Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto"

Transcript

1 SESSIONE 4 Follo w-up del p aziente BPC O e int egrazio ne funzionale centro sp ecialistico- med icina gen erale Simulazioni cliniche interattive Caso clinico 1 Caso clinico 1 - step 1 Caso clinico 1 - step 1 Claudio, 62 anni, è un nuovo paziente. Racconta di essere stato un forte fumatore fino ad alcuni mesi prima allorché ha deciso di so spendere anche per la tosse produttiva cronica e per la dispnea per sforzi lievi-moderati che erano andati progressivamente peggiorando negli ultimi tempi, pur senza aver avuto particolari episodi acuti. Proprio per questa evoluzione dei disturbi respiratori ha deciso di recarsi dal medico. Riferisce di far ricorso spesso al salbutamolo spray e di non aver mai seguito il consiglio del precedente medico di assumere un trattamento continuativo ( sa come succede, dottore: spruzza oggi e spruzza domani finisce che poi non ne puoi più fare a meno ). Non ha comorbidità evidenti. Il medico effettua un esame obiettivo che risulta non significativo. Prescrive quindi una spirometria con annessa (richiesta di routine dal servizio pneumologico ospedaliero) Rx del torace. Caso clinico 1 - step 1 Claudio ritorna dal medico per mostrare gli esami: il referto della radiografia del torace non è significativo e alla spirometria emerge: FEV1/VC 58% in valore assoluto, FEV1 48% del teorico, test di reversibilità negativo. In conclusione: Claudio ha un quadro tipico di BPCO, stadio III GOLD (grave); non ha avuto recenti riacutizzazioni; i sintomi sono progressivamente aumentati; fa uso (ormai frequente) di solo salbutamolo; da qualche mese non fuma più. Non ha comorbidità. Domanda 1 - Televoto Quale tra le seguenti decisioni prendere st e? 1) Il caso è complesso: meglio una consulenza specialistica urgente 2) Ci sono abbastanza dati; si può impostare una terapia inalatoria regolare subito 3) Richiesta di emogasanalisi da eseguire al più presto e poi scelta del trattamento 4) Richiesta di emogasanalisi + terapia inalatoria regolare subito 5) Consulenza per intervento di riabilitazione respiratoria 1

2 Perché SI/perché NO 1) Il caso è complesso: meglio un a consu lenza specialistica urgente No, perché non sussistono criteri clinici obietti vi per richiedere una val utazi one specialistica urgente ed il MMG ha ancor a margini per un inter vento autonomo 2) Ci sono abbastanza d ati; si può impo stare una terapia inalatoria regolare subito L approccio è corretto, ma limitativo 3) Richiest a di emogasanalisi d a eseguire al più presto e poi scelt a del trattamento L EGA è sicuramente util e per escludere una c ondizione di insufficienz a respiratoria (dunque valutazione specialistica urgente), ma non è opportuno rimandar e ulteriormente un inter vento farmacol ogico, in quanto un trattamento con br oncodilatatori va comunque fatto indipendentemente dai risultati dell EGA Perché SI/perché NO 4) Richiesta di emogasanalisi + terapia inalatoria regolare subito L EGA è sicuramente utile per escludere una condizione di insufficienza respiratoria (dunque valutazione specialistica urgente); l impostazione dell intervento farmacologico non è legato necessariamente ai risultati della EGA 5) Consulenza per intervento di riabilitazione respiratoria No, perlomeno nella prima fase di valutazione, ma sicuramente sì in un secondo momento Caso clinico 1 - step 2 L emogasanalisi a riposo prescritta dal curante evidenzia lieve ipossiemia (70 mmhg). Domanda 2 - Televoto Quali farmaci inalatori prescrivereste di prima scelta in aggiunta alla terapia al bisogno già ben nota al paziente? 1) Corticosteroidi inalatori a lungo termine 2) Anticolinergici short-acting inalatori al bisogno 3) Trattamento regola re con tiotropio 4) Antitosse 5) Associazione corticosteroidi + beta2 long-acting 6) Mucolitici per aerosol a cicli regolari In aggiunta alla terapia farmacologica, quale delle seguenti affermazioni condividete? 1) È opportuno un contestuale invio allo pneumologo per trattamento riabilitativo 2) È ben e richiedere una TC torace per escludere enfisema 3) Predisporre un a ossigenoterapia sotto sforzo Caso clinico 1 - step 3 Claudio è in terapia con tiotropio e salbutamolo al bisogno; ha seguito un piano di follow-up impostato dal suo medico curante che ha previsto una visita di controllo a 3 mesi e quindi ogni 6 (essendo la sintomatologia ben controllata); un controllo a 6 mesi della spirometria e quindi ad un anno (essendo il FEV1 sovrapponibile al precedente); visita pneumologica annuale; Rx torace ogni 2 anni (è un ex forte fumatore). 2

3 Caso clinico 1 - step 3 Dopo circa 2 anni dalla presa in carico, pur non avendo manifestato episodi importanti di riacutizzazione, grazie anche alla profilassi vaccinica (antinfluenzale ed antipneumococcica), Claudio sente un netto peggioramento della dispnea allo sforzo: ha smesso da tempo di usare la cyclette in casa e si è un po decondizionato dal punto di vista fisico oltre ad aumentare di qualche chilo di peso. Al controllo spirometrico il FEV1 postbroncodilatatore è il 40 % del teorico. Domanda 4 - Televoto Oltre ad un richiamo sull utilità del ciclo riabilitativo e ad alcune norme dietetiche, quali farmaci potreste prendere in considerazione da associare ai broncodilatatori già in corso? 1) Associ are un secondo broncodilatatore long-acting di classe diversa 2) Associ are corticost eroidi inalatori a lungo termine 3) Prescrivere anti colinergici short- acting inalatori da assu mere al bisogno 4) Prescrivere antito sse 5) Aggiungere un farmaco d associazion e corticosteroidi + beta2 long-acting 6) Far eseguire aero sol di mucolitici in cicli regolari Cosa ci insegna questo caso Perché e come aumentare la terapia con broncodilatatori Come organizzare il f ollow up in un quadro di BPCO grav e Come sorv egliare la compliance ai trattamenti Caso clinico 2 Caso clinico 2 - step 1 Caso clinico 2 - step 1 Si presenta al controllo periodico dal medico di famiglia la signora Silvana, 59 anni, a cui 5 anni prima era stata fatta diagnosi di BPCO. Si sottopone a controlli mediante spirometria ogni 8-12 mesi. Al momento della diagnosi il FEV1 era al 60 % del teorico, migliorato (+ 350 ml) dopo un mese di steroide inalatorio e beta2 agonisti. Da allora segue regolarmente la terapia combinata: salmeterolo 50 + fluticasone 250 mcg bid. Alterna periodi di fumo e fasi di sofferta astensione per vari mesi. È stata fuori città dalla figlia e manca ai controlli da un anno. Porta in visione il risultato dell ultima spirometria eseguita qualche giorno prima: il FEV1 è pari al 45 % del teorico (il medico nota un peggioramento medio di circa 75 ml/anno). Riferisce un certo peggioramento nel tempo della tolleranza allo sforzo; le crisi di respiro sibilante sono peraltro sporadiche ed al momento la sua situazione è stabile. 3

4 Caso clinico 2 - step 1 Dalla cartella e dal suo racconto emerge che le riacutizzazioni non sono state particolarmente frequenti (1-2/anno). Il medico invita caldamente Silvana a frequentare un centro per la sospensione dell abitudine tabagica e visto il decorso della malattia nonché il declino della funzionalità respiratoria decide di modificare la terapia farmacologica in corso e di richiedere allo specialista una rivalutazione diagnostica. Domanda 1 - Televoto Voi al posto del medico quale delle seguenti decisioni riterreste opportuno assumere? 1) Aggiungere un secondo bronc odilatatore long-acting (tiotropio) 2) Prescrivere salbutamolo al bisogno 3) Aggiungere un teofillinico all ass ociazione i n corso 4) Aggiungere tiotropi o + Incr emento posol ogia fluticas one a 500 mcg bid 5) Incremento pos ologia flutic asone a 500 mcg bi d Domanda 2 - Televoto Caso clinico 2 - step 2 Il medico ritiene dunque opportuno un parere specialistico per un eventuale trattamento riabilitativo respiratorio. Condividete la sua opinione? 1) Si, è utile allo scopo di migliorare la sintomatologia e la tolleranza allo sforzo e la QdV, vista la situazione s pirometrica, l intervento riabilitativo determina uno s tress fisico poc o tollerabile e c omunque di dubbi a efficacia Il medico curante stabilisce per la paziente uno stringente piano di follow-up che comprende in particolare Visita medica in ambulatorio ogni due mesi Monitoraggio astensione fumo Prevenzione riacutizzazioni Monitoraggio della compliance terapeutica Periodici controlli (semestrali) di spirometria e saturimetria (o EGA) Quale motivazione a vostro parere ha indotto il curante ad un controllo così stringente? 1) Tutti i BPCO fumatori dovrebbero essere controllati così frequentemente 2) La paziente continua a fumare e presenta un decadimento funzionale molto rapido 3) Tutti i BPCO dovrebbero essere controllati così frequentemente anche quando hanno smesso di fumare 4) Dopo 2 tentativi infruttuosi di astensione dal fumo i pazienti BPCO dovrebbero essere rivisti solo in caso di riacutizzazione Cosa ci insegna questo caso In caso di deterioramento f unzionale rapido è sempre opportuna una consulen za Pneumo logica In presenza di rev ersibilità f unzionale può essere opportuno riconsiderare una precedente diagnosi di BPCO (BPCO con componente asmatif orme? Asma in f umatore?) In pazienti con rapida ev oluzione la compliance ai trattamenti ed alla astinenza al f umo di tabacco dev e essere monitorizzata in modo stretto 4

5 Caso clinico 3 - step 1 Caso clinico 3 Gianluca, maschio, 72 anni, ex fumatore da 5, ex operaio di fonderia, diagnosi di BPCO moderata (FEV1 58%) da 6 anni, assume teofillinici orali e occasionalmente salbutamolo al bisogno. Sintomi respiratori stabili da diversi mesi. 4 giorni prima, comparsa di mal di gola e artromialgie diffuse, cefalea, lieve febbricola, seguiti da peggioramento della dispnea e della tosse, con espettorato biancastro. Alla auscultazione polmonare, qualche sibilo e rumori umidi. Domanda 1 - Televoto Qual è il vostro orientamento diagnostico principale? 1) Tossicità da teofillinici 2) Riacutizzazione di BPCO 3) Rinofaringotracheite acuta Domanda 2 - Televoto Quale sarebbe il vostro orientamento operativo in prima istanza? 1) Controllo s pirometria 2) Emogas analisi 3) Rx torace 4) Esame espettorato 5) Visita specialistica urgente 6) Subito antibi otico 7) Emocr omo, formula, PCR, teofillinemia Caso clinico 3 - step 2 Caso clinico 3 - step 2 L ipotesi diagnostica più fondata è una riacutizzazione tipo III sec. Anthonisen, probabilmente virale (almeno inizialmente), quindi non è indispensabile intervenire in prima istanza con modificazioni di terapia. È invece opportuno richiedere una radiografia del torace ed una emogasanalisi. La Rx non evidenzia addensamenti, né focolai. L emogasanalisi è buona (SaO2 94 %, PaO2: 72 mmhg, normocapnia). All emocromo, leucociti 9000 mmc, PCR 2,5, teofillinemia 18 mcg/ml. Il medico curante decide dunque di trattare il paziente ambulatoriamente. 5

6 Quale tra le seguenti è la procedura più opportuna in questo caso? 1) Prescrizione di corticosteroidi orali 2) Prescrizione di corticosteroidi + broncodilatatori long-acting 3) Antibioticoterapia 4) Sospensione del teofillinico Caso clinico 3 - step 3 La decisione più appropriata è aumentare la posologia dei broncodilatatori short-acting ed aggiungere corticosteroidi orali (es. prednisone 25 mg/die). Al controllo dopo 3 giorni Gianluca sta meglio, la dispnea è nettamente ridotta, all auscultazione polmonare i sibili sono sporadici ed i rumori umidi nettamente ridotti. 5) Aumento della posologia dei broncodilatatori short-acting + prescrizione di corticosteroidi orali Domanda 4 - Televoto Il medico curante decide di proseguire il trattamento con steroidi orali per 10 giorni 1) Sono d accordo n sono d accordo Domanda 5 - Televoto e di sostituire il teofillinico con un broncodilatatore longacting inalatorio 1) sono d accordo, poiché la terapia inalatoria è più maneggevole i n termini di efficaci a ed effetti collaterali 2) non sono d acc ordo, visto c he prima di questo episodi o il compens o era buono Cosa ci insegna questo caso Come riconoscere e v alutare la grav ità di una riacutizza zio ne bronchitica Come non si debba sempre e necessariamente dare subito un antibiotico in caso di riacutizzazi one Caso clinico 4 6

7 Caso clinico 4 - step 1 Caso clinico 4 - step 1 Mario, 74 anni, è in ossigenoterapia domiciliare per una BPCO grave (IV stadio) ed assume regolarmente tiotropio, salmeterolo 50 mcg + fluticasone 500 mcg/bid, furosemide 50 mg/die. Due anni fa, ricovero ospedaliero con 4 giorni di degenza in unità di terapia intensiva per acidosi respiratoria e scompenso cardiaco destro. La moglie richiede visita domiciliare in quanto Mario negli ultimi giorni mostra un aggravamento della dispnea e del gonfiore alle gambe, cammina poco e male e presenta fasi di disorientamento. Il MMG trova Mario in piedi, appoggiato con le mani al tavolo della cucina, al naso gli occhialini dell ossigeno. È un po tachipnoico; all auscultazione presenta diffusa riduzione del MV con rumori umidi modificati da tosse alle basi; la PA è 140/85, la fc 115/min con alcune ex.; la saturimetria è del 91%. È presente un modesto edema improntabile delle caviglie e dei piedi. La moglie aggiunge: guardi come gli gonfiano i piedi a forza di stare in piedi glielo dica anche lei che deve rimanere a letto. Domanda 1 - Televoto Domanda 2 - Televoto Quale tra le seguenti ipotesi diagnostiche vi pare la più accettabile per mario 1) Riacutizzazi one di BPCO c on ins ufficienza res piratoria ac uta sovr apposta alla insufficienz a cronic a 2) Embolia polmonare 3) Polmonite Quale delle seguenti considerazioni vi pare corretta in relazione alla situazione di Mario? 1) Indispens abile una richiesta urgente di visita pneumol ogica 2) Indispens abile una richiesta urgente di EGA e Rx torac e 3) Indispens abile un ricovero ospedaliero per la presenza di IR in quadro di BPCO riacutizzata 4) Indispens abile un ricovero ospedaliero per la presenza di IR, complicanze cardiol ogiche + confusione mentale Caso clinico 4 - step 2 Caso clinico 4 - step 2 La comparsa della confusione mentale e della riacutizzazione del grave quadro di BPCO con IR consigliano un ricovero ospedaliero grazie al quale Mario supera anche questa crisi. Dopo la dimissione, il paziente assume la seguente terapia: ossigeno per 18 ore al giorno (2 L/min), tiotropio, salmeterolo 50 mcg + fluticasone 500 mcg bid, furosemide 75 mg/die, prednisone 25 mg per 10 giorni e poi da ridurre gradualmente fino a sospensione. Il MMG concorda con lo pneumologo il follow-up ed effettua visite domiciliari con valutazione del compenso generale, dello stato nutrizionale e della saturimetria. 7

8 Quali margini di intervento ha il MMG sulla terapia di Mario (a parte eventuale antibiotico)? 1) Modificare stabil mente i flussi di O2 in relazione alla saturimetria 2) Modificare stabil mente i flussi di O2 in relazione al grado di dispnea 3) Inter venire sull ass ociazione e/o sulla pos ologia dei vari broncodilatatori (anticolinergici e beta2 l ong-acting) 4) Prescrivere cicli di corticos teroidi orali in rapporto al peggioramento di sintomi ed es. obietti vo in cas o di sospetta ins ufficienza d azione dei bronc odilatatori 5) Prescrivere antibiotici a scopo preventi vo Perché SI/perché NO 1) Modificare stabilmente i flussi di O2 in relazione alla saturimetria NO perché la modifica dei flussi abituali di ossigenoterapia comporta un controllo di efficacia e tollerabilità che richiede dotazioni strumentali e competenze di tipo specialistico in acuto il MMG può aumentare i flussi se riscontra cianosi e/o marcata dispnea (e/o SaO2 < 90 se ha un saturimetro) in attesa di ospedalizzare il paziente 2) Modificare stabilmente i flussi di O2 in relazione al grado di dispnea come 1 Perché SI/perché NO Cosa ci insegna questo caso 3) Intervenire sull asso ciaz ione e/o sulla poso logia dei vari broncodilatatori long-acting (anticolinergici e beta2 agonisti) NO, poiché in questo caso non abbiamo più margini di aggiunta o incremento della terapia inalatoria regolare con broncodilatatori long-acting; si può discutere sui teofillinici, ma l indice terapeutico è basso 4) Prescrivere cicli di corticosteroidi orali in rapporto a peggioramento di sintomi ed es. obiettivo in caso di sospetta insufficienz a d azione d ei broncodilatatori SI, poiché le riacutizzazioni bronchitiche in pazienti gravi vanno trattate precocemente ed i corticosteroidi orali sono raccomandati 5) Prescrivere antibiotici a scopo preventivo NO, poiché i cicli preventivi di antibiotici non hanno alcuna evidenza di efficacia e selezionano germi resistenti Come riconoscere i criteri di ricov ero in un caso di riacutizzazione in un paziente con BPCO molto grav e Come trattare precocemente una riacutizza zio ne di BPCO al domicilio Caso clinico 5 - step 1 Caso clinico 5 Lucia, 63 anni, ex fumatrice, ex lavoratrice tessile, BPCO con insufficienza respiratoria semplice (ipossiemica) in O2 terapia domiciliare e trattamento inalatorio con tiotropio, budesonide formoterolo 4,5 (2 inalazioni bid). Non ha particolari co-morbidità. All ultima spirometria FEV1 30 %. Con il suo stroller Lucia riesce a mantenere un buon grado di autonomia. 8

9 Caso clinico 5 - step 1 Si reca dal medico perché la tosse è diventata insistente, l espettorazione solitamente con escreato perlaceo è diventata giallo-verdastra e difficoltosa; l affanno è molto aumentato. Obiettività: FR 19/m ; MV diffusamente ridotto, sporadici sibili alle basi; non edemi declivi; FC 90/R; PA 135/80. Domanda 1 - Televoto Quale tra le seguenti decisioni diagnostiche ritenete prioritaria? 1) Richiedere una spirometria prima della rivalutazione del trattamento 2) Richiedere una Rx torace urgente ed EGA urgente 3) Richiedere test ematochi mici (emocromocitometrico, PCR) 4) Richiedere esame colturale dell escreato Caso clinico 5 - step 2 Il medico riceve in visione gli accertamenti richiesti. EGA in O 2 : po 2 65 pco 2 43 ph 7, 39 Rx torace: non focolai in atto, reperti come da enfisema. Domanda 2 - Televoto I dati obiettivi consentono dunque di trattare il paziente in sicurezza al domicilio? Caso Clinico 5 E possibile: a) Aumento dei s oli corticosteroidi inalatori (in corso: budesonide 160+for moterolo 4,5 2 inal azioni bid) b) Aumento pos ologia del beta2 agonista in corso (for moterolo) o aggi unta anticolinergico e/o beta2 short-ac ting con nebulizzatore c) Aggi unta di c orticosteroidi orali d) Ciclo di antibiotici ad ampio s pettro e)assunzione regolare di mucolitici Quale trattamento adottereste? a)aumento dei soli corticosteroidi inalatori (in corso: budesonide 160+formoterolo 4,5 2 inalazioni bid)? Vediamoli uno per uno. 9

10 Quale trattamento adottereste? b)aumento posologia del beta2 agonista in corso (formoterolo) o aggiunta anticolinergico e/o beta2 short-acting con nebulizzatore? Quale trattamento adottereste? c) Aggiunta di corticosteroidi orali? Quale trattamento adottereste? d)ciclo di antibiotici ad ampio spettro (da iniziare il più precocemente possibile)? Quale trattamento adottereste prioritariamente? e)assunzione regolare di mucolitici? Domanda 4 - Televoto Caso clinico 5 - step 3 Quale criterio ritenete opportuno seguire per la scelta dell antibioticoterapia empirica? 1) Va bene quals iasi antibiotico orale di consolidato im piego (ad es: amoxicillina, tetraciclina, cotrimoxaz olo) 2) Necessar io un antibiotico ad am pio spettro per via orale, comprendente atipici, Gram+ e Gram- (ad es: fluorochinolonico di ultima gener azione con spettro esteso a Pseudomonas) 3) Preferibile la ciproflox acina o una cefalosporina anti-ps eudomonas in quanto è molto probabile la pr esenz a di un Gram- difficile (FEV1 30 %) 4) Meglio un antibiotic o ad ampio spettro per via iniettiva i.m. (mi aspetto maggiore efficacia), come una cefalosporina di terza generaz ione o una penicillina protetta 5) E' sufficiente una penic illina pr otetta orale (ad es. amoxi-clavulanic o) o una cefalospor ina di seconda generaz ione orale, in quanto un germ e difficile o un atipic o è altamente improbabile Dopo un mese dal termine della terapia antibiotica la paziente si ripresenta al controllo manifestando una sostanziale remissione dei sintomi della riacutizzazione ed una stabilizzazione della malattia di base. Soggettivamente la paziente riferisce miglioramento del respiro, ma assume ancora lo steroide orale a 5 mg die e l associazione formoterolo-budesonide x 3/die. 10

11 Caso clinico 5 - step 3 Caso clinico 5 - step 3 Ha assunto oxitropio bromuro aerosol x 2/die come prescritto dal curante solo per alcuni giorni dopo l esordio della riacutizzazione, in aggiunta alla terapia con i farmaci abituali, ma l ha poi mantenuto solo al bisogno in quanto i sintomi respiratori sono migliorati. All esame obiettivo: assenti i sibili respiratori, FC 82 min, FR 13/min, PA: 130/80. A questo punto il medico ritiene la paziente clinicamente stabilizzata, richiede un controllo della spirometria, che non mostra una significativa riduzione del FEV1 (29 %) rispetto alla situazione pre-riacutizzazione e decide di ridurre progressivamente la terapia. Domanda 4 - Televoto Tutte le seguenti strategie sono praticabili tranne una. Quale? 1) Sospensione completa dello steroide orale 2) Riduzione formoterolo-budesonide a 2 somministrazioni/die 3) Sospensione di uno dei due broncodilatatori long-acting 4) Riduzione dello short-acting al bisogno Cosa ci insegna questo caso Come diagnosticare e trattare in sicurezza al domicilio una riacutizzazione di BPCO anche nel caso di stadi av anzati 11

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821.Linee Guida della Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva ed Ossigenoterapia Scopo del Lavoro La broncopneumopatia

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

A ST H M A LINEE GUIDA TASCABILI PER IL TRATTAMENTO, LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELL ASMA NELL ADULTO

A ST H M A LINEE GUIDA TASCABILI PER IL TRATTAMENTO, LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELL ASMA NELL ADULTO Adattamento Italiano delle Linee Guida internazionali Global Initiative for Asthma (GINA) reso possibile grazie al supporto educazionale al Progetto LIBRA (Linee Guida Italiane BPCO, Rinite, Asma) di:

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 10 Linee guida sull asma bronchiale LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Data di pubblicazione: agosto 2010 Data di aggiornamento: agosto 2014 Estensori delle linee guida sull asma bronchiale

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Ossigenoterapia Domiciliare a Lungo Termine (OTLT): cosa c è da sapere sull Ossigeno Liquido

Ossigenoterapia Domiciliare a Lungo Termine (OTLT): cosa c è da sapere sull Ossigeno Liquido Ossigenoterapia Domiciliare a Lungo Termine (OTLT): cosa c è da sapere sull Ossigeno Liquido Consigli per i pazienti Ossigenoterapia Domiciliare a Lungo Termine (OTLT): cosa c è da sapere sull Ossigeno

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli