Gli effetti delle politiche di marketing esperienziale sulle percezioni del consumatore e sul posizionamento del brand

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli effetti delle politiche di marketing esperienziale sulle percezioni del consumatore e sul posizionamento del brand"

Transcript

1 Gli effetti delle politiche di marketing esperienziale sulle percezioni del consumatore e sul posizionamento del brand Research Project Irene Scopelliti Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Aziendali Università della Calabria Premessa La rilevanza del marketing esperienziale è oggi ampiamente riconosciuta nell ambito della letteratura di marketing: far vivere al consumatore un esperienza, coinvolgendolo emotivamente durante l acquisto o il consumo di un prodotto, viene considerata una delle strategie di più efficaci per differenziare l offerta di un impresa da quella dei concorrenti. Le politiche di marketing esperienziale costituiscono anche un importante strumento di brand management, dal momento che possono contribuire a modificare il posizionamento percepito di un brand sul mercato (Schmitt, 1999; Soscia, 2001). La prospettiva esperienziale propone molti strumenti, definibili experience providers, vale a dire creatori dell esperienza (Schmitt 1999, Castaldo e Botti 2001), in grado di contribuire al successo di un prodotto, tra i quali rientrano il design del prodotto, il packaging, l atmosfera del punto vendita, gli eventi, i contesti di consumo, la pubblicità, e così via (Golfetto, Borghini e Rinallo, 2005). La rilevanza degli investimenti in marketing esperienziale è supportata anche da alcuni filoni di studio sul comportamento del consumatore. La experiential view del comportamento del consumatore (Hirschman e Holbrook, 1982; Holbrook e Hirschman, 1982) pone l accento sul valore che i consumatori percepiscono nel cose delle loro esperienze di consumo, che può essere allo stesso tempo in parte utilitaristico ed in parte edonico. Le emozioni, e il loro impatto sul valore percepito nel consumo, sono oggetto di uno specifico filone degli studi di marketing, che attinge alla psicologia delle emozioni (Richins, 1997; Bagozzi, Gopinath e Nyer, 1999; Bagozzi, Gurhan-Canli e Priester, 2002). Inoltre, il ruolo delle emozioni nell influenzare il comportamento d acquisto è stato analizzato in profondità dalla psicologia ambientale e dalle sue applicazioni all analisi del comportamento del consumatore all interno del punto di vendita (Mehrabian e Russell, 1974; Turley e Milliman, 2000). La letteratura di marketing riconosce quindi adeguatamente sia il ruolo delle emozioni nell influenzare le preferenze dei consumatori, sia la necessità per le imprese di investire sulla creazione di un legame emozionale con i propri clienti. Tuttavia, al momento sono quasi inesistenti i tentativi di valutare la reale efficacia di tali investimenti. Alcuni studi affermano che gli investimenti volti a creare delle vere e proprie esperienze di consumo emotivamente coinvolgenti per i consumatori, siano un eccellente strumento di marketing per arricchire

2 l offerta delle imprese, ma nella letteratura di marketing non vi sono al momento studi che abbiano valutato l efficacia o la profittabilità degli investimenti in marketing esperienziale. Per quanto concerne la prassi manageriale, le imprese adottano ancora oggi degli strumenti di misurazione della performance abbastanza tradizionali, che solitamente considerando solo gli aspetti utilitaristici del consumo, trascurando l impatto delle emozioni sul valore percepito dal consumatore. Ad esempio, anche quando un evento viene progettato con lo specifico obiettivo di far vivere una vera e propria esperienza ai partecipanti, la misurazione del successo dell evento avviene mediante il conteggio del numero dei partecipanti, misura che non racchiude alcun tipo di informazione sul livello di esperienza creata. E quindi necessario indagare in profondità gli effetti prodotti dagli investimenti in marketing esperienziale e il contributo che essi possono apportare al raggiungimento di specifici obiettivi di marketing strategico. Il tema rilevante sia sotto il profilo manageriale, in quanto le imprese devono essere in grado di valutare l impatto di tali politiche sul raggiungimento degli obiettivi di marketing, sia sotto il profilo accademico, in quanto si tratta di un area scoperta nell ambito degli studi di marketing, in grado di stimolare ulteriori ricerche nell ambito del consumer behavior. In sintesi, pertanto, questo progetto di ricerca ha l obiettivo di indagare gli effetti degli investimenti in marketing esperienziale, e di fornire degli strumenti per la misurazione di tali effetti. La ricerca sarà condotta secondo un approccio sperimentale. Framework teorico. Le esperienze vissute dai consumatori quando questi acquistano o consumano i prodotti sono considerate uno dei più importanti moventi dell acquisto (Arnould, Price e Zinkhan, 2002). A partire dai primi contributi afferenti al filone esperienziale degli studi di consumer behavior (Holbrook e Hirschman, 1982; Hirschman e Holbrook, 1982), tale filone di ricerca si è sviluppato costantemente, e costituisce oggi una delle più importanti aree del marketing (Arnould e Thompson, 2005). Allo stesso tempo, altri autori hanno messo in evidenza la rilevanza della creazione di esperienze straordinarie per i consumatori quale strategia per competere sul mercato (Carbone e Haeckel, 1994; Soscia, 2001; Berry, Carbone e Haeckel, 2002; Haeckel, Carbone e Berry, 2003; Prahalad e Ramaswamy, 2003). Pine e Gilmore (1999) affermano che l economia degli Stati Uniti è basata sulla vendita di esperienze, e che queste ultime rappresentano l ultimo gradino della progressione del valore economico che presto saranno l oggetto di scambio per tutti i paesi sviluppati. La prova più evidente di tale tendenza è rinvenibile nel settore distributivo ed in

3 quello dei servizi, che hanno subito una radicale innovazione attingendo a principi caratteristici del business teatrale (Grove e Fisk, 1992; Faurholt, Csaba e Askegaard, 1999). Il principio basilare proposto da Pine e Gilmore (1999) è che ogni prodotto può essere trasformato in una esperienza memorabile. A partire da tale principio, il marketing esperienziale nasce come un insieme di politiche e strategie volte a mettere in scena esperienze memorabili (Schmitt, 1999). Recentemente Schmitt (2003) ha affermato che orientare la gestione dell impresa alla creazione di esperienze costituisce uno specifico orientamento strategico nei confronti del mercato. Per orientarsi all esperienza, le imprese devono analizzare in profondità la mente e il cuore dei loro clienti in modo da capire che tipo di esperienza creare per soddisfarli (Zaltman, 2003). Seguendo tale orientamento, gli studi sul brand management hanno enfatizzato l importanza di creare forti legami emotivi tra consumatori e brand, per garantire successo al business (Shaw e Ivens, 2002; Smith e Wheeler, 2002; Lasalle e Britton, 2003; Duffy e Hooper, 2003; Hill, 2003; Zaltman, 2003; Roberts, 2004). Research Questions Le strategie di marketing volte a creare un esperienza per i consumatori, hanno un forte impatto sul valore percepito. Tutti gli strumenti di marketing operativo dovrebbero essere utilizzati per arricchire il contenuto emozionale dei prodotti e dei contesti di consumo (Caru e Cova, forthcoming). Nonostante sia il filone di studi sul marketing esperienziale, sia gli studi di brand management concordino sulla rilevanza di tali obiettivi, essi vengono valutati con strumenti di misura che ne ignorano le componenti fondamentali. Quale che sia la strategia di marketing adottata, la misurazione della loro efficacia avviene con strumenti molto tradizionali. Ad esempio, per quanto concerne gli eventi, il numero di spettatori viene utilizzato come proxy del successo dell evento, mentre per quanto concerne le campagne pubblicitarie, la misura più utilizzata per valutarne gli effetti è ancora il GRP (gross rating point). Appare invece opportuno, nel momento in cui si adotta la prospettiva del marketing esperienziale e del branding emozionale, la quale afferma che gli strumenti di marketing mirano a riposizionare un brand facendo vivere al consumatore una vera e propria brand experience, valutare l interezza dell esperienza nella sua profondità per valutare l efficacia delle strategie di marketing. Questo progetto di ricerca mira proprio a colmare tale lacuna tra le strategie di marketing esperienziale e le modalità con cui la loro efficacia viene valutata, cercando di valutare la capacità del marketing esperienziale di generare emozioni nei consumatori, e di contribuire al posizionamento percepito dei brand.

4 Nello specifico, la prima research question a cui il progetto vuole rispondere è: 1. Qual è il contributo che le esperienze generate mediante politiche di marketing esperienziale possono fornire al riposizionamento di un brand? Proseguendo, la letteratura sul marketing esperienziale afferma che gli strumenti di marketing esperienziale siano superiori ai tradizionali strumenti promozionali. Per cui, oltre alla precedente domanda di ricerca, il progetto intende comparare l efficacia degli strumenti di marketing esperienziale rispetto ai tradizionali strumenti promozionali nel riposizionare un brand. Nello specifico, si vorrebbe valutare la differenza nella percezione che i consumatori hanno di un brand claim che rappresenta la principale proxy del posizionamento di un brand (Garretson e Burton, 2005) - quando vivono un esperienza, rispetto alla percezione di uno stesso brand claim proposto con strumenti tradizionali di marketing. Si vuole quindi comparare l efficacia di differenti strategie di marketing, che mirano al raggiungimento di uno stesso obiettivo di posizionamento del brand, per capire quale sia più efficace. La seconda domanda di ricerca contemplata dal progetto è pertanto: 2. Gli strumenti di marketing esperienziale ed emozionale hanno performance migliori rispetto ai tradizionali strumenti di marketing? Nello specifico, quali strumenti hanno maggiore efficacia nelle strategie di riposizionamento del brand? Metodologia della ricerca Per dare risposta alle domande di ricerca sopra formulate, si farà ricorso al metodo sperimentale. Saranno raccolti dati su un campione di clienti di imprese che hanno intrapreso una strategia di riposizionamento utilizzando sia strumenti di marketing esperienziale, sia strumenti tradizionali di marketing. Sono state identificate due grandi imprese italiane che adotteranno tali strategie con entrambe le tipologie di strumento di marketing nel corso del La prima impresa è un leader nel settore delle bevande alcoliche, la seconda impresa è una grande catena di distribuzione di elettronica di consumo. Sarà intervistato un campione di clienti coinvolti nelle strategie di riposizionamento delle due imprese. Nello specifico, l impresa operante nel settore delle bevande organizzerà campagne di eventi in quattro città del Nord Italia, con l obiettivo di generare emozioni nei consumatori partecipanti in maniera tale da modificare il posizionamento percepito di uno dei brand in portafoglio (strumento esperienziale), e allo stesso tempo lancerà una nuova campagna

5 pubblicitaria (strumento tradizionale). L impresa distributrice aprirà invece una nuova sezione in un punto vendita in Brianza, che sarà totalmente dedicata alla prova dei prodotti, dando ai consumatori la possibilità di interagire con tutti i prodotti presenti, facendo sì che i clienti siano immersi in un ambiente esperienziale (strumento esperienziale). Allo stesso tempo l impresa esporrà gli stessi prodotti in maniera tradizionale in altri punti vendita ubicati nella stessa area geografica (strumento tradizionale). I risultati di tali strategie di marketing saranno valutati e confrontati. E stata già ottenuta l autorizzazione da parte delle due imprese a svolgere l indagine. La metodologia da utilizzare per la raccolta dei dati sarà un field esperiment. Si adotterà un quasi-experimental design con l obiettivo di guadagnare in termini di aderenza alla realtà e di validità esterna dei risultati. Dal momento che il numero di variabili che si vuole investigare è molto elevato, sarà necessario intervistare un campione molto ampio di consumatori, almeno 150 per ciascuna fase (prima e dopo che essi siano sottoposti alle politiche di marketing delle imprese). Complessivamente saranno intervistati almeno 600 consumatori. Con riferimento alla prima domanda di ricerca, la struttura del field esperiment sarà basata su un design ad un gruppo, con pretest e posttest (Cook and Campbell 1979) dell impatto della strategia di marketing. Nello specifico, dal momento che l interesse del progetto è rivolto ad investimenti di marketing volti a creare interazioni dirette ed immersioni dei consumatori in ambienti esperienziali, il focus sarà rivolto verso strategie relative alla realizzazione di eventi e alle interazioni di prodotto. Nella ricerca, il trattamento sperimentale sarà costituito dalla partecipazione del consumatore all evento o all interazione di prodotto, seguendo l experimental design adottato da McAlexander, Schouten e Koenig (2002). Verranno pertanto raccolti dati prima del trattamento e dopo il trattamento, utilizzando questionari con scale tratte dalla letteratura. In dettaglio, il questionario utilizzato prima del trattamento conterrà una serie di scale relative alle differenze individuali: la Need for Cognition Scale (Cacioppo, Petty and Keng Fao 1984), la Interpersonal Influence Scale (Bearden, Netemeyer and Teel 1989), la Fashion Leadership Scale (Goldsmith, Freiden and Kilsheimer 1993); e le tre variabili dipendenti: Attitude Toward Brand (Sengupta, Fitzimons, 2004 and Kirmani, Shiv, 1998), Brand Claim Recognition (Garretson and Burton, 2005), and Purchase Intention. Il questionario utilizzato dopo il trattamento conterrà invece una serie di scale relative all intensità emozionale dell evento o dell interazione di prodotto, vale a dire il Consumption Emotions Set di Richins (1997), al coinvolgimento nell esperienza vissuta (Unger and Kernan, 1983), e le tre variabili dipendenti utilizzate nel questionario pre-trattamento.

6 Questo secondo questionario sarà somministrato alle persone sottoposte al trattamento. Utilizzando il nome dell intervistato e l indirizzo sarà possibile confrontare il questionario pretrattamento e il questionario post-trattamento compilati dalla stessa persona. I consumatori saranno intervistati alcuni giorni prima e alcuni giorni dopo il trattamento, sia per quanto riguarda lo strumento esperienziale che per quanto riguarda lo strumento tradizionale. Per quanto concerne la scelta delle variabili dipendenti, l obiettivo è pervenire ad una visione completa degli effetti della strategia di marketing sul posizionamento percepito del brand. In particolare, la Brand Claim Recognition scale misura l effetto cognitivo dello strumento di marketing, la Attitude toward Brand scale ne valuta l effetto in termini emotivo-attitudinali, e, infine, la Purchase Intention, intenzione all acquisto, considera gli effetti comportamentali. Tutte le scale utilizzate saranno a 9 punti. Per quanto concerne la valutazione degli strumenti tradizionali di marketing, si utilizzerà lo stesso disegno di ricerca, per garantire la comparabilità dei risultati. Risultati attesi Questo progetto contribuirà allo stato dell arte degli studi di marketing con riferimento a: La misurazione dell efficacia delle strategie di marketing esperienziale in confronto agli strumenti tradizionali di marketing Il legame tra marketing esperienziale e brand management, definendo il contributo degli strumenti di marketing esperienziale al posizionamento percepito del brand. I risultati del progetto di ricerca saranno inviati a riviste di natura accademica di fascia A e B, quali Journal of Advertising, European Journal of Marketing, journal of Consumer Behavior, Journal of Macromarketing, Psychology & Marketing. Le prime stesure dei paper saranno presentate a conferenze internazionali quali la American Marketing Association Conference and European Marketing Academy Conference. Fasi del progetto di ricerca Il progetto si sviluppa nel corso di un anno seguendo le fasi sotto elencate. Mesi 1-3: completamento della rassegna della letteratura; definizione del questionario; pre-test e test del questionario. Mesi 4-7: sviluppo delle ipotesi; raccolta dati; Mesi 8-9: analisi dei dati; Mesi 10-12: preparazione dei paper

7 Bibliografia Addis, M. (2005) L esperienza di consumo, Milano: Pearson Education. Arnould, E.J., C.J. Thompson (2005) Consumer Culture Theory (CCT): Twenty Years of Research, Journal of Consumer Research, Vol. 31, Issue 4, March, Arnould, E.J., L.L. Price, G. Zinkhan (2002). Consumers, 1st Edition, New York: McGraw-Hill. Bearden, W.O., R.G. Netemeyer, J.E. Teel (1989) Measurement of consumer susceptibility to interpersonal influence, Journal of Consumer Research, 15, Berry, L.L., L.P. Carbone, S.H. Haeckel (2002) Managing the Total Customer Experience, MIT Sloan Management Review, Vol. 43 Issue 3, Spring, Cacioppo, J. T., Petty, R. E., & Kao, C. E. (1984). The efficient assessment of need for cognition. Journal of Personality Assessment, 48, Carbone, L.P., S.H. Haeckel (1994) Engineering customer experience, Marketing Management, Vol. 3 Issue 3, Castaldo, S., Botti, S., (2001). Lo shopping esperienziale. In Castaldo S. (a cura di) Retailing & innovazione, Milano: Egea, Duffy, N., J. Hooper (2003) Passion Branding. Harnessing the power of emotion to build strong brands, Wiley, Chickester. Faurholt Csaba, F., S. Askegaard (1999) Malls and the Orchestration of the Shopping Experience in a Historical Perspective. In Arnould, E.J., L.M. Scott (Eds.), Advances in Consumer Research, Vol. XXVI, Association for Consumer Research, Provo, UT, Garretson, J.A., S. Burton (2005) The role of spokescharacters as advertisement and package cues in integrated marketing communication, Journal of Marketing, 69, Grove, S.J., R.P. Fisk (1992) The Service Experience as Theater, Advances in Consumer Research, Vol. 19, Golfetto, F., Borhini, S., Rinallo, D. Esperienzialità e riti nella comunicazione b2b. forthcoming. Haeckel, S.H., L.P. Carbone, L.L. Berry (2003) How To Lead the Customer Experience, Marketing Management, January/February, Hill, D. (2003) Body of Truth. Leveraging What Consumers Can t or Won t Say, Wiley, Hoboken, New Jersey. Hirschman, E.C., M.B. Holbrook (1982) Hedonic Consumption: Emerging Concept, Methods and Propositions, Journal of Marketing, Vol. 46, Summer, Holbrook, M.B., E.C. Hirschman (1982) The Experiential Aspects of Consumption: Consumer Fantasies, Feelings, and Fun, Journal of Consumer Research, Vol. 9, Issue 2, September,

8 Kirmani, A., Shiv, B. (1998). Effects of source congruity on brand attitudes and beliefs: the moderating role of issue relevant elaboration. Journal of Consumer Psychology, vol 7, issue Kozinets, R.V., J.F. Sherry, B. DeBerry-Spence, A. Duhachek, K. Nuttavuthisit, D. Storm (2002) Themed Flagship Brand Stores in the New Millenium: Theory, Practice, Prospects, Journal of Retailing, Vol. 78, Lasalle, D., T.A. Britton (2003) Priceless: Turning Ordinary Products into Extraordinary Experiences, Harvard Business School Press, Boston, MA. McAlexander, J.H., J.W. Schouten, H.F. Koenig (2002) Building Brand Community, Journal of Marketing, Vol. 66, January, Pine, J.B. II, J.H. Gilmore (1999) The Experience Economy, Harvard Business School Press, Boston, MA. Prahalad, C.K., V. Ramaswamy (2003) The New Frontier of Experience Innovation, MIT Sloan Management Review, Vol. 44 Issue 4, Summer, Richins, M. L. (1997) Measuring Emotions in the Consumption Experience, Journal of Consumer Research, vol. 24, September, Roberts, K. (2004) Lovemarks. The Future Beyond Brands, PowerHouse Books, New York. Schmitt, B.H. (1999) Experiential Marketing. How to get customers to SENSE, FEEL, THINK, ACT and RELATE to Your Company Brands, The Free Press, New York. Schmitt, B.H. (2003) Customer Experience Management,. A revolutionary Approach to Connecting with Your Customers, Hoboken, NJ, John Wiley & Sons. Sengupta, J., Fitzimons, G. (2004 ) The effect of analyzing reasons of stability of brand attitude :a reconciliation of opposing predictions. Journal of Consumer Research, vol 31, issue 3. Shaw, C., J. Ivens (2002) Building Great Customer Experiences, Palgrave Macmillan, Basingstoke, Hampshire. Smith, S., J. Wheeler (2002) Managing the Customer Experience. Turning Customers into Advocates, Financial Times Prentice Hall, Upper Saddle River. Soscia I. (2001) L experience economy, in Valdani E., Ancarani F., Castaldo S. (2001), Convergenza. Nuove traiettorie per la competizione, Milano: Egea. Unger, L. S., J. B., Kernan (1983) On the meaning of leisure: An investigation of some determinants of the subjective experience, Journal of Consumer Research, 9, Wolf, M.J. (1999) The Entertainment Economy. How Mega-Media Forces Are Transforming Our Lives, Times Books, New York. Zaltman, G. (2003) How Customers Think. Essential Insights into the Mind of the Market, Harvard Business School Press, Boston.

9 Finanziamento richiesto Euro 4166,66 Allocazione dell importo finanziato a. Attrezzature informatiche e software Euro 1.500,00 (software statistico, registratore audio digitale, altre attrezzature informatiche) b. Cancelleria e materiali di consumo Euro 166,66 c. Spese e missioni per raccolta dati (Spese di viaggio per Bologna, Torino, Milano, Euro 1.500,00 Padova) d. Partecipazione a conferenze (AMA, EMAC, Euro 1.000,00 ACR) (spese per traduzione paper, conference fees, spese di viaggio) TOTALE Euro 4.166,66

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 5 sessione: 28/4/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 5 sessione: 28/4/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 5 sessione: 28/4/2009 1 Perche investire sull esperienza di consumo? Perche

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 1 sessione: 15/4/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 1 sessione: 15/4/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 1 sessione: 15/4/2009 1 2 1 3 4 2 Dining Emotion 5 6 3 Fino a ieri il nostro

Dettagli

Giulia Miniero Curriculum Vitae

Giulia Miniero Curriculum Vitae Giulia Miniero Curriculum Vitae 1.CURRICULUM ACCADEMICO Aprile 2011 Ottobre 2008-Marzo 2009 Ottobre 2004 Università Commerciale L. Bocconi, Milano Ph.D Business Administration and Management (durata programma:

Dettagli

DIPARTIMENTO IMPRESA E MANAGEMENT ANNO ACCADEMICO 2011/2012. Cattedra in: Sistemi di distribuzione e vendita IL FLAGSHIP STORE COME STRUMENTO

DIPARTIMENTO IMPRESA E MANAGEMENT ANNO ACCADEMICO 2011/2012. Cattedra in: Sistemi di distribuzione e vendita IL FLAGSHIP STORE COME STRUMENTO DIPARTIMENTO IMPRESA E MANAGEMENT TESI DI LAUREA MAGISTRALE ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Cattedra in: Sistemi di distribuzione e vendita IL FLAGSHIP STORE COME STRUMENTO DI CUSTOMER CARE E IMMAGINE RELATORE

Dettagli

Le competenze digitali

Le competenze digitali Le competenze digitali Alessandro D Atri Roma, 14 Luglio 2008 1 Indice Le competenze digitali Competenze ICT dei business manager Il concetto di competenza Un modello per le competenze ICT Impatto delle

Dettagli

CURRICULUM Dott.ssa Donata Tania Vergura

CURRICULUM Dott.ssa Donata Tania Vergura CURRICULUM Dott.ssa Donata Tania Vergura NOTE BIOGRAFICHE Nata a Potenza (Pz) il 18/04/1983 E-mail donatatania.vergura@unipr.it CURRICULUM DEGLI STUDI 2012 Dottore di Ricerca in Economia, XXIV ciclo (2009-2011),

Dettagli

Cap.21 La comunicazione digitale. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.21 La comunicazione digitale. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it 1 Cap.21 La comunicazione digitale Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it 2 Capitolo 21 La comunicazione digitale La comunicazione digitale Complesso

Dettagli

Experience Design & Management: Progettazione e Gestione dell'esperienza dei Clienti, dei Cittadini e dei Turisti

Experience Design & Management: Progettazione e Gestione dell'esperienza dei Clienti, dei Cittadini e dei Turisti Experience Design & Management: Progettazione e Gestione dell'esperienza dei Clienti, dei Cittadini e dei Turisti Ing. Andrea Rossi Amministratore Unico innovacting srl Gruppo CSE-Crescendo a.rossi@cse-crescendo.com

Dettagli

IL MARKETING ESPERIENZIALE

IL MARKETING ESPERIENZIALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia IL MARKETING ESPERIENZIALE a.a. 2011-2012 LE ORIGINI DEL MARKETING ESPERIENZIALE La pstmodernità: un nuovo scenario di riferimento - crollo

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality Mettere in pratica una strategia di customer experience Michele Gorgoglione, Politecnico di Bari Phil Klaus, ESCEM School of Business and Management Le strategie di customer experience stanno rapidamente

Dettagli

Capitolo 6: CRM e Customer Experience

Capitolo 6: CRM e Customer Experience Capitolo 6: CRM e Customer Experience UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Magistrale: Comunicazione d impresa,marketing e nuovi media Corso: Customer Relationship Management CUSTOMER EXPERIENCE: DEFINIZIONE La customer

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

IL DIPARTIMENTO DI STUDI PER L ECONOMIA E L IMPRESA DELL UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE "A. AVOGADRO"

IL DIPARTIMENTO DI STUDI PER L ECONOMIA E L IMPRESA DELL UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO SELEZIONE PUBBLICA BANDITA CON D.R. Rep. n. 187-2012 del 28.05.2012 PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 CONTRATTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO TIPO A), - EX ART. 24 LEGGE N. 240/2010, PER Settore Concorsuale:

Dettagli

Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future

Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future Marta Bassi Società Italiana di Psicologia Positiva Obiettivo 1 numero 2000 diamerican Psychologist Seligman e Csikszentmihalyi Promuovere il funzionamento

Dettagli

La fedeltà del cliente e l identificazione con il brand: uno schema concettuale innovativo applicato al contesto GDO

La fedeltà del cliente e l identificazione con il brand: uno schema concettuale innovativo applicato al contesto GDO La fedeltà del cliente e l identificazione con il brand: uno schema concettuale innovativo applicato al contesto GDO Marco Visentin Università di Bologna Dipartimento di Scienze Aziendali marco.visentin@unibo.it

Dettagli

ANOTHER WAY OF THINKING. TheKidsRoad S.r.l. - All Rights Reserved

ANOTHER WAY OF THINKING. TheKidsRoad S.r.l. - All Rights Reserved ANOTHER WAY OF THINKING. Punta a conquistare la luna, se non dovessi raggiungerla, atterrerai comunque sulle stelle. (Les Brown) CHI SIAMO Con gli occhi dei Kids e i piedi sulla Road CHI SIAMO Siamo persone

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE, ECONOMICHE, FINANZIARIE E AZIENDALI TESI DI LAUREA MISURA DELLA CUSTOMER SATISFACTION DI IN BENE

Dettagli

Eventi che emozionano

Eventi che emozionano Eventi che emozionano 1 Premessa: l emozione Comunicare con emozione Un cambiamento nello stato psicofisico che spinge ad agire (Broccoli 2013) 2 L evento 3 Premessa: l evento Avvenimento programmato di

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA di FEDERICA CECCOTTI federica.ceccotti@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA - Ricercatore di Economia e gestione delle imprese (SECS-P/08). - Professore

Dettagli

Semiotica dei consumi e marketing esperienziale. Giovanna Cosenza

Semiotica dei consumi e marketing esperienziale. Giovanna Cosenza Semiotica dei consumi e marketing esperienziale Giovanna Cosenza 1 Consumo in senso stretto La relazione comunicativa che si istituisce fra aziende e consumatori può essere letta nei termini dello Schema

Dettagli

Distribuzione al dettaglio e immagine di marca nel mercato cinese. Il settore dei prodotti d arredo.

Distribuzione al dettaglio e immagine di marca nel mercato cinese. Il settore dei prodotti d arredo. Corso di Laurea magistrale in Marketing e Comunicazione Tesi di Laurea Distribuzione al dettaglio e immagine di marca nel mercato cinese. Il settore dei prodotti d arredo. Relatore Ch.ma Prof.ssa Francesca

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MiMeC. Master in Marketing e Comunicazione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MiMeC. Master in Marketing e Comunicazione MiMeC Master in Marketing e Comunicazione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MiMeC Master in Marketing e Comunicazione Pensare in termini di mercato è una necessità per la vita delle

Dettagli

Daniele Dalli Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa

Daniele Dalli Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Daniele Dalli Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Posizione accademica Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese (Università di Pisa) Dottore di Ricerca in Economia

Dettagli

MARKETING ESPERIENZIALE

MARKETING ESPERIENZIALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Corso di laurea in Marketing e comunicazione per le aziende MARKETING ESPERIENZIALE Padua Andrea Carcapede Giovanna Mastronardi Vito Bonetti Alessandro Iaffaldano

Dettagli

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale TITOLO DELLA TESI La redazione del piano marketing per

Dettagli

Country of origin e buyer behavior. Una meta-analisi dalla letteratura internazionale

Country of origin e buyer behavior. Una meta-analisi dalla letteratura internazionale Country of origin e buyer behavior. Una meta-analisi dalla letteratura internazionale Alessandro De Nisco Università del Sannio II Convegno annuale della Società Italiana Marketing Trieste 2-32 3 dicembre

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MiMeC. Master in Marketing e Comunicazione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MiMeC. Master in Marketing e Comunicazione MiMeC Master in Marketing e Comunicazione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MiMeC Master in Marketing e Comunicazione Pensare in termini di mercato è una necessità per la vita delle

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Il senso del Marketing Sensoriale. Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it)

Il senso del Marketing Sensoriale. Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il senso del Marketing Sensoriale Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Psicologia dei processi cognitivi Fino agli anni 70 la psicologia si era interessata solo del comportamento dell uomo,

Dettagli

UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE

UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE Studio Innovazione Ing. Renzo Rizzo ISTUD, Responsabile Area Business Innovation, Direttore Master di Marketing Studio Innovazione, Consulenza e Gestione per Progetti di

Dettagli

Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 -

Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 - Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 - Il presente rapporto costituisce una sintesi dei lavori svolti nell ambito di due aree all interno del gruppo di studio

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT CONOSCENZE Il Customer Relationship Management (CRM) è uno dei processi aziendali chiave finalizzato alla

Dettagli

8.5 Istituzione di una funzione di qualità

8.5 Istituzione di una funzione di qualità Sito Web 7 8. Istituzione di una funzione di qualità Oltre alla mappatura schematica del servizio, un altro approccio che si può usare per sviluppare un architettura di servizio è l istituzione di una

Dettagli

Destinazioni turistiche come network

Destinazioni turistiche come network 5 e 6 settembre 2013 La Salle, Aosta 26 novembre 2013 Aosta Destinazioni turistiche come network Tripodi C., Università della Valle d Aosta e SDA Bocconi Turci L., Università della Valle d Aosta e Oxford

Dettagli

V SU S A U L A L MERC

V SU S A U L A L MERC Seminario 27.03.13 Stefania Lapponi L IMPORTANZA DELLA SHOPPING EXPERIENCE Nonostante l avvento di internet il 75% di tutte le decisioni di acquisto avviene ancora fisicamente in negozio. E aumentata la

Dettagli

QUALITY IN SERVICE MANAGEMENT Corso di Laurea Magistrale in Direzione Aziendale curriculum in Management delle imprese del terziario.

QUALITY IN SERVICE MANAGEMENT Corso di Laurea Magistrale in Direzione Aziendale curriculum in Management delle imprese del terziario. QUALITY IN SERVICE MANAGEMENT Corso di Laurea Magistrale in Direzione Aziendale curriculum in Management delle imprese del terziario. VADEMECUM STUDENTI L elenco successivo riporta tutti gli articoli che

Dettagli

Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca

Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca NUOVI MODELLI DI COMUNICAZIONE NEI SETTORI DEI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO CAMPUS DI MANAGEMENT E DI ECONOMIA Anno Accademico 2014-2015 Tutto il materiale consegnato

Dettagli

TECNOLOGIE POSITIVE PER IL PATIENT ENGAGEMENT

TECNOLOGIE POSITIVE PER IL PATIENT ENGAGEMENT TECNOLOGIE POSITIVE PER IL PATIENT ENGAGEMENT Giuseppe Riva, Serena Barello Facoltà di Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Healthy Reasoning: la comunicazione efficace nella cura

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA. Sviluppo Umano 1-13

OFFERTA FORMATIVA. Sviluppo Umano 1-13 Sviluppo Umano Sviluppo Umano sas di Gian Luca Cacciari & C. OFFERTA FORMATIVA 2013 1-13 Sviluppo Umano progetta e realizza interventi formativi su misura, realizzati ad hoc per i suoi Clienti. L esperienza

Dettagli

Per sviluppare le persone e i comportamenti

Per sviluppare le persone e i comportamenti Per promuovere l innovazione e il cambiamento Te.D si moltiplica Per sviluppare le persone e i comportamenti Teatro d Impresa 1. Profilo individuale: siamo accreditati Success Insights, uno strumento altamente

Dettagli

Piano di marketing & ricerche di mercato

Piano di marketing & ricerche di mercato Piano di marketing & ricerche di mercato Roma, giugno 2004 Piano di marketing (1/6) ANALITICO STRATEGICO ANALISI DI SETTORE E DELLA CONCORRENZA ANALISI DEL SETTORE E DELL IMPRESA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

CHIARA BERTI CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA E DIDATTICA INTERESSI DI RICERCA E SUPPORTO ALLA DIDATTICA FORMAZIONE

CHIARA BERTI CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA E DIDATTICA INTERESSI DI RICERCA E SUPPORTO ALLA DIDATTICA FORMAZIONE CHIARA BERTI CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA E DIDATTICA Dati personali Nata a Faenza il 14.08.1986 Cittadinanza Italiana Residente a Castel Bolognese, via Zanelli, 529 48014 Tel. +39 333 7340594 Posizione

Dettagli

Misurare la qualità del servizio dell operatore logistico nella supply chain alimentare: risultati di un indagine empirica

Misurare la qualità del servizio dell operatore logistico nella supply chain alimentare: risultati di un indagine empirica Misurare la qualità del servizio dell operatore logistico nella supply chain alimentare: risultati di un indagine empirica Barbara Gaudenzi *, Ivan Russo**, Ilenia Confente***, Antonio Borghesi**** Abstract

Dettagli

Il marketing orientato all esperienza

Il marketing orientato all esperienza Riccardo Resciniti, Associato di Economia e gestione delle imprese Facoltà di Economia, Università degli Studi del Sannio resciniti@unisannio.it Il marketing orientato all esperienza 1. Introduzione Da

Dettagli

Aspetti di Marketing Sportivo

Aspetti di Marketing Sportivo Aspetti di Marketing Sportivo Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e gestione delle imprese sportive Cesare Mattei Definizione: IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE,

Dettagli

Territorio, impresa e consumatore: percorsi esperienziali nelle imprese vitivinicole *

Territorio, impresa e consumatore: percorsi esperienziali nelle imprese vitivinicole * Territorio, impresa e consumatore: percorsi esperienziali nelle imprese vitivinicole * ROBERTA CAPITELLO ** PAOLA CASTELLANI CHIARA ROSSATO Abstract Obiettivo del paper: La ricerca analizza i nuovi modelli

Dettagli

GABRIELE PIZZI CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA E DIDATTICA INTERESSI DI RICERCA E INSEGNAMENTO FORMAZIONE

GABRIELE PIZZI CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA E DIDATTICA INTERESSI DI RICERCA E INSEGNAMENTO FORMAZIONE GABRIELE PIZZI CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA E DIDATTICA Dati personali Nato a Bologna il 10/4/1982 Cittadinanza Italiana Residente a Bologna, via Brugnoli, 6 40122 Tel. +39 347 8108734 Codice Fiscale:

Dettagli

Il profilo degli intervistati

Il profilo degli intervistati Il profilo degli intervistati In quale classe di fatturato rientra la sua azienda? n. % Fino a 50 milioni di euro 17 20.7 Da 50 milioni di euro a 300 milioni di euro 23 28.0 Da 300 milioni di euro a 1.000

Dettagli

Marketing Dispensa N.2: Articoli di approfondimento (solo per non frequentanti)

Marketing Dispensa N.2: Articoli di approfondimento (solo per non frequentanti) DISPENSA del Corso Marketing Dispensa N.2: Articoli di approfondimento (solo per non frequentanti) Art. 1 MARKETING INDUZIONALE: Guido, G. (2005), La Dimensione dei Rapporti con i Consumatori nelle Imprese

Dettagli

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità 1 2 Intangibilità Inseparabilità Contestualità Variabilità Deperibilità 3 I servizi, a differenza dei beni fisici, non sono visibili e valutabili qualitativamente prima del processo di erogazione; non

Dettagli

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: DONATELLA FORTUNA Indirizzo: via Avellino n. 18, 82100, Benevento Telefono: 3491450428 Email: donatella.fortuna@unisannio.it Data di nascita: 29/07/1976 Luogo

Dettagli

Come usare l impegno ambientale per promuovere la reputazione e l immagine aziendale

Come usare l impegno ambientale per promuovere la reputazione e l immagine aziendale Come usare l impegno ambientale per promuovere la reputazione e l immagine aziendale Maurizio Maione TecnoPolo Tiburtino 17/7/2008 La sostenibilità: un concetto per il mercato La centralità del tema ambientale

Dettagli

I SEMINARIO INTERNAZIONALE DI MARKETING DEL VINO XXI SECOLO: L ALBA DEL NUOVO MERCATO DEL VINO

I SEMINARIO INTERNAZIONALE DI MARKETING DEL VINO XXI SECOLO: L ALBA DEL NUOVO MERCATO DEL VINO I SEMINARIO INTERNAZIONALE DI MARKETING DEL VINO XXI SECOLO: L ALBA DEL NUOVO MERCATO DEL VINO Alberto MATTIACCI Direttore CITTA Centro Ricerca Territorio e Turismo DOVE CI TROVIAMO? www.albertomattiacci.it

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento MARKETING STRATEGICO MARKETING STRATEGICO CONOSCENZE DEFINIZIONE DI MARKETING Il marketing è una funzione primaria di gestione aziendale che comprende numerose attività riconducibili

Dettagli

Milano italy. MARkEtiNg, vendite, CoMuNiCAzioNE E DistRiBuzioNE EMPoWER YoUR Vision BRAND ACADEMY. sdabocconi.it/brandacademy

Milano italy. MARkEtiNg, vendite, CoMuNiCAzioNE E DistRiBuzioNE EMPoWER YoUR Vision BRAND ACADEMY. sdabocconi.it/brandacademy Milano italy MARkEtiNg, vendite, CoMuNiCAzioNE E DistRiBuzioNE EMPoWER YoUR Vision BRAND ACADEMY 2015 sdabocconi.it/brandacademy Per competere con successo nei mercati in costante evoluzione, le imprese

Dettagli

Introduzione a: Human-centred design User Experience

Introduzione a: Human-centred design User Experience Corso di Laurea Triennale in Disegno Industriale Laboratorio di Ergonomia per il Design a.a. 2014/2015 Introduzione a: Human-centred design User Experience Design Campus, Calenzano LE TRE STRATEGIE DELL

Dettagli

You need the blue way to grow your business

You need the blue way to grow your business Per entrare in un nuovo mercato, e raggiungere nuovi obiettivi bisogna conoscere la strada migliore da seguire. Noi sappiamo come gestire al meglio la tua organizzazione, personalizzandola e aiutandoti

Dettagli

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012 Elisa Fontana 1 Contenuti Chi siamo CRM, Customer experience, Customer Engagement Il consumatore e i Social Network I social network generano

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB Obiettivi La sezione di ricerca realizzata da CSS-LAB Customer & Service Science LAB dell Università

Dettagli

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA (Aggiornato a MARZO 2013) NOME E COGNOME E-MAIL Paola Ramassa ramassa@economia.unige.it CURRICULUM STUDI LAUREA Laurea in Economia e Commercio (indirizzo aziendale) Università degli Studi di Genova DOTTORATO

Dettagli

IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE

IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE La segmentazione della lead generation per tipologia di cliente. Come raggiungere i 26 milioni d italiani uniti da internet ma divisi in 8100 comuni? What s next in customer

Dettagli

:: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese

:: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese Michelle Bonera :: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese industriali presso l Università Commerciale Luigi Bocconi

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

TALENT TRAINING PROGRAMME. INNOVATION MANAGEMENT L innovazione per il miglioramento della competitività

TALENT TRAINING PROGRAMME. INNOVATION MANAGEMENT L innovazione per il miglioramento della competitività INNOVATION MANAGEMENT INNOVATION MANAGEMENT MARKETING TRIBALE E COMMUNITY MARKETING IN UN CONTESTO INTERNAZIONALE Bologna, 17-18 Ottobre 2014 INNOVATION MANAGEMENT VERE PRESTAZIONI ITALIANE VERE PRESTAZIONI

Dettagli

Gentile, Lamberti, Noci, Spiller

Gentile, Lamberti, Noci, Spiller Gentile, Lamberti, Noci, Spiller Il Marketing Esperienziale come elemento incentivante all instaurazione di rapporti di collaborazione lungo la supply-chain: un indagine esplorativa nel contesto dei beni

Dettagli

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Divisione Ricerche Claudio Dematté LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Paolo Guenzi, Gabriele Troilo Convegno Multiconsult E nata prima la gallina Kilometro Rosso 4 dicembre

Dettagli

IL MIGLIOR MODO PER ANTICIPARE IL FUTURO È CREARLO. Company Pofile

IL MIGLIOR MODO PER ANTICIPARE IL FUTURO È CREARLO. Company Pofile IL MIGLIOR MODO PER ANTICIPARE IL FUTURO È CREARLO Company Pofile 004 Company Profile Propositiv Communication 005 SPECIALISTI DEL MARKETING CREATIVO Propositiv Communication è una società di comunicazione

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

MATTEO FORGIARINI CUBEYOU

MATTEO FORGIARINI CUBEYOU USO ED ABUSO DEI FARMACI Venerdì 17 aprile 2015 Sala conferenze Digital for Business - Sesto San Giovanni (MI) MATTEO FORGIARINI CUBEYOU www.digitalforacademy.com Uso e abuso del farmaco Venerdì 17 aprile

Dettagli

Il nostro scopo è avere cura dei particolari e valorizzare l immagine dei nostri clienti.

Il nostro scopo è avere cura dei particolari e valorizzare l immagine dei nostri clienti. Il nostro scopo è avere cura dei particolari e valorizzare l immagine dei nostri clienti. INDICE Garantiamo un supporto CHIAVI IN MANO, obiettivi misurabili e concreti. Mission Corporate / Brand Identity

Dettagli

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Abstract La progressiva diffusione dei social network, sia generalisti (quali Twitter, Facebook o Google+, la recente piattaforma messa a punto da Google) sia specializzati

Dettagli

La Parte Terza è dedicata alla realizzazione del piano di marketing. Per raggiungere con successo gli obiettivi prefissati, l impresa ha necessi- XII

La Parte Terza è dedicata alla realizzazione del piano di marketing. Per raggiungere con successo gli obiettivi prefissati, l impresa ha necessi- XII Presentazione Scopo di questo testo è dare agli studenti di un corso di Marketing strategico una traccia per approfondire gli argomenti principali. È stato scritto partendo dal presupposto che chi legge

Dettagli

L innovazione è l utilizzo di nuove idee e opportunità per generare e sostenere la crescita e la profittabilità dell azienda

L innovazione è l utilizzo di nuove idee e opportunità per generare e sostenere la crescita e la profittabilità dell azienda L innovazione è l utilizzo di nuove idee e opportunità per generare e sostenere la crescita e la profittabilità dell azienda L innovazione consiste nello sfruttare (nell ambito commerciale o dei processi

Dettagli

Marketing esperienziale e polisensoriale: come arrivare dritto al cuore del consumatore

Marketing esperienziale e polisensoriale: come arrivare dritto al cuore del consumatore ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale Marketing esperienziale e polisensoriale: come

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE

LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE COME SUPPORTO ALLE DECISIONI RIGUARDANTI LA PROGETTAZIONE DEI PORTALI WEB AZIENDALI A.Vituzzi CeRSI Centro di Ricerca sui Sistemi Informativi Aziendali

Dettagli

Il concetto di marketing. Fonte: elaborazioni da Giorgio Coriglian, Il Marketing, Etas Libri

Il concetto di marketing. Fonte: elaborazioni da Giorgio Coriglian, Il Marketing, Etas Libri Il concetto di marketing Fonte: elaborazioni da Giorgio Coriglian, Il Marketing, Etas Libri Primo periodo: pionieristico (1945-1960) - il marketing interviene dopo il processo produttivo, occupandosi solo

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Ricerca di personale qualificato Ricerca di management e consulenti Formazione del personale e coaching Sviluppo Organizzativo

Ricerca di personale qualificato Ricerca di management e consulenti Formazione del personale e coaching Sviluppo Organizzativo Ricerca di personale qualificato Ricerca di management e consulenti Formazione del personale e coaching Sviluppo Organizzativo SPACE WORK offre a imprese private, enti, organizzazioni, liberi professionisti

Dettagli

STRATEGIE DI MARKETING MIX: IL PRODOTTO. Dr Chiara Civera 1

STRATEGIE DI MARKETING MIX: IL PRODOTTO. Dr Chiara Civera 1 STRATEGIE DI MARKETING MIX: IL PRODOTTO Dr Chiara Civera 1 Il prodotto Prodotto materiale Prestazioni del servizio Attributi accessori Varietà di gamma Garanzie Credito Istruzioni Servizi pre e post vendita

Dettagli

GLI EVENTI CLASS EDITORI

GLI EVENTI CLASS EDITORI gli EVENTI di GLI EVENTI CLASS EDITORI Convegni, tavole rotonde, workshop e manifestazioni che riuniscono le principali realtà aziendali e le personalità più importanti dei settori cui sono dedicati: SETTORE

Dettagli

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca A cura dell Ufficio Studi e Ricerca per l Innovazione e la Promozione della

Dettagli

3.1 ESERCIZI DI RIEPILOGO

3.1 ESERCIZI DI RIEPILOGO 3 3.1 ESERCIZI DI RIEPILOGO Esercizio 3.1.1 Dato un sistema M/M/2 con frequenza media di arrivo pari a λ e velocità di servizio pari a µ, con λ < 2µ Scrivere le equazioni di Kolmogorov relative al processo

Dettagli

CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it

CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it Omar Zampollo INDICE CUSTOMER EXPERIENCE: DA SERVIZIO A ESPERIENZA CEM-CRM: il nuovo modo di intendere l organizzazione aziendale

Dettagli

CASE HISTORY 02: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI NEO-ASSUNTI

CASE HISTORY 02: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI NEO-ASSUNTI CASE HISTORY 02: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI NEO-ASSUNTI Obiettivo: identificare le potenzialità di giovani assunti e assegnarli nelle aree di lavoro dall impresa con la posizione di Junior Manager.

Dettagli

Risorsa Uomo S.r.l. via F. Melzi d Eril 26 20154 Milano tel. 02 3452661 fax 02 3452662 e-mail info@risorsauomo.it www.risorsauomo.

Risorsa Uomo S.r.l. via F. Melzi d Eril 26 20154 Milano tel. 02 3452661 fax 02 3452662 e-mail info@risorsauomo.it www.risorsauomo. Risorsa Uomo S.r.l. via F. Melzi d Eril 26 20154 Milano tel. 02 3452661 fax 02 3452662 e-mail info@risorsauomo.it www.risorsauomo.it IL GRUPPO RISORSA UOMO Risorsa Uomo nasce a Milano nel 1985 dall idea

Dettagli

Innovazione in crisi? Il 69 per cento dei nuovi prodotti risulta un flop

Innovazione in crisi? Il 69 per cento dei nuovi prodotti risulta un flop Global Pricing Study 2014* Analisi speciale sull'italia Innovazione in crisi? Il 69 per cento dei nuovi prodotti risulta un flop Gli obiettivi di profitto non sono raggiunti, perchè le aziende trascurano

Dettagli

VIRAL VIDEO MARKETING: COME LA PENSANO LE AGENZIE AMERICANE Tratto da Viral Video Marketing Survey The Agency Perspective

VIRAL VIDEO MARKETING: COME LA PENSANO LE AGENZIE AMERICANE Tratto da Viral Video Marketing Survey The Agency Perspective VIRAL VIDEO MARKETING: COME LA PENSANO LE AGENZIE AMERICANE Tratto da Viral Video Marketing Survey The Agency Perspective febbraio 2008 Traduzione di Cristina Russo Sommario: Il viral video marketing non

Dettagli

Direzione Relazioni con i Media Gruppo Mediolanum Roberto Scippa Tel. 02 90492902 cell. 335 8166556 e-mail gmmedia@mediolanum.it

Direzione Relazioni con i Media Gruppo Mediolanum Roberto Scippa Tel. 02 90492902 cell. 335 8166556 e-mail gmmedia@mediolanum.it COMUNICATO STAMPA Banca Mediolanum ha sottoscritto con l Università Bocconi un accordo per dare il via a una Cattedra in Customer & Service Science. Contestualmente è stato costituito il Customer & Service

Dettagli

La SEO e gli strumenti del Web marketing: il punto di vista delle aziende

La SEO e gli strumenti del Web marketing: il punto di vista delle aziende ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale La SEO e gli strumenti del Web marketing: il

Dettagli

Live Brand Experience

Live Brand Experience Live Brand Experience Live brand experience Mission Comunichiamo con le emozioni. Dei vostri clienti. Perché possano costruire con voi relazioni stabili e durature. Progettiamo e realizziamo occasioni

Dettagli

www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio...

www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio... www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio... ...incontra in aula gli Esperti del Sole 24 ORE. Il mercato parla una nuova lingua. Per capirla c e il nuovo Master in Marketing & Comunicazione MASTER24:

Dettagli