STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale"

Transcript

1 Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Economia Cattedra di Economia degli Intermediari Finanziari Prof. Dell Atti Stefano Seminario: STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale Dott. Luigi Lanzetta MBA Mib School of Management Banker Analist - Commercial Banking Manager Dott. Paolo d Ambrosio Portfolio Rete Manager Senior Consultant Banker Analist - Financial Advisor

2 STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale 1) PREMESSA METODOLOGICA - concetto di Strategia - l Asset Management - Congiuntura 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA - Il Ciclo Economico - Elementi Economici Finanziari e Reali della congiuntura - Evoluzione congiunturale dal 2000 ad oggi - La situazione oggi: elementi caratteristici 3) IL QUADRO STRATEGICO DELL ASSET MANAGEMENT - Esigenze dell investitore-risparmiatore e connotazione base di un portafoglio finanziario - Dal Money Management al Trading System - La Teoria di Portafoglio: Markowitz e gli elementi della Modern Portfolio Theory (rendimento medio, volatilità e correlazione) - Il CAPM Capital Asset Pricing Model 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI - Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG - Una evoluzione suggerita: adattamento dello schema di Chorafas

3 1) PREMESSA METODOLOGICA CONCETTO DI STRATEGIA attività che implica una razionale, costante e proiettata sequenza di azioni che portano una organizzazione/struttura da uno stato di equilibrio ad un ulteriore stato di equilibrio, attraverso un processo evolutivo caratterizzato da elementi di : - varianza - continuità - adattamento definizione di G. Eminente

4 VARIANZA La Varianza di una variabile aleatoria x VAR(x) è la misura di quanto questa variabile si discosti dal suo valore atteso E(x) Il concetto di varianza implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di ovvero: di quanto siano vari i valori assunti dalla variabile x ALEATORIETA e RISCHIO

5 CONTINUITA Una variabile è continua quando al variare di un suo elemento, varia uniformemente anche il risultato della variabile Il concetto di continuità implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di INTERCONNESSIONE e RELAZIONE temporale di CAUSA-EFFETTO

6 ADATTAMENTO Una variabile è in adattamento quando ha facoltà proprie o indotte di modificare i propri elementi e processi in maniera tale da aumentare il suo successo in termini di risultati, tenendo conto delle risorse disponibili e degli obiettivi predeterminati Il concetto di adattamento implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di EFFICIENZA e EFFICACIA

7 1) PREMESSA METODOLOGICA l' ASSET MANAGEMENT attività di gestione di valori patrimoniali/finanziari (asset) finalizzata alla allocazione ottimale (asset allocation) delle risorse disponibili tra le varie classi di attività (asset class), il cui processo è caratterizzato da elementi di: - distribuzione - decisione - combinazione Asset management is a systematic process of operating, maintaining, upgrading, and disposing of assets cost-effectively. cfr.: M. Giorgino e F. Travaglini

8 DISTRIBUZIONE La distribuzione è la rappresentazione del modo con cui le varie caratteristiche di un elemento si presentano all interno di un aggregato unitariamente considerato Il concetto di distribuzione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di DIFFERENZIAZIONE e RAGGRUPPAMENTO

9 DECISIONE La decisione è l azione conseguente alla scelta di intraprendere una tra più alternative disponibili (opzioni) Il concetto di decisione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di CONOSCENZA OPZIONALE e CONSEGUENZA PREVEDIBILE

10 COMBINAZIONE La combinazione è un insieme di oggetti estratti da un raggruppamento di elementi, dove gli oggetti sono parte di un unico elemento Il concetto di combinazione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di INTERDIPENDENZA e REPLICABILITA

11 1) PREMESSA METODOLOGICA CONGIUNTURA il termine "Congiuntura" indica la coesistenza, in un determinato momento, di diverse variabili economiche, finanziarie e reali relative ad un fenomeno, la cui combinazione da luogo ad una evoluzione o ad una azione specifica ed il cui processo è caratterizzato da elementi di: - sintesi - temporalità - dinamicità "La congiuntura economica può essere definita come il combinarsi di fenomeni sociali ed economici che determina in ogni momento una particolare evoluzione del sistema economico" cfr.: I. Cipolletta

12 SINTESI La sintesti è quel processo logico con il quale si rimettono insieme le varie parti di un processo di analisi, cercando di identificare la giusta o migliore struttura/composizione del problema da risolvere Il concetto di sintesi implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di AGGREGAZIONE e OTTIMIZZAZIONE

13 TEMPORALITA La temporalità è la connotazione di una variabile/evento espressa con riferimento al suo collocamento rispetto ad un arco temporale definito/definibile (passato-presente- futuro) Il concetto di temporalità implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di RELAZIONE e CONTESTO

14 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA CICLO ECONOMICO Le fluttuazioni economiche di un ciclo sono le sequenze temporali dove a periodi di prosperità o espansione seguono periodi di ristagno o recessione che sboccano poi in nuovi periodi di prosperità Ciascuna fluttuazione ciclica (o ciclo economico) procede partendo da un punto di svolta inferiore (cd. Minimo del Ciclo), con una fase di espansione di durata e ampiezza mutevole, che culmina in un punto di svolta superiore (cd. Massimo del Ciclo) ed è seguita da una fase di recessione, al cui termine c'è un nuovo punto di svolta inferiore, da cui inizia un nuovo ciclo. Espansione Massimo del ciclo Recessione Tempo Minimo del ciclo Minimo del ciclo Ciclo Economico

15 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA ELEMENTI ECONOMICI FINANZIARI E REALI DELLA CONGIUNTURA elementi ECONOMICI elementi FINANZIARI elementi REALI fase di ESPANSIONE crescita INVESTIMENTI aumento REDDITIVITA' crescita del PIL crescita PRODUZIONE aumento SALARI crescita dei CONSUMI crescita dei PREZZI aumento LIQUIDITA' crescita INFLAZIONE crescita ORDINI IMPRESE aumento SPESE CONSUMI crescita INFRATRUTTURE crescita IMPORTAZIONE M.P. crescita COSTRUZIONI crescita OCCUPAZIONE ecc ecc ecc fase di RECESSIONE riduzione INVESTIMENTI riduzione REDDITIVITA' non crescita del PIL riduzione PRODUZIONE riduzione SALARI riduzione dei CONSUMI riduzione ORDINI IMPRESE riduzione LIQUIDATA' DEFLAZIONE riduzione IMPORTAZIONI M.P. riduzione SPESA CONSUMI no INFRASTRUTTURE aumento PRESSIONE FISCALE AMMORTIZZATORI SOCIALI no COSTRUZIONI crescita DISOCCUPAZIONE ecc ecc ecc

16 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA EVOLUZIONE CONGIUNTURALE DAL 2000 AD OGGI Dalla Crisi Finanziaria VS la Crisi Reale MINORI RISORSE FINANZIARIE Imprese: RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI MINORI REDDITI REALI Famiglie: RIDUZIONE DEI CONSUMI Ruolo del CREDITO: in passato il sistema ha inondato l'economia di risorse finanziare a basso prezzo anche indebitandosi e senza alcuna relazione congrua con i patrimoni reali - indebitamento con carte di credito, finanziamenti diffusi per i consumi, finanziamenti per fabbisogni pubblici - (bolle immobiliari/finanziarie - crisi sub-prime - speculazioni) ne è conseguita la necessità di ridimensionare il credito e quindi ridurre le erogazioni rendendole più congrue con i patrimoni reali

17 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT ESIGENZE DELL'INVESTITORE-RISPARMIATORE E CONNOTAZIONE BASE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO BT: ESIGENZE DI LIQUIDITA': spesa corrente ed imprevisti - flussi di cassa MT: ESIGENZE DI SICUREZZA: stabilità - reddito prospettico LT: ESIGENZE DI SVILUPPO: accrescimento patrimoniale ed evoluzione opportunistica - speculazione ed arbitraggio

18 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM ASSET MANAGEMENT: discrezionale automatico MONEY MANAGEMENT TRADING SYSTEM

19 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM

20 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM - driver dei Mercati finanziari / serie storiche TRADING SYSTEM - STRUMENTI ALGORITMICI E AUTOMATICI - definizione dei livelli di entrata/uscita - parametrizzazioni: stop loss - take profit - trailing stop - PATTERN DI PREZZO I pattern di prezzo sono particolari formazioni grafiche, rilevabili sui grafici di tendenza, che hanno il carattere del ripetersi nella storia di un titolo o di un mercato, mostrando una tendenza a segnalare rialzi oppure ribassi. Questa loro caratteristica ne fa degli alleati ideali per i trader poiché, all'apparire di un determinato pattern, è possibile formulare un'ipotesi rialzista o ribassista anche se solo di breve periodo. Ogni pattern ha un diverso valore previsionale che dipende molto dal titolo su cui viene rilevato e dalle volte precedenti in cui il pattern si e' verificato sul titolo, calcolando quante volte ha generato segnali corretti rispetto a segnali falsi. Il rapporto segnali corretti/segnali falsi viene utilizzato per calcolare la probabilita' di successo del segnale - DATI STATISTICI e ANALISI TECNICA - MEZZI: TradeStation esignal Visual Trader

21 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 1 Esempio di chart con applicato un trading system sviluppato in power language

22 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 2 Acquisizione ed elaborazione dei dati da owner data con esignal

23 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 3 Parte di un report del Trade System su posizioni: ALL Traders - LONG Traders - SHORT Traders

24 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 4 esempio di una Equity curve "close to close" di un trading system

25 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 5 Report dati con ordinamento per diversi fattori di analisi (ottimizzatore)

26 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 6 Vista 3D delle combinazioni ottenute dall'ottimizzatore del report dati (possibile analizzare aree di stabilità)

27 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 7 BackTest di portafoglio: analisi su tre diverse opzioni strategiche

28 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 8 Curva di portafoglio ottenuta dalla sintesi di tre diverse strategie (due su FTSE MIB Future e una su BUND) possibilità di analisi: giornaliera, mensile ed annuale

29 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Ottimizzare la rendita degli investimenti= minimizzazione del rischio a fronte di un dato livello di rendimento atteso MIN risk - MAX profit "Portfolio selection: efficient diversification of investments" Frontiera di Portafoglio = combinazione di redditività e rischio in fuzione di tre elementi: 1) RENDIMENTO MEDIO 2) VOLATILITA' 3) CORRELAZIONE

30 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Rendimento (ex post) : rendicontazione Rt1 Rt1 = (Pt1 - Pt0) + Dt1 Pt0 hp: evento uniperiodale; dividendi non reinvestiti; no costi transazione; no ritenuta fiscale sui dividendi Rendimento (ex ante) : previsione Rt0 deriva dalla combinazione di - valore medio ---> SERIE STORICA RENDIMENTI (N osservazioni) ---> MEDIA ARITMETICA = - volatilità ---> RISCHIO (scostamento dal valore medio stimato) ---> VARIANZA = - probabilità ---> CORRELAZIONE (interdipendenza tra variabili) ---> DEVIAZIONE STD = (correlazione positiva - correlazione negativa - nessuna correlazione)

31 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" La costruzione della FRONTIERA EFFICIENTE Se si considerano n alternative rischiose di investimento (es. Titoli) allora è possibile, attraverso l'utilizzo di una serie storica di dati dei rendimenti di ciascun titolo, definire in un piano Rischio/Rendimento un opportunity set (regione ammissibile) calcolando per ogni combinazione possibile della ricchezza investita in ciascuna delle n alternative i corrispondenti valori di rendimento atteso (media) e rischio (varianza) Si definisce frontiera efficiente l'insieme di quelle combinazioni di portafoglio titoli che a parità di rendimento sono meno rischiosi oppure che a parità di rischio sono quelli più redditizi. Tale insieme di portafogli coincide con l'estremo superiore della regione ammissibile sul piano (µ-s).

32 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" MPT evoluzione della Teoria del Portafoglio di Markowitz : la Modern Portfolio Theory Per poter ridurre significativamente il rischio è necessario comporre il portafoglio in modo tale che i singoli investimenti che lo compongono (titoli, indici, mercati, ecc ) risultino correlati negativamente e comunque non altamente correlati; vale a dire che i singoli investimenti (titoli, indici, mercati, ecc ) devono essere caratterizzati da trend con oscillazioni tendenzialmente opposte o comunque diverse

33 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Il risultato evidente è che la correlazione negativa dei due mercati, annulla la fluttuazione (rischio) composizione al 50% dei due mercati

34 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Il risultato evidente è che è possibile incrementare il rendimento a parità di rischio con una composizione particolare dei mercati connotati da diversi profili di rischio-rendimento, ma sempre negativamente correlati L'investimento formato da 44% mercato 4 e 56% mercato 3 ha il medesimo grado di fluttuazione del mercato 3 ma un rendimento maggiore

35 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" La figura che segue rappresenta una frontiera efficiente come combinazione di rendimento medio e deviazione std. dei mercati 3 e 4 a) si nota come le combinazioni di 90% M3 + 10% M4 sia meno rischioso e più redditizione del Mercato 3 (ciò dimostra che aggiungendo un mercato più rischioso si può ridurre il rischio complessivo ed aumentare il rendimento) b) si nota come sia il Mercato 3 che le combinazioni con 90% e 80% di M3 sono "inefficienti" (infatti esistono altre combinazioni che con lo stesso grado di rischio presentano rendimenti superiori)

36 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT Il CAPM: Capital Asset Pricing Model Il CAPM stabilisce una ralazione tra il Rendimento di un Titolo e la sua Rischiosità (tale relazione viene misurata con un unico fattore di rischio, detto BETA) il BETA misura di quanto il valore del titolo si muova in sintonia con il mercato (il BETA misura la covarianza tra rendimento del titolo ed andamento del mercato) - analisi effettuata da W. Sharpe -

37 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG La Matrice crescita/quota - introdotta negli anni 70 dalla Boston Consulting Group - rappresenta un modello strategico di classificazione delle aree d'affari attraverso il quale si decide come allocare le risorse nelle varie attività. Nella sua formulazione classica la BCG viene rappresentata: Alto Tasso di crescita del Mercato Basso QUESTION MARKS (punti interrogativi) mercato in espansione - basse quote di mercato > azione: investire e sviluppare (bassi flussi di cassa in entrata iniziali - forti investimenti di sviluppo) STARS (stelle) mercato in espansione - alte quote di mercato > azione: mantenere e continuare ad investire (flussi di cassa non rilevanti - investimenti di mantenimento) CASH CAWS (mucche da mungere) mercato in contrazione - quote di mercato elevate > azione: realizzare (flussi di cassa rilevanti - non necessita investimento se non di tipo difensivo) Alta DOGS (cani) mercato in contrazione - quote di mercato ridotte > azione: uscire (irrilevanti flussi di cassa - disinvestimenti) Bassa Quota di Mercato

38 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG La Matrice BCG, nella sua connotazione adattata all' asset management si presenta: PURCHASING PORTFOLIO MANAGEMENT Alto Profit Leverage Products Strategic Products Basso Basso Routine Products Risk Bottleneck Products Alto BOTTLENECK (strozzatura) alto rischio - bassi profitti > azione: tenere (KEEP) STRATEGIC (strategico) alto rischio - alti profitti > azione: tenere ed investire (KEEP and INVEST) LEVERAGE (a effeto leva) basso rischio - alti profitti > azione: tenere o vendere (KEEP or SELL) ROUTINE (ricorrenti) basso rischio - bassi profitti > azione: vendere o disinvestire (SELL or DELETE)

39 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Una evoluzione suggerita negli orientamenti strategici: adattamento dello schema di Chorafas D.N. Chorafas : "Obiettivo profitto. Dal controllo dei costi al pricing nell'impresa banca" - Edibank 1991 analisi delle relazioni tra Roi e Quota di Mercato, per la definizione di: 1) strategie di prodotto di Nicchia ( A ) 2) strategie di prodotto Esclusivo ( B ) 3) strategie di prodotto di Massa ( C ) 4) strategie Difensive ( D ) Alto Rendimento A Frontiera Efficiente B C A (strategia di nicchia) - SPECIALIZZAZIONE asset class a forte specializzazione settoriale/geografica - prevalenza analisi tecnica B (strategia di esclusiva) - SELEZIONE asset class ad elevata selezione - prevalenza analisi fondamentale C (stradegia di massa) - DIVERSIFICAZIONE asset class opportunamente diversificati in correlazione - prevalenza analisi tecnica Basso D Basso Alto Diversificazione del Portafoglio D (strategia difensiva) - GESTIONE asset class di banchmark - prevalenza di analisi empirica ed emulativa

40 Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Economia Cattedra di Economia degli Intermediari Finanziari Prof. Dell Atti Stefano Seminario: STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale Fine Dott. Luigi Lanzetta MBA Mib School of Management Banker Analist - Commercial Banking Manager Dott. Paolo d Ambrosio Portfolio Rete Manager Senior Consultant Banker Analist - Financial Advisor GRAZIE PER L'ATTENZIONE

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse L interesse principale di chi ha sottoscritto un fondo d investimento è quello di conoscere di quanto sia cresciuta la propria ricchezza,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO 13 Edizione del corso FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO L unico corso che ti accompagna passo dopo passo fino a selezionare, affittare, gestire un trading

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX DailyFX Strategies Breakout e medie mobili Davide Marone, Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Breakout e medie mobili Davide Marone INTRO Prima di costruire una qualsiasi

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Strategie basate su indicatori fondamentali e di volatilità: un applicazione al mercato europeo degli ETF settoriali

Strategie basate su indicatori fondamentali e di volatilità: un applicazione al mercato europeo degli ETF settoriali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Economia Marco Biagi Corso di laurea specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Curriculum Analisi Finanziaria Strategie basate

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager Soluzioni orientate ai risultati Obiettivo raggiunto L esperienza trentennale di UBS Global Asset Management nella gestione dei

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2 a EDIZIONE MILANO NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 In collaborazione con Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 orso

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA La vigilanza e le garanzie finanziarie QUADERNI 12 L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA PARTE PRIMA INDICE L Asset-Liability Management nelle imprese di assicurazione

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Dal 9 settembre al 17 ottobre 2015 8 lezioni in streaming e 2 giornate conclusive a COMANO TERME (TN)

Dal 9 settembre al 17 ottobre 2015 8 lezioni in streaming e 2 giornate conclusive a COMANO TERME (TN) QUANT MASTER (Entry level) Un percorso formativo unico per progettare il tuo trading system con i migliori esperti italiani Dal 9 settembre al 17 ottobre 2015 8 lezioni in streaming e 2 giornate conclusive

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.com Mangustarisk Italia s.r.l. Via Giulia, 4 00186, Roma (Italia) Tel. +39 06 45439400 Fax.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO GOLD 2.0 NEWSLETTER OPERATIVA SUL MERCATO AZIONARIO a cura di Pierluigi Gerbino ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo della newsletter

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures Manuale operativo Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. MERCATO REGOLAMENTATO DEI FUTURES O FOREX? Vediamo qual è la differenza tra questi due mercati e soprattutto

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli