Gli effetti delle politiche di marketing esperienziale sulle percezioni del consumatore e sul posizionamento del brand

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli effetti delle politiche di marketing esperienziale sulle percezioni del consumatore e sul posizionamento del brand"

Transcript

1 Gli effetti delle politiche di marketing esperienziale sulle percezioni del consumatore e sul posizionamento del brand Research Project Irene Scopelliti Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Aziendali Università della Calabria Premessa La rilevanza del marketing esperienziale è oggi ampiamente riconosciuta nell ambito della letteratura di marketing: far vivere al consumatore un esperienza, coinvolgendolo emotivamente durante l acquisto o il consumo di un prodotto, viene considerata una delle strategie di più efficaci per differenziare l offerta di un impresa da quella dei concorrenti. Le politiche di marketing esperienziale costituiscono anche un importante strumento di brand management, dal momento che possono contribuire a modificare il posizionamento percepito di un brand sul mercato (Schmitt, 1999; Soscia, 2001). La prospettiva esperienziale propone molti strumenti, definibili experience providers, vale a dire creatori dell esperienza (Schmitt 1999, Castaldo e Botti 2001), in grado di contribuire al successo di un prodotto, tra i quali rientrano il design del prodotto, il packaging, l atmosfera del punto vendita, gli eventi, i contesti di consumo, la pubblicità, e così via (Golfetto, Borghini e Rinallo, 2005). La rilevanza degli investimenti in marketing esperienziale è supportata anche da alcuni filoni di studio sul comportamento del consumatore. La experiential view del comportamento del consumatore (Hirschman e Holbrook, 1982; Holbrook e Hirschman, 1982) pone l accento sul valore che i consumatori percepiscono nel cose delle loro esperienze di consumo, che può essere allo stesso tempo in parte utilitaristico ed in parte edonico. Le emozioni, e il loro impatto sul valore percepito nel consumo, sono oggetto di uno specifico filone degli studi di marketing, che attinge alla psicologia delle emozioni (Richins, 1997; Bagozzi, Gopinath e Nyer, 1999; Bagozzi, Gurhan-Canli e Priester, 2002). Inoltre, il ruolo delle emozioni nell influenzare il comportamento d acquisto è stato analizzato in profondità dalla psicologia ambientale e dalle sue applicazioni all analisi del comportamento del consumatore all interno del punto di vendita (Mehrabian e Russell, 1974; Turley e Milliman, 2000). La letteratura di marketing riconosce quindi adeguatamente sia il ruolo delle emozioni nell influenzare le preferenze dei consumatori, sia la necessità per le imprese di investire sulla creazione di un legame emozionale con i propri clienti. Tuttavia, al momento sono quasi inesistenti i tentativi di valutare la reale efficacia di tali investimenti. Alcuni studi affermano che gli investimenti volti a creare delle vere e proprie esperienze di consumo emotivamente coinvolgenti per i consumatori, siano un eccellente strumento di marketing per arricchire

2 l offerta delle imprese, ma nella letteratura di marketing non vi sono al momento studi che abbiano valutato l efficacia o la profittabilità degli investimenti in marketing esperienziale. Per quanto concerne la prassi manageriale, le imprese adottano ancora oggi degli strumenti di misurazione della performance abbastanza tradizionali, che solitamente considerando solo gli aspetti utilitaristici del consumo, trascurando l impatto delle emozioni sul valore percepito dal consumatore. Ad esempio, anche quando un evento viene progettato con lo specifico obiettivo di far vivere una vera e propria esperienza ai partecipanti, la misurazione del successo dell evento avviene mediante il conteggio del numero dei partecipanti, misura che non racchiude alcun tipo di informazione sul livello di esperienza creata. E quindi necessario indagare in profondità gli effetti prodotti dagli investimenti in marketing esperienziale e il contributo che essi possono apportare al raggiungimento di specifici obiettivi di marketing strategico. Il tema rilevante sia sotto il profilo manageriale, in quanto le imprese devono essere in grado di valutare l impatto di tali politiche sul raggiungimento degli obiettivi di marketing, sia sotto il profilo accademico, in quanto si tratta di un area scoperta nell ambito degli studi di marketing, in grado di stimolare ulteriori ricerche nell ambito del consumer behavior. In sintesi, pertanto, questo progetto di ricerca ha l obiettivo di indagare gli effetti degli investimenti in marketing esperienziale, e di fornire degli strumenti per la misurazione di tali effetti. La ricerca sarà condotta secondo un approccio sperimentale. Framework teorico. Le esperienze vissute dai consumatori quando questi acquistano o consumano i prodotti sono considerate uno dei più importanti moventi dell acquisto (Arnould, Price e Zinkhan, 2002). A partire dai primi contributi afferenti al filone esperienziale degli studi di consumer behavior (Holbrook e Hirschman, 1982; Hirschman e Holbrook, 1982), tale filone di ricerca si è sviluppato costantemente, e costituisce oggi una delle più importanti aree del marketing (Arnould e Thompson, 2005). Allo stesso tempo, altri autori hanno messo in evidenza la rilevanza della creazione di esperienze straordinarie per i consumatori quale strategia per competere sul mercato (Carbone e Haeckel, 1994; Soscia, 2001; Berry, Carbone e Haeckel, 2002; Haeckel, Carbone e Berry, 2003; Prahalad e Ramaswamy, 2003). Pine e Gilmore (1999) affermano che l economia degli Stati Uniti è basata sulla vendita di esperienze, e che queste ultime rappresentano l ultimo gradino della progressione del valore economico che presto saranno l oggetto di scambio per tutti i paesi sviluppati. La prova più evidente di tale tendenza è rinvenibile nel settore distributivo ed in

3 quello dei servizi, che hanno subito una radicale innovazione attingendo a principi caratteristici del business teatrale (Grove e Fisk, 1992; Faurholt, Csaba e Askegaard, 1999). Il principio basilare proposto da Pine e Gilmore (1999) è che ogni prodotto può essere trasformato in una esperienza memorabile. A partire da tale principio, il marketing esperienziale nasce come un insieme di politiche e strategie volte a mettere in scena esperienze memorabili (Schmitt, 1999). Recentemente Schmitt (2003) ha affermato che orientare la gestione dell impresa alla creazione di esperienze costituisce uno specifico orientamento strategico nei confronti del mercato. Per orientarsi all esperienza, le imprese devono analizzare in profondità la mente e il cuore dei loro clienti in modo da capire che tipo di esperienza creare per soddisfarli (Zaltman, 2003). Seguendo tale orientamento, gli studi sul brand management hanno enfatizzato l importanza di creare forti legami emotivi tra consumatori e brand, per garantire successo al business (Shaw e Ivens, 2002; Smith e Wheeler, 2002; Lasalle e Britton, 2003; Duffy e Hooper, 2003; Hill, 2003; Zaltman, 2003; Roberts, 2004). Research Questions Le strategie di marketing volte a creare un esperienza per i consumatori, hanno un forte impatto sul valore percepito. Tutti gli strumenti di marketing operativo dovrebbero essere utilizzati per arricchire il contenuto emozionale dei prodotti e dei contesti di consumo (Caru e Cova, forthcoming). Nonostante sia il filone di studi sul marketing esperienziale, sia gli studi di brand management concordino sulla rilevanza di tali obiettivi, essi vengono valutati con strumenti di misura che ne ignorano le componenti fondamentali. Quale che sia la strategia di marketing adottata, la misurazione della loro efficacia avviene con strumenti molto tradizionali. Ad esempio, per quanto concerne gli eventi, il numero di spettatori viene utilizzato come proxy del successo dell evento, mentre per quanto concerne le campagne pubblicitarie, la misura più utilizzata per valutarne gli effetti è ancora il GRP (gross rating point). Appare invece opportuno, nel momento in cui si adotta la prospettiva del marketing esperienziale e del branding emozionale, la quale afferma che gli strumenti di marketing mirano a riposizionare un brand facendo vivere al consumatore una vera e propria brand experience, valutare l interezza dell esperienza nella sua profondità per valutare l efficacia delle strategie di marketing. Questo progetto di ricerca mira proprio a colmare tale lacuna tra le strategie di marketing esperienziale e le modalità con cui la loro efficacia viene valutata, cercando di valutare la capacità del marketing esperienziale di generare emozioni nei consumatori, e di contribuire al posizionamento percepito dei brand.

4 Nello specifico, la prima research question a cui il progetto vuole rispondere è: 1. Qual è il contributo che le esperienze generate mediante politiche di marketing esperienziale possono fornire al riposizionamento di un brand? Proseguendo, la letteratura sul marketing esperienziale afferma che gli strumenti di marketing esperienziale siano superiori ai tradizionali strumenti promozionali. Per cui, oltre alla precedente domanda di ricerca, il progetto intende comparare l efficacia degli strumenti di marketing esperienziale rispetto ai tradizionali strumenti promozionali nel riposizionare un brand. Nello specifico, si vorrebbe valutare la differenza nella percezione che i consumatori hanno di un brand claim che rappresenta la principale proxy del posizionamento di un brand (Garretson e Burton, 2005) - quando vivono un esperienza, rispetto alla percezione di uno stesso brand claim proposto con strumenti tradizionali di marketing. Si vuole quindi comparare l efficacia di differenti strategie di marketing, che mirano al raggiungimento di uno stesso obiettivo di posizionamento del brand, per capire quale sia più efficace. La seconda domanda di ricerca contemplata dal progetto è pertanto: 2. Gli strumenti di marketing esperienziale ed emozionale hanno performance migliori rispetto ai tradizionali strumenti di marketing? Nello specifico, quali strumenti hanno maggiore efficacia nelle strategie di riposizionamento del brand? Metodologia della ricerca Per dare risposta alle domande di ricerca sopra formulate, si farà ricorso al metodo sperimentale. Saranno raccolti dati su un campione di clienti di imprese che hanno intrapreso una strategia di riposizionamento utilizzando sia strumenti di marketing esperienziale, sia strumenti tradizionali di marketing. Sono state identificate due grandi imprese italiane che adotteranno tali strategie con entrambe le tipologie di strumento di marketing nel corso del La prima impresa è un leader nel settore delle bevande alcoliche, la seconda impresa è una grande catena di distribuzione di elettronica di consumo. Sarà intervistato un campione di clienti coinvolti nelle strategie di riposizionamento delle due imprese. Nello specifico, l impresa operante nel settore delle bevande organizzerà campagne di eventi in quattro città del Nord Italia, con l obiettivo di generare emozioni nei consumatori partecipanti in maniera tale da modificare il posizionamento percepito di uno dei brand in portafoglio (strumento esperienziale), e allo stesso tempo lancerà una nuova campagna

5 pubblicitaria (strumento tradizionale). L impresa distributrice aprirà invece una nuova sezione in un punto vendita in Brianza, che sarà totalmente dedicata alla prova dei prodotti, dando ai consumatori la possibilità di interagire con tutti i prodotti presenti, facendo sì che i clienti siano immersi in un ambiente esperienziale (strumento esperienziale). Allo stesso tempo l impresa esporrà gli stessi prodotti in maniera tradizionale in altri punti vendita ubicati nella stessa area geografica (strumento tradizionale). I risultati di tali strategie di marketing saranno valutati e confrontati. E stata già ottenuta l autorizzazione da parte delle due imprese a svolgere l indagine. La metodologia da utilizzare per la raccolta dei dati sarà un field esperiment. Si adotterà un quasi-experimental design con l obiettivo di guadagnare in termini di aderenza alla realtà e di validità esterna dei risultati. Dal momento che il numero di variabili che si vuole investigare è molto elevato, sarà necessario intervistare un campione molto ampio di consumatori, almeno 150 per ciascuna fase (prima e dopo che essi siano sottoposti alle politiche di marketing delle imprese). Complessivamente saranno intervistati almeno 600 consumatori. Con riferimento alla prima domanda di ricerca, la struttura del field esperiment sarà basata su un design ad un gruppo, con pretest e posttest (Cook and Campbell 1979) dell impatto della strategia di marketing. Nello specifico, dal momento che l interesse del progetto è rivolto ad investimenti di marketing volti a creare interazioni dirette ed immersioni dei consumatori in ambienti esperienziali, il focus sarà rivolto verso strategie relative alla realizzazione di eventi e alle interazioni di prodotto. Nella ricerca, il trattamento sperimentale sarà costituito dalla partecipazione del consumatore all evento o all interazione di prodotto, seguendo l experimental design adottato da McAlexander, Schouten e Koenig (2002). Verranno pertanto raccolti dati prima del trattamento e dopo il trattamento, utilizzando questionari con scale tratte dalla letteratura. In dettaglio, il questionario utilizzato prima del trattamento conterrà una serie di scale relative alle differenze individuali: la Need for Cognition Scale (Cacioppo, Petty and Keng Fao 1984), la Interpersonal Influence Scale (Bearden, Netemeyer and Teel 1989), la Fashion Leadership Scale (Goldsmith, Freiden and Kilsheimer 1993); e le tre variabili dipendenti: Attitude Toward Brand (Sengupta, Fitzimons, 2004 and Kirmani, Shiv, 1998), Brand Claim Recognition (Garretson and Burton, 2005), and Purchase Intention. Il questionario utilizzato dopo il trattamento conterrà invece una serie di scale relative all intensità emozionale dell evento o dell interazione di prodotto, vale a dire il Consumption Emotions Set di Richins (1997), al coinvolgimento nell esperienza vissuta (Unger and Kernan, 1983), e le tre variabili dipendenti utilizzate nel questionario pre-trattamento.

6 Questo secondo questionario sarà somministrato alle persone sottoposte al trattamento. Utilizzando il nome dell intervistato e l indirizzo sarà possibile confrontare il questionario pretrattamento e il questionario post-trattamento compilati dalla stessa persona. I consumatori saranno intervistati alcuni giorni prima e alcuni giorni dopo il trattamento, sia per quanto riguarda lo strumento esperienziale che per quanto riguarda lo strumento tradizionale. Per quanto concerne la scelta delle variabili dipendenti, l obiettivo è pervenire ad una visione completa degli effetti della strategia di marketing sul posizionamento percepito del brand. In particolare, la Brand Claim Recognition scale misura l effetto cognitivo dello strumento di marketing, la Attitude toward Brand scale ne valuta l effetto in termini emotivo-attitudinali, e, infine, la Purchase Intention, intenzione all acquisto, considera gli effetti comportamentali. Tutte le scale utilizzate saranno a 9 punti. Per quanto concerne la valutazione degli strumenti tradizionali di marketing, si utilizzerà lo stesso disegno di ricerca, per garantire la comparabilità dei risultati. Risultati attesi Questo progetto contribuirà allo stato dell arte degli studi di marketing con riferimento a: La misurazione dell efficacia delle strategie di marketing esperienziale in confronto agli strumenti tradizionali di marketing Il legame tra marketing esperienziale e brand management, definendo il contributo degli strumenti di marketing esperienziale al posizionamento percepito del brand. I risultati del progetto di ricerca saranno inviati a riviste di natura accademica di fascia A e B, quali Journal of Advertising, European Journal of Marketing, journal of Consumer Behavior, Journal of Macromarketing, Psychology & Marketing. Le prime stesure dei paper saranno presentate a conferenze internazionali quali la American Marketing Association Conference and European Marketing Academy Conference. Fasi del progetto di ricerca Il progetto si sviluppa nel corso di un anno seguendo le fasi sotto elencate. Mesi 1-3: completamento della rassegna della letteratura; definizione del questionario; pre-test e test del questionario. Mesi 4-7: sviluppo delle ipotesi; raccolta dati; Mesi 8-9: analisi dei dati; Mesi 10-12: preparazione dei paper

7 Bibliografia Addis, M. (2005) L esperienza di consumo, Milano: Pearson Education. Arnould, E.J., C.J. Thompson (2005) Consumer Culture Theory (CCT): Twenty Years of Research, Journal of Consumer Research, Vol. 31, Issue 4, March, Arnould, E.J., L.L. Price, G. Zinkhan (2002). Consumers, 1st Edition, New York: McGraw-Hill. Bearden, W.O., R.G. Netemeyer, J.E. Teel (1989) Measurement of consumer susceptibility to interpersonal influence, Journal of Consumer Research, 15, Berry, L.L., L.P. Carbone, S.H. Haeckel (2002) Managing the Total Customer Experience, MIT Sloan Management Review, Vol. 43 Issue 3, Spring, Cacioppo, J. T., Petty, R. E., & Kao, C. E. (1984). The efficient assessment of need for cognition. Journal of Personality Assessment, 48, Carbone, L.P., S.H. Haeckel (1994) Engineering customer experience, Marketing Management, Vol. 3 Issue 3, Castaldo, S., Botti, S., (2001). Lo shopping esperienziale. In Castaldo S. (a cura di) Retailing & innovazione, Milano: Egea, Duffy, N., J. Hooper (2003) Passion Branding. Harnessing the power of emotion to build strong brands, Wiley, Chickester. Faurholt Csaba, F., S. Askegaard (1999) Malls and the Orchestration of the Shopping Experience in a Historical Perspective. In Arnould, E.J., L.M. Scott (Eds.), Advances in Consumer Research, Vol. XXVI, Association for Consumer Research, Provo, UT, Garretson, J.A., S. Burton (2005) The role of spokescharacters as advertisement and package cues in integrated marketing communication, Journal of Marketing, 69, Grove, S.J., R.P. Fisk (1992) The Service Experience as Theater, Advances in Consumer Research, Vol. 19, Golfetto, F., Borhini, S., Rinallo, D. Esperienzialità e riti nella comunicazione b2b. forthcoming. Haeckel, S.H., L.P. Carbone, L.L. Berry (2003) How To Lead the Customer Experience, Marketing Management, January/February, Hill, D. (2003) Body of Truth. Leveraging What Consumers Can t or Won t Say, Wiley, Hoboken, New Jersey. Hirschman, E.C., M.B. Holbrook (1982) Hedonic Consumption: Emerging Concept, Methods and Propositions, Journal of Marketing, Vol. 46, Summer, Holbrook, M.B., E.C. Hirschman (1982) The Experiential Aspects of Consumption: Consumer Fantasies, Feelings, and Fun, Journal of Consumer Research, Vol. 9, Issue 2, September,

8 Kirmani, A., Shiv, B. (1998). Effects of source congruity on brand attitudes and beliefs: the moderating role of issue relevant elaboration. Journal of Consumer Psychology, vol 7, issue Kozinets, R.V., J.F. Sherry, B. DeBerry-Spence, A. Duhachek, K. Nuttavuthisit, D. Storm (2002) Themed Flagship Brand Stores in the New Millenium: Theory, Practice, Prospects, Journal of Retailing, Vol. 78, Lasalle, D., T.A. Britton (2003) Priceless: Turning Ordinary Products into Extraordinary Experiences, Harvard Business School Press, Boston, MA. McAlexander, J.H., J.W. Schouten, H.F. Koenig (2002) Building Brand Community, Journal of Marketing, Vol. 66, January, Pine, J.B. II, J.H. Gilmore (1999) The Experience Economy, Harvard Business School Press, Boston, MA. Prahalad, C.K., V. Ramaswamy (2003) The New Frontier of Experience Innovation, MIT Sloan Management Review, Vol. 44 Issue 4, Summer, Richins, M. L. (1997) Measuring Emotions in the Consumption Experience, Journal of Consumer Research, vol. 24, September, Roberts, K. (2004) Lovemarks. The Future Beyond Brands, PowerHouse Books, New York. Schmitt, B.H. (1999) Experiential Marketing. How to get customers to SENSE, FEEL, THINK, ACT and RELATE to Your Company Brands, The Free Press, New York. Schmitt, B.H. (2003) Customer Experience Management,. A revolutionary Approach to Connecting with Your Customers, Hoboken, NJ, John Wiley & Sons. Sengupta, J., Fitzimons, G. (2004 ) The effect of analyzing reasons of stability of brand attitude :a reconciliation of opposing predictions. Journal of Consumer Research, vol 31, issue 3. Shaw, C., J. Ivens (2002) Building Great Customer Experiences, Palgrave Macmillan, Basingstoke, Hampshire. Smith, S., J. Wheeler (2002) Managing the Customer Experience. Turning Customers into Advocates, Financial Times Prentice Hall, Upper Saddle River. Soscia I. (2001) L experience economy, in Valdani E., Ancarani F., Castaldo S. (2001), Convergenza. Nuove traiettorie per la competizione, Milano: Egea. Unger, L. S., J. B., Kernan (1983) On the meaning of leisure: An investigation of some determinants of the subjective experience, Journal of Consumer Research, 9, Wolf, M.J. (1999) The Entertainment Economy. How Mega-Media Forces Are Transforming Our Lives, Times Books, New York. Zaltman, G. (2003) How Customers Think. Essential Insights into the Mind of the Market, Harvard Business School Press, Boston.

9 Finanziamento richiesto Euro 4166,66 Allocazione dell importo finanziato a. Attrezzature informatiche e software Euro 1.500,00 (software statistico, registratore audio digitale, altre attrezzature informatiche) b. Cancelleria e materiali di consumo Euro 166,66 c. Spese e missioni per raccolta dati (Spese di viaggio per Bologna, Torino, Milano, Euro 1.500,00 Padova) d. Partecipazione a conferenze (AMA, EMAC, Euro 1.000,00 ACR) (spese per traduzione paper, conference fees, spese di viaggio) TOTALE Euro 4.166,66

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

La stimolazione multi-sensoriale nel punto di vendita: un'indagine empirica esplorativa nel settore dell'abbigliamento, accessori, pelletteria.

La stimolazione multi-sensoriale nel punto di vendita: un'indagine empirica esplorativa nel settore dell'abbigliamento, accessori, pelletteria. Katia Premazzi, Ph.D. Student in Economia Aziendale & Management Università Bocconi - Milano katia.premazzi@sdabocconi.it Elisa Licciardello, Assistente Direzione Marketing e Comunicazione Deutsche Bank

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi. 40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015 Prof. Alessandro Minichilli Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.it Descrizione del corso. Obiettivi: il corso intende fornire

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Area di pratica professionale PSICOLOGIA PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE RISORSE UMANE Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Classificazione EUROPSY Work

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

UNA NUOVA STARTUP PER UNA NUOVA REALTÀ. VIENI A SCRIVERE LA TUA STORIA

UNA NUOVA STARTUP PER UNA NUOVA REALTÀ. VIENI A SCRIVERE LA TUA STORIA SMAU MILANO DAL 17 AL 19 OTTOBRE PAD. 2, STAND A65 UNA NUOVA STARTUP PER UNA NUOVA REALTÀ. VIENI A SCRIVERE LA TUA STORIA Non esistono più le fiabe di una volta... adesso puoi riscriverle come vuoi tu.

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche di Laura Colombo Ultimo aggiornamento: marzo 2011 Sommario L analisi bibliometrica Indicatori bibliometrici o Impact Factor o Immediacy Index o

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari

Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari Erik de Haan, Silvana Dini Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari In questo articolo gli autori presentano quello che ritengono il più grande studio quantitativo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Marco Galvagno. ALTRE POSIZIONI Responsabile formazione del Contamination Lab dell Università degli Studi di Catania

Marco Galvagno. ALTRE POSIZIONI Responsabile formazione del Contamination Lab dell Università degli Studi di Catania Marco Galvagno Dipartimento di Economia e Impresa Università degli Studi di Catania Corso Italia, 55-95129 Catania tel. 095 7537644 fax. 095 7537510 email: mgalvagno@unict.it www.marcogalvagno.com POSIZIONE

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Queste sono alcune domande che ci sono venute in mente.

Queste sono alcune domande che ci sono venute in mente. Applicazione di metodi statistici per la verifica di Sistemi Qualità in società di servizi. S. Gorla (*), R. Bergami (**), R. Grassi (***), E. Belluco (****) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën

Dettagli

gli Insights dai Big Data

gli Insights dai Big Data Iscriviti ora! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM Come cogliere gli Insights dai Big Data per anticipare i bisogni Le 11 Best Practice del 2014: Credem* Feltrinelli Groupon International Hyundai Motor Company

Dettagli

Quanto vale il marchio bio? Un indagine edonimetrica Simona Naspetti, Ulrich Hamm, Meike Janssen, Raffaele Zanoli 1

Quanto vale il marchio bio? Un indagine edonimetrica Simona Naspetti, Ulrich Hamm, Meike Janssen, Raffaele Zanoli 1 Quanto vale il marchio bio? Un indagine edonimetrica Simona Naspetti, Ulrich Hamm, Meike Janssen, Raffaele Zanoli 1 Abstract A survey on consumer prices for organic products was carried upon as part of

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli