TEORIA DEL FUNZIONALE DELLA DENSITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEORIA DEL FUNZIONALE DELLA DENSITÀ"

Transcript

1 Università di Torino Corso di Studi in Scienza dei Materiali Laurea Magistrale in Scienza dei Materiali A. A TEORIA DEL FUNZIONALE DELLA DENSITÀ Appunti del corso Bartolomeo Civalleri [appunti aggiornati al September 16, 2014] 1

2 Premessa Queste note richiamano gli argomenti svolti nel modulo di Teoria del Funzionale della Densitá del corso opzionale di Complementi di Scienza dei Materiali Computazionale per la Laurea Magistrale in Scienza dei Materiali presso l Università di Torino. NOTA: Gli appunti sono in continuo aggiornamento e quindi alcuni capitoli possono non essere completi o in fase di revisione. Le figure sono state rimosse per evitare problemi di copyright (contattare il docente) Testo di riferimento: Koch, W., Holthausen, M.C.; A Chemist s Guide to Density Functional Theory, Wiley-VCH, Weinheim, 2000 Altri testi consultabili per approfondimenti sono: Parr, R.G; Yang, W. Density Functional Theory of Atoms and Molecules, Oxford University Press, NY, 1989 Dreizler, R.M.; Gross, E.K.U. Density Functional Theory: An Approach to the Many- Body Problem; Springer-Verlag, Berlin, 1990 Gill, P.W.M.; Density Functional Theory (DFT), Hartree-Fock (HF), and the Selfconsistent Field, in Encyclopedia of Computational Chemistry, Schleyer, P.v.R.; Allinger, N.L.; Clark, T.; Gasteiger, J.; Kollman, P.A.; Schaefer III, H.F.; Schreiner, P.R. (eds.); Wiley, Chichester, 1998, vol. A, pp

3 Contents 1 Introduzione Dalla funzione d onda alla densità elettronica Un esempio semplice: il modello di Thomas-Fermi Teoremi di Hohenberg-Kohn Teorema I: la densità come variabile base Teorema II: principio variazionale Il problema della v- e N-rappresentabilità Riformulazione di Levy-Lieb: la ricerca-vincolata Estensioni Sistemi con polarizzazione di spin Dipendenza dalla temperatura e ensemble statistici Dipendenza dalla densità di corrente Dipendenza dal tempo Matrici densità e buca di scambio e correlazione Matrici densità e operatore densità Matrici densità ridotte Matrici densità spinless Densità di paia Buca di scambio-correlazione La buca di Fermi La buca di Coulomb Esempi Approccio di Kohn-Sham Sistema di elettroni non interagenti Funzionale di scambio e correlazione ed equazioni di Kohn-Sham Discussione Significato delle autofunzioni di Kohn-Sham Significato degli autovalori di Kohn-Sham Significato del potenziale di XC Nota su scambio esatto e funzionale di scambio e correlazione Connessione adiabatica Esempi

4 5 Funzionali di scambio e correlazione La scala di Giacobbe (Jacob s Ladder) Funzionali di scambio e correlazione ibridi Funzionali ibridi globali Funzionali ibridi di tipo Range-Separated (RSH) Metodi doppio-ibridi (Double-Hybrids) Metodo B2-PLYP (S. Grimme JCP 124 (2006)034108) Alcune note schematiche sulla costruzione di un funzionale Esempi Funzionali locali e correzioni per il gradiente da GEA (GGA) Implementazione dei metodi DFT Implementazione dei metodi DFT Valutazione dei metodi DFT 60 A Sul concetto di funzionale e derivata di un funzionale 62 A.1 Funzionale e derivata funzionale A.2 Formula di Eulero A.3 Minimo di un funzionale B PBE s type exchange functionals and functional derivatives 69 C B97-like exchange-correlation functional and functional derivatives 73 4

5 Chapter 1 Introduzione 1.1 Dalla funzione d onda alla densità elettronica Consideriamo l approccio tradizionale (o standard) ai metodi della meccanica quantistica incentrato sull uso come variabile base della funziona d onda. Per una molecola con N elettroni si deve risolvere l equazione di Schrödinger ĤΨ = EΨ, dove l operatore Hamiltoniano elettronico ha l espressione Ĥ elec = 1/2 N 2 i i N i M A Z A r ia + N i N j>i 1 r ij + M A M B>A Z A Z B R AB (1.1) dove r ia = r i R A, r ij = r i r j e R AB = R A R B. Ĥ elec può essere riscritto evidenziando la dipendenza da un potenziale esterno, V ext, rappresentato dall interazione con i nuclei atomici, v(r i ) = M Z A A ria, quindi Ĥ elec = 1/2 N 2 i i N v(r i ) + i N i N j>i 1 r ij (1.2) Dalle relazioni (1.1) e (1.2) risulta che Ĥelec è completamente definito quando sono noti: 1. il numero di elettroni, N 2. il potenziale esterno, V ext, che a sua volta è definito da carica nucleare, Z A posizione dei nuclei, R A Dato l operatore Ĥ (tralasciamo l indicazione elec) è possibile risolvere l equazione di Schrödinger e ottenere la funzione d onda e l energia. Per fare questo siamo aiutati da un importante strumento: il principio variazionale, che stabilisce che esiste quindi una relazione funzionale tra E e Ψ Ψ tr Ĥ Ψ tr = E tr E 0 = Ψ 0 Ĥ Ψ 0 (1.3) E = E[Ψ] 5

6 L energia è un funzionale della funzione d onda. Possiamo esprimere il principio variazionale anche come E = min Ψ N E[Ψ] = min Ψ Ĥ Ψ = min Ψ T e + V ext + V ee Ψ Ψ N Ψ N dove Ψ N significa che si ricerca la Ψ tra tutte le funzioni d onda N-elettroniche fisicamente accettabili (continue, con derivate continue e di quadrato integrabile - vedere primo postulato della QM) Ad esempio per il metodo Hartree-Fock si ha E = min Φ Ĥ Φ = min E[Φ] Φ N Φ N dove il minimo si ottiene ricercando il miglior set di spinorbitali che definiscono il determinante di Slater, Φ. Quindi, mettendo insieme tutte queste osservazioni possiamo dire che dati {N, Z A, R A } questi definiscono l operatore hamiltoniano che attraverso la soluzione dell equazione di Schrödinger determinano Ψ e l energia, E. Possiamo indicare questo con Otteniamo, allora, che {N, Z A, R A } = Ĥ = Ψ = E E = E[N, V ext ] dove si evidenzia che l energia dipende dal numero di elettroni e dal potenziale esterno. La relazione funzionale scritta sopra non vale solo per l energia, ma per qualsiasi altra osservabile. Il valore di aspettazione per un osservabile è dato infatti da O = Ψ Ô Ψ. Anche la densità elettronica, ρ(r), si può ottenere da Ψ come ρ(r 1 ) = N Ψ(x 1, x 2,..., x N ) 2 ds 1 dx 2 dx N questa è la probabilità di trovare uno qualsiasi degli N elettroni nell elemento di volume dr 1 con spin arbitrario (gli altri N 1 elettroni hanno posizione e spin arbitrari). ρ(r) è più propriamente una densità di probabilità. La densità elettronica, ρ(r), ha una serie di importanti proprietà ρ(r) è positiva ρ(r) dipende dalle sole variabili spaziali: ρ(x, y, z) ρ(r) svanisce all infinito: ρ(r ) = 0 integrata dà il numero di elettroni totale: ρ(r 1 )dr 1 = N Inoltre, ρ(r) è un osservabile fisica, ottenibile da esperimenti di diffrazione di raggi X presenta dei massimi solo in corrispondenza della posizione dei nuclei, R A 6

7 sui nuclei è presente una cuspide, conseguenza della singolarità nel termine Z A r ia dell hamiltoniano per r ia 0. Questa cuspide dipende dalla carica nucleare attraverso la relazione [ ] lim r ia 0 r + 2Z A ρ(r) = 0 dove ρ(r) è la media sferica di ρ(r) ρ(r) = 1 π 2π ρ(r) sin θdθdφ 4π 0 0 La condizione di cuspide può ugualmente essere espressa come 2Z A = ln ρ(r) ri =R r A ia La relazione sopra è facilmente verificabile nel caso di un atomo (ad esempio, si provi ( come esercizio a verificarlo per l atomo di idrogeno per il quale Ψ 1s = 1 Z ) 3/2 π 1/2 a e Z r a ). Nel caso molecolare la densità elettronica è mediata sfericamente nell intorno della posizione dei nuclei, R A. decade con un andamento esponenziale asintotico per grandi distanze dai nuclei come dove I è il potenziale di ionizzazione ρ(r) exp[ 2 2I r ] Quindi ρ(r), come Ψ, contiene tutti gli ingredienti necessari per definire l operatore hamiltoniano: N, Z A, R A ; e di conseguenza tutte le proprietà molecolari. Si può scrivere ρ(r) = {N, Z A, R A } = Ĥ = Ψ = E Possiamo allora affermare che l energia è un funzionale della densità elettronica e vale il seguente principio variazionale E = E = E[ρ(r)] min E[ρ] ρ N,V ext dove ρ N, V ext indica che la ricerca va fatta su tutte le ρ accettabili dal punto di vista fisico e cioè che integrate diano il numero totale di elettroni, N, e che definiscano univocamente il potenziale esterno, V ext. Questi due risultati corrispondono ai due teoremi di Hohenberg-Kohn. Il primo stabilisce l esistenza del funzionale, E[ρ], e il secondo definisce un principio variazionale. 7

8 1.2 Un esempio semplice: il modello di Thomas-Fermi I primi tentativi di usare la densità elettronica come variabile base risalgono in realtà alle origini della meccanica quantistica. Infatti, nel 1927, Thomas e Fermi in modo indipendente, proposero un semplice modello meccanico-statistico della struttura elettronica degli atomi. In pratica il modello di Thomas-Fermi ha un interesse prevalemtemente storico con scarsa utilità concreta, ma è da considerarsi il primo esempio di quella che diventerà la teoria del funzionale della densità. Thomas e Fermi considerano un sistema ideale di elettroni non interagenti, cioè un gas uniforme di elettroni non interagenti. L energia del sistema in esame dipenderà quindi esclusivamente dall energia cinetica degli elettroni. Anche se l assunzioni fatte sono molto drastiche è possibile dimostrare che per tale sistema l energia dipende solamente dalla densità elettronica ρ(r). Dividiamo lo spazio in piccoli cubetti (celle) ognuno di lato l e volume V = l 3, ognuno contenente un numero fissato di elettroni N (che può essere diverso da cella a cella). Assumiano quindi che gli elettroni in ogni cella si comportino come particelle fermioniche indipendenti a T = 0K e che le celle siano tra loro indipendenti. I livelli energetici delle particelle in una buca di potenziale tridimensionale infinita sono dati da ɛ(n x, n y, n z ) = h2 8ml 2 (n2 x + n 2 y + n 2 z) = h2 8ml 2 R2 dove n x, n y, n z = 1, 2, 3,... Per numeri quantici elevati, cioè per grandi valori di R, il numero di livelli energetici con energia minore di ɛ può essere approssimato dal volume di un ottante di una sfera di raggio R nello spazio (n x, n y, n z ). Questo numero è ( ) 4πR 3 ( ) 8ml 2 3/2 ɛ (1.4) Φ(ɛ) = = π 6 h 2 Il numero di livelli energetici tra ɛ e ɛ + δɛ è quindi ( ) 8ml 2 3/2 ɛ 1/2 δɛ + O((δɛ) 2 ) (1.5) g(ɛ) ɛ = Φ(ɛ + δɛ) Φ(ɛ) = π 4 h 2 dove la funzione g(ɛ) è la densità degli stati con energia ɛ. Per calcolare l energia totale di una cella con N elettroni, occorre conoscere la probabilità di occupazione dello stato con energia ɛ che indichiamo con f(ɛ). Questa è data dalla distribuzione di Fermi-Dirac 1 f(ɛ) = (1.6) 1 + e β(ɛ µ) dove β = 1 gradino k B T e k B è la costante di Boltzmann. A T = 0K la?? si riduce alla funzione f(ɛ) = 1, ɛ < ɛ F (1.7) f(ɛ) = 0, ɛ > ɛ F (1.8) con β, dove ɛ F è l energia di Fermi. Tutti gli stati con energia minore di ɛ F sono occupati mentre quelli con energia maggiore sono non-occupati. 8

9 Sommando i contributi dovuti ai diversi stati energetici, si ricava l energia totale degli elettroni nella cella E = 2 ɛf(ɛ)g(ɛ)dɛ = 4π ( 2m h 2 ) 3/2 l 3 ɛ F 0 ɛ 3/2 dɛ (1.9) ( = 8π 2m ) 3/2 5 h l 3 ɛ 5/2 2 F dove il fattore 2 indica che ogni livello è doppiamente occupato da un elettrone con spin α e un altro con spin β. L energia di Fermi è legata al numero di elettroni N nella cella attraverso la formula N = 2 f(ɛ)g(ɛ)dɛ = 8π 3 Eliminando ɛ F dalla 1.9 usando la 1.10 si ricava ( 2m h 2 E = 3π ( ) 2/3 ( 5 Nɛ F = 3h2 3 N l 3 10m 8π l 3 ) 3/2 l 3 ɛ 3/2 F (1.10) ) 5/3 (1.11) L equazione 1.11 è la relazione tra l energia cinetica totale e la densità elettronica ρ = N/l 3 = N/V per ogni cella nello spazio. (Notare che celle diverse possono avere valori diversi di ρ.) Sommando i contributi da tutte le celle si ottiene l energia cinetica totale che in unità atomiche diventa T T F [ρ] = C F ρ 5/3 (r)dr (1.12) dove C F = 3 10 (3π2 ) 2/3 = (1.13) ed è stato considerato il limite per V 0 con ρ = N/ V = ρ(r) con valore finito per passare da una somma ad un integrale. Questo è il famoso funzionale energia cinetica di Thomas-Fermi che fu applicato allo studio degli elettroni negli atomi. Nota: in questa approssimazione è stato assunto che le proprietà elettroniche siano determinate da funzionali della densità elettronica che localmente si rifanno ad un sistema elettronico omogeneo. Questa assunzione è alla base di quella che vedremo essere l approssimazione locale dei funzionali della densità (local density approximation, LDA). Se al contributo cinetico dato dalla 1.12 si sommano le energie elettrostatiche classiche di attrazione elettrone-nucleo e repulsiva elettrone-elettrone (trascurando i contributi di scambio e correlazione) si ottiene per un atomo l energia espressa solo in termini della densità elettronica E T F [ρ(r)] = C F ρ 5/3 (r)dr Z r ρ(r)dr ρ(r1 )ρ(r 2 ) r 1 r 2 dr 1dr 2 (1.14) Questo è il funzionale energia totale nella teoria atomica di Thomas-Fermi. Per le molecole l espressione sopra può essere opportunamente modificata. 9

10 Si può assumere allora che per lo stato fondamentale di un atomo la densità elettronica minimizza il funzionale E T F [ρ(r)] soggetto al vincolo N = N[ρ(r)] = ρ(r)dr (1.15) dove N è il numero totale di elettroni nell atomo. Usando il metodo dei moltiplicatori di Lagrange, la densità elettronica dello stato fondamentale deve soddisfare il principio variazionale ( )} δ {E T F [ρ] µ T F ρ(r)dr N = 0 (1.16) che porta all equazione di Eulero-Lagrange µ T F = δe T F [ρ] δρ(r) = 5 3 C F ρ 2/3 (r) φ(r) (1.17) dove φ(r) è il potenziale elettrostatico nel punto r generato dal nucleo e dall intera distribuzione elettronica φ(r) = Z r ρ(r 2 ) r r 2 dr 2 (1.18) L equazione di Eulero-Lagrange può essere risolta insieme al vincolo per ricavare la densità elettronica che inserita nella 1.14 permette di ottenere l energia dello stato fondamentale. Il modello di Thomas-Fermi può essere esteso ad un gas di elettroni integragenti includendo i contributi di scambio (Dirac-Slater, TFD)[3, 4] e correlazione (Wigner, TFDW)[5] o per tenere conto di effetti di non omogeneità del gas di elettroni (Weizsacker, Kirzhnitz, TFW)[6,?]. La crudezza delle approssimazioni del modello lo rendono inaccurato per la descrizione di atomi e molecole ed è stato dimostrato non essere in grado nè di riprodurre la struttura a guscio degli atomi nè di dare alcuna legame tra gli atomi in una molecola [7]. 10

11 Chapter 2 Teoremi di Hohenberg-Kohn La formulazione moderna della teorià del funzionale della densità ha avuto origine con il famoso articolo di P. Hohenbger e W. Kohn (HK) del 1964[8]. Gli autori dimostrarono che un ruolo chiave può essere assegnato alla densità di particelle per lo stato fondamentale di un sistema multi-corpi. La densità diventa quindi la variabile base per la descrizione del sistema in quanto tutte le proprietà osservabili possono essere considerate funzionali unici della densità dello stato fondamentale. A differenza da quanto visto per il modello di Thomas-Fermi, l approccio di Hohenberg e Kohn è di formulare la teoria del funzionale della densità come una teoria esatta per un sistema multicorpi. A fini del corso, noi consideriamo un sistema di multielettronico a nuclei fissi descritto dall hamiltoniano N N N N Ĥ elec = 1/2 2 1 i v(r i ) + (2.1) r ij i ma la teoria è del tutto generale e si applica ad un sistema di particelle (fermioni o bosoni) soggette all azione di un potenziale esterno V ext (r). La formulazione di basa su due teoremi fondamentali. 2.1 Teorema I: la densità come variabile base Teorema I: Per qualsiasi sistema di particelle interagenti soggetto all azione di un potenziale esterno V ext (r), il potenziale V ext (r) è determinato unicamente, a meno di una costante, dalla densità di particelle nello stato fondamentale, ρ 0 (r). Corollario Dato che l hamiltoniano è completamente definito, eccetto che per uno shift di energia, ne consegue che sono anche definite le funzioni d onda multi-particelle per tutti gli stati (fondamentale ed eccitati). Perciò tutte le proprietà del sistema sono completamente determinate data la sola densità dello stato fondamentale ρ 0 (r). i i j>i Dimostrazione: 11

12 Consideriamo un sistema di multielettronico il cui la funzione d onda Ψ 0 dello stato fondamentale sia non degenere. (Nota: l estensione al caso degenere è facile, ma vedremo più avanti che è possibile generalizzare i teoremi di HK in una formulazione che vale per stati degeneri e non degeneri). L hamiltoniano 2.1 può essere scritto in modo conciso come Ĥ = T + V ext + V ee La dimostrazione intuitiva vista in precedenza che l energia è un funzionale della densità elettronica può essere formalizzata in tre passaggi: A. Esiste una corrispondenza biunivoca tra il potenziale esterno V ext (r) e la funzione d onda Ψ 0. Come già sottolineato, definire V ext (r) corrisponde a definire Ĥ e quindi la funzione d onda Ψ che soddisfa Ψ 0 Ĥ Ψ 0, con E 0 energia dello stato fondamentale. Dato V ext (r), la funzione d onda Ψ 0 è univocamente definita. Se così non fosse, sarebbe possibile avere due potenziali diversi V ext (r) e V ext(r), che differendo tra loro per più di una costante V ext (r) V ext(r) cost (2.2) (potenziali del tipo V ext (r) = V ext(r) + cost sono considerati equivalenti) danno origine alla stessa funzione d onda Ψ. Per dimostrare che questo non è vero, partiamo dalle corrispondenti equazioni di Schrödinger si ha Ψ Ĥ Ψ = Ψ T + V ext + V ee Ψ = E 0 e se fosse Ψ = Ψ per sottrazione si avrebbe Ψ Ĥ Ψ = Ψ T + V ext + V ee Ψ = E 0 ( V ext V ext) Ψ = (E 0 E 0) Ψ (2.3) Dato che V ext e V ext sono potenziali moltiplicativi, la 2.3 porterebbe a V ext V ext = E 0 E 0 = E(cost) in contraddizione con la 2.2. Questo dimostra quindi V ext Ĥ Ψ B. Esiste una corrispondenza univoca tra Ψ 0 e ρ(r). Questa relazione è implicita nella definizione di ρ ρ(r) = N Ψ(x 1, x 2,..., x N ) 2 ds 1 dx 2 dx N e quindi possiamo scrivere Ψ = ρ(r) C. Alla densità elettronica ρ(r), che corrisponde a uno stato fondamentale non degenere, corrisponde univocamente un potenziale esterno V ext (r). Lo si dimostra per assurdo. Siano V ext (r) e V ext(r) due potenziali diversi, tali che V ext (r) V ext(r) + cost, cui corrispondono le hamiltoniane Ĥ e Ĥ e quindi le due autofunzioni per lo stato fondamentale Ψ 0 e Ψ 0 12

13 che per quanto dimostrato prima (A) sono diverse. Supponiamo però che Ψ 0 e Ψ 0 definiscano la stessa densità di carica ρ(r). Per il teorema variazionale, dato che Ψ 0 Ψ 0, ed essendo lo stato fondamentale non degenere, vale E 0 = Ψ 0 Ĥ Ψ 0 < Ψ 0 Ĥ Ψ 0 ma anche da cui E 0 = Ψ 0 Ĥ Ψ 0 < Ψ 0 Ĥ Ψ 0 Ψ 0 Ĥ Ĥ Ψ 0 < Ψ 0 Ĥ Ĥ Ψ 0 dato che le hamiltoniane differiscono solo per il potenziale esterno si ottiene Ψ 0 V ext V ext Ψ 0 < Ψ 0 V ext V ext Ψ 0 che si può scrivere come ρ(r)[v ext (r) v ext(r)]dr < ρ (r)[v ext (r) v ext(r)]dr da cui ρ(r) < ρ (r), ma essendo per ipotesi ρ(r) ρ (r), si arriva ad un assurdo. Non possono quindi esistere due potenziali esterni diversi che generano la stessa densità elettronica. Ne consegue che ρ(r) = v ext (r) Riassumendo i risultati ottenuti si ricava v ext (r) ρ(r) (2.4) Ĥ Ψ 0 da cui risulta che non solo esiste una relazione diretta tra Ψ 0 e ρ(r), ma anche una relazione inversa, perciò la funzione d onda è un funzionale della densità Ψ 0 [ρ] e di conseguenza tutte le proprietà (osservabili) del sistema Ψ[ρ] Ô Ψ[ρ] = O[ρ] sono funzionali della densità. Con particolare riferimento all energia, il primo teorema di HK stabilisce quindi l esistenza del funzionale E v [ρ] = V ext [ρ] + T [ρ] + V ee [ρ] in cui si è evidenziata la dipendenza esplicita da v ext (r) e che i singoli contributi all energia totale sono essi stessi dei funzionali della densità, come appena dimostrato. È possibile, a questo punto, esplicitare nell espressione dell energia, i contributi che dipendono dal sistema stesso: il potenziale esterno dovuto all interazione attrattiva elettrone-nucleo e quelle che sono universali perchè la loro espressione non dipende da N, R A e Z A E v [ρ] = ρ(r)v ext (r)dr + T [ρ] + V ee [ρ] 13

14 Raccogliendo i termini che sono indipendenti dal sistema E v [ρ] = ρ(r)v ext (r)dr + F HK [ρ] si può definire il funzionale universale di HK F HK [ρ] = T [ρ] + V ee [ρ] = Ψ[ρ] T + V ee Ψ[ρ] F HK [ρ] è universale nel senso che è lo stesso funzionale per atomi, molecole e solidi indipendentemente dal fatto che l interazione degli elettroni sia con un nucleo, alcuni nuclei o un reticolo cristallino. 2.2 Teorema II: principio variazionale Teorema II: È possibile definire un funzionale universale per l energia, E[ρ], in termini della densità ρ(r), valido per qualsiasi potenziale esterno v ext (r). Dato un qualunque potenziale esterno v ext (r), l energia esatta dello stato fondamentale del sistema è il minimo globale di questo funzionale e la densità ρ(r) che minimizza il funzionale è la densità esatta dello stato fondamentale. Corollario La conoscenza del funzionale E[ρ] è sufficiente, da sola, a determinare esattamente l energia e la densità dello stato fondamentale. In generale, stati elettronici eccitati devono essere determinati in altri modi. Anche proprietà all equilibrio termico (con T 0 K) come ad esempio la capacità termica sono determinate direttamente come funzionale della densità passando attraverso la definizione dell energia libera come funzionale della densità. Dimostrazione: Il secondo teorema di HK può anche essere riformulato come: data una densità di prova ρ(r), tale che soddisfi le condizioni ρ(r) 0, ρ(r)dr = N e che sia associata a un qualche potenziale esterno ṽ ext (r), E 0 E v [ ρ] (2.5) Per dimostrare il teorema, notiamo che il primo teorema di HK stabilisce che ρ determina ṽ, l hamiltoniana Ĥ e la funzione d onda Ψ. Per quest ultima vale il principio variazionale definito dalla relazione 1.3 e quindi può essere utilizzata come funzione d onda di prova per l hamiltoniana generata dal potenziale esterno vero v ext (r), cioè Ψ Ĥ Ψ Ψ 0 Ĥ Ψ 0 = E 0 [ρ 0 ] quindi per il primo teorema di HK vale T [ ρ] + V ee [ ρ] + ρ(r)v ext dr = E v [ ρ] E 0 [ρ 0 ] 14

15 che è il risultato cercato. Assumendo che E v [ρ] sia differenziabile, il principio variazionale stabilito sopra fornisce uno strumento molto utile per ricavare l energia dello stato fondamentale imponendo che { ( )} δ E v [ρ] µ ρ(r)dr N = 0 (2.6) che si riduce alla risoluzione dell equazione di Eulero-Lagrange µ = δe v[ρ] δρ(r) = v ext(r) + δf HK[ρ] δρ(r) Se si conoscesse la forma esatta del funzionale F HK [ρ] da inserire nella 2.6 si sarebbe risolto il problema di trattare un sistema multielettronico in modo esatto. Per farlo occorre dare una forma esplicita ai funzionali energia cinetica e repulsione elettrone-elettrone. Purtroppo, la loro forma funzionale non è nota. Per il momento limitiamoci però ad estrarre da V ee [ρ] almeno il contributo coulombiano classico, J[ρ], che è noto V ee [ρ] = 1 ρ(r1 )ρ(r 2 ) dr 1 dr 2 + E ncl [ρ] = J[ρ] + E ncl [ρ] 2 r 12 dove E ncl [ρ] è un termine non classico di interazione elettrone-elettrone che contiene tutti gli effetti di correlazione elettronica e di auto-interazione. Il secondo teorema di HK limita, di fatto, l applicabilità del principio variazionale, definito dalla 2.5, allo stato fondamentale del sistema poichè è valido solo per E 0, a differenza del primo teorema che è valido per tutti gli stati elettonici del sistema. In questo caso non viene fornita alcuna indicazione per gli stati eccitati. In sintesi: tutte le proprietà di un sistema definito dal potenziale esterno v ext (r) sono determinate dalla densità dello stato fondamentale; l energia dello stato fondamentale associata ad una densità ρ(r) è ottenibile attraverso la relazione funzionale ρ(r)v ext (r)dr + F HK [ρ]; questo funzionale raggiunge il suo valore minimo, rispetto a tutte le densità permesse, se e solo se la densità usata è la vera densità elettronica dello stato fondamentale (cioè, ρ(r) = ρ 0 (r)) questi tre punti che implicano: Ψ[ρ], universalità e teorema variazionale, costituiscono la formulazione classica dei teoremi di HK. 15

16 2.3 Il problema della v- e N-rappresentabilità Quanto detto finora nasconde un problema teorico di carattere più formale: esistono delle restrizioni allo spazio delle densità nella definizione di funzionale data da HK? In realtà, la dimostrazione originale di HK è ristretta alle densità ρ(r) che sono le densità dello stato fondamentale dell hamiltoniana elettronica associate ad un qualche potenziale esterno v ext (r). Queste densità vengono chiamate v-rappresentabili. Esiste quindi uno spazio, che raccoglie tutte le possibili densità, all interno del quale si possono definire e costruire i funzionali della densità. In altre parole, non tutte le densità possibili sono valide nel contesto del primo teorema di HK. Dovrebbero essere considerate solo quelle che sono associate con una funzione d onda antisimmetrica e un operatore hamiltoniano che contiene un qualche potenziale esterno. Un altro problema che si origina da questo aspetto è quello di stabilire quando la ρ è accettabile (v-rappresentabile). Al momento non sono note le condizioni matematiche che devono essere soddisfatte dalla ρ per essere v-rappresentabile. Si può dimostrare, come vedremo meglio nella prossima sezione, che il problema della v- rappresentabilità non è essenziale e che la teoria DFT può essere riformulata in modo tale da richiedere che per il funzionale e per il principio variazionale, la densità debba soddisfare una condizione meno restrittiva, la cosiddetta N-rappresentabilità. Una densità è N-rappresentabile se può essere ottenuta da una qualche funzione d onda antisimmetrica N-elettronica. In questo caso le condizioni matematiche perchè una densità sia N-rappresentabile sono note ρ(r) 0, ρ(r)dr = N, e ρ 1/2 2 dr < (cioè condizioni di: non negatività, normalizzazione e continuità) e sono soddisfatte da praticamente qualsiasi densità. Le funzioni v-rappresentabili sono ovviamente un sottoinsieme di quelle N-rappresentabili. 2.4 Riformulazione di Levy-Lieb: la ricerca-vincolata Una definizione alternativa di funzionale della densità è stata proposta da Levy e Lieb. Essa ha alcuni vantaggi rispetto alla definizione data nei teoremi di HK: estende la definizione di funzionale della densità rendendola più trattabile formalmente e chiarisce il suo significato fisico; fornisce una via per arrivare al funzionale esatto; porta alla stessa densità e energia di minimo come nell analisi di HK e si applica anche al caso di stati fondamentali degeneri. L idea di Levy e Lieb (LL) è di definire una procedura di minimizzazione in due passi. Partendo dall espressione dell energia in termini della funzione d onda E = Ψ T e + V ext + V ee Ψ = Ψ T Ψ + Ψ V ee Ψ + ρ(r)v ext (r)dr 16

17 L energia dello stato fondamentale può essere ricavata minimizzando l espressione sopra rispetto a tutte le Ψ antisimmetriche N-elettroniche. E 0 = min Ψ N Ψ T e + V ext + V ee Ψ Quella che determina l autovalore più basso è la funzione d onda dello stato fondamentale Ψ 0. Per collegare il principio variazionale sopra alla teoria DFT, si considera solo l insieme di funzioni Ψ che danno la stessa densità ρ(r) e si cerca la Ψ che minimizza l energia [ ] E = min Ψ ρ(r) Ψ T + V ee Ψ + ρ(r)v ext (r)dr a questo punto si minimizza l energia per quella data densità ρ(r) ( [ E 0 = Ψ T + V ] ) ee Ψ + ρ(r)v ext (r)dr min ρ(r) N min Ψ ρ(r) Dalle espressioni sopra si può definire il funzionale universale di Levy-Lieb F LL [ρ] come F LL [ρ] = min Ψ ρ(r) Ψ T + V ee Ψ quindi Bisogna notare che E 0 = ( min F LL [ρ] + ρ(r) N ) ρ(r)v ext (r)dr Il significato di E 0 è quindi il minimo della somma di energia cinetica e repulsione elettronica cercato tra tutte le possibili Ψ che danno la stessa densità ρ 0 ; la ricerca è vincolata (constrained-search) perchè si considera solo l insieme delle funzioni d onda che danno la densità ρ 0 (r) a differenza del caso tradizionale E 0 = min Ψ N Ψ Ĥ Ψ dove la ricerca considera l intero spazio delle funzioni d onda antisimmetriche N-elettroniche; il funzionale di LL è definito per qualsiasi densità che sia N-rappresentabile; F LL [ρ 0 ] = F HK [ρ 0 ] quando ρ 0 è v-rappresentabile; la definizione di F LL elimina la restrizione della dimostrazione originale di HK di avere uno stato fondamentale non degenere; anche se questa formulazione è più generale non fornisce alcuna via pratica per poter sfruttare le enormi potenzialità offerte dalla teoria DFT. Nel passare dalla complessità della Ψ, funzione a 4N-variabili, alla densità elettronica, ρ(r), funzione di tre sole variabli, tutta la complessità si trasferisce nel funzionale F [ρ] che non è noto. 17

18 2.5 Estensioni I teoremi di HK possono essere generalizzati al caso di particelle di diverso tipo o per condizioni diverse. Di seguito sono elencate alcune delle estensioni della teoria del funzionale della densità con alcuni commenti e non verranno discusse ulteriormente. Per dettagli vedere i riferimenti citati. sistemi con polarizzazione di spin sistemi non elettronici e multicomponenti stati eccitati dipendenza dalla temperatura e ensemble statistici dipendenza dal tempo (TD-DFT - Time Dependent-DFT) dipendenza dalla densità di corrente (Current-DFT) Sistemi con polarizzazione di spin In questo caso, oltre al potenziale esterno esiste un potenziale locale magnetico di interazione elettronica spin-spin (tipo Zeeman). Cioè il potenziale agisce solo sugli spin e non sul moto orbitale degli elettroni. All interno di questo modello, i teoremi visti possono essere generalizzati per includere due tipi di densità: la densità elettronica totale, ρ(r) = ρ α (r) + ρ β (r), e la densità di spin, s(r) = ρ α (r) ρ β (r). Questo porta al funzionale dell energia E = E HK [ρ(r), s(r)] E[ρ(x)] dove x = {r, σ}. Questa generalizzazione costituisce la Spin-DFT che è la base per poter trattare sistemi multielettronici con molteplicità di spin non nulla. È quindi essenziale per la descrizione di solidi con ordine magnetico, come ad esempio nel caso della stabilità relativa di fasi antiferro- e ferro-magnetiche. In assenza di un campo magnetico tipo Zeeman, la soluzione a più bassa energia può avere una polarizzazione di spin ρ α (r) ρ β (r). Questo è un caso analogo alla soluzione unrestricted con rottura di simmetria che si ritrova nella teoria di Hartree-Fock. Aggiungere note su SDFT e teoremi di HK Dipendenza dalla temperatura e ensemble statistici I teoremi di HK validi a T = 0 K si possono estendere a sistemi multi-particelle all equilibrio termico per diversi ensemble statistici. Questo fu dimostrato da Mermin subito la pubblicazione dell articolo di Hohenberg-Kohn. L estensione porta a conclusioni ancora più generali perchè non solo l energia interna, ma anche l entropia, la capacità termica, l energia libera,... sono funzionali della densità elettronica. Inoltre, i teoremi possono anche essere estesi al caso in cui si abbia un sistema all equilibrio termico con potenziale chimico costante, ma con fluttazioni del numero di elettroni. 18

19 2.5.3 Dipendenza dalla densità di corrente Nel caso in cui l effetto di un campo magnetico esterno coinvolge non solo i termini elettronici spin-spin, la densità elettronica da sola non è più sufficiente, ma occorre includere anche la densità di corrente j = p. È possibile dimostrare che anche in questo caso i teoremi di HK sono validi e quindi tutte le proprietà del sistema sono funzionali di ρ e j. Questa teoria rappresenta una delle attuali frontiere di sviluppo della teoria DFT Dipendenza dal tempo La dipendenza dal tempo tiene conto dell evoluzione temporale di uno stato quantistico. È stato dimostrato che, data una funzione d onda iniziale al tempo t, l evoluzione della Ψ(r, t) a qualsiasi altro tempo t è un funzionale unico della densità dipendente dal tempo ρ(r, t). La dimostrazione che esiste questa relazione funzionale e un principio variazionale corrispondente é stata data nel 1985 da Runge e Gross. Su questa formulazione si basa anche l estensione della teoria DFT agli stati eccitati. Aggiungere note su TDDFT e teoremi di HK, riferimenti a RG e review Dreuw/Head- Gordon 19

20 Chapter 3 Matrici densità e buca di scambio e correlazione 3.1 Matrici densità e operatore densità Il concetto di matrice densità è molto generale ed è stato introdotto nella meccanica statistica quantistica per descrivere un sistema il cui stato quantistico non è completamente specificato. In questi casi esistono diverse funzioni d onda compatibili con l informazione data e occorre una qualche media statistica oltre alla media quantistica, che definisce il valore atteso, data da una delle funzioni d onda. Qui non discuteremo gli aspetti formali, ma ne introduciamo solo la definizione e poi ne discuteremo velocemente alcune proprietà per arrivare a definire la densità di paia e la buca di scambio e correlazione. Sappiamo che il significato fisico di Ψ(r N, s N ), funzione d onda di un sistema N-elettronico, è legato al suo modulo quadro Ψ 2 che rappresenta una funzione distribuzione di probabilità Ψ(r N, s N ) 2 dr N dove dr N = dr 1, dr 2,..., dr N ; r N = r 1, r 2,..., r N e s N è l insieme s 1, s 2,..., s N. Ψ 2 dà cioè la probabilità di trovare il sistema N-elettronico con coordinate spaziali tra r N e r N + dr N e coordinate di spin uguali a s N. Usando x {r, s}, la quantità sopra diventa Ψ N (x 1 x 2 x N )Ψ N(x 1 x 2 x N ) (3.1) È possibile generalizzare questa espressione per definire un oggetto del tipo γ N (x 1x 2 x N, x 1 x 2 x N ) Ψ N (x 1x 2 x N)Ψ N(x 1 x 2 x N ) (3.2) Si considerano quindi due set di variabili indipendenti {x N } e {x N} che possono essere pensati come due insiemi di indici che attraverso la 3.2 restituiscono un valore numerico che si può considerare come un elemento di una matrice che viene chiamata matrice densità. Nel caso in cui x i = x i per tutti i valori di i, si ottiene un elemento diagonale della matrice che corrisponde alla

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1 Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione ) Funzioni d onda di un sistema composto Sistema costituito da due particelle (eventualmente identiche) H φ q H φ H ψ φ φ stato

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e " i k x u k ψ x + a = e " i k x + a u k x + a = e " i k a e " i k x u k

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e  i k x u k ψ x + a = e  i k x + a u k x + a = e  i k a e  i k x u k Teorema di Bloch Introduzione (vedi anche Ascroft, dove c è un approccio alternativo) Cominciamo col considerare un solido unidimensionale. Il modello è quello di una particella (l elettrone) in un potenziale

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino Lunedì 20 dicembre 2010 Docente del corso: prof. V. Maiorino Se la Terra si spostasse all improvviso su un orbita dieci volte più lontana dal Sole rispetto all attuale, di quanto dovrebbe variare la massa

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico Strttra elettronica delle molecole. Teoria qantistica del legame chimico Lo ione idrogeno molecolare H 2 + Eq. Schroedinger singolo elettrone La fnzione d onda φ b soddisfa na eqazione analoga. Gli atovalori

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Tabella periodica degli elementi

Tabella periodica degli elementi Tabella periodica degli elementi Perchè ha questa forma? Ovvero, esiste una regola per l ordinamento dei singoli atomi? Le proprietà dei materiali hanno una relazione con la tabella? L applicazione dei

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze Energia potenziale L. P. Maggio 2007 1. Campo di forze Consideriamo un punto materiale di massa m che si muove in una certa regione dello spazio. Si dice che esso è soggetto a un campo di forze, se ad

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Metodi iterativi per sistemi lineari

Metodi iterativi per sistemi lineari Metodi iterativi per sistemi lineari Dario A. Bini, Università di Pisa 30 ottobre 2013 Sommario Questo modulo didattico contiene risultati relativi ai metodi iterativi per risolvere sistemi di equazioni

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

Entropia. Motivazione. ? Quant è l informazione portata dalla sequenza? Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,...

Entropia. Motivazione. ? Quant è l informazione portata dalla sequenza? Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,... Entropia Motivazione Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,... ) s,s 2,s 3,... ognuno dei quali appartiene ad un alfabeto A di M elementi.? Quant è l informazione portata

Dettagli

CAMPI E LORO PROPRIETÀ

CAMPI E LORO PROPRIETÀ CMPI E LORO PROPRIETÀ 1.1 Introduzione ia una regione nello spazio in cui, in ogni suo punto, sia definita una grandezza g. La regione si dice allora soggetta ad un campo. Un campo può essere scalare,

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare INTRODUZIONE Nel 1946 due ricercatori, F. Block ed E.M.Purcell, hanno indipendentemente osservato per

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Gli OLS come statistica descrittiva

Gli OLS come statistica descrittiva Gli OLS come statistica descrittiva Cos è una statistica descrittiva? È una funzione dei dati che fornisce una sintesi su un particolare aspetto dei dati che a noi interessa; naturalmente, è auspicabile

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 Prof. Franco Zambonelli Numeri interi positivi Numeri interi senza segno Caratteristiche generali numeri naturali (1,2,3,...)

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S Relazioni binarie Una relazione binaria può essere rappresentata con un grafo o con una matrice di incidenza. Date due relazioni R, S A 1 A 2, la matrice di incidenza a seguito di varie operazioni si può

Dettagli

Il magnetismo nella materia

Il magnetismo nella materia Le orbite degli elettroni in atomo di idrogeno Forma spaziale degli Orbitali elettronici di atomo di idrogeno Un solido Il magnetismo nella materia ferrimagnetismo Dr. Daniele Di Gioacchino Istituto Nazionale

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI EEMENTI TRIANGOARI E TETRAEDRICI A ATI DIRITTI Nella ricerca di unificazione delle problematiche in vista di una generalizzazione delle procedure di sviluppo di elementi finiti, gioca un ruolo importante

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Modulo di Meccanica e Termodinamica

Modulo di Meccanica e Termodinamica Modulo di Meccanica e Termodinamica 1) Misure e unita di misura 2) Cinematica: + Moto Rettilineo + Moto Uniformemente Accelerato [+ Vettori e Calcolo Vettoriale] + Moti Relativi 3) Dinamica: + Forza e

Dettagli

Dinamica del corpo rigido: Appunti.

Dinamica del corpo rigido: Appunti. Dinamica del corpo rigido: Appunti. I corpi rigidi sono sistemi di punti materiali, discreti o continui, che hanno come proprietà peculiare quella di conservare la loro forma, oltre che il loro volume,

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 I CODICI 1 IL CODICE BCD 1 Somma in BCD 2 Sottrazione BCD 5 IL CODICE ECCESSO 3 20 La trasmissione delle informazioni Quarta Parte I codici Il codice BCD

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V 1 Esercizio (tratto dal Problema 13.4 del Mazzoldi 2) Un gas ideale compie un espansione adiabatica contro la pressione atmosferica, dallo stato A di coordinate, T A, p A (tutte note, con p A > ) allo

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero Contenuti: - Concetto di macchina termica - Significato di rendimento di una macchina termica - Il Postulato

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO Teoria dei Sistemi Ingegneria Elettronica, Informatica e TLC Prof. Roberto Zanasi, Dott. Giovanni Azzone DII - Università di Modena e Reggio Emilia AUTOLAB: Laboratorio

Dettagli

Elaborazione delle Immagini Digitali

Elaborazione delle Immagini Digitali Elaborazione delle Immagini Digitali Parte I Prof. Edoardo Ardizzone A.A. 2-22 La trasformata di Hotelling o di Karhunen-Loeve KLT discreta Questa trasformata detta anche analisi delle componenti principali

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

IL FUTURO DEL SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITA' DI MISURA: IL RUOLO DELLE COSTANTI FONDAMENTALI DELLA FISICA

IL FUTURO DEL SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITA' DI MISURA: IL RUOLO DELLE COSTANTI FONDAMENTALI DELLA FISICA IL FUTURO DEL SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITA' DI MISURA: IL RUOLO DELLE COSTANTI FONDAMENTALI DELLA FISICA 1 Franco Cabiati, La scienza della misura, 01/10/2014, Xké, Torino Evoluzione nella natura dei

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli