FOCUS ON LE ARITMIE IN EMERGENZA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOCUS ON LE ARITMIE IN EMERGENZA"

Transcript

1 FOCUS ON LE ARITMIE IN EMERGENZA M. Cazzaniga - G.F. Villa

2 AUTOMEDICHE SSUEm LECCO DETTAGLI SOCCORSO 49% 51% Altro Motivo cardiocircolatorio

3 SISTEMA DI CONDUZIONE SA node: RCA 55% LCA 45% AV node: RCA 90% LCA 10%

4 POTENZIALE D AZIONE

5 PARAMETRI FUNZIONALI DEL POTENZIALE D AZIONE ECCITABILITA AUTOMATICITA CONDUZIONE REFRATTARIETA

6 REFRATTARIETA

7 MECCANISMI DI ARITMOGENESI AUTOMATICITA ANORMALE TRIGGERED ACTIVITY RIENTRO

8 MECCANISMI DI ARITMOGENESI AUTOMATICITA ANORMALE: Qualsiasi regione del miocardio può costituire un focus ectopico in presenza di sofferenza cellulare Sostenuta da I Ca in diastole elettrica Favorita dalla attivazione simpatica

9 MECCANISMI DI ARITMOGENESI TRIGGERED ACTIVITY: Sostenuta da post-potenziali I post-potenziali dipendono dal potenziale d azione precedente (trigger) 2 tipi di post-potenziali PRECOCI (EAD) TARDIVI (DAD)

10 MECCANISMI DI ARITMOGENESI

11 MECCANISMI DI ARITMOGENESI RIENTRO: Richiede il dissincronismo di attivazione (zone ancora attivate e zone nel periodo refrattario relativo che possono essere riattivate dalle prime) Favorito da: VELOCITA DI CONDUZIONE VARIAZIONI DEL PERIODO REFRATTARIO CONDUZIONE UNIDIREZIONALE

12 MECCANISMI DI ARITMOGENESI RIENTRO: Circuiti funzionali (differenze regionali dovuti a EAD) Circuiti anatomici (infiltrazione connettivali) Meccanismo comune di tachicardie ectopiche sostenute Coinvolto nella genesi di flutter e fibrillazione

13 FARMACI ANTIARITMICI DI COMUNE IMPIEGO PROCAINAMIDE, CHINIDINA LIDOCAINA PROPAFENONE, FLECAINIDE b-bloccanti AMIODARONE, SOTALOLO ADENOSINA DIGOSSINA ATROPINA ISOPROTERENOLO ADRENALINA Ca-ANTAGONISTI

14 APPROCCIO GENERALE AL PAZIENTE CON ARITMIE ANAMNESI e ESAME OBIETTIVO TRACCIATO ECG INTERVENTI DIAGNOSTICI e TERAPEUTICI Obiettivo finale è curare il paziente non l aritmia.

15 APPROCCIO GENERALE AL PAZIENTE CON ARITMIE A - B - C ECG 12 DERIVAZIONI Grave Instabilità emodinamica Stabilità emodinamica TRATTAMENTO (DC-shock sincrono) (Pacemaker temporaneo) DIAGNOSI DIAGNOSI TRATTAMENTO

16 APPROCCIO GENERALE AL PAZIENTE CON ARITMIE SEGNI E SINTOMI SPECIFICI DI RITMI INSTABILI MARCATA IPOTENSIONE DOLORE TORACICO DISPNEA/EPA SHOCK CARDIOGENO ALTRI SEGNI E SINTOMI PALLORE CUTE FREDDA E SUDATA IPOTENSIONE MAREZZATURA PALPITAZIONI SINCOPE LIPOTIMIA

17 APPROCCIO GENERALE AL PAZIENTE CON ARITMIE ANAMNESI Stabilire l esatta natura e il tempo di insorgenza dei sintomi Anamnesi patologica con particolare riguardo a malattie cardiovascolare Anamnesi farmacologica, metabolica e tossicologica

18 APPROCCIO GENERALE AL PAZIENTE CON ARITMIE TRACCIATO ECG acquisire tracciato a 12 derivazioni, eventuale striscia lunga ATTENZIONE ALLE PSEUDO-ARITMIE! Contrazioni muscolari Tremori Interferenze esterne del segnale

19 ANALISI DI BASE DEL TRACCIATO ECG DURANTE ARITMIA Frequenza ventricolare: rapida (>100 bpm), lenta (<60 bpm), normale (60-90 bpm) Ritmo: regolare/irregolare Larghezza del QRS: largo (>120 msec), borderline ( msec), normale Presenza di onde P e relazione con il QRS Osservare derivazioni diverse Confrontare con tracciati precedenti (se disponibili)

20 MANOVRE MANOVRE VAGALI ESECUZIONE NOTE Valsalva Mueller Massaggio del seno carotideo Diving reflex Pressione dei globi oculari espirazione forzata a glottide chiusa (>15 ) inspirazione forzata a glottide chiusa (>15 ) massaggio dell arteria carotidea a livello dell angolo mandibolare immersione del volto in acqua e ghiaccio bilaterale necessita della collaborazione del pz necessita della collaborazione del pz rischioso nei pz con stenosi (sempre monolaterale!) di scelta nei bambini possibile distacco retinico

21 CLASSIFICAZIONE DELLE ARITMIE BRADIARITMIA EXTRASISTOLIE TACHIARITMIE A COMPLESSI STRETTI (QRS <0,12s) TACHIARITMIE A COMPLESSI LARGHI (QRS >0,12s)

22 BRADIARITMIE

23 BRADIARITMIE nodo SA nodo AV bradicardia sinusale bradiaritmia sinusale bradiaritmia atriale blocco seno-atriale BAV I BAV II Tipo 1 Tipo 2 BAV III

24 BRADIARITMIE BRADICARDIA SINUSALE: Ritmo regolare, FC bpm BRADIARITMIA SINUSALE: Ritmo irregolare, FC bpm BRADIARITMIA ATRIALE: Ritmo irregolare, FC bpm, morfologia variabile onde P (P ) CAUSE: Adulti sani Ipotermia Stimolo parasimpatico eccessivo Stimolo simpatico ridotto Ipersensibilità del seno carotideo Farmaci

25 BLOCCO SENO-ATRIALE Assenza onda P Cause: Ischemia Iperkaliemia Ipertono vagale M. degenerative Cardiomiopatie Farmaci (β-bloccanti, Ca-antagonisti, digitale)

26 BLOCCO SENO-ATRIALE incompleto Arresto sinusale

27 Sick Sinus Syndrome Sindrome ad eziologia variabile, caratterizzata da frequenti pause sinusali con bradicardia fino alla Sindrome Tachicardia-Bradicardia

28 Sick Sinus Syndrome CAUSE Ischemia Malattie infiammatorie Malattie degenerative Cardiomiopatia Malattie del connettivo Farmaci (b-bloccanti, Ca antagonisti, digitale)

29 Sick Sinus Syndrome TRATTAMENTO In acuto: Atropina o Pacemaker temporaneo transtoracico b-bloccanti o Ca antagonisti A lungo Termine: Antiaritmici Pacemaker a demand

30 BLOCCHI ATRIO-VENTRICOLARI (BAV)

31 BAV I grado ECG: Ritmo regolare a complessi stretti, FC lenta (40-60 bpm) o normale, prolungato intervallo PR (>200 msec) CAUSE: può essere variante normale TRATTAMENTO: generalmente non richiede trattamento

32 BAV II grado Caratteristica Clinica Elettrofisiologia Risp. Atropina o esercizio TIPO MOBITZ I IMA inferiore Febbre Reumatica M. degenerative Periodo refratt. Relat. prolungato, decremento della conduzione Miglioramento TIPO MOBITZ II IMA anterosettale M. degenerative Conduzione caratterizzata dal fenomeno Tutto-o- Nulla Peggioramento

33 BAV II grado Caratteristica ECG TIPO MOBITZ I Prolungamento PR / QRS normale TIPO MOBITZ II Intervallo PR stabile Intervallo PR generalmente normale QRS largo Mobitz I Mobitz II

34 BAV II grado TRATTAMENTO Tipo Mobitz I: generalmente non richiede trattamento risposta positiva a ATROPINA ed ISOPROTERENOLO Tipo Mobitz II: trattamento farmacologico non indicato, utilizzo di pacemaker temporaneo transcutaneo o transvenoso

35 BAV III grado Assenza di conduzione di tutti gli impulsi atriali con conseguente completa dissociazione elettrica e meccanica AV ECG: onde P e QRS presenti ma dissociati durata del QRS dipendente dal pacemaker sussidiario: Fascio di His: QRS stretto FC Sottohissiano: QRS largo FC 30-40

36 BAV III grado TRATTAMENTO: In relazione alla presenza di un quadro di ipoperfusione è indicato l utilizzo di pacemakers temporanei

37 EXTRASISTOLIE

38 EXTRASISTOLIE Impulsi ectopici in aggiunta al sottostante ritmo normale Definite come Battiti o Complessi prematuri (CP) di origine atriale (CPA), giunzionale (CPJ), ventricolare (CPV)

39 Onde P anormali CPA - ECG Intervallo RR intorno a PAC < 2 v. RR intrinseco (pausa non compensatoria) Se condotto, QRS stretto e identico al complesso intrinseco ad eccezione di conduzione aberrante

40 CPA Causa più frequente di pausa al tracciato ECG TRATTAMENTO: Non necessita di terapia specifica Trattare le patologie sottostanti (eccesso di catecolamine, ipossia/ipossiemia, ischemia, scompenso cardiaco, alterazioni dell equilibrio acido-base e idroelettrolitico)

41 CPV - CAUSE IMA IPOKALIEMIA IPOSSIEMIA ISCHEMIA VALVULOPATIE ECCESSO DI CATECOLAMINE FARMACI CAUSE IDIOPATICHE IPERCAPNIA ANTIARITMICI TIPO I ETANOLO CARDIOMIOPATIA CONTUSIONE CARDIACA ACIDOSI ALCALOSI

42 DISTINZIONE CPA con conduzione aberrante e CPV PAC a conduzione aberrante Pausa non compensatoria Relazione con P precedente Usualmente morfologia tipo BBD Deflessione iniziale QRS simile al QRS intrinseco Asse QRS normale QRS raramente > 0,14 PVC Pausa compensatoria Dissociazione con onda P Morfologia variabile Struttura bizzarra del QRS Asse QRS variabile QRS spesso > 0,14

43 CLASSIFICAZIONE DI LOWN Classe A 4 B 5 Descrizione Nessuno <30/ora >30/ora Multifocale 2 consecutive 3 consecutive Fenomeno R-su-T

44 PVC - TRATTAMENTO TRATTAMENTO DELLE CAUSE SOTTOSTANTI TERAPIA SPECIFICA COME PROFILASSI DEL RISCHIO DI TV o FV: LIDOCAINA nelle classi 3-5 di Lown (se non presente un defibrillatore) AMIODARONE β-bloccanti (IMA) MAGNESIO

45 TACHIARITMIE A QRS STRETTO

46 TACHIARITMIE A QRS STRETTO QRS regolari QRS irregolari Tachicardia sinusale TSV Tachicardia atriale da rientro nodale Tach. atriale con blocco var. Tachicardia atriale multifocale Fibrillazione atriale Flutter atriale a cond. varialbile da rientro AV Flutter atriale

47 TACHIARITMIE A QRS STRETTO CAUSE IPOVOLEMIA IPOSSIEMIA ANEMIA FEBBRE INFEZIONI TOSSICOLOGICHE MAL. ENDOCRINE ALT. METABOLICHE ALT. IDROEL. MAL. INFIAMMATORIE ISCHEMIA CARDIOPATIE

48 TACHICARDIA SINUSALE ECG: ritmo regolare a QRS stretto, FC >100 bpm Modulazione continua durante il controllo del tono vagale e/o simpatico

49 TACHICARDIA SINUSALE TRATTAMENTO: Raramente indicato Trattamento delle cause scatenanti Eventuale utilizzo di β-bloccanti dopo esclusioni e/o trattamento delle cause

50 TACHICARDIA SOPRAVENTRICOLARE Insorgenza improvvisa ECG: Ritmo regolare, QRS stretto, frequenza ventricolare bpm Onde P generalmente non visibili oppure invertite VARIANTI COMUNI: TSV da rientro nodale TSV da rientro AV

51 TACHICARDIA SOPRAVENTRICOLARE

52 TACHICARDIA SOPRAVENTRICOLARE - TRATTAMENTO CARDIOVERSIONE: Spontanea Manovre vagali Adenosina Antiaritmici classe I o III Cardioversione sincronizzata a J CONTROLLO DELLA FREQUENZA: Ca antagonisti o β-bloccante

53 FLUTTER ATRIALE - ECG Ritmo atriale regolare, FC bpm Onde di flutter in II, III, avf, V1-2 Conduzione AV variabile (frequente 2:1 e 4:1) Forma classica: conduzione AV 2:1, tachicardia a QRS stretti con frequenza ventricolare 150 bpm Fibrillo-flutter atriale

54 FLUTTER ATRIALE Esempi

55 FLUTTER ATRIALE Cause CARDIOPATIE Valvulopatie (mitrale) Scompenso cardiaco Cardiopatia ischemica Pericardite ALTERAZIONI METABOLICHE

56 TRATTAMENTO CONTROLLO DELLA FREQUENZA Diltiazem Verapamil β-bloccanti Digossina Adenosina

57 TRATTAMENTO CARDIOVERSIONE FARMACOLOGICA Antiaritmici classe I (i.e. Propafenone) o classe III (i.e. Amiodarone) CARDIOVERSIONE ELETTRICA Cardioversione elettrica sincronizzata iniziando da J

58 TACHICARDIA ATRIALE ECG: onde P, QRS stretto, FC >100 bpm Varianti: TACHICARDIA ATRIALE SOSTENUTA (associata blocco AV incompleto o completo è classicamente osservata nella intossicazione digitalica) TACHICARDIA ATRIALE MULTIFOCALE

59 TACHICARDIA ATRIALE TACHICARDIA ATRIALE con conduzione 2:1 TACHICARDIA ATRIALE multifocale

60 TACHICARDIA ATRIALE TRATTAMENTO PZ asintomatico e assenza di ipoperfusione: nessun trattamento PZ sintomatico e/o segni di ipoperfusione: TERAPIA FARMACOLOGICA: β-bloccanti, Ca-antagonisti, Magnesio (utile nella intossicazione digitalica in associazione alla correzione di ev. ipokaliemia e Ab antidigitale) TERAPIA ELETTRICA: CARDIOVERSIONE SINCRONA CON SEDAZIONE J

61 FIBRILLAZIONE ATRIALE - ECG Ritmo atriale caotico, frequenza bpm Onde di fibrillazione visibili nelle derivazioni inferiori QRS generalmente stretto, ad eccezione: Preesistente Blocco di branca Conduzione Ventricolare aberrante

62 FIBRILLAZIONE ATRIALE ECG Risposta Ventricolare dipendente dalla via di conduzione e dal nodo AV Risposta normale AV, frequenza ventr. < bpm Risposta ventricolare >200 bpm (indipendentemente dalla durata del QRS) sospetta per conduzione lungo una via accessoria Rischio di FV se: Utilizzo di agenti bloccanti nodo AV Risposta ventricolore >250 bpm

63 FIBRILLAZIONE ATRIALE Esempi

64 FIBRILLAZIONE ATRIALE CAUSE CARDIOPATIA ISCHEMICA VALVULOPATIE PERICARDITE CONTUSIONE MIOCARDICA ETANOLO IPERTIROIDISMO SICK SINUS SYNDROME IDIOPATICA IPERTENSIONE CARDIOMIOPATIA CARDIOCHIRURGIA ECCESSO DI CATECOLAMINE EMBOLIA POLMONARE INSUFF. CARDIACA

65 FIBRILLAZIONE ATRIALE RISCHIO TROMBOEMBOLICO PRECEDENTE STROKE o TIA STORIA DI IPERTENSIONE INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA ETA AVANZATA DIABETE MELLITO CAD

66 TRATTAMENTO CONTROLLO DELLA FREQUENZA Diltiazem Verapamil β-bloccanti Digossina Magnesio

67 TRATTAMENTO CARDIOVERSIONE FARMACOLOGICA Antiaritmici classe I (i.e. Propafenone) o classe III (i.e. Amiodarone) CARDIOVERSIONE ELETTRICA Cardioversione elettrica sincronizzata iniziando da J

68 WOLFF-PARKINSON-WHITE (WPW) SYNDROME - ECG TACHICARDIA con frequenza ventricolare bpm con: Intervallo PR corto (<0,12 s) QRS >0,10 s Presenza di onda delta Circuito di rientro con via accessoria e nodo AV

69 WPW SYNDROME - ECG Tachicardia ortodromica: QRS stretto conduzione anterograda lungo il nodo AV e retrograda lungo la via accessoria Tachicardia antidromica: QRS largo conduzione anterograda lungo la via accessoria e retrograda lungo il nodo AV

70 WPW SYNDROME ORTODROMICA ANTIDROMICA

71 WPW SYNDROME - CAUSE Idiopatica Cardiomiopatia (ipertrofica) Prolasso della valvola mitrale Atresia tricuspide

72 WPW SYNDROME - TRATTAMENTO Tachicardia ortodromica: Manovre vagali, adenosina, propafenone, amiodarone, b-bloccanti, Ca-antagonisti cardioversione elettrica J (0,5-2 Joules /Kg nei bambini) Tachicardia antidromica: (elevato rischio di FV se RR<0,20s) NO farmaci che bloccano il nodo AV Propafenone, amiodarone cardioversione elettrica J (0,5-2 Joules /Kg nei bambini)

73 TACHIARITMIE A QRS LARGO DEFINIZIONE: TACHIARITMIA CON QRS >0,12 s E RISPOSTA VENTRICOLARE >100

74 TACHIARITMIE A QRS LARGO TV TSV con: Preesistente blocco di branca Blocco di branca acquisito (FC elevata, ischemia, etc.) Conduzione lungo una via accessoria

75 TACHIARITMIE A QRS LARGO QRS regolari QRS irregolari TSV con blocco di branca Torsione di punta Flutter A a cond. variabile FA TSV con via accessoria TV polimorfa monomorfa Blocco di branca Via accessoria TV

76 DIFFERENZE TRA TV E TSV+ABERRANZA ASPETTI CLINICI ECG Tipo BBD Tipo BBS Risposta a manovre vagali T V Età >50 aa Storia di cardiopatia Storia di TV assenza RS precordiali R-apice S >100 msec Dissociazione AV V1: QR o RS V6: R, QR o QS V6: QR o QS Battiti di fusione e/o cattura Assente TSV+ABERRANZA Età <35 aa Prolasso mitralico Storia di TSV / / Assente V1: rsr (trifasico) V6: qrs (trifasico) / / Rallentamento o interruzione

77 TV

78 TV non sostenuta RIVA

79 TV TRATTAMENTO PZ INSTABILE CARDIOVERSIONE ELETTRICA SINCRONA J FINO A 360 J (LO SHOCK NON SINCRONO E COMUNQUE ACCETTABILE)

80 TV TRATTAMENTO PZ STABILE TERAPIA FARMACOLOGICA: LIDOCAINA AMIODARONE SOTALOLO MAGNESIO ADENOSINA (per diagnosi diff.)

81 CASO 1 Femmina, 36 aa, dispnea, dolore toracico, abuso di cocaina PA 130/70, SO 2 in aa 94% Lidocaina e adenosina inefficaci Cardioversione dopo sedazione con midazolam a 100 J

82 CASO 2 Femmina, 69 aa, dispnea, cardiopatia ischemica PA 110/75, SO 2 in aa 93% Riduzione della risposta ventricolare con diltiazem

83 CASO 3 Uomo, 54 aa, palpitazioni, toracalgia atipica PA 120/75, SO 2 in aa 96% Cardioversione dopo sedazione con DC-shock 50 J

84 Medico è colui che introduce sostanze che non conosce in un organismo che conosce ancora meno Victor Hugo Grazie per l attenzione.

85 BIBLIOGRAFIA DM Yealy, TR Delbridge. Dysrhythmias. In: Rosen s EMERGENCY MEDICINE. Concepts and clinical practice. Ed. JA Marx: Mosby, 2002 D Da Costa, WJ Brady, J Edhouse. Bradycardias and atrioventricular conduction block. BMJ 2002;324:535 S Goodacre, R Irons. Atrial arrhytmias. BMJ 2002;324:594 ACC/AHA/ESC. Guidelines for the management of patients with atrial fibrillation: executive summary. Circulation 2001;104:2118 LI Ganz, PL Friedman. Supraventricular tachicardia. N Engl J Med1995;332:162 HJJ Wellens. Ventricular tachycardia: diagnosis of broad QRS complex tachycardia. Heart 2001;86:579 J Edhoude, F Morris. Broad complex tachycardia. BMJ 2002;324:719

86 FARMACI

87 ANTI ARITMICI CLASSIFICAZIONE CLASSE I: azione su canali di Na rallentando la conduzione e stabilizzando la membrana classe Ia: depolarizzazione, ripolarizzazione, durata potenziale d azione, conduzione classe Ib: depolarizzazione, ripolarizzazione, durata potenziale d azione, conduzione Classe Ic: depolarizzazione, ripolarizzazione, durata potenziale d azione, conduzione CLASSE II: bloccanti betaadrenergici nodo SA e AV, potenziale d azione, conduzione nel tessuto ischemico CLASSE III: durata potenziale d azione, durata del periodo refrattario CLASSE IV: bloccanti dei canali del Ca

88 LIDOCAINA AZIONE FARMACOLOGICA: antiaritmico classe Ib INDICAZIONI: TV stabile, tachicardia a QRS larghi di tipo incerto arresto con TV/FV EFFETTI COLLATERALI: nausea, vomito SINTOMI SNC (vertigine, tremore, ansia, depressione respiratoria, convulsioni, stato euforico, coma, psicosi) CARDIOVASCOLARI (ipotensione, bradicardia, asistolia)

89 PROPAFENONE AZIONE FARMACOLOGICA: antiaritmico classe Ic INDICAZIONI: aritmie ipercinetiche sopraventricolari parossistiche CONTROINDICAZIONI: insufficienza cardiaca malattie del seno, BAV II e III in assenza di PM BBS ipotensione marcata bradicardia BPCO, miastenia gravis PRECAUZIONI: insuff. epatica correggere squilibri elettrolitici EFFETTI COLLATERALI: CARDIACI (bradicardia, blocco conduzione, effetto proaritmico) EFFETTI GASTRO-INTESTINALI SINTOMI SNC (disturbi visivi, cefalea, convulsioni)

90 FLECAINIDE AZIONE FARMACOLOGICA: antiaritmico classe Ic CONTROINDICAZIONI: cardiopatia organica BAV II e III preesistente INDICAZIONI: aritmie ipercinetiche sopraventricolari BBD+EAS BBS IMA pregresso

91 b-bloccanti METOPROLOLO, ATENOLOLO, PROPRANOLOLO, CARVEDILOLO, ESMOLOLO, LABETALOLO INDICAZIONI: riduzione della risp. ventricolare nelle tachiaritmie sopraventricolari riduzione dell ischemia cardiaca in IMA riduzione del rischio di FV in caso di IMA PRECAUZIONI: attenzione alla somministrazione contemporanea di Ca-antagonisti (ipotensione) broncospasmo BAV II e III

92 AMIODARONE AZIONE FARMACOLOGICA: antiaritmico classe III, non modifica FE, SVR, lieve azione anti-α e -β INDICAZIONI: aritmie ipercinetiche sopraventricolari aritmie ventricolari minacciose CONTROINDICAZIONI: marcata ipotensione malattie nodo del seno e BAV II e III in assenza di PM PRECAUZIONI: insuff. epatica e pat. tiroidea ridurre vel. infusione se ipotensione EFFETTI COLLATERALI: CARDIOVASCOLARE bradicardia, progressione a BAV di II o III (rara), allungamento QT, torsione di punta (raro) TIROIDEA ipo- e iper-tiroidismo DEPOSITO CORNEALE TOSSICITA POLMONARE EFFETTI GASTRO-INTESTINALI FOTOSENSIBILIZZAZIONE

93 DILTIAZEM e VERAPAMIL AZIONE FARMACOLOGICA: antiaritmico classe IV INDICAZIONI: controllo della frequenza ventricolare nei flutter e FA CONTROINDICAZIONI: tachicardie a QRS largo WPW syndrome malattia del seno o BAV di II e III in assenza di PM PRECAUZIONE: prevedibile ipotensione da vasodilatazione periferica (maggiore con verapamil) evitare la somministrazione in pazienti che assumono per os β-bloccanti somministrazione contemporanea con β-bloccanti può causare ipotensione grave

94 ATROPINA AZIONE FARMACOLOGICA: antagonista recettoriale muscarinico PRECAUZIONI: cautela in caso di ischemia miocardica aumenta le richieste miocardiche di O2 INDICAZIONI: bradicardie asintomatiche da evitare nell ipotermia raramente efficace nei BAV sottonodale e con QRS largo

95 ADENOSINA AZIONE FARMACOLOGICA: inibizione automatismo del nodo del seno, depressione della conduzione AV, prolungamento refrattarietà del nodo AV PRECAUZIONI: BPCO TEOFILLINICI TRAPIANTO DI CUORE DIPIRIDAMOLO CARBAMAZEPINA INDICAZIONI: interruzione TPSV a QRS stretto DD tachicardie a QRS largo di origine incerta CONTROINDICAZIONI: sick sinus syndrome EFFETTI COLLATERALI: GASTROINTESTINALI (nausea) SNC (vertigini, cefalea, parestesie) RESPIRATORI (dispnea, tachipnea) CARDIACI (palpitazioni, PVC, bradiaritmie, asistolia transitoria, dolore toracico, ipotensione) BAV II e III in assenza di PM

96 DIGOSSINA AZIONE FARMACOLOGICA: effetto vasotonico, iperpolarizzazione, accorciamento del potenziale d azione, allungamento periodo refrattario INDICAZIONI: riduzione della risposta ventricolare nei flutter atriali e FA PRECAUZIONI: tossicità da sovradosaggio con rischio di gravi aritmie

97 Grazie per l attenzione.

L Elettrocardiogramma : cosa esprime?

L Elettrocardiogramma : cosa esprime? L Elettrocardiogramma : cosa esprime? E la registrazione nel tempo degli eventi elettrici del cuore Esprime la somma vettoriale delle correnti elettriche generate dalle varie strutture cardiache ( atri,

Dettagli

ARITMIE CARDIACHE. Prof. Carlo Guglielmini

ARITMIE CARDIACHE. Prof. Carlo Guglielmini ARITMIE CARDIACHE Prof. Carlo Guglielmini ARITMIA CARDIACA Definizione Alterazione della frequenza, o della regolarità, o della sede di origine dello stimolo cardiaco e/o disturbo di conduzione dello stimolo

Dettagli

Le Tachicardie Sopraventricolari

Le Tachicardie Sopraventricolari Le Tachicardie Sopraventricolari Catania 17 Aprile 2015 Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Ritmo Tachicardico Frequenza cardiaca

Dettagli

Approccio al paziente con fibrillazione atriale. Clinica Medica

Approccio al paziente con fibrillazione atriale. Clinica Medica Approccio al paziente con fibrillazione atriale Clinica Medica Elementi essenziali Irregolarmente irregolare Frequenza cardiaca di solito elevata Spesso associata con cardiopalmo (esordio acuto) o facile

Dettagli

ADRENALINA - INDICAZIONI

ADRENALINA - INDICAZIONI ADRENALINA - INDICAZIONI ARRESTO CARDIACO ANAFILLASSI SHOCK CARDIOGENO (SECONDA SCELTA) ADRENALINA - DOSAGGIO ARRESTO CARDIACO: 1 mg OGNI 3 min 2005 FV/TV : dai adrenalina 1 mg ev se FV/TV persistono dopo

Dettagli

Meccanismi delle aritmie

Meccanismi delle aritmie U.O. di Malattie Cardiovascolari Ospedale Misericordia Grosseto Direttore Dott.ssa Silva Severi Corso di elettrocardiografia lezione N 10 Meccanismi delle aritmie Dr. Alessandro Costoli Meccanismi delle

Dettagli

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Congresso Nazionale IRC Napoli 6-7 Giugno 2008 PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Gianluca Gonzi

Dettagli

L elettrocardiogramma nella sindrome. di Wolff-Parkinson-White

L elettrocardiogramma nella sindrome. di Wolff-Parkinson-White L elettrocardiogramma nella sindrome 7 di Wolff-Parkinson-White Introduzione Nella sua forma più comune, questa anomalia [la sindrome di Wolff-Parkinson-White (WPW)] è causata dalla presenza congenita

Dettagli

LE TACHICARDIE. 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology

LE TACHICARDIE. 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology Corso pratico di Elettrocardiografia LE TACHICARDIE Gerardo Di Filippo SOC Cardiologia,

Dettagli

Le tachicardie a QRS stretto. Attilio Del Rosso

Le tachicardie a QRS stretto. Attilio Del Rosso Le tachicardie a QRS stretto Attilio Del Rosso Definizioni Tachicardia a QRS stretto: Frequenza atriale e/o ventricolare 100 bpm e durata del QRS < 120 ms Tachicardia sopraventricolare: Tachicardia che

Dettagli

Aritmie Cardiache. Disturbi Bradi-aritmici. Disturbi Bradi-aritmici. Scaricata da Aritmia Cardiaca

Aritmie Cardiache. Disturbi Bradi-aritmici. Disturbi Bradi-aritmici. Scaricata da  Aritmia Cardiaca Aritmia Cardiaca Aritmie Cardiache Condizione caratterizzata da anomala origine e/o conduzione dell impulso elettrico cardiaco Fenomeni bradi-aritmici Fenomeni tachi-aritmici Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE

LE ARITMIE CARDIACHE LE ARITMIE CARDIACHE CHE COSA SONO? Le alterazioni della normale sequenza dei battiti cardiaci vengono dette aritmie. un aumento anomalo dei battiti si parla di TACHIARITMIE o TACHICARDIE. Se al contrario

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE

LE ARITMIE CARDIACHE LE ARITMIE CARDIACHE CARATTERISTICHE CLINICHE E CLASSIFICAZIONE. Il cuore funziona come pompa perché tutte le cellule che compongono le quattro camere cardiache hanno attività elettrica sincronizzata e

Dettagli

ARITMIA L ANORMALITÀ NELLA GENESI DELL IMPULSO PUÒ ESSER DOVUTA A:

ARITMIA L ANORMALITÀ NELLA GENESI DELL IMPULSO PUÒ ESSER DOVUTA A: ARITMIA In condizioni normali gli impulsi alla contrazione del miocardio sono originati nel nodo seno-atriale e da questo si propagano attraverso gli atri, il nodo atrioventricolare ed il sistema di His-Purkinje

Dettagli

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare.

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare. Fibrillazione Atriale : Difficile identificazione delle Onde P in un tracciato con complessi ventricolari ad intervalli variabili. Intervallo RR variabile. Onda P sostituita da due o più ondulazioni (

Dettagli

Formazione dell impulso elettrico. Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Conduzione dell impulso elettrico

Formazione dell impulso elettrico. Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Conduzione dell impulso elettrico Formazione dell impulso elettrico Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Nodo Seno-atriale Prof. Gerardo Nigro Cattedra di Cardiologia S.U.N. Conduzione dell impulso elettrico Conduzione

Dettagli

Disturbi di conduzione atrio-ventricolari

Disturbi di conduzione atrio-ventricolari Disturbi di conduzione atrio-ventricolari Blocco atrio-ventricolare di I grado 1. Frequenza: 55/min 2. Ritmo: sinusale 3. Conduzione: blocco atrio ventricolare di I grado, PQ 0.32 sec 4. Ripolarizzazione:

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli

LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI. Come riconoscerle

LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI. Come riconoscerle LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI Come riconoscerle Meccanismo elettrogenetico L ischemia, i traumi, la flogosi, le alterazioni strutturali, le disionie, digitale concorrono all attivazione di correnti d ingresso

Dettagli

COCIS Aritmie cardiache e condizioni cliniche potenzialmente aritmogene

COCIS Aritmie cardiache e condizioni cliniche potenzialmente aritmogene 1989 COCIS 2009 Classificazione degli sport Lo screening cardiologico dell atleta Aritmie cardiache e condizioni potenzialmente aritmogene Cardiopatie congenite e valvolari acquisite Cardiomiopatie, miocarditi

Dettagli

ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA

ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA Samuela COSTANTINO S.C.Cardiologia U Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino ARITMIA L'aritmia è l'alterazione

Dettagli

Fibrillazione atriale in PS. Fibrillazione atriale in PS

Fibrillazione atriale in PS. Fibrillazione atriale in PS Fibrillazione atriale in PS Fibrillazione atriale in PS Dr Gianni Galastri UOS Medicina d urgenza ospedale del Casentino Bibbiena 11.6.2010 Entita del problema In Italia tra l 1 ed il 2 % della popolazione

Dettagli

Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica. Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG

Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica. Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG Alterazioni elettrolitiche - Ipopotassiemia Aumento della durata della fase 3 del

Dettagli

L Aritmia atriale della signora Pina. Dr. Giovanni Chiarelli Dr. Gino Barral

L Aritmia atriale della signora Pina. Dr. Giovanni Chiarelli Dr. Gino Barral L Aritmia atriale della signora Pina Dr. Giovanni Chiarelli Dr. Gino Barral CASO CLINICO TPSV Ø Donna 50 aa Ø Nessun fattore di rischio CV Ø Nessuna patologia degna di nota Ø Saltuari episodi di cardiopalmo

Dettagli

ECG basale. L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore

ECG basale. L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore ECG basale L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore Riveste un ruolo fondamentale nella diagnosi di infarto miocardico acuto e

Dettagli

I farmaci antiaritmici

I farmaci antiaritmici I farmaci antiaritmici Gaetano Oliva Dipartimento di Scienze Cliniche veterinarie gaeoliva@unina.it Cause più frequenti di aritmia Malattie del S.N.C. Alterazioni periferiche del tono neurale Infezioni

Dettagli

TRATTAMENTO FARMACOLOGICO PER ARITMIE CARDIACHE E ANGINA PECTORIS L. 22

TRATTAMENTO FARMACOLOGICO PER ARITMIE CARDIACHE E ANGINA PECTORIS L. 22 TRATTAMENTO FARMACOLOGICO PER ARITMIE CARDIACHE E ANGINA PECTORIS L. 22 MUSCOLO CARDIACO E CONDUZIONE DELL IMPULSO MUSCOLO CARDIACO E CONDUZIONE DELL IMPULSO I PRINCIPALI IONI CHE PRENDONO PARTE ALLA REGOLAZIONE

Dettagli

La gestione delle aritmie sul territorio

La gestione delle aritmie sul territorio La gestione delle aritmie sul territorio Relatori: Dr.ssa Lacopeta, Inf. Mastronardi Matera 14 Giugno 2014 Auditorium Ospedale Madonna delle Grazie Argomenti da trattare 1. FA DI RECENTE INSORGENZA E FA

Dettagli

6.0 ARITMIE. 01/05/11 Corso ECG 1

6.0 ARITMIE. 01/05/11 Corso ECG 1 6.0 ARITMIE 01/05/11 Corso ECG 1 DEFINIZIONE Aritmie: disturbo della formazione o della conduzione dell impulso Si distinguono in ipercinetiche ed ipocinetiche 01/05/11 Corso ECG 2 Iper ipo-cinetiche A.

Dettagli

LE ARITMIE IPOCINETICHE

LE ARITMIE IPOCINETICHE LE ARITMIE IPOCINETICHE Dr Domenico M. Carretta Struttura Complessa di Cardiologia Taranto Occidentale P.O.Castellaneta Definizione Sono delle aritmie dovute, spesso, ad un patologico rallentamento della

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO. Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica. Gabriella De Rosa. Roma

DISTURBI DEL RITMO. Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica. Gabriella De Rosa. Roma Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica Roma 22.10.2016 DISTURBI DEL RITMO Gabriella De Rosa Cardiologia Pediatrica-Policlinico Gemelli- Roma Le aritmie sono lo spauracchio di ogni pediatra, cardiologo

Dettagli

La fibrillazione atriale: un epidemia nel prossimo futuro? Giuseppe De Angelis

La fibrillazione atriale: un epidemia nel prossimo futuro? Giuseppe De Angelis UPDATE NEL MANAGEMENT DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COSA C ÈC ANCORA DA DIRE? La fibrillazione atriale: un epidemia nel prossimo futuro? Giuseppe De Angelis Responsabile del Servizio di Emodinamica Cardiovascolare

Dettagli

L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia

L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia EGSYS 2006 Cause di sincope Dati da 3 Syncope Units (Alboni 2001) 49% 39% 72% Neuromediata Cardiaca Inspiegata 12% 25% 3% Cardiopatia e/o ECG patologico Cardiopatia

Dettagli

Terapie delle aritmie sopraventricolari dr. M. Larocca - P.S. Lagonegro

Terapie delle aritmie sopraventricolari dr. M. Larocca - P.S. Lagonegro Terapie delle aritmie sopraventricolari dr. M. Larocca - P.S. Lagonegro Melfi Villa d Agri Policoro Lagonegro Tachicardie sopraventricolari a QRS stretto

Dettagli

MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI

MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI E PRESENTE UNA QUALCHE ATTIVITA ELETTRICA? QUALE E LA FREQUENZA VENTRICOLARE (QRS)? IL RITMO (SUCCESSIONE DEI QRS) E REGOLARE O IRREGOLARE? IL COMPLESSO QRS E STRETTO

Dettagli

FIBRILLAZIONE ATRIALE

FIBRILLAZIONE ATRIALE FIBRILLAZIONE ATRIALE DEFINIZIONE La fibrillazione atriale è un aritmia sopraventricolare caratterizzata da desincronizzazione elettrica completa Vi corrisponde la perdita della funzione emodinamica (compromissione

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA.

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA. INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Ischemia miocardica Definizione Progressività Cause: non aumento del flusso a causa di stenosi o riduzione primaria del flusso dovuto a spasmo e/o trombosi. Stenosi 50% Accorciamento

Dettagli

IL SISTEMA CARDIOVASCOLARE

IL SISTEMA CARDIOVASCOLARE IL SISTEMA CARDIOVASCOLARE cuore (pompa) vasi di capacità (vene) vasi di pressione (arterie) vasi di scambio (capillari) gettata cardiaca: a riposo 5 l/min, in affaticamento 25 l/min Lezione 15 1 Il sistema

Dettagli

Tachicardie parossistiche sopraventricolari

Tachicardie parossistiche sopraventricolari Università degli studi di Roma La Sapienza Iᵃ Facoltà di Medicina e Chirurgia Master in terapia intensiva pediatrica e neonatale Direttore: Prof Corrado Moretti Tachicardie parossistiche sopraventricolari

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

ARITMIE ECG: Intervallo P-R è costante; Ad ogni onda P segue un complesso QRS; Regolare distanza tra due onde R consecutive.

ARITMIE ECG: Intervallo P-R è costante; Ad ogni onda P segue un complesso QRS; Regolare distanza tra due onde R consecutive. ARITMIE RITMO SINUSALE: durante il normale ritmo sinusale lo stimolo cardiaco origina dal nodo seno-atriale (SA) ad intervalli regolari e si diffonde attraverso gli atri, il nodo atrio-ventricolare (AV)

Dettagli

Quando il cuore diventa matto: Diagnosi e gestione delle aritmie nei primi due anni di vita F. De Luca, A. Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA Caso clinico 1 RITMO TACHICARDICO:

Dettagli

Aritmie ipercinetiche: meccanismi e trattamento. Tachicardie parossistiche sopraventricolari. Renato Ometto

Aritmie ipercinetiche: meccanismi e trattamento. Tachicardie parossistiche sopraventricolari. Renato Ometto ritmie ipercinetiche: meccanismi e trattamento Tachicardie parossistiche sopraventricolari Renato Ometto Tachicardie Sopraventricolari Classificazione I. Tachicardia sinusale a. Fisiologica b. Non fisiologica:

Dettagli

Aritmie In Emergenza. Aritmie In Emergenza

Aritmie In Emergenza. Aritmie In Emergenza Aritmie In Emergenza Corso Emergenze Mediche Prof. Raffaele Marfella Aritmie In Emergenza Tachicardie a complessi stretti: tachicardia sinusale tachicardia parossistica sopraventricolare Flutter atriale

Dettagli

Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione

Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione Catania 17 Aprile 2015 Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Una Stimolazione Elettrica

Dettagli

SISTEMA CARDIOVASCOLARE IL CUORE. Circolazione coronarica. Sistema cardiaco di conduzione

SISTEMA CARDIOVASCOLARE IL CUORE. Circolazione coronarica. Sistema cardiaco di conduzione SISTEMA CARDIOVASCOLARE L apparato cardiovascolare è costituito da CUORE VASI ( arterie, vene e capillari) Il cuore è una pompa che tramite i vasi porta sangue ai diversi organi in quantità adeguata alle

Dettagli

CORSO ECG PER INFERMIERI. Ecchia Monica UO di Cardiologia Ospedale Maggiore Bologna

CORSO ECG PER INFERMIERI. Ecchia Monica UO di Cardiologia Ospedale Maggiore Bologna CORSO ECG PER INFERMIERI. Ecchia Monica UO di Cardiologia Ospedale Maggiore Bologna Cos è l ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG)? E' la registrazione grafica delle variazioni elettriche che si verificano durante

Dettagli

Sincope cardiaca: diagnosi e terapia. Maurizio Lunati MD. SC Elettrofisiologia Dipartimento Cardiologico A. De Gasperis AO Niguarda Cà Granda Milano

Sincope cardiaca: diagnosi e terapia. Maurizio Lunati MD. SC Elettrofisiologia Dipartimento Cardiologico A. De Gasperis AO Niguarda Cà Granda Milano Sincope cardiaca: diagnosi e terapia Maurizio Lunati MD SC Elettrofisiologia Dipartimento Cardiologico A. De Gasperis AO Niguarda Cà Granda Milano Definizione La sincope cardiaca è una perdita transitoria

Dettagli

I test della funzione parasimpatica Camilla Rocchi

I test della funzione parasimpatica Camilla Rocchi I test della funzione parasimpatica Camilla Rocchi Clinica Neurologica Dipartimento di Neuroscienze Università degli studi di Roma Tor Vergata 1 Valutazione dell aritmia sinusale respiratoria, inibizione

Dettagli

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina Corso di Patologia Sistematica I Riconoscimento, fisiopatologia e clinica delle principali aritmie e dei blocchi cardiaci Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dettagli

Dr. Francesco Santarelli U.O.C. di Cardiologia-UTIC-Emodinamica Ospedale civile di Teramo

Dr. Francesco Santarelli U.O.C. di Cardiologia-UTIC-Emodinamica Ospedale civile di Teramo Dr. Francesco Santarelli U.O.C. di Cardiologia-UTIC-Emodinamica Ospedale civile di Teramo Sabato 9 maggio 2015 Il sistema elettrico del cuore Il cuore è dotato di un sistema elettrico interno deputato

Dettagli

Quando il pediatra deve richiedere un ecg

Quando il pediatra deve richiedere un ecg Quando il pediatra deve richiedere un ecg Francesco De Luca U.O.C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA f.deluca@ao-ve.it www.cardiologiapediatricact.com F. De Luca U.O. Cardiologia

Dettagli

Trattamento dell arresto cardiaco

Trattamento dell arresto cardiaco P.A.L.S. Supporto avanzato alle funzioni vitali in età pediatrica Trattamento dell arresto cardiaco Obiettivi della lezione Saper riconoscere il ritmo che si associa all assenza del polso Conoscere gli

Dettagli

Si trasmette in allegato, per le delegazioni, il documento D043528/02 Annex.

Si trasmette in allegato, per le delegazioni, il documento D043528/02 Annex. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 8 marzo 2016 (OR. en) 6937/16 ADD 1 TRANS 72 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Commissione europea Data: 7 marzo 2016 Destinatario: Segretariato generale del Consiglio

Dettagli

HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org

HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org ARITMOLOGIA Bradiaritmie ALTERAZIONI DELLA CONDUZIONE SA: -spesso associate ad amiloidosi senili e a malattie che determinano infiltrazione del miocardio

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Quando il pediatra deve richiedere un ecg Consigli per una scelta consapevole

Quando il pediatra deve richiedere un ecg Consigli per una scelta consapevole Quando il pediatra deve richiedere un ecg Consigli per una scelta consapevole Francesco De Luca U.O.C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA f.deluca@ao-ve.it www.cardiologiapediatricact.com

Dettagli

le aritmie Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA

le aritmie Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA le aritmie Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Licata 6 febbraio 2016 Le aritmie Nella cornice delle Emergenze/Urgenze Aritmiche

Dettagli

Il paziente aritmico nello studio del MMG. Un intruso?

Il paziente aritmico nello studio del MMG. Un intruso? Il paziente aritmico nello studio del MMG. Un intruso? III congresso nazionale di Ippocrate Pisa 3 4 o5obre 2009 Saverio Marini MMG Olbia do$ore, ho la palpitazione do$ore, mi mancano i ba45 do$ore, ho

Dettagli

Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Il cuore ha la funzione di pompare sangue in quantità adeguata al fabbisogno

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

UN CASO DI ASISTOLIA ASISTOLIA. Dott. G. Castellana NOTTURNA REVERSIBILE. Sessione comunicazioni e case report Sabato 29 Ottobre

UN CASO DI ASISTOLIA ASISTOLIA. Dott. G. Castellana NOTTURNA REVERSIBILE. Sessione comunicazioni e case report Sabato 29 Ottobre Scuola Di Specializzazione In Malattie Dell apparato Respiratorio Università Degli Studi Di Bari Direttore Prof. O. Resta UN CASO DI ASISTOLIA ASISTOLIA NOTTURNA REVERSIBILE Dott. G. Castellana Sessione

Dettagli

La Tachicardia parossistica sopraventricolare neonatale: fisiopatologia, diagnosi e trattamento Berardo Sarubbi

La Tachicardia parossistica sopraventricolare neonatale: fisiopatologia, diagnosi e trattamento Berardo Sarubbi La Tachicardia parossistica sopraventricolare neonatale: fisiopatologia, diagnosi e trattamento Berardo Sarubbi U.O. C. Cardiologia Seconda Università degli Studi di Napoli A.O. Monaldi Difficoltà nella

Dettagli

ANTIARITMICI. CLASSE I B Lidocaina,Tocainide,Mexiletina

ANTIARITMICI. CLASSE I B Lidocaina,Tocainide,Mexiletina ANTIARITMICI CLASSE I B Lidocaina,Tocainide,Mexiletina Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

Ritmi e Terapie nel periarresto

Ritmi e Terapie nel periarresto Ritmi e Terapie nel periarresto ASL CE 2013 Dott. Rossano Battista .di cosa parliamo Underlying Arrhythmia of Sudden Death Primary VF 8% Torsades de Pointes 13% VT 62% Bradycardia 17% Bayés de Luna A.

Dettagli

TACHICARDIE O TACHIARITMIE

TACHICARDIE O TACHIARITMIE ARITMIE Luigi Aronne Il termine di aritmia indica ogni situazione non classificabile come ritmo cardiaco normale Un ritmo cardiaco è normale se: 1. Origina dal nodo seno-atriale 2. Risulta regolare 3.

Dettagli

(02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG

(02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG (02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG L elettrocardiogramma (ECG) è uno strumento utile per la diagnosi di tutte quelle situazioni che provocano l alterazione dell attività

Dettagli

BLOCCO DELLA CONDUZIONE INTERATRIALE

BLOCCO DELLA CONDUZIONE INTERATRIALE 176 Disturbi della conduzione Capitolo 12 BOX 12-3 BLOCCO O RITARDO DELLA CONDUZIONE INTRATRIALE NEL CANE del nodo del seno. INTERVALLI R-R: dipendenti dalla regolarità di scarica del nodo del seno. ONDA

Dettagli

Aritmie peri-arresto (4f)

Aritmie peri-arresto (4f) Aritmie peri-arresto (4f) Nota dei curatori Questa sezione delle guidelines 2005 descrive i principi di trattamento delle aritmie periarresto e sostituisce il capitolo13 del precedente manuale ALS. Introduzione

Dettagli

Insufficienza cardiaca cronica (ICC)

Insufficienza cardiaca cronica (ICC) Insufficienza cardiaca cronica (ICC) Dr. med Nicola Ferrari Medico capoclinica CCT 19 novembre 2011 Classi funzionali NYHA (New York Heart Association) Parametro di giudizio: sintomo Dispnea 1 2 3 4 Nessuna

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE

DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE Il nodo del seno è normalmente il segnapassi cardiaco grazie alla sua più alta frequenza di scarica intrinseca. L aumento della frequenza di scarica è dovuto

Dettagli

Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker Dispositivi per la Resincronizzazione cardiaca (CRT) Defibrillatori automatici impiantabili (ICD)

Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker Dispositivi per la Resincronizzazione cardiaca (CRT) Defibrillatori automatici impiantabili (ICD) Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker Dispositivi per la Resincronizzazione cardiaca (CRT) Defibrillatori automatici impiantabili (ICD) M. Lunati (Chairman) M.G. Bongiorni, G. Boriani, R. Cappato,

Dettagli

Seconda Parte Specifica di scuola - Malattie dell'apparato cardiovascolare - 29/07/2015

Seconda Parte Specifica di scuola - Malattie dell'apparato cardiovascolare - 29/07/2015 Domande relative alla specializzazione in: Malattie dell'apparato cardiovascolare Domanda #1 (codice domanda: n.371) : Nella fibrillazione atriale: A: gli atrii vengono eccitati in maniera caotica, disorganizzata,

Dettagli

LO SCOMPENSO (insufficienza) CARDIACO (IC)

LO SCOMPENSO (insufficienza) CARDIACO (IC) LO SCOMPENSO (insufficienza) CARDIACO (IC) Cause e origine Lo scompenso origina da una disfunzione sistolica e/o diastolica ed è tra le cause più comuni di invalidità e di morte nelle nazioni industrializzate

Dettagli

CLINICAL QUESTIONS CLINICAL QUESTIONS. Evidence-based Medicine Tra ipotesi di lavoro ed applicazione Ferrara, settembre

CLINICAL QUESTIONS CLINICAL QUESTIONS. Evidence-based Medicine Tra ipotesi di lavoro ed applicazione Ferrara, settembre Evidence-based Medicine Tra ipotesi di lavoro ed applicazione Ferrara, 29-30 settembre 2000 Sessione Clinica Evidence-based Clinical Problem Solving 4. Cardiologia Scenario Clinico (1) Il signor Luigi

Dettagli

IL SISTEMA DI CONDUZIONE CARDIACO

IL SISTEMA DI CONDUZIONE CARDIACO IL SISTEMA DI CONDUZIONE CARDIACO Le strutture specializzate inserite all interno della parete cardiaca generano e trasmettono gli impulsi attraverso il miocardio, provocando prima la contrazione degli

Dettagli

Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre. Arterie polmonari destre) Vena cava inferiore) Ventricolo destro

Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre. Arterie polmonari destre) Vena cava inferiore) Ventricolo destro Fisiologia cardiaca Arterie polmonari destre) Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre Atrio destro Vene polmonari sinistre Valvola bicuspide (mitrale) Valvola

Dettagli

Gestione del paziente critico: dal domicilio all unita coronarica. Arrivo del 118

Gestione del paziente critico: dal domicilio all unita coronarica. Arrivo del 118 Gestione del paziente critico: dal domicilio all unita coronarica. Arrivo del 118 Dott. Stefano Quaranta Medico 118 CN 1 Alba-Bra Obbiettivi Identificazione telefonica del dolore toracico (Centrale Operativa)

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

LA SINCOPE IN PEDIATRIA INQUADRAMENTO E CASI CLINICI

LA SINCOPE IN PEDIATRIA INQUADRAMENTO E CASI CLINICI LA SINCOPE IN PEDIATRIA INQUADRAMENTO E CASI CLINICI Paola Pecco 1 Sincope in Età Pediatrica Definizione Transitoria perdita di coscienza e tono posturale Insorgenza rapida e durata breve Recupero spontaneo

Dettagli

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) E la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore.

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) E la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore. ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) E la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore. Il succedersi di depolarizzazioni e ripolarizzazioni nelle varie parti del cuore crea una separazione tra zone

Dettagli

SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto. Dott. M. Pignalosa

SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto. Dott. M. Pignalosa SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto Dott. M. Pignalosa SINDROME DI BRUGADA PATOLOGIA ARITMOGENA GENETICA (IN GENERE LEGATA AL GENE SCN5A) A TRASMISSIONE AUTOSOMICA DOMINANTE CON PENETRANZA

Dettagli

Ecg basic II Step. Francesco De Luca. Siracusa 21 maggio U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA

Ecg basic II Step. Francesco De Luca. Siracusa 21 maggio U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA Ecg basic II Step Francesco De Luca U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Siracusa 21 maggio 2016 F. De Luca U.O. Cardiologia Pediatrica Ferrarotto

Dettagli

Bradicardia in età pediatrica

Bradicardia in età pediatrica 11 febbraio 16 Bradicardia in età pediatrica Una review dalla Columbia University La bradicardia, definita come una frequenza cardiaca al di sotto dei limiti normali per l età, è spesso secondaria a cause

Dettagli

ECG Divino. Caso clinico n. 6

ECG Divino. Caso clinico n. 6 ECG Divino Caso clinico n. 6 Dr. Federico Ferraris Ospedale Molinette, Torino V. G. 42 anni, femmina Episodio sincopale Valutazione cardiologica tre settimane dopo ECG 6 settembre, tre settimane dopo la

Dettagli

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 2 http://www.hackmed.org

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 2 http://www.hackmed.org CAPITOLO 2 LA CONDUZIONE ED I SUOI PROBLEMI Abbiamo visto precedentemente che l'attivazione elettrica comincia normalmente nel nodo seno atriale e genera un'onda di depolarizzazione che si propaga dal

Dettagli

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione. Antagonisti Adrenergici

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione. Antagonisti Adrenergici L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antagonisti Adrenergici parasimpatico simpatico Midollo spinale parasimpatico simpatico somatico neurone pre-gangliare

Dettagli

Incontri Borgomaneresi di Medicina d Urgenza Borgomanero, 01 dicembre 2016 LE SFIDE DELL ECG

Incontri Borgomaneresi di Medicina d Urgenza Borgomanero, 01 dicembre 2016 LE SFIDE DELL ECG Incontri Borgomaneresi di Medicina d Urgenza Borgomanero, 01 dicembre 2016 LE SFIDE DELL ECG Dr Stefano Maffè Divisione Cardiologia ASL No Borgomanero L ELETTROCARDIOGRAMMA Cosa significa L elettrocardiogramma

Dettagli

Catania 17 Aprile 2015 A.Privitera Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CT

Catania 17 Aprile 2015 A.Privitera Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CT Cenni Di Anatomia e Fisiologia Del Tessuto di Conduzione Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Catania 17 Aprile 2015 Il

Dettagli

corso di formazione sull interpretazione dell ecg e della telemetria

corso di formazione sull interpretazione dell ecg e della telemetria corso di formazione sull interpretazione dell ecg e della telemetria Bruno Passaretti Responsabile Unità Operativa di Riabilitazione Humanitas Gavazzeni Bergamo, 2017 L onda di depolarizzazione (le cellule

Dettagli

LA LOGICA DELLE ARITMIE

LA LOGICA DELLE ARITMIE 28-2013_28-2013 18/02/13 11.52 Pagina 265 LA LOGICA DELLE ARITMIE C. Pappone, V. Santinelli Dipartimento di Aritmologia, Maria Cecilia Hospital GVM & Research di Cotignola, Ravenna. Il cuore è un organo

Dettagli

Scheda informativa sulle aritmie cardiache

Scheda informativa sulle aritmie cardiache Scheda informativa sulle aritmie cardiache Cosa sono le aritmie? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Cosa sono le aritmie?

Dettagli

Cardiology Department S. Anna Hospital University of Ferrara, Italy ECG 1. Matteo Bertini, MD, PhD.

Cardiology Department S. Anna Hospital University of Ferrara, Italy ECG 1. Matteo Bertini, MD, PhD. Cardiology Department S. Anna Hospital University of Ferrara, Italy ECG 1 Matteo Bertini, MD, PhD E-mail: m.bertini@ospfe.it Attività elettrica del cuore Principi Generali di Elettrofisiologia Cardiaca

Dettagli

DIAGNOSI E TRATTAMENTO DEL CARDIOLOGO

DIAGNOSI E TRATTAMENTO DEL CARDIOLOGO DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLA FA PERSISTENTE PROBLEMI GESTIONALI DEL CARDIOLOGO LA GESTIONE DELLA MALATTIA COMPORTA INTERVENTI SUCCESSIVI IN PRESIDI DIVERSI DEL TERRITORIO E DELL OSPEDALE PROBLEMI LEGATI

Dettagli

S H O C K CARDIOGENO. Stefano Simonini Cardiologia NOCSAE

S H O C K CARDIOGENO. Stefano Simonini Cardiologia NOCSAE S H O C K CARDIOGENO Stefano Simonini Cardiologia NOCSAE DEFINIZIONE Sindrome caratterizzata da un disturbo acuto generalizzato della circolazione con ipoperfusione e disfunzione severa di organi critici

Dettagli

L Infermiere e l elettrocardiogramma

L Infermiere e l elettrocardiogramma L Infermiere e l elettrocardiogramma BORRI Michele S.Matteo Centrale Operativa SSUEm 118 Pavia MONTANARI Carlo S.Matteo Centrale Operativa SSUEm 118 Pavia PRAZZOLI Roberto S.Matteo Unità di Terapia Intensiva

Dettagli

Farmaci antipertensivi

Farmaci antipertensivi Farmaci antipertensivi Propanololo (β1-β2) Metoprololo (β1) Atenololo (β1) Nebivololo (β1 + ΝΟ) ACE-inibitori Diminuzione della pressione arteriosa Captopril Enalapril Lisinopril Effetti avversi dei

Dettagli

Morte Improvvisa: il rischio cardiovascolare nello sport

Morte Improvvisa: il rischio cardiovascolare nello sport Morte Improvvisa: il rischio cardiovascolare nello sport CHE COS E L A MORTE IMPROVVISA DA SPORT? Morte Improvvisa da Sport (M.I.S.) DEFINIZIONE Una morte improvvisa che avviene entro un ora dall inizio

Dettagli