STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale"

Transcript

1 Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Economia Cattedra di Economia degli Intermediari Finanziari Prof. Dell Atti Stefano Seminario: STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale Dott. Luigi Lanzetta MBA Mib School of Management Banker Analist - Commercial Banking Manager Dott. Paolo d Ambrosio Portfolio Rete Manager Senior Consultant Banker Analist - Financial Advisor

2 STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale 1) PREMESSA METODOLOGICA - concetto di Strategia - l Asset Management - Congiuntura 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA - Il Ciclo Economico - Elementi Economici Finanziari e Reali della congiuntura - Evoluzione congiunturale dal 2000 ad oggi - La situazione oggi: elementi caratteristici 3) IL QUADRO STRATEGICO DELL ASSET MANAGEMENT - Esigenze dell investitore-risparmiatore e connotazione base di un portafoglio finanziario - Dal Money Management al Trading System - La Teoria di Portafoglio: Markowitz e gli elementi della Modern Portfolio Theory (rendimento medio, volatilità e correlazione) - Il CAPM Capital Asset Pricing Model 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI - Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG - Una evoluzione suggerita: adattamento dello schema di Chorafas

3 1) PREMESSA METODOLOGICA CONCETTO DI STRATEGIA attività che implica una razionale, costante e proiettata sequenza di azioni che portano una organizzazione/struttura da uno stato di equilibrio ad un ulteriore stato di equilibrio, attraverso un processo evolutivo caratterizzato da elementi di : - varianza - continuità - adattamento definizione di G. Eminente

4 VARIANZA La Varianza di una variabile aleatoria x VAR(x) è la misura di quanto questa variabile si discosti dal suo valore atteso E(x) Il concetto di varianza implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di ovvero: di quanto siano vari i valori assunti dalla variabile x ALEATORIETA e RISCHIO

5 CONTINUITA Una variabile è continua quando al variare di un suo elemento, varia uniformemente anche il risultato della variabile Il concetto di continuità implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di INTERCONNESSIONE e RELAZIONE temporale di CAUSA-EFFETTO

6 ADATTAMENTO Una variabile è in adattamento quando ha facoltà proprie o indotte di modificare i propri elementi e processi in maniera tale da aumentare il suo successo in termini di risultati, tenendo conto delle risorse disponibili e degli obiettivi predeterminati Il concetto di adattamento implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di EFFICIENZA e EFFICACIA

7 1) PREMESSA METODOLOGICA l' ASSET MANAGEMENT attività di gestione di valori patrimoniali/finanziari (asset) finalizzata alla allocazione ottimale (asset allocation) delle risorse disponibili tra le varie classi di attività (asset class), il cui processo è caratterizzato da elementi di: - distribuzione - decisione - combinazione Asset management is a systematic process of operating, maintaining, upgrading, and disposing of assets cost-effectively. cfr.: M. Giorgino e F. Travaglini

8 DISTRIBUZIONE La distribuzione è la rappresentazione del modo con cui le varie caratteristiche di un elemento si presentano all interno di un aggregato unitariamente considerato Il concetto di distribuzione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di DIFFERENZIAZIONE e RAGGRUPPAMENTO

9 DECISIONE La decisione è l azione conseguente alla scelta di intraprendere una tra più alternative disponibili (opzioni) Il concetto di decisione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di CONOSCENZA OPZIONALE e CONSEGUENZA PREVEDIBILE

10 COMBINAZIONE La combinazione è un insieme di oggetti estratti da un raggruppamento di elementi, dove gli oggetti sono parte di un unico elemento Il concetto di combinazione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di INTERDIPENDENZA e REPLICABILITA

11 1) PREMESSA METODOLOGICA CONGIUNTURA il termine "Congiuntura" indica la coesistenza, in un determinato momento, di diverse variabili economiche, finanziarie e reali relative ad un fenomeno, la cui combinazione da luogo ad una evoluzione o ad una azione specifica ed il cui processo è caratterizzato da elementi di: - sintesi - temporalità - dinamicità "La congiuntura economica può essere definita come il combinarsi di fenomeni sociali ed economici che determina in ogni momento una particolare evoluzione del sistema economico" cfr.: I. Cipolletta

12 SINTESI La sintesti è quel processo logico con il quale si rimettono insieme le varie parti di un processo di analisi, cercando di identificare la giusta o migliore struttura/composizione del problema da risolvere Il concetto di sintesi implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di AGGREGAZIONE e OTTIMIZZAZIONE

13 TEMPORALITA La temporalità è la connotazione di una variabile/evento espressa con riferimento al suo collocamento rispetto ad un arco temporale definito/definibile (passato-presente- futuro) Il concetto di temporalità implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di RELAZIONE e CONTESTO

14 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA CICLO ECONOMICO Le fluttuazioni economiche di un ciclo sono le sequenze temporali dove a periodi di prosperità o espansione seguono periodi di ristagno o recessione che sboccano poi in nuovi periodi di prosperità Ciascuna fluttuazione ciclica (o ciclo economico) procede partendo da un punto di svolta inferiore (cd. Minimo del Ciclo), con una fase di espansione di durata e ampiezza mutevole, che culmina in un punto di svolta superiore (cd. Massimo del Ciclo) ed è seguita da una fase di recessione, al cui termine c'è un nuovo punto di svolta inferiore, da cui inizia un nuovo ciclo. Espansione Massimo del ciclo Recessione Tempo Minimo del ciclo Minimo del ciclo Ciclo Economico

15 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA ELEMENTI ECONOMICI FINANZIARI E REALI DELLA CONGIUNTURA elementi ECONOMICI elementi FINANZIARI elementi REALI fase di ESPANSIONE crescita INVESTIMENTI aumento REDDITIVITA' crescita del PIL crescita PRODUZIONE aumento SALARI crescita dei CONSUMI crescita dei PREZZI aumento LIQUIDITA' crescita INFLAZIONE crescita ORDINI IMPRESE aumento SPESE CONSUMI crescita INFRATRUTTURE crescita IMPORTAZIONE M.P. crescita COSTRUZIONI crescita OCCUPAZIONE ecc ecc ecc fase di RECESSIONE riduzione INVESTIMENTI riduzione REDDITIVITA' non crescita del PIL riduzione PRODUZIONE riduzione SALARI riduzione dei CONSUMI riduzione ORDINI IMPRESE riduzione LIQUIDATA' DEFLAZIONE riduzione IMPORTAZIONI M.P. riduzione SPESA CONSUMI no INFRASTRUTTURE aumento PRESSIONE FISCALE AMMORTIZZATORI SOCIALI no COSTRUZIONI crescita DISOCCUPAZIONE ecc ecc ecc

16 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA EVOLUZIONE CONGIUNTURALE DAL 2000 AD OGGI Dalla Crisi Finanziaria VS la Crisi Reale MINORI RISORSE FINANZIARIE Imprese: RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI MINORI REDDITI REALI Famiglie: RIDUZIONE DEI CONSUMI Ruolo del CREDITO: in passato il sistema ha inondato l'economia di risorse finanziare a basso prezzo anche indebitandosi e senza alcuna relazione congrua con i patrimoni reali - indebitamento con carte di credito, finanziamenti diffusi per i consumi, finanziamenti per fabbisogni pubblici - (bolle immobiliari/finanziarie - crisi sub-prime - speculazioni) ne è conseguita la necessità di ridimensionare il credito e quindi ridurre le erogazioni rendendole più congrue con i patrimoni reali

17 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT ESIGENZE DELL'INVESTITORE-RISPARMIATORE E CONNOTAZIONE BASE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO BT: ESIGENZE DI LIQUIDITA': spesa corrente ed imprevisti - flussi di cassa MT: ESIGENZE DI SICUREZZA: stabilità - reddito prospettico LT: ESIGENZE DI SVILUPPO: accrescimento patrimoniale ed evoluzione opportunistica - speculazione ed arbitraggio

18 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM ASSET MANAGEMENT: discrezionale automatico MONEY MANAGEMENT TRADING SYSTEM

19 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM

20 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM - driver dei Mercati finanziari / serie storiche TRADING SYSTEM - STRUMENTI ALGORITMICI E AUTOMATICI - definizione dei livelli di entrata/uscita - parametrizzazioni: stop loss - take profit - trailing stop - PATTERN DI PREZZO I pattern di prezzo sono particolari formazioni grafiche, rilevabili sui grafici di tendenza, che hanno il carattere del ripetersi nella storia di un titolo o di un mercato, mostrando una tendenza a segnalare rialzi oppure ribassi. Questa loro caratteristica ne fa degli alleati ideali per i trader poiché, all'apparire di un determinato pattern, è possibile formulare un'ipotesi rialzista o ribassista anche se solo di breve periodo. Ogni pattern ha un diverso valore previsionale che dipende molto dal titolo su cui viene rilevato e dalle volte precedenti in cui il pattern si e' verificato sul titolo, calcolando quante volte ha generato segnali corretti rispetto a segnali falsi. Il rapporto segnali corretti/segnali falsi viene utilizzato per calcolare la probabilita' di successo del segnale - DATI STATISTICI e ANALISI TECNICA - MEZZI: TradeStation esignal Visual Trader

21 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 1 Esempio di chart con applicato un trading system sviluppato in power language

22 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 2 Acquisizione ed elaborazione dei dati da owner data con esignal

23 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 3 Parte di un report del Trade System su posizioni: ALL Traders - LONG Traders - SHORT Traders

24 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 4 esempio di una Equity curve "close to close" di un trading system

25 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 5 Report dati con ordinamento per diversi fattori di analisi (ottimizzatore)

26 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 6 Vista 3D delle combinazioni ottenute dall'ottimizzatore del report dati (possibile analizzare aree di stabilità)

27 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 7 BackTest di portafoglio: analisi su tre diverse opzioni strategiche

28 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 8 Curva di portafoglio ottenuta dalla sintesi di tre diverse strategie (due su FTSE MIB Future e una su BUND) possibilità di analisi: giornaliera, mensile ed annuale

29 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Ottimizzare la rendita degli investimenti= minimizzazione del rischio a fronte di un dato livello di rendimento atteso MIN risk - MAX profit "Portfolio selection: efficient diversification of investments" Frontiera di Portafoglio = combinazione di redditività e rischio in fuzione di tre elementi: 1) RENDIMENTO MEDIO 2) VOLATILITA' 3) CORRELAZIONE

30 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Rendimento (ex post) : rendicontazione Rt1 Rt1 = (Pt1 - Pt0) + Dt1 Pt0 hp: evento uniperiodale; dividendi non reinvestiti; no costi transazione; no ritenuta fiscale sui dividendi Rendimento (ex ante) : previsione Rt0 deriva dalla combinazione di - valore medio ---> SERIE STORICA RENDIMENTI (N osservazioni) ---> MEDIA ARITMETICA = - volatilità ---> RISCHIO (scostamento dal valore medio stimato) ---> VARIANZA = - probabilità ---> CORRELAZIONE (interdipendenza tra variabili) ---> DEVIAZIONE STD = (correlazione positiva - correlazione negativa - nessuna correlazione)

31 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" La costruzione della FRONTIERA EFFICIENTE Se si considerano n alternative rischiose di investimento (es. Titoli) allora è possibile, attraverso l'utilizzo di una serie storica di dati dei rendimenti di ciascun titolo, definire in un piano Rischio/Rendimento un opportunity set (regione ammissibile) calcolando per ogni combinazione possibile della ricchezza investita in ciascuna delle n alternative i corrispondenti valori di rendimento atteso (media) e rischio (varianza) Si definisce frontiera efficiente l'insieme di quelle combinazioni di portafoglio titoli che a parità di rendimento sono meno rischiosi oppure che a parità di rischio sono quelli più redditizi. Tale insieme di portafogli coincide con l'estremo superiore della regione ammissibile sul piano (µ-s).

32 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" MPT evoluzione della Teoria del Portafoglio di Markowitz : la Modern Portfolio Theory Per poter ridurre significativamente il rischio è necessario comporre il portafoglio in modo tale che i singoli investimenti che lo compongono (titoli, indici, mercati, ecc ) risultino correlati negativamente e comunque non altamente correlati; vale a dire che i singoli investimenti (titoli, indici, mercati, ecc ) devono essere caratterizzati da trend con oscillazioni tendenzialmente opposte o comunque diverse

33 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Il risultato evidente è che la correlazione negativa dei due mercati, annulla la fluttuazione (rischio) composizione al 50% dei due mercati

34 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Il risultato evidente è che è possibile incrementare il rendimento a parità di rischio con una composizione particolare dei mercati connotati da diversi profili di rischio-rendimento, ma sempre negativamente correlati L'investimento formato da 44% mercato 4 e 56% mercato 3 ha il medesimo grado di fluttuazione del mercato 3 ma un rendimento maggiore

35 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" La figura che segue rappresenta una frontiera efficiente come combinazione di rendimento medio e deviazione std. dei mercati 3 e 4 a) si nota come le combinazioni di 90% M3 + 10% M4 sia meno rischioso e più redditizione del Mercato 3 (ciò dimostra che aggiungendo un mercato più rischioso si può ridurre il rischio complessivo ed aumentare il rendimento) b) si nota come sia il Mercato 3 che le combinazioni con 90% e 80% di M3 sono "inefficienti" (infatti esistono altre combinazioni che con lo stesso grado di rischio presentano rendimenti superiori)

36 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT Il CAPM: Capital Asset Pricing Model Il CAPM stabilisce una ralazione tra il Rendimento di un Titolo e la sua Rischiosità (tale relazione viene misurata con un unico fattore di rischio, detto BETA) il BETA misura di quanto il valore del titolo si muova in sintonia con il mercato (il BETA misura la covarianza tra rendimento del titolo ed andamento del mercato) - analisi effettuata da W. Sharpe -

37 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG La Matrice crescita/quota - introdotta negli anni 70 dalla Boston Consulting Group - rappresenta un modello strategico di classificazione delle aree d'affari attraverso il quale si decide come allocare le risorse nelle varie attività. Nella sua formulazione classica la BCG viene rappresentata: Alto Tasso di crescita del Mercato Basso QUESTION MARKS (punti interrogativi) mercato in espansione - basse quote di mercato > azione: investire e sviluppare (bassi flussi di cassa in entrata iniziali - forti investimenti di sviluppo) STARS (stelle) mercato in espansione - alte quote di mercato > azione: mantenere e continuare ad investire (flussi di cassa non rilevanti - investimenti di mantenimento) CASH CAWS (mucche da mungere) mercato in contrazione - quote di mercato elevate > azione: realizzare (flussi di cassa rilevanti - non necessita investimento se non di tipo difensivo) Alta DOGS (cani) mercato in contrazione - quote di mercato ridotte > azione: uscire (irrilevanti flussi di cassa - disinvestimenti) Bassa Quota di Mercato

38 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG La Matrice BCG, nella sua connotazione adattata all' asset management si presenta: PURCHASING PORTFOLIO MANAGEMENT Alto Profit Leverage Products Strategic Products Basso Basso Routine Products Risk Bottleneck Products Alto BOTTLENECK (strozzatura) alto rischio - bassi profitti > azione: tenere (KEEP) STRATEGIC (strategico) alto rischio - alti profitti > azione: tenere ed investire (KEEP and INVEST) LEVERAGE (a effeto leva) basso rischio - alti profitti > azione: tenere o vendere (KEEP or SELL) ROUTINE (ricorrenti) basso rischio - bassi profitti > azione: vendere o disinvestire (SELL or DELETE)

39 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Una evoluzione suggerita negli orientamenti strategici: adattamento dello schema di Chorafas D.N. Chorafas : "Obiettivo profitto. Dal controllo dei costi al pricing nell'impresa banca" - Edibank 1991 analisi delle relazioni tra Roi e Quota di Mercato, per la definizione di: 1) strategie di prodotto di Nicchia ( A ) 2) strategie di prodotto Esclusivo ( B ) 3) strategie di prodotto di Massa ( C ) 4) strategie Difensive ( D ) Alto Rendimento A Frontiera Efficiente B C A (strategia di nicchia) - SPECIALIZZAZIONE asset class a forte specializzazione settoriale/geografica - prevalenza analisi tecnica B (strategia di esclusiva) - SELEZIONE asset class ad elevata selezione - prevalenza analisi fondamentale C (stradegia di massa) - DIVERSIFICAZIONE asset class opportunamente diversificati in correlazione - prevalenza analisi tecnica Basso D Basso Alto Diversificazione del Portafoglio D (strategia difensiva) - GESTIONE asset class di banchmark - prevalenza di analisi empirica ed emulativa

40 Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Economia Cattedra di Economia degli Intermediari Finanziari Prof. Dell Atti Stefano Seminario: STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale Fine Dott. Luigi Lanzetta MBA Mib School of Management Banker Analist - Commercial Banking Manager Dott. Paolo d Ambrosio Portfolio Rete Manager Senior Consultant Banker Analist - Financial Advisor GRAZIE PER L'ATTENZIONE

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012 Strategie α nella costruzione di portafoglio 03 Maggio 2012 AGENDA La costruzione di portafoglio Le strategie alpha Il portafoglio con strategie alpha LA COSTRUZIONE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO Un portafoglio

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria da Markowitz al teorema della separazione e al CAPM Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz Markowitz

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*)

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*) Operazioni Tecniche Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività di Amedeo De Luca (*) Attraverso una composizione del portafoglio di attività strategica e ben condotta i gestori finanziari

Dettagli

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM Prof. Marco Oriani Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 17 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO La diversificazione di portafoglio e il CAPM Lezione 3 e 4 1 Scopo della lezione Illustrare il modello logico-teorico più utilizzato nella pratica per stimare il rendimento equo

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

RISCHIO IN AMBITO FINANZIARIO

RISCHIO IN AMBITO FINANZIARIO FINANCIAL RISK and EFFICIENT PORTFOLIO Il presente Progetto di Ricerca si inquadra nell ambito dell ottimizzazione di impiego di tecnologie avanzate del settore ICT in Organizzazioni Complesse, ovvero

Dettagli

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return GESTIONE DI PORTAFOGLI E RISCHIO: IL RUOLO DEGLI ETF. 28 ottobre 2011 Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return Dai prodotti benchmarked Profili di mercato ai prodotti flessibili

Dettagli

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità TRADINGONLINE EXPO Milano, 25 e 26 ottobre 2007 Definizione dei take-profit e degli stop-loss in base base alla volatilità Relatore: Maurizio Milano, docente SIAT resp. Analisi tecnica Gruppo Banca Sella

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica 32 L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica An international diversification strategy for Italian real estate investors Maurizio Grilli, Simone Roberti, Bnp

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 LÕeconomia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi È 1 1.1 Premessa È 1 1.2 LÕesercizio semantico È 1 1.3 La collocazione della disciplina È 4 Bibliografia

Dettagli

Gestioni sistematiche trend following Managed Futures

Gestioni sistematiche trend following Managed Futures Padova, 21 Ottobre 2011 Gestioni sistematiche trend following Managed Futures Giulio Faccioni Head of Business Development Agenda Quotidianità e investimenti Le strategie sistematiche Managed Futures Computer

Dettagli

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO IL PROCESSO DI INVESTIMENTO IL PROCESSO DI ALLOCAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Definizione dell allocazione strategica Definizione dell allocazione tattica Definizione delle singole forme di investimento Verifica

Dettagli

Analisi di bilancio: redditività e finanza

Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Redditività finale per i proprietari: gli effetti della finanza gli effetti delle imposte e delle rettifiche : la teoria

Dettagli

Analisi Integrata & Trading system

Analisi Integrata & Trading system TOL Expo 2011 27 Ottobre 2011 Analisi Integrata & Trading system Relatori: Giovanni Cuniberti Alberto Ravina Analisi integrata Parte I Analisi Macroeconomica Analisi dei Volumi Analisi integrata Analisi

Dettagli

from trading to trading system

from trading to trading system FT ALL A Single Strategy for Different Markets L integrazione di 4 diversi modelli di trading in un unica strategia globale permette di ottimizzare al massimo il rapporto rischio-rendimento. La piramide

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore 02. indice (V-X) 14-07-2003 16:40 Pagina V Nota dell editore XI Parte prima Valore 1 1 Perché la finanza aziendale è importante 3 1.1 Ruolo del manager finanziario 3 1.2 Chi è il manager finanziario? 5

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE COMMERCIALISTA -

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

MODULO 1 UNITA DIDATTICA 2

MODULO 1 UNITA DIDATTICA 2 MODULO 1 Investimento e rischio di investimento UNITA DIDATTICA 2 Nozioni di base per la valutazione degli investimenti Elementi di distribuzione dei rendimenti e Analisi Rendimento - Rischio per il portafoglio

Dettagli

Finanza Aziendale (6 cfu)

Finanza Aziendale (6 cfu) Finanza Aziendale (6 cfu) Docente: Prof. Giuseppe Frisella (profrisella@gmail.com) Ricevimento: Lunedì ore 10:00 Dipartimento SEAF-Economia 4 Piano Anno Accademico 2012/2013 Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

Portafogli efficienti per ogni profilo

Portafogli efficienti per ogni profilo Portafogli efficienti per ogni profilo di rischio con gli ETF Fausto Tenini -Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà di Economia Offerta

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

PADOVA, 21 Novembre 2015

PADOVA, 21 Novembre 2015 TRADERS TOUR PADOVA, 21 Novembre 2015 Domenico Dall Olio Direttore di QuantOptions Prof. a contratto in Mercati e Strumenti Finanziari Università di Venezia Ca Foscari www.quantoptions.it I vantaggi delle

Dettagli

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF Prof. Elena Beccalli, Milano ETF DAY Milano, 24 ottobre 2013 Il problema dell'investitore Condizioni di incertezza: riferimento ai dati storici, ma

Dettagli

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari PREVIDENZA E PATRIMONIO L ASSICURAZIONE SULLA VITA SCALA PREVIDENZA E PATRIMONIO Assicurazione sulla vita a premio unico CONFORTA Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com

relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com COME OPERARE CON SUCCESSO SUL FOREX Sistemi automatizzati, regole comportamentali, analisi intermarket e money

Dettagli

LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it

LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it LOGICA Nel 2012, in un periodo di crescita economica stagnante e deflazione rampante, Cicli&Mercati si è proposta di

Dettagli

2 La microeconomia... 29 2.1 Domanda e offerta di beni e servizi... 29 2.2 La produzione... 30

2 La microeconomia... 29 2.1 Domanda e offerta di beni e servizi... 29 2.2 La produzione... 30 Parte I Fondamenti di analisi economica 1 La macroeconomia............................................. 3 1.1 La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti.............. 3 1.2 Domanda aggregata,

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Giuseppe Di Vittorio Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI Prof. Marco Di Antonio PROBLEMATICITA Per i titoli azionari la costruzione di indicatori di rendimento è ancora più complessa rispetto ai titoli obbligazionari

Dettagli

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Active Marzo Management 2015 La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Mauro Vittorangeli CIO Conviction Fixed Income e Senior Portfolio Manager Le politiche monetarie

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE AIG Foundation Investments (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo Unit Linked

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO EFFICIENTE DI ATTIVITÀ MOBILIARI E IMMOBILIARI

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO EFFICIENTE DI ATTIVITÀ MOBILIARI E IMMOBILIARI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE Corso di laurea in Statistica, Economia e Finanza TESI DI LAUREA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO EFFICIENTE DI ATTIVITÀ MOBILIARI E IMMOBILIARI

Dettagli

La domanda di moneta

La domanda di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria La domanda di moneta (terza parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it La teoria keynesiana (preferenza

Dettagli

In termini di rischio le conclusioni a cui giunge il modello possono riassumersi nelle seguenti proposizioni:

In termini di rischio le conclusioni a cui giunge il modello possono riassumersi nelle seguenti proposizioni: b) Il capital Asset Pricing Model (CAPM) Il modello del CAPM è stato elaborato agli inizi degli anni 60 da tre studiosi americani: Sharpe, Lintner e Mossin. Le ipotesi semplificatrici alla base del modello

Dettagli

I GRAFICI A BOLLE ALCUNI GRAFICI DIVERSI DAL SOLITO. Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com

I GRAFICI A BOLLE ALCUNI GRAFICI DIVERSI DAL SOLITO. Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com ALCUNI GRAFICI DIVERSI DAL SOLITO Nelle slide successive alcuni grafici diversi dai soliti istogrammi, torte, barre ecc ecc Verranno analizzati grafici A bolle Radar

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

SERVIZIO "BRUNCH FTSE MIB"

SERVIZIO BRUNCH FTSE MIB SERVIZIO "BRUNCH FTSE MIB" by Team Sviluppo Sistemi Algoritmica.pro Srl Il servizio "Brunch Ftse Mib" è a cura del "Team Sviluppo Sistemi" di Algoritmica.pro Srl, una società attiva nello sviluppo, programmazione,

Dettagli

La ricerca di extrarendimenti nella gestione del patrimonio: i fondi di strategia

La ricerca di extrarendimenti nella gestione del patrimonio: i fondi di strategia La ricerca di extrarendimenti nella gestione del patrimonio: i fondi di strategia Indice Premessa Introduzione Capitolo 1: I primi sviluppi della teoria di portafoglio 1.1 La teoria del portafoglio di

Dettagli

LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it

LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it LOGICA Aggiornato a Novembre 2015 Nel 2012, in un periodo di crescita economica stagnante e deflazione rampante, Cicli&Mercati

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

Il trading automatico con WIMSERVER. Ing. Giuseppe Belfiori. www.ftsupport.it - info@ftsupport.it - 0289452666

Il trading automatico con WIMSERVER. Ing. Giuseppe Belfiori. www.ftsupport.it - info@ftsupport.it - 0289452666 Il trading automatico con WIMSERVER Ing. Giuseppe Belfiori 1 IL TRADING AUTOMATICO Il processo decisionale del trader discrezionale News Prezzi Buy Sell Sell Buy 2 IL TRADING AUTOMATICO Il processo decisionale

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

Fideuram Omnia. 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto. Febbraio 2015. Ad uso esclusivo del private banker

Fideuram Omnia. 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto. Febbraio 2015. Ad uso esclusivo del private banker Fideuram Omnia 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto Febbraio 2015 Ad uso esclusivo del private banker Perché Fideuram Omnia Fideuram Omnia un mondo di soluzioni, un unico contratto. La gestione

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali

I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali Itinerari Previdenziali Michele Pacciana Documento riservato agli investitori istituzionali partecipanti al convegno Itinerari Previdenziali

Dettagli

www.futuretrader.it PRESENTAZIONE FUTURE TRADER

www.futuretrader.it PRESENTAZIONE FUTURE TRADER PRESENTAZIONE FUTURE TRADER 1 Introduzione Future Trader è un software di trading e di investimento per prendere posizioni mediante strumenti derivati sui mercati azionari e per effettuare strategie di

Dettagli

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso.

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso. DOMANDE CHIUSE CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (SECONDA PARTE) LA PALESTRA 1. L attività di pianificazione, gestione e controllo dei flussi fisici dei materiali (m.p., semilavorati, e prodotti

Dettagli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valutazione degli investimenti 9 1-2 Argomenti trattati Costo del capitale aziendale e di progetto Misura del beta Costo del capitale e imprese diversificate Costo

Dettagli

Dalle strategie direzionali allo Spread Trading. Milano 1 Dicembre 2007

Dalle strategie direzionali allo Spread Trading. Milano 1 Dicembre 2007 Dalle strategie direzionali allo Spread Trading Milano 1 Dicembre 2007 Disclaimer/Note Legali Le opinioni espresse in questa presentazione e seminario non intendono in alcun modo costituire un invito a

Dettagli

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo Indice Presentazione, di Gilberto Gabrielli Introduzione Significato dei simboli e degli acronimi XI XII XXI Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Dettagli

SEGNALI GLOBALI SU VALUTE FOREX

SEGNALI GLOBALI SU VALUTE FOREX SEGNALI GLOBALI SU VALUTE FOREX In questo file so riepilogati : venerdì 5 vembre 2010 PAG. 2 e 3 : SEGNALI DI PREZZO SEMPLICI (senza indicazioni di stop e profit) long - short su base giornaliera, di CICLO

Dettagli

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM;

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore.. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; Rischio e capital budgeting Introduzione a rischio e rendimento 3. Decisioni

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator

Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator Panoramica Il nostro Risk Navigator è stato potenziato, accessibile all'interno di Trader Workstation, offre ora le metriche ponderate per il beta.

Dettagli

Una previdenza ottimale: risparmio e copertura dei rischi in un pacchetto interessante

Una previdenza ottimale: risparmio e copertura dei rischi in un pacchetto interessante PREVIDENZA E PATRIMONIO IL PACCHETTO PREVIDENZIALE PREVIDENZA Una previdenza ottimale: risparmio e copertura dei rischi in un pacchetto interessante generali.ch/pacchettoprevidenziale 2 Contenuto Contesto

Dettagli

LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it

LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it LOGICA, METODOLOGIA, STRUTTURA E USO DEI PORTAFOGLI MODELLO DI www.cicliemercati.it Aggiornato a Settembre 2014 LOGICA Nel 2012, in un periodo di crescita economica stagnante e deflazione rampante, Cicli&Mercati

Dettagli

SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE

SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE Negli ultimi tre decenni, il Capital Asset Pricing model ha occupato un posto centrale e spesso controverso nella maggioranza degli strumenti di

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) dott. Matteo Rossi Benevento, 14 gennaio 2008 La politica del prodotto Assume un ruolo centrale e prioritario nelle

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

Presenta il Master. 6, 13, 17, 20, 27, 29 Ottobre, Torino (presso uffici Private & Consulting SIM SpA)

Presenta il Master. 6, 13, 17, 20, 27, 29 Ottobre, Torino (presso uffici Private & Consulting SIM SpA) Presenta il Master PROFESSIONE MONEY MANAGER 6, 13, 17, 20, 27, 29 Ottobre, Torino (presso uffici Private & Consulting SIM SpA) Programma del Master Il Master si prefigge lo scopo di fornire una solida

Dettagli

Videolive Talia Tools:

Videolive Talia Tools: Videolive Talia Tools: Trading meccanico dott. Enrico Malverti Malverti@alice.it Enrico Malverti LombardReport.com 1 Quali vantaggi offre un approccio sistematico? I trader discrezionali possono testare

Dettagli