STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale"

Transcript

1 Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Economia Cattedra di Economia degli Intermediari Finanziari Prof. Dell Atti Stefano Seminario: STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale Dott. Luigi Lanzetta MBA Mib School of Management Banker Analist - Commercial Banking Manager Dott. Paolo d Ambrosio Portfolio Rete Manager Senior Consultant Banker Analist - Financial Advisor

2 STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale 1) PREMESSA METODOLOGICA - concetto di Strategia - l Asset Management - Congiuntura 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA - Il Ciclo Economico - Elementi Economici Finanziari e Reali della congiuntura - Evoluzione congiunturale dal 2000 ad oggi - La situazione oggi: elementi caratteristici 3) IL QUADRO STRATEGICO DELL ASSET MANAGEMENT - Esigenze dell investitore-risparmiatore e connotazione base di un portafoglio finanziario - Dal Money Management al Trading System - La Teoria di Portafoglio: Markowitz e gli elementi della Modern Portfolio Theory (rendimento medio, volatilità e correlazione) - Il CAPM Capital Asset Pricing Model 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI - Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG - Una evoluzione suggerita: adattamento dello schema di Chorafas

3 1) PREMESSA METODOLOGICA CONCETTO DI STRATEGIA attività che implica una razionale, costante e proiettata sequenza di azioni che portano una organizzazione/struttura da uno stato di equilibrio ad un ulteriore stato di equilibrio, attraverso un processo evolutivo caratterizzato da elementi di : - varianza - continuità - adattamento definizione di G. Eminente

4 VARIANZA La Varianza di una variabile aleatoria x VAR(x) è la misura di quanto questa variabile si discosti dal suo valore atteso E(x) Il concetto di varianza implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di ovvero: di quanto siano vari i valori assunti dalla variabile x ALEATORIETA e RISCHIO

5 CONTINUITA Una variabile è continua quando al variare di un suo elemento, varia uniformemente anche il risultato della variabile Il concetto di continuità implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di INTERCONNESSIONE e RELAZIONE temporale di CAUSA-EFFETTO

6 ADATTAMENTO Una variabile è in adattamento quando ha facoltà proprie o indotte di modificare i propri elementi e processi in maniera tale da aumentare il suo successo in termini di risultati, tenendo conto delle risorse disponibili e degli obiettivi predeterminati Il concetto di adattamento implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di EFFICIENZA e EFFICACIA

7 1) PREMESSA METODOLOGICA l' ASSET MANAGEMENT attività di gestione di valori patrimoniali/finanziari (asset) finalizzata alla allocazione ottimale (asset allocation) delle risorse disponibili tra le varie classi di attività (asset class), il cui processo è caratterizzato da elementi di: - distribuzione - decisione - combinazione Asset management is a systematic process of operating, maintaining, upgrading, and disposing of assets cost-effectively. cfr.: M. Giorgino e F. Travaglini

8 DISTRIBUZIONE La distribuzione è la rappresentazione del modo con cui le varie caratteristiche di un elemento si presentano all interno di un aggregato unitariamente considerato Il concetto di distribuzione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di DIFFERENZIAZIONE e RAGGRUPPAMENTO

9 DECISIONE La decisione è l azione conseguente alla scelta di intraprendere una tra più alternative disponibili (opzioni) Il concetto di decisione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di CONOSCENZA OPZIONALE e CONSEGUENZA PREVEDIBILE

10 COMBINAZIONE La combinazione è un insieme di oggetti estratti da un raggruppamento di elementi, dove gli oggetti sono parte di un unico elemento Il concetto di combinazione implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di INTERDIPENDENZA e REPLICABILITA

11 1) PREMESSA METODOLOGICA CONGIUNTURA il termine "Congiuntura" indica la coesistenza, in un determinato momento, di diverse variabili economiche, finanziarie e reali relative ad un fenomeno, la cui combinazione da luogo ad una evoluzione o ad una azione specifica ed il cui processo è caratterizzato da elementi di: - sintesi - temporalità - dinamicità "La congiuntura economica può essere definita come il combinarsi di fenomeni sociali ed economici che determina in ogni momento una particolare evoluzione del sistema economico" cfr.: I. Cipolletta

12 SINTESI La sintesti è quel processo logico con il quale si rimettono insieme le varie parti di un processo di analisi, cercando di identificare la giusta o migliore struttura/composizione del problema da risolvere Il concetto di sintesi implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di AGGREGAZIONE e OTTIMIZZAZIONE

13 TEMPORALITA La temporalità è la connotazione di una variabile/evento espressa con riferimento al suo collocamento rispetto ad un arco temporale definito/definibile (passato-presente- futuro) Il concetto di temporalità implica nell ambito strategico la valutazione degli elementi di RELAZIONE e CONTESTO

14 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA CICLO ECONOMICO Le fluttuazioni economiche di un ciclo sono le sequenze temporali dove a periodi di prosperità o espansione seguono periodi di ristagno o recessione che sboccano poi in nuovi periodi di prosperità Ciascuna fluttuazione ciclica (o ciclo economico) procede partendo da un punto di svolta inferiore (cd. Minimo del Ciclo), con una fase di espansione di durata e ampiezza mutevole, che culmina in un punto di svolta superiore (cd. Massimo del Ciclo) ed è seguita da una fase di recessione, al cui termine c'è un nuovo punto di svolta inferiore, da cui inizia un nuovo ciclo. Espansione Massimo del ciclo Recessione Tempo Minimo del ciclo Minimo del ciclo Ciclo Economico

15 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA ELEMENTI ECONOMICI FINANZIARI E REALI DELLA CONGIUNTURA elementi ECONOMICI elementi FINANZIARI elementi REALI fase di ESPANSIONE crescita INVESTIMENTI aumento REDDITIVITA' crescita del PIL crescita PRODUZIONE aumento SALARI crescita dei CONSUMI crescita dei PREZZI aumento LIQUIDITA' crescita INFLAZIONE crescita ORDINI IMPRESE aumento SPESE CONSUMI crescita INFRATRUTTURE crescita IMPORTAZIONE M.P. crescita COSTRUZIONI crescita OCCUPAZIONE ecc ecc ecc fase di RECESSIONE riduzione INVESTIMENTI riduzione REDDITIVITA' non crescita del PIL riduzione PRODUZIONE riduzione SALARI riduzione dei CONSUMI riduzione ORDINI IMPRESE riduzione LIQUIDATA' DEFLAZIONE riduzione IMPORTAZIONI M.P. riduzione SPESA CONSUMI no INFRASTRUTTURE aumento PRESSIONE FISCALE AMMORTIZZATORI SOCIALI no COSTRUZIONI crescita DISOCCUPAZIONE ecc ecc ecc

16 2) CONNOTAZIONI CARATTERISTICHE DELL ATTUALE CONGIUNTURA EVOLUZIONE CONGIUNTURALE DAL 2000 AD OGGI Dalla Crisi Finanziaria VS la Crisi Reale MINORI RISORSE FINANZIARIE Imprese: RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI MINORI REDDITI REALI Famiglie: RIDUZIONE DEI CONSUMI Ruolo del CREDITO: in passato il sistema ha inondato l'economia di risorse finanziare a basso prezzo anche indebitandosi e senza alcuna relazione congrua con i patrimoni reali - indebitamento con carte di credito, finanziamenti diffusi per i consumi, finanziamenti per fabbisogni pubblici - (bolle immobiliari/finanziarie - crisi sub-prime - speculazioni) ne è conseguita la necessità di ridimensionare il credito e quindi ridurre le erogazioni rendendole più congrue con i patrimoni reali

17 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT ESIGENZE DELL'INVESTITORE-RISPARMIATORE E CONNOTAZIONE BASE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO BT: ESIGENZE DI LIQUIDITA': spesa corrente ed imprevisti - flussi di cassa MT: ESIGENZE DI SICUREZZA: stabilità - reddito prospettico LT: ESIGENZE DI SVILUPPO: accrescimento patrimoniale ed evoluzione opportunistica - speculazione ed arbitraggio

18 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM ASSET MANAGEMENT: discrezionale automatico MONEY MANAGEMENT TRADING SYSTEM

19 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM

20 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM - driver dei Mercati finanziari / serie storiche TRADING SYSTEM - STRUMENTI ALGORITMICI E AUTOMATICI - definizione dei livelli di entrata/uscita - parametrizzazioni: stop loss - take profit - trailing stop - PATTERN DI PREZZO I pattern di prezzo sono particolari formazioni grafiche, rilevabili sui grafici di tendenza, che hanno il carattere del ripetersi nella storia di un titolo o di un mercato, mostrando una tendenza a segnalare rialzi oppure ribassi. Questa loro caratteristica ne fa degli alleati ideali per i trader poiché, all'apparire di un determinato pattern, è possibile formulare un'ipotesi rialzista o ribassista anche se solo di breve periodo. Ogni pattern ha un diverso valore previsionale che dipende molto dal titolo su cui viene rilevato e dalle volte precedenti in cui il pattern si e' verificato sul titolo, calcolando quante volte ha generato segnali corretti rispetto a segnali falsi. Il rapporto segnali corretti/segnali falsi viene utilizzato per calcolare la probabilita' di successo del segnale - DATI STATISTICI e ANALISI TECNICA - MEZZI: TradeStation esignal Visual Trader

21 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 1 Esempio di chart con applicato un trading system sviluppato in power language

22 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 2 Acquisizione ed elaborazione dei dati da owner data con esignal

23 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 3 Parte di un report del Trade System su posizioni: ALL Traders - LONG Traders - SHORT Traders

24 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 4 esempio di una Equity curve "close to close" di un trading system

25 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 5 Report dati con ordinamento per diversi fattori di analisi (ottimizzatore)

26 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 6 Vista 3D delle combinazioni ottenute dall'ottimizzatore del report dati (possibile analizzare aree di stabilità)

27 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 7 BackTest di portafoglio: analisi su tre diverse opzioni strategiche

28 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT DAL MONEY MANAGEMENT AL TRADING SYSTEM Fig. 8 Curva di portafoglio ottenuta dalla sintesi di tre diverse strategie (due su FTSE MIB Future e una su BUND) possibilità di analisi: giornaliera, mensile ed annuale

29 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Ottimizzare la rendita degli investimenti= minimizzazione del rischio a fronte di un dato livello di rendimento atteso MIN risk - MAX profit "Portfolio selection: efficient diversification of investments" Frontiera di Portafoglio = combinazione di redditività e rischio in fuzione di tre elementi: 1) RENDIMENTO MEDIO 2) VOLATILITA' 3) CORRELAZIONE

30 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Rendimento (ex post) : rendicontazione Rt1 Rt1 = (Pt1 - Pt0) + Dt1 Pt0 hp: evento uniperiodale; dividendi non reinvestiti; no costi transazione; no ritenuta fiscale sui dividendi Rendimento (ex ante) : previsione Rt0 deriva dalla combinazione di - valore medio ---> SERIE STORICA RENDIMENTI (N osservazioni) ---> MEDIA ARITMETICA = - volatilità ---> RISCHIO (scostamento dal valore medio stimato) ---> VARIANZA = - probabilità ---> CORRELAZIONE (interdipendenza tra variabili) ---> DEVIAZIONE STD = (correlazione positiva - correlazione negativa - nessuna correlazione)

31 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" La costruzione della FRONTIERA EFFICIENTE Se si considerano n alternative rischiose di investimento (es. Titoli) allora è possibile, attraverso l'utilizzo di una serie storica di dati dei rendimenti di ciascun titolo, definire in un piano Rischio/Rendimento un opportunity set (regione ammissibile) calcolando per ogni combinazione possibile della ricchezza investita in ciascuna delle n alternative i corrispondenti valori di rendimento atteso (media) e rischio (varianza) Si definisce frontiera efficiente l'insieme di quelle combinazioni di portafoglio titoli che a parità di rendimento sono meno rischiosi oppure che a parità di rischio sono quelli più redditizi. Tale insieme di portafogli coincide con l'estremo superiore della regione ammissibile sul piano (µ-s).

32 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" MPT evoluzione della Teoria del Portafoglio di Markowitz : la Modern Portfolio Theory Per poter ridurre significativamente il rischio è necessario comporre il portafoglio in modo tale che i singoli investimenti che lo compongono (titoli, indici, mercati, ecc ) risultino correlati negativamente e comunque non altamente correlati; vale a dire che i singoli investimenti (titoli, indici, mercati, ecc ) devono essere caratterizzati da trend con oscillazioni tendenzialmente opposte o comunque diverse

33 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Il risultato evidente è che la correlazione negativa dei due mercati, annulla la fluttuazione (rischio) composizione al 50% dei due mercati

34 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" Il risultato evidente è che è possibile incrementare il rendimento a parità di rischio con una composizione particolare dei mercati connotati da diversi profili di rischio-rendimento, ma sempre negativamente correlati L'investimento formato da 44% mercato 4 e 56% mercato 3 ha il medesimo grado di fluttuazione del mercato 3 ma un rendimento maggiore

35 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT LA TEORIA DI PORTAFOGLIO: Markowitz e gli elementi della "MODERN PORTFOLIO THEORY" La figura che segue rappresenta una frontiera efficiente come combinazione di rendimento medio e deviazione std. dei mercati 3 e 4 a) si nota come le combinazioni di 90% M3 + 10% M4 sia meno rischioso e più redditizione del Mercato 3 (ciò dimostra che aggiungendo un mercato più rischioso si può ridurre il rischio complessivo ed aumentare il rendimento) b) si nota come sia il Mercato 3 che le combinazioni con 90% e 80% di M3 sono "inefficienti" (infatti esistono altre combinazioni che con lo stesso grado di rischio presentano rendimenti superiori)

36 3) IL QUADRO STRATEGICO NELL ASSET MANAGEMENT Il CAPM: Capital Asset Pricing Model Il CAPM stabilisce una ralazione tra il Rendimento di un Titolo e la sua Rischiosità (tale relazione viene misurata con un unico fattore di rischio, detto BETA) il BETA misura di quanto il valore del titolo si muova in sintonia con il mercato (il BETA misura la covarianza tra rendimento del titolo ed andamento del mercato) - analisi effettuata da W. Sharpe -

37 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG La Matrice crescita/quota - introdotta negli anni 70 dalla Boston Consulting Group - rappresenta un modello strategico di classificazione delle aree d'affari attraverso il quale si decide come allocare le risorse nelle varie attività. Nella sua formulazione classica la BCG viene rappresentata: Alto Tasso di crescita del Mercato Basso QUESTION MARKS (punti interrogativi) mercato in espansione - basse quote di mercato > azione: investire e sviluppare (bassi flussi di cassa in entrata iniziali - forti investimenti di sviluppo) STARS (stelle) mercato in espansione - alte quote di mercato > azione: mantenere e continuare ad investire (flussi di cassa non rilevanti - investimenti di mantenimento) CASH CAWS (mucche da mungere) mercato in contrazione - quote di mercato elevate > azione: realizzare (flussi di cassa rilevanti - non necessita investimento se non di tipo difensivo) Alta DOGS (cani) mercato in contrazione - quote di mercato ridotte > azione: uscire (irrilevanti flussi di cassa - disinvestimenti) Bassa Quota di Mercato

38 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Un modello di orientamento strategico: adattamento della matrice BCG La Matrice BCG, nella sua connotazione adattata all' asset management si presenta: PURCHASING PORTFOLIO MANAGEMENT Alto Profit Leverage Products Strategic Products Basso Basso Routine Products Risk Bottleneck Products Alto BOTTLENECK (strozzatura) alto rischio - bassi profitti > azione: tenere (KEEP) STRATEGIC (strategico) alto rischio - alti profitti > azione: tenere ed investire (KEEP and INVEST) LEVERAGE (a effeto leva) basso rischio - alti profitti > azione: tenere o vendere (KEEP or SELL) ROUTINE (ricorrenti) basso rischio - bassi profitti > azione: vendere o disinvestire (SELL or DELETE)

39 4) MODELLI EVOLUTIVI STRATEGICI Una evoluzione suggerita negli orientamenti strategici: adattamento dello schema di Chorafas D.N. Chorafas : "Obiettivo profitto. Dal controllo dei costi al pricing nell'impresa banca" - Edibank 1991 analisi delle relazioni tra Roi e Quota di Mercato, per la definizione di: 1) strategie di prodotto di Nicchia ( A ) 2) strategie di prodotto Esclusivo ( B ) 3) strategie di prodotto di Massa ( C ) 4) strategie Difensive ( D ) Alto Rendimento A Frontiera Efficiente B C A (strategia di nicchia) - SPECIALIZZAZIONE asset class a forte specializzazione settoriale/geografica - prevalenza analisi tecnica B (strategia di esclusiva) - SELEZIONE asset class ad elevata selezione - prevalenza analisi fondamentale C (stradegia di massa) - DIVERSIFICAZIONE asset class opportunamente diversificati in correlazione - prevalenza analisi tecnica Basso D Basso Alto Diversificazione del Portafoglio D (strategia difensiva) - GESTIONE asset class di banchmark - prevalenza di analisi empirica ed emulativa

40 Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Economia Cattedra di Economia degli Intermediari Finanziari Prof. Dell Atti Stefano Seminario: STRATEGIE nell ASSET MANAGEMENT nell attuale periodo congiunturale Fine Dott. Luigi Lanzetta MBA Mib School of Management Banker Analist - Commercial Banking Manager Dott. Paolo d Ambrosio Portfolio Rete Manager Senior Consultant Banker Analist - Financial Advisor GRAZIE PER L'ATTENZIONE

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012 Strategie α nella costruzione di portafoglio 03 Maggio 2012 AGENDA La costruzione di portafoglio Le strategie alpha Il portafoglio con strategie alpha LA COSTRUZIONE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO Un portafoglio

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 LÕeconomia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi È 1 1.1 Premessa È 1 1.2 LÕesercizio semantico È 1 1.3 La collocazione della disciplina È 4 Bibliografia

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria da Markowitz al teorema della separazione e al CAPM Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz Markowitz

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) dott. Matteo Rossi Benevento, 14 gennaio 2008 La politica del prodotto Assume un ruolo centrale e prioritario nelle

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari PREVIDENZA E PATRIMONIO L ASSICURAZIONE SULLA VITA SCALA PREVIDENZA E PATRIMONIO Assicurazione sulla vita a premio unico CONFORTA Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

Portafogli efficienti per ogni profilo

Portafogli efficienti per ogni profilo Portafogli efficienti per ogni profilo di rischio con gli ETF Fausto Tenini -Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà di Economia Offerta

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

La valutazione dell investimentoimmobiliare DIBA - 2004. Titolo della presentazione 1

La valutazione dell investimentoimmobiliare DIBA - 2004. Titolo della presentazione 1 La valutazione dell investimentoimmobiliare DIBA - 2004 Copyright SDA Copyright Bocconi 2004 SDA Bocconi 2004 Titolo della presentazione 1 Indice Gli indici di mercato I fondi comuni di investimento real

Dettagli

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Carry Strategies Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Versione riservata ai Financial Partner ad esclusivo uso interno Maggio 2014 La posizione di Carry Strategies nell offerta AzFund

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore 02. indice (V-X) 14-07-2003 16:40 Pagina V Nota dell editore XI Parte prima Valore 1 1 Perché la finanza aziendale è importante 3 1.1 Ruolo del manager finanziario 3 1.2 Chi è il manager finanziario? 5

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO La diversificazione di portafoglio e il CAPM Lezione 3 e 4 1 Scopo della lezione Illustrare il modello logico-teorico più utilizzato nella pratica per stimare il rendimento equo

Dettagli

Analisi Integrata & Trading system

Analisi Integrata & Trading system TOL Expo 2011 27 Ottobre 2011 Analisi Integrata & Trading system Relatori: Giovanni Cuniberti Alberto Ravina Analisi integrata Parte I Analisi Macroeconomica Analisi dei Volumi Analisi integrata Analisi

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

LA FUNZIONE COMMERCIALE terza parte: politiche di prodotto e segmentazione strategica del mercato

LA FUNZIONE COMMERCIALE terza parte: politiche di prodotto e segmentazione strategica del mercato Economia e Gestione delle Imprese LA FUNZIONE COMMERCIALE terza parte: politiche di prodotto e segmentazione strategica del mercato Prof. Arturo Capasso LE LEVE DEL MARKETING-MIX Politiche di prodotto

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Finanza Aziendale (6 cfu)

Finanza Aziendale (6 cfu) Finanza Aziendale (6 cfu) Docente: Prof. Giuseppe Frisella (profrisella@gmail.com) Ricevimento: Lunedì ore 10:00 Dipartimento SEAF-Economia 4 Piano Anno Accademico 2012/2013 Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Paolo Vicentini 7 Marzo 2005 Avvertenze legali Questa presentazione ha carattere puramente informativo e non costituisce sollecitazione all investimento,

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*)

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*) Operazioni Tecniche Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività di Amedeo De Luca (*) Attraverso una composizione del portafoglio di attività strategica e ben condotta i gestori finanziari

Dettagli

I GRAFICI A BOLLE ALCUNI GRAFICI DIVERSI DAL SOLITO. Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com

I GRAFICI A BOLLE ALCUNI GRAFICI DIVERSI DAL SOLITO. Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com ALCUNI GRAFICI DIVERSI DAL SOLITO Nelle slide successive alcuni grafici diversi dai soliti istogrammi, torte, barre ecc ecc Verranno analizzati grafici A bolle Radar

Dettagli

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica 32 L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica An international diversification strategy for Italian real estate investors Maurizio Grilli, Simone Roberti, Bnp

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Fideuram Omnia. 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto. Febbraio 2015. Ad uso esclusivo del private banker

Fideuram Omnia. 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto. Febbraio 2015. Ad uso esclusivo del private banker Fideuram Omnia 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto Febbraio 2015 Ad uso esclusivo del private banker Perché Fideuram Omnia Fideuram Omnia un mondo di soluzioni, un unico contratto. La gestione

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Modelli operativi di Asset & liability management. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

Modelli operativi di Asset & liability management. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Modelli operativi di Asset & liability management 1 Il controllo dei rischi Uno dei primi obiettivi di un

Dettagli

Arca Cash Plus. Stile di gestione. 1 anno +1,3% +1,0% 3 anni +9,9% +5,7% Andamento di ARCA CASH PLUS

Arca Cash Plus. Stile di gestione. 1 anno +1,3% +1,0% 3 anni +9,9% +5,7% Andamento di ARCA CASH PLUS Arca Cash Plus Stile di gestione Arca Cash Plus adotta uno stile di gestione a rischio controllato che si caratterizza per l adozione formale di un budget di rischio assoluto e costante per unità temporale

Dettagli

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del Teoria della Finanza Aziendale Misura e valutazione del rischio 7 1- Argomenti Il rischio Il rischio negli investimenti finanziari La misurazione del rischio Varianza e scarto quadratico medio Il rischio

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

2 La microeconomia... 29 2.1 Domanda e offerta di beni e servizi... 29 2.2 La produzione... 30

2 La microeconomia... 29 2.1 Domanda e offerta di beni e servizi... 29 2.2 La produzione... 30 Parte I Fondamenti di analisi economica 1 La macroeconomia............................................. 3 1.1 La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti.............. 3 1.2 Domanda aggregata,

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. - secondo modulo - anno accademico 2008/2009

FINANZA AZIENDALE. - secondo modulo - anno accademico 2008/2009 FINANZA AZIENDALE - secondo modulo - anno accademico 2008/2009 LEZIONE Rischio e rendimento Alcuni concetti introduttivi 2 Alcuni concetti introduttivi () Nella prima parte del corso l attenzione è venuta

Dettagli

Leonardo Cervelli Direttore Commerciale Sella Gestioni SGR

Leonardo Cervelli Direttore Commerciale Sella Gestioni SGR Il rendimento obiettivo: un fattore cruciale per la sostenibilità dei bilanci trentennali Il difficile equilibrio tra orizzonte di investimento, ritorni attesi e volatilità Leonardo Cervelli Direttore

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott.ssa Donatella Cajano Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR Definio Reply è la piattaforma che Fondaco SGR utilizza per la raccolta, il calcolo e la verifica di dati e misure finanziarie sui fondi gestiti e sui mandati

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale Lezione L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2006-2007 Le attività d impresa Il portafoglio prodotti è l insieme delle

Dettagli

Le tecniche di trading basate sulle Bande di Bollinger. Michele Maggi. Rimini, 1-2 dicembre 2005

Le tecniche di trading basate sulle Bande di Bollinger. Michele Maggi. Rimini, 1-2 dicembre 2005 Le tecniche di trading basate sulle Bande di Bollinger Michele Maggi Rimini, 1-2 dicembre 2005 Trading con le Bande di Bollinger Capire la logica delle Bande di Bollinger Comprendere il funzionamento degli

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

FINANCIAL FORUM 2010. 18 Febbraio 2010

FINANCIAL FORUM 2010. 18 Febbraio 2010 FINANCIAL FORUM 2010 18 Febbraio 2010 Quali soluzioni per il 2010? Alessio Coppola Responsabile Distribuzione Esterna PRIMA sgr PRIMA: NASCE UN GRANDE OPERATORE DI ASSET MANAGEMENT INDIPENDENTE 2 Le strategie

Dettagli

I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE

I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE ISIS M. CURIE TRADATE 2015 Martina Vitalone martina.vitalone01@gmail.com I cicli economici Obiettivi della seconda lezione: 1. Capire cosa accade nelle quattro fasi del

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Giuseppe Di Vittorio Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio

Dettagli

La realtà di Deutsche Bank

La realtà di Deutsche Bank CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Sistemi di risk management a confronto: La realtà di Deutsche Bank Luca Caramaschi Milano, 7 Novembre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1 LA MATRICE DEI MERCATI DESCRIZIONE E UTILIZZO PER L INVESTITORE DESCRIZIONE La Matrice è basata su un algoritmo genetico proprietario che permette di individuare e visualizzare, a seconda delle preferenze

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008 Analisi dell oro Dal 1980 al 2008 La fase discendente dei prezzi dell oro iniziata nel 1979 si conclude nell agosto del 1999, dopo 20 anni quando tocca il suo minimo ventennale a quota 252. Dopo un tentativo

Dettagli

Navigare i mercati finanziari con i certificati

Navigare i mercati finanziari con i certificati Navigare i mercati finanziari con i certificati Mauro Camelia Scuola di Economia e Management Università Siena Trading Online Expo 2014 Milano - Palazzo Mezzanotte - 24 ottobre 2014 Indice INDICE Il mestiere

Dettagli

Intervista. Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali?

Intervista. Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali? Intervista Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali? 34 Update I/2014 Marty-Jörn Klein, Redattore capo, intervista

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Scaletta della lezione: 1. Evoluzione del concetto di pianificazione strategica 2. Alcuni significati di strategia 3. Il processo decisionale strategico: la SWOT analysis 4.

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Evoluzione dei sistemi di dominanza delle imprese

Evoluzione dei sistemi di dominanza delle imprese Evoluzione dei sistemi di dominanza delle imprese Responsabilità sociale dell impresa Orientamento alla clientela Sistemi di creazione del valore Orientamento verso la produzione Orientamento verso la

Dettagli

Analisi di bilancio: redditività e finanza

Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Redditività finale per i proprietari: gli effetti della finanza gli effetti delle imposte e delle rettifiche : la teoria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Private Wealth Management

Private Wealth Management Private Wealth Management 1 I team Gruppo Fideuram dedicati alla clientela Private 2 Risk Management Key Clients Gestioni Private Private Banker Le migliori professionalità del Gruppo Fideuram si uniscono

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA

IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA BUDGET ECONOMICO BUDGET FINANZIARIO BUDGET FONTI - IMPIEGHI BUDGET DI CASSA BUDGET PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO (RICAVI E COSTI) BUDGET COMMERCIALE COSTI COMMERCIALI RICAVI

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

TEOFRASTO FUND. by SQUIRREL PLUS Fund Limited

TEOFRASTO FUND. by SQUIRREL PLUS Fund Limited TEOFRASTO FUND by SQUIRREL PLUS Fund Limited TEOFRASTO Fund - Cos è Teofrasto Fund è un fondo che nasce da un gruppo di investitori privati alla ricerca delle migliori opportunità di investimento mobiliare

Dettagli