Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali."

Transcript

1 Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Nei capitoli precedenti abbiamo visto come realizzare dei modelli grafici costruendo le viste direttamente sui piani di proiezione ortogonali o sul quadro prospettico. Ora mettiamo in relazione i due sistemi di rappresentazione per ottenere immagini prospettiche partendo da proiezioni parallele ortogonali dell oggetto. Illustreremo tre metodi che, sfruttando le cognizioni acquisite, ci permetteranno di ottenere in modi diversi lo stesso risultato. Tav.27. Nel primo metodo, che chiameremo delle rette al punto principale e al punto di distanza, poniamo sul piano di proiezione ortogonale la vista in pianta dell oggetto con quella in pianta del piano di proiezione prospettico A B e mettiamo in relazione il piano con il piano prospettico visto frontalmente ( ). Per comodità facciamo coincidere A B con il lato superiore dell inquadratura. tav.27 tav.28

2 tav.29 Tracciamo dai vertici della figura le rette che formano col quadro angoli di 45 e 90. Trasferiamo, per mezzo di linee di richiamo, le tracce delle rette dal quadro visto in pianta (A B ) al quadro prospettico frontale e le uniamo con i rispettivi punti di fuga D e O stabiliti in precedenza in base alla posizione assegnata al centro di proiezione. Nelle intersezioni tra le rette corrispondenti si formeranno le immagini prospettiche dei vertici della figura. Dalle viste ortogonali di prospetto e di profilo (qui non rappresentate) ricaveremo poi le quote degli eventuali alzati da riportare sul quadro prospettico. Tav.28. Definiamo questo metodo metodo delle parallele dal centro di proiezione. Come nella tavola precedente, mettiamo in relazione la vista in pianta dell oggetto e del piano prospettico con l inquadratura prospettica frontale ( ). Evidenziamo sul piano di proiezione ortogonale le rette cui appartengono i lati dell oggetto. Sul quadro prospettico frontale ruotiamo il piano dell orizzonte (vedi tav. 23) allo scopo di ottenere il ribaltamento del centro di proiezione O* sulla parte inferiore del piano di lavoro. Ora portiamo per O* la parallela r* alla retta r fino a ottenere la fuga F r, comune a entrambe. Con una linea di richiamo ricaviamo la posizione T r sul quadro frontale della traccia T r della retta r : otteniamo le informazioni necessarie per produrre l immagine prospettica r della retta r. Tav.29. Il metodo che chiameremo dei raggi proiettanti si basa sulla costruzione delle proiezioni parallele ortogonali non solo dell oggetto ma anche del quadro prospettico e del centro di proiezione O, come suggerito nella tav. 5. Poniamo nella parte superiore dell inquadratura frontale ( ) la vista in pianta del quadro ( ') e del centro O e nella parte laterale la vista di profilo del quadro ( ) e il punto O. In prima proiezione portiamo da O i raggi proiettanti ai punti A, B e C : l intersezione con il quadro ' del raggio proiettante produce la vista in pianta dell immagine prospettica del punto corrispondente (per esempio il punto A ' è la vista in pianta dell immagine prospettica del punto A ). Tracciamo per O i raggi proiettanti ottenendo le viste di profilo sul quadro delle immagini prospettiche dei punti A,B e C (A è l immagine sul quadro visto di

3 profilo del punto A ). Incrociamo sulla vista frontale del quadro, con linee di richiamo, i punti individuati sulle due viste in pianta e di profilo del quadro stesso e otterremo l immagine prospettica A B C della figura. Restituzione prospettica. La restituzione nello spazio è la capacità del modello di rievocare l oggetto rappresentato (o meglio la sua sintesi geometrica) ripercorrendo in ordine inverso le operazioni di proiezione. Il metodo della restituzione prospettica cioè permette di ricostruire nello spazio un oggetto partendo da una sua immagine prospettica. Se stiamo realizzando una immagine direttamente sul quadro siamo evidentemente a conoscenza dell orientamento interno che regola il nostro impianto prospettico (quadro e centro di proiezione). Utilizzando in modo adeguato le procedure descritte in precedenza siamo in grado quindi, mettendo in relazione i due sistemi di rappresentazione, di risalire senza difficoltà alle proiezioni ortogonali dell oggetto partendo da una sua immagine prospettica. Porre in relazione tra loro i piani proiettivi ortogonali e il quadro prospettico risulta estremamente vantaggioso soprattutto in fase di progettazione: le proprietà dei due sistemi in questo modo si completano fornendo uno strumento efficace per la costruzione del modello. Per risalire allo sviluppo spaziale dell oggetto partendo semplicemente da una sua immagine prospettica, senza cioè disporre di informazioni sulla posizione del centro di proiezione e del quadro, dobbiamo ricavare dall immagine stessa altre informazioni che ci permettano di ricostruire l orientamento interno della prospettiva: ortogonalità degli angoli, misure reali degli oggetti rappresentati e così via. Non approfondiremo l argomento poiché la conoscenza di questo tipo di tecniche di restituzione è di scarsa utilità nel nostro ambito di studi (nota 1). In ambiente teatrale la restituzione nello spazio di un immagine data si effettua di norma ignorando l orientamento interno della costruzione prospettica e adottando invece un centro di proiezione e un inquadratura convenzionali. Questa procedura è stata elaborata per permetterne la visione corretta da un punto di vista privilegiato, posto al centro della sala, che osserva l oggetto restituito attraverso l inquadratura del boccascena. La pratica progettuale in scenografia suggerisce di inquadrare l immagine da restituire entro un rettangolo la cui base abbia con l altezza un rapporto di 8:5. Poniamo il centro di proiezione o punto di vista a una distanza dal quadro pari ai 3/2 della misura della base del rettangolo, in posizione centrale, e l orizzonte a un altezza da terra pari ai 2/5 dell altezza del rettangolo (nota 2). Tav.30. Per poter restituire nello spazio l oggetto rappresentato ne ricostruiamo le viste sui piani di proiezione ortogonali adottando il metodo dei raggi proiettanti (tav. 29), che qui chiameremo traguardi. Disponiamo dunque sopra e ai lati dell immagine rispettivamente la vista in pianta e di profilo del quadro prospettico e del punto di vista. Per economia di spazio sovrappongo la pianta del quadro al lato superiore dell inquadratura.

4 tav.30 Ricavo con linee di richiamo le viste in pianta e di profilo (A e A ) del punto A. Unisco O e A con un traguardo: la retta O A incontra il piano orizzontale, su cui è rappresentato A nell immagine, nel punto A R. Si tratta della vista di profilo del punto A restituito. Traccio il traguardo anche in prima proiezione (O A ) e lo incrocio con la linea di richiamo ottenendo il punto A R, vista in pianta del punto A restituito. tav.31

5 Tav.31. Allo stesso modo ricavo tutti gli altri punti dell immagine. Dispongo ora della pianta e del profilo dell oggetto: opero il ribaltamento in pianta e ottengo la vera forma dell oggetto restituito. Tav.32. Difficilmente lo spazio suggerito da un immagine prospettica è compatibile con lo spazio a disposizione sul palcoscenico. Possiamo intervenire in questo caso sulle dimensioni dell oggetto restituito adeguandole allo spazio reale senza modificarlo dal punto di vista proiettivo. Sappiamo (tav. 17) che l immagine di un punto P corrisponde all intersezione P del raggio proiettante, cui il punto appartiene, con il piano di proiezione prospettica. Procedendo in senso inverso però osserviamo che il punto P del quadro è la traccia della retta OP e quindi la rappresenta sul piano prospettico: questo significa che ogni punto della retta è rappresentato da P. Se questo è vero, allora posso decidere di restituire il punto A in uno qualunque dei punti del traguardo O A, per esempio il punto che si trova dietro al quadro a una distanza k dal quadro stesso. Congiungo la linea di terra del quadro con il nuovo punto A R e ottengo la vista di profilo di un piano inclinato, restituzione prospettica del piano orizzontale. Costruisco su questo piano il profilo dell oggetto restituito e ne riporto le coordinate in pianta. Il risultato è un oggetto restituito in uno spazio arbitrario che però conserva, osservato dal punto O, le caratteristiche dell immagine rappresentata sul quadro e di conseguenza, poiché l immagine è la stessa, appare identico anche all oggetto restituito in tav. 31. tav.32

6 Progettare in ambiente teatrale. Abbiamo accennato al fatto che il centro di proiezione della restituzione prospettica corrisponde in uno spazio teatrale al punto di vista di uno spettatore privilegiato. Ma la comunità di spettatori che assiste alla rappresentazione, anche in una sala posta frontalmente a un palco incorniciato dall arcoscenico, come nel caso degli edifici teatrali di tradizione italiana, osserva la scena da più punti di vista e a ognuno di questi si deve offrire allo sguardo senza soluzioni di continuità. La scena può essere il frutto della restituzione di un bozzetto oppure può essere realizzata direttamente sul palcoscenico: in ogni caso dobbiamo fare in modo che risulti coerente, qualunque sia il punto della sala da dove viene osservata. In particolare dobbiamo evitare che tra le varie parti che la compongono appaiano degli sfori, delle aperture cioè che lascino intravedere lo spazio oltre la scena. Tav. 33. Le due immagini sono la vista in pianta e in sezione di un teatro all italiana. Il punto O indica il centro di proiezione cui si ricorre per realizzare la restituzione prospettica dell immagine rappresentata sul quadro (che si trova virtualmente in corrispondenza del diaframma di boccascena). Il punto A indica lo spettatore seduto in platea sulla prima poltrona laterale della prima fila e viene considerato il punto di vista laterale estremo, dal momento che per consuetudine si trascura il punto di vista di chi si trova negli eventuali palchi di proscenio. B è il punto dal quale si tracciano i traguardi necessari ad allineare correttamente gli elementi che compongono la parte superiore della scena. C infine è lo spettatore che si trova nell ultimo ordine di palchi: l altezza dell inquadratura di boccascena deve essere proporzionata alla profondità della scena per permettergli una visione sufficientemente ampia dello spazio scenico. tav.33

7 tav.34 Tav.34. Nell esempio indicato sono descritte schematicamente le viste in pianta e di profilo di una scena formata da quinte, soffitti e fondale: la cosiddetta scena all italiana. La posizione e le dimensioni dei vari elementi sono definiti, oltre che dalle esigenze della messa in scena, anche dai traguardi tracciati dai punti A e B. L immagine (il bozzetto) dal quale la scena è stata ricavata illustra solo la parte di scena che viene osservata dal punto O: per quanto riguarda il fondale per esempio, il bozzetto ne descrive solo la porzione o. Lo spettatore che occupa la poltrona laterale di prima fila vede invece del fondale la porzione o+a e tutti gli spettatori di prima fila ne vedono la porzione o+b. E necessario dunque completare adeguatamente il progetto scenico aggiungendo le parti che non appaiono nel bozzetto iniziale in modo tale che la scena risulti coerente anche se osservata da un qualunque altro punto della sala diverso da O. Nota 1. Il problema inverso della prospettiva nasce con l invenzione della prospettiva stessa. Nel trattato del 1600 Perspectivae libri sex di Guidubaldo del Monte viene affrontato per la prima volta in termini scientifici un problema di restituzione prospettica. Data una linea BC sul piano orizzontale e la sua rappresentazione DE sul quadro (qui ribaltato sul piano orizzontale) trovare la distanza dal quadro e l altezza da terra del centro di proiezione. Le rette BF e CG sono la vista in pianta dei raggi proiettanti che si intersecano nel punto S, proiezione sul piano orizzontale del centro di proiezione. Posti DF=FH e EG=GK, le rette BH e CK intersecano in A. Il segmento AS è proporzionale a FD ed EG e quindi è l altezza da terra del centro di proiezione. Nella moderna fotogrammetria si applicano i principi della restituzione prospettica a immagini fotografiche: utilizzando le informazioni fornite dalla fotografia è infatti possibile risalire all orientamento interno dell immagine e da qui alle dimensioni reali dell oggetto rappresentato.

8 Nota 2. L origine di queste convenzioni va probabilmente cercata nelle proporzioni architettoniche che caratterizzano buona parte degli edifici teatrali di tradizione. Notiamo d altra parte che le cifre che regolano le proporzioni indicate appartengono alla sequenza di Fibonacci (ogni numero della sequenza è pari alla somma dei due numeri che lo precedono), dove il rapporto tra un numero e quello che lo precede è una approssimazione del rapporto aureo 1,618033; possiamo supporre quindi che le proporzioni indicate siano delle semplificazioni di rapporti aurei Assonometria. L assonometria, in termini generali, è la rappresentazione dell oggetto ottenuta per proiezione parallela su un piano di proiezione orientato obliquamente rispetto all oggetto stesso e alla terna di piani cartesiani cui si riferisce. In alcuni casi, come vedremo, il piano di proiezione può anche coincidere con uno dei piani di riferimento. Offre il vantaggio di suggerire lo sviluppo spaziale dell oggetto per mezzo di un immagine che però conserva le caratteristiche delle proiezioni parallele. tav.35 Tav.35. Le rette x, y, z generano i tre piani tra loro ortogonali xy, xz, yz. Il piano di proiezione interseca gli assi nei punti Tx, Ty, Tz. Le tracce TxTy, TxTz, TyTz dei piani cartesiani formano sul quadro il triangolo delle tracce. Il fascio di raggi proiettanti paralleli r proietta l immagine sul piano liberamente orientato rispetto ai piani cartesiani. L incidenza del fascio di rette r su può essere ortogonale oppure obliqua: si distingue dunque un assonometria ortogonale e una assonometria obliqua. Dal momento che l orientamento del piano di proiezione e dei raggi proiettanti è arbitrario se ne deduce che dello stesso oggetto è possibile generare un numero infinito di viste assonometriche.

9 tav.36 Tav.36. Per costruire un immagine assonometrica si tracciano sul piano le proiezioni dei tre assi di riferimento x, y, z e su questi si staccano le misure delle coordinate del punto da rappresentare. L insieme dei tre segmenti mx, my, mz che determinano la posizione del punto P è detto spezzata costruttrice del punto. Alcuni metodi di rappresentazione assonometrica risultano vantaggiosi per la loro semplicità e chiarezza espositiva e noi concentreremo la nostra attenzione su di loro descrivendone brevemente le tecniche costruttive. tav.37 Tav.37. Assonometria ortogonale isometrica. Un immagine di questo tipo è generata da un fascio di raggi proiettanti perpendicolari al piano di proiezione, orientato in modo che le intersezioni con i piani cartesiani formino un triangolo delle tracce equilatero. Per realizzare un assonometria ortogonale isometrica, in pratica, tracciamo sul quadro le tre semirette x, y, z in modo che formino tra loro angoli di 120 e costruiamo l immagine utilizzando su tutti e tre gli assi l unità di misura (u) indicata nella scala di riduzione. Nel caso del cubo rappresentato in figura, le misure di tutti i lati corrispondono in scala a quelle reali.

10 Tav.38. Assonometria militare. Nell assonometria militare il piano di proiezione è parallelo al piano xy, cioè al piano orizzontale. I raggi proiettanti lo attraversano obliquamente producendo così un immagine dove i piani orizzontali appaiono nella loro vera forma mentre le viste corrispondenti ai piani xz e yz appaiono deformate. Osserviamo infatti che i lati superiore e inferiore del cubo rappresentato sono quadrati. Disponiamo dunque gli assi sul quadro in modo che x e y siano ortogonali tra loro e non allineati con l asse z, orientato verticalmente. Le misure corrispondenti agli assi x e y si ottengono dall unità di misura indicata nella scala. Le misure ricavate sull asse z si possono riferire alla stessa unità di misura. L immagine ottenuta in questo modo però appare distorta in modo sgradevole; è conveniente quindi applicare a queste ultime una opportuna riduzione, così come appare nel disegno, non dimenticando di indicare l unità di misura (uz) utilizzata. tav.38 Tav.39. Assonometria cavaliera. Questa assonometria, come la precedente, è un assonometria obliqua che si costruisce su un piano di proiezione parallelo al piano xz. Di conseguenza tutti i piani paralleli al piano xz appaiono frontali e sono descritti nella loro vera forma. Tracciamo le proiezioni degli assi in modo che x e z risultino ortogonali tra loro e che l asse y non sia allineato. Come nell esempio precedente, anche qui le coordinate dei punti misurate sugli assi x e z corrispondono in scala alle misure reali dell oggetto mentre quelle ricavate sull asse y utilizzano un unità di misura opportunamente ridotta allo scopo di rendere più verosimile lo sviluppo spaziale dell oggetto.

11 tav.39 Tav.40. Assonometria speciale. Si tratta di un assonometria obliqua dove il piano di proiezione corrisponde al piano xy; la direzione dei raggi di proiezione è parallela al piano yz e forma con il piano di proiezione un angolo di 45. In pratica il piano yz viene visto di profilo, ottenendo così la sovrapposizione degli assi. Le unità di misura sono tutte uguali e le misure sono quelle reali dell oggetto. L immagine che ne deriva perde la vista di profilo ma conserva la vera forma sia dei piani orizzontali che dei prospetti. Risulta quindi inefficace quando l orientamento dell oggetto non ci permette di afferrarne lo sviluppo tridimensionale, come nel caso del cubo raffigurato nell immagine a sinistra. Appare perfettamente adeguata invece nella rappresentazione del prisma che si trova sul lato destro. tav.40

Fig. 2. Proiezioni ortogonali di un parallelepipedo su piani esterni alla figura

Fig. 2. Proiezioni ortogonali di un parallelepipedo su piani esterni alla figura 3. LE PROIEZIONI ORTOGONALI Le proiezioni ortogonali sono originate dallo scopo di proiettare su un piano (il foglio della rappresentazione) un oggetto posto nello spazio, che conservi le stesse caratteristiche

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

Unificazione nel disegno. Enti di unificazione

Unificazione nel disegno. Enti di unificazione Unificazione nel disegno Norme per l esecuzione e la lettura dei disegni finalizzate ad una interpretazione univoca conforme alla volontà del progettista. Enti di unificazione ISO: International standard

Dettagli

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Corso di Laurea in DISEGNO INDUSTRIALE A.A. 2007-08 - 1 Semestre Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Calendario del corso con argomenti svolti

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Assonometrie per l angolo di incidenza dei raggi disposizione del pian0 di proiezione

Assonometrie per l angolo di incidenza dei raggi disposizione del pian0 di proiezione Assonometria La proieione assonometrica (detta anche assonometria)è la proieione di una figura sopra un piano di rappresentaione (quadro) ottenuta colpendo l oggetto con un raggio di rette parallele (centro

Dettagli

Elementi di Disegno Tecnico A

Elementi di Disegno Tecnico A docente: Giuseppe Modica A.A. 2007-2008 Elementi di Disegno Tecnico A Corsi di Disegno tecnico e Strumenti di analisi del territorio Laboratorio di progettazione e Disegno tecnico computerizzato 1 Disegno

Dettagli

la restituzione prospettica da singolo fotogramma

la restituzione prospettica da singolo fotogramma la restituzione prospettica da singolo fotogramma arch. francesco guerini francesco.guerini@gmail.com politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione 1 Prof. Andrea

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura

Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura Seconda Università di Napoli Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Architettura Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI Lezione 3: Proiezioni Ortogonali con il metodo europeo Francesca Campana Le proiezioni ortogonali Le proiezioni ortogonali descrivono bi-dimensionalmente un oggetto

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione 2 Rendering nello spazio 2D Il processo di rendering (visualizzazione)

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Definizione DEFINIZIONE

Definizione DEFINIZIONE Definizione Funzione reale di due variabili reali Indichiamo con R 2 l insieme di tutti i vettori bidimensionali. Dato un sottoinsiemed R 2, una funzione f: D R è una legge che assegna a ogni punto (x,

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali:

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali: TRIANGOLI Geogebra IL TRIANGOLO 1. Fai clic sull icona Ic2 e nel menu a discesa scegli Nuovo punto : fai clic all interno della zona geometria e individua il punto A. Fai di nuovo clic per individuare

Dettagli

30 o. 60 o. assocubo.ggb. Disegno tecnico + costruzione cartellina. a cura di Manuela Menzaghi 1

30 o. 60 o. assocubo.ggb. Disegno tecnico + costruzione cartellina. a cura di Manuela Menzaghi 1 assocubo.ggb Assonometria monometrica del cubo con gli strumenti geometrici di NOTEBOOK Z Y 60 o 60 o 30 o X L.T. Assonometria monometrica con squadra e righello interattivo a cura di Manuela Menzaghi

Dettagli

Fig. 23. Viste assonometriche di un cubo

Fig. 23. Viste assonometriche di un cubo 4. L ASSONOMETRIA Marco Cardini L'assonometria, come metodo grafico di rappresentazione degli oggetti nello spazio tridimensionale, viene descritta da MONGE nel trattato di "GEOMETRIE DESCRIPTIVE" edito

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

LIVELLO STUDENT S1. S2. S3. S4. S5. S6.

LIVELLO STUDENT S1. S2. S3. S4. S5.  S6. LIVELLO STUDENT S1. (5 punti ) La figura mostra due quadrati uguali che hanno in comune esattamente un vertice. È possibile precisare la misura dell'angolo ABC? S2. (7 punti ) Negli usuali fogli (rettangolari)

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Modellare una poltrona

Modellare una poltrona 7 Modellare una poltrona Sfruttando i comandi di costruzione delle superfici, modelleremo un arredo di media complessità, la poltrona, alla ricerca di una geometria organica che rispetti la continuità

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

Proiezioni Ortogonali Scopo del Disegno e del Disegno Tecnico Disegno: Rappresentare su un piano bidimensionale (ad esempio un foglio di carta) un oggetto nella realtà tridimensionale. Non è richiesta

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Proiezioni Grafica 3d

Proiezioni Grafica 3d Proiezioni Grafica 3d Giancarlo RINALDO rinaldo@dipmat.unime.it Dipartimento di Matematica Università di Messina ProiezioniGrafica 3d p. 1 Introduzione Il processo di visualizzazione in 3D è intrinsecamente

Dettagli

La teoria delle ombre nelle proiezioni ortogonali

La teoria delle ombre nelle proiezioni ortogonali La teoria delle ombre nelle proiezioni ortogonali Nello studio della storia dell'arte è facilmente verificabile come la luce sia sempre stata considerata un importante mezzo espressivo. Artisti di ogni

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

DISEGNO E LABORATORIO CAD

DISEGNO E LABORATORIO CAD CORSO DI DISEGNO E LABORATORIO CAD CIVILI C.D.L. INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E EDILE A.A. 2014 2015 P R O G R A M M A DISEGNO E LABORATORIO CAD Docente: Ing. Marco NOCERA m.nocera@email.it Codocente:

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

Corso di disegno. Riccardo Migliari 2015-2016

Corso di disegno. Riccardo Migliari 2015-2016 Corso di disegno Riccardo Migliari 2015-2016 ii Indice 1 Prolusione 1 1.1 Il disegno come tramite tra il pensiero e la realtà................................ 1 1.2 Il disegno dell architettura...........................................

Dettagli

Alla ricerca del rettangolo più bello

Alla ricerca del rettangolo più bello Alla ricerca del rettangolo più bello Livello scolare: biennio Abilità interessate Individuare nel mondo reale situazioni riconducibili alla similitudine e descrivere le figure con la terminologia specifica.

Dettagli

Modellare una copertura a falde

Modellare una copertura a falde 4 Modellare una copertura a falde Costruire un tetto a falde partendo dalla posizione dei muri. Utilizzeremo sia strumenti di creazione sia strumenti di deformazione dei solidi. Introduzione In questo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

PROIEZIONI ORTOGONALI

PROIEZIONI ORTOGONALI PROIEZIONI ORTOGONALI 104 Il metodo della doppia proiezione ortogonale Il metodo attualmente conosciuto come metodo delle proiezioni ortogonali (o proiezioni ortografiche) inizialmente nacque come metodo

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta

Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta Il concetto di similitudine è innato: riconosciamo lo stesso oggetto se è più o meno distante

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering 1 Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione I parametri della vista 3D I sistemi di coordinate 2 I parametri

Dettagli

La spirale iperbolica: Fu descritta per la prima volta da Pierre Varignon (1654-1722). L equazione, espressa in coordinate polari, è del tipo:

La spirale iperbolica: Fu descritta per la prima volta da Pierre Varignon (1654-1722). L equazione, espressa in coordinate polari, è del tipo: Esistono delle forme geometriche che sono in grado, per complessi fattori psicologici non del tutto chiariti, di comunicarci un senso d equilibrio, di gradimento e di benessere. Tra queste analizzeremo

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Giuseppe Ruffo. Fisica: lezioni e

Giuseppe Ruffo. Fisica: lezioni e Giuseppe Ruffo Fisica: lezioni e problemi Unità A2 - La rappresentazione di dati e fenomeni 1. Le rappresentazioni di un fenomeno 2. I grafici cartesiani 3. Le grandezze direttamente proporzionali 4. Altre

Dettagli

Punti notevoli di un triangolo

Punti notevoli di un triangolo Punti notevoli dei triangoli (UbiLearning). - 1 Punti notevoli di un triangolo Particolarmente importanti in un triangolo sono i punti dove s intersecano specifici segmenti, rette o semirette (Encyclopedia

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi Tra i molteplici interessi scientifici di Leonardo non dobbiamo dimenticare la matematica.

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

1 il coordinatore prof. Gaetano Fiore

1 il coordinatore prof. Gaetano Fiore Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica A. S. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE CLASSE 2 UNITA FORMATIVA 1 GLI OGGETTI E LA LORO FORMA Insegnante: Rota Margherita - ITP: Chilelli

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso.

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Scheda I. La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Dopo Menecmo, Archita, Eratostene molti altri, sfidando gli dei hanno trovato interessante dedicare il loro tempo per trovare una

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE

CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE RHINOCEROS FLAMINGO PENGUIN BONGO CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE Gabriele Verducci RHINOCEROS FLAMINGO PENGUIN BONGO INDICE:.01 cenni di informatica differenza tra files bitmap

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Gli oggetti 3D di base

Gli oggetti 3D di base Gli oggetti 3D di base 04 Attraverso gli oggetti 3D di base, AutoCAD dispiega la sua capacità di modellazione per volumi e per superfici per quei modelli che si possono pensare come composizioni di oggetti

Dettagli

Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità

Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità Angelo Ambrisi Ne plus ultra. Non si va oltre! Gli integrali costituiscono le colonne d Ercole dell insegnamento della

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

PROBLEMI DI MASSIMO E MINIMO ESEMPI INTRODUTTIVI ELEMENTARI. PROBLEMA 1: Tra i rettangoli di perimetro 20 cm, determina quello di area massima.

PROBLEMI DI MASSIMO E MINIMO ESEMPI INTRODUTTIVI ELEMENTARI. PROBLEMA 1: Tra i rettangoli di perimetro 20 cm, determina quello di area massima. PROBLEMI DI MASSIMO E MINIMO ESEMPI INTRODUTTIVI ELEMENTARI Introduzione Vengono qui presentati alcuni semplici problemi di massimo e minimo. Leggi con attenzione e completa i passaggi mancanti. Prova

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI RILIEVO DEGLI ALZATI Per collegare correttamente il rilievo altimetrico di più ambienti sovrapposti in verticale è necessario costruire un riferimento esterno all edificio al quale relazionare le quote

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Una grande nave cargo

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

SEZIONI. Introduzione

SEZIONI. Introduzione SEIONI 128 Introduzione Sezionare un solido significa tagliarlo secondo una superficie ideale in modo da mostrare il volume interno del solido stesso. Nella maggior parte dei casi l elemento secante è

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

La quotatura costituisce il complesso delle informazioni in un disegno che precisano le dimensioni di un oggetto o di un componente meccanico

La quotatura costituisce il complesso delle informazioni in un disegno che precisano le dimensioni di un oggetto o di un componente meccanico La quotatura costituisce il complesso delle informazioni in un disegno che precisano le dimensioni di un oggetto o di un componente meccanico 1 La quotatura è ottenuta con i seguenti elementi La linea

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

CORSO DI FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO LEZIONE 2 PROIEZIONI ORTOGONALI

CORSO DI FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO LEZIONE 2 PROIEZIONI ORTOGONALI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI (PAS) - A.A. 2013-2014 UNIVERSITÀ DI PISA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E INDUSTRIALE (DICI) CORSO DI FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO LEZIONE 2 PROIEZIONI ORTOGONALI 1 CENNI

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE

LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE Le saldature si realizzano prevalentemente con il metodo dell arco elettrico, utilizzando elettrodi rivestiti, che forniscono il materiale di apporto. Il collegamento è

Dettagli