PREMESSE PROPRIETA AFFINI E PROPRIETA METRICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSE PROPRIETA AFFINI E PROPRIETA METRICHE"

Transcript

1 PREMESSE PROPRIETA AFFINI E PROPRIETA METRICHE Si assumano come primitivi i concetti di retta, piano e spazio. Qui si vogliono studiare le proprietà delle figure (insiemi opportuni di punti) sulla retta, oppure nel piano, oppure nello spazio ordinari le quali dipendono solamente - dalle relazioni di appartenenza - dalla relazione di parallelismo - dalla possibilità di confrontare solo segmenti appartenenti a rette parallele o coincidenti. Tali proprietà vengono dette affini; in altri termini non si utilizzerà la possibilità di confrontare o di misurare, rispetto a un unica unità di misura, segmenti con direzioni diverse. Le proprietà che, invece, dipendono anche da questa possibilità prendono il nome di proprietà metriche. Nell ambito affine rientrano: la nozione di punto medio di un segmento; il concetto di parallelogramma; il teorema di Talete

2 I. GEOMETRIA SULLA RETTA 1. LA RETTA: TEORIA DELLA MISURA Sia r la retta astratta o una qualunque retta del piano o dello spazio e la si riguardi come spazio ambiente della geometria; si noti che su essa l ambito affine e quello metrico coincidono. Su r si fissi un segmento U come unità di misura per i segmenti su r. E noto che a ogni segmento A r, si può associare uno e un sol numero α R + (insieme dei numeri reali positivi) detto misura assoluta di A rispetto a U. Viceversa, fissati un punto A r e β R +, dal postulato di continuità (Dedekind) segue l esistenza di due punti C, C r (simmetrici rispetto ad A) tali che β sia la misura assoluta rispetto ad U del segmento di estremi C ed A, nonché del segmento di estremi C ed A Ogni segmento A di estremi A, B r sarà indicato anche con sgmab (= sgmba). Il sgmab su r individua due segmenti orientati; quello orientato da A verso B verrà denotato con AB. Un postulato di geometria assicura la possibilità di orientare una retta r in due modi, detti l uno l opposto

3 dell altro. Ora si fissi su r una delle due possibili orientazioni, ottenendo un cosiddetto asse (= retta orientata) Definizione. Dicesi misura con segno o misura algebrica del segmento orientato AB (sull asse r) il numero reale relativo il cui valore assoluto è la misura di A=sgmAB rispetto all unità di misura fissata U e il cui segno è + oppure - secondo che l orientazione di AB sia concorde o discorde con quella fissata su r. La misura con segno del sgmento orientato AB sarà denotata ancora AB (dal contesto sarà chiaro se il simbolo denota un segmento orientato o la sua misura algebrica); d ora in poi si converrà di considerare anche i segmenti degeneri del tipo sgmaa ai quali si attribuisce convenzionalmente misura nulla. Per ogni terna A, B, C di punti sulla retta orientata r, tra le misure algebriche dei segmenti orientati che li hanno per estremi sussistono le identità segmentarie: 1. AB + BA = 0 2. AB + BC + C A = 0 La 1 segue dalla definizione di misura algebrica. Per la 2, assumiamo che A preceda B e B preceda C nell orientamento su r. Allora AC = AB + BC, ma, a causa dell ordine assunto, AC = AB + BC. Il ragionamento è analogo per gli altri ordini in cui si susseguono A, B e C.

4 2. LA RETTA: SISTEMA DI RIFERIMENTO Definizione. Su una retta r si fissino: un orientazione, un segmento U unità di misura, un punto O. La terna fissata R = {O, verso, U} si dice sistema di riferimento affine (o cartesiano, o di ascisse) su r, di origine O r. Si chiama coordinata ascissa di un punto P r (nel riferimento fissato) la misura con segno x P del segmento orientato OP rispetto a U. Per esprimere che x P è l ascissa di P, si scrive P (x P ). La fondamentale proprietà espressa dalla proposizione che segue non è affatto ovvia in sé, ma dipende da postulati della geometria e dalla non banale teoria della misura; tuttavia, una volta acquisito quanto richiamato di teoria della misura, la proprietà in questione segue subito da tali richiami Proposizione 2.1. La corrispondenza r R che a ogni punto X di r associa la sua coordinata ascissa x (in un riferimento affine fissato) è biunivoca E la biunivocità di tale corrispondenza a consentire la traduzione di alcune proprietà geometriche in relazioni algebriche che le caratterizzano. Ad esempio, se A (x A ), B (x B ), M (x M ), allora dalle identità segmentarie si ha subito che (2.1.1) AB = x B - x A

5 (2.1.2) M è punto medio di sgmab x M = (x A +x B )/2 (2.2) Si effettui ora un cambiamento di sistema di riferimento sulla retta e si determini il legame tra le ascisse del medesimo punto nel vecchio e nel nuovo riferimento. Sulla retta r si fissino due sistemi di riferimento R={O, verso, U} e R ={O, verso, U }, Per ogni X in r siano: x=ox e x =O X 1. R e R differiscono solo per le origini O X = O O + OX, posto OO =h, risulta x = x - h 2. R e R differiscono solo per i versi; risulta x = -x 3. R e R differiscono solo per i sgmenti unità di misura. Poiché le origini e i versi dei sistemi di riferimento coincidono, risulta: x = misura algebrica di OX rispetto a U = = (misura algebrica di OX rispetto a U)X(misura algebrica di U rispetto a U ). Denotata con k quest ultima misura, si ha x = k x 4. R e R generali x =ax + b, con a,b in R, a 0. Osservazione 2.3. Si è detto che un postulato di geometria garantisce la possibilità di orientare una retta in due modi, uno l opposto dell altro. Un sistema

6 di riferimento affine sulla retta subordina in modo naturale un orientazione sulla retta stessa. Due sistemi di riferimento affine R e R sulla retta si dicono equiversi se inducono sulla retta la stessa orientazione. Tale relazione è di equivalenza nell insieme dei possibili sistemi di riferimento affine sulla retta. L insieme dei sistemi di riferimento affine sulla retta è dunque ripartito in due classi di equivalenza disgiunte, ciascuna contenente sistemi di riferimento equiversi. L insieme quoziente è in biiezione con l insieme di due elementi, formato dalle due orientazioni possibili sulla retta; scegliere un orientazione sulla retta equivale a scegliere una delle due classi di equivalenza di sistemi di riferimento equiversi. Sia ora x =ax + b con a 0 l equazione di un cambiamento di sistema di riferimento affine; il nuovo sistema di riferimento induce sulla retta la stessa orientazione o la opposta secondo che sia a>0 o a<0. Pertanto la relazione di equivalenza sopra considerata può essere riformulata nel modo che segue: un sistema di riferimento R su lla retta si dice equiverso a R se l equazione di cambiamento di sistema di riferimento è x =ax + b con a>0 Questa proprietà suggerisce il modo di definire la nozione di sistemi di riferimento equiversi nel piano e nello spazio e, dunque, suggerisce il modo di introdurre anche in tali enti il concetto di orientazione.

7 3. LA RETTA AFFINE A 1 E LE AFFINITA Su una retta r si fissino un orientazione e un segmento U unità di misura. Se A, B, C sono tre punti a coppie distinti su r si chiama rapporto semplice della terna (in quest ordine) il numero reale (A B C) = AC/BC Se A e C sono distinti, si porrà convenzionalmente (AAC)=1, (ACC)= (simbolo), (ACA)=0. E immediato verificare che (ABC) non dipende né dall orientazione scelta su r, né dal segmento unità di misura fissato; (A B C) è, dunque, la misura del segmento orientato AC rispetto a U =sgmbc su r orientata da B verso C, in altre parole la definizione di rapporto semplice mostra che (3.0.1) (A B C) = ascissa di A in R* ove R* è il sistema di ascisse su r di origine C, unità di misura sgmcb e verso da C a B Fissato un (arbitrario) sistema di ascisse su r, se A (x A ), B (x B ), C (x C ), per la (2.1.1) si ha (3.0.2) (A B C) = (x C x A )/(x C x B ) Esercizio. Dimostrare che, se (ABC)=k, allora (BAC)= 1/k, (ACB)=1-k, (BCA)=(k-1)/k, (CAB)=1/(1-k), (CBA)=k/(k-1)

8 Definizione. Una retta r munita di un sistema di riferimento R={O, verso, U} (dunque dotata di un sistema di ascisse) si chiama retta affine e si indica con A 1. Poiché sulla retta l ambito affine non si distingue da quello metrico, una retta r munita di un sistema di riferimento R prende anche il nome di retta euclidea e si indica anche con E 1. Definizione. Si chiama affinità di A 1 ogni biiezione α di A 1 in sé che conserva i rapporti semplici di tre punti arbitrari di A 1, dei quali almeno due distinti. Ciò significa che se A, B, C sono tre punti di A 1 (almeno 2 distinti) e se A = α(a), B =α(b), C =α(c) sono i loro rispettivi corrispondenti per tale biiezione α, allora (A B C) = (A B C ). Si denoti con GA(A 1 ) l insieme delle affinità di A 1. Sussistono le proprietà seguenti: 1) se α, β sono affinità, l applicazione composta β α è ancora una biiezione che conserva i rapporti semplici, ossia è ancora un affinità; così la composizione di applicazioni definisce una legge di composizione interna in GA(A 1 ) 2) la è associativa 3) l applicazione identica υ di A 1 in sé è un affinità; dunque la ammette υ come elemento neutro 4) ogni affinità α, in quanto biiezione, ammette

9 un applicazione inversa α 1, che è subito visto essere un affinità; allora ogni affinità ammette un elemento simmetrico o inverso Tutto ciò si riassume nel Teorema 3.1. (GA(A 1 ), ) è un gruppo (si vedrà non abeliano) Un punto P A 1 si dice unito per un affinità α se α(p)=p Osservazione 3.2. Se un affinità α di A 1 ammette due punti uniti U, V distinti, allora ogni punto di A 1 è unito per la α, ossia α è l applicazione identica di A 1 in sé. Infatti, per ogni punto Q, posto Q = α(q), risulta (QUV) = (Q UV), ma ciò implica Q=Q, ad esempio per la (3.0.1) (oppure per la (3.0.2) e per la Proposizione 2.1 Osservazione 3.3. Siano α e β due affinità di A 1 ; siano P 1 e P 2 due punti distinti di A 1. Se P i = α(p i ) = β(p i ) per i=1,2, allora α=β Infatti i due punti P i (i=1, 2) sono uniti per l affinità β α 1

10 4. RAPPRESENTAZIONE ANALITICA DELLE AFFINITA DI A 1 Si consideri la corrispondenza γ: A 1 A 1 che che a ogni punto X (x) associa X (x ) ove (4.0.1) x = ax + b, con a,b in R, a 0. In altri termini si interpretino, nel modo appena detto, come equazioni di una particolare corrispondenza di A 1 in sé relazioni formalmente identiche a quelle che esprimevano il legame delle coordinate di un medesimo punto della retta rispetto a due diversi sistemi di riferimento. Com è subito visto, la condizione a 0 garantisce che γ è una biiezione. Inoltre, considerati due punti distinti X, Y di A 1 e i loro corrispondenti X, Y per la γ, per la (2.1.1) si ha la relazione tra le loro ascisse (4.0.2) X Y = y -x =ay+b ax-b = a(y-x) = a XY Dunque la γ non conserva (in generale) le misure dei segmenti, ma conserva i rapporti tra le misure e, dunque, conserva i rapporti semplici. Pertanto ogni corrispondenza γ rappresentata nel modo detto dalla (4.0.1) è un affinità di A 1 in sé

11 Osservazione 4.1. Il gruppo (GA(A 1 ), ) non è abeliano; per verificare la non commutatività della, si componga l affinità di equazione x =x +1 con quella di equazione x = -x Proposizione 4.2. Tutte e sole le affinità di A 1 sono rappresentate da un equazione del tipo (4.0.1), con la condizione a 0 Dim. Già si è detto che tali equazioni rappresentano affinità di A 1. Viceversa, sia α un'affinità arbitraria di A 1 ; considerati i punti A (0), B (1), siano A (a), B (b) le loro immagini per la α. Poiché A e B sono distinti, tali risultano A e B e, dunque, a b. Sia γ la corrispondenza di A 1 in sé rappresentata dall equazione, di tipo (4.0.1), x = (b-a)x + a; già sappiamo che γ è un affinità avendosi b-a 0; poiché le due affinità α e γ trasformano entrambe A in A e B in B, per la precedente Osservazione 3.3 esse coincidono, dunque ogni α si rappresenta come in (4.0.1) Proposizione 4.3. Esiste ed è unica l affinità di A 1 che trasforma due punti distinti A, B di A 1 in due punti distinti A, B di A 1, comunque scelti Dim. Sulla retta r sostegno di A 1 si cambi sistema di riferimento scegliendo A come origine, sgmab come segmento unità di misura, orientamento da A verso B.

12 Nel nuovo riferimento A (0), B (1), A (a), B (b). Nel nuovo riferimento l equazione y =(b-a)y + a rappresenta un affinità di A 1 che muta A, B in A, B. Per l Osservazione 3.3 essa è unica. Definizione. Un affinità di A 1 in sé che conserva le misure assolute dei segmenti si dice congruenza o isometria Una congruenza si dice diretta o traslazione se, oltre alle assolute, conserva le misure algebriche; altrimenti si dice congruenza inversa o simmetria Per l affinità di equazione x = ax + b con a 0 sappiamo dalla (4.0.2) che è X Y = a X Y. Pertanto una congruenza ha equazione x = x + b (congruenza diretta o traslazione), oppure x = -x +b (congruenza inversa o simmetria) L insieme C delle congruenze di A 1 in sé è un sottogruppo non abeliano del gruppo delle affinità GA(A 1 ) (ancora, per mostrarne la non abelianità, si componga la congruenza x =x+1 con la congruenza x = -x) L insieme delle traslazioni è sottogruppo abeliano sia di C che di GA(A 1 ) L insieme delle simmetrie NON costituisce gruppo rispetto a (non esiste elemento neutro rispetto a in tale insieme)

13 Osservazione (4.4). Se r ed r sono due rette distinte nel piano o nello spazio, le si strutturino come rette affini fissando su ciascuna un sistema di riferimento cartesiano. Si chiama affinità di r in r ogni biiezione α: r r che conserva i rapporti semplici, ossia per ogni terna A, B, C di punti di r (almeno 2 distinti), detti A, B, C sono i loro rispettivi corrispondenti su r per tale biiezione α, allora (A B C) = (A B C ). Ora se r r, non ha più senso comporre due affinità di r in r. Tuttavia, come in precedenza, può essere definita una corrispondenza β: r r associando a X r di ascissa x nel sistema di riferimento di r, il punto X r di ascissa x = ax+b con a, b R, a 0, nel sistema di riferimento di r. Si vede subito che β è una corrispondenza biunivoca tra r ed r, che conserva i rapporti semplici, il rapporto tra le misure algebriche di 2 segmenti di r e il rapporto delle misure algebriche dei loro corrispondenti su r, ma, in generale, non conserva le misure dei segmenti. Dunque β è un affinità tra r ed r. Adattando i ragionamenti della precedente Proposizione 4.2 si ha che tutte e sole le affinità α: r r sono rappresentate da un equazione del tipo x = ax+b con a, b R, a 0. Inoltre esiste ed è unica l affinità α: r r che

14 trasforma due punti distinti A, B di r in due punti distinti A, B di r, comunque scelti. Per l esistenza si ragioni in modo simile a quanto fatto relativamente alla Proposizione 4.3. Per l unicità, sia β una affinità r r che, come a, trasforma A, B in A, B, Allora β -1 α è un affinità di r in sé avente A e B (distinti) come punti uniti, dunque è l identità in r. 5. LA RETTA PROIETTIVA P 1 In X = R 2 \ (0, 0) si introduca la seguente relazione ~: (x 0, x 1 ) ~ (y 0, y 1 ) per (x 0, x 1 ), (y 0, y 1 ) X se esiste λ R*= R\(0) t.c. x 0 = λy 0, x 1 =λy 1 Si verifica che ~ è una relazione di equivalenza Def. L insieme quoziente P 1 = X/~ prende il nome di retta proiettiva (reale) Un punto di P 1 è una classe di equivalenza rappresentata con [(x 0, x 1 )] oppure con (x 0 : x 1 ); si dice che (x 0, x 1 ) sono coordinate proiettive omogenee del punto (x 0 : x 1 ): esse non sono mai entrambe nulle e sono definite a meno di un fattore di proporzionalità non nullo λ R*.

15 Nel piano si fissi un sistema di riferimento cartesiano ortogonale di origine O. Si ricordi la rappresentazione analitica di una retta del piano euclideo, passante per l origine delle coordinate: y=mx oppure x=0, ossia ax+by=0 con (a, b) (0, 0). Biiezione tra il fascio di rette per l origine e P 1. Il fascio di rette per l origine è in biiezione con l insieme le classi delle coppie ordinate (a, b) (0, 0), considerate equivalenti (identificate) se proporzionali. Dunque il fascio di rette per l origine è in biiezione con P 1. Biiezione alternativa. Se a una retta s del fascio di sostegno O oltre ad O, appartiene il punto di coordinate (a 0, a 1 ), su essa stanno tutti e soli quelli di coordinate (λa 0, λa 1 ), λ R*. Tali coordinate sono tutti e soli i rappresentanti del punto (a 0 : a 1 ) di P 1. La corrispondenza che a una retta s per O associa il punto (a 0 : a 1 ) di P 1 è subito visto essere biunivoca. Dunque P 1 è in biiezione con un fascio di rette nel piano per un punto O. Si consideri nel piano del fascio una retta r non passante per il sostegno O: si scelga x=1. Se la retta s del fascio ha di equazione ax+by=0 e contiene il punto del piano di coordinate (a 0, a 1 ) (0, 0), risulta aa 0 + ba 1 =0. Se, inoltre, s è diversa dall asse delle y (b 0 e a 0 0), essa taglia la r in uno e un solo punto (1, a 1 /a 0 ). Risulta così definita una corrispondenza biunivoca

16 Fascio di rette per O \ (asse y) retta s retta di eq. ax+by=0 punto (1, a 1 /a 0 ) P 1 \ {(0 : 1)} A 1 (a 0 : a 1 ) a 1 /a 0 Il numero a 1 /a 0 si dice coordinata non omogenea o coordinata affine del punto (a 0 : a 1 ) che ha coord. omogenne (a 0, a 1 ), allorché a 0 0 Per quanto riguarda l asse y, ossia il punto (0 :1) di P 1, si noti che se a 0 tende a 0, allora il rapporto a 1 /a 0 tende all infinito. Allora la corrispondenza biunivoca precedente può essere estesa alla corrispondenza biunivoca P 1 A 1 { } a 1 /a 0 se a 0 0 (a 0 : a 1 ) se a 0 =0 Dunque l insieme dei punti di P 1 è in biiezione con l insieme delle rette del piano per un punto; è anche in biiezione con i punti dell insieme A 1 { }; è anche in biiezione con l insieme dei punti di una circonferenza nel piano, (proiettare stereograficamente i punti della circonf. da un suo punto N su una retta t del piano identificata ad A 1 e completare la corrisp. associando al punto P della circonferenza se PN è parallela a t)

17 6. PROIETTIVITA OD OMOGRAFIE DI P 1 Definizione. Dati 4 punti A, B, C, D P 1, a due a due distinti, se A, B, C, D A 1 (si dirà che sono punti al finito) si dice birapporto di A, B, C, D (in quest ordine) il numero (ABCD) = (ABC) AC/BC = (ABD) AD/BD Se a, b, c, d sono le coordinate affini dei 4 punti e (a 0, a 1 ), ecc. le coordinate omogenee, si ha (6.0.1) (ABCD) = (c-a)(d-b) ; (d-a)(c-b) (c 1 a 0 -a 1 c 0 )(d 1 b 0 -b 1 d 0 ) (6.0.2) (ABCD) = ; (d 1 a 0 -a 1 d 0 )(c 1 b 0 -b 1 c 0 ) quest ultima permette di estendere la definizione di birapporto a tutti punti di P 1

18 Definizione. Si chiama proiettività od omografia di P 1 ogni biiezione α di P 1 in sé che conserva i birapporti di quattro punti dei quali almeno due distinti. Ciò significa che, fissati arbitrariamente quattro punti A, B, C, D (dei quali almeno 2 distinti) di P 1, se A = α(a), B =α(b), C =α(c), D =α(d) sono i rispettivi corrispondenti per tale biiezione α, allora risulta (A B C D) = (A B C D ). Sia ora µ una proiettività che lascia unito il punto improprio. Allora µ conserva i birapporti di 4 punti, dei quali i primi 3 siano arbitrari e l ultimo sia il punto improprio: tali birapporti sono i rapporti semplici dei primi tre punti. La µ è dunque un affinità. Viceversa ogni affinità di A 1 si estende facilmente a una proiettività di P 1 : già conserva i birapporti di 4 punti al finito poiché conserva i rapporti semplici; basta mandare il punto improprio in sé. In altre parole, tenendo presente l identificazione di P 1 con A 1 { }, un affinita α di A 1 in sé di equazione x =α(x) = ax + b (a, b R, a 0) può essere estesa a una biiezione di P 1 in sé α : P 1 = A 1 { } P 1 = A 1 { } col porre α ( )= e α (x)=x = α(x) per (x) A 1

19 La α* sarà ancora chiamata affinità; per affinità di P 1 si intenderà un affinità di A 1 estesa nel modo detto. Con tale convenzione, tutte e sole le affinità di P 1 sono le proiettività che hanno il punto unito. Si può anche esprimere α in coordinate omogenee; posto x=x 1 /x 0 e x = x 1 /x 0 si ha x 1 /x 0 = (a x 1 + b x 0 )/x 0 da cui (x 0 : x 1 ) = (x 0 : a x 1 + b x 0 ) con (a, b R, a 0), ossia ρx 0 = x 0 (6.0.3) ρx 1 = a x 1 + b x 0 e ciò vale per i punti di A 1, ma anche per ossia (0 : 1) Esempi di proiettività che non siano affinità (estese) sono dati dalle cosiddette inversioni; una speciale inversione è la trasf. rappresentata dalle equazioni ρx 0 = x 1 (6.0.4) ρx 1 = x 0 o x =1/x in coordinate non omogenee. Infatti si verifica facilmente subito che essa è biunivoca e conserva i birapporti.

20 Teorema 6.1. Si denoti con GP(P 1 ) l insieme delle proiettività di P 1. Allora (GP(P 1 ), ) è un gruppo (non abeliano) in cui l elem. neutro è la trasf. identica e l inverso di una proiettività è la trasformazione inversa La non abelianità segue dal fatto che tra le proiettività ci sono le affinità estese a P 1. Un punto P P 1 si dice unito per una proiettività α se α(p)=p Osservazione 6.2. Se una proiettività α di A 1 ammette tre punti uniti U, V, W a coppie distinti, allora ogni punto di P 1 è unito per la α, ossia α è l applicazione identica di A 1 in sé. Infatti, per ogni punto Q, posto Q = α(q), risulta (UVQW) = (UVQ W). Se i punti implicati sono al finito, ciò comporta (UVQ)=(UVQ ) e, dunque, Q=Q ad esempio per la (3.0.1) e per la Proposizione 2.1. Ragionamenti ad hoc tengono conto dei casi in cui uno dei punti implicati è all infinito. Osservazione 6.3. Siano α e β due proiettività di P 1 ; siano P 1, P 2 e P 3 tre punti distinti di P 1. Se α(p i ) = β(p i ) per i=1,2,3, allora α=β Infatti i due punti suddetti sono uniti per la proiettività β α 1

21 7. RAPPRESENTAZIONE ANALITICA DELLE PROIETTIVITA Si consideri la corrispondenza ω: R 2 \ (0, 0) R 2 \ (0, 0) (x 0, x 1 ) (a 00 x 0 + a 01 x 1, a 10 x 0 + a 11 x 1 ) con a ik R e a 00 a 11 a 10 a Quest ultima condizione garantisce che ω è una biiezione. Infatti tale condizione analitica equivale al fatto che il sistema di due equazioni lineari α = a 00 x 0 + a 01 x 1 β = a 10 x 0 + a 11 x 1 ammetta sempre una e una sola soluzione, quali che siano α, β in R Pertanto ω è un applicazione, ossia è ovunque definita non potendo mai essere ω(x 0, x 1 )=(0, 0); inoltre è una biiezione. E immediato verificare che ω passa al quoziente per la ~, ossia se ω(x 0, x 1 )=(α, β) allora ω(λx 0, λx 1 )= (λα, λβ); dunque ω induce un applicazione, che ancora risulta una biezione ω : P 1 = R 2 \ {(0, 0)} P 1 = P 1 = R 2 \ {(0, 0)} (x 0 : x 1 ) (a 00 x 0 + a 01 x 1 : a 10 x 0 + a 11 x 1 )

22 Con ovvio significato dei simboli tale corrispondenza può essere rappresentata analiticamente con le equazioni che legano le coordinate omogenee dei punti di P 1 a quelle dei loro corrispondenti λx 0 = a 00 x 0 + a 01 x 1 (7.0.1) λ R* λx 1 = a 10 x 0 + a 11 x 1 (7.0.2) con a ik R e a 00 a 11 a 10 a Osservazione 7.1. Ogni biiezione ω* di P 1 rappresentata da un equazione del tipo (7.0.1) con la condizione di biunivocità (7.0.2) λx 0 = a x 0 + b x 1 ad-bc 0, λ R* λx 1 = C x 0 + D x 1 può essere ottenuta componendo affinità e inversioni. Allo scopo si tengano presenti le (6.0.3) e (6.0.4). Basta analizzare il caso b 0, altrimenti si ha già un affinità. Poiché b 0 e ad-bc 0 si vede facilmentele che seguenti trasformazioni soddisfano la condizione di biunivocità e sono sono tutte affinità o inversioni ρx 0 = x 0 λx 0 = x 1 (= a x 0 + b x 1 ) ρx 1 = a x 0 + b x 1 λx 1 = x 0 (= x 0 )

23 νx 0 = x 0 (= a x 0 + b x 1 ) τx 1 = Db -1 x 0 + (C-Db -1 a) x 1 ( = Db -1 (a x 0 + b x 1 ) + (C-Db -1 a) x 0 = C x 0 + D x 1 ) Poiché le inversioni conservano i birapporti e lo stesso vale per le affinità, visto che conservano i rapporti semplici, ogni trasf. ω* di equazioni (7.0.1) è una proiettività di P 1. Ma ciò può essere anche invertito: Proposizione 7.2. Tutte e sole le proiettività di P 1 sono rappresentate da equazioni del tipo (7.0.1), con la condizione (7.0.2) Dim. Già si è detto che tali equazioni rappresentano proiettività di P 1. Viceversa, sia α una proiettività arbitraria di P 1 ; considerati i punti A (0 : 1), B (1 : 0), C (1 : 1), X (x 0 : x 1 ), siano A, B, C, X (x 0 : x 1 ) le loro immagini inverse per la α. Risulta (A B C X) = (A B C X ). Esplicitando i calcoli mediante la (6.0.2) si ha (A B C X ) = x 1 /x 0 e (A B C X) si vede subito essere un rapporto del tipo a 00 x 0 + a 01 x 1. a 10 x 0 + a 11 x 1 Da ciò la tesi, notando che la biunivocità di comporta che sia verificata la relativa condizione analitica.

24 Per l Osservazione 7.1 la proposizione precedente comporta il Corollario. Ogni proiettività di P 1 è prodotto di un numero finito di affinità e inversioni. Proposizione 7.3. Esiste ed è unica la proiettività di P 1 che trasforma tre punti non allineati A, B, C di P 1 in tre punti non allineati A, B, C di P 1, comunque scelti Osservazione 7.4. Il punto (0 : 1) ha per corrispondente (a 01 : a 11 ) ( (0 0)). Il punto (a 01 : -a 00 ) ha per corrispondente (0 : 1). Poiché una biiezione precedentemente stabilita consente di identificare P 1 con A 1 { }, tutti gli altri possono essere rappresentati in coordinate affini x= x 1 /x 0 e x = x 1 /x 0, col che anche la ω* si esprime in coordinate affini con l equazione a 10 + a 11 x (7.4.1) x = con a 00 a 11 a 10 a 01 0 a 00 + a 01 x Mediante un passaggio al limite, l eq. precedente può pensarsi riferita a tutti i pti di P 1, incluso (0 :1) identificato a, e incluso (a 01 : -a 00 ) Osservazione 7.5. Se r ed r sono due rette distinte

25 nel piano o nello spazio, le si strutturino come rette affini fissando su ciascuna un sistema di riferimento cartesiano. Le si completino entrambe con l aggiunta di, così ottenendo due modelli r* e r * di P 1. E possibile estendere al caso di una retta arbitraria dello spazio o del piano, strutturata come retta affine ampliata, la teoria del birapporto di quattro punti. Si chiama proiettività di r in r (ampliate) ogni biiezione α: r r che conserva i birapporti di ogni quaterna A, B, C, D di punti su r (almeno 3 distinti). Adattando i ragionamenti precedenti si ha che tutte e sole le proiettività α: r r sono rappresentate da equazioni del tipo (7.0.1) con la condizione (7.0.2), ossia, con ovvio significato dei simboli, ogni proiettività ω: r* r * associa a X r* di coordinate omogenee (x 0, x 1 ) il punto X r * di coordinate omogenee (x 0, x 1 ) del tipo λx 0 = a 00 x 0 + a 01 x 1 λ R* a ik R λx 1 = a 10 x 0 + a 11 x 1 a 00 a 11 a 10 a Inoltre esiste ed è unica la proiettività α: r r che trasforma tre punti distinti di r in tre punti distinti di r, comunque scelti. In generale, una proiettività fra rette non conserva i rapporti tra le misure di 2 segmenti di r e quelle dei loro corrisp. su r Un esempio di proiettività siffatta è la proiezione dei

26 punti di r* su quelli di r * da un punto P fuori di esse (prospettività). Cosa accade dei punti non al finito? Si potrebbe provare che ogni proiettività fra rette è il prodotto di un numero finito di prospettività. II. GEOMETRIA NEL PIANO E NELLO SPAZIO AFFINI 1. VETTORI E TRASLAZIONI

27 Sia S la retta, o il piano, o lo spazio ordinario. Def. Si chiama vettore di S applicato in un suo punto A ogni segmento orientato (eventualmente degenere) AB di S. Sviluppiamo la teoria in ambito affine. Sulla retta ha senso affermare che due vettori applicati hanno la stessa direzione, lo stesso verso e ugual lunghezza. Nel piano o nello spazio sussiste, nel caso affine, la restrizione di confrontare segmenti solo se appartenenti alla stessa retta o a rette parallele. Malgrado la restrizione, ha significato dire che due vettori applicati non degeneri AB, CD appartenenti a rette diverse sono i lati opposti di un parallelogramma di cui AC e BD sono gli altri lati. In questo caso diremo che i due vettori applicati hanno la stessa direzione, lo stesso verso e ugual lunghezza, e, dunque tale locuzione ha ora senso sulla retta, nel piano, nello spazio, anche in ambito affine Def. Si chiama traslazione di S ogni biiezione τ di S tale che per ogni coppia di punti A, B S (distinti) i vettori applicati AB e t(a)t(b) abbiano stessa direzione, verso e lunghezza. Nel caso in cui S sia la retta si ritrova la definizione di traslazione già data.

28 Oss. Se τ e σ sono due traslazioni, allora l applicazione composta τ σ è una traslazione. Infatti è una biiezione. Nel caso della retta è ovvio, altrimenti si osservi che, se ABA B e A B A B sono parallelogrammi, tale risulta ABA B. Prop. (1.1) L insieme τ(s) delle traslazioni della retta (o del piano o dello spazio) è un gruppo rispetto alla composizione di biiezioni, l unità è la mappa identica di S, l inversa di una traslazione è l applicazione inversa. Def. Due vettori applicati di AB e CD di S si dicono equipollenti se sono entrambi degeneri oppure se esiste una traslazione τ tale che τ(a)=c, τ(b)=d. Si scriverà AB CD. Per la prop. (1.1) l identità di S, l inversa di una traslazione e la composta di due sono tutte traslazioni; ciò composta che la relazione di equipollenza sia una relazione di equivalenza. Sia Vect(S) = {vettori applicati di S} / equipollenza l insieme quoziente. Ogni elemento di Vect(S) è una classe v= {AB} di vettori applicati costituita da un vettore applicato e da tutti quelli a lui equipollenti. Ogni classe v viene detta vettore. Il concetto astratto di vettore formalizza l esigenza della fisica di identificare vettori (applicati) allorché

29 hanno stessi direzione, verso, lunghezza. Il vettore v= {AB} verrà anche denotato con B-A. La classe d equivalenza dei vettori degeneri viene detta vettore zero 0 o vettore nullo. Si fissino un punto O di S e un vettore applicato AB; allora v= {AB} ammette un unico rappresentanta OB applicato in O. Nel caso della retta è ovvio, altrimenti esiste un unico punto B tale che OB BA (nell ordine) sia un parallelogramma (eventualmente degenere, coi vertici in quell ordine). Si dice che due vettori u e v sono paralleli se, fissato comunque un punto O di S, i loro rappresentanti applicati in O appartengono alla stessa retta (l accadere di ciò è indipendente dalla scelta di O e sulla retta due vettori sono sempre paralleli). Nello spazio si dice che tre vettori hanno la stessa giacitura se i loro rappresentati applicati in un punto O arbitrario sono complanari. Dati u, v Vect(S), associamo alla coppia ordinata (u, v) un terzo vettore w, somma dei due vettori (nel seguito si suppone che S sia il piano o lo spazio potendosi estendere le considerazioni al caso della retta; si supporrà che u, v non siano paralleli; analoghi risultati si ottengono se u, v sono paralleli). Si fissi un punto O di S. Siano OA ed OB i rappresentanti di u e v applicati in O. Sia C il quarto

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

4. Strutture algebriche. Relazioni

4. Strutture algebriche. Relazioni Relazioni Sia R una relazione definita su un insieme A (cioè R A A). R si dice riflessiva se a A : ara R si dice simmetrica se a, b A : arb = bra R si dice antisimmetrica se a, b A : arb bra = a = b R

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Richiami di algebra lineare e geometria di R n

Richiami di algebra lineare e geometria di R n Richiami di algebra lineare e geometria di R n combinazione lineare, conica e convessa spazi lineari insiemi convessi, funzioni convesse rif. BT.5 Combinazione lineare, conica, affine, convessa Un vettore

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1 Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione ) Funzioni d onda di un sistema composto Sistema costituito da due particelle (eventualmente identiche) H φ q H φ H ψ φ φ stato

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli