Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto"

Transcript

1 SESSIONE 4 Follo w-up del p aziente BPC O e int egrazio ne funzionale centro sp ecialistico- med icina gen erale Simulazioni cliniche interattive Caso clinico 1 Caso clinico 1 - step 1 Caso clinico 1 - step 1 Claudio, 62 anni, è un nuovo paziente. Racconta di essere stato un forte fumatore fino ad alcuni mesi prima allorché ha deciso di so spendere anche per la tosse produttiva cronica e per la dispnea per sforzi lievi-moderati che erano andati progressivamente peggiorando negli ultimi tempi, pur senza aver avuto particolari episodi acuti. Proprio per questa evoluzione dei disturbi respiratori ha deciso di recarsi dal medico. Riferisce di far ricorso spesso al salbutamolo spray e di non aver mai seguito il consiglio del precedente medico di assumere un trattamento continuativo ( sa come succede, dottore: spruzza oggi e spruzza domani finisce che poi non ne puoi più fare a meno ). Non ha comorbidità evidenti. Il medico effettua un esame obiettivo che risulta non significativo. Prescrive quindi una spirometria con annessa (richiesta di routine dal servizio pneumologico ospedaliero) Rx del torace. Caso clinico 1 - step 1 Claudio ritorna dal medico per mostrare gli esami: il referto della radiografia del torace non è significativo e alla spirometria emerge: FEV1/VC 58% in valore assoluto, FEV1 48% del teorico, test di reversibilità negativo. In conclusione: Claudio ha un quadro tipico di BPCO, stadio III GOLD (grave); non ha avuto recenti riacutizzazioni; i sintomi sono progressivamente aumentati; fa uso (ormai frequente) di solo salbutamolo; da qualche mese non fuma più. Non ha comorbidità. Domanda 1 - Televoto Quale tra le seguenti decisioni prendere st e? 1) Il caso è complesso: meglio una consulenza specialistica urgente 2) Ci sono abbastanza dati; si può impostare una terapia inalatoria regolare subito 3) Richiesta di emogasanalisi da eseguire al più presto e poi scelta del trattamento 4) Richiesta di emogasanalisi + terapia inalatoria regolare subito 5) Consulenza per intervento di riabilitazione respiratoria 1

2 Perché SI/perché NO 1) Il caso è complesso: meglio un a consu lenza specialistica urgente No, perché non sussistono criteri clinici obietti vi per richiedere una val utazi one specialistica urgente ed il MMG ha ancor a margini per un inter vento autonomo 2) Ci sono abbastanza d ati; si può impo stare una terapia inalatoria regolare subito L approccio è corretto, ma limitativo 3) Richiest a di emogasanalisi d a eseguire al più presto e poi scelt a del trattamento L EGA è sicuramente util e per escludere una c ondizione di insufficienz a respiratoria (dunque valutazione specialistica urgente), ma non è opportuno rimandar e ulteriormente un inter vento farmacol ogico, in quanto un trattamento con br oncodilatatori va comunque fatto indipendentemente dai risultati dell EGA Perché SI/perché NO 4) Richiesta di emogasanalisi + terapia inalatoria regolare subito L EGA è sicuramente utile per escludere una condizione di insufficienza respiratoria (dunque valutazione specialistica urgente); l impostazione dell intervento farmacologico non è legato necessariamente ai risultati della EGA 5) Consulenza per intervento di riabilitazione respiratoria No, perlomeno nella prima fase di valutazione, ma sicuramente sì in un secondo momento Caso clinico 1 - step 2 L emogasanalisi a riposo prescritta dal curante evidenzia lieve ipossiemia (70 mmhg). Domanda 2 - Televoto Quali farmaci inalatori prescrivereste di prima scelta in aggiunta alla terapia al bisogno già ben nota al paziente? 1) Corticosteroidi inalatori a lungo termine 2) Anticolinergici short-acting inalatori al bisogno 3) Trattamento regola re con tiotropio 4) Antitosse 5) Associazione corticosteroidi + beta2 long-acting 6) Mucolitici per aerosol a cicli regolari In aggiunta alla terapia farmacologica, quale delle seguenti affermazioni condividete? 1) È opportuno un contestuale invio allo pneumologo per trattamento riabilitativo 2) È ben e richiedere una TC torace per escludere enfisema 3) Predisporre un a ossigenoterapia sotto sforzo Caso clinico 1 - step 3 Claudio è in terapia con tiotropio e salbutamolo al bisogno; ha seguito un piano di follow-up impostato dal suo medico curante che ha previsto una visita di controllo a 3 mesi e quindi ogni 6 (essendo la sintomatologia ben controllata); un controllo a 6 mesi della spirometria e quindi ad un anno (essendo il FEV1 sovrapponibile al precedente); visita pneumologica annuale; Rx torace ogni 2 anni (è un ex forte fumatore). 2

3 Caso clinico 1 - step 3 Dopo circa 2 anni dalla presa in carico, pur non avendo manifestato episodi importanti di riacutizzazione, grazie anche alla profilassi vaccinica (antinfluenzale ed antipneumococcica), Claudio sente un netto peggioramento della dispnea allo sforzo: ha smesso da tempo di usare la cyclette in casa e si è un po decondizionato dal punto di vista fisico oltre ad aumentare di qualche chilo di peso. Al controllo spirometrico il FEV1 postbroncodilatatore è il 40 % del teorico. Domanda 4 - Televoto Oltre ad un richiamo sull utilità del ciclo riabilitativo e ad alcune norme dietetiche, quali farmaci potreste prendere in considerazione da associare ai broncodilatatori già in corso? 1) Associ are un secondo broncodilatatore long-acting di classe diversa 2) Associ are corticost eroidi inalatori a lungo termine 3) Prescrivere anti colinergici short- acting inalatori da assu mere al bisogno 4) Prescrivere antito sse 5) Aggiungere un farmaco d associazion e corticosteroidi + beta2 long-acting 6) Far eseguire aero sol di mucolitici in cicli regolari Cosa ci insegna questo caso Perché e come aumentare la terapia con broncodilatatori Come organizzare il f ollow up in un quadro di BPCO grav e Come sorv egliare la compliance ai trattamenti Caso clinico 2 Caso clinico 2 - step 1 Caso clinico 2 - step 1 Si presenta al controllo periodico dal medico di famiglia la signora Silvana, 59 anni, a cui 5 anni prima era stata fatta diagnosi di BPCO. Si sottopone a controlli mediante spirometria ogni 8-12 mesi. Al momento della diagnosi il FEV1 era al 60 % del teorico, migliorato (+ 350 ml) dopo un mese di steroide inalatorio e beta2 agonisti. Da allora segue regolarmente la terapia combinata: salmeterolo 50 + fluticasone 250 mcg bid. Alterna periodi di fumo e fasi di sofferta astensione per vari mesi. È stata fuori città dalla figlia e manca ai controlli da un anno. Porta in visione il risultato dell ultima spirometria eseguita qualche giorno prima: il FEV1 è pari al 45 % del teorico (il medico nota un peggioramento medio di circa 75 ml/anno). Riferisce un certo peggioramento nel tempo della tolleranza allo sforzo; le crisi di respiro sibilante sono peraltro sporadiche ed al momento la sua situazione è stabile. 3

4 Caso clinico 2 - step 1 Dalla cartella e dal suo racconto emerge che le riacutizzazioni non sono state particolarmente frequenti (1-2/anno). Il medico invita caldamente Silvana a frequentare un centro per la sospensione dell abitudine tabagica e visto il decorso della malattia nonché il declino della funzionalità respiratoria decide di modificare la terapia farmacologica in corso e di richiedere allo specialista una rivalutazione diagnostica. Domanda 1 - Televoto Voi al posto del medico quale delle seguenti decisioni riterreste opportuno assumere? 1) Aggiungere un secondo bronc odilatatore long-acting (tiotropio) 2) Prescrivere salbutamolo al bisogno 3) Aggiungere un teofillinico all ass ociazione i n corso 4) Aggiungere tiotropi o + Incr emento posol ogia fluticas one a 500 mcg bid 5) Incremento pos ologia flutic asone a 500 mcg bi d Domanda 2 - Televoto Caso clinico 2 - step 2 Il medico ritiene dunque opportuno un parere specialistico per un eventuale trattamento riabilitativo respiratorio. Condividete la sua opinione? 1) Si, è utile allo scopo di migliorare la sintomatologia e la tolleranza allo sforzo e la QdV, vista la situazione s pirometrica, l intervento riabilitativo determina uno s tress fisico poc o tollerabile e c omunque di dubbi a efficacia Il medico curante stabilisce per la paziente uno stringente piano di follow-up che comprende in particolare Visita medica in ambulatorio ogni due mesi Monitoraggio astensione fumo Prevenzione riacutizzazioni Monitoraggio della compliance terapeutica Periodici controlli (semestrali) di spirometria e saturimetria (o EGA) Quale motivazione a vostro parere ha indotto il curante ad un controllo così stringente? 1) Tutti i BPCO fumatori dovrebbero essere controllati così frequentemente 2) La paziente continua a fumare e presenta un decadimento funzionale molto rapido 3) Tutti i BPCO dovrebbero essere controllati così frequentemente anche quando hanno smesso di fumare 4) Dopo 2 tentativi infruttuosi di astensione dal fumo i pazienti BPCO dovrebbero essere rivisti solo in caso di riacutizzazione Cosa ci insegna questo caso In caso di deterioramento f unzionale rapido è sempre opportuna una consulen za Pneumo logica In presenza di rev ersibilità f unzionale può essere opportuno riconsiderare una precedente diagnosi di BPCO (BPCO con componente asmatif orme? Asma in f umatore?) In pazienti con rapida ev oluzione la compliance ai trattamenti ed alla astinenza al f umo di tabacco dev e essere monitorizzata in modo stretto 4

5 Caso clinico 3 - step 1 Caso clinico 3 Gianluca, maschio, 72 anni, ex fumatore da 5, ex operaio di fonderia, diagnosi di BPCO moderata (FEV1 58%) da 6 anni, assume teofillinici orali e occasionalmente salbutamolo al bisogno. Sintomi respiratori stabili da diversi mesi. 4 giorni prima, comparsa di mal di gola e artromialgie diffuse, cefalea, lieve febbricola, seguiti da peggioramento della dispnea e della tosse, con espettorato biancastro. Alla auscultazione polmonare, qualche sibilo e rumori umidi. Domanda 1 - Televoto Qual è il vostro orientamento diagnostico principale? 1) Tossicità da teofillinici 2) Riacutizzazione di BPCO 3) Rinofaringotracheite acuta Domanda 2 - Televoto Quale sarebbe il vostro orientamento operativo in prima istanza? 1) Controllo s pirometria 2) Emogas analisi 3) Rx torace 4) Esame espettorato 5) Visita specialistica urgente 6) Subito antibi otico 7) Emocr omo, formula, PCR, teofillinemia Caso clinico 3 - step 2 Caso clinico 3 - step 2 L ipotesi diagnostica più fondata è una riacutizzazione tipo III sec. Anthonisen, probabilmente virale (almeno inizialmente), quindi non è indispensabile intervenire in prima istanza con modificazioni di terapia. È invece opportuno richiedere una radiografia del torace ed una emogasanalisi. La Rx non evidenzia addensamenti, né focolai. L emogasanalisi è buona (SaO2 94 %, PaO2: 72 mmhg, normocapnia). All emocromo, leucociti 9000 mmc, PCR 2,5, teofillinemia 18 mcg/ml. Il medico curante decide dunque di trattare il paziente ambulatoriamente. 5

6 Quale tra le seguenti è la procedura più opportuna in questo caso? 1) Prescrizione di corticosteroidi orali 2) Prescrizione di corticosteroidi + broncodilatatori long-acting 3) Antibioticoterapia 4) Sospensione del teofillinico Caso clinico 3 - step 3 La decisione più appropriata è aumentare la posologia dei broncodilatatori short-acting ed aggiungere corticosteroidi orali (es. prednisone 25 mg/die). Al controllo dopo 3 giorni Gianluca sta meglio, la dispnea è nettamente ridotta, all auscultazione polmonare i sibili sono sporadici ed i rumori umidi nettamente ridotti. 5) Aumento della posologia dei broncodilatatori short-acting + prescrizione di corticosteroidi orali Domanda 4 - Televoto Il medico curante decide di proseguire il trattamento con steroidi orali per 10 giorni 1) Sono d accordo n sono d accordo Domanda 5 - Televoto e di sostituire il teofillinico con un broncodilatatore longacting inalatorio 1) sono d accordo, poiché la terapia inalatoria è più maneggevole i n termini di efficaci a ed effetti collaterali 2) non sono d acc ordo, visto c he prima di questo episodi o il compens o era buono Cosa ci insegna questo caso Come riconoscere e v alutare la grav ità di una riacutizza zio ne bronchitica Come non si debba sempre e necessariamente dare subito un antibiotico in caso di riacutizzazi one Caso clinico 4 6

7 Caso clinico 4 - step 1 Caso clinico 4 - step 1 Mario, 74 anni, è in ossigenoterapia domiciliare per una BPCO grave (IV stadio) ed assume regolarmente tiotropio, salmeterolo 50 mcg + fluticasone 500 mcg/bid, furosemide 50 mg/die. Due anni fa, ricovero ospedaliero con 4 giorni di degenza in unità di terapia intensiva per acidosi respiratoria e scompenso cardiaco destro. La moglie richiede visita domiciliare in quanto Mario negli ultimi giorni mostra un aggravamento della dispnea e del gonfiore alle gambe, cammina poco e male e presenta fasi di disorientamento. Il MMG trova Mario in piedi, appoggiato con le mani al tavolo della cucina, al naso gli occhialini dell ossigeno. È un po tachipnoico; all auscultazione presenta diffusa riduzione del MV con rumori umidi modificati da tosse alle basi; la PA è 140/85, la fc 115/min con alcune ex.; la saturimetria è del 91%. È presente un modesto edema improntabile delle caviglie e dei piedi. La moglie aggiunge: guardi come gli gonfiano i piedi a forza di stare in piedi glielo dica anche lei che deve rimanere a letto. Domanda 1 - Televoto Domanda 2 - Televoto Quale tra le seguenti ipotesi diagnostiche vi pare la più accettabile per mario 1) Riacutizzazi one di BPCO c on ins ufficienza res piratoria ac uta sovr apposta alla insufficienz a cronic a 2) Embolia polmonare 3) Polmonite Quale delle seguenti considerazioni vi pare corretta in relazione alla situazione di Mario? 1) Indispens abile una richiesta urgente di visita pneumol ogica 2) Indispens abile una richiesta urgente di EGA e Rx torac e 3) Indispens abile un ricovero ospedaliero per la presenza di IR in quadro di BPCO riacutizzata 4) Indispens abile un ricovero ospedaliero per la presenza di IR, complicanze cardiol ogiche + confusione mentale Caso clinico 4 - step 2 Caso clinico 4 - step 2 La comparsa della confusione mentale e della riacutizzazione del grave quadro di BPCO con IR consigliano un ricovero ospedaliero grazie al quale Mario supera anche questa crisi. Dopo la dimissione, il paziente assume la seguente terapia: ossigeno per 18 ore al giorno (2 L/min), tiotropio, salmeterolo 50 mcg + fluticasone 500 mcg bid, furosemide 75 mg/die, prednisone 25 mg per 10 giorni e poi da ridurre gradualmente fino a sospensione. Il MMG concorda con lo pneumologo il follow-up ed effettua visite domiciliari con valutazione del compenso generale, dello stato nutrizionale e della saturimetria. 7

8 Quali margini di intervento ha il MMG sulla terapia di Mario (a parte eventuale antibiotico)? 1) Modificare stabil mente i flussi di O2 in relazione alla saturimetria 2) Modificare stabil mente i flussi di O2 in relazione al grado di dispnea 3) Inter venire sull ass ociazione e/o sulla pos ologia dei vari broncodilatatori (anticolinergici e beta2 l ong-acting) 4) Prescrivere cicli di corticos teroidi orali in rapporto al peggioramento di sintomi ed es. obietti vo in cas o di sospetta ins ufficienza d azione dei bronc odilatatori 5) Prescrivere antibiotici a scopo preventi vo Perché SI/perché NO 1) Modificare stabilmente i flussi di O2 in relazione alla saturimetria NO perché la modifica dei flussi abituali di ossigenoterapia comporta un controllo di efficacia e tollerabilità che richiede dotazioni strumentali e competenze di tipo specialistico in acuto il MMG può aumentare i flussi se riscontra cianosi e/o marcata dispnea (e/o SaO2 < 90 se ha un saturimetro) in attesa di ospedalizzare il paziente 2) Modificare stabilmente i flussi di O2 in relazione al grado di dispnea come 1 Perché SI/perché NO Cosa ci insegna questo caso 3) Intervenire sull asso ciaz ione e/o sulla poso logia dei vari broncodilatatori long-acting (anticolinergici e beta2 agonisti) NO, poiché in questo caso non abbiamo più margini di aggiunta o incremento della terapia inalatoria regolare con broncodilatatori long-acting; si può discutere sui teofillinici, ma l indice terapeutico è basso 4) Prescrivere cicli di corticosteroidi orali in rapporto a peggioramento di sintomi ed es. obiettivo in caso di sospetta insufficienz a d azione d ei broncodilatatori SI, poiché le riacutizzazioni bronchitiche in pazienti gravi vanno trattate precocemente ed i corticosteroidi orali sono raccomandati 5) Prescrivere antibiotici a scopo preventivo NO, poiché i cicli preventivi di antibiotici non hanno alcuna evidenza di efficacia e selezionano germi resistenti Come riconoscere i criteri di ricov ero in un caso di riacutizzazione in un paziente con BPCO molto grav e Come trattare precocemente una riacutizza zio ne di BPCO al domicilio Caso clinico 5 - step 1 Caso clinico 5 Lucia, 63 anni, ex fumatrice, ex lavoratrice tessile, BPCO con insufficienza respiratoria semplice (ipossiemica) in O2 terapia domiciliare e trattamento inalatorio con tiotropio, budesonide formoterolo 4,5 (2 inalazioni bid). Non ha particolari co-morbidità. All ultima spirometria FEV1 30 %. Con il suo stroller Lucia riesce a mantenere un buon grado di autonomia. 8

9 Caso clinico 5 - step 1 Si reca dal medico perché la tosse è diventata insistente, l espettorazione solitamente con escreato perlaceo è diventata giallo-verdastra e difficoltosa; l affanno è molto aumentato. Obiettività: FR 19/m ; MV diffusamente ridotto, sporadici sibili alle basi; non edemi declivi; FC 90/R; PA 135/80. Domanda 1 - Televoto Quale tra le seguenti decisioni diagnostiche ritenete prioritaria? 1) Richiedere una spirometria prima della rivalutazione del trattamento 2) Richiedere una Rx torace urgente ed EGA urgente 3) Richiedere test ematochi mici (emocromocitometrico, PCR) 4) Richiedere esame colturale dell escreato Caso clinico 5 - step 2 Il medico riceve in visione gli accertamenti richiesti. EGA in O 2 : po 2 65 pco 2 43 ph 7, 39 Rx torace: non focolai in atto, reperti come da enfisema. Domanda 2 - Televoto I dati obiettivi consentono dunque di trattare il paziente in sicurezza al domicilio? Caso Clinico 5 E possibile: a) Aumento dei s oli corticosteroidi inalatori (in corso: budesonide 160+for moterolo 4,5 2 inal azioni bid) b) Aumento pos ologia del beta2 agonista in corso (for moterolo) o aggi unta anticolinergico e/o beta2 short-ac ting con nebulizzatore c) Aggi unta di c orticosteroidi orali d) Ciclo di antibiotici ad ampio s pettro e)assunzione regolare di mucolitici Quale trattamento adottereste? a)aumento dei soli corticosteroidi inalatori (in corso: budesonide 160+formoterolo 4,5 2 inalazioni bid)? Vediamoli uno per uno. 9

10 Quale trattamento adottereste? b)aumento posologia del beta2 agonista in corso (formoterolo) o aggiunta anticolinergico e/o beta2 short-acting con nebulizzatore? Quale trattamento adottereste? c) Aggiunta di corticosteroidi orali? Quale trattamento adottereste? d)ciclo di antibiotici ad ampio spettro (da iniziare il più precocemente possibile)? Quale trattamento adottereste prioritariamente? e)assunzione regolare di mucolitici? Domanda 4 - Televoto Caso clinico 5 - step 3 Quale criterio ritenete opportuno seguire per la scelta dell antibioticoterapia empirica? 1) Va bene quals iasi antibiotico orale di consolidato im piego (ad es: amoxicillina, tetraciclina, cotrimoxaz olo) 2) Necessar io un antibiotico ad am pio spettro per via orale, comprendente atipici, Gram+ e Gram- (ad es: fluorochinolonico di ultima gener azione con spettro esteso a Pseudomonas) 3) Preferibile la ciproflox acina o una cefalosporina anti-ps eudomonas in quanto è molto probabile la pr esenz a di un Gram- difficile (FEV1 30 %) 4) Meglio un antibiotic o ad ampio spettro per via iniettiva i.m. (mi aspetto maggiore efficacia), come una cefalosporina di terza generaz ione o una penicillina protetta 5) E' sufficiente una penic illina pr otetta orale (ad es. amoxi-clavulanic o) o una cefalospor ina di seconda generaz ione orale, in quanto un germ e difficile o un atipic o è altamente improbabile Dopo un mese dal termine della terapia antibiotica la paziente si ripresenta al controllo manifestando una sostanziale remissione dei sintomi della riacutizzazione ed una stabilizzazione della malattia di base. Soggettivamente la paziente riferisce miglioramento del respiro, ma assume ancora lo steroide orale a 5 mg die e l associazione formoterolo-budesonide x 3/die. 10

11 Caso clinico 5 - step 3 Caso clinico 5 - step 3 Ha assunto oxitropio bromuro aerosol x 2/die come prescritto dal curante solo per alcuni giorni dopo l esordio della riacutizzazione, in aggiunta alla terapia con i farmaci abituali, ma l ha poi mantenuto solo al bisogno in quanto i sintomi respiratori sono migliorati. All esame obiettivo: assenti i sibili respiratori, FC 82 min, FR 13/min, PA: 130/80. A questo punto il medico ritiene la paziente clinicamente stabilizzata, richiede un controllo della spirometria, che non mostra una significativa riduzione del FEV1 (29 %) rispetto alla situazione pre-riacutizzazione e decide di ridurre progressivamente la terapia. Domanda 4 - Televoto Tutte le seguenti strategie sono praticabili tranne una. Quale? 1) Sospensione completa dello steroide orale 2) Riduzione formoterolo-budesonide a 2 somministrazioni/die 3) Sospensione di uno dei due broncodilatatori long-acting 4) Riduzione dello short-acting al bisogno Cosa ci insegna questo caso Come diagnosticare e trattare in sicurezza al domicilio una riacutizzazione di BPCO anche nel caso di stadi av anzati 11

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate.

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. BPCO 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. 1.Terapie inappropriate in presenza di diagnosi corrette. 1.

Dettagli

Appendice C: Algoritmi

Appendice C: Algoritmi NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

Televoto Far comparire poi la domanda 2

Televoto Far comparire poi la domanda 2 Caso 1 sess. 1 Antonio, 50 anni, fumatore, si presenta al medico di famiglia dopo un episodio influenzale perché la tosse persiste da 3 settimane negli ultimi giorni anche con un po di catarro giallino.

Dettagli

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia (dispnea, tosse, ec) o INIZIO Individua tipologia dei pazienti Linee guida GOLD Ambulatori con agende riservate. Nella fase iniziale la frequenza dell ambulatorio

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON BPCO Versione III Aprile 2012 1 FASE 1: IDENTIFICAZIONE

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige A.S.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Caso clinico A.S., donna di 41 aa. si rivolge al MMG: da una diecina di giorni ho nuovamente

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Le malattie respiratorie e, in particolare la BPCO e l'asma, stanno diventando un problema di salute sempre

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL Versione 1 del 31/12/2009 LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL DIMENSIONE EPIDEMIOLOGICA La BPCO colpisce 3 milioni

Dettagli

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B. Uomo di 40 anni, agricoltore, fumatore (25 packyears), giuntoci alla prima osservazione

Dettagli

SINTOMI NON TIPICI DI BPCO

SINTOMI NON TIPICI DI BPCO 1 BPCO-COPD SI DEFINISCE, DAL PUNTO DI VISTA FISIOPATOLOGICO, COME UNA MALATTIA CARATTERIZZATA DA OSTRUZIONE CRONICA E PROGRESSIVA DEL FLUSSO AEREO, CON ACCELERATO DECLINO DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA,

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale TRATTAMENTO DELLA BPCO Obiettivi Prevenire la progressione della malattia Migliorare i sintomi Migliorare la

Dettagli

Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie

Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie Dott. Federico Bontardelli Medico in Formazione in Medicina Generale CR, 89 anni Viene in Ambulatorio il

Dettagli

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Dott. Salvatore Battaglia Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica (Di.Bi.MIS) La spirometria semplice: BPCO Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

CHE COSA CAUSA LA BPCO? DIAGNOSI DI BPCO

CHE COSA CAUSA LA BPCO? DIAGNOSI DI BPCO GUIDA POCKET PER LA DIAGNOSI, IL TRATTAMENTO E LA PREVENZIONE DELLA BPCO 5 CHE COSA CAUSA LA BPCO? In tutto il mondo, il fumo di sigaretta è il fattore di rischio più comunemente riscontrato per la BPCO.

Dettagli

Diario del Paziente con BPCO

Diario del Paziente con BPCO BPCO - Broncopneumopatia cronica ostruttiva Linee guida Italiane BPCO, Rinite, Asma Diario del Paziente con BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Onlus broncopneumopatia cronica ostruttiva Nome UN PROGETTO

Dettagli

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Dispensa realizzata in occasione della prima sessione DEL CORSO DI FORMAZIONE 2011 per persone affette da patologie neuromuscolari e

Dettagli

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma?

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Massimo Pifferi Emanuela De Marco Vincenzo Ragazzo Fisiopatologia Respiratoria e Allergologia - Clinica Pediatrica I Azienda Ospedaliera - Università di Pisa

Dettagli

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria 1 Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria Marco Confalonieri Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Struttura Complessa PNEUMOLOGIA-UTIR Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO in condivisione tra Azienda Sanitaria Locale della Provincia di

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Direttore: Prof. L.M. Fabbri Progetto PnemoWeb E-medicine per la formazione e la gestione di Asma e BPCO PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Dr.ssa Elisabetta Rovatti Modena 17 gennaio

Dettagli

Si ringrazia il prof. Adriano Vaghi Direttore UO Pneumologia Azienda Ospedaliera G.Salvini

Si ringrazia il prof. Adriano Vaghi Direttore UO Pneumologia Azienda Ospedaliera G.Salvini LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON BPCO RIACUTIZZATA GESTIONE DELLA BPCO RIACUTIZZATA Si ringrazia il prof. Adriano Vaghi Direttore UO Pneumologia Azienda Ospedaliera G.Salvini 1 Le riacutizzazioni,

Dettagli

Il Bambino con dispnea

Il Bambino con dispnea Il Bambino con dispnea PARAMETRI VITALI PEDIATRICI FC VEGLIA FC SONNO FR P.A. SISTOLICA P.A. DIASTOLICA NEONATO 100-180 80-160 40-60 60-90 20-60 LATTANTE (1-12 mesi) 100-160 75-160 30-60 87-105 53-66 INFANZIA

Dettagli

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I CARTA DEI SERVIZI BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE E ASMA GRAVE 2015-2016 Con la Sponsorizzazione di BCPO La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia delle vie

Dettagli

La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG

La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG Dott. Francesco AVITTO Specialista Medicina Interna Convenzionato MMG La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG L a f o r m a z i o n e n e l l a m b i t o d e l l e m a l a t

Dettagli

V GIORNATA MONDIALE BPCO

V GIORNATA MONDIALE BPCO V GIORNATA MONDIALE BPCO DR.SSA MARIELLA MARTINI Direttore Generale Azienda Sanitaria Locale Reggio Emilia 1 Provincia di Reggio Emilia 486.961 Abitanti Azienda USL di Reggio Emilia 6 Distretti 3776 Dipendenti

Dettagli

CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008. Lorenzo Mariniello

CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008. Lorenzo Mariniello CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008 Lorenzo Mariniello A.F., maschio 12 anni, è giunto per la prima volta alla mia osservazione

Dettagli

Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years

Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years A.P.R.: - ha sofferto di non precisati episodi di tosse con sibili da bambina scomparsi nell età adulta. - Riferisce da circa 5 anni tosse produttiva con episodi

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Introduzione Il lavoro è proseguito con l indicazione di una Esistono diverse Linee Guida che prendono serie di premesse che preludono alle

Dettagli

AZIENDA USL RM B. Dipartimento di Prevenzione. Ambulatorio di secondo livello per la disassuefazione al fumo CARTELLA CLINICA

AZIENDA USL RM B. Dipartimento di Prevenzione. Ambulatorio di secondo livello per la disassuefazione al fumo CARTELLA CLINICA Questo modello di cartella è stato proposto dal Dipartimento di Prevenzione della ASL Roma B per gli ambulatori ospedalieri e territoriali per la gestione dei pazienti che intendevano iniziare un cammino

Dettagli

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI UOC PNEUMOLOGIA UOC FARMACEUTICO TERRITORIALE MMG PERCORSO CLINICO

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI UOC PNEUMOLOGIA UOC FARMACEUTICO TERRITORIALE MMG PERCORSO CLINICO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI UOC PNEUMOLOGIA UOC FARMACEUTICO TERRITORIALE MMG PERCORSO CLINICO APPROPRIATEZZA DIAGNOSTICA E TERAPEUTICA NELLA BPCO Revisione 2012 PERCORSO CLINICO APPROPRIATEZZA

Dettagli

Bologna, 23 aprile 2009 Dott. Dario Bonetti Medico di Famiglia Ferrara

Bologna, 23 aprile 2009 Dott. Dario Bonetti Medico di Famiglia Ferrara Bologna, 23 aprile 2009 Dott. Dario Bonetti Medico di Famiglia Ferrara Fasi del processo di verifica Ricerca di dati epidemiologici Indicatori di processo Valutazione degli esiti clinici in base al tipo

Dettagli

Prescrizione ossigenoterapia domiciliare

Prescrizione ossigenoterapia domiciliare Sommario 1. Definizione di ossigenoterapia domiciliare... 2 2. Scopo... 5 3. Campo di applicazione... 5 4. Responsabilità... 5 5. Soggetti Destinatari... 5 6. Terminologia e abbreviazioni... 5 7. Modalità

Dettagli

FIMP Rete allergologica

FIMP Rete allergologica Linee Guida ASMA Il presente questionario è ANONIMO FIMP Medico compilatore ANONIMO Regione e località N bambini in convenzione Anno di entrata in convenzione Specializzazioni (oltre a quella in Pediatria)

Dettagli

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Organizzazione del POLIAMBULATORIO ALBERTONI e del CSC dell Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola-

Dettagli

Informazioni su BPCO. Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Insufficienza Respiratoria Cronica

Informazioni su BPCO. Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Insufficienza Respiratoria Cronica PCO Informazioni su BPCO Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Insufficienza Respiratoria Cronica Indice pag. 3 Presentazione pag. 4 Che cosa è la BPCO pag. 4 Gravità della malattia pag. 4 Sintomi pag.

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

Esercizi respiratori raccomandati ai pazienti BPCO

Esercizi respiratori raccomandati ai pazienti BPCO raccomandati ai pazienti BPCO Broncopnemopatia Cronica Ostruttiva per continuare il percorso riabilitativo a domicilio A.C.O. San Filippo Neri Presidio Ospedaliero Salus Infirmorum U.O.S.D. Riabilitazione

Dettagli

Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO

Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO EXPANDED CHRONIC CARE MODEL Elaborato a cura di: M.Bonini ; D.Cerullo ; R.Salvadori ; R.Torselli Direttore UFC

Dettagli

G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease

G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease PROGETTO MONDIALE BPCO Guida Pocket per la diagnosi, il TRATTAMENTO e la prevenzione della BPCO Revisione 2011 G lobal Initiative for Chronic

Dettagli

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino Analisi sulla gestione del paziente asmatico in medicina generale e dell aderenza alle indicazioni delle linee guida GINA: l esperienza della Area Vasta 1 Fano Asur Marche Carmen Vitali Responsabile U.O.

Dettagli

Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia

Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia Premessa Articolazione del Report 2 Capitolo I. La ricognizione Oggetto e metodologia 3 Realizzazione 4 Valore

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease

G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease PROGETTO MONDIALE BPCO GUIDA POCKET PER LA DIAGNOSI, IL TRATTAMENTO E LA PREVENZIONE DELLA BPCO Revisione 2015 G lobal Initiative for Chronic

Dettagli

Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Sicilia

Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Sicilia Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Sicilia Premessa Articolazione del Report 2 Capitolo I. La ricognizione Oggetto e metodologia 3 Realizzazione 4 Valore

Dettagli

Riacutizzazioni di BPCO

Riacutizzazioni di BPCO 1. Quanto sono frequenti le riacutizzazioni di BPCO?...2 i Come definire la malattia i Qual è l incidenza delle riacutizzazioni i Quanto dura un episodio i Qual è la mortalità 2. Come riconoscere una riacutizzazione?...3

Dettagli

Piano di gestione della salute dell individuo. Guida a lungo termine per soggetti affetti da Alfa-1 con patologie polmonari

Piano di gestione della salute dell individuo. Guida a lungo termine per soggetti affetti da Alfa-1 con patologie polmonari Piano di gestione della salute dell individuo Guida a lungo termine per soggetti affetti da Alfa-1 con patologie polmonari Questa è una guida che aiuta a costruire un programma di collaborazione tra il

Dettagli

REGIONANDO 2000 CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE, EFFICIENZA E QUALITÀ NEL SETTORE DEI SERVIZI SANITARI

REGIONANDO 2000 CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE, EFFICIENZA E QUALITÀ NEL SETTORE DEI SERVIZI SANITARI REGIONANDO 2000 REGIONE PUGLIA UNITÀ OPERATIVA TISIOLOGIA II PRESIDIO PNEUMOLOGICO COLONNELLO D AVANZO OSPEDALI RIUNITI AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA - FOGGIA CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE,

Dettagli

Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO EXPANDED CHRONIC CARE MODEL

Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO EXPANDED CHRONIC CARE MODEL Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO EXPANDED CHRONIC CARE MODEL 1.Premessa 2.Riferimenti 3.Definizione 4.Obiettivi 5. Definizione e stadiazione dei

Dettagli

RIACUTIZZAZIONI DI BPCO

RIACUTIZZAZIONI DI BPCO RIACUTIZZAZIONI DI BPCO Causa comune di morbidità e mortalità nei pazienti con BPCO In USA: >16 milioni di visite ambulatoriali e 500.000 ricoveri all anno ~1/3 dei pz dimessi da PS con riacutizzazione

Dettagli

Comprendere le esacerbazioni polmonari

Comprendere le esacerbazioni polmonari Comprendere le esacerbazioni polmonari COMPRENDERE LE ESACERBAZIONI POLMONARI INTRODUZIONE Riconoscere i cambiamenti di segnali e sintomi della malattia polmonare è una parte importante della gestione

Dettagli

LA TELEMEDICINA RIDUCE IL RICORSO AI SERVIZI SANITARI ED I COSTI E MIGLIORA L OUTCOME: L ESPERIENZA DELL'AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA ADDOLORATA DI ROMA Giorgio Scaffidi 1, Michelangelo

Dettagli

SERIE EDITORIALE DM. Disease Management. Focus 7

SERIE EDITORIALE DM. Disease Management. Focus 7 SERIE EDITORIALE DM Disease Focus 7 La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva Riacutizzata GERMANO BETTONCELLI, LORENZO CORBETTA PACINIeditore MEDICINA AUTORI Germano Bettoncelli Medico di Medicina Generale,

Dettagli

Indicazioni per l ossigenoterapia

Indicazioni per l ossigenoterapia Seminari del Venerdì del Gruppo di Ricerca Geriatrica Aggiornamenti In Geriatria Brescia, 18 gennaio 2013 Indicazioni per l ossigenoterapia domiciliare Piera Ranieri Responsabile Ambulatorio di Fisiopatologia

Dettagli

ASMA BRONCHIALE. L eziologia è ignota ma se ne conosco alcuni fattori scatenanti quali:

ASMA BRONCHIALE. L eziologia è ignota ma se ne conosco alcuni fattori scatenanti quali: ASMA BRONCHIALE Definizione:Malattia infiammatoria cronica delle vie aeree a eziologia ignota,caratterizzata da ricorrenti episodi di ostruzione bronchiale reversibili e da iperreattività bronchiale ovvero

Dettagli

COMPLICANZE RESPIRATORIE

COMPLICANZE RESPIRATORIE ATELETTASIA: collasso di gruppi di alveoli che continuano ad essere vascolarizzati (ma non sono più ventilati! Quindi c è un alterazione degli scambi O2/CO2) Più l atelettasia dura nel tempo, più difficile

Dettagli

Informazioni per persone con

Informazioni per persone con Informazioni per persone con Bronchite Cronica Ostruttiva ed i loro familiari ed assistenti Febbraio 2004 NICE (National Institute for Clinical Excellence - MidCity Place - 71 High Holborn - London WC1V

Dettagli

MALATTIE RESPIRATORIE

MALATTIE RESPIRATORIE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE I CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO MALATTIE RESPIRATORIE

Dettagli

Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale)

Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI

U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI ASMA e SPORT FIRENZE 9 Giugno 2012 Dott. W. Castellani U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI La correlazione fra ASMA ed ESERCIZIO FISICO risale alla seconda metà del II

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA PRESCRIZIONE DELL OSSIGENO TERAPIA DOMICILIARE A LUNGO TERMINE

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA PRESCRIZIONE DELL OSSIGENO TERAPIA DOMICILIARE A LUNGO TERMINE REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute Settore LEA Servizio Politica del Farmaco LINEE GUIDA REGIONALI PER LA PRESCRIZIONE DELL OSSIGENO TERAPIA DOMICILIARE A LUNGO TERMINE EVOLUZIONE NORMATIVA

Dettagli

A.O. S. Martino e Cliniche Universitarie convenzionate di Genova Pelucco David Direttore SC Pneumologia AO San Martino - Genova Scordamaglia Antonio

A.O. S. Martino e Cliniche Universitarie convenzionate di Genova Pelucco David Direttore SC Pneumologia AO San Martino - Genova Scordamaglia Antonio FORMAT DOCUMENTI RETI Titolo: RETE PNEUMOLOGICA Partecipanti Coordinatori Cognome Nome ruolo azienda recapito Nosenzo Marco Direttore SC Pneumologia PO Imperia - ASL1 IMPERIESE 0183 537016; m.nosenzo@asl1.liguria.it

Dettagli

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE INTERREGIONALE MEDICA VFG 2 CONVEGNO INTERREGIONALE MONTAGNA PER TUTTI: PROBLEMATICHE MEDICHE Centro di Formazione per la Montagna Passo Pordoi 9-10 ottobre 2004 ALTITUDINE

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Test di funzionalità polmonare Indagano: La Ventilazione: Prove di Funzionalità Respiratoria

Dettagli

LA GESTIONE CLINICA INTEGRATA DELLA BPCO

LA GESTIONE CLINICA INTEGRATA DELLA BPCO LA GESTIONE CLINICA INTEGRATA DELLA BPCO Documento approvato da: Copyright Questo slide kit è parte integrante del documento La gestione clinica integrata della BPCO Il Copyright del documento e dello

Dettagli

BPCO. Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare. Progetto realizzato in collaborazione con. Consulenza scientifica

BPCO. Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare. Progetto realizzato in collaborazione con. Consulenza scientifica BPCO Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare Consulenza scientifica Progetto realizzato in collaborazione con 34 FARMACIE NEL TERRITORIO CITTADINO PER LA TUA SALUTE E QUELLA DELLA TUA FAMIGLIA.

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821.Linee Guida della Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva ed Ossigenoterapia Scopo del Lavoro La broncopneumopatia

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE TERRITORIO DEL PAZIENTE CON BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)

GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE TERRITORIO DEL PAZIENTE CON BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO) GESTONE NTEGRATA OSPEDALE TERRTORO DEL PAZENTE CON BRONCOPNEUMOPATA CRONCA OSTRUTTVA (BPCO) DEFNZONE La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva ( BPCO ) è una malattia respiratoria cronica prevenibile e trattabile

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Sommario Definizione Asma Epidemiologia Asma Diagnosi differenziale Asma - BPCO Gestione

Dettagli

Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI

Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI 1 Obiettivi del modulo 4 Definire i principali ostacoli che incontra il MMG nella sua attività quotidiana Spiegare le

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

OSPEDALE S.CAMILLO DE LELLIS RIETI UOC PNEUMOLOGIA PERCORSO CLINICO GESTIONE DELL INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA BPCO RIACUTIZZATA

OSPEDALE S.CAMILLO DE LELLIS RIETI UOC PNEUMOLOGIA PERCORSO CLINICO GESTIONE DELL INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA BPCO RIACUTIZZATA OSPEDALE S.CAMILLO DE LELLIS RIETI UOC PNEUMOLOGIA PERCORSO CLINICO GESTIONE DELL INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA BPCO RIACUTIZZATA Revisione 2011 OSPEDALE S.CAMILLO DE LELLIS RIETI U.O.C. PNEUMOLOGIA

Dettagli

G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease

G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease G lobal Initiative for Chronic O bstructive L ung Disease PROGETTO MONDIALE BPCO Guida Pocket per la diagnosi, il TRATTAMENTO e la prevenzione della BPCO Revisione 2014 G lobal Initiative for Chronic

Dettagli

L Insufficienza Respiratoria Cronica IRC Aspetti clinici. Corso di base per operatori del CAD Roma A. SINI, A. ALTIERI, D. MANCINI

L Insufficienza Respiratoria Cronica IRC Aspetti clinici. Corso di base per operatori del CAD Roma A. SINI, A. ALTIERI, D. MANCINI L Insufficienza Respiratoria Cronica IRC Aspetti clinici Corso di base per operatori del CAD Roma A. SINI, A. ALTIERI, D. MANCINI Respirazione Definizione Funzione che assicura gli scambi gassosi tra l

Dettagli

IL FUMO DANNEGGIA LA SALUTE DELL APPARATO RESPIRATORIO:

IL FUMO DANNEGGIA LA SALUTE DELL APPARATO RESPIRATORIO: IL FUMO DANNEGGIA LA SALUTE DELL APPARATO RESPIRATORIO: note divulgative per aiutare a smettere di fumare 2 Devo veramente smettere di fumare? Il fumo è la causa principale della broncopneumopatia cronica

Dettagli

GIORNATE JONICO-SALENTINE 2011 Le tossi come semaforo rosso delle vie aeree. medicina generale (asma, BPCO e...?) G. Bettoncelli

GIORNATE JONICO-SALENTINE 2011 Le tossi come semaforo rosso delle vie aeree. medicina generale (asma, BPCO e...?) G. Bettoncelli GIORNATE JONICO-SALENTINE 2011 Le tossi come semaforo rosso delle vie aeree Inquadramento clinico delle tossi in medicina generale (asma, BPCO e...?) G. Bettoncelli La tosse: un sintomo importante La tosse

Dettagli

ESAME DEGLI ATTI Cartella clinica di P.S.

ESAME DEGLI ATTI Cartella clinica di P.S. Io sottoscritto Dott. AM, specialista in Medicina Legale, ho preso visione della documentazione sanitaria relativa ai ricoveri del Sig. BL, al fine di verificare eventuali profili di responsabilità professionale

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PDTA BPCO Revisione 16/09/2015 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) OSPEDALE-TERRITORIO PER IL PAZIENTE CON BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA 1 PAG. 1. BPCO IN FASE DI STABILITA 3 2.

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA B. D Elia INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DEFINIZIONE E una condizione caratterizzata da un alterazione della ventilazione alveolare e/o da una difficoltà dello scambio gassoso a livello polmonare; è

Dettagli

LO SCOMPENSO CARDIACO

LO SCOMPENSO CARDIACO Area Medica P.O. Pistoia LO SCOMPENSO CARDIACO Opuscolo informativo di educazione terapeutica U.O. Cardiologia U.O. Medicina Interna I COS E LO SCOMPENSO CARDIACO Lo scompenso cardiaco è una malattia molto

Dettagli

Caso clinico: un dilemma diagnostico

Caso clinico: un dilemma diagnostico APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE ALL'ITTERO OSTRUTTIVO Verona, 1 ottobre 2010 Caso clinico: un dilemma diagnostico M Bortul 1, S Scomersi 1, F Vassallo 2, T Stocca 3 1 S.C.Clinica Chirurgica-Azienda Ospedaliero

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO

VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO Distretto di Sassari Direttore Dott. N. Licheri VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO Distretto di Sassari 1 VENTILAZIONE MECCANICA

Dettagli

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA Incidenza superiore al 5% nei pazienti industrializzati Marcato restringimento vie aree (colpi di tosse, respiro superficiale, senso di costrizione

Dettagli

PROFESSIONE E BUONE PRATICHE PERCORSI INTEGRATI DI CURA. Mirna Magnani

PROFESSIONE E BUONE PRATICHE PERCORSI INTEGRATI DI CURA. Mirna Magnani PROFESSIONE E BUONE PRATICHE PERCORSI INTEGRATI DI CURA Mirna Magnani 2 PERCORSI INTEGRATI DI CURA Nei paesi sviluppati cronicità e invecchiamento demografico rappresentano i bisogni di salute emergenti;

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli