Leadership e gestione dei conflitti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leadership e gestione dei conflitti"

Transcript

1 Leadership e gestione dei conflitti Alessandria, 17 Febbraio 2006 A cura del Dr. Gianluca Celeste -Psicologo del lavoro e delle organizzazioni-

2 2 Principali Obiettivi Contribuire ad una migliore definizione e conoscenza dei modelli teorici sulla leadership Introdurre i concetti di conflitto e gestione del conflitto

3 Percorso Formativo 1) Modelli teorici della leadership 2) Conflitto e gestione del conflitto

4 1) Modelli teorici della leadership

5 Cosa vi fa venire in mente il termine leadership? Sapreste darne una definizione?

6 Un tentativo di definizione Le radici etimologiche del termine: Dall inglese: to lead = condurre, guidare Dal latino: cum-ducere = tirare insieme, coordinare Dall alto germanico: Witan = guidare, indirizzare TO LEAD = GUIDARE, CONDURRE Funzione di Azione, esplorazione, guida

7 Un tentativo di definizione Nel linguaggio italiano il termine leadership si trova: 1834 (M.Vitali) Leader = capo di un partito politico 1895 (Hoepli- dizionario) Leader (ippica)= cavallo che si pone in testa alla gara Oggi (Utet- dizionario) Leader Colui che indirizza verso una meta determinata, suscita o provoca un determinato effetto; colui che indica il percorso da seguire

8 Presupposti La leadership implica l influenza di un membro del gruppo sugli altri (rispettivamente, leader e seguaci) in vista del raggiungimento degli obiettivi del gruppo (Hollander, 1985) Il leader e colui che mostra piu iniziativa nel dirigere, suggerire, consigliare, proporre idee rispetto agli altri membri del gruppo; occupa una posizione elevata nella gerarchia di status e ricopre una posizione centrale nella rete di comunicazione nel gruppo (Turner, 1991)

9 Primi approcci alla leadership Fine 800 Anni 30 Approccio meccanicistico (Taylor) Presupposti: produzione, stabilità dell ambiente, disponibilità di informazioni, prevedibilità delle condotte umane, adesione incondizionata delle persone Gerarchia verticale, capo: Equiparazione di controllo, potere, autorità, leadership Limiti: Scarsa attenzione sia alle interazioni sociali che agli aspetti di soddisfazione e qualità (risorse umane)

10 Tra potere e leadership Potere = capacità di influenzare o vincere le resistenze degli altri, assicurandosi comportamenti di adesione o acquiescenza-compiacenza Autorità = legittimità dell esercizio del potere che si fonda su regole stabilite e rispetto ad un certo campo di attività Controllo = modalità con cui viene valutato il conseguimento degli obiettivi predefiniti e si assicura il rispetto di un certo patto sociale che lega fra loro gli attori Leadership = comprende gli aspetti precedenti, ma è una specifica forma di influenza caratterizzata dalla capacità di determinare un consenso volontario, accettazione soggettiva e motivata delle persone rispetto a certi obiettivi del gruppo o dell organizzazione

11 Approcci storici sulla leadership (Trentini, 2002) APPROCCIO PERSONOLOGICO (TRATTI) APPROCCIO SITUAZIONALE ANNI 30 -ANNI 40 ANNI 60 APPROCCIO SUGLI STILI APPROCCIO TRANSAZIONALE ANNI Fine ANNI 60 ANNI 80

12 APPROCCIO PERSONOLOGICO (TRATTI) Principi Tratto = attributo stabile della personalità Si concentra sui tratti caratteristici della personalità del leader, dipendente dall esistenza di certe qualità innate determinismo genetico La personalità del leader efficace è diversa da quella di chi non e leader Implicazioni Leader si nasce L uomo giusto al posto giusto

13 APPROCCIO PERSONOLOGICO (TRATTI) Tratti del leader Intelligenza Capacità percettive, logiche e verbali Determinazione Spirito d iniziativa, tenacia, fiducia in sé Integrità morale Onestà, lealtà, coerenza Capacità relazionali socievolezza, gentilezza, diplomazia Competenze e conoscenze Capacità di gestire insuccessi Competenze tecniche, innovazione Orientamento all azione

14 Misurare i tratti Esistono 2 tipologie di test psicologici ATTITUDINALI Misurano le attitudini ovvero le capacità oggettivamente misurabili (ad es. DAT: ragionamento numerico, verbale astratto, ecc ) DI PERSONALITA Definiscono un profilo personologico, in base a tratti tipici del nostro essere (ad es. 16 PF, BFQ: Coscenziosità, Energia, Amicalità, Apertura Mentale, Stabilità emotiva)

15 Esempi di Test attitudinali *DAT Differential Aptitude Test RAGIONAMENTO VERBALE Scegliere coppie di parole con lo stesso rapporto logico rispetto alla coppia data Sta a SCUOLA come MEDICO sta a 1) Educazione medicina 2) Scolaro dottore 3) Lezione malattia 4) Educazione ospedale 5) Insegnante ospedale

16 Esempi di Test di personalità: BFQ * BFQ Big Five Questionnaire In una scala di valori da 1 (totale disaccordo) a 5 (totale accordo) esprimere il proprio grado di accordo con le seguenti affermazioni: Mi sembra di essere una persona attiva (E) Non mi piace fare le cose ragionandoci troppo sopra (C) Mi capita spesso di fare nuove conoscenze (A) Non ho difficoltà a controllare i sentimenti (S.E.) Con certe persone non bisogna essere troppo tolleranti (A.M.) Non ho mai detto una bugia (L)

17 Esempi di Test di personalità: 16 PF Il lavoro di Raymond Bernard Cattell ( ) ha dato luogo ad una serie piuttosto ampia di Test. La versione più diffusa degli Inventari di personalità da lui sviluppati è comunque il 16PF, che utilizza: 187 item nella versione A; 105 item nella versione B/C/D I Test di Cattell utilizzano item a scelta tricotomica: vero, falso, incerto.

18 Esempi di Test di personalità: 16 PF 16 Dimensioni della personalità: A. Warmth o espansività - distacco o orientamento agli altri; B. Reasoning (intellect) o ragionamento, ovvero alta o bassa intelligenza; C. Emotional stability o stabilità emozionale - emotività o forza dell Io; E. Dominance (assertiveness) o dominanza contrapposta a sottomissione / umiltà; F. Liveliness (gregariousness) o vivacità, ovvero riservatezza o silenziosità contrapposta a estroversione o apertura; G. Rule consciousness (dutifulness) o coscienziosità, ovvero incostanza contrapposta a scrupolosità;

19 Esempi di Test di personalità: 16 PF 16 Dimensioni della personalità: H. Social boldness (friendliness) o audacia sociale contrapposta a prudenza; I. Sensitivity o sensibilità contrapposta a cinismo; L. Vigilance (distrust) o vigilanza, ovvero fiducia contrapposta a sospetto; M. Abstractedness (imagination) astrattezza, ovvero conformismo contrapposto a eccentricità; N. Privateness (reserve) o prudenza, ovvero semplicità contrapposta a sofisticheria; O. Apprehension (anxiety) o apprensività, ovvero sicurezza contrapposta a insicurezza;

20 Esempi di Test di personalità: 16 PF 16 Dimensioni della personalità: Q1. Openness to change (complexity) o apertura al cambiamento, ovvero atteggiamento conservatore oppure radicale; Q2. Self-reliance o fiducia in sé, ovvero atteggiamento dipendente contro atteggiamento autonomo; Q3. Perfectionism (orderliness) o perfezionismo, ovvero basso contro alto autocontrollo; Q4. Tension (emotionality) o tensione, ovvero rilassato contro irritabile

21 Esempi di Test di personalità: 16 PF La verifica della validità del responso finale è affidata a tre scale di validità: Scala IM (gestione dell immagine): è una scala di desiderabilità sociale Scala INF (infrequenza): permette di individuare se il soggetto ha risposto a un numero relativamente ampio di item in modo differente rispetto alla maggior parte delle persone Scala ACQ (acquiescenza): misura la tendenza a rispondere "vero" ad un item senza tenere conto del suo contenuto.

22 APPROCCIO PERSONOLOGICO (TRATTI) Limiti Trascurano l influsso ambientale, individuando nelle sole qualità personali la variabile determinante l efficacia della leadership, in qualsiasi contesto ed in qualsiasi gruppo; Non considerano gli effetti della leadership, nè le condizioni ottimali per la sua efficacia.

23 APPROCCIO SUGLI STILI Qualis dominus, talis est servus Petronio

24 APPROCCIO SUGLI STILI Kurt Lewin Psicologo ricercatore -cittadino tedesco di origine ebraicatrasferitosi in USA negli anni 30, per primo si pone il problema di COME possa emergere una leadership -> studi con Lippit e White ( ) PROSPETTIVA FUNZIONALISTA APPROCCIO BASATO SUGLI STILI STILE = Modello di comportamento tendenzialmente stabile.

25 APPROCCIO SUGLI STILI Modello di Lippit & White (1940) LEADER AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Caratteristiche Esercita il potere dispoticamente, determina la linea del gruppo, no al cambiamento, forte dipendenza dal leader Stimola la partecipazione e discussione di gruppo, delega, accetta critiche, bassa dipendenza dal leader Disinteressato, non stimola, non controlla, assente, rispetto passivo delle attività, bassa dipendenza dal leader Effetti sul gruppo Provoca aggressività, incertezza sul futuro, tendenza all apatia Diminuisce l aggressività, stimola la motivazione Scarsa coesione e collaborazione, insoddisfaz. membri Conseguenze generali Max produzione ma bassa soddisfazione e bassa qualità lavorativa Adattabile in situazioni di emergenza. Attenzione all individuo e gruppo Relazioni interne vs. produttività Rendimento mediobasso, delusione può trasformare in L. autoritario o scomparire

26 Ricerche anni Gli studi di Lippit e White danno il via ad un periodo di numerose ricerche, condotte in particolare dall Ohio State University e dal Michigan University, che favoriscono la nascita di un nuovo approccio APPROCCIO SITUAZIONALE

27 APPROCCIO SITUAZIONALE Principi Si concentra sui fattori di contesto (situazioni) che influenzano le decisioni ponendoli in relazione con gli stili di leadership Al variare delle situazioni decisionali varia lo stile di leadership non leader partecipativi o autocratici, ma situazioni partecipative o autocratiche

28 APPROCCIO SITUAZIONALE Principi Non esiste un unico modo - migliore degli altri - per influenzare le persone Attenzione centrata sulle situazioni che fanno emergere il leader Poiché le variabili cambiano, cambieranno anche le caratteristiche del leader Enfasi sulla flessibilità del leader, adattabile alle specificità di ogni situazione

29 APPROCCIO SITUAZIONALE Bale e Slater Studi di BALE e SLATER (1955) Due orientamenti del leader Leader centrato sul compito : REALIZZAZIONE OBIETTIVI Leader centrato sulla relazione: STABILIRE RELAZIONI L efficienza della leadership dipende dalla corrispondenza tra stile adottato dal leader e il controllo che questo possiede della situazione

30 APPROCCIO SITUAZIONALE I due orientamenti (leader orientato al COMPITO vs leader orientato alle RELAZIONI) sono più o meno efficaci a seconda degli elementi presenti nella situazione: Livello di relazioni tra leader e seguaci (>relazioni e >fiducia > influenza) Livello di strutturazione del compito (compito più strutturato / prescrivibile > influenza) Livello di potere di posizione del leader ( >potere leader > influenza)

31 APPROCCIO SITUAZIONALE L analisi di Blake, Mouton (1964) MODELLO BIDIMENSIONALE Due fattori di base: l interesse per la produzione (asse orizzontale X) l interesse per le persone (asse verticale Y) Leadership Grid: 2 scale incrociate a 9 intervalli ciascuna. Le 81 possibili combinazioni costituiscono una griglia per diagnosticare analiticamente sia l individuo e il suo stile di leadership che il clima di funzionamento del gruppo stesso.

32 APPROCCIO SITUAZIONALE L analisi di Blake, Mouton (1964)

33 APPROCCIO SITUAZIONALE L analisi di Blake, Mouton (1964) Cinque stili di conduzione: 1. Centrato sulla produzione (operativo duro) Amicale (circolo ricreativo) Struzzo (burocrate) Orientato all organizzazione (a metà strada) Centrato sul lavoro di gruppo (team) 9.9

34 APPROCCIO SITUAZIONALE Modello della contingenza (Fiedler, 1967) Modello tridimensionale Tre fattori: 1. Relazione tra leader e dipendenti (clima affettivo) 2. Grado di precisione e chiarezza con cui è definito il compito 3. Il potere accordato al leader dall organizzazione Idea interazionista: l efficienza del leader dipende dalla corrispondenza fra stile adottato e controllo della situazione

35 APPROCCIO SITUAZIONALE Modello della contingenza (Fiedler, 1967) Lo stile è misurato sulla scala LPC (Least preferred coworker - valutazione del collaboratore meno preferito) Descrizione su scale bipolari (collaborativo / non collaborativo; amichevole / ostile ) del collaboratore con cui la persona trova più difficile lavorare Alto Lpc = leader > centrato sulle relazioni Basso Lpc = leader > centrato sul compito

36 Le ricerche compiute sulla base del modello di Fiedler hanno evidenziato che le combinazioni efficaci di stile di leadership e situazione sono le seguenti: >LPC Leadership centrata sulla relazione + Controllo moderato della situazione <LPC Leadership centrata sul compito + Controllo alto o basso della situazione In caso di leadership orientata al compito (LPC basso) 2 possibilità: - Con basso controllo il gruppo si può dividere e si riorganizza - Con alto controllo riesce meglio a realizzare gli obiettivi

37 APPROCCIO SITUAZIONALE Limiti Trascura le caratteristiche delle persone con ruoli di leader (tratti) La definizione della situazione (centrata sulle richieste relative al compito) è riduttiva e considera poco elementi importanti come la storia, la struttura, le risorse del gruppo (Modello di Fiedler): parziali conferme sperimentali, le misure dell LPC sono di difficile applicazione reale, il contesto è poco valorizzato

38 APPROCCIO TRANSAZIONALE Principi Introduce il concetto di Transazione interpersonale: Trae origine dall analisi analisi transazionale di Berne (1961) Afferma che esiste una relazione bi-direzionale tra leader e gruppo, che si influenzano reciprocamente -> Interazione e legittimazione del leader nel gruppo (Hollander,, 1978) Lo stile di leadership dipende anche dal livello di maturità delle persone che il leader sta tentando di influenzare (Modello di Hersey-Blanchard Blanchard,, 1982)

39 L analisi transazionale (Berne, 1961) Possibili stati dell io (= insieme coerente di pensieri, sentimenti e stati d animo): G - genitore - parte della personalità che comanda, consiglia, regola, sede dei valori e delle norme assorbite con l interazione sociale B - bambino - sede dei bisogni, atteggiamenti propri dell infanzia A - adulto - espressione della nostra parte logica e razionale, adeguata alla realtà del momento

40 Modello G-A-B (Berne) Insegna/Valuta Analisi dati oggettivi Genitore Adulto Critico Benevolo Razionale Emozioni/Pulsioni Bambino Naturale Adattato Ribelle

41 APPROCCIO TRANSAZIONALE Teoria di Hollander (1978) La sequenza di adesione iniziale alle norme del gruppo e di successiva introduzione di idee nuove riveste un ruolo centrale Introduce la nozione di credito idiosincratico, che il leader deve conquistare nei contatti iniziali con il gruppo Quattro fonti di legittimità (credibilità leader): conformità iniziale alle norme di gruppo essere stato scelto dal gruppo competenza rispetto agli scopi del gruppo adesione o lealtà alle norme di gruppo

42 APPROCCIO TRANSAZIONALE Modello di Hersey Blanchard, (1982) Tre variabili: 1. Comportamento direttivo (orientamento al compito) 2. Supporto emotivo e relazionale (orientamento alle relazioni) 3. Livello di maturità dei collaboratori (capacità di assumersi le responsabilità) 4 LIVELLI LEADERSHIP

43 APPROCCIO TRANSAZIONALE Modello di Hersey Blanchard, (1982) Quattro stili adottabili dal leader, a seconda della MATURITA del gruppo : 1. Telling (direttivo) 2. Selling (motivante) 3. Participating (partecipativo) 4. Delegating (delegante)

44 Approcci attuali Non c'è niente di costante, tranne il cambiamento" Buddha (Shakyamuni) ( a.c.)

45 APPROCCI TRASFORMAZIONALI Prospettive Leadership transazionale leadership trasformazionale Declino delle ricerche sui tratti di personalità La leadership autentica prevede stili diversi Leadership tecnica > Leadership adattiva Leadership e management non sono la stessa cosa Il leader è il maggiore responsabile della gestione dei conflitti

46 LEADERSHIP TECNICA vs LEADERSHIP ADATTIVA (Heifetz e Laurie, 1997) DIRIGERE PROTEGGERE ORIENTARE GESTIRE IL CONFLITTO LEADERSHIP TECNICA DEFINIRE I PROBLEMI E DARE LE SOLUZIONI SCHERMARE / ISOLARE L ORGANIZZAZIONE DA MINACCE ESTERNE CHIARIRE RUOLI E RESPONSABILITA RISTABILIRE L ORDINE LEADERSHIP ADATTIVA IDENTIFICARE LE SFIDE ADATTIVE E DARE UN SIGNIFICATO LASCIARE L ORGANIZZ. ENTRI IN CONTATTO CON LE PRESSIONI ESTERNE CUSTODENDO I CONFINI SFIDARE I RUOLI ATTUALI NON CEDENDO ALLE PRESSIONI DEFINIRNE DEI NUOVI IN FRETTA NON COPRIRE I CONFLITTTI E CERCARE DI PREVENIRLI NORMARE FAR RISPETTARE LE NORME SFIDARE LE NORME NON PRODUTTIVE

47 Manager o leader? Manager Leader Ha una posizione di autorità formalmente riconosciuta Ha l autorità di far mettere in atto dal personale le decisioni che prende Pianifica e detta norme e procedure per conseguire i risultati del servizio Tende a mantenere la struttura razionale, stabile e controllata Può avere o non avere una autorità formale Fa mettere in atto le sue decisioni in quanto convince gli altri ad accettarle Influenza gli altri ad ottenere i risultati in modo formale o informale E disposto ad assumere rischi e a tentare nuove Strategie / soluzioni

48 Management e leadership Orientamenti Obiettivi Relazioni Qualità Principi Risultati Management Leadership Gestire e pianificare Dirigere e controllare Produrre e vendere Esperienza, competenza, distanza emotiva Controllo e stabilità Mantenere la stabilità Vision e strategie Sostenere i collaboratori Motivare, Coaching Ascolto, coraggio, vicinanza emotiva Motivazione e diversità Generare cambiamento

49 Management Leadership E un processo formale di governo. (HEADSHIPdeterminismo genetico) E un processo consensuale di governo (LEADERSHIPdeterminismo sociale). Persegue i risultati mediante la pianificazione, l organizzazione, il controllo del lavoro di altre persone approccio razionale Consente di attivare le energie dei collaboratori con doti personali del leader quali la visione, la comunicazione, la motivazione, il carisma

50 Verso una leadership ideale Arricchire il maschile con il femminile L autorità gerarchica tende a spostare l enfasi gestionale dal controllare, dirigere e prescrivere a incoraggiare, accompagnare e sostenere Da centratura sulla gerarchia interna verso una centratura sui confini esterni dell organizzazione La migliore conoscenza per risolvere i problemi dell organizzazione sta sui confini, presso coloro che si trovano più vicini ai problemi Dalle politiche aziendali ad una ricerca e sviluppo della responsabilizzazione (direzione interiorizzata di Sé) Costruzione di significati comuni e condivisi che orientano i comportamenti, crescita di sé e degli altri

51 Elaborazione del proprio potere em patia autenticità maschile equilibrio Pensiero positivo saggezza femminile coerenza integrazione Crescita di sé e degli altri

52 2) Conflitto e gestione del conflitto

53 Con il tono sbagliato non si può dire nulla, Con il tono giusto si può dire tutto. Il problema è trovare il modo giusto. (G. B. Shaw)

54 Campagna elettorale La campagna elettorale del Professor Camillo Bensoni Obiettivo: Saper organizzare il programma elettorale tenendo conto di tutte le anime del movimento, appartenenti a 6 delegazioni

55 Quali conflitti? Individuo Coppia Piccolo gruppo Grande gruppo Comunità Soggetti coinvolti /10 9/11-?? - Conflitti comuni Interiori (Ex:ragione/passione) Tensione, invidia, dominio, gelosia Collusioni e collisioni tra membri del gruppo (c. intragruppi) Alleanze / competizioni tra gruppi (c. intergruppi) Alleanze / competizioni tra classi sociali (c. classe)

56 5 stadi dello sviluppo dei piccoli gruppi (Tuckman & Jensen 1977) stadio di forming (formazione) dipendenza e conoscenza stadio di storming (conflitto) conflitti (rifiuto leader) stadio di norming (normativo) coesione e scambio tra membri stadio di performing (prestazione) role-taking e problem solving stadio di adjourning (sospensione) disimpegno progressivo

57 La nascita dei grandi gruppi (Worchel et al. 1991, 1992) periodo di malcontento evento precipitante identificazione di gruppo produttività di gruppo individuazione risultati declino

58 Conflitti di gruppo Le caratteristiche dei progetti odierni, spesso permeati di rischio e incertezza nelle decisioni da prendere, in contesti sempre più multi-disciplinari determinano una tendenza all insorgenza dei conflitti. Il conflitto costituisce una parte intrinseca ed essenziale del progetto in quanto assicura la fonte del confronto e lo stimolo alla risoluzione dei problemi, inoltre la conflittualità può indicare che i componenti del team sono interessati al successo del progetto. Senza contatto e senza relazione non c è conflitto e le probabilità che esso insorga sono maggiori quanto più due soggetti sono integrati tra loro.

59 Una ricerca di Thamhain e Wilemon (2004) su 100 project manager individua sette materie di conflitto principali: Conflitto sul tempo: possono verificarsi disaccordi sulla durata dei compiti relativi al progetto; Conflitti sulle priorità dei progetti: i punti di vista dei decisori di progetto possono divergere sulla sequenza delle attività e dei compiti necessari per la realizzazione del progetto; Conflitti sulle risorse umane: conflitto sull attribuzione di ruoli e responsabilità; Conflitti tecnici: nella realizzazione dei progetti possono insorgere conflitti di natura tecnica;

60 Conflitti sulle procedure gestionali: sono confitti di tipo manageriale e amministrativo su come gestire il progetto. Essi riguardano la definizione delle responsabilità, le necessità operative, il piano esecutivo, le procedure amministrative e i rapporti di interfaccia; Conflitti di personalità: conflitti che nascono da problemi legati ai profili individuali e alle personalità coinvolte. Conflitto sui costi: i conflitti sulle stime dei costi effettuate dalle unità che dovranno eseguire i compiti nell ambito del progetto, spesso le risorse dedicate dal project manager risultano essere insufficienti;

61 EVOLUZIONE DEI CONFLITTI NELLE FASI PROGETTUALI Conflitto sui tempi Conflitto sulle priorità Conflitto su risorse umane Conflitti tecnici Conflitto su procedure Conflitto su personalità Conflitto su costi 0,4 0,35 0,3 0,25 0,2 0,15 0,1 0,05 0 Impostazione Fase iniziale Fase operativa Fase finale In generale la conflittualità media è alta nella fase iniziale ed operativa del progetto e diminuisce nella fase finale

62 Il Conflitto e sempre negativo? In realtà ha aspetti positivi, come ad esempio quelli di: Stimolare la comunicazione tra i membri del gruppo; Favorire la comprensione reciproca e rendere più incisivo l accordo stipulato; Giocare un ruolo importante nel processo di sviluppo del senso di appartenenza al team di progetto; Sviluppare la creatività individuale e collettiva; Incrementare la produttività; Innalzare il livello di qualità delle decisioni assunte. Si è dimostrato che le performance migliori si ottengono in un clima di conflittualità media, troppo conflitto o troppo poco indicono negativamente sul risultato

63 Atteggiamento collaborativo o assertivo? In relazione al tipo di comportamento degli individui nell ambito di un conflitto, si possono identificare cinque orientamenti sulla base di due dimensioni: > la collaboratività (il grado di disponibilità di una parte a soddisfare gli interessi dell altra) > l assertività (il grado di predisposizione a soddisfare i propri interessi). I cinque orientamenti possono essere letti attraverso l atteggiamento dell individuo e il tipo di situazione nella quale adotta un comportamento piuttosto che un altro.

64 Orientamento al conflitto assertività assertività collaborazione Competizione Compromesso Collaborazione Fuga Accomodamento collaborazione

65 Competizione Atteggiamento sono assertivo e non collaborativo Comportamento L unico modo per risolvere il conflitto è vincere, attaccare Situazione Quando i problemi sono gravi e urgenti, quando non si ha un altra scelta; quando si ha poco tempo.

66 Collaborazione Atteggiamento sono assertivo e collaborativo Comportamento Situazione sono alla ricerca di una soluzione condivisa affinché tutti vincano Quando si vuole trovare una soluzione condivisa e integrata; quando si deve apprendere; quando si vuole far crescere.

67 Fuga Atteggiamento non sono né assertivo né collaborativo Comportamento Situazione Mi ritiro! Recedo da un disaccordo, lo evito a priori Quando si ha bisogno di tempo; quando non c è una via di uscita; quando bisogna lasciar calmare le acque.

68 Accomodamento Atteggiamento sono collaborativo e non sono assertivo Comportamento Situazione Riconosco che la controparte ha delle istanze più importanti o urgenti delle mie Quando i problemi sono più importanti per gli altri; quando si vuole il minor danno; quando si ha torto

69 Compromesso Atteggiamento sono mediamente collaborativo e assertivo Comportamento Situazione Ricerca di una soluzione ragionevole dalla quale nessuno esca sentendosi vincitore o vinto: dare per avere Quando si vuole una situazione vantaggiosa in tempi brevi, quando non è il caso di giungere la rottura.

70 Quale strategia? La collaborazione è sempre la strategia migliore di risoluzione dei conflitti, sebbene non sia sempre di facile applicazione. E opportuno comunque ricordare che da una sana tensione del gruppo possono nascere soluzioni brillanti e che, a volte, non entrare in conflitto può provocare danni peggiori.

71 4 Consigli per Anticipare il conflitto I. Pianificazione e chiara definizione di ruoli, responsabilità e autorità II. III. IV. Fiducia nell altro, atteggiamento win/win Obiettivi chiari e condivisi Umorismo saper sdrammatizzare

72 Dalla teoria alla pratica IL TRILEMMA Si costituiscono 3 sottogruppi: Squadra ROSSA Squadra BLU Squadra NERA Obiettivo: ottenere il > numero di punti

73 Dalla teoria alla pratica B Y 10* TOTALE B Y B Y A Y 7* B Y B X A X 4* A X A X B Y 1 Punti NERI Punti BLU Punti ROSSI Scelta NERI Scelta BLU Scelta ROSSI Giocata

74 Interpretazione del trilemma Una decisione è la soluzione di un (di/tri)lemma, il taglio di un nodo, il superamento di un conflitto fra opzioni diverse o alternative. I conflitti possono essere superati con decisioni il cui risultato sia per il gruppo: A somma negativa (perdo qualcosa io, ma perdi qualcosa anche tu: "muoia Sansone con tutti i Filistei!") A somma uguale a zero (io vinco+1, tu perdi-1, infine siamo pari, l insieme resta a zero) A somma positiva (io vinco, tu vinci, il gruppo ne guadagna; è la soluzione creativa e generativa)

75 La scelta giusta Un gruppo costituito da leader autentici dovrebbe sempre sforzarsi di prendere decisioni a somma positiva. Quando avviene che i conflitti vengano risolti spesso a somma negativa, significa che il processo decisionale è mal-funzionante Il gruppo rischia pesanti danni nell appartenenza, nella stima e fiducia reciproca ma sopratutto nelle performance finali.

76 Ma qual è, in definitiva, la pietra che sostiene il ponte? Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, ma dalla linea dell arco che esse formano Italo Calvino

77 Grazie della Vostra attenzione Contatti

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE METODI. Vincenzo Lumia SCHEDA N 2

LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE METODI. Vincenzo Lumia SCHEDA N 2 METODI Vincenzo Lumia LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE SCHEDA N 2 Conoscere ed approfondire i meccanismi e le dinamiche che determinano la conflittualità e le

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale

Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale Università degli Studi di Ferrara Psicologia di Comunità (modulo) a.a. 2011/2012 Comunicazione interculturale Comunicazione interculturale Prof. Marcella Ravenna Cap. 4 Le relazioni tra i comunicanti La

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli