6.0 ARITMIE. 01/05/11 Corso ECG 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6.0 ARITMIE. 01/05/11 Corso ECG 1"

Transcript

1 6.0 ARITMIE 01/05/11 Corso ECG 1

2 DEFINIZIONE Aritmie: disturbo della formazione o della conduzione dell impulso Si distinguono in ipercinetiche ed ipocinetiche 01/05/11 Corso ECG 2

3 Iper ipo-cinetiche A. IPERCINETICHE O TACHIARITMIE: alterazione in senso di aumento o di accelerazione dei fenomeni elettrici A. IPOCINETICHE O BRADIARITMIE: alterazione in senso di diminuzione o di rallentamento dei fenomeni elettrici 01/05/11 Corso ECG 3

4 6.1 Ipercinetiche Sopraventricolari -atriali -nodali o giunzionali (del NAV) Ventricolari 01/05/11 Corso ECG 4

5 Meccanismi 1) Alterato automatismo (aritmie focali): esaltazione della normale attività di una cellula o gruppo di cellule con aumento dell eccitabilità 2) Rientro (aritmie da rientro): un impulso imbocca una direzione anomala per presenza di un circuito funzionale o anatomico che permette la propagazione dell impulso secondo un tragitto circolare con ritorno al punto di partenza e eventuale ripetizione del tragitto medesimo NB - Trigger (caso particolare di 2): da una cellula o gruppo di cellule con depolarizzazione precoce si crea un passaggio di impulsi verso cellule viciniori aventi depolarizzazione normale o lenta, con riattivazione locale e formazione di aritmie 01/05/11 Corso ECG 5

6 Tipi di tachiaritmie Battiti prematuri o ectopici o extrasistoli Sopraventricolari: Tachicardia atriale Tachicardia nodale Flutter atriale Fibrillazione atriale Aritmie degli anelli (pre - eccitazione) Ventricolari: Tachicardia ventricolare Torsione di punta Flutter ventricolare Fibrillazione ventricolare 01/05/11 Corso ECG 6

7 Battito ectopico o prematuro Detto anche extrasistole (non propriamente sinonimo) = battito anticipato, originato da una cellula non appartenente al NSA Questa cellula, senza attendere il segnale dal NSA, si auto-depolarizza battendo sul tempo il NSA stesso. Lo stimolo che ne origina si trasmette a tutte le cellule del cuore. 01/05/11 Corso ECG 7

8 Tipi di battiti prematuri Sopraventricolari -atriali -nodali o giunzionali Ventricolari 01/05/11 Corso ECG 8

9 BES e BEV BES: battito anticipato con QRS sottile, non deformato BEV: battito anticipato con QRS largo, deformato Spesso seguiti da pausa compensatoria 01/05/11 Corso ECG 9

10 BES e BEV: ECG 01/05/11 Corso ECG 10

11 BES: BEA e BEG BP Sopraventricolare: -Atriale -Giunzionale o nodale 01/05/11 Corso ECG 11

12 Schemino P 01/05/11 Corso ECG 12

13 Schemino P atriale 01/05/11 Corso ECG 13

14 BP atriale Nasce da una cellula atriale Onda P anticipata e diversa QRS normale (o aberrante) 01/05/11 Corso ECG 14

15 BP atriale: ECG 01/05/11 Corso ECG 15

16 BP nodale o giunzionale Da cellula della giunzione / nodo A-V Propagazione in alto agli atri Propagazione in basso ai ventricoli 01/05/11 Corso ECG 16

17 Schemino P 01/05/11 Corso ECG 17

18 Schemino retrocondotta 01/05/11 Corso ECG 18

19 Schemino sequenza 01/05/11 Corso ECG 19

20 BP nodale o giunzionale Da cellula della giunzione atrio-ventricolare P assente o retrocondotta QRS normale (o aberrante) 01/05/11 Corso ECG 20

21 BP nodale: ECG 01/05/11 Corso ECG 21

22 BP nodale: ECG 01/05/11 Corso ECG 22

23 BP nodale: ECG 01/05/11 Corso ECG 23

24 BES riassunto = battiti anticipati con QRS normale (a differenza dai BEV, ove QRS è alterato) 01/05/11 Corso ECG 24

25 Difficoltà 01/05/11 Corso ECG 25

26 Pausa compensatoria 01/05/11 Corso ECG 26

27 Aberrante 01/05/11 Corso ECG 27

28 BES lievemente aberrante 01/05/11 Corso ECG 28

29 P bloccata P anticipata bloccata = extrasistole atriale non condotta ai ventricoli 01/05/11 Corso ECG 29

30 BEV = battito prematuro originato da una cellula del miocardio ventricolare Ventricoli attivati da questa cellula, atri attivati dal NSA QRS: di forma diversa dal normale, ampio e largo non preceduto da onda P 01/05/11 Corso ECG 30

31 BEV o BP ventricolare 01/05/11 Corso ECG 31

32 BEV o BP ventricolare 01/05/11 Corso ECG 32

33 Pausa compensatoria 01/05/11 Corso ECG 33

34 BEV Bi tri quadrigemini 01/05/11 Corso ECG 34

35 BEV monomorfi 01/05/11 Corso ECG 35

36 BEV polimorfi 01/05/11 Corso ECG 36

37 BEV ripetitivi 01/05/11 Corso ECG 37

38 BEV + P retrocondotta 01/05/11 Corso ECG 38

39 BEV: fusione 01/05/11 Corso ECG 39

40 Battito di fusione 01/05/11 Corso ECG 40

41 Tachiaritmie sopraventricolari = aritmie ipercinetiche che nascono dagli atri o dal nodo A-V I complessi QRS sono sottili (oppure aberranti) 01/05/11 Corso ECG 41

42 T. atriale 01/05/11 Corso ECG 42

43 TAB 01/05/11 Corso ECG 43

44 TAB 2:1 01/05/11 Corso ECG 44

45 T nodale 1 01/05/11 Corso ECG 45

46 T nodale 2 01/05/11 Corso ECG 46

47 T nodale 3 01/05/11 Corso ECG 47

48 Massaggio seno carotideo 01/05/11 Corso ECG 48

49 Flutter atriale 1 Tipo particolare di aritmia atriale caratterizzata da un circuito di rientro con velocità dell impulso 300/min Onde atriali caratteristiche a dente di sega 01/05/11 Corso ECG 49

50 Flutter atriale 2 I ventricoli vengono attivati con una certa cadenza (fenomeno simile alla TAB) di solito 2:1, 3:1, 4:1 pertanto la frequenza ventricolare sarà: 300:2 = 150/min (un QRS ogni 2 denti di sega) 300:3 = 100/min, ( 3 ) 300:4 = 75/min ( 4 ) 01/05/11 Corso ECG 50

51 Flutter atriale: ECG 01/05/11 Corso ECG 51

52 Flutter atriale: variab 01/05/11 Corso ECG 52

53 Fibrillazione atriale 1 = totale desincronizzazione dell attività elettrica atriale Non unico fronte d onda, ma moltissimi piccoli fronti d onda continui in ogni direzione No onda P ma piccole onde f irregolari Ventricoli attivati in modo irregolare 01/05/11 Corso ECG 53

54 Fibrillazione atriale 2 Caratteri della FA: -no onda P -al suo posto onde f irregolari -intervalli RR irregolari 01/05/11 Corso ECG 54

55 Fibrillazione atriale: ECG 01/05/11 Corso ECG 55

56 Aritmie anelli preeccitaz James: Tachiardia nodale Kent: Tachicardia atrio-ventricolare Fibrillazione atriale Tachicardia ventricolare Fibrillazione ventricolare 01/05/11 Corso ECG 56

57 Concetto di rientro 01/05/11 Corso ECG 57

58 schema rientro 01/05/11 Corso ECG 58

59 James 01/05/11 Corso ECG 59

60 Kent: WPW PQ corto Onda delta 01/05/11 Corso ECG 60

61 WPW: ECG 01/05/11 Corso ECG 61

62 Ancora meccanismo 1) Tachi-aritmie focali: La cellula anarchica non si accontenta di anticipare il NSA una volta sola. Nasce una successione veloce di molte extrasistoli L intero cuore deve seguire questa velocità. 2) Tachi-aritmie da rientro: Lo stimolo partecipa ad un gran premio di Formula 1 Percorre un circuito molte volte a gran velocità L intero cuore deve seguire questa velocità 01/05/11 Corso ECG 62

63 Tachiaritmie ventricolari Nascono dal miocardio ventricolare QRS largo e deformato 01/05/11 Corso ECG 63

64 Tachicardia ventricolare Aritmia sincronizzata a livello ventricolare Frequenza ventricolare /min Dissociazione dagli atri 01/05/11 Corso ECG 64

65 TV: aspetti QRS diversi dai normali 150/250/min dissociati da attività atriale (se si vede) 01/05/11 Corso ECG 65

66 TV: ECG 01/05/11 Corso ECG 66

67 TV: ECG 01/05/11 Corso ECG 67

68 TV sostenuta e non Non sostenuta: <30 Sostenuta: > 30 01/05/11 Corso ECG 68

69 TV: cattura 01/05/11 Corso ECG 69

70 TdP TORSIONE DI PUNTA Tipo particolare di TV da rientro Polimorfismo QRS con inversione di polarità Cambio ciclico di asse Piccole salve 01/05/11 Corso ECG 70

71 TdP: concause CONCAUSE: QT lungo Ipo-potassiemia Ipo-magnesiemia Farmaci: chinidina, amiodarone, sotalolo, antidepr. CP ischemica 01/05/11 Corso ECG 71

72 TdP: ECG 01/05/11 Corso ECG 72

73 TdP TdP Es iper tdp 01/05/11 Corso ECG 73

74 TdP TdP Es iper tdp 01/05/11 Corso ECG 74

75 Flutter ventricolare 01/05/11 Corso ECG 75

76 FV FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE Perdita totale della sincronizzazione ventricolare Fronti d onda piccoli e multipli Perdita della contrazione ventricolare Aritmia rapidamente mortale 01/05/11 Corso ECG 76

77 FV: aspetti Onde veloci, totalmente irregolari prive di cadenza 01/05/11 Corso ECG 77

78 FV: ECG 01/05/11 Corso ECG 78

79 FV /05/11 Corso ECG 79

80 FV: dc shock 01/05/11 Corso ECG 80

81 Pausa caffé 01/05/11 Corso ECG 81

82 01/05/11 Corso ECG 82

83 6.2 IPOCINETICHE 01/05/11 Corso ECG 83

84 Tipi di bradiaritmie Bradicardia sinusale Aritmia sinusale Scappamento Blocco seno-atriale Blocco atrio-ventricolare Blocco di branca 01/05/11 Corso ECG 84

85 Bradicardia sinusale 01/05/11 Corso ECG 85

86 Aritmia sinusale 01/05/11 Corso ECG 86

87 Blocco seno atriale BSA: disturbo passaggio dello stimolo NSA --> atri attraverso la giunzione seno-atriale Gradi: I, II, III 01/05/11 Corso ECG 87

88 BSA 1 grado BSA I: semplice rallentamento ECG: non si vede (solo con tempo di conduzione S- A) 01/05/11 Corso ECG 88

89 BSA 2 grado BSA II: rallentamento fino a sporadico blocco passaggio ECG: ciclica assenza di un ciclo P + QRS + T Talora PP multipli del ciclo PP di base Battiti di scappamento 01/05/11 Corso ECG 89

90 BSA II 01/05/11 Corso ECG 90

91 BSA 3 grado BSA III o arresto sinusale: Blocco di tutti gli stimoli attraverso la GSA Più o meno prolungato Battiti di scappamento ECG: linea isoelettrica interrotta da battiti di scappamento 01/05/11 Corso ECG 91

92 BSA III 01/05/11 Corso ECG 92

93 Battiti di scappamento = battiti originati da cellule segnapassi sussidiari in grado di stimolare il cuore in caso di patologia del NSA Singoli battiti o ritmo di scappamento Possono essere: atriali, giunzionali o nodali, ventricolari 01/05/11 Corso ECG 93

94 Segnapassi potenziali 01/05/11 Corso ECG 94

95 atriale 01/05/11 Corso ECG 95

96 nodale 01/05/11 Corso ECG 96

97 ventricolare 01/05/11 Corso ECG 97

98 Frequenze segnapassi 01/05/11 Corso ECG 98

99 Blocco atrio ventricolare BAV: rallentamento o blocco della conduzione A V Èpatologia della giunzione A V Livello: sopra-hissiano (benigno) sotto-hissiano (maligno) Gradi: I, II, III 01/05/11 Corso ECG 99

100 BAV 1 grado BAV I: semplice rallentamento della conduzione A V ECG: PQ allungato > 0.20 sec 01/05/11 Corso ECG 100

101 BAV I: ECG 01/05/11 Corso ECG 101

102 BAV 2 grado BAV II: blocco sporadico del passaggio stimolo tra A e V Tipo 1: periodica assenza di QRS Tipo 2: non periodicità ECG: onda P talora non seguita da QRS 01/05/11 Corso ECG 102

103 BAV II 01/05/11 Corso ECG 103

104 BAV II 01/05/11 Corso ECG 104

105 BAV 3 grado BAV III o blocco completo: totale assenza di conduzione tra atri e ventricoli necessario ritmo di scappamento ventricolare atri e ventricoli dissociati ECG: onde P e QRS con 2 velocità diverse ed indipendenti 01/05/11 Corso ECG 105

106 BAV III 01/05/11 Corso ECG 106

107 FA + BAV III 01/05/11 Corso ECG 107

108 Blocco di branca = rallentamento o vero blocco della conduzione dello stimolo lungo una branca Può essere incompleto o completo Principali: blocco di branca dx (BBD) blocco di branca sn (BBS) Altri: emiblocco ant-sup sx emiblocco post-inf sx blocco periferico di ramuscoli o di ff punkinije 01/05/11 Corso ECG 108

109 BB schema 01/05/11 Corso ECG 109

110 BBD schema NB conduzione rallentata 01/05/11 Corso ECG 110

111 BBS schema NB conduzione rallentata 01/05/11 Corso ECG 111

112 BB: ECG 01/05/11 Corso ECG 112

113 Sommazione r r 01/05/11 Corso ECG 113

114 BB incompleto 01/05/11 Corso ECG 114

115 BB completo 01/05/11 Corso ECG 115

116 BBD BBS 01/05/11 Corso ECG 116

117 V1 V2 V5 V6 01/05/11 Corso ECG 117

118 BBD: ECG 01/05/11 Corso ECG 118

119 BBS: ECG 01/05/11 Corso ECG 119

120 BBS 01/05/11 Corso ECG 120

121 BBD 01/05/11 Corso ECG 121

122 BBS intermittente 01/05/11 Corso ECG 122

123 6.3 Esempi 01/05/11 Corso ECG 123

124 Es iper 01/05/11 Corso ECG 124

125 Es iper 01/05/11 Corso ECG 125

126 Es iper 01/05/11 Corso ECG 126

127 Es iper 01/05/11 Corso ECG 127

128 Es iper T.S. 01/05/11 Corso ECG 128

129 Es iper 01/05/11 Corso ECG 129

130 Es iper 01/05/11 Corso ECG 130

131 Es iper 01/05/11 Corso ECG 131

132 TdP TdP Es iper tdp 01/05/11 Corso ECG 132

133 TdP TdP Es iper tdp 01/05/11 Corso ECG 133

134 Es ipo 01/05/11 Corso ECG 134

135 Es ipo 01/05/11 Corso ECG 135

136 Es ipo 01/05/11 Corso ECG 136

137 Es cattivo 01/05/11 Corso ECG 137

138 Es cattivo 01/05/11 Corso ECG 138

139 01/05/11 Corso ECG 139

140 7.0 ELETTROSTIMOLAZIONE 01/05/11 Corso ECG 140

141 Elettrostimolazione Elettrostimolatore ( pace-maker ): -inizialmente per curare bradiaritmie -poi per curare anche tachiaritmie -infine per lo scompenso 01/05/11 Corso ECG 141

142 Impianto (gen) Generatore: Elettrocatetere: tasca sottocutanea in vena cava sup => cuore dx 01/05/11 Corso ECG 142

143 Impianto (vari tipi) Generatore Elettrocatetere / i PM monocamerale: un elettrocatetere in VD PM bicamerale: un elettrocatetere in VD uno in atrio dx PM biventricolare o resincronizzatore: un elettrocatetere in VD uno in seno coronarico per il VS 01/05/11 Corso ECG 143

144 PM monocamerale = unico elettrocatetere fissato in apice VD Stimola i ventricoli Oggi tutti a domanda quando bassa frequenza (in genere < 60/min) Sigle: VVI, VVI-R 01/05/11 Corso ECG 144

145 Schema monocamerale BAV totale No conduz. His branche 01/05/11 Corso ECG 145

146 PM monocamerale: caratteri Segno del PM sull ECG: -lo Spike -seguito dal QRS indotto (slargato) 01/05/11 Corso ECG 146

147 PM monocamerale: ECG 01/05/11 Corso ECG 147

148 Rate-responsive = capacità di modificare la frequenza durante sforzo In base a: atti respiratori contrazioni muscolari Sigla: R finale 01/05/11 Corso ECG 148

149 Funzione a domanda Oggi tutti a domanda il PM sente l attività cardiaca spontanea! eroga spike solo se il cuore non ha attività spontanea (3 battito) 01/05/11 Corso ECG 149

150 PM silente se invece vi è attività spontanea, il PM rimane silente (4 battito) 01/05/11 Corso ECG 150

151 PM bicamerale = PM che stimola sia atri che ventricoli Un elettrocatetere in AD Un elettrocatetere in VD Quando funzione atriale conservata e conservabile Sigle: DDD, DDDR, DVI, DVIR 01/05/11 Corso ECG 151

152 Schema bicamerale 01/05/11 Corso ECG 152

153 PM bicamerale: ECG PM bicamerale: un elettrocatetere in AD, uno in VD ECG: spike atriale + onda P spike ventricolare + QRS largo (simile a BEV) 01/05/11 Corso ECG 153

154 Riassunto mono- e bi-cam Monocamerale: stimola solo ventricoli Indicazione: di solitobaviii Di solito in paz in FA cronica Bicamerale: stimola atri e ventricoli Indicazione: anche bradiaritmie sopraventric. Di solito in paz in ritmo sinusale 01/05/11 Corso ECG 154

155 CRT CRT: cardiac resincronizer therapy Terapia resincronizzante PM bi-ventricolare 01/05/11 Corso ECG 155

156 CRT: indicazioni MCP dilatativa ipocinetica con asincronia pareti VS Pazienti con scompenso cardiaco severo 01/05/11 Corso ECG 156

157 CRT: asincronia 01/05/11 Corso ECG 157

158 Schema biventricolare 01/05/11 Corso ECG 158

159 Azione resincro Ricomparsa della sinergia di contrazione Miglioramento della funzione di pompa 01/05/11 Corso ECG 159

160 CRT: ECG Paradosso: i complessi QRS attivati da CRT possono essere meno larghi di quelli spontanei! Ł 01/05/11 Corso ECG 160

161 ICD Implantable cardioverter defibrillator ( cardioverter ) Strumento che si impianta come un pace-maker in grado riconoscere aritmie ventricolari (TV, FV) ed in grado di trattarle mediante stimoli ad alta frequenza o mediante scariche (dc shock) 01/05/11 Corso ECG 161

162 Schema ICD (come un PM monocamerale) 01/05/11 Corso ECG 162

163 ICD modalità 1) Serie di stimoli a successione veloce (burst, overdrive) 2) Scarica dc shock => defibrillazione vera e propria 01/05/11 Corso ECG 163

164 ICD: TV 01/05/11 Corso ECG 164

165 7.1 Esempi 01/05/11 Corso ECG 165

166 Es PM 01/05/11 Corso ECG 166

167 Es PM (.) 01/05/11 Corso ECG 167

168 Esempio iper 01/05/11 Corso ECG 168

169 TV TV NS NS Esempio iper 01/05/11 Corso ECG 169

170 Esempio iper 01/05/11 Corso ECG 170

171 Esempio ipo 01/05/11 Corso ECG 171

172 Esempio ipo 01/05/11 Corso ECG 172

173 Esempio domanda 01/05/11 Corso ECG 173

174 Esempio iper 01/05/11 Corso ECG 174

175 Esempio iper + ripol ( ) 01/05/11 Corso ECG 175

176 01/05/11 Corso ECG 176

177 01/05/11 Corso ECG 177

178 01/05/11 Corso ECG 178

ARITMIE 1_ DISORDINI DI FORMAZIONE DELL IMPULSO 2_ DISORDINI DI CONDUZIONE DELL IMPULSO

ARITMIE 1_ DISORDINI DI FORMAZIONE DELL IMPULSO 2_ DISORDINI DI CONDUZIONE DELL IMPULSO ARITMIE 1_ DISORDINI DI FORMAZIONE DELL IMPULSO 2_ DISORDINI DI CONDUZIONE DELL IMPULSO ARITMIE IPERCINETICHE SOPRAVENTRICOLARI BATTITI PREMATURI (EXTRASISTOLI) TACHIARITMIE SINCRONIZZATE TPSV -FLUTTER

Dettagli

Disturbi di conduzione atrio-ventricolari

Disturbi di conduzione atrio-ventricolari Disturbi di conduzione atrio-ventricolari Blocco atrio-ventricolare di I grado 1. Frequenza: 55/min 2. Ritmo: sinusale 3. Conduzione: blocco atrio ventricolare di I grado, PQ 0.32 sec 4. Ripolarizzazione:

Dettagli

Blocchi atrioventricolari

Blocchi atrioventricolari Blocchi atrioventricolari Frequenza di scarica dei pace maker cardiaci intrinseci Pacemaker primario Nodo seno-atriale (60-100 bpm) Pacemaker ausiliari Giunzione AV (40-60 bpm) Ventricolare (

Dettagli

L Elettrocardiogramma : cosa esprime?

L Elettrocardiogramma : cosa esprime? L Elettrocardiogramma : cosa esprime? E la registrazione nel tempo degli eventi elettrici del cuore Esprime la somma vettoriale delle correnti elettriche generate dalle varie strutture cardiache ( atri,

Dettagli

ARITMIE CARDIACHE. Prof. Carlo Guglielmini

ARITMIE CARDIACHE. Prof. Carlo Guglielmini ARITMIE CARDIACHE Prof. Carlo Guglielmini ARITMIA CARDIACA Definizione Alterazione della frequenza, o della regolarità, o della sede di origine dello stimolo cardiaco e/o disturbo di conduzione dello stimolo

Dettagli

LE TACHICARDIE. 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology

LE TACHICARDIE. 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology Corso pratico di Elettrocardiografia LE TACHICARDIE Gerardo Di Filippo SOC Cardiologia,

Dettagli

RITMO IDIOVENTRICOLARE RITMO IDIOVENTRICOLARE ACCELERATO ARITMIE VENTRICOLARI

RITMO IDIOVENTRICOLARE RITMO IDIOVENTRICOLARE ACCELERATO ARITMIE VENTRICOLARI RITMO IDIOVENTRICOLARE RITMO IDIOVENTRICOLARE ACCELERATO ARITMIE VENTRICOLARI 31 Ritmi ventricolari 32 Ritmi ventricolari do 33 Aritmie ventricolari EXTRASISTOLI VENTRICOLARI TACHICARDIA VENTRICOLARE:

Dettagli

L elettrocardiogramma nella sindrome. di Wolff-Parkinson-White

L elettrocardiogramma nella sindrome. di Wolff-Parkinson-White L elettrocardiogramma nella sindrome 7 di Wolff-Parkinson-White Introduzione Nella sua forma più comune, questa anomalia [la sindrome di Wolff-Parkinson-White (WPW)] è causata dalla presenza congenita

Dettagli

LE ARITMIE IPOCINETICHE

LE ARITMIE IPOCINETICHE LE ARITMIE IPOCINETICHE Dr Domenico M. Carretta Struttura Complessa di Cardiologia Taranto Occidentale P.O.Castellaneta Definizione Sono delle aritmie dovute, spesso, ad un patologico rallentamento della

Dettagli

Cardiologia: Prof Gerardo Nigro Università della Campania L. Vanvitelli. Le aritmie cardiache

Cardiologia: Prof Gerardo Nigro Università della Campania L. Vanvitelli. Le aritmie cardiache Cardiologia: Prof Gerardo Nigro Università della Campania L. Vanvitelli. Le aritmie cardiache Normalmente il battito nasce a livello del nodo del seno che si trova tra atrio dx e vena cava superiore, poi

Dettagli

Meccanismi delle aritmie

Meccanismi delle aritmie U.O. di Malattie Cardiovascolari Ospedale Misericordia Grosseto Direttore Dott.ssa Silva Severi Corso di elettrocardiografia lezione N 10 Meccanismi delle aritmie Dr. Alessandro Costoli Meccanismi delle

Dettagli

MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI

MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI E PRESENTE UNA QUALCHE ATTIVITA ELETTRICA? QUALE E LA FREQUENZA VENTRICOLARE (QRS)? IL RITMO (SUCCESSIONE DEI QRS) E REGOLARE O IRREGOLARE? IL COMPLESSO QRS E STRETTO

Dettagli

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare.

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare. Fibrillazione Atriale : Difficile identificazione delle Onde P in un tracciato con complessi ventricolari ad intervalli variabili. Intervallo RR variabile. Onda P sostituita da due o più ondulazioni (

Dettagli

IL SISTEMA DI CONDUZIONE CARDIACO

IL SISTEMA DI CONDUZIONE CARDIACO IL SISTEMA DI CONDUZIONE CARDIACO Le strutture specializzate inserite all interno della parete cardiaca generano e trasmettono gli impulsi attraverso il miocardio, provocando prima la contrazione degli

Dettagli

Le Tachicardie Sopraventricolari

Le Tachicardie Sopraventricolari Le Tachicardie Sopraventricolari Catania 17 Aprile 2015 Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Ritmo Tachicardico Frequenza cardiaca

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE

LE ARITMIE CARDIACHE LE ARITMIE CARDIACHE CHE COSA SONO? Le alterazioni della normale sequenza dei battiti cardiaci vengono dette aritmie. un aumento anomalo dei battiti si parla di TACHIARITMIE o TACHICARDIE. Se al contrario

Dettagli

Le tachicardie a QRS stretto. Attilio Del Rosso

Le tachicardie a QRS stretto. Attilio Del Rosso Le tachicardie a QRS stretto Attilio Del Rosso Definizioni Tachicardia a QRS stretto: Frequenza atriale e/o ventricolare 100 bpm e durata del QRS < 120 ms Tachicardia sopraventricolare: Tachicardia che

Dettagli

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Congresso Nazionale IRC Napoli 6-7 Giugno 2008 PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Gianluca Gonzi

Dettagli

Basi teoriche dell'elettrocardiografia Stephen Scheidt Frank H. Netter Ciba- Gegy Interpretazione dell'ecg Dubina Dale Edizioni Monduzzi 2008

Basi teoriche dell'elettrocardiografia Stephen Scheidt Frank H. Netter Ciba- Gegy Interpretazione dell'ecg Dubina Dale Edizioni Monduzzi 2008 BIBLIOGRAFIA http://it.wikipedia.it Corso base di interpretazione e lettura dell'ecg per l'infermiere Prof. Francesco Fedele (corso FAD PREX). Lettura e interpretazione ragionata dell'elettrocardiogramma

Dettagli

Bradiaritmie. Il pz successivamente riprende coscienza, si instaura nuovamente il BAV completo e perde nuovamente coscienza.

Bradiaritmie. Il pz successivamente riprende coscienza, si instaura nuovamente il BAV completo e perde nuovamente coscienza. Bradiaritmie Medicina Interna 08/03/2017 Prof. Durante Caso clinico: Maschio, 79aa, si presenta a visita di controllo programmata postdimissione. E portatore di una bioprotesi valvolare aortica da 10 anni

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Milano Master in Assistenza infermieristica in area cardiovascolare Percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale al paziente con Defibrillatore Cardiaco Impiantabile: dall'assistenza

Dettagli

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) E la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore.

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) E la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore. ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) E la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore. Il succedersi di depolarizzazioni e ripolarizzazioni nelle varie parti del cuore crea una separazione tra zone

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE

LE ARITMIE CARDIACHE LE ARITMIE CARDIACHE CARATTERISTICHE CLINICHE E CLASSIFICAZIONE. Il cuore funziona come pompa perché tutte le cellule che compongono le quattro camere cardiache hanno attività elettrica sincronizzata e

Dettagli

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L elettrocardiogramma è la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore.

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L elettrocardiogramma è la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore. ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L elettrocardiogramma è la registrazione, nel tempo, dell attività elettrica del cuore. I cambiamenti di polarità delle cellule cardiache generano un campo elettrico all esterno

Dettagli

Prefazione...III Curatori... IV Premessa... V Abbreviazioni...XI

Prefazione...III Curatori... IV Premessa... V Abbreviazioni...XI Indice Prefazione...III Curatori... IV Premessa... V Abbreviazioni...XI Cenni di elettrofisiologia e terminologia... 1 Disposizione degli elettrodi e derivazioni... 1 Taratura e velocità di scorrimento

Dettagli

Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica. Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG

Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica. Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG Alterazioni elettrolitiche - Ipopotassiemia Aumento della durata della fase 3 del

Dettagli

Catania 17 Aprile 2015 A.Privitera Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CT

Catania 17 Aprile 2015 A.Privitera Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CT Cenni Di Anatomia e Fisiologia Del Tessuto di Conduzione Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Catania 17 Aprile 2015 Il

Dettagli

Capitolo 1 Principi generali Capitolo 2 La valutazione del paziente aritmico Capitolo 3 Eziologia generale delle aritmie

Capitolo 1 Principi generali Capitolo 2 La valutazione del paziente aritmico Capitolo 3 Eziologia generale delle aritmie INDICE Capitolo 1 Principi generali CLASSIFICAZIONE DELLE ARITMIE CARDIACHE... 11 PRINCIPI DI ELETTROFISIOLOGIA... 12 Premesse... 12 Meccanismo elettrogenetico... 13 Funzione contrattile e aritmie ipercinetiche...

Dettagli

ECG basale. L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore

ECG basale. L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore ECG basale L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore Riveste un ruolo fondamentale nella diagnosi di infarto miocardico acuto e

Dettagli

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 3 http://www.hackmed.org

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 3 http://www.hackmed.org CAPITOLO 3 IL RITMO CARDIACO Fino ad ora, abbiamo considerato soltanto la propagazione dell'onda di depolarizzazione generata dalla normale attivazione del NODO SA. Quando la depolarizzazione comincia

Dettagli

ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA

ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA SISTEMA MECCANICO OGNI ATTIVITA MECCANICA, ossia ogni CONTRAZIONE del CUORE è preceduta ed è determinata da una ATTIVITA ELETTRICA SISTEMA ELETTRICO Stato

Dettagli

ARITMIE IPOCINETICHE

ARITMIE IPOCINETICHE KROTON 2010 ARITMIE IPOCINETICHE D.Monizzi Cardiologia Territoriale ASP KR 18/09/2010 Cenni sull Attività Elettrica del Cuore Aritmie Ipocinetiche D.Monizzi 2010 Il Cuore atrio sx atrio dx valvola mitrale

Dettagli

LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI. Come riconoscerle

LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI. Come riconoscerle LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI Come riconoscerle Meccanismo elettrogenetico L ischemia, i traumi, la flogosi, le alterazioni strutturali, le disionie, digitale concorrono all attivazione di correnti d ingresso

Dettagli

(02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG

(02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG (02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG L elettrocardiogramma (ECG) è uno strumento utile per la diagnosi di tutte quelle situazioni che provocano l alterazione dell attività

Dettagli

L Elettrocardiogramma

L Elettrocardiogramma Elettrocardiogramma L Elettrocardiogramma L elettrocardiogramma (ECG) è la registrazione alla superficie del corpo dei potenziali generati ad ogni istante dalla attività elettrica del muscolo cardiaco.

Dettagli

Formazione dell impulso elettrico. Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Conduzione dell impulso elettrico

Formazione dell impulso elettrico. Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Conduzione dell impulso elettrico Formazione dell impulso elettrico Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Nodo Seno-atriale Prof. Gerardo Nigro Cattedra di Cardiologia S.U.N. Conduzione dell impulso elettrico Conduzione

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli

COCIS Aritmie cardiache e condizioni cliniche potenzialmente aritmogene

COCIS Aritmie cardiache e condizioni cliniche potenzialmente aritmogene 1989 COCIS 2009 Classificazione degli sport Lo screening cardiologico dell atleta Aritmie cardiache e condizioni potenzialmente aritmogene Cardiopatie congenite e valvolari acquisite Cardiomiopatie, miocarditi

Dettagli

ARITMIE ECG: Intervallo P-R è costante; Ad ogni onda P segue un complesso QRS; Regolare distanza tra due onde R consecutive.

ARITMIE ECG: Intervallo P-R è costante; Ad ogni onda P segue un complesso QRS; Regolare distanza tra due onde R consecutive. ARITMIE RITMO SINUSALE: durante il normale ritmo sinusale lo stimolo cardiaco origina dal nodo seno-atriale (SA) ad intervalli regolari e si diffonde attraverso gli atri, il nodo atrio-ventricolare (AV)

Dettagli

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 2 http://www.hackmed.org

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 2 http://www.hackmed.org CAPITOLO 2 LA CONDUZIONE ED I SUOI PROBLEMI Abbiamo visto precedentemente che l'attivazione elettrica comincia normalmente nel nodo seno atriale e genera un'onda di depolarizzazione che si propaga dal

Dettagli

Quando non si riesce a determinarne la causa si parla di aritmia criptogenetica.

Quando non si riesce a determinarne la causa si parla di aritmia criptogenetica. Aritmie Definizione Per aritmia si considera ogni situazione non classificabile come ritmo cardiaco normale, inteso come ritmo a origine dal nodo del seno, regolare, con normale frequenza e conduzione.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Città di Castello TESI DI LAUREA UNA PILA PER LA VITA, STUDIO DESCRITTIVO DI UN CASO CLINICO

Dettagli

ARITMIA L ANORMALITÀ NELLA GENESI DELL IMPULSO PUÒ ESSER DOVUTA A:

ARITMIA L ANORMALITÀ NELLA GENESI DELL IMPULSO PUÒ ESSER DOVUTA A: ARITMIA In condizioni normali gli impulsi alla contrazione del miocardio sono originati nel nodo seno-atriale e da questo si propagano attraverso gli atri, il nodo atrioventricolare ed il sistema di His-Purkinje

Dettagli

Aritmie cardiache e implicazioni polmonari. A. Avella

Aritmie cardiache e implicazioni polmonari. A. Avella Aritmie cardiache e implicazioni polmonari A. Avella Le diverse alterazioni del ritmo cardiaco, siano esse tachiaritmie, bradiaritmie o semplici manifestazioni extrasistoliche, possono produrre manifestazioni

Dettagli

ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA

ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA Samuela COSTANTINO S.C.Cardiologia U Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino ARITMIA L'aritmia è l'alterazione

Dettagli

L Infermiere e l elettrocardiogramma

L Infermiere e l elettrocardiogramma L Infermiere e l elettrocardiogramma BORRI Michele S.Matteo Centrale Operativa SSUEm 118 Pavia MONTANARI Carlo S.Matteo Centrale Operativa SSUEm 118 Pavia PRAZZOLI Roberto S.Matteo Unità di Terapia Intensiva

Dettagli

Aritmie Cardiache. Disturbi Bradi-aritmici. Disturbi Bradi-aritmici. Scaricata da Aritmia Cardiaca

Aritmie Cardiache. Disturbi Bradi-aritmici. Disturbi Bradi-aritmici. Scaricata da  Aritmia Cardiaca Aritmia Cardiaca Aritmie Cardiache Condizione caratterizzata da anomala origine e/o conduzione dell impulso elettrico cardiaco Fenomeni bradi-aritmici Fenomeni tachi-aritmici Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

Algoritmi di gestione della cattura: perche?

Algoritmi di gestione della cattura: perche? Algoritmi di gestione della cattura: perche? Nel corso del follow-up si possono verificare modifiche della soglia di stimolazione dovute a: - maturazione dell interfaccia tessuto/elettrocatetere - malfunzionamento

Dettagli

Il paziente aritmico nello studio del MMG. Un intruso?

Il paziente aritmico nello studio del MMG. Un intruso? Il paziente aritmico nello studio del MMG. Un intruso? III congresso nazionale di Ippocrate Pisa 3 4 o5obre 2009 Saverio Marini MMG Olbia do$ore, ho la palpitazione do$ore, mi mancano i ba45 do$ore, ho

Dettagli

15. L'ECG NEI PAZIENTI PORTATORI DI PACE-MAKER

15. L'ECG NEI PAZIENTI PORTATORI DI PACE-MAKER 15. L'ECG NEI PAZIENTI PORTATORI DI PACE-MAKER L'interpretazione di un elettrocardiogramma in un paziente portatore di PM può rappresentare un problema di non facile risoluzione, specie in caso di malfunzione

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker Dispositivi per la Resincronizzazione cardiaca (CRT) Defibrillatori automatici impiantabili (ICD)

Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker Dispositivi per la Resincronizzazione cardiaca (CRT) Defibrillatori automatici impiantabili (ICD) Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker Dispositivi per la Resincronizzazione cardiaca (CRT) Defibrillatori automatici impiantabili (ICD) M. Lunati (Chairman) M.G. Bongiorni, G. Boriani, R. Cappato,

Dettagli

TESSUTO MUSCOLARE CARDIACO

TESSUTO MUSCOLARE CARDIACO FISIOLOGIA CARDIACA IL CUORE Il cuore è l organo centrale del sistema circolatorio: funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del sangue TESSUTO MUSCOLARE

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA.

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA. INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Ischemia miocardica Definizione Progressività Cause: non aumento del flusso a causa di stenosi o riduzione primaria del flusso dovuto a spasmo e/o trombosi. Stenosi 50% Accorciamento

Dettagli

CORSO ELETTROCARDIOG RAFIA

CORSO ELETTROCARDIOG RAFIA CORSO ELETTROCARDIOG RAFIA MEDICINA GENERALE Dr. Alberto Serio Corso formazione specifica M.G. MIOCELLULA OLARIZZATA + _ + _ + _ + _ + _ + + _ + _ + _ + _ + _ + + _ + _ + _ + + + + + + + + + + + + + +

Dettagli

Tuttavia, nonostante queste considerazioni cliniche, l ECG del paziente non è affatto tranquillizzante.

Tuttavia, nonostante queste considerazioni cliniche, l ECG del paziente non è affatto tranquillizzante. Interpretazione caso Dal punto di vista clinico la perdita di coscienza del nostro paziente appare del tutto suggestiva per una sincope a basso rischio. Infatti l esposizione al caldo e la fase post prandiale

Dettagli

Fisiologia Cardiaca.

Fisiologia Cardiaca. Fisiologia Cardiaca www.slidetube.it Arterie = vasi il cui flusso si allontana dal cuore Vene = vasi il cui flusso si avvicina al cuore 100% il flusso si inverte gap junctions muscolo scheletrico

Dettagli

Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione

Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione Catania 17 Aprile 2015 Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Una Stimolazione Elettrica

Dettagli

LE ARITMIE SI DIVIDONO IN:

LE ARITMIE SI DIVIDONO IN: LE ARITMIE SI DIVIDONO IN: IPOCINETICHE Aritmie ipocinetiche sinusali: Bradicardia Blocchi seno-atriali Arresto sinusale Battiti e ritmo di scappamento atriale e giunzionale Disturbi della conduzione AV:

Dettagli

Giuseppe Molino. MCAU Ospedale Civile Ragusa

Giuseppe Molino. MCAU Ospedale Civile Ragusa Giuseppe Molino MCAU Ospedale Civile Ragusa 1. Arresto cardiaco 2. Aritmie (bradi e tachi) 3. SCA 4. Varie ed eventuali F. 38 aa. Da venti minuti dolore toracico «tipico» ECG NORMALE O NON DIAGNOSTICO

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE

LE ARITMIE CARDIACHE LE ARITMIE CARDIACHE Obiettivi formativi Capire cos è una aritmia Conoscere i meccanismi fisiopatologici di base Conoscere le principali forme di aritmia Conoscere le principali conseguenze clincihe delle

Dettagli

Il defibrillatore impiantabile e la terapia resincronizzante

Il defibrillatore impiantabile e la terapia resincronizzante Il defibrillatore impiantabile e la terapia resincronizzante Carlo Budano Struttura Complessa Cardiologia Ospedaliera Azienda Ospedaliera S.G. Battista, Molinette di Torino Fin dall antichità i grandi

Dettagli

La gestione delle aritmie sul territorio

La gestione delle aritmie sul territorio La gestione delle aritmie sul territorio Relatori: Dr.ssa Lacopeta, Inf. Mastronardi Matera 14 Giugno 2014 Auditorium Ospedale Madonna delle Grazie Argomenti da trattare 1. FA DI RECENTE INSORGENZA E FA

Dettagli

ECG COSA SAPERE PER NON FARSI PRENDERE DAL PANICO CARDIOLOGIA SASSUOLO DOTT.SA ERMENTINA BAGNI 11 OTTOBE 2016

ECG COSA SAPERE PER NON FARSI PRENDERE DAL PANICO CARDIOLOGIA SASSUOLO DOTT.SA ERMENTINA BAGNI 11 OTTOBE 2016 ECG COSA SAPERE PER NON FARSI PRENDERE DAL PANICO CARDIOLOGIA SASSUOLO DOTT.SA ERMENTINA BAGNI 11 OTTOBE 2016 CUORE : Attività elettrica Attività meccanica L attivazione elettrica e vettori di attivazione

Dettagli

Ecg basic II Step. Francesco De Luca. Siracusa 21 maggio U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA

Ecg basic II Step. Francesco De Luca. Siracusa 21 maggio U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA Ecg basic II Step Francesco De Luca U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Siracusa 21 maggio 2016 F. De Luca U.O. Cardiologia Pediatrica Ferrarotto

Dettagli

! " # $ % ", ! "#$$ / 0( $#1$ 4( $#5$ 4(( $#$$

!  # $ % , ! #$$ / 0( $#1$ 4( $#5$ 4(( $#$$ ! " # $ % &'()#$*+ ", " %! "#$$ % $#&$ '( $#)$ * $#+$, $#-$ '( $#.$ / 0( $#1$ 2 $#3$ 4( $#5$ 6( $#"$ 4(( $#$$ -. / 0 % #$' ' *. 1 #1 2"3 $ % % &'((7 ( 3" 32 2017 - Deliberazione - Allegato Utente 5 (A05)

Dettagli

12. DISTURBI DI FORMAZIONE E PROPAGAZIONE DELL'IMPULSO

12. DISTURBI DI FORMAZIONE E PROPAGAZIONE DELL'IMPULSO 12. DISTURBI DI FORMAZIONE E PROPAGAZIONE DELL'IMPULSO 12.1 DISTURBI DELLA FORMAZIONE DELL'IMPULSO Disturbi della formazione dell'impulso sono: bradicardia sinusale arresto sinusale blocco seno-atriale

Dettagli

Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre. Arterie polmonari destre) Vena cava inferiore) Ventricolo destro

Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre. Arterie polmonari destre) Vena cava inferiore) Ventricolo destro Fisiologia cardiaca Arterie polmonari destre) Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre Atrio destro Vene polmonari sinistre Valvola bicuspide (mitrale) Valvola

Dettagli

Approccio al paziente con fibrillazione atriale. Clinica Medica

Approccio al paziente con fibrillazione atriale. Clinica Medica Approccio al paziente con fibrillazione atriale Clinica Medica Elementi essenziali Irregolarmente irregolare Frequenza cardiaca di solito elevata Spesso associata con cardiopalmo (esordio acuto) o facile

Dettagli

ADRENALINA - INDICAZIONI

ADRENALINA - INDICAZIONI ADRENALINA - INDICAZIONI ARRESTO CARDIACO ANAFILLASSI SHOCK CARDIOGENO (SECONDA SCELTA) ADRENALINA - DOSAGGIO ARRESTO CARDIACO: 1 mg OGNI 3 min 2005 FV/TV : dai adrenalina 1 mg ev se FV/TV persistono dopo

Dettagli

Quando il cuore diventa matto: Diagnosi e gestione delle aritmie nei primi due anni di vita F. De Luca, A. Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA Caso clinico 1 RITMO TACHICARDICO:

Dettagli

corso di formazione sull interpretazione dell ecg e della telemetria

corso di formazione sull interpretazione dell ecg e della telemetria corso di formazione sull interpretazione dell ecg e della telemetria Bruno Passaretti Responsabile Unità Operativa di Riabilitazione Humanitas Gavazzeni Bergamo, 2017 L onda di depolarizzazione (le cellule

Dettagli

IL RITMO CARDIACO E LE SUE ALTERAZIONI

IL RITMO CARDIACO E LE SUE ALTERAZIONI IL RITMO CARDIACO E LE SUE ALTERAZIONI Il ritmo normale del cuore è il ritmo sinusale, con una frequenza regolare tra 60 e 100 battiti al minuto. Questa è la definizione accettata dal Criteria Committee

Dettagli

BLOCCO DELLA CONDUZIONE INTERATRIALE

BLOCCO DELLA CONDUZIONE INTERATRIALE 176 Disturbi della conduzione Capitolo 12 BOX 12-3 BLOCCO O RITARDO DELLA CONDUZIONE INTRATRIALE NEL CANE del nodo del seno. INTERVALLI R-R: dipendenti dalla regolarità di scarica del nodo del seno. ONDA

Dettagli

SISTEMA CARDIOVASCOLARE IL CUORE. Circolazione coronarica. Sistema cardiaco di conduzione

SISTEMA CARDIOVASCOLARE IL CUORE. Circolazione coronarica. Sistema cardiaco di conduzione SISTEMA CARDIOVASCOLARE L apparato cardiovascolare è costituito da CUORE VASI ( arterie, vene e capillari) Il cuore è una pompa che tramite i vasi porta sangue ai diversi organi in quantità adeguata alle

Dettagli

LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SULL ECG NEI PAZIENTI PORTATORI DI PM

LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SULL ECG NEI PAZIENTI PORTATORI DI PM LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SULL ECG NEI PAZIENTI PORTATORI DI PM A cura di Massimo Zecchin 1. Non sempre l artefatto di stimolazione del pacemaker è visibile. 2.Se l artefatto di stimolazione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PACEMAKERS, DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI ED ELETTROCATETERI

CAPITOLATO TECNICO PACEMAKERS, DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI ED ELETTROCATETERI CAPITOLATO TECNICO PACEMAKERS, DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI ED ERI /LOTTO NORD- OV SUD- BIENNALE PMK SS - LOTTO 1 179 86 55 38 PMK SSI SINGOLA CAMERA Pacemaker SSI : - ridotte dimensioni; - ampiezza programmabile

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SU: CHE COSA SI DEVE CONTROLLARE NEL FOLLOW-UP DEI DISPOSITIVI CRT

LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SU: CHE COSA SI DEVE CONTROLLARE NEL FOLLOW-UP DEI DISPOSITIVI CRT LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SU: CHE COSA SI DEVE CONTROLLARE NEL FOLLOW-UP DEI DISPOSITIVI CRT A cura di Donato Melissano Il controllo del paziente portatore di un dispositivo impiantabile

Dettagli

Malattie dell apparato cardiovascolare

Malattie dell apparato cardiovascolare Malattie dell apparato cardiovascolare Modulo del Corso Interdisciplinare Clinico della Laurea in Fisioterapia Docente: Dott. Alessandro Verzoni Dipartimento di Scienze della Salute Programma del corso

Dettagli

Aritmie. I sintomi delle tachiaritmie saranno :

Aritmie. I sintomi delle tachiaritmie saranno : Aritmie Medicina Interna 06/03/2017 Prof. Durante La cosa fondamentale è distinguere tra aritmie sopraventricolare ed aritmie ventricolari: le prime avranno un QRS stretto ( < 0,12 sec ), le seconde avranno

Dettagli

L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia

L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia EGSYS 2006 Cause di sincope Dati da 3 Syncope Units (Alboni 2001) 49% 39% 72% Neuromediata Cardiaca Inspiegata 12% 25% 3% Cardiopatia e/o ECG patologico Cardiopatia

Dettagli

Fisiopatologia delle malattie cardiovascolari

Fisiopatologia delle malattie cardiovascolari Fisiopatologia delle malattie umane Lezione del 21/10/2013 Fisiopatologia delle malattie cardiovascolari Libro di testo: Manuale di malattie cardiovascolari da reperire sul sito www.sicardiologia.it Capitoli:

Dettagli

FDB NUOVA STIMOLAZIONE ELETTRICA DEL CUORE

FDB NUOVA STIMOLAZIONE ELETTRICA DEL CUORE FDB NUOVA STIMOLAZIONE ELETTRICA DEL CUORE Stimolazione bicamerale a tre stimoli sequenziali Resincronizzazione cardiaca con solo due elettrodocateteri (Ad+Vd) Una ricerca al 100% in purezza italiana,

Dettagli

Fisiologia cardiovascolare

Fisiologia cardiovascolare Corso Integrato di Fisiologia Umana Fisiologia cardiovascolare La funzione cardiaca: Eventi elettrici e meccanici Anno Accademico 2007-2008 1 Anatomia macroscopica del cuore Anno Accademico 2007-2008 2

Dettagli

3. ANATOMIA DEL SISTEMA DI CONDUZIONE

3. ANATOMIA DEL SISTEMA DI CONDUZIONE 3. ANATOMIA DEL SISTEMA DI CONDUZIONE Il sistema di conduzione cardiaco e' costituito da: - Nodo seno-atriale (pacemaker fisiologico) - Tratti internodali (conduzione atriale) - Nodo atrio-ventricolare

Dettagli

LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SU: COME INTERROGARE E PROGRAMMARE UN DEFIBRILLATORE

LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SU: COME INTERROGARE E PROGRAMMARE UN DEFIBRILLATORE LE 5 COSE CHE TUTTI I CARDIOLOGI DEVONO SAPERE SU: COME INTERROGARE E PROGRAMMARE UN DEFIBRILLATORE A cura di Donato Melissano LE CINQUE COSE 1. Il defibrillatore impiantabile riconosce e tratta le aritmie

Dettagli

Sincope cardiaca: diagnosi e terapia. Maurizio Lunati MD. SC Elettrofisiologia Dipartimento Cardiologico A. De Gasperis AO Niguarda Cà Granda Milano

Sincope cardiaca: diagnosi e terapia. Maurizio Lunati MD. SC Elettrofisiologia Dipartimento Cardiologico A. De Gasperis AO Niguarda Cà Granda Milano Sincope cardiaca: diagnosi e terapia Maurizio Lunati MD SC Elettrofisiologia Dipartimento Cardiologico A. De Gasperis AO Niguarda Cà Granda Milano Definizione La sincope cardiaca è una perdita transitoria

Dettagli

Tachicardie parossistiche sopraventricolari

Tachicardie parossistiche sopraventricolari Università degli studi di Roma La Sapienza Iᵃ Facoltà di Medicina e Chirurgia Master in terapia intensiva pediatrica e neonatale Direttore: Prof Corrado Moretti Tachicardie parossistiche sopraventricolari

Dettagli

LE ARITMIE SI DIVIDONO IN:

LE ARITMIE SI DIVIDONO IN: LE ARITMIE SI DIVIDONO IN: IPOCINETICHE Aritmie ipocinetiche sinusali: Bradicardia Blocchi seno-atriali Arresto sinusale Battiti e ritmo di scappamento atriale e giunzionale Disturbi della conduzione AV:

Dettagli

Dolore. Compito 1 Siete di pattugliamento in occasione di un posto samaritano. Vi imbattete nella seguente situazione.

Dolore. Compito 1 Siete di pattugliamento in occasione di un posto samaritano. Vi imbattete nella seguente situazione. Compito Dolore Tempo: 10 minuti Compito 1 Siete di pattugliamento in occasione di un posto samaritano. Vi imbattete nella seguente situazione. Pensate ad alta voce e spiegate come state procedendo! Ogni

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto. Dott. M. Pignalosa

SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto. Dott. M. Pignalosa SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto Dott. M. Pignalosa SINDROME DI BRUGADA PATOLOGIA ARITMOGENA GENETICA (IN GENERE LEGATA AL GENE SCN5A) A TRASMISSIONE AUTOSOMICA DOMINANTE CON PENETRANZA

Dettagli

ECG. Cosa sapere per non farsi prendere dal panico. cardiologia sassuolo. Dott.sa Ermentina Bagni. 5 Aprile 2018

ECG. Cosa sapere per non farsi prendere dal panico. cardiologia sassuolo. Dott.sa Ermentina Bagni. 5 Aprile 2018 ECG Cosa sapere per non farsi prendere dal panico cardiologia sassuolo 5 Aprile 2018 Dott.sa Ermentina Bagni CUORE : Attività elettrica Attività meccanica L attivazione elettrica e vettori di attivazione

Dettagli

Tessuto muscolare cardiaco

Tessuto muscolare cardiaco Tessuto muscolare cardiaco Le cellule muscolari cardiache sono ramificate, possiedono un unico nucleo e sono unite tra loro da giunzioni specializzate dette dischi intercalari in corrispondenza dei quali

Dettagli

PACEMAKER BICAMERALI DDD RATE-RESPONSIVE CON RELATIVI CATETERI

PACEMAKER BICAMERALI DDD RATE-RESPONSIVE CON RELATIVI CATETERI ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE OGGETTO E CARATTERISTICHE DELLA FORNITURA L oggetto della presente gara è l acquisto di pacemakers, defibrillatori e monitor cardiaci impiantabili e relativi accessori

Dettagli

Controlli di qualità effettuati sui record flusso RERAI Registro Regionale di Aritmologia Interventistica Modifiche anno 2016

Controlli di qualità effettuati sui record flusso RERAI Registro Regionale di Aritmologia Interventistica Modifiche anno 2016 Controlli di qualità effettuati sui record flusso RERAI Registro Regionale di Aritmologia Interventistica Modifiche anno 2016 Il database regionale di aritmologia interventistica (RERAI) raccoglie tutte

Dettagli

13. ARITMIE Bradicardia sinusale

13. ARITMIE Bradicardia sinusale 13. ARITMIE 13.1 Bradicardia sinusale Si parla di bradicardia quando la frequenza è inferiore ai 60 bat/min.si presuppone una genesi sinusale se le onde P sono regolari e positive nelle derivazioni II,

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO. Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica. Gabriella De Rosa. Roma

DISTURBI DEL RITMO. Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica. Gabriella De Rosa. Roma Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica Roma 22.10.2016 DISTURBI DEL RITMO Gabriella De Rosa Cardiologia Pediatrica-Policlinico Gemelli- Roma Le aritmie sono lo spauracchio di ogni pediatra, cardiologo

Dettagli