Corso aggiornamento OMCT A.Kuhrmeier

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier"

Transcript

1 Corso aggiornamento OMCT A.Kuhrmeier

2

3

4 It is predicted that over the course of the next 20 years obesity will be the #1 health problem throughout the world 4

5 Terapia a breve termine dell obesità non risulta in una perdita di peso a lungo termine aloneehavior therapy Combined therapy -20 Baseline End of Treatment 1-year Follow-up 5-year Follow-up

6 Fed up with how her diet is going Charlene takes a more serious aim at her target weight.

7 Surgery Outcomes - Ability to Maintain Weight Loss Shah, et.al. J Clin Endocrinol Metab 91: ,

8

9 Metabolic Surgery What are the Metabolic Consequences? 9

10 Ann.Surg. Vol 251 number 3 March 2010 Eric J. De Maria

11

12

13 Obesita`e diabete mellito 400 mio abitanti obesi (BMI 30 Kg/m²) abitanti sovrappeso (BMI 25 Kg/m²) Costi USA 2008: 147 mrd$ (9,1% costi totali sanità) Proiezioni 2030: mrd $(15,8%- 17,6% costi totali sanità) - Karra E et al J physiol Finkelstein EA et al Health Aff Wang Y et al Obesity 2008

14 Obesita`e Diabete Mellito 285 mio di persone con Diabete mellito Proiezione 2030:438 mio persone con diabete mellito (7,8% della popolazione mondiale adulta) Attualmente India in testa per la prevalenza con 51 mio, seguita da Cina con 43 mio e USA con 25,8 mio. Costi:USA mrd $ 12% dei costi mondiali per la sanità! - Zhang P et al Diabetes res clin pract Farag JM et al Nephrol Dial Transplant 2011

15 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1994 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

16 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1995 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

17 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1996 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

18 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1997 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

19 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1998 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

20 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1999 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

21 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2000 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

22 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2001 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

23 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2002 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

24 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2003 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

25 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2004 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

26 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2005 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

27 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2006 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

28 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2007 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

29 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2008 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

30 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2009 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

31

32 Diabesity surgery 67% dei pazienti con DM II hanno un BMI>35 kg/m² SOS:diminuzione del rischio di sviluppare diabete>3 volte.risoluzione del diabete 3 volte piu` frequente a 10 anni. - Owens IMet al Crit Care Nurs Sjostrom L et al N Engl J Med 2004

33 Diabesity Surgery L effetto metabolico della chirurgia bariatrica con un drammatico effetto sul controllo delle glicemie è ben documentato nei pazienti diabetici sottoposti a Bypass gastrico! Fino all 85 % dei pazienti diabetici sottoposti a un intervento di bypass gastrico hanno un miglioramento (risoluzione?) del loro diabete.

34 T2DM & THE METABOLIC EFFECTS OF BARIATRIC SURGERY 34 Bariatric Surgery Efficacy Author Procedure Resolution Pories et al 1995 Gastric Bypass 89% Torquati et al 2005 Gastric Bypass 74% Schauer et al 2003 Gastric Bypass 82% Sugerman et al 2003 Gastric Bypass 86% Dixon et al 2003 Lap Band 64% Gagner (unpublished) Sleeve Gastrectomy 65%

35 Diabesity Surgery Meccanismi: Miglioramento nella secrezione di insulina e nella sensitività dell insulina. Ormoni intestinali Adipochine Consumo energetico Appetito Preferenza per cibi con indice glicemico basso - Le Roux et al Ann Surg Bueter et al Gastroenterology Steele KE et al Obes Surg Cummings DE Surg Obes relat Dis 2007

36 Diabesity Surgery Effetto metabolico sulla sensitività dell insulina: Obesità porta a una diminuzione dell effetto dell insulina in circolazione «insuline resistance» Non sufficiente produzione di insulina nelle cellule beta pancreatiche T2DM Differenti varianti anatomiche causate da un intervento in chirurgia bariatrica portano a cambiamenti nel profilo degli ormoni intestinali.

37 Chirurgia bariatrica (e metabolica?)

38 Diabesity Surgery Foregut hypothesis: L esclusione del duodeno e del digiuno prossimale porta ad uno stato euglicemico in ratti diabetici e non-obesi.(rubino) Dopo il ristabilimento del passaggio del cibo vi è un ritorno del fenotipo diabetico. GLP-1(Glucagon like peptide-1), PYY 3-36(peptide tyrosine tyrosine), e adiponectin Supporto teorico che un Bypass gastrico porti a effetti ormonali indipendenti dalla perdita di peso.

39 Diabesity surgery Rubino et.al, Ann Surg,

40 Endoluminal Sleeve - EndoBarrier Food bypasses the duodenum and proximal jejunum CONFIDENTIAL

41 Diabesity surgery Hindgut hypothesis: Miglioramento dell omeostasi del glucosio causato da cambiamenti a livello di circolazione degli ormoni dell intestino distale. Interposizione di un segmento di ileo nel digiuno prossimale (Koopmans) Entrata in contatto del cibo molto piu rapidamente con l intestino distale. GLP-1 e PYY ( della secrezione di insulina e soppressione del rilascio di glucagone da parte delle cellule L nell intestino tenue distale e nel colon)

42 Diabesity surgery Mason E. Obes Surg , Rubino et.al, Ann Surg,

43 Ghrelin Endogenous growth hormone secreatagogue Produce primarily by stomach An appetite stimulant Increase after pure gastric restrictive procedures Decrease after gastric bypass

44 Glucagon-like-peptide-1(GLP-+1) An incretin and product of the preproglucagon gene Secreted by L cells in distal small bowel and colon One of the most potent substances to increase insulin secretion from β-cells of the pancreas GLP-1 increase after gastric bypass due to undigested nutrients contact with distal small bowel and colon

45 Peptide YY (PYY) Is a member of neuropeptide Y (NPY) family Secreted by gut mucosal endocrine cells postprandrially in proportion to calorie intake and is converted to PYY3-36 by enzyme dipeptidyl peptidase IV Powerful appetite suppressant Increase after all bariatric surgery

46 Chirurgia bariatrica Bendaggio gastrico Palloncino gonfiabile tramite port sottocutaneo,all inter -no del bendaggio Perdita ponderale 50% del peso in eccesso

47 Bendaggio gastrico Ghrelin GLP-1 PYY

48 Chirurgia bariatrica Complicanze: Perforazione gastrica Stomach slippage Ostruzione dello stoma Dilatazione dell esofago e della tasca Erosione Necrosi della tasca gastrica Complicazioni relative al tubo di connessione e al serbatoio Perdita di compliance e risultati insufficienti

49 Chirurgia bariatrica Controlli: Regolari mensili Perdita ponderale nell arco di due anni Tasso di successo 50-60% decrescente con il tempo 3% tasso di asportazione annuale Mortalità 0,06 %

50 Chirurgia bariatrica Bypass gastrico prossimale Grandezza del pouch ml Apertura del pouch ca 1,3 cm Lunghezza dell ansa alimentare 1-2 metri Perdita ponderale 70% del peso in eccesso.

51 Bypass-gastrico Ghrelin GLP-1 PYY

52 Gastric Bypass 1. Isolation of gastric cardia CONFIDENTIAL

53 Gastric Bypass 2. Exclusion of distal stomach CONFIDENTIAL

54 Gastric Bypass 3. Exclusion of duodenum and proximal jejunum CONFIDENTIAL

55 Gastric Bypass 4. Exposure of distal jejunum to undigested nutrients CONFIDENTIAL

56 Chirurgia bariatrica Complicazioni A breve: Insufficienza anstomotica 1-5% Dilatazione gastrica acuta Emorraggia Ostruzione mortalità 0,3-0,5%

57 Chirurgia bariatrica Complicazioni Tardive: Restringimento dell anastomosi,vomito 15% Ulcera anastomotica 13% Esofagite Anemia:deficit di acido folico,vit. B12,ferro Deficit di calcio,osteoporosi Formazione di calcoli alla cistifellea Ernie interne

58 Sleeve-Gastrectomia

59 Sleeve-gastrectomia Ghrelin GLP-1 PYY

60 Sleeve gastrectomia Formazione di tubo gastrico Passaggio duodenale rimane Perdita ponderale ca 60% del peso in eccesso Trasformabile in diversione biliopancreatica o bypass gastrico.

61 Sleeve-Gastrectomia Complicazioni Insufficienze della sutura 1-5% Emoraggie Infezioni Riflusso

62 Chirurgia bariatrica Diversione biliopancreatica con duodenal switch Tubo gastrico Ansa alimentare ca.2 metri Ansa biliare ca. 5 metri Common channel oltre 50 cm Perdita ponderale 80% del peso in eccesso.

63 Chirurgia bariatrica Compicazioni Mancanza di proteine 15% Anemia <5% Ulcere anastomotiche <3% Neuropatia periferica 1,3% Cecità notturna 3% Osteoporosi 14% Nausea e diarrea (primi 6m) 60% Manacanza vit.a,d,e,k Mortalità 1,1%

64 Chirurgia bariatrica Indicazioni secondo catalogo delle prestazioni Età : da adolescenza fino oltre 70 anni BMI >35 2 anni di diete controllate complessivamente Malattia associata all obesità non necessaria.

65 Chirurgia bariatrica Controindicazioni Disturbi mentali Obesità secondarie Etilismo e/o tossicomania Elevato rischio operatorio Patologie intestinali gravi Insufficienza renale ed epatica Ulcera peptica attiva

66 Chirurgia bariatrica Complicanze generali legate alla chirurgia bariatrica Depressione postoperativa Cibo Relazioni personali Perdita capelli Generalmente temporanea A causa di :proteine,vit.a,minerali Pelle in eccesso

67 Simposio sulla chirurgia per il diabete-roma 3/2007 Panel internazionale di esperti (chirurghi,endocrinologi,ricercatori)(21 chirurghi,27 non chirurghi) Punti principali di consenso: Modificazioni anatomiche del tratto digestivo probabilmente contribuiscono al miglioramento del DMT2 attraverso meccanismi fisiologici diversi. Procedure come il bypass gastrico possono migliorare il diabete attraverso meccanismi oltre il cambiamento del peso o dell assunzione di cibo. La chirurgia gastrointestinale puo` essere appropriata nel trattamento del DMT2 in pazienti scelti per la chirurgia bariatrica con BMI con cattivo contollo della malattia in modo conservativo.

68 Diabesity surgery Consider bariatric surgery for adults with BMI>35kg/m² and type 2 diabetes (B) After surgery, life long lifestyle support and medical monitoring is necessary (E) Insufficient evidence to recommend surgery in patients with BMI<35 kg/m² outside of a research protocol (E) Well-designed, randomized controlled trials comparing optimal medical/lifestyle therapy needed to determine long-term benefits,costeffectivness, risks (E) - ADA.V. Diabetes Care. Diabetes Care 2011;34(suppl 1):s26.

69 T2DM & THE METABOLIC EFFECTS OF BARIATRIC SURGERY Bariatric Surgery Efficacy Author Intervention Resolution Failure more likely with. Pories et.al Gastric Bypass 89% Older patients; long standing disease Dixon et.al 2003 Lap Band 64% Less weight loss; long standing disease Schauer et.al Gastric Bypass 82% Long standing disease; disease severity; insulin usage 69

70 Dibesity surgery La durata del DM preop. Come il livello del C-peptide hanno un influsso sul successo postop. I Pazienti con DMII dopo l intervento hanno meno complicanze in relazione al DM. E sopravvivono piu a lungo. - Muciejenski ML Surg Obes Relat Dis Mac Donald KI J Gastroenterolocical Surg Christou NV Ann Surg Flumm D J Am Coll Surg 2004

71 Diabesity surgery Minore è il tempo che trascorre tra la presenza del diabete e l intervento piu alto è il successo della terapia chirurgica. RYGB induce alla remissione del diabete nel 95% dei casi dove la durata del diabete è inferiore a 5 anni ma solo del 54% nei pazienti con diabete da>oltre 10 anni! - Schauer PR Ann Surg 2003

72 Use of diabetes medication before and after bariatric surgery Makary, M. A. et al. Arch Surg 2010;145:

73 Diabesity surgery Effetto sul diabete in pazienti con BMI<35 Risoluzione 89,8% in pazienti con diabete controllato con dieta. Risoluzione 82,7% in pazienti controllati con terapia antidiabetica orale. Risoluzione 57,5 in pazienti controllati con insulina - Carbonell A et al Surg Obes Relat Dis 2008

74 45% of DM 2 BMI < 30 USA 9 mio BMI > 40 ; 2% treated ( ) 1.6 mio nuovi diabetici all anno negli USA Domande: La chirurgia cura il diabete o semplicemente porta a un miglior controllo dell iperglicemia? Risultati a lungo termine? Quale è l intervento migliore? Malnutrizione?

75 Diabesity surgery Chirurgia bariatrica soluzione? USA <0,4% dei 22 milioni di pazienti eligibili sono stati operati (2006) Occorrerebbero 5500 chirurghi bariatrici con 400 interventi all anno per operare tutti i pazienti. - Martin M Surg Obes Relat Dis 2010

76 Diabesity surgery Pazienti con BMI< 35kg/m² Risultati promettenti in piccoli studi (case series), ma mancanza di studi importanti multicentrici. 235 paz con BMI tra 30 e 35kg/m² e diabete risultati a breve buoni sopratutto per il Bypass gastrico in confronto con il bendaggio.(6-12 mesi) - Demaria EJ et al Ann Surg 2010

77 Diabesity surgery Attenzione! Bisogna essere sicuri che si tratti di un diabete tipo II. Ca 10% di tutti i diabetici tra 30 e 55 anni soffrono di un diabete latente autoimmune dell adulto.prevalenza con BMI basso.l intervento in questi casi potrebbe essere controproducente e portare a ipoglicemie importanti. - Deitel M Obes Surg 2008

78 Diebesity surgery Risoluzione del diabete 95,1% in BPD/DS 80,3% in Bypass gastrico 56,7% in bendaggio Calo del 90% nella mortalità causata dal diabete - Buchwald H et al Am J Med Adams TD et al N Engl J Med 2007

79 Diabesity surgery Definizione di risoluzione prima del 2009: Abbandono della medicazione antidiabetica. Glicemia a digiuno 5,6mmol/l o livello HbA1c<6%

80 Diabesity surgery Nuova definizione: Remissione parziale:iperglicemia (HbA1c<6,5% e glicemia a digiuno 5,6-6,9 mmol/l) almeno a 1 anno dopo chiurgia e in assenza di una terapia antidiabetica. Remissione completa: metabolismo glicemico normale (HbA1c< 6% e glicemia a digiuno< 5,6 mmol/l) almeno 1 anno dopo intervento e in assenza di terapia antidiabetica. Remissione prolungata: remissione completa almeno 5 anni dopo intervento. - BuseJB et al Diabetes Care 2009

81 Diabesity surgery Analisi sulla base della nuova definizione: 209 pazienti DMII, follow up mediano 23mesi 72 (34,4%) remissione completa 40,6% dopo bypass gastrico 26% dopo sleeve gastrectomy 7% dopo bendaggio gastrico - Pournaras DJ et al Brit J Surg 2012

82 Diabesity surgery Conclusione: Standardizzazione delle definizioni sia remissione parziale o totale. Forse chirurgia bariatrica strumento soprattutto per il controllo glicemico. Forse soprattutto riduzione delle complicanze micro e macrovascolari. Effetto chiaramente migliore in pazienti con storia breve di diabete mellito II

83 Diabesity surgery Conclusioni: Probabilmente effetto migliore in pazienti con BMI superiore. Risultati a breve comunque impressionanti. Decorso dei pazienti a lungo termine potrà probabilmente definire il posto della chirurgia metabolica nella terapia del diabete mellito Tipo II.

84 Chirurgia bariatrica

85 Chirurgia metabolica Pre-operative Medications Post-operative Medications

86

87

88

89 Enterokinins and their metabolic effects

90

91

92

93 Diabesity surgery

94 Chirurgia bariatrica (e metabolica?) Chirurgia matabolica? >80% diabete mellito tipo II scompare dopo gastric bypass! >90% nella diversione biliopancreatica

95 Early post.op. outcome of metabolic surgery to treat diabetes (Eric J. De Maria et al Ann surg vol 252 nr.3 september pt jun jun 2009 BMI 30 < 35 (1,2%=794) and diabetes requiring any medication 235 pt 109 banding, 109 bypass Bypass superior in weight loss and diabetes remission but more frequent complications. No mortality and most complications minor.

96 Chirurgia bariatrica BMI -Definizione Peso/m2 BMI sovrappeso BMI 30 e oltre obeso Gr.I 30-34,9 Gr.II 35-39,9 Gr.III 40

97 Gastric Bypass: Five Operations CONFIDENTIAL

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 Maccagno, 20-21 Aprile 2012 Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione Facciamo quadrato intorno al Diabete Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 E. Piantanida Università degli Studi

Dettagli

Il Diabete Mellito e la remissione a cura del Comitato Scientifico di Diabete Italia

Il Diabete Mellito e la remissione a cura del Comitato Scientifico di Diabete Italia Sempre più frequentemente siamo raggiunti da messaggi che parlano di GUARIGIONE DEL DIABETE. Cosa c è di vero? Diabete Italia è stata interpellata e coglie l occasione per fare il punto della situazione

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione G Chir Vol. 30 - n. 4 - pp. 133-140 Aprile 2009 editoriale La chirurgia metabolica A.L. GASPARI, N. DI LORENZO, P. GENTILESCHI, I. CAMPERCHIOLI Introduzione Secondo gli ultimi dati della Organizzazione

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40).

Dettagli

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C.

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C. PRELIMINARY EVALUATION OF GHRELIN (GH) GENE AND PROTEIN EXPRESSION IN THE SURGICAL SPECIMEN, AND GHRELIN SERUM CONCENTRATION AFTER PRIMARY OR REVISIONAL LAPAROSCOPIC SLEEVE GASTRECTOMY (LSG) N. Porta²,

Dettagli

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 OBESITA condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 Obesità lieve (BMI tra 30 e 34,9) Obesità moderata (BMI tra 35 e 39,9) Obesità grave (BMI 40 e oltre) l obesità centrale, in cui il grasso si accumula

Dettagli

Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa

Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa Opinioni a confronto A cura di Stefano Del Prato Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa Chirurgia bariatrica per il diabetico

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 MeDia 2015;15:84-90 84 pratica professionale La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 Riassunto La chirurgia bariatrica è al momento la più efficace strategia terapeutica per l ottenimento

Dettagli

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi Prevalenza

Dettagli

Soluzioni: Terapia farmacologica

Soluzioni: Terapia farmacologica Maria Grazia Zenti UOC Endocrinologia e Malattie Metaboliche, AOUI Verona Simposio 2. Recidive del diabete dopo terapia chirurgica Soluzioni: Terapia farmacologica Background La chirurgia bariatrica consente

Dettagli

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento Italian Health Policy Brief SPECIALE marzo 2012 Italian Health Policy Brief Due nuove classi di farmaci per il trattamento del diabete tipo 2: differenze farmacologiche e cliniche Sintesi con commento

Dettagli

Effetti di diverse tecniche di Chirurgia Bariatrica sull Omeostasi Metabolica in pazienti Obesi

Effetti di diverse tecniche di Chirurgia Bariatrica sull Omeostasi Metabolica in pazienti Obesi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI MEDICINA Scuola di Dottorato in Scienze della Vita e della Salute Dottorato in Scienze Mediche Cliniche e Sperimentali CICLO XXVI TITOLO DELLA TESI DI DOTTORATO

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

Sul piano istopatologico, i NET si suddividono in NET ben differenziati e scarsamente differenziati.

Sul piano istopatologico, i NET si suddividono in NET ben differenziati e scarsamente differenziati. I tumori neuroendocrini sono un gruppo eterogeneo di tumori rari, con incidenza annuale di 4-5 nuovi casi ogni 100.000 abitanti. Colpiscono le cellule del sistema neuroendocrino diffuso, specializzate

Dettagli

ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2

ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2 ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2 SITAGLIPTIN (Januvia, Tesavel ) Sitagliptin è un farmaco anti-iperglicemico di nuova classe, inibitori della dipeptidil

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 Bologna 22 febbraio 2014 Ida Blasi Diabetologia & Metabolismo U.O. C. di Medicina Interna Direttore: Stefano Bombarda Ospedale

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

The ten top countries in the world have one thing in common

The ten top countries in the world have one thing in common TRIALS CLINICI SUL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL DIABETE Dott. Nicola Di Lorenzo UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA The ten top countries in the world have one thing in common Basso, Mag 01 Innovation in Surgery

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2

IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 Ambulatorio Malattie Dismetaboliche 2142 soggetti OGTT Ambulatorio Malattie Dismetaboliche 2142 soggetti OGTT 1069 NGT

Dettagli

CASO CLINICO Alessandro Ciresi

CASO CLINICO Alessandro Ciresi Nuovi orientamenti terapeutici nel fallimento secondario agli ipoglicemizzanti orali: Analoghi dell insulina CASO CLINICO Alessandro Ciresi Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche

Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche Convegno SID-AMD Lazio 2014 Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche Roma Eventi Fontana di Trevi, 26-27 settembre 2014 Daniela Bracaglia Centro di Diabetologia

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

La diversione bilio-pancreatica 30 anni dopo

La diversione bilio-pancreatica 30 anni dopo CAPITOLO 22 La diversione bilio-pancreatica 30 anni dopo Nicola Scopinaro State contenti, umana gente, al quia; ché se potuto aveste veder tutto, mestier non era parturir Maria; Dante Alighieri, Divina

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

COME PERDERE GRASSO SENZA PERDERE MASSA MAGRA (MUSCOLI)

COME PERDERE GRASSO SENZA PERDERE MASSA MAGRA (MUSCOLI) Savigliano, 16 aprile 2011 COME PERDERE GRASSO SENZA PERDERE MASSA MAGRA (MUSCOLI) ENRICO ARCELLI Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Milano COME DIMAGRIRE SENZA PERDERE MUSCOLI Parlerò

Dettagli

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Presentazione Obesità Meccanismo d azione Riduzione dell appetito PinnoThin Risultati Applicazioni Claims Obesità

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Quando i fatti cambiano, io cambio il mio modo di pensare e voi cosa fate?. (Keines) Una delle prime cose da fare nella gestione del

Dettagli

L'infermiere e la chirurgia bariatrica dott.ssa Rossella Stoico 1 L obesità crea un enorme fardello psicologico In termini di sofferenza, questo peso può essere considerato il più grande effetto avverso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Il futuro del diabete mellito tipo 2 UN PAZIENTE, UNA TERAPIA Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Metformina: 1 a scelta Metformina: farmaco preferito dalle linee-guida efficacia sul compenso

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche)

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) 1 CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) In questo fascicolo vengono fornite informazioni sulla terapia chirurgica dell Obesità al fine di

Dettagli

Diabete gestazionale

Diabete gestazionale Diabete gestazionale Obiettivi terapeutici Raffaele Volpe U.O.Endocrinologia A.O.R.N. A.Cardarelli Napoli International Association of Diabetes and Pregnancy Study Groups Recommendations on the Diagnosis

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV)

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) Il diabete mellito è formato da un gruppo eterogeneo di disturbi metabolici

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica ARTICOLI ORIGINALI Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 241-246 Francesco

Dettagli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE Do#. Antonio Verginelli In Italia, come in tu5 i Paesi a elevato livello socio- economico, le patologie non trasmissibili sono, a#ualmente quelle che incidono maggiormente

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

LA CHIRURGIA BARIATRICA GASTRORESTRITTIVA Vantaggi clinici per il paziente obeso

LA CHIRURGIA BARIATRICA GASTRORESTRITTIVA Vantaggi clinici per il paziente obeso LA CHIRURGIA BARIATRICA GASTRORESTRITTIVA Vantaggi clinici per il paziente obeso Dott. Paolo Torelli Dott. Fabrizio Lazzara Dott.ssa Francesca Mandolfino Alternative chirurgiche Bypass Gastrico Gastric

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito. La terapia del Diabete Mellito

Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito. La terapia del Diabete Mellito Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito La terapia del Diabete Mellito Arezzo 25 Settembre 2010 Dott. M. Aimi Definizione del Diabete Mellito Il D.M. è una malattia metabolica

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

MONITORAGGIO FARMACEUTICO. La farmacoepidemiologia delle incretine nella Asl BAT

MONITORAGGIO FARMACEUTICO. La farmacoepidemiologia delle incretine nella Asl BAT MONITORAGGIO FARMACEUTICO La farmacoepidemiologia delle incretine nella Asl BAT Rosa Maria Paola Antifora* Arianna Mazzone* I farmaci analoghi del GLP-1 e inibitori delle DPP-4 sono stati sviluppati al

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

CONTROLLO GLICEMICO E ANTIDIABETICI ORALI. Lucia Ricci

CONTROLLO GLICEMICO E ANTIDIABETICI ORALI. Lucia Ricci CONTROLLO GLICEMICO E SICUREZZA DEI FARMACI ANTIDIABETICI ORALI Lucia Ricci Trattamento all esordio Definizione TARGET Educazione Stile di vita Monitorizzazione TRATTAMENTO ALL ESORDIO: MEMORIA PERSEGUIRE

Dettagli

Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2

Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2 DIABETE E PRESSIONE ARTERIOSA: MANAGEMENT DEI PRICIPALI PROBLEMI CORRELATI TRANI, 27-28 GENNAIO 2012 Auditorium S. Luigi Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2 Salvatore A. De Cosmo Dipartimento

Dettagli

CUSHING IATROGENO: L APPROCCIO TERAPEUTICO ED IL FOLLOW-UP. Alberto G. Ambrogio

CUSHING IATROGENO: L APPROCCIO TERAPEUTICO ED IL FOLLOW-UP. Alberto G. Ambrogio CUSHING IATROGENO: L APPROCCIO TERAPEUTICO ED IL FOLLOW-UP Alberto G. Ambrogio Anniversary: 50 years of glucocorticoid treatment in rheumatoid arthritis The impact of this event has been captured [2] by

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini. 28-03-2015, ore 9,00-13 Rimini, Sala Conferenze SGR via Chiabrera 34

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini. 28-03-2015, ore 9,00-13 Rimini, Sala Conferenze SGR via Chiabrera 34 Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini Titolo Evento : Nuove prospettive terapeutiche per epatite C Ambulatorio piede diabetico: punto della situazione Diabete Mellito II: le regole

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE STENOSI DELL INTESTINO TENUE NELLA MALATTIA DI CROHN MEDIANTE STRICTUROPLASTICA

TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE STENOSI DELL INTESTINO TENUE NELLA MALATTIA DI CROHN MEDIANTE STRICTUROPLASTICA TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE STENOSI DELL INTESTINO TENUE NELLA MALATTIA DI CROHN MEDIANTE STRICTUROPLASTICA LA MALATTIA DI CROHN E UNA MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA DELL INTESTINO CHE COLPISCE PREVALENTEMENTE

Dettagli

Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit

Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit Università) Ivana Zavaroni DAI Medico Polispecialistico 1 Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

Il rapido incremento dell obesità, verificatosi nei

Il rapido incremento dell obesità, verificatosi nei Gestione dietetico-nutrizionale dei pazienti con diabete tipo 2 e obesità sottoposti a interventi di chirurgia bariatrica Mariella Cotugno, Roberta Lupoli, Gabriella Nosso, Giulio Vitagliano, Gennaro Saldalamacchia,

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

Mix Esc lusivo di. Carboidrati a lento rilascio. Carboidrati a lento rilascio (Sucromalt & Fibersol ) F Glu Glu Glu. Tempo (ore)

Mix Esc lusivo di. Carboidrati a lento rilascio. Carboidrati a lento rilascio (Sucromalt & Fibersol ) F Glu Glu Glu. Tempo (ore) Triple Care Sucromalt Mix Esc lusivo di Carboidrati a lento rilascio Fibersol Il Sucromalt è prodotto con un processo enzimatico brevettato a partire da saccarosio e maltosio, ed è costituito da un mix

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica Vicenza, 5 Ottobre 2013 Dott.ssa Anna Belligoli Unità Bariatrica Padova Interventi: restrittivi/malassorbitivi

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

Dr.ssa Mara Fornasarig

Dr.ssa Mara Fornasarig I TUMORI RARI GIST: Percorso diagnostico-terapeutico 5 novembre 2015 Dr.ssa Mara Fornasarig S.O.C. Gastroenterologia Oncologica CRO - ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO GIST GENERALITA I GIST appartengono

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 Il Diabete Mellito Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Diabete Mellito Il diabete mellito è caratterizzata

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI Razionale Il diabete mellito è uno dei maggiori problemi sanitari dei paesi economicamente evoluti e la cui prevalenza è in

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Lo sport e il diabete mellito tipo 1 Valeria Grancini

Lo sport e il diabete mellito tipo 1 Valeria Grancini Lo sport e il diabete mellito tipo 1 Valeria Grancini U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano il diabete mellito tipo 1 è una malattia

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU. Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo

DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU. Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU DIABETE E GRAVIDANZA Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo Screening e diagnosi di Diabete Gestazionale Raccomandazioni per lo screening

Dettagli