Advisory. Verso Solvency II. Aspettative degli operatori e stato dell arte dei progetti di adeguamento. kpmg.com/it

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Advisory. Verso Solvency II. Aspettative degli operatori e stato dell arte dei progetti di adeguamento. kpmg.com/it"

Transcript

1 Advisory Verso Solvency II Aspettative degli operatori e stato dell arte dei progetti di adeguamento kpmg.com/it

2

3 Indice Premessa 4 La survey e il contesto di riferimento 5 Executive Summary 6 Evidenze emerse dalla survey 8 Creare valore con l implementazione di Solvency II Le sfide connesse all implementazione Gli impatti strategici Gli impatti organizzativi e commerciali I principali motivi di preoccupazione L approccio di calcolo adottato I tre pilastri di Solvency II Lo stato di avanzamento dei progetti La struttura dei team Il coinvolgimento degli organi amministrativi e dell alta direzione La responsabilità dei progetti Le aree driver Focus 16 Approccio stocastico alla modellizzazione dei requisiti di capitale in ottica Solvency Il Il Data Quality in ambito Solvency II I fondi propri nel regime Solvency II Own Risk and Solvency Assessment: adeguatezza patrimoniale e creazione di valore Conclusioni 32

4 4 Verso Solvency II Premessa La Direttiva Europea Solvency II, che entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2013, è destinata a catalizzare l attenzione di tutti gli operatori del settore assicurativo. La nuova regolamentazione, infatti, darà luogo ad un ampio processo di cambiamento e innovazione nel modello di business delle compagnie. Per centrare al meglio l obiettivo dell adeguamento e gestirlo non solo in chiave difensiva, ma anche come opportunità di creazione di valore per l impresa, occorre comprendere le logiche sottostanti e le motivazioni intrinseche della Direttiva, con una visione d insieme dei relativi impatti sul business. Per fotografare lo stato dell arte di Solvency II e catturare le aspettative degli operatori e il grado di proattività e preparazione dei progetti d implementazione, KPMG ha interpellato i principali protagonisti del mercato assicurativo italiano. L analisi consente di cogliere l atteggiamento delle compagnie verso i progetti di adeguamento alla Direttiva. In questa prospettiva rappresenta un punto di partenza per dare avvio a riflessioni più ampie sui principali temi su cui le imprese assicurative, a breve, dovranno prendere delle decisioni rilevanti. Questo anche in considerazione del fatto che la pubblicazione del Quantitative Impact Study 5 è alle porte (novembre 2010). Il taglio della ricerca è essenzialmente operativo. Vuole essere un utile strumento per interpretare la complessa dinamica dell adeguamento a Solvency II nella sua fase iniziale. Il documento offre, inoltre, una serie di contributi specialistici di professionisti KPMG: dalla definizione dei modelli interni alle implicazioni in termini di data quality management, dagli impatti sul capitale alle tematiche relative al Secondo Pilastro (Own Risk and Solvency Assessment - ORSA). Cogliamo l occasione per ringraziare i Gruppi assicurativi che hanno aderito alla ricerca e confidiamo che la lettura possa fornire utili spunti progettuali. Giuseppe Latorre Partner, Advisory

5 Verso Solvency II 5 La survey e il contesto di riferimento KPMG Advisory, tra giugno e settembre 2010, ha coinvolto gli esponenti dell alta direzione dei principali gruppi assicurativi italiani in una survey per comprendere il loro grado di readiness rispetto ai progetti di adeguamento, gli impatti, i benefici e le sfide attese. La survey è stata lanciata in un contesto normativo ancora in evoluzione, ma che registra una consapevolezza diffusa sull architettura regolamentare vista la pubblicazione della Direttiva ed i pareri finali del comitato delle autorità di vigilanza del settore (Committee of European Insurance and Occupational Pensions Supervisors o CEIOPS) sulle misure implementative di 2 Livello. In seguito, si è aperto tra i player del settore assicurativo e le Autorità di Vigilanza un confronto riguardante i requisiti di capitale ritenuti eccessivamente prudenziali e che potrebbero pertanto avere delle ripercussioni negative su tutti gli stakeholder, dagli azionisti agli assicurati, nonché sulla stessa funzione sociale del comparto. Attualmente il settore assicurativo è interessato dallo studio di impatto dei nuovi requisiti patrimoniali di Solvency II (il cosiddetto Quantitative Impact Study 5 o QIS 5) che ha introdotto in più punti una riduzione dell assorbimento del capitale di vigilanza ipotizzato nel parere fornito nei mesi scorsi dal CEIOPS. Alla survey hanno aderito tutti i principali gruppi assicurativi, nazionali e internazionali, attivi sul mercato italiano. Complessivamente si tratta di 21 gruppi che rappresentano oltre il 70% della raccolta premi consolidata. I gruppi assicurativi domestici sono il 75% del campione, quelli esteri operanti in Italia il restante 25%.

6 6 Verso Solvency II Executive Summary Benefici dall implementazione di Solvency II Uno dei benefici principali derivanti dall adozione di Solvency II è la crescita delle competenze in tema di risk management, sia in termini di misurazione/controllo, sia come gestione integrata del rischio. Inoltre, i Gruppi si aspettano di ottenere rilevanti benefici grazie alla disponibilità di nuove e più accurate informazioni sulle quali basare le decisioni strategiche. Secondo gli interpellati, al momento, sembrano invece meno evidenti i benefici rispetto ad un altra questione cruciale: la trasparenza. Solo pochi sostengono di attendersi che la maggiore trasparenza richiesta influenzi positivamente le relazioni con il mercato e gli stakeholder. Tendenzialmente, i Gruppi assicurativi che si trovano in una fase più avanzata dei progetti di adeguamento evidenziano anche un maggiore ottimismo sui potenziali benefici derivanti dall implementazione della normativa. Le principali sfide L avvio dei progetti in una fase di non completa definizione dei requirement e la difficoltà nel coinvolgere gli organi amministrativi e l alta direzione rappresentano le sfide principali. Ci si attende, tuttavia, che nei prossimi mesi, con l avanzamento delle progettualità ed il consolidamento del framework normativo, possano emergere ulteriori aspetti

7 Verso Solvency II 7 rilevanti che dovranno essere affrontati e portati all attenzione dei board aziendali. Gran parte dei Gruppi partecipanti hanno avviato solo di recente l attività di assessment e di individuazione dei gap, per cui solo a conclusione di questa fase si potrà avviare il pieno coinvolgimento dell alta direzione. Impatti strategici, organizzativi e commerciali La maggioranza del campione (71%) ritiene che vi possa essere una nuova ondata di fusioni e acquisizioni, legata all implementazione di Solvency II. Il maggiore assorbimento di capitale richiesto dalla Direttiva, nell ambito della quale la componente diversificazione influisce in termini di attenuazione dei requisiti stessi, potrebbe, infatti, deprimere la redditività delle compagnie, che per fronteggiare questo rischio si vedrebbero indotte a implementare strategie per il recupero di efficienza e la ricerca di maggiori economie di scala (razionalizzazione delle strutture e/o la ricerca di opportunità di acquisizioni). Da un punto di vista organizzativo, l implementazione della Direttiva inciderà prevalentemente sull integrazione della gestione del rischio nei processi decisionali e, dal punto di vista commerciale, sulla marginalità e sul pricing dei prodotti. Sono soprattutto le realtà di grandi e medie dimensioni ad attendersi effetti anche sui processi di business, sui margini provvigionali e sugli schemi incentivanti delle reti distributive. Zone d ombra Indipendentemente dalla dimensione dei Gruppi partecipanti, gran parte del campione dichiara di avere diversi motivi di preoccupazione che vanno dall incremento del capitale di vigilanza assorbito dalle nuove misure di rischio alla conseguente necessità di rafforzamento patrimoniale. Generalmente, i Gruppi che esprimono preoccupazioni sono anche quelli che nutrono maggiori aspettative rispetto ai potenziali benefici derivanti dall implementazione di Solvency II. Formula standard versus modelli interni (parziali o totali) Diversamente da quanto ci si potrebbe attendere non sono solo i grandi Gruppi ad avere progetti ambiziosi rispetto agli approcci per il calcolo dei requisiti patrimoniali. Infatti, l adozione di modelli interni (parziali o totali) è stata la scelta sostenuta anche da alcune realtà di piccole e medie dimensioni. La maggior parte degli operatori asserisce, infatti, di preferire i modelli interni anziché ricorrere alla formula standard dal momento che questa scelta presenta alcuni vantaggi quali: la maggiore comprensione dei rischi effettivi cui è esposta la compagnia e un livello di capitale più adeguato per supportare i rischi; la maggiore efficienza nell allocazione del capitale; il pricing più adeguato dei prodotti. Stato di avanzamento dei progetti Nonostante la normativa non risulti ancora consolidata, tutti i Gruppi assicurativi del campione hanno confermato l attivazione di progetti specifici sulla tematica Solvency II. Inoltre, la maggior parte dei partecipanti alla survey ha avviato le attività preliminari di analisi e individuazione dei gap rispetto ai requirement della Direttiva e alle proposte d implementazione avanzate dal CEIOPS. Quasi in tutti i casi, è verificata la correlazione positiva tra la dimensione dei Gruppi e lo stato di avanzamento dei progetti di adeguamento. Le realtà più grandi sono quelle che si trovano più avanti nel processo di adeguamento per una serie di fattori quali la maggiore cultura nella gestione dei rischi, l organizzazione strutturata per il presidio di grandi progetti complessi, la comprensione e la definizione di strumenti adeguati per cogliere la complessità dell impatto normativo sul core business. Coinvolgimento dei board Gli organi amministrativi e l alta direzione non sembrano molto coinvolti nei progetti di Solvency II. In generale, risulta che i board sono informati sulle linee generali della Direttiva e sui potenziali impatti della stessa, ma non hanno ancora avviato un percorso deliberativo delle principali scelte strategiche su cui si stanno orientando. Tendenzialmente sono le realtà estere operanti in Italia e i gruppi domestici di più grandi dimensioni a dichiarare un maggior coinvolgimento dei board, gli stessi che, tra l altro, si trovano ad uno stadio più avanzato nel processo di adeguamento alla Direttiva. Infatti, considerando la trasversalità del progetto Solvency II che investe diverse funzioni aziendali e società incluse nel perimetro di consolidamento del gruppo, solo un adeguata sponsorship da parte dell alta direzione può garantire il coinvolgimento di tutte le aree interessate e la spinta necessaria a portare avanti le attività progettuali. Responsabilità e strutture coinvolte nei progetti Solvency II Circa i due terzi del campione ha individuato l Area Rischi quale driver dell intero processo di implementazione, ed attribuito al CRO (Chief Risk Officer) la responsabilità principale del progetto Solvency II. Comunque si evidenzia, soprattutto per le imprese assicurative che si trovano in una fase progettuale più avanzata, un forte coinvolgimento delle altre funzioni chiave dell azienda. I Gruppi che dichiarano, invece, di non aver ancora individuato un singolo project leader si trovano in una fase embrionale dei progetti di adeguamento e sono per lo più di piccole dimensioni. Infine, gran parte dei Gruppi assicurativi intervistati dichiara di aver costituito team di lavoro composti da risorse interne ed esterne. Considerata la complessità della normativa, questo fenomeno è sintomatico della necessità sempre più spesso manifestata dalle compagnie di confrontarsi con specialisti esterni.

8 8 Verso Solvency II Evidenze emerse dalla survey a cura dell Ufficio Studi KPMG Advisory Creare valore con l implementazione di Solvency II Gran parte dei rispondenti sostiene che l implementazione di Solvency II produrrà significativi benefici soprattutto in termini di gestione ed allocazione del capitale e di gestione e misurazione dei rischi complessivi a cui il Gruppo è o potrebbe essere esposto (71%). Più della metà ha anche posto l accento sui miglioramenti attesi nella gestione delle informazioni a supporto delle decisioni strategiche (57%). Nonostante una dettagliata normativa che disciplina la disclosure verso il mercato ed i rapporti con le autorità regolamentari, un numero ancora limitato di Gruppi assicurativi (24% del campione, si tratta, per lo più, di realtà di grandi e medie dimensioni, in alcuni casi anche quotate) pensa che con l introduzione di Solvency II otterrà sensibili miglioramenti in termini di comunicazione e trasparenza nei confronti degli stakeholder esterni. Probabilmente gli operatori sono più focalizzati sugli altri aspetti e tendono dunque a considerare il tema della trasparenza come conseguenza fisiologica della nuova normativa. In generale, si riscontra un segnale positivo nella volontà delle compagnie di non lasciarsi sfuggire l opportunità offerta dall implementazione di Solvency II per avviare una rivisitazione complessiva del proprio modello organizzativo ed operativo in termini di efficientamento dei processi, arricchimento delle informazioni gestite e miglioramento della qualità dei dati rilevanti ai fini di Solvency II. Allo stesso tempo, gli operatori nutrono aspettative molto caute in termini di potenziali riduzioni di capitale e, anzi, si mostrano molto preoccupati rispetto ai possibili impatti in termini di assorbimento di capitale. Ne è prova il dibattito ancora aperto sui requisiti di capitale proposti ritenuti eccessivamente prudenziali. Tuttavia, la recente pubblicazione delle specifiche tecniche del QIS 5 ha introdotto mediamente una riduzione dell assorbimento del capitale di vigilanza rispetto a quello ipotizzato nel parere fornito nei mesi scorsi. Si osserva, infine, (anche se non è verificato in tutti i casi) che tendenzialmente i Gruppi che si trovano in uno stato di avanzamento maggiore nei progetti di adeguamento alla Direttiva sembrano attendersi maggiori benefici. In quale ambito Solvency II porterà il maggior valore aggiunto per le compagnie? Nel miglioramento della gestione del capitale e nella sua allocazione tra le business unit Nella gestione dei rischi Nel miglioramento della gestione delle informazioni necessarie per le decisioni strategiche Nella disclosure verso il mercato 24% Nell'interazione con le agenzie di rating 19% 24% 43% 57% Nel perfezionamento delle tecniche di risk management Nella disclosure nei confronti delle autorità regolamentari 71% 71% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione

9 Verso Solvency II 9 Le sfide connesse all implementazione Per il campione osservato, la principale sfida connessa all implementazione di Solvency II consiste nell avvio delle attività di adeguamento sulla base di requirement normativi ancora in fase di definizione (52% dei rispondenti). Per quasi la metà dei partecipanti è altrettanto impegnativo riuscire ad ottenere un forte commitment da parte dell alta direzione. Qual è la principale sfida connessa all'implementazione di Solvency II? La pianificazione e l'avvio del percorso di adeguamento a Solvency II sulla base dei requirement normativi ancora in fase di consolidamento La ridefinizione dei processi di business 24% 43% 48% 52% Il commitment degli organi amministrativi e dell'alta direzione La scelta tra la formula standard e il modello interno per il calcolo dell'scr per i principali rischi 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% I Gruppi sembrano invece avere minori preoccupazioni per quel che riguarda la ridefinizione dei processi di business e la scelta dell approccio da utilizzare per il calcolo dei requisiti patrimoniali di solvibilità (formula standard versus modelli interni). Una certa mancanza di chiarezza della Direttiva desta apprensione soprattutto per quei Gruppi che non hanno ancora avviato le analisi dei requirement Solvency II, percezione che spesso risponde più ad una mancata o non piena consapevolezza della portata della normativa che ad un effettiva difficoltà nell individuare le principali azioni da intraprendere. Un elemento da evidenziare è la difficoltà nel coinvolgimento del board che è una delle principali sfide percepite (al secondo posto nel ranking delle risposte). Una risposta comprensibile se si pensa alla trasversalità del progetto Solvency II che, per assicurare il pieno coinvolgimento e l attribuzione di responsabilità alle funzioni/società del gruppo interessate, necessita di una sponsorship adeguata da parte del top management. Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione

10 10 Verso Solvency II Gli impatti strategici La gran parte del campione (71%) ritiene che l implementazione di Solvency II favorirà un ulteriore processo di concentrazione del settore assicurativo. A parità di condizioni, infatti, il maggiore assorbimento di capitale richiesto dalla Direttiva potrebbe deprimere la redditività delle compagnie, in particolare di quelle dimensionalmente più piccole e meno diversificate in termini di prodotti e presenza geografica. Pertanto, per fronteggiare questo rischio occorre implementare strategie volte al recupero di efficienza, vale a dire la razionalizzazione delle strutture e/o la ricerca di opportunità di acquisizioni che consentano di ottenere le necessarie economie di scala, ovvero di dismettere asset che non garantiscono adeguati ritorni in funzione dei rischi assunti. L implementazione di Solvency II pertanto, in alcuni casi, si potrebbe tradurre in opportunità di crescita esogena. In questa prospettiva, nel settore assicurativo, italiano ed estero, si potrebbe assistere ad un nuovo risiko, che potrà coinvolgere anche i gruppi stranieri presenti in Italia. Molti di questi infatti non sono riusciti a raggiungere massa critica adeguata e dunque potrebbero essere costretti a rivedere i loro progetti. L'implementazione di Solvency II favorirà un ulteriore processo di consolidamento nel settore assicurativo? Sì No 29% 71% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione Gli impatti organizzativi e commerciali Quasi tutti i rispondenti (91%) concordano sul fatto che i maggiori impatti da un punto di vista organizzativo coinvolgeranno i processi di governance e di gestione del capitale. Questo dimostra come sia particolarmente forte la percezione che per acquisire un vantaggio competitivo, o più semplicemente per riuscire ad adeguarsi alle logiche riskbased introdotte da Solvency II, sia necessario adeguare il sistema di governance. Ciò, a sua volta, favorirà un modello di business coerente con il proprio profilo di rischio e in linea con il livello di tolleranza al rischio approvato dagli organi aziendali. Inoltre, la scarsità di capitale diventerà sempre più elemento di attenzione da parte delle compagnie e favorirà pertanto l attivazione di processi di allocazione del capitale basati sulle nuove logiche di misurazione e gestione dei rischi d impresa. Inoltre, non è trascurabile la percentuale dei Gruppi assicurativi (48%) che ritengono di dover adeguare il sistema dei controlli ed in particolare le politiche di risk management. Invece, dal punto di vista strettamente commerciale l 81% del campione sostiene che Solvency II, data la maggiore attenzione al price to risk, influenzerà prevalentemente la marginalità e il pricing dei prodotti, di fatto ribaltando sugli assicurati i maggiori costi per la copertura dei rischi. Solo il 10% circa sostiene che la Direttiva influenzerà i margini provvigionali e gli schemi incentivanti delle reti distributive (è l opinione dei Gruppi assicurativi di grandi e medie dimensioni del campione). Questo nonostante il fatto che in futuro gli incentivi saranno fondati maggiormente su componenti di valore e non solo di produzione. Dal punto di vista organizzativo in quale ambito Solvency II avrà i maggiori impatti? Sotto il profilo commerciale su quale aspetto Solvency II inciderà di più? Processo di governance e gestione del capitale Sistema dei controlli e risk management 48% Processi commerciali e di business 29% 91% Sulla marginalità e sul pricing dei prodotti 81% Sulle politiche commerciali 38% Sui margini provvigionali e sugli schemi incentivanti delle reti distributive 10% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione 0% 20% 40% 60% 80% 100% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione

11 Verso Solvency II 11 I principali motivi di preoccupazione Indipendentemente dalla dimensione e dallo stato di avanzamento dei progetti di adeguamento, gran parte del campione dichiara di avere numerosi motivi di apprensione. I rispondenti in particolare sembrano preoccupati dall aumento della volatilità delle misure di rischio, con il conseguente incremento di capitale assorbito, e la necessità di ricorrere a misure di rafforzamento patrimoniale (57%). Le discrasie di contenuto/temporali nella valutazione di attività e passività tra IAS 39/IFRS4 e i principi di Solvency II provocano ansia al 48% del campione. I Gruppi sembrano altresì preoccupati dalla necessità di attivare specifici processi e funzionalità finalizzate a garantire la qualità dei dati gestiti (data quality management), anche in considerazione della complessità delle attuali architetture IT (43%). Tra le difficoltà percepite ci sono gli eccessivi costi di adeguamento (43% del campione) e i tempi di implementazione molto stringenti (38% del campione). Provocano decisamente minore ansia la disciplina di mercato, la gestione e la misurazione dei rischi finanziari, le implicazioni in termini di leverage finanziario e gli impatti sulle politiche di remunerazione degli azionisti (10%). In generale, si può ritenere che le criticità percepite siano dovute soprattutto: alla portata del cambiamento, che per molti aspetti ha dei riflessi strategici diretti; alla complessità e trasversalità del cambiamento, a causa della molteplicità degli ambiti di impatto della Direttiva. Generalmente, si osserva che i Gruppi che dichiarano maggiori preoccupazioni sono anche quelli che nutrono maggiori aspettative rispetto ai potenziali benefici derivanti dall implementazione di Solvency II. Di conseguenza, il livello di apprensione è strettamente collegato all ambizione e alla complessità dell approccio adottato dal gruppo. Pochi sono i Gruppi assicurativi che, pur essendo a buon punto nei progetti di adeguamento, dichiarano di avere meno motivi di preoccupazione. Quali aspetti di Solvency II destano le maggiori preoccupazioni? L'aumento della volatilità delle misure di rischio e il conseguente capitale assorbito La necessità di rafforzamento patrimoniale 10% 14% 14% 14% 24% 24% 24% 24% 38% 38% 43% 43% 48% La trasversalità degli impatti (modelli, processi, sistemi) I costi per l'adeguamento Gli impatti invasivi sui sistemi IT I tempi di implementazione molto stringenti La revisione dei processi di business Gli impatti sulla struttura del risk management Lo sviluppo del modello interno La revisione di vigilanza (Secondo Pilastro) La gestione e la misurazione dei rischi tecnici 48% La gestione e la misurazione dei rischi operativi Il dialogo/l'interazione con le autorità regolamentari 57% 57% Le discrasie di contenuto e/o temporali nella valutazione di attività e passività tra IAS 39/IFRS4 e i principi di Solvency II L'attivazione dei sistemi di raccolta dati e la gestione della qualità degli stessi La disciplina di mercato (disclosure secondo il Terzo Pilastro) Impatti in termini di capital management La gestione e la misurazione dei rischi finanziari 10% Le implicazioni in termini di leverage finanziario 10% Gli impatti sulle politiche di remunerazione degli azionisti 10% Impatti in termini di capital management 0% 20% 40% 60% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione

12 12 Verso Solvency II L approccio di calcolo adottato Per quel che riguarda l approccio di calcolo adottato, le risposte del campione, distribuite in maniera piuttosto omogenea tra i Gruppi di grandi e medio-piccole dimensioni, esprimono tuttavia una chiara preferenza per il modello interno (71%) piuttosto che per la formula standard (29%). In particolare, il modello interno parziale sarà adottato dalla gran parte dei Gruppi per i rischi finanziari e per i rischi tecnici (75%). Solo il 25% del campione ha intenzione di adottare il modello interno per i rischi operativi. Contrariamente alle aspettative, i modelli interni sono stati preferiti alla formula standard anche da parte di alcuni Gruppi di piccole e medie dimensioni del campione (di questi oltre la metà dichiarano di adottare il modello interno per tutti i rischi). Quale approccio di calcolo del requisito di capitale sarà adottato? Modello interno parziale Modelli interni per tutti i rischi Formula standard 29% 33% 38% 0% 10% 20% 30% 40% Modello interno parziale adottato per... rischi finanziari rischi tecnici 75% 75% rischi operativi 25% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione I tre Pilastri di Solvency II Su quale aspetto di Solvency II si sta focalizzando l'attenzione? Sul Primo e sul Secondo Pilastro Su tutti e tre i Pilastri 10% 14% Sulle tematiche del Primo Pilastro 38% 48% Sulle tematiche organizzative del Secondo Pilastro 0% 20% 40% 60% 80% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione Circa la metà dei Gruppi assicurativi del campione sta focalizzando l attenzione allo stesso tempo sulle tematiche di misurazione del rischio ai fini della definizione dei requisiti patrimoniali di solvibilità (Primo Pilastro) e di gestione del rischio ai fini del processo di vigilanza (Secondo Pilastro). È incoraggiante, inoltre, che una parte non trascurabile del campione (38%) stia focalizzando l attenzione contemporaneamente su tutti e tre i Pilastri, compresa, dunque, la disclosure verso l Autorità di Vigilanza e verso il mercato. Un po a sorpresa, i Gruppi assicurativi che stanno considerando contemporaneamente i tre Pilastri sono per lo più di medie dimensioni. Si può supporre, tuttavia, che di fatto le attività svolte in relazione al progetto Solvency II ad oggi siano prevalentemente quelle del Primo Pilastro: adeguamento alle logiche della formula standard e/o sviluppo del modello interno. Sarebbe importante, invece, che i progetti Solvency II venissero affrontati prendendo in considerazione i requisiti nel loro complesso, soprattutto alla luce della maggiore attenzione richiesta dalla Direttiva stessa rispetto alle tematiche di governance e di disclosure verso il mercato. I Gruppi che sin dall avvio dei progetti hanno focalizzato l attenzione contemporaneamente sui tre Pilastri, se generalmente sembrano avere maggiori motivi di preoccupazione, allo stesso tempo riconoscono anche l opportunità strategica di questa discontinuità. In quest ottica, una più profonda conoscenza della Direttiva consente di cogliere appieno la portata del cambiamento.

13 Verso Solvency II 13 Lo stato di avanzamento dei progetti Nonostante la normativa non risulti ancora consolidata, tutti i Gruppi assicurativi hanno confermato l attivazione di progetti e cantieri specifici sul tema Solvency II. La gran parte dei rispondenti dichiara che l analisi dei requisiti della direttiva (77%) e la gap analysis (60% circa) sono state completate o, quanto meno, sono in corso di svolgimento. A che punto sono le attività progettuali relative a Solvency II? Analisi dei requisiti della direttiva 24% Gap analysis 48% 29% Oltre il 75% dei Gruppi ha pianificato e/o completato l approvazione dei budget per l adeguamento a Solvency II, mostrando quindi una forte percezione sulle criticità che potrebbero scaturire dai rilevanti costi di implementazione. Il 47% dei rispondenti sta già definendo o ha già definito i piani di implementazione, mentre per il 29% questa è un attività ad ora solo pianificata. Oltre i due terzi del campione dichiara di aver pianificato o di aver dato già avvio alle attività di review dei processi e le implementazioni/integrazioni di sistemi IT. Invece, un comportamento piuttosto eterogeneo si è rilevato in merito alle attività di adeguamento del sistema di governance. In particolare, il 38% del campione non le ha ancora prese in considerazione, il 33% dichiara che le suddette attività sono in fase di realizzazione e solo il 5% afferma di averle già completate. Questa disomogeneità nelle risposte dovrebbe essere valutata anche considerando la complessità del cambiamento dei processi di governo societario ed in particolare le peculiarità organizzative di ogni singolo Gruppo. Se per il 48% dei Gruppi assicurativi aderenti alla survey l attività di sviluppo dei modelli interni non è stata neanche presa in considerazione, per il resto del campione è un attività pianificata (14%) o in fase di realizzazione (38%). Si riscontra, infine, una correlazione positiva tra la dimensione dei Gruppi e lo stato di avanzamento dei progetti di adeguamento alla Direttiva. 5% 24% 24% 29% 33% 38% 38% Approvazione del budget 48% 29% 38% 33% 29% 24% 29% Definizione dei piani di implementazione Implementazioni/integrazioni sistemi IT 14% 33% Adeguamento della governance (struttura organizzativa, piano di crescita del personale) Sviluppo o taratura dei modelli interni 38% 38% 38% 33% 38% 29% Review dei processi (operativi e di controllo/risk management) 14% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Non ancora preso in considerazione In fase di realizzazione Pianificato Completato Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione 5%

14 14 Verso Solvency II La struttura dei team Per le attività progettuali, circa i due terzi dei Gruppi assicurativi dichiara di aver predisposto team di lavoro dedicati costituiti da risorse interne supportate da società esterne. Questo dimostra che data la complessità e la trasversalità della normativa, si avverte la necessità di un confronto con specialisti esterni. I Gruppi che dedicano, per il momento, solo risorse part-time rivelano un atteggiamento attendista per meglio valutare i comportamenti degli operatori di settore e in particolare dell Autorità di Vigilanza su tematiche ancora oggetto di discussione. La percezione di poter riuscire a portare avanti questi progetti facendo ricorso a risorse già presenti in azienda e in parallelo con le attività ordinarie è diffusa maggiormente tra i Gruppi di medie e piccole dimensioni. Come sono state allocate le risorse? Creazione di team di lavoro costituiti da risorse interne supportate da società esterne Creazione di team di risorse interne che lavorano part-time al progetto Solvency II 19% 33% Creazione di team di risorse interne completamente dedicate al progetto Solvency II 67% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione Solo il 19% dei Gruppi del campione (prevalentemente di grandi dimensioni) dichiara di aver creato team di risorse interne completamente dedicate al progetto di adeguamento alla Direttiva. Il coinvolgimento degli organi amministrativi e dell alta direzione Nella gran parte dei casi (81%) gli organi amministrativi e l alta direzione hanno ricevuto solo un informativa sulle linee generali della Direttiva, mentre appena la metà dei rispondenti (48%) dichiara che il board è maggiormente coinvolto su issue più specifiche relative al percorso di avvicinamento a Solvency II, quali le simulazioni in termini di rischi ed excess capital. Ancora meno sono i Gruppi (il 43% dei rispondenti) che hanno portato i budget progettuali all attenzione e, quindi, all approvazione degli organi amministrativi. Il 57% dei rispondenti dichiara, altresì, che l alta direzione è al corrente degli impatti che Solvency II produrrà a livello aziendale. In generale, si è evidenziato che nei Gruppi di piccole dimensioni il board non è ancora stato formalmente coinvolto poichè in queste realtà esiste un contatto più diretto e informale tra gli organi amministrativi e l alta direzione e le strutture operative coinvolte nei progetti e, pertanto, si può ipotizzare che vi sia comunque un adeguata partecipazione da parte del board aziendale. Il maggior coinvolgimento dei board si rileva tendenzialmente nelle realtà estere operanti in Italia e nei gruppi domestici di più grandi dimensioni, gli stessi che, tra l altro, si trovano ad uno stadio più avanzato nel processo di adeguamento alla Direttiva. Pertanto, sembra ragionevole ritenere che con l avanzare dei programmi di implementazione di Solvency II vi sarà sempre un maggior commitment da parte degli organi dell alta direzione al fine di imprimere un positivo impulso al processo di adeguamento, anche in considerazione degli impatti strategici e dei reali benefici che ne deriveranno. Qual è il grado di coinvolgimento degli organi amministrativi e dell'alta direzione? Hanno ricevuto informativa sulle linee generali della Direttiva 43% 43% 48% 57% Ricevono informativa periodica sullo stato avanzamento del progetto di adeguamento 81% Hanno ricevuto informativa in tema di impatti di Solvency II sulla compagnia Hanno ricevuto informativa in tema di simulazioni in termini di rischi ed excess capital per la compagnia Hanno approvato il progetto di adeguamento e definito il budget 0% 20% 40% 60% 80% 100% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione

15 Verso Solvency II 15 La responsabilità dei progetti Circa i due terzi del campione ha già individuato un responsabile del progetto Solvency II. La restante parte (33% circa), costituita da Gruppi per lo più di piccole dimensioni e ancora ad uno stadio embrionale dei progetti di adeguamento, dichiara di non aver individuato un singolo project leader. Questi Gruppi al momento hanno affidato ciascun Pilastro o singolo cantiere di attività a diversi responsabili. Il CRO (Chief Risk Officer) è stato individuato come responsabile del progetto dal 38% del campione, prevalentemente nei Gruppi assicurativi di grandi dimensioni. L evidenza empirica dimostra che Solvency II non è considerato solo un esercizio attuariale dal momento che appena il 9% circa del campione dichiara quale referente del progetto il responsabile dell area attuariale. La designazione del CRO come responsabile del progetto è dimostrazione del fatto che i Gruppi assicurativi stanno considerando l adeguamento alla Direttiva come metodologia per una migliore comprensione e gestione dei rischi in un ottica più ampia ed integrata. Chi è stato individuato come responsabile del progetto? CRO 38% Altro 5% Il responsabile dell'area attuariale 10% CFO 14% Non è stato individuato un unico responsabile 33% Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione Questo fenomeno è anche conseguenza del fatto che il CRO ha acquisito negli ultimi anni le competenze tecniche adeguate per affrontare, opportunamente supportato dalle singole strutture coinvolte, tutte le tematiche trasversali relative ai progetti Solvency II. Le aree driver L Area Rischi e quella Attuariale sono le funzioni che più comunemente fungono da driver nei progetti di adeguamento. Tuttavia, è l Area Rischi che nella maggior parte dei casi (86%) guida i progetti di adeguamento. Il coinvolgimento delle altre funzioni chiave, in particolare dell Area Finanza e dell Area Sistemi, evidenzia ancora una volta l impatto interdisciplinare delle tematiche Solvency II. Inoltre, il fatto che le suddette aree vengano coinvolte sin dalle prime fasi progettuali (dalle quali deriveranno importanti decisioni strategiche e operative) è ritenuto dalla quasi totalità del campione una scelta organizzativa adeguata per il conseguimento degli obiettivi fissati dalla Direttiva in tempo utile per l entrata in vigore della normativa (1 gennaio 2013). Quali delle seguenti aree, principalmente interessate dalla Direttiva Solvency II, guidano il progetto di adeguamento e quali sono coinvolte? 86% 90% 100% 71% 29% 14% 10% 0% Area Rischi Area Attuariale Area Finanza Area Sistemi Informativi Guida È coinvolta Fonte: elaborazione Ufficio Studi KPMG Advisory delle risposte fornite dal campione

16 Focus

17 Verso Solvency II 17 Approccio stocastico alla modellizzazione dei requisiti di capitale in ottica Solvency II Antonella Chiricosta, Associate Partner, Advisory Ulrich De Prins, Senior Manager, Advisory Antonio Papa, Manager, Advisory Solvency II introdurrà un cambiamento radicale nel regime di adeguatezza patrimoniale del settore assicurativo europeo. La Direttiva stabilisce una nuova serie di requisiti patrimoniali a livello europeo e nuove regole di gestione e misurazione del rischio, che andranno a sostituire gli attuali requisiti (Solvency I), con il fine di ottenere un capitale di vigilanza più allineato al profilo di rischio specifico di ogni compagnia. Nell ambito dell adeguamento ai nuovi requirement normativi le compagnie sono tenute a determinare l ammontare di capitale da accantonare (Solvency Capital Requirement o SCR) a fronte dei rischi legati al proprio portafoglio di attività e passività, e più in generale allo svolgimento dell attività assicurativa. Per alcune tipologie di prodotti la quantificazione dei rischi potrebbe risultare particolarmente impegnativa. Le specificità, tipicamente italiane, dei prodotti collegati ad una Gestione Separata costituiscono probabilmente la tipologia di assicurazione più diffusa tra quelle maggiormente sensibili all andamento dei mercati finanziari.

18 18 Verso Solvency II La specificità della Gestione Separata La quantificazione dei rischi per le tipologie di prodotti legate al rendimento di una Gestione Separata pone le compagnie davanti a una sfida impegnativa in termini di modellizzazione finanziaria e attuariale, implementazione informatica e gestione dati. Rispetto ad altre forme di risparmio gestito maggiormente diffuse, la polizza collegata ad una Gestione Separata presenta alcune peculiarità che possono rendere particolarmente ardua la modellizzazione dei rischi di mercato connessi: il rendimento minimo garantito (annuale o a scadenza), la possibilità conferita al cliente di riscattare la propria polizza in qualsiasi momento, le durate generalmente medio/lunghe, la particolare formula di calcolo dei rendimenti della gestione (secondo il metodo money weighted) che introducono nella modellizzazione elementi desunti dalla teoria di option pricing. Semplificando si potrebbe dire che la presenza di elementi opzionali nelle Gestioni Separate implica che i flussi di cassa generati dalla gestione stessa non sono rappresentabili come funzioni lineari dei fattori di rischio di mercato. La conseguenza pratica di tale fenomeno è che generalmente si rende necessario l utilizzo di un approccio stocastico basato su simulazioni. L andamento di una Gestione Separata può essere rappresentato attraverso un sistema ALM (Asset Liability Management) che genera, sia per l attivo (investimenti in obbligazioni, azioni, prodotti strutturati,...), sia per il passivo (forme tariffarie, tipologie di premio, tipi di prestazione, ), i flussi di cassa futuri e le relative valorizzazioni in funzione di un evoluzione ipotizzata delle variabili finanziarie. Il suo valore può conseguentemente essere determinato come la somma algebrica dei valori attualizzati dei flussi di cassa simulati. La validità di tale stima è, quindi, subordinata alle future realizzazioni delle variabili aleatorie, finanziarie e non, rispetto ai percorsi ipotizzati nella fase di simulazione. Ad esempio, in ipotesi di prodotti con garanzie di rendimento minimo, basare la propria valutazione su una singola proiezione media (deterministica) dei rendimenti finanziari non consente di cogliere gli effetti finanziari di tutte quelle circostanze per le quali il rendimento della Gestione scende sotto il livello del minimo garantito. L approccio stocastico sopperisce a questa limitazione simulando migliaia di evoluzioni diverse per i mercati finanziari. La media delle suddette valutazioni produrrà una valorizzazione più realistica di quella basata su un singolo scenario. L utilizzo di una grande quantità di scenari consente, inoltre, di predisporre una distribuzione di frequenza del valore della Gestione necessaria ai fini dell individuazione degli eventi sfavorevoli (situati nelle code della distribuzione) e delle correlate misure economiche (ad esempio valore delle opzioni implicite e assorbimento di capitale). Questo tipo di valutazioni sono pertanto indispensabili per il risk manager al fine dell analisi, della misurazione e della gestione dell effettivo profilo di rischio della compagnia. La formula standard e l approccio stocastico Nell ambito della Standard Formula, introdotta dalla direttiva Solvency II, per le varie tipologie di rischio il requisito di capitale viene generalmente calcolato seguendo un approccio scenario-based: il requisito è determinato come l impatto sul Net Asset Value (NAV) di uno shock istantaneo di un determinato fattore di rischio. La corretta valutazione di tale impatto, che consideri anche le componenti opzionali presenti nelle Gestioni Separate, richiede un approccio stocastico da applicare sia alla situazione ante-shock che post-shock. Ad esempio, ai fini della quantificazione dell SCR per il rischio equity in seguito a uno shock verso il basso occorre in primo luogo computare il NAV ante-shock come la media dei valori risultanti da migliaia di simulazioni con il modello ALM, alimentato a sua volta con altrettanti scenari di variabili finanziarie proiettate coerentemente con la situazione economico-finanziaria al momento della valutazione. Per la determinazione del NAV per il rischio equity si ricalcola il NAV fornendo in input al modello ALM scenari calibrati sui valori azionari post-shock. Base Case t = 0 t = 1 Risk Neutral Shock t = 0 Shock in t = 0 Risk Neutral t = 1 Malgrado la notevole complessità l approccio stocastico, prima dell entrata in vigore di Solvency II, dovrà essere sviluppato e implementato anche da compagnie vita medio-piccole al fine di misurare l SCR e, più in generale, il proprio profilo di rischio, nonché per adottare adeguate misure di gestione. Infatti, anche qualora un impresa di assicurazione vita optasse per la formula standard, il calcolo dell SCR dovrà, comunque, in parte essere effettuato attraverso la determinazione di cosiddetti delta Net Asset Value che in vari casi (quali SCR tasso, SCR spread e SCR equity) necessitano di valorizzazioni basate sull approccio stocastico.

19 Verso Solvency II 19 Il modello interno e l approccio stocastico Un aspetto importante del nuovo regime di solvibilità è la possibilità data alle imprese di determinare il proprio requisito di capitale mediante l utilizzo dei cosiddetti modelli interni che riflettono in modo più accurato i rischi specifici cui sono esposte. Una compagnia che decide di dotarsi di un proprio modello interno deve affrontare un notevole sforzo aggiuntivo per le inerenti attività di sviluppo, implementazione e convalida. Nonostante i costi legati a tale scelta, esistono varie motivazioni che possono indurre una compagnia a optare per un modello interno: una quantificazione più accurata dei rischi cui la compagnia è esposta consente una migliore gestione dei rischi e un efficientamento dell allocazione del capitale; i risultati prodotti da un modello interno mettono la compagnia nelle condizioni di calibrare la tariffazione dei propri prodotti sulla base dei rischi assunti e dei relativi impatti con maggiore precisione rispetto a quelle compagnie che hanno scelto la formula standard; moral suasion da parte del mercato e delle agenzie di rating ad adottare un modello interno. Per le medesime ragioni già illustrate per la formula standard, è necessario seguire un approccio stocastico nella misurazione dell SCR, anche se si è scelto il metodo del modello interno. Anzi, l esigenza normativa di definire una misura di assorbimento di capitale coerente con un value-atrisk su un orizzonte temporale di un anno e con un livello di confidenza del 99,5%, comporta per la compagnia la necessità di valorizzare il proprio balance sheet dopo un anno dalla data di valutazione. Tale obiettivo può essere raggiunto suddividendo la modellizzazione stocastica in due momenti distinti: il primo, costruito secondo una logica real world, al fine di rappresentare le possibili realizzazioni delle variabile aleatorie nell arco del primo anno; il secondo, costituito dai successivi periodi, sviluppati generando un elevato numero di possibili percorsi futuri secondo una logica risk neutral, per ciascuna realizzazione real world, simulata durante lo step precedente. t = 0 t = 1 Fully Nested Real world Risk neutral Gli scenari real world servono a rappresentare tutte le possibili situazioni economico-finanziare ad un anno dal momento della valutazione. Al termine di ogni scenario real world va calcolato il valore della Gestione Separata (come media di tutti i possibili scenari risk neutral associati allo specifico scenario real world), in modo tale da ottenere una distribuzione su cui basare il value-at-risk. La valorizzazione di una Gestione Separata richiede, pertanto, l utilizzo di un gran numero di scenari (risk neutral) al fine di prendere correttamente in considerazione le componenti opzionali. L approccio sin qui descritto comporterebbe l utilizzo di un elevatissimo numero di simulazioni stocastiche, si pensi ad esempio che utilizzando proiezioni real world e scenari risk neutral al termine di ciascuno di questi scenari, si giungerebbe alla valorizzazione di un milione di simulazioni differenti per il calcolo dell SCR (1.000 scenari risk neutral per ognuno dei scenari real world). Con un tale numero di scenari, ipotizzando circa 5 secondi di elaborazione per ogni scenario, sarebbero necessarie circa trenta elaborazioni in parallelo per terminare la simulazione in circa 48 ore. Al fine di ottimizzare i tempi di elaborazione, senza la necessità di potenziare ulteriormente l hardware a disposizione della compagnia, si possono percorrere due differenti strade: ridurre il tempo di elaborazione del singolo scenario, ottimizzando il numero dei model point (raggruppamento delle polizze in gruppi omogenei) in uso; ridurre il numero di scenari, cercando di ottimizzare le informazioni contenute nelle elaborazioni.

20 20 Verso Solvency II Tra le possibili soluzioni per ridurre il numero degli scenari, semplificando la parte risk neutral della simulazione, si può ricorrere all approssimazione delle passività tramite vari metodi (ad esempio, curve fitting, least squares Monte Carlo, replicating portfolio) t = 0 t = 1 Fully Nested Real world Risk neutral t = 0 t = 1 Least Squares i = 1 i = 2 i = 3 i = i = n Real world Risk neutral La scelta del modello di valutazione più opportuno dipende da fattori specifici della compagnia quali la tipologia di asset e di prodotti presenti in portafoglio, gli strumenti applicativi disponibili, le competenze delle risorse coinvolte. Ogni modello presenta per sua natura dei vantaggi e degli svantaggi associati al livello di complessità concettuale e d implementazione, al livello di accuratezza desiderato, alle semplificazioni introdotte in fase di simulazione: Livello di complessità concettuale Effort implementazione Scenario Picking Least Squares Monte Carlo Fabbisogno scenari Tempo macchina Accuratezza attesa Intuitività risultati Replicating Portfolio oppure selezionando a priori gli scenari real world che probabilmente causeranno i risultati peggiori in termini di valore della Gestione Separata, tramite metodologie quali, ad esempio, la variance reduction techniques e la scenario picking. Fully Nested Need competenze interne Nell ambito della definizione funzionale del modello interno, risulta pertanto di fondamentale importanza avviare una fase di analisi rivolta all individuazione ed alla successiva implementazione delle suddette metodologie, indispensabili per una corretta valutazione degli impatti sia di natura economica che di processi e sistemi, derivanti dalle specificità tecniche introdotte dalla normativa Solvency II. t = 0 t = 1 Real world Risk neutral Scenario Picking t = 0 t = 1 Real world Risk neutral

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

NUMERICA RISK STP FUNZIONI FONDAMENTALI SII

NUMERICA RISK STP FUNZIONI FONDAMENTALI SII NUMERICA RISK STP FUNZIONE ATTUARIALE, SOLVENCY II DIRETTIVA SOLVENCY II FUNZIONI FONDAMENTALI In conformità agli articoli 44, 46, 47 e 48 della direttiva 2009/138/CE Solvency II, le autorità nazionali

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey 23 Febbraio 2016 State Street Asset Owners Survey Introduzione Il sistema pensionistico globale si trova di fronte a sfide di enorme portata I fondi pensione devono evolversi e svilupparsi per riuscire

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative:

Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative: ATTIVITA DI RICERCA 2016 Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative: impatti di accounting, governance e processo PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI IFRS 9 entrerà in vigore il 1 gennaio 2018 sostituendo

Dettagli

La gestione del rischio controparti

La gestione del rischio controparti Risk Assurance Services www.pwc.com/it La gestione del rischio controparti Un esigenza da presidiare per la tutela della reputazione e del valore aziendale La reputazione è un asset strategico da valorizzare,

Dettagli

Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento. 28 Febbario 20131

Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento. 28 Febbario 20131 Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento 28 Febbario 20131 Agenda Gli impatti di Solvency 2 su Org & IT Risultati 2012 versus 2011 Sensitivity e reattività delle imprese alle

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS claudio patalano Milano, 27

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Sovency II Contesto e sfide della riforma Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Indice Introduzione Sintesi della riforma Contesto del mercato assicurativo Calendario

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE

LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE MODELLO INTERNO PER IL CALCOLO DEL PREMIUM E RESERVE RISK Studio Attuariale Visintin & Associati (SAVA S.r.l.) 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era Mondo Alternative Workshop Le sfide dell assetallocationin una nuova era Giovedì11 ottobre 2012 L impatto dell'analisi delle attivitàe passivitàdi un ente previdenziale sull'assetallocation Attuario Indice

Dettagli

Il Business Plan (Allegato)

Il Business Plan (Allegato) Www.ebitda.it Facebook:Ebitda Twitter: Ebitda Discussion Paper (Allegato) Numero 13 - Maggio 2014 1. Aspetti Generali Il business plan è uno strumento, sia qualitativo che quantitativo, finalizzato alla

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA 0 Economia reale e monetaria REGOLE REGOLE BANCA Concorrenza IMPRESA Comunicazione Competenze Mercati creditizi e finanziari Tecnologia 1 REGOLE.. IAS/IFRS BASILEA 2 2.. ASPETTI Autonomia Interdipendenza

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Solvency II The implementation phase:

Solvency II The implementation phase: Analisi L informativa dei risultati verso della l esterno survey Rapporto di Ricerca Solvency II The implementation phase: Analisi dei risultati della survey AUTORI: Chiara Frigerio Federico Rajola Francesca

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato italiano I prodotti Variable Annuity sono nati negli Stati Uniti

Dettagli

Insight. Direttiva Solvency II

Insight. Direttiva Solvency II Insight N. 22 Dicembre 2008 Direttiva Solvency II Effetti sul Solvency Capital Requirement (SCR) derivanti dall applicazione del Modello Interno rispetto alla Formula Standard: il caso di una Compagnia

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

I progetti di Innovazione tecnologica del Ministero dell Economia e delle Finanze e la misurazione del loro impatto

I progetti di Innovazione tecnologica del Ministero dell Economia e delle Finanze e la misurazione del loro impatto I progetti di Innovazione tecnologica del Ministero dell Economia e delle Finanze e la misurazione del loro impatto Roma, 9 Aprile 2006 Ministero Economia e Finanze 1 Executive Summary L introduzione ed

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche

Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche Forum Bancario organizzato dal FITD: "L'introduzione degli International Financial Reporting Standards" Milano, 27 e 28 novembre

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI Il contesto La complessità degli strumenti finanziari e assicurativi è andata crescendo negli ultimi anni, da una lato con effetti

Dettagli

RECEPIRE LE INTERIM MEASURES SOLVENCY 2

RECEPIRE LE INTERIM MEASURES SOLVENCY 2 Change management dei sistemi di corporate e risk governance e degli assetti organizzativi e di controllo White Paper 2014 INDICE PREMESSA... 3 UN NUOVO FRAMEWORK DI RISK & CORPORATE GOVERNANCE... 4 IL

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Chi è Cassa Forense?

Chi è Cassa Forense? Chi è Cassa Forense? Una fondazione di diritto privato che cura la previdenza e l assistenza degli Avvocati 10 0 % altri investimenti 415 e che gestisce un patrimonio a valori di mercato al 31.12.2011

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito Prof. Francesco Faraci Associato di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia

Dettagli

ANIA - QUESITI STRESS TEST LETTERA CIRCOLARE ISVAP MONITORAGGIO DEGLI INVESTIMENTI E RICHIESTA DI INFORMATIVA SUPPLEMENTARE

ANIA - QUESITI STRESS TEST LETTERA CIRCOLARE ISVAP MONITORAGGIO DEGLI INVESTIMENTI E RICHIESTA DI INFORMATIVA SUPPLEMENTARE ANIA - QUESITI STRESS TEST LETTERA CIRCOLARE ISVAP MONITORAGGIO DEGLI INVESTIMENTI E RICHIESTA DI INFORMATIVA SUPPLEMENTARE 1. Tempistiche Stress Test La scadenza per l invio in ISVAP dei risultati degli

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL

GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL 66% Una survey del Politecnico di Milano mostra dati positivi sia per la rilevanza percepita sia per la diffusione dei progetti.

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO

Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO 1 Definizione di analista finanziario Ai fini del presente Codice

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli