L industrializzazione su Corso Francia tra la fine dell Ottocento e gli anni del Boom economico. Classe 5 A meccanica 2012/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L industrializzazione su Corso Francia tra la fine dell Ottocento e gli anni del Boom economico. Classe 5 A meccanica 2012/2013"

Transcript

1 L industrializzazione su Corso Francia tra la fine dell Ottocento e gli anni del Boom economico Classe 5 A meccanica 2012/2013

2 Indice Introduzione al progetto Industrializzazione a Torino dall unità d Italia al boom economico Torino: Venchi Unica Fiat Aeronautica Industrializzazione a Collegno e Rivoli tra Ottocento e Novecento Collegno: Bertolini Baroni Leumann Rivoli: Nebiolo Silma

3 LO SVILUPPO INDUSTRIALE DI TORINO DALL UNITA D ITALIA AGLI ANNI DEL BOOM ECONOMICO Unità d Italia L industria piemontese in via di definizione Innovazioni economiche e amministrative introdotte da Cavour: Incremento del commercio con l estero Uso dell energia idraulica Creazione e lo sviluppo di una rete ferroviaria con Torino come crocevia principale Nuove fabbriche nascono nei quartieri periferici e nella cintura contribuendo allo sviluppo urbanistico e demografico delle barriere che diventano il polmone industriale della nuova Torino. Sistema fabbrica a Torino: Stabilimenti militari governativi le regie manifatture Settore tessile e dell abbigliamento in testa come numero di occupati

4 Industria del mobile e del legno incremento dovuto alle nuove costruzioni borghesi e ai palazzi governativi; Sviluppo della carrozzeria torinese: fabbriche Revelli, Bersanino, Martinelli, Locato, Diatto e Cesare Sala ; Industrie del lusso (gioiellerie e orologi, pelli, porcellana, cioccolato, liquori e pasticcerie); Settore chimico: vernici, colori e stabilimenti per la produzione di acidi e di solfati, di concimi artificiali, di saponi, di cere e di candele, famosa la Lanza; Lavorazione del tabacco. Le Manifatture di Tabacco, erano controllate dallo Stato e costituivano il gruppo industriale più numeroso; L industria meccanica fu quella che progredì più velocemente, aumentando di addetti in quattro anni.

5 FIAT 19 marzo del 1900: inaugurato il primo stabilimento dell azienda automobilistica FIAT 1904: 268 veicoli prodotti 1914: veicoli prodotti oltre la metà di tutta la produzione nazionale Adozione nuovo sistema industriale concepito da Henry Ford fordismo Applicazione in maniera integrata delle varie fasi di lavoro attraverso sistemi di movimentazione automatica catena di montaggio Inizialmente produzione rivolta verso vetture di lusso e sportive Esigenza di ridurre i costi unitari per giungere alla costruzione di vetture di minor cilindrata, più convenienti e accessibili 1911: l industria automobilistica arriva a 5000 operai meccanici; gli addetti alla costruzione di veicoli sono 14600; l intero settore metalmeccanico ne occupa

6 L industria piemontese e la Prima guerra mondiale 24 maggio 1915: l Italia dichiara guerra all Austria Necessità di fornire l esercito di armi ed equipaggiamento. Produzione di guerra rapido sviluppo delle imprese operanti nei settori meccanico, metallurgico, chimico, elettrico ed estrattivo 1916: si contano a Torino 207 stabilimenti ausiliari con operai La produzione di guerra orienta l industria torinese verso il comparto meccanico, soprattutto automobilistico: la FIAT passa dal trentesimo posto nella graduatoria delle industrie nazionali, al terzo Torino inizia così a delineare il proprio volto di città industriale per eccellenza. La manodopera maschile al fronte, è sostituita nelle fabbriche da ragazzi e, soprattutto, da donne, che fanno il loro ingresso nei reparti delle fabbriche. Alla fine della guerra sono reinseriti i reduci nel sistema produttivo: migliaia di donne e ragazzi sono colpiti dai licenziamenti.

7 L industria piemontese e la Seconda guerra mondiale 1938: addetti all industria La fabbrica cuore pulsante dell economia cittadina Centro del sistema industriale: settore metalmeccanico (Fiat) lavoratori 45,3% del totale degli occupati nell industria Altri settori di sviluppo: Il tessile e l abbigliamento la lavorazione del legno e del cuoio l industria alimentare l industria della gomma l industria delle fibre tessili Inizio Seconda guerra mondiale Periodo di rapida crescita produttiva e occupazionale per l industria torinese Manodopera impiegata negli stabilimenti metalmeccanici 1938: unità 1943: unità : inversione di tendenza uscita dal mercato del lavoro di unità Cause: diminuzione delle materie prime; danni provocati dalle incursioni aeree alleate. Aprile 1945: l andamento produttivo dell intero sistema industriale è paralizzato

8 Il dopoguerra a Torino: Dalla ricostruzione al boom economico Aumentano disoccupati e inflazione Il sistema industriale èin ginocchio Disordine economico e tensioni sociali : primi segnali di ripresa : il boom economico ridisegna l Italia Aumenta il reddito nazionale Aumentano i lavoratori dell industria Migliorano le condizioni alimentari delle famiglie italiane Le case grazie ad acqua, elettricità e servizi interni diventano più confortevoli Lavatrici, televisori, frigoriferi e l automobile simbolo del nuovo sviluppo Momenti chiave del boom economico: 1955 lancio Fiat lancio Fiat : La Fiat triplica i dipendenti

9 VENCHI UNICA 1878: Viene fondata da Silvano Venchi & C. Laboratorio adibito alla produzione di confetti e caramelle 1898: Viene deliberata la costruzione di un nuovo stabilimento in viale Regina Margherita: metri quadrati, accoglie 500 operai Grandioso complesso industriale con 12 reparti di lavorazione destinati alla produzione di biscotti (gallette, biscotti e wafers), di confetti, di caramelle, di cioccolato e di altri prodotti d dolciari (tavolette zuccherine, confetture speciali e bolli gomma). Produzione affidata in gran parte a manodopera femminile Settembre del 1924: nasce la Società anonima U.N.I.C.A. (Unione Nazionale Industria Commercio Alimentari) complesso industriale dolciario che riesce a raggruppare sotto un unico marchio quattro fabbriche per la lavorazione del cioccolato, del cacao, dei confetti, dei biscotti e delle caramelle: Talmone Moriondo Gariglio Cioccolato Bonatti Le Fabbriche riunite Gallettine & Dora Biscuits

10 1930 Esposizione di Tripoli: la Fiat costruisce una vettura vetrina ambulante che attraversa il Marocco, l Algeria, la Tunisia e la Libia per esporre i principali prodotti U.N.I.C.A La Venchi e l Unica sono unite sotto un unico marchio: la Venchi & Unica, società di prodotti dolciari. Produzioni tradizionali: cioccolato, cacao, biscotti e caramelle; La Venchi Unica e i Servizi sociali: La Venchi Unica fornisce un asilo infantile ai figli delle operaie: il nido dei bambini; La Venchi Unica e la storia: I lavoratori della Venchi Unica partecipano, tra il 1943 e il 1945, a tutte le agitazioni di protesta contro la guerra e il regime: nel dopoguerra la Venchi Unica riprende con successo la propria produzione che sarà definitivamente interrotta solo negli anni 70.

11 FIAT AERONAUTICA La fabbrica sorge a Torino, in Corso Italia, quasi al confine con il Comune di Collegno, lungo la principale arteria stradale di collegamento con la Francia (l'odierno Corso Francia), si estende su una superficie di circa metri quadrati ed èdotata di un vastissimo campo volo con palazzina per piloti, stazione radio e pilone per segnalazioni notturne; All interno dell azienda vi sono due grandi sezioni: costruzione dei veivoli da guerra e quella della produzione di motori d aviazione; Dal Marzo del 1942, la Fiat Aeronautica lavora a pieno ritmo aumentando notevolmente i propri indici produttivi sia nel campo della fabbricazione dei motori d'aviazione che in quella dei veivoli; La Fiat Aeronautica dispone anche di una scuola allievi, frequentata da circa 300 giovani, che ha il compito di formare le nuove maestranze specializzate da inserire nell'organico dell'azienda; Durissime condizioni di lavoro (turni lavorativi dalle 6 del mattino fino alle 21), rese ancora più difficili dai bombardamenti che iniziano a colpire l azienda dal 1942; Iniziano i disordini, gli operai contrastano il regime e nel 1943 bloccano il lavoro, Successivamente si abbatte però sugli scioperanti la mano della repressione fascista che arresta una quarantina di operai ritenuti colpevoli di aver organizzato l'agitazione.

12 L industrializzazione a Collegno e Rivoli Un quadro di sintesi Primi decenni del 900: sviluppo industriale di Torino in direzione Rivoli Trasferimento di alcune fabbriche torinesi lungo l asse di Corso Torino (oggi Corso Francia) tra Collegno e Rivoli Motivazioni della scelta: a) facilità di accesso a Torino b) accesso al servizio ferroviario lungo la tratta da Torino verso la Francia c) disponibilità di aree agricole a costi contenuti d) presenza del collegamento tranviario con Torino Gli anni del miracolo economico a Rivoli e Collegno Aumento della popolazione residente correlata con lo sviluppo industriale Esplosione dell industrializzazione nell area torinese nella zona a ovest del capoluogo

13 : incremento demografico al 50% crescita degli occupati nelle industrie di Rivoli al 56% : incremento demografico al 99% crescita degli occupati nelle industrie di Rivoli al 133% 1975 oggi: arresto dell industrializzazione profonde modificazioni del settore industriale: ristrutturazioni, crisi, fallimenti, chiusure o nuove destinazioni d uso La prima industrializzazione a Rivoli: il tessile Fine Ottocento Primi del Novecento Settore tessile: nucleo portante dell industrializzazione nella prima parte del Novecento Fabbrica Nazionale Pizzi fondata nel 1912 a Cascine Vica Cotonificio Valle Susa, costruito nel 1906 sull ansa della Dora Riparia, ai confini con il comune di Pianezza. Cotonificio Leumann, fondato nel 1875 nel Comune di Collegno, ma fondamentale anche per l economia rivolese Anni del boom economico Il numero degli occupati nelle fabbriche tessili di Rivoli resta stabile, ma si evidenzia la perdita nei confronti di altri settori

14 L avanzata dell industria meccanica Prima metà Novecento Industria meccanica al secondo posto dopo l industria tessile: 22,7% del totale degli occupati nelle industrie di Rivoli. Principali industrie meccaniche: Filp,specializzata nella fabbricazione di lime. Fast, specializzata nella produzione di cerchioni. Seconda metà del Novecento 1951: l industria meccanica al primo posto per occupati fra le industrie di Rivoli (39,1%) : Il numero di occupati nelle aziende meccaniche, metallurgiche e dell auto sale al 73,3% del totale 1981: Le industrie meccaniche e metallurgiche mantengono il primo posto fra quelle di Rivoli (71,2%). 1991: gli occupati nelle industrie del settore che hanno sede a Rivoli scendono al 62,3% del totale 2000: i livelli di occupazione si riportano quasi ai valori di Trent anni prima

15 Il boom della cartotecnica e della meccanica di precisione Rexim Bugnone: Nasce negli anni Trenta; Anni Sessanta: ètra le più grandi imprese della città, con oltre un migliaio di dipendenti che fabbricano cartoni da imballo ; Anni Settanta: ridimensionamento; Fine Anni Settanta: la Rexim chiude; 1991: gli occupati nelle industrie di carta e cartotecnica rappresentano poco più che l 1% del totale di quanti lavorano nelle industrie rivolesi. Un antica tradizione: gli alimentari Inizio Novecento: piccole aziende alimentari : nascono le fabbriche di liquori Viarengo e Arlorio e le fabbriche dolciarie Taglia, Graffi e Michela & Angiono. 1951: ruolo delle industrie alimentari nell economia cittadina emerge come ancora rilevante Attività destinate a declinare: gli occupati sono 251 nel 1961, 165 nel 1971, 142 dieci anni dopo.

16 BERTOLINI L azienda Antonio Bertolini fu ufficialmente fondata nel 1911, nella frazione Regina Margherita a Collegno. Il fondatore, Antonio Bertolini, aveva stabilito il primo nucleo dell azienda in una casa prossima alla Chiesa di SS. Monica e Massimo dove aveva collocato una ruota sulla bealera Becchia per azionare la pista ovvero la macina per le spezie. Gradatamente l azienda s ingrandì e si trasferì nel sito di Corso Francia n.109. Alle redini della società subentrò il Commendator Ruben Trotti, cognato di Antonio Bertolini, abile imprenditore che nel corso degli anni riuscì a far diventare la Bertolini un azienda leader nel settore delle spezie e dello lievito. Dal matrimonio fra Ruben Trotti ed Emilia Chazallettes esponente di un altra importante famiglia di industriali di Regina Margherita nacque Carmi Trotti, che affiancherà nel corso degli anni il padre nella gestione dell azienda. Una peculiarità di questa famiglia èche per diversi anni, furono fra i maggiori contribuenti dell erario nella cintura torinese. La Bertolini, oltre a produrre i vari tipi di lievito, e a confezionare le spezie, produceva anche le miscele aromatiche come la Saporita o il Suk. Un altro settore trainante della produzione dell azienda erano gli estratti per liquori: le bottigliette erano caratterizzate da un etichetta raffigurante una strega che teneva fra le mani la bottiglietta degli estratti.

17 Oltre alle produzioni alimentari, per un periodo l azienda produsse anche insetticidi e pigliamosche. I pigliamosche erano particolari strisce di carta moschicida confezionati dall azienda nel periodo compreso fra febbraio ed ottobre. Brava, brava, Mariarosa, ogni cosa sai far tu èil ritornello dello storico gingle pubblicitario dello lievito Bertolini. Mariarosa è una simpatica bambina che dal secondo dopo guerra èdiventata il simbolo dell azienda. Nella prima versione èraffigurata intenta ad impastare una torta utilizzando lo lievito Bertolini. Durante gli anni Mariarosa ha cambiato un po il suo aspetto, ma èrimasta sempre la bambina accorta che accompagnata dal fedele cagnolino utilizza i prodotti Bertolini. Lo stabilimento della Bertolini nel corso degli ultimi anni èstato trasferito a Champdepraz in Val d Aosta.

18 SOCIETA ANONIMA ERNESTO BARONI Fondata nel 1889; Specializzata nella produzione di impiallacciature e compensati e in varie lavorazione su legno; Complesso caratterizzato da una ciminiera in mattoni alta 53 metri con un diametro alla base di 4 metri sulla cui struttura era possibile leggere l insegna della società; 1911 Gran Premio e Diploma d Onore per la produzione; Gennaio 1972: iniziarono i lavori di smantellamento dei fabbricati dalle cui ceneri sorse l avveniristico complesso residenziale The Sky Residence e proprio la vecchia ciminiera fu l ultima testimonianza della presenza della società Baroni in quell area; L area Baroni fu la prima ad essere interessata dal processo di riconversione residenziale;

19 Leumann Il villaggio operaio Leumann èsorto attorno all omonimo cotonificio impiantato a metà degli anni 70 dell 800 lungo la strada provinciale che collega Torino a Rivoli e alla Valle di Susa (l attuale Corso Francia), nel comune di Collegno, a circa 9 Km di distanza da Torino, fondato dall imprenditore svizzero Isacco Leumann; i Leumann nel 1874 acquistano un appezzamento di terreno nella zona di Collegno e iniziano la costruzione di un nuovo stabilimento;la scelta di insediare il cotonificio a Collegno risiede in diversi ordini di motivi. In primo luogo il basso costo dei terreni rispetto a quelli del capoluogo: 3 lire al metro quadrato, contro le 20 lire di Torino; evento particolare che contribuisce notevolmente allo sviluppo di Collegno: nel 1871 si inaugura la ferrovia Torino Rivoli,coincisa con l apertura della galleria del Frejus e la relativa entrata in funzione della linea ferroviaria Torino Modane, via di collegamento diretta con la Valle di Susa e con la Francia; A seguito di uno sciopero operaio,a causa delle condizioni non abbastanza cospicue, Napoleone Leumann, che prese il posto del padre dopo la sua morte, decise di edificare delle strutture abitative per i propri operai.

20 Il 12 luglio 1930, in pieno ventennio, si spegne Napoleone Leumann, prese il posto suo figlio Felice; Dopo la crisi del 29 vi è una piccola ripresa, ma nel 1935 inizia un periodo di embargo subito dall Italia a causa della guerra in Etiopia, e vengono a mancare molte materie prime; I tempi cambiano e negli anni Sessanta per stare al passo con l evoluzione tecnologica, necessitano investimenti sempre più alti nel parco macchine. Le vendite sfiorano cifre da record, ma la concorrenza è agguerrita. I Leumann fanno di tutto per salvare l azienda, ma sono destinati a fallire; nel 1972 inizia la fase di liquidazione: la chiusura dello stabilimento provoca un vero e proprio trauma a tutto il villaggio nel suo insieme e investe la vita di tutti i suoi abitanti.

21 SOCIETA FAST/ NEBIOLO Nasce nel 1924 in via Susa, produce ruote per carri e successivamente cerchioni per auto; successivamente si specializza nella produzione di pezzi per aerei; Nel 1941 con 515 operai èla seconda fabbrica di Rivoli dopo la Filp; Tra il 1945 e il 1946 la Fast si riconverte nella costruzione di macchine tessili e assorbe lo stabilimento Oxal; Nel 1947 il consiglio di amministrazione della Nebiolo propone all'assemblea degli azionisti l'incorporazione della Fast; Nel 1948 si hanno le prime avvisaglie di crisi che riguardano la scarsa capacità di penetrazione sui mercati esteri e il pericolo della concorrenza nordamericana; Nel 1950 la Nebiolo èin crisi; Nel 1952 i licenziati sono Lo stabilimento di Rivoli viene occupato dagli operai; la protesta dura 56 giorni; Il 22 Gennaio del 1953 la Nebiolo di Rivoli viene sgomberata. Parallelamente viene sgomberato anche lo stabilimento di C.so Regina Margherita.

22 Le campagne: serbatoio di manodopera a basso costo l industria meccanizzata viene a dipendere anche dalla possibilità di reclutare manodopera nelle campagne Sviluppo delle industrie elettriche e delle ferrovie: Primi impianti di energia elettrica nelle valli piemontesi alimentano le industrie le aree urbane Apertura nuove linee ferroviarie nelle zone in cui erano presenti opifici cotonieri e meccanici (Ivrea, Aosta, Pinerolo, Torre Pellice, Torino, Cuorgnè) : insediamento di officine meccaniche: Savigliano, Nebiolo, Ansaldo, Moncenisio, Ferriere Piemontesi, Elli Zerboni, Emanuel; insediamento di opifici tessili: i cotonifici Valdocco, Mazzonis, Wild e Abegg; Fine Ottocento: l industria piemontese al terzo posto in Italia per addetti, dopo Lombardia e Liguria : evoluzione industria torinese; Evento determinante: affermarsi dell industria dell automobile come nuovo settore trainante simbolo della modernità, settore di avanguardia nella tecnologia produttiva e nell organizzazione d impresa.

23 Silma: splendore, declino e rinascita viene fondata una piccola azienda per la produzione di proiettori cinematografici per pellicole 8mm ; Trasferimento a Rivoli - L azienda assume la ragione sociale di Filma Spa, poi nuovamente Silma Spa. La Silma dà una svolta all economia dell area rivolese che offre possibilità di lavoro e di nuovi insediamenti abitativi lungo l asse di corso Francia; Fabbrica illuminata modello olivettiano di Ivrea Secondo posto in Europa tra le aziende del settore per il livello tecnologico raggiunto la Silma estende la produzione anche al settore delle cineprese; la Bosch acquista la Silma e riserva al mercato italiano la produzione di proiettori cinematografici per il settore amatoriale.

24 maggiore incremento produttivo ( persone); azienda costretta a una ristrutturazione interna; la Bosch cede l azienda di Rivoli alla finanziaria Interbasic; la stagione dei proiettori a passo ridotto volge al termine; 1981/1985 la Silma lancia altri prodotti e diversifica le lavorazioni; novembre 1985 la Silma è in liquidazione volontaria. Ultima azienda in Europa a cessare la produzione dei proiettori 8mm; L edificio, ex simbolo del boom economico viene destinato a sede del Comune di Rivoli I lavori terminano nel 2002; La Silma oggi: gli edifici sono utilizzati dagli uffici comunali che accolgono circa 220 dipendenti. L edificio dell ex Silma rappresenta idealmente il punto di incontro fra il nucleo antico e la parte che fu il cuore della città di Rivoli del Novecento

25 Classe 5 A Meccanica IIS Giulio Natta Rivoli

Territorio e servizi sociali Ferrero Giancarlo Subbrero

Territorio e servizi sociali Ferrero Giancarlo Subbrero Giancarlo Subbrero 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Nonostante sia diventata molto presto impresa multinazionale, la Ferrero è stata ed è tuttora

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

I Corsi di Storia e Cultura dell Industria ALLEGATO B: TEMI DI CULTURA INDUSTRIALE

I Corsi di Storia e Cultura dell Industria ALLEGATO B: TEMI DI CULTURA INDUSTRIALE I Corsi di Storia e Cultura dell Industria ALLEGATO B: TEMI DI CULTURA INDUSTRIALE TIPOLOGIA DEI DOCUMENTI DA RICHIEDERE AGLI ARCHIVI IN RELAZIONE AI DIVERSI TEMI DI CULTURA INDUSTRIALE Sono indicati qui

Dettagli

PRIMA TAPPA: Case FIAT

PRIMA TAPPA: Case FIAT PRIMA TAPPA: Case FIAT Ritrovo presso la Casa nel parco, sede della Fondazione della Comunità di Mirafiori, all'interno del Parco Colonnetti (Via Panetti, 1 Incrocio con Via Artom). La Casa nel Parco è

Dettagli

Nebiolo. Organizzazione del lavoro Boris Pesce

Nebiolo. Organizzazione del lavoro Boris Pesce Boris Pesce Febbraio 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Per descrivere efficacemente l organizzazione del lavoro alla Nebiolo è necessaria una

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO HENRY FORD (1863-1947) 1947) IL DIVINO MECCANICO La vera scintilla per la meccanica scoccò quando, a 12 anni, vidi per la prima volta una vettura senza cavalli che marciava con grande speditezza Da quel

Dettagli

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria. Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le prime

Dettagli

di Paolo Enzo Mazzanti

di Paolo Enzo Mazzanti 8 Una famiglia di imprenditori edili di particolare ingegno. E l erede, Michele Vona, si inventa un modello residenziale per la casa flessibile. Con un appello a fondi e grandi investitori: ecco la soluzione

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

1. ANALISI TERRITORIALE

1. ANALISI TERRITORIALE 1. ANALISI TERRITORIALE 1.1 Inquadramento e descrizione generale dell area di studio L area di studio del presente Piano Comunale di Protezione Civile riguarda il territorio del Comune di Sant Ambrogio

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore La seconda rivoluzione industriale L'industrializzazione fra XIX e XX secolo Lezioni d'autore Industrializzazione e sviluppo economico Il sistema di fabbrica continua a espandersi e cambia il volto di

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005 25 settembre 2006 Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e all esportazione Anni 2000-2005 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244

Dettagli

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900 Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo Carta ferroviaria 1900 Le ferrovie nel Risorgimento Durante il Risorgimento il treno rappresenta il principale simbolo di unione fra i diversi territori

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

UBICAZIONE: PROPRIETARIO Comune di Putignano. DATI TECNICI: MATERIALE Gesso MISURE Cm 65 x 75 x 45 CONSERVAZIONE DELL OPERA

UBICAZIONE: PROPRIETARIO Comune di Putignano. DATI TECNICI: MATERIALE Gesso MISURE Cm 65 x 75 x 45 CONSERVAZIONE DELL OPERA AUTORE Giuseppe Albano (Putignano 1899-1967) TITOLO Cesare Contegiacomo N. inventario 91 G30 LOCALIZZAZIONE: STATO Italia PROVINCIA Bari COMUNE Putignano UBICAZIONE: PROPRIETARIO Comune di Putignano PROVENIENZA

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Elah Dufour Novi. Storia Lara Piccardo

Elah Dufour Novi. Storia Lara Piccardo Lara Piccardo 2010 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Il Gruppo Elah Dufour Novi nasce nel 1988 su iniziativa dell industriale alessandrino Flavio Repetto

Dettagli

GLI STATI UNITI. LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE

GLI STATI UNITI. LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE GLI STATI UNITI tra riconversione post-1a guerra mondiale, Wall Street e Grande Crisi, e secondo dopoguerra slides lezione 12.05.2010 LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE GLI USA: sono

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA Settori del commercio (Sezione G), secondo la classificazione delle attività ATECO 2002, ammessi alle agevolazioni ai sensi della normativa comunitaria. G 50 10 G 50 30 G 50 50 G 51 12 0 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI

Dettagli

La nascita della società industriale

La nascita della società industriale La nascita della società industriale L industrializzazione era nata nel 1700 in Inghilterra con la Prima rivoluzione industriale e si era poi diffusa in altre aree europee: L economia era ora dominata

Dettagli

ZEDAPA Una storia padovana

ZEDAPA Una storia padovana ZEDAPA Una storia padovana La Zedapa inizia la sua attività nel 1896 Con questo marchio Fondatori Il cavalier Enrico Zuckerman commerciante (1866 1923) proprietario dell omonimo palazzo di corso del Popolo,

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B Essendo un modulo di specializzazione, esso tratta la natura dei rischi presenti nei luoghi di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative. La sua durata varia

Dettagli

Edificio polifunzionale a Torino

Edificio polifunzionale a Torino Edificio polifunzionale a Torino Un intervento di recupero che cerca di collocarsi nella continuità del processo trasformativo, attraverso il dialogo con il passato. Contemporaneità linguistica e tecnologica

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione. Lezioni d'autore

Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione. Lezioni d'autore Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione Lezioni d'autore Il processo di urbanizzazione Dal XIX secolo, in Europa poi negli USA e, nel corso del Novecento, nel resto del mondo, la popolazione

Dettagli

Percorsi multimediali sulla storia industriale della città

Percorsi multimediali sulla storia industriale della città CENTRO ON LINE STORIA E CULTURA DELL INDUSTRIA il Nord Oves t dal 1850 PROPOSTE DIDATTICHE PER LE SCUOLE TORINO E LE FABBRICHE Percorsi multimediali sulla storia industriale della città 1 Con il sostegno

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

Gli omnibus a vapore

Gli omnibus a vapore L automobile I trasporti urbani Le strade ferrate non fornivano alle città un efficiente mezzo di trasporto interno. Per questo furono necessari gli omnibus a cavalli e poi i tram, i quali consentirono

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE COMUNICATO STAMPA Torino, 30 novembre 2011 PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE Si inaugura all insegna della sicurezza del lavoro la costruzione della sede

Dettagli

La fabbrica tessile Cotonificio di Rovereto (ex Pirelli) a Rovereto sede del Centro Tecnofin Servizi (BIC) di Rovereto

La fabbrica tessile Cotonificio di Rovereto (ex Pirelli) a Rovereto sede del Centro Tecnofin Servizi (BIC) di Rovereto La fabbrica tessile Cotonificio di Rovereto (ex Pirelli) a Rovereto sede del Centro Tecnofin Servizi (BIC) di Rovereto A- Indirizzo del sito: Via Fortunato Zeni n 8, I- 38068 ROVERETO (Trento) B- Contatti

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino La situazione economica in Provincia di Treviso (sintesi del Rapporto Annuale 2010 della CCIAA) e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino 1. STRUTTURA DEMOGRAFICA DELLA POVINCIA: Al 01.01.2010,

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85 La rincorsa frenata 1 Anni di piombo e solitudini europee Inizio anni Settanta: profonda crisi. Fine della produzione di massa, della domanda pubblica

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

La mappa di Ludovico Ughi è del 1729. Il collegamento ferroviario fu inaugurato l 11 gen 1846 era all epoca il ponte più lungo del mondo

La mappa di Ludovico Ughi è del 1729. Il collegamento ferroviario fu inaugurato l 11 gen 1846 era all epoca il ponte più lungo del mondo pag 1 Presentazione dell area del progetto La leggenda ha a lungo preteso che Venezia fosse stata fondata dai profughi di Aquileia in fuga di fronte alla calata degli Unni del V Secolo; in realtà è dimostrato

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato ELEMENTI DI RISORSA Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato Giardino storico o di pregio Zona boscata / Verde di pregio Macero Siepe Pilastrino Edificio di culto Torre / Ed. fortificato

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO

MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO Milano, 19 aprile 2006 Presentato a Palazzo Marino il Primo Rapporto sull urbanistica a Milano MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO 10.482.337 di mq le aree trasformate e in trasformazione con i grandi

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II

VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II GUERRA srl: La Storia L Impresa Edile nasce nel 1964 a Bollengo,

Dettagli

Ansaldo. Storia Roberto Tolaini

Ansaldo. Storia Roberto Tolaini Roberto Tolaini Gennaio 2005 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le origini dell Ansaldo sono legate alla decisione dello Stato di favorire la fondazione

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA 1 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE BENETTON

L ORGANIZZAZIONE BENETTON AZIENDE BENETTON L ORGANIZZAZIONE BENETTON La politica di sviluppo del gruppo tessile italiano mostra come l attenzione costante all innovazione e alla flessibilità dei processi di produzione e distribuzione

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

MIRAFIORI MOTOR VILLAGE LA CASA DELLE AUTOMOBILI

MIRAFIORI MOTOR VILLAGE LA CASA DELLE AUTOMOBILI MIRAFIORI MOTOR VILLAGE LA CASA DELLE AUTOMOBILI F, il primo flasgship al mondo di Fiat Group Automobiles si pone come punto di riferimento per i brand e come realtà attiva nella vita sociale torinese

Dettagli

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 ITALIA - ESPORTAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI ANNO 2012 A livello nazionale la quantità totale di rifiuti esportata nel 2012 è pari a 4 milioni di tonnellate di cui

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

L età giolittiana. Lezioni d'autore

L età giolittiana. Lezioni d'autore L età giolittiana Lezioni d'autore L Europa del primo Novecento L Europa all inizio del Novecento è all apice del suo sviluppo. Dopo il conflitto franco-tedesco del 1870 non c era più stata guerra al suo

Dettagli

CentrostudiLivorno.news

CentrostudiLivorno.news Quindicinale di informazione economica e statistica del Centro Studi e Ricerche Azienda speciale della Camera di Commercio di Livorno Alla fine del primo semestre 2014 Unioncamere Toscana ha realizzato

Dettagli

LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE

LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE PREMESSA In gran parte del Piemonte il servizio di TPL presenta carenze ed inadeguatezze di esercizio che

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Economia locale, offerta formativa e mismatch tra domanda e offerta di competenze. Silvia Duranti David Burgalassi

Economia locale, offerta formativa e mismatch tra domanda e offerta di competenze. Silvia Duranti David Burgalassi Economia locale, offerta formativa e mismatch tra domanda e offerta di competenze Silvia Duranti David Burgalassi Pontedera, 29 novembre 2012 Contenuti dell incontro 1. Il contesto economico locale 1.

Dettagli

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga Fondo Sociale Europeo POR 2007-13 Misure di politica attiva del lavoro in Friuli Venezia Giulia Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga In base all accordo del

Dettagli

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870 Universita degli studi di Roma La Sapienza - Facolta di Architettura L. Quaroni Corso di Laurea Specialistica Quinquennale in Architettura UE Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA a.a. 2008/2009 II semestre

Dettagli

3. FORMAZIONE / PIÙ ALLIEVI, MENO UNIVERSITARI

3. FORMAZIONE / PIÙ ALLIEVI, MENO UNIVERSITARI 3. FORMAZIONE / PIÙ ALLIEVI, MENO UNIVERSITARI I LIVELLI DI BASE Da un paio d anni il sistema formativo regionale sta dando segnali di ripresa, dopo il declino quantitativo che durava dagli anni Novanta

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE Investimenti strategici per lo sviluppo del territorio Avvio cantieri a Barriera di Milano, Falchera e Borgata Tesso Il contesto I programmi integrati di sviluppo

Dettagli

SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2. Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2. Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3

SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2. Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2. Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3 SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2 Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2 Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3 Non solo automobili 4 Una finestra sul futuro ma nel rispetto

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

CENTRO REGIONALE SPORTIVO LIBERTAS PIEMONTE. regolamento

CENTRO REGIONALE SPORTIVO LIBERTAS PIEMONTE. regolamento CENTRO REGIONALE SPORTIVO LIBERTAS PIEMONTE CAMPIONATO NAZIONALE LIBERTAS 2013 DI CORSA CAMPESTRE 64 LEVA NAZIONALE LIBERTAS MASCHILE DI CORSA CAMPESTRE 49 LEVA NAZIONALE LIBERTAS FEMMINILE DI CORSA CAMPESTRE

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO. Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO. Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino Principali ottimizzazioni apportate nel progetto definitivo Sulla base di una serie

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

La nascita della grande industria

La nascita della grande industria Torino: sviluppo industriale e barriere operaie ai primi del 900 di Enrico Miletto, Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea, 2002 La nascita della grande industria

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Saiwa. Storia Lara Piccardo

Saiwa. Storia Lara Piccardo Lara Piccardo 2010 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Attualmente controllata dalla Kraft Foods Italia S.r.l. (che è a sua volta posseduta dalla Kraft

Dettagli

Maggio 2008. L imprenditoria giovanile nell industria

Maggio 2008. L imprenditoria giovanile nell industria Maggio 2008 L imprenditoria giovanile nell industria I rapporti Cerved sulle imprese italiane N. 1 L imprenditoria giovanile nell industria L imprenditoria giovanile nell industria inaugura I Rapporti

Dettagli