2) Come costruire una dieta appropriata

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2) Come costruire una dieta appropriata"

Transcript

1 2) Come costruire una dieta appropriata Per facilitare la costruzione di una dieta adeguata a eventuali problematiche emerse dall analisi del sangue, è proposta questa dieta articolata su colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena, oltre a eventuali pasti fuori casa. Si tratta d indicazioni valide nella maggioranza delle persone, emerse dalla disamina della più accreditata bibliografia medica internazionale, volte alla prevenzione del rischio cardiovascolare e dismetabolico. Su questa dieta base, in ogni capitolo verranno indicate le variazioni da apportare a seconda del problema in esame. In alcuni casi saranno minimali, come per il rischio cardiovascolare e dismetabolico, essendo costruita proprio su questo, in altre pesanti, come per la celiachia, dove non è ammesso alcun cibo contenente glutine e per nessun motivo, neanche saltuariamente. Sono state inserite molte alternative, in modo da rendere facile la personalizzazione delle scelte, a seconda dell appetito, della disponibilità di orario, di eventuali intolleranze o allergie e dei gusti personali. A tal riguardo, se i gusti fossero eccessivamente ristretti, bisognerà affrontare la questione con un programma di educazione al gusto, per esempio inserendo un cibo nuovo ogni mese. Queste di seguito sono alcune indicazioni generali tratte dal corso Alimentazione, salute e benessere, di ECMcampus, a cui si rimanda per le spiegazioni e le indicazioni bibliografiche: Utilizzare la maggiore varietà di alimenti Functional food possibile. Orientarsi per prima cosa sulla qualità dei cibi, non sulla quantità. Sostituire l eccesso di carne rossa o l eccesso di formaggi con pesce e carni bianche, il te con il te verde, la crema di nocciole con la cioccolata fondente, sostituire anche solo metà della pasta con pasta integrale, le merendine e i biscotti con frutta e yogurt, aggiungere se adulti e non epatopatici un bicchiere di vino o di birra alla sera, o riducete gli alcolici se assunti in eccesso. Ridurre i cibi Junk-food. Diminuire l uso di aranciate, cole, ginger, pompelmi, succhi di frutta vari preconfezionati, biscotti, merendine, dolci e salati preconfezionati, fast-food. Alcune persone preferiscono 1

2 farlo subito in maniera completa, altre limitando l uso un po alla volta. Passare da un litro di aranciata al giorno a mezzo litro è comunque un ottimo investimento per la salute. Preferire le bibite diet a quelle con zucchero. Evitare assolutamente il fruttosio come dolcificante. Evitare dolci e salati preconfezionati dove non appaia la scritta assenza di grassi trans o simile. Senza lassismo e senza integralismo. Eliminare tutti i cibi che procurano un fastidio soggettivo, per allergie o intolleranze. In questo caso non si tratta solo di cibi spazzatura, ma magari anche eccellenti, che alla maggior parte delle persone fanno bene ma, fanno male alla singola persona. Chi è allergico alla mela non mangi mele, chi è intollerante al latte non beva latte. Così per ogni cibo. Può sembrare un ovvietà ma non lo è per nulla. Per la maggior parte delle persone risulta difficile mettere in relazione quello che mangia con certe sensazioni di malessere che intervengono alcuni minuti o ore dopo. Esempi tipici sono il gonfiore di pancia o l acidità gastrica. I cibi Functional food che danno fastidio soggettivo si possono riutilizzare dopo qualche mese o in quantità ridotta. Se tutto gonfia in maniera marcata, senza che vi siano malattie di rilievo, occorre attuare per un mese una dieta in bianco prima di intraprendere questa. Non preoccuparsi di mangiare solo il primo a pranzo e il secondo a cena. Chi mangia entrambi continui così. Chi deve dimagrire aggiungerà alcuni etti di verdure cotte e crude poco condite con oli, sia a pranzo che a cena, in modo da diminuire naturalmente i restanti cibi. Aggiungere dei minestroni alla sera al posto della pasta, o in aggiunta nelle persone che saltano il primo, anche solo due o tre volte alla settimana. Non alzarsi mai da tavola con la fame. A cosa servono i contorni? Aggiungere frutta e verdura non significa vivere di frutta e verdura. Buono al gusto, buono alla salute. Quello che si prepara deve essere piacevole alla vista, al gusto, al profumo e quant altro. Utilizzando gli alimenti funzionali occorre preparare delle pietanze prelibate, non castigate. Con gli alimenti indicati dalla scienza e l abilità in cucina (che s impara!), occorre che tutto sia piacevole, buono, saziante e salutare. Per esempio, preparare tre o quattro condimenti per la pasta al posto del ragù di carne: ai funghi, con noci e zucchini e così via. L intelligenza vuole che si combinino il buono per la salute con il buono del palato. Variare spesso gli alimenti, non pasta e fagioli 14 volte a settimana. Non è vita stare tutto il giorno in poltrona davanti alla TV. Uscite, muovetevi, fate passeggiate a piedi o in bicicletta, giocate a bocce o fate giardinaggio o curate l orto, conoscete persone diverse, parlategli, ballate, leggete buoni libri. In ogni paese ci sono 2

3 biblioteche e emeroteche. Ogni città presenta centinaia di gruppi organizzati che si occupano di lettere, storia, cinema, scacchi, architettura, no-profit, protezione civile, croce rossa, volontariato, pittura, fotografia, musica, teatro, conferenze, presentazioni libri, impegno civile, intellettualità Aumentate le vostre conoscenze e capacità. Non si può concludere una giornata senza aver imparato qualcosa di nuovo, aver costruito qualcosa d importante e aver programmato per il giorno dopo. Obesità. Quel che si dice dell obesità è vero, ma con importanti falsificazioni qualunquistiche: 1) da pressoché tutti i maggiori studi internazionali emerge come sia, per lo più, molto più importante cosa si mangia di quanto si mangia; 2) il dimagrimento va attuato non mangiando meno le schifezze che già si mangiano, ma attuando per esempio questo programma. La psicanalisi indica che spesso abitudini insalubri, come l alcolismo, il fumo e la delinquenza, derivano da un bisogno si autopunizione del figlio rispetto a una sua fantasia di aver commesso un reato imperdonabile (verso mamma, papà, fratelli o altro), oppure per dover assomigliare a mamma o papà. Anche per quanto riguarda l obesità. A volte anche nelle malattie. Questi sono, in estrema brevità, alcuni motivi per cui è più difficile dissuadere o disassuefare dal cibo un grande obeso che un tossicodipendente dall eroina! 3) I più giovani, forse, non hanno idea della qualità (e quantità) di vita di un obeso come Winston Churchill. Normopeso. Anche le persone normopeso o magre hanno un rischio aumentato se mangiano solo cibi spazzatura, fumano e non fanno attività fisica. Le persone obese sono a maggior rischio quasi solo perché mangiano male e si muovono poco (e prendono poco sole ), altrimenti avrebbero un rischio pochissimo superiore alle altre. Non neghiamoci le gioie della tavola, saremmo dei masochisti! Ma non lasciamoci neanche ingannare dai vizi del cibo, ci faremo del male altrettanto. Prevenzione primaria e prevenzione secondaria L obesità aumenta il rischio di contrarre il diabete, l infarto, quasi tutti i tipi cancro e altro ancora. Le procedure e i comportamenti per evitare che insorgano queste malattie fanno parte della prevenzione primaria. La prevenzione secondaria cerca di evitare le ricadute una volta che è già avvenuta la malattia, si occupa cioè, di evitare il secondo infarto nelle persone che ne hanno subito già uno. In maniera sorprendente, esistono insiemi di persone (sottopopolazioni), che presentano la massima aspettativa di vita nell ambito del sovrappeso, a volte addirittura nell obesità o persino nella grave obesità rispetto al normo peso. Cioè, il loro peso normale, quello associato alla maggiore aspettativa di vita, è quello che nella popolazione generale giovane, adulta e sana, è definito sovrappeso, obesità o 3

4 grave obesità. [PMID: ], [PMID: ]. Questo fenomeno è detto epidemiologia inversa o obesity paradox e riguarda quasi tutti i pazienti in prevenzione secondaria, con l eccezione dei diabetici, delle persone con apnea nel sonno e pochissimi altri, inclusi però, gli anziani, anche sani, con oltre 75 anni. Quindi a tantissime persone che ogni giorno sono invitate a dimagrire dovrebbe invece essere consigliato di mantenere stabile il peso! Il dimagrimento indiscriminato è tossico, soprattutto se attuato velocemente e mangiando solo in minor misura gli alimenti spazzatura che già si mangiano. Colazione Per prima cosa deve essere abbondante e non va saltata. Ecco alcune indicazioni da giostrare in base alle proprie esigenze e gusti. Fare in modo che sia presente qualcosa di solido, come pane, fette biscottate, corn-flakes, molti liquidi, come te verde o latte e un frutto, fresco o anche frutta secca o spremuta. Primo esempio Yogurt bianco magro con cereali integrali Regolare la quantità a seconda dell appetito, indicativamente grammi di yogurt, meglio bianco e magro, con un volume di cereali che dia al tutto la consistenza più gradita. Per variare il gusto dello yogurt usare marmellata fatta in casa, miele, caffé, cacao in polvere, zucchero integrale di canna. Come cereali vanno bene sia i corn-flakes (di mais), sia quelli di grano integrale (questi sono di color scuro e sono i migliori), sia il muesli. Cambiare spesso tipo e gusto di ogni cosa. Te verde Si può usare qualsiasi tipo piaccia purché sia te verde, anche aromatizzato. Bere il più possibile, anche mezzo litro. L infuso per il te va fatto con acqua a circa gradi. Si può iniziare usando le bustine da supermercato, poi si può provate quello sfuso in erboristeria. Le varietà più pregiate hanno una quantità di antiossidanti maggiore e quindi valgono la spesa, che comunque è sempre modesta. Mettere poche foglioline in infusione, altrimenti il gusto diventa astringente. 4

5 Frutta secca Nel muesli c è già, altrimenti un po di mandorle, nocciole o noci. Secondo esempio Fette biscottate con marmellata La quantità va regolata a seconda dell appetito, indicativamente da 2 a 6 fette. Le fette biscottate devono essere integrali e con la minor quantità possibile di grassi aggiunti, sicuramente non trans. Farsi la marmellata fatta in casa è facile: in due ore se prepara per sei mesi. Quella da supermercato va cercata di una certa qualità, che costa poco di più. Cambiare spesso tipo e gusto. Latte Una tazza abbondante, circa 1/3 di litro (in chi può berlo). Usare latte fresco parzialmente scremato. I distributori di latte crudo si possono usare, ma non nei bimbi sotto i 3-5 anni. Questo latte non va bollito ma solo scaldato alla temperatura desiderata. Se occorre dimagrire meglio il latte pastorizzato parzialmente scremato, meglio ancora il te verde. Abituarsi a un gusto più maturo aggiungendo poco zucchero o miele, scalando la quantità un po alla volta, in modo da abituare il palato al gusto del latte che andrà via via sostituendo quello dello zucchero. Terzo esempio Biscotti La quantità di biscotti NON è possibile regolarla a seconda dell appetito. Indoviniamo perché? Acquistare una confezione da 3 etti circa che dovrà bastare per una settimana. Inoltre vanno scelti biscotti di qualità, con non più del 15% di grassi aggiunti, non idrogenati e non trans, magari con farine integrali. Al supermercato si farà uno sforzo aggiuntivo, ma una sola volta, poi la scelta diventerà automatica. Te verde Il te verde è da preferire nel caso di ipertensione, colesterolo e trigliceridi alti, diabete, obesità (attenzione alla teina). Il latte nel caso di magrezza e convalescenza. Frutta fresca Frutto fresco di stagione o spremuta fatta al momento. Quarto esempio Pane (marmellata, crudo) Alternativa per appetiti robusti o lavori pesanti, sana e buona, soprattutto con pane appena sfornato o anche scaldato in un fornetto elettrico per 5 minuti a 100 C. L aroma che si sprigiona farà impallidire ogni sorta di biscotto o brioche! Bontà, fragranza, maggiore digeribilità rispetto alla mollica, recupero del pane avanzato la sera, nessun grasso (come invece i biscotti e le brioche). L uso di pane integrale è Functional food. 5

6 Pane con marmellata in chi preferisce il dolce, con crudo dolce, bresaola, coppa e speck in chi preferisce il salato. Caffè, te verde, caffelatte, acqua Un caffè al giorno possono berlo quasi tutti, mentre per quantità maggiori occorre essere sicuri che la caffeina non procuri insonnia, tachicardia, ipertensione e nervosismo. Lo stesso per il te. Chi mangia un panino di solito preferisce acqua e un caffè: ottimo. Spremuta fresca La spremuta è l ideale dopo pane e marmellata. Anche gli obesi possono mangiare a colazione, non è qui che bisogna stare attenti. Anzi, il primo errore frequente è quello di saltare la colazione Spuntino Nessun salto dello spuntino, soprattutto se dalla colazione al pranzo passano 4 o 5 ore o più. Bastano 5 minuti per prendere qualcosa di interessante per la salute e gustoso al palato. Poco appetito? È sufficiente un piccolo frutto, due mandarini, una banana, una mela, una pesca. Oppure un vasetto di yogurt, soprattutto se la colazione era con te verde. È, diciamo così, inaccettabile, mangiare cracker o saltare lo spuntino per la vergogna verso i colleghi di mangiare uno yogurt o una banana. Non sporcano nemmeno la borsetta! L appetito è robusto? Un bel panino con affettati senza budello, tipo crudo dolce, bresaola o speck al posto di tramezzini e toast e un bicchiere di acqua. Eventualmente un caffè, anche decaffeinato. Cappuccino e brioche? L integralismo è l altra faccia del lassismo per cui, ogni tanto, un bel cappuccio con brioche alla crema non ha mai mandato al camposanto nessuno! La brioche deve essere fresca da forno, non congelata e scaldata dal barista. Non utilizzare merendine preconfezionate e succhi di frutta in tetrapak. Al bar I bar non vendono solo tramezzini e brioche, ma sempre più spesso anche yogurt e spremute fresche. La qualità va cercata in ogni cosa che facciamo, dai giochi con i bambini, al lavoro, allo studio, con gli amici: una tazza di cioccolata calda è uno dei tanti esempi di piacere e di salute alimentare. 6

7 Pranzo Le indicazioni per il pranzo sono indirizzate alla massima qualità organolettica e salutistica e i consigli per calare peso devono essere seguiti sostituendo 1) parte del pane e della pasta con verdure cotte e crude, 2) bibite e liquori con acqua e dimezzando 3) olii e grassi, ad eccezione del pesce e della frutta secca. Nulla vieta di mangiare primo e secondo sia a pranzo che a cena, sia per le donne che per gli uomini. Anzi è preferibile. Anziché un mucchio di pasta o di carne, metà porzione dell uno e dell altro. Età, costituzioni e attività fisica svolta sono troppe diverse da persona a persona per dare delle indicazioni anche solo di massima sulle quantità. La qualità dei cibi, invece, non è mai in dubbio. La quantità va calibrata personalmente. Chi deve perdere peso è bene lo faccia limitando i cibi spazzatura o altamente energetici che attualmente mangia (eccesso di carni rosse, eccesso di formaggi, pane, pasta, olii e grassi anche come condimenti, merendine e bibite dolci e gasate), SOSTITUENDOLI soprattutto con contorni, minestroni e acqua. Iniziare riducendo di un terzo le schifezze. Tra un paio di mesi, quando il nuovo menù sembrerà normale, si potrà levare un altro terzo. Esempio: mangiate 14 pastasciutte alla settimana? Portatele a 11, di cui 2 o 3 di spaghetti integrali. Aggiungete 3 minestroni, e sia a pranzo che a cena aumentate del 50% il contorno che abitualmente mangiate (fagiolini, carote, patate, insalata, finocchi, cavolfiori, radicchio, zucchini ), dimezzando la quantità di olio normalmente usata. Chi deve dimagrire NON dovrà mai rinunciare alla qualità dei cibi, ma aggiungerà Functional food, senza rinunciare alla bontà degli alimenti, cioè si dovrà preparare sempre delle leccornie, come Spaghetti integrali con funghi e speck oppure Riso con radicchio di Treviso, e senza mai rimanere con la fame (le verdure come contorno servono proprio a questo). Primo Alternare la pasta e il riso (il condimento deve variare con verdure, funghi, radicchio, cavolfiore, zucchini, zucca, cipolla ricotta, pomodoro, carbonara, bolognese o amatriciana), con i minestroni, i passati di 7

8 verdura, la zuppa di cipolle, funghi, zucca o altro. L importante e non usare sughi untuosi, e usare una porzione o più di pasta o pane o riso integrale al giorno. Chi deve dimagrire riduca subito di 1/3 circa la quota di condimento untuoso e usi maggiormente i prodotti integrali che saziano di più. Secondo Da preferire il pesce non fritto, da utilizzare un paio di volte a settimana o anche molto di più, poi le carni bianche e i latticini magri. Interessanti gli affettati come il crudo dolce, la bresaola, lo speck e la coppa, la ricotta, il tortino salato, le uova. Con pane meglio se integrale. Non usare grissini o cracker. Chi deve dimagrire prima del secondo mangi il contorno. Poi occorre limitare soprattutto sughi e olii, non tanto la porzione di pesce, ricotta, pollo o uova. Contorno Zucchini, cavolfiori, carote, patate, fagiolini, bietola, insalata, finocchio, radicchio, cetrioli o altro. Almeno 2-3 etti in chi non lo usa abitualmente, circa il doppio della porzione abitualmente usata negli altri, a pranzo e a cena. Il contorno non è di contorno e va posta cura nella preparazione. Poco olio extravergine d oliva e poco sale. Alternative sono l aceto balsamico e il limone, ma anche certa frutta fresca: l insalata brasiliana si sposa a meraviglia con un arancia tagliata a pezzettini, oppure l insalata belga con le pere: senza aggiungere altro. Frutta La frutta fresca apporta salute e quindi va utilizzata indipendentemente dal peso. Caffè Massimo un caffè in chi non lo tollera, altrimenti meglio 2-4 al giorno. Gli obesi intolleranti alla caffeina 2 o 3 al giorno di decaffeinato, in modo da diminuire il rischio di diabete. Bevande Acqua non gasata e non ghiacciata (ma d estate fresca sì), e un bicchiere di vino rosso a cena. Obesi e diabetici è bene mantengano il bicchiere di vino alla sera. Chi non riesce a rinunciare alle schifezze (Junk-food), tipo aranciata e simili, può aggiungere un po di acqua alla schifezza, tipo ¾ schifezza e ¼ acqua. Appena abituati al gusto si aggiunge man mano più acqua, in modo da abituare lentamente il gusto. Dopo un mese non si sentirà più la differenza, ma la bevanda sembrerà più raffinata, meno spocchiosa. Nel frattempo si avrà risparmiato Kcal a settimana. Solo qui! 8

9 Amaro Niente amari, digestivi, ammazacaffé e compagnia briscola. Se ci sono difficoltà digestive occorre mangiare meglio, oppure farsi una passeggiata. Oppure tutte due! Regolazione delle quantità Prendere sempre a riferimento quello che attualmente si sta mangiando, non supposti standard che immaginate siano adeguati. Chi mangia 5 etti di pane al giorno e NON ha problemi di peso e salute continui pure così, magari introducendo nei 5 etti, due di integrale (in modo da guadagnare salute), chi invece ha 15 Kg di troppo o un inizio di diabete, riduca il pane da 5 etti a 4, e dopo tre mesi a 3, aumentando di 3 etti circa carote, zucchine e cavolfiori. Lo stesso per la pasta, i formaggi, la carne rossa, i sughi untuosi, l olio di condimento, i biscotti, le merendine, cole, ginger, aranciate: appena un po di meno aggiungendo verdure cotte e crude e acqua. Merenda Oramai è ovvio che non va saltato neppure questo ma, per contratto, lo scriviamo lo stesso! Frutta di stagione Anche un piccolo frutto, un mandarino, meglio cambiando spesso qualità. Anche molto di più se piace. Yogurt Un vasetto circa. Con le solite indicazioni. Anche intero e alla frutta se non c è altro, o per cambiare gusto. Panino Nel solito modo (meglio pane integrale e affettati senza budello), per chi ha molto appetito o fa lavori pesanti. Poi frutta e acqua. Te con i biscotti Anche te (spesso verde), con al massimo 1 cucchiaino di zucchero meglio integrale o miele e un pezzo di torta fatta in casa. Anche alcuni biscotti di ottima qualità. L integrale è interessante, non l integralismo. 9

10 Primo Come a pranzo, ma preferendo i minestroni, i passati di verdura e le zuppe (ne esistono di ottime fatte solo di cereali e legumi). Per pastasciutte e risotti usare condimenti più leggeri. Cena Le quantità variano moltissimo. Molti ragazzi sportivi mangiano molto pur rentando magri. Alcuni anziani mangiano poco, altri tendono a prendere troppo peso o hanno problemi digestivi. Occorre stare particolarmente attenti alla digeribilità e eventualmente sostituire parte degli alimenti maggiormente energetici con frutta, verdura e acqua. Secondo Come a pranzo, ma prefendo cibi più facilemente digeribili. Carne bianca, ma non untuosa, pane meglio se integrale, uova non in frittata, niente fritti. Contorno Come per il pranzo. Frutta Come per il pranzo. Anche secca. Ricordarsi di mangiare un etto di cioccolato fondente alla settimana. Caffè Come per il pranzo. Gli intolleranti alla caffeina devono stare particolarmente attenti, altrimenti impiegheranno quattro ore di tempo per addormentarsi. Attenzione alla caffeina presente nel gelato al caffè, nelle cole, nel te o in certi drink. Bevande Come per il pranzo. Il vino è meglio berlo alla sera a casa propria, perché aumenta gli incidenti stradali e sul lavoro. Per questo è stato abolito nelle mense. Chi deve guidare per tornare a casa beva pochissimo alcol. Meglio niente. Amaro Niet. Regolazione delle quantità Come per il pranzo. 10

11 Prima di andare a letto Piacendo, soprattutto in inverno, una tisana (Camomilla, Altea, Malva, Achillea, Green-bos orange ), con un po di miele, riscalda atmosfera e cuore. Ha una certa importanza nei diabetici che prendono insulina. Fuori casa Chi ha l opportunità di andare in mensa o al ristorante è bene che la impieghi. Antipasto Cominciare con un insalata, carote, verza e crudité in genere usando poco olio extravergine d oliva, pochissimo se si deve dimagrire. Primo Farsi consigliare un primo leggero ma gustoso. Ad esempio risotto al radicchio oppure ai funghi o con i porri. Chiedere che non facciano il soffritto ma solo l appassimento della cipolla. Contorno Chiedere delle verdure bollite molto abbondanti. Secondo Non ordinare carni rosse o formaggi. Sei già sazio? Passa alla frutta, altrimenti scegli tra ricotta, mezzo etto di crudo o speck, del pollo o pesce con pane. Chi deve dimagrire eviti solo i sughi untuosi e ordini più verdura cotta e cruda. Frutta Fresca di stagione o secca. Acqua meglio non gasata Niente schifezze. Caffè Se tollerato (oppure decaffeinato se obeso o diabetico ma intollerante alla caffeina). 11

12 Pranzo veloce al bar Niente insalatone: fregano completamente. Danno l idea di mangiare verdura, per cui sorge il desiderio di rifarsi alla sera. Spesso sono un concentrato di cibi calorici: tonno sott olio, olive, uova sode, mozzarella Non prendere neanche tramezzini, toast e bocconcini vari. È un attimo ingurgitare mille chilocalorie sentendosi la pancia quasi vuota dopo solo 1 ora. Analogamente e ancor di più niente fast-food, hamburger, hot-dog, patatine fritte, birra, cole e consimili. Panino Uno o due panini con prosciutto crudo dolce, bresaola, speck. Yogurt Un vasetto di yogurt o, a volte, una brioche fresca o un dolce o un gelato artigianale. Frutta Un frutto fresco di stagione. Acqua meglio non gasata Caffè se tollerato 12

13 Pranzo da casa È incredibile quello che è possibile fare portandosi il pranzo da casa. Tutto sommato basta un microonde al lavoro. Costano 60 euro e durano 20 anni. Un affare! Primo o panino Basta mettere in un contenitore un po del primo utilizzato la sera precedente. In frigo si conserva benissimo fino alla mattina, poi non vanno certo a male anche nel caso non disponiate di un frigo al lavoro. Oppure uno o due panini, basta che non siano sempre salame e formaggi. Contorno Portate molte verdure crude o bollite nei contenitori, ma condite con poco olio. Secondo Non tutti ne sentono il bisogno, dipende dal tipo di lavoro, dall ora della sveglia, dalla costituzione, dalle abitudini. Comunque: ricotta, mezzo etto di crudo, carni bianche con pane. Chi deve dimagrire eviti solo i sughi untuosi e mangi più verdura cotta e cruda. Chi salta il secondo a pranzo, alla sera NON salti anche il primo, ma si serva un bel minestrone, una zuppa, un passato o una crema. Yogurt Un vasetto di yogurt, una fetta di dolce, crostata o altro. Acqua meglio non gasata Caffè se tollerato 13

14 Alcuni errori comuni Grande uso di carne, soprattutto rossa, come bistecca, salumi o condimento. Diminuire subito di un terzo la carne. Degli altri 2/3 sostituire quella rossa con pollo, pesce e tacchino. Dimezzare i ragù di carne per la pasta, usando quelli a base vegetale. Diminuire gli insaccati, preferendo prosciutto crudo o altri affettati senza budello. Grande uso di pane. Chi usa da mezzo chilo a un chilo di pane al giorno diminuisca di solo un paio di etti, sostituendolo con 3-4 etti al giorno di verdure cotte (zucchini, carote, cavolfiore ). Del pane utilizzato, sostituire due o tre etti di quello bianco con pane integrale. Maggiore è il cambio meglio è. Grande uso di formaggi. Diminuirli di un terzo, sostituendoli con pesce. Grande uso di olio, anche extravergine di oliva. Diminuirli della metà. Usare oli d oliva dal gusto intenso, aceto balsamico, limone, spezie. Grande uso di bibite gasate (cole, aranciate, ginger, pompelmo ). Al massimo una lattina al giorno del tipo diet. Poi acqua. Saltare i pasti, colazione compresa. Saltare i pasti è solo la scusa per scatenarsi la sera o alla notte. Non fare attività fisica, magari perché non ho fiato. È proprio a questo che serve l attività fisica, a far fiato. Avete il fiatone? Tuta e scarpe da ginnastica! Solo TV, e magari giornali e libri di scarsa qualità, letti per passare il tempo. Gli errori alimentari, al pari di altri vizi come il fumo, il gioco d azzardo, la spericolatezza stradale e così via, sono frutto di idee parassite che funzionano. Prima cosa quindi, aggiungere altre idee! Ecco la straordinaria importanza di ottimi libri letti con attenzione, non per passare il tempo, ma per vivere. 14

15 Dieta in bianco Le verdure apportano grandi quantità di fibre, e sono di primaria importanza nella salute e nelle diete ipocaloriche. Nondimeno, in alcuni casi occorre una dieta povera di fibre. Nella cosi detta colite, non la rettocolite ulcerosa, ma la semplice colite che provoca gonfiore e distensione addominale, malessere e tensione, soprattutto dopo i pasti e più frequentemente alla sera, che obbliga a slacciarsi la gonna o la cinghia dei pantaloni, è preferibile iniziare con una dieta in bianco rispetto alla dieta base appena presentata. Non è che frutta e verdura favoriscano la colite, ma una volta che questa è presente, tendono ad aggravarla. È anzi molto probabile che le persone in questione abbiano alle spalle molti anni di disordini alimentari. La dieta in bianco è comunque un alimentazione transitoria e dopo un mese occorre cominciare a introdurre tutti gli altri cibi. A titolo di esempio, una dieta bianca stretta da adottare per due settimane: COLAZIONE: fette biscottate con pochi grassi o pane ben cotto con poca mollica con marmellata e te verde leggero con miele. PRANZO E CENA: pasta o riso bianchi con olio extravergine e grana. Pollo o pesce senza intingoli, prosciutto crudo dolce. Pane bianco ben cotto con poca mollica. MERENDA: fette biscottate, te verde o tisana leggera. Dopo 15 giorni introdurre le verdure dei bambini, patate, carote e zucchini bolliti e qualche piccolo frutto di stagione. Bresaola, speck e formaggi leggeri in piccola quantità. All introduzione di ogni nuovo cibo occorre osservare che non procuri gonfiore e malessere. Nel caso va tolto o ridotto in quantità. Riprovare dopo altri15-20 giorni. Ogni nuovo alimento, dopo la dieta in bianco stretta, va aggiunto in piccole porzioni, aumentandole gradualmente fino alla quantità ritenuta ottimale. Dopo circa un mese, dopo cioè un periodo nel quale il mangiare non procuri più gonfiori e malessere, si aggiungono mano a mano le altre verdure e più frutta, i prodotti integrali, i piselli, le lenticchie. Lasciare per ultime, dopo almeno 2-3 mesi, le verdure a foglia larga, i cavoli e i fagioli. I latticini è meglio cominciare a introdurli come yogurt, formaggio grana o formaggi leggeri tipo stracchino e ricotta. Qualche dolce leggero fatto in casa tipo crostata, con ricotta e yogurt (due fette a settimana). Un caffè dopo pasto. Per almeno 2-3 mesi nessun fritto, nemmeno come soffritto (fare appassire con acqua), nessun alcolico, nessuna bibita gasata, neanche acqua gasata, merendine, biscotti, salatini, spritz, arachidi, patatine fritte e simili, salumi, succhi di frutta confezionati, spezie piccanti, crema di nocciola e dolci preconfezionati, bibite congelate. Adottate cotture dolci, al vapore, al forno, non usare il barbecue. Questo tipo di alimenti dovranno comunque essere utilizzati con moderazione, ma anche senza integralismi, come da dieta base, anche quando la situazione intestinale si sarà normalizzata. I primi 15 giorni saranno i più faticosi vista la monotonia alimentare (e in generale tutto il primo mese), ma vivere tutta la vita con un pancione gonfio come al quinto mese non è certamente una delizia. 15

16 La dieta in bianco non è ipocalorica ma, nondimeno, può verificarsi un calo di peso dovuto alla poca palatabilità del menù, che induce a mangiar meno e alla diminuzione del gonfiore, percepito come un sentirsi più asciutti. Le diete in bianco effettuate per altri motivi (interventi chirurgici, malattie acute, ecc), possono differire nella composizione e contenere latte, latticini e diverse verdure già al primo giorno. Questa presentata è una forma stretta, in modo da evitare la grande maggioranza degli alimenti che spesso causano o aumentano la colite (latticini, molte fibre, cavoli, fagioli, radicchio, fritti ). 16

17 Misuriamoci la salute! Non si migliora quello che non si misura dicono gli ingegneri gestionali, ma anche per un fatto di soddisfazione. Prendere nota degli indici personali di salute. Migliorando l alimentazione, l attività fisica, il sole e le letture questi indici NON POSSONO NON MIGLIORARE! Le prime tredici voci sono indici comuni. Negli spazi bianchi ciascuno inserirà i propri problemi di salute, come da esempio. L ultima colonna potrebbe essere di obiettivo, raggiungibile anche solo dopo tre mesi, ma mantenuto grazie a questo metodo. Mag 12 Ago 12 Nov 12 Feb 13 Lug 13 Dic 13 obiettivo Circonf. Vita Glicemia Colesterolo tot Colester. LDL Colester. HDL Rapp. Tot/HDL Trigliceridi PA massima PA minima Acido urico ALT AST GGT Microalbuminuria Amilasi pancreatica Hb glicata Libri (all anno) 1 9 Fumo ++ Zero Att. Fisica Zero 2/sett TV (ore/giorno) 3 1 Gastrite ++ +/- Raffreddori ++ - Mal di testa ++ +/

Colazione (abbondante)

Colazione (abbondante) Dr Fabrizio Moda Specialista in Scienza dell Alimentazione www.dietadellasalute.com fabrizio.moda@libero.it Dieta Michele Consigli alimentari per un Uomo Colazione (abbondante) 1) Un frutto fresco di stagione

Dettagli

Colazione (abbondante)

Colazione (abbondante) Dr Fabrizio Moda Specialista in Scienza dell Alimentazione www.dietadellasalute.com fabrizio.moda@libero.it Dieta Gianni Consigli alimentari per Gotta Colazione (abbondante) 1) Un frutto fresco di stagione

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE Colazione 1 tazza di caffè e latte parzialmente scremato: caffè: una tazzina Latte parzialmente scremato: 200 gr. 4 fette biscottate Sostituibili

Dettagli

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 2014 questionario SCHEDA PAZIENTE 1. Provincia... 2. Data... 3. Sesso... A) M B) F 4. Età...

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( )

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( ) INDOVINA COSA MANGIO Ciao! La Commissione Mensa, composta dai genitori di alcuni ragazzi che frequentano la tua stessa scuola, si occupa di ciò che mangi in mensa. Il suo obiettivo è quello di migliorare

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 611 anni e dei giovani di 1217 anni Sintesi dei risultati Aprile 2004 S. 0402930 Premessa Nelle pagine seguenti vengono

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana*

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Sono due gli errori che non ci permettono di perdere il peso in eccesso e tornare a vivere una vita sana e felice,

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Perché rivolgersi al Medico di Famiglia? COME LO MISURIAMO? Con mezzi molto semplici, in ambulatorio 1 COME LO MISURIAMO? Uno sfingomanometro per misurare la pressione COME LO

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE COLONSCOPIA VIRTUALE La colonscopia virtuale è una simulazione al computer di una colonscopia vera. Consiste in una TAC dell addome eseguita sia in posizione supina che prona, dopo aver inserito aria dal

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero)

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) Consigli COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) E un momento alimentare troppo spesso trascurato. E importante consumare un adeguata colazione. E dimostrato, peraltro, che l assenza di questo pasto

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica

Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica Di seguito, troverete i nuovi piani pasto per il ottenere successo. Ognuno di questi piani pasto è stato appositamente studiato numero preciso di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni Colazione Latte di vacca parzial. scremato Yogurt magro alla frutta Spremuta di arancia Fette biscottate Biscotti secchi Miele Una Tazza

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA DIVEZZAMENTO Dal 5-6 mese è consigliabile introdurre alimenti diversi dal latte nella dieta del bambino (divezzamento). Tuttavia il latte, resta il cardine dell'alimentazione del bambino fino a tutto il

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI RISTORAZIONE DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Lo svezzamento. Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati

Lo svezzamento. Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati Lo svezzamento Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati Come introdurre i cibi nello svezzamento per evitare allergie Vedere il proprio bimbo sorridere e giocare è una delle cose

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

Alimentazione del nuotatore. Daniela Stehrenberger Dietista diplomata

Alimentazione del nuotatore. Daniela Stehrenberger Dietista diplomata Alimentazione del nuotatore Daniela Stehrenberger Dietista diplomata Programma 1. Alimentazione di base composizione equilibrata dei pasti assunzione di liquidi 2. Particolarità dell alimentazione del

Dettagli

MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia

MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1 1. GRAMMATURE DI RIFERIMENTO Di seguito si riportano le grammature di riferimento indicate nella

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Mangio bene con voi!

Mangio bene con voi! Mangio bene con voi! Informazioni per mamma e papà (a partire dai 6 mesi di vita del proprio bambino) Inizia a introdurre gli alimenti solidi intorno ai 6 mesi Segnali per capire se il tuo bambino è pronto

Dettagli

Regime dietetico per persona Vegetariana non attiva fisicamente

Regime dietetico per persona Vegetariana non attiva fisicamente Regime dietetico per persona Vegetariana non attiva fisicamente Di seguito, troverete i nuovi programmi alimentari, pasto per pasto, per riuscire a perdere peso. Ognuno di questi piani pasto è stato precisamente

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C IN COLLABORAZIONE CON Le esperte dell Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dott.ssa Ramona Camellini e Marilena

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI -

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI - CITTA DI PORTICI PROCEDURA APERTA - PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Dl RISTORAZIONE SCOLASTICA COMPRESO I LAVORI Dl ADEGUAMENTO DEL CENTRO Dl COTTURA E DEI REFETTORI DEI PLESSI SCOLASTICI. ALLEGATO 2 AL

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano XXXII. Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013

Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano XXXII. Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013 XXXII Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013 Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano SmartFood: progetto di ricerca e divulgazione scientifica

Dettagli

Servizio di refezione Scolastica. Sezione Primavera Scuola dell Infanzia

Servizio di refezione Scolastica. Sezione Primavera Scuola dell Infanzia Servizio di refezione Scolastica Sezione Primavera Scuola dell Infanzia A.S. 2014-2015 Le novità di quest anno Il menù per il nido e la scuola dell infanzia è predisposto dalla nostra pediatra, la Dott.ssa

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

QUESTIONARIO PER EDUCATORI

QUESTIONARIO PER EDUCATORI www.okkio3a.liguria.org Codice ID questionario _ _ _ _ _ _ _ _ ASL Scuola Classe QUESTIONARIO PER EDUCATORI 1. Elenca alcuni alimenti o bevande che contengono zuccheri: 2. Hai l abitudine di fare la colazione

Dettagli