi di progemo e durata Kick off: High Level e successivamente responsabili direu Interviste Sintesi interviste e condivisione risulta3 Risk assessement Individuazione risorse IS cri3che per svolgimento processi Stato dell arte rela3vamente al rischio Determinazione delle aree da proteggere con priorità Consigli per strategie di business con3nuity Compa3bilmente col numero e la disponibilità del personale da intervistare, almeno 4 mesi 17

18 Tempi in gioco in caso di disastro Recupero dati persi (tempo RPO) normale attività Ripristino sistemi Ripristino ultimo backup Recupero ritardo di lavoro Verifica finale normale attività RPO Recovery point obj. RTO Recovery time obj. WRT Work Recovery Time MTD Maximum Tolerable Downtime 18

19 Metodologia BIA 1. valutare la cri:cità di ogni processo riguardo il suo contributo al successo dell Azienda e al raggiungimento della missione 2. valutare, per ciascun processo, il tempo di sopravvivenza dell organizzazione a fronte dell interruzione nell erogazione dei servizi offer3 e determinare per ogni processo cri3co il tempo massimo che si può tollerare in caso d indisponibilità delle applicazioni (Maximum Tolerable Down3me [MTD] 3. valutare l esposizione economica sostenuta annualmente dall organizzazione per ciascun processo nell eventualità in cui il verificarsi di un evento dannoso impedisca l erogazione delle funzioni di competenza del processo per un periodo di tempo superiore a quello s3mato come tollerabile INFORMAZIONI RICAVATE DAI DIRETTI RESPONSABILI 4. sensibilizzare il management aziendale e obenere la sua approvazione dell analisi BIA, per poi avviare il piano di Business Con3nuity 19

20 BIA Metodi raccolta informazioni INTERVISTE DIRETTE Vantaggi: spiegazione e comprensione immediata delle domande, possibilità di cogliere elemen3 aggiun3vi importan3 Necessario in ogni caso un modulo predefinito per garan3re che ogni intervista segua la stessa linea, che le domande siano poste nello stesso modo, che le risposte siano registrate con la stessa modalità e siano confrontabili in base a una scala predefinita QUESTIONARI Vantaggi: risposte confrontabili, concise, già focalizzate; tempi ridou di raccolta informazioni Svantaggi: tempo di preparazione ques3onario; % di risposte mancan3 Il ques3onario deve essere chiaro, conciso, facile da capire e compilare; meglio se spiegato in un mee3ng iniziale; lasciare un riferimento di supporto; trasformabile in applicazione web RIUNIONI DI GRUPPO L azienda può disporre di uffici esperti nello sviluppo di questionari, magari per ricerche di mercato, che possono essere d aiuto; ma in ogni caso si è evidenziata l importanza di affidarsi a società esperte nella preparazione e nella conduzione dell intervista BIA. 20

21 BIA Interviste Selezione intervista: Individuare le persone da intervistare tramite: Riunioni di Kick- off preliminari con i dirigen3 di primo livello Spiegare bene le motivazioni del progetto Evidenziare il valore per gli intervistati (prevenire problemi nel loro lavoro) Anticipare come i risultati verranno condivisi Indicazione degli sponsor del progebo (Internal Audit, Direzione, ) Verifica che il campione sia completo studiando l organigramma 21

22 BIA Interviste ObieJvi Ai responsabili aziendali verrà chiesto di: descrivere sinte:camente obiejvi e compi: del processo di propria responsabilità, evidenziando le funzioni 3me- cri3cal s:mare l importanza del processo ai fini della compe33vità e del contributo alla missione dell organizzazione s:mare il periodo di tempo massimo in giorni che l organizzazione può tollerare in assenza del processo (MTD) 22

23 BIA Interviste ObieJvi Con i da3 raccol3 è possibile costruire delle tabelle di correlazione. L obieuvo è di valutare quanto ogni processo è importante ai fini dell opera3vità dell Azienda. Vitale Criticità del processo riguardo il raggiungimento della missione aziendale importante Molto utile Utile Non Importante > <1 Periodo di tempo massimo che l organizzazione può tollerare in assenza delle funzioni critiche del Processo 23

24 BIA Interviste Tipologia L intervista viene eseguita con il supporto del Modulo per la Rilevazione dei Da: e delle Informazioni. Il Modulo va organizzato in sezioni qualita3ve, in box nei quali l intervistatore esprime la sintesi delle interviste, e sezioni di autovalutazione e assessment, dove è necessario esprimere una valutazione in collaborazione con l intervistato, corroborata o espressa dalle informazioni o dai da3 raccol3 dall intervistato ai fini dell intervista. 24

25 BIA Interviste Argomen: Le successive domande hanno come obieuvo: o la s:ma dell impamo in assenza del processo in termini di: perdite per l Organizzazione (Revenue Loss Impact); spese straordinarie di ripris:no (Extraordinary Expense Impact); impamo opera:vo (Opera3onal Impact); o la s3ma dei principali rischi e l individuazione delle misure di sicurezza fisica e logica; o il censimento dei principali equipaggiamen: tecnici e tecnologici nelle disponibilità del processo. 25

26 BIA Interviste Argomen: REVENUE LOSS IMPACT ESEMPI: perdita di entrate o di vendita, interessi paga3 sui soldi presi in pres3to, interessi persi sul flobante, sanzioni per il ritardato pagamento di fornitori, multe o sanzioni contrabuali, indisponibilità dei fondi, ordini annulla3 a causa di ritardo nella consegna EXTRAORDINARY EXPENSE IMPACT ESEMPI: acquisizione di servizi esterni/lavoratori temporanei, gli acquis3 di emergenza, il noleggio/ leasing abrezzature, il personale non opera3vo al minimo dello s3pendio, la delocalizzazione dei lavoratori temporanei OPERATIONAL IMPACT ESEMPI: S3me sull impabo per interruzione di auvità: perdita di capacità di servizio verso clientela, incapacità di servire clien3 interni S3me sulla perdita di fiducia: perdita di fiducia da parte di clien3, azionis3, impiega3 etc. 26

27 BIA Interviste Altri Argomen: PORTAFOGLIO PROCESSI IN CARICO PROCEDURE DI WORK AROUND PERSONAL COMPUTER/WORKSTATIONS INTERDIPENDENZE TRA BUSINESS UNIT STRATEGIE DI RECOVERY ESISTENTI ALTRO su indicazione dell intervistato 27

28 BIA Interviste Osservazioni à PERIMETRO DI RIFERIMENTO Individuare chiaramente con l intervistato il perimetro della sua organizzazione: a questo ambito vanno riferite le s3me economiche di impabo à SCENARIO DI DISASTRO Definire lo scenario che si sta ipo3zzando (l impabo di una inondazione è diverso dall impabo di un blocco informa3co) à NEUTRALITA DELL INTERVISTATORE Evitare di influenzare involontariamente le s3me dell intervistato 28

29 BIA Interviste Sintesi 29

30 Classificazione dei processi aziendali I processi sono sta3 ordina3 in base al loro valore, che rappresenta la loro importanza e contributo al successo/compe33vità dell Azienda: 1.3 = Cri:cità del processo riguardo il raggiungimento della missione aziendale 1.4 = Periodo di tempo massimo che l organizzazione può tollerare in assenza delle Informazioni del Processo Vp = Valore processo = 1.3 * 1.4 Valore dei processi, HQ 30

31 Classificazione dei processi aziendali 31

32 Determinazione della cri:cità dei processi aziendali Dalla somministrazione delle interviste è stato possibile prefigurare gli impau economici per ciascun processo in relazione al Valore, Rischio di accadimento di un evento disastroso e FaBore di correzione legato soggeuvamente alla valutazione dell Owner di processo in relazione alla cri3cità e alla tolleranza dell organizzazione per l assenza del processo Le risposte richieste hanno valore indica:vo: servono per determinare le priorità degli interven:, fornire una s:ma approssima:va dell en:tà degli inves:men:, e orientare le scelte strategiche e tajche del piano di Business Con:nuity Al fine di rendere consisten3, coeren3 e omogenei i valori rileva3 dai ques3onari e che forniscono i parametri per l analisi BIA, è necessario precisare che ques3 valori sono sta3 analizza3 e rielabora3 dagli analis3, u3lizzando le interviste raccolte come base di analisi e valutazione 32

33 Determinazione della cri:cità dei processi aziendali 33

34 Maximum Tolarable Down:me (MTD) e Perdita Annua AMesa (ALE) Le tabelle che seguono descrivono quanto emerso in relazione alla s3ma del tempo che le BU CARRARO possono sopportare in assenza di un determinato processo (Maximum Tolerable Down:me [MTD]), ovvero la massima durata prevista o tollerata del down3me occorso a seguito dell evento disastroso: questa s3ma è stata affiancata all Annual Loss Expectancy (ALE) valorizzata per ogni processo AspeBo di primaria importanza riveste il fabo che il valore di MTD sia definito, conosciuto e verificato, tenendo presente che se un down%me lungo danneggia la possibilità di fruire del servizio più di uno breve, il danno maggiore deriva dall'inconsapevolezza di quanto possa essere il tempo previsto per il ripris3no dei servizi danneggia3 34

35 MTD vs. ALE 35

36 Processi cri:ci E possibile esprimere i risulta3 preceden3 in grafici conclusivi, nei quali vengono qualifica3 i processi che assolutamente devono rientrare all interno del BCP (High) da quelli che possono essere inseri3 sulla base di considerazioni più eterogenee (Med), e infine da quelli che possono essere esclusi dalle misure di BC 36

37 Processi cri:ci 37

38 Conclusioni Alla luce delle analisi preceden3, è possibile realizzare le seguen3 tabelle finali che riportano tuu i da3 necessari ad operare una valutazione sui processi cri3ci da ripris3nare, il valore s3mato dai rispeuvi owner e il tempo massimo accebabile di indisponibilità. Ciò consente di effebuare la selezione di quelli ritenu3 più cri3ci (ad esempio quelli evidenzia3 in rosso nei grafici da 1 a 6 e definire le priorità di realizzazione del piano di con3nuità. Il campo Cri3cità, dato dal prodobo dell esposizione per il valore, aggiunto alla fine in rosso non rappresenta un valore economico, ma ha il solo scopo di considerare il valore assoluto dei singoli processi in rapporto all esposizione annua, e può essere u3le per meglio selezionare i processi ritenu3 più cri3ci ai fini del Piano di Business Con3nuity 38

39 Conclusioni 39

40 Parte finale del progemo BIA Raccogliere in una matrice le risorse necessarie per la con3nuità dei processi cri3ci: InfrastruBure, Sistemi, Tecnologie Fornitori, Competenze Interne, altre risorse Locazioni fisiche da proteggere EffeBuare un analisi di rischio su tali risorse per determinare l abuale livello di esposizione al rischio Anche controlli generali Individuare prassi e azioni da perseguire per mi3gare l esposizione al rischio e definire le linee guida per il successivo piano di business con3nuity 40

41 Strategie di ripris:no La correlazione fra la durata del disastro ed il danno pa:to dall'azienda non è lineare, ma esponenziale, perché nel giro di pochi giorni, o al massimo di una seumana, tube le auvità automa3zzate vengono costrebe ad arrestarsi e le conseguenze nega3ve si accumulano ad una velocità impressionante. Partendo da una serie di da3 reali si è arriva3 a concludere che: per contenere i danni bisogna innanzitubo ridurre al minimo la durata del disastro, adobando un'opportuna metodologia di backup e predisponendo un efficace piano di emergenza in genere il limite di autonomia di una applicazione automa3zzata non supera la seumana questo parametro dipende dal sebore economico in cui opera ciascuna azienda 41

42 Strategie di ripris:no da: Barnes, Virili 42

43 Scelta della strategia di ripris:no Danni causati dal disastro costo Costo del B.C.P. tempo 43

44 Conclusioni I da3 raccol3 nella BIA verranno rianalizza3 aborno alle scelte strategiche che il BCM intraprenderà per determinare il costo totale ameso per ogni alterna:va. 44

45 Conclusioni Il Business Con3nuity Manager, sulla base delle strategie di Business Con:nuity approvate, potrà disporre: l individuazione di una sede e degli equipaggiamen3 del Centro di emergenza (crisi) l emanazione dei piani di con3ngenza per il ripris3no delle capacità elabora3ve e dei servizi eroga3 ; la descrizione dei ruoli individuali; le procedure di revisione del Piano, il test della sua completezza e accuratezza. 45

46 GRAZIE DELL ATTENZIONE 46

47 Alcuni riferimen: DRI The ins3tute for con3nuity management Business Con3nuity Ins3tute (www.thebci.org) BS25999 Standard per B.C.M. emesso dal Bri3sh Standards Ins3tu3on ISO27001 / ISO27002 Standard per la creazione e la cer3ficazione di un ISMS (Informa3on Security Management System) ISO24762 Disaster Recovery standard 47

48 Altri riferimen: Gartner Group - Best Prac3ces for Conduc3ng a B.I. A. ID: G Barnes J.C., 2001 A guide to business con3nuity planning, ed. Wiley Snedaker S., Business Con3nuity & Disaster Recovery for It Professional G.Iacono, F.Marzano,C.Medaglia La con3nuità opera3va negli en3 locali, ed. Maggioli Nosworthy J.D. A Prac3cal Risk Analysis Approach: Managing BCM Risk - Computers & Security, Vol. 19, No. 7 Hiles A. Enterprise Risk Assessment and Business Impact Analysis: Best Prac3ces 48

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Milano 23 novembre 2011

Milano 23 novembre 2011 ORBIT - Open Day Milano 23 novembre 2011 Carlo Loveri Agenda 14.30 Benvenuto 14.45 Business Continuity & Disaster Recovery Management: Cenni; Standards di riferimento; Best practices. Carlo Loveri CEO

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Presentazione Commerciale So1lab S.p.A.

Presentazione Commerciale So1lab S.p.A. Presentazione Commerciale So1lab S.p.A. Marzo 2013 So1lab Composta da circa 500 risorse, So#lab è da quasi 30 anni specializzata nella proge+azione, produzione e sviluppo evolu?vo di tecnologie, sistemi,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART.

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. 50 BIS DEL CAD VERSIONE 2.4 DEL 30/07/2012 SOMMARIO 1. Introduzione 2

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del c. 3, lettera b) dell art. 50bis del Codice dell Amministrazione Digitale Aggiornamento 2013 1 Sommario GUIDA ALLA LETTURA...

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

numerazione potrebbe differire nella versione finale.

numerazione potrebbe differire nella versione finale. e atteso entro il 2011, è quello che assorbirà lo standard BS 25999-2 in uno standard internazionale, dando così notevole ulteriore impulso alla certificazione della CO. 3.6.1 Gli standard ISO 22399 e

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i.

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. BREVE GUIDA ALLA LETTURA... 5 1 OBIETTIVI E SCENARI

Dettagli

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit Protiviti s High Value Audits are a series of audits programs that provide you with better information for decision-making regarding the systems and processes that drive technology, compliance or operational

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala Conferenze L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati a cura di Massimo Boasso - Area

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli