Barometro HR è tempo di. opportunità? CSC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Barometro HR 2011-12. è tempo di. opportunità? CSC"

Transcript

1 Barometro HR è tempo di opportunità? CSC

2 Le opinioni espresse dagli intervistati sono personali. La riproduzione parziale o totale dei contenuti dell'indagine è severamente proibita senza l'approvazione scritta da parte di CSC. Copyright CSC All rights reserved. 2

3 CSC AL CENTRO DEI TREND Nell ambito del programma I.D.E.A.S (Inspiration, Debate, Executive, Annual Surveys) CSC realizza, in collaborazione con i maggiori Istituti di ricerche di mercato europei quali TNS Sofres e IFOP, i Barometri, indagini annuali dedicate al monitoraggio e all analisi delle tendenze e delle sfide affrontate dalle principali funzioni di business support (CFO, CIO, CPO e HR) di importanti aziende europee e mondiali. Nei Barometri sono riportati i risultati delle analisi condotte su campioni significativi di Top Executive di grandi aziende del settore pubblico e privato. I report di ciascun Barometro, sono presentati in differenti città (Parigi, Madrid, Barcellona, Milano, Bruxelles, Lisbona, Washington D.C., etc...) nell ambito di eventi esclusivi, e pubblicati anche da prestigiosi media partner, da Università e Business School di rilievo internazionale. 3

4 PREFAZIONE 4

5 GIORDANO FATALI PRESIDENTE HRCommunity Academy Nuove modalità lavorative. Iniziative di potenziamento del commitment. Sistemi di amplificazione dell engagement dei dipendenti. Forme innovative di rewarding, applicate ed applicabili su performance comunque sostenibili. Le nuove esigenze, produttive ed al contempo dichiaratamente sociali, generate dalla crisi peggiore degli ultimi decenni, lanciano sul tavolo del Mercato del Lavoro il guanto di una sfida che è diretta, anzitutto e senza possibilità di errore, alle aziende ed a chi, al loro interno, fa quotidianamente i conti con i trend dell occupazione, i Direttori HR. Il testo che vi apprestate a consultare, nato da una volontà di indagine che si è andata consolidando da quasi un decennio attorno agli sforzi analitici e costruttivi di una grande realtà imprenditoriale quale CSC riesce ad essere, è ben più dell ultimo tassello applicato ad un mosaico che restituisce l outlook a caratura internazionale della funzione HR. Rappresenta, piuttosto, la sagace e condivisa risposta formulata ad un interrogativo pressante, che ciascuno di noi si è necessariamente posto almeno una volta trovandosi di fronte alle evidenze di una crisi inattesa per crudezza, durata ed effetti più o meno collaterali. Quando questo stato di cose progredirà? Quando potremo finalmente ammettere che la tempesta è passata? Quando il dado rovescerà la sua faccia peggiore, quella del rischio, per riconsegnarci finalmente la tregua che attendiamo, l opportunità di crescere e guardare avanti? Innumerevoli sono stati in questi mesi gli appelli che le cronache ci hanno consegnato, talvolta inducendoci a pensare che il peggio fosse davvero passato, talaltra esortandoci a non abbassare la guardia. Con il risultato, netto e disarmante, di renderci pressoché impossibile l atto di orientarci nuovamente - e al contempo conservando una buona dose del necessario e corretto raziocinio - all interno di questa imprevista temperie. L interrogativo che fa da sottotitolo a questo coraggioso documento, dunque, lungi dall invocare una risposta subitanea circa il nostro ingresso nel tempo dell opportunità, diventa così uno stimolo potente. Quello a riconsiderare con attenzione i semi che la crisi sistemica ha gettato nel solco della nostra società. Semi dai quali sono destinate a scaturire, più prima che poi, le variabili che connoteranno la nuova pagina del nostro calendario, il nostro futuro prossimo, il successivo tratto di strada che ci avviamo a percorrere. A monte di tutto questo, vige la necessità forte di operare una precisa presa di coscienza. Passata la crisi, nulla sarà più come prima. Lo tsunami ci sta restituendo un mondo che, al di là delle sbrigative connotazioni di segno che i soliti analisti frettolosi vanno applicando a getto continuo, sarà certamente diverso. In questo, il nostro compito precipuo sarà decidere se la differenza possa essere rimarcata in positivo o in negativo. Come regolarsi, allora, in questo frangente che per la prima volta ci pone al centro di una sorta di tabula rasa, imponendoci al contempo l urgenza di riflettere sulle più adeguate modalità di popolarla? Come costruire il futuro? Da dove partire per assemblare la nostra nuova evoluzione? Il Barometro ci viene in soccorso proprio in questo, rilevando i macro-trend sottesi all HR mindset del tempo della crisi e restituendocene un quadro puntuale e di immediata consultazione. Un istantanea, questa, che va ben al di là della pur dettagliata analisi quantitativa proposta, e che facendo leva sulle stimolanti interviste di approfondimento realizzate a corollario del volume registra - e forse addirittura arriva a prefigurare molti degli spunti che connoteranno l approccio alle Risorse Umane del nostro domani. Che si chiamino in causa i fattori trigger della motivazione al lavoro o piuttosto quelli che incidono in maniera positiva - e sana - sulla competitività di mercato; l adozione di misure improntate all austerity o il complesso delle aspettative di livello manageriale; i conti in sospeso con l internazionalizzazione ovvero le aree di intervento prioritario; la responsabilità sociale d impresa o, ancora, il nugolo di fattori a vario titolo connessi con la performance, il Barometro HR si dimostra ottimo compendio delle lezioni che abbiamo appreso o avremmo dovuto apprendere - dal biennio di contrazione più feroce, il Ed al contempo ci invia segnali consistenti di uno scarto che è culturale ancor prima che operativo, e che va configurandosi e realizzandosi nel passaggio di testimone tra ormai attempate gerarchie di lavoro e nuovi sistemi lavorativi di natura eminentemente collaborativa. La collaborazione è più importante della competizione mi è capitato di leggere non molto tempo fa in un volume edito in Italia nel 1968 con il titolo Bertrand Russell dice la sua. Non credo serva specificare l autore della massima, quanto piuttosto soffermarci sulla sconcertante attualità di cui essa può ancora essere investita a quasi mezzo secolo di distanza. Il mio augurio ed auspicio nei confronti di questo testo, allora, non può che essere questo. Rendersi portatore sano di un altrettanto salutare, vivido e diretto spirito analitico. Le premesse ci sono già tutte. 5

6 Barometro HR è tempo di opportunità? 6

7 INDICE 1 EXECUTIVE SUMMARY Pag risultati Pag testimonianze Pag Khélaf Bouacha. HR Director, Retail Brands - 3 Suisses International 32. Claude Brunet. HR Director - Groupe PSA 34. Giancarlo Campri. Direttore Centrale Personale e Organizzazione - Hera 36. Patrizia Fogheri. BA HR & Communication Director - NovoNordisk 38. Hubert Mongon. Senior VP HR - McDonald s Francia e Sud Europa 40. JEAN AIME MOUGENOT. HR Director, Traction - SNCF (Ferrovie Francesi) 42. Giulio Natali. HR Director International - Plastipak Packaging 44. Victor Neto. Human Resources Director - Euroscript 46. Alesandra Sama. HR Director - Medtronic 48. Jean-Christophe Sciberras. HR Director Francia e Social Relations Director - Rhodia 50. ROBERT DE VAUCORBEIL. Director Manufacturing, Logistics and Quality, Human Resources - WABCO 52. Jean-Louis Vincent. HR Director - GEODIS 7

8 IL BAROMETRO HR è LA NONA EDIZIONE DELL'INDAGINE ANNUALE REALIZZATA DA CSC IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO DI RICERCA INDIPENDENTE TNS SOFRES. L OBIETTIVO DEL BAROMETRO è DELINEARE LE TENDENZE E LE PROSPETTIVE DELLA FUNZIONE HR SULLA BASE DI UN ANALISI QUANTITATIVA CONDOTTA SU UN CAMPIONE DI DIRETTORI HR DELLE PRINCIPALI AZIENDE EUROPEE. 8

9 BAROMETRO HR UNO STUDIO EUROPEO è TEMPO DI OPPORTUNITà? APPROCCIO E METODOLOGIA La nona edizione del Barometro HR è stata realizzata in collaborazione con l Istituto di ricerca TNS SOFRES. La ricerca è stata condotta su un campione di Direttori HR di imprese europee con più di dipendenti. Gli Executive sono stati intervistati su tematiche relative a ruolo, sfide, performance e prospettive della Funzione HR. METODOLOGIA L'indagine è stata condotta a luglio 2011 attraverso la somministrazione di questionari con modalità di rilevazione CATI (Computer Assisted Telephone Interview). TARGET E CAMPIONE Imprese pubbliche e private: con almeno dipendenti operanti in Belgio, Francia, Germania, Regno Unito, Italia, Lussemburgo, Portogallo e Spagna. Sono stati intervistati 80 Top Executive di aziende di tutti i settori di mercato che rivestono i seguenti ruoli target: Direttori e Responsabili HR. In ultimo, è stata effettuata una rettifica del campione al fine di assicurarne la rappresentatività rispetto al sistema di imprese europee appartenenti ai mercati oggetto di analisi e con un minimo di dipendenti. 9

10 10

11 1 è TEMPO DI OPPORTUNITà? BAROMETRO HR EXECUTIVE SUMMARY 11

12 EXECUTIVE SUMMARY BAROMETRO HR MOLTE IMPRESE HANNO CAPITO CHE PER STIMOLARE LA MOTIVAZIONE SUL LAVORO è NECESSARIO ALLENTARE LE REDINI, LASCIARE MAGGIORE LIBERTà AI MANAGER CHE OPERANO SUL TERRITORIO E RISTABILIRE UN CLIMA DI FIDUCIA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA. LE STRUTTURE DI COMANDO TRADIZIONALI NON SONO PIU' ADATTE AI METODI DI LAVORO DELLE NUOVE GENERAZIONI. PER RIMANERE COMPETITIVI è IMPERATIVO VIRARE DA UN'ORGANIZZAZIONE DI TIPO GERARCHICO A UN SISTEMA DI LAVORO FONDATO SULLA COLLABORAZIONE. Principali tendenze della Funzione HR 12

13 Che cosa abbiamo imparato dalla crisi del ? LIVELLI DI OCCUPAZIONE RELATIVAMENTE INALTERATI E SALARI PROTETTI Le prime due lezioni apprese dalla crisi del riguardano la protezione dei posti di lavoro e dei salari. In primo luogo la flessibilità ha permesso di salvaguardare i posti di lavoro a tempo indeterminato anche nel momento più acuto della crisi e di riprendere a creare posti di lavoro nel Inizialmente, la disoccupazione parziale o temporanea e l'istituzione di orari di lavoro flessibile su base annuale sono stati fondamentali per non perdere dipendenti. Successivamente, i contratti di lavoro temporanei e quelli a breve termine hanno facilitato la ripresa. Il 28% dei Direttori HR europei intervistati ha dichiarato che le assunzioni sono riprese nel 2010 quando le prospettive economiche sono migliorate. In secondo luogo, gli stipendi sono rimasti stabili perché le aziende non hanno approfittato del deterioramento del mercato del lavoro spostando l'ago della bilancia a proprio favore. CADUTA DELLA MOTIVAZIONE E MANCANZA DI IMPEGNO La grande trasformazione che stiamo vivendo riguarda la globalizzazione delle imprese, accentuata dall'introduzione delle nuove tecnologie. Il cambiamento è diventato una costante nelle aziende, che sono costrette a reagire molto velocemente alla rapida evoluzione dei mercati. D'altro canto, a tale trasformazione non segue un cambiamento della nozione di bene collettivo: la soddisfazione professionale e la motivazione sono oggi ai minimi storici e le strozzature strutturali del mercato del lavoro impediscono alla maggior parte dei lavoratori di fare progetti per la loro carriera futura. I datori di lavoro si trovano di fronte a dipendenti affidabili la cui motivazione è, però, in forte calo. L'esito della ricerca non evidenzia, infatti, l'insoddisfazione dei dipendenti o un rifiuto del sistema, ma piuttosto la necessità di ritrovare il senso del lavoro e la voglia di impegnarsi. Durante il boom del dopo guerra le società decisero di non concentrarsi sulla supervisione del lavoro con il pretesto che la scelta dei clienti fosse limitata a un numero ristretto di prodotti e servizi e che queste potevano, dunque, permettersi di trascurare la produttività imponendo prezzi elevati. Negli anni 80, con la crescita della concorrenza, la situazione cambiò e le aziende si trovarono costrette a rifocalizzarsi sul contenimento dei costi e sulla garanzia della qualità dei prodotti e dei servizi. Per tenere sotto controllo il comportamento dei dipendenti in un contesto di crescita esponenziale della pressione finanziaria sui manager, le aziende hanno incrementato i mezzi di coercizione sotto forma di sistemi di reporting, indicatori di performance e un numero crescente di processi. Tuttavia, questi strumenti non solo non sono serviti a motivare i dipendenti, ma hanno anche causato un calo dell'impegno e una forma di ribellione passiva. In altre parole, si può dire che il livello di libertà è cresciuto nella società civile, mentre invece è diminuito nelle imprese. In questo contesto, il Barometro HR indica che la priorità principale del 67% dei Direttori HR intervistati riguarda la necessità di aumentare l'impegno dei dipendenti. Al tempo stesso, la crescente necessità delle aziende di migliorare le performance economiche ha portato ad una perdita di autonomia dei manager locali, costretti a dedicare una maggiore quantità di tempo a lavoro di tipo amministrativo a discapito della possibilità di stabilire contatti continuativi con i propri dipendenti. Inoltre, la natura prevalentemente finanziaria degli obiettivi delle aziende è legata alla mera valutazione individuale dei dipendenti, mentre la maggior parte del valore creato è generato dalle interazioni tra gli individui. Il 59% dei Direttori HR intervistati dichiara, dunque, di star tentando di ridefinire il ruolo dei manager locali. Concentrandosi principalmente sulla gestione per obiettivi, le aziende hanno commesso due errori: hanno ridotto le performance alla dimensione individuale, ignorandone la dimensione collettiva nel quadro complessivo dell'esecuzione delle diverse attività, e hanno privilegiato una strategia manageriale incentrata sulle singole figure piuttosto che sui problemi da risolvere. Oggi le aziende si stanno impegnando per riconciliare il bisogno di libertà e d'individualità delle generazioni più giovani con la necessità di ricreare un momentum collettivo. Riconoscendo il valore del gruppo ma premiando solo il singolo individuo le aziende non incontrano le aspettative dei dipendenti che, invece, desidererebbero ottenere sia il riconoscimento individuale sia la valutazione collettiva. 67% LA CRISI HA AIUTATO LE IMPRESE A RISCOPRIRE L'IMPORTANZA DEI DIPENDENTI, DELLA LORO MOTIVAZIONE E DEL LORO COMMITMENT. IL BAROMETRO HR INDICA CHE LA PRIORITA' PRINCIPALE DEL 67% DEI DIRETTORI HR INTERVISTATI RIGUARDA LA NECESSITA' DI AUMENTARE L'IMPEGNO DEI DIPENDENTI. 13

14 Come hanno reagito le aziende dopo la crisi del ? 76% L'IMPATTO IL 76% DEI DIRETTORI HR INTERVISTATI è CONVINTO CHE LA PRIORITA' PRINCIPALE DELLA FUNZIONE HR CONSISTA NELL'ACQUISIRE E TRATTENERE I TALENTI. OGGI LA CARENZA DI TALI TIPOLOGIE DI DIPENDENTI E' UN DATO DI FATTO E LE PREVISIONI FUTURE SONO ANCORA PREOCCUPANTI. SE ATTUALMENTE I TALENTI ECCEZIONALi SCARSEGGIANO, DOMANI DIMINUIRANNO ANCHE I TALENTI STANDARD. LA CRESCENTE CONSAPEVOLEZZA DELLE IMPRESE La crisi ha aiutato le aziende a riscoprire l'importanza dei propri dipendenti, della loro motivazione e del loro commitment. In primo luogo, i manager riconoscono i limiti di un sistema in cui le decisioni sono prese dall'alto, spesso in modo contraddittorio. In particolare, coloro che operano sul campo sono sempre più stanchi dei dictat imposti dai propri superiori e di instaurare con loro relazioni professionali basate esclusivamente sullo scambio di fogli elettronici. In secondo luogo, i manager riconoscono quanto sia difficile attrarre i talenti in azienda. Il 76% dei Direttori HR intervistati ritiene che la priorità assoluta della funzione HR consista nell'attirare e trattenere i talenti. Oggi la carenza di talenti è un dato di fatto e le previsioni future sono preoccupanti. Se attualmente i talenti eccezionali scarseggiano, domani diminuiranno anche i talenti standard. Inoltre, i manager devono valutare attentamente alcuni elementi paradossali del mondo attuale, ovvero il fatto che questo sia caratterizzato da un lato da una società sempre più individualista e dall'altro dall'esigenza sempre più forte di connessione sociale e di creazione collettiva manifestata dalle persone. In ultimo, esiste un malinteso su ciò che ogni azienda dovrebbe porsi come obiettivo. Oggi il profitto è percepito come uno, e non l'unico, indicatore in grado di definire il successo delle organizzazioni. Oltre a questo le imprese dovrebbero perseguire il progresso, ovvero impegnarsi nell'attuazione di progetti e sistemi di management basati su comportamenti esemplari, in cui il rispetto dell'individuo e il riconoscimento del lavoro svolto siano in cima alla lista delle priorità. Molte imprese hanno capito che per stimolare la motivazione sul lavoro è necessario allentare le redini, lasciare maggiore libertà ai manager che operano sul territorio e ristabilire un clima di fiducia all'interno dell'azienda. Le strutture di comando tradizionali non sono più adatte ai metodi di lavoro delle nuove generazioni. Per rimanere competitivi è imperativo virare da un'organizzazione di tipo gerarchico a un sistema di lavoro fondato sulla collaborazione. DELL' ORGANIZZAZIONE COLLABORATIVA NELLE IMPRESE Con l'avvento del social networking le imprese hanno inizialmente percepito solo l'opportunità di ridefinire i rapporti con i propri clienti, cercandovi nuove fonti di valore. In seguito, tale visione si è evoluta e questi strumenti sono stati identificati come un ottimo modo per porre fine a uno stile di management militaresco e restituire al lavoro la sua componente di interscambio personale. Poiché oggi le imprese hanno già ottimizzato la maggior parte dei propri processi, la prossima fonte da sfruttare per migliorare le performance risiede nell'intelligenza collettiva generata dai dipendenti. A sostegno di tale tesi, il 78% dei Direttori HR europei intervistati ha dichiarato che il Management aziendale si attende dalla funzione HR il miglioramento dell'efficacia della gestione dei dipendenti. In ambito HR, ad esempio, i social network facilitano il recruitment di profili altrimenti difficilmente identificabili e, al contempo, incoraggiano la mobilità interna, danno maggiore visibilità alle competenze, aiutano lo sviluppo di piani di formazione. Uno dei maggiori vantaggi derivanti dall'uso dei social network riguarda il commitment dei dipendenti. Instaurando legami con persone affini, questi si sentono più vicini all'azienda e, conseguentemente, più valorizzati e responsabili come professionisti. In questo modo i manager incoraggiano l'auto-affermazione, il coinvolgimento di tutti e l'impegno di quante più persone possibile nella creazione di un progetto aziendale che sia davvero condiviso da tutti. Il secondo vantaggio riguarda l innovazione innescata dal confronto e dal dialogo che viene a crearsi attraverso le reti sociali. Un social network interno contribuisce allo scambio di informazioni, alla creazione di comunità tematiche e al miglioramento del lavoro collaborativo, aiutando il processo di de-compartimentazione dell'azienda e rendendola più efficace. Un altro beneficio derivante dall'utilizzo dei social network in azienda riguarda l aumento della produttività in quanto tali strumenti rendono davvero semplice ed immediato lo scambio di best practice tra colleghi. Questi, infatti, non soltanto rispondono all'esigenza di scambio ed interazione dei dipendenti, ma supportano anche l obiettivo di miglioramento continuo che oggi sempre più imprese si pongono. In ultimo, i social network sfidano le gerarchie e spingono il management a supportare in maniera più decisa l affermazione della libertà di parola. Se è vero, infatti, che tali strumenti sconvolgono continuamente le modalità in cui viviamo, lavoriamo e interagiamo con gli altri, le aziende non possono più permettersi di non adattarsi a tali nuovi modelli e devono promuovere uno stile manageriale improntato sulla massima trasparenza. La sfida ora è costruire sufficiente fiducia per stimolare lo staff a comunicare apertamente con l'azienda e ad accettare critiche costruttive. I SOCIAL NETWORK FACILITANO IL RECRUITMENT DI PROFILI ALTRIMENTI DIFFICILMENTE IDENTIFICABILI E, AL CONTEMPO, INCORAGGIANO LA MOBILITA' INTERNA, DANNO MAGGIORE VISIBILITA' ALLE COMPETENZE, AIUTANO LO SVILUPPO DI PIANI DI FORMAZIONE. 14

15 E DOMANI: L'ECONOMIA DELL'ATTENZIONE Oggi le aziende sono impegnate in un profondo processo di riflessione. Sempre più consapevoli di non poter deludere le aspettative dei dipendenti, che desiderano lavorare anche attraverso gli strumenti che utilizzano ogni giorno nella propria vita privata, le imprese hanno compreso che è indispensabile poter discutere e scambiare pensieri e idee sul mondo del lavoro, su come questo è organizzato e svolto. Concentrarsi sui diversi compiti favorisce la condivisione dei significati e delle pratiche, migliorando quotidianamente la capacità di ascolto dell'azienda e favorendo lo sviluppo di relazioni umane più sincere e di un sano spirito di teamwork. Oggi le aziende non devono più tentare di controllare tutto, ma piuttosto ispirare e condividere. Siamo entrati nell'era dell'economia dell'attenzione. I termini scarsità e difficoltà non sono più applicabili alla mera ricerca di informazioni, ma riguardano piuttosto la capacità di elaborare e utilizzare correttamente queste stesse informazioni. Considerando che ogni rivoluzione tecnologica comporta delle paure, che i nativi digitali appaiono dispersi e che soltanto il 2,5% delle persone è effettivamente in grado di operare in modalità multi-tasking, sembra che le nuove generazioni dell'era digitale abbiano il talento necessario per operare in un'economia moderna. Queste nuove generazioni, meno facilmente influenzabili di quelle che le hanno precedute, sono più aperte alla cooperazione e abituate a operare all'interno delle reti. In futuro, tali elementi potrebbero rappresentare la chiave per porre fine al periodo buio della gestione delle risorse umane. Le strutture di comando tradizionali non sono più adatte ai metodi di lavoro delle nuove generazioni. Per rimanere competitivi è imperativo virare da un'organizzazione di tipo gerarchico a un sistema di lavoro fondato sulla collaborazione. 15

16 PRINCIPALI RISULTATI DEL BAROMETRO HR LA NONA EDIZIONE DEL BAROMETRO HR RIFLETTE CHIARAMENTE IL CLIMA DI RAFFORZAMENTO DELL'AUSTERITY E DI INNALZAMENTO DELLA DISOCCUPAZIONE VISSUTO DAI PAESI EUROPEI CUI AFFERISCONO I DIRETTORI HR INTERVISTATI. 1 2 RIORGANIZZAZIONI Le incertezze dell'economia globale obbligano le imprese a operare costanti riorganizzazioni e gravano sulle priorità dei Direttori HR europei. L'81% di loro colloca, infatti, il sostegno alle trasformazioni organizzative in cima alla propria lista di obiettivi. Da sottolineare, inoltre, il calo significativo dell'importanza assegnata alle priorità fondamentali della Funzione HR, quali ad esempio attirare e trattenere i talenti, che nel 2010 era stato indicato come obiettivo principale dall'88% dei Direttori HR contro il 76% del RIGORE Le aziende hanno implementato numerose misure di austerità per far fronte alla crisi. Nel 2011 il 58% dei Direttori HR intervistati ha ridotto la forza lavoro, rispetto al 37% rilevato nei due anni precedenti. Tuttora sussistono rallentamenti nel recruiting e blocchi delle assunzioni nel 64% dei casi. Nel 2011, inoltre, il 34% dei Direttori HR ha dichiarato di aver ridotto il budget dedicato alla formazione e il 31% delle aziende intervistate ha affermato di aver congelato i salari dei propri dipendenti. 16

17 3 4 5 HANDS-ON MANAGEMENT L'efficace gestione del field resta una top priority: il 78% dei Direttori HR ritiene che i propri obiettivi chiave riguardino la gestione efficace dei dipendenti e dei team, mentre il 77% cita il mantenimento di un ambiente di lavoro contraddistinto da un'atmosfera favorevole. Solo il 36% degli intervistati ha dichiarato che il Management si attende dalla Funzione HR una riduzione dei costi di esercizio della funzione stessa. CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Le preoccupazioni circa la qualità del Management locale si riflettono in parte negli argomenti percepiti come prioritari per le imprese intervistate. Per i Direttori HR la Corporate Social Responsibility figura al primo posto, citata dal 64% degli intervistati, seguita dall'evoluzione del ruolo dei Manager locali nel 59% dei casi. INTERNAZIONALIZZAZIONE L'integrazione delle filiali internazionali rappresenta una sfida per i grandi Gruppi: le aziende europee con filiali all'estero sono preoccupate della propria capacità di riuscire a incorporare le aziende acquisite in modo armonioso (18%), e/o stanno lavorando duramente per costruire una cultura comune (34%). Il 22% di esse si pone l'obiettivo di attrarre talenti anche nei mercati in via di sviluppo. 17

18 18

19 2è TEMPO DI OPPORTUNITà? BAROMETRO HR RiSULTATI 19

20 STRUTTURA DEL CAMPIONE DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO La ricerca è stata condotta su un campione di 80 aziende, di cui il 75% impiega dai ai dipendenti Da a dipendenti 4 % Oltre Oltre dipendenti dipendenti 5 % Da Da a dipendenti 16 % Da a dipendenti 75 % SUDDIVISIONE PER PAESI SETTORI MERCEOLOGICI Belgio Belgique 5 % Portogallo Portugal 5 % Lussemburgo Luxembourg 5 % Francia France 20 % Transports Trasporti 6 % Distribuzione Distribution 9 % Edilizia Bâtiment 1 % Industria Industrie 16 % Spagna Espagne 15 % Regno Royaume-Uni Unito 15 % Italia Italie 20 % Germania Allemagne 15 % Servizi Services 68 % 20

21 BAROMETRO HR CONDIZIONI ECONOMICHE E SOCIALI IL MIGLIORAMENTO DELLA SITUAZIONE DI MERCATO HA AVUTO IMPATTI POSITIVI SULLA SUA AZIENDA? Nel 2010, la crisi ha influenzato i progetti di investimento, tanto da rallentarli drasticamente o addirittura interromperli. Nel 2011, il miglioramento delle condizioni di mercato ha avuto un impatto positivo su tali progetti grazie alla ripresa degli investimenti. Il clima aziendale, significativamente deteriorato nel 2010, sta migliorando notevolmente nel Ripresa Reprise degli des investissements investimenti 31 % Miglioramento clima Amélioration du climat social aziendale 30 % Miglioramento Amélioration dei des risultati résultats 29 % Ripresa Reprise delle des assunzioni recrutements Aumento Hausse du del chiffre fatturato d'affaires 28 % Dans In larga une grande misura mesure 4- - Dans In una une moyenne certa misura mesure 3- - Dans Poco une faible mesure 2- - Dans Pochissimo une très faible mesure Pas Per du niente tout important Non Ne s applique applicabile pas Top (5+4) Top 2 (5+4) 25 % QUALI MISURE LEGATE ALL AUSTERITY SONO STATE IMPLEMENTATE NEL 2011? Il rallentamento del processo di assunzione è la misura maggiormente utilizzata nel La riduzione dell organico si posiziona al secondo posto, con una percentuale maggiore rispetto all anno precedente (58% nel 2011 rispetto al 37% del 2010). Rallentamento Ralentissement o interruzione / gel delle du recrutement assunzioni 64 % Riduzione Réduction dell organico des effectifs 58 % Aménagement Orari du di temps lavoro de flessibili travail 37 % Réduction Riduzione budget della formazione formation 34 % Congelamento Gel degli des stipendi salaires 31 % Arrêt du recours aux Blocco heures degli supplémentaires straordinari 31 % Cassa Chômage integrazione partiel 18 % Incitation à solder les Uscite congès incentivate/licenziamento payés / congès forcés 14 % Nessuna Aucune 8 %

22 PRIORITA DELLA FUNZIONE HR QUALI SONO LE MAGGIORI ASPETTATIVE DA PARTE DEL TOP MANAGEMENT? Le tre priorità principali della funzione HR restano le stesse evidenziate anche lo scorso anno: la gestione efficace del personale e dei team di lavoro, lo sviluppo di un clima positivo sul luogo di lavoro e il miglioramento dell efficacia dei processi di gestione HR. Contribuire ad un'efficace gestione del personale e dei Concourir à l'efficacité du management des collaborateurs team et des di équipes lavoro 78 % Preservare e sviluppare Assurer un le maintien clima positivo et le développement sul luogo di d'un bon climat social lavoro 77 % Améliorer l'efficacité des processus de gestion RH Migliorare l efficacia dei processi di gestione HR 70 % Sviluppare uno spirito di Développer adattamento la capacité dei dipendenti d'adaptation e des collaborateurs et des équipes dei team di lavoro 70 % Migliorare l allineamento Améliorer delle l'alignement policy HR des con politiques la strategia RH sur la stratégie de l'entreprise aziendale 64 % Ridurre i costi operativi della funzione HR Réduire les coûts de fonctionnement de la fonction RH Développer Sviluppare les politiques policy HR RH à internazionali l'international 17 % 36 % 5 - Absolument Priorità altaprioritaire 4 - Prioritaire Priorità 3 - Moyennement Priorità media prioritaire 2 - Peu Priorità prioritaire bassa 1 - Pas Non du è tout una prioritaire priorità Top 2 (4+5) QUALI SONO LE PREOCCUPAZIONI LEGATE ALLO SVILUPPO INTERNAZIONALE DELLA SUA AZIENDA? Nel 2011 sviluppare una cultura Corporate e attrarre talenti in mercati emergenti mantengono la stessa posizione del Tuttavia, l integrazione delle società acquisite a livello internazionale, che nel 2010 si posizionava come ultima priorità, nel 2011 si trova, invece, al quarto posto. Tale dato testimonia come l implementazione di policy HR a livello internazionale continui ad avere sempre maggiore importanza. Sviluppare una cultura Corporate a livello internazionale Le développement d'une culture de groupe 34 % Attrarre talenti in mercati emergenti L'attraction des talents dans les marchés en développement 22 % Identificare opportunità offerte da culture diverse L'identification des potentiels dans les différentes cultures Integrare le società acquisite a livello internazionale L'intération de nouvelles acquisitions à l'international Trovare il punto di equilibrio tra policy Corporate e locali L'équilibre entre politiques groupe / politiques locales Mobilità internazionale La mobilité internationale Internazionalizzare le posizioni manageriali L'internalisation des postes de dirigeants Coordinare la Funzione HR a livello internazionale L'animation de la fonction RH à l'international 20 % 18 % 17 % 17 % 16 % 14 % 5 - Absolument Priorità altaprioritaire 4 - Prioritaire Priorità 3 - Moyennement Priorità media prioritaire 2 - Peu Priorità prioritaire bassa 1 - Pas Non du è tout una prioritaire priorità Non Ne s applique applicabile pas à mon entreprise Top 2 (4+5) Sviluppare un dialogo sociale a livello internazionale Le développement d'un dialogue social international 12 % 22

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Quale evoluzione nelle aziende europee? II edizione - Dicembre 2010 Autori: Sara Faglia Federico Pezzolato Kristina Svanteson INDICE Principali

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli