L industrializzazione su Corso Francia tra la fine dell Ottocento e gli anni del Boom economico. Classe 5 A meccanica 2012/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L industrializzazione su Corso Francia tra la fine dell Ottocento e gli anni del Boom economico. Classe 5 A meccanica 2012/2013"

Transcript

1 L industrializzazione su Corso Francia tra la fine dell Ottocento e gli anni del Boom economico Classe 5 A meccanica 2012/2013

2 Indice Introduzione al progetto Industrializzazione a Torino dall unità d Italia al boom economico Torino: Venchi Unica Fiat Aeronautica Industrializzazione a Collegno e Rivoli tra Ottocento e Novecento Collegno: Bertolini Baroni Leumann Rivoli: Nebiolo Silma

3 LO SVILUPPO INDUSTRIALE DI TORINO DALL UNITA D ITALIA AGLI ANNI DEL BOOM ECONOMICO Unità d Italia L industria piemontese in via di definizione Innovazioni economiche e amministrative introdotte da Cavour: Incremento del commercio con l estero Uso dell energia idraulica Creazione e lo sviluppo di una rete ferroviaria con Torino come crocevia principale Nuove fabbriche nascono nei quartieri periferici e nella cintura contribuendo allo sviluppo urbanistico e demografico delle barriere che diventano il polmone industriale della nuova Torino. Sistema fabbrica a Torino: Stabilimenti militari governativi le regie manifatture Settore tessile e dell abbigliamento in testa come numero di occupati

4 Industria del mobile e del legno incremento dovuto alle nuove costruzioni borghesi e ai palazzi governativi; Sviluppo della carrozzeria torinese: fabbriche Revelli, Bersanino, Martinelli, Locato, Diatto e Cesare Sala ; Industrie del lusso (gioiellerie e orologi, pelli, porcellana, cioccolato, liquori e pasticcerie); Settore chimico: vernici, colori e stabilimenti per la produzione di acidi e di solfati, di concimi artificiali, di saponi, di cere e di candele, famosa la Lanza; Lavorazione del tabacco. Le Manifatture di Tabacco, erano controllate dallo Stato e costituivano il gruppo industriale più numeroso; L industria meccanica fu quella che progredì più velocemente, aumentando di addetti in quattro anni.

5 FIAT 19 marzo del 1900: inaugurato il primo stabilimento dell azienda automobilistica FIAT 1904: 268 veicoli prodotti 1914: veicoli prodotti oltre la metà di tutta la produzione nazionale Adozione nuovo sistema industriale concepito da Henry Ford fordismo Applicazione in maniera integrata delle varie fasi di lavoro attraverso sistemi di movimentazione automatica catena di montaggio Inizialmente produzione rivolta verso vetture di lusso e sportive Esigenza di ridurre i costi unitari per giungere alla costruzione di vetture di minor cilindrata, più convenienti e accessibili 1911: l industria automobilistica arriva a 5000 operai meccanici; gli addetti alla costruzione di veicoli sono 14600; l intero settore metalmeccanico ne occupa

6 L industria piemontese e la Prima guerra mondiale 24 maggio 1915: l Italia dichiara guerra all Austria Necessità di fornire l esercito di armi ed equipaggiamento. Produzione di guerra rapido sviluppo delle imprese operanti nei settori meccanico, metallurgico, chimico, elettrico ed estrattivo 1916: si contano a Torino 207 stabilimenti ausiliari con operai La produzione di guerra orienta l industria torinese verso il comparto meccanico, soprattutto automobilistico: la FIAT passa dal trentesimo posto nella graduatoria delle industrie nazionali, al terzo Torino inizia così a delineare il proprio volto di città industriale per eccellenza. La manodopera maschile al fronte, è sostituita nelle fabbriche da ragazzi e, soprattutto, da donne, che fanno il loro ingresso nei reparti delle fabbriche. Alla fine della guerra sono reinseriti i reduci nel sistema produttivo: migliaia di donne e ragazzi sono colpiti dai licenziamenti.

7 L industria piemontese e la Seconda guerra mondiale 1938: addetti all industria La fabbrica cuore pulsante dell economia cittadina Centro del sistema industriale: settore metalmeccanico (Fiat) lavoratori 45,3% del totale degli occupati nell industria Altri settori di sviluppo: Il tessile e l abbigliamento la lavorazione del legno e del cuoio l industria alimentare l industria della gomma l industria delle fibre tessili Inizio Seconda guerra mondiale Periodo di rapida crescita produttiva e occupazionale per l industria torinese Manodopera impiegata negli stabilimenti metalmeccanici 1938: unità 1943: unità : inversione di tendenza uscita dal mercato del lavoro di unità Cause: diminuzione delle materie prime; danni provocati dalle incursioni aeree alleate. Aprile 1945: l andamento produttivo dell intero sistema industriale è paralizzato

8 Il dopoguerra a Torino: Dalla ricostruzione al boom economico Aumentano disoccupati e inflazione Il sistema industriale èin ginocchio Disordine economico e tensioni sociali : primi segnali di ripresa : il boom economico ridisegna l Italia Aumenta il reddito nazionale Aumentano i lavoratori dell industria Migliorano le condizioni alimentari delle famiglie italiane Le case grazie ad acqua, elettricità e servizi interni diventano più confortevoli Lavatrici, televisori, frigoriferi e l automobile simbolo del nuovo sviluppo Momenti chiave del boom economico: 1955 lancio Fiat lancio Fiat : La Fiat triplica i dipendenti

9 VENCHI UNICA 1878: Viene fondata da Silvano Venchi & C. Laboratorio adibito alla produzione di confetti e caramelle 1898: Viene deliberata la costruzione di un nuovo stabilimento in viale Regina Margherita: metri quadrati, accoglie 500 operai Grandioso complesso industriale con 12 reparti di lavorazione destinati alla produzione di biscotti (gallette, biscotti e wafers), di confetti, di caramelle, di cioccolato e di altri prodotti d dolciari (tavolette zuccherine, confetture speciali e bolli gomma). Produzione affidata in gran parte a manodopera femminile Settembre del 1924: nasce la Società anonima U.N.I.C.A. (Unione Nazionale Industria Commercio Alimentari) complesso industriale dolciario che riesce a raggruppare sotto un unico marchio quattro fabbriche per la lavorazione del cioccolato, del cacao, dei confetti, dei biscotti e delle caramelle: Talmone Moriondo Gariglio Cioccolato Bonatti Le Fabbriche riunite Gallettine & Dora Biscuits

10 1930 Esposizione di Tripoli: la Fiat costruisce una vettura vetrina ambulante che attraversa il Marocco, l Algeria, la Tunisia e la Libia per esporre i principali prodotti U.N.I.C.A La Venchi e l Unica sono unite sotto un unico marchio: la Venchi & Unica, società di prodotti dolciari. Produzioni tradizionali: cioccolato, cacao, biscotti e caramelle; La Venchi Unica e i Servizi sociali: La Venchi Unica fornisce un asilo infantile ai figli delle operaie: il nido dei bambini; La Venchi Unica e la storia: I lavoratori della Venchi Unica partecipano, tra il 1943 e il 1945, a tutte le agitazioni di protesta contro la guerra e il regime: nel dopoguerra la Venchi Unica riprende con successo la propria produzione che sarà definitivamente interrotta solo negli anni 70.

11 FIAT AERONAUTICA La fabbrica sorge a Torino, in Corso Italia, quasi al confine con il Comune di Collegno, lungo la principale arteria stradale di collegamento con la Francia (l'odierno Corso Francia), si estende su una superficie di circa metri quadrati ed èdotata di un vastissimo campo volo con palazzina per piloti, stazione radio e pilone per segnalazioni notturne; All interno dell azienda vi sono due grandi sezioni: costruzione dei veivoli da guerra e quella della produzione di motori d aviazione; Dal Marzo del 1942, la Fiat Aeronautica lavora a pieno ritmo aumentando notevolmente i propri indici produttivi sia nel campo della fabbricazione dei motori d'aviazione che in quella dei veivoli; La Fiat Aeronautica dispone anche di una scuola allievi, frequentata da circa 300 giovani, che ha il compito di formare le nuove maestranze specializzate da inserire nell'organico dell'azienda; Durissime condizioni di lavoro (turni lavorativi dalle 6 del mattino fino alle 21), rese ancora più difficili dai bombardamenti che iniziano a colpire l azienda dal 1942; Iniziano i disordini, gli operai contrastano il regime e nel 1943 bloccano il lavoro, Successivamente si abbatte però sugli scioperanti la mano della repressione fascista che arresta una quarantina di operai ritenuti colpevoli di aver organizzato l'agitazione.

12 L industrializzazione a Collegno e Rivoli Un quadro di sintesi Primi decenni del 900: sviluppo industriale di Torino in direzione Rivoli Trasferimento di alcune fabbriche torinesi lungo l asse di Corso Torino (oggi Corso Francia) tra Collegno e Rivoli Motivazioni della scelta: a) facilità di accesso a Torino b) accesso al servizio ferroviario lungo la tratta da Torino verso la Francia c) disponibilità di aree agricole a costi contenuti d) presenza del collegamento tranviario con Torino Gli anni del miracolo economico a Rivoli e Collegno Aumento della popolazione residente correlata con lo sviluppo industriale Esplosione dell industrializzazione nell area torinese nella zona a ovest del capoluogo

13 : incremento demografico al 50% crescita degli occupati nelle industrie di Rivoli al 56% : incremento demografico al 99% crescita degli occupati nelle industrie di Rivoli al 133% 1975 oggi: arresto dell industrializzazione profonde modificazioni del settore industriale: ristrutturazioni, crisi, fallimenti, chiusure o nuove destinazioni d uso La prima industrializzazione a Rivoli: il tessile Fine Ottocento Primi del Novecento Settore tessile: nucleo portante dell industrializzazione nella prima parte del Novecento Fabbrica Nazionale Pizzi fondata nel 1912 a Cascine Vica Cotonificio Valle Susa, costruito nel 1906 sull ansa della Dora Riparia, ai confini con il comune di Pianezza. Cotonificio Leumann, fondato nel 1875 nel Comune di Collegno, ma fondamentale anche per l economia rivolese Anni del boom economico Il numero degli occupati nelle fabbriche tessili di Rivoli resta stabile, ma si evidenzia la perdita nei confronti di altri settori

14 L avanzata dell industria meccanica Prima metà Novecento Industria meccanica al secondo posto dopo l industria tessile: 22,7% del totale degli occupati nelle industrie di Rivoli. Principali industrie meccaniche: Filp,specializzata nella fabbricazione di lime. Fast, specializzata nella produzione di cerchioni. Seconda metà del Novecento 1951: l industria meccanica al primo posto per occupati fra le industrie di Rivoli (39,1%) : Il numero di occupati nelle aziende meccaniche, metallurgiche e dell auto sale al 73,3% del totale 1981: Le industrie meccaniche e metallurgiche mantengono il primo posto fra quelle di Rivoli (71,2%). 1991: gli occupati nelle industrie del settore che hanno sede a Rivoli scendono al 62,3% del totale 2000: i livelli di occupazione si riportano quasi ai valori di Trent anni prima

15 Il boom della cartotecnica e della meccanica di precisione Rexim Bugnone: Nasce negli anni Trenta; Anni Sessanta: ètra le più grandi imprese della città, con oltre un migliaio di dipendenti che fabbricano cartoni da imballo ; Anni Settanta: ridimensionamento; Fine Anni Settanta: la Rexim chiude; 1991: gli occupati nelle industrie di carta e cartotecnica rappresentano poco più che l 1% del totale di quanti lavorano nelle industrie rivolesi. Un antica tradizione: gli alimentari Inizio Novecento: piccole aziende alimentari : nascono le fabbriche di liquori Viarengo e Arlorio e le fabbriche dolciarie Taglia, Graffi e Michela & Angiono. 1951: ruolo delle industrie alimentari nell economia cittadina emerge come ancora rilevante Attività destinate a declinare: gli occupati sono 251 nel 1961, 165 nel 1971, 142 dieci anni dopo.

16 BERTOLINI L azienda Antonio Bertolini fu ufficialmente fondata nel 1911, nella frazione Regina Margherita a Collegno. Il fondatore, Antonio Bertolini, aveva stabilito il primo nucleo dell azienda in una casa prossima alla Chiesa di SS. Monica e Massimo dove aveva collocato una ruota sulla bealera Becchia per azionare la pista ovvero la macina per le spezie. Gradatamente l azienda s ingrandì e si trasferì nel sito di Corso Francia n.109. Alle redini della società subentrò il Commendator Ruben Trotti, cognato di Antonio Bertolini, abile imprenditore che nel corso degli anni riuscì a far diventare la Bertolini un azienda leader nel settore delle spezie e dello lievito. Dal matrimonio fra Ruben Trotti ed Emilia Chazallettes esponente di un altra importante famiglia di industriali di Regina Margherita nacque Carmi Trotti, che affiancherà nel corso degli anni il padre nella gestione dell azienda. Una peculiarità di questa famiglia èche per diversi anni, furono fra i maggiori contribuenti dell erario nella cintura torinese. La Bertolini, oltre a produrre i vari tipi di lievito, e a confezionare le spezie, produceva anche le miscele aromatiche come la Saporita o il Suk. Un altro settore trainante della produzione dell azienda erano gli estratti per liquori: le bottigliette erano caratterizzate da un etichetta raffigurante una strega che teneva fra le mani la bottiglietta degli estratti.

17 Oltre alle produzioni alimentari, per un periodo l azienda produsse anche insetticidi e pigliamosche. I pigliamosche erano particolari strisce di carta moschicida confezionati dall azienda nel periodo compreso fra febbraio ed ottobre. Brava, brava, Mariarosa, ogni cosa sai far tu èil ritornello dello storico gingle pubblicitario dello lievito Bertolini. Mariarosa è una simpatica bambina che dal secondo dopo guerra èdiventata il simbolo dell azienda. Nella prima versione èraffigurata intenta ad impastare una torta utilizzando lo lievito Bertolini. Durante gli anni Mariarosa ha cambiato un po il suo aspetto, ma èrimasta sempre la bambina accorta che accompagnata dal fedele cagnolino utilizza i prodotti Bertolini. Lo stabilimento della Bertolini nel corso degli ultimi anni èstato trasferito a Champdepraz in Val d Aosta.

18 SOCIETA ANONIMA ERNESTO BARONI Fondata nel 1889; Specializzata nella produzione di impiallacciature e compensati e in varie lavorazione su legno; Complesso caratterizzato da una ciminiera in mattoni alta 53 metri con un diametro alla base di 4 metri sulla cui struttura era possibile leggere l insegna della società; 1911 Gran Premio e Diploma d Onore per la produzione; Gennaio 1972: iniziarono i lavori di smantellamento dei fabbricati dalle cui ceneri sorse l avveniristico complesso residenziale The Sky Residence e proprio la vecchia ciminiera fu l ultima testimonianza della presenza della società Baroni in quell area; L area Baroni fu la prima ad essere interessata dal processo di riconversione residenziale;

19 Leumann Il villaggio operaio Leumann èsorto attorno all omonimo cotonificio impiantato a metà degli anni 70 dell 800 lungo la strada provinciale che collega Torino a Rivoli e alla Valle di Susa (l attuale Corso Francia), nel comune di Collegno, a circa 9 Km di distanza da Torino, fondato dall imprenditore svizzero Isacco Leumann; i Leumann nel 1874 acquistano un appezzamento di terreno nella zona di Collegno e iniziano la costruzione di un nuovo stabilimento;la scelta di insediare il cotonificio a Collegno risiede in diversi ordini di motivi. In primo luogo il basso costo dei terreni rispetto a quelli del capoluogo: 3 lire al metro quadrato, contro le 20 lire di Torino; evento particolare che contribuisce notevolmente allo sviluppo di Collegno: nel 1871 si inaugura la ferrovia Torino Rivoli,coincisa con l apertura della galleria del Frejus e la relativa entrata in funzione della linea ferroviaria Torino Modane, via di collegamento diretta con la Valle di Susa e con la Francia; A seguito di uno sciopero operaio,a causa delle condizioni non abbastanza cospicue, Napoleone Leumann, che prese il posto del padre dopo la sua morte, decise di edificare delle strutture abitative per i propri operai.

20 Il 12 luglio 1930, in pieno ventennio, si spegne Napoleone Leumann, prese il posto suo figlio Felice; Dopo la crisi del 29 vi è una piccola ripresa, ma nel 1935 inizia un periodo di embargo subito dall Italia a causa della guerra in Etiopia, e vengono a mancare molte materie prime; I tempi cambiano e negli anni Sessanta per stare al passo con l evoluzione tecnologica, necessitano investimenti sempre più alti nel parco macchine. Le vendite sfiorano cifre da record, ma la concorrenza è agguerrita. I Leumann fanno di tutto per salvare l azienda, ma sono destinati a fallire; nel 1972 inizia la fase di liquidazione: la chiusura dello stabilimento provoca un vero e proprio trauma a tutto il villaggio nel suo insieme e investe la vita di tutti i suoi abitanti.

21 SOCIETA FAST/ NEBIOLO Nasce nel 1924 in via Susa, produce ruote per carri e successivamente cerchioni per auto; successivamente si specializza nella produzione di pezzi per aerei; Nel 1941 con 515 operai èla seconda fabbrica di Rivoli dopo la Filp; Tra il 1945 e il 1946 la Fast si riconverte nella costruzione di macchine tessili e assorbe lo stabilimento Oxal; Nel 1947 il consiglio di amministrazione della Nebiolo propone all'assemblea degli azionisti l'incorporazione della Fast; Nel 1948 si hanno le prime avvisaglie di crisi che riguardano la scarsa capacità di penetrazione sui mercati esteri e il pericolo della concorrenza nordamericana; Nel 1950 la Nebiolo èin crisi; Nel 1952 i licenziati sono Lo stabilimento di Rivoli viene occupato dagli operai; la protesta dura 56 giorni; Il 22 Gennaio del 1953 la Nebiolo di Rivoli viene sgomberata. Parallelamente viene sgomberato anche lo stabilimento di C.so Regina Margherita.

22 Le campagne: serbatoio di manodopera a basso costo l industria meccanizzata viene a dipendere anche dalla possibilità di reclutare manodopera nelle campagne Sviluppo delle industrie elettriche e delle ferrovie: Primi impianti di energia elettrica nelle valli piemontesi alimentano le industrie le aree urbane Apertura nuove linee ferroviarie nelle zone in cui erano presenti opifici cotonieri e meccanici (Ivrea, Aosta, Pinerolo, Torre Pellice, Torino, Cuorgnè) : insediamento di officine meccaniche: Savigliano, Nebiolo, Ansaldo, Moncenisio, Ferriere Piemontesi, Elli Zerboni, Emanuel; insediamento di opifici tessili: i cotonifici Valdocco, Mazzonis, Wild e Abegg; Fine Ottocento: l industria piemontese al terzo posto in Italia per addetti, dopo Lombardia e Liguria : evoluzione industria torinese; Evento determinante: affermarsi dell industria dell automobile come nuovo settore trainante simbolo della modernità, settore di avanguardia nella tecnologia produttiva e nell organizzazione d impresa.

23 Silma: splendore, declino e rinascita viene fondata una piccola azienda per la produzione di proiettori cinematografici per pellicole 8mm ; Trasferimento a Rivoli - L azienda assume la ragione sociale di Filma Spa, poi nuovamente Silma Spa. La Silma dà una svolta all economia dell area rivolese che offre possibilità di lavoro e di nuovi insediamenti abitativi lungo l asse di corso Francia; Fabbrica illuminata modello olivettiano di Ivrea Secondo posto in Europa tra le aziende del settore per il livello tecnologico raggiunto la Silma estende la produzione anche al settore delle cineprese; la Bosch acquista la Silma e riserva al mercato italiano la produzione di proiettori cinematografici per il settore amatoriale.

24 maggiore incremento produttivo ( persone); azienda costretta a una ristrutturazione interna; la Bosch cede l azienda di Rivoli alla finanziaria Interbasic; la stagione dei proiettori a passo ridotto volge al termine; 1981/1985 la Silma lancia altri prodotti e diversifica le lavorazioni; novembre 1985 la Silma è in liquidazione volontaria. Ultima azienda in Europa a cessare la produzione dei proiettori 8mm; L edificio, ex simbolo del boom economico viene destinato a sede del Comune di Rivoli I lavori terminano nel 2002; La Silma oggi: gli edifici sono utilizzati dagli uffici comunali che accolgono circa 220 dipendenti. L edificio dell ex Silma rappresenta idealmente il punto di incontro fra il nucleo antico e la parte che fu il cuore della città di Rivoli del Novecento

25 Classe 5 A Meccanica IIS Giulio Natta Rivoli

I Corsi di Storia e Cultura dell Industria ALLEGATO B: TEMI DI CULTURA INDUSTRIALE

I Corsi di Storia e Cultura dell Industria ALLEGATO B: TEMI DI CULTURA INDUSTRIALE I Corsi di Storia e Cultura dell Industria ALLEGATO B: TEMI DI CULTURA INDUSTRIALE TIPOLOGIA DEI DOCUMENTI DA RICHIEDERE AGLI ARCHIVI IN RELAZIONE AI DIVERSI TEMI DI CULTURA INDUSTRIALE Sono indicati qui

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria. Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le prime

Dettagli

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900 Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo Carta ferroviaria 1900 Le ferrovie nel Risorgimento Durante il Risorgimento il treno rappresenta il principale simbolo di unione fra i diversi territori

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore La seconda rivoluzione industriale L'industrializzazione fra XIX e XX secolo Lezioni d'autore Industrializzazione e sviluppo economico Il sistema di fabbrica continua a espandersi e cambia il volto di

Dettagli

Edificio polifunzionale a Torino

Edificio polifunzionale a Torino Edificio polifunzionale a Torino Un intervento di recupero che cerca di collocarsi nella continuità del processo trasformativo, attraverso il dialogo con il passato. Contemporaneità linguistica e tecnologica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE COMUNICATO STAMPA Torino, 30 novembre 2011 PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE Si inaugura all insegna della sicurezza del lavoro la costruzione della sede

Dettagli

La nascita della società industriale

La nascita della società industriale La nascita della società industriale L industrializzazione era nata nel 1700 in Inghilterra con la Prima rivoluzione industriale e si era poi diffusa in altre aree europee: L economia era ora dominata

Dettagli

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85 La rincorsa frenata 1 Anni di piombo e solitudini europee Inizio anni Settanta: profonda crisi. Fine della produzione di massa, della domanda pubblica

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II

VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II GUERRA srl: La Storia L Impresa Edile nasce nel 1964 a Bollengo,

Dettagli

Elah Dufour Novi. Storia Lara Piccardo

Elah Dufour Novi. Storia Lara Piccardo Lara Piccardo 2010 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Il Gruppo Elah Dufour Novi nasce nel 1988 su iniziativa dell industriale alessandrino Flavio Repetto

Dettagli

Gli omnibus a vapore

Gli omnibus a vapore L automobile I trasporti urbani Le strade ferrate non fornivano alle città un efficiente mezzo di trasporto interno. Per questo furono necessari gli omnibus a cavalli e poi i tram, i quali consentirono

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato ELEMENTI DI RISORSA Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato Giardino storico o di pregio Zona boscata / Verde di pregio Macero Siepe Pilastrino Edificio di culto Torre / Ed. fortificato

Dettagli

Percorsi multimediali sulla storia industriale della città

Percorsi multimediali sulla storia industriale della città CENTRO ON LINE STORIA E CULTURA DELL INDUSTRIA il Nord Oves t dal 1850 PROPOSTE DIDATTICHE PER LE SCUOLE TORINO E LE FABBRICHE Percorsi multimediali sulla storia industriale della città 1 Con il sostegno

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO. Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO. Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino Principali ottimizzazioni apportate nel progetto definitivo Sulla base di una serie

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA 1 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino La situazione economica in Provincia di Treviso (sintesi del Rapporto Annuale 2010 della CCIAA) e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino 1. STRUTTURA DEMOGRAFICA DELLA POVINCIA: Al 01.01.2010,

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE BENETTON

L ORGANIZZAZIONE BENETTON AZIENDE BENETTON L ORGANIZZAZIONE BENETTON La politica di sviluppo del gruppo tessile italiano mostra come l attenzione costante all innovazione e alla flessibilità dei processi di produzione e distribuzione

Dettagli

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870 Universita degli studi di Roma La Sapienza - Facolta di Architettura L. Quaroni Corso di Laurea Specialistica Quinquennale in Architettura UE Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA a.a. 2008/2009 II semestre

Dettagli

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga Fondo Sociale Europeo POR 2007-13 Misure di politica attiva del lavoro in Friuli Venezia Giulia Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga In base all accordo del

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

DEI RISULTATI QUALITÀ STORIA DI COPERTINA PANORAMA CAD E MOTORI. n. 164 Novembre 2009

DEI RISULTATI QUALITÀ STORIA DI COPERTINA PANORAMA CAD E MOTORI. n. 164 Novembre 2009 meccanica & automazione Dossier INDUSTRIA DEL CICLO E MOTOCICLO n. 164 Novembre 2009 Mensile - Anno XV - 6,00 - Numero 164 - Novembre 2009 - ISSN 1126-4284 PANORAMA CAD E MOTORI STORIA DI COPERTINA QUALITÀ

Dettagli

3. FORMAZIONE / PIÙ ALLIEVI, MENO UNIVERSITARI

3. FORMAZIONE / PIÙ ALLIEVI, MENO UNIVERSITARI 3. FORMAZIONE / PIÙ ALLIEVI, MENO UNIVERSITARI I LIVELLI DI BASE Da un paio d anni il sistema formativo regionale sta dando segnali di ripresa, dopo il declino quantitativo che durava dagli anni Novanta

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA

PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA professore ordinario di Politica Economica nell Università di Napoli già Consigliere Regionale di Basilicata A cento anni dalla promulgazione della legge Zanardelli, la

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

La nascita della grande industria

La nascita della grande industria Torino: sviluppo industriale e barriere operaie ai primi del 900 di Enrico Miletto, Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea, 2002 La nascita della grande industria

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

FOTO. Panorama di Torino. Nel 2008 l'area torinese ha registrato una presenza di 5,3 milioni di turisti. Torino - La Mole Antonelliana

FOTO. Panorama di Torino. Nel 2008 l'area torinese ha registrato una presenza di 5,3 milioni di turisti. Torino - La Mole Antonelliana FOTO Panorama di Torino Capoluogo dell'omonima provincia, con 2,3 milioni di abitanti. È una delle province più estese d'italia oltre ad essere la provincia con il più alto numero di comuni (315). Torino

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

SAME SOCIETA ACCOMANDITA MOTORI ENDOTERMICI. - Fratelli Cassani, 1942 - SAME GROUP: Same, Deutz Fahr, Lamborghini e Hürlimann.

SAME SOCIETA ACCOMANDITA MOTORI ENDOTERMICI. - Fratelli Cassani, 1942 - SAME GROUP: Same, Deutz Fahr, Lamborghini e Hürlimann. SAME SOCIETA ACCOMANDITA MOTORI ENDOTERMICI - Fratelli Cassani, 1942 - SAME GROUP: Same, Deutz Fahr, Lamborghini e Hürlimann. Siate affamati, siate folli Stay hungry, stay foolish Steve Jobs. All età di

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2. Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2. Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3

SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2. Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2. Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3 SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2 Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2 Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3 Non solo automobili 4 Una finestra sul futuro ma nel rispetto

Dettagli

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net Verifica di Geografia (Il Piemonte) Nome e cognome Classe Data 1. Da che cosa deriva il nome Piemonte? 2. Con quali stati e regioni confina? 3. Il Piemonte è una delle regioni italiane che: ha uno sbocco

Dettagli

TAVOLA comparativa dei ReGIMI AGeVOLATI SeGUe SEDI E INDIRIZZI

TAVOLA comparativa dei ReGIMI AGeVOLATI SeGUe SEDI E INDIRIZZI SEDI E INDIRIZZI 57 58 SEDI PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO COORDINAMENTO CENTRI PER L IMPIEGO Via Bologna 153-10154 TORINO Segreteria Tel. 011/8614766 4464; Fax 011/8614768 e-mail coordinamento_cpi@provincia.torino.it

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

SEDI SVOLGIMENTO TEST DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE 4 settembre 2015. Scuola di Management ed Economia

SEDI SVOLGIMENTO TEST DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE 4 settembre 2015. Scuola di Management ed Economia SEDI SVOLGIMENTO TEST DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE 4 settembre 2015 Scuola di Management ed Economia Indirizzo: Via Filadelfia 73 Dalla Stazione ferroviaria Porta Nuova:

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

CASA BURGOLO Giubiasco

CASA BURGOLO Giubiasco Residenza CASA BURGOLO Giubiasco Per informazioni, riservazioni e vendita / Für Informationen, Reservierungen und Verkauf IMMOBILIARE MAZZOLENI ROBERTO SA Immobiliare Mazzoleni Roberto SA Via Stazione

Dettagli

LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE

LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE PREMESSA In gran parte del Piemonte il servizio di TPL presenta carenze ed inadeguatezze di esercizio che

Dettagli

AVVIAMENTI ISCRITTI IN MOBILITA' stranieri. La tipologia di iscrizione consente di evidenziare le motivazioni per

AVVIAMENTI ISCRITTI IN MOBILITA' stranieri. La tipologia di iscrizione consente di evidenziare le motivazioni per FEBBRAIO 2009 I flussi delle iscrizioni: In aumento, nel mese di febbraio, il numero degli iscritti presso i tre centri per l impiego provinciali (14.975 unità). La variazione percentuale degli iscritti

Dettagli

1. Territorio e clima

1. Territorio e clima Monviso Per secoli fu ritenuto il monte più alto delle Alpi; dalle sue pendici nasce il Po, il maggiore fiume italiano. 1. La Baraggia, nel Biellese, un area non coltivata dove si estendono la brughiera,

Dettagli

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 Storia contemporanea Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 GIOLITTI 1892-93 1893 dimissioni scandalo Banca romana 1903-1905 1906-1907 1911-1914 GIOLITTI Liberale, abile e scrupoloso

Dettagli

Meucci Mercatale di Vernio, Prato

Meucci Mercatale di Vernio, Prato Meucci Mercatale di Vernio, Prato NON FAR SCORRERE L ACQUA INUTILMENTE IL SISTEMA MEUCCI L impianto prende il nome dalla ex Fabbrica Meucci, in quanto si trova all interno del parco Comunale dell Albereta

Dettagli

A cura del Soggetto Attuatore

A cura del Soggetto Attuatore SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4391/2001nell

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Le analisi poste alla base della carta della rete viaria, ferroviaria, porti, aeroporti ed eliporti 5, rappresentano nel Piano di Emergenza un importanza

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015

IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015 IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015 Maserati, brand italiano tra i più apprezzati nel mondo e icona del settore delle auto sportive di lusso, lancia per la Primavera

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

Nielsen Business Srl - www.nielsen.it. Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto.

Nielsen Business Srl - www.nielsen.it. Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto. Nielsen Business Srl - www.nielsen.it Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto.com Ieri, oggi e domani Una lunga storia Papà Giulio era un ragazzo

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

L INNOVAZIONE NEL SEGNO DELLA TRADIZIONE

L INNOVAZIONE NEL SEGNO DELLA TRADIZIONE L INNOVAZIONE NEL SEGNO DELLA TRADIZIONE UNA LUNGA STORIA DI SUCCESSI Dalla ceramica alle vernici Il Marchio POZZI Vernici è parte della storia prestigiosa del Gruppo Pozzi-Richard- Ginori, un azienda

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane ALLEGATO A Elenco delle classi di appartenenza ammissibili, estratto dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2007. N.B.:

Dettagli

Il decollo industriale dell Italia

Il decollo industriale dell Italia Il decollo industriale dell Italia Nel XVIII secolo il primato dell Italia era ormai un ricordo. La penisola appariva prevalentemente agricola, arretrata e con tutti i segnali del sottosviluppo. Dal XVI

Dettagli

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72 Determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria di cui agli artt. 3-4- 7 Legge 10/1977 adeguati alle disposizioni di cui alla L.R. 03 Gennaio 2005, n. 1. A TABELLA (COSTI

Dettagli

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Verona I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.9 91.717 Superficie (km ) 19,9.9,9 Densità (ab. per km ) 1.,91 97,7 * al 1.1.1 Numero Addetti

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

VESTIRE GLI ITALIANI

VESTIRE GLI ITALIANI CANTIERI DI STORIA VI La storia contemporanea in Italia oggi: ricerche e tendenze Forlì 22-24 settembre 2011 www.sissco.it VESTIRE GLI ITALIANI Coordinatrice Emanuela Scarpellini, Università degli Studi

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA UN ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFIC ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFICAZIONEIMMOBIL PPORTUNITÀDI RIQUALIFICAZIONEIMMOBILIAREUN ECCE ALIFICAZIONEIMMOBILIARE L EX ZUCCHERIFICIO

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Nuove centralità metropolitane: il caso di Milano

Nuove centralità metropolitane: il caso di Milano Nuove centralità metropolitane: il caso di Milano Gian Paolo Torricelli GEA Accademia Università degli Associazione di Architettura Studi di Milano Dei geografi Mendrisio (CH) 1 La città è cambiata, i

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Coltivazioni Agricole e Produzione di Prodotti Animali, Caccia e Servizi Connessi Coltivazione di Colture Agricole non Permanenti 70 Coltivazione

Dettagli

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO 1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO Il settore di città Flaminio Foro Italico è compreso nell ansa del Tevere definita a nord da Piazzale di Ponte Milvio, dal sistema del Foro Italico e dello stadio

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA 2)

L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA 2) CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Questo documento raccoglie in quadro sinottico: L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA ) I parametri per

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE - BARI

MERCATO IMMOBILIARE - BARI MERCATO IMMOBILIARE - BARI Nel corso del 2007 le quotazioni immobiliari di Bari sono diminuite del 3.3%, con una particolare flessione nella seconda parte dell anno (-2.9%). 2000 2001 2002 2003 2004 2005

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE DIVERSE.

VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE DIVERSE. CA BRUTA Primo edificio di Giovanni Muzio, nasce come edificio residenziale.mantiene ancora oggi la stessa destinazione d uso. MILANO STORICA VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE

Dettagli

IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO di Daniele Segre

IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO di Daniele Segre IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO di Daniele Segre Ne sono passati di treni sotto i cavalcavia da quando, nel 1947, Giovanni Astengo presentò uno studio per il nuovo Piano Regolatore di Torino con il motto

Dettagli

La piccola e media impresa

La piccola e media impresa Lezione 11 La piccola e media impresa Censimento industriale 1991 In Italia piccola impresa (

Dettagli

LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana COMUNE DI EMPOLI LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE novembre 2006 1. I PRINCIPALI INDICATORI MACROECONOMICI

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

1973 > 2006. Logistica. Una Scommessa Vinta

1973 > 2006. Logistica. Una Scommessa Vinta 1973 > 2006 75 74 Il neologismo interporto fu coniato proprio a Padova, nel 1970, durante un convegno tenutosi in occasione del Tramag, presso la Fiera di Padova. Esso fu formulato dal direttore commerciale

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZIO 1 ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI La Fispo è una media azienda che produce motori elettrici per piccoli elettrodomestici. La fase di assemblaggio del prodotto

Dettagli