Quali rendimenti e quali strategie per i mercati azionari nel lungo termine? Maggio 2007

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quali rendimenti e quali strategie per i mercati azionari nel lungo termine? Maggio 2007"

Transcript

1 Quali rendimenti e quali strategie per i mercati azionari nel lungo termine? Maggio 2007

2 Schema della presentazione Introduzione La lezione del più grande mercato azionario del mondo Quali insegnamenti si possono trarre dallo studio delle lunghissime serie storiche disponibili per il mercato USA? Prevedere i rendimenti azionari di lungo periodo L approccio di Campbell e Shiller Cosa attendersi nel lungo termine dal mercato azionario USA Una nostra ipotesi sull andamento futuro del mercato USA alla luce dell impostazione di Campbell e Shiller Cosa attendersi nel lungo termine dai mercati azionari europei Che cosa suggerisce l analisi di lungo periodo circa l andamento dei mercati azionari europei? Orizzonti temporali di medio e lungo termine a confronto Un raccordo fra l analisi di medio e quella di lungo termine 2

3 Introduzione Lo studio che presentiamo si prefigge di analizzare il potenziale di rendimento dei mercati azionari su un orizzonte temporale di lungo termine, superiore ai 10 anni. Si tratta senz altro di un analisi utile: non è certamente una novità infatti che esistano investitori dotati di tanta pazienza, si pensi alle fondazioni, ma anche ai grandi patrimoni familiari, investiti secondo una logica che i sociologi definirebbero dinastica. L argomento però oggi acquista un interesse ancor più vasto, considerato che lo spostamento di una significativa quota del risparmio previdenziale degli italiani verso forme di previdenza complementare si fonda sull assioma che i mercati azionari, nel lungo termine, offrano rendimenti superiori ad ogni altra forma di investimento. Non è un caso, fra l altro, che un acceso dibattito su questo tema si sia sviluppato negli USA proprio quando, a fine anni 90, si pensava di incrementare la quota azionaria nei risparmi previdenziali dei cittadini americani. 3

4 La lezione del più grande mercato azionario del mondo L indice S&P 500 con dividendi reinvestiti dal 1871 ad oggi (dati in dollari 2003) Dal 1871 ad oggi il mercato azionario USA ha offerto un rendimento annuo reale composto del 6,7% Fonte: elaborazioni Cellino e Associati SIM su dati di Shiller

5 La lezione del più grande mercato azionario del mondo Durata sotto periodi 1 anno 10 anni 20 anni 30 anni Rendimenti annui reali di azioni e obbligazioni negli USA riferiti a sottoperiodi di differente lunghezza tra il 1871 e il 2006 Rendimento annuo azioni Rendimento annuo obbligazioni Max Min Medio Volatilità Max Min Medio Volatilità 54,1% -39,0% 8,5% 18,4% 33,0% -15,0% 2,9% 8,6% 18,5% -4,4% 7,0% 5,2% 9,7% -4,9% 2,4% 3,6% 13,1% 0,4% 6,7% 3,2% 7,7% -2,2% 2,0% 2,7% 10,1% 3,0% 6,4% 1,8% 6,2% -1,4% 1,6% 1,7% Fonte: elaborazioni Cellino e Associati SIM su dati di Shiller La tabella propone due misure del rischio di un investimento, applicate ai rendimenti storici dei mercati azionario ed obbligazionario. Entrambe sono misure di dispersione: la prima può essere ricavata dalla differenza fra il rendimento massimo e quello minimo offerto da ciascun investimento in un certo lasso temporale; la seconda, più sofisticata, è la cosiddetta volatilità, vale a dire lo scarto quadratico medio dei rendimenti. La maggior rischiosità legata alla detenzione di azioni piuttosto che obbligazioni è molto evidente sull orizzonte a breve termine: la volatilità è molto più elevata ed il rendimento minimo storicamente realizzato dai mercati azionari negli intervalli di un anno è molto peggiore dell omologo rendimento obbligazionario. 5

6 La lezione del più grande mercato azionario del mondo Già su di un orizzonte temporale di 10 anni la convenienza ad investire in azioni emerge in modo piuttosto evidente poiché, sia pure in un contesto di maggiore volatilità, il rendimento azionario medio, massimo e minimo eccedono i rispettivi rendimenti obbligazionari. A 30 anni, addirittura, i rendimenti azionari oltre ad essere migliori degli omologhi rendimenti obbligazionari, evidenziano una volatilità praticamente identica. La tabella sembra quindi avallare l idea, per la verità assai diffusa, che il punto di ingresso sui mercati azionari, qualora l orizzonte temporale sia di lungo periodo, sia irrilevante. La miglior strategia per l investitore azionario dotato di un orizzonte temporale di lungo periodo sarebbe quella cosiddetta: «buy and hold». Il nostro studio potrebbe quindi concludersi qui 6

7 La lezione del più grande mercato azionario del mondo Volatilità annua 6% 5% 4% 3% 2% 1% La volatilità azionaria di lungo periodo effettivamente riscontrata negli USA e secondo la teoria della Random Walk Anni Volatilità effettiva Volatilità teorica Fonte: elaborazioni Cellino e Associati SIM su dati di Shiller La tabella precedente, però, si presta anche ad un altra lettura assai interessante: i rendimenti azionari storici negano la teoria della Random Walk. Tutto ciò implica che il mercato azionario non sia del tutto efficiente e che quindi, in una qualche misura, i suoi rendimenti siano prevedibili. Potendo prevedere i rendimenti la strategia «Buy and Hold» risulta quindi migliorabile. Come si possono prevedere i rendimenti azionari futuri? 7

8 Prevedere i rendimenti azionari di lungo periodo La risposta a questa domanda è contenuta in un importante studio realizzato da due economisti americani, Campbell e Shiller. Prima di illustrare le loro conclusioni apriamo una breve parentesi teorica definendo il concetto di rendimento atteso del mercato azionario. E noto come sia possibile calcolare, per le obbligazioni, il rendimento a scadenza definito come quel tasso di attualizzazione che eguaglia il valore attuale delle cedole e del rimborso del capitale al prezzo di mercato corrente dell obbligazione. Analogamente si può definire come rendimento atteso di un azione (o di un indice azionario) quel tasso di attualizzazione che eguaglia il valore attuale degli infiniti dividendi futuri che verranno distribuiti, al prezzo corrente di mercato. P 0 d 1 = r E g Supponendo di trovarci al tempo 0 e che i dividendi crescano, a partire dal dividendo distribuito al tempo 1 (d 1 ), ad un tasso costante g, il valore al tempo 0 degli infiniti dividendi futuri, calcolato usando come tasso di attualizzazione r E, coincide con l espressione contenuta nella parte destra dell equazione. Il rendimento atteso si potrà quindi ottenere risolvendo l equazione rispetto a r E. d1 r E = + P 0 g 8

9 Prevedere i rendimenti azionari di lungo periodo Ipotizzando infine che il payout (cioè la frazione di utili distribuita sotto forma di dividendi) sia costante nel tempo e che gli utili non distribuiti generino un ritorno pari al rendimento atteso, l equazione precedente può essere semplificata come segue: r E = E P 0 0 Questo rapporto conosciuto con il nome di Earnings Yield (EY) altro non è se non l inverso del più conosciuto rapporto Price Earnings. Dove E 0 rappresenta l utile realizzato nel periodo 0. Dunque la teoria ci suggerisce che l Earnings Yield sia una buona stima del rendimento di lungo periodo delle azioni. Come si è comportato questo indicatore negli ultimi 120 anni sul mercato americano? 9

10 Prevedere i rendimenti azionari di lungo periodo Innanzitutto osserviamo che Campbell e Shiller propongono di attenuare la ciclicità degli utili aziendali sostituendo, all utile dell ultimo anno, la media degli utili reali degli ultimi 10 anni. L Earnings Yield al tempo T viene così calcolato: T 1 E t EY T = t 10 = T 10 Media degli utili degli ultimi 10 anni P T Prezzo corrente 10

11 Prevedere i rendimenti azionari di lungo periodo Rendimento annuo reale dell'indice S&P 500 nei successivi 10 anni (tenuto conto dei dividendi) 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% Earnings Yield e rendimenti reali di lungo periodo dell indice S&P 500 < di 5,3% da 5,3% a 6,1% da 6,1% a 7,3% da 7,3% a 9,5% > di 9,5% Earnings Yield Fonte: elaborazioni Cellino e Associati SIM su dati di Shiller Seguendo Campbell e Shiller abbiamo calcolato i 117 EY che hanno caratterizzato, anno per anno, l indice S&P 500 fra il 1881 ed il Abbiamo suddiviso gli EY in quintili mettendoli in ordine crescente e raggruppandoli in cinque classi di eguale numerosità (la prima contenente gli EY più bassi, la seconda quelli immediatamente più grandi fino alla quinta contenente quelli maggiori). Ogni quintile, dunque, contiene anni caratterizzati da EY simili ; a partire da ciascun anno appartenente ad un dato quintile, abbiamo calcolato il rendimento medio annuo dell indice S&P 500 nei 10 anni successivi. La media aritmetica di tutti questi rendimenti ci indica come, storicamente, il mercato azionario si sia comportato successivamente agli anni caratterizzati da EY ricompresi in quel quintile. Gli istogrammi rappresentano il risultato: è molto evidente come a EY maggiori siano corrisposti, nel decennio seguente, rendimenti superiori e viceversa per gli EY minori. 11

12 Cosa attendersi nel lungo termine dal mercato azionario USA 12% Earnings Yield e rendimenti reali di lungo periodo dell indice S&P 500 Nel gennaio 2007 l Earnings Yield era: Rendimento annuo reale dell'indice S&P 500 nei successivi 10 anni (tenuto conto dei dividendi) 10% 8% 6% 4% 2% 0% EY 2007 = 3,8% < di 5,3% da 5,3% a 6,1% da 6,1% a 7,3% da 7,3% a 9,5% > di 9,5% Earnings Yield Fonte: elaborazioni Cellino e Associati SIM su dati di Shiller EY = 2006 t = 1997 E 10 P 2007 t = 3,8% Dunque il mercato azionario USA nei prossimi 10 anni, stando al modello di Campell e Shiller, dovrebbe offrire un rendimento reale piuttosto modesto, ben lontano dal 6,7% realizzato storicamente. Inoltre, se il futuro ricalcherà il passato, l Earnings Yield dell indice dovrà ritornare al proprio valore medio, coincidente con il rendimento medio storico del mercato, in modo che quest ultimo possa ritornare sul suo sentiero di crescita di lungo periodo. 12

13 Cosa attendersi nel lungo termine dal mercato azionario USA Esistono tre strade attraverso le quali l Earnings Yield può ritornare sulla propria media storica: A Una discesa dei prezzi, o una lunga fase di lateralizzazione B Una crescita degli utili C Una combinazione dei due fattori 13

14 Cosa attendersi nel lungo termine dal mercato azionario USA Earnings Yield 8% 6% 4% Una simulazione sull indice S&P 500 S&P 500 Earnings Yield Earnings Yield S&P 500 EY al 6,7% nel S&P 500 Abbiamo realizzato una simulazione, impiegando ipotesi a nostro giudizio realistiche, che dimostra come l EY dell indice S&P 500 possa ritornare al proprio valore medio in 6 anni, durante i quali il mercato azionario dovrebbe lateralizzare. E vero che potrebbe verificarsi un aggiustamento rapido, mediante un forte calo del mercato, come avvenuto nel 2000, ma questa ipotesi appare piuttosto improbabile poiché la situazione attuale differisce da quella precedente per i seguenti motivi: 2% 0% Fonte: previsioni ed elaborazioni Cellino e Associati SIM su dati di Shiller nel 2000 il mercato USA appariva sopravvalutato anche attraverso i multipli di breve periodo, cosa che oggi non accade, all epoca l America cadde in recessione (oggi quest ipotesi appare piuttosto remota), Le nostre ipotesi sottostanti la simulazione Inflazione Crescita annua reale utili Dividend Yield S&P 500 Rendimento reale annuo S&P 500 3,0% 1,2% 1,9% -0,5% all epoca si realizzò, in conseguenza dello scandalo ENRON, una crisi senza precedenti di credibilità della Corporate America, nel settembre 2001 si verificarono i tragici attentati alle Torri Gemelle. 14

15 Cosa attendersi nel lungo termine dal mercato azionario USA Esiste però un ipotesi alternativa: «Gli investitori hanno deciso che d ora innanzi si accontenteranno di guadagnare il 3,8% reale all anno». Una spiegazione suggestiva delle supposte diminuite esigenze degli investitori azionari, contenuta nella tabella che vi abbiamo precedentemente mostrato e che qui riproduciamo, è così sintetizzabile: visto che, nel lungo termine, azioni e obbligazioni sembrano avere una rischiosità simile, perché le prime dovrebbero rendere mediamente tanto di più? 15

16 Cosa attendersi nel lungo termine dai mercati azionari europei Che risultati si ottengono applicando il modello interpretativo di Campbell e Shiller ai mercati azionari europei? Il rendimento atteso delle azioni in Europa è inferiore a quello storico come per gli USA oppure no? 16

17 Cosa attendersi nel lungo termine dai mercati azionari europei Rendimenti storici e rendimenti attesi di alcuni mercati azionari europei confrontati con quelli americani 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% 6,7% 3,8% 5,5% 5,5% 3,1% NOTE Per i mercati azionari europei riportiamo i rendimenti reali annualizzati del periodo tratti da ABN AMRO. Per il mercato USA mercati europei riportiamo i rendimenti reali annualizzati del periodo tratti da Shiller. Gli Earnings Yield dei mercati europei sono una stima dell Ufficio Studi della Cellino e Associati SIM, realizzata su dati FactSet, riferiti ai seguenti indici: FTSE 100 (GB); DAX 30 (DE); CAC 40 (FR); MIB 30 (IT). L Earnings Yield americano è una stima dell Ufficio Studi della Cellino e Associati SIM realizzata sulla base dei dati di Shiller. 4,0% Rendimento storico delle azioni Earnings Yield attuale 3,6% 4,6% 2,5% USA Gran Bretagna Germania Francia Italia 4,0% Il grafico evidenzia innanzitutto la minor redditività storica dei mercati azionari europei rispetto a quello americano. Il dato positivo è però che i mercati europei oggetto della nostra analisi mostrano rendimenti storici inferiori a quelli attesi, fatta eccezione per quello britannico il cui EY è perfettamente allineato con il rendimento storico. Alla luce di questa analisi si può quindi concludere che, a differenza del mercato USA, i mercati azionari europei non destano alcuna preoccupazione. Si noti infine come, mercati che nel secolo scorso hanno offerto rendimenti tanto differenti, evidenzino oggi aspettative di ritorni futuri assai simili fra di loro. Volendo, almeno per un momento, accantonare l ipotesi di un ritorno dei rendimenti in linea con i valori storici, si potrebbe quindi ipotizzare che le borse mondiali si stiano posizionando in modo da offrire rendimenti di lungo periodo molto più uniformi che in passato. Ovviamente, per quanto suggestiva, questa rimane una mera ipotesi che richiederebbe uno specifico approfondimento. 17

18 Cosa attendersi nel lungo termine dai mercati azionari europei Una simulazione sull indice CAC 40 Earnings Yield 6% 5% 4% 3% CAC Earnings Yield Earnings Yield CAC EY al 3,6% nel CAC 40 Abbiamo realizzato anche per l indice CAC 40 della borsa francese, una simulazione analoga a quella effettuata per l indice S&P 500. Lo scopo è quello di evidenziare il grande spazio di potenziale sovraperformance che caratterizza gli indici dell Area Euro nel caso in cui i loro EY si dovessero allineare ai rendimenti storici (si notino le ipotesi estremamente conservative relative alla crescita degli utili). La simulazione è meramente esemplificativa poiché, per gli indici europei, preferiamo ipotizzare un innalzamento strutturale dei rendimenti di lungo periodo. 2% 1% Fonte: previsioni ed elaborazioni Cellino e Associati SIM su dati di FactSet Le nostre ipotesi sottostanti la simulazione Inflazione Crescita annua reale utili Dividend Yield CAC Rendimento reale annuo CAC 2,5% -2,0% 3,0% 13,6% La nostra idea, quindi, è che gli EY degli indici europei rispecchino un nuovo equilibrio di lungo termine caratterizzato da rendimenti più elevati, rispetto a quelli del secolo scorso, e che quindi non esistano spazi per la sovraperformance descritta nel grafico. L idea che il XX secolo sia stato eccezionalmente modesto per i rendimenti azionari dei mercati europei ci sembra suffragata dalle peculiarità di quel periodo storico: l Europa fu teatro di due guerre mondiali e della guerra fredda, la Germania conobbe l iperinflazione, il continente subì più di altre aree la crisi energetica degli anni 70 etc. 18

19 Orizzonti temporali di medio e lungo termine a confronto Strumenti di analisi fondamentale per la previsione dei rendimenti dei mercati azionari Orizzonte della previsione Breve-Medio Termine Anni 1-3 Strumenti previsivi Rapporto P/E calcolato utilizzando utili futuri (FED model); modelli di valutazione basati su dati storici e previsivi (DDM, Residual Income Model etc.) Lungo Termine Oltre 10 Rapporto P/E calcolato utilizzando utili storici L orizzonte temporale di lungo termine che caratterizza questo studio ha richiesto strumenti particolari, diversi da quelli generalmente impiegati nelle analisi di più breve termine; in queste ultime, infatti, vengono comunemente utilizzati dati molto recenti o addirittura prospettici, mentre l analisi di lungo termine, come si è visto, ha richiesto l impiego di dati storici. Come si raccordano le previsioni a medio-breve termine con quelle a lungo? 19

20 Orizzonti temporali di medio e lungo termine a confronto Mercato Previsione a breve-medio termine Previsione a lungo termine USA Italia Francia Germania GB Gli elevatissimi livelli raggiunti dagli utili aziendali sostengono le attuali quotazioni. I margini di crescita nel medio-breve termine sono modesti. Gli elevatissimi livelli raggiunti dagli utili aziendali sostengono le attuali quotazioni. I margini di crescita nel medio-breve termine sono discreti. Gli elevatissimi livelli raggiunti dagli utili aziendali potrebbero giustificare anche livelli di prezzo superiori agli attuali. I margini di crescita nel medio-breve termine sono interessanti. Gli elevatissimi livelli raggiunti dagli utili aziendali potrebbero giustificare anche livelli di prezzo superiori agli attuali. I margini di crescita nel medio-breve termine sono interessanti. Gli elevatissimi livelli raggiunti dagli utili aziendali potrebbero giustificare anche livelli di prezzo superiori agli attuali. I margini di crescita nel medio-breve termine sono interessanti. L'attuale disallineamento fra rendimento atteso e quello storico potrebbe giustificare uno storno rilevante, ma le condizioni generali del mercato e dell'economia globale, unitamente alla view di mediobreve non negativa, ci fanno propendere per l'ipotesi di una lunga fase di rendimenti reali nulli. L'allineamento dei rendimenti attesi alla redditività storica del mercato potrebbe giustificare una fase di sovraperformance, ma l'ipotesi più probabile è che il mercato italiano in futuro debba offrire rendimenti più vicini a quelli storici delle altre piazze finanziarie europee. La nostra Borsa sarebbe dunque in una condizione di equilibrio di lungo termine e dovrebbe quindi entrare in una fase di stabile crescita reale. L'allineamento dei rendimenti attesi alla redditività storica del mercato potrebbe giustificare una fase di sovraperformance. L'ipotesi di una stabile crescita reale di lungo periodo risulta quindi ampiamente giustificata. L'allineamento dei rendimenti attesi alla redditività storica del mercato potrebbe giustificare una fase di sovraperformance. L'ipotesi di una stabile crescita reale di lungo periodo risulta quindi ampiamente giustificata. Il rendimento atteso e quello storico si equivalgono: coerentemente con questa condizione il mercato dovrebbe garantire una stabile crescita reale di lungo periodo. Previsioni a cura dell Ufficio Studi della Cellino e Associati SIM 20

21 Orizzonti temporali di medio e lungo termine a confronto Potranno i mercati europei emanciparsi da quello americano ed offrire, nel lungo termine, rendimenti superiori, coerentemente con quanto la nostra analisi induce a credere? 21

22 Orizzonti temporali di medio e lungo termine a confronto Rendimenti reali total return degli indici S&P 500 e DJ Stoxx 600 (dal al dati in valuta locale) DJ Stoxx 600 S&P Forse il processo di emancipazione dei mercati europei da quello USA è già in atto Fonte: elaborazioni Cellino e Associati SIM su dati FactSet

23 Riferimenti bibliografici A.A.V.V (2001) «Estimating the Real Rate of Return on Stocks Over the Long Run», Social Security Advisory Board Campbell J. Y., Shiller R.J. (1998) «Valuation Ratios and the Long-Run Stock Market Outlook», Journal of Portfolio Management Campbell J. Y., Shiller R.J. (2001) «Valuation Ratios and the Long-Run Stock Market Outlook: An Update», Cowles Foundation Discussion Paper DeLong, J.B. (2005) «Economic Growth and Equity Return» Hansen C.S., Tuypens B.E. (2004) «Proxying for Expected Returns with Price Earnings Ratios» Ritter, J.R. (2003) «Economic Growth and Equity Return» Siegel, J.J. (1998) «Stocks for the Long Run», McGraw-Hill Siegel, J.J. (2005) «The Virdict of History», SIA Annual Meeting 23

24 La presente pubblicazione è stata prodotta dall Ufficio Studi della Cellino e Associati SIM S.p.A., è indirizzata ad un pubblico indistinto e viene fornita a titolo meramente informativo. Essa non costituisce attività di consulenza da parte della Cellino e Associati SIM S.p.A. né, tantomeno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. I dati utilizzati per l elaborazione delle informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerati attendibili, tuttavia la Cellino e Associati SIM S.p.A. non è in grado di assicurarne l esattezza. Tutte le informazioni riportate sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. I dati per i quali non è indicata una fonte sono frutto di valutazioni effettuate dalla Cellino e Associati SIM S.p.A. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un operazione finanziaria e se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa. La Cellino e Associati SIM S.p.A., suoi soci, amministratori o dipendenti possono detenere ed intermediare titoli delle società menzionate e, più in generale, possono avere uno specifico interesse e/o un conflitto di interesse riguardo agli emittenti, agli strumenti finanziari o alle operazioni oggetto della pubblicazione. La Cellino e Associati SIM S.p.A. è un soggetto autorizzato dalla Consob alla prestazione dei servizi di investimento di cui al Testo Unico della Finanza. 24

Investimenti finanziari: una proposta razionale per la ricerca di rendimento senza eccedere nel rischio

Investimenti finanziari: una proposta razionale per la ricerca di rendimento senza eccedere nel rischio Investimenti finanziari: una proposta razionale per la ricerca di rendimento senza eccedere nel rischio I modesti rendimenti delle obbligazioni in euro Il rendimento a scadenza di alcuni titoli di Stato

Dettagli

I mercati azionari sui massimi storici Premessa di una nuova bolla speculativa? Novembre 2006

I mercati azionari sui massimi storici Premessa di una nuova bolla speculativa? Novembre 2006 I mercati azionari sui massimi storici Premessa di una nuova bolla speculativa? Novembre 2006 Il nuovo massimo storico dell indice DJ Industrial 12.500 11.250 10.000 8.750 7.500 6.250 5.000 L indice Dow

Dettagli

Quali opportunità sui mercati azionari dopo la crisi? Novembre 2008

Quali opportunità sui mercati azionari dopo la crisi? Novembre 2008 Quali opportunità sui mercati azionari dopo la crisi? Novembre 2008 Schema della presentazione Dalle crisi nascono opportunità di investimento? Le crisi degli ultimi quarant anni sui mercati azionari internazionali

Dettagli

Quali strategie per superare la crisi dei mercati finanziari Il ruolo degli investitori e quello dei gestori. Novembre 2007

Quali strategie per superare la crisi dei mercati finanziari Il ruolo degli investitori e quello dei gestori. Novembre 2007 Quali strategie per superare la crisi dei mercati finanziari Il ruolo degli investitori e quello dei gestori Novembre 2007 Premessa L ipotesi che l economia americana debba conoscere alcuni trimestri di

Dettagli

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO?

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? Versione preliminare: 1 Agosto 28 Nicola Zanella E-mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT I seguenti grafici riguardano il rischio di investire

Dettagli

Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit.

Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit. Codice ISIN: IT0006724766 Codice Negoziazione: UMIB3L Codice ISIN: IT0006724782 Codice Negoziazione: UMIB5L Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit. Puoi replicare, moltiplicando x3 e x5 la performance

Dettagli

Strategie di investimento per i mercati azionari

Strategie di investimento per i mercati azionari Strategie di investimento per i mercati azionari Aggiornamento al giugno 2006 Torino, 22 giugno 2006 I mercati azionari nel 2006 I mercati internazionali Le performance dei principali mercati mondiali

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008 La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model Piacenza, 9 giugno 2008 Breve bibliografia Il Residual Income Model (RIM), talvolta indicato come EBO dalle iniziali dei tre autori

Dettagli

Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali

Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali ISIN: DE000HV8AKR1 Entità di Riferimento: Assicurazioni Generali S.p.A. Scadenza Prevista: 20.07.2018 Comunicazione pubblicitaria/promozionale.

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Obiettivo Investimento

Obiettivo Investimento Obiettivo Investimento Express Coupon Certificates su FTSEMIB Index ISIN: DE000HV8AKB5 Sottostante: FTSEMIB Index Scadenza: 27.11.2014 Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere

Dettagli

Obiettivo Investimento? Cash Collect Certificate di UniCredit. La vita è fatta di alti e bassi. Noi ci siamo in entrambi i casi.

Obiettivo Investimento? Cash Collect Certificate di UniCredit. La vita è fatta di alti e bassi. Noi ci siamo in entrambi i casi. Obiettivo Investimento? Cash Collect Certificate di UniCredit. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale condizionatamente protetto. Non

Dettagli

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento.

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale non protetto. Non è garantito

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

Azioni: la nuova opzione sicura

Azioni: la nuova opzione sicura 6 Azioni Update II/2014 Azioni: la nuova opzione sicura In un orizzonte d investimento di lungo periodo le azioni sono più sicure rispetto alle obbligazioni governative con rating elevati. Tutto dipende

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Mercati azionari e tassi di interesse: considerazioni in vista di una stretta monetaria

Mercati azionari e tassi di interesse: considerazioni in vista di una stretta monetaria Mercati azionari e tassi di interesse: considerazioni in vista di una stretta monetaria Torino, 26 maggio 2004 Schema della presentazione In che modo il rialzo dei tassi incide sul prezzo delle azioni

Dettagli

Ciclo economico e mercati azionari

Ciclo economico e mercati azionari Torino, agosto 2006 Ciclo economico e mercati azionari Una verifica empirica sul mercato americano È piuttosto frequente in questi giorni leggere analisi in cui la debolezza dei mercati azionari americani

Dettagli

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Paolo Vicentini 7 Marzo 2005 Avvertenze legali Questa presentazione ha carattere puramente informativo e non costituisce sollecitazione all investimento,

Dettagli

La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo

La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo Torino, 4 marzo 2004 La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il

Dettagli

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

Analisi del titolo Exor SPA (EXO.MI)

Analisi del titolo Exor SPA (EXO.MI) Analisi del titolo Exor SPA (EXO.MI) Ultima variazione 29,66 0.02 (0,07%) Report alla data di martedì 18 febbraio 2014 EXO.MI è sottovalutato rispetto al suo Prezzo di 29,66 per azione, è un titolo con

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Piùpotenza per lemie performance di trading.

Piùpotenza per lemie performance di trading. Piùpotenza per lemie performance di trading. Mini Futures Certificate Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo. Strumenti finanziari strutturati a

Dettagli

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4 Teoria della Finanza Aziendale La valutazione dei titoli rischiosi : le azioni 4 1-2 Argomenti Rendimenti richiesti Prezzi delle azioni e EPS Cash Flows e valore economico d impresa 1-3 Domande chiave

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928: COMMENTO

LA BORSA ITALIANA DAL 1928: COMMENTO LA BORSA ITALIANA DAL 1928: COMMENTO L indice della borsa Italiana dal gennaio 1928 al dicembre 2004 esprime, nella versione a corsi secchi, ossia senza il reinvestimento dei dividendi, un rendimento nominale

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

IL CONTESTO Dove Siamo

IL CONTESTO Dove Siamo IL CONTESTO Dove Siamo INFLAZIONE MEDIA IN ITALIA NEGLI ULTIMI 60 ANNI Inflazione ai minimi storici oggi non è più un problema. Tassi reali a: breve termine (1-3 anni) vicini allo 0 tassi reali a medio

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Commerzbank, leader europeo dei prodotti di borsa, propone da oggi i suoi certificati a Leva Fissa sul mercato italiano! Messaggio pubblicitario La banca al tuo fianco 2 I Certificati

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

Cash Collect Certificate. Come modificare il profilo rischio/rendimento di un investimento e dell'intero portafoglio

Cash Collect Certificate. Come modificare il profilo rischio/rendimento di un investimento e dell'intero portafoglio Cash Collect Certificate Come modificare il profilo rischio/rendimento di un investimento e dell'intero portafoglio I Certificate Cash Collect sono strumenti derivati cartolarizzati emessi generalmente

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

Bonus Plus con sottostante Intesa Sanpaolo Dal 12 luglio fino al 6 agosto solo su

Bonus Plus con sottostante Intesa Sanpaolo Dal 12 luglio fino al 6 agosto solo su Bonus Plus con sottostante Intesa Sanpaolo Dal 12 luglio fino al 6 agosto solo su ISIN: DE000HV8AJ80 Sottostante: Azione Ordinaria Intesa Sanpaolo SpA Scadenza: 23.08.2013 Bonus Plus è un certificate emesso

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Carry Strategies Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Versione riservata ai Financial Partner ad esclusivo uso interno Maggio 2014 La posizione di Carry Strategies nell offerta AzFund

Dettagli

SHORT NOTES SERIES N. 1. Fondi pensione ed equity risk premium

SHORT NOTES SERIES N. 1. Fondi pensione ed equity risk premium SHORT NOTES SERIES N. 1 Fondi pensione ed equity risk premium Giuseppe Marotta (Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin) Giugno 2007 CEFIN Centro Studi di Banca e Finanza Dipartimento di Economia

Dettagli

Principi Guida per l Investimento Finanziario

Principi Guida per l Investimento Finanziario Principi Guida per l Investimento Finanziario Giovanna Nicodano Università di Torino e CeRP-Collegio Carlo Alberto I nostri risparmi seminario di Financial Education Biennale Democrazia, Torino, Aprile

Dettagli

Prospettive economiche e strategie di investimento per il 2008. Gennaio 2008

Prospettive economiche e strategie di investimento per il 2008. Gennaio 2008 Prospettive economiche e strategie di investimento per il 2008 Gennaio 2008 Schema della presentazione SCENARIO MACROECONOMICO E CRITICITA La crescita economica e l inflazione Le previsioni per i principali

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Agressor (ISIN: FR0010321802)

Agressor (ISIN: FR0010321802) Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo OICVM. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO

I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO FRANCO MOSCA 16 Marzo, Milano Sommario Non è vero che il private

Dettagli

Comunicato Stampa ASSIMOCO VITA LANCIA LA NUOVA INDEX LINKED PIANETA BORSA-MARZO 2006

Comunicato Stampa ASSIMOCO VITA LANCIA LA NUOVA INDEX LINKED PIANETA BORSA-MARZO 2006 Comunicato Stampa ASSIMOCO VITA LANCIA LA NUOVA INDEX LINKED PIANETA BORSA-MARZO 2006 Segrate, 23 gennaio 2006 Assimoco Vita ha lanciato la nuova polizza index linked: PIANETA BORSA - MARZO 2006 La polizza

Dettagli

Technical View (01/10/2015)

Technical View (01/10/2015) Technical View (01/10/2015) 1 Indice azionario Europa (STOXX600) Lo STOXX600 è tornato a ritestare la trend line dinamica che passa a 330/340 punti disegnando una sorta di doppio minimo. Crediamo che da

Dettagli

Certificato Short Protection su tasso di cambio. CERTIFICATES. ISIN: DE000HV8BDC6 Sottostante: EUR/USD Scadenza: 01.08.2017

Certificato Short Protection su tasso di cambio. CERTIFICATES. ISIN: DE000HV8BDC6 Sottostante: EUR/USD Scadenza: 01.08.2017 CERTIFICATES Certificato Short Protection su tasso di cambio. ISIN: DE000HV8BDC6 Sottostante: EUR/USD Scadenza: 01.08.2017 Il Certificato Short Protection è uno strumento finanziario strutturato complesso

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

Certificati Vontobel. Dynamics. Sector Rotation su azioni. Vontobel Derivative Products

Certificati Vontobel. Dynamics. Sector Rotation su azioni. Vontobel Derivative Products Certificati Vontobel Dynamics Sector Rotation su azioni Vontobel Derivative Products Certificati strategici Vontobel 1 Sommario La Sua idea la nostra soluzione 2 La strategia di investimento dinamica

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7 FINANZA AZIENDALE Lezione n. 7 Valutare i titoli obbligazionari 1 SCOPO DELLA LEZIONE L obbligazione è il titolo più semplice che si possa trovare sul mercato. Il suo valore dipende da due elementi: i

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

LYXOR UCITS ETF IBOXX $ TREASURIES 1-3Y

LYXOR UCITS ETF IBOXX $ TREASURIES 1-3Y Verso fine gennaio 2009 avevo introdotto un Portafoglio in Etf. Ricordo che questo portafoglio, è stato concepito per essere tenuto fino alla completa uscita dalla crisi. Introdurrò in questo report un

Dettagli

I fondi. Conoscerli di più per investire meglio. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne

I fondi. Conoscerli di più per investire meglio. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I fondi Conoscerli di più per investire meglio Ottobre 2008 Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I FONDI: CONOSCERLI DI PIÙ PER INVESTIRE MEGLIO COSA SONO I fondi

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

La valutazione delle aziende. 3a parte

La valutazione delle aziende. 3a parte La valutazione delle aziende 3a parte 65 I metodi empirici Transazioni comparabili Società comparabili 66 I metodi empirici: generalità e ambiti di utilizzo I metodi empirici vengono solitamente utilizzati

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio?

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Fabio Innocenzi CEO UBS Italia S.p.A. 8 Giugno 2012 QFinPanel, Politecnico di Milano Gli effetti della crisi economica sul

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente.

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente. 3. INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AVIVA VITA - PRO FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE Data di efficacia della presente Sezione: 1 aprile 2013 INFORMAZIONI

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Ti aspetti di più dai tuoi investimenti?

Ti aspetti di più dai tuoi investimenti? INVESTMENT CERTIFICATES Ti aspetti di più dai tuoi investimenti? Bonus Cap Certificate sull indice FTSE MIB ISIN: DE000HV8A9G5 Sottostante: FTSE MIB Scadenza: 05.05.2017 Comunicazione pubblicitaria/promozionale.

Dettagli

Previndai - Giornata della Previdenza

Previndai - Giornata della Previdenza Previndai - Giornata della Previdenza Milano, 17 maggio 2013 Lucidi a supporto dell intervento di Giuseppe Corvino Rendimenti GS dal 1993 ad oggi Rendimenti GS dal 2000 ad oggi Rendimento della gestione

Dettagli

Analizziamo nel dettaglio i tre prodotti individuati:

Analizziamo nel dettaglio i tre prodotti individuati: 144 I prodotti strutturati nel private banking 145 Questo è solo un esempio di come i Bonus possono essere utilizzati: sul mercato sono disponibili certificati di investimento su diversi sottostanti, con

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è indebolito ed ha chiuso sotto l importante soglia psicologica di 1,35 - l Oro ha arrestato il recupero dopo i minimi del 31 dicembre

Dettagli

Franklin Templeton Le cedole mensili Novembre 2012. Materiale ad uso esclusivo di investitori professionali. Non destinato al pubblico

Franklin Templeton Le cedole mensili Novembre 2012. Materiale ad uso esclusivo di investitori professionali. Non destinato al pubblico Franklin Templeton Le cedole mensili Novembre 2012 Sfruttare al meglio tutte le possibilità offerte dalle cedole Perché i fondi a cedola mensile? Individuare e soddisfare i bisogni del cliente La cedola

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE Banca Popolare del Lazio T.V. 31/01/2008 31/01/2011 36ª, Codice Isin

Dettagli

Con la giusta strategia ogni mese può essere un mese speciale.

Con la giusta strategia ogni mese può essere un mese speciale. riconoscimento e di distribuzione delle cedole, fai leggere ai tuoi Clienti il Prospetto dei Fondi, Challenge Funds di Mediolanum International Funds e del Sistema Mediolanum Fondi Italia di Mediolanum

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Franklin Templeton Investments

Franklin Templeton Investments Franklin Templeton Investments I Portafogli a Cedola Aprile 2014 Le cedole Franklin Templeton «Bilanciamo» i nostri portafogli a cedola La nostra selezione con fondi obbligazionari e bilanciati I nuovi

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

Vuoi arrivare prima all obiettivo? Nuovi Express Certificate di UniCredit. La vita è fatta di alti e bassi. Noi ci siamo in entrambi i casi.

Vuoi arrivare prima all obiettivo? Nuovi Express Certificate di UniCredit. La vita è fatta di alti e bassi. Noi ci siamo in entrambi i casi. Vuoi arrivare prima all obiettivo? Nuovi Express Certificate di UniCredit. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale condizionatamente protetto.

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli