Introduzione alia finanza matematica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alia finanza matematica"

Transcript

1 "La pseudo-analogia con le scienze fisiche va direttamente contro quel modo di pensare che un economista deve acquisire. [...J E come se la caduta della mela a terra dipendesse dalle motivazioni della mela, dall'esame se vale davvero la pena cadere in terra e se la terra vuole che la mela cada e dagli errori di calcolo da parte della mela circa la sua distanza dal centro della terra" J. M. Keynes

2 Riccardo Cesari Introduzione alia finanza matematica Derivati, prezzi e coperture ~ Springer

3 RICCARDO CESARI Dipartimento di Matematica perie Scienze Economiche e Sociali Universita di Bologna In copertina: Riccardo Cesari, "L'albero dellaconoscenza", (Forll, 2004), collage ISBN e-isbn Springer Milan Berlin Heidelberg NewYork Springer Milan Berlin Heidelberg NewYork Springer-Verlag fa parte di Springer Science+Business Media springer.com Springer-Verlag Italia, Milano 2009 Quest'opera eprotetta dalia legge sul diritto d'autore e la sua riproduzione eammessa solo ed esclusivamente nei limiti stabiliti dalia stessa. Le fotocopie per uso personale possono essere effettuate nei limiti del 150/0 di ciascun volume dietro pagamento alia SIAE del compenso previsto dali'art. 68. Le riproduzioni per uso non personale e/o oltre illimite del 15% potranno avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di PortaRomana sito web Tutti i diritti, in particolare quelli relativi alla traduzione, alla ristampa, all'utilizzo di illustrazioni e tabelle, alla citazione orale, alla trasmissione radiofonica 0 televisiva, alla registrazione su microfilm 0 in database, o alla riproduzione in qualsiasi aitra forma (stampata 0 elettronica) rimangono riservati anche nel caso di utilizzo parziale. La violazione delle norme comportale sanzioni previste dalla legge Impianti: PTP-Berlin, Protago 'lex-production GmbH, Germany (www.ptp-berlin.eu) Progetto grafico della copertina: Simona Colombo, Milano Stampa: Signum SrI, Bollate (MI) Stampato in Italia Springer-Verlag Italia srl-via Decembrio Milano

4 Indice Prefazione Abbreviazioni XIII XVII 1 Derivati e mercati Titoli derivati e titoli elementari (F) Tre punti di vista: pricing, hedging e asset management (F) I prezzi di non arbitraggio (F) Hedging e derivati (F) I mercati dei derivati (F) Mercati primari e secondari Mercati regolamentati Mercati OTC Negoziazione continua e book degli ordini I mercati "perfetti" della teoria finanziaria Lo sviluppo recente dei prodotti derivati (F) Alcuni esempi di prodotti derivati (F) 16 2 La struttura per scadenza dei tassi d'interesse e i fondamenti del pricing di non arbitraggio La struttura per scadenza dei tassi privi di rischio (F) Titoli derivati e strategie di replica (F) L'operatore valore attuale (F) Somma e prodotto intertemporale Valori attuali deflazionati La condizione di non arbitraggio: tre esempi (F) L'operatore valore attuale elineare La SPS dei prezzi dei titoli ZCB e monotona decrescente Un CB equivale a un portafoglio di ZCB I teoremi del pricing di non arbitraggio

5 VI Indice Teorema fondamentale: la misura risk-neutral Teorema del cambiamento di numerario L'applicazione del cambiamento di numerario ai tassi di cambio L'applicazione del cambiamento di numerario aile misure forward II cambiamento di numerario e la SDE II pricing nel caso di processi diffusivi: il prezzo come PDE II pricing nel caso di un'unica variabile di stato II pricing nel caso di N variabili di stato correlate Cinque prezzi facili Modelli della struttura per scadenza dei tassi d'interesse Modelli unifattoriali del tasso spot istantaneo: Merton, Vasicek, CIR etc Modelli multifattoriali di equilibrio Modelli unifattoriali con perfetto adattamento: Ho-Lee e Hull-White Modelli multifattoriali con perfetto adattamento: Hull e White (1994) a pili fattori Modelli del tasso forward istantaneo: Heath, Jarrow e Morton (1992) Libor Market Model e le misure forward Recenti sviluppi nella modellistica sui tassi d'interesse II calcolo dei prezzi dei derivati Forward Prezzi e tassi forward (F) Prezzi forward su zero-coupon bond Tassi forward su zero-coupon bond Forward su tassi d'interesse (FRA) FRA in arriers L'aggiustamento per la convessita nel tasso FRA in arriers Forward su titoli senza dividendi Forward su coupon bond Forward su titoli che pagano dividendi Inflazione forward Forward su merci con costi di deposito Forward su tassi di cambio Prestiti monetari e prestiti di titoli (F) Pagamento posticipato Pagamento anticipato Prestito di titoli Pronti contro termine (PCT) e contratti di riporto. 126

6 Indice VII 3.3 II prezzo del contratto forward (F) Hedging e trading con i forward (F) Hedging Trading Prezzi forward, prezzi attesi e investitori neutrali al rischio (F) Esercizi futures Le caratteristiche dei futures (F) La Clearing House e il sistema dei margini (F) Marking to market dei contratti futures (F) Pricing dei futures Futures su coupon bond (F) Fattore di conversione e calcolo del CTD Arbitraggio, hedging e trading con bond futures (F) Arbitraggio Hedging Trading Futures su tassi d'interesse Futures su azioni e indici azionari (F) Arbitraggio, hedging e trading con index futures Esercizi Floaters II prezzo dei floaters: un ragionamento euristico (F) II prezzo dei floaters: approccio di non arbitraggio (F) II prezzo dei floaters in un modello stocastico univariato Reverse Floater (F) La duration dei floaters e dei reverse floaters (F) Esercizi Swaps Interest rate swap: plain vanilla II pricing dei contratti swap: derivazione euristica (F) II pricing dei contratti swap: derivazione analitica Bootstrapping the yield curve via swap (F) Le finalita dei contratti swap: asset swap e arbitraggio (F) Le finalita dei contratti swap: ALM e risk management (F) Le finalita dei contratti swap: credit arbitrage (F) Contratti swap e rischio di controparte (F) Tassi swap e credit spread (F) 182

7 VIII Indice 6.2 Interest rate swap: tipologie complesse Swap in arrears L'aggiustamento per la convessita nello swap in arrears Forward swap Constant Maturity Swap CMS in arrears Forward CMS Altre tipologie complesse di IRS Swap Market Model e Ie misure swap Currency swap (F) Currency swap fixed for fixed Hedging con currency swaps Credit arbitrage e rischio di controparte nei currency swaps Differential swap Altre tipologie di currency swaps Equity swap Esercizi Opzioni plain vanilla Opzioni put e call: concetti e tipologie (F) La redditivita delle operazioni con put e call (F) Copertura e speculazione con put e call (F) Put-call parity (F) Portafogli di opzioni e strategie di trading (F) Straddle e vol trade (call-l-put} Strangle e kurtosis trade (OTM call+put) Range forward e skewness trade (OTM call-put) Vertical spread Butterfly spread Covered call Calendar spread Classificazione delle strategie Diseguaglianze di non arbitraggio (F) Diseguaglianze senza dividendi Diseguaglianze con dividendi II pricing delle opzioni: il modello binomiale (F) Modello binomiale a uno stadio Modello binomiale a pili stadi II prezzo delle opzioni americane nel modello binomiale II prezzo delle call americane: l'approssimazione di Black (1975) Risk neutral pricing: un esempio suggestivo (F)

8 Indice IX 7.9 II pricing delle opzioni: il modello di Black e Scholes Metodo del portafoglio d'arbitraggio 0 della PDE Metodo del valor medio equivalente 0 della EMM II calcolo del prezzo II prezzo come soluzione della PDE: dalla fisica alia finanza II prezzo calcolato come valor medio Alcune considerazioni sulla formula di BS Le lettere greche (F) Delta Theta Vega Rho Kappa Greche doppie: gamma Volga, Vanna, Charm, Speed, Color II prezzo delle opzioni americane: l'approssimazione di Barone-Adesi e Whaley (1987) Volatilita storica e volatilita implicita (F) II tasso di rendimento di un derivato (F) Option pricing e CAPM La derivazione originaria della PDE via CAPM La EMM secondo il CAPM a tempo discreto Esercizi Opzioni e modelli non standard Una parametrizzazione del modello di Black e Scholes Opzioni su titoli che staccano dividendi Metodo del portafoglio d'arbitraggio Metodo del valor medio equivalente Le greche in presenza di dividendi continui Opzioni su tassi di cambio Metodo del portafoglio d'arbitraggio Metodo del valor medio equivalente Opzioni su titoli in valuta e quantos Metodo del portafoglio d'arbitraggio Metodo del valor medio equivalente Warrant ed Executive stock option Warrant Executive stock option Opzioni su forward Opzioni sul prezzo forward: caso senza dividendi (Black, 1976) Opzioni sul prezzo forward: caso con dividendi Opzioni sul prezzo del forward

9 X Indice 8.7 Un modello generalizzato a parametri affini time-varying Una semplificazione: modello lognormale Una semplificazione: modello normale II pricing dei derivati con tassi d'interesse stocastici Opzioni su prezzi spot: il pricing risk-neutral di Merton (1973) Opzioni su prezzi spot: il pricing forward-neutral di Black (1976) Opzioni su prezzi forward e su prezzi futures II pricing dei derivati con volatilita stocastica La probabilita implicita Modelli a volatilita locale Modelli a volatilita stocastica Opzioni su tassi d'interesse Peculiarita dei tassi stocastici: la struttura delle volatilita Opzioni su obbligazioni Opzioni su zero-coupon bond Opzioni su coupon bond Opzioni su tassi Libor Caplet e floorlet Caplet e floorlet in arrears Cap e floor spot Cap e floor forward La coerenza delle dinamiche di volatilrta La calibrazione del LMM via cap e floor Opzioni su tassi swap Swaption Spread option Opzioni su futures e futures su opzioni: le opzioni futures-style Opzioni nei bond futures Opzioni su bond futures Opzioni su tassi futures Scalping gamma con straddle su Bund futures Opzioni esotiche Una classificazione delle opzioni esotiche (F) Opzioni discontinue Opzioni path-dependent Opzioni multi-asset Opzioni composte Opzioni geografiche Opzioni su sottostanti esotici

10 Indice XI 10.2 I prezzi delle opzioni esotiche Opzioni forward start Opzioni di scambio Opzioni digitali Opzioni con barriera Opzioni lookback Opzioni asiatiche Opzioni composte Hedging delle opzioni esotiche (F) Opzioni nascoste e titoli strutturati: garanzie, clausole, opport.unita, Corporate bonds (F) La struttura di rischio dei corporate bond La probabilita di default L'Economic Capital come opzione ITM Convertible bonds Callable, puttable, exchangeable bonds Subordinated debt Indebitamento con garanzia reale e leasing Garanzie, polizze e portfolio insurance (F) Polizza assicurativa rivalutabile Portfolio insurance Titoli strutturati (F) La classificazione dei titoli strutturati II funzionamento del mercato dei titoli strutturati II pricing dei titoli strutturati La regolamentazione Consob e i prospetti informativi Opzioni reali (F) Tassi d'interesse come opzioni Procedure numeriche La stima della volatilita (F) Volatilita come parametro Volatilita come processo stocastico La discretizzazione di una SDE (F) II modello discreto esatto per il BM aritmetico II modello discreto esatto e approssimato per il processo di Ornstein-Uhlenbeck II modello discreto esatto e approssimato per il BM geometrico

11 XII Indice 12.3 La stima dei parametri di una SDE (F) La stima time-series dei parametri La stima cross-section: un'applicazione del modello di CIR Lo smile e la stima della probabilita risk-neutral (F) II pricing col metoda degli alberi (F) Alberi binomiali Alberi trinomiali II pricing col metoda Monte Carlo (F) La variabile antitetica II pricing con la discretizzazione della PDE II pricing migliorato con una variabile di controllo (F) Appendice - Processi stocastici, moto browniano e calcolo stocastico A.1 Set-up standard 408 A.2 Martingale e processi di Markov 410 A.3 Moto browniano A.4 Integrale stocastico e processi diffusivi A.5 SDE e probabilita di transizione 419 A.6 Calcolo stocastico di Ito 422 A.7 La soluzione di una PDE come valor medio A.8 Probabilita equivalenti e teorema di Girsanov A.9 Processi stocastici multidimensionali 434 A.9.1 Processi diffusivi con BM indipendenti A.9.2 Processi diffusivi con BM correlati 435 A.10 La formula stocastica di Taylor e la discretizzazione di una SDE 439 Bibliografia Indice analitico

12 Prefazione Come tutte le prefazioni, anche questa e una post-fazione e, finita la fatica, l'autore e solo davanti al dubbio fondamentale: perche un nuovo libro sulla Finanza Matematica dei derivati? Finanza Matematica eun termine relativamente nuovo, almeno in Italia, e richiede, forse, qualche spiegazione. Infatti, la classica Matematica Finanziaria ha visto, negli ultimi anni, una cost formidabile evoluzione che non eesagerato dire che enata una nuova disciplina. Fatto salvo il dovuto omaggio al passato, in ossequio al detto di Bernard de Chartres circa i nani sulle spalle dei giganti, il nuovo approccio alla Finanza ha letteralmente ribaltato quello precedente. Se in passato la qualifica "finanziaria" veniva applicata alla Matematica non senza mostrare, in alcuni casi, l'assoluta pretestuosita dell'aggettivo rispetto all'interesse primario nel metodo analitico-quantitativo, ora tale qualifica e passata prepotentemente in primo piano, a sottolineare l'ambito economico, teorico e pratico, all'interno del quale l'analisi delle relazioni matematico-finanziarie nasce, viene formulata, cerca e spesso trova principi risolutivi, si confronta e scontra con gli sviluppi applicativi e la realta dei mercati. Si pensi, ad esempio, al modello di Black e Scholes, sintesi notevole di fondamenti teorici, conoscenze empiriche, metodo analitico-quantitativo e capacita di calcolo, applicata a un importante e annoso problema di valutazione, tuttora al centro della Finanza Matematica. II termine Finanza Matematica vuole quindi mettere in primo piano la sostanza finanziaria senza nascondere la storia da cui la disciplina proviene e soprattutto la validita di un metodo, quello matematico, che ha permesso il raggiungimento di risultati altrimenti impossibili, in qualche caso insigniti dell'alloro del Nobel: William Sharpe, Myron Scholes (e, si dovrebbe aggiungere, Fischer Black, prematuramente scomparso), Harry Markowitz, Robert Merton. Questo volume e il terzo di una trilogia (Cesari e Susini, 2005a,b) che affronta in sequenz a i temi dei tassi d'interesse, dei portafogli finanziari e dei titoli derivati. II fatto che venga per terzo non e senza significato in quanto

13 XIV Prefazione sfrutta alcuni concetti di base esposti in precedenza, in particolare nel volume dedicato ai tassi d'interesse. Rinvii puntuali saranno fatti nel corso della trattazione; tuttavia, una lettura del primo volume puo essere fin da subito raccomandata. II legame tra i volumi si puo comprendere guardando ai tre grandi pilastri che compongono la Finanza Matematica. Infatti, come la Gallia di Giulio Cesare, anche la Finanza Matematica risulta divisa, a grandi linee, in tre parti: pricing, hedging e asset management. II pricing 0 valutazione, affronta il tema della valorizzazione dei titoli e delle attivita finanziarie secondo il moderno principio dell'arbitraggio: i prezzi dei titoli sono vincolati da reciproche relazioni in modo che non ne possa seaturire la possibilita di arbitraggi, vale a dire la possibilita di realizzare profitti illimitati senza rischio. In tal modo, il vincolo di non arbitraggio, affiancato da opportune ipotesi aggiuntive, diventa la condizione per determinare, anche quantitativamente, i prezzi delle attivita finanziarie e in particolare dell'immensa categoria delle attivita finanziarie derivate (contingent claims). I modelli di Black, Scholes e Merton dei primi anni '70 hanno aperto alla ricerca quantitativa la vasta prateria del pricing di non arbitraggio dei titoli derivati. La seconda area di ricerca della Finanza Matematica e l'hedging 0 risk management, che affronta il tema dei rischi cui sono esposte le attivita finanziarie, l'identificazione dei numerosi fattori di rischio, la loro misurazione, l'individuazione di criteri di monitoraggio, controllo e gestione dei rischi. Stante il legarne teorico e pratico tra rischio e prezzo, in un mondo di operatori tipicamente avversi al rischio (modello di Sharpe), si comprende come i due temi del pricing e dell'hedging siano strettamente connessi e richiedano approcci e modelli tra loro pienamente coerenti. Infine il tema dell'asset management fa riferimento ai principi di gestione ottimale dei portafogli finanziari e quindi, semplificando, ai metodi di individuazione e controllo dinamico della migliore combinazione tra rendimento atteso e rischio assunto. L'aspetto qualificante, qui, e quello delle aspettative, vale a dire delle capacita previsive (forecasting) circa gli andamenti futuri dei prezzi e dei mercati, legato indissolubilmente, come hanno mostrato una volta per tutte Markowitz e Sharpe, al tema della misurazione e gestione del rischio. II secondo volume della trilogiaein gran parte dedicato alle gestioni di portafoglio. In questo quadro generale, il presente volume e focalizzato sui due temi del pricing e dell'hedging dei titoli derivati. Punto di partenza e l'analisi dei mercati, regolamentati 0 OTC, in cui concretamente si scambiano i derivati (capitolo 1). Segue il capitolo 2 sul significato di (non) arbitraggio, i fondamenti del pricing e l'applicazione al caso della struttura per scadenza dei tassi d'interesse, il primo mattone di ogni costruzione in finanza. Nei capitoli 3-6 si esaminano in sequenz a altrettanti prodotti a complessita crescente rna con payoff lineari: forward (cap. 3), futures (cap. 4), floaters (cap. 5) e swap (cap. 6), con particolare attenzione sia alle definizioni contrattuali, sia al pricing e all'uso prevalente (hedging e trading) degli strumenti analizzati. Nel capitolo 7, si apre la porta del variegato

14 Prefazione XV mondo delle nonlinear-ita attraverso il caso semplice del contratto d'opzione plain vanilla, analizzato, composto in strutture pili articolate e prezzato sia nell'approccio binomiale sia in quello classico a tempo continuo. I fondamenti dell'hedging delle opzioni e dei derivati in genere sono illustrati anche graficamente. Nel capitolo 8, il modello standard viene ampliato in diverse direzioni: rispetto ai sottostanti (con dividendi, tassi di cambio, forward etc.), rispetto ai tassi di attualizzazione, rispetto alla volatilita, II capitolo 9 analizza le complicazioni derivanti da sottostanti legati ai tassi d'interesse mentre il capitolo 10 ededicato aile opzioni c.d. esotiche, in quanto definite da payoff di varia complessita e articolazione. II capitolo 11 individua la presenza delle opzioni in numerosi contesti contrattuali apparentemente estranei ai derivati (obbligazioni corporate, garanzie, titoli strutturati etc.) mostrando i metodi di individuazione e scomposizione/ricomposizione (un-packaging) finalizzata al pricing e all'hedging dei contratti. Infine il capitolo 12 raccoglie alcune importati problematiche legate alla implementazione pratica (numerica) dei modelli analizzati. La trattazione e pensata per una doppio livello di lettura: un livello semplice e introduttivo, che richiede solo nozioni matematiche di base e punta alla comprensione pratica dei concetti e degli strumenti finanziari derivati e un livello pili avanzato che utilizza il calcolo stocastico e alcuni risultati fondamentali della probabilita, della matematica e della statistica per la derivazione delle relazioni quantitative, delle formule, dei modelli formalizzati. II primo livello, le cui parti sono contrassegnate da una (F), si rivolge ai corsi universitari della laurea triennale mentre il secondo livello si rivolge ai corsi di laurea specialistica 0 magistrale, di master e dottorato. Un' Appendice sui risultati pili avanzati, sui processi stocastici, probabilita e calcolo stocastico, posta in fondo allibro, rende il testo relativamente autosufficiente. Altro materiale, fogli di calcolo e programmi software sui capitoli del libro sono disponibili sul sito - studenti - materiale didattico. Questo libro deve molto, per i contenuti e l'approccio, agli studenti di un decennio di corsi, sulle cui esigenze (che si spera di aver bene interpretato) e stato pensato, realizzato e cordialmente dedicato. Due borse di studio hanno consentito all'autore due soggiorni presso il Research Department di BnpParibas, London, diretto da Marek Musiela, che qui si ringrazia assieme a Fabio Filippi dell'italian Desk per la generosa ospitalita, Un sentito ringraziamento anche a Wolfgang Runggaldier e Franco Molinari per l'apprezzamento e incoraggiamento e a Anna Grazia Quaranta per il prezioso aiuto editoriale. Naturalmente, il debito verso l'ampia letteratura disponibileeenorme: la bibliografia e Ie numerose citazioni ne sono la prova. Va sottolineato che in tale vasta letteratura, quattro aspetti sono stati in gran parte trascurati, salvo brevi trattazioni nel testo: 1. l'approccio di equilibrio generale ai prezzi dei titoli con conseguente enfasi sulla massimizzazione dell'utilita (attesa) e sui metodi di ottimizzazione dinamica (CIR, 1985a, Ingersoll, 1987, Duffie, 1992, Karatzas e Shreve,

15 XVI Prefazione 1998, James e Webber, 2000). Per farsi un'idea, si veda Cesari e Susini, 2005b, cap. 9. Tali approcci si rivelano utili per la trattazione del pricing e hedging in mercati incompleti, con costi di transazione, illiquidita e asset non commerciabili; 2. i modelli a tempo discreto, ai quali si e preferito, con alcune eccezioni, 10 sviluppo a tempo continuo per la maggiore semplicita analitica e formale. Su tali modelli, si veda Shreve (2004a), Duffie (1988, 1992); 3. i modelli con processi discontinui (jump processes e Levy processes) per i quali si rinvia a Shreve (2004b, cap. 11) e Cont e Tankov (2004); 4. i modelli per il rischio di credito, generalmente sviluppati con modelli discontinui per rappresentare la dinamica tra livelli di rating e tra questi e il default (v. Cesari e Susini, 2005a, par ). Su tali modelli si rinvia a Hull (2006, capp, 26-27), Cairns (2004, cap. 11), Bielecki e Rutkowski (2002), Duffie e Singleton (2003), Brigo e Mercurio (2006, Part VII). La speranza dell'autore eche quello che c'e possa servire allettore anche come una buona introduzione per affrontare, su solide basi, tutto il resto. E quanto sembrano suggerire anche i mercati. Mentre questo libro va in stampa (settembre 2008), la finanza internazionale sta attraversando la pili grave crisi del credito dal Non sono stati i derivati a innescarla (v. Capitolo 1) rna questi hanno rappresentato la benzina che ha trasformato un incendio in un rogo di dimensioni epocali. L' assenza di regole stringenti, di trasparenza e di un'adeguata conoscenza di questi strumenti ha trasformato le banche d'investimento in altrettenti "apprendisti stregoni", incapaci, alla prima difficolta, a contenere gli effetti negativi e a reggere 1'urto di mercati che invertono i flussi degli ordini. Passata l'ondata di fallimenti e i numerosi salvataggi di societa finanziarie fino a ieri ritenute inaffondabili, bisognera studiare pili attentamente i derivati e le leve dirompenti che contengono. Con questo obiettivo auguriamo allettore un buon proseguimento.

16 Abbreviazioni ABS ALM a.s. BGM BIS BM BS BOT b.p. BTP CAPM CB CCT CDO c.d. CDS CEV CH CIR CME CMS CPPI CTD CTZ EC EDSP EMH EMM FIFO FRA Asset backed security Asset and liability management Almost surely (quasi sicuramente) Brace, Garatek e Musiela Bank of International Settlements Brownian motion Black e Scholes Buoni ordinari del Tesoro basis point Buoni del Tesoro poliennali Capital asset pricing model Coupon bond Certificato di Credito del Tesoro Collateralized debt obligation cost detto/i Credit default swap Constant elasticity of variance Clearing House Cox, Ingersoll e Ross Chicago Mercantile Exchange Constant maturity swap Constant proportion portfolio insurance Cheapest to deliver Certificato del Tesoro Zero coupon Economic capital Exchange delivery settlement price Efficient market hypothesis Equivalent martingale measure First in, first out Forward rate agreement

17 XVIII Abbreviazioni FW HJM i.e. iid IRS ISDA LDI LIFFE LTCM LV MBS MTN NASDAQ OAS OTC OU PCT PDE PI p.s. RN SABR SDE SDF SIE SPS SV TIR TS v.a. VaR ZCB Forward Heath, Jarrow e Morton id est (==cioe) Indipendenti e indenticamente distribuiti Interest rate swap International Swaps and Derivatives Association Liability driven investment London International Financial Futures Exchange Long Term Capital Management Local volatility Mortgage backed security Medium term note National Association of Securities Dealers Automated Quotations Option adjusted spread Over the counter Ornstein-Uhlenbeck Pronti contro termine Partial differential equation Portfolio insurance Processo stocastico Risk neutral Sigma alpha beta rho Stochastic differential equation Stochastic discount factor Stochastic integral equation Struttura per scadenza Stochastic volatility Tasso interno di rendimento Term structure Variabile aleatoria Value at risk Zero-coupon bond

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari Indice Pag. 1. Introduzione all economia del mercato mobiliare 1 Antonio Fasano 1.1 Il sistema finanziario e il mercato mobiliare 1 1.1.1 Gli strumenti finanziari 2 1.1.2 Gli intermediari finanziari 4

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Mercati, strumenti finanziari e investimenti alternativi

Mercati, strumenti finanziari e investimenti alternativi Mercati, strumenti finanziari e investimenti alternativi Claudio Boido, Antonio Fasano Mercati, strumenti finanziari e investimenti alternativi McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C.

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

Francesco Menoncin. Misurare e gestire il rischio finanziario

Francesco Menoncin. Misurare e gestire il rischio finanziario Docendo discitur Francesco Menoncin Misurare e gestire il rischio finanziario Francesco Menoncin Dipartimento di Scienze Economiche Università degli Studi di Brescia ISBN 978-88-470-1146-5 Springer Milan

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Metodi di previsione statistica

Metodi di previsione statistica Metodi di previsione statistica Francesco Battaglia Metodi di previsrone statisttca ~ Springer FRANCESCO BATTAGLIA Dipartimento di Statistica, Probabilita e Statistiche Applicate Universita La Sapienza

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Indice. Notazioni generali

Indice. Notazioni generali Indice Notazioni generali XIII 1 Derivati e arbitraggi 1 1.1 Opzioni 1 1.1.1 Finalità 3 1.1.2 Problemi 4 1.1.3 Leggi di capitalizzazione 4 1.1.4 Arbitraggi e formula di Put-Call Parity 5 1.2 Prezzo neutrale

Dettagli

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Corso tecnico - pratico MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Modulo 1 (base): 22-23 aprile 2015 Modulo 2 (avanzato):

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa... INDICE Presentazione... Premessa... pag. VII XV CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti «derivati»: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi presenti nell attività finanziaria...

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... Presentazione.... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... VII XVII XIX CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti derivati: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi

Dettagli

Università degli studi di Genova

Università degli studi di Genova Università degli studi di Genova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Tesi di laurea STUDIO ED IMPLEMENTAZIONE DI MODELLI MATEMATICI NELLA GESTIONE BANCARIA: METODOLOGIE DI PRICING

Dettagli

2 La microeconomia... 29 2.1 Domanda e offerta di beni e servizi... 29 2.2 La produzione... 30

2 La microeconomia... 29 2.1 Domanda e offerta di beni e servizi... 29 2.2 La produzione... 30 Parte I Fondamenti di analisi economica 1 La macroeconomia............................................. 3 1.1 La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti.............. 3 1.2 Domanda aggregata,

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

UNITEXT La Matematica per il 3+2

UNITEXT La Matematica per il 3+2 UNITEXT La Matematica per il 3+2 Volume 82 http://www.springer.com/series/5418 ClaudioCanuto Anita Tabacco Analisi Matematica I 4a edizione Claudio Canuto Dipartimento di Scienze Matematiche Politecnico

Dettagli

Principali tipologie di rischio finanziario

Principali tipologie di rischio finanziario Principali tipologie di rischio finanziario Rischio di mercato: dovuto alla variabilità dei prezzi delle attività finanziarie Rischio di credito: dovuto alla possibilità che la controparte venga meno ai

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE Nota: questo file raccoglie alcuni esempi di prove scritte assegnate negli ultimi anni per gli esami di Matematica Finanziaria IIB e. I testi vanno presi come indicativi,

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 LÕeconomia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi È 1 1.1 Premessa È 1 1.2 LÕesercizio semantico È 1 1.3 La collocazione della disciplina È 4 Bibliografia

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII I N D I C E XV XVII XIX XXIII Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Capitolo 1 Il ruolo della finanza aziendale nell economia dell impresa 3 1.1 La nascita e lo sviluppo della finanza aziendale

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

A Francesca S.L. AFrancesco M.G.T.

A Francesca S.L. AFrancesco M.G.T. A Francesca S.L. AFrancesco M.G.T. Sandro Longo, Maria Giovanna Tanda Esercizi di Idraulica e di Meccanica dei Fluidi Sandro Longo DICATeA Dipartimento di Ingegneria Civile, dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (50 punti) Lei è analista del dipartimento di investimenti obbligazionari di una compagnia di assicurazioni con sede nella nazione Z, e sta preparando delle

Dettagli

Demand Planning Processi, metodologie e modelli matematici per la gestione della domanda commerciale

Demand Planning Processi, metodologie e modelli matematici per la gestione della domanda commerciale Demand Planning Damiano Milanato Demand Planning Processi, metodologie e modelli matematici per la gestione della domanda commerciale Damiano Milanato Dipartimento di Ingegneria Gestionale Facoltà di Ingegneria

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

Introduzione ai metodi statistici per il credit scoring

Introduzione ai metodi statistici per il credit scoring Introduzione ai metodi statistici per il credit scoring Elena Stanghellini Introduzione ai metodi statistici ai metodi per statistici il credit per scoring il credit scoring Elena Stanghellini Dipartimento

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 7 Direttore Beatrice VENTURI Università degli Studi di Cagliari Comitato scientifico Umberto NERI University of

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI DI INVESTIMENTO : RENDIMENTO E RISCHIO DI PORTAFOGLI OBBLIGAZIONARI E AZIONARI ED ELEMENTI DI ANALISI FONDAMENTALE

LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI DI INVESTIMENTO : RENDIMENTO E RISCHIO DI PORTAFOGLI OBBLIGAZIONARI E AZIONARI ED ELEMENTI DI ANALISI FONDAMENTALE MODULO 1 LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI DI INVESTIMENTO : RENDIMENTO E RISCHIO DI PORTAFOGLI OBBLIGAZIONARI E AZIONARI ED ELEMENTI DI ANALISI FONDAMENTALE Durata : 1 gg Le nozioni di base per la valutazione

Dettagli

UNITEXT La Matematica per il 3+2

UNITEXT La Matematica per il 3+2 UNITEXT La Matematica per il 3+2 Volume 94 Editor-in-chief A. Quarteroni Series editors L. Ambrosio P. Biscari C. Ciliberto M. Ledoux W.J. Runggaldier http://www.springer.com/series/5418 Paolo Biscari

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (41 punti) Lei ha iniziato a lavorare quale analista obbligazionario. Il primo giorno di lavoro si trova confrontato con il seguente portafoglio obbligazionario

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA XIII Prefazione alla prima edizione... Prefazione alla seconda edizione... Elenco delle principali abbreviazioni... IX XI XXI CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA Guida

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati Parte III Gli strumenti finanziari derivati Classificazione delle attività finanziarie PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE Definizioni di derivato CONTRATTO CHE PREVEDE PRESTAZIONI LEGATE ALL ANDAMENTO DI UN

Dettagli

Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli VaR. Aldo Nassigh. 16 Ottobre 2007

Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli VaR. Aldo Nassigh. 16 Ottobre 2007 Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli Aldo Nassigh 16 Ottobre 2007 INDICE 1. La misurazione del rischio di mercato attraverso il 1.a Nozioni basilari 1.b I metodi parametrici

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (50 punti) Lei è un gestore di portafoglio di una banca internazionale. Un cliente le mostra i suoi investimenti attuali, riassunti nella tabella seguente:

Dettagli

I modelli fondati sul mercato dei capitali

I modelli fondati sul mercato dei capitali I modelli fondati sul mercato dei capitali Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA L approccio basato sugli spread

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (56 punti) Lei ha assunto una nuova carica quale risk manager di un fondo pensione. Il fondo ha finora investito solo in titoli a reddito fisso con attivi

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010 Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dal Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. (ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

UNITEXT La Matematica per il 3+2

UNITEXT La Matematica per il 3+2 UNITEXT La Matematica per il 3+2 Volume 80 http://www.springer.com/series/5418 Vito Michele Abrusci Lorenzo Tortora de Falco Logica Volume 1 Dimostrazioni e modelli al primo ordine Vito Michele Abrusci

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Riferimenti metodologici per la mappatura della complessità dei prodotti finanziari ai fini della valutazione di adeguatezza

Riferimenti metodologici per la mappatura della complessità dei prodotti finanziari ai fini della valutazione di adeguatezza Riferimenti metodologici per la mappatura della complessità dei prodotti finanziari ai fini della valutazione di adeguatezza Giugno 2015 PREMESSA Il presente documento illustra i riferimenti metodologici

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

L area Gestionale dispone delle seguenti funzionalità:

L area Gestionale dispone delle seguenti funzionalità: Oggi la gamma dei prodotti finanziari si è notevolmente allargata e, data la continua ricerca di nuove soluzioni di ingegneria finanziaria, è suscettibile di continue innovazioni con prodotti sempre più

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

Descrizione generale

Descrizione generale 1 Descrizione generale - OptionCube Educational è un prodotto dedicato al mondo delle opzioni finanziarie, nato per soddisfare le esigenze di chi voglia approfondire con l utilizzo di uno strumento professionale

Dettagli

Prefazione Gli Autori. Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1. Capitolo 1 La moneta e i bisogni di pagamento 3 di Eugenio Pavarani

Prefazione Gli Autori. Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1. Capitolo 1 La moneta e i bisogni di pagamento 3 di Eugenio Pavarani v-xvi/00/munari 1-09-2005 9:35 Pagina v Prefazione Gli Autori xi xv Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1 Capitolo 1 La moneta e i bisogni di pagamento 3 di Eugenio Pavarani 1.1 Il sistema dei pagamenti

Dettagli

Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato

Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 3 FACTOR SENSITIVITY Le Factor Sensitivities

Dettagli

di negoziazione Roberto Caparvi (a cura di) IL MERCATO MOBILIARE Strategie e tecniche dei prodotti finanziari

di negoziazione Roberto Caparvi (a cura di) IL MERCATO MOBILIARE Strategie e tecniche dei prodotti finanziari Roberto Caparvi (a cura di) IL MERCATO MOBILIARE Strategie e tecniche di negoziazione dei prodotti finanziari Scritti di Federico Cartel Maria Cristina Ouirici Piero Bellandi Luca Lazzeretti FrancoAngeSi

Dettagli

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 Processo per la determinazione dei prezzi degli Strumenti Finanziari - SINTESI - I N D I C E PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 1.- Fasi di applicazione del modello...2

Dettagli

Modelli di Lévy. Indice. 1 Introduzione 2. 2 Processi di Lévy 4. 3 Modelli di Lévy puramente discontinui 6. 4 Il processo Variance-Gamma 7

Modelli di Lévy. Indice. 1 Introduzione 2. 2 Processi di Lévy 4. 3 Modelli di Lévy puramente discontinui 6. 4 Il processo Variance-Gamma 7 Modelli di Lévy R. Marfé Indice 1 Introduzione 2 2 Processi di Lévy 4 3 Modelli di Lévy puramente discontinui 6 4 Il processo Variance-Gamma 7 5 Modelli di mercato 9 6 Applicazione in VBA 11 1 1 Introduzione

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1. Capitolo 1 La moneta e i bisogni di pagamento 3

Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1. Capitolo 1 La moneta e i bisogni di pagamento 3 Indice Prefazione Gli Autori XI XV Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1 Capitolo 1 La moneta e i bisogni di pagamento 3 di Eugenio Pavarani 1.1 Il sistema dei pagamenti 3 1.2 La moneta 6 1.3 Le esigenze

Dettagli

Modelli finanziari per i tassi di interesse

Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS Lecture 3 Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 3.1 Modelli per la struttura La ricerca di un modello finanziario che descriva l evoluzione della

Dettagli

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Corso tecnico e pratico La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Calcolo delle expected losses e del credit VaR Valutazione di congruità degli spread contrattuali

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

DARIO CUSATELLI Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari UN MODELLO DI CONTRATTO FINANZIARIO STRUTTURATO

DARIO CUSATELLI Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari UN MODELLO DI CONTRATTO FINANZIARIO STRUTTURATO DARIO CUSATELLI Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari UN MODELLO DI CONTRATTO FINANZIARIO STRUTTURATO SOMMARIO 1. Introduzione 2. Considerazioni preliminari 3.

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal]

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO Introduzione; Idem vs Sedex; Breve introduzione

Dettagli

Contratti derivati finanziari e di credito

Contratti derivati finanziari e di credito Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Contratti derivati finanziari e di credito Lezioni tenute presso la Luiss Management

Dettagli

Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli

Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli 1 1 Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli IAS-IFRS e Imprese bancarie Convegno di studi Bocconi NEWFIN FITD 8 aprile 2005 Dott. Andrea Fornasier (BILANCIO SANPAOLO IMI SPA) 2 2 Categorie

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Finanziamento tramite debiti 5) Risk management Introduzione alle opzioni 6) Temi speciali di finanza aziendale

Dettagli

Metodi Quantitativi per la Finanza

Metodi Quantitativi per la Finanza Metodi Quantitativi per la Finanza Metodi Quantitativi per la Finanza http://www.economia.unimi.it/finance S.M. Iacus Ricevimento: Gio 9:00-12:00, III Piano DEAS stefano.iacus@unimi.it Programma del corso

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GIANNI NICOLINI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Definizioni, caratteristiche e utilizzi UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA EIF-e.Book (http://www.eifebook.com ISBN 978 88 96639 4 6 Venezia - Treviso, Ottobre

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 365 del 10/02/2011

Dettagli

OptionCube Platinum Descrizione e condizioni economiche 2011

OptionCube Platinum Descrizione e condizioni economiche 2011 OptionCube Platinum Descrizione e condizioni economiche 2011 Derivatives & Consulting Srl Via Martiri della Libertà 244/D 30174 Mestre (VE) Sommario Sommario...2 La descrizione di OptionCube...3 OptionCube

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE II. STRUMENTI DERIVATI

SOMMARIO. Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE II. STRUMENTI DERIVATI SOMMARIO Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE 1. Introduzione... 3 2. Caratteristiche istituzionali e funzionamento dei mercati...

Dettagli