Imprese e reti d impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Imprese e reti d impresa"

Transcript

1 Imprese e reti d impresa 3. Asimmetrie informative e selezione avversa Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea triennale in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca A.A Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Via Bicocca degli Arcimboldi 8, 20126, Milano, Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 1/37

2 Layout 1 Caratteri del problema principale-agente in caso di informazione nascosta Relazioni di agenzia con informazione nascosta Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa La selezione avversa nelle assicurazioni 2 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità 3 Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo 4 Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza 5 Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 2/37

3 Relazioni di agenzia con informazione nascosta Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa La selezione avversa nelle assicurazioni Relazioni di agenzia con informazione nascosta In una relazione di agenzia (o principale-agente) a volte l agente possiede, prima dell inizio della relazione, informazioni private. Le informazioni possono riguardare qualità o caratteristiche dell agente tali da influire sul benessere/profitti che il principale può trarre dalla relazione; Esempi: l assicurato conosce il proprio stato di rischio al momento della stipula meglio della compagnia assicurativa; il venditore conosce lo stato degli oggetti che vende meglio del potenziale acquirente; il mutuatario conosce il proprio stato patrimoniale meglio del mutuante; il lavoratore conosce le proprie qualità meglio del datore di lavoro;... Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 3/37

4 Relazioni di agenzia con informazione nascosta Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa La selezione avversa nelle assicurazioni Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa Nei casi di informazione nascosta, la parte informata (l agente) ha incentivo ad utilizzare, a proprio vantaggio e a danno della controparte (il principale), le informazioni private di cui dispone, agendo così in modo opportunistico prima della stipula del contratto (opportunismo pre-contrattuale); Problema di selezione avversa (adverse selection) (Akerlof, 1970; Mirrlees, 1971); Il principale ha interesse ad estrarre le informazioni in possesso degli agenti, discriminando sulla base delle caratteristiche non osservabili: può farlo predisponendo un menù di contratti, tanti quante sono le tipologie di agente e tali da indurre gli agenti all autoselezione (revelation principle) screening. Agenti con caratteristiche non osservabili migliori, danneggiati dalla presenza dei peggiori, hanno interesse a segnalarle in maniera credibile al principale: credible disclosure e unraveling result; signaling. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 4/37

5 La selezione avversa nelle assicurazioni Relazioni di agenzia con informazione nascosta Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa La selezione avversa nelle assicurazioni L assicurato cattivo scaccia l assicurato buono Il termine selezione avversa (adverse selection): ha origine negli studi assicurativi; indica la maggiore propensione delle persone con stili di vita o lavori particolarmente rischiosi a richiedere una copertura assicurativa rispetto alla media della popolazione; Le compagnie di assicurazioni dispongono in genere di informazioni limitate relativamente a certe caratteristiche dei potenziali acquirenti; Se la compagnia stipula troppe polizze con clienti ad alto rischio, seleziona cioè in modo avverso i suoi rischi, va incontro a perdite. Tale rischio porta le compagnie ad alzare i premi, ma se i premi sono troppo alti, solo gli individui ad alto rischio si assicureranno. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 5/37

6 Selezione avversa e fallimenti di mercato: l analisi di Akerlof Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità George Akerlof fu il primo ad analizzare gli effetti della selezione avversa sul funzionamento dei mercati; Akerlof (1970) considera il mercato delle auto usate: il mercato dei bidoni (market for lemons); Il paper che gli valse il Nobel venne rigettato da diverse riviste: nel 1967, l editor dell American Economic Review non lo pubblica perché the review does not publish papers on subjects of such triviality ; l editor del Journal of Political Economy lo rigetta sostenendo: if this paper was correct, economics would be different. George A. Akerlof (1940) Nobel Memorial Prize in Economics 2001 Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 6/37

7 Il mercato dei bidoni di Akerlof Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Perché le auto usate, anche se appena uscite dal negozio, costano molto meno di quelle nuove? Secondo Akerlof, questa differenza è dovuta all esistenza di asimmetrie informative e, in particolare, di hidden information: solo il venditore conosce veramente la qualità del bene venduto; Incentivo per i venditori alla vendita di bidoni, poiché essi: usufruiscono solo in minima parte del miglioramento delle condizioni di mercato connesse alla messa in vendita di prodotti di buona qualità tali vantaggi sono egualmente distribuiti tra tutti i venditori; si appropriano totalmente del guadagno derivante dalla messa in vendita di auto di qualità inferiore a quella attesa dai compratori. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 7/37

8 Un esempio discreto: assunzioni Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Auto usate di due qualità: H: auto usate di buona qualità; L: bidoni. Data un auto di qualità i (i {H,L}): V i: disponibilità a pagare di un potenziale compratore (prezzo massimo a cui è disposto ad acquistare); v i: valore attribuito dal venditore (prezzo minimo a cui è disposto a vendere, o reservation price). Auto di buona qualità valutate meglio dei bidoni: V H > V L v H > v L I compratori valutano i beni più dei venditori: V H > v H V L > v L É common knowledge che metà delle auto usate sono bidoni; Tutti gli agenti sono risk-neutral. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 8/37

9 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Un esempio discreto: equilibri di mercato con informazione simmetrica e asimmetrica In caso di informazione simmetrica: sono utilmente vendute le auto di entrambe le qualità; il prezzo che si stabilisce sul mercato per la qualità i è: v i p i V i i {H,L} In caso di informazione asimmetrica: gli acquirenti: non conoscono la qualità dell auto che stanno comprando; il prezzo massimo che sono disposti a pagare è pari al valore atteso della qualità: V = V H +V L 2 se V < v H : nessun venditore vende auto di buona qualità; gli acquirenti rivedono le probabilità di ricevere auto di buona qualità; sono scambiati solo bidoni ad un prezzo: v L p L V L. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 9/37

10 Dal discreto al continuo: assunzioni Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità La qualità delle auto usate esistenti (s) è distribuita uniformemente nell intervallo [0, 1]; Data un auto di qualità s: v s: valore attribuito dal venditore (prezzo minimo a cui è disposto a vendere, o reservation price). V s: disponibilità a pagare di un potenziale compratore (prezzo massimo a cui è disposto ad acquistare); I potenziali acquirenti valutano le auto usate di una certa qualità più dei venditori (V > v); La distribuzione della qualità delle auto esistenti e le valutazioni di compratori e venditori sono common knowledge; Tutti gli agenti sono risk-neutral. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 10/37

11 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Un esempio continuo: informazione asimmetrica Offerta di auto usate: I venditori offrono sul mercato solo quelle auto usate il cui prezzo è maggiore o uguale al prezzo minimo a cui sono disposti a vendere: p v s s p v...quindi la qualità delle auto offerte sul mercato è distribuita uniformemente nell intervallo [0, p/v]; Domanda di auto usate: Conoscendo la valutazione dei venditori e la distribuzione della qualità, i compratori calcolano la qualità media delle auto sul mercato al prezzo p: E(s) = 1 p 2 v Non conoscendo la qualità dell auto di fatto acquistata ed essendo risk-neutral, i compratori acquistano solo se: p V E(s) E(s) p V 1 p 2 v p V V 2v Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 11/37

12 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Un esempio continuo: equilibrio di mercato con informazione asimmetrica Equilibrio di mercato con informazione asimmetrica: Se V 2v: tutte le auto vengono scambiate ad un prezzo compreso tra v e V; Se V < 2v: la domanda è nulla qualsiasi sia il prezzo; l unico prezzo che sparecchia il mercato è p = 0, al quale non avviene nessuno scambio (zero-trade equilibrium). Lo zero-trade equilibrium in Akerlof mostra la conseguenza estrema della selezione avversa; E possibile costruire modelli in cui la selezione avversa non produce il collasso del mercato, nonostante continui ad essere fonte di inefficienza. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 12/37

13 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Nei mercati con asimmetrie informative, il fallimento è causato dalla dipendenza del tipo di bene o servizio scambiato dal suo prezzo; Domanda di mercato funzione del prezzo (p) e della qualità attesa (µ), a sua volta dipendente dal prezzo: D(p, µ(p)) Il prezzo influenza la domanda: direttamente (-) effetto prezzo, somma di: effetto reddito: un aumento di prezzo diminuisce il reddito reale e con esso, per i beni normali, riduce la domanda del bene stesso; effetto sostituzione: un aumento di prezzo porta alla sostituzione del bene con succedanei il cui prezzo non è variato e riduce quindi la domanda del bene. indirettamente (+) un aumento di prezzo aumenta la qualità attesa e con essa la domanda. dd(p,µ(p)) } dp {{ } <0? = D(p,µ(p)) p } {{ } <0 + >0 { }} { D(p,µ(p)) µ(p) >0 { }} { dµ(p) dp } {{ } >0 Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 13/37

14 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Selezione avversa e razionamento delle quantità Nei casi di selezione avversa, il mercato non funziona in modo efficiente perché il prezzo svolge due funzioni: funzione allocativa, funzione di trasmissione dell informazione/incentivazione. Quando il principale offre identiche condizioni contrattuali a tutti gli agenti, gli può convenire non ridurre (aumentare) il prezzo di fronte ad un eccesso di offerta (domanda), ma razionare le quantità, al fine di limitare gli effetti perversi del prezzo sulla qualità. Esempi: 1 razionamento nel mercato del lavoro e salari di efficienza; 2 razionamento del credito da parte delle banche. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 14/37

15 Selezione avversa e salari di efficienza Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Assunzioni: l impresa conosce la produttività del lavoratore solo dopo un periodo di occupazione; l assunzione e la prima formazione di un nuovo lavoratore costituiscono un costo per l impresa; non è possibile legare la remunerazione alla produttività; il salario di riserva, il salario minimo a cui l individuo è disposto a lavorare, cresce al crescere dell abilità del lavoratore. Problema di selezione avversa che l impresa può limitare offrendo salari maggiori di quelli di equilibrio (salari di efficienza): un salario più elevato aumenta le probabilità che vengano selezionati candidati con capacità elevate; anche a fronte di un eccesso di offerta di lavoro, non conviene all impresa abbassare il salario. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 15/37

16 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Selezione avversa e razionamento del credito L istituto di credito conosce la rischiosità dei progetti meno delle imprese finanziate; Tassi di interesse elevati selezionano in modo avverso i debitori portando al finanziamento dei progetti più rischiosi e riducendo i profitti della banca; Esempio: progetti alternativi con investimento iniziale di 1000 e: Progetto A: Pr(X = 1100e) = 0.5; Pr(X = 1050e) = 0.5 Rendimento atteso: ( e e 1000e ( e+0.5 0e 1000e ) = 7.5% Progetto B: Pr(X = 2150e) = 0.5; Pr(X = 0e) = 0.5 ) Rendimento atteso: = 7.5% Tasso di interesse (i): i 7.5%: entrambi chiedono il finanziamento; i > 7.5%: solo B chiede il finanziamento, poiché l imprenditore: con il 50% di probabilità fallisce e non restituisce il prestito; con il 50% di probabilità ottiene un rendimento molto positivo. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 16/37

17 Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo Rimedi possibili ai problemi di selezione avversa La presenza di asimmetrie informative è causa di inefficienze e non permette il raggiungimento della soluzione di first-best; Si possono limitare i problemi: agendo direttamente sulle asimmetrie: la parte non informata cerca di acquisire direttamente le informazioni mancanti; si basa sulla storia pregressa dell altra parte (la reputazione). attraverso meccanismi di screening (screening games): proponendo un menù di contratti da proporre agli agenti, disegnati in modo tale da spingere gli agenti all autoselezione. attraverso interventi pubblici che: riducano le asimmetrie informative; prevedano la responsabilità della parte informata per i danni eventualmente provocati alla parte non informata; aumentino l efficacia dei meccanismi reputazionali. I meccanismi di screening sono stati studiati, tra gli altri, da Mirrlees (1971), Rothschild & Stiglitz (1976), Stiglitz & Weiss (1981), Maskin & Riley (1984). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 17/37

18 Screening e revelation principle Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo Lo screening rientra nel mechanism design: fissare le regole del gioco per massimizzare il proprio payoff in equilibrio; Il revelation principle rende il problema trattabile (Gibbard, 1973; Holmstrom, 1977; Myerson, 1979): se il mechanism designer vuole ottenere un qualche equilibrio, può restringere la ricerca ai meccanismi in cui gli agenti hanno un incentivo a rivelare correttamente l informazione privata al designer; per determinare il contratto ottimale in caso di informazione nascosta, è sufficiente: considerare un contratto per ogni tipo di informazione; verificare che l incentivo di ciascuno sia compatibile con la scelta del contratto a lui destinato. Lo screening si risolve in un problema di massimizzazione sotto vincoli di: partecipazione (participation (o individual rationality) constraints); compatibilità degli incentivi (incentive compatibility constraints). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 18/37

19 Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo Trade-off tra efficienza allocativa ed estrazione della rendita informativa Nello screening emerge un trade-off tra: efficienza allocativa (allocative efficiency); estrazione della rendita informativa (informational rent extraction). Se il principale non distingue il buono dal cattivo agente e offre lo stesso contratto a tutti, l allocazione è efficiente, ma l agente cattivo gode di una rendita informativa; Nello screening il principale introduce delle distorsioni (inefficienza allocativa) nel tentativo di appropriarsi della rendita informativa dell agente cattivo (informational rent extraction). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 19/37

20 Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo Screening nella discriminazione di prezzo (rinvio) Se un impresa monopolista fosse in grado di: conoscere perfettamente la Disponibilità A Pagare (DAP) di ciascun consumatore; evitare l arbitraggio tra i diversi consumatori; sarebbe in grado di estrarre tutto il surplus dai consumatori. Quando l impresa non conosce la DAP delle diverse classi, i consumatori con una DAP alta godono di una rendita informativa dovuta all esistenza di consumatori con una DAP bassa; Per estrarre parte della rendita informativa, l impresa può ricorrere a meccanismi di screening attraverso la predisposizione di diversi pacchetti di prezzi e quantità (block pricing): tanti quante sono le tipologie di consumatori; congegnati in modo tale che i consumatori si autoselezionino; Tale strategia è denominata discriminazione di prezzo di secondo grado, o menu pricing. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 20/37

21 Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Informazione nascosta e full-disclosure theorem La selezione avversa danneggia anche gli agenti con le caratteristiche non osservabili migliori ; Questi hanno interesse a segnalarle in maniera credibile al principale; In base al full-disclosure theorem (Grossman & Hart, 1980; Milgrom, 1981), quando il costo di certificazione è nullo (l informazione è facilmente verificabile), tutta l informazione sensibile viene divulgata sotto condizioni abbastanza generali. In questo contesto, il principale può inferire tutte le variabili d interesse, presumendo l assenza di una qualità/informazione non rivelata. Quando non ricorrono le condizioni per la credible disclosure, le parti informate possono ricorrere a meccanismi di signaling. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 21/37

22 Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Il modello di signaling nel mercato del lavoro di Spence Spence (1973,1974) ha analizzato il ruolo di signaling dell educazione nel mercato del lavoro; La teoria del signaling ha trovato applicazioni in campi disparati, dalla biologia evolutiva (es. la spiegazione delle code di pavone, in base al principio dell handicap di Zahavi), alla finanza e all organizzazione industriale. A. Michael Spence (1943) Nobel Memorial Prize in Economics 2001 Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 22/37

23 Il modello di Spence: assunzioni Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Due tipi di lavoratori: molto produttivi (H), con produttività r H ; poco produttivi (L), con produttività r L (< r H ). Le imprese pagano un salario (w) pari alla produttività attesa del lavoratore; I lavoratori possono studiare e anni sostenendo un costo: c(e) = θ i e i {L,H} L educazione: non ha nessun effetto sulla produttività; ha un costo marginale più basso per i lavoratori produttivi: θ H < θ L Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 23/37

24 Funzioni di utilità e curve d indifferenza Funzione di utilità dei lavoratori: Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza u i (w,e) = w c(e) = w θ i e i {L,H} w w = ū +θ Le w w = ū +θ He 0 e 0 e (a) Lavoratori poco produttivi (b) Lavoratori molto produttivi Figura: Curve d indifferenza Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 24/37

25 game Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Nel caso di informazione perfetta (l impresa può osservare r i ): nessuno investe in educazione (e H = e L = 0); l impresa remunera ogni lavoratore secondo la sua produttività (w H = r H > r L = w L ); Nel caso di informazione asimmetrica, si ha un signaling game: Il gioco è a due stadi: 1 il lavoratore sceglie l investimento in educazione (e); 2 l impresa paga al lavoratore un compenso pari alla produttività attesa dato il livello di educazione osservato: w(e) = p(θ H e)r H +(1 p(θ H e))r L Si ha un equilibrio quando: per ogni lavoratore l investimento scelto massimizza la sua utilità, date le aspettative delle imprese p(θ H e); le aspettative delle imprese sono ex post confermate. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 25/37

26 Equilibri del gioco di segnalazione Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Il gioco ha principalmente due tipi di equilibrio: Equilibri di separazione (separating equilibria), in cui ciascun tipo di lavoratore sceglie un differente investimento in educazione (e H e L ), così che: p(θ H e H ) = 1 e p(θ H e L ) = 0; w H = r H > r L = w L. Equilibri di aggregazione (pooling equilibria), in cui ciascun tipo di lavoratore sceglie lo stesso investimento in educazione (e H = e L ), così che: p(θ H e H ) = p(θ H e L ) = p(θ H ); w H = w L = p(θ H )r H +(1 p(θ H ))r L. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 26/37

27 Equilibrio di separazione Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Un lavoratore poco produttivo non investirà in educazione, se il livello minimo necessario per essere scambiato per un lavoratore molto produttivo ê è tale che: r H θ L ê r L ê r H r L θ L (1) Un lavoratore molto produttivo investirà in educazione come segnale efficace per essere riconosciuto tale fintantoché: r H θ H ê r L ê r H r L θ H (2) Se le condizioni 1-2 sono soddisfatte e le imprese ritengono che: p(θ H e) = { 1 se e ê 0 altrimenti (3) allora (e L,e H ) = (0,ê) è un equilibrio di separazione. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 27/37

28 Equilibrio di separazione Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza w u L u H w H w(e) w L 0 e H e Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 28/37

29 Equilibrio di pooling Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Un lavoratore poco produttivo investirà in educazione se: w θ L ê r L ê w r L θ L (1) Se la condizione (1) è soddisfatta e le imprese ritengono che: p(θ H e) = { p(θh ) se e ê 0 altrimenti (2) allora (e L,e H ) = (ê,ê) è un equilibrio di pooling con: w L = w H = p(θ H )r H +(1 p(θ H ))r L 0 ê p(θ H ) r H r L θ L Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 29/37

30 Equilibrio di pooling Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza w u L u H w(e) w H = w L 0 e H = e L e Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 30/37

31 ed efficienza Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Il signaling comporta sempre per sua natura dei costi; Nel modello di Spence il signaling è dissipativo: comporta solo costi senza alcun beneficio diretto; Esempio di signaling dissipativo è, secondo alcuni, la pubblicità commerciale; In molti casi, il segnale genera anche benefici diretti. Es.: la garanzia di buon funzionamento concessa dal venditore al compratore. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 31/37

32 Effetto pergamena Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza In che misura l istruzione è veramente solo un segnale delle abilità? Se il titolo di studio è principalmente solo un segnale, si devono osservare differenziali salariali consistenti tra chi ha conseguito un titolo di studio e coloro i quali hanno interrotto il percorso prima del conseguimento. Evidenza empirica non univoca: Layard & Psacharopoulos (1971): nessun effetto pergamena; Hungerford & Solon (1987): significativo effetto pergamena. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 32/37

33 Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie 1 Responsabilità del venditore; 2 Standard qualitativi e occupational licensing; 3 Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni; 4 Assicurazioni obbligatorie. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 33/37

34 Responsabilità del venditore Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Responsabilità del venditore per danni causati dalla bassa qualità dei beni venduti o informazioni false: il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all uso a cui è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore (Art c.c.); il venditore è responsabile di qualsiasi difetto di conformità che esiste nel momento della consegna del bene e che si manifesta entro un termine di due anni a decorrere da tale momento (Dir. 99/44/CE) salvo quanto conosciuto o conoscibile dal consumatore con l ordinaria diligenza. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 34/37

35 Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Standard qualitativi e occupational licensing Controlli sul rispetto di standard qualitativi minimi con sanzioni. Es. N.A.S. (Nuclei Antisofisticazioni e Sanità) dell Arma dei Carabinieri contro le sofisticazioni alimentari. Occupational licensing: possesso di una licenza o iscrizione in appositi albi o ordini professionali condizionata al possesso di certi requisiti minimi o al superamento di un esame (es. avvocati, commercialisti, ingegneri, medici) (Leland, 1979). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 35/37

36 Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Tutela dei marchi che consentono l identificazione delle imprese e garantiscono l efficace funzionamento dei meccanismi reputazionali (rinvio); Interventi che agevolano la diffusione delle informazioni (es. sussidi alla pubblicazione di bollettini informativi o associazioni dei consumatori). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 36/37

37 Assicurazioni obbligatorie Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Obbligo esteso di sottoscrizione dell assicurazione; Il premio assicurativo riflette la rischiosità media; Questo comporta che i soggetti a basso rischio sussidiano i soggetti ad alto rischio. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 37/37

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

«LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD»

«LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD» «LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD» MARINA ALBANESE * 1. Introduzione Il modello Ward-Vanek-Meade è un noto paradigma relativo ad un particolare tipo di impresa in cui i lavoratori prendono

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Le commissioni artistiche nell Italia rinascimentale e barocca e la determinazione del valore di un opera d arte

Le commissioni artistiche nell Italia rinascimentale e barocca e la determinazione del valore di un opera d arte Corso di Laurea Triennale In Commercio Estero Prova finale di laurea Le commissioni artistiche nell Italia rinascimentale e barocca e la determinazione del valore di un opera d arte Relatore Ch. Prof.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA

TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA GIOVANNI CESARONI * Introduzione In questo lavoro intendiamo presentare una rassegna, che sia al contempo una discussione problematica, del

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Dispense di politica economica Le politiche per il welfare

Dispense di politica economica Le politiche per il welfare Il Welfare State Dispense di politica economica Le politiche per il welfare Nell attuare le politiche macroeconomiche e microeconomiche lo Stato si propone come obiettivo fondamentale quello di assicurare

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli