Imprese e reti d impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Imprese e reti d impresa"

Transcript

1 Imprese e reti d impresa 3. Asimmetrie informative e selezione avversa Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea triennale in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca A.A Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Via Bicocca degli Arcimboldi 8, 20126, Milano, Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 1/37

2 Layout 1 Caratteri del problema principale-agente in caso di informazione nascosta Relazioni di agenzia con informazione nascosta Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa La selezione avversa nelle assicurazioni 2 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità 3 Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo 4 Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza 5 Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 2/37

3 Relazioni di agenzia con informazione nascosta Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa La selezione avversa nelle assicurazioni Relazioni di agenzia con informazione nascosta In una relazione di agenzia (o principale-agente) a volte l agente possiede, prima dell inizio della relazione, informazioni private. Le informazioni possono riguardare qualità o caratteristiche dell agente tali da influire sul benessere/profitti che il principale può trarre dalla relazione; Esempi: l assicurato conosce il proprio stato di rischio al momento della stipula meglio della compagnia assicurativa; il venditore conosce lo stato degli oggetti che vende meglio del potenziale acquirente; il mutuatario conosce il proprio stato patrimoniale meglio del mutuante; il lavoratore conosce le proprie qualità meglio del datore di lavoro;... Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 3/37

4 Relazioni di agenzia con informazione nascosta Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa La selezione avversa nelle assicurazioni Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa Nei casi di informazione nascosta, la parte informata (l agente) ha incentivo ad utilizzare, a proprio vantaggio e a danno della controparte (il principale), le informazioni private di cui dispone, agendo così in modo opportunistico prima della stipula del contratto (opportunismo pre-contrattuale); Problema di selezione avversa (adverse selection) (Akerlof, 1970; Mirrlees, 1971); Il principale ha interesse ad estrarre le informazioni in possesso degli agenti, discriminando sulla base delle caratteristiche non osservabili: può farlo predisponendo un menù di contratti, tanti quante sono le tipologie di agente e tali da indurre gli agenti all autoselezione (revelation principle) screening. Agenti con caratteristiche non osservabili migliori, danneggiati dalla presenza dei peggiori, hanno interesse a segnalarle in maniera credibile al principale: credible disclosure e unraveling result; signaling. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 4/37

5 La selezione avversa nelle assicurazioni Relazioni di agenzia con informazione nascosta Opportunismo pre-contrattuale e selezione avversa La selezione avversa nelle assicurazioni L assicurato cattivo scaccia l assicurato buono Il termine selezione avversa (adverse selection): ha origine negli studi assicurativi; indica la maggiore propensione delle persone con stili di vita o lavori particolarmente rischiosi a richiedere una copertura assicurativa rispetto alla media della popolazione; Le compagnie di assicurazioni dispongono in genere di informazioni limitate relativamente a certe caratteristiche dei potenziali acquirenti; Se la compagnia stipula troppe polizze con clienti ad alto rischio, seleziona cioè in modo avverso i suoi rischi, va incontro a perdite. Tale rischio porta le compagnie ad alzare i premi, ma se i premi sono troppo alti, solo gli individui ad alto rischio si assicureranno. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 5/37

6 Selezione avversa e fallimenti di mercato: l analisi di Akerlof Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità George Akerlof fu il primo ad analizzare gli effetti della selezione avversa sul funzionamento dei mercati; Akerlof (1970) considera il mercato delle auto usate: il mercato dei bidoni (market for lemons); Il paper che gli valse il Nobel venne rigettato da diverse riviste: nel 1967, l editor dell American Economic Review non lo pubblica perché the review does not publish papers on subjects of such triviality ; l editor del Journal of Political Economy lo rigetta sostenendo: if this paper was correct, economics would be different. George A. Akerlof (1940) Nobel Memorial Prize in Economics 2001 Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 6/37

7 Il mercato dei bidoni di Akerlof Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Perché le auto usate, anche se appena uscite dal negozio, costano molto meno di quelle nuove? Secondo Akerlof, questa differenza è dovuta all esistenza di asimmetrie informative e, in particolare, di hidden information: solo il venditore conosce veramente la qualità del bene venduto; Incentivo per i venditori alla vendita di bidoni, poiché essi: usufruiscono solo in minima parte del miglioramento delle condizioni di mercato connesse alla messa in vendita di prodotti di buona qualità tali vantaggi sono egualmente distribuiti tra tutti i venditori; si appropriano totalmente del guadagno derivante dalla messa in vendita di auto di qualità inferiore a quella attesa dai compratori. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 7/37

8 Un esempio discreto: assunzioni Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Auto usate di due qualità: H: auto usate di buona qualità; L: bidoni. Data un auto di qualità i (i {H,L}): V i: disponibilità a pagare di un potenziale compratore (prezzo massimo a cui è disposto ad acquistare); v i: valore attribuito dal venditore (prezzo minimo a cui è disposto a vendere, o reservation price). Auto di buona qualità valutate meglio dei bidoni: V H > V L v H > v L I compratori valutano i beni più dei venditori: V H > v H V L > v L É common knowledge che metà delle auto usate sono bidoni; Tutti gli agenti sono risk-neutral. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 8/37

9 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Un esempio discreto: equilibri di mercato con informazione simmetrica e asimmetrica In caso di informazione simmetrica: sono utilmente vendute le auto di entrambe le qualità; il prezzo che si stabilisce sul mercato per la qualità i è: v i p i V i i {H,L} In caso di informazione asimmetrica: gli acquirenti: non conoscono la qualità dell auto che stanno comprando; il prezzo massimo che sono disposti a pagare è pari al valore atteso della qualità: V = V H +V L 2 se V < v H : nessun venditore vende auto di buona qualità; gli acquirenti rivedono le probabilità di ricevere auto di buona qualità; sono scambiati solo bidoni ad un prezzo: v L p L V L. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 9/37

10 Dal discreto al continuo: assunzioni Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità La qualità delle auto usate esistenti (s) è distribuita uniformemente nell intervallo [0, 1]; Data un auto di qualità s: v s: valore attribuito dal venditore (prezzo minimo a cui è disposto a vendere, o reservation price). V s: disponibilità a pagare di un potenziale compratore (prezzo massimo a cui è disposto ad acquistare); I potenziali acquirenti valutano le auto usate di una certa qualità più dei venditori (V > v); La distribuzione della qualità delle auto esistenti e le valutazioni di compratori e venditori sono common knowledge; Tutti gli agenti sono risk-neutral. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 10/37

11 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Un esempio continuo: informazione asimmetrica Offerta di auto usate: I venditori offrono sul mercato solo quelle auto usate il cui prezzo è maggiore o uguale al prezzo minimo a cui sono disposti a vendere: p v s s p v...quindi la qualità delle auto offerte sul mercato è distribuita uniformemente nell intervallo [0, p/v]; Domanda di auto usate: Conoscendo la valutazione dei venditori e la distribuzione della qualità, i compratori calcolano la qualità media delle auto sul mercato al prezzo p: E(s) = 1 p 2 v Non conoscendo la qualità dell auto di fatto acquistata ed essendo risk-neutral, i compratori acquistano solo se: p V E(s) E(s) p V 1 p 2 v p V V 2v Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 11/37

12 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Un esempio continuo: equilibrio di mercato con informazione asimmetrica Equilibrio di mercato con informazione asimmetrica: Se V 2v: tutte le auto vengono scambiate ad un prezzo compreso tra v e V; Se V < 2v: la domanda è nulla qualsiasi sia il prezzo; l unico prezzo che sparecchia il mercato è p = 0, al quale non avviene nessuno scambio (zero-trade equilibrium). Lo zero-trade equilibrium in Akerlof mostra la conseguenza estrema della selezione avversa; E possibile costruire modelli in cui la selezione avversa non produce il collasso del mercato, nonostante continui ad essere fonte di inefficienza. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 12/37

13 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Nei mercati con asimmetrie informative, il fallimento è causato dalla dipendenza del tipo di bene o servizio scambiato dal suo prezzo; Domanda di mercato funzione del prezzo (p) e della qualità attesa (µ), a sua volta dipendente dal prezzo: D(p, µ(p)) Il prezzo influenza la domanda: direttamente (-) effetto prezzo, somma di: effetto reddito: un aumento di prezzo diminuisce il reddito reale e con esso, per i beni normali, riduce la domanda del bene stesso; effetto sostituzione: un aumento di prezzo porta alla sostituzione del bene con succedanei il cui prezzo non è variato e riduce quindi la domanda del bene. indirettamente (+) un aumento di prezzo aumenta la qualità attesa e con essa la domanda. dd(p,µ(p)) } dp {{ } <0? = D(p,µ(p)) p } {{ } <0 + >0 { }} { D(p,µ(p)) µ(p) >0 { }} { dµ(p) dp } {{ } >0 Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 13/37

14 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Selezione avversa e razionamento delle quantità Nei casi di selezione avversa, il mercato non funziona in modo efficiente perché il prezzo svolge due funzioni: funzione allocativa, funzione di trasmissione dell informazione/incentivazione. Quando il principale offre identiche condizioni contrattuali a tutti gli agenti, gli può convenire non ridurre (aumentare) il prezzo di fronte ad un eccesso di offerta (domanda), ma razionare le quantità, al fine di limitare gli effetti perversi del prezzo sulla qualità. Esempi: 1 razionamento nel mercato del lavoro e salari di efficienza; 2 razionamento del credito da parte delle banche. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 14/37

15 Selezione avversa e salari di efficienza Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Assunzioni: l impresa conosce la produttività del lavoratore solo dopo un periodo di occupazione; l assunzione e la prima formazione di un nuovo lavoratore costituiscono un costo per l impresa; non è possibile legare la remunerazione alla produttività; il salario di riserva, il salario minimo a cui l individuo è disposto a lavorare, cresce al crescere dell abilità del lavoratore. Problema di selezione avversa che l impresa può limitare offrendo salari maggiori di quelli di equilibrio (salari di efficienza): un salario più elevato aumenta le probabilità che vengano selezionati candidati con capacità elevate; anche a fronte di un eccesso di offerta di lavoro, non conviene all impresa abbassare il salario. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 15/37

16 Il mercato dei limoni di Akerlof Funzionamento dei mercati con qualità funzione del prezzo Selezione avversa e razionamento delle quantità Selezione avversa e razionamento del credito L istituto di credito conosce la rischiosità dei progetti meno delle imprese finanziate; Tassi di interesse elevati selezionano in modo avverso i debitori portando al finanziamento dei progetti più rischiosi e riducendo i profitti della banca; Esempio: progetti alternativi con investimento iniziale di 1000 e: Progetto A: Pr(X = 1100e) = 0.5; Pr(X = 1050e) = 0.5 Rendimento atteso: ( e e 1000e ( e+0.5 0e 1000e ) = 7.5% Progetto B: Pr(X = 2150e) = 0.5; Pr(X = 0e) = 0.5 ) Rendimento atteso: = 7.5% Tasso di interesse (i): i 7.5%: entrambi chiedono il finanziamento; i > 7.5%: solo B chiede il finanziamento, poiché l imprenditore: con il 50% di probabilità fallisce e non restituisce il prestito; con il 50% di probabilità ottiene un rendimento molto positivo. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 16/37

17 Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo Rimedi possibili ai problemi di selezione avversa La presenza di asimmetrie informative è causa di inefficienze e non permette il raggiungimento della soluzione di first-best; Si possono limitare i problemi: agendo direttamente sulle asimmetrie: la parte non informata cerca di acquisire direttamente le informazioni mancanti; si basa sulla storia pregressa dell altra parte (la reputazione). attraverso meccanismi di screening (screening games): proponendo un menù di contratti da proporre agli agenti, disegnati in modo tale da spingere gli agenti all autoselezione. attraverso interventi pubblici che: riducano le asimmetrie informative; prevedano la responsabilità della parte informata per i danni eventualmente provocati alla parte non informata; aumentino l efficacia dei meccanismi reputazionali. I meccanismi di screening sono stati studiati, tra gli altri, da Mirrlees (1971), Rothschild & Stiglitz (1976), Stiglitz & Weiss (1981), Maskin & Riley (1984). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 17/37

18 Screening e revelation principle Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo Lo screening rientra nel mechanism design: fissare le regole del gioco per massimizzare il proprio payoff in equilibrio; Il revelation principle rende il problema trattabile (Gibbard, 1973; Holmstrom, 1977; Myerson, 1979): se il mechanism designer vuole ottenere un qualche equilibrio, può restringere la ricerca ai meccanismi in cui gli agenti hanno un incentivo a rivelare correttamente l informazione privata al designer; per determinare il contratto ottimale in caso di informazione nascosta, è sufficiente: considerare un contratto per ogni tipo di informazione; verificare che l incentivo di ciascuno sia compatibile con la scelta del contratto a lui destinato. Lo screening si risolve in un problema di massimizzazione sotto vincoli di: partecipazione (participation (o individual rationality) constraints); compatibilità degli incentivi (incentive compatibility constraints). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 18/37

19 Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo Trade-off tra efficienza allocativa ed estrazione della rendita informativa Nello screening emerge un trade-off tra: efficienza allocativa (allocative efficiency); estrazione della rendita informativa (informational rent extraction). Se il principale non distingue il buono dal cattivo agente e offre lo stesso contratto a tutti, l allocazione è efficiente, ma l agente cattivo gode di una rendita informativa; Nello screening il principale introduce delle distorsioni (inefficienza allocativa) nel tentativo di appropriarsi della rendita informativa dell agente cattivo (informational rent extraction). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 19/37

20 Screening e altri rimedi possibili ai problemi di selezione avversa Screening e revelation principle Trade-off tra efficienza allocativa e informational rent extraction Screening nella discriminazione di prezzo Screening nella discriminazione di prezzo (rinvio) Se un impresa monopolista fosse in grado di: conoscere perfettamente la Disponibilità A Pagare (DAP) di ciascun consumatore; evitare l arbitraggio tra i diversi consumatori; sarebbe in grado di estrarre tutto il surplus dai consumatori. Quando l impresa non conosce la DAP delle diverse classi, i consumatori con una DAP alta godono di una rendita informativa dovuta all esistenza di consumatori con una DAP bassa; Per estrarre parte della rendita informativa, l impresa può ricorrere a meccanismi di screening attraverso la predisposizione di diversi pacchetti di prezzi e quantità (block pricing): tanti quante sono le tipologie di consumatori; congegnati in modo tale che i consumatori si autoselezionino; Tale strategia è denominata discriminazione di prezzo di secondo grado, o menu pricing. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 20/37

21 Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Informazione nascosta e full-disclosure theorem La selezione avversa danneggia anche gli agenti con le caratteristiche non osservabili migliori ; Questi hanno interesse a segnalarle in maniera credibile al principale; In base al full-disclosure theorem (Grossman & Hart, 1980; Milgrom, 1981), quando il costo di certificazione è nullo (l informazione è facilmente verificabile), tutta l informazione sensibile viene divulgata sotto condizioni abbastanza generali. In questo contesto, il principale può inferire tutte le variabili d interesse, presumendo l assenza di una qualità/informazione non rivelata. Quando non ricorrono le condizioni per la credible disclosure, le parti informate possono ricorrere a meccanismi di signaling. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 21/37

22 Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Il modello di signaling nel mercato del lavoro di Spence Spence (1973,1974) ha analizzato il ruolo di signaling dell educazione nel mercato del lavoro; La teoria del signaling ha trovato applicazioni in campi disparati, dalla biologia evolutiva (es. la spiegazione delle code di pavone, in base al principio dell handicap di Zahavi), alla finanza e all organizzazione industriale. A. Michael Spence (1943) Nobel Memorial Prize in Economics 2001 Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 22/37

23 Il modello di Spence: assunzioni Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Due tipi di lavoratori: molto produttivi (H), con produttività r H ; poco produttivi (L), con produttività r L (< r H ). Le imprese pagano un salario (w) pari alla produttività attesa del lavoratore; I lavoratori possono studiare e anni sostenendo un costo: c(e) = θ i e i {L,H} L educazione: non ha nessun effetto sulla produttività; ha un costo marginale più basso per i lavoratori produttivi: θ H < θ L Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 23/37

24 Funzioni di utilità e curve d indifferenza Funzione di utilità dei lavoratori: Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza u i (w,e) = w c(e) = w θ i e i {L,H} w w = ū +θ Le w w = ū +θ He 0 e 0 e (a) Lavoratori poco produttivi (b) Lavoratori molto produttivi Figura: Curve d indifferenza Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 24/37

25 game Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Nel caso di informazione perfetta (l impresa può osservare r i ): nessuno investe in educazione (e H = e L = 0); l impresa remunera ogni lavoratore secondo la sua produttività (w H = r H > r L = w L ); Nel caso di informazione asimmetrica, si ha un signaling game: Il gioco è a due stadi: 1 il lavoratore sceglie l investimento in educazione (e); 2 l impresa paga al lavoratore un compenso pari alla produttività attesa dato il livello di educazione osservato: w(e) = p(θ H e)r H +(1 p(θ H e))r L Si ha un equilibrio quando: per ogni lavoratore l investimento scelto massimizza la sua utilità, date le aspettative delle imprese p(θ H e); le aspettative delle imprese sono ex post confermate. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 25/37

26 Equilibri del gioco di segnalazione Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Il gioco ha principalmente due tipi di equilibrio: Equilibri di separazione (separating equilibria), in cui ciascun tipo di lavoratore sceglie un differente investimento in educazione (e H e L ), così che: p(θ H e H ) = 1 e p(θ H e L ) = 0; w H = r H > r L = w L. Equilibri di aggregazione (pooling equilibria), in cui ciascun tipo di lavoratore sceglie lo stesso investimento in educazione (e H = e L ), così che: p(θ H e H ) = p(θ H e L ) = p(θ H ); w H = w L = p(θ H )r H +(1 p(θ H ))r L. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 26/37

27 Equilibrio di separazione Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Un lavoratore poco produttivo non investirà in educazione, se il livello minimo necessario per essere scambiato per un lavoratore molto produttivo ê è tale che: r H θ L ê r L ê r H r L θ L (1) Un lavoratore molto produttivo investirà in educazione come segnale efficace per essere riconosciuto tale fintantoché: r H θ H ê r L ê r H r L θ H (2) Se le condizioni 1-2 sono soddisfatte e le imprese ritengono che: p(θ H e) = { 1 se e ê 0 altrimenti (3) allora (e L,e H ) = (0,ê) è un equilibrio di separazione. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 27/37

28 Equilibrio di separazione Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza w u L u H w H w(e) w L 0 e H e Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 28/37

29 Equilibrio di pooling Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Un lavoratore poco produttivo investirà in educazione se: w θ L ê r L ê w r L θ L (1) Se la condizione (1) è soddisfatta e le imprese ritengono che: p(θ H e) = { p(θh ) se e ê 0 altrimenti (2) allora (e L,e H ) = (ê,ê) è un equilibrio di pooling con: w L = w H = p(θ H )r H +(1 p(θ H ))r L 0 ê p(θ H ) r H r L θ L Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 29/37

30 Equilibrio di pooling Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza w u L u H w(e) w H = w L 0 e H = e L e Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 30/37

31 ed efficienza Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza Il signaling comporta sempre per sua natura dei costi; Nel modello di Spence il signaling è dissipativo: comporta solo costi senza alcun beneficio diretto; Esempio di signaling dissipativo è, secondo alcuni, la pubblicità commerciale; In molti casi, il segnale genera anche benefici diretti. Es.: la garanzia di buon funzionamento concessa dal venditore al compratore. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 31/37

32 Effetto pergamena Selezione avversa, credible disclosure e signaling Il modello di Spence dell educazione come segnale nel mercato del lavoro Equilibri di separazione e pooling nel modello di Spence ed efficienza In che misura l istruzione è veramente solo un segnale delle abilità? Se il titolo di studio è principalmente solo un segnale, si devono osservare differenziali salariali consistenti tra chi ha conseguito un titolo di studio e coloro i quali hanno interrotto il percorso prima del conseguimento. Evidenza empirica non univoca: Layard & Psacharopoulos (1971): nessun effetto pergamena; Hungerford & Solon (1987): significativo effetto pergamena. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 32/37

33 Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie 1 Responsabilità del venditore; 2 Standard qualitativi e occupational licensing; 3 Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni; 4 Assicurazioni obbligatorie. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 33/37

34 Responsabilità del venditore Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Responsabilità del venditore per danni causati dalla bassa qualità dei beni venduti o informazioni false: il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all uso a cui è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore (Art c.c.); il venditore è responsabile di qualsiasi difetto di conformità che esiste nel momento della consegna del bene e che si manifesta entro un termine di due anni a decorrere da tale momento (Dir. 99/44/CE) salvo quanto conosciuto o conoscibile dal consumatore con l ordinaria diligenza. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 34/37

35 Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Standard qualitativi e occupational licensing Controlli sul rispetto di standard qualitativi minimi con sanzioni. Es. N.A.S. (Nuclei Antisofisticazioni e Sanità) dell Arma dei Carabinieri contro le sofisticazioni alimentari. Occupational licensing: possesso di una licenza o iscrizione in appositi albi o ordini professionali condizionata al possesso di certi requisiti minimi o al superamento di un esame (es. avvocati, commercialisti, ingegneri, medici) (Leland, 1979). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 35/37

36 Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Tutela dei marchi che consentono l identificazione delle imprese e garantiscono l efficace funzionamento dei meccanismi reputazionali (rinvio); Interventi che agevolano la diffusione delle informazioni (es. sussidi alla pubblicazione di bollettini informativi o associazioni dei consumatori). Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 36/37

37 Assicurazioni obbligatorie Responsabilità del venditore Standard qualitativi e occupational licensing Tutela dei marchi e politiche di diffusione delle informazioni Assicurazioni obbligatorie Obbligo esteso di sottoscrizione dell assicurazione; Il premio assicurativo riflette la rischiosità media; Questo comporta che i soggetti a basso rischio sussidiano i soggetti ad alto rischio. Giuseppe Vittucci Marzetti Imprese e reti d impresa 37/37

Imprese e reti di imprese

Imprese e reti di imprese Imprese e reti di imprese 3. Asimmetrie informative e selezione avversa Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea triennale in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Le cause delle distorsioni Concorrenza insufficiente Rendimenti crescenti di scala

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Informazioni visita IPZS 9.30 Appuntamento in via Salaria n. 712,

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007)

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) 1 Le asimmetrie informative Alcuni individui dispongono di informazioni private che altri non hanno Es: produttori/consumatori imprenditori/compagnia

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 19: Spence s Job Market Signalling model David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

Razionalità limitata e informazioni private

Razionalità limitata e informazioni private Razionalità limitata e informazioni private Milgrom e Roberts: Capitolo 5 1 L informazione è una risorsa fondamentale, per lo scambio e la pianificazione, ma costosa da raccogliere ed elaborare. Le comunicazioni

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Introduzione Discriminazione di prezzo Tipologie di discriminazione Prezzi

Dettagli

ASIMMETRIA INFORMATIVA

ASIMMETRIA INFORMATIVA ASIMMETRIA INFORMATIVA Equilibrio domanda offerta Il prezzo e la quantità di mercato di un certo bene dipendono dall interazione fra domanda e offerta La domanda indica la disponibilità ad acquistare un

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE

I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE Erasmo Santesso I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE Opportunismo Il governo dell impresa è imperniato: Nella definizione della strategia competitiva; Nella organizzazione dei contributi

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO Diego Medici Gli investitori e gli analisti in questi mesi non ritengono più sufficienti

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Lezione 1. Dove eravamo rimasti Dove andremo Aspetti di teoria dell informazione e dell incertezza

Lezione 1. Dove eravamo rimasti Dove andremo Aspetti di teoria dell informazione e dell incertezza Lezione 1 Dove eravamo rimasti Dove andremo Aspetti di teoria dell informazione e dell incertezza Scopo delle lezioni di questo sottoperiodo è approfondire il ruolo di limiti informativi a livello macroeconomico

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Un semplice mercato

Dettagli

I principali elementi del problema * di Inés Macho-Stadler e David Pérez-Castrillo

I principali elementi del problema * di Inés Macho-Stadler e David Pérez-Castrillo 7 I principali elementi del problema * di Inés Macho-Stadler e David Pérez-Castrillo 1. Introduzione A chiunque è accaduto, almeno qualche volta, di trovarsi in un ufficio aperto al pubblico e di non ricevere

Dettagli

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Asimmetrie Informative Giochi

Dettagli

Durante l ultimo trimestre del 2001, una serie di rivelazioni riguardanti la diffusione. L informazione asimmetrica. Obiettivi di apprendimento

Durante l ultimo trimestre del 2001, una serie di rivelazioni riguardanti la diffusione. L informazione asimmetrica. Obiettivi di apprendimento 20txtI:Layout 4 5-09-2008 17:34 Pagina 667 L informazione asimmetrica 20 Obiettivi di apprendimento Dopo aver letto questo capitolo, gli studenti dovrebbero essere in grado di: Comprendere come il problema

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

FALLIMENTI DEL MERCATO

FALLIMENTI DEL MERCATO FALLIMENTI DEL MERCATO L efficienza del Mercato Il benessere economico garantito dal Mercato è misurato in termini di efficienza paretiana. Secondo il primo teorema dell economia del benessere ogni EGC

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

004722 - Economia pubblica - II anno

004722 - Economia pubblica - II anno Corso di laurea di primo livello in Economia aziendale CLEA nuovo ordinamento 004722 - Economia pubblica - II anno 8 crediti, 60 ore insegnamento a.a. 2011-12 Stefano Toso e Alberto Zanardi Lezione 7 Carenze

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Contratto di agenzia

Contratto di agenzia Contratto di agenzia Se l azione e non è osservabile (verificabile), il contratto di first best non è più utilizzabile. La scelta ottimale dell agente con salario fisso è esercitare sforzo nullo; La soluzione

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

Informazione asimmetrica

Informazione asimmetrica Informazione asimmetrica L informazione posseduta dalle due parti di una relazione economica può essere distribuita in maniera diversa: parliamo in questo caso di informazione asimmetrica. È possibile,

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Introduzione Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Evidenza empirica su partecipaz. scolastica. Teoria dell investimento in capitale

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione.

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione. Giuseppe Bertola Il mercato Il Mulino 2011 Cap.1 Gli ingredienti del mercato Lo scambio volontario tra persone è fonte di enormi benefici. Essendo volontario differisce nelle motivazioni dal furto e dal

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici

Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Fallimenti micro Fallimenti nel ottenere l efficienza

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

LE FRONTIERE DELLA MICROECONOMIA

LE FRONTIERE DELLA MICROECONOMIA 22 LE FRONTIERE DELLA MICROECONOMIA L economia studia le scelte degli individui e le loro reciproche interazioni. Questo studio assume molte forme, come abbiamo visto nei capitoli precedenti. Ma sarebbe

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Come affrontare i monopoli naturali

Come affrontare i monopoli naturali Come affrontare i monopoli naturali Il problema del monopolio naturale è che se anche l impresa volesse fissare il prezzo a un livello pari al costo marginale (efficienza sociale), produrrebbe in perdita

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione fornisce la principale motivazione economica dell esistenza

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

Informazione e analisi economica: risultati e prospettive * di Joseph E. Stiglitz

Informazione e analisi economica: risultati e prospettive * di Joseph E. Stiglitz 12 Informazione e analisi economica: risultati e prospettive * di Joseph E. Stiglitz Dieci anni fa scrissi un articolo intitolato Informazione ed Analisi Economica. Scelsi questo titolo deliberatamente:

Dettagli

Discriminazione Non Lineare Di Prezzo

Discriminazione Non Lineare Di Prezzo Discriminazione Non Lineare Di Prezzo Elaborazione a cura di: Bonomi Stefano 44479 Cattaneo Matteo 44519 Chignoli Stefano 44520 Fasola Francesco 56048 Moratti Matteo 44549 Introduzione L abbonamento Telecom

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE DISPENSA 5 Economia ed Organizzazione Aziendale INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE 1 LA CRESCITA DELLE ORGANIZZAZIONI La teoria economica tradizionale: la teoria dei mercati la mano invisibile

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

3. Asimmetrie informative

3. Asimmetrie informative Lezione seconda parte seconda Beni pubblici e altre cause di fallimento del mercato 1 3. Asimmetrie informative 3.1 rischio 3.2 assicurazione 3.3 asimmetrie informative 2 1 3.1 rischio Una situazione rischiosa

Dettagli

Allineamento degli incentivi. Prof. Ilaria Giannoccaro

Allineamento degli incentivi. Prof. Ilaria Giannoccaro Allineamento degli incentivi Prof. Ilaria Giannoccaro Il problema dell agenzia Nelle SC si configura un problema principaleagente Principale = SC nel suo complesso Agente = singolo attore della SC Disallineamento

Dettagli

Come si giudica la governance?

Come si giudica la governance? Corso di Governance e Gestione del Rischio Modulo II Il mercato per il controllo: l OPA Come si giudica la governance? Un sistema di CG potrebbe essere giudicato in base a 3 elementi (Macey): La capacità

Dettagli

INFORMAZIONE ASIMMETRICA

INFORMAZIONE ASIMMETRICA INFORMAZIONE ASIMMETRICA Finora si sono viste situazioni nelle quali non c erano problemi di informazione. La qualità dei beni era nota sia ai produttori che ai consumatori. Questa assunzione va bene se

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 1 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 18: Informazione incompleta (moral hazard) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura.

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. La natura del c. ha diverse implicazioni. Due in particolare.

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

CAPITOLO 22. Informazioni nascoste, segnalazione e cernita

CAPITOLO 22. Informazioni nascoste, segnalazione e cernita CAPITOLO 22 Informazioni nascoste, segnalazione e cernita Le informazioni nascoste e la selezione avversa Le informazioni nascoste dalla parte acquirente: le assicurazioni e l esecuzione dei contratti

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par.

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. 4) Le carenze informative Diverse tipologie di carenze informative

Dettagli

Enzo Dia. Il credito e l evoluzione degli intermediari bancari

Enzo Dia. Il credito e l evoluzione degli intermediari bancari Enzo Dia Il credito e l evoluzione degli intermediari bancari Biblioteca Delle Scienze Università degli Studi di Pavia 2010 Il credito e l evoluzione degli intermediari bancari / Enzo Dia. - Pavia : Biblioteca

Dettagli

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE Vincenzo Auletta Università di Salerno ASTE Le aste (auctions) sono un altro importante ambito in cui possiamo applicare il framework della teoria dei giochi Come devo

Dettagli

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ====================================================

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Phil, M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Macroeconomia Applicata Prof.ssa

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli