Modellistica, analisi e controllo di sospensioni attive per autoveicoli Appunti di Controlli Automatici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modellistica, analisi e controllo di sospensioni attive per autoveicoli Appunti di Controlli Automatici"

Transcript

1 Modellistica, analisi e controllo di sospensioni attive per autoveicoli Appunti di Controlli Automatici Versione giugno 2011 Ing. Alessandro Pisano

2 SOMMARIO 1. Introduzione e generalità (3) 1.1 Un po di storia (4) 2. Modelli dinamici di sospensioni per autoveicoli (6) 3. Modelli quarter-car per sospensioni passive e attive (8) 3.1 Modello single mass di una sospensione passiva (10) 3.2 Modello single mass di una sospensione attiva (15) Analisi mediante Luogo delle radici (17) feedback di accelerazione (23) Controllo dell assetto (25) 3.3 Vantaggi e svantaggi delle sospensioni attive (32) 3.4 Sospensioni semiattive (33) 4. Modello quarter-car a due masse (38) 5. Considerazioni conclusive (41) 2

3 Modellistica, analisi e controllo di sospensioni attive per autoveicoli 1. Introduzione e generalità Gli autoveicoli sono dotati di un sistema di sospensioni che, oltre a sorreggere lo chassis del veicolo, deve isolarlo dalle irregolarità del terreno per migliorare il comfort di marcia. Le sospensioni tendono a limitare le accelerazioni verticali della massa sospesa quando il veicolo transita su una sede stradale che presenta delle irregolarità. Molti veicoli impiegano sospensioni di tipo passivo, che sono le più semplici ed economiche e per questo sono le più usate nei veicoli commerciali. Sono composte da un ammortizzatore (molla Ks) e uno smorzatore viscoso (C) in parallelo i cui parametri sono fissi e scelti dalla casa costruttrice per ottenere un valore di compromesso tra le esigenze di comfort di marcia e quelle associate alla manovrabilità del veicolo (handling), anche in funzione dell impronta più o meno sportiva che si vuole conferire alla guida del mezzo. Sospensioni troppo morbide migliorano il comfort in quanto si deformano molto rapidamente assorbendo (e quindi compensando) le asperità e le brusche variazioni di quota della sede stradale, ma rischiano di ridurre la tenuta di strada a causa delle ampie oscillazioni verticali del veicolo e delle conseguenti ampie fluttuazioni della forza di contatto tra pneumatico e strada. Quando inoltre la macchina accelera o decelera, o percorre una curva, si generano sul veicolo delle forze che inducono movimenti di pitch e roll (v. Figura 2) al quale le sospensioni offrono poca resistenza. Viceversa una taratura troppo rigida garantisce migliore aderenza ma provoca un aumento delle sollecitazioni verticali sulla cassa del veicolo (basso comfort di marcia). Il problema del miglioramento del comfort di marcia viene come detto valutato in termini della minimizzazione delle accelerazioni verticali della massa. Il problema dell handling (talvolta indicato come controllo dell assetto ) viene espresso sia con riferimento alla minimizzazione delle fluttuazioni della forza di contatto tra pneumatico e strada che con l obiettivo di mantenere costante la quota rispetto al suolo delle masse sospese, a fronte delle forze, di varia natura (aerodinamica, trasferimenti di carico, ) che agiscono sulla carrozzeria in frenata, in accelerazione e in curva. Si vorrebbe simultaneamente che le sospensioni fossero morbide verso le asperità del terreno, e rigide nei confronti di forze esterne e/o inerziali. Appare chiaro come siano due specifiche contrastanti. Una sintesi efficace si traduce pertanto nell identificazione di un buon compromesso tra le due specifiche. Le macchine sportive hanno sospensioni molto rigide, prestanti in termini di assetto e tenuta di strada, ma inutilizzabili nella vita quotidiana. E chiaro come nelle competizioni sportive l aspetto delle prestazioni in termini di assetto e stabilità venga chiaramente privilegiato rispetto al comfort di marcia del pilota. 3

4 Le prestazioni ottenibili con sospensioni passive sono limitate dalla semplicità dei dispositivi di attuazione e dall insufficiente numero di gradi di libertà progettuali. In contesti spinti, come i veicoli sportivi o di alta gamma, le prestazioni fornite da sistemi passivi sono largamente insoddisfacenti, e in tali contesti si utilizzano difatti tipologie alternative di sospensioni: le sospensioni semi-attive e le sospensioni attive. Le sospensioni semi-attive sono anch esse composte da un sistema molla-smorzatore in parallelo, ma c è un attuatore e un relativo sistema di controllo in grado di variare opportunamente in linea il parametro C (costante di smorzamento) dello smorzatore. Nelle sospensioni attive, oltre alla molla e allo smorzatore vi è in più un terzo elemento, un attuatore in grado di generare una forza interna F(t) variabile nel tempo tra lo chassis del veicolo e la ruota. Tali sistemi consentono, attraverso una opportuna modulazione di tale forza, di stabilizzare il movimento e ottenere prestazioni nettamente superiori a quelle di un sistema passivo, e comunque in genere migliori anche di quelle di un sistema semi-attivo. Il problema di come calibrare tale forza sulla base delle misure disponibili è un tipico problema di controllo che, per le sue peculiarità che si indagheranno nel seguito, si presta alla applicazione delle tecniche di analisi e sintesi per sistemi lineari tempo-invarianti. 1.1 Un pò di storia Ideate da un ingegnere inglese nel 1985, le sospensioni attive vennero impiegate per la prima volta in F1 due anni dopo, nel mondiale del 1987, sulla Lotus99T-Honda (guidata da Ayrton Senna) che fu equipaggiata da un complicato sistema di "sospensioni intelligenti" a controllo elettronico grazie al quale vinse due gran premi. A partire dall'anno successivo la Williams-Renault avviò lo sviluppo di un sistema di sospensioni attive tecnicamente più semplice, nel quale il gruppo molla-ammortizzatore di ciascuna ruota venne sostituito da un sistema idraulico a controllo elettronico. Occorsero circa 2 anni perché questo sistema raggiungesse ottimi risultati, caratterizzandosi poi come l'arma vincente della casa inglese nel triennio 1991/1993. Nel 1992, piloti Nigel Mansell e Riccardo Patrese, la macchina vinse 10 gran premi, con un sistema di controllo basato su reti neurali in grado di impartire oltre 60 variazioni di assetto al secondo e di mantenere il veicolo a meno di 1 cm dalla strada senza perdere l aderenza offerta dall effetto suolo. Nel 1993 il pilota Alex Zanardi ebbe uno spaventoso incidente con tutta probabilità dovuto ad un malfunzionamento del sistema di sospensioni attive. Le sospensioni attive vennero bandite a partire dalla stagione 1994, sia per ragioni di sicurezza che anche a causa della loro estrema efficacia che avvantaggiava troppo chi ne era in possesso. Ciò ha rallentato lo sviluppo delle tecnologie per il mercato di massa. Attualmente si incontrano su pochi veicoli commerciali di alta gamma e alcuni costruttori le stanno mettendo a punto anche per motoveicoli. Le sospensioni attive e semiattive possono talvolta essere dotate di particolari sistemi sensoriali che consentono di eseguire una predizione delle condizioni future. Ad esempio, si può impiegare un sensore di distanza ad elevata banda passante opportunamente orientato (v. Figura 1) in grado di rilevare in anticipo le asperità del terreno prima che si 4

5 manifestino alle ruote, permettendo quindi alle sospensioni (al sistema di controllo delle stesse) di conoscere in anticipo le future condizioni della strada e quindi adattarsi opportunamente. Figura 1. Sistema predittivo con sensore di distanza Una soluzione alternativa è rilevare la deformazione delle sospensioni anteriori ed impiegarla come segnale di misura indicativo dell occorrenza delle asperità della strada attraverso il loro effetto in termini di deformazione delle sospensioni anteriori. Ciò consente di pianificare in anticipo, in maniera predittiva, l asseto delle sole sospensioni posteriori. Nella sezione successiva si presentano vari modelli matematici per i sistemi di sospensioni passive, attive e semiattive. Tali modelli, appartenenti alla classe dei sistemi lineari, hanno una bassa complessità, adeguata alle esigenze di utilizzare esplicitamente tali modelli per la progettazione di sistemi di controllo. Modelli più complessi ed accurati, in genere fortemente non lineari, possono essere sviluppati e sono impiegati nella pratica come strumento di analisi e verifica prestazionale off-line, per via simulativa, delle prestazioni del sistema in condizioni il più possibile realistiche. La determinazione dei valori dei parametri è estremamente problematica nei modelli complessi, e la taratura di tali modelli viene effettuata sulla base di prove sperimentali. Non è scopo della presente trattazione descrivere tali modelli complessi e le relative procedure di identificazione parametrica. Ci si limiterà pertanto a considerare semplici modelli lineari a parametri costanti per i quali possono essere utilizzati efficacemente gli strumenti di analisi e sintesi propri dei sistemi LTI (Lineari Tempo-Invarianti). 5

6 2. Modelli matematici di sospensioni per autoveicoli Anche nell ambito dei semplici sistemi LTI vi sono diverse categorie di modelli matematici, e la scelta del particolare modello dipende dal fine (analisi, sintesi), e dalle informazioni che si desidera estrarne. Un autoveicolo è un sistema enormemente complesso, con un elevatissimo numero di componenti interagenti. Schematizzazione di un autoveicolo I modelli si suddividono in tre categorie principali: Modelli Quarter-Car Modelli Half-Car Modelli Full Car Il modello quarter-car descrive la dinamica verticale di un quarto dell intero veicolo, concentrando l analisi su una singola ruota e sul relativo sistema di sospensioni. Il veicolo è in sostanza diviso in quattro sezioni che vengono modellate separatamente trascurando le mutue interazioni. Cosi facendo è possibile studiare esclusivamente movimenti traslatori verticali (heave) e non si possono caratterizzare i moti di rollio (roll), beccheggio (pitch) e imbardata (yaw) (v. Figura 2), che sono peraltro deboli in condizioni di accelerazioni modeste e di marcia rettilinea. 6

7 Figura 2. Notazione per le direzioni di movimento del veicolo Nella figura 3 è mostrato uno schema funzionale rappresentativo del modello quarter-car di un sistema di sospensioni passive. Nel modello della figura Mb rappresenta la massa sospesa (body), pari a circa un quarto della massa dell intero veicolo (inclusi i passeggeri), ed Mt rappresenta la massa non sospesa, cioè quella associata all insieme sospensione-ruota. Le variabili Xb ed Xt rappresentano rispettivamente le quote, rispetto ad un piano orizzontale di riferimento, del baricentro della massa sospesa e di quella non sospesa, mentre Xr descrive il profilo del fondo stradale. La costante elastica Kt tiene conto dell elasticità del pneumatico (il fenomeno del contatto tra la carreggiata il pneumatico è prevalentemente di natura elastica), mentre i parametri Ks e C sono rispettivamente la costante elastica e il coefficiente di smorzamento della sospensione passiva. Figura 3. Modello quarter-car di un autoveicolo con sospensioni passive Nel modello half-car la vettura è vista di lato (v. Figura 4). La ruota anteriore e la ruota posteriore, con le relative sospensioni, vengono modellate in maniera accoppiata. Tale modello 7

8 consente di rappresentare i moti di beccheggio in aggiunta ai moti traslatori verticali della parte anteriore e della parte posteriore del veicolo. x b1 beccheggio (pitch) M b x b2 x t1 x r1 x t2 tyre 1 tyre 2 x r2 Figura 4. Modello half-car di un autoveicolo con sospensioni passive Nel modello full-car (o full-vehicle) il veicolo è visto nella sua interezza. Possono essere studiati tutti i moti possibili del veicolo inclusi il rollio e l imbardata. La carrozzeria è vista come un grosso parallelepipedo indeformabile con 6 gradi di libertà. Figura 5 Modello full-vehicle di un autoveicolo con sospensioni passive 3. Modelli quarter-car per sospensioni passive e attive I modelli mostrati nelle Figure 3-5 sono rappresentativi come detto di autoveicoli con sospensioni passive con una molla e uno smorzatore in parallelo. Ora si considerino le sospensioni attive e semi-attive menzionate nella sezione introduttiva 8

9 In figura 6 si riporta lo schema della sospensione semi-attiva con lo smorzatore tempo variante C(t). In figura 7 si riporta lo schema della sospensione attiva, con la presenza dell attuatore in parallelo che applica una forza F=F(t) tra la cassa del veicolo e la ruota. C(t) Figura 6. Modello quarter-car di un autoveicolo con sospensioni semiattive Figura 7. Modello quarter-car di un autoveicolo con sospensioni attive Introduciamo una ulteriore classificazione dei modelli. I modelli quarter-car presentati in precedenza (v. Figure 3, 6, 7) modellano separatamente le masse sospese e non sospese per mezzo di due elementi inerziali separati (la massa Mb e la massa Mt). Tali tipologie di modelli vengono pertanto chiamati di tipo double-mass. E possibile ragionare su una rappresentazione ancora più semplificata delle sospensioni, che accorpa le due masse in un unico elemento inerziale, e include l elasticità del pneumatico nella molla K s. In tale tipologia di modelli, che viene detta single-mass, Mb definisce ora sia la massa di un quarto dell intera cassa dei veicolo (inclusi i passeggeri) che la massa associata all insieme sospensione-ruota. La variabile Xb rappresenta ancora la quota, rispetto ad un asse orizzontale di riferimento, del baricentro della massa sospesa, e la variabile Xt sparisce dal modello. La costante elastica Ks tiene ora conto sia della costante elastica della sospensione passiva che dell elasticità del pneumatico. 9

10 double-mass single-mass Xr Sospensione e pneumatico Sospensione Pneumatico Figura 8. Modelli quarter-car single-mass e double-mass di un autoveicolo con sospensioni passive Nei modelli single-mass si trascura, in sostanza, la dinamica della massa non sospesa descrivendo il sistema ad un livello dei dettaglio inferiore. 3.1 Modello single mass di una sospensione passiva Facciamo riferimento allo schema single mass di una sospensione passiva riportato nella Figura 8. Per quanto concerne il miglioramento del comfort, è opportuno considerare come variabile di ingresso la quota della sede stradale e come variabile di uscita la quota della cassa del veicolo, ed in particolare la sua accelerazione. Nella successive analisi sul problema del controllo dell assetto (handling) si includerà una variabile di ingresso aggiuntiva (una forza esterna agente sulla carrozzeria). Nell ipotesi di comportamento lineare per gli elementi elastici e viscosi della sospensione si può tracciare il seguente diagramma di corpo libero per lo schema single-mass in Figura 8 b r b r + r b M b b Figura 9. Diagramma di corpo libero per il modello quarter-car single-mass della sospensione passiva dove è la lunghezza di riposo della molla dell ammortizzatore. Le forze agenti sulla cassa del veicolo lungo la direzione verticale sono la forza elastica e la forza viscosa, originate dal sistema di sospensioni, e la forza peso Tali forze bilanciano la forza di inerzia e conducono alla seguente equazione dinamica 10

11 Valutiamo il valore di equilibrio assunto a regime dalla posizione in condizioni statiche, cioè quando e sotto l azione della sola forza peso. Tale valore si ricava facilmente dalla (1) ponendo a zero i termini di derivata temporale e sostituendo la condizione : Il valore di nella (2) viene detto deformazione statica della sospensione. Introducendo la nuova variabile differenza si può riscrivere l equazione (1) in una forma alternativa semplificata, completamente equivalente, dove però non sono più presenti i termini costanti e che complicherebbero le analisi seguenti. Sostituendo nella (1) la relazione si ottiene, e osservando che Risulta immediato associare alla (5) una funzione di trasferimento tra la variabile di ingresso e la variabile di uscita. Si noti come dal valore di sia possibile risalire univocamente al valore di, e viceversa. Sviluppando la (5) si ottiene Trasformando con Laplace tutti i termini della (6) si ha dalla quale ricaviamo la funzione di trasferimento cercata La funzione di trasferimento ha due poli ( e ) ed uno zero (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) (9) Lo zero è sempre reale negativo, mentre i poli e, che in dipendenza degli specifici valori dei parametri possono essere reali oppure complessi coniugati, hanno sempre parte reale negativa. Nelle sospensioni passive commerciali i parametri sono usualmente tali che (10) 11

12 (11) La (11) implica che i poli e saranno complessi coniugati, con una pulsazione naturale (12) ed un coefficiente di smorzamento che si determinano imponendo che il polinomio caratteristico della funzione di trasferimento (8) sia espresso (a meno di un coefficiente moltiplicativo costante) nella forma standard, cioè dalla uguaglianza (13) Affinché la funzione di trasferimento (8) abbia proprietà filtranti più marcate (cioè attenui il più possibile le componenti in media ed alta frequenza dell ingresso) si deve ridurre il più possibile la pulsazione naturale. La minimizzazione di, che deve essere necessariamente ottenuta riducendo la costante elastica (in quanto la massa non è un parametro modificabile dal progettista) deve però tenere in considerazione il vincolo della deflessione statica poiché la molla della sospensione deve sostenere la massa senza che la sua deformazione ecceda la lunghezza di riposo della molla. Nella figura seguente analizziamo i diagrammi di risposta in frequenza della Funzione di trasferimento (8) utilizzando due diversi set di parametri che differiscono per il valore della costante,, (14),, (15) % PARAMETRI DELLA SOSPENSIONE Mb=250; c=8000; k1=70000; k2=40000; % CREAZIONE OGGETTI TRANSFER FUNCTION num_g1_1=[c k1]; den_g1_1=[mb c k1]; G1_1=tf(num_G1_1,den_G1_1) num_g1_2=[c k2]; den_g1_2=[mb c k2]; G1_2=tf(num_G1_2,den_G1_2) % DIAGRAMMA DI BODE bode(g1_1,'k',g1_2,'b'),grid 12

13 Phase (deg) Magnitude (db) Bode Diagram k=70000 G1_1 G1_ k= G1_1 G1_ Frequency (rad/sec) Figura 10. Diagrammi di Bode della funzione di trasferimento (8) con i parametri (14) e (15) Nella Figura 10 osserviamo come le due Funzioni di trasferimento abbiano proprietà filtranti differenti, con la curva nera (quella corrispondente al valore di k più elevato) che mostra un diagramma dei moduli con caratteristiche filtranti meno accentuate rispetto alla curva blu. Osserviamo anche come in alta frequenza la pendenza negativa dei due diagrammi dei moduli sia pari a 20 db/decade. Se si riuscisse a cancellare in qualche modo lo zero dal numeratore, la pendenza in alta frequenza diverrebbe 40 db/decade e quindi si avrebbero proprietà filtranti più accentuate. E chiaro dalle equazioni (6),(7) come lo zero sia causato dal termine nella forza prodotta dallo smorzatore viscoso. Le cose migliorerebbero se riuscissi a realizzare uno schema come quello riportato nella Figura 11: c Xr k Figura 11. Sospensione passiva con smorzatore viscoso agganciato a un punto fisso Si avrebbe infatti una forza prodotta dallo smorzatore pari a in quanto l estremo superiore dello stesso è agganciato ad un punto fisso e non più soggetto quindi alle sollecitazioni 13

14 Phase (deg) Magnitude (db) impresse dalla strada. Ove si riuscisse a realizzare la configurazione in Figura 11 si avrebbe, in luogo della (5), la seguente equazione differenziale (16) cui corrisponderebbe la seguente Funzione di trasferimento nella quale, in effetti, non compare nessuno zero (17) Poniamo a confronto i diagrammi di bode delle Funzione di trasferimento ed per i seguenti valori dei parametri,, (18) % PARAMETRI DELLA SOSPENSIONE Mb=250; c=8000; k=70000; % CREAZIONE OGGETTI TRANSFER FUNCTION num_g1=[c k]; den_g1=[mb c k]; G1=tf(num_G1,den_G1) num_g2=[k]; den_g2=[mb c k]; G2=tf(num_G2,den_G2) % DIAGRAMMA DI BODE bode(g1,'k',g2,'b'),grid 20 Bode Diagram Frequency (rad/sec) 14

15 Figura 12. Diagrammi di Bode delle Funzione di trasferimento ed nelle (8) e (17) con i parametri (18) La curva blu in Figura 12, che corrisponde alla Funzione di trasferimento, ha una pendenza doppia alle alte frequenze rispetto alla curva nera associata alla e pertanto migliori proprietà filtranti in alta frequenza. Chiediamoci cosa significa realizzare lo schema in Figura 11. Si dovrebbe poter agganciare un estremo dello smorzatore a un punto fisso la cui quota verticale è solidale allo chassis, e non è ovviamente possibile implementare tale soluzione in un autoveicolo, non, almeno, per migliorare il comfort. Una soluzione simile è talvolta impiegata per smorzare le vibrazioni che il motore può trasmettere alla carrozzeria, interponendo lo smorzatore tra il motore e la carrozzeria stessa con quest ultima che funge da punto fisso di aggancio. Un effetto analogo può essere realizzato per mezzo di una sospensione attiva. 3.2 Modello single mass di una sospensione attiva Modifichiamo lo schema in Figura 8 rimuovendo lo smorzatore passivo viscoso ed inserendo in parallelo alla molla un elemento attivo, nella fattispecie un attuatore di forza (ad es. di tipo oleodinamico), in grado di generare una forza verticale arbitraria F(t) (v. Figura 13) Xb Mb k F(t) Xr Figura 13. Sospensione attiva senza smorzatore viscoso Il modello matematico del sistema in figura 13 può essere ricavato procedendo come prima. Il diagramma di corpo libero è F t r + r b b M b b Figura 14. Diagramma di corpo libero per il modello di sospensione attiva in Figura 13 15

16 che conduce al seguente bilancio di forze F t (19) Il valore di equilibrio di per F(t)=0 è analogo alla (2), quindi si può effettuare il cambio di variabile descritto nella (3) ed ottenere le seguenti equazioni F t (20) Per determinare il comportamento dinamico del sistema di sospensioni bisogna specificare il valore della forza F(t) che verrà richiesta all attuatore. Si immagini di pilotare l attuatore con un segnale di forza desiderata (set-point di forza) pari a F t (21) e si ipotizzi istantanea la risposta dell attuatore nel generare il profilo desiderato F t : F t F t (22) Sostituendo le (21)-(22) nella (19), e trasformando con Laplace si ottiene (23) dalla quale ricaviamo la Funzione di trasferimento che è in effetti analoga alla Funzione di trasferimento ricercata (17). Si è quindi visto come con sistema di sospensioni attive, in cui l attuatore viene pilotato per mezzo della semplice legge di controllo (21) in retroazione sulla velocità verticale della cassa del veicolo, sia possibile ottenere, per il legame tra e la forma desiderata (17) per la funzione di trasferimento, con due poli e nessuno zero. L inserimento di un attuatore attivo non è ovviamente una operazione indolore, in quanto gli attuatori, ad es. oleodinamici sono dotati di tutta una serie di organi accessori necessari al loro funzionamento (un compressore per il fluido, serbatoi di raccolta, servovalvole) che incrementano il peso del veicolo e nel complesso riducono l affidabilità complessiva del sistema rispetto alla versione completamente passiva. La molla in parallelo non viene rimossa in quanto è utile per sostenere il peso del veicolo riducendo l onere di forza applicata da parte dell attuatore. Servono inoltre sensori di misura per rilevare le condizioni operative del veicolo e realizzare il controllo in retroazione dell attuatore. Similarmente a quanto riportato nello schema in Figura 7, si potrebbe complicare lo schema in Figura 13 inserendo uno smorzatore viscoso passivo in parallelo alla molla e all attuatore, affinché questo possa per fungere da ausilio e ridurre l entità delle forze che devono essere esercitate dall attuatore attivo. (24) 16

17 3.2.1 Analisi mediante luogo delle radici Ora effettuiamo delle analisi grafiche con lo strumento del luogo delle radici per capire l effetto della variazione dei singoli parametri sul comportamento del sistema a ciclo chiuso. Il Luogo delle radici è una costruzione grafica che consente di predire il comportamento delle radici del polinomio al variare del coefficiente reale. Tale costruzione è di frequente impiego nei controlli perche il polinomio caratteristico a ciclo chiuso di un sistema di controllo in retroazione è dato da, dove e sono rispettivamente il numeratore ed il denominatore della Funzione di trasferimento a ciclo aperto ed è il guadagno variabile di un regolatore proporzionale a monte del processo. In questa sede applichiamo lo strumento di analisi mediante LdR in maniera non convenzionale. Consideriamo il polinomio caratteristico della Funzione di trasferimento (24) Con riferimento alla decomposizione (25), se si pone e si può analizzare per mezzo del luogo delle radici l effetto sui poli a ciclo chiuso della variazione del guadagno. Se invece si pone e si può analizzare per mezzo del luogo delle radici corrispondente l effetto sui poli a ciclo chiuso della variazione del guadagno. Una volta specificata la forma dei polinomi e nella (25), il luogo si traccia con le regole note associando i poli (cioè i punti di partenza dei rami del luogo) alle radici del polinomio, ed associando gli zeri (cioè i punti di arrivo dei rami del luogo che non convergono agli asintoti) alle radici del polinomio. (25) (26) Analisi rispetto al parametro c 1 Tracciamo il luogo delle radici con per analizzare l effetto sui poli a ciclo chiuso della variazione del guadagno. Tale analisi si riferisce ad una rappresentazione modificata del sistema di controllo, come nella seguente Figura 14a, che vede il coefficiente inserito come il guadagno di un regolatore proporzionale. Si verifica facilmente che i poli a ciclo chiuso del sistema in Figura 14a (ove tutti gli ingressi esterni, cioè il set-point e i disturbi, sono posti pari a zero) coincidono con quelli del sistema (24). (27) 17

18 Figura 14a Schema a blocchi equivalente del sistema a ciclo chiuso al variare del guadagno c 1 Il tragitto dei poli a ciclo chiuso del sistema in Figura 14a può essere studiato mediante applicazione diretta del LdR, che è quanto ci si appresta a fare. Si presti attenzione al fatto che gli zeri del sistema a ciclo chiuso in Figura 14a, che ha FdT a ciclo chiuso (27a) sono differenti da quelli del sistema (24).Pertanto l equivalenza tra le due rappresentazioni si ha solamente per quanto riguarda la collocazione dei poli a ciclo chiuso, ma non per quanto riguarda gli zeri. Le radici del polinomio sono complesse coniugate e immaginarie pure Il modulo dei poli è pari alla pulsazione naturale. Per valori molto piccoli di i poli della Funzione di trasferimento (24) sono pertanto molto prossimi alla coppia di radici immaginarie pure. Il luogo delle radici associato ha il seguente andamento (nel tracciamento si è utilizzata la notazione grafica x =poli, o =zeri). I rami del luogo partono dai poli, raggiungono un punto doppio p * del semiasse reale negativo (che appartiene interamente al luogo) e successivamente uno dei due rami converge verso la radice del polinomio, cioè verso l origine, mentre il secondo ramo evolve verso sinistra nel semiasse reale negativo, lungo la direzione asintotica, alla sinistra del punto doppio p * Sono evidenziati nei due rami i versi di percorrenza. (28) 18

19 Im j n p * Re j n Figura 15. Luogo delle radici al variare del guadagno c 1 Partendo da valori di molto piccoli, in corrispondenza di cui si hanno due poli complessi coniugati, debolmente smorzati, molto prossimi ai punti di origine, al crescere di i poli della Funzione di trasferimento (24) convergono verso l asse reale negativo e raggiungono, per un particolare valore del guadagno (detto smorzamento critico ), il punto doppio p*. Per valori di superiori a si ha un ramo che converge verso sinistra ed un ramo che converge verso destra, cioè verso l origine. Si ha pertanto un progressivo allungamento della durata del transitorio, che come sappiamo è governata dalla costante di tempo del modo dominante (in altre parole, dalla distanza dall origine del polo reale negativo più vicino all origine). Verifichiamo le analisi svolte tracciando in Matlab il luogo delle radici mantenendo gli stessi valori di prima per e e facendo variare tra 100 e % PARAMETRI DELLA SOSPENSIONE Mb=250; k=70000; % DEFINIZIONE POLINOMI P1 E P2 P1=[Mb 0 k]; P2=[1 0]; % LUOGO DELLE RADICI NELL INTERVALLO 100 < C1 < rlocus(p2,p1,[100:1:15000]) Il luogo delle radici in Figura 15a conferma la costruzione riportata nella Figura

20 Imaginary Axis 20 Root Locus 15 c 1 = c 1 =15000 c 1 = c 1 = Real Axis Figura 15a Luogo delle radici per,, e Per calcolare la posizione del punto doppio, risolviamo la corrispondente equazione dei punti doppi Nel caso in esame si ha n=2, m=1, e : (29) (30) La (30) ha come soluzioni. Solo la soluzione reale negativa appartiene al luogo, quindi il punto doppio sarà collocato in di taratura. Per taratura si intende il determinare il valore del guadagno in corrispondenza del 20. La pulsazione naturale corrispondente ai valori e è pari a. La posizione del punto doppio nella Figura 15a è pertanto in accordo con l analisi. Ora determiniamo il valore dello smorzamento critico, il valore del guadagno in corrispondenza del quale il luogo incontra il punto doppio. Quando, la Funzione di trasferimento (24) ha due poli coincidenti reali negativi. Tale valore si potrebbe determinare facilmente analizzando l espressione in forma chiusa delle radici del polinomio caratteristico (26) e determinando il valore positivo di ottiene r (32) per il quale si annulla il termine sotto radice quadrata. Si Ricaviamo tale valore per via alternativa, utilizzando il luogo delle radici e in particolare la formula (33)

21 quale il luogo raggiunge un punto preassegnato del luogo stesso. Nel caso in esame il guadagno è =c 1. Il valore di associato a un determinato punto dipende come noto dalle distanze di tale punto da tutti i poli (le radici del polinomio P 1 (s)) e da tutti gli zeri (le radici del polinomio P 2 (s)). Nella Figura 16 le distanze del punto doppio dai due poli sono indicate con,, e la distanza del punto doppio dallo zero è indicata con r. Da semplici considerazioni geometriche si ricava che = r (34) r j n j n Figura 16. Taratura del punto doppio del luogo delle radici in Figura 15 Il valore del guadagno associato al punto doppio si ottiene dalla formula (35) dove è il guadagno in alta frequenza della funzione di trasferimento. Il guadagno in alta frequenza di una Funzione di trasferimento è il rapporto tra i coefficienti di grado più elevato del numeratore e denominatore. Nel caso in esame (si faccia anche riferimento alla Figura 14a) (36) quindi si ha, e applicando la formula (35) si ottiene b (37) che risulta essere in accordo con la (33). Analisi rispetto al parametro k Per quanto concerne l analisi rispetto al parametro k si deve porre come detto in precedenza: (38) 21

Modellistica, analisi e controllo di sospensioni attive per autoveicoli

Modellistica, analisi e controllo di sospensioni attive per autoveicoli Modellistica, analisi e controllo di sospensioni attive per autoveicoli Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO 1. Introduzione e generalità (3) 1.1 Un po di storia

Dettagli

Analisi di sospensioni attive e passive con Matlab-Simulink

Analisi di sospensioni attive e passive con Matlab-Simulink Analisi di sospensioni attive e passive con Matlab-Simulink Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano Miglioramento del comfort Iniziamo analizzando una sospensione passiva. Riferiamoci

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO Introduzione 3 1. Stabilità a ciclo chiuso e teorema del valore

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID ONTROLLORI STANDARD PID Guido Vagliasindi ontrolli Automatici A.A. 6/7 ontrollori Standard PID MODELLO DEI REGOLATORI PID Tra le ragioni del vastissimo utilizzo dei regolatori PID nella pratica dell automazione

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

Prestazioni dei sistemi in retroazione

Prestazioni dei sistemi in retroazione Prestazioni dei sistemi in retroazione (ver..2). Sensitività e sensitività complementare Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig... Vogliamo determinare quanto è sensibile il sistema in anello

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Fondamenti di Controlli Automatici - A.A. 7/8 4 Dicembre 7 - Esercizi Compito A Nr. Nome: Nr. Mat. Firma: a) Determinare la trasformata di Laplace X i (s) dei seguenti segnali temporali x i (t): x (t)

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A 21 Marzo 27 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare quali sono le affermazioni vere. 1. Si consideri

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Antonio Bicchi, Giordano Greco Università di Pisa 1 INDICE 2 Indice 1 Introduzione 3 2 Approssimazioni della f.d.t. in anello chiuso 5 3 Metodi

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html Regolatore Proporzionale, Integrale, Derivativo - PID Tre azioni di combinate

Dettagli

Sistemi di controllo industriali

Sistemi di controllo industriali Sistemi di controllo industriali Regolatori PID: funzionamento e taratura Modello, funzionamento e realizzazione pratica Metodi di taratura in anello chiuso Metodi di taratura in anello aperto Un esempio

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Margini di stabilità Indicatori di robustezza della stabilità Margine di guadagno Margine di fase Stabilità regolare e marginale ed estensioni delle definizioni

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO Requisiti e specifiche Approcci alla sintesi Esempi di progetto Principali reti stabilizzatrici Illustrazioni dal Testo di Riferimento per gentile concessione

Dettagli

Le sospensioni 22 R.T.A. 152. di Gianpaolo Riva

Le sospensioni 22 R.T.A. 152. di Gianpaolo Riva Le sospensioni di Gianpaolo Riva Sono elementi nascosti alla vista dell automobilista. Assicurano comfort e tenuta di strada e perciò la loro funzione è indispensabile e fondamentale per la sicurezza attiva.

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima).

Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Il controllo in cascata si usa per migliorare la risposta al setpoint, e soprattutto al disturbo di

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Relatore: Prof. Roberto Zanasi Correlatori:

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0 LUOGO DELLE RADICI Il progetto accurato di un sistema di controllo richiede la conoscenza dei poli del sistema in anello chiuso e dell influenza che su di essi hanno le variazioni dei più importanti parametri

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI Guida alla soluzione degli esercizi d esame Dott. Ing. Marcello Bonfè Esercizi sulla scomposizione di modelli nello spazio degli stati: Gli esercizi nei

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

Criteri di stabilità (ver. 1.2)

Criteri di stabilità (ver. 1.2) Criteri di stabilità (ver. 1.2) 1 1.1 Il concetto di stabilità Il concetto di stabilità è piuttosto generale e può essere definito in diversi contesti. Per i problemi di interesse nell area dei controlli

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA Ing. Luigi Biagiotti e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale e della Integrazione di Impresa http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO

Dettagli

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo:

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo: .5 Stabilità dei sistemi dinamici 9 Risulta: 3 ( s(s + 4).5 Stabilità dei sistemi dinamici Si è visto come un sistema fisico può essere descritto tramite equazioni differenziali o attraverso una funzione

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare MDV April 18, 2015 1 Elasticità L elasticità è la proprietà dei corpi soldi di tornare nella loro forma originale dopo avere subito una deformazione

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Laboratorio di Automazione Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Prof. Claudio Bonivento DEIS - Università degli Studi di Bologna E-Mail: cbonivento@deis.unibo.it Indice Definizione Struttura Modello

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

Composizione dell asse. geometrie di transizione

Composizione dell asse. geometrie di transizione Composizione dell asse geometrie di transizione Principali criteri di composizione dell asse La lunghezza massima dei rettifili è limitata dalla normativa ad un valore pari a 22 V p max ; le ragioni di

Dettagli

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla:

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla: Oscillatore semplice Vibrazioni armoniche libere o naturali k m 0 x Se il corpo di massa m è spostato di x verso destra rispetto alla posizione di riposo, è soggetto alla forza elastica di richiamo della

Dettagli

UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa

UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Indice UNIT

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Una definizione di stabilità più completa di quella precedentemente introdotta fa riferimento ad una sollecitazione impulsiva.

Una definizione di stabilità più completa di quella precedentemente introdotta fa riferimento ad una sollecitazione impulsiva. 2. Stabilità Uno dei requisiti più importanti richiesti ad un sistema di controllo è la stabilità, ossia la capacita del. sistema di raggiungere un stato di equilibrio dopo la fase di regolazione. Per

Dettagli

Oscillazioni: il pendolo semplice

Oscillazioni: il pendolo semplice Oscillazioni: il pendolo semplice Consideriamo il pendolo semplice qui a fianco. La cordicella alla quale è appeso il corpo (puntiforme) di massa m si suppone inestensibile e di massa trascurabile. Per

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC

DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC DINAMICA DELL ASSETTO IN UN AUTOMODELLO RC INDICE 1 ANGOLO DI CAMBER STATICO Pag. 2 1.1 Indicazioni Generali per Avantreno e Retrotreno Pag. 2 1.2 Camber Avantreno Pag. 2 1.3 Camber Retrotreno Pag. 2 2

Dettagli

Trasformate di Laplace

Trasformate di Laplace TdL 1 TdL 2 Trasformate di Laplace La trasformata di Laplace e un OPERATORE funzionale Importanza dei modelli dinamici Risolvere equazioni differenziali (lineari a coefficienti costanti) Tempo t Dominio

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Centro sui Rischi nelle Costruzioni

Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Centro sui Rischi nelle Costruzioni Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Centro sui Rischi nelle Costruzioni INDICE DELLA PRESENTAZIONE - Concetti base di dinamica dei sistemi discreti oscillazioni libere e smorzamento

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

Analisi della risposta dinamica

Analisi della risposta dinamica Analisi della risposta dinamica Risposta dinamica del trasduttore: descrive, in termini di un modello matematico basato su equazioni differenziali alle derivate parziali, le relazioni, basate su opportune

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

Le Prime e Più Importanti Regolazioni Sull Automodello

Le Prime e Più Importanti Regolazioni Sull Automodello email : barcooff@lycos.it Url : http://utenti.lycos.it/barcooff/ Le Prime e Più Importanti Regolazioni Sull Automodello Angolo Di Camber o Campanatura Con il termine camber, o campanatura, si indica l

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm REGOLATORI STANDARD PID Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333 e-mail: federica.grossi@unimore.it

Dettagli

L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli

L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli Alfonso Micucci Mattia Strangi Università degli Studi Bologna 1. Premessa Uno dei quesiti principali posti all analista

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

Sistemi con ritardo. Appunti di Controlli Automatici. Ing. Alessandro Pisano. Versione 1.0

Sistemi con ritardo. Appunti di Controlli Automatici. Ing. Alessandro Pisano. Versione 1.0 Sistemi con ritardo Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO 1. Introduzione (3) 2. Funzioni di trasferimento di sistemi con ritardo (4) 3. Stabilità a ciclo chiuso

Dettagli

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA Agenda Direttiva 6/2006 Effetto giroscopico La Matrice Scheda di guida Contributi Video dalla Spagna DIRETTIVA 2006/126/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi

FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi FONDAMENTI DI AUTOMATICA Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi 22 novembre 26 2 Indice 1 Analisi in frequenza di sistemi LTI 5 1.1 Introduzione............................. 5 1.2 Analisi armonica..........................

Dettagli

Proge&azione di sistemi di trasporto

Proge&azione di sistemi di trasporto Inizio 14.15 Proge&azione di sistemi di trasporto Proge&azione di sistemi di trasporto Ing. Mattia Strangi Libero professionista con studio tecnico a Bologna Consulente di tribunale e procura Ingegnere

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato appresentazione grafica di un sistema retroazionato La f.d.t. di un.o. ha generalmente alcune decine di poli Il costruttore compensa il dispositivo in maniera da dotarlo di un singolo polo (polo dominante).

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso Prof. Bruno Picasso LEZIONI: Introduzione al corso. Introduzione ai sistemi dinamici. I sistemi dinamici come sistemi di equazioni differenziali; variabili

Dettagli

CONTROLLARE LE VIBRAZIONI

CONTROLLARE LE VIBRAZIONI Le vibrazioni sono un fenomeno ondulatorio, della stessa natura di quello dei suoni; a differenza di questi, che si propagano nell aria, le vibrazioni diffondono le loro onde nelle strutture solide. Le

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica STRUMENTI MATEMATICI PER L ANALISI DEI SISTEMI DISCRETI Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO.

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. VIII-1. Introduzione. Il controllo del moto incrementale dei motori passo-passo si ottiene attraverso il software di un computer, programmando opportunamente gli impulsi

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

SETUP DI UN AUTOVEICOLO

SETUP DI UN AUTOVEICOLO Inizio 14.15 Proge&azione di sistemi di trasporto SETUP DI UN AUTOVEICOLO Ing. Mattia Strangi Università degli Studi di Bologna DiparBmento DICAM Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali www.dicam.unibo.it

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory. stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici 1 Schema di una stazione sismica D POWER Display keyboard S ADC CPU I/O DRIVE CLOCK S POWER ADC CPU I/O CLOCK D sensore alimentazione

Dettagli

Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo

Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Controlli Automatici Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo Anno Accademico 2011/2012 Candidato: Marco Ferro

Dettagli