SHOCK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ SHOCK"

Transcript

1 SHOCK

2 La diagnosi di shock conclamato è per lo più facile, più complicato può essere individuare gli aspetti clinici iniziali (riconoscimento e valutazione dello stadio dello shock). SEGNI PIU FREQUENTI: - PA massima < 90 mmhg o diminuzione di 40 mmhg dai livelli basali - diuresi < 0,5 ml/kg/h - riduzione del flusso ematico periferico: cute fredda, umida, cianotica - alterazione dello stato di coscienza - tachicardia, tachipnea DATI DI LABORATORIO: Acidosi metabolica Aumento acido lattico DIAGNOSI

3 Shock: è una condizione di insufficient oxygen transport and perfusion Inadeguato apporto e trasporto di ossigeno. Riduzione della perfusione tessutale. ipossia cellulare Limita l apporto di ossigeno Riduce la funzione cardiaca. Inadeguato volume circolante IPOVOLEMICO Inadeguata funzione cardiaca CARDIOGENO Vasodilatazione periferica e alterata distribuzione del flusso ematico DISTRIBUTIVO Ostruzione extracardiaca al flusso ematico OSTRUTTIVO

4 CLASSIFICAZIONE - SHOCK IPOVOLEMICO : emorragico deplezione di liquidi - SHOCK CARDIOGENO : miogeno meccanico aritmico - SHOCK DISTRIBUTIVO : settico anafilattico neurogeno spinale - SHOCK OSTRUTTIVO : tamponamento cardiaco tromboembolia polmonare pneumotorace

5 Sepsi Almeno due segni+infezione Temperatura >38 C o <36 C Frequenza cardiaca >90 bpm Frequenza respiratoria >20 atti/min or PaCO2 <32 torr (<4.3 kpa) Globuli bianchi >12,000 o <4,000 cells/mm3 or >10% bands Sepsi Severa Sepsi associata a disfunzione d organo, ipoperfusione, o ipotensione. Le alterazioni di perfusione includono ma non sono limitate a: acidosi lattica, oliguria e alterazione stato mentale* Shock Settico Sepsi con ipotensione (SBP<90), nonostante adeguata infusione di liquidi e modificazioni della perfusione *.

6 MONITORAGGIO NELLO SHOCK SEGNI VITALI: - frequenza cardiaca - frequenza respiratoria - stato della coscienza (G.C.S.) - temperatura cutanea ECG al monitor MONITORAGGIO EMODINAMICO: -PA -PVC: ALTA (>12 cm di H20 ) cardiogeno, ostruttivo, settico ( faase ipodinamica) NORMALE ( 5-12 cm di H20) neurogeno, spinale, settico (fase iperdinamica) BASSA (<5 cm di H20 ) ipovolemico, anafilattico, neurogeno, settico (fase iperdinamica) -CWP: 8-18 mmhg miglior riempimento V sn con maggiore gettata cardiaca > 18 mmhg congestione polmonare fino ad edema

7 FUNZIONALITA RENALE: diuresi oraria ( 0,5-1 ml/kg/h; 30 ml/h) FUNZIONE RESPIRATORIA E METABOLICA: EGA e saturazione O2 ESAMI DI LABORATORIO: -emocromo - elettroliti, funzionalità renale - lattati - enzimi sierici - coagulazione -glicemia - prove crociate ECOCARDIOGRAMMA ED ECOGRAFIA ADDOMINALE RX TORACE TAC ULTERIORI INDAGINI SECONDO IL QUADRO CLINICO (SCINTIGRAFIA POLMONARE, ANGIOGRAFIA,...)

8 Goals of Shock Management Resuscitation - resuscitare To re-animate or revive Physiologically Restore normal blood volume, BP, organ perfusion Cellular level Restore balance between O2 utilization and cellular function Resuscitation = Reversal of shock

9 DO2crit V O 2 DO2 QUANDO SI REALIZZA UN DEFICT DI OSSIGENO SI OSSERVA UN AUMENTO DEL METABOLISMO ANAEROBIO ACIDO LATTICO SE IL DEFICIT E PROLUNGATO DEPOSITI ATP E ALTERAZIONE FUNZIONAMENTO POMPE IONICHE DI MEMBRANA DANNO CELLULARE

10 Cardiac output + N - A B C D + N - SVR Modificata da Fry DE: SIRS and MODS: Biologic dominio effect. Pag 24 in Multiple Organ Faikure. Pathophisiology, Prevention, and Therapy. Baue et al Ed

11 TREATMENT OF SHOCK ENHANCING PERFUSION/OXYGEN DELIVERY CO= Cardiac output (MAP-CVP) SVR Arterial O 2 content Vasopressors Oxygen delivery = HR X SV X Hb X S0 2 X ,0031 x pao 2 Inotropes Transfuse Partially dependent on FIO 2 and pulmonary status Fluids

12 E P Rivers, H B Nguyen, S Havstad, MC Tomlanovich: EARLY GOAL DIRECTED THERAPY IN THE TREATMENT OF THE SYSTEMIC INFLAMMATORY RESPONSE SYNDROME WITH GLOBAL TISSUE HYPOXIA: AN OUTCOME EVALUATION. Chest, Oct, 2000 prospective randomized trial 233 adult patients with SIRS and a systolic blood pressure <90 mmhg after a 20 cc/kg fluid challenge, or (2) SIRS criteria and a lactate level >4 mmol/l randomized to a treatment(115) or control group (118). The treatment group received a 6 hours of hemodynamic optimization consisting fluid management to a central venous pressure (CVP)> 8-12 mm Hg, vasopressors if required to a mean arterial pressure (MAP)< 65 mm Hg and efforts to increase systemic oxygen delivery or decrease in systemic oxygen utilization if the central venous oxygen saturation (Scv02) was< 70% compared to standard care in the control group. In-hospital mortality and 28 day mortality was 40.7% and 48.6% in the control group versus 25.2% and 32.3% in the treatment group, respectively, (both p=0.017). In the treatment group, the duration of mechanical ventilation and length of hospital stay were 1.4 days (p=0.001), 3.8 days (p=0.040) less than the control group.

13 EARLY GOAL DIRECTED THERAPY During the first 6 hours of resuscitation, the goal of initial resuscitation of sepsis-induced hypoperfusion should include all of the following as one part of a treatment protocol: Central venous pressure 8-12 mmhg ( mmhg in ventilated patient) Mean arterial pressure 65 mmhg Urine output 0,5 ml/kg/hr Central venous (superior vena cava) or mixed venous oxygen (SvO2) saturation 70 % Resuscitation Fast rate Slow rate % survival None Modificated by Rivers N J Eng 2001 Time

14 Rivers E, Nguyen B, Havstad S, et al: Early goal-directed therapy in the treatment of severe sepsis and septic shock. N Engl J Med 2001, 345: patients (130 randomly assigned to early goal-directed therapy and 133 to standard therapy). mortality was 30.5 percent in the group early goal-directed therapy and 46.5 percent in the group standard therapy (P=0.009). The patients assigned to early goal-directed therapy had a significantly higher mean (±SD) central venous oxygen saturation (70.4±10.7 percent vs. 65.3±11.4 percent), a lower lactate concentration (3.0±4.4 vs.. 3.9±4.4 mmol per liter), a lower base deficit (2.0±6.6 vs.. 5.1±6.7 mmol per liter), and a higher ph (7.40± vs ±0.12) than the patients assigned to standard therapy (P 0.02 for all comparisons). R. Phillip Dellinger,, et al Crit Care Med 2004 Vol.32, N 3;

15 VENOUS CAPACITANCE CIRCUIT Portion of the circulatory system contains 80% of the intravascular volume Decrease in effective circulating blood volume and MAP caused by: Decreases in venous tone Increases in venous vascular capacitance NORMAL INCREASED VENOUS CAPACITANCE Decreased effective blood volume Decreased MAP

16 Vasodilatation A-V shunting CAPILLARY LEAK SYNDROME Maldistribution of flow Increased capillary permeability + interstitial edema EDEMA Decreased oxygen extraction Primary defect of oxygen utilization at cellular level

17 COME: : l infusione l di liquidi può consistere nella somministrazione di colloidi o di cristalloidi, attualmente non ci sono evidenze che supportano l impiego di un tipo di fluido rispetto l altrol Colloidi in E, Cristalloids in NA Il carico idrico può essere dato con un flusso di ml per cristalloidi or ml per colloidi in circa 30 min ripetibili in base alla risposta (aumento( della pressione ematica output urinario) ) e tolleranza (evidenze( di overload intravascolare)

18 INOTROPIC AND VASOPRESSOR DRUGS THERAPY When an appropriate fluid challenge fails to restore adequate blood pressure and organ perfusion, therapy with vasopressor agents should be started. Either norepinephrine or dopamine is the first choice vasopressor agent to correct hypotension. In patient with low cardiac output despite adequate fluid resuscitation, dobutamina may be used to increase cardiac output R. Phillip Dellinger, et al for the Surviving Sepsis Campaign Management Guidelines Committee Crit Care Med 2004 Vol.32, N 3; There is no high level evidence to recommend one catecholamines over another It should be combined with vasopressth

19 Dose Azione Simolaz. cardiaca Vasocost. Vasodil. Portata cardiaca Dopamina O.5-25 µg/kg min 400mg/250ml α-β-dopamin Norepinefrina µg/kg min 4mg/250ml α1-β / Fenilefrina µg/kg min 10mg/250ml α / ++++ / Efedrina 5/25 mg α-β Vasopressina U/min 200U/250ml α ++++ Epinefrina µg/kg min 1mg/250ml α-β Dobutamina µg/kg min 250mg/250ml β Isoproterenolo µg/kg min 1mg/250ml β / ++++

20 FLUID THERAPY RESUSCITATION MAINTENANCE Crystalloid Colloid ELECTROLYTES NUTRITION 1. Replace acute loss (hemorrhage, GI loss, 3 rd space etc) 1. Replace normal loss (IWL + urine+ faecal) 2. Nutrition support

21 Volemia: Difficile da quantizzare nel paziente critico Quale parametro da seguire per il riempimento? Cristalloidi vs Colloidi

22 Goals of volume and fluid replacement for critically ill patients Achieve and mantain normovolemia and hemodynamic stability Optimize oxygen delivery and oxygen consumption Restore fluid homeostasis in different fluid compartments Ensure adequate plasma Collid Osmotic Pressure Improve microcirculatory perfusion Ensure appropriate inflammatory response and endothelial cell-leukocyte leukocyte interactions Year book of Intensive care and emergency medicine; 2000:

23

24 Electrolyte composition meq/l ICF ECF Plasma Interstitial Na K Ca 2+ Mg 2+ Cl - HCO 3 - HPO 4 2- SO 4 2- Organic acid Protein

25 Fluid infusion CRISTALLOIDS COLLOIDS ICF ECF Plasma ICF ECF Plasma

26 Crystalloids vs Colloids: : THE FACTS AMOUNT OF FLUIDS REQUIRED Crystalloids Colloids

27 BLOOD VOLUME Colloids Cristalloids TIME Wang et al. J Surg Res 50:

28 EDEMA Impaired gas exchange Limited oxygen availability Impaired wound healing Gut dysfunction Cutaneous lesions Decubitus ulcers

29

30 BMJ 1998;316: ( 28 March ) Fluid resuscitation with colloid or crystalloid solutions in critically ill patients: : a systematic review of randomised trials Gill Schierhout,,,, Ian Roberts

31 HEMODYNAMIC MONITORING

32 ARTERIAL PRESSURE SKIN PERFUSION URINE OUTPUT MENTAL STATUS CLINICAL ASSESSMENT CARDIAC OUTPUT AND SvO2 LACTATE TISSUE PO2 (?) PgCO2 OVERALL ASSESSMENT

33 OXYGEN DELIVERY FLUIDS (BLOOD, COLLOIDS, CRYSTALLOIDS)

34

35 Hypervolemia with concurrent renal failure and volume overload poses a special management problem. Since diuretics cannot be relied on to reduce the expanded extracellular-fluid volume, hemodialysis, hemofiltration,, or peritoneal dialysis must be used J Am Soc Nephrol 12; 2001

36 Age HIGH RISK GROUPS Abuse Traumatic Injury Drug therapy Invaded Device Spaghetti Syndrome

37 Recombinant Hum Activated Protein C EG-DT Initial Resuscitation Fluid Therapy Vasopressors And Inotropic Therapy SOURCE CONTROL Diagnosis and antibiotic therapy Steroids Glucose control Modified from Bone Chest 1992 MOST: multiple organ support therapy Modificata da Bone et al: Definition for sepsi and orgain failure and guidelines for the use of innovative theraphies in sepsi.chest 1992;101: Respiratory Support

38 CARDIAC OUTPUT = HR X SV Intravascular volume Heart Arteriolar bed CO X SVR = PA CHANGES IN MANY ELEMENTS REGULATE BP AND PERFUSION RESISTANCE CIRCUIT Capillary exchange network Venules Venous capacitance circuit Decreased peripheral resistance Decreased arterial blood pressure Increased peripheral resistance Decreased venous return Decreased EDV Decreased SV Decreased arterial blood pressure Heart rate Contractility Loading conditions

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK FISIOPATOLOGIA dello SHOCK SHOCK O COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO insufficienza acuta del circolo periferico, causata da uno squilibrio tra massa liquida circolante e capacità del letto vascolare Si verificano:

Dettagli

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK:

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK: Shock Percorso diagnostico terapeutico di orientamento FISIOPATOLOGIA E in atto una situazione di shock quando a causa di una disfunzione cardiovascolare si crea un inadeguata perfusione degli organi vitali.

Dettagli

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

La sepsi: il paradigma dell emergenza intraospedaliera

La sepsi: il paradigma dell emergenza intraospedaliera La sepsi: il paradigma dell emergenza intraospedaliera Giulio Minoja Dipartimento di Anestesia e Rianimazione Azienda Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi VARESE giulio.minoja@ospedale.varese.it 1 Sepsi:

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina SHOCK DOTT. Nicola Menestrina DEFINIZIONE SINDROME CARATTERIZZATA DA UNA IPOPERFUSIONE TISSUTALE SISTEMICA ACUTA CHE CONDUCE AD UNA IPOSSIA DEI TESSUTI E ALLA DISFUNZIONE DEGLI ORGANI VITALI SHOCK SETTICO

Dettagli

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA Nola 28 SETTEMBRE 2010 Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera Pietro Di Cicco

Dettagli

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1 PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO SpO2 < 90% con O 2 in maschera a 10 l/min Acidosi respiratoria con ph < 7.25 Evidenza clinica di imminente distress

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito Congresso Nazionale Interdisciplinare Buona pratica clinica e ricerca scientifica nell urgenza-emergenza emergenza Innovazione tecnologica nell ambito della medicina d emergenza-urgenza Workshop: Le alterazioni

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Shock settico: trattare già dal Triage?

Shock settico: trattare già dal Triage? Pillola d emergenza SETTEMBRE 2011, Numero 37 In questa pillola di Agostino Nocerino due aggiornamenti di rilievo: - Shock settico: trattare già dal triage? - Il monitoraggio emodinamico avanzato del bambino

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

Sepsis Bundles: i pacchetti della salute

Sepsis Bundles: i pacchetti della salute Sepsis Bundles: i pacchetti della salute A.N. Cracchiolo, D.M. Palma Anestesia e Rianimazione Polivalente II G. Trombino Azienda Ospedaliera Nazionale di Rilievo ad Alta Specializzazione AORNAS Ospedale

Dettagli

CPAP nell edema edema polmonare acuto

CPAP nell edema edema polmonare acuto CPAP nell edema edema polmonare acuto Nola 28 settembre 2010 G. Foccillo Un po di storia.. 1912 Maintenance of lung expansion during thoracic surgery (S. Brunnel) 1936 Left-sided heart failure with pulmonary

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Emorragia nel politrauma. dott. Matteo De Roberto U.O. Medicina d Urgenza A.O.U. OO.RR. S.Giovanni di Dio e Ruggi D Aragona Salerno

Emorragia nel politrauma. dott. Matteo De Roberto U.O. Medicina d Urgenza A.O.U. OO.RR. S.Giovanni di Dio e Ruggi D Aragona Salerno Emorragia nel politrauma dott. Matteo De Roberto U.O. Medicina d Urgenza A.O.U. OO.RR. S.Giovanni di Dio e Ruggi D Aragona Salerno 5 milioni di persone muoiono ogni anno nel mondo per traumi (10% di tutti

Dettagli

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta Riccardo Francesconi CENNI ESSENZIALI DI FISIOPATOLOGIA POLMONARE APPLICATA ALLA RIANIMAZIONE Sistema di conduzione Sistema

Dettagli

Dottore ho la TOSSE!

Dottore ho la TOSSE! Dottore ho la TOSSE! Tosse! algoritmo di inquadramento SINTOMATOLOGIA CLINICA ASSOCIATA (febbre, > FR, > FC) DURATA (acuta, sub acuta, cronica) PRODUTTIVA, STIZZOSA IN GIOVANE / ANZIANO COMORBOSITA (d

Dettagli

Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo.

Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo. Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo. Sara Tomasini, Maria Concetta Lanza, Matteo Vincenzi, Massimo Neri, Marco Zanello* U.O.C. Anestesia e Rianimazione, IRCCS delle

Dettagli

IL MONITORAGGIO CAPNOGRAFICO E CAPNOMETRICO NEL PAZIENTE CRITICO

IL MONITORAGGIO CAPNOGRAFICO E CAPNOMETRICO NEL PAZIENTE CRITICO Regione Puglia AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI FOGGIA S.C. MEDICINA E CHIRURGIA DI ACCETTAZIONE E URGENZA Dir: Dr V. Procacci IL MONITORAGGIO CAPNOGRAFICO E CAPNOMETRICO NEL PAZIENTE

Dettagli

Modalità di ventilazione: IPPV vs PCV oppure? D. Massullo

Modalità di ventilazione: IPPV vs PCV oppure? D. Massullo Modalità di ventilazione: IPPV vs PCV oppure? D. Massullo Mechanical ventilation Goals in Thoracic Surgery Adequate gas exchange Minimum hemodynamic impairment Surgery (OLV) Minimum lung injury Thoracic

Dettagli

EMOGASANALISI ARTERIOSA 20/09/14. La valutazione degli scambi gassosi: EGA, saturimetria, CO 2 transcutanea, CO 2 espirata

EMOGASANALISI ARTERIOSA 20/09/14. La valutazione degli scambi gassosi: EGA, saturimetria, CO 2 transcutanea, CO 2 espirata La valutazione degli scambi gassosi: EGA, saturimetria, CO 2 transcutanea, CO 2 espirata FtR Luciana Ptacinsky Is6tuto Palazzolo Fondazione Don Carlo Gnocchi Milano VALUTAZIONE DEGLI SCAMBI GASSOSI È uno

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

58 Congresso Nazionale SIGG Torino 27-30 novembre 2013 Intensività della cura delle polmoniti in Pronto Soccorso

58 Congresso Nazionale SIGG Torino 27-30 novembre 2013 Intensività della cura delle polmoniti in Pronto Soccorso 58 Cngress Nazinale SIGG Trin 27-30 nvembre 2013 Intensività della cura delle plmniti in Prnt Sccrs Giuseppe Zuccalà, MD Università Cattlica del S. Cure U.O.C. Medicina d'urgenza e Prnt Sccrs Pliclinic

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

territorio E dopo il ricovero?

territorio E dopo il ricovero? L insufficienza respiratoria sul territorio E dopo il ricovero? Paolo Groff Pronto Soccorso-MURG Ospedale Madonna del Soccorso San Benedetto del Tronto Razionale BPCO: successo della NIV in termini i di

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Chetoacidosi diabetica (DKA)

Chetoacidosi diabetica (DKA) Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento dell Età evolutiva Prof. M. Vanelli Chetoacidosi diabetica (DKA) 1 È responsabile della maggior parte dei ricoveri nonché della

Dettagli

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Carlo Feo Sezione e U.O. di Chirurgia Generale Università degli Studi di Ferrara Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara Introduzione Costituzione di

Dettagli

LO SHOCK IN ETÀ PEDIATRICA

LO SHOCK IN ETÀ PEDIATRICA Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche UOC di Genetica ed Immunologia Pediatrica Direttore Prof. Carmelo Salpietro UOS Pediatria Medica d Urgenza Direttore:

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

CARACT 2010 Pisa 17-19 Novembre LA PROCALCITONINA

CARACT 2010 Pisa 17-19 Novembre LA PROCALCITONINA CARACT 2010 Pisa 17-19 Novembre LA PROCALCITONINA G.Paternoster Terapia Intensiva e Anestesia Cardiovascolare Ospedale San Carlo Potenza LA PROCALCITONINA (PCT) LA PROCALCITONINA (PCT) E il pro-ormone

Dettagli

Assistenza respiratoria

Assistenza respiratoria Assistenza respiratoria -fisiologia della respirazione - l insufficienza respiratoria - modalità di supporto ventilatorio Fisiologia della respirazione Finalità: scambio di gas : apporto di O2 ai tessuti

Dettagli

MONITORAGGIO dell ACCESSO VASCOLARE: FLUSSO, RICIRCOLO, MISURA delle PRESSIONI

MONITORAGGIO dell ACCESSO VASCOLARE: FLUSSO, RICIRCOLO, MISURA delle PRESSIONI VI Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica ATTUALITA in TEMA di PROGRAMMAZIONE,CREAZIONE e GESTIONE degli ACCESSI VASCOLARI per EMODIALISI Roma 6 8 maggio 2013 MONITORAGGIO dell ACCESSO VASCOLARE:

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE,

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Medicina d urgenza Prof. G. Vendemiale PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Dott. G. Serviddio Medicina Interna Universitaria Secrezione pancreatica Il pancreas esocrino produce

Dettagli

Approccio al bambino in stato di shock

Approccio al bambino in stato di shock Approccio al bambino in stato di shock Marcella Gaffuri Terapia Intensiva Neonatale e Pediatrica UOdO Pediatria Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona Shock: argomenti trattati Fisiopatologia

Dettagli

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei L'acqua presente nei compartimenti corporei è ricca di sali o elettroliti un elettrolitita disciolto in acqua si separa in ioni si dividono

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2. La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2. La pressione del sangue...

ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2. La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2. La pressione del sangue... ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2 La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2 La pressione del sangue... 4 Portata cardiaca e pressione arteriosa.... 5 LO SHOCK.... 6 Segni

Dettagli

EMOGASANALISI ARTERIOSA

EMOGASANALISI ARTERIOSA EMOGASANALISI ARTERIOSA Prelievo arterioso Il prelievo arterioso può essere eseguito nelle arterie RADIALE, BRACHIALE o FEMORALE. Attualmente viene eseguito più frequentemente il prelievo dall arteria

Dettagli

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE La Chetoacidosi Diabetica Definizione La chetoacidosi diabetica è causata da una carenza assoluta o relativa di insulina con

Dettagli

Assistenza al neonato in ipotermia

Assistenza al neonato in ipotermia Assistenza al neonato in ipotermia Laura Brombin Sabrina Gibin NEONATO CON ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA AFISSIA PERINATALE è un evento raro ( 3-5 neonati / 1.000 nati vivi ) Conseguenze su vari organi

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci PROTOCOLLO OPERATIVO VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA

U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci PROTOCOLLO OPERATIVO VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci PROTOCOLLO OPERATIVO VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA CPAP INSUFFICIENZA DI SCAMBIO

Dettagli

Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic. Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a. Ipotensione sepsi correlata

Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic. Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a. Ipotensione sepsi correlata PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO SEPSI SEVERA E SHOCK SETTICO (Dillinger R.P. et Al. - Surviving Sepsis Campaign: International Guidelines for management of severe sepsis and septic shok: 2008 Intensive Care

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Lo shock Lo shock è uno stato di sofferenza dell organismo, grave e progressivo, potenzialmente mortale, dovuto a ridotta perfusione ai tessuti, in seguito a caduta della Pressione Arteriosa che

Dettagli

Dott.ssa Rita Imeneo 1

Dott.ssa Rita Imeneo 1 Dott.ssa Rita Imeneo 1 INDAGINI 2007 Regione Piemonte Questionario Emergenze Ospedaliere Progetto GCA: indagine delle Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri pemontesi (escluse le aree critiche) Variabile

Dettagli

39.1. SHOCK. (vale per tutto il capitolo) I edizione. In collaborazione con il dott. Enrico Strocchi. 39. Shock...1

39.1. SHOCK. (vale per tutto il capitolo) I edizione. In collaborazione con il dott. Enrico Strocchi. 39. Shock...1 1 39. SHOCK I edizione In collaborazione con il dott. Enrico Strocchi (vale per tutto il capitolo) 39. Shock...1 39.1. SHOCK E COLLASSO CARDIO-CIRCOLATORIO...3 39.1.1. Tipi di shock... 3 39.1.2. Shock

Dettagli

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Antonello Casaletto U. O. D. Chirurgia Toracica Responsabile: Dr. G. Urciuoli Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo POTENZA Ruolo

Dettagli

Progetto LaSER Lotta alla sepsi in Emilia-Romagna

Progetto LaSER Lotta alla sepsi in Emilia-Romagna 143-2007 Progetto LaSER Lotta alla sepsi in Emilia-Romagna Razionale, obiettivi, metodi e strumenti Rischio infettivo 143-2007 Progetto LaSER Lotta alla sepsi in Emilia-Romagna Razionale, obiettivi, metodi

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova CROCE ROSSA ITALIANA Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova 1 SALUTE-MALATTIA Definizione dell OMS: La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente

Dettagli

Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso

Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso Claudio Begliardi Ghidini Pronto Soccorso Medicina d Urgenza O.C. S.Maria delle Croci -

Dettagli

Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato. Alunni GF.

Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato. Alunni GF. Consensus Conference: Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Firenze 3-4 dicembre 2005 Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato Alunni GF. Il gruppo di

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

U. O. Accettazione Medico-Chirurgica Responsabile: Dr. Vittorio Helzel

U. O. Accettazione Medico-Chirurgica Responsabile: Dr. Vittorio Helzel Presidio Ospedaliero dei Pellegrini U. O. Accettazione Medico-Chirurgica Responsabile: Dr. Vittorio Helzel l INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA 28 Settembre 2010 Nola

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

Valutazione del paziente dopo intervento chirurgico. Lazzeri Marta A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda MILANO

Valutazione del paziente dopo intervento chirurgico. Lazzeri Marta A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda MILANO Valutazione del paziente dopo intervento chirurgico Lazzeri Marta A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda MILANO The natural history of postoperative atelectasis is usually one of spontaneous reinflation. 65

Dettagli

Razionale per l utilizzo della PCT in DEA

Razionale per l utilizzo della PCT in DEA Razionale per l utilizzo della PCT in DEA Gianfranco Cervellin U.O. Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Health Policy 78 (2006) 77 92 Però 1. È considerato indice

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

Il legame diseguale delle competenze del cardiologo e del rianimatore nelle terapie intensive e sub intensive

Il legame diseguale delle competenze del cardiologo e del rianimatore nelle terapie intensive e sub intensive Il legame diseguale delle competenze del cardiologo e del rianimatore nelle terapie intensive e sub intensive S Valente AOU Careggi, Firenze Lucca 28-11-2013 Il legame diseguale delle competenze del cardiologo

Dettagli

haemodynamic monitoring

haemodynamic monitoring haemodynamic monitoring Mostcare Up è l unico monitor in grado di seguire in tempo reale, di battito in battito, ogni minima variazione emodinamica del paziente. L algoritmo brevettato basato sul metodo

Dettagli

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini SC Pneumologia AO O.I.R.M.-S.ANNA -Torino 1900 STETOSCOPIO 1950 CENTRALIZZAZIONE OSPEDALIERA CURE DOMICILIARI

Dettagli

EDEMA POLMONARE Aspetti fisio-patologici ed Approccio clinico

EDEMA POLMONARE Aspetti fisio-patologici ed Approccio clinico EDEMA POLMONARE Aspetti fisio-patologici ed Approccio clinico Dr.ssa Helen POSER Università degli Studi di Padova Dip. Scienze Cliniche Veterinarie EDEMA POLMONARE Accumulo di liquido nell interstizio

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU Stretto controllo glicemia nei pazienti Critici Intensive insulin therapy in critically

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

IDENTIFICARE PRECOCEMENTE IL PAZIENTE CON SEPSI GRAVE Daniele Coen. Convegno SIMI- SIMEU Pavia, 8 febbraio 2013

IDENTIFICARE PRECOCEMENTE IL PAZIENTE CON SEPSI GRAVE Daniele Coen. Convegno SIMI- SIMEU Pavia, 8 febbraio 2013 IDENTIFICARE PRECOCEMENTE IL PAZIENTE CON SEPSI GRAVE Daniele Coen Convegno SIMI- SIMEU Pavia, 8 febbraio 2013 Chè perdere tempo a chi sa più spiace Dante Alighieri Tempestività di intervento Stroke 67,000

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. INFARTO MIOCARDICO ACUTO. LIPOTIMIA. SHOCK.

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. INFARTO MIOCARDICO ACUTO. LIPOTIMIA. SHOCK. INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. INFARTO MIOCARDICO ACUTO. LIPOTIMIA. SHOCK. Andrea Lupo U.O. Anestesia e Rianimazione Ospedale Infermi Rimini Novembre 2006 È impossibile semplificare l insemplificabile......

Dettagli

La [H+], il PH e quello che l equazione di Kassirer- Bleich ci può dire nella pratica.

La [H+], il PH e quello che l equazione di Kassirer- Bleich ci può dire nella pratica. DISORDINI DELL EQUILIBRIO ACIDO-BASE : loro interpretazione Introduzione L interpretazione dei disordini dell equilibrio acido base (EAB) è stata spesso considerata dagli studenti del corso di laurea in

Dettagli

L esperienza della. Giulio Radeschi AOU S. Luigi Gonzaga - Orbassano

L esperienza della. Giulio Radeschi AOU S. Luigi Gonzaga - Orbassano L esperienza della Regione Piemonte Giulio Radeschi AOU S. Luigi Gonzaga - Orbassano Progetto Emergenza Intraospedaliera Programma di miglioramento della qualità e della sicurezza negli ospedali del Piemonte

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA PRATICA CLINICA

L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA PRATICA CLINICA Capitolo 2 L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA PRATICA CLINICA 1. Definizione e classificazione clinica in urgenza La respirazione è un processo globale il cui obiettivo è assicurare la normale attività

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

ADF Semeiotica LO SHOCK

ADF Semeiotica LO SHOCK ADF Semeiotica LO SHOCK SHOCK: Definizione Sindrome da insufficienza circolatoria acuta con perfusione tissutale inadeguata rispetto ai fabbisogni metabolici Conseguenze dello shock Alterata produzione

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Introduzione alla Crush Syndrome

Introduzione alla Crush Syndrome Introduzione alla Crush Syndrome Prof. Paolo Zuccoli Primario Anestesia e Rianimazione Un po di storia Prima citazione nella letteratura tedesca nel 1909 Citazioni nella letteratura bellica medica britannica

Dettagli

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Terza causa di morte (10-12%) e prima di disabilità Prevalenza 6,5% (tra i 65-84 aa.) 194.000 Ictus/anno 907.000 Disabili SPREAD 2003 EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Stenosi carotidea Sintomatologia

Dettagli

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia HOT TOPICS MALATTIA METASTATICA Malattia Ormonosensibile Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia MALATTIA METASTATICA ORMONOSENSIBILE Nel paziente in

Dettagli

BRONCOSPASMO IN ANESTESIA

BRONCOSPASMO IN ANESTESIA Università degli Studi di Udine Facoltà di Medicina e Chirurgia BRONCOSPASMO IN ANESTESIA Dr. D. Santagati Clinica di Anestesia e Rianimazione Direttore: Prof. G. Della Rocca Caso clinico Pz. Maschio Età:

Dettagli

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Triple Whammy - Fisiopatologia Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Francesco Lapi, PharmD, PhD Health Search, Società Italiana di Medicina Generale Confondimento

Dettagli

TRASPORTO MEDICALIZZATO PEDIATRICO

TRASPORTO MEDICALIZZATO PEDIATRICO TRASPORTO MEDICALIZZATO PEDIATRICO Ospedale Filippo Del Ponte Varese Protocolli e Procedure Anestesia Pediatrica N. PAGINE Destinatari: Dirigenti Medici Anestesia e Rianimazione C Ospedale F. Del Ponte

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli