Corso aggiornamento OMCT A.Kuhrmeier

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier"

Transcript

1 Corso aggiornamento OMCT A.Kuhrmeier

2

3

4 It is predicted that over the course of the next 20 years obesity will be the #1 health problem throughout the world 4

5 Terapia a breve termine dell obesità non risulta in una perdita di peso a lungo termine aloneehavior therapy Combined therapy -20 Baseline End of Treatment 1-year Follow-up 5-year Follow-up

6 Fed up with how her diet is going Charlene takes a more serious aim at her target weight.

7 Surgery Outcomes - Ability to Maintain Weight Loss Shah, et.al. J Clin Endocrinol Metab 91: ,

8

9 Metabolic Surgery What are the Metabolic Consequences? 9

10 Ann.Surg. Vol 251 number 3 March 2010 Eric J. De Maria

11

12

13 Obesita`e diabete mellito 400 mio abitanti obesi (BMI 30 Kg/m²) abitanti sovrappeso (BMI 25 Kg/m²) Costi USA 2008: 147 mrd$ (9,1% costi totali sanità) Proiezioni 2030: mrd $(15,8%- 17,6% costi totali sanità) - Karra E et al J physiol Finkelstein EA et al Health Aff Wang Y et al Obesity 2008

14 Obesita`e Diabete Mellito 285 mio di persone con Diabete mellito Proiezione 2030:438 mio persone con diabete mellito (7,8% della popolazione mondiale adulta) Attualmente India in testa per la prevalenza con 51 mio, seguita da Cina con 43 mio e USA con 25,8 mio. Costi:USA mrd $ 12% dei costi mondiali per la sanità! - Zhang P et al Diabetes res clin pract Farag JM et al Nephrol Dial Transplant 2011

15 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1994 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

16 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1995 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

17 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1996 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

18 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1997 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

19 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1998 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

20 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 1999 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

21 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2000 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

22 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2001 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

23 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2002 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

24 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2003 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

25 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2004 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

26 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2005 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

27 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2006 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

28 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2007 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

29 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2008 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

30 Age-adjusted Percentage of U.S. Adults Who Were Obese or Who Had Diagnosed Diabetes 2009 Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) Diabetes Missing Data <14.0% % % % 26.0% Missing data <4.5% % % % 9.0% CDC s Division of Diabetes Translation. National Diabetes Surveillance System available at

31

32 Diabesity surgery 67% dei pazienti con DM II hanno un BMI>35 kg/m² SOS:diminuzione del rischio di sviluppare diabete>3 volte.risoluzione del diabete 3 volte piu` frequente a 10 anni. - Owens IMet al Crit Care Nurs Sjostrom L et al N Engl J Med 2004

33 Diabesity Surgery L effetto metabolico della chirurgia bariatrica con un drammatico effetto sul controllo delle glicemie è ben documentato nei pazienti diabetici sottoposti a Bypass gastrico! Fino all 85 % dei pazienti diabetici sottoposti a un intervento di bypass gastrico hanno un miglioramento (risoluzione?) del loro diabete.

34 T2DM & THE METABOLIC EFFECTS OF BARIATRIC SURGERY 34 Bariatric Surgery Efficacy Author Procedure Resolution Pories et al 1995 Gastric Bypass 89% Torquati et al 2005 Gastric Bypass 74% Schauer et al 2003 Gastric Bypass 82% Sugerman et al 2003 Gastric Bypass 86% Dixon et al 2003 Lap Band 64% Gagner (unpublished) Sleeve Gastrectomy 65%

35 Diabesity Surgery Meccanismi: Miglioramento nella secrezione di insulina e nella sensitività dell insulina. Ormoni intestinali Adipochine Consumo energetico Appetito Preferenza per cibi con indice glicemico basso - Le Roux et al Ann Surg Bueter et al Gastroenterology Steele KE et al Obes Surg Cummings DE Surg Obes relat Dis 2007

36 Diabesity Surgery Effetto metabolico sulla sensitività dell insulina: Obesità porta a una diminuzione dell effetto dell insulina in circolazione «insuline resistance» Non sufficiente produzione di insulina nelle cellule beta pancreatiche T2DM Differenti varianti anatomiche causate da un intervento in chirurgia bariatrica portano a cambiamenti nel profilo degli ormoni intestinali.

37 Chirurgia bariatrica (e metabolica?)

38 Diabesity Surgery Foregut hypothesis: L esclusione del duodeno e del digiuno prossimale porta ad uno stato euglicemico in ratti diabetici e non-obesi.(rubino) Dopo il ristabilimento del passaggio del cibo vi è un ritorno del fenotipo diabetico. GLP-1(Glucagon like peptide-1), PYY 3-36(peptide tyrosine tyrosine), e adiponectin Supporto teorico che un Bypass gastrico porti a effetti ormonali indipendenti dalla perdita di peso.

39 Diabesity surgery Rubino et.al, Ann Surg,

40 Endoluminal Sleeve - EndoBarrier Food bypasses the duodenum and proximal jejunum CONFIDENTIAL

41 Diabesity surgery Hindgut hypothesis: Miglioramento dell omeostasi del glucosio causato da cambiamenti a livello di circolazione degli ormoni dell intestino distale. Interposizione di un segmento di ileo nel digiuno prossimale (Koopmans) Entrata in contatto del cibo molto piu rapidamente con l intestino distale. GLP-1 e PYY ( della secrezione di insulina e soppressione del rilascio di glucagone da parte delle cellule L nell intestino tenue distale e nel colon)

42 Diabesity surgery Mason E. Obes Surg , Rubino et.al, Ann Surg,

43 Ghrelin Endogenous growth hormone secreatagogue Produce primarily by stomach An appetite stimulant Increase after pure gastric restrictive procedures Decrease after gastric bypass

44 Glucagon-like-peptide-1(GLP-+1) An incretin and product of the preproglucagon gene Secreted by L cells in distal small bowel and colon One of the most potent substances to increase insulin secretion from β-cells of the pancreas GLP-1 increase after gastric bypass due to undigested nutrients contact with distal small bowel and colon

45 Peptide YY (PYY) Is a member of neuropeptide Y (NPY) family Secreted by gut mucosal endocrine cells postprandrially in proportion to calorie intake and is converted to PYY3-36 by enzyme dipeptidyl peptidase IV Powerful appetite suppressant Increase after all bariatric surgery

46 Chirurgia bariatrica Bendaggio gastrico Palloncino gonfiabile tramite port sottocutaneo,all inter -no del bendaggio Perdita ponderale 50% del peso in eccesso

47 Bendaggio gastrico Ghrelin GLP-1 PYY

48 Chirurgia bariatrica Complicanze: Perforazione gastrica Stomach slippage Ostruzione dello stoma Dilatazione dell esofago e della tasca Erosione Necrosi della tasca gastrica Complicazioni relative al tubo di connessione e al serbatoio Perdita di compliance e risultati insufficienti

49 Chirurgia bariatrica Controlli: Regolari mensili Perdita ponderale nell arco di due anni Tasso di successo 50-60% decrescente con il tempo 3% tasso di asportazione annuale Mortalità 0,06 %

50 Chirurgia bariatrica Bypass gastrico prossimale Grandezza del pouch ml Apertura del pouch ca 1,3 cm Lunghezza dell ansa alimentare 1-2 metri Perdita ponderale 70% del peso in eccesso.

51 Bypass-gastrico Ghrelin GLP-1 PYY

52 Gastric Bypass 1. Isolation of gastric cardia CONFIDENTIAL

53 Gastric Bypass 2. Exclusion of distal stomach CONFIDENTIAL

54 Gastric Bypass 3. Exclusion of duodenum and proximal jejunum CONFIDENTIAL

55 Gastric Bypass 4. Exposure of distal jejunum to undigested nutrients CONFIDENTIAL

56 Chirurgia bariatrica Complicazioni A breve: Insufficienza anstomotica 1-5% Dilatazione gastrica acuta Emorraggia Ostruzione mortalità 0,3-0,5%

57 Chirurgia bariatrica Complicazioni Tardive: Restringimento dell anastomosi,vomito 15% Ulcera anastomotica 13% Esofagite Anemia:deficit di acido folico,vit. B12,ferro Deficit di calcio,osteoporosi Formazione di calcoli alla cistifellea Ernie interne

58 Sleeve-Gastrectomia

59 Sleeve-gastrectomia Ghrelin GLP-1 PYY

60 Sleeve gastrectomia Formazione di tubo gastrico Passaggio duodenale rimane Perdita ponderale ca 60% del peso in eccesso Trasformabile in diversione biliopancreatica o bypass gastrico.

61 Sleeve-Gastrectomia Complicazioni Insufficienze della sutura 1-5% Emoraggie Infezioni Riflusso

62 Chirurgia bariatrica Diversione biliopancreatica con duodenal switch Tubo gastrico Ansa alimentare ca.2 metri Ansa biliare ca. 5 metri Common channel oltre 50 cm Perdita ponderale 80% del peso in eccesso.

63 Chirurgia bariatrica Compicazioni Mancanza di proteine 15% Anemia <5% Ulcere anastomotiche <3% Neuropatia periferica 1,3% Cecità notturna 3% Osteoporosi 14% Nausea e diarrea (primi 6m) 60% Manacanza vit.a,d,e,k Mortalità 1,1%

64 Chirurgia bariatrica Indicazioni secondo catalogo delle prestazioni Età : da adolescenza fino oltre 70 anni BMI >35 2 anni di diete controllate complessivamente Malattia associata all obesità non necessaria.

65 Chirurgia bariatrica Controindicazioni Disturbi mentali Obesità secondarie Etilismo e/o tossicomania Elevato rischio operatorio Patologie intestinali gravi Insufficienza renale ed epatica Ulcera peptica attiva

66 Chirurgia bariatrica Complicanze generali legate alla chirurgia bariatrica Depressione postoperativa Cibo Relazioni personali Perdita capelli Generalmente temporanea A causa di :proteine,vit.a,minerali Pelle in eccesso

67 Simposio sulla chirurgia per il diabete-roma 3/2007 Panel internazionale di esperti (chirurghi,endocrinologi,ricercatori)(21 chirurghi,27 non chirurghi) Punti principali di consenso: Modificazioni anatomiche del tratto digestivo probabilmente contribuiscono al miglioramento del DMT2 attraverso meccanismi fisiologici diversi. Procedure come il bypass gastrico possono migliorare il diabete attraverso meccanismi oltre il cambiamento del peso o dell assunzione di cibo. La chirurgia gastrointestinale puo` essere appropriata nel trattamento del DMT2 in pazienti scelti per la chirurgia bariatrica con BMI con cattivo contollo della malattia in modo conservativo.

68 Diabesity surgery Consider bariatric surgery for adults with BMI>35kg/m² and type 2 diabetes (B) After surgery, life long lifestyle support and medical monitoring is necessary (E) Insufficient evidence to recommend surgery in patients with BMI<35 kg/m² outside of a research protocol (E) Well-designed, randomized controlled trials comparing optimal medical/lifestyle therapy needed to determine long-term benefits,costeffectivness, risks (E) - ADA.V. Diabetes Care. Diabetes Care 2011;34(suppl 1):s26.

69 T2DM & THE METABOLIC EFFECTS OF BARIATRIC SURGERY Bariatric Surgery Efficacy Author Intervention Resolution Failure more likely with. Pories et.al Gastric Bypass 89% Older patients; long standing disease Dixon et.al 2003 Lap Band 64% Less weight loss; long standing disease Schauer et.al Gastric Bypass 82% Long standing disease; disease severity; insulin usage 69

70 Dibesity surgery La durata del DM preop. Come il livello del C-peptide hanno un influsso sul successo postop. I Pazienti con DMII dopo l intervento hanno meno complicanze in relazione al DM. E sopravvivono piu a lungo. - Muciejenski ML Surg Obes Relat Dis Mac Donald KI J Gastroenterolocical Surg Christou NV Ann Surg Flumm D J Am Coll Surg 2004

71 Diabesity surgery Minore è il tempo che trascorre tra la presenza del diabete e l intervento piu alto è il successo della terapia chirurgica. RYGB induce alla remissione del diabete nel 95% dei casi dove la durata del diabete è inferiore a 5 anni ma solo del 54% nei pazienti con diabete da>oltre 10 anni! - Schauer PR Ann Surg 2003

72 Use of diabetes medication before and after bariatric surgery Makary, M. A. et al. Arch Surg 2010;145:

73 Diabesity surgery Effetto sul diabete in pazienti con BMI<35 Risoluzione 89,8% in pazienti con diabete controllato con dieta. Risoluzione 82,7% in pazienti controllati con terapia antidiabetica orale. Risoluzione 57,5 in pazienti controllati con insulina - Carbonell A et al Surg Obes Relat Dis 2008

74 45% of DM 2 BMI < 30 USA 9 mio BMI > 40 ; 2% treated ( ) 1.6 mio nuovi diabetici all anno negli USA Domande: La chirurgia cura il diabete o semplicemente porta a un miglior controllo dell iperglicemia? Risultati a lungo termine? Quale è l intervento migliore? Malnutrizione?

75 Diabesity surgery Chirurgia bariatrica soluzione? USA <0,4% dei 22 milioni di pazienti eligibili sono stati operati (2006) Occorrerebbero 5500 chirurghi bariatrici con 400 interventi all anno per operare tutti i pazienti. - Martin M Surg Obes Relat Dis 2010

76 Diabesity surgery Pazienti con BMI< 35kg/m² Risultati promettenti in piccoli studi (case series), ma mancanza di studi importanti multicentrici. 235 paz con BMI tra 30 e 35kg/m² e diabete risultati a breve buoni sopratutto per il Bypass gastrico in confronto con il bendaggio.(6-12 mesi) - Demaria EJ et al Ann Surg 2010

77 Diabesity surgery Attenzione! Bisogna essere sicuri che si tratti di un diabete tipo II. Ca 10% di tutti i diabetici tra 30 e 55 anni soffrono di un diabete latente autoimmune dell adulto.prevalenza con BMI basso.l intervento in questi casi potrebbe essere controproducente e portare a ipoglicemie importanti. - Deitel M Obes Surg 2008

78 Diebesity surgery Risoluzione del diabete 95,1% in BPD/DS 80,3% in Bypass gastrico 56,7% in bendaggio Calo del 90% nella mortalità causata dal diabete - Buchwald H et al Am J Med Adams TD et al N Engl J Med 2007

79 Diabesity surgery Definizione di risoluzione prima del 2009: Abbandono della medicazione antidiabetica. Glicemia a digiuno 5,6mmol/l o livello HbA1c<6%

80 Diabesity surgery Nuova definizione: Remissione parziale:iperglicemia (HbA1c<6,5% e glicemia a digiuno 5,6-6,9 mmol/l) almeno a 1 anno dopo chiurgia e in assenza di una terapia antidiabetica. Remissione completa: metabolismo glicemico normale (HbA1c< 6% e glicemia a digiuno< 5,6 mmol/l) almeno 1 anno dopo intervento e in assenza di terapia antidiabetica. Remissione prolungata: remissione completa almeno 5 anni dopo intervento. - BuseJB et al Diabetes Care 2009

81 Diabesity surgery Analisi sulla base della nuova definizione: 209 pazienti DMII, follow up mediano 23mesi 72 (34,4%) remissione completa 40,6% dopo bypass gastrico 26% dopo sleeve gastrectomy 7% dopo bendaggio gastrico - Pournaras DJ et al Brit J Surg 2012

82 Diabesity surgery Conclusione: Standardizzazione delle definizioni sia remissione parziale o totale. Forse chirurgia bariatrica strumento soprattutto per il controllo glicemico. Forse soprattutto riduzione delle complicanze micro e macrovascolari. Effetto chiaramente migliore in pazienti con storia breve di diabete mellito II

83 Diabesity surgery Conclusioni: Probabilmente effetto migliore in pazienti con BMI superiore. Risultati a breve comunque impressionanti. Decorso dei pazienti a lungo termine potrà probabilmente definire il posto della chirurgia metabolica nella terapia del diabete mellito Tipo II.

84 Chirurgia bariatrica

85 Chirurgia metabolica Pre-operative Medications Post-operative Medications

86

87

88

89 Enterokinins and their metabolic effects

90

91

92

93 Diabesity surgery

94 Chirurgia bariatrica (e metabolica?) Chirurgia matabolica? >80% diabete mellito tipo II scompare dopo gastric bypass! >90% nella diversione biliopancreatica

95 Early post.op. outcome of metabolic surgery to treat diabetes (Eric J. De Maria et al Ann surg vol 252 nr.3 september pt jun jun 2009 BMI 30 < 35 (1,2%=794) and diabetes requiring any medication 235 pt 109 banding, 109 bypass Bypass superior in weight loss and diabetes remission but more frequent complications. No mortality and most complications minor.

96 Chirurgia bariatrica BMI -Definizione Peso/m2 BMI sovrappeso BMI 30 e oltre obeso Gr.I 30-34,9 Gr.II 35-39,9 Gr.III 40

97 Gastric Bypass: Five Operations CONFIDENTIAL

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche www.sicob.org Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche (S.I.C.OB.): linee guida e stato dell arte

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe Sito Internet Il presente documento è disponibile su www.idf.org. Referente e bibliografia correlata dell IDF Referente: Professor Stephen Colagiuri, Boden Institute

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino Accuratezza Accuratezza Analitica: Quanto il risultato del metodo di dosaggio

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara PATOLOGIE ENDOCRINE E CHIRURGIA: INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E TRATTAMENTI MINI-INVASIVI TIROIDE, PARATIROIDI, PANCREAS E SURRENI Ferrara, 7 dicembre 2012 Hotel Duchessa Isabella DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli